NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154"

Transcript

1 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare la lettura dell aggiornamento in oggetto. In particolare si fornisce una sintesi delle principali modifiche introdotte negli schemi segnaletici e nelle variabili di classificazione delle segnalazioni delle banche, degli intermediari finanziari, gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica. SEGNALAZIONI DELLE BANCHE CRITTOGRAFIA DELLA BASE INFORMATIVA W: Le istruzioni tecniche per la crittografia dei dati, presenti nell allegato 4 del Tomo I, devono essere applicate, sia per gli invii completi che per quelli di rettifica, fino alle segnalazioni riferite alla data contabile del 31 dicembre 2012 (marzo 2013 per le banche il cui esercizio si chiude in tale data). Pertanto, a decorrere dalle successive date contabili, in corrispondenza con la migrazione sull infrastruttura INFOSTAT, tali segnalazioni non dovranno essere crittografate e dovranno essere applicate le stesse modalità di compilazione utilizzate per le altre basi informative. Base informativa A1 Sezione I Dati statistici mensili : nella sottosezione 1.3 relativa alle Altre informazioni, viene: introdotta la nuova voce Movimenti dei titoli di debito e di capitale per i quali non è prevista la codifica ISIN e degli strumenti partecipativi di capitale (58063); introdotta la variabile relativa al ramo di attività economica della controparte (con livello di dettaglio pari a Divisione ) nelle Cancellazioni di attività finanziarie (58080); introdotta la nuove voce Titoli di proprietà scoperti tecnici relativamente al valore nominale dei titoli di debito e alle quantità dei titoli di capitale (58117); introdotta la nuova voce Titoli per i quali non è prevista la codifica ISIN (58119);

2 introdotta la variabile relativa allo Stato della controparte nei Titoli impegnati per riporti passivi, pct passivi e operazioni di prestito ( /06); introdotta la variabile relativa alla valuta nei Titoli di terzi in deposito titoli di debito (58140); nella voce Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di altri IFM residenti in Italia attività di servicing (58212), viene estesa alla sottovoce relativa alle sofferenze non ripartite (26) la variabile relativa al codice censito dell originator; nella voce Attività sottostanti operazioni di cartolarizzazione di altri soggetti attività di servicing (58216), viene estesa alla sottovoce relativa alle sofferenze non ripartite (25) la variabile relativa al codice censito dell originator; introdotte la distinzione tra valore dell esposizione e valore nominale nelle Esposizioni per cassa verso proprie cartolarizzazioni: titoli di debito, valore dell esposizione ( e 06); introdotta la nuova voce Cancellazioni di attività finanziarie: titoli (58230). Base informativa A2 Sezione II Altri Dati Statistici Nella sottosezione 2.1 Parte Prima relativa ai dati territoriali e settoriali viene: Modificata la struttura della voce Quote di O.I.C.R. e polizze assicurative (ramo vita) (58308) eliminando le sottovoci 02 (emesse da fondi istituiti da società di gestione del risparmio del gruppo) e 04 (emesse da fondi istituiti da altre società di gestione del risparmio) espresse al valore nominale e inserendo le sottovoci 03 e 05 riferite alle medesime fattispecie ma valutate al fair value; Introdotta la nuova voce Operazioni di factoring: ripartizione economica, territoriale e per qualità del credito (52151); Introdotta la nuova voce Operazioni di factoring - esposizioni nei confronti della Pubblica Amministrazione: ripartizione per fasce di scaduto (52190); Introdotta la nuova voce Operazioni di factoring esposizioni nei confronti della Pubblica Amministrazione: incassi intervenuti nel periodo (52192); Introdotta la nuova voce Operazioni di factoring: crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione ceduti dall intermediario segnalante (52194); Base informativa A3 Nella sottosezione 2.3 Servizi di pagamento viene: 2

3 Modificata la frequenza di inoltro della voce Operazioni di "money transfer" (58560) da annuale a trimestrale; Modificata la struttura della voce Moneta elettronica: numero degli esercizi commerciali (58650) eliminando la sottovoce 02 ed inserendo le sottovoci da 01 a 05; viene inoltre modificata la frequenza di inoltro da annuale a semestrale; Modificata la struttura della voce Utilizzi fraudolenti: carte di credito (58665) inserendo le sottovoci 14 e 16; Modificata la struttura della voce Numero delle carte di credito in circolazione: ripartizione territoriale (58720) eliminando le sottovoci 02 e 10 e inserendo le sottovoci 01, 03, 12, 14 e 16; Modificata la struttura della voce Numero degli esercizi convenzionati (58725) eliminando le sottovoci 2,6,10 e 14 e inserendo le sottovoci 16, 18, 20, 22, 24, 26, 28, 30,32 e 34; Introdotta la voce Operazioni con carte di credito presso esercizi convenzionati con l'ente segnalante: modalità di trattamento (52222); Introdotta la voce Operazioni con carte di credito: modalità di trattamento (52232) Introdotta la voce Carte di credito attive su rete in circolazione: adesione ai sistemi di sicurezza (52240); Introdotta la voce Carte di credito revocate per insolvenza: ripartizione territoriale (52242); Introdotta la voce Oneri per utilizzi fraudolenti (58672); Introdotta la voce Altri oneri ( 58742); Introdotta la voce Rimborsi assicurativi a fronte di perdite da utilizzi fraudolenti di carte di credito (47044); Introdotta la voce Commissioni passive: carte di credito (58767); Introdotta la voce Commissioni per money transfer (58778); Introdotta la voce Estinzione e rimborsi di moneta elettronica (58642). Base informativa W Sezione III Dati Patrimoniali sottosezione 3.1 Dati patrimoniali - attivo viene estesa la segnalazione della sottovoce Attività fiscali in contropartita al conto economico: Legge 214/11 svalutazioni finanziamenti ( ) alle filiali italiane di banche comunitarie; nella sottosezione III.3 Dati integrativi qualità del credito viene: 3

4 modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa verso clientela in sofferenza (40712) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 27). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 29 Altre variazioni in diminuzione in sostituzione della sottovoce 30) che accoglie le nuove componenti residuali del fenomeno in questione; modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa verso banche in sofferenza (40713) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 27). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 29 Altre variazioni in diminuzione in sostituzione della sottovoce 30) che accoglie le nuove componenti residuali del fenomeno in questione; modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa incagliate verso clientela (40714) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 31). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 33 Altre variazioni in diminuzione in sostituzione della sottovoce 32) che accoglie le nuove componenti residuali del fenomeno in questione; modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa incagliate verso banche (40715) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 31). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 33 Altre variazioni in diminuzione in sostituzione della sottovoce 32) che accoglie le nuove componenti residuali del fenomeno in questione; modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde scadute e/o sconfinanti deteriorate verso clientela (40716) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 27). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 29 Altre variazioni in diminuzione in sostituzione della sottovoce 30) che accoglie le nuove componenti residuali del fenomeno in questione; modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde scadute e/o sconfinanti deteriorate verso banche (40717) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 27). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 29 Altre variazioni in diminuzione in sostituzione della sottovoce 30) che accoglie le nuove componenti residuali del fenomeno in questione; modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa ristrutturate verso clientela (40718) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 27). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 29 Altre variazioni in diminuzione in sostituzione della sottovoce 30) che accoglie le nuove componenti residuali del fenomeno in questione; modificata la struttura della voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa ristrutturate verso banche (40719) prevedendo la nuova evidenza informativa relativa alle Perdite da cessione (sottovoce 27). Conseguentemente, è stata prevista una nuova evidenza informativa (sottovoce 4

5 Introdotta la voce Crediti verso clientela deteriorati acquistati (40754); Introdotta la voce Crediti verso clientela deteriorati acquistati: rettifiche di valore complessive (40757). nella sottosezione III.3 Dati integrativi notizie complementari viene: Introdotta la voce Numero dei reclami ricevuti (52430). Nuova base informativa LD Sezione III Dati di Bilancio : E stata introdotta la nuova sottosezione 3.7 Perdite storicamente registrate sulle posizioni in default e il corrispondente sistema delle codifiche. Si fa riserva di fornire indicazioni dettagliate sul formato da utilizzare per lo scambio dei dati. Base informativa Y Sezione IV Dati Patrimoniali nella sottosezione IV.7 Soggetti collegati viene introdotta la voce Soggetti collegati: segnalazione negativa (59660). Tale voce deve essere alimentata convenzionalmente con il valore 1 in caso di mancata segnalazione di tutte le altre voci presenti nella sottosezione. 5

6 SEGNALAZIONI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI, DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E DEGLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA Base informativa 3 Sezione I Dati patrimoniali : è stata modificata la struttura di tutte le voci della sezione che presentavano tra le variabili di classificazione la vita residua e il tipo tasso eliminando tali disaggregazioni; nella sottosezione 1.1 relativa ai dati dell Attivo, vengono: introdotte le nuove sottovoci Crediti verso banche: pagamenti provvisori ( ), e Crediti verso enti finanziari: pagamenti provvisori ( ); ricodificate le sottovoci Crediti verso banche: depositi e conti correnti ( ), Crediti verso banche: altre attività ( ) e Crediti verso enti finanziari: altre attività ( ) ed abrogate le sottovoci , e ; nella sottosezione 1.2 relativa ai dati del Passivo, viene: introdotta la sottovoce Debiti verso clientela: conti di pagamento ( ); ricodificata la sottovoce Debiti verso clientela: altri debiti ( ) e abrogata la sottovoce ; modificata la struttura delle voci Capitale (52076) e Strumenti di capitale (52078) mediante l introduzione della variabile di classificazione Stato. Sezione II Altre informazioni : nella sottosezione 2.2 relativa a Factoring e altre cessioni, viene: introdotta la nuova voce Operazioni di factoring: ripartizione economica, territoriale e per qualità del credito (52151) e contestualmente abrogata la voce Crediti per factoring: ripartizione economica e territoriale (52150); rimodulata la voce Operazioni di factoring pro soluto: crediti acquistati al di sotto del valore nominale (52158) con l introduzione di nuove sottovoci e l abrogazione contestuale della precedente sottovoce; abrogate le sottovoci Anticipi per operazioni di factoring: ripartizione economica e territoriale: ripartizione economica dei cedenti ( ) e Anticipi per operazioni 6

7 introdotte le nuove voci Crediti verso clientela deteriorati acquistati (40754), Operazioni di factoring - esposizioni nei confronti della Pubblica Amministrazione: ripartizione per fasce di scaduto (52190), Operazioni di factoring - esposizioni nei confronti della Pubblica Amministrazione: incassi intervenuti nel periodo (52192), Operazioni di factoring: crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione ceduti dall intermediario segnalante (52194); nella sottosezione 2.4 relativa a Garanzie e impegni, vengono: introdotte le nuove voci Garanzie rilasciate verso clientela: valore nominale (52251), Garanzie deteriorate rilasciate verso clientela: valore di bilancio (52253), Garanzie rilasciate con assunzione di rischio sulle prime perdite: attività sottostanti (52258), Flusso delle garanzie in corso di escussione (52263), Garanzie rilasciate con assunzione di rischio sulle prime perdite: ammontare controgarantito (52276), Garanzie rilasciate senza assunzione di rischio sulle prime perdite: ammontare controgarantito (52278); abrogate le voci Garanzie rilasciate verso clientela: esposizioni deteriorate (52252), Garanzie con assunzione di rischio sulle prime perdite (52273) e Garanzie rilasciate: ammontare controgarantito (52275); nella sottosezione 2.7 relativa alle Cartolarizzazioni viene: modificata la struttura delle voci Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di IFM residenti in Italia attività di servicing attività finanziarie cancellate dall attivo dell originator - sofferenze non ripartite (sottovoce ) e Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di altri soggetti attività di servicing cartolarizzazioni originate da intermediari finanziari ex art.107 TUB attività cancellate dall attivo dell originator - sofferenze non ripartite (sottovoce ) per introdurre la variabile relativa al codice censito dell originator; nella sottosezione 2.8 Qualità e flussi vengono: inserite, con riferimento alla voce Turnover (46386), le nuove sottovoci Leasing finanziario: leasing in costruendo (19) e Altre operazioni di leasing finanziario (21) e contestualmente abrogata la sottovoce Leasing finanziario: flussi dei crediti (20); abrogata la voce Flussi di garanzie nel periodo (46590); nella sottosezione 2.9 relativa ai Dati integrativi, vengono: introdotte le nuove voci Titoli di capitale e quote OICR di proprietà quantità (58100), Titoli di debito di proprietà valore nominale (58115), Titoli di terzi in deposito (52401), Titoli impegnati per riporti passivi, pct passivi e operazioni di prestito (58135), Esposizioni per cassa verso proprie cartolarizzazioni: titoli di 7

8 rimodulata la voce Garanzie ricevute (52420) con l introduzione di nuove sottovoci e l abrogazione contestuale delle precedenti; abrogata la voce elementi patrimoniali di pertinenza di enti pubblici (52428). nella sottosezione 2.11 rimodulata in due parti denominate vita residua rischio di liquidità e vita residua rischio di tasso di interesse, vengono: abrogate le voci Attività (46560) e Passività (46565); (a) con riferimento alla parte prima: vita residua rischio di liquidità: introdotte le nuove voci Attività finanziarie per cassa (52600), Pronti contro termine attivi (52601), Passività finanziarie per cassa (52603), Pronti contro termine passivi (52605), Operazioni fuori bilancio (52607); (b) con riferimento alla parte seconda: vita residua rischio di tasso di interesse: introdotte le nuove voci Portafoglio di negoziazione di vigilanza: attività finanziarie per cassa (58403), Portafoglio immobilizzato: attività finanziarie per cassa (52622), Pronti contro termine attivi (58410), Strumenti finanziari subordinati attivi (58415), Derivati finanziari diversi dalle opzioni (valore nozionale) (58420), Derivati finanziari opzioni (delta equivalent value) (58425), Portafoglio di negoziazione di vigilanza: passività finanziarie per cassa (58430), Portafoglio immobilizzato: passività finanziarie per cassa (52628), Pronti contro termine passivi (58440), Strumenti finanziari subordinati passivi (58445), Finanziamenti (52632), Impegni irrevocabili a erogare fondi (58465). Base informativa 4 Sezione II Altre informazioni : nella sottosezione 2.2 relativa a Factoring e altre cessioni, vengono: introdotte le nuove voci Altre cessioni di crediti crediti deteriorati: rettifiche di valore complessive (40756), Altre cessioni di crediti crediti deteriorati: dinamica delle rettifiche di valore (40758); nella sottosezione 2.8 Qualità e flussi viene: 8

9 (a) per la voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa in sofferenza (52363): introdotta la sottovoce Perdite da cessione (29), ricodificata la sottovoce Altre variazioni in diminuzione (31) e abrogata la sottovoce 30; (b) per la voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa incagliate (52365): introdotta la sottovoce Perdite da cessione (29), ricodificata la sottovoce Altre variazioni in diminuzione (31) e abrogata la sottovoce 32; (c) per la voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa scadute deteriorate (52367): introdotta la sottovoce Perdite da cessione (29), ricodificata la sottovoce Altre variazioni in diminuzione (31) e abrogata la sottovoce 30; (d) per la voce Variazioni delle esposizioni creditizie lorde per cassa ristrutturate (52369): introdotta la sottovoce Perdite da cessione (29), ricodificata la sottovoce Altre variazioni in diminuzione (31) e abrogata la sottovoce 30; introdotte le nuove voci Variazioni delle rettifiche di valore complessive su sofferenze per cassa (52380), Variazioni delle rettifiche di valore complessive su perdite incagliate per cassa (52382), Variazioni delle rettifiche di valore complessive su esposizioni creditizie per cassa scadute (52384), Variazioni delle rettifiche di valore complessive su esposizioni creditizie per cassa ristrutturate (52386), Variazioni delle garanzie rilasciate deteriorate: in sofferenza (52388), Variazioni delle garanzie rilasciate deteriorate: altre (52390), Variazioni delle garanzie rilasciate non deteriorate (52392), Esposizioni creditizie garantite (40728), Esposizioni creditizie scadute non deteriorate (52396). Sezione V Dati di fine esercizio : è stata modificata la struttura di tutte le voci della sezione che presentavano tra le variabili di classificazione la vita residua e il tipo tasso eliminando tali disaggregazioni; nella sottosezione 5.1 relativa ai dati dell Attivo, vengono: introdotte le nuove sottovoci Crediti verso banche: pagamenti provvisori ( ), e Crediti verso enti finanziari: pagamenti provvisori ( ); 9

10 ricodificate le sottovoci Crediti verso banche: depositi e conti correnti ( ), Crediti verso banche: altre attività ( ) e Crediti verso enti finanziari: altre attività ( ) ed abrogate le sottovoci , e ; nella sottosezione 5.2 relativa ai dati del Passivo, viene: introdotta la sottovoce Debiti verso clientela: conti di pagamento ( ); ricodificata la sottovoce Debiti verso clientela: altri debiti ( ) e abrogata la sottovoce ; modificata la struttura delle voci Capitale (52876) e Strumenti di capitale (52878) mediante l introduzione della variabile di classificazione Stato ; Nuova base informativa LD Sezione II Altre informazioni : E stata introdotta la nuova sottosezione 2.13 Perdite storicamente registrate sulle posizioni in default e il corrispondente sistema delle codifiche. Si fa riserva di fornire indicazioni dettagliate sul formato da utilizzare per lo scambio dei dati. 10

11 VARIABILI DI CLASSIFICAZIONE TOMO II Capitolo 1: sistema delle codifiche (banche e gruppi bancari) Base informativa A2 Con riferimento alla voce viene introdotta la variabile Tipo crediti (codice campo 4120) che può assumere i seguenti valori: - Crediti temporaneamente inibiti Crediti non inibiti...50 Base informativa A3 Con riferimento alle voci e viene introdotta la variabile Causale trattamento (codice campo 1071) che può assumere i seguenti valori: - Interruzione di collegamento Trattamento cartaceo Altro Base informativa W Con riferimento alla voce viene introdotta la variabile Oggetto dei reclami (codice campo 1217) che può assumere i seguenti valori: - Finanziamenti Raccolta Strumenti e servizi di pagamento Segnalazioni in CAI o sistemi di informazioni creditizie Altro

12 TOMO III Capitolo 1, par. 3: sistema delle codifiche segnalazioni degli intermediari finanziari ex art. 107 D.lgs. 385/93, degli istituti di pagamento e degli istituti di moneta elettronica. E stato modificato il dominio di alcune variabili. Di seguito si fornisce un compendio delle variabili interessate e della nuova situazione in essere, comprensiva degli aggiornamenti introdotti: Natura Garanzia (codice campo 01074). I codici da utilizzare sono i seguenti: - Garanzie di natura finanziaria a prima richiesta Altre garanzie di natura finanziaria Garanzia di natura commerciale...81 Portafoglio contabile (codice campo 01014). Per la voce i codici da utilizzare sono i seguenti: - attività finanziarie di negoziazione attività finanziarie disponibili per la vendita attività finanziarie valutate al fair value attività finanziarie detenute sino alla scadenza crediti Per la voce i codici da utilizzare sono i seguenti: - attività finanziarie di negoziazione attività finanziarie disponibili per la vendita attività finanziarie valutate al fair value attività finanziarie detenute sino alla scadenza crediti verso banche crediti verso clientela gruppi di attività in via di dismissione Per le voci 58100, i codici da utilizzare sono i seguenti: - attività finanziarie di negoziazione attività finanziarie disponibili per la vendita

13 - attività finanziarie valutate al fair value attività finanziarie detenute sino alla scadenza crediti verso banche crediti verso clientela crediti attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione gruppi di attività in via di dismissione passività finanziarie di negoziazione passività finanziarie valutate al fair value debiti verso banche debiti verso clientela titoli in circolazione passività associate a singole attività e gruppi di attività in via di dismissione513 - derivati di copertura partecipazioni sottoposte a influenza notevole partecipazioni sottoposte a controllo congiunto partecipazioni sottoposte a controllo esclusivo Per le voci 52600, 52601, 52603, 52605, i codici da utilizzare sono i seguenti: - portafoglio di negoziazione di vigilanza portafoglio immobilizzato Qualità del credito (codice campo 00522). Per le voci 40728, 52002, 52004, 52006, 52008, 52010, 52012, 52014, 52170, 52212, 52288, 52292, 52511, 52515, 52802, 52804, 52806, 52808, 52810, e i codici da utilizzare sono i seguenti: - in bonis deteriorati Per le voci 46495, 46500, 46535, 52122, 52151, 52164, 52166, 52184, 52186, 52254, 52296, 52298, e i codici da utilizzare sono i seguenti: - in bonis: esposizioni scadute non deteriorate in bonis: altro in sofferenza incagli esposizioni ristrutturate

14 - esposizioni scadute deteriorate Per le voci 52600, 52601, 52622, 58403, 58410, e i codici da utilizzare sono i seguenti: - in bonis in sofferenza incagli esposizioni ristrutturate esposizioni scadute deteriorate Tipo crediti (codice campo 04120). Per la voce i codici da utilizzare sono i seguenti: - crediti temporaneamente inibiti altri crediti (crediti non inibiti) Per le voci 52511, 52515, e i codici da utilizzare sono i seguenti: - credito al consumo altro Tipo garanzia (codice campo 00352). Per la voce i codici da utilizzare sono i seguenti: garanzie reali - pegni su depositi di contante pegni su titoli pegni su altri valori ipoteche su immobili immobili oggetto di operazioni di leasing finanziario altre garanzie reali...77 garanzie personali: derivati di credito (diversi da CLN) - governi e banche centrali altri enti pubblici

15 - banche società finanziarie società di assicurazione imprese non finanziarie altri soggetti...90 garanzie personali: derivati di credito (credit-link notes CLN)...72 garanzie personali: crediti di firma - governi e banche centrali altri enti pubblici banche società finanziarie società di assicurazione imprese non finanziarie altri soggetti...97 Per tutte le altre voci i codici da utilizzare sono i seguenti: - garanzie collettive altre garanzie...79 Tipo importo (codice campo 00350). I codici da utilizzare sono i seguenti: - numero importo...9 Tipo tasso dell'operazione (codice campo 00113). I codici da utilizzare sono i seguenti: - Tasso fisso Tasso indicizzato...84 Vita residua delle operazioni (codice campo 00040) - Vita residua delle operazioni con riferimento alla data di revisione dei rendimenti (codice campo 00042). Sono rappresentate per scaglioni temporali identificati da codici di 3 posizioni numeriche. 15

16 Codifica valida per la sottosezione II.11 Parte prima: Vita residua rischio di liquidità: - a vista o a revoca da oltre 1 giorno fino a 7 giorni da oltre 7 giorni fino a 15 giorni da oltre 15 giorni fino a 1 mese da oltre 1 mese fino a 2 mesi da oltre 2 mesi fino a 3 mesi da oltre 3 mesi fino a 6 mesi da oltre 6 mesi fino a 1 anno da oltre 1 anno fino a 18 mesi da oltre 18 mesi fino a 2 anni da oltre 2 anni fino a 3 anni da oltre 3 anni fino a 4 anni da oltre 4 anni fino a 5 anni oltre 5 anni irredimibile indeterminata Codifica valida per la sottosezione II.11 Parte seconda: Vita residua rischio di tasso di interesse: - a vista o a revoca da oltre 1 giorno fino a 7 giorni da oltre 7 giorni fino a 1 mese da oltre 1 mese fino a 3 mesi da oltre 3 mesi fino a 6 mesi da oltre 6 mesi fino a 1 anno da oltre 1 anno fino a 18 mesi da oltre 18 mesi fino a 2 anni da oltre 2 anni fino a 3 anni da oltre 3 anni fino a 4 anni da oltre 4 anni fino a 5 anni da oltre 5 anni fino a 7 anni da oltre 7 anni fino a 10 anni da oltre 10 anni fino a 15 anni da oltre 15 anni fino a 20 anni oltre 20 anni irredimibile indeterminata

17 Sono state introdotte le nuove variabili: Data di riferimento (codice campo 912): Va indicata nel formato AAAAMMGG. E prevista per le voci 52401, 58100, 58115, 58117, 58135, 58218, e deve riportare le date contabili di fine mese per ciascuno dei mesi compresi nel trimestre oggetto della segnalazione. Depositario (codice campo 1059): Indica la categoria alla quale appartiene il soggetto depositario. E rappresentato mediante codici di 3 posizioni numeriche. I valori previsti sono: - Montetitoli Altro depositario residente Depositario non residente Deposito presso il segnalante Titolo non disponibile Indicatore di quotazione (codice campo 552): E' rappresentata mediante codice numerico di tre posizioni. I valori previsti sono: - quotati in mercati regolamentati attivi quotati in mercati regolamentati non attivi quotati in altri mercati attivi non quotati in corso di quotazione Raggruppamento titoli (codice campo 551): E' rappresentato mediante codici di 7 posizioni numeriche. La codifica da utilizzare è riportata nel capitolo 1 del tomo III della circolare 154. Stato emittente titolo (codice campo 1215). E' rappresentata mediante codice numerico di 5 posizioni. I codici da utilizzare sono i seguenti: - Italia Paesi UEM diversi dall Italia Paesi UE non UEM Paesi europei non UE Asia Africa Oceania America del Nord America Centrale America del Sud Non classificabile

18 DECORRENZA DELLE INNOVAZIONI SEGNALETICHE Le innovazioni segnaletiche entrano in vigore con decorrenza 1 gennaio Fanno eccezione: 1) le nuove voci sui titoli della matrice dei conti Titoli di proprietà: scoperti tecnici (58117) e Cancellazioni di attività finanziarie: titoli (58230) e le modifiche alle voci di matrice dei conti: Titoli impegnati per riporti passivi, pct passivi e operazioni di prestito (58135) e Esposizioni per cassa verso proprie cartolarizzazioni: titoli di debito (58218) (base informativa A1) che decorrono dal 30 settembre 2013; 2) la voce Soggetti collegati: Segnalazione Negativa (59660) (base informativa Y) che decorre dal 30 giugno 2013; 3) le evidenze delle perdite da cessione (base informativa W sottosezione III.3 Dati integrativi parte seconda qualità del credito) che decorrono dal 31 dicembre 2013; 4) le voci sulle perdite storicamente registrate sulle posizioni in default, la cui decorrenza è quella prevista dalla nuova Circolare n

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci Precisazioni Circolare 154 Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari Precisazioni sulla struttura delle voci Voce 58214 Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di IFM residenti

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO INFORMATICA Servizio Rilevazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

12 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 217

12 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 217 GRUPPO INTERFINANZIARIO PUMA2 12 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 217 Roma, gennaio 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 4 1.1. Cancellazioni di attività finanziarie...

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

GLI ADEGUAMENTI PUMA2 ALLE INNOVAZIONI NELLE SEGNALAZIONI CONSOLIDATE E DI MATRICE DEI CONTI (bozza)

GLI ADEGUAMENTI PUMA2 ALLE INNOVAZIONI NELLE SEGNALAZIONI CONSOLIDATE E DI MATRICE DEI CONTI (bozza) GRUPPO INTERBANCA RIO PUMA2 GLI ADEGUAMENTI PUMA2 ALLE INNOVAZIONI NELLE SEGNALAZIONI CONSOLIDATE E DI MATRICE DEI CONTI (bozza) Roma, ottobre 2011 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Circolare n. 148 del 2 luglio 1991 11 aggiornamento del 29 novembre 2001 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

ALLEGATO 1 CIRCOLARE N. 272 DEL 30 LUGLIO 2008 MATRICE DEI CONTI 6 AGGIORNAMENTO

ALLEGATO 1 CIRCOLARE N. 272 DEL 30 LUGLIO 2008 MATRICE DEI CONTI 6 AGGIORNAMENTO ALLEGATO 1 CIRCOLARE N. 272 DEL 30 LUGLIO 2008 MATRICE DEI CONTI 6 AGGIORNAMENTO Matrice dei conti A) ISTRUZIONI DI CARATTERE GENERALE A.1 Circolare n. 272 del 30 luglio 2008-1 aggiornamento del 10 dicembre

Dettagli

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi Corso di Formazione Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica Padova, 04 Novembre 2014 Ore 09.30 11.00 Antiriciclaggio Antiterrorismo Monitoraggio fiscale Privacy La normativa primaria,

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi (Allegato alla Circolare 5879 del 18 settembre 2014) Variazioni formalmente sottoposte

Dettagli

ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO

ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO MODIFICHE ALLA DISCIPLINA SEGNALETICA DI BANCHE, FONDI DI INVESTIMENTO E INTERMEDIARI FINANZIARI Relazione sull analisi di impatto La Banca d Italia sottopone

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

IX. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Impieghi e depositi bancari. Numero sportelli bancari. Per approfondimenti:

IX. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Impieghi e depositi bancari. Numero sportelli bancari. Per approfondimenti: IX. Credito e giustizia Protesti cambiari Fallimenti Impieghi e depositi bancari Numero sportelli bancari Per approfondimenti: www.bancaditalia.it PROTESTI CAMBIARI anno ASSEGNI CAMBIALI TRATTE ACCETTATE

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Le operazioni di finanziamento contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione. Criteri di segnalazione.

Le operazioni di finanziamento contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione. Criteri di segnalazione. DIPARTIMENTO INFORMATICA SERVIZIO RILEVAZIONI STATISTICHE (839) DIVISIONE CENTRALE DEI RISCHI (008) Rifer. a nota n. del AI CAPI DEI SERVIZI E DELLE FILIALI Classificazione IX 4 1 Oggetto Le operazioni

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano resi

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 PREMESSA Per quanto riguarda il presente bilancio di Banca Carige SpA si ricorda che nell anno

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua)

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio)

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) GRUPPI PUMA2 AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) Roma, gennaio 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 21 dicembre 2015. Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull usura. Periodo di rilevazione

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Estense Grande Distribuzione

Estense Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2013, delibera il periodo di grazia e la riduzione della commissione di gestione dei Fondi Estense Grande Distribuzione e BNL Portfolio Immobiliare Estense

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 Banca di Cascina Credito Cooperativo Banca di Cascina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE, DEGLI IMEL, DELLE SGR E DELLE SIM

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE, DEGLI IMEL, DELLE SGR E DELLE SIM ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE, DEGLI IMEL, DELLE SGR E DELLE SIM Indice INDICE Capitolo 1 Principi generali 1. Destinatari delle disposizioni

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTO l articolo 39, commi 1 e 2 della Legge 17 novembre 2005, n. 165 che attribuisce, tra l altro, all Autorità di Vigilanza il

Dettagli

ORIENTAMENTI. visto lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, in particolare gli articoli 5.1, 12.1 e 14.

ORIENTAMENTI. visto lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, in particolare gli articoli 5.1, 12.1 e 14. 19.6.2015 L 154/15 ORIENTAENTI INDIRIZZO (UE) 2015/948 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 16 aprile 2015 che modifica l'indirizzo BCE/2013/7 relativo alle statistiche sulle disponibilità in titoli (BCE/2015/19)

Dettagli

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione CAPITOLO 4 Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione 4.1 Introduzione Scopo del questionario: raccogliere informazioni sulle operazioni finanziarie internazionali ( eventi relativi a:

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio Circolare n. 189 del 21 ottobre 1993 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA Manuale delle Segnalazioni

Dettagli

IL CREDITO A REGGIO EMILIA

IL CREDITO A REGGIO EMILIA Osservatorio economico, coesione sociali, legalità IL CREDITO A REGGIO EMILIA a cura di Matteo Ruozzi Responsabile Ufficio Studi, Statistica, Osservatori 16 giugno 2015 Provincia di Reggio Emilia Alcuni

Dettagli

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione CAPITOLO 4 Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione 4.1 Introduzione Scopo del questionario: raccogliere informazioni su alcune tipologie di operazioni finanziarie internazionali che

Dettagli

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 GRUPPO INTERFINANZIARIO PUMA2 LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 Roma, dicembre 2004 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA..

Dettagli

ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT

ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Il presente documento contiene la bozza della segnalazione relativa

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 340 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/11 30/09/11 31/12/10

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

DIRECT REPORTING SINTESI DELLE VARIAZIONI APPORTATE NELL EDIZIONE 2013

DIRECT REPORTING SINTESI DELLE VARIAZIONI APPORTATE NELL EDIZIONE 2013 DIRECT REPORTING SINTESI DELLE VARIAZIONI APPORTATE NELL EDIZIONE 2013 Il Manuale Applicativo allegato al Provvedimento della Banca d Italia del 16 dicembre 2009, recante Disposizioni in materia di raccolta

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

CENTRALE DEI RISCHI (*)

CENTRALE DEI RISCHI (*) Filiale di MILANO SEDE CENTRALE DEI RISCHI (*) Intestatario : WEST LINE S.P.A. Sede legale : ROMA CCIAA : 0188888 Codice fiscale : 000000077777770 Codice censito : 11111777 Date contabili richieste : set-10

Dettagli

Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO

Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO Nell ambito della cosiddetta Riforma del mercato del lavoro meglio nota anche come Legge Fornero (L. n.92 del 28 giugno 2012) erano

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da MARANGONI MARIO Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148 7 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano

Dettagli

Regolamento del processo delle. segnalazioni di vigilanza

Regolamento del processo delle. segnalazioni di vigilanza Regolamento del processo delle segnalazioni di vigilanza INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DELLE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA... 3 1. STRUTTURA, REGOLE GENERALI E CONTROLLI DELLE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA...

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DELLE SOCIETÀ DI INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE (SICAV)

PROSPETTI CONTABILI DELLE SOCIETÀ DI INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE (SICAV) PROSPETTI CONTABILI DELLE SOCIETÀ DI INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE (SICAV) C1. Schema di prospetto del valore dell azione di SICAV DENOMINAZIONE DELLA SICAV:... PROSPETTO DEL VALORE DELL AZIONE AL.../.../...

Dettagli

Manuale per la compilazione delle Segnalazioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Manuale per la compilazione delle Segnalazioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Manuale per la compilazione delle Segnalazioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Circolare n. 217 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 14 febbraio 2008 VIGILANZA

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze

Ministero dell'economia e delle Finanze Ministero dell'economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base

Dettagli

Prospetto con dati aggiornati al 27/06/2016 Pagina 1 di 9

Prospetto con dati aggiornati al 27/06/2016 Pagina 1 di 9 27/06/2016 Come previsto dalla Banca d Italia nelle Disposizioni di Vigilanza del 30/12/2008, in relazione all oggetto, si elencano nel prospetto seguente le diverse tipologie di mutui offerti dalla Nuova

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. ALLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

fino a 5.000,00 11,61 18,5125 oltre 5.000,00 10,20 16,7500 oltre 5.000,00 11,69 18,6125 fino a 25.000,00 7,95 13,9375 oltre 25.000,00 7,48 13,3500

fino a 5.000,00 11,61 18,5125 oltre 5.000,00 10,20 16,7500 oltre 5.000,00 11,69 18,6125 fino a 25.000,00 7,95 13,9375 oltre 25.000,00 7,48 13,3500 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI,

Dettagli

CIRCOLARE N. 115 DEL 7 AGOSTO 1990 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA SU BASE CONSOLIDATA 19 AGGIORNAMENTO

CIRCOLARE N. 115 DEL 7 AGOSTO 1990 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA SU BASE CONSOLIDATA 19 AGGIORNAMENTO VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA CIRCOLARE N. 115 DEL 7 AGOSTO 1990 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA SU BASE CONSOLIDATA 19 AGGIORNAMENTO CIRCOLARE N. 154 DEL 22 NOVEMBRE

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

USURA: RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE

USURA: RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/09/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione Milano, 28 luglio 2015. Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 1.321,402 con un rendimento

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 Giugno 2015 IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Capitale Sociale int. vers. Euro 42.500.000,00 Capogruppo del

Dettagli

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi Nel quadro di una revisione complessiva del corpus dei principi contabili nazionali si è ritenuto che il principio OIC 14 fosse la sede più

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO

PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO Questo prospetto informativo è parte integrante del Codice volontario di condotta in materia di informativa precontrattuale relativa ai contratti di mutuo destinati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA 3 Novembre2015 Gli strumenti finanziari Eleonora Isaia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Le esigenze finanziarie

Dettagli