Oggetto del corso Obiettivo del corso Argomenti del corso. Metodo di lavoro Docente Materiale didattico Esame

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto del corso Obiettivo del corso Argomenti del corso. Metodo di lavoro Docente Materiale didattico Esame"

Transcript

1 InternalAuditing Oggetto del corso Obiettivo del corso Argomenti del corso Posizionamento del corso Metodo di lavoro Docente Materiale didattico Esame 1

2 Oggetto del corso L Internal Auditing come «un attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione. Assiste l organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance» 2

3 Obiettivo del corso Fornire ed accrescere le conoscenze in tema di controllo interno e di Internal Auditing Comprendere la valida operatività dell attività di Internal Auditing ed i suoi molteplici utilizzi, oltre a specificare evoluzione e collegamenti tra Internal Auditing, Sistema di Controllo Interno ed Enterprise Risk Management Analizzare i pronunciati sugli standards professionali, sulla pianificazione del lavoro e sugli approcci operativi, così come definiti dall Institute of Internal Auditors. Esaminare le implicazioni del D. Lgs. 231/2001 3

4 Argomenti del corso Internal Auditing e controlli aziendali Sistema di Controllo Interno secondo COSO Report Enterprise Risk Management Internal Auditing: definizione, Standard professionali e tipologie Pianificazione dell Internal Auditing 4

5 Argomenti del corso Attività di Internal Auditing: approcci e strumenti Fraud Auditing Responsabilita Amministrativa dell Ente: D.Lgs. 231/2001 Lavori di gruppo 5

6 Posizionamento del corso (corsi fondamentali per lo studio della materia) Economia Contabilità aziendale e bilancio Internal Auditing 6

7 Metodo di lavoro aula Lezioni frontali Seminari di approfondimento Extra -aula Lavori di gruppo Esposizione del lavoro 7

8 Docente Prof.ssa Lina Ferdinanda Mariniello Dal 1986, professore ordinario di Economia aziendale presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi di Napoli Parthenope. È stata componente della Commissione Principi Contabili del C.N.D.C. (Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti) dal 1992 al 2002, del Working Insurance Party presso la F.E.E. (Federazione Europea Esperti Contabili) e del Comitato Esecutivo dell O.I.C. (Organismo Italiano di Contabilità) dal 2002 al

9 Docente Sito web: Pagina dal sito della Facoltà di Economia Avvisi e materiale didattico Orario di ricevimento Martedì alle ore 12,00 presso il Dipartimento di Studi Aziendali, via Medina, 40. E mail 9

10 Materiale didattico Internal Auditing Lina Ferdinanda Mariniello, FrancoAngeli,

11 Esame Esame per i non corsisti Prova scritta e prova orale Esame per i corsisti Pre-appello sui contenuti del corso Esposizione dei lavori di gruppo 11

12 Glossario Auditing revisione Attività di Auditor Revisore Audit Verifica 12

13 Internal Auditing è «un attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione. Assiste l organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance» 13

14 l Internal Auditing si configura come un controllo di livello superiore rispetto all intero sistema di controllo aziendalecon il fine di assistere l Alta Direzione nell attività di conseguimento degli obiettivi programmati Importanza delle origini e dell evoluzione 14

15 L Internal Auditing nasce come funzione di ausilio all attività di revisione esterna (controlli contabili) Matrice prettamente anglosassone e strettamente connessa all evoluzione della revisione esterna. Evidenze storiche già ai tempi dei Romani (audit deriva da audire) 15

16 Periodo medievale In Inghilterra, il Re nominava gli auditores per controllare i registri riguardanti i tributi di pertinenza della Corona, gestiti dai feudatari locali Rinascimento sviluppo delle tecniche contabili e la diffusione del metodo della partita doppia nei Comuni nasce la figura del magistri rationales in Inghilterra sorgono le prime associazioni 16

17 Il vero e proprio sviluppodell attività della Revisione contabile in Inghilterra, con l industrializzazione nel 1844, l Act for the Registration, Incorporation and Regulation of Joint Stock Companiesrese obbligatoria la verifica dei bilanci da parte di auditors l obbligo della revisione esterna è stato definitivamente sancito nel 1896 con l accrescimento della complessità delle tecniche contabili e l aumento del numero di corporation 17

18 Negli Stati Uniti, lo sviluppo dell attività di audit ricevette una notevole spinta dalla costruzione della rete ferroviaria Negli anni 30 fu istituzionalizzato il processo di emanazione dei principi contabili e la certificazione dei bilanci di esercizio, da parte di auditors indipendenti, divenne requisito obbligatorio per la quotazione in borsa 18

19 L attività di Internal Auditing è divenuta fondamentale verso la fine degli anni 70 a seguito dello scandalo Watergatee delle numerose operazioni illegali e frodi La Security Exchange Commission (SEC) statunitense emanò nel 1977 il Foreign Corrupt Practices Act La Tradeway Commission nel 1992 stabilì la struttura, gli obiettivi e le finalità del Sistema di Controllo Interno (Committee Of Sponsoring Organizations Report) 19

20 Fattori di sviluppo dell attività di controllo L industrializzazione, la crescita dimensionale delle imprese, lo sviluppo del mercato dei capitali Affermarsi delle public companies: azionariato diffuso e separazione tra proprietà e gestione aziendale Lina Mariniello

21 Proprietà Gestione 21

22 Rapporto tra proprietà e potere di gestione aziendale il modello padronale, improntato ad una compagine proprietaria immutabile nel tempo (proprietà chiusa); il modello manageriale, caratterizzato da una forma di proprietà mutevole nel tempo (proprietà aperta), diffusa nei Paesi con mercato finanziario evoluto (market oriented). 22

23 Il modello padronale diffuso nell Europa continentale la proprietà dell impresa che il potere di gestione e controllo dell attività aziendale fanno capo allo stesso soggetto è maggiormente diffuso nelle imprese di dimensioni medio - piccole. 23

24 Il modello manageriale diffuso nei Paesi anglosassoni manca la confluenza di poteri di proprietà gestione e controllo la presenza di un azionariato diffuso teoria contrattualistica l impresa è lo strumento che permette attraverso le relazioni contrattuali, l associazione tra diversi soggetti al fine di perseguire le individuate finalità 24

25 Teoria contrattualistica: implicazioni non esiste un mercato efficiente i contratti non possono risultare esaustivi in quanto la limitata razionalità dei contraenti problema del moral hazard il binomio controllo/fiducia accountability 25

26 Il principio di accountabilitypoggia sul presupposto che qualsiasi compito deve fare riferimento ad una persona che ne detiene la responsabilità: ogni soggetto deve sentirsi investito di un mandato fiduciarioed operare per il bene dell azienda, in modo corretto e trasparente, con efficacia ed efficienza; ogni soggetto deve all occorrenza saper rendere contodel suo operato 26

27 Fiducia Controllo Accountability 27

28 In questa prospettiva l attività di controllo non è riferita ad attività di sovrintendenza o sorveglianza, sebbene debba comprenderla, ma concerne tutte quelle attività interne di controllo e di motivazione che indirizzano alla consapevolezza ed alla gestione dei rischi assunti con l attività aziendale. Importanza del Sistema di Controllo Interno e dell Internal Auditing 28

29 Diffusione dell Internal Auditing in Italia Mancanza di un pieno riconoscimento normativo Affermazione in via diretta nella regolamentazione del settore degli intermediari finanziari e in via indiretta negli altri settori per numerose leggi In via diretta: Accordo di Basilea e Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia (Titolo IV, Capitolo 11, Sezione II) 29

30 Il Sistema di Controllo Interno è costituito dall'insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative che mirano ad assicurare il rispetto delle strategie aziendali e il conseguimento delle seguenti finalità: efficacia ed efficienza dei processi aziendali (amministrativi, produttivi, distributivi, etc.); salvaguardia del valore delle attività e protezione dalle perdite; affidabilità e integrità delle informazioni contabili e gestionali; conformità delle operazioni con la legge, la normativa di vigilanza nonché con le politiche, i piani, i regolamenti e le procedure interne. 30

31 Internal Auditing è definita dalle Istruzioni di Vigilanza quale attività volta a individuare andamenti anomali, violazioni delle procedure e della regolamentazione nonché a valutare la funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni. Essa è condotta nel continuo, in via periodica o per eccezioni, da strutture diverse e indipendenti da quelle produttive, anche attraverso verifiche in loco. 31

32 In via indiretta per le aziende: il ruolo fondamentale del controllo contabilericonosciuto con il Decreto del Presidente della Repubblica numero 136 del 31 marzo 1975 nel 1996 i Principi di comportamento del Collegio Sindacale definiscono il Sistema di Controllo Interno 32

33 il Sistema di Controllo Interno è definito come l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche contabili ed extracontabili adottate dalla società allo scopo di garantire la conformità dell attività aziendale all oggetto sociale, la salvaguardia del patrimonio e l attendibilità dei dati dell informazione sociale 33

34 Progetto di Corporate Governance per l Italia, pubblicato nel 1997, che riprende quanto espresso nel frameworkdel COSO Report D.Lgs. del 24 febbraio 1998 n. 58, meglio noto come Riforma Draghiche detta disposizioni volte ad aumentare la trasparenza e l indipendenza dei ruoli nell attività di amministrazione e controllo 34

35 Nel 1999 è emanato dalla Borsa Italiana S.p.a. il Codice di Autodisciplina (aggiornato nel 2006) per le società quotate (c.d. Codice Preda) Il Codice definisce il Sistema di Controllo Interno come l insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative volte a consentire, attraverso un adeguato processo di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei principali rischi, una conduzione dell impresa sana, corretta e coerente con gli obiettivi prefissati Lina Mariniello

36 Il D.Lgs. 231/2 001 e i Modelli organizzativi La riforma del diritto societario (D.Lgs. n. 6/2003) Sistema tradizionale Sistema monistico Sistema dualistico Tutela del Risparmio n. 262/2005. L art. 154 bisdella legge introduce la figura del dirigente prepostoalla redazione dei documenti contabili societari definendone i doveri e le responsabilità. 36

37 Controllo: significato economico aziendale L evoluzione del ruolo del controllo all interno del complesso sistema aziendale si riflette nel significato etimologico del termine. Il termine controllo ha due significati fondamentali: ispezione; regolazione. 37

38 Il controllo, identificabile come ispezione, vigilanza, verifica, ha la sua origine dal latino contra-rotulum, per poi divenire in francese contre-rôle. In questa accezione il controllo viene inteso come «registro che fa da riscontro ad un altro» Nella seconda accezione il termine controllo trova il suo riferimento etimologico nel verbo inglese tocontrol, con il quale si evoca un attività di regolazione, di dominio e di governo/guida di un comportamento 38

39 Il controllo, identificabile come ispezione, vigilanza, verifica, ha la sua origine dal latino contra-rotulum, per poi divenire in francese contre-rôle. In questa accezione il controllo viene inteso come «registro che fa da riscontro ad un altro» Nella seconda accezione il termine controllo trova il suo riferimento etimologico nel verbo inglese tocontrol, con il quale si evoca un attività di regolazione, di dominio e di governo/guida di un comportamento 39

40 40

41 41

42 Sin dall origine, sotto il profilo teorico e professionale, il controllo e la revisione sono state oggetto di trattazione negli studi di Ragioneria. Già nell accezione bestana la Ragioneria è scienza del controllo economico Le discipline del controllo aziendale e della revisione condividono con gli studi ragionieristici i principi e l avanzata concezione del controllo economico. 42

43 Configurazione delle attività di controllo aziendale L evoluzione del rapporto tra controllo e governo delle aziende è influenzata dalla rilevanza del rischio Il rischio generale d impresaè connaturato all esistenza stessa dell impresa e per definizione non è eliminabile. Numerose classi di rischio da esso generate e che permeano le singole attività aziendali, d altro canto, risultano gestibili o perfino eliminabili. 43

44 Tre fasi di attività azuiendale: strategiche, tattico-direzionali ed operative. Le attività di tipo strategico:individuazione delle modalità con le quali l impresa intende impiegare le risorse disponibili all interno del proprio ambiente di riferimento, con gli obiettivi di lungo termine Ad essa si lega il controllo strategico che accerta la compatibilità delle scelte effettuate in via di realizzazione rispetto ai mutamenti delle dinamiche interne ed esterne all impresa 44

45 L attività di tipo tattico-direzionale. I responsabili di tali attività devono individuare sotto-obiettivi e programmi alternativi adeguati e coerenti con il progetto strategico di riferimento. La verifica delle attività tattiche viene attuata con il controllo direzionalevolto a valutare la coerenza tra piani strategici e programmi operativi, nonché l efficienza, l economicità e la produttività dell amministrazione corrente 45

46 Le attività di tipo operativo, individuabili nelle attività prettamente esecutive dei compiti individuali, sono caratterizzate da procedure ripetitive e da comportamenti formalizzati. Il controllo operativoaccerta che i compiti specifici siano adempiuti coerentemente alle procedure di riferimento, secondo i sottoobiettivi ed i programmi operativi individuati dall attività tattico-direzionale 46

47 47

48 La strutturazione di un sistema di controllointegrato richiede tre elementi fondamentali: l individuazione dei processi da sottoporre a verifica ritenuti maggiormente critici in termini di rischio/obiettivi; la definizione dei soggetti responsabili dei controlli; l indicazione degli strumenti e delle risorse impiegati nell attività di accertamento. 48

49 49

50 I sistemi di controllo possono svolgere due diverse funzioni: una funzione diroutine, secondo la quale i controlli verificano solo l operatività dei processi esaminati; una funzione di apprendimento incentrata su una verifica del processo volta alla ricerca di nuove opportunità di miglioramento del sistema aziendale. 50

51 A seconda della funzione svolta si possono individuare: i controlli di 1 livello, insiti nei processi operativi finalizzati al perseguimento degli obiettivi assegnati, sono svolti sia da chi mette in atto una determinata attività sia da chi ne ha la responsabilità. La loro funzione si esplica nel supervisionare il corretto svolgimento delle operazioni aziendali per assicurare un efficace governo delle risorse aziendali ed una idonea qualità dei prodotti e servizi offerti; 51

52 i controlli di 2 livello, riguardanti attività che hanno il compito di individuare, valutare, gestire e controllare, in via sistematica, l andamento delle diverse famiglie di rischio e dei risultati quali/quantitativi dell operatività aziendale; i controlli di 3 livello,relativi ad attività di valutazione sul corretto funzionamento, sull adeguatezza e sulla funzionalità dei controlli di primo e secondo livello.. 52

53 53

54 Il Sistema di Controllo Internoè un controllo di primo livello ed è inteso come l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate dall azienda finalizzate a fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi di: efficacia ed efficienza dell attività operativa; attendibilità delle informazioni di bilancio; conformità alle leggi e ai regolamenti in vigore. 54

55 L Enterprise Risk Management (ERM) è un controllo di secondo livello ed è definito come un processo posto in essere dal consiglio di amministrazione, dai dirigenti, dagli altri operatori della struttura aziendale formulato per l elaborazione della strategia in tutta l impresa, progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale per gestire il rischio entro i limiti del rischio accettabile e per fornire ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali. 55

56 L Internal Auditing rientra tra i controlli di terzo livello ed è definita come un attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione. Assiste l organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance. L Internal Auditing, quindi, vigila sul Sistema di Controllo Interno e sull ERM per garantirne (in maniera indipendente ) l efficacia e l efficienza al fine del conseguimento degli obiettivi aziendali. 56

57 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Corporate governance la struttura e le modalità di funzionamento degli organi societari, i principi per l attribuzione del potere, le responsabilità e i compiti delle persone preposte, nonché le procedure riguardanti la composizione e il funzionamento dei controlli sul loro operato Stretto legame tra regole di corporate governancee Sistema di Controllo Interno aziendale: l efficacia delle prime non può esistere senza la presenza del secondo 57

58 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Sviluppo e diffusione dei moderni Sistemi di Controllo Interno Fattori: un mercato caratterizzato da un crescente dinamismoe da una continua e diffusa innovazione una continua espansione dei mercati finanziari una complessità dell apparato normativo e regolamentare 58

59 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Numerosi pronunciati sui moderni Sistemi di Controllo Interno La Commissione Treadway, effettuò un esame critico-comparativo della letteratura esistente sul controllo interno. I risultati furono pubblicati nel 1992con il titolo di COSO Report: Internal Control- Integrated Framework 59

60 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Locuzione Sistema di Controllo Interno Il modello sistemico è adattabile all analisi del Sistema di Controllo Interno, in quanto permette la percezione dell interdipendenza tra i suoi componenti e del combinarsi delle carenze e dei punti di forza di ciascun elemento in quanto ad effetto sinergico sull insieme. Il Sistema di Controllo Interno si scompone in tre elementi ideali: obiettivi, struttura e processi, risultati. 60

61 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Obiettivi Rispetto dei vincoli Struttura e processi Risultati 61

62 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT La strutturaè identificabile nell insieme degli elementi che compongono stabilmente il Sistema di Controllo Interno, mentre i processisi riferiscono all insieme di attività o di operazioni ordinate in successioni temporali o logiche di fasi volte al conseguimento di determinati obiettivi. 62

63 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT ELEMENTI Sistema di Controllo Interno Obiettivi Elementi Processo Struttura 63

64 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Il termine controllo, può assumere due accezioni. significato più tradizionale, dall etimologia francese della parola contre-rôle, un attività ispettiva e di vigilanza accezione di derivazione anglosassone to control il significato di guida e di governo, inteso come un insieme di princìpi e di procedure volte al corretto funzionamento e al miglioramento della gestione aziendale. 64

65 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Il Sistema di Controllo Interno contempera entrambe le nozioni di controllo: sia quella di tipo ispettivo (ad esempio, una verifica effettuata senza preavviso col fine di prevenire le frodi), sia quella più ampia e moderna di controllo come guida (ad esempio, la verifica del corretto impiego delle risorse finalizzata al raggiungimento degli obiettivi aziendali). Lina Mariniello

66 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Il termine interno sottolinea la differenza di operatività dei controlli interni rispetto a quelli esterni si estrinsecano all internodella struttura aziendale I controlli esterni (external auditing) sono concepiti a garanzia degli interessi dei soggetti esterni che interagiscono con il sistema aziendale e vertono, pertanto, sui risultati della sua operatività Lina Mariniello

67 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT «Il Sistema di Controllo Interno è l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate dall azienda finalizzate a fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi di: efficacia ed efficienza delle attività operative (operations objectives); attendibilità delle informazioni di bilancio (financial reporting objectives); conformità alle leggi e ai regolamenti in vigore (compliance objectives)» 67

68 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Gli obiettivi Il primo obiettivo del Sistema di Controllo Interno è quello di guidare l azienda al raggiungimento di un efficacie ed efficiente gestione aziendale conseguire e migliorare gli obiettivi strategici, tattici ed operativi dell azienda, attraverso l attuazione ed il miglioramento delle programmate attività gestionali 68

69 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Sotto-obiettivi: esistenza delle informazioni, ovvero, tutte le informazioni prodotte devono riflettere operazioni realmente eseguite; completezza delle informazioni, ovvero, tutte le operazioni o condizioni realmente esistenti devono essere riflesse nelle informazioni. accuratezza delle informazioni, ovvero, esattezza nel calcolo e nell elaborazione dell informazione;. 69

70 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Sotto-obiettivi: classificazione delle informazioni rispetto a parametri definiti. timing, o corretta tempistica delle informazioni, imputazione e sintesi delle informazioni, attendibile valutazione delle informazioni attribuzione di diritti ed obblighi giuridici connessi a determinate operazioni aziendali; corretta descrizione e presentazione nei bilanci e nei reporting aziendali. 70

71 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT L obiettivo di conformità (o compliance) consiste nell esigenza di rispettare leggi e regolamenti esterni (Codice civile, normativa tributaria, raccomandazioni della CONSOB,) ed interni (delibere degli organi collegiali, quali quelle del Consiglio di Amministrazione, etc.) che riguardano l impresa. 71

72 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT I soggetti e la cultura del controllo Nel Sistema di Controllo Interno un ruolo fondamentale è assunto dall elemento umano: gli amministratori e i direttori devono realizzare «le condizioni di contesto atte ad assicurare, per quanto possibile, il raggiungimento degli obiettivi di trasparenza informativa, di correttezza gestionale (piena osservanza delle leggi e dei regolamenti vigenti), di efficacia strategica ed efficienza operativa (consapevole gestione dei rischi aziendali)» 72

73 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Cultura del controllo. I presupposti per la cultura del controllo a livello aziendale riguardano la sinergica manifestazione di: fattori di orientamento ambientale, cioè di provenienza esterna all azienda,; fattori di orientamento interno,che riguardano il modo di essere dell azienda 73

74 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT L importanza di un codice aziendale «l esperienza aziendale è una testimonianza vivente di un binomio inscindibile tra due risorse, la ricchezza e l intelligenza umana, che sinergicamente e vicendevolmente, accrescono di valore» 74

75 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT La ragionevole sicurezza La consapevolezza dell elevata variabilità del contesto strutturale del Sistema di Controllo Interno è evidenziata nella definizione stessa, lì dove si sottolinea che il conseguimento degli obiettivi aziendali è solo «ragionevolmente sicuro». 75

76 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO SECONDO IL COSO REPORT Un valido Sistema di Controllo Interno può venire meno al suo compito nei seguenti casi: Giudizio. Disfunzioni. Deroghe dei dirigenti. Collusione. Rapporto costi/benefici. 76

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia 01 Angelo Micocci: fonti e definizioni 1 Obiettivo della lezione Internal Control

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing Evoluzione della definizione di Internal Auditing Nel 1941 V.Z. Brink, Presidente del Dipartimento di Ricerca dell Institute of Internal Auditors statunitense l Internal Auditing come attività organizzata

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Corso di REVISIONE AZIENDALE

Corso di REVISIONE AZIENDALE 1 Corso di REVISIONE AZIENDALE Modulo I Prof. Fabio Fortuna ffortuna@unich.it Anno accademico 2004- 2 La revisione aziendale: caratteristiche, oggetto e finalità 3 LA REVISIONE AZIENDALE Complesso dei

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale

Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale Prof. Valter Cantino Università degli Studi di Torino 1 IL RIFERIMENTO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE

Dettagli

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale Il D.Lgs 231/01 : riflessi sul ruolo dell' OdV e del Collegio Sindacale ndacale Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale 27 febbraio 2012 Prof. Daniele Gervasio Università degli

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

Il ruolo dell Internal Auditing

Il ruolo dell Internal Auditing Il ruolo dell Internal Auditing Meccanismi di governance, evoluzione dei controlli interni e Position Paper AIIA Milano, 16 marzo 2006 Carolyn Dittmeier Presidente AIIA 1 Alcuni nuovi meccanismi di governance

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO INDICE PARTE I IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO 1. Gli obiettivi aziendali ed il sistema di controllo interno...3 2. L evoluzione della nozione e degli obiettivi

Dettagli

2.1 L associazione professionale 19. 2.2 Gli Standard professionali dell internal auditing 23. 2.3 Le competenze professionali 29

2.1 L associazione professionale 19. 2.2 Gli Standard professionali dell internal auditing 23. 2.3 Le competenze professionali 29 Prefazione di Vittorio Mincato XIII Introduzione 1 Ringraziamenti 5 Parte prima LA PROFESSIONE DI INTERNAL AUDITING 1 La definizione di internal auditing 9 2I riferimenti della professione 19 2.1 L associazione

Dettagli

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013 Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea Aggiornato al 13/11/2013 1 Il sistema dei controlli adottato da Iccrea Holding Le attività, i processi, l assetto organizzativo, la gestione del rischio,

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

CONOSCERE L AZIENDA GESTIRE I SUOI RISCHI. Sintesi presentazione società

CONOSCERE L AZIENDA GESTIRE I SUOI RISCHI. Sintesi presentazione società CONOSCERE L AZIENDA GESTIRE I SUOI RISCHI Sintesi presentazione società Indice Chi siamo pag. 3 I professionisti pag. 4 I servizi professionali pag. 5 Metodologia per modelli organizzativi ex 231/01 pag.

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 Dott. Giuseppe Aquaro Responsabile Group Audit Unicredit S.p.A. Il coordinamento complessivo del Sistema dei Controlli Interni in Banca Roma, 12 Novembre 2010 Premessa:

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza Forum P.A. 24 maggio 2007 Missione e Organizzazione Le competenze

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno.

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno. Glossario Internal Auditing Fonte: Associazione Italiana Internal Audit (AIIA) www.aiiaweb.it Adeguato controllo Un controllo è adeguato se viene pianificato e organizzato (progettato) dal management in

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

WORLD DUTY FREE S.P.A.

WORLD DUTY FREE S.P.A. WORLD DUTY FREE S.P.A. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE È istituito presso World Duty Free S.p.A. ( WDF ) un Comitato per il controllo interno, la gestione

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Livorno 24-25 maggio 2007 Paolo Casati 1 Evoluzione delle attività di Internal

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Carolyn Dittmeier Titolo di Studio University of Pennsylvania, Wharton School of Business, USA, Laurea in Economia e Commercio Esperienza Professionale 2002 -presente Poste Italiane S.p.A Responsabile

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Corporate Law Alert INTRODUZIONE

Corporate Law Alert INTRODUZIONE Corporate Law Alert LUGLIO 2015 AGGIORNAMENTO NORMATIVO I SISTEMI INTERNI DI SEGNALAZIONE DELLE VIOLAZIONI NELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (CD. WHISTLEBLOWING) INTRODUZIONE Il 21 luglio 2015

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI: AUDIT, CONTROLLO INTERNO, COMITATO CONTROLLO E RISCHI E COLLEGIO SINDACALE

IL SISTEMA DEI CONTROLLI: AUDIT, CONTROLLO INTERNO, COMITATO CONTROLLO E RISCHI E COLLEGIO SINDACALE IL SISTEMA DEI CONTROLLI: AUDIT, CONTROLLO INTERNO, COMITATO CONTROLLO E RISCHI E COLLEGIO SINDACALE ENRICO MARIA BIGNAMI 1 febbraio 2014 Il Sistema dei Controlli: Audit, Controllo Interno, Comitato Controllo

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor Advantage Skills Advantage Skills European Financial Advisor Program Il Corso Advantage Skills (European Financial Advisor Program) è un corso di alta qualificazione professionale, rivolto a chi opera

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016

INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 Presentazione La funzione di internal audit ha acquisito, negli anni, un ruolo di primaria importanza nell'ambito dell'adozione delle migliori regole

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile Allegato al Decreto n. 465 del 30/07/2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 per lo sviluppo del SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione ***** pagina 1/12 1. Linee guida

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli