Sicurezza nei tessili per bambini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza nei tessili per bambini"

Transcript

1 NEGOZI SPECIALIZZATI PARTE 1 Know-How per gli specialisti addetti alla vendita Sicurezza nei tessili per bambini Protezione dai raggi UVA Chiusure sicure Controllo sulle sostanze tossiche Manutenzione Infiammabilità Etichetta di qualità Vestibilità all indosso e al riposo Abbigliamento ad alta visibilità Antivento e impermeabile Iscrizione entro il all indirizzo

2 KNOW-HOW PER VENDITORI PROFESSIONISTI A fior di pelle Sicurezza dei tessuti per bambini Intervista al prof. Dirk Höfer dell Istituto Hohenstein di Bönnigheim, facoltà di biologia umana, esperto di tessuti e padre di due bambini. Conversazione con il prof. Dirk Höfer Quali ruoli assumono i tessuti nella vita di un bambino? Prof. Höfer: i bambini per quasi 24 ore al giorno sono circondati dai tessuti. Per quanto concerne l abbigliamento e gli articoli di arredo, la protezione dagli agenti esterni, quali le intemperie, è ovviamente in primo piano. Nella fattispecie i materiali tessili, dal primo giorno di vita, trasmettono anche la sensazione di protezione. Ciò vale anche per i primi giocattoli che anch essi di norma sono realizzati in stoffa. I tessuti sono morbidi e modellanti, svolgono le più svariate funzioni e non in ultimo colori e modelli aiutano a formare la propria identità. I tessuti per bambini devono essere sicuri qual è il suo parere? Prof. Höfer: da un lato c è la sicurezza passiva, ossia i tessuti per bambini non devono riservare dei rischi quali sostanze nocive, cordoncini, alta infiammabilità, ecc; dall altro nella vita di un bambino i tessuti servono anche alla sicurezza attiva, in quanto ad esempio questi ultimi proteggono dagli intensi raggi solari oppure i colori di segnalazione fungono da protezione quando circolano per strada. I tessuti ad effetto antimicrobico, evitano rischi, sono terapeutici e possono agevolare i bambini affetti da neurodermite. Come si possono riconoscere i tessuti sicuri? Prof. Höfer: alcuni aspetti come la presenza di cordoncini pericolosi o il posizionamento di catarifrangenti sono facilmente giudicabili da un esperto del settore. Molti rischi, quali ad esempio le sostanze nocive o la facile infiammabilità, possono essere esclusi solo da esperti mediante specifici esami di laboratorio. Ciò vale del resto anche per tanti altri criteri di qualità come la vestibilità all indosso o al riposo nonché tante altre funzioni rilevanti per la sicurezza come il fattore di protezione dai raggi UVA dei tessuti oppure dei trattamenti antimicrobici. Le etichette dei prodotti possono essere un prezioso mezzo di orientamento per commercianti ed utilizzatori. Quali condizioni essenziali dovrebbe soddisfare l etichetta del prodotto in modo da poter essere efficace? Prof. Höfer: l importante è ottenere le certificazioni rilasciate dagli istituti di prova indipendenti che si basano su metodi di controllo uniformi a livello internazionale. Solo allora si potranno confrontare i risultati. Come piccolo ausilio ho elaborato, assieme ad un collega, una check list per il personale di vendita, che a partire da ottobre si potrà scaricare all indirizzo nella parte 2 del sapere di base sicurezza dei tessuti per bambini. axelhess.com

3 Controllo della presenza di sostanze nocive alla pelle delicata dei bambini Pelle sensibile dei bambini Solo al termine della pubertà la pelle può fare affidamento su tutti i meccanismi di protezione generati dal corpo umano. I controlli indipendenti di sostanze nocive sono pertanto particolarmente importanti nei tessuti che vengono a contatto con la pelle delicata dei bambini. La sicurezza al momento di acquistare un prodotto tessile viene garantita dallo standard OEKO-TEX 100 già dal 1992 in milioni di prodotti con l etichetta Fiducia nel tessile Testato per sostanze nocive. Derma Epidermide Dotto della ghiandola sudoripara Cornea Cellule pigmentarie Cellule della pelle Cellule dendritiche Capillari Cellule di Merkel Vene e arterie Tessuti sicuri Indipendentemente dal rispettivo scopo di utilizzo, i tessuti vengono suddivisi in quattro classi di prodotti. La regola dice che più è intenso il contatto con la pelle, maggiori sono i requisiti. Gli standard particolarmente elevati dei tessuti per neonati e bambini vengono fissati fino ad un età di tre anni. In questa circostanza si pone attenzione soprattutto sul fatto che nessuna sostanza nociva venga rilasciata tramite sudore e saliva. Qualità comprovata Tra gli oltre 100 parametri di controllo che vengono esaminati dagli istituti indipendenti di prova, rientra tra l altro l esclusione dei coloranti azoici vietati e di tutti i coloranti cancerogeni e allergenici, pesticidi e rilascio di metalli pesanti (ad es. nichel). La rigida soglia degli ammorbidenti (ftalati) e della formaldeide non deve essere superata. Inoltre i tessuti devono essere solidi al colore, nonché avere un valore del ph non irritante per la pelle. Aiuto nella scelta del prodotto L etichetta Fiducia nel tessile si è consolidata anche come affidabile supporto nella scelta al momento dell acquisto, perché un prodotto può essere contrassegnato solo se conforme, per tutte le sue componenti, senza alcuna eccezione, ai rispettivi requisiti. Un pantalone per bambino viene certificato solo se oltre alla stoffa, sono stati controllati con successo anche i bottoni, le chiusure lampo, i filati cucirini utilizzati, ecc. L etichetta Fiducia nel tessile è sinonimo di sicurezza totale nell acquisto di prodotti tessili di ogni genere e questo indipendentemente dallo stabilimento produttivo dei prodotti tessili.

4 Funzionalità senza rimorsi Per poter garantire nei moderni capi di abbigliamento prestazioni differenti, si utilizzano svariati materiali e trattamenti come tinture, stampe o rivestimenti. Nel caso di OEKO-TEX Standard 100 tutti i componenti, i materiali e i finissaggi vengono controllati se conformi ai requisiti, basandosi su oltre 100 parametri. Alcuni esempi dei criteri di prova OEKO-TEX sono consultabili nelle fotografie a destra. Floccatura Materiale: viscoso Possibile inquinamento da parte di metalli pesanti estraibili, coloranti azoici vietati Maglia di calcio stampato e floccato Materiale: poliestere Possibile inquinamento da parte di ftalati (con stampe Plastisol), composti organici dello stagno Pantaloncini da calcio Materiale: poliestere Possibile inquinamento da parte di coloranti dispersi che provocano allergie Calzettoni Materiale: poliestere & elastan Possibile inquinamento da parte di idrocarburi policiclici aromatici (IPA)

5 Joujou_pixelio.de Niente più cordoncini e lacci tirati con le dita Per evitare che scale mobili e parchi giochi possano tramutarsi in dei veri e propri pericoli mortali è necessario che cordoncini e chiusure vengano realizzate in totale sicurezza. La norma DIN EN Sicurezza dell abbigliamento per bambini cordoncini e lacci nell abbigliamento per bambini contiene le raccomandazioni su come realizzare i capi di abbigliamento con cordoncini e chiusure per bambini fino a 14 anni. I produttori curano il design dei propri prodotti rispettivamente alla norma sui cordoncini grazie alla certificazione rilasciata da un istituto di prova indipendente. Le disposizioni della norma sui cordoncini In linea di principio le estremità di lacci/cordoncini non devono presentare fregi o nodi. Le alternative sicure sono delle estremità di cordoncini bloccate o saldate. Le chiusure lampo non devono superare una lunghezza complessiva di 75 mm. Classi d età conformi alla Norma sui cordoncini Bambino: 0 7 anni e/o Altezza del corpo fino a 134 cm Ragazzo: 7 14 anni e/o Altezza del corpo da 135 a 182 cm Collo I capi di abbigliamento non devono avere lacci con estremità libere. I lacci regolabili sono consentiti, anche se non devono superare una lunghezza di 75 mm. Bambino: - cappuccio con lacci elastici all interno del bordo del cappuccio Ragazzo: - lacci regolabili con una lunghezza massima di 75 mm - regolazione della larghezza con bottoni Torace e vita i lacci in vita devono essere fissati centralmente con un perno. - lacci bloccati centralmente e bordo elastico. - elementi di decoro solo sulla parte anteriore Pantaloni lunghi per quanto riguarda i capi di abbigliamento che finiscono alle caviglie, i cordoncini decorativi e funzionali devono stare sull orlo inferiore, completamente sul lato interno del capo di abbigliamento. - nessun cordoncino decorativo o funzionale sull orlo - bottoni a pressione per stringere

6 ANZEIGE Pakhay Oleksandr - Fotolia.com Lato anteriore e posteriore nessun laccio, né cordoncino decorativo o funzionali, che sporge oppure che deve essere legato sulla parte posteriore. - le sciarpe non devono superare una lunghezza di 360 mm dal punto di allaccio. Ovviamente slacciata e dal punto in cui vengono allacciate. nessuna Nella serie Know-how per il venditore professionista sono comparsi già i seguenti titoli che possono essere scaricati all indirizzo salespro FACHHANDEL Generale le libere estremità di lacci/cordoncini non devono avere né fregi, né nodi. - le chiusure lampo devono avere una lunghezza massima di 75 mm - estremità di cordoncini bloccati o saldati KNOW-HOW FÜR DEN VERKAUFSPROFI Basiswissen Textilien & Babyhaut Tessuti & pelle del bambino Sicurezza dei tessuti per bambini parte 2 (prossimamente online) protezione dai raggi UVA Abbigliamento ad alta visibilità infiammabilità Vestibilità all indosso e al riposo La conoscenza vi fa guadagnare punti e vincere! Misurate le vostre conoscenze nell anno delle olimpiadi con i vostri colleghi provenienti da tutt Europa con OEKO-TEX SalesPro Games I migliori venditori nelle varie categorie dei prodotti potranno aggiudicarsi un viaggio a Londra per seguire le olimpiadi di quest estate, nonché altri fantastici premi. Informazioni e contatto: International OEKO-TEX Association Secretariat Gotthardstrasse 61 Postfach 2156 CH-8027 Zürich Foundation OEKO-TEX GmbH Kaiserstraße Frankfurt Germania

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Regole di sicurezza per lavori su linee aeree ad alta tensione

Regole di sicurezza per lavori su linee aeree ad alta tensione Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI Regole di sicurezza per lavori su linee aeree ad alta tensione Autori TK 11, SUVA, AES, ESTI Valide dal 1 aprile 2011 Sostituiscono STI Nr. 245.0803

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari SPECIALE TECNICO Riscaldarsi con il pellet e con la legna Autori vari OTTOBRE 2014 Questo Speciale è stato realizzato grazie al contributo di: QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / OTT 2014 ABSTRACT Riscaldarsi

Dettagli

Cosa sono i campi elettromagnetici?

Cosa sono i campi elettromagnetici? Cosa sono i campi elettromagnetici? Definizioni e sorgenti I campi elettrici sono creati da differenze di potenziale elettrico, o tensioni: più alta è la tensione, più intenso è il campo elettrico risultante.

Dettagli

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:33 Pagina 9 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme Indice L importanza della

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

LINEA GUIDA PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI

LINEA GUIDA PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Dipartimento per le Politiche del Lavoro e dell Occupazione e Tutela dei Lavoratori DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO DIV. VII -

Dettagli

INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE ED ELEMENTI PER IL CAPITOLATO dei prodotti vetrari per l edilizia

INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE ED ELEMENTI PER IL CAPITOLATO dei prodotti vetrari per l edilizia INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE ED ELEMENTI PER IL CAPITOLATO dei prodotti vetrari per l edilizia EDIZIONE SETTEMBRE 2014 PREFAZIONE La collaborazione avviata da alcuni anni tra Assovetro ed Anci ha

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali»

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea per l occupazione e

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

REPORT DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI RI- PRODOTTI

REPORT DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI RI- PRODOTTI REPORT DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI RI- PRODOTTI Progetto LOWaste LIFE+ ENV/IT/000373 Deliverable N 20 Monitoring of second life products quality Report Action C2 Con il contributo di Deliverable

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE E I CONSUMATORI Salute pubblica e valutazione dei rischi Minacce per la salute Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Dettagli

Guida alle etichette dei prodotti. www.comune.monfalcone.go.it. SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio

Guida alle etichette dei prodotti. www.comune.monfalcone.go.it. SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio COMUNE DI MONFALCONE Assessorato al Commercio SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio Guida alle etichette dei prodotti 1 www.comune.monfalcone.go.it GUIDA ALLE ETICHETTE DEI PRODOTTI

Dettagli

MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE

MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE I MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE 8901166100 STUFE A PELLET Capitolo 1 MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO pag. 2 INTRODUZIONE... 4 1. AVVERTENZE E CONDIZIONI DI GARANZIA... 5 1.1. AVVERTENZE PER LA SICUREZZA...

Dettagli

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo.

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. 2013/14 Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. Acode da diversi anni produce abbigliamento sportivo nel tipico design scandinavo. Il clima scandinavo puó

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

1350 CC 1350 CX 1370 CX 1770 CX. Proprio quello che serve per stalla e cortile. Piccoli, ma molto potenti.

1350 CC 1350 CX 1370 CX 1770 CX. Proprio quello che serve per stalla e cortile. Piccoli, ma molto potenti. 350 370 770 CC CX CX CX Proprio quello che serve per stalla e cortile. Piccoli, ma molto potenti. La natura delle cose. COMPAGNI DI VIAGGIO. Insieme nella vita di tutti i giorni. Insieme nel dividere le

Dettagli