G. Tonelli (Hockey) V. Vergine (Calcio) IL CALCIO IN SALUTE. PROTAGONISTI S. Alessio (Hockey)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. Tonelli (Hockey) V. Vergine (Calcio) IL CALCIO IN SALUTE. PROTAGONISTI S. Alessio (Hockey)"

Transcript

1 V. Vergine (Calcio) «Il progetto della Fiorentina calcio legato al settore giovanile è poliennale e investe tutti i settori della società» PROTAGONISTI S. Alessio (Hockey) «Il rischio maggiore è di trauma cranico con conseguenze palesi, una crisi epilettica oppure il disorientamento,le vertigini» G. Tonelli (Hockey) «i bastoni tagliano, si rischia parecchio, poi ci sono le deviazioni improvvise che fanno finire il disco sul volto.» * NUMERO ventuno maggio 2011 la newsletter di sixtus italia esclusiva per gli operatori sanitari sportivi EDITORIALE IL CALCIO IN SALUTE Se l immagine a fianco accosta il mondo del pallone alle situazioni oratoriali - allora con un solo sacerdote in campo, in tonaca, mentre la Clericus Cup annota squadre di soli prelati che si sfidano lealmente in perfetta tenuta di gioco - il calcio italiano volta pagina, dimostrandosi in salute. Perché almeno una realtà, la Fiorentina, sta giocando una partita che ha a cuore il futuro dei movimento e soprattutto dei giovani che ne sono la principale componente. Il settore giovanile della Fiorentina ormai da 5 anni ha voltato pagina, grazie alle intuizioni del suo general manager Pantaleo Corvino e del professor Vincenzo Vergine, responsabile dell Area fisica. In adesione e sintonia con i due agisce il dottor Giovanni Serni, responsabile dell Area medica, che nonostante la lunga militanza con la stessa casacca, 26 anni in viola, si è messo in discussione. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, le giovanili viola impazzano e, quasi in souplesse, danno consistenza ai sogni coltivati con serietà. Il vivaio ha senso se imposta e costruisce giocatori per la prima squadra, e poco importa che siano italiani o allevati dalle parti di Firenze. Sixtus è vicinissima, in ogni senso, a Futuro Viola, ne assiste il progetto in ogni suo snodo. Soprattutto in prevenzione. Il resto, come si dice da noi, è prassi terapeutica e riabilitativa. Sixtus è fornitore ufficiale della Clericus Cup 2011, il campionato di calcio riservato ai sacerdoti.

2 CLERICUS CUP CALCIO LEALE D intesa con il CSI è in corso la Clericus Cup, il campionato riservato a squadre di sacerdoti, manifestazione in di cui Sixtus è fornitore ufficiale oltre che sponsor. Finale sabato 28 maggio. *testimonianze MODELLO FIORENTINA Il paradigma dei giocatori fatti in casa in funzione della prima squadra è il nocciolo del progetto che Pantaleo Corvino, il manager, e Vincenzo Vergine, il professore, hanno già testato con successo nel Salento. In piena sintonia con loro il dottor Giovanni Serni, responsabile dell area medica: dopo cinque stagioni il bilancio è più che confortante, non solo per gli scudetti e la Coppa Italia già in carniere Vincenzo Vergine, il professore, si occupa dell Area fisica del settore giovanile della Fiorentina calcio; Giovanni Serni, il medico da 26 anni in forza ai viola, ne gestisce le sorti per l Area salute; il terzo protagonista, forse la chiave di tutto, è Pantaleo Corvino, che della società è il general manager dal Da 21 anni Corvino e Vergine lavorano in piena sintonia, la loro esperienza ha dato vita al progetto calcistico legato ai giovani che è un punto di svolta per l intero sistema. I due lo applicano con soddisfazione da cinque anni, da quando - dopo l esperienza a Lecce, e prima a Casarano, dove scoccò la scintilla - sono approdati a Firenze. Una svolta di cui Sixtus è partecipe per l intera gamma dei suoi prodotti di consumo, oltre agli elettromedicali, che ha indotto Sixtus a essere anche sponsor della squadra viola, non per vicinanza territoriale ma per consonanza d intenti. Il progetto si incardina su un principio fondamentale: le sorti di una squadra di calcio al massimo livello dipendono dal vivaio, da quanto questo produce in funzione della prima squadra. In un sistema che mette in stretta connessione area tecnica, fisica, etico-morale. Un lavoro che prende spunto dalla concorrenza, motore di civiltà: La competizione sana e corretta racconta Vergine - stimola sempre: alla Fiorentina un giovane calciatore sa di avere chance di giocare in prima squadra per la semplice ragione che gli stipendi in casa viola sono 3-4 volte inferiori a quelli di un club del massimo livello, dove si ingaggiano con giocatori cresciuti altrove, pescando tra i migliori. Ma creare giocatori per la prima squadra significa sviluppare sistematicamente le loro qualità fisiche, tecniche, mentali e tattiche, non allevare polli in batteria. E sin qui, senza fare nomi, in prima squadra sono già approdati cinque-sei giocatori. Vincenzo Vergine (responsabile Area fisica settore giovanile Fiorentina calcio e amm. unico di promesse viola ) L approccio è sistemico, tutte le aree concorrono al lavoro che ha un ulteriore presupposto chiave: La partita non è l obiettivo, bensì uno strumento per migliorare il giovane, il cui sviluppo è legato al tempo dovuto per ogni fase. Il club non ha uno schema di gioco per ogni gruppo di età, quello dipende sempre dalle caratteristiche dei giocatori. A seconda dell età, si decide di lavorare concentrandosi sulla crescita di un ambito piuttosto che di un altro. I settori in esame sono quello tecnico, quello tattico e quello etico morale.. Quanto al lavoro di un ragazzo, mettiamo di 300 ore a stagione, questo dev essere ben distribuito. Fosse per lui vorrebbe soltanto giocare, ma giocando e basta, o impiegando metà del tempo a giocare, le capacità dei singoli non si sviluppano. Per questo l 80% delle ore sarà dedicato all allenamento, il resto alle partite. Un altro precetto di Vergine riguarda la figura del buon allenatore. Lui lo vede così: Più sa, meno impara. Sono convinto che sia più facile rovinare un talento che farlo crescere. Per questo motivo è molto importante avere una chiara idea di come lavorare insieme per sviluppare il talento dei giocatori. Insieme significa confrontando le aree che concorrono, da quella tecnica a quella sanitaria, senza mai dimenticare la società. Un principio inderogabile per tutti è l educazione, in campo e fuori. L abitudine alle regole e la disciplina fanno parte dell educazione in progress Quando a quella calcistica, ci si avvale di specialisti nei diversi settori. La Fiorentina ha un allenatore, un preparatore atletico e un allenatore dei portieri per ogni squadra. E sono undici suddivise per fasce d età. In questo momento ragioniamo di 210 ragazzi, fra i dieci e i 20 anni. Lo staff interagisce sempre con le altre aree della società, ma si concentra sulle posizioni in campo e sui ruoli già a partire dai più piccoli, quelli di 10-11

3 anni. Ogni due settimane gli allenatori discutono lo sviluppo di ogni giocatore e valutano il da farsi. I bambini del 2001 sono di gomma, apparentemente sopportano qualsiasi tipo di carico, ma è impensabile non tener conto della loro crescita che dev essere armonica, non affrettata, soprattutto nella struttura fisica, senza dimenticare la dimensione psicologica. Come, è presto detto. Non ci sono segreti: Negli allenamenti sono due le cose più importanti da ricordare: l obiettivo e l intensità. Si cerca di raggiungere l intensità in due modi : velocità nell esecuzione degli esercizi e capacità di gestire le pause senza concedere stop al movimento. I giocatori devono fare tutto alla massima velocità e devono avere le giuste pause. Se si lavora troppo duramente per tanto tempo, l intensità cala. Invece l intensità dovrebbe calare perché l allenatore lo vuole, non perché il giocatore è stanco. C è poi l insegnamento della tecnica, anch essa prioritario: L approccio più comune è la ripetizione, ma occorre seguire tre filoni diversi: equilibrio, tocco e ritmo del corpo. È necessario valutare ogni giocatore e creare un approccio in base alle loro carenze. Un giocatore può godere di un solido equilibrio statico, ma manca nel tocco. Uno può avere un gran ritmo motorio, ma gli serve maggiore equilibrio. Il programma per lo sviluppo dei giovani giocatori è basato su quattro aree: tecnica, tattica, fisica e crescita psicomotoria. Ogni aspetto è specifico per ogni età. Il compito dei direttori e degli allenatori è quello di capire in ogni momento quello che occorre per ogni fascia di età. Il calcio è materia viva, non ha schemi prefissati, ha soltanto protocolli nell area salutistica, preventiva e riabilitativa, che vanno seguiti con criterio. Giovanni Serni (responsabile dell area medica) Vediamo ora in che cosa consiste, in termini sanitari, il progetto Fiorentina, con l aiuto del dottor Serni, da 26 anni in forza allo staff viola, un medico sociale che ha conosciuto assetti societari diversi, legati ai presidenti che si sono avvicendati alla guida della società viola, dai Pontello a Cecchi Gori ai Della Valle, e che negli ultimi cinque anni ha affrontato una vera e propria rivoluzione: Mi sono dovuto mettere in discussione perché Enzo Vergine ha messo mano a un organizzazione che prima non esisteva, ma del tutto convincente, in cui la prevenzione ha priorità assoluta. E l educazione ha ugual peso. Abbiamo dei minorenni da gestire correttamente. Ogni percorso sappiamo dove porta, non c è fretta di arrivare, non c è stress nei giocatori che sanno di essere gestiti con attenzione e accuratezza. Certo, le patologie e la traumatologia hanno il loro impatto, com è usuale nel calcio, sport di confronto e di contatto, ma tutto è organizzato al meglio. Un esempio illuminante? Il criterio di intervento immediato sul giocatore che si infortuna. Un tempo se uno si faceva male il venerdì non seguiva la squadra, cominciava a essere curato il lunedì o il martedì. Ora non solo segue la squadra, fa comunque gruppo, ma le terapie iniziano da subito, non si perde tempo, non c è sabato o domenica o lunedì che tenga. Il ciclo di lavoro è importante, non finisce mai, ma è corretto che sia così, perché questo toglie ansietà e provvede a soluzioni non affrettate, corrette. Non si riabilita per mandare in campo al più presto, si riabilita per non incorrere, se possibile, in un nuovo infortunio. Le recidive sono minime. Dal punto di vista organizzativo come vi siete attrezzati? Abbiamo 22 fisioterapisti che lavorano sulle 11 squadre, purtroppo mancano strutture centralizzate, lavoriamo su 4 campi distanti tra loro, salvo il centro fisioterapico dove ci occupiamo delle prognosi superiori a un tot di giorni. Ogni fisioterapista si avvale dei prodotti Sixtus per la parte bendaggi e massaggi. Quanto alle macchine, non abbiamo ancora strutturato in maniera ideale il luogo destinato alla riabilitazione, ci avvaliamo di un area di 300 mq coperti con le apparecchiature per la rieducazione e la prevenzione, ma ci si dovrà trasferire, una volta individuato un posto più adatto, centralizzato. Degli elettromedicali di Sixtus facciamo buon uso Il progetto è esportabile, a suo avviso? Non ho dubbi, è un modello applicabile ovunque, e non solo per risparmiare, visto che non ha costi importanti. Potrebbero farlo tutti, anzi dovrebbero. Undici squadre giovanili La Fiorentina ha 11 squadre nel settore giovanile. Prima dei 14 anni di età un giocatore dev essere toscano, risiedere a un ora, un ora e mezza da Firenze. Dopo quell età si reclutano giocatori da tutta Italia e da tutto il mondo.

4 *testimonianze Sergio Alessio (Medico dell Alleghe e della Nazionale italiana di hockey) «le conseguenze possono essere una crisi epilettica lì, sul ghiaccio, oppure il disorientamento, le vertigini» trauma cranico in agguato Medico dell Alleghe e della Nazionale italiana di hockey, senza che nessuno possa lamentare conflitti d interesse, il dottor Sergio Alessio lavora nell ambiente dell hockey ghiaccio dal 2001 ma mai gli era capitato, a Bassano del Grappa, dov è nato e risiedeva, di andare anche solo ad Asiago, in fondo a tre quarti d ora da casa, per una partita di hockey. Semmai badavamo all hockey a rotelle, al massimo all online. Classe 1959, laurea conseguita a Padova, dove si è specializzato in medicina dello sport, Alessio viene dal calcio (con trascorsi da allenatore), ma la passione per la montagna lo ha portato nelle valli alte. Mi ha stregato l ambiente, le logiche dell hockey per chi lo vive senza forzature. È uno sport duro ma non violento, anche se le immagini televisive a volte indugiano sui contatti al limite del regolamento o ben oltre. L hockey per il dottor Alessio è vicenda umana e professionale che ingloba tutti: chi gioca, gli ex-atleti, gli arbitri senza alcun discrimine. Un piccolo mondo antico che somma non più di un migliaio di persone, spettatori esclusi, integrati alla perfezione. Culture e lingue diverse, abitudini differenti, ma il processo di osmosi è perfettamente riuscito, nell ultimo decennio. Veniamo ai traumi, che costellano la disciplina. Occorre distinguere tra patologie gravi e meno gravi, sempre da contatto. Tra le peggiori il trauma cranico che mette a dura prova il medico, conseguenza di impatti contro la balaustra o contro il gomito dell avversario o una steccata. Le conseguenze possono essere immediate ed evidenti una crisi epilettica lì, sul ghiaccio, oppure il disorientamento, le vertigini e questo induce allo stop immediato. In altri casi nessuna conseguenza apparente, che autorizza chi gioca a riprendere il suo posto, come se nulla fosse. Ma i traumi cranici sono subdoli, ricordo gli episodi del Chelsea calcio, quando il portiere Cech, quello che ancora indossa il caschetto, prese una ginocchiata. Riprese a giocare ma poi fu avvicendato e la Tac in ospedale evidenziò un grave trauma cranico. Nella stessa partita Carlo Cudicini, portiere di riserva, rimediò un colpo e rimase tre minuti svenuto, senza alcuna conseguenza. Lo stop non è semplice da valutare ma quando fermo qualcuno non ci sono problemi, le mie decisioni vengono rispettate. Altri gravi guai le lesioni da pattino, da lama, per fortuna rare, ma impressionanti. Vediamo ora le meno gravi: Quelle muscolari sono frequentissime, i guai agli adduttori riguardano il 30% degli infortuni, la parte interna della coscia è sollecitata dagli spostamenti repentini, stiramenti e strappi a livello inguinale, le stesse pubalgie sono frequenti. Quanto ai contrasti, fanno parte del gioco. I giocatori di livello hanno velocità, destrezza, gli impatti sono duri. Poi c è la stecca, una protesi utile, a volte, per fare male. Traumi da ginocchiate ne ho visti pochi, oggi le regole, per fortuna, tutelano i giocatori di talento. Il meglio, per lui, viene dalla prevenzione. La si applica con il warm up e il defaticamento, al termine della partita o dell allenamento, avendo a cuore l idratazione e la corretta alimentazione. Poi ci sono i bendaggi funzionali, il kinesiotape. In caso di incidenti abbiamo efficaci diagnosi strumentali e terapie opportune: ultrasuoni e laser per i traumi meno importanti, con attenzione all uso dei farmaci che hanno comunque effetti collaterali. Voglio dire che gli antinfiammatori non possono essere caramelle. Va detto che i giocatori sono più preparati fisicamente e mentalmente. E non solo i più esperti. Tutti sono ottimi professionisti, consapevoli dell importanza della preparazione fisica e dell obbligo di condurre una vita sana, senza follie. La collaborazione con Sixtus, fornitore ufficiale di prodotti legati alla fisioterapia, cos ha comportato? Solo vantaggi ma non mi contento. Per gli elettromedicali è solo questione di tempo, la validità delle apparecchiature è prioritaria nelle scelte.

5 *testimonianze Guido Tonelli (fisioterapista della nazionale italiana di hokey ghiaccio) «i bastoni tagliano, si rischia parecchio, poi ci sono le deviazioni improvvise che fanno finire il disco sul volto.» problemi di contatto? serissimi Dal 2003 collabora con la nazionale di hockey, dapprima alle Universiadi di Tarvisio, poi con la Giovanile e infine la Senior azzurra: vale a dire nove Mondiali e un Olimpiade (Torino 2006), un altra Universiade (Torino 2007), un appuntamento mancato a Vancouver (gli azzurri nel 2010 non erano stati ammessi) e una serie di appuntamenti di Eurochallenge, oltre ai raduni collegiali della nazionale. Per un totale di almeno tre mesi l anno riservati all hockey, disciplina che Guido Tonelli ha imparato ad amare pur non avendola mai frequentata in gioventù: «Dalle parti mie, a Rovereto, l hockey non esiste, siamo gente di pianura. Tutto è capitato, un po per caso, a Moena, in Val di Fassa, dove lavoravo e ho cominciato con il Fassa, allenato allora da un italo-canadese, Pat Cortina». Tonelli non è un predestinato, molto deve alla sorte: classe 1963, come molti colleghi si è avvicinato alla riabilitazione altrui muovendo dalla propria, per un problema al ginocchio, una lesione al crociato anteriore che nella prima maturità lo ha afflitto. Dopo il diploma in massofisioterapia quest anno sta frequentando il Master di Fisioterapia Sportiva a Pisa, diretto dal professor Marco Gesi, cui Tonelli deve molta gratitudine. In carriera, anche da libero professionista, oltre all hockey si è occupato di pattinaggio di velocità (ha assistito Enrico Fabris alle Universiadi 2007) ma anche di volley (collabora con l Itas Diatec Trentino, per il tirocinio pratico dell Università di Pisa). Veniamo alle problematiche specifiche dell hockey: «Numerosi sono i traumi da contatto, ma la differenza la fa la prevenzione. Falli di malizia ce ne sono, ma il peggio è la classica ginocchiata che qualcuno ogni tanto rifila all avversario, cercandolo per il campo con lucida determinazione. L hockey è uno sport duro, ogni tanto c è chi eccede. Purtroppo in Italia gli arbitri lasciano correre, tanto che quando giochiamo all estero rimediamo minuti su minuti di penalità. I problemi di contatto sono a volte serissimi: i bastoni tagliano, si rischia parecchio, poi ci sono le deviazioni improvvise che fanno finire il disco sul volto. Si danno punti, ogni tanto, ma gli atleti rimangono in campo, appena ricuciti tornano a giocare, nemmeno se ne accorgono». I muscoli più sollecitati sono gli adduttori, con riflessi su schiena e collo. «Gli adduttori risentono maggiormente del carico, ma sono presenti distorsioni, contratture da sovraccarico. Ci avvaliamo, per fortuna, di terapie preventive: di bendaggi funzionali e compressivi se ne fanno tantissimi. Dal 1993 conosco e suggerisco i prodotti Sixtus. Le mie preferenze? La crema neutra che impiego da quasi vent anni non mi ha mai problemi con alcun atleta. Altri prediligono l olio». Per l hockey ha sempre lavorato senza risparmiarsi, spendendo del suo. L aggiornamento professionale, i corsi di formazione dopo la laurea triennale, sono sempre a carico degli operatori collaboratori. Unica eccezione, i collegiali: «Il più importante è stato a Toronto, due anni fa, quando siamo rimasti due settimane in un centro di medicina sportiva e con i fisioterapisti canadesi ci siamo confrontati a lungo. Loro, ma anche gli statunitensi, lavorano quasi esclusivamente con terapie manuali, qualche tens e un po di laser. Ricorrono spesso anche alla chiropratica e all osteopatia. Si occupano anche del lavoro viscerale, un altro precetto della scuola tedesca» Macchinari, pochi e solo i casi particolari: «Un po di diatermia, il laser e qualcosa di elettrostimolazione, niente di più, ma bisogna ragionarne con il medico».

6

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita.

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita. Il metodo Sorin Questo intervento sulla canoa polo non ha un nome, non è un lavoro scientifico ma può considerarsi come il punto di vista di un allenatore di olimpica, nonché giocatore di canoa polo, che

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Cos è una Clubhouse? Una clubhouse è prima di tutto una comunità di persone. Molto di più di un semplice programma, o di un

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

Registrazione partecipanti (Aula Magna)

Registrazione partecipanti (Aula Magna) VENERDI 23 OTTOBRE 13.30 15.00 Registrazione partecipanti (Aula Magna) 15.00 15.30 Apertura ufficiale & Messaggio di benvenuto 15.30 16.30 Sergio Lara Bercial: Caratteristiche dei Serial Winning Coaches

Dettagli

La prima mezza maratona

La prima mezza maratona Allenamento/ passo successivo La prima mezza maratona A cura della redazione Foto: Michele Tusino Siete ormai in grado di correre per un ora. E adesso? Quanti chilometri riuscite a percorrere in questi

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Registrazione partecipanti (Aula Magna)

Registrazione partecipanti (Aula Magna) VENERDI 23 OTTOBRE 13.30 15.00 Registrazione partecipanti (Aula Magna) 15.00 15.30 Apertura ufficiale & Messaggio di benvenuto 15.30 16.30 Sergio Lara Bercial: Caratteristiche dei Serial Winning Coaches

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa

LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013 enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa IL PORTIERE E IL GIOCO DEL CALCIO nel gioco del calcio quello dell

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

law firm of the year Chambers Europe Awards

law firm of the year Chambers Europe Awards Oltre 360 avvocati 4 volte Law Firm of the Year agli IFLR Awards nell ultimo decennio (2011, 2010, 2006, 2004) 9 sedi, 5 in Italia e 4 all estero law firm of the year Chambers Europe Awards for excellence

Dettagli

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci I consigli degli esperti per prevenire problemi di lombalgia: dalla scelta degli scarponi agli esercizi fisici preparatori, all attenzione

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Conclusioni Dopo aver stabilito quale è in termini di forza, controllo e coordinazione

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Il Network Marketing)

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale azzurro: allegato C La formazione degli atleti La formazione degli atleti è svolta prevalentemente nel circolo di appartenenza, e tenendo conto delle differenze dovute

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

... a tutta passione... Main Sponsor

... a tutta passione... Main Sponsor ... a tutta passione... Main Sponsor L AsD Futura Sport Cisterna oggi rappresenta una delle principali società nell ambito della pratica dell avviamento al basket nell intero panorama della provincia di

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

RI EDUCATORE SPORTIVO

RI EDUCATORE SPORTIVO EVENTI Rieducatore Sportivo Note: Costituita nel 2009 come Associazione Culturale, l attuale Rieducatore Sportivo a.s.d. è formata da un team di professionisti che si occupano di Prevenzione attraverso

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda LE TEMATICHE Il contesto competitivo Le competenze delle nuove imprese Gli obiettivi di sopravvivenza e di successo Come scegliere il personale Requisiti

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

Chi siamo? Cosa facciamo? Perché lo facciamo? www.apid.to.it

Chi siamo? Cosa facciamo? Perché lo facciamo? www.apid.to.it Chi siamo? Cosa facciamo? Perché lo facciamo? Tematiche I Essere imprenditore II Difficoltà e sfide III Case history I - Essere imprenditore Perché fare l imprenditore Coltivi le tue passioni Batti

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Saper vincere e saper perdere la gestione dell agonismo

Saper vincere e saper perdere la gestione dell agonismo Saper vincere e saper perdere la gestione dell agonismo a cura di Beppe Basso & Stefano Faletti Corso allenatori LEZIONE COMUNE CSI - VARESE 15 aprile 2013 dal seggiolone alla Coppa del Mondo ABILITA TECNICHE

Dettagli

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso Visti i positivi riscontri avuti, nella corrente stagione sportiva le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il metodo dell autoarbitraggio [

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde UDA 1) Revisione e consolidamento dello schema corporeo. Consolidamento e

Dettagli

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Premise 1 LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Ci sono varie forme di riconciliazione, così come ci sono varie forme di terapia e varie forme di mediazione. Noi qui ci riferiamo alla riconciliazione con una

Dettagli

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta Corso Nazionale Allenatori Terzo Grado Settima Edizione La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta TEMA FONDAMENTALE: Il sistema muro

Dettagli

PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES

PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES Analisi della realtà attuale 1) Carenza di binomi competitivi nella fascia sportiva più alta 2) Difficoltà dell ambiente del salto ostacoli senior a programmare un attività

Dettagli

Cura e prevenzione delle lesioni muscolo scheletriche nello sportivo Massimo Meani Alessandra Galetti. poliambulatorio me.ga via P.

Cura e prevenzione delle lesioni muscolo scheletriche nello sportivo Massimo Meani Alessandra Galetti. poliambulatorio me.ga via P. delle lesioni muscolo scheletriche nello sportivo Massimo Meani Alessandra Galetti Dr.ssa via P. Harris 123 Modena L infortunio è l evento che cambia lo stato di salute di una persona nel calcio secondo

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - raduno, rappresenta una fase fondamentale per creare i presupposti

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

Autore Faouzi Lahbi - Comitato Fidal Veneto

Autore Faouzi Lahbi - Comitato Fidal Veneto La qualità della formazione di un atleta di mezzofondo si giudica a lungo termine, dopo un paziente lavoro progressivo dalle categorie giovanili fino alla categoria senior. Durante tutto il periodo di

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

La preparazione per le gare di 10-12 Km

La preparazione per le gare di 10-12 Km I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare di 10-12 Km Introduzione: le gare di 10-12 Km, sono le più frequenti nei calendari provinciali; la loro distanza, non impegnativa, rende

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Modello fisiologico dei giochi di squadra

Modello fisiologico dei giochi di squadra Teoria dell allenamento Enrico Arcelli Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano: Modello fisiologico dei giochi di squadra Modello fisiologico dei 10.000 m Nei 10.000 m o nella maratona

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA

CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA Intervento di Maurizio D Aurelio Responsabile Sicurezza sul UIL-SGK Per affrontare un tema delicato ed importante come la sicurezza sul lavoro,

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tecnica PROBLEMA: COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli