CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi"

Transcript

1 CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE a cura di Erminio Annunzi

2 TECNICA DIGITALE BASE

3 INTRODUZIONE FOTOGRAFARE NON VUOLE SEMPLICEMENTE DIRE RIPRODURRE LA REALTA FOTOGRAFARE SIGNIFICA RAPPRESENTARE

4 INTRODUZIONE IL PROCESSO FOTOGRAFICO VIENE DEFINITO A PERDITA DI INFORMAZIONI LA NOSTRA PERCEZIONE VEDE 100, LA FOTOCAMERA REGISTRA 50, IL MONITOR VISUALIZZA 35, L EVENTUALE STAMPA PUO, NEL MIGLIORE DEI CASI, MOSTRARE 40 CIO SIGNIFICA CHE NON REGISTRIAMO LA REALTA, ALMENO PER I COLORI, I CONTRASTI E LE LUMINOSITA, MA SOLO UNA PARTE

5 INTRODUZIONE NELLA FOTOGRAFIA DIGITALE LA LUCE VIENE TRASFORMATA IN INFORMAZIONI NUMERICHE CODIFICATE. L INSIEME DELLE INFORMAZIONI COSTITUIRANNO I FILE IMMAGINE. I FILE IMMAGINE SARANNO MEMORIZZATE SU UN SUPPORTO DI MEMORIA MAGNETICA.

6 INTRODUZIONE I FILE IMMAGINE UTILIZZABILI NELLO SCATTO SONO: JPG e RAW

7 INTRODUZIONE PRINCIPI MACCHINA FOTOGRAFICA

8 INTRODUZIONE PRINCIPI MACCHINA FOTOGRAFICA Vetro messa a fuoco Direzione Luce Specchio Schermo messa fuoco/ Piano Focale

9 INTRODUZIONE PRINCIPI MACCHINA FOTOGRAFICA COMPATTA Visione Sensore CMos ERRORE DI PARALLASE Luce

10 INTRODUZIONE PRINCIPI MACCHINA FOTOGRAFICA COMPATTA Visione Sensore CMos VISIONE DIRETTA DAL MONITOR SI OSSERVA L IMMAGINE INQUADRATA DALL OBIETTIVO

11 LA LUCE

12 LA LUCE LA LUCE E UNA RADIAZIONE ELETTROMAGNETICA. LE LUNGHEZZE D ONDA DELLA LUCE VISIBILE SONO COMPRESE TRA I 350 nm DEL BLU E I 750 nm DEL ROSSO.

13 LA LUCE SINTESI ADDITIVA LA SINTESI ADDITIVA GENERA LO SPETTRO COMPLETO DELLA LUCE VISIBILE ATTRAVERSO LA MISCELAZIONE DEI COLORI PRIMARI RVB ROSSO+VERDE= GIALLO ROSSO+BLU = MAGENTA BLU +VERDE= CYAN

14 LA LUCE SINTESI SOTTRATTIVA LA SINTESI SOTTRATTIVA GENERA IL COLORE PER SOTTRAZIONE DI LUCE BIANCA. LA SOVRAPPOSIZIONE DEI COLORI SECONDARI YMC, PORTA ALLA GENERAZIONE DEI COLORI PRIMARI ROSSO, VERDE E BLU, E LA SOMMA DEI TRE COLORI SECONDARI FORMA IL NERO. IL BIANCO E GENERATO DAL SUPPORTO CARTA GIALLO+MAGENTA= ROSSO GIALLO+CYAN= VERDE MAGENTA+CYAN= BLU

15 LA LUCE LA STELLA CROMATICA DELLE SINTESI PERMETTE DI COSTRUIRE IL PROCESSO DI CORREZIONE DEL COLORE IN FOTOGRAFIA.

16 LA LUCE PERCEZIONE DELLA LUCE GLI OGGETTI VENGONO COLPITI DALLA LUCE E RIFLETTONO DETERMINATE RADIAZIONI DI UNA O PIU SPECIFICHE LUNGHEZZA D ONDA

17 LA LUCE PERCEZIONE QuickTimeᆰ QuickTimeᆰ ee un un decompressore decompressore sono necessari necessari per per visualizzare visualizzarequest'immagine. quest'immagine.

18 LA LUCE IL COLORE E UNA PERCEZIONE, NON UNA CARATTERISTICA DEGLI OGGETTI. LA PERCEZIONE E MEDIATA DAL NOSTRO CERVELLO, CHE SPESSO CI FA PERCEPIRE CIO CHE LUI VUOLE.

19 LA LUCE/IL COLORE

20 LA LUCE/IL COLORE NELLA FOTOGRAFIA DIGITALE IL COLORE E REALIZZATO ATTRAVERSO UNA COMPOSIZIONI DI NUMERI R 0/255 G 0/255 B 0/255

21 LA LUCE/IL COLORE R0G0B0 R 255 G 0 B 0 R 255 G 255 B 0 R 255 G 255 B 255 R 0 G 255 B 0 R 0 G 0 B 255 R 255 G 0 B 255 R 0 G 255 B 255

22 LA LUCE/IL COLORE

23 LA LUCE/IL COLORE

24 LA LUCE

25 LA LUCE LA LUCE BIANCA E UNA MISCELA DEI COLORI PRIMARI R G B NON SEMPRE LA MISCELA E BILANCIATA PER QUESTA RAGIONE LA LUCE POTREBBE PRESENTARE UNA DOMINANTE CROMATICA QUESTA DOMINANTE NON E PERCEPITA CORRETTAMENTE DALL OCCHIO UMANO

26 LA LUCE Noi vediamo cosi In questo modo la fotocamera

27 LA LUCE TEMPERATURA COLORE DELLA LUCE LA LUCE BIANCA E UNA MISCELA DI COLORI. LA TEMPERATURA DELLA LUCE ESPRESSA IN VALORI KELVIN DESCRIVE LA TENDENZA AL ROSSO O AL BLU, DI UNA SORGENTE DI LUCE.

28 LA LUCE LUCE NATURALE LUCE SOLARE A MEZZOGIORNO 5400K LUCE CIELO NUVOLOSO 7000K LUCE DEL CIELO PARZIALMENTE NUOVOLOSO K LUCE DEL CIELO SERENO K LUCE DI UNA CANDELA LUCE DEL FLASH LUCE ALBA/TRAMONTO 1000K K 2000K

29 LA LUCE LUCE ARTIFICIALE LAMPADA DOMESTICA AD INCANDESCENZA DA 40W 2650K LAMPADA DOMESTICA AD INCANDESCENZA DA 75W 2800K LAMPADA DOMESTICA AD INCADESCENZA DA 100W 2900K LAMPADA DOMESTICA AD INCADESCENZA DA 200W 3000K LAMPADA PHOTOFLOOD DA 500W PER FOTOGRAFIA 3400K LAMPADA FLUORESCENTE WARM WHITE 3000K LAMPADA FLUORESCENTE WHITE 3500K

30 LA LUCE PER CORREGGERE LA LUCE SI RICORRE ALLA FUNZIONE DEL BILANCIAMENTO DEL BIANCO (Bianco inteso come luce)

31 BILANCIAMENTO DEL BIANCO LE FOTOCAMERE DIGITALI POSSIEDONO LA REGOLAZIONE DEL BILANCIAMENTO DEL BIANCO, TALE REGOLAZIONE PERMETTE DI OTTIMIZZARE LA RISPOSTA CROMATICA AL VARIARE DELLE CONDIZIONI DI LUCE

32 BILANCIAMENTO DEL BIANCO I SIMBOLI INDICANO IL TIPO DI SORGENTE E LA TEMPERATURA DELLA LUCE LA CORREZIONE VERRA APPLICATA UTILIZZANDO IL FILTRO DEL COLORE COMPLEMENTARE

33 BILANCIAMENTO DELAWB BIANCO

34 SOLE

35 LUCE ARTIFICIALE

36 OMBRA

37 AWB WB SOLE

38 FLUORESCENTE

39 ARTIFICIALE

40 LUCE DIURNA

41 OMBRA

42 WBA

43 SOLE

44

45

46 ESPOSIZIONE ISO 100/200/400/800/1600/3200 ESPOSIZIONE DIAFRAMMI TEMPI 1,4/2/2,8/4/5,6/8/11/16/22 1 /0,5/8/15/30/60/125/250/500/1000/2000

47 DIAFRAMMI IL DIAFRAMMA CONTROLLA E REGOLA L INTENSITA DELLA LUCE CHE RAGGIUNGE IL PIANO FOCALE

48 DIAFRAMMI IL DIAFRAMMA E COMPOSTO DA UNA SERIE DI LAMELLE POSTE ALL INTERNO DELL OTTICA SI CHIAMA DIAFRAMMA AD IRIDE PER LA SOMIGLIANZA CON L IRIDE DELL OCCHIO UMANO

49 DIAFRAMMI Viene indicata con un numero relativo: rapporto fra la lunghezza focale e il diametro della pupilla di entrata (diametro del fascio di raggi di luce che entra nell obiettivo) l apertura relativa è un numero puro: deriva da un rapporto fra grandezze dimensionali (mm / mm) La scala ISO delle aperture di diaframma è divisa in STOP: ad ogni passaggio da un valore all altro raddoppia o dimezza la quantità di luce trasmessa Il diaframma determina la nitidezza dietro e davanti al soggetto Scala standard dei diaframmi (valori interi): NUMERI PICCOLI --> DIAFRAMMA APERTO NUMERI GRANDI --> DIAFRAMMA CHIUSO Valori intermedi (numeri approssimati):

50 Stop e frazioni di stop mezzi stop: terzi di stop: decimi di stop: Lo stop intero viene diviso in: intervallo a metà fra uno stop e il successivo intervallo di 1/3 fra uno stop e il successivo frazioni decimali dello stop (solo su esposimetri) Il tempo di posa utilizza i valori intermedi, come pure il valore ISO Un valore frazionario di diaframma chiuso viene detto: x stop e y terzi, mezzi, decimi di stop es: 8 e 1/3 (+ chiuso di f/8) / /2 8 1/3 11

51 DIAFRAMMI LA SOTTOSTANTE TABELLA FORNISCE INDICAZIONI SULL USO E LA RELATIVA RESA DEI DIAFRAMMI.

52 DIAFRAMMI Il diaframma determina la PDC La PDC è lo spazio prima e dopo il punto di fuoco che possiede nitidezza sufficiente La nitidezza sufficiente si basa sul potere risolvente dell occhio umano che è di 6 coppie di linee per mm

53 Profondita di campo

54 200mm f 2,8

55 200mm f 5,6

56 200mm f 11

57 200mm f 22

58 50 mm f4

59 50 mm f5,6

60 50 mm f8

61 50 mm f11

62 50 mm f16

63 50 mm f4

64 50 mm f16

65 100mm macro f 4

66 100mm macro f 5,6

67 100mm macro f 8

68 100mm macro f 11

69 100mm macro f 16

70 100mm macro f 22

71 100mm macro f 32

72 Punto di Fuoco e PDC La PDC Insieme al punto di regolazione del Fuoco consente di determinare i poli di Attenzione dell Immagine

73 Punto di Fuoco e PDC

74 Punto di Fuoco e PDC

75 OTTURATORE, TEMPI DI POSA

76 OTTURATORE, TEMPI DI POSA L otturatore è posto sul piano focale E un sistema con tendine mobili che scorre lungo un piano Determina i tempi di esposizione

77 OTTURATORE, TEMPI DI POSA E definita da una norma ISO che determina come il produttore deve classificare i tempi di posa e segnarli sull apposito comando La notazione utilizzata in generale si serve di una scala in cui viene segnato il numeratore delle frazioni per i tempi inferiori al secondo e il numero di secondi in colore diverso per i tempi lunghi Passando da un valore all altro vi è la differenza di uno STOP: il tempo raddoppia o dimezza Scala standard dei tempi: Secondi Frazioni di secondo 1/2-1/4-1/8-1/15-1/30-1/60-1/125-1/250-1/500-1/1000-1/2000-1/4000-1/8000 Valori intermedi (frazioni): 1s - 0,8-0,6-0,5 (2) - 0,4-0, Posa B (bulb): tiene aperto l otturatore fino a quando dura la pressione sul pulsante di scatto Posa T (time): la prima pressione sul pulsante di scatto apre l otturatore, la seconda lo chiude

78 Stop Si defnisce stop: un intervallo fra un valore intero di tempi e diaframmi un raddoppio o dimezzamento della luce che raggiunge il piano focale 1/15 1/ stop + 1 stop 4 1/ x + luce stop 1 + luce 1/250-1 stop - 1 stop + 2 stop 4x 1/125 1/2x - luce 1/4x - luce

79

80 OTTURATORE, TEMPI DI POSA I TEMPI DI ESPOSIZIONE DETERMINANO LA QUANTITA DI LUCE CHE RAGGIUNGE IL PIANO FOCALE. I TEMPI DI ESPOSIZIONE INSIEME AI DIAFRAMMI FORMANO LA COPPIA DI ESPOSIZIONE TEMPI/DIAFRAMMI. I TEMPI DI ESPOSIZIONE INFLUENZANO LA RIPRODUZIONE DELL IMMAGINE: TEMPI RAPIDI CONGELANO IL MOVIMENTO, TEMPI LENTI RENDONO L EFFETTO FLUIDO DELL AZIONE.

81 L USO DI UN TEMPO VELOCE HA PERMESSO DI CONGELARE I MOVIMENTI 1/500s f8.

82 L USO DI UN TEMPO VELOCE HA PERMESSO DI CONGELARE I MOVIMENTI 1/1000s f5,6.

83 OBIETTIVO 400mm 1/1000 f 4/5,6 ISO 400

84 OBIETTIVO 300mm 1/500 f 5,6 ISO 100

85 ISO 100/200/400/800/1600/3200 ESPOSIZ IONE DIAFRAMMI TEMPI 1,4/2/2,8/4/5,6/8/11/16/22 1 /0,5/8/15/30/60/125/250/500 /1000/2000

86 TECNICA DEL PANNING IL TEMPO DI POSA DA UTILIZZARE E IN RELAZIONE AL TIPO DI MOSSO DELLO SFONDO CHE SI DESIDERA E ALLA VELOCITA DEL SOGGETTO

87 L USO DEL PANNING HA PERMESSO DI CONGELARE I MOVIMENTI 1/160s f8.

88 ESP. 1/8 Sec. ESP. 1/15 Sec.

89 L USO DI UN TEMPO LENTO RESTITUISCE DINAMICA ALL IMMAGINE 1/6s f8.

90 L USO DI UN TEMPO LENTO RESTITUISCE DINAMICA ALL IMMAGINE 1/6s f13.

91 L USO DI UN TEMPO LENTO RESTITUISCE DINAMICA ALL IMMAGINE 1/10s f14.

92 L USO DI UN TEMPO LENTO RESTITUISCE DINAMICA ALL IMMAGINE 1/6s f8.

93 OTTURATORE, TEMPI DI POSA IL TEMPO DI POSA CONSENTE UNA DIVERSA CONFIGURAZIONE DEL MOVIMENTO 1 SECONDO 1/1000 DI SECONDO

94 Filtro Grigio ND 1, 2, 3 10 Stop

95 Esposizione 1/50 sec f 8 no ND

96 Esposizione 4 f 8 Filtro ND 8 stop

97 Esposizione 15 f 16 ND 8 Stop

98 OTTURATORE, TEMPI DI POSA RELAZIONE TEMPO DI SCATTO/ VELOCITA DEL SOGGETTO.

99 OTTURATORE, TEMPI DI POSA STABILIZZATORE OTTICO

100 OTTURATORE, TEMPI DI POSA

101

102 ESPOSIZIONE RELAZIONE TRA DIAFRAMMI E TEMPI PER UNA CORRETTA ESPOSIZIONE

103 SENSIBILITA ISO

104 I VALORI DI SENSIBILITA SONO DETERMINATI DALLO STANDARD ISO (international standard organization). A VALORI BASSI CORRISPONDE BASSE SENSIBILITA A VALORI ALTI, ALTE SENSIBILITA

105 SCALA DELLE SENSIBILITA ISO 100 BASSA SENSIBILITA ISO 200 MEDIA SENSIBILITA ISO 400 MEDIA/ALTA SENSIBILITA ISO 800 ALTA SENSIBILITA ISO 1600 ALTA SENSIBILITA ISO 3200 ALTISSIMA SENSIBILITA ISO 6400 ALTISSIMA SENSIBILITA

106 ISO valori terzi BASSA SENSIBILITA ISO valori terzi MEDIA SENSIBILITA ISO valori terzi MEDIA/ALTA SENSIBILITA ISO valori terzi ALTA SENSIBILITA ISO valori terzi ALTA SENSIBILITA ISO valori terzi ALTISSIMA SENSIBILITA ISO valori terzi ALTISSIMA SENSIBILITA

107 SORGENTE BASSA SENSIBILITA ALTA SENSIBILITA

108 ISO 100 ISO 1600 ESPOSIZIONE T 1/250 ESPOSIZIONE D8 T 1/2000 D 16

109 SORGENTE BASSA SENSIBILITA ALTA SENSIBILITA

110 ISO 100 ISO 1600 ESPOSIZIONE T 1/4 ESPOSIZIONE D4 T 1/60 D 5,6

111 LA SCELTA DELLA SENSIBILITA DIPENDE DA QUANTA LUCE E DISPONIBILE E DALLE ESIGENZE DI RISULTATO FINALE ISO 100 ISO 12600

112 LA SCELTA DELLA SENSIBILITA DIPENDE DA QUANTA LUCE E DISPONIBILE E DALLE ESIGENZE DI RISULTATO FINALE ISO 100 ISO 500

113 SENSIBILITA ISO LA MIGLIORE QUALITA DELL IMMAGINE LA SI OTTIENE ALLE BASSE SENSIBILITA ISO CON ALTI VALORI DI SENSIBILITA LA QUALITA TENDE A DIMINUIRE E COMPAIONO I PROBLEMI DI DISTURBO ELETTRONICO DISTURBO DI LUMINANZA E DI CROMINANZA

114 SENSIBILITA ISO DISTURBO ELETTRONICO PRINCIPALMENTE AVREMO TRE TIPI DI NOISE LUMINANZA CROMINANZA LUNGHE ESPOSIZIONI

115

116

117

118

119

120 SENSIBILITA ISO DISTURBO ELETTRONICO E POSSIBILE MIGLIORARE IL RISULTATO SCATTANDO CON ALTE IMPOSTAZIONI ISO, ATTIVANDO DAL MENU LA FUNZIONE DI RIDUZIONE DEL RUMORE

121 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE Indicatore della modalità di esposizione

122 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE Indicatore della corretta esposizione

123 SENSIBILITA ISO Valore sensibilità impostata

124 SENSIBILITA ISO I VALORI DELLE SENSIBILITA IMPOSTABILI, DIPENDONO DAL MODELLO DI FOTOCAMERA

125 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE

126 INDICAZIONE DELL AREA IMMAGINE IN CUI SI AVRA LA PREVALENZA DI VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE.

127 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE L esposimetro è lo strumento che valuta la luce presente nella scena. Il suo scopo è quello di fornire, al fotografo, i corretti valori di esposizione (tempo e diaframma). I valori che si otterranno, dipenderanno dalla sensibilità impostata sulla fotocamera e alla intensità/quantità della luce presente nella scena.

128 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE

129 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE

130 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE

131 ESPOSIMETRO, ESPOSIZIONE 1/2000 f9 1/1000 f9 1/250 f9 1/50 f9 1/15 f9

132

133

134

135

136

137

138 1/800 f9

139 1/320 f9

140

141

142

143

144

145 UNA SCENA DA FOTOGRAFARE PUO MOSTRARE DIVERSE INTENSITA DI LUCE CHE CREANO PROBLEMI CON L ESPOSIZIONE. PER OVVIARE A QUESTA PROBLEMATICA, SI RICORRE AI FILTRI GRIGI NEUTRI DIGRADANTI.

146

147

148

149

150 A VOLTE I COLORI DEL CIELO OPPURE I RIFLESSI SU UNA SUPERFICIE DELUDONO LE NOSTRE ASPETTATIVE. USARE IL FILTRO POLARIZZATORE RISOLVE MOLTI PROBLEMI

151 Senza filtro Polarizzatore

152 Con filtro Polarizzatore

153 Area di luce Polarizzata Sole 90 Terra

154

155 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

156 -1 stop +1 stop

157 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE Rappresentazione grafica della distribuzione delle luminosità della scena registrata Informazione relativa alla esposizione

158 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE Il grafico sotto riportato ci mostra una ampia distribuzione delle luminosità e una corretta esposizione

159 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE In questo caso possiamo affermare due cose: L immagine è sottoesposta La scena originale ha luminosità prevalenti nelle aree medie e scure

160 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

161 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE Istogramma di una scena con luminosità limitata nelle aree di luce o uno scatto sovraesposto

162 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

163 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

164 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

165 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

166

167

168 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

169 ISTOGRAMMA/ESPOSIZIONE

170

171

172

173

174

175 CONTRASTO CON IL TERMINE DI CONTRASTO SI INTENDE UNA SCENA O UNA IMMAGINE CHE PRESENTA AREE SCURE E AREE CHIARE, SENZA O POCHI TONI MEDI Basso contrasto Normale Alto contrasto

176 LUMINOSITA SI UTILIZZA ANCHE IL TERMINE DENSITA INDICA QUANTO CHIARA O SCURA E UNA IMMAGINE chiara normale scura

177 SATURAZIONE CON IL TERMINE DI SATURAZIONE SI INTENDE DEFINIRE L INTENSITA DEL COLORE Meno satura normale Più satura

178 DOMINANTE COLORE NON SI RIFERISCE AD UN COLORE DI UNO O PIU OGGETTI PRESENTI NELLA SCENA PRENDE IN ESAME UN EVENTUALE COLORE DIFFUSO SU TUTTA L IMMAGINE E CHE INFLUENZA LA NEUTRALITA GLOBALE DEL COLORE

179 DOMINANTE COLORE

180 LUMINOSITA /CONTRASTO QuickTimeᆰ e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

181 BILIANCIAMENTO COLORE QuickTimeᆰ e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

182 SATURAZIONE

183 LIVELLI QuickTimeᆰ e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

184 CURVE QuickTimeᆰ e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

185

186 FUNZIONI DI ESPOSIZIONE LE FUNZIONI DI ESPOSIZIONE SI IMPOSTANO SULLA GHIERA SUPERIORE

187 FUNZIONI DI ESPOSIZIONE Modalità di scatto selezionata

188 FUNZIONI DI ESPOSIZIONE LE PRINCIPALI FUNZIONI DI ESPOSIZIONE SONO: M= ESPOSIZIONE MANUALE, TEMPI E DIAFRAMMI VENGONO DECISI DAL FOTOGRAFO TV= ESPOSIZIONE AUTOMATICA CON PRIORITA DEI TEMPI DI POSA, IL FOTOGRAFO SCEGLIE IL TEMPO LA FOTOCAMERA IMPOSTA IL DIAFRAMMA CORRETTO ( in questa modalità il fotografo può ulteriormente correggere l esposizione) AV= ESPOSIZIONE AUTOMATICA CON PRIORITA DEI DIAFRAMMI, IL FOTOGRAFO SCEGLIE IL DIAFRAMMA, LA FOTOCAMERA IMPOSTA IL TEMPO CORRETTO (in questa modalità il fotografo può ulteriormente correggere l esposizione) P= ESPOSIZIONE PROGRAMMATA, LA FOTOCAMERA DECIDE IL TEMPO E DIAFRAMMA PER UNA CORRETTA ESPOSIZIONE, IL FOTOGRAFO PUO MODIFICARE SOLO LA RELAZIONE TRA LA COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA

189 P MODALITA GESTIONE PROGRAM La modalità Program consente di fotografare delegando la scelta dei tempi e dei diaframmi alla fotocamera E possibile intervenire sulla coppia tempo e diaframma per variare uno dei parametri (ad esempio il tempo), il diaframma verrà regolato dalla macchina

190 M MODALITA GESTIONE MANUALE In manuale i tempi e i diaframmi vengono scelti dal fotografo in relazione al risultato desiderato

191 AV ESPOSIZIONE CON PRIORITA AI DIAFRAMMI In modalità AV il fotografo sceglie il diaframma più congeniale, la fotocamera fornirà il tempo di esposizione corretto in relazione alla sensibilità impostata e alla luce presente

192 TV ESPOSIZIONE CON PRIORITA SUI TEMPI La modalità TV viene scelta qualora si privilegi l azione del soggetto, sia se si vuole congelare il movimento oppure se lo si vuole rendere nell immagine fluido

193 PICTURE STYLE

194 PICTURE STYLE PRESET PICTURE STYLE Pre impostazioni che modificano il risultato dello scatto sui parametri di saturazione, nitidezza e contrasto

195 PICTURE STYLE Indicatore Picture Style

196 PICTURE STYLE IMPOSTAZIONI PRESETTATE LE FUNZIONI PICTURE STYLE, PERMETTONO DI IMPOSTARE DIVERSE MODALITA DI RIPRESA, PER OTTIMIZZARE LO SCATTO FOTOGRAFICO, E RENDERE L IMMAGINE CORRISPONDENTE ALLE NOSTRE NECESSITA.

197 NEUTRO

198 FEDELE

199 RITRATTO

200 STANDARD

201 PAESAGGIO

202 BN

203 BN VIRAGGIO

204 NEUTRO STANDARD FEDELE RITRATTO PAESAGGIO BN

205

206 OTTICHE Lunghezza focale I raggi provenienti da un soggetto posto all infinito convergono in un punto. Il punto dove i raggi convergono si chiama piano focale La distanza tra il centro della lente e il piano focale è la LUNGHEZZA FOCALE

207 OTTICHE Rapporto di Riproduzione A parità di distanza di ripresa, un obiettivo di focale più lunga produce un immagine più grande

208 OTTICHE Rapporto di Riproduzione Per ottenere la medesima grandezza del soggetto, all aumentare della focale è necessario aumentare la distanza dal soggetto

209 24 mm

210 50 mm

211 105 mm

212 OTTICHE GLI OBBIETTIVI SI POSSONO SUDDIVIDERE IN 4 CATEGORIE: GRANDANGOLARE NORMALE TELEOBBIETTIVO OTTICA ZOOM

213 OTTICHE ANGOLO DI RIPRESA 24mm

214 OTTICHE ANGOLO DI RIPRESA 35mm

215 OTTICHE ANGOLO DI RIPRESA 50mm

216 OTTICHE ANGOLO DI RIPRESA 70mm

217 OTTICHE ANGOLO DI RIPRESA 105mm

218 OTTICHE GRANDANGOLARI: OBBIETTIVI CHE HANNO UN ANGOLO DI RIPRESA SUPERIORE AI 62, CONSENTONO RIPRESE DI AMPI SPAZI E FORNISCONO UN EFFETTO DI ALLONTANAMENTO DEI SOGGETTI INQUADRATI. NORMALI: OBBIETTIVI CON UN ANGOLO DI RIPRESA DI 46, SONO OTTICHE CHE FORNISCONO UNA PROPORZIONE DEI SOGGETTI INQUADRATI SIMILE ALLA VISIONE UMANA TELEOBBIETTIVI: OTTICHE CHE HANNO UN ANGOLO DI RIPRESA INFERIORE AI 50, INGRANDISCONO I SOGGETTI E COMPRIMONO I PIANI PROSPETTICI. OTTICHE ZOOM: OBIETTIVI A FOCALE VARIABILE CHE CONSENTONO DI VARIARE L ANGOLO DI RIPRESA IN MODO CONTINUO E COSTANTE.

219 OTTICHE 28 mm 50 mm 200 mm

220 OTTICHE VI SONO DIFETTI CONGENITI NELLE OTTICHE UNO DI QUESTI E L ABERRAZIONE CROMATICA

221 OTTICHE VI SONO DIFETTI CONGENITI NELLE OTTICHE UNO DI QUESTI E LA VIGNETTATURA

222 SENSORE

223 SENSORE IL SENSORE E L ELEMENTO CHE CATTURA LA LUCE E LA TRASFORMA IN SEGNALE ELETTRICO

224 SENSORE LE DIMENSIONI DEI PIXEL POSSONO VARIARE CI SONO FOTOCAMERE CHE UTILIZZANO PIXEL DI 6,5 Micron ED ALTRE DA 5 Micron LA DIMENSIONE DEL PIXEL E GENERALMENTE UN FATTORE DI QUALITA

225 SENSORE IL NUMERO DEI PIXEL DETERMINA LA RISOLUZIONE DEL SENSORE, NON DETERMINA IL PESO DEL FILE GENERATO.

226 SENSORE LA RISOLUZIONE E IL VALORE CHE INDICA LA CAPACITA DI UN SENSORE DI REGISTRARE I PIU PICCOLI PARTICOLARI. VIENE ESPRESSA IN MPX (Megapixel = milioni di pixel) LA RISOLUZIONE TOTALE DI UN SENSORE E DATA DALLA MOLTIPLICAZIONE DEL NUMERO DI PIXEL ESISTENTI SU I DUE LATI DEL SENSORE 4800X3500= 16,8 Mln Pixel

227 SENSORE NELLA RISOLUZIONE NON CONTANO LE DIMENSIONI DEL SINGOLO PIXEL MA IL NUMERO TOTALE CON SENSORI DI DIVERSA DIMENSIONE POSSIAMO AVERE LA MEDESIMA RISOLUZIONE

228 SENSORE MOSAICO DI BAYER DISTIBUZIONE DI FILTRI RGB, SU OGNI PIXEL, PER GENERARE UN SEGNALE IN RELAZIONE ALLA LUCE CHE COLPISCE IL SENSORE

229 SENSORE RELAZIONE TRA FORMATO SENSORE ED OTTICA UTILIZZATA IL VALORE DELLA FOCALE DELLE OTTICHE E CALCOLATO IN RELAZIONE ALLE DIMENSIONI DEL SENSORE FULL FRAME: 24X36cm

230 SENSORE DIFFERENZE FORMATI PELLICOLA E SENSORI DIGITALI

231 SENSORE ABBINAMENTO SENSORI E FOTOCAMERE

232 SENSORE DIMENSIONI SENSORE ED AREA INQUADRATA A parita di focale l area inquadrata cambia in relazione al formato del sensore

233 SENSORE

234 FILE JPG NORMALMENTE E POSSIBILE SCEGLIERE DUE MODALITA DI FILE PER LA REGISTRAZIONE DELLA NOSTRA IMMAGINE: JPG RAW

235 FILE JPG Indicazione scelta formato file e compressione

236 FILE JPG I SIMBOLI INDICANO LA RISOLUZIONE E LA QUALITA SCELTA

237 FILE JPG JPEG Joint Photographic Expert Group: Formato universale per eccellenza, ormai la totalità delle fotocamere lo usa. E un formato che comprime i dati in modo da contenere più immagini in una scheda. Attenzione JPEG è un formato denominato LOSSY e cioè con perdita di informazioni e di conseguenza di qualità. Usate bassi livelli di compressione per avere un file di qualità adeguato

238 FILE JPG L (Large) ALTA QUALITA BASSA COMPRESSIONE M (Medium) MEDIA QUALITA MEDIA COMPRESSIONE S (Small) BASSA QUALITA ALTA COMPRESSIONE

239 FILE JPG Immagine originale Reticolo sensore Colore attribuito da ogni singolo pixel

240 FILE JPG COMPRESSIONE FILE JPG Dati originali 50 PIXEL 80 PIXEL 45 PIXEL Dati dopo la compressione 25 PIXEL 40 PIXEL 22 PIXEL 25 PIXEL 12 PIXEL 30 PIXEL 15 PIXEL 150 PIXEL 75 PIXEL 200 PIXEL 100 PIXEL Dopo la compressione molti dei dati registrati verranno eliminati, dipende dal livello della compressione scelta con il file jpg.

241 FILE JPG IL FILE JPG CONSENTE DI SALVARE SULLA SCHEDA IMMAGINI CON UN PESO DI DIMENSIONI MINORI SE NON SI COMPRIME IN MODO ECCESSIVO E POSSIBILE STAMPARE FINO AD UN FORMATO 30X45 LA QUALITA GLOBALE E BUONA MA NON ECCELLENTE AL MOMENTO DELLO SCATTO IL FILE JPG SUBISCE UNA MODIFICA OPERATA DAL SOFTWARE DELLA MACCHINA SE LO SCATTO VIENE PERSONALIZZATO CON LE FUNZIONI PRESENTI IN MACCHINA, IL FILE JPG VERRA REALIZZATO CON QUESTE IMPOSTAZIONI

242 FILE JPG FORMATO CHE LAVORA AD UNA PROFONDITA COLORE DI 8 BIT E UN FORMATO CHE VIENE COMPRESSO OGNI VOLTA CHE SI APRE E SI SALVA UNA IMMAGINE LA QUALITA SI DEGRADA PROGRESSIVAMENTE

243

244

245

246 TRIDIMENSIONALITA DINAMICA EMOZIONE FORMA CONTENUTO STILE E PERSONALITA

247 TECNICA DIGITALE BASE GRAZIE L utilizzo, la riproduzione, la diffusione e la divulgazione, anche parziale con qualsiasi mezzo e strumento, sono vietati salvo espressa autorizzazione dell autore

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it APPUNTI PRIMO INCONTRO Sono passati quasi duecento anni dall invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

Corso base fotografia digitale

Corso base fotografia digitale Corso base fotografia digitale Lezione numero 1: La macchina fotografica: evoluzione del congegno fotografico dal foro stenopeico alla macchina digitale. I formati delle pellicole e dei sensori: cenni

Dettagli

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE a cura di Erminio Annunzi TECNICA DIGITALE BASE INTRODUZIONE FOTOGRAFARE NON VUOLE SEMPLICEMENTE DIRE RIPRODURRE LA REALTA FOTOGRAFARE SIGNIFICA RAPPRESENTARE www.sitofotografo.it

Dettagli

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE a cura di Erminio Annunzi TECNICA DIGITALE BASE INTRODUZIONE FOTOGRAFARE NON VUOLE SEMPLICEMENTE DIRE RIPRODURRE LA REALTA FOTOGRAFARE SIGNIFICA RAPPRESENTARE www.sitofotografo.it

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Tempi / Diaframma la fotografia è luce per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce I valori

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT Formazione in area grafica e Motion Graphics Fotografia digitale / Fotoritocco con Adobe Photoshop/ Tecniche per il Video digitale / Video-editing con Adobe Premiere / Creare DVD in casa con Adobe Encore

Dettagli

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE a cura di Erminio Annunzi TECNICA DIGITALE BASE INTRODUZIONE FOTOGRAFARE NON VUOLE SEMPLICEMENTE DIRE RIPRODURRE LA REALTA FOTOGRAFARE SIGNIFICA RAPPRESENTARE www.sitofotografo.it

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Tempi, diaframmi, sensibilità

Tempi, diaframmi, sensibilità Nicola Focci Settembre 2011 Questo articolo illustra i tre parametri fondamentali per utilizzare una macchina fotografica (tempi, diaframmi, sensibilità) e li «cala» nell operatività concreta (profondità

Dettagli

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi benvenuti CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE a cura di Erminio Annunzi TECNICA DIGITALE BASE INTRODUZIONE FOTOGRAFARE NON VUOLE SEMPLICEMENTE DIRE RIPRODURRE LA REALTA FOTOGRAFARE SIGNIFICA RAPPRESENTARE www.sitofotografo.it

Dettagli

Il concetto di stop in fotografia

Il concetto di stop in fotografia Il concetto di stop in fotografia Stop. Non vi è conversazione tra fotografi in cui questa parola non sia pronunciata diverse volte. Coloro che non conoscono il gergo fotografico restano piuttosto perplessi

Dettagli

Fotografia Digitale: Glossario

Fotografia Digitale: Glossario GLOSSARIO BATTESIMI di BONIN GIOVANNI Fotografia Digitale: Glossario Sono numerose le sigle e i termini che si posso trovare nella fotografia digitale: ecco la spiegazione di alcuni tra i più importanti.

Dettagli

Francesco Zizola, Iraq

Francesco Zizola, Iraq LA LUCE SCRITTURA DI LUCE La luce è la base della fotografia. Il fotografo sa che senza luce non si fotografa, ma sa anche che la luce non è sempre uguale. Può essere poca o tanta, calda o fredda, dura

Dettagli

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi LA FOTOGRAFIA 1 Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. UN PO DI STORIA... La camera oscura viene inventata nell antichità, viene anche utilizzata

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

Orietta Bay - Sestri Levante 2011

Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Fotografare è saper cogliere l essenza delle cose e degli avvenimenti e Scriverli con la luce La macchina fotografica Il cuore originario della

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

Accessori Expodisc per il bilanciamento del bianco

Accessori Expodisc per il bilanciamento del bianco Accessori Expodisc per il bilanciamento del bianco Nikon D80 con 12-24mm e Expodisc montato. Un Gossen Profisx con testa Proficolor che ne permetteva l utilizzo anche come termocolorimetro. Expodisc non

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE Seconda parte la: PRODUZIONE Nel precedente articolo abbiamo pianificato la panoramica, scegliendo luogo

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò CORSO BASE DI FOTOGRAFIA A cura del prof. Gioacchino Giacò Per ottenere buone fotografie è necessario saper controllare due parametri fondamentali: apertura del diaframma e tempo di esposizione. Il diaframma

Dettagli

Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla portabilità

Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla portabilità Milano, 19. Febbraio 2008 Comunicato stampa Fotocamera digitale Novità: RICOH R50 Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Luigi Bernardi Pavia, 17 maggio 2008 1 Schema lezione 2 1. La luce e il soggetto 2. Automatico, scene, controllo manuale di diaframma

Dettagli

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più Una immagine Vale più Di mille parole Crowdknitting Store Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più migliora le tue foto. Aumenta le vendite. Immagini chiare, nitide e fedeli al prodotto aiutano

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

Lezione 2 Esposizione

Lezione 2 Esposizione Corso di fotografia di base 011 Lezione Esposizione Esposizione L esposizione, sia nei sistemi digitali che a pellicola, consiste nell eccitare i pixel del sensore o gli elementi fotosensibili di una pellicola

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Autore: Vitali Shkaruba Traduzione in italiano: Enrico De Santis Nota: prima di affrontare questo articolo sarebbe opportuno conoscere

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri Fotografia dal greco fotos grafos (giusto per smentirmi sulle cose non complicate): disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo sarà come disegnare al meglio con la luce Ho scelto questa immagine

Dettagli

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato FOTOGRAFANDO Corso di fotografia livello avanzato Fotografando di Levenfeld Alvaro Mauricio Info@fotografando-ivrea.it Tel +39 0125 62 70 42 Cell +39 349 460 7 460 Cell +39 348 009 15 15 www.fotografando-ivrea.it

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

DC-1338i. Una compagna intelligente

DC-1338i. Una compagna intelligente DC-1338i Una compagna intelligente DC-1338i Per immagini toccanti È sufficiente scattare Per fotografie che soddisfano i più esigenti fotografi. La nuova DC-1338i costituisce la compagna perfetta per affrontare

Dettagli

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 Il colore IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 La luce Radiazione elettromagnetica 380 740 nanometri (790 480 THz) Percezione della luce /1 Organi sensoriali: Bastoncelli Molto sensibili (anche a un solo fotone:

Dettagli

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Dopo aver visto negli altri capitoli le linee principali per fotografare correttamente i nostri modelli, cercherò di mostrare ora cosa non si

Dettagli

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd Esistono due tipi di immagini digitali: Immagini vettoriali, rappresentate come funzioni vettoriali che descrivono curve e poligoni Immagini bitmap, (o raster) rappresentate sul supporto digitale come

Dettagli

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM Un flusso di lavoro essenziale dall acquisizione dell immagine alla stampa 1 Importare le foto Nel Modulo Libreria, premere il tasto Importa,

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Conoscere i tipi di fotocamere Uno dei tanti libri di fotografia che avevo letto iniziava con un detto: Povero è il falegname che accusa

Dettagli

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com Fotografia corso base Educazione Permanente Treviso Specifiche digitali http://arcifotografiabase.wordpress.com Federico Covre Pixel (picture element) Indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono

Dettagli

Corso di Fotografia terza lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia terza lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia terza lezione Docente: Gianluca Bocci Elementi costitutivi di una fotografia: Soggetto Inquadratura Momento Esposizione Messa a fuoco 2 Soggetto: determina il genere ed in un certo

Dettagli

Esperienza 1: Luce e Colori della luce

Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione 1 Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina mandano al cervello quando assorbono

Dettagli

Le funzioni innovative della Ricoh CX1

Le funzioni innovative della Ricoh CX1 Prova sul campo Le funzioni innovative della Ricoh CX1 Ricoh ha inserito nella CX1 una serie di funzioni innovative che sono di particolare interesse: dall estensione della gamma dinamica alla AF Multi

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST Canon XL1s: nata per soddisfare gli utenti più esigenti Canon è alla continua ricerca di sistemi in grado di offrire una qualità d immagine superiore. Da questa

Dettagli

Corso base di fotografia

Corso base di fotografia Corso base di fotografia Tecnica fotografica Elementi di base per l'utilizzo della macchina fotografica, Come si impugna una reflex Impugnatura verticale Impugnatura con teleobbiettivo Reflex e Bridge:

Dettagli

Tipi di colore. Informazioni sul colore. Durante la stampa. Uso del colore. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi

Tipi di colore. Informazioni sul colore. Durante la stampa. Uso del colore. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi L'uso del colore consente di migliorare e ottimizzare l'effetto del materiale stampato e di renderne più piacevole la lettura rispetto alla stampa in bianco e nero. Il colore consente inoltre di velocizzare

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

Giorgio Maria Di Nunzio

Giorgio Maria Di Nunzio Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità Fondamenti di Informatica A.A. 2012/2013 Giorgio Maria Di Nunzio Immagini Digitali Ä Dispense aggiuntive

Dettagli

EOS 500D. Comunicazioni alla stampa. Approfondimento. Canon Consumer Imaging SEGUE COMUNICATO COMPLETO

EOS 500D. Comunicazioni alla stampa. Approfondimento. Canon Consumer Imaging SEGUE COMUNICATO COMPLETO Canon Consumer Imaging Cliccando sul pulsante verde accedi alla pagina Internet da cui è possibile scaricare le foto ad alta risoluzione EOS 500D Approfondimento SEGUE COMUNICATO COMPLETO Tecnologia CMOS

Dettagli

Configurazione del sensore C-MOS

Configurazione del sensore C-MOS Pagina:1 Configurazione del sensore C-MOS RH-TCC1 RH-BCC1 RH-DCC1 RH-DCC2 Telecamere IP Full HD 1080p H.264 Pagina:2 Introduzione Le telecamere serie RH dispongono di numerose opzioni di funzionamento

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

you can TECNOLOGIE EOS 550D

you can TECNOLOGIE EOS 550D you can TECNOLOGIE EOS 550D 1 di 5 Sensore CMOS Canon Progettato da Canon e operando in combinazione con i processori sviluppati dalla Casa, la tecnologia CMOS Canon integra una circuitazione avanzata

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Corso base di fotografia Programma: -1 lezione: macchina fotografica www.rifredimmagine.it La macchina fotografica REFLEX Perchè scegliere la Reflex Possibilità Possibilitàdidiaccedere

Dettagli

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti UNA SEMPLICE CONVERSIONE IN BIANCO E NERO con Capture NX a cura di Mauro Minetti GIUGNO 2007 INDICE PREMESSA IMPOSTAZIONI SOFTWARE EFFETTI FOTO LUMINOSITA CONTRASTO - alte luci (bianco) CONTRASTO - basse

Dettagli

WORKSHOP + Fotografia e Video

WORKSHOP + Fotografia e Video WORKSHOP + Fotografia e Video Corsi Durata Costo Fotografia e Tecnica Fotografica I Fotografia e Tecnica Fotografica II Fotografia e Tecnica Fotografica III Postproduzione Video Scuole 1-2 h a seconda

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO.

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Nel mondo della fotografia tradizionale la sensibilità ISO (in passato ASA) rappresenta la velocità del negativo fotografico. Poiché le camere digitali non usano il

Dettagli

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex Dalla camera obscura alla fotocamera reflex LA FOTOGRAFIA Si fa risalire al francese Joseph Niepce (1765-1833) il primo risultato fotografico concreto. Egli infatti riuscì a registrare su tavole sensibilizzate

Dettagli

Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony

Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony centro Test MTF studi Progresso FOTOGRAFICO Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony Il Tamron SP -mm f/. Di è nuovissimo, mentre il Sony -mm f/. SAM è un poco più datato; entrambi sono obiettivi per

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Lombardia Integrata S.p.A. Servizi Infotelematici per il Territorio

Lombardia Integrata S.p.A. Servizi Infotelematici per il Territorio blico Dominio MANUALE FOTO TESSERE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE Codice Documento: #01Manuale Foto Tessera_Volontari_PCIV.rtf Revisione del Documento: 4 Stato della revisione del Documento: IN APPROVAZIONE

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

TUTTE LE PRESTAZIONI CHE TI ASPETTAVI DA CANON. PIÙ UN OFFERTA INATTESA.

TUTTE LE PRESTAZIONI CHE TI ASPETTAVI DA CANON. PIÙ UN OFFERTA INATTESA. PROMOZIONE OTTICHE ALL INTERNO TUTTE LE PRESTAZIONI CHE TI ASPETTAVI DA CANON. PIÙ UN OFFERTA INATTESA. IT 0189W883 V2 Job Number: 61006896 Client: Canon Campaign: DSLR_1H15_EOS_7D_MKII_RT Proj. Mngr:

Dettagli

Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515. Manuale d uso ed installazione

Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515. Manuale d uso ed installazione Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515 Manuale d uso ed installazione SOMMARIO Informazioni per l utente... 3 Precauzioni importanti... 4 Composizione del sistema...

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

Manuale d uso Canon 350D

Manuale d uso Canon 350D Manuale d uso Canon 350D Per gestire la Canon 350D in dotazione e installata sul telescopio da 80cm dell Osservatorio del Celado eseguire scrupolosamente queste brevi ma essenziali manovre. Primo passo:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Alta risoluzione e altissime sensibilità fino a ISO 51200. Innovativo meccanismo di stabilizzazione SR

COMUNICATO STAMPA. Alta risoluzione e altissime sensibilità fino a ISO 51200. Innovativo meccanismo di stabilizzazione SR Via Vittime di Piazza Fontata 52 bis 10024 Moncalieri (TO) www.fowa.it COMUNICATO STAMPA FACILISSIMA DA USARE, MA CON PRESTAZIONI AL TOP Questo modello di prezzo particolarmente competitivo vanta caratteristiche

Dettagli

SP 100EE. Precisa come l occhio di un aquila. Specifiche. Sensore. Monitor. Obiettivo. Caratteristiche. Zoom digitale

SP 100EE. Precisa come l occhio di un aquila. Specifiche. Sensore. Monitor. Obiettivo. Caratteristiche. Zoom digitale SP 100EE Zoom ottico supergrandangolare 50x (24-1200mm*) Tecnologia ihs 100x con zoom SuperResolution Sensore CMOS 16 Megapixel retroilluminato Mirino Dot Sight integrato Processore d'immagine TruePic

Dettagli

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Martina Giordani Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali Corso di Laurea in Ottica e Optometria Federica Ricci Facoltà di Scienze matematiche,

Dettagli

Corso base di fotografia digitale. Ripresa, ritocco, pubblicazione e stampa

Corso base di fotografia digitale. Ripresa, ritocco, pubblicazione e stampa Corso base di fotografia digitale Ripresa, ritocco, pubblicazione e stampa Corso Base di fotografia digitale Durata: 14 lezioni; Frequenza: ogni 15 giorni il lunedì dalle 21 alle 23 in aula più tre domeniche

Dettagli

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta Modelli di colore Un tocco di blu non guasta Obiettivi Come faccio a rappresentare i colori in una immagine? Per formati immagine raster e vettoriali Come specificare che il mare della mia foto è di colore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA I AM INTERSTELLAR. Scoprite l incredibile D810A, la prima reflex Nikon per l astrofotografia

COMUNICATO STAMPA I AM INTERSTELLAR. Scoprite l incredibile D810A, la prima reflex Nikon per l astrofotografia I AM INTERSTELLAR Scoprite l incredibile D810A, la prima reflex Nikon per l astrofotografia Torino, 10 febbraio 2015 Nital S.p.A. è lieta di presentare la D810A, la prima reflex Nikon in formato FX studiata

Dettagli

Configurazione del sensore C-MOS

Configurazione del sensore C-MOS Pagina:1 Configurazione del sensore C-MOS RH-SD22IR Telecamere IP Speed dome Full HD 1080p H.264 Pagina:2 Introduzione Le telecamere serie RH di tipo speed dome dispongono di numerose opzioni di funzionamento

Dettagli

Realizza video ed immagini 3D in alta definizione. VIVI IN 3D.

Realizza video ed immagini 3D in alta definizione. VIVI IN 3D. Realizza video ed immagini 3D in alta definizione. VIVI IN 3D. REGISTRA FOTO E VIDEO IN 3D. RIVEDI IN 3D. Cornice digitale 3D L innovativa tecnologia della cornice digitale FinePix REAL 3D V1 riproduce

Dettagli

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte La termografia infrarossa Ing. Antonio del Conte Ancona, 22 gennaio 2004 Termografia e termocamere a sensori CCD Introduzione La termografia è una tecnica di misura di tipo non invasivo, applicabile alla

Dettagli

GLI AUTOMATISMI NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX

GLI AUTOMATISMI NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX A cura di Mauro Minetti Ottobre 2006 indice 1) PREMESSA 2) GLI AUTOMATISMI - AUTOFOCUS - NITIDEZZA - CONTRASTO - SATURAZIONE - BILANCIAMENTO DEL BIANCO - SCENE

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

CORSO MASTER DI FOTOGRAFIA AVANZATA

CORSO MASTER DI FOTOGRAFIA AVANZATA CORSO MASTER DI FOTOGRAFIA AVANZATA Modulo teorico/pratico di fotografia generale 1 - Il linguaggio della fotografia: storia sociale della fotografia 2 - Obiettivi e accessori: cerchio di confusione iperfocale;

Dettagli

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale INFORMATICA Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale A.A. 2014/2015 II ANNO II SEMESTRE 2 CFU CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

Dettagli

Introduzione alla fotografia digitale

Introduzione alla fotografia digitale Introduzione alla fotografia digitale 1 La fotografia è forse la forma di espressione artistica più alla portata di tutti. Chiunque può infatti procurarsi una fotocamera, non necessariamente costosa, e

Dettagli

FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA

FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI RIPRESA, ELABORAZIONE E STAMPA PER ARCHITETTI CHE DESIDERANO OTTIMIZZARE LA TECNICA FOTOGRAFICA PER DOCUMENTARE IL PROPRIO LAVORO SCHEDA DEL CORSO

Dettagli

Riduzione del rumore con Photoshop Cs5. Immagini scattate con ISO elevati

Riduzione del rumore con Photoshop Cs5. Immagini scattate con ISO elevati Riduzione del rumore con Photoshop Cs5 Immagini scattate con ISO elevati Precedentemente abbiamo visto come ridurre il rumore elettronico con Photoshop Cs4, si svolgeva in due fasi, la prima leggera sul

Dettagli

X-T1. Le nuove funzioni. Versione 4.00 DIGITAL CAMERA

X-T1. Le nuove funzioni. Versione 4.00 DIGITAL CAMERA BL00004720-A02 DIGITAL CAMERA X-T1 Le nuove funzioni Versione 4.00 Alcune funzioni del prodotto possono differire da quelle descritte nel manuale a causa dell aggiornamento del firmware. Per maggiori informazioni

Dettagli