Introduzione all Enterprise Risk Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione all Enterprise Risk Management"

Transcript

1 Introduzione all Enterprise Risk Management Alessandro Cencioni Lugano, 13 Gennaio 2006

2 Agenda I fondamenti Che cos è l ERM? ERM = RM? L ERM è obbligatorio? Perchè l ERM? Quante società hanno implementato l ERM? Come valutare la maturità dei processi di RM? Metodologia e modelli Che cos è l ERM COSO Framework? Come implementare il processo di ERM? Esiste un linguaggio dei rischi? Quali rapporti tra COSO e altri IT risk framework? Quali sono i fattori critici di successo? 2

3 I fondamenti 3

4 Che cos è L ERM? Definizione ERM is a process, effected by an entity s board of directors, management and other personnel, applied in strategy setting and across the enterprise, designed to identify potential events that may effect the entity, and manage risks to be within its risk appetite, to provide reasonable assurance regarding the achievement of entity objectives Source: COSO Enterprise Risk Management Integrated Framework Principali caratteristiche È un processo vale a dire caratterizzato da continuità e non una mera iniziativa una-tantum È attuato dalle persone non è solo forma o semplice policy, ma deve coinvolgere, a tendere, le persone a tutti i livelli dell organizzazione Supporta la definizione delle strategie aziendali È esteso a tutta l organizzazione vale a dire a tutte le business unit, legal entities, funzioni, ecc., al fine di pervenire ad un portafoglio rischi a livello entity È disegnato per identificare gli eventi che possono influenzare il business e per gestire tali eventi in coerenza con il risk appetite Fornisce una ragionevole assicurazione all organo dirigente circa il raggiungimento degli obiettivi aziendali a livello entity 4

5 RM= ERM? Risk Management Business Risk Management Enterprise Risk Management Focus Financial and hazard risks and internal controls Business risk and internal controls, taking a risk-byrisk approach Business risk and internal controls, taking an entitylevel portfolio view of risk Objective Protect enterprise value Protect enterprise value Enhance and protect enterprise value Scope Treasury, insurance and operations involved Business managers accountable Applied across the enterprise, at every level and unit Emphasis Financial and operations Management Strategy-setting Application Selected risk areas, units and processes Selected risk areas, units and processes Enterprise-wide to all sources of value CURRENT STATE CAPABILITIES FUTURE STATE VISION 5

6 L ERM è obbligatorio? Non esistono (in Italia e nel mondo) obblighi mandatory all implementazione dell ERM L implementazione di un processo di ERM consente tuttavia di gestire in maniera strutturata ed organica una serie di richieste regolamentari con cui si confrontano, in particolare, le società quotate: Codici di Corporate Governance (p. es. Preda in Italia, Economiesuisse) Normative antifrode (p. es. Legge 231/2001) Regolamentazione su rischi specifici (p. es. legge antiriciclaggio, rischio operativo Basilea II; Risk management in SGR e SICAV; Risk Management ISVAP) Standard di qualità (p. es. Cobit, ISO ecc) 6

7 L ERM è obbligatorio? Key Milestones del RM CoSO Report - Integrated Framework (US) CoCo Report Integrated Framework (Canada) Kon TraG Risk Management Framework Framework (Germany) Turnbull Guidance Integrated business risk management framework (UK) Standard Integrated Framework (Australia e Nuova Zelanda) ERM Coso Framework (US) Rutterman Guidance (UK) FAS 133 standard hedging and derivatives principles(usa) Blue Ribbon Commission Report (USA) Codice di autodisciplina Preda operational and financial controls(italy) Raccomandazioni del Comitato di Basilea ISVAP: Disposizioni in materia di sistema di controlli interni e gestione dei rischi Cadbury Code - Internal Financial Controls (UK) Combined Code Internal Controls (UK) Hampel Principles (UK) Legge 231/2001 Responsabilità societaria (I) Sarbanes- Oxley (US) M odifica del CPS: responsabilità penale degli amministratori (CH) Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio Risk Management in SGR e SICAV 7

8 Perché l ERM? Value Proposition Permette di evitare sorprese attraverso una migliore gestione dei rischi Allinea ed integra le diverse viste di gestione dei rischi Riduce il costo del capitale, aumenta il rating e la confidence degli investitori Assicura l allineamento ai principi della Corporate Governance Accelera la capacità di risposta alle mutate condizioni di business Migliora la consapevolezza del bilanciamento tra rischi e controlli 8

9 Quante società hanno implementato l ERM? Molte società dichiarano di aver implementato al loro interno processi di risk assessment: PWC 2004 Global CFO Survey => L ERM è stato definito una priorità per il 40% dei CFO intervistati McKinsey 2003 Board of Directors Survey => Il 64% degli amministratori dichiara di conoscere i principali rischi aziendali Protiviti Italia 2005 CFO Survey => il 75% circa del campione intervistato dichiara di disporre di un processo o di una politica di gestione dei rischi In mancanza di uno standard di riferimento (oggi presente con la pubblicazione dell ERM Coso Framework) è difficile comprendere a quale stadio di maturità di gestione dei processi di risk management siano le diverse società Come valutare la maturità dei processi di RM? 9

10 Come valutare la maturità dei processi di RM? Improved ERM Capabilities: Initial Repeatable Defined Uniform process Initial quantification Managed/ Optimizing Quantification of risk versus tolerances Exploitation of risk diversification effects Risk Identification Common language Dedicated resources Risk management policy Executive mgmt oversight Risk sourcing ERM responsibilities Policy and process guidelines followed across organization Consistent risk reporting Robust risk measures Enterprise-wide limits Integrated risk measurement systems Integration with strategy and planning Risk measures applied to performance goals Enterprise-wide risk strategies 10

11 Metodologia e modelli 11

12 Che cos è l ERM COSO Framework? Modello teorico di rappresentazione di un processo di Enterprise Risk Management COSA? Di recente (anno 2004) pubblicazione da parte del Committee of Sponsoring organization (organizzazione privata statunitense costituita nel 1985 da AICPA, IIA, FEI, IMA e AAA) L ERM Framework è l evoluzione concettuale dell Internal Control Framework pubblicato nel 1992 COME? STRATEGIC OPERATIONS Internal Environment Objective Setting Event Identification Risk Assessment Risk Response Control Activities REPORTING COMPLIANCE ENTITY-LEVEL BUSINESS UNIT DIVISION SUBSIDIARY DOVE? Con riferimento ad un processo di risk management il framework fornisce: Information & Communication Monitoring Gli elementi caratterizzanti (dimensioni) del processo Un possibile linguaggio comune Le linee guida per la sua implementazione I criteri per valutare l efficacia del processo in atto.. it became increasingly clear that a need exist for a robust framework to effectively identify, assess, and manage risk. Source: COSO Enterprise Risk Management Integrated Framework

13 Come implementare il processo di ERM? Costruire e migliorare sistematicamente il processo di ERM Categories of ERM Journey Elements ERM Value Proposition FOUNDATION ELEMENTS PROCESS ELEMENTS ENHANCEMENT ELEMENTS Adopt common language Establish oversight and governance Assess risk and develop strategies Design/ implement capabilities Continuously improve Quantify multiple risks enterprise-wide Improve enterprise performance Establish sustainable competitive advantage Creare le fondamenta organizzative, metodologiche e culturali del processo di ERM, ad esempio attraverso: La definizione di un linguaggio comune dei rischi, dei processi, dei controlli, ecc. La definizione della struttura organizzativa (attori e responsabilità) L articolazione generale del processo (strumenti e metodologie, flussi comunicativi, reportistica attesa, ecc.) Implementare un efficace processo di ERM Avviare le attività di identificazione e valutazione dei rischi Definire le modalità di gestione dei rischi identificati Identificare ed implementare le soluzioni necessarie per la gestione dei rischi Rivedere il processo e le procedure di ERM in funzione dei risultati raggiunti e dei punti di miglioramento identificati Massimizzare il ritorno atteso e creare valore per l impresa Evoluzione organizzativa (es.: istituzione della figura del Risk Officer) Evoluzione dei metodi di misurazione dei rischi Misurazione dell impatto dei rischi sul capitale Creazione di valore per l impresa 13

14 Esiste un linguaggio dei rischi? La comunicazione è essenziale. La mancanza di un linguaggio comune impedisce la condivisione delle informazione e la loro analisi aggregata Senza un linguaggio comune il processo di risk management non è efficace Gli elementi essenziali di un linguaggio comune sono: Il modello di classificazione dei rischi => Business Risk Model Il modello di rappresentazione dei processi => Process Classification Scheme Framework di valutazione dei rischi => Risk Map Il COSO ERM Framework non fornisce il linguaggio da utilizzare 14

15 Esiste un linguaggio dei rischi? Business Risk Model CONTESTO ESTERNO Concorrenza Bisogni della clientela Innovazione tecnologica Sensibilità Aspettative degli azionisti Disponibilità di capitali Leggi/regolamenti Settore di attività Mercato finanziario Eventi catastrofici PROCESSI FINANCIAL EMPOWERMENT GOVERNANCE Leadership Cultura organizzativa Prezzo Delega Comportamenti etici Tasso di interesse Outsourcing Efficacia del CDA Valuta Incentivi di perfomance Gestione delle Capitale Preparazione al successioni Commodity cambiamento Strumenti finanziari Comunicazione REPUTAZIONE Liquidità Immagine e Brand Cash Flow INFORMATION Relazione con Costo dell opportunità TECHNOLOGY Azionisti Concentrazione Integrità INTEGRITA Accesso Credito Frodi del Management Disponibilità Default Frodi degli impiegati Infrastrutture Concetrazione Frodi di terzi Pagamento Atti illegali Garanzie Usi non autorizzati OPERATIONS Soddisfazione clienti Scalabilità Compliance Risorse Umane Performance Gap Interruzioni di Business Know How Tempi di ciclo Vizi nel servizio/prodotti Sviluppo Prodotti Approvvigionamento Ambiente Efficienza Canali di vendita Salute e sicurezza Capacità produttiva Partners Brevetti e Marchi INFORMATIVA INFORMATIVA STRATEGIC Esplorazione dell ambiente competitivo Modello di Business Gamma di Business Valutazione investimenti Struttura organizzativa Strategia di verifica raggiungimento obiettivi Allocazione risorse Pianificazione Ciclo di vita REPORTING Valutazioni di bilancio Valutazione sistema di controllo interno Attestazioni Vertice Fiscalità Fondi previdenziali aziendali Reporting verso enti Vigilanza e controllo OPERATIONAL Budget e Pianificazione Prezzi dei prodotti/servizi Obbligazioni contrattuali Controllo di gestione Rinconciliazione Amministrazione 15

16 Esiste un linguaggio dei rischi? - PCS Operating Processes 1. Understand Markets & Customers 2. Develop Vision & Strategy 3. Design Products & Services 4. Market & Sell 5. Produce & Deliver Products & Services 6. Produce & Deliver for Service Organizations 7. Invoice & Service Customers Management & Support Processes 8. Develop and Manage Human Resources 9. Manage Information Resources and Technology 10. Manage Financial and Physical Resources 11. Execute Environment, Health and Safety Management Program 12. Manage External Relationships 13. Manage Improvement and Change 16

17 Esiste un linguaggio dei rischi? - Valutazione/Risk Map Tecnica semplice di misurazione dei rischi Utilizza predefiniti criteri di valutazione Può essere sviluppata per unità produttiva, divisione, processo o anche per macro categorie di rischi Alta Significatività Bassa Bassa Probabilità Alta Qual è il potenziale impatto finanziario di ogni rischio? Qual è l impatto sulla capacità aziendale di raggiungere gli obiettivi indicate nelle strategie di di breve, medio e lungo termine? Qual è il potenziale costo sul business in termini di capitale, guadagni e cash flow? Può il rischio danneggiare l immagine e la reputazione aziendale? Quanto probabile è il rischio? Se non sono utilizzati metodi statistici, come viene determinata la probabilità di accadimento del rischio? A questo livello, è sufficiente un ordine di idee che consenta di scremare i rischi individuati 17

18 Esiste un linguaggio dei rischi? - Valutazione/Risk Map C o s t o f I m p l e m e n t a t i o n R e q u i r e d LOWER HIGHER P r e c i s i o n Risk Indicator Analysis Individual Qualitative Self-Assessment Qualitative Risk LOWER Prioritization STABLE or ISOLATED HIGHER Statistical Analysis (Probabilistic Models) Scenario Analysis/Simulation Performance Measurement (Cost, Quality, Time) Risk Models (Value at Risk, Stress Testing) Risk Rating or Scoring Risk Exposure Measurement R i s k V o l a t i l i t y or E f f e c t VOLATILE or PERVASIVE DAILY/ WEEKLY F r e q u e n c y OCCASIONALLY 18

19 Quali rapporti tra COSO e altri IT risk framework? Il COSO ERM è un framework di alto livello che ha l obiettivo di abbracciare l universo dei rischi aziendali, compresi quelli relativi all IT Nell ambito di ciascuna categoria di rischio identificata è opportuno utilizzare modelli specifici (come il COBIT e/o ISO per i rischi IT) per l identificazione e la valutazione dei rischi e delle attività di controllo CONTESTO ESTERNO Concorrenza Bisogni della clientela Innovazione tecnologica Sensibilità Aspettative degli azionisti Disponibilità di capitali Leggi/regolamenti Settore di attività Mercato finanziario Eventi catastrofici PROCESSI FINANCIAL EMPOWERMENT GOVERNANCE Leadership Cultura organizzativa Prezzo Delega Comportamenti etici Tasso di interesse Outsourcing Efficacia del CDA Valuta Incentivi di perfomance Gestione delle Capitale Preparazione al successioni Commodity cambiamento Strumenti finanziari Comunicazione REPUTAZIONE Liquidità Immagine e Brand Cash Flow INFORMATION Relazione con Costo dell opportunità TECHNOLOGY Azionisti Concentrazione Integrità INTEGRITA Credito Accesso Frodi del Management Default Disponibilità Frodi degli impiegati Concetrazione Infrastrutture Frodi di terzi Pagamento Atti illegali Garanzie Usi non autorizzati OPERATIONS Soddisfazione clienti Scalabilità Compliance Risorse Umane Performance Gap Interruzioni di Business Know How Tempi di ciclo Vizi nel servizio/prodotti Sviluppo Prodotti Approvvigionamento Ambiente Efficienza Canali di vendita Salute e sicurezza Capacità produttiva Partners Brevetti e Marchi INFORMATIVA INFORMATIVA STRATEGIC Esplorazione dell ambiente competitivo Modello di Business Gamma di Business Valutazione investimenti Struttura organizzativa Strategia di verifica raggiungimento obiettivi Allocazione risorse Pianificazione Ciclo di vita REPORTING Valutazioni di bilancio Valutazione sistema di controllo interno Attestazioni Vertice Fiscalità Fondi previdenziali aziendali Reporting verso enti Vigilanza e controllo OPERATIONAL Budget e Pianificazione Prezzi dei prodotti/servizi Obbligazioni contrattuali Controllo di gestione Rinconciliazione Amministrazione Nell ambito di un processo di ERM gli eventuali modelli specifici IT utilizzati dovrebbero essere ricondotti al framework metodologico di riferimento (come è stato fatto in America ai fini Sarbanes Oxley Act per quanto riguarda COBIT e COSO Internal Control Framework) 19

20 Quali sono i fattori critici di successo? Policy e Reporting Struttura organizzativa Classificazione dei rischi CONTESTO ESTERNO Concorrenza Bisogni della clientela Innovazione tecnologica Sensibilità Aspettative degli azionisti Disponibilità di capitali Leggi/regolamenti Trend dell Industry di appartenenza Mercato finanziario Eventi catastrofici PROCESSI FINANCIAL EMPOWERMENT GOVERNANCE Leadership Cultura organizzativa Prezzo Poteri di firma Comportamenti etici Tasso di interesse Outsourcing Efficacia del CDA Valuta Incentivi di perfomance Gestione delle Capitale Preparazione al successioni Commodity cambiamento Strumenti finanziari Comunicazione REPUTAZIONE Liquidità Immagine e Brand Cash Flow INFORMATION Relazione con Costo dell opportunità TECHNOLOGY Azionisti Concentrazione Integrità INTEGRITA Credito Accesso Frodi del Management Default Disponibilità Frodi degli impiegati Concetrazione Infrastrutture Frodi di terzi Pagamento Atti illegali Garanzie Usi non autorizzati OPERATIONS Soddisfazione clienti Scalabilità Compliance Risorse Umane Performance Gap Interruzioni di Business Know How Tempi di ciclo Vizi nel servizio/prodotti Sviluppo Prodotti Approvvigionamento Ambiente Efficienza Canali di vendita Salute e sicurezza Capacità produttiva Partners Brevetti e Marchi INFORMATIVA INFORMATIVA STRATEGIC Esplorazione dell ambiente competitivo Modello di Business Gamma di Business Valutazione investimenti Struttura organizzativa Strategia di verifica raggiungimento obiettivi Allocazione risorse Pianificazione Ciclo di vita REPORTING Valutazioni di bilancio Valutazione sistema di controllo interno Attestazioni Vertice Fiscalità Fondi previdenziali aziendali Reporting verso enti Vigilanza e controllo OPERATIONAL Budget e Pianificazione Prezzi dei prodotti/servizi Obbligazioni contrattuali Controllo di gestione Rinconciliazione Amministrazione Strumenti di supporto Il Processo Costruire e migliorare sistematicamente il processo di ERM Categories of ERM Journey Elements ERM Value Proposition FOUNDATION ELEMENTS PROCESS ELEMENTS ENHANCEMENT ELEMENTS Adopt common language Establish oversight and governance Assess risk and develop strategies Design/ implement capabilities Improve Continuously Quantify multiple risks enterprise improve enterprise-wide performance Establish sustainable competitive advantage Heat Map Valutazione dei rischi Creare le fondamenta organizzative, Implementare un efficace processo di ERM metodologiche e culturali del processo di ERM, ad esempio attraverso: Avviare le attività di identificazione e valutazione dei rischi La definizione di un linguaggio comune dei rischi, dei processi, dei Definire le modalità di gestione dei rischi controlli, ecc. identificati La definizione della struttura Identificare ed implementare le soluzioni organizzativa (attori e responsabilità) necessarie per la gestione dei rischi L articolazione generale del Rivedere il processo e le procedure di processo (strumenti e metodologie, ERM in funzione dei risultati raggiunti e dei flussi comunicativi, reportistica attesa, punti di miglioramento identificati ecc.) Massimizzare il ritorno atteso e creare valore per l impresa Evoluzione organizzativa (es.: istituzione della figura del Risk Officer) Evoluzione dei metodi di misurazione dei rischi Misurazione dell impatto dei rischi sul capitale Creazione di valore per l impresa Average and Standard Deviation 20

21 Intellectual Property Clause This document contains confidential material proprietary to Protiviti. The materials, ideas, and concepts contained herein are to be used exclusively to evaluate the capabilities of Protiviti to your organization. This information and the ideas herein may not be disclosed to anyone outside of your organization or be used for any purpose other than the evaluation of Protiviti s capabilities. protiviti capabiliti strategi credibiliti objectiviti productiviti 21

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli cerca home chi siamo la rivista contattaci saggi working paper autori archivio siamo in: Homepage / archivio N 2 2009 di Lorenzo Caselli Insegnare etica nelle Facoltà di Economia recensioni segnalazioni

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit Protiviti s High Value Audits are a series of audits programs that provide you with better information for decision-making regarding the systems and processes that drive technology, compliance or operational

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Insieme verso il Futuro

Insieme verso il Futuro Advisory SERVICES Insieme verso il Futuro Le nostre Competenze per la vostra Crescita kpmg.com/it The KPMG Difference: è il nostro modo di essere che fa la differenza Servizi di Consulenza e Modernizzazione

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione Rischi: Classificazione (principali categorie) Rischi

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

piano strategico triennale per l IT

piano strategico triennale per l IT Direzione Centrale Organizzazione Digitale piano strategico triennale per l IT INDICE o Premessa 5 o Strategia IT 9 o Sintesi Direzionale 11 o Demand Strategy 13 o INAIL 2016: la visione di business 14

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce all Asset Management e alla certificazione

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

gtld: i nuovi domini web gtld strategies

gtld: i nuovi domini web gtld strategies gtld: i nuovi domini web gtld strategies CEO MEMO 2011 INNOVA ET BELLA 2011 - Riproduzione vietata - www.i-b.com p. 1 gtld: i nuovi domini web gtld strategies Con una decisione rivoluzionaria l ICANN,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli