PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3"

Transcript

1 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici

2 Riqualificazione dell insediato storico o di quello più recente degradato_ Miglioramento del sistema infrastrutturale materiale e immateriale interno ai centri storici o di connessione tra loro_ Razionalizzazione e rifunzionalizzazione dei servizi pubblici e privati con particolare riferimento a quelli in grado di sviluppare relazioni tra diversi centri Incentivazione delle attività economiche in un quadro di valenza anche sovracomunale_ Attivazione di programmi e interventi nel settore della Smart City anche a livello territoriale e sovracomunale_ Programmi di rilevanza sovracomunale, che interessano un area vasta intesa come parti di territori di più comuni contermini o prossimi, volti ad incentivare e migliorare la cooperazione tra Amministrazioni_ Programmi di rilevanza urbana, riferiti ad un unico centro abitato_ Complessivamente sono disponibili circa 15 milioni di euro dei quali 10 saranno destinati ad opere pubbliche ed attività di servizio, ad interventi residenziali e ad attività turistiche e commerciali_ Ai PUC3 sovracomunali sono destinati fino al 70% dei finanziamenti complessivi disponibili_ Ai PUC3 sovracomunali è destinato un finanziamento non superiore a 700 mila euro per ogni comune partecipante_ Ai PUC3 di rilevanza urbana è destinato un finanziamento non superiore a: 800 mila euro per i comuni con popolazione inferiore a abitanti_ 1 milione di euro per i comuni con popolazione uguale o superiore a abitanti_

3 Individua una idea guida condivisa dalle amministrazioni partecipanti che evidenzia le finalità, sintetizza la strategia, stabilisce gli obiettivi specifici da conseguire mediante l adozione di due azioni strategiche alternative: realizzazione e rafforzamento delle reti di relazioni, cioè il coordinamento, la razionalizzazione, l integrazione e il rafforzamento di funzioni, filiere produttive, attività e servizi così da aumentarne qualità ed efficienza, riducendone i costi_ creazione di un sistema territoriale tematico che adotta una programmazione unitaria, innovativa e strategica, utile alla crescita competitiva del territorio _ Mediante Delibera dei Consigli dei Comuni coinvolti: viene approvata la perimetrazione indicativa dell ambito territoriale riferito al programma_ viene individuato il Comune capofila_ I finanziamenti richiesti dai singoli Comuni devono rispettare le seguenti quote: non meno del 10% per gli interventi residenziali_ non meno del 18% per interventi a favore delle attività produttive_ non oltre il 2% per la redazione del PUC3_ Nei PUC3 sovracomunali i finanziamenti riguardanti le attività produttive o le residenze possono essere suddivisi fra i Comuni in quote percentuali diverse rispetto al minimo previsto, purché il finanziamento complessivo richiesto rispetti le percentuali sopra indicate_ Pubblici e privati_ 16 settembre 2013

4 Comune o altro Ente Pubblico diverso dalla Regione_ Adeguamento, recupero e nuova realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria_ Riqualificazione e aumento della dotazione di infrastrutture e di servizi pubblici_ Miglioramento e realizzazione infrastrutturale di sistemi di mobilità alternativa, sostenibile e di trasporto intelligente per la fruizione del territorio per favorire l accessibilità all ambito urbano anche mediante la realizzazione di aree di sosta_ Messa in sicurezza di edifici strategici e la riduzione della vulnerabilità sismica_ Riqualificazione del patrimonio relativo a strutture ferroviarie degradate o abbandonate_ Diffusione delle reti a banda larga_ Cartellonistica per l individuazione di percorsi culturali o naturalistici_ Per i PUC3 sovracomunali è possibile destinare sino al 40% del finanziamento per interventi pubblici localizzati in ambiti extraurbani_ La spesa riguardante l acquisto di edifici e di aree finalizzati ad attività della Pubblica Amministrazione_ Le spese tecniche di progettazione, direzione lavori, studi e indagini specialistiche, coordinamento della sicurezza e collaudi (per ogni intervento massimo il 13% dell importo lavori di cui al progetto esecutivo)_ Comune o altro Ente Pubblico diverso dalla Regione_ Nei PUC3 sovracomunali il cofinanziamento a carico di ciascun Comune è, al minimo, pari al 10% del finanziamento utilizzato_ L impegno giuridicamente vincolante delle singole opere deve essere effettuato entro il _ Tutti gli interventi dovranno essere conclusi entro il _

5 ATER Umbria, Comune, Privati (imprese, cooperative, enti morali, fondazioni, singoli privati)_ Interventi volti a migliorare le condizioni abitative destinati prioritariamente alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente mediante interventi di housing sociale con particolare riferimento alle residenze in locazione_ Ristrutturazione urbanistica, ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo, manutenzione straordinaria, nuova costruzione (ad eccezione degli alloggi destinati a canone concordato)_ Interventi per sistemazione, anche temporanea, degli utenti degli alloggi da riqualificare_ Opere di adeguamento alle vigenti normative (alla sicurezza statica, sismica, antincendio, degli impianti, all accessibilità, all igiene, al benessere per gli utenti, agli spazi per parcheggio, al risparmio energetico,..) di alloggi esistenti e di parti comuni degli edifici_ In funzione dei requisiti soggettivi_ Prima della stipula dell accordo di programma tra Comune e Regione i privati devono provvedere al deposito di apposita polizza fidejussoria a favore del Comune pari al 5% del costo dell intervento_ La fidejussione viene svincolata al termine dell esecuzione dei lavori_ Se il soggetto privato non attua gli interventi previsti la fidejussione viene trattenuta da Comune ed investita in opere pubbliche di miglioramento nel PUC3_ Alloggi da destinare alla vendita o alla proprietà differita a favore di soggetti in possesso dei requisiti_

6 Soggetti attuatori: cooperative, imprese di costruzioni, loro consorzi o associazioni_ Finanziamenti per nuova costruzione_ Finanziamenti per recupero o acquisto e recupero_ In entrambi i casi la max percentuale del contributo varia rispetto alla fascia di reddito ISEE (max reddito euro)_ Alloggi da destinare alla locazione_ - Locazione a canone sociale Soggetti attuatori: ATER, Comune_ FINANZIAMENTI (compresa IVA) nuova costruzione: 90% max di contributo_ recupero o acquisto e recupero 95% max di contributo - Locazione a termine a canone concordato Soggetti attuatori: Cooperative di abitazione, imprese di costruzioni_ FINANZIAMENTI recupero o acquisto e recupero: durata locazione 12 anni 40% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ durata locazione 8 anni 30% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ - Locazione a canone agevolato ridotto al 70%del canone concordato SOGGETTI ATTUATORI: ATER Umbria, Comune, privati_ FINANZIAMENTI durata locazione 25 anni nuova costruzione: 60% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ recupero o acquisto e recupero

7 70% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ - Locazione a termine per anziani ultrasessantacinquenni autosufficienti SOGGETTI ATTUATORI: Cooperative di abitazione, imprese di costruzioni, Enti morali_ FINANZIAMENTI durata locazione 8 anni 50% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ - Alloggi di proprietà privata SOGGETTI ATTUATORI: Proprietari, comproprietari, usufruttuari, nudi proprietari, titolari di diritto d uso e di abitazione su uno o più alloggi_ FINANZIAMENTI Proprietari residenti (Recupero primario e secondario o solo primario)_ Alloggi destinati ad abitazione principale La max percentuale del contributo varia rispetto alla fascia di reddito ISEE (max reddito euro)_ - Alloggi destinati alla locazione a termine durata locazione 12 anni 40% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ durata locazione 8 anni 30% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ Proprietari non residenti (Recupero primario)_ Alloggi destinati ad abitazione principale 30% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_ Alloggi destinati alla locazione a termine durata locazione 8 anni 30% max di contributo e comunque euro contributo max ad alloggio_

8 Interventi di recupero delle parti comuni relative ad unità immobiliari a destinazione diversa da quella residenziale SOGGETTI ATTUATORI: Proprietari, comproprietari, usufruttuari, nudi proprietari, titolari di diritto d uso e di abitazione su uno o più alloggi REQUISITI Recupero primario_ Essere parte di un edificio oggetto d intervento_ Superficie non superiore al 30% della superficie complessiva delle unità immobiliari ad uso residenziale presenti nell edificio stesso_ FINANZIAMENTI 20% max di contributo e comunque euro contributo max_

9 Privati: piccole e medie imprese con titolarità necessaria all esercizio dell attività per la quale si richiede il beneficio posseduta alla data di scadenza della domanda_ (Riguardano solo le superfici di vendita) Riqualificazione, ampliamento e adeguamento di attività commerciali_ Riqualificazione, ampliamento e adeguamento di spazi idonei rivolti all esercizio di forme innovative di attività commerciali_ Riqualificazione, ampliamento e adeguamento di spazi di uso pubblico, aperti o coperti e relative infrastrutture per l esercizio di attività commerciali_ Promozione dell e-commerce_ Per le attività di ristorazione obbligo di attivazione della connessione wi-fi gratuita per i clienti_ Interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro o risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ristrutturazione urbanistica_ (Al netto dell IVA recuperabile) Acquisto di hardware e software riconducibile a singole postazioni di lavoro, attrezzature, macchine da ufficio e arredi strettamente funzionali all attività svolta, fatta esclusione per i relativi contratti di assistenza e di gestione_ Installazione di reti telematiche per l automazione della gestione aziendale, realizzazione di siti internet in particolare per lo sviluppo dell e-commerce, strettamente funzionali all attività esercitata fatta esclusione per i relativi contratti di assistenza e di gestione_ Installazione, rifacimento di impianti elettrici, idraulici e di climatizzazione_ Impianti finalizzati all autosufficienza energetica e alla sostenibilità ambientale degli edifici_ Installazione di sistemi di sicurezza interni ed esterni, ivi compreso il collegamento alle strutture di pubblica sicurezza o di agenzie specializzate_ Spese tecniche di progettazione, direzione lavori (massimo il 6% delle opere ammesse a contributo)_ Costo totale del singolo intervento minimo euro_

10 Il contributo regionale a fondo perduto è fino al 50 per cento delle spese ammissibili per l intervento proposto_ il contributo regionale a fondo perduto previsto per l ampliamento dell attività è del massimo del 30%_ I finanziamenti possono fruire di un contributo a fondo perduto in regime de minimis sino ad un massimo del 50% della spesa ammissibile documentata al netto dell iva e oneri accessori_ Gli aiuti in regime de minimis nell arco di tre esercizi finanziari devono essere inferiori di _ Prima della stipula dell accordo di programma tra Comune e Regione i privati devono provvedere al deposito di apposita polizza fidejussoria a favore del Comune pari al 5% del costo dell intervento_ La fidejussione viene svincolata al termine dell esecuzione dei lavori_ Se il soggetto privato non attua gli interventi previsti la fidejussione viene trattenuta da Comune ed investita in opere pubbliche di miglioramento nel PUC3_ Alla richiesta dell anticipazione o del saldo del contributo i soggetti devono sottoscrivere una dichiarazione d impegno a mantenere la destinazione d uso degli immobili per almeno 5 anni dalla data di ultimazione dei lavori_ L impegno giuridicamente vincolante delle singole opere deve essere effettuato entro il _ Tutti gli interventi dovranno essere conclusi entro il _

11 Privati: Piccole e medie imprese (esercizi ricettivi alberghieri, extra alberghieri, all aria aperta, residenze d epoca) in attività al 16/09/2013_ adeguamento, riqualificazione e ampliamento delle strutture senza aumento dei posti letto_ adeguamento dei requisiti finalizzati al mantenimento della classificazione posseduta o al miglioramento della stessa_ obbligo di attivazione della connessione wi-fi gratuita per i clienti_ Interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro o risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ristrutturazione urbanistica_ (Al netto dell IVA recuperabile) Acquisto di hardware e software riconducibile a singole postazioni di lavoro, attrezzature, macchine da ufficio e arredi strettamente funzionali all attività svolta, fatta esclusione per i relativi contratti di assistenza e di gestione_ Installazione di reti telematiche per l automazione della gestione aziendale, realizzazione di siti internet in particolare per lo sviluppo dell e-commerce, strettamente funzionali all attività esercitata fatta esclusione per i relativi contratti di assistenza e di gestione_ Installazione, rifacimento di impianti elettrici, idraulici e di climatizzazione_ Impianti finalizzati all autosufficienza energetica e alla sostenibilità ambientale degli edifici_ Installazione di sistemi di sicurezza interni ed esterni, ivi compreso il collegamento alle strutture di pubblica sicurezza o di agenzie specializzate_ Spese tecniche di progettazione, direzione lavori (massimo il 6% delle opere ammesse a contributo)_ Costo totale del singolo intervento minimo euro_

12 Il contributo regionale a fondo perduto è fino al 50 per cento delle spese ammissibili per l intervento proposto_ il contributo regionale a fondo perduto previsto per l ampliamento dell attività è del massimo del 30%_ I finanziamenti possono fruire di un contributo a fondo perduto in regime de minimis sino ad un massimo del 50% della spesa ammissibile documentata al netto dell iva e oneri accessori_ Gli aiuti in regime de minimis nell arco di tre esercizi finanziari devono essere inferiori di _ Prima della stipula dell accordo di programma tra Comune e Regione i privati devono provvedere al deposito di apposita polizza fidejussoria a favore del Comune pari al 5% del costo dell intervento_ La fidejussione viene svincolata al termine dell esecuzione dei lavori_ Se il soggetto privato non attua gli interventi previsti la fidejussione viene trattenuta da Comune ed investita in opere pubbliche di miglioramento nel PUC3_ Alla richiesta dell anticipazione o del saldo del contributo i soggetti devono sottoscrivere una dichiarazione d impegno a mantenere la destinazione d uso degli immobili per almeno 5 anni dalla data di ultimazione dei lavori_ L impegno giuridicamente vincolante delle singole opere deve essere effettuato entro il _ Tutti gli interventi dovranno essere conclusi entro il _

13 Privati: piccole e medie imprese con titolarità necessaria all esercizio dell attività per la quale si richiede il beneficio posseduta alla data di scadenza della domanda_ Sviluppo di attività di servizio rivolte ai cittadini, in particolare alle donne e a categorie speciali quali anziani, bambini, portatori di handicap, studenti, immigrati_ Creazione di spazi per l esercizio di forme innovative di attività per lo sviluppo di attività di servizio rivolte ai cittadini, in particolare alle donne e a categorie speciali quali anziani, bambini, portatori di handicap, studenti, immigrati_ Valorizzazione delle risorse del territorio e della filiera corta_ Recupero, nuova costruzione o acquisto di locali e di spazi idonei adibiti allo svolgimento di attività innovative di servizio alla residenza a favore di soggetti anziani, immigrati e portatori di handicap_ Creazione di attività innovative a servizio di cittadini volte all approvvigionamento, alla distribuzione o al recapito a domicilio, a basso impatto ambientale, di merci_ Interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro o risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ristrutturazione urbanistica, nuova costruzione_ (Al netto dell IVA recuperabile) Acquisto di hardware e software riconducibile a singole postazioni di lavoro, attrezzature, macchine da ufficio e arredi strettamente funzionali all attività svolta, fatta esclusione per i relativi contratti di assistenza e di gestione_ Installazione di reti telematiche per l automazione della gestione aziendale, realizzazione di siti internet in particolare per lo sviluppo dell e-commerce, strettamente funzionali all attività esercitata fatta esclusione per i relativi contratti di assistenza e di gestione_ Installazione, rifacimento di impianti elettrici, idraulici e di climatizzazione_ Impianti finalizzati all autosufficienza energetica e alla sostenibilità ambientale degli edifici_ Installazione di sistemi di sicurezza interni ed esterni, ivi compreso il collegamento alle strutture di pubblica sicurezza o di agenzie specializzate_ Spese tecniche di progettazione, direzione lavori (massimo il 6% delle opere ammesse a contributo)_

14 Costo totale del singolo intervento minimo euro_ Il contributo regionale a fondo perduto è fino al 50 per cento delle spese ammissibili per l intervento proposto_ il contributo regionale a fondo perduto previsto per l ampliamento dell attività è del massimo del 30%_ I finanziamenti possono fruire di un contributo a fondo perduto in regime de minimis sino ad un massimo del 50% della spesa ammissibile documentata al netto dell iva e oneri accessori_ Gli aiuti in regime de minimis nell arco di tre esercizi finanziari devono essere inferiori di _ Prima della stipula dell accordo di programma tra Comune e Regione i privati devono provvedere al deposito di apposita polizza fidejussoria a favore del Comune pari al 5% del costo dell intervento_ La fidejussione viene svincolata al termine dell esecuzione dei lavori_ Se il soggetto privato non attua gli interventi previsti la fidejussione viene trattenuta da Comune ed investita in opere pubbliche di miglioramento nel PUC3_ Alla richiesta dell anticipazione o del saldo del contributo i soggetti devono sottoscrivere una dichiarazione d impegno a mantenere la destinazione d uso degli immobili per almeno 5 anni dalla data di ultimazione dei lavori_ L impegno giuridicamente vincolante delle singole opere deve essere effettuato entro il _ Tutti gli interventi dovranno essere conclusi entro il _

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

PUC3 COMUNE DI MONTEGABBIONE. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI MONTEGABBIONE. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI MONTEGABBIONE Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Informazioni generali Finalità

Dettagli

Comune di Arrone PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3

Comune di Arrone PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3 Comune di Arrone AVVISO PUBBLICO PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3 (D.G.R. 3 aprile 2013 n. 281) Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di interventi imprenditoriali per attività produttive

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013 Comune di Otricoli AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive

Dettagli

ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO

ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti di iniziativa delle attività commerciali, turistico-ricettive, servizio-ricettive da inserire nel P.U.C. 3 del Comune

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Comune di San Gemini AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive proposti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 06.08.2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 06.08.2013 Comune di Montecastrilli AVVISO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 06.08.2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013 Comune di Piegaro AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive proposti

Dettagli

Comune di Monte S. Maria Tiberina Provincia di Perugia

Comune di Monte S. Maria Tiberina Provincia di Perugia Comune di Monte S. Maria Tiberina Provincia di Perugia UFFICIO TECNICO COMUNALE Via Santa Croce, 12 06010 Monte Santa Maria Tiberina (PG) Tel. 075/8571003-4 - Fax: 075/8571070 - E-mail: tecnicomsmt@libero.it

Dettagli

COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA

COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 150 del 09 agosto 2013 Procedura ad evidenza pubblica

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE UMBRIA DEI PROGRAMMI UBANI COMPLESSI POR-FESR 2007-2013

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE UMBRIA DEI PROGRAMMI UBANI COMPLESSI POR-FESR 2007-2013 BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE UMBRIA DEI PROGRAMMI UBANI COMPLESSI POR-FESR 2007-2013 (Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 351 del 7 aprile 2008) TITOLO I I PROGRAMMI

Dettagli

PUC 3 SOVRACOMUNALE DEI COMUNI DI GIOVE, LUGNANO IN TEVERINA, PENNA IN TEVERINA, GUARDEA CON AMELIA E ATTIGLIANO

PUC 3 SOVRACOMUNALE DEI COMUNI DI GIOVE, LUGNANO IN TEVERINA, PENNA IN TEVERINA, GUARDEA CON AMELIA E ATTIGLIANO PUC 3 SOVRACOMUNALE DEI COMUNI DI GIOVE, LUGNANO IN TEVERINA, PENNA IN TEVERINA, GUARDEA CON AMELIA E ATTIGLIANO Comune di Guardea AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 103

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 15 del 26.02.2015

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 15 del 26.02.2015 PUC3 SOVRACOMUNALE DEI COMUNI DI ALVIANO, BASCHI, CASTEL GIORGIO, MONTECCHIO, PORANO E ORVIETO Comune Capofila : ALVIANO Comune di PORANO AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Art. 1 Finanziamento degli interventi di ERS nell ambito di programmi di riqualificazione urbana

Dettagli

PUC3 SOVRACOMUNALE DENOMINATO NETLAND dei comuni di FABRO, FICULLE, MONTEGABBIONE, MONTELEONE D ORVIETO E PARRANO AVVISO PUBBLICO

PUC3 SOVRACOMUNALE DENOMINATO NETLAND dei comuni di FABRO, FICULLE, MONTEGABBIONE, MONTELEONE D ORVIETO E PARRANO AVVISO PUBBLICO Prot. 1964/15 Fabro, 16.03.2015 PUC3 SOVRACOMUNALE DENOMINATO NETLAND dei comuni di FABRO, FICULLE, MONTEGABBIONE, MONTELEONE D ORVIETO E PARRANO AVVISO PUBBLICO Approvato con D.G.M. n. 25 del 11.03.2015

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2014-2020 SMART STREET LIGHTING

Programma Operativo Regionale 2014-2020 SMART STREET LIGHTING Programma Operativo Regionale 2014-2020 Interventi per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti di illuminazione pubblica e la diffusione di servizi tecnologici integrati SMART STREET

Dettagli

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA FEASR ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento PSR 2007-2013 Regione Piemonte GAL Escartons e Valli Valdesi Programma di Sviluppo locale Fare impresa, fare sistema nel territorio delle

Dettagli

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 30 ottobre 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione energetica di edifici esistenti Bando 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Legge 1990040 Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Istituzione dell' osservatorio del sistema abitativo laziale e provvidenze per il recupero del patrimonio edilizio esistente.

Dettagli

Comune di Ferentillo PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3

Comune di Ferentillo PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3 Comune di Ferentillo AVVISO PUBBLICO PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3 (D.G.R. 3 aprile 2013 n. 281) Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di interventi imprenditoriali per attività

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica)

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica) 1 di 5 05/01/2009 22.14 Legge regionale 8 luglio 1999, n. 18. (Testo coordinato) Interventi regionali a sostegno dell'offerta turistica. (B.U. 14 luglio 1999, n. 28) Modificata da l.r. 20/2000, l.r. 22/2002,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni.

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni. Palermo, 20 novembre 2013 Oggetto: SMART & START In relazione all ampia disponibilità di fondi ancora non utilizzati e considerato il buon esito dei progetti fin ora presentati si ripropongono di seguito

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 Azioni congiunte di tutela, sviluppo sostenibile e promozione imprenditoriale del sistema della Rete Ecologica Siciliana Premessa

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

ficazione e valorizzazione

ficazione e valorizzazione RV GROUP RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE ficazione e valorizzazione RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PROJECT MANAGEMENT IMPRESA DI COSTRUZIONE impianti di climatizzazione e idrosanitari CHI SIAMO CHI

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria INFO(PAC)K: LA PAC INFORMA. Progetto cofinanziato dal PSR Umbria 2007-2013 misura 111, azione a) Attività informative:

Dettagli

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, GESTIONE INTEGRATA DEI BACINI IDROGRAFICI, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Allegato 1 Servizio Edilizia Residenziale Via Salaria Antica

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA Fonte: Bando regionale 2015 Modulo predisposto: Settore Territorio, Servizio Urbanistica Pianificazione e Gestione del Territorio - Corrado Franzosi tel. 0381 299 309 CHI BENEFICIARE CONTRIBUTO CHI PRESENTARE

Dettagli

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi:

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi: L.R. 28/99 COMMERCIO Piccole imprese commerciali esercenti attività di vendita al dettaglio in sede fissa o ambulante, somministrazione al pubblico di alimenti o bevande, rivendita giornali e riviste,

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

Manovra anticongiunturale

Manovra anticongiunturale Manovra anticongiunturale INTERVENTI A FAVORE DELLA CASA 9 aprile 2009 Le dimensioni del settore (costruzione installazione impianti) Situazione 2007 Imprese industriali con più di 10 dipendenti N Impresee

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Relatori: Bazzarello Antonella: Dottore Commercialista e revisore contabile

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO AVVISO PUBBLICO Il Sindaco rende noto che: A seguito della pubblicazione del Decreto n. 4363 del 15/08/2010 Del. C.R. 29/07/2009 n. 43 Misure straordinarie, urgenti e sperimentali,

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato a provincia il residente in via/piazza nel comune di provincia codice fiscale nella sua qualità di (barrare una casella):

Il/La sottoscritto/a nato a provincia il residente in via/piazza nel comune di provincia codice fiscale nella sua qualità di (barrare una casella): SCHEMA/MODELLO DI DOMANDA Raccomandata A.R. Spett.le Comune MARCA DA BOLLO Avviso PUC3 DGR. n. 281 del 3.04.2013. DOMANDA di ammissione alle agevolazioni di cui agli articoli 8, 9 e 10 dell avviso pubblico

Dettagli

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Obiettivo specifico c) Obiettivo Operativo c.2 Asse II Occupabilità Obiettivo specifico e) Obiettivi Operativi e.3, e.4 Asse III Inclusione

Dettagli

Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015

Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015 Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015 2 Il bando Poi Energia efficienza energetica 2015, con una dotazione di 120.000.000 di euro riguarda investimenti funzionali ad un uso

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici POR FESR 2014-2020 Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici Presentazione di iniziative per interventi di sostegno all efficienza

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura SOTTOMISURA 321/A Servizi essenziali e infrastrutture rurali AZIONE 4 PSR SICILIA 2007/2013 SOTTOMISURA 321/A4 Punti di accesso info-telematici

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

ALLEGATO B C O M U N E D I D R A P I A PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE STANDARD E DI URBANIZZAZIONE

ALLEGATO B C O M U N E D I D R A P I A PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE STANDARD E DI URBANIZZAZIONE ALLEGATO B C O M U N E D I D R A P I A PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE STANDARD E DI URBANIZZAZIONE data: MAGGIO 2015 1 SOMMARIO Art. 1 Normativa di riferimento

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA Scheda dii Siintesii Intervento N 11.b SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: LA VALORIZZAZIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR 2007/2013) Obiettivo: Competitività ed Occupazione Titolo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Adottato con deliberazione consiliare n.22 dd. 4 maggio 1998. Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE SMART & START: LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI A cura del centro studi economico finanziario della Financial Advisors Business www.fabfinance.eu

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

FONDO REGIONALE PER IL COMMERCIO

FONDO REGIONALE PER IL COMMERCIO Prot. N. 1154 Li, 15/05/2013 Alla c.a. dei rappresentanti delle Imprese del Distretto Turistico Loro sede Oggetto: FONDO REGIONALE PER IL COMMERCIO Gli artt. 60 e 63 della L.R. 23/12/2000 n. 32 (successivamente

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista 730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro E del Mod. 730 deve essere utilizzato

Dettagli

Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro

Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro Pubblicato a cura dei Servizi Assistenza Organi Istituzionali, Ufficio di Presidenza del Consiglio e Innovazione

Dettagli

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

Documenti delle Commissioni di Studio

Documenti delle Commissioni di Studio Documenti delle Commissioni di Studio GIUGNO 4, 2013 ANNO 1, NUMERO 4 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative COMMISSIONE FISCALITA Edilizia: Proroga delle detrazioni sulle ristrutturazioni e per gli

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche COMUNE DI CANTU Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche dicembre 2015 REGOLAMENTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE ECONOMICA DEGLI

Dettagli

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Cassino 22/1/2009 Chi siamo Invitalia, l'agenzia nazionale per

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Dipartimento 10 - Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI ADIBITI AD USO ABITATIVO, AI SENSI DELL ART. 11 DELLA L. 431/1998 E DELL ART. 6 DELLA L.R. 6/2003. Art.

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

interventi di ristrutturazione edilizia miglioramento delle prestazioni energetiche Bonus mobili - Contributi

interventi di ristrutturazione edilizia miglioramento delle prestazioni energetiche Bonus mobili - Contributi Sui criteri applicativi delle agevolazioni fiscali su interventi di ristrutturazione edilizia ed interventi finalizzati al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici. Bonus mobili - Contributi

Dettagli

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Roma, 12 marzo 2014 1 miliardo e 741 milioni per Sostegno all affitto a canone concordato

Dettagli

92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172

92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172 92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172 Approvazione bando finalizzato al finanziamento di progetti di investimento sociale e per l eliminazione

Dettagli

Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.)

Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.) In collaborazione con: Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.) Stefania Ghidorzi Direzione Energia Infrastrutture Lombarde Comitato

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Autore: Dott. P. Pirone La detrazione ai fini IRPEF Le spese sostenute per la ristrutturazione di immobili possono essere portare in detrazione dall

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli