Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi"

Transcript

1 Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla componente induttiva dei carichi. L'arco richiama dalla tensione di alimentazione altra energia, anche se non desiderata. 1. Generalità I picchi di corrente che si verificano all inserzione di carichi capacitivi possono danneggiare o distruggere gli elementi di comando. Inoltre, la componente ad alta frequenza del picco di corrente può portare dei seri disturbi alle apparecchiature elettroniche, causati dall accoppiamento induttivo dei cavi di collegamento. Alla disinserzione di un carico induttivo, invece, l energia immagazzinata tende ad opporsi scaricando in linea un picco di tensione, che può danneggiare o distruggere l elemento di comando. Fig.1:Schema equivalente della bobina di un relè, contattore, ecc. A questo si aggiunge che la componente ad alta frequenza del picco di tensione può causare disturbi provocati dall accoppiamento capacitivo fra i cavi di collegamento. Causa principale del sovraccarico per l interruttore, per l utilizzatore come pure per l intero circuito, è l accumularsi d energia, soprattutto dovuto alle parti di carico induttivo del dispositivo. Le considerazioni seguenti valgono in linea di massima sia per interruttori elettromeccanici che a semiconduttori (per esempio relè allo stato solido SSR). Per motivi di chiarezza si usa genericamente il concetto di contatto. All apertura del contatto di comando, la corrente cerca di scorrere senza modifiche nella bobina. L utilizzatore induttivo rappresenta cioè in questo istante una sorgente di corrente costante. Secondo la legge dell induzione, la tensione all induttanza L si commuta, in quanto la stessa da utilizzatore si trasforma in sorgente d energia. Fig.2:Tensione ai capi del contatto di comando della bobina di un contattore:a)senza circuito antidisturbo a 220V,50Hz - b)con circuito antidisturbo RC a 220V,50Hz (Square D). 1

2 Se il contatto K è di tipo elettromeccanico, la diminuzione della corrente avviene solo lentamente a causa del più o meno marcato arco di apertura. Crescendo l apertura di K, l arco si interrompe. Unica possibile via per la corrente rimane la capacità parassita CP, che si carica. Trascurando le perdite che intervengono in RL e ritenendo per semplicità che l apertura stessa avvenga senza formazione di arco e senza rimbalzi, si ha, considerando l energia, un ampiezza della tensione UCP pari a UCP = -i L/C p cioè, dati i valori di i e di L, il valore della tensione d induzione nell utilizzatore è determinata soltanto dal valore di C p. Dall equazione riportata si vede che quando C p = 0 la tensione tende teoricamente all infinito. Occorre eliminare questa energia. In pratica i rapporti sono più favorevoli, in quanto già durante l apertura si ha un eliminazione d energia attraverso RL e l eventuale formazione dell arco. D altra parte l arco richiama dalla tensione di alimentazione altra energia, anche se non desiderata. Ciò causa non solo un ritardo, per lo più svantaggioso, nell apertura dell apparecchio, ma aumenta le conseguenze dell arco provocando: Fig.3:Tensione ai capi del contatto di comando della bobina di un cotattore:a)con circuito antidisturbo con varistore a 220V,50Hz - b)con circuito antidisturbo con varistore a 24V DC (Square D) migrazione di materiale (formazione di crateri e di punte con eventuale incollamento dei contatti); evaporazione del materiale (bruciatura e danneggiamenti delle caratteristiche d isolamento delle superfici vicine a causa del metallo precipitato); sviluppo di calore; ossidazione del contatto (aumento della resistenza di contatto, contatto difettoso). Nell applicazione e nell analisi si deve distinguere fra carichi alimentati in corrente continua e in corrente alternata, come meglio si vedrà in seguito. La struttura fisica e le caratteristiche di un carico induttivo rendono impossibile la commutazione senza disturbi elettrici, se non si ricorre ad adeguati provvedimenti. Da ciò deriva la necessità di ridurre l entità dei disturbi al minimo possibile. La soppressione, almeno parziale, dei disturbi si ottiene applicando un adeguato modulo antidisturbo in parallelo al carico induttivo. Nel caso ideale il modulo antidisturbo dovrebbe permettere di sopprimere totalmente l aumento della tensione e di scaricare nel più breve tempo possibile l energia magnetica. Inoltre il modulo antidisturbo non deve costituire un carico supplementare durante la fase di lavoro statico a regime. È da notare che i disturbi si propagano sia attraverso i cavi di collegamento che per via elettromagnetica. Non si deve quindi considerare solo la fonte di disturbo come elemento propagatore, ma anche tutti i cavi ad essa collegati. L induttanza dei cavi di collegamento causa un effetto limitatore del disturbo con l aumento 2

3 della lunghezza. La trasmissione del segnale di disturbo può coinvolgere altri cavi nelle vicinanze per via capacitiva. Questo fenomeno è direttamente proporzionale e aumenta con la lunghezza dei cavi che corrono paralleli. Quindi in definitiva i disturbi devono essere soppressi possibilmente alla loro origine. Se il disturbo si propaga tramite il cavo o per trasmissione elettromagnetica, la sua soppressione all ingresso degli apparecchi è molto più onerosa rispetto all antidisturbo necessario per sopprimerlo alla sua fonte. L antidisturbo più economico e più facile da montare è quello da applicare in parallelo direttamente sulla fonte del disturbo. Vari tipi di custodia progettati per le diverse fonti di disturbo permettono un facile e veloce montaggio. Questa soluzione consente anche di minimizzare la propagazione del disturbo attraverso i cavi di collegamento. Come regola fissa si può dire che le sovratensioni provocate dalla commutazione di carichi induttivi sono tanto più grandi quanto più elevato è il valore dell induttanza e quanto più piccolo è il tempo di disinserzione. Ciò significa che il massimo valore di sovratensione si avrà con alti valori di induttanza e corti tempi di disinserzione. I valori di sovratensione possono effettivamente raggiungere in alcuni casi anche i 10 kv. La soppressione, o almeno la limitazione a valori accettabili dall elettronica delle sovratensioni, è assolutamente necessaria. Fondamentalmente non c è differenza se il dispositivo viene applicato all utilizzatore oppure all interruttore, ma il metodo più efficace, come si è detto in precedenza, è quello di applicare un modulo di soppressione disturbi direttamente in parallelo al carico induttivo da commutare. La disposizione al contatto è opportuna quando la sua protezione è di primaria importanza, cosa che avviene con elementi a semiconduttore (relè allo stato solido) o nel caso di contatti elettromeccanici che commutano in DC un carico ohmico induttivo. La circolazione di corrente durante la fase di apertura di un contatto alimentato in DC è provocata dalla ionizzazione dei gas nella camera di commutazione. La ionizzazione è a sua volta provocata dall accensione dell arco, che si verifica quando i contatti incominciano ad aprirsi. Le alte temperature, sempre abbinate alla presenza di un arco elettrico, provocano ovviamente una migrazione di materiale dei contatti. Nei casi dove l energia dell arco sia tale da compromettere la durata di vita o addirittura il buon funzionamento dei contatti, diventa necessario applicare dei circuiti di soppressione dell arco al contatto. L energia sviluppata dall arco è proporzionale sia al valore della tensione di esercizio che alla corrente assorbita dal carico. L applicazione al contatto è vantaggiosa nei casi in cui quella all utilizzatore provoca aumenti non desiderati della potenza d esercizio. In generale però nel circuito per il contatto prevalgono gli svantaggi: viene caricato, considerando il rapporto di fase, dalla somma della tensione induttiva d alimentazione e dell utilizzatore, mentre il circuito sul carico è soggetto ad una tensione soltanto; non si ha alcuna separazione galvanica dell utilizzatore, cosa che avviene nel caso di contatti meccanici; nel caso di guasto di un componente nel circuito disposto sul contatto, può accadere che il carico rimanga alimentato a causa o della corrente nel circuito di protezione o di una breve eccitazione dovuta alle correnti di carica, allorchè viene collegato alla tensione d alimentazione; oscillazioni causate dall apertura del circuito vagano tra l alimentatore, il cavo e i contatti; per i contatti disposti in serie, ognuno ha bisogno del proprio circuito oppure in certe condizioni serve un cavo di collegamento più lungo; non si può completare il circuito di protezione con la segnalazione di funzionamento corretto. Partendo dalla considerazione che, per quanto possibile, in primo luogo sono da combattere le cause dei disturbi e non gli effetti, va data quindi la preferenza di regola alla protezione all utilizzatore. Un altro problema si ha nel caso di commutazione di carichi induttivi con contatti elettromeccanici: durante la fase di commutazione il contatto meccanico è sottoposto ad un tempo durante il quale i contatti si toccano varie volte tra di loro. Questo tempo viene normalmente definito tempo di rimbalzo. 3

4 Il fenomeno è dovuto all energia cinetica della parte mobile che porta a colpire violentemente i contatti, la cui elasticità provoca i sopra citati rimbalzi. Se la tensione di esercizio è superiore alla tensione di formazione dell arco, si avrà una formazione dell arco che si accenderà e spegnerà varie volte in funzione del numero di rimbalzi. Durante questa fase si verifica una notevole migrazione del materiale dei contatti ed un surriscaldamento degli stessi. Risulta evidente che questo fenomeno condiziona notevolmente la durata di vita del contatto stesso. Per la soppressione dell arco sui contatti è vantaggioso l impiego di circuiti antidisturbo RC. In molti casi la formazione dell arco viene evitata o mantenuta a livelli minimi. Nelle applicazioni in cui sia richiesto un minimo tempo di ritardo alla disinserzione e bassi livelli di tensione residua di disturbo, il circuito con un varistore e resistenza/ condensatore in parallelo offre migliori risultati. Sovente, per migliorare la durata di vita dei contatti ed evitare la formazione di archi elettrici ad alta energia, si applica un circuito antidisturbo RC direttamente sul contatto. Si deve però tenere presente che, nel caso di alimentazione in AC, il circuito RC lascerà circolare una piccola corrente attraverso il carico. Ciò significa che, in caso di corrente alternata, il circuito RC in parallelo al contatto non garantisce più la separazione galvanica e la disinserzione totale del carico. 4

5 2. e svantaggi dei circuiti antidisturbo Il tipo più noto di circuito antidisturbo è una combinazione RC (una resistenza e un condensatore collegati in serie) che può essere messa in parallelo sia al contatto che all utilizzatore. Se nei circuiti circola corrente continua, la polarità è univocamente stabilita: si può allora usare un semplice diodo, messo in parallelo alla bobina. Fig.4A:Sovratensioni generate dall'apertura di un contattore con la bobina funzionante a 220V, 50Hz, 10 VA senza protezione contro le sovratensioni Fig.4B:Sovratensioni generate dall'apertura di un contattore con la bobina funzionante a 220V, 50Hz, 10 VA, protezione con un gruppo RC con resistenza 110 Ω e capacità da 0,22 µf Fig.4C:Sovratensioni generate dall'apertura di un contattore con la bobina funzionante a 220V, 50Hz, 10 VA, protezione con varistore Tabella 1 - Combinazione RC la sovratensione residua ha una componente di armoniche molto bassa; per ottenere i migliori risultati si dovrebbe ottimizzare il dimensionamento del circuito sulla particolare ottimizzando il dimensionamento su un particolare applicazione; sono poco indicati come elementi di impiego e carico, è possibile limitare la sovratensione soppressione disturbo universali; residua a valori molto bassi; la voluminosità è direttamente proporzionale al valore il tempo di ritardo alla disinserzione è molto basso; dell induttanza e della potenza del carico; l efficacia dell antidisturbo è indipendente dal valore la soppressione ottimale del disturbo ha come diretta della tensione limite U max ; non porta nessun ritardo all inserzione; conseguenza un notevole tempo di ritardo alla disinserzione; è adatto sia in AC che in DC; non crea nessun problema di inversione di polarità; la presenza del condensatore nel circuito comporta un elevato picco di corrente di carica all inserzione; garantisce l assenza di arco o un arco elettrico a bassa energia sul contatto di commutazione (da ciò deriva un vantaggio secondario molto importante e cioè che la soppressione delle sovratensioni protegge in caso di impiego con corrente alternata si deve tenere presente che nel circuito circola una corrente e quindi costituisce un carico supplementare; anche i contatti di comando, allungandone il circuito di soppressione RC non è indicato se nel notevolmente la durata di vita) circuito di alimentazione sono presenti componenti armoniche (la presenza di armoniche di frequenza multipla di 50 Hz può provocare una circolazione eccessiva di corrente nel circuito RC e quindi la sua distruzione per sovraccarico termico) 5

6 Sono più adatti i diodi soppressori Transil e Trisil collegati in parallelo alla bobina: si hanno con essi minori ritardi alla disinserzione, anche se al di sotto di certi valori di tensione non si ha nessuna soppressione. Elementi ideali per limitare le sovratensioni di apertura sono i varistori (VDR), la cui corrente di perdita (che determina la soppressione dell energia) sale soltanto dopo aver superato la tensione nominale. Si possono usare sia in DC che in AC. Per la scelta di un VDR è importante la tensione di esercizio sia in AC che in DC. Il VDR deve essere scelto con un valore di tensione uguale o superiore a quello massimo di esercizio dell applicazione. Fig.5: Circuiti di protezione: a) con gruppi RC - b) con diodi Fig.6: Caratteristica tensione-corrente di un varistore, confrontata con quella di una normale resistenza dimensioni molto ridotte; praticamente nessuna tensione residua (totale smorzamento dell impulso di disturbo); facile dimensionamento Tabella 2 - Diodo in parallelo alla bobina elevato tempo di ritardo alla disinserzione; polarità da rispettare; solo per applicazioni con corrente continua; il grande ritardo alla disinserzione può provocare la formazione di un forte arco elettrico sul contatto di comando che ne può compromettere seriamente la durata Ciò significa che il varistore deve essere scelto non solo in funzione della tensione nominale, bensì in funzione della previsione delle sovratensioni di linea, per esempio 220 V AC +10%. Ciò vale anche nel caso di alimentazione in DC, dove è bene considerare anche il valore massimo raggiungibile della tensione di esercizio. Particolare attenzione si deve dedicare ai casi in cui l alimentazione in DC sia effettuata da batteria, poichè, durante la fase di carica, la tensione può essere notevolmente superiore a quella nominale. Se non c è presenza di sovratensioni il varistore assorbe pochissima energia. Nel caso, invece, di elevate frequenze di commutazione si deve calcolare la potenza dissipata nel varistore e confrontarla con quella delle specifiche (energia per ogni impulso, numero impulsi/secondo). 6

7 dimensione molto compatta; basso valore di tensione residua (buona soppressione dell impulso di disturbo); bassi valori dei tempi di ritardo all inserzione; bassi valori dei tempi di disinserzione; facile dimensionamento; adatto all impiego sia in AC che in DC e indipendentemente dalla polarità; elevato assorbimento di energia Tabella 3 - Diodi soppressori Transil e Trisil tensione di disturbo residua con un elevata componente di armoniche; pericolo di formazione di un arco elettrico sul contatto di comando (deterioramento del contatto); limitata frequenza di comando dimensioni compatte; brevi tempi di commutazione; corti tempi di ritardo alla disinserzione; facile dimensionamento; adatto all impiego sia in AC che DC e indipendente dalle polarità Tabella 4 - Varistori (VDR) elevato valore della tensione residua (smorzamento del disturbo mediocre); tensione residua con elevata componente di armoniche; pericolo di formazione di un forte arco sul contatto di comando (deterioramento del contatto); limitata frequenza di commutazione 7

8 3. Soppressione dei disturbi su contattori, elettrovalvole, motori elettrici Per la scelta più appropriata dei dispositivi antidisturbo si possono suggerire le seguenti raccomandazioni: impiegare dispositivi antidisturbo con circuito RC solo per carichi alimentati con AC; se sono richiesti tempi di ritardo alla disinserzione particolarmente corti, i dispositivi antidisturbo con VDR o circuito RC offrono i migliori risultati; se l applicazione richiede bassi valori di tensione residua di disturbo si dovrebbe scegliere un dispositivo con diodo soppressore; nel caso il tempo di ritardo alla disinserzione non costituisca un problema, si può scegliere anche un dispositivo antidisturbo con semplice diodo; in applicazioni con basse tensioni di esercizio si dovrebbero impiegare dispositivi antidisturbo con varistore oppure con diodo soppressore oppure con circuito varistore e gruppo RC in parallelo. Fig.7: Circuiti di protezione: a) con diodo Transil - b) con VDR C Tabella 5 - Valori indicativi per circuiti di protezione U/V P/W [VA] 24 V DC 24 V AC 230 V AC Diodo 1 A Comb. Diodo/Zener 27V / 1,3W VDR S 14 K 30 S 14 K 250 RC 1 µ F / 100 Ω 0,15 µ F / 220 Ω Diodo Comb. Diodo/Zener 1 A 27V / 1,3 W VDR S 14 K 30 S 14 K 250 RC 2,2µ F / 100 Ω 0,22µ F / 220 Ω Diodo Comb. Diodo/Zener 3A VDR S 14 K 30 S 14 K 30 S 14 K 250 RC U 2 1,5 R S 0,25 S sin φ C = Condensatore R = Resistenza U = Tensione alim. S = Potenza ritenuta cos φ = Cattore pot. f = Frequenza 0,22µ F / 220 Ω I dati dipendono dall'utilizzatore e dall'impiego A differenza dei carichi induttivi quali relè, elettrovalvole, ecc., i motori elettrici costituiscono un carico induttivo più limitato; ciò nonostante, alla disinserzione di un motore si possono generare elevati picchi di corrente che per un certo periodo devono essere assorbiti dai dispositivi antidisturbo. Di conseguenza sono previsti per i motori elettrici particolari dispositivi antidisturbo che devono essere impiegati solo per questo scopo. 8

9 Fig.8: Componenti antidisturbo per la soppressione dei disturbi elettrici causati dalla commutazione di carichi induttivi Tabella 6 - Gruppi RC soppressione dei disturbi indipendente dalla tensione di linea; moduli poco ingombranti e di costo contenuto; semplicità di montaggio; adatti sia per alimentazione in AC che in DC i circuiti antidisturbo con RC non devono essere impiegati in nessun caso per motori pilotati da convertitori di frequenza (inverter), in quanto l impedenza del condensatore è una funzione della frequenza e tende a diminuire con l aumento della stessa (aumento della corrente che attraversa il circuito RC) Per la soppressione dei disturbi su motori asincroni trifase i circuiti antidisturbo possono essere in particolare RC collegati a stella o a triangolo e con VDR collegati a triangolo. Si noti che la potenza sviluppata sul dispositivo di soppressione dei disturbi è relativamente piccola rispetto a quella del motore. La corrente di disinserzione è determinata quasi esclusivamente dalla potenza del motore. La propagazione dei disturbi provocati dalla commutazione di motori elettrici trifasi si può verificare mediante accoppiamento elettromagnetico o capacitivo. Fig.9: Componenti antidisturbo per impiego universale 9

10 Tabella 7 - Possibili valori di gruppi RC antidisturbo per motori asincroni trifasi Gruppo µf / Ohm Tensione motore Potenza motore Collag RC 0,22 / V Fino a 4 Kw Y 0,22 / V Fino a 4 Kw 0,47 / V Fino a 7,5 Kw Y 0,47 / V Fino a 10 Kw 1,0 / V Fino a 20 Kw 1,0 / V Fino a 30 Kw Y / 2,0 / V Fino a 45 Kw Y / Per ottenere il massimo effetto di soppressione dei disturbi ed evitare le varie possibilità di propagazione, il dispositivo deve essere montato direttamente sui morsetti del motore (per es. all interno della scatola di connessione del motore). Tra i moduli antidisturbo disponibili sul mercato troviamo, come si è detto, gruppi RC in collegamento a stella o a triangolo: entrambe le versioni di collegamento possono essere impiegate indifferentemente. Fig.10:Gruppi antidisturbo adatti per i singoli contattori dei costruttori indicati 10

11 soppressione dei disturbi indipendente dalla tensione di linea; moduli poco ingombranti e di costo contenuto; semplicità di montaggio; adatti per l alimentazione in AC e in DC Tabella 8 - Circuiti soppressori con VDR la soppressione del disturbo è una funzione della tensione di esercizio; durata del circuito limitata dal numero di commutazioni Per il corretto dimensionamento del modulo antidisturbo è necessario conoscere in particolare la tensione di esercizio del motore, la potenza del motore, il numero di commutazioni al secondo, la frequenza di esercizio. Per la scelta invece dei circuiti soppressori con VDR è necessario conoscere in particolare la tensione nominale e la potenza nominale del motore, nonché il numero di commutazioni al minuto. Fig.11: Circuiti antidisturbo per motori asincroni trifasi 11

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

Pericoli della corrente elettrica! 2. Generi degli impianti elettrici! 2. Sistemi di protezione! 2

Pericoli della corrente elettrica! 2. Generi degli impianti elettrici! 2. Sistemi di protezione! 2 Comandi Indice Pericoli della corrente elettrica 2 Generi degli impianti elettrici 2 Sistemi di protezione 2 Interruttore a corrente di difetto (FI o salvavita) 3 Costituzione: 3 Principio di funzionamento

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale INDUCTIVE COMPONENTS Tensione di rete Corrente di linea Tensione di rete Corrente di linea REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale Reattanze induttive per

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze...

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze... SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. Le sovratensioni di rete RIMEDI CONTRO LE SOVRATENSIONI... INDICE DI SEZIONE...6 Avvertenze...6 Schema di collegamento...6

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Nuove norme sulla protezione contro i fulmini

Nuove norme sulla protezione contro i fulmini Nuove norme sulla protezione contro i fulmini Pubblicato il: 31/05/2006 Aggiornato al: 31/05/2006 di Gianfranco Ceresini Nello scorso mese di aprile sono state pubblicate dal CEI le attese nuove norme

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

COMANDO E PROTEZIONE DEI MOTORI ELETTRICI NEGLI AZIONAMENTI INDUSTRIALI

COMANDO E PROTEZIONE DEI MOTORI ELETTRICI NEGLI AZIONAMENTI INDUSTRIALI COMANDO E PROTEZONE DE MOTOR ELETTRC NEGL AZONAMENT NDUSTRAL l comando e la protezione dei motori asincroni possono essere ottenuti in diversi modi: a) interruttore automatico magnetotermico salvamotore;

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE

INFORMAZIONI TECNICHE INFORMAZIONI TECNICHE 1. Generalità L impiego delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è in rapida crescita e ciò comporta che un numero sempre maggiore di impianti nei settori dell Energia, del

Dettagli

Inoltre, sempre grazie alla linea bilanciata, il cavo UTP ha una maggiore resistenza alle scariche atmosferiche.

Inoltre, sempre grazie alla linea bilanciata, il cavo UTP ha una maggiore resistenza alle scariche atmosferiche. GUIDA ALL UTILIZZO DEI VIDEO BALUN INTRODUZIONE Il Video balun è un sistema composto da dispositivi, normalmente dotati di trasformatore di linea, che connettono una linea bilanciata (a due fili) ad una

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio Le sovratensioni possono essere: sovratensioni Generate internamente all impianto Generate esternamente Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio A regime oscillatorio A carattere impulsivo

Dettagli

Serie 40 - Mini relè per circuito stampato ed a innesto 8-10 - 16 A. Caratteristiche 40.31 40.51 40.52

Serie 40 - Mini relè per circuito stampato ed a innesto 8-10 - 16 A. Caratteristiche 40.31 40.51 40.52 Serie 40 - Mini relè per circuito stampato ed a innesto 8-10 - 16 A Caratteristiche 40.31 40.51 40.52 Relè con 1 o 2 contatti 40.31-1 contatto 10 A (passo 3.5 mm) 40.51-1 contatto 10 A (passo 5 mm) 40.52-2

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI

GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI FILTRI EMC Pagina 1 di 32 Indice per categoria Filtri di rete ( filtri EMI / RFI ).. pag. 6 - Filtri di rete monofase ( 2 conduttori ).. pag. 6 - Filtri di rete trifase (

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE Appunti a cura dell Ing. Stefano Usai Tutore del corso di ELETTROTECNICA per meccanici e chimici A. A. 2001/ 2002 e 2002/2003 Calcolo elettrico delle linee elettriche

Dettagli

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Cosa significa rifasare Per molti tipi di utilizzatori (motori, lampade

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw ALLEGATO A2 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Variatori di potenza per carichi elettrici, max 30 KW pausa/impulso 24 V AC

Variatori di potenza per carichi elettrici, max 30 KW pausa/impulso 24 V AC 4 936 Variatori di potenza per carichi elettrici, max 30 KW pausa/impulso 24 V AC SEA412 Impiego I variatori di potenza statica si utilizzano per il controllo delle resistenze elettriche negli impianti

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Titolo. Title. Sommario

Titolo. Title. Sommario Norma Italiana Data Pubblicazione Titolo Title Sommario Norma italiana Classificazione Edizione Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda (IDT) - La Norma in oggetto è identica alle Norme indicate

Dettagli

VOLT POT 1K R 220. OPEN FOR 60 Hz STAB. Regolatori R 220. Installazione e manutenzione

VOLT POT 1K R 220. OPEN FOR 60 Hz STAB. Regolatori R 220. Installazione e manutenzione VOLT POT 1K 110 0V E+ E- OPEN FOR 60 Hz STAB Questo è il manuale del regolatore di alternatore che avete appena acquistato. Ora, desideriamo richiamare la vostra attenzione sul contenuto di questo manuale

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

Relazione impianto fotovoltaico

Relazione impianto fotovoltaico Relazione impianto fotovoltaico 1.1 Generalità L impianto, oggetto del presente documento, si propone di conseguire un significativo risparmio energetico per la struttura che lo ospita, costituita dal

Dettagli

Sensori magnetici di prossimità a scomparsa Serie CST-CSV

Sensori magnetici di prossimità a scomparsa Serie CST-CSV Sensori magnetici di prossimità a scomparsa Serie - - Reed - Effetto di Hall S E R I E I finecorsa magnetici a scomparsa / sono sensori di prossimità che hanno la funzione di rilevare la posizione del

Dettagli

CEI EN 60204-1. Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico T.R. 000 XX/YY/ZZZZ

CEI EN 60204-1. Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico T.R. 000 XX/YY/ZZZZ Azienda TEST REPORT T.R. 000 XX/YY/ZZZZ Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico :2006 Sicurezza del macchinario Equipaggiamento elettrico delle macchine Parte 1: Regole generali Il Verificatore:

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

Regole della mano destra.

Regole della mano destra. Regole della mano destra. Macchina in continua con una spira e collettore. Macchina in continua con due spire e collettore. Macchina in continua: schematizzazione di indotto. Macchina in continua. Schematizzazione

Dettagli

M2TECH EVO SUPPLY. Alimentatore a basso rumore a batteria con caricabatteria. MANUALe utente

M2TECH EVO SUPPLY. Alimentatore a basso rumore a batteria con caricabatteria. MANUALe utente M2TECH EVO SUPPLY MANUALe utente REV. PRC 1/2012 Attenzione! Cambiamenti o modifiche non autorizzate dal costruttore possono compromettere l aderenza ai regolamenti CE e rendere l apparecchio non più adatto

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Generatore radiologico

Generatore radiologico Generatore radiologico Radiazioni artificiali alimentazione: corrente elettrica www.med.unipg.it/ac/rad/ www.etsrm.it oscar fiorucci. laurea.tecn.radiol@ospedale.perugia.it Impianto radiologico trasformatore

Dettagli

E INTERRUTTORI AUTOMATICI

E INTERRUTTORI AUTOMATICI Corso di sist. elettrici per telecomunicazioni - 2 prova di laboratorio PROVE SU FUSIBILI E INTERRUTTORI AUTOMATICI Docente del corso: prof.ssa Angela Russo Galletti Riccardo Matr. 1265 Prove su fusibili

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

Ventilatori a canale. Istruzioni di installazione. per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase I212/06/02/1 IT

Ventilatori a canale. Istruzioni di installazione. per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase I212/06/02/1 IT Ventilatori a canale Gruppo articoli 1.60 Istruzioni di installazione per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase Conservare con cura per l utilizzo futuro! I212/06/02/1 IT

Dettagli

Alcune nozioni sui motori in corrente continua

Alcune nozioni sui motori in corrente continua Alcune nozioni sui motori in corrente continua Perché scegliere un motore in corrente continua Molte applicazioni necessitano di una coppia di spunto elevata. Il motore in corrente continua, per natura,

Dettagli

GLI INCENDI ELETTRICI

GLI INCENDI ELETTRICI GLI INCENDI ELETTRICI Premessa Il passaggio di corrente elettrica nei conduttori determina sempre lo sviluppo di calore. Negli apparecchi termici, quali ad esempio i forni, le stufe, gli scaldabagni elettrici,

Dettagli

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali:

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: Sistemi di Protezione e Coordinamento Impianti Elettrici in BT Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: 1. carico elettrico da alimentare; 2. protezione (interruttore

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Tensioni di alimentazione nominale (Un): 24 Vac/dc; 50...60 Hz

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Tensioni di alimentazione nominale (Un): 24 Vac/dc; 50...60 Hz Modulo di sicurezza CS AR-01 Caratteristiche tecniche Custodia Custodia in poliammide PA 6.6, autoestinguente V0 secondo UL 94 Grado di protezione IP40 (custodia), IP20 (morsettiera) Dimensioni vedere

Dettagli

1 Indicazioni di sicurezza. 2 Struttura dell'apparecchio. Inserto comando motore veneziane Universal AC 230 V ~ N. art. 232 ME. Istruzioni per l uso

1 Indicazioni di sicurezza. 2 Struttura dell'apparecchio. Inserto comando motore veneziane Universal AC 230 V ~ N. art. 232 ME. Istruzioni per l uso Inserto comando motore veneziane Universal AC 230 V ~ N. art. 232 ME Istruzioni per l uso 1 Indicazioni di sicurezza L'installazione e il montaggio di apparecchi elettrici devono essere eseguiti esclusivamente

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Prodotti per la climatizzazione e illuminazione dei quadri SIVACON 8MR

Prodotti per la climatizzazione e illuminazione dei quadri SIVACON 8MR Prodotti per la climatizzazione e illuminazione dei quadri SIVACON 8MR /2 Dati tecnici /3 Dati generali /4 Ventilatori con filtro /7 Condizionatori /8 Scambiatori di calore / Riscaldatori /10 Riscaldatori

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI 2 AVVERTENZE Leggere le istruzioni prima di installare e operare sull avviatore. PERICOLO TENSIONE - Indica la presenza di tensione che può essere

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA COMPT PE LE VCNZE ESTVE D TEE CLSSE 4P.S. 2014-15 Per tutta la classe: l rientro verranno controllati e valutati i quaderni, saranno considerati sufficienti i lavori con almeno 15 esercizi svolti. Per

Dettagli

1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti.

1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti. SOLUZIONE TEMA MINISTERIALE TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE 2012 1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti. L impianto elettrico a

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma Circuiti Elettrici Un introduzione per studenti di Fisica Giulio D Agostini Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma 6 marzo 2015 ii Indice 1 Forze gravitazionali e forze elettriche 1 1.1 Forze

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO PREMESSA: Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA A. S. 2012-2013 ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE CLASSE 3 Sez. C Prof. Fiorio Walter - Prof. Distefano Antonino LIVELLO DI PARTENZA: La classe

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Caratteristiche elettriche

Caratteristiche elettriche RWR10 / RWR 20 REGOLATORE DI CARICA Regolatore di carica Caratteristiche Per batterie al piombo ermetiche,acido libero Auto riconoscimento tensione di batteria(12/24v) Max corrente di ricarica 10A (WR10)

Dettagli

CODICI ANSI/IEEC37.2

CODICI ANSI/IEEC37.2 Di Dario Mariani Via Piave, 67 24022 Alzano L.do BG- ITALY www.edm-power.com Tel. Fax +39 035 516024 POWER DISTRIBUTION PANELS SERVICE DEPARTMENT Prot. 009/11 Data 28-12-2011 DOC nr. Cod-ansi-r0 CODICI

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Capitolo 7 Istruzioni

Capitolo 7 Istruzioni Capitolo 7 Istruzioni Il Capitolo 7 affronta tutti gli aspetti importanti della potenza elettrica. Lo studio del capitolo 7 può seguire immediatamente quello del capitolo 4 o come parte di un successivo

Dettagli

Induzione e.m. generazione di corrente dovuta al moto relativo del magnete rispetto alla spira. un campo magnetico variabile genera una corrente

Induzione e.m. generazione di corrente dovuta al moto relativo del magnete rispetto alla spira. un campo magnetico variabile genera una corrente Induzione e.m. generazione di corrente dovuta al moto relativo del magnete rispetto alla spira un campo magnetico variabile genera una corrente INDUZIONE ELETTROMAGNETICA - ESPERIENZA 1 magnete N S µ-amperometro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.E.E.A. (TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE ) Opzione manutentore Meccanico CLASSE III

PROGRAMMAZIONE DI T.E.E.A. (TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE ) Opzione manutentore Meccanico CLASSE III Materia: TECNOLOGIA ELETTRICO ELETTRONICA E APPLICAZIONI - 201/16 ( ore/settimana programmate su 30 settimane/anno, di cui 2 ore/settimana di compresenza) - 10 ore/anno ) PROGRAMMAZIONE DI T.E.E.A. (TECNOLOGIE

Dettagli

Guida: alla protezione da fulmini e da sovratensione per impianti a LED Versione 08/2014

Guida: alla protezione da fulmini e da sovratensione per impianti a LED Versione 08/2014 Guida: alla protezione da fulmini e da sovratensione per impianti a LED Versione 08/2014 Indice Capitolo 1. Protezione da fulmini e da sovratensione per illuminazione a LED...3 Capitolo 1.1 Concetti di

Dettagli

Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V

Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V Importato da: Paoletti Ferrero S.r.l. Via Pratese 24 50145 Firenze Tel. 055/319367 319437 319528 fax 055/319551 E-mail: info@paolettiferrero.it

Dettagli

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W SPECIFICHE Tensione alimentazione inverter monofase Tensione alimentazione inverter trifase Corrente max all uscita delle 3 fasi Potenza massima in uscita IP da 100

Dettagli