7.7 Indagini ambientali matrice suolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7.7 Indagini ambientali matrice suolo"

Transcript

1 7.7 Indagini ambientali matrice suolo L area del Comune di Brescia interessata dal fenomeno di inquinamento del suolo è quella riportata nella mappa che segue. Sito nazionale Brescia Caffaro : Area Industriale Area Residenziale I maggio Area Agricola Quartiere Chiesanuova Area Agricola Sud di Chiesanuova

2 Di seguito si analizzano le diverse campagne di caratterizzazione del suolo condotte dagli Enti Indagine effettuata da Arpa nell anno Premessa Con l entrata in vigore del DM 471/ 99 i soggetti competenti hanno iniziato una serie di indagini per verificare il rispetto dei limiti del decreto prima citato. Tra agosto e settembre 21, Arpa, in accordo con l ASL di Brescia, ha sviluppato una campagna di indagine nella porzione sud occidentale del Comune di Brescia, in un intorno significativo dello stabilimento Caffaro. Il territorio sottoposto ad indagine è caratterizzato dalla presenza di insediamenti civili, industriali ed agricoli ed e inserito nel tessuto urbano della citta ad oriente del fiume Mella. Materiali e metodi L indagine si proponeva di effettuare un primo screening della matrice suolo/sottosuolo, in relazione alle informazioni già acquisite dalla Publica Amministrazione, alle dimensioni dell area e ai possibili percorsi di contaminazione dalle sorgenti alle matrici ambientali. In questa prima fase, si è limitata la raccolta delle informazioni ad un intorno significativo di un centro di pericolo (stabilimento Caffaro) e l investigazione al primo sottosuolo, riservandosi, in seconda istanza se necessario, gli opportuni e necessari approfondimenti. In relazione al probabile percorso di contaminazione (fall out, precipitazioni atmosferiche, ruscellamento, ecc.), si è deciso di campionare i primi 2 cm di suolo sotto la cotica erbosa e il sottosuolo. Nel caso di disomogeneità litologica del sottosuolo, in particolare per la presenza di livelli a minore o maggiore permeabilità, il campione di sottosuolo è stato formato dai primi 2 cm di ogni livello. In caso d assenza del suolo si sono prelevati i primi 2 cm di sottosuolo. Nel caso di successione stratigrafica omogenea il campione è stato effettuato ad intervelli regolari. In caso di rifiuti sepolti si sono prelevati i campioni medi, per i soli rifiuti di dubbia natura e di possibile causa di contaminazione. Le indagini chimiche hanno riguardato la ricerca di PCB totali e congeneri, Hg, solventi clorurati e su 24 campioni di suolo ritenuti significativi, PCDD e PCDF. Le modalità di prelievo dei campioni di suolo e sottosuolo, sono state effettuate in considerazione dell Allegato 2 al D.M. 471/99. Risultati Analitici In allegato n1 si riportano: i punti di campionamento; le mappe tematiche relative alla concentrazione di PCB e merurio nei suoli; le tabelle con i valori delle concentrazioni per ogni punto di campionamento.

3 Risultati per il PCB Dall esame dei risultati relativi al PCB si evidenzia come l area posta a Nord della Caffaro, altimetricamente piu elevata, vi siano valori uguali o inferiori a 3 µg/kg. A valle della Caffaro i valori, in modo disomogeneo, aumentano di un ordine di grandezza fino a 6 µg/kg (punti n. 6, 7 e 13). L insieme dei campioni non rimaneggiati, ubicati esclusivamente nell area agricola a sud ovest della Caffaro, evidenzia le maggiori concentrazioni in assoluto, in adiacenza delle canalette irrigue (punti n. 25 e 31). Allontanandosi dalle canalette le concentrazioni tendono a ridursi, come si evince dalla successione delle concentrazioni nei punti n. 25, 32 e 27 oppure dalla successione nei punti n. 31, 3 e 29. Verticalmente le concentrazioni sembrano aver evidenziato l assenza di una relazione univoca tra la superficialità del campione e l aumento delle concentrazioni, ciò potrebbe trovare la sua giustificazione nella natura arativa di tali aree, ove periodicamente vi è un rimescolamento degli strati superficiali del suolo o anche alla piu alta concentrazione di sostanze di natura organica, come si può rilevare dal residuo a 55 C. In nessun campione si è rilevato il superamento della concentrazione limite accettabile per siti ad uso commerciale e industriale (5. µg/kg). PCB: Distribuzione campioni / concentrazioni 25 2 n campioni < > 1 Concentrazioni [µg/kg]

4 PCB: distribuzione dei campioni in percentuale concentrazione µg/kg < > 1 Risultati per il mercurio Per quanto concerne il mercurio si evidenzia che i campioni a Nord del centro di pericolo presentano concentrazioni inferiori al limite di accettabilità per siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale, mentre a Sud presentano valori in alcuni casi maggiori di tale limite. In particolare nella zona agricola a Sud Ovest si riscontrano valori superiori anche al limite di accettabilità per l uso commerciale ed industriale nei dei punti n. 25 e 32.

5 Contenuto di Hg nel suolo e nel sottosuolo Hg - Distribuzione campioni/concentrazioni 3 25 n campioni < > 1 Concentrazioni [mg/kg] Hg: distribuzione dei campioni in percentuale 43% 35% 1% 21% concentrazione (µg/kg) < > 1 Risultati per il PCDD-PCDF In 24 punti ritenuti significativi per la presenza di PCB, si è eseguita un ulteriore indagine di Laboratorio per quantificare l eventuale presenza di microinquinanti ad alta tossicità che possono accompagnare i PCB. Infatti, durante il processo di sintesi dei PCB, un potenziale prodotto di reazione indesiderato è rappresentato dalle famiglie dei PCDD e PCDF. Questi sottoprodotti si formano, durante alcune fasi della sintesi, distillazione e purificazione dei PCB, causate soprattutto dall indesiderata presenza di Ossigeno ad alte pressioni e temperature. L analisi dei PCDD e PCDF è stata condotta presso il Laboratorio di microinquinanti dell ARPA Dipartimento di Milano, che storicamente, fin dall incidente del Luglio 1976 (Seveso), esegue questo tipo di determinazioni. La somma di PCDD+PCDF, come previsto dal D.M. 471/99, è stata espressa come TEQ (totale equivalente). Dei 24 campioni esaminati in 13 casi le concentrazioni sono risultate inferiori al limite più restrittivo del D.M. 471/99, previsto per i siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale (in 7 casi si è

6 addirittura a valori inferiori a 1 ng/kg-ss); per 5 campioni si presentano valori compresi tra i limiti delle colonne A e B del D.M. 471/99. Infine 6 punti sono sicuramente irregolari poiché superiori a 1 ng/kg ss, limite per i siti ad uso commerciale e industriale, con un picco di oltre 1.5 ng/kg ss nel sondaggio 25/A. La ripartizione delle concentrazioni di PCDD+PCDF è rappresentata nella figura che segue. Contenuto di Policlorodibenzodiossine e di Policlorodibenzofurani nel suolo e nel sottosuolo PCDD+PCDF: Distribuzione campioni/concentrazioni 1 8 n campioni < > 1 Concentrazioni [ng/kg] PCDD+PCDF distribuzione dei campioni in percentuale 25% 21% 29% 4% 21% concentrazione (ng/kg) < > 1 In tutti i campioni si evidenzia una netta prevalenza di PCDF; la presenza di PCDD è quasi sempre limitata alle classi esa, epta, octa sostituite (meno tossiche rispetto alle tetra e penta sostituite). Anche in questo caso si rileva la massima concentrazione nel punto 25/A. Da sottolineare che la presenza dei microinquinanti è limitata agli strati superficiali del suolo.

7 7.7.2 Indagine effettuata da Arpa e Comune di Brescia nell anno 22 Questa indagine è stata condotta nell area limitrofa alla zona industriale e allo stabilimento Caffaro, considerando come confine a monte via Milano e come confine a valle la ferrovia Milano Brescia che può aver rappresentato una barriera fisica alla diffusione dell inquinamento. Nella mappa che segue si riporta l area oggetto dell indagine. Sito nazionale Brescia Caffaro : Area Industriale Area Residenziale I maggio Area Agricola Materiali e metodi L'area e' stata suddivisa in quattro zone urbanisticamente omogenee: " Zona residenziale " costituita da giardini ed orti prospicienti le abitazioni ubicate all'interno del quartiere I maggio; la porzione di territorio e' stata suddivisa in unità di base aventi dimensione dell'isolato ; per ogni isolato si e' provveduto al campionamento da 2 a 5 punti in funzione dell'estensione della parcella; complessivamente sono stati presi in considerazione n.17 isolati. " Zona mista " individuata tra le aiuole e parchi pubblici, verde di pertinenza di grandi centri residenziali; in questo caso l'unita' di base e' coincisa con le singole proprietà; sono stati individuati n. 7 comparti. " Zona agricola" parcella del territorio destinata prevalentemente ad attività agricole; in considerazione dell'estensione del sito la zona e' stata suddivisa in griglie prevalentemente a maglia quadrata di 15 m di lato. " Zona industriale " costituita da suoli destinati ad attività industriale; la zona e' stata esclusa dall'indagine in quanto oggetto di altre valutazioni specifiche.

8 In considerazione dei risultati analitici e stratigrafici acquisiti in sede di prima indagine geoambientale nella quale si era evidenziato un inquinamento in prevalenza limitato agli strati superficiali del suolo e del primo sottosuolo in corrispondenza dello strato arativo, si e' ritenuto di procedere a campionamento mediante carotaggio effettuato con un cilindro di acciaio del diametro di 1 mm ed altezza 35 mm calato nel terreno tramite colpi di maglio. Sono stati prelevati e georeferenziati n.183 campioni di suolo (Mappa Campionamento Suoli Ordinanza). In sede di laboratorio ogni cilindro e' stato svuotato del contenuto, costituente un campione elementare; una volta omogeneizzato e' stato suddiviso in più aliquote, una delle quali e' stata custodita come tale in modo da essere disponibile per eventuali approfondimenti. Il campione di analisi rappresentativo della particella (isolato, maglia) è stato costruito da aliquote di uguale peso di ogni campione puntuale costituente la particella stessa. Di norma per quanto riguarda le maglie il campione di analisi e' normalmente stato formato da cinque aliquote di campione puntuale, per gli isolati da tutte le aliquote dei punti ricompresi nella pertinenza. I risultati delle analisi chimiche sono stati rielaborati in mappe tematiche nelle quali una gradazione del colore (dal piu' chiaro al piu' scuro) indica la variazione della concentrazione nella maglie: e' sempre presente, per ogni maglia analizzata il valore di concentrazione, espresso nell'unita' di misura riportata in legenda. In ogni mappatura dei suoli e' riportato il limite di legge di riferimento che per i suoli e' il DM 471/99. Le mappe tematiche sono riportate in allegato n. 1

9 Risultati Analitici I risultati analitici per Mercurio (Hg) (Mappatura Hg Suoli Ordinanza), PCB (Mappatura PCB Suoli Ordinanza), Diossine (PCDD+PCDF (TE)) (Mappatura PCDD-PCDF Suoli Ordinanza) confermano quanto emerso nella prima indagine geoambientale : il trasporto di sedimenti dei corsi d'acqua superficiali e la movimentazione dei materiali di risulta hanno rappresentato le vie preferenziali di inquinamento. L'ipotesi e' avvalorata dalla sovrapponibilita' delle mappe relative alle concentrazioni dei singoli inquinanti; non solo ma sono indici delle modalita' con cui ha avuto luogo la diffusione: le zone agricole che mostrano valori significativamente piu' elevati hanno subito il trasferimento degli inquinanti a mezzo trasporto di sedimenti deposti sugli alvei delle rogge a seguito di pratiche agricole; in questo caso le mappe dimostrano una diffusione degli inquinanti piu' omogenea; le zone urbanizzate sono invece interessate dal fenomeno della movimentazione dei materiali e mostrano di conseguenza un inquinamento irregolare definibile a "macchia di leopardo". Per quanto riguarda la presenza nei suoli di PCDD+PCDF si conferma la netta prevalenza dei Policlorodibenzofurani, costituenti il contributo piu' rilevante a fini del calcolo della concentrazione espressa in TE. L'analisi dei 18 congeneri dei PCB continua ad evidenziare la netta prevalenza dei composti esa ed epta clorurati rispetto alla massa totale. I risultati analitici vengono riportati nelle tabelle che seguono. Indagine Geoambientale PCBL congeneri nei suoli ordine di congenere limite di maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia eluizione PCB rivelabilità * A * B *C * D * E * F * H * M * N * O * P <2 17 <2 <2 <2 3 <2 <2 <2 <2 < < < 5 <5 <5 <5 5 <5 <5 < <5 96 l '5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 < < < 3 <3 <3 < 3 < < <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 < <2 <2 <2 4 <2 < <2 55 le <2 <2 <2 2 <2 < < < 3 <3 < 3 <3 < < < 2 <2 3 <2 <2 < < <2 < 2 <2 2 < 2 2 < < < <2 <2 <2 <2 <2 <2 < < < < < <1 < 1 2 < 1 < < <2 <2 <2 <2 <2 <2 2 < < < < 1 7 Totale * valori in un/kg iss del tal quale

10 Indagine Geoambientale PCBL congeneri nei suoli ordine di congenere limite di maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia maglia eluizione PCB rivelabilità * Q * R * S * T * U * V * Z * W * X * Y * AA <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 15 <2 < <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 3 <5 < <5 <5 <5 <5 <5 <5 5 <.5 75 <5 < <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 81 < <3 <3 5 <3 <3 <3 <3 <3 27 <3 < <2 <2 2 <2 < <2 <2 <2 <2 < <3 3 < < <2 <2 <2 <2 < <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 18 <2 < <2 <2 <2 <2 <2 <2 5 < ' <1 <1 1 <1 <1 3 <' <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 27 <2 < Totale * valori in un/kg iss del tal quale

11 Indagine Geoambientale PCBL congeneri nei suoli ordine di congenere limite di maglia campione campione campione eluizione PCB rilevabilità 'AC <2 <2 < < 5 <5 < < 5 < < 3 < <2 < < 2 < < < totale * valori in un/kg iss del tal quale

12 Elaborazione statistica Di seguito viene riportata una prima analisi statistica dei dati, per il PCB tot, PCDD/F (Teq), Hg relativi alla sola area agricola, in quanto i dati relativi alle aree residenziali e ai parchi pubblici verranno considerati nei capitoli successivi in relazione ad indagini più approfondite. Nella tabella seguente sono riportate le seguenti grandezze: valore medio; valore massimo; valore minimo; mediana; deviazione standard; %di superi tabella 1 A e 1 B N superi limite tabella 1 A e 1 B. Al fine di facilitare la lettura dei dati di seguito si riportano i limiti stabiliti dal D.M. 471/99, in vigore al momento dell effetuazione della caratterizzazione in esame. Limiti D.M. 471/99 Inquinante Limite Tabella 1A Limite Tabella 1B PCB tot,1 mg/kgss 5 mg/kgss PCDD/F 1 ng/kg Teq 1 ng/kg Teq Hg 1 mg/kgss 5 mg/kgss As 2 mg/kgss 5 mg/kgss Tabella 1A: Siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale. Tabella 1B: Siti ad uso commerciale ed industriale. PCB tot PCDD/F (mg/kgss) (ng/kg Teq) Hg(mg/kgSS) Concentrazione max 8,3 3322, 29, Concentrazione min,1,,3 Concentrazione media 1, ,85 3, Mediana delle concentrazioni,5 57, 2, Dev standard 1,837 68,83 4,5 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 1,% 87,2% 7,2% N superi limite tabella 1B % superi tabella 1B 6,4% 36,2% 12,8%

13 Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo. Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot_zona agricola_21_ A e il limite 3 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_pcdd_f_zona agricola_21_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

14 Distribuzione in classi di frequenza_hg_zona agricola_21_ A e il limite 6 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Confronto con i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/99 Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 1 % dei campioni per il parametro PCB, del 7,2% per Hg, e del 87,2 % per il parametro PCDD - PCDF. Si nota che gli unici superi dei limiti della tabella 1b si hanno per il parametro PCB tot nel 6,4% per PCDD PCDF nel 36,2% e per Hg nel 12,8% dei casi analizzati. Alla luce dei dati sopra riportati l ASL di Brescia ha richiesto al Sindaco di Brescia di prevedere mediante ordinanza l isituzione di divieti per evitare l esposizione dei cittadini agli inquinanti presenti nel suolo e sottosuolo. Questo argomento è stato trattato in dettaglio in altro capitolo della presente relazione.

15 7.7.3 Indagine effettuata da ARPA e Comune di Brescia presso il Quartiere Chiesanuova nell anno 23 L indagine ha riguardato il territorio posto nel Quartiere Chiesanuova, effettuata dal Comune di Brescia e dall Arpa di Brescia, è iniziata nel Luglio 23 e si è conclusa a Settembre 24. Le aree a sud del Sito Nazionale nel quartiere Chiesanuova sono state indagate con lo stesso metodo di campionamento dell indagine del 22 di cui al precedente punto. Parametri ricercati: antimonio, arsenico, cadmio, mercurio, piombo, zinco, nichel, rame, PCB, PCDD PCDF (metodo analitico: GC MS in alta risoluzione determinazione di 17 congeneri); per il PCB: gas cromatografia con ECD con 3 o 4 standard (aroclor 1242 non sempre, aroclor 1254, aroclor 126, decaclorobifenile). Complessivamente sono stati prelevati 34 campioni di suolo superficiale (primi 35 cm) per un totale di 16 Isolati. Metodi di campionamento L'area e' stata suddivisa in zone urbanisticamente omogenee: " Zona residenziale " costituita da giardini ed orti prospicienti le abitazioni ubicate all'interno del Quartiere Chiesanuova ; la porzione di territorio e' stata suddivisa in unità di base aventi dimensione dell'isolato ; per ogni isolato si e' provveduto al campionamento da 2 a 5 punti in funzione dell'estensione della parcella; complessivamente sono stati presi in considerazione n.76 isolati. " Zona mista " individuata tra le aiuole e parchi pubblici, verde di pertinenza di grandi centri residenziali; in questo caso l'unita' di base e' coincisa con le singole proprietà; sono stati individuati n. 3 comparti. In considerazione dei risultati analitici e stratigrafici acquisiti in sede di prima indagine geoambientale nella quale si era evidenziato un inquinamento in prevalenza limitato agli strati superficiali del suolo e del primo sottosuolo in corrispondenza dello strato arativo, si e' ritenuto di procedere a campionamento mediante carotaggio effettuato con un cilindro di acciaio del diametro di 1 mm ed altezza 35 mm calato nel terreno tramite colpi di maglio. I campioni di suolo prelevati sono stati georeferenziati. In sede di laboratorio ogni cilindro e' stato svuotato del contenuto, costituente un campione elementare; una volta omogeneizzato e' stato suddiviso in più aliquote, una delle quali e' stata custodita come tale in modo da essere disponibile per eventuali approfondimenti. Il campione di analisi rappresentativo della particella (isolato, maglia) è stato costruito da aliquote di uguale peso di ogni campione puntuale costituente la particella stessa. Di norma per quanto riguarda le maglie il campione di analisi e' normalmente stato formato da cinque aliquote di campione puntuale, per gli isolati da tutte le aliquote dei punti ricompresi nella pertinenza. Il campione sottoposto ad analisi è il campione ottenuto dalla miscelamento dei singoli campionamenti puntuali. Quindi per ogni superficie/maglia si è generato un solo dato analitico per ogni inquinante analizzato. In allegato n. 2 sono riportati i rusultati mediante mappe tematiche con gradazione di colore, nelle quali il colore più scuro rappresenta le zone a maggior concentrazione. Per ogni maglia-isolato viene riportato anche il valore della concentrazione. Tutti i valori sono riferiti al D.M. 471/99 in quanto legge vigente al momento dell effetuazione dell indagine.

16 Risultati Analitici: elaborazione statistica Di seguito viene riportata una prima analisi statistica dei dati, per il PCB tot, PCDD/F (Teq), Hg, As. Nella tabella seguente sono riportate le seguenti grandezze: valore medio; valore massimo; valore minimo; mediana; deviazione standard; %di superi tabella 1 A e 1 B N superi limite tabella 1 A e 1 B. Al fine di facilitare la lettura dei dati di seguito si riportano i limiti stabiliti dal D.M. 471/99, in vigore al momento dell effetuazione della caratterizzazione in esame. Limiti D.M. 471/99 Inquinante Limite Tabella 1A Limite Tabella 1B PCB tot,1 mg/kgss 5 mg/kgss PCDD/F 1 ng/kg Teq 1 ng/kg Teq Hg 1 mg/kgss 5 mg/kgss As 2 mg/kgss 5 mg/kgss Tabella 1A: Siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale. Tabella 1B: Siti ad uso commerciale ed industriale.

17 PCB tot (mg/kgss) PCDD/F (ng/kg Teq) As(mg/kgSS) Hg(mg/kgSS) Concentrazione max 18,9 482, 54,9 9, Concentrazione min,1,5 2,5,5 Concentrazione media,418 64,66 16,5 1,58 Mediana delle concentrazioni,75 39,3 14,6 1,1 Dev standard 1,889 71,79 6,9 1,5 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 96,2% 89,3% 2,2% 51,% N superi limite tabella 1B % superi tabella 1B 1,% 19,4% 1,% 3,8% Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo. Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot_quartiere Chiesanuova_ A e il limite 1 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

18 Distribuzione in classi di frequenza_pcdd_f_quartiere Chiesanuova_ A e il limite 2 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_as_quartiere Chiesanuova_ A e il limite 1 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_hg_quartiere Chiesanuova_ A e il limite 4 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

19 Confronto con i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/99 Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 96,2 % dei campioni per il parametro PCB, del 51% per Hg, del 2,2 % per As e del 89,3 % per il parametro PCDD - PCDF. Si nota i superi dei limiti della tabella 1b si hanno per il parametro PCB nel 1%, per PCDD PCDF nel 19,4%, per Hg nel 3,8% e per As nel 1% dei casi analizzati. Alla luce dei dati sopra riportati l ASL di Brescia ha richiesto al Sindaco di Brescia di prevedere mediante ordinanza l isituzione di divieti per evitare l esposizione dei cittadini agli inquinanti presenti nel suolo e sottosuolo. Questo argomento è stato trattato in dettaglio in altro capitolo della presente relazione.

20 7.7.4 Indagine effettuata da ARPA e Comune di Brescia presso il Campo Calvesi, il Parco Passo Gavia, la Pista Ciclabile di via Milano, l Aiuola di via Nullo nell anno 24. E stata eseguita una campagna di caratterizzazione di alcune aree pubbliche all interno del Sito Nazionale. Nella mappa che segue si riportano le aree in esame Sito nazionale Brescia Caffaro : Area Industriale Aiuola di via Nullo Campo Calvesi Parco Passo Gavia Pista ciclabile Il territorio è stato suddiviso in maglie quadrate con lato 25 metri (ad eccezione della pista ciclabile). Per ogni maglia si sono eseguiti campionamenti nei vertici e nel baricentro di ogni maglia. Il campione sottoposto ad analisi è il campione ottenuto dal miscelamento dei 5 campioni puntuali prima descritti. Quindi per ogni maglia si è generato un solo dato analitico per ogni inquinante analizzato. Parametri ricercati: arsenico, mercurio, PCB, PCDD PCDF (metodo analitico: GC MS in alta risoluzione determinazione di 17 congeneri); per il PCB: gas cromatografia con ECD con 4 standard (aroclor 1242, aroclor 1254, aroclor 126, decaclorobifenile).

21 Metodi di campionamento In considerazione dei risultati analitici e stratigrafici acquisiti in sede di prima indagine geoambientale nella quale si era evidenziato un inquinamento in prevalenza limitato agli strati superficiali del suolo e del primo sottosuolo in corrispondenza dello strato arativo, si e' ritenuto di procedere a campionamento mediante carotaggio effettuato con un cilindro di acciaio del diametro di 1 mm ed altezza 35 mm calato nel terreno tramite colpi di maglio. I campioni di suolo prelevati sono stati georeferenziati. In sede di laboratorio ogni cilindro e' stato svuotato del contenuto, costituente un campione elementare; una volta omogeneizzato e' stato suddiviso in più aliquote, una delle quali e' stata custodita come tale in modo da essere disponibile per eventuali approfondimenti. Il campione di analisi rappresentativo della maglia è stato costruito da aliquote di uguale peso di ogni campione puntuale costituente la particella stessa. In allegato n. 3 sono riportati i rusultati mediante mappe tematiche con gradazione di colore, nelle quali il colore più scuro rappresenta le zone a maggior concentrazione. Per ogni maglia viene riportato anche il valore della concentrazione. Tutti i valori sono riferiti al D.M. 471/99 in quanto legge vigente al momento dell effetuazione dell indagine. Risultati Analitici: elaborazione statistica Di seguito viene riportata una prima analisi statistica dei dati, per il PCB tot, PCDD/F (Teq), Hg, As. Nella tabella seguente sono riportate le seguenti grandezze: valore medio; valore massimo; valore minimo; mediana; deviazione standard; %di superi tabella 1 A e 1 B N superi limite tabella 1 A e 1 B. Al fine di facilitare la lettura dei dati di seguito si riportano i limiti stabiliti dal D.M. 471/99, in vigore al momento dell effetuazione della caratterizzazione in esame. Nell elaborazione dei dati quando il valore della concentrazione del campione è risultato inferiore al limite di rilevamento si è adottato in via cautelativa, come valore di concentrazione di riferimento la metà di tale limite. Limiti D.M. 471/99 Inquinante Limite Tabella 1A Limite Tabella 1B PCB tot,1 mg/kgss 5 mg/kgss PCDD/F 1 ng/kg Teq 1 ng/kg Teq Hg 1 mg/kgss 5 mg/kgss As 2 mg/kgss 5 mg/kgss Tabella 1A: Siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale. Tabella 1B: Siti ad uso commerciale ed industriale.

22 Campo Calvesi PCB tot PCDD/F (mg/kgss) (ng/kg Teq) Hg (mg/kgss) As(mg/kgSS) Concentrazione max 1318, ,22 41,4 134,4 Concentrazione min, ,94 <1 12,8 Concentrazione media 66, ,99 3,9 62,3 Mediana delle concentrazioni 1, ,42 1,5 55, Deviazione standard 25, ,62 7,9 3,9 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 1,% 1,% 61,2% 91,8% N superi limite tabella 1B % superi tabella 1B 24,5% 1,% 14,3% 59,2% Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo. Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot Campo Calvesi_ A e il limite 8 1B e il 1 volte il limite 4 Maggiori di 1 volte il

23 Distribuzione in classi di frequenza_pcdd/f Campo Calvesi_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_hg Campo Calvesi_ A e il limite 7 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il range concentrazioni Distribuzione in classi di frequenza_as_ Campo Calvesi_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

24 Parco Passo gavia PCB tot PCDD/F (mg/kgss) (ng/kg Teq) Hg(mg/kgSS) As(mg/kgSS) Concentrazione max 2,875 47,78 7,9 145,2 Concentrazione min,12 27,69 <1 13,8 Concentrazione media,466 37,34 1,7 56,3 Mediana delle concentrazioni,139 36,54,5 51,3 Deviazione standard,724 1,7 2,1 31,2 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 1,% 1,% 45,5% 86,4% N superi limite tabella 1B 2 12 % superi tabella 1B,%,% 9,1% 54,5% Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo. Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot_parco Passo Gavia_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

25 Distribuzione in classi di frequenza_pcdd/f_parco Passo Gavia_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_hg_parco Passo Gavia_ A e il limite 2 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

26 Distribuzione in classi di frequenza_as_parco Passo Gavia_ A e il limite 12 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

27 Pista Ciclabile PCB tot PCDD/F (mg/kgss) (ng/kg Teq) Hg(mg/kgSS) As(mg/kgSS) Concentrazione max 1598, ,9 9,7 327,7 Concentrazione min, ,39 <1 6,7 Concentrazione media 141, ,24 2,7 91,9 Mediana delle concentrazioni 2, ,24 3,3 34,9 Deviazione standard 439, ,63 3,6 111,5 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 1,% 1,% 61,5% 53,8% N superi limite tabella 1B % superi tabella 1B 46,2% 1,% 38,5% 46,2% Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo. Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot_pista ciclabile_ A e il limite 5 1B e il 1 volte il limite 1 Maggiori di 1 volte il

28 Distribuzione in classi di frequenza_pcdd/f_pista ciclabile_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_hg_pista ciclabile_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

29 Distribuzione in classi di frequenza_as_pista ciclabile_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

30 Aiuola Via Nullo PCB tot PCDD/F (mg/kgss) (ng/kg Teq) Hg(mg/kgSS) As(mg/kgSS) Concentrazione max 8,244 46,5 1,5 27,1 Concentrazione min,12 42,72 <1 13,1 Concentrazione media,93 44,38,8 18,8 Mediana delle concentrazioni,191 44,38,5 2,1 Deviazione standard 2,435 2,35,4 5,1 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 1,% 1,% 36,4% 54,5% N superi limite tabella 1B 1 % superi tabella 1B 9,1%,%,%,% Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo. Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot_aiuola via Nullo_ A e il limite 1 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

31 Distribuzione in classi di frequenza_pcdd/f_aiulo via Nullo_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il limite tab. 1B Distribuzione in classi di frequenza_hg_aiuola via Nullo_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

32 Distribuzione in classi di frequenza_as_aiuola via Nullo_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

33 Confronto con i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/99 Campo Calvesi Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili (C.L.A.) del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 1% dei campioni per il parametro PCB, nel 1% dei campioni per il parametro PCDD/F, nel 61,2 % per Hg, del 91,8 % per As. Si nota che i superi dei limiti della tabella 1B si hanno per il parametro PCB nel 24,5%, per PCDD PCDF nel 1%, per Hg nel 14,3% e per As nel 59,2% dei casi analizzati. Parco Passo Gavia Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili (C.L.A.) del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 1% dei campioni per il parametro PCB, nel 1% dei campioni per il parametro PCDD/F, nel 45,5% per Hg, del 86,4 % per As. Si nota che i superi dei limiti della tabella 1B si hanno per il parametro PCB nel %, per PCDD PCDF nel %, per Hg nel 9,1% e per As nel 54,5% dei casi analizzati. Pista ciclabile Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili (C.L.A.) del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 1% dei campioni per il parametro PCB, nel 1% dei campioni per il parametro PCDD/F, nel 61,5 % per Hg, del 53,8 % per As. Si nota che i superi dei limiti della tabella 1b si hanno per il parametro PCB nel 46,2%, per PCDD PCDF nel 1%, per Hg nel 38,5% e per As nel 46,2% dei casi analizzati. Aiuola via Nullo Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili (C.L.A.) del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 1% dei campioni per il parametro PCB, nel 1% dei campioni per il parametro PCDD/F, nel 36,4 % per Hg, del 54,5 % per As. Si nota che i superi dei limiti della tabella 1b si hanno per il parametro PCB nel 9,1%, per PCDD PCDF nel %, per Hg nel % e per As nel % dei casi analizzati.

34 7.7.5 Indagine effettuata da ARPA e Comune di Brescia presso i giardini delle abitazioni private del quartiere I maggio nell anno E stata eseguita una campagna di campionamento dei terreni dei giardini privati delle abitazioni poste nel sito di interesse nazionale Brescia Caffaro Quartiere I maggio. Per ogni abitazione sono stati prelevati 5 campioni (per le aree più piccole 3 o 4). Le aree con superficie > 625 m 2 sono state suddivise in maglie quadrate con lato di 25 m ed il campionamento è stato eseguito nei vertici e nel baricentro di ogni singola maglia. Parametri ricercati: antimonio, arsenico, cadmio, piombo, zinco, nichel, rame, mercurio, PCB, PCDD PCDF (metodo analitico: GC MS in alta risoluzione determinazione di 17 congeneri); per il PCB: gas cromatografia con ECD con 4 standard (aroclor 1242, aroclor 1254, aroclor 126, decaclorobifenile). Metodi di campionamento In considerazione dei risultati analitici e stratigrafici acquisiti in sede di prima indagine geoambientale nella quale si era evidenziato un inquinamento in prevalenza limitato agli strati superficiali del suolo e del primo sottosuolo in corrispondenza dello strato arativo, si e' ritenuto di procedere a campionamento mediante carotaggio effettuato con un cilindro di acciaio del diametro di 1 mm ed altezza 35 mm calato nel terreno tramite colpi di maglio. I campioni di suolo prelevati sono stati georeferenziati. In sede di laboratorio ogni cilindro e' stato svuotato del contenuto, costituente un campione elementare; una volta omogeneizzato e' stato suddiviso in più aliquote, una delle quali e' stata custodita come tale in modo da essere disponibile per eventuali approfondimenti. Il campione di analisi rappresentativo della particella (giardino, maglia) è stato costruito da aliquote di uguale peso di ogni campione puntuale costituente la particella stessa. Di norma per quanto riguarda le maglie il campione di analisi e' normalmente stato formato da cinque aliquote di campione puntuale, per gli isolati da tutte le aliquote dei punti ricompresi nella pertinenza. Il campione sottoposto ad analisi è il campione ottenuto dalla miscelamento dei singoli campionamenti puntuali. Quindi per ogni superficie/maglia si è generato un solo dato analitico per ogni inquinante analizzato. In allegato n. 4 sono riportati i rusultati mediante mappe tematiche con gradazione di colore, nelle quali il colore più scuro rappresenta le zone a maggior concentrazione. Per ogni giardino-maglia viene riportato anche il valore della concentrazione. Tutti i valori sono riferiti al D.M. 471/99 in quanto legge vigente al momento dell effetuazione dell indagine.

35 Risultati Analitici: elaborazione statistica Di seguito viene riportata una prima analisi statistica dei dati, per il PCB tot, PCDD/F (Teq), Hg, As. Nella tabella seguente sono riportate le seguenti grandezze: valore medio; valore massimo; valore minimo; mediana; deviazione standard; %di superi tabella 1 A e 1 B N superi limite tabella 1 A e 1 B. Al fine di facilitare la lettura dei dati di seguito si riportano i limiti stabiliti dal D.M. 471/99, in vigore al momento dell effetuazione della caratterizzazione in esame. Nell elaborazione dei dati quando il valore della concentrazione del campione è risultato inferiore al limite di rilevamento si è adottato in via cautelativa, come valore di concentrazione di riferimento la metà di tale limite. Limiti D.M. 471/99 Inquinante Limite Tabella 1A Limite Tabella 1B PCB tot,1 mg/kgss 5 mg/kgss PCDD/F 1 ng/kg Teq 1 ng/kg Teq Hg 1 mg/kgss 5 mg/kgss As 2 mg/kgss 5 mg/kgss Tabella 1A: Siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale. Tabella 1B: Siti ad uso commerciale ed industriale. PCB tot (mg/kgss) PCDD/F (ng/kg Teq) Hg(mg/kgSS) As(mg/kgSS) Concentrazione max 1, ,74 15,4 81,2 Concentrazione min,1,4 <1 1,3 Concentrazione media,37 5,44,9 14,7 Mediana delle concentrazioni,16 2,53,5 12,7 Deviazione standard,879 12,6 1,6 8,6 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 99,7% 68,% 17,7% 19,7% N superi limite tabella 1B % superi tabella 1B,7% 9,1% 2,%,3%

36 Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo. Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot_giardini privati I maggio_24/ A e il limite 2 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_pcdd/f_giardini privati I maggio_24/ A e il limite 26 1B e il 1 volte il limite 2 Maggiori di 1 volte il

37 Distribuzione in classi di frequenza_hg_giardini privati I maggio_24/ A e il limite 6 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_as_giardini privati I maggio_24/ A e il limite 1 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Confronto con i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/99 Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 99,7% dei campioni per il parametro PCB, nel 68,% dei campioni per il parametro PCDD/F, nel 17,7 % per Hg, del 19,7% per As. Si nota che i superi dei limiti della tabella 1B si hanno per il parametro PCB nel,7%, per PCDD PCDF nel 9,1%, per Hg nel 2,% e per As nel,3% dei casi analizzati.

38 7.7.6 Indagine effettuata da ARPA e ASL nei terreni a sud del quartiere Chiesanuova nell anno 24 con campionamento puntuale (indagine esplorativa). Nel periodo luglio agosto 24 l ARPA, in collaborazione con l ASL di Brescia (che contestualmente ha prelevato campioni di vegetali e animali destinati al consumo umano), ha eseguito 26 campionamenti nell area a sud del quartiere Chiesanuova fino al confine con il Comune di Castelmella. Il campione analitico è un campione puntuale raccolto in corrispondenza degli ortaggi prelevati dall ASL. Parametri ricercati: antimonio, arsenico, cadmio, piombo, zinco, nichel, rame, mercurio, PCB, PCDD PCDF (metodo analitico: GC MS in alta risoluzione determinazione di 17 congeneri); per il PCB: gas cromatografia con ECD con 4 standard (aroclor 1242, aroclor 1254, aroclor 126, decaclorobifenile). Metodi di campionamento In considerazione dei risultati analitici e stratigrafici acquisiti in sede di prima indagine geoambientale nella quale si era evidenziato un inquinamento in prevalenza limitato agli strati superficiali del suolo e del primo sottosuolo in corrispondenza dello strato arativo, si e' ritenuto di procedere a campionamento mediante carotaggio effettuato con un cilindro di acciaio del diametro di 1 mm ed altezza 35 mm calato nel terreno tramite colpi di maglio. I campioni di suolo prelevati sono stati georeferenziati. In allegato n. 5 sono riportati i rusultati mediante mappe tematiche con gradazione di colore, nelle quali il colore più scuro rappresenta le zone a maggior concentrazione. Per ogni maglia-isolato viene riportato anche il valore della concentrazione. Tutti i valori sono riferiti al D.M. 471/99 in quanto legge vigente al momento dell effetuazione dell indagine. Risultati Analitici: elaborazione statistica Di seguito viene riportata una prima analisi statistica dei dati, per il PCB tot, PCDD/F (Teq), Hg, As. Nella tabella seguente sono riportate le seguenti grandezze: valore medio; valore massimo; valore minimo; mediana; deviazione standard; %di superi tabella 1 A e 1 B N superi limite tabella 1 A e 1 B Al fine di facilitare la lettura dei dati di seguito si riportano i limiti stabiliti dal D.M. 471/99, in vigore al momento dell effetuazione della caratterizzazione in esame. Nell elaborazione dei dati quando il valore della concentrazione del campione è risultato inferiore al limite di rilevamento si è adottato in via cautelativa, come valore di concentrazione di riferimento la metà di tale limite.

39 Limiti D.M. 471/99 Inquinante Limite Tabella 1A Limite Tabella 1B PCB tot,1 mg/kgss 5 mg/kgss PCDD/F 1 ng/kg Teq 1 ng/kg Teq Hg 1 mg/kgss 5 mg/kgss As 2 mg/kgss 5 mg/kgss Tabella 1A: Siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale. Tabella 1B: Siti ad uso commerciale ed industriale. PCB tot PCDD/F (mg/kgss) (ng/kg Teq) Hg(mg/kgSS) As(mg/kgSS) Concentrazione max 2, , 4,3 23,8 Concentrazione min,4,7, 1,1 Concentrazione media,354 41,79 1,2 14,9 Mediana delle concentrazioni,13 27,8,8 14,5 Deviazione standard,558 41,72 1,1 3,1 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 1,% 76,9% 34,6% 3,8% N superi limite tabella 1B 3 % superi tabella 1B,% 11,5%,%,% Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.M. 471/99 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo.

40 Distribuzione in classi di frequenza_pcb tot_zona Sud di Chiesanuova_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_pcdd/f_zona a Sud di Chiesanuova_ A e il limite 3 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il

41 Distribuzione in classi di frequenza_hg_zona a Sud di Chiesanuova_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Distribuzione in classi di frequenza_as_zona a Sud di Chiesanuova_ A e il limite 1B e il 1 volte il limite Maggiori di 1 volte il Confronto con i limiti di concentrazione accettabili del D.M. 471/99 Dal confronto tra i valori certificati e i limiti di concentrazione accettabili (C.L.A.) del D.M. 471/1999 si ottiene un quadro di contaminazione della matrice suolo al di sopra del limite per l uso verde e residenziale nel 1% dei campioni per il parametro PCB, nel 76,9% dei campioni per il parametro PCDD/F, nel 34,6 % per Hg, del 3,8% per As. Si nota che i superi dei limiti della tabella 1B si hanno per il parametro PCB nel %, per PCDD PCDF nel 11,5%, per Hg nel % e per As nel % dei casi analizzati.

42 7.7.7 Indagine effettuata da ARPA nel terreno agricolo a sud del quartiere Chiesanuova nell anno 27 E stata eseguita una campagna di campionamento dei terreni delle aree agricole poste a Sud del territorio di Chiesanuova. Parametri ricercati: PCB, antimonio, arsenico, cadmio, rame, mercurio, nichel, piombo, zinco e diossine. Metodi di campionamento In considerazione dei risultati analitici e stratigrafici acquisiti in sede di prima indagine geoambientale nella quale si era evidenziato un inquinamento in prevalenza limitato agli strati superficiali del suolo e del primo sottosuolo in corrispondenza dello strato arativo, si e' ritenuto di procedere a campionamento mediante carotaggio effettuato con un cilindro di acciaio del diametro di 1 mm ed altezza 35 mm calato nel terreno tramite colpi di maglio. Il terreno è stato suddiviso in maglie quadrate di lato 15 metri (vedi allegato n. 6). In sede di laboratorio ogni cilindro e' stato svuotato del contenuto, costituente un campione elementare; una volta omogeneizzato e' stato suddiviso in più aliquote, una delle quali e' stata custodita come tale in modo da essere disponibile per eventuali approfondimenti. Il campione di analisi rappresentativo della particella (isolato, maglia) è stato costruito da aliquote di uguale peso di ogni campione puntuale costituente la particella stessa. Di norma per quanto riguarda le maglie il campione di analisi e' normalmente stato formato da cinque aliquote di campione puntuale, per gli isolati da tutte le aliquote dei punti ricompresi nella pertinenza. Il campione sottoposto ad analisi è il campione ottenuto dalla miscelamento dei singoli campionamenti puntuali. Quindi per ogni superficie/maglia si è generato un solo dato analitico per ogni inquinante analizzato In allegato n. 6 sono riportati i rusultati mediante mappe tematiche con gradazione di colore, nelle quali il colore più scuro rappresenta le zone a maggior concentrazione. Per ogni maglia-isolato viene riportato anche il valore della concentrazione. Tutti i valori sono riferiti al D.L.gs 152/6 in quanto legge vigente al momento dell effetuazione dell indagine. Risultati Analitici: elaborazione statistica Di seguito viene riportata una prima analisi statistica dei dati, per il PCB tot, PCDD/F (Teq), Hg, As. Nella tabella seguente sono riportate le seguenti grandezze: valore medio; valore massimo; valore minimo; mediana; deviazione standard; %di superi tabella 1 A e 1 B N superi limite tabella 1 A e 1 B. Al fine di facilitare la lettura dei dati di seguito si riportano i limiti stabiliti dal D.Lgs 152/6, in vigore al momento dell effetuazione della caratterizzazione in esame. Nell elaborazione dei dati quando il valore della concentrazione del campione è risultato inferiore al limite di rilevamento si è adottato in via cautelativa, come valore di concentrazione di riferimento la metà di tale limite.

43 Limiti D.Lgs 152/6 Inquinante Limite Tabella 1A Limite Tabella 1B PCB tot,6 mg/kgss 5 mg/kgss PCDD/F 1 ng/kg Teq 1 ng/kg Teq Hg 1 mg/kgss 5 mg/kgss As 2 mg/kgss 5 mg/kgss Tabella 1A: Siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale. Tabella 1B: Siti ad uso commerciale ed industriale. PCB tot PCDD/F (mg/kgss) (ng/kg Teq) Hg(mg/kgSS) As(mg/kgSS) Concentrazione max, ,2 4,1 4,2 Concentrazione min,11 5,8 <1 <1 Concentrazione media,119 41,29 1,6 2,2 Mediana delle concentrazioni,52 34,8 1,5 2,2 Deviazione standard,162 26,9,9,8 N superi limite tabella 1A % superi tabella 1A 43,1% 96,6% 65,5%,% N superi limite tabella 1B 3 % superi tabella 1B,% 5,2%,%,% Per meglio visualizzare la distribuzione delle concentrazioni rilevate rapportate ai limiti stabiliti dal D.Lgs 152/6 di seguito si riporta in grafico la distribuzione dei dati in classi di frequenza. Nei grafici viene introdotta anche la classe maggiori di 1 volte limite di tabella 1 B ove vengono conteggiati i dati con concentrazioni superiori a 1 volte il limite di tabella 1 B che viene assunto come valore Hot Spot cioè di particolare rilievo.

Le nuove aree agricole indagate

Le nuove aree agricole indagate Caffaro e Brescia I nuovi dati Dott.ssa Geol. Maria Luigia Tedesco Dott. Geol. Enrico Alberico Brescia, 20 Ottobre 2015 Le campagne di indagini precedenti svolte da ARPA 2002 2005 2003 2006 Metodo delle

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale III SESSIONE Gli studi sulle vie di contaminazione tramite la catena alimentare Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale Dr. Fabrizio Speziani Direttore Dipartimento di ASL di Brescia Brescia, 22 Settembre

Dettagli

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE:

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: Dipartimento Prevenzione Medico ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: PCB SIERICI NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze:

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze: 1 La Relazione sui risultati preliminari dei Piani di monitoraggio sugli inquinanti ambientali nell area del Poligono interforze del salto di Quirra, predisposta dall Istituto zooprofilattico della Sardegna

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Committente: Università degli Studi di Ferrara Cantiere: Cona (FE), nuovo Arcispedale S.Anna INDAGINE AMBIENTALE Revisione n 0 Dicembre 2011 Tavole 3 Allegati 4 Sede

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008 Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali Comune di Levico Terme MAPPATURA AMBIENTALE DEL CONTENUTO IN METALLI DEL TERRENO AL FINE DELLA DEFINIZIONE

Dettagli

Industria Caffaro. Brescia, Lombardia

Industria Caffaro. Brescia, Lombardia Industria Caffaro Brescia, Lombardia L industria Caffaro è situata nelle vicinanze di Via Milano ed è in funzione dal 1906. Questa fabbrica ha prodotto sostanze chimiche, anche altamente tossiche e pericolose,

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE:

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: Dipartimento di Prevenzione Medico ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: PCB SIERICI NELLA POPOLAZIONE DEL COMUNE DI BRESCIA E IN ALCUNE AREE LIMITROFE

Dettagli

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA L allarme Diossina ha rappresentato in Campania uno dei più diffusi motivi di preoccupazione tra i cittadini, in gran parte a causa delle implicazioni sulla salute e sulla

Dettagli

Comune di Camposanto Provincia di Modena

Comune di Camposanto Provincia di Modena P r o g e t t o U r b a n i s t i c o Coordinamento di progetto: Codice Progetto Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Comparto D.2/IV "Martini"_ Aree artigianali e industriali di nuovo insediamento

Dettagli

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l.

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l. SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIOE AMBIETALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARATO s.c.a r.l. ELECO PREZZI UITARI DISTRIPARK TARATO SOCIETA COSORTILE A RESPOSABILITA LIMITATA Iscritta al Registro delle Imprese

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L.

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SU TERRE E ROCCE DA SCAVO IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. Hotel Fortino (TO) 29 maggio 2013 1 ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2

La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2 PELLET DAY I mercati del pellet, gli aspetti tecnici e filiere alternative, gli incentivi La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2 Giuseppe Toscano Laboratorio Biomasse Università Politecnica

Dettagli

14.2 Studio ISS su matrici ambientali e. biologiche. nella zona Cascine a sud della Caffaro

14.2 Studio ISS su matrici ambientali e. biologiche. nella zona Cascine a sud della Caffaro 14.2 Studio ISS su matrici ambientali e biologiche nella zona Cascine a sud della Caffaro (Studio di livelli e profili di PCDD, PCDF e PCB in campioni di carne bovina provenienti da allevamenti interessati

Dettagli

IL SINDACO COMUNE DI BRESCIA

IL SINDACO COMUNE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA OGGETTO: Ordinanza finalizzata all imposizione di alcuni limiti all utilizzo del territorio comunale nella zona sud ovest della città e nel sito di interesse nazionale Brescia- Caffaro.

Dettagli

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Premessa al documento LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Il seguente documento deve intendersi quale addendum al progetto presentato il 5 agosto

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA

RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA NEL PERIODO 2003-2010 1 INDICE 1 PREMESSA 1.1 - sito di interesse nazionale Terni-Papigno 1.2 - campagna conoscitiva nel polo di incenerimento di Maratta

Dettagli

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 Spett.le AUTOSERVIZI DE ZEN MICHELE s.a.s. Via del Capitello, 5 31011 Asolo (TV) RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta Prove : 2014 0586 Del : 17/03/2014

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze Seminario: FATTORI DI EMISSIONE DA TRAFFICO: DATI SPERIMENTALI IN ITALIA Organizzato da: ANPA CTN - ACE Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni. Contributo:

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

2 ESPOSIZIONE AL RUMORE URBANO GENERATO DAL TRAFFICO STRADALE PER LA CITTA DI VERONA

2 ESPOSIZIONE AL RUMORE URBANO GENERATO DAL TRAFFICO STRADALE PER LA CITTA DI VERONA 2 ESPOSIZIONE AL RUMORE URBANO GENERATO DAL TRAFFICO STRADALE PER LA CITTA DI VERONA 2.1 Presentazione La conoscenza dei livelli di rumore che caratterizzano un determinato territorio costituisce un passo

Dettagli

RESOCONTO INDAGINE AMBIENTALE (AI SENSI DEL D.LGS. 152/2006) DELL AREA DI VIA GENERAL GIARDINO NEL COMUNE DI MEDA (MB) D.G.R.

RESOCONTO INDAGINE AMBIENTALE (AI SENSI DEL D.LGS. 152/2006) DELL AREA DI VIA GENERAL GIARDINO NEL COMUNE DI MEDA (MB) D.G.R. Dott. Geol. Riccardo Cortiana r.cortiana@geotecnoindagini.it Via Liguria 1 20900 Monza Telefono e fax 039 837656 geotecnoindagini@pec.it Dott. Geol. Filippo Valentini f.valentini@geotecnoindagini.it PABEL

Dettagli

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE:

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: Dipartimento Prevenzione Medico ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: PCB SIERICI NELLA POPOLAZIONE DEL COMUNE DI BRESCIA E IN ALCUNE AREE LIMITROFE

Dettagli

Destino ambientale dei contaminanti nel SIN BS CAFFARO

Destino ambientale dei contaminanti nel SIN BS CAFFARO PCB TCDD TCDF Destino ambientale dei contaminanti nel SIN BS CAFFARO ANTONIO DI GUARDO Università degli Studi dell Insubria Dip. Scienza ed Alta Tecnologia (Como) antonio.diguardo@uninsubria.it Università

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

ESEMPI DI DETERMINAZIONE DEI VALORI DI FONDO NEI TERRENI: IL SIN DI BRINDISI

ESEMPI DI DETERMINAZIONE DEI VALORI DI FONDO NEI TERRENI: IL SIN DI BRINDISI ESEMPI DI DETERMINAZIONE DEI VALORI DI FONDO NEI TERRENI: IL SIN DI BRINDISI ISPRA 1 Indice 1. Il Sito di Interesse Nazionale di Brindisi 2. La questione del fondo nel SIN di Brindisi 3. Il protocollo

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A.

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A. UNITA OPERATIVA Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Reparto Suolo e Rifiuti) Dott.ssa Eleonora Beccaloni Dott.ssa Maria Rita Cicero Dott. Fabrizio Falleni Dott.ssa Federica

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM

PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM Idrocarburi policiclici aromatici in matrici ambientali (IPA) 6 ciclo Inquinanti organoclorurati (PCB) 6 ciclo Arpa Umbria UOLM Sezione Chimica Suolo e Rifiuti Responsabile:

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc.

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc. DICHIARAZIONE SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO (art. 186 D.Lgs 152/2006 come modificato da D.Lgs. n. 4/08) Oggetto : Riutilizzo delle terre e rocce da scavo ai sensi

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

AIAP Archivio Integrato Attività Produttive

AIAP Archivio Integrato Attività Produttive AIAP Archivio Integrato Attività Produttive Andrea Barollo, Enrico Zini U.O. Supporto alle decisioni di policy ARPA Lombardia Riunione Gruppo di Lavoro Aree Dismesse Milano, 26 Giugno 2009 Riunione Gruppo

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. L 91/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.3.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 278/2012 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2012 che modifica il regolamento (CE) n. 152/2009 per quanto riguarda la determinazione

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 1. Brescia e Comuni Vicini Brescia Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune BRESCIA Viabilità Le aree industriali si trovano sull asse nord-ovest

Dettagli

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Monica Chiusolo 1, Ennio Cadum 1, Martina Gandini 1, Alessandro Alimonti 2, Beatrice Bocca 2,

Dettagli

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare PRIMO PIANO La sicurezza alimentare in relazione alla presenza di microinquinanti provenienti dai processi di incenerimento dei rifiuti DOTT. DAVIDE ZINGARIELLO Tecnico della Prevenzione nell Ambiente

Dettagli

Meccanismi di Trasporto delle Diossione e PCB s nei Corsi d Acqua.

Meccanismi di Trasporto delle Diossione e PCB s nei Corsi d Acqua. Meccanismi di Trasporto delle Diossione e PCB s nei Corsi d Acqua. CHIESE MELLA MINCIO Anno 2015 Stefano Tenini ; Stagista: Laura Arietti Università di Ingegneria di Brescia European Monitoring and Evaluation

Dettagli

Classificazione dei rifiuti

Classificazione dei rifiuti Classificazione dei rifiuti DM di modifica dell allegato D ed I della parte quarta del d. lgs.152/06 Dott.ssa Giulia Sagnotti Ministero dell Ambiente Direzione Generale RIN Divisione Rifiuti DM di modifica

Dettagli

ANALISI DELLE AZIONI DI PIANO E VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI AMBIENTALI.

ANALISI DELLE AZIONI DI PIANO E VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI AMBIENTALI. PREMESSA Il presente documento è stato redatto allo scopo di evidenziare come la progettazione abbia tenuto conto delle prescrizioni esperesse dall Organo tecnico regionale per la VAS nella Fase di Verifica

Dettagli

Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SL (TV/SL) SO 2 < NO x < PM 10 << Pb <<< Cd

Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SL (TV/SL) SO 2 < NO x < PM 10 << Pb <<< Cd 494 TABELLA B3 Giudizio qualitativo sui risultati delle previsioni di ricadute causate dalle sorgenti lineari (SL), nell area circolare di raggio km 2,5 centrata sul TV. Inquinante Rilevanza concentrazioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis)

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis) REGIONE VENETO - PROVINCIA VERONA COMUNE DI MALCESINE PROGETTO: Lavori di adeguamento normativo finalizzati al conseguimento del C.P.I. vie di esodo presso il Castello di Malcesine e realizzazione di una

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, AMBIENTALE, INFRASTRUTTURE VIARIE, RILEVAMENTO Sezione Ambientale ZIGNAGO POWER S.r.l. CARATTERIZZAZIONE DELLE PRESENZE ATMOSFERICHE DI PARTICOLATO

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

LA GESTIONE DEL ROTTAME METODI DI CAMPIONAMENTO E ANALISI R. Quaresmini ARPA LOMBARDIA M. Gelfi, S. Zanoni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

LA GESTIONE DEL ROTTAME METODI DI CAMPIONAMENTO E ANALISI R. Quaresmini ARPA LOMBARDIA M. Gelfi, S. Zanoni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA LA GESTIONE DEL ROTTAME METODI DI CAMPIONAMENTO E ANALISI R. Quaresmini ARPA LOMBARDIA M. Gelfi, S. Zanoni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Brescia, 2 dicembre 2014 Agenda 2 Filiera del rottame Difficoltà

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO. Tolmezzo 15/05/2015

TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO. Tolmezzo 15/05/2015 TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO Tolmezzo 15/05/2015 SRV indagini geologiche srl Geologo Massimo Valent- Geologo Stefano Russo WWW.INDAGINIGEOLOGICHE.IT NORMATIVA VIGENTE 2 DEFINIZIONI

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I Servizi Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA DI SEDIMENTI FLUVIALI PER SOSPETTA PRESENZA DIIDROCARBURI PRESSO LA FOCE DEL

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

Analisi di rischio sanitarioambientale

Analisi di rischio sanitarioambientale Analisi di rischio sanitarioambientale sito specifica Metodi analitici e ripristino ambientale LM STAmT - ACAT Marco De Zuani Giacomo Santoiemma Introduzione COS È IL RISCHIO? Nel caso di siti inquinati,

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena STRUTTURA COMPLESSA Dipartimento di Torino Sede di Torino Struttura Semplice Attività di produzione Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena MONITORAGGIO

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO

MONITORAGGIO DEL SUOLO Dipartimento Provinciale di Treviso Servizio Suoli MONITORAGGIO DEL SUOLO DETERMINAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI DI MICROINQUINANTI ORGANICI PRIMA RILEVAZIONE A SCALA REGIONALE 2010-2013 REPORT INTERMEDIO

Dettagli

PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO

PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO L intervento in progetto prevede di eseguire la riprofilatura delle aree di golena situate a valle del ponte della SS1 Aurelia, presso la località di Migliarino Pisano. La riprofilatura, in particolare,

Dettagli

Le bonifiche dei Siti Contaminati: Analisi degli aspetti normativi, procedurali, modalità di prelievo e conservazione dei campioni.

Le bonifiche dei Siti Contaminati: Analisi degli aspetti normativi, procedurali, modalità di prelievo e conservazione dei campioni. Le bonifiche dei Siti Contaminati: Analisi degli aspetti normativi, procedurali, modalità di prelievo e conservazione dei campioni. Eleonora Beccaloni ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ suolo@iss.it BONIFICA

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI Le indicazioni sotto riportate sono da riferirsi a

Dettagli

Struttura Semplice Siti Nucleari

Struttura Semplice Siti Nucleari DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI RISULTATI DELLE MISURE ESEGUITE IN SEGUITO ALLA SEGNALAZIONE DI UN ANOMALIA NEL CORSO DELLE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE DEI RIFIUTI IFEC PRESSO IL SITO EUREX-SO.G.I.N.

Dettagli

1 SCOPO... 3 4 LIMITI DI LEGGE... 4 ECOL STUDIO S.R.L. - LABORATORIO ANALISI - CONSULENZA - FORMAZIONE - MEDICINA DEL LAVORO

1 SCOPO... 3 4 LIMITI DI LEGGE... 4 ECOL STUDIO S.R.L. - LABORATORIO ANALISI - CONSULENZA - FORMAZIONE - MEDICINA DEL LAVORO INDICE 1 SCOPO... 3 2 DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO... 3 3 COLLOCAZIONE DELL ATTIVITÀ... 4 4 LIMITI DI LEGGE... 4 5 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA... 5 6 INCERTEZZA DI MISURA... 5 6.1 RIPETIBILITÀ DELLE

Dettagli

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5 506 TABELLA D1.3 Sintesi dei risultati conseguiti: SMR rispetto alla Provincia di Firenze (numero di casi). Eccessi privi di significatività statistica (SMR >110 e n di casi >=3) nei settori e nelle corone

Dettagli

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (FG) PROGETTO DI INDAGINE PRELIMINARE PER LA DEFINIZIONE DELLO STATO AMBIENTALE DEI SITI DI LOCALITÀ LA VERITÀ E VIGNALI PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI NR art. descrizione

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

Gli impatti sanitari sulla popolazione bresciana esposta a PCB, diossine ed altri tossici sversati nell'ambiente dalle Industrie Caffaro

Gli impatti sanitari sulla popolazione bresciana esposta a PCB, diossine ed altri tossici sversati nell'ambiente dalle Industrie Caffaro Gli impatti sanitari sulla popolazione bresciana esposta a PCB, diossine ed altri tossici sversati nell'ambiente dalle Industrie Caffaro di Celestino PANIZZA* Le indagini condotte sulle matrici ambientali,

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

pubblicato su fanpage.it

pubblicato su fanpage.it EMERGENZA TERRA DEI FUOCHI RISULTATI INERENTI IL MONITORAGGIO STRAORDINARIO EFFETTUATI A FRONTE DELL EMERGENZA TERRA DEI FUOCHI A seguito dell emergenza terra dei fuochi è stato organizzato un campionamento

Dettagli

Il (faticoso) iter per la bonifica di un sito industriale dismesso dove si trafilava il tondino di ferro

Il (faticoso) iter per la bonifica di un sito industriale dismesso dove si trafilava il tondino di ferro Caso di Studio Il (faticoso) iter per la bonifica di un sito industriale dismesso dove si trafilava il tondino di ferro 1 Il sito in questione ha una superficie di circa 37 ettari. 2 3 L attività consisteva

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica Regione Lombardia Sanità Laboratorio di approfondimento del Rischio Chimico CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica La norma UNI EN 689/97

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli