Rivalry in Video Games

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivalry in Video Games"

Transcript

1 Rivalry in Video Games Rivalry in Video Games by GANGAI E. is licensed under a Creative Commons Attribuzione Non opere derivate 3.0 Unported License. Studente: Gangai Enrico Matricola: A.A.: 06/07 1. Evidenziare in che modo ciascuno dei nuovi entranti è riuscito ad avere il ruolo di leader del mercato scalzando il precedente leader 2. Che ruolo ha giocato il valore della nuova base installata, sia per i nuovi entranti che per i vecchi. Se osserviamo la storia del settore dei videogiochi, notiamo che, nonostante questi settori siano caratterizzati da pochi produttori, alcune aziende escluse o relegate a posizioni di nicchie siano riuscite a riconquistare quote di mercato. Sega, nella seconda metà degli anni 80, lanciando un videogioco di generazione successiva a quello con il quale la Nintendo aveva conquistato la posizione di leader di mercato, è riuscita a raggiungere i concorrenti; ultimamente, Sony, con la Playstation, e Microsoft, con X-Box, sono riusciti ad entrare nel settore sottraendo a Nintendo e a Sega importanti quote di mercato. Il problema è quello di riuscire a conquistare la base di clienti del leader vincendo l inerzia costituita dall esistenza di un offerta consolidata di prodotti complementari che possono essere utilizzati solo assieme al prodotto del leader. Il primo produttore di videogiochi fu Atari. Essa fu fondata nel 1972 da Nolan Bushnell. Il primo gioco realizzato fu Pong destinato ai luoghi pubblici e non all intrattenimento domestico. Nel 1975 Atari cominciò a commercializzare la prima console casalinga, che, superò i primi videogiochi prodotti dalla Magnavox. 1

2 In questo caso la chiave del successo fu la possibilità di utilizzare cartucce intercambiabili che permisero alla consolle Atari di supportare una varietà di giochi. La concorrenza nel mercato dei videogiochi si intensificò nel 1982, con l ingresso della Mattel e della Coleco. Atari sfruttando la sua posizione di leader del mercato lanciò Atari 2600 per cui erano stati programmati 350 giochi. Ma il mercato divenne super fornito, molte software-house che producevano giochi furono costrette a licenziare i propri dipendenti e i prezzi dei videogiochi crollarono. Al crollo seguì un vuoto di tre anni, durante i quali ci fu un mercato dei videogiochi molto piccolo e nessun sviluppo significativo per le console. Tale vuoto finì con il successo del Nintendo Entertainment System (consolle a 8 bit), introdotto per la prima volta nel Nintendo, capì subito che una volta diventato leader del mercato non doveva ripetere l errore di Atari, per questo emanò della regole severe per quanto riguardava la produzione e il rilascio della cartucce (si pensi che la Nintendo prima di autorizzare il rilascio di un gioco lo sottoponeva a severi controlli e i produttori di giochi Nintendo non potevano produrre giochi per altre consolle concorrenti). Altra chiave del successo di Nintendo fu un ottima politica di marketing. Nonostante la leadership della Nintendo, nel 1991 ci fu il successo della Sega grazie alla consolle Mega Drive a 16 bit. Chiave del successo fu una politica di marketing rivolta sia ai giovani che agli adulti ma soprattutto una politica meno restrittiva per quanto concerne i videogiochi. Questo attirò molti produttori di giochi verso la Sega, mentre le politiche della Nintendo venivano sempre più viste come monopolistiche e in un certo senso antipatiche. Nonostante la base installata enorme di Nintendo, il marchio affermato e la distribuzione estesa; il mercato delle consolle a 16 bit rappresentò una nuova arena competitiva, dove Sega era capace di offrire una varietà più larga di titoli di giochi,grazie alle sue politiche. Tuttavia Nintendo corse ai ripari, sfruttando la sua leadership nel mercato, lanciando la sua consolle a 16 bit: il Super Nintendo. Durante il 1992 le due società si divisero quasi uniformemente il mercato. 2

3 Nel 1994, nel mercato giapponese, fu lanciata la Sony Playstation (consolle a 32 bit) che nell arco di pochi anni divenne leader assoluta del mercato battendo la concorrenza del Sega Saturn e del Nintendo 64. Una delle chiavi del successo fu l uso dei CD-Rom come memoria di massa per i giochi. Il Sega Saturn fu lanciato in Giappone un mese prima della PlayStation. Ciononostante Sony divenne rapidamente il leader del mercato. La Sony aveva corteggiato la maggior parte degli sviluppatori di videogiochi, al punto di offrire finanziamenti e strumenti hardware per lo sviluppo di giochi. L'abilità di Sony di guadagnare l'appoggio di sviluppatori e dettaglianti, era anche un risultato della statura di Sony, della sua credibilità e della sua capacità distributiva, nonostante Sony non avesse mai prodotto consolle. Nel 1996 la Nintendo lanciò il Nintendo 64, ma non riuscì a sottrarre quote di mercato alla PlayStation. Uno degli errori della Nintendo fu quello di utilizzare ancora le cartucce che limitavano sia la capacità distributiva e sia il miglioramento della qualità dei giochi. Mentre la Sony aveva un elevata capacità distributiva: i giochi per PlayStation arrivavano in poco tempo al dettagliante ed avevano un costo più basso. Inoltre la Sony aveva costruito una base installata talmente ampia che tutti i produttori di videogiochi erano concentrati sullo sviluppo di software per la PlayStation. Nel 1998 la Sega decise di lanciare il Sega Dreamcast. La strategia dell azienda era quella di diventare leader del mercato delle consolle a 128 bit (un mercato del tutto nuovo dove non c erano ancora consolle) sfruttando il vantaggio della prima mossa. Inoltre la Sega aveva pensato di dotare Dreamcast di una importante funzionalità: giocare in rete. Per minare l'impatto del lancio di Dreamcast, Sony pubblicizzò con largo anticipo la nuova versione della PlayStation (PlayStation2). 3

4 In particolare, enfatizzò la superiorità tecnologica di Playstation2 rispetto alla Dreamcast (specialmente l uso della tecnologia DVD) e la sua compatibilità con versioni anteriori (permettendo ai consumatori di usare hardware e software della PlayStation esistente). Nonostante un iniziale successo della Dreamcast, questa non riuscì a diventare leader del mercato, a causa dell enorme base installata della Sony. Infatti, grazie all enorme campagna pubblicitaria fatta per la PlayStation 2 e alla possibilità di utilizzare prodotti complementari (joy-pad, giochi ) della PlayStation 1 sulla nuova versione, i possessori della P.S. 1 decisero di aspettare l uscita della PlayStation 2. Nel 2000 la Sony lanciò la PlayStation 2. Essa era una consolle a 128 bit caratterizzata dalla presenza di un lettore DVD che oltre a giocare permetteva altra attività multimediali (film, musica..). Inoltre la nuova PlayStation era progettata per navigare su internet e per giocae online, anche se inizialmente non fu dotata di modem. La PS 2 comportò un investimento enorme per Sony, in parte dovuto allo sviluppo della consolle e in parte dovuto all enorme campagna pubblicitaria. Nonostante ciò la PS 2 aveva un prezzo relativamente basso, questo perché la Sony credeva di poter recuperare il suo investimento in poco tempo grazie al prezzo basso della consolle. Ed infatti fu così: enormi profitti provenivano sia dalla vendita delle consolle e sia dalla vendita dei videogames. Nonostante le vendite del Dreamcast fossero andante bene, nel momento in cui fu lanciata la P.S.2 queste scesero. Allora la Sega decise di puntare sul potenziamento della possibilità di giocare on-line fornendo ad esempio una tastiera. Ma nonostante ciò non riuscì a sottrarre quote di mercato alla Sony. Nel 2001 la Nintendo lanciò la sua nuova consolle a 128 bit: il GameCube. Lo sviluppo di GameCube comportò la collaborazione con un numerose società come IBM e Apple. Nonostante queste collaborazioni, la Nintendo ebbe numerose difficoltà sia per quanto riguarda la quantità (minima) di videogames a disposizione sia per l ingresso della Microsoft nel mercato dei videogames. 4

5 La Microsoft lanciò la Xbox, consolle con numerose caratteristiche: disco rigido, microprocessore da 733MHz, 64 MB di memoria, lettore DVD, Dolby 5.1 e porta Ethernet. Quando Xbox fu lanciata negli Stati Uniti erano disponibili 19 giochi. Anche se erano più del GameCube, non c era confronto con la PS2 che ne aveva più di 200. Alla Xbox mancarono inoltre, i caratteri di riconoscibilità posseduti dai suoi concorrenti (si pensi a giochi come Mario Brothers e Tomb Raider). Così, la base installata di Sony di 30 milioni di PS2s alla fine di maggio 2002 diede un vantaggio finanziario enorme su Nintendo e Microsoft. Era troppo presto comunque, dichiarare Sony il vincitore. L'avvento della possibilità di giocare in rete poteva sconvolgere la situazione competitiva. I giochi on-line erano divenuti sempre più popolari sui PCs e quindi anche le consolle si attrezzarono per questa modalità di gioco. Sony e Nintendo svilipparono adattatori per le loro consolle, che permisero l'accesso ad Internet. Microsoft aveva adottato un approccio più pionieristico. Annunciò la fondazione di Xbox Live per sostenere la modalità gioco on-line. Gli analisti videro la strategia di Microsoft come quella di un vincitore potenziale. Xbox Live non solo avrebbe sostenuto la modalità gioco on-line ma avrebbe offerto un sistema di distribuzione Microsoft per prodotti di divertimento come film e musica. Nel mercato dei videogames assume sempre più importanza il software, in quanto il prezzo di vendita delle consolle riesce a malapena a coprire i costi di produzione, i quali vengono recuperati grazie alla vendita di software. Nel 2002 il mercato dei videogames era in forte espansione, l incremento dei guadagni era in contrasto con la maggior parte degli altri settori high-tech, nei quali l incremento di unità vendute era compensato dall abbassamento del prezzo della singola unità. 5

6 L espansione del mercato fu dovuta principalmente alla capacità dei produttori di espandere la base di clienti. Atari aveva una base clienti per lo più formata da adolescenti e pre-adolescenti. Ma i videogiochi, gradualmente, si diffusero anche tra gli adulti. I bambini che crebbero utilizzando le varie consolle continuarono a farlo da adulti, cambiando naturalmente le preferenze per quanto riguarda la tipologia di giochi. Analizzando l evoluzione del mercato dei Videogames questi sono i (principali) possibili attacchi al leader da parte degli esclusi: Investire in ricerca e sviluppo per lanciare prodotti di nuova generazione che spingano i consumatori ad abbandonare il prodotto del leader. In questo caso, ovviamente, il differenziale tecnologico creato deve essere importante per spingere i consumatori ad abbandonare il prodotto del leader. Le strategie, precedentemente citate, nel settore dei videogiochi, della Sega, prima, e della Sony e Microsoft, in un secondo momento, sono esempi di questo tipo di attacco al leader. Creare alleanze con produttori e distributori di prodotti complementari per fare in modo che il potenziale consumatore del nuovo prodotto non abbia difficoltà a utilizzare il proprio prodotto per mancanza di prodotti complementari compatibili. Eventualmente, finanziare e sostenere la produzione di prodotti complementari adatti al proprio standard. Il leader, d altra parte, dovrebbe sfruttare le rendite derivanti dalla sua posizione per: Investire in ricerca e sviluppo per mantenere la leadership tecnologica Investire nel brand Proteggere la base di utilizzatori Difendendosi dall interlinking dei concorrenti. Nintendo, nel settore dei videogiochi, ha puntato anche su questo aspetto per proteggere la propria leadership verso la fine degli anni 80: i giochi Nintendo non potevano essere utilizzati su altri videogiochi e i videogiochi Nintendo non potevano utilizzare giochi concepiti per videogiochi di altre marche. Favorendo la compatibilità intergenerazionale tra prodotti di diverse generazioni tecnologiche. (P.S. 2) 6

7 Politiche di licenze e di distribuzione per limitare l accesso ai canali di distribuzione da parte dei nuovi concorrenti. Aumentare i costi di passaggi al prodotto del concorrente (switching costs) per esempio aumentando i servizi legati al prodotto 3. Individuate la rilevanza di effetti di complementarietà. Il mercato dei videogiochi è caratterizzato dalla presenza di: Effetti di rete: Se l insieme degli utilizzatori si espande ogni utilizzatore ne riceve un beneficio perché è in grado di comunicare con un numero maggiore di persone. Presenza di prodotti complementari: Prodotti e servizi che per creare valore necessitano di prodotti complementari offerti in mercati competitivi. Per esempio, se aumenta il numero di utilizzatori di un certo tipo di consolle, i produttori di giochi avranno un incentivo a produrre giochi utilizzabili da quel tipo di consolle. Se aumenta l offerta di giochi compatibili, i possessori di quel tipo di consolle ne beneficeranno in termini di una maggiore scelta di giochi disponibili. In ambedue i casi, vi è un accelerazione della domanda per un determinata consolle: all aumentare del numero di utilizzatori aumenta l utilità del consumatore derivante dall utilizzo di quella consolle. 4. Ritenete che le questioni legate alla compatibilità abbiano giocato un ruolo nell evoluzione del mercato 7

8 Una variabile chiave da considerare è la compatibilità tra i diversi standard presenti in un settore. Il grado di compatibilità è fondamentale per definire le strategie di ingresso. Tanto minore è la compatibilità tra diversi prodotti concorrenti, tanto maggiore sarà la probabilità del verificarsi di fenomeni di lock-in e, quindi, tanto più importante sarà il vantaggio di prima mossa. Nel caso vi sia incompatibilità totale tra gli standard di prodotto presenti sul mercato, il sistema tende verso la situazione in cui un solo produttore, o pochi produttori, rimangono nel mercato. Attualmente nel settore dei videogiochi, tre produttori, Sony, Nintendo e Microsoft, si contendono il mercato. La situazione in questo settore sarà tale che i produttori sono disposti a sopportare costi e perdite nel breve periodo perché intravedono la possibilità di coprire tali perdite in futuro con i profitti che deriveranno da posizioni di quasi monopolio. Ovviamente, si tratta di una situazione in cui si associano alti ritorni in caso di successo e ingenti perdite e l uscita dal mercato in caso di fallimento. I produttori, quindi, sono disposti a sopportare alti costi, ed, eventualmente, a subire perdite per ottenere un vantaggio di prima mossa e conquistare una massa critica di clienti. In generale, i produttori dovranno sostenere costi iniziali per: Investire in marketing e comunicazione e costruire l immagine del prodotto; Investimenti in ricerca e sviluppo per innovare prodotto e processo e per tagliare quanto prima possibile i costi di produzione; Sostenere quando è possibile i produttori di prodotti complementari. 8

9 5. Quali caratteristiche della domanda di mercato hanno facilitato l entrata e l affermazione di nuove imprese. Il prezzo svolge una funzione fondamentale nelle strategie d ingresso e deve essere abbastanza basso da permettere la costruzione di una base di clienti velocemente. E necessario tenere presente che nei settori con effetti di network o di complementarietà la curva di domanda è caratterizzata dal fatto che fin quando la quantità domandata non raggiunge una massa critica, l utilità che i consumatori estraggono dal prodotto è limitato e altrettanto sarà il prezzo che i consumatori sono disposti a pagare. Se aumenta la domanda, aumenta l utilità che è possibile estrarre dal prodotto, quindi ogni consumatore aggiuntivo che decide di acquistare il prodotto o servizio estrarrà un utilità maggiore rispetto al precedente e sarà anche disposto a pagare un prezzo crescente. I costi di produzione sono alti al lancio di un nuovo prodotto e si abbassano man mano che si creano economie di scala e di apprendimento, è prevedibile che le aziende che vogliono costruire un vantaggio di prima mossa in termini di costruzione di massa critica di clienti, devono sopportare alte perdite all inizio. 9

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Domande guida per la discussione 1. Si presentino

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Ambiente di marketing: diversi livelli Micro ambiente (immediato) Macro

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Creare added value: l industria dei giochi elettronici

Creare added value: l industria dei giochi elettronici Added value Creare added value: l industria dei giochi elettronici La prima impresa di successo fu Atari che dominò il mercato tra metà anni settanta e metà anni 80 Il mercato arrivò a valere 3 miliardi

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Lucidi di Giuseppe Toscano 1 Domande guida per

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Reti e standard Introduzione Aspettative dei consumatori

Dettagli

I mercati a due versanti

I mercati a due versanti Mercati a due versanti: definizione I mercati a due versanti Grazie ad Elisa Colorito I mercati a due versanti (o two-sided markets) sono mercati caratterizzati dalla presenza di una piattaforma, gestita

Dettagli

Business Model Canvas strumenti per la creazione d'impresa

Business Model Canvas strumenti per la creazione d'impresa Business Model Canvas strumenti per la creazione d'impresa 03 dicembre 2014 Saverino Verteramo Ricercatore DIMEG Docente di Gestione Aziendale presso Corso di Laurea Ing. Gestionale- Unical s.verteramo@unical.it

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

Come ottenere un nuovo prodotto

Come ottenere un nuovo prodotto Capitolo 9 Lo sviluppo dei nuovi prodotti e le strategie del ciclo di vita del prodotto Capitolo 9- slide 1 Come ottenere un nuovo prodotto Acquisizione ossia acquisto di imprese, brevetti o licenze per

Dettagli

Lock-in case study: Sony Playstation

Lock-in case study: Sony Playstation Lock-in case study: Sony Playstation Giulio Pasotti Il lock-in non è eterno una nuova ondata tecnologica può spezzarlo.un esempio lampante è l enorme successo ottenuto dalla stazione di gioco Sony Playstation.

Dettagli

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale Lezione L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2006-2007 Le attività d impresa Il portafoglio prodotti è l insieme delle

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Marketing Differenziazione e posizionamento. Prof. Michele Gorgoglione

Marketing Differenziazione e posizionamento. Prof. Michele Gorgoglione Marketing Differenziazione e posizionamento Prof. Michele Gorgoglione Sommario Differenziazione definizioni Posizionamento definizioni positioning claim condizioni fasi Recap Segmentazione chi sono i

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni.

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. [moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. LA STRATEGIA DEL PREZZO Stupisce il fatto che, molti manager ritengano che non si possa

Dettagli

L individuazione del lock-in

L individuazione del lock-in L individuazione del lock-in Docente: Alessandro Minello Savian Dario 808548 1 Lock in Switching cost : costi di transizione da una tecnologia ad un altra Es. compro un Mac e tutto il software associato

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Valutazione ai sensi dell art. 2343 c.c. di un ramo d azienda che svolge l attività di commercializzazione di prodotti software.

Valutazione ai sensi dell art. 2343 c.c. di un ramo d azienda che svolge l attività di commercializzazione di prodotti software. Valutazione ai sensi dell art. 2343 c.c. di un ramo d azienda che svolge l attività di commercializzazione di prodotti software. 1 Premessa 2 Il ramo d azienda oggetto di valutazione 3 I valori costituenti

Dettagli

L IMPRESA NELL AMBIENTE

L IMPRESA NELL AMBIENTE L IMPRESA NELL AMBIENTE General environment P Settore e mercati del settore (task environment) D O ORGANIZZAZIONI OVUNQUE E SISTEMI OVUNQUE General environment 2 SETTORE, MERCATI E IMPRESA L ambiente viene

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Il pricing: i presupposti strategici

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

LE STRATEGIE CONCORRENZIALI SILVIA LEGNANI

LE STRATEGIE CONCORRENZIALI SILVIA LEGNANI LE STRATEGIE CONCORRENZIALI Non ci sono aree di mercato libere azienda 1 azienda 2 azienda 3 azienda 4 azienda 5 azienda 6 azienda 7 Per incrementare il fatturato L azienda deve rubare quote di mercato

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing Distribuzione Apple utilizza una grande varietà di canali distributivi diretti e indiretti: Negozi monomarca : essi si distinguono in diverse tipologie a seconda della grandezza

Dettagli

23 Febbraio 2012 IL CASO

23 Febbraio 2012 IL CASO 23 Febbraio 2012 IL CASO Agenda La storia di Ben & Jerry s La mission La strategia aziendale La strategia ambientale Analisi strategica Coerenza strategica Conclusioni La storia di Ben & Jerry s Ben Cohen

Dettagli

Management Team. Delegato. p Stefano Salbe Chief Financial Officer

Management Team. Delegato. p Stefano Salbe Chief Financial Officer Management Team p Abramo Galante Presidente & Amministratore Delegato p Raffaele Galante Amministratore Delegato p Stefano Salbe Chief Financial Officer 1 La catena del valore del videogioco Sviluppatore

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Azienda: Mission e Vision

Azienda: Mission e Vision Azienda: Mission e Vision Apple è l azienda che negli anni Settanta ha rivoluzionato il mercato informatico e che ha reinventato il personal computer con il suo Macintosh, introducendo l interfaccia grafica

Dettagli

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Imparo giocando: videogiochi e apprendimento Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Proprietà intellettuale. Di chi è questo rapporto di ricerca? Della comunità dei docenti sperimentatori,

Dettagli

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE : INTEGRAZIONE VERTICALE Facciamo un passo indietro INTEGRAZIONE VERTICALE ORIZZONTALE Si ha integrazione orizzontale quando l impresa espande l attività a prodotti, processi e know-how affini alla filiera

Dettagli

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco Dal CRM all e-crm Andrea De Marco Qualità Uno dei principali fattori competitivi nell attuale contesto di mercato è rappresentato dalla qualità delle relazione online che vengono gestite tramite servizi

Dettagli

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli)

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli) CAPITOLO II Utenti che non hanno scaricato contenuti digitali nell ultimo anno ma sono consapevoli della possibilità di acquistare contenuti culturali da internet (non downloader consapevoli) I COMPORTAMENTI

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Digital Rights Management

Digital Rights Management Università Ca'Foscari di Venezia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Digital Rights Management Autore: Simone Favaretto Docente: Maurizio Marek DRM Digital

Dettagli

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online Ci occupiamo di realizzare progetti per aziende produttrici grazie ai quali distribuire e vendere prodotti e servizi. Con gli anni abbiamo

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse?

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse? CORSO DI MARKETING INDUSTRIALE a.a. 2009/2010 13/07/2010 Nome: Cognome: Matricola: La Aplep è riuscita da qualche anno ad imporsi nel settore della telefonia mobile grazie al suo cellulare itel, prodotto

Dettagli

PAGE 1 SMITH CORONA WWW.TPECONSULTING.IT LE MIGLIORI MACCHINE PER SCRIVERE AUTORE: MATTEO LOCANE WWW.DESIGNDISTRICT.COM

PAGE 1 SMITH CORONA WWW.TPECONSULTING.IT LE MIGLIORI MACCHINE PER SCRIVERE AUTORE: MATTEO LOCANE WWW.DESIGNDISTRICT.COM PAGE 1 SMITH CORONA LE MIGLIORI MACCHINE PER SCRIVERE WWW.TPECONSULTING.IT AUTORE: MATTEO LOCANE 2014 WWW.DESIGNDISTRICT.COM PAGE 2 INTRODUZIONE L'ottavo giorno, Dio creò Smith Corona. Così recitava, fino

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Pubblicità (Forma di investimento strategico) Introduzione L intensità

Dettagli

Il Business Model Canvas Value side

Il Business Model Canvas Value side Il Business Model Canvas Value side Andrea Mezzadri 1 BMC Partnership Attività Valore offerto Relazioni con i clienti Segmenti di clientela Risorse Canali Struttura dei costi Flussi di ricavi 2 1 Value

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING Ogni impresa deve decidere il programma della propria attività per l anno successivo. Il compito

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

nel diventare un Partner Luminae

nel diventare un Partner Luminae Vantaggi commerciali nel diventare un Partner Luminae Come aumentare il fatturato anche in un periodo di crisi Ottobre 2013 rel.01 Pagina 1 di 5 INDICE PER ARGOMENTI Pag. Premessa 3 Come aumentare le possibilità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA: Backup doppiamente sicuro. Western Digital My Book Live Duo: personal cloud storage a doppio disco con supporto RAID 0 e RAID 1

COMUNICATO STAMPA: Backup doppiamente sicuro. Western Digital My Book Live Duo: personal cloud storage a doppio disco con supporto RAID 0 e RAID 1 Western Digital My Book Live Duo: personal cloud storage a doppio disco con supporto RAID 0 e RAID 1 Western Digital, leader mondiale nel mercato delle soluzioni di digital storage, ha presentato il nuovo

Dettagli

1. Analisi dei concorrenti L ambiente economico di un impresa è una determinante relativamente poco importante della sua redditività.

1. Analisi dei concorrenti L ambiente economico di un impresa è una determinante relativamente poco importante della sua redditività. SEGMENTAZIONE MERCATO SEGMENTAZIONE DEL MERCATO 1. Analisi dei concorrenti L ambiente economico di un impresa è una determinante relativamente poco importante della sua redditività. Le determinanti delle

Dettagli

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria

Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria Enea (Roma), 13 settembre 2006 Paolo Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. 1 L Energia Solare Fotovoltaica: la fonte energetica sostenibile

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

Realizzazione MOVIDA per Sport&Management. Cos è il marketing

Realizzazione MOVIDA per Sport&Management. Cos è il marketing Cos è il marketing E quali le sue principali Il marketing è una precisa competenza manageriale, da sempre associata ad attività di promozione, vendita, pubblicità. Il marketing è responsabile delle valutazioni

Dettagli

LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE

LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE a.a. 2008-2009 Prof. Elisabetta Savelli 1 LE SCELTE FONDAMENTALI 1. lunghezza del canale 2. copertura distributiva

Dettagli

Capitolo 9 Concorrenza perfetta

Capitolo 9 Concorrenza perfetta Capitolo 9 Concorrenza perfetta Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.9 McGraw-Hill, 2001 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO definire

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Pingu s English. L inglese è un gioco da bambini Un investimento sul futuro anche per te. Impara a guadagnare dall apprendimento.

Pingu s English. L inglese è un gioco da bambini Un investimento sul futuro anche per te. Impara a guadagnare dall apprendimento. Pingu s English L inglese è un gioco da bambini Un investimento sul futuro anche per te Impara a guadagnare dall apprendimento. Pingu s Trai vantaggio dalla nostra English inarrivabile esperienza. Linguaphne

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) dott. Matteo Rossi La politica di prezzo Determinare ed amministrare i prezzi assume una rilevanza fondamentale nell elaborazione del programma di

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Progetto SCREEN Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Gianni Celata, Enrico Menduni Università degli Studi Roma Tre Spazio Incontri

Dettagli

SCUOLA ACQUAFORM CORSO DI FORMAZIONE VENDITORE DI PISCINE PROFESSIONISTI DELLA PISCINA A GARANZIA DEL TUO SUCCESSO

SCUOLA ACQUAFORM CORSO DI FORMAZIONE VENDITORE DI PISCINE PROFESSIONISTI DELLA PISCINA A GARANZIA DEL TUO SUCCESSO SCUOLA ACQUAFORM CORSO DI FORMAZIONE VENDITORE DI PISCINE PROFESSIONISTI DELLA PISCINA A GARANZIA DEL TUO SUCCESSO 1 Dall idea d impresa vincente ad un network italiano di professionisti della piscina

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

GUIDARE LA TRASFORMAZIONE DIGITALE O SUBIRLA. Marco Bacci Cisco Systems Italia

GUIDARE LA TRASFORMAZIONE DIGITALE O SUBIRLA. Marco Bacci Cisco Systems Italia GUIDARE LA TRASFORMAZIONE DIGITALE O SUBIRLA Marco Bacci Cisco Systems Italia Da Blockbuster a Netflix Netflix batte le attese, gli abbonati sono 75 milioni la Repubblica, 20 gennaio 2016 Da Walmart all

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Linux e le economie di rete

Linux e le economie di rete Linux e le economie di rete Come creare valore con il software libero. Abstract: La tecnologia cambia ma le regole dell'economia no. Con questa citazione si apre uno dei libri diventato un must dell'economia

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO

LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO 1 Introduzione La nuova legge sugli Investimenti Diretti Esteri nel multi-brand retail apre nuovi scenari e nuove opportunità all interno

Dettagli

in un contesto di ricerca Perché usare il modello del software libero Alessandro Rubini

in un contesto di ricerca Perché usare il modello del software libero Alessandro Rubini Perché usare il modello del software libero in un contesto di ricerca Alessandro Rubini http://www.fsfeurope.org http://ar.linux.it La specificità del software

Dettagli

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010.

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010. Note sul Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN). Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel

Dettagli

Guadagnare con Internet con. guida pratica per scegliere il modello giusto per te. www.acquisireclienti.com

Guadagnare con Internet con. guida pratica per scegliere il modello giusto per te. www.acquisireclienti.com Guadagnare con Internet con i modelli di business online: guida pratica per scegliere il modello giusto per te. www.acquisireclienti.com Internet e business Molte persone guardano a Internet come strumento

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

CONOSCI DAVVERO IL TUO PRODOTTO?

CONOSCI DAVVERO IL TUO PRODOTTO? PAGE 1 CONOSCI DAVVERO IL TUO PRODOTTO? WWW.TPECONSULTING.IT AUTORE: MATTEO LOCANE 2014 WWW.DESIGNDISTRICT.COM Conosci davvero il tuo prodotto? In questo video: PAGE 2 Qual è? Value Prop SWOT BCG Di cosa

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

ACADEMY MICROSOFT DYNAMICS CRM ONLINE

ACADEMY MICROSOFT DYNAMICS CRM ONLINE SKILL4YOU ACADEMY MICROSOFT DYNAMICS CRM ONLINE 2015 PERCORSO ACADEMY MICROSOFT DYNAMICS CRM ONLINE 2015 A CHI E RIVOLTO IL CORSO Questo piano formativo si rivolge a tutte le persone che desiderano acquisire

Dettagli