Oggetto del corso Obiettivo del corso Argomenti del corso. Metodo di lavoro Docente Materiale didattico Esame

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto del corso Obiettivo del corso Argomenti del corso. Metodo di lavoro Docente Materiale didattico Esame"

Transcript

1 InternalAuditing Oggetto del corso Obiettivo del corso Argomenti del corso Posizionamento del corso Metodo di lavoro Docente Materiale didattico Esame 1

2 Oggetto del corso L Internal Auditing come «un attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione. Assiste l organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance» 2

3 Obiettivo del corso Fornire ed accrescere le conoscenze in tema di controllo interno e di Internal Auditing Comprendere la valida operatività dell attività di Internal Auditing ed i suoi molteplici utilizzi, oltre a specificare evoluzione e collegamenti tra Internal Auditing, Sistema di Controllo Interno ed Enterprise Risk Management Analizzare i pronunciati sugli standards professionali, sulla pianificazione del lavoro e sugli approcci operativi, così come definiti dall Institute of Internal Auditors. Esaminare le implicazioni del D. Lgs. 231/2001 3

4 Argomenti del corso Internal Auditing e controlli aziendali Sistema di Controllo Interno secondo COSO Report Enterprise Risk Management Internal Auditing: definizione, Standard professionali e tipologie Pianificazione dell Internal Auditing 4

5 Argomenti del corso Attività di Internal Auditing: approcci e strumenti Fraud Auditing Responsabilita Amministrativa dell Ente: D.Lgs. 231/2001 Lavori di gruppo 5

6 Posizionamento del corso (corsi fondamentali per lo studio della materia) Economia Contabilità aziendale e bilancio Internal Auditing 6

7 Metodo di lavoro aula Lezioni frontali Seminari di approfondimento Extra -aula Lavori di gruppo Esposizione del lavoro 7

8 Docente Prof.ssa Lina Ferdinanda Mariniello Dal 1986, professore ordinario di Economia aziendale presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi di Napoli Parthenope. È stata componente della Commissione Principi Contabili del C.N.D.C. (Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti) dal 1992 al 2002, del Working Insurance Party presso la F.E.E. (Federazione Europea Esperti Contabili) e del Comitato Esecutivo dell O.I.C. (Organismo Italiano di Contabilità) dal 2002 al

9 Docente Sito web: Pagina dal sito della Facoltà di Economia Avvisi e materiale didattico Orario di ricevimento Martedì alle ore 12,00 presso il Dipartimento di Studi Aziendali, via Medina, 40. E mail 9

10 Materiale didattico Internal Auditing Lina Ferdinanda Mariniello, FrancoAngeli,

11 Esame Esame per i non corsisti Prova scritta e prova orale Esame per i corsisti Pre-appello sui contenuti del corso Esposizione dei lavori di gruppo 11

12 Glossario Auditing revisione Attività di Auditor Revisore Audit Verifica 12

13 Internal Auditing è «un attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione. Assiste l organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance» 13

14 l Internal Auditing si configura come un controllo di livello superiore rispetto all intero sistema di controllo aziendalecon il fine di assistere l Alta Direzione nell attività di conseguimento degli obiettivi programmati Importanza delle origini e dell evoluzione 14

15 L Internal Auditing nasce come funzione di ausilio all attività di revisione esterna (controlli contabili) Matrice prettamente anglosassone e strettamente connessa all evoluzione della revisione esterna. Evidenze storiche già ai tempi dei Romani (audit deriva da audire) 15

16 Periodo medievale In Inghilterra, il Re nominava gli auditores per controllare i registri riguardanti i tributi di pertinenza della Corona, gestiti dai feudatari locali Rinascimento sviluppo delle tecniche contabili e la diffusione del metodo della partita doppia nei Comuni nasce la figura del magistri rationales in Inghilterra sorgono le prime associazioni 16

17 Il vero e proprio sviluppodell attività della Revisione contabile in Inghilterra, con l industrializzazione nel 1844, l Act for the Registration, Incorporation and Regulation of Joint Stock Companiesrese obbligatoria la verifica dei bilanci da parte di auditors l obbligo della revisione esterna è stato definitivamente sancito nel 1896 con l accrescimento della complessità delle tecniche contabili e l aumento del numero di corporation 17

18 Negli Stati Uniti, lo sviluppo dell attività di audit ricevette una notevole spinta dalla costruzione della rete ferroviaria Negli anni 30 fu istituzionalizzato il processo di emanazione dei principi contabili e la certificazione dei bilanci di esercizio, da parte di auditors indipendenti, divenne requisito obbligatorio per la quotazione in borsa 18

19 L attività di Internal Auditing è divenuta fondamentale verso la fine degli anni 70 a seguito dello scandalo Watergatee delle numerose operazioni illegali e frodi La Security Exchange Commission (SEC) statunitense emanò nel 1977 il Foreign Corrupt Practices Act La Tradeway Commission nel 1992 stabilì la struttura, gli obiettivi e le finalità del Sistema di Controllo Interno (Committee Of Sponsoring Organizations Report) 19

20 Fattori di sviluppo dell attività di controllo L industrializzazione, la crescita dimensionale delle imprese, lo sviluppo del mercato dei capitali Affermarsi delle public companies: azionariato diffuso e separazione tra proprietà e gestione aziendale Lina Mariniello

21 Proprietà Gestione 21

22 Rapporto tra proprietà e potere di gestione aziendale il modello padronale, improntato ad una compagine proprietaria immutabile nel tempo (proprietà chiusa); il modello manageriale, caratterizzato da una forma di proprietà mutevole nel tempo (proprietà aperta), diffusa nei Paesi con mercato finanziario evoluto (market oriented). 22

23 Il modello padronale diffuso nell Europa continentale la proprietà dell impresa che il potere di gestione e controllo dell attività aziendale fanno capo allo stesso soggetto è maggiormente diffuso nelle imprese di dimensioni medio - piccole. 23

24 Il modello manageriale diffuso nei Paesi anglosassoni manca la confluenza di poteri di proprietà gestione e controllo la presenza di un azionariato diffuso teoria contrattualistica l impresa è lo strumento che permette attraverso le relazioni contrattuali, l associazione tra diversi soggetti al fine di perseguire le individuate finalità 24

25 Teoria contrattualistica: implicazioni non esiste un mercato efficiente i contratti non possono risultare esaustivi in quanto la limitata razionalità dei contraenti problema del moral hazard il binomio controllo/fiducia accountability 25

26 Il principio di accountabilitypoggia sul presupposto che qualsiasi compito deve fare riferimento ad una persona che ne detiene la responsabilità: ogni soggetto deve sentirsi investito di un mandato fiduciarioed operare per il bene dell azienda, in modo corretto e trasparente, con efficacia ed efficienza; ogni soggetto deve all occorrenza saper rendere contodel suo operato 26

27 Fiducia Controllo Accountability 27

28 In questa prospettiva l attività di controllo non è riferita ad attività di sovrintendenza o sorveglianza, sebbene debba comprenderla, ma concerne tutte quelle attività interne di controllo e di motivazione che indirizzano alla consapevolezza ed alla gestione dei rischi assunti con l attività aziendale. Importanza del Sistema di Controllo Interno e dell Internal Auditing 28

29 Diffusione dell Internal Auditing in Italia Mancanza di un pieno riconoscimento normativo Affermazione in via diretta nella regolamentazione del settore degli intermediari finanziari e in via indiretta negli altri settori per numerose leggi In via diretta: Accordo di Basilea e Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia (Titolo IV, Capitolo 11, Sezione II) 29

30 Il Sistema di Controllo Interno è costituito dall'insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative che mirano ad assicurare il rispetto delle strategie aziendali e il conseguimento delle seguenti finalità: efficacia ed efficienza dei processi aziendali (amministrativi, produttivi, distributivi, etc.); salvaguardia del valore delle attività e protezione dalle perdite; affidabilità e integrità delle informazioni contabili e gestionali; conformità delle operazioni con la legge, la normativa di vigilanza nonché con le politiche, i piani, i regolamenti e le procedure interne. 30

31 Internal Auditing è definita dalle Istruzioni di Vigilanza quale attività volta a individuare andamenti anomali, violazioni delle procedure e della regolamentazione nonché a valutare la funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni. Essa è condotta nel continuo, in via periodica o per eccezioni, da strutture diverse e indipendenti da quelle produttive, anche attraverso verifiche in loco. 31

32 In via indiretta per le aziende: il ruolo fondamentale del controllo contabilericonosciuto con il Decreto del Presidente della Repubblica numero 136 del 31 marzo 1975 nel 1996 i Principi di comportamento del Collegio Sindacale definiscono il Sistema di Controllo Interno 32

33 il Sistema di Controllo Interno è definito come l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche contabili ed extracontabili adottate dalla società allo scopo di garantire la conformità dell attività aziendale all oggetto sociale, la salvaguardia del patrimonio e l attendibilità dei dati dell informazione sociale 33

34 Progetto di Corporate Governance per l Italia, pubblicato nel 1997, che riprende quanto espresso nel frameworkdel COSO Report D.Lgs. del 24 febbraio 1998 n. 58, meglio noto come Riforma Draghiche detta disposizioni volte ad aumentare la trasparenza e l indipendenza dei ruoli nell attività di amministrazione e controllo 34

35 Nel 1999 è emanato dalla Borsa Italiana S.p.a. il Codice di Autodisciplina (aggiornato nel 2006) per le società quotate (c.d. Codice Preda) Il Codice definisce il Sistema di Controllo Interno come l insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative volte a consentire, attraverso un adeguato processo di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei principali rischi, una conduzione dell impresa sana, corretta e coerente con gli obiettivi prefissati Lina Mariniello

36 Il D.Lgs. 231/2 001 e i Modelli organizzativi La riforma del diritto societario (D.Lgs. n. 6/2003) Sistema tradizionale Sistema monistico Sistema dualistico Tutela del Risparmio n. 262/2005. L art. 154 bisdella legge introduce la figura del dirigente prepostoalla redazione dei documenti contabili societari definendone i doveri e le responsabilità. 36

37 Controllo: significato economico aziendale L evoluzione del ruolo del controllo all interno del complesso sistema aziendale si riflette nel significato etimologico del termine. Il termine controllo ha due significati fondamentali: ispezione; regolazione. 37

38 Il controllo, identificabile come ispezione, vigilanza, verifica, ha la sua origine dal latino contra-rotulum, per poi divenire in francese contre-rôle. In questa accezione il controllo viene inteso come «registro che fa da riscontro ad un altro» Nella seconda accezione il termine controllo trova il suo riferimento etimologico nel verbo inglese tocontrol, con il quale si evoca un attività di regolazione, di dominio e di governo/guida di un comportamento 38

39 Il controllo, identificabile come ispezione, vigilanza, verifica, ha la sua origine dal latino contra-rotulum, per poi divenire in francese contre-rôle. In questa accezione il controllo viene inteso come «registro che fa da riscontro ad un altro» Nella seconda accezione il termine controllo trova il suo riferimento etimologico nel verbo inglese tocontrol, con il quale si evoca un attività di regolazione, di dominio e di governo/guida di un comportamento 39

40 40

41 41

42 Sin dall origine, sotto il profilo teorico e professionale, il controllo e la revisione sono state oggetto di trattazione negli studi di Ragioneria. Già nell accezione bestana la Ragioneria è scienza del controllo economico Le discipline del controllo aziendale e della revisione condividono con gli studi ragionieristici i principi e l avanzata concezione del controllo economico. 42

43 Configurazione delle attività di controllo aziendale L evoluzione del rapporto tra controllo e governo delle aziende è influenzata dalla rilevanza del rischio Il rischio generale d impresaè connaturato all esistenza stessa dell impresa e per definizione non è eliminabile. Numerose classi di rischio da esso generate e che permeano le singole attività aziendali, d altro canto, risultano gestibili o perfino eliminabili. 43

44 Tre fasi di attività azuiendale: strategiche, tattico-direzionali ed operative. Le attività di tipo strategico:individuazione delle modalità con le quali l impresa intende impiegare le risorse disponibili all interno del proprio ambiente di riferimento, con gli obiettivi di lungo termine Ad essa si lega il controllo strategico che accerta la compatibilità delle scelte effettuate in via di realizzazione rispetto ai mutamenti delle dinamiche interne ed esterne all impresa 44

45 L attività di tipo tattico-direzionale. I responsabili di tali attività devono individuare sotto-obiettivi e programmi alternativi adeguati e coerenti con il progetto strategico di riferimento. La verifica delle attività tattiche viene attuata con il controllo direzionalevolto a valutare la coerenza tra piani strategici e programmi operativi, nonché l efficienza, l economicità e la produttività dell amministrazione corrente 45

46 Le attività di tipo operativo, individuabili nelle attività prettamente esecutive dei compiti individuali, sono caratterizzate da procedure ripetitive e da comportamenti formalizzati. Il controllo operativoaccerta che i compiti specifici siano adempiuti coerentemente alle procedure di riferimento, secondo i sottoobiettivi ed i programmi operativi individuati dall attività tattico-direzionale 46

47 47

48 La strutturazione di un sistema di controllointegrato richiede tre elementi fondamentali: l individuazione dei processi da sottoporre a verifica ritenuti maggiormente critici in termini di rischio/obiettivi; la definizione dei soggetti responsabili dei controlli; l indicazione degli strumenti e delle risorse impiegati nell attività di accertamento. 48

49 49

50 I sistemi di controllo possono svolgere due diverse funzioni: una funzione diroutine, secondo la quale i controlli verificano solo l operatività dei processi esaminati; una funzione di apprendimento incentrata su una verifica del processo volta alla ricerca di nuove opportunità di miglioramento del sistema aziendale. 50

51 A seconda della funzione svolta si possono individuare: i controlli di 1 livello, insiti nei processi operativi finalizzati al perseguimento degli obiettivi assegnati, sono svolti sia da chi mette in atto una determinata attività sia da chi ne ha la responsabilità. La loro funzione si esplica nel supervisionare il corretto svolgimento delle operazioni aziendali per assicurare un efficace governo delle risorse aziendali ed una idonea qualità dei prodotti e servizi offerti; 51

52 i controlli di 2 livello, riguardanti attività che hanno il compito di individuare, valutare, gestire e controllare, in via sistematica, l andamento delle diverse famiglie di rischio e dei risultati quali/quantitativi dell operatività aziendale; i controlli di 3 livello,relativi ad attività di valutazione sul corretto funzionamento, sull adeguatezza e sulla funzionalità dei controlli di primo e secondo livello.. 52

53 53

54 Il Sistema di Controllo Internoè un controllo di primo livello ed è inteso come l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate dall azienda finalizzate a fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi di: efficacia ed efficienza dell attività operativa; attendibilità delle informazioni di bilancio; conformità alle leggi e ai regolamenti in vigore. 54

55 L Enterprise Risk Management (ERM) è un controllo di secondo livello ed è definito come un processo posto in essere dal consiglio di amministrazione, dai dirigenti, dagli altri operatori della struttura aziendale formulato per l elaborazione della strategia in tutta l impresa, progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale per gestire il rischio entro i limiti del rischio accettabile e per fornire ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali. 55

56 L Internal Auditing rientra tra i controlli di terzo livello ed è definita come un attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione. Assiste l organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance. L Internal Auditing, quindi, vigila sul Sistema di Controllo Interno e sull ERM per garantirne (in maniera indipendente ) l efficacia e l efficienza al fine del conseguimento degli obiettivi aziendali. 56

57 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Corporate governance la struttura e le modalità di funzionamento degli organi societari, i principi per l attribuzione del potere, le responsabilità e i compiti delle persone preposte, nonché le procedure riguardanti la composizione e il funzionamento dei controlli sul loro operato Stretto legame tra regole di corporate governancee Sistema di Controllo Interno aziendale: l efficacia delle prime non può esistere senza la presenza del secondo 57

58 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Sviluppo e diffusione dei moderni Sistemi di Controllo Interno Fattori: un mercato caratterizzato da un crescente dinamismoe da una continua e diffusa innovazione una continua espansione dei mercati finanziari una complessità dell apparato normativo e regolamentare 58

59 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Numerosi pronunciati sui moderni Sistemi di Controllo Interno La Commissione Treadway, effettuò un esame critico-comparativo della letteratura esistente sul controllo interno. I risultati furono pubblicati nel 1992con il titolo di COSO Report: Internal Control- Integrated Framework 59

60 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Locuzione Sistema di Controllo Interno Il modello sistemico è adattabile all analisi del Sistema di Controllo Interno, in quanto permette la percezione dell interdipendenza tra i suoi componenti e del combinarsi delle carenze e dei punti di forza di ciascun elemento in quanto ad effetto sinergico sull insieme. Il Sistema di Controllo Interno si scompone in tre elementi ideali: obiettivi, struttura e processi, risultati. 60

61 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Obiettivi Rispetto dei vincoli Struttura e processi Risultati 61

62 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT La strutturaè identificabile nell insieme degli elementi che compongono stabilmente il Sistema di Controllo Interno, mentre i processisi riferiscono all insieme di attività o di operazioni ordinate in successioni temporali o logiche di fasi volte al conseguimento di determinati obiettivi. 62

63 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT ELEMENTI Sistema di Controllo Interno Obiettivi Elementi Processo Struttura 63

64 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Il termine controllo, può assumere due accezioni. significato più tradizionale, dall etimologia francese della parola contre-rôle, un attività ispettiva e di vigilanza accezione di derivazione anglosassone to control il significato di guida e di governo, inteso come un insieme di princìpi e di procedure volte al corretto funzionamento e al miglioramento della gestione aziendale. 64

65 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Il Sistema di Controllo Interno contempera entrambe le nozioni di controllo: sia quella di tipo ispettivo (ad esempio, una verifica effettuata senza preavviso col fine di prevenire le frodi), sia quella più ampia e moderna di controllo come guida (ad esempio, la verifica del corretto impiego delle risorse finalizzata al raggiungimento degli obiettivi aziendali). Lina Mariniello

66 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Il termine interno sottolinea la differenza di operatività dei controlli interni rispetto a quelli esterni si estrinsecano all internodella struttura aziendale I controlli esterni (external auditing) sono concepiti a garanzia degli interessi dei soggetti esterni che interagiscono con il sistema aziendale e vertono, pertanto, sui risultati della sua operatività Lina Mariniello

67 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT «Il Sistema di Controllo Interno è l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate dall azienda finalizzate a fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi di: efficacia ed efficienza delle attività operative (operations objectives); attendibilità delle informazioni di bilancio (financial reporting objectives); conformità alle leggi e ai regolamenti in vigore (compliance objectives)» 67

68 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Gli obiettivi Il primo obiettivo del Sistema di Controllo Interno è quello di guidare l azienda al raggiungimento di un efficacie ed efficiente gestione aziendale conseguire e migliorare gli obiettivi strategici, tattici ed operativi dell azienda, attraverso l attuazione ed il miglioramento delle programmate attività gestionali 68

69 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Sotto-obiettivi: esistenza delle informazioni, ovvero, tutte le informazioni prodotte devono riflettere operazioni realmente eseguite; completezza delle informazioni, ovvero, tutte le operazioni o condizioni realmente esistenti devono essere riflesse nelle informazioni. accuratezza delle informazioni, ovvero, esattezza nel calcolo e nell elaborazione dell informazione;. 69

70 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Sotto-obiettivi: classificazione delle informazioni rispetto a parametri definiti. timing, o corretta tempistica delle informazioni, imputazione e sintesi delle informazioni, attendibile valutazione delle informazioni attribuzione di diritti ed obblighi giuridici connessi a determinate operazioni aziendali; corretta descrizione e presentazione nei bilanci e nei reporting aziendali. 70

71 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT L obiettivo di conformità (o compliance) consiste nell esigenza di rispettare leggi e regolamenti esterni (Codice civile, normativa tributaria, raccomandazioni della CONSOB,) ed interni (delibere degli organi collegiali, quali quelle del Consiglio di Amministrazione, etc.) che riguardano l impresa. 71

72 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT I soggetti e la cultura del controllo Nel Sistema di Controllo Interno un ruolo fondamentale è assunto dall elemento umano: gli amministratori e i direttori devono realizzare «le condizioni di contesto atte ad assicurare, per quanto possibile, il raggiungimento degli obiettivi di trasparenza informativa, di correttezza gestionale (piena osservanza delle leggi e dei regolamenti vigenti), di efficacia strategica ed efficienza operativa (consapevole gestione dei rischi aziendali)» 72

73 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Cultura del controllo. I presupposti per la cultura del controllo a livello aziendale riguardano la sinergica manifestazione di: fattori di orientamento ambientale, cioè di provenienza esterna all azienda,; fattori di orientamento interno,che riguardano il modo di essere dell azienda 73

74 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT L importanza di un codice aziendale «l esperienza aziendale è una testimonianza vivente di un binomio inscindibile tra due risorse, la ricchezza e l intelligenza umana, che sinergicamente e vicendevolmente, accrescono di valore» 74

75 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT La ragionevole sicurezza La consapevolezza dell elevata variabilità del contesto strutturale del Sistema di Controllo Interno è evidenziata nella definizione stessa, lì dove si sottolinea che il conseguimento degli obiettivi aziendali è solo «ragionevolmente sicuro». 75

76 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Un valido Sistema di Controllo Interno può venire meno al suo compito nei seguenti casi: Giudizio. Disfunzioni. Deroghe dei dirigenti. Collusione. Rapporto costi/benefici. 76

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Premessa Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Attuazione della direttiva

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 CIRA S.C.p.A. (PARTI GENERALI) DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 GENNAIO 2014 REVISION HISTORY DOC.

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli