Best practice in tema di ERM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Best practice in tema di ERM"

Transcript

1 Best practice in tema di ERM (Enterprise Risk Management) Paola Luraschi, Principal Milano, 24 Maggio 2012

2 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A

3 Chi siamo Milliman è una società leader nella consulenza attuariale e strategica a livello internazionale. Fondata nel 1947, ha oltre 50 uffici nelle principali città degli Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea, India, Messico, Hong Kong, Bermuda, Brasile, Regno Unito, Germania, Olanda, Svizzera, Spagna, Polonia, Irlanda, Francia e Italia. Conta circa dipendenti, di cui oltre tra consulenti ed attuari, ed ha un fatturato annuo di oltre 600 milioni di dollari nel 2010 Per più di 60 anni Milliman ha sviluppato strategie innovative, strumenti e soluzioni nell area delle Assicurazioni sulla Vita, Assicurazioni contro i Danni, Healthcare, Employee Benefits e nella Finanza, a supporto di clienti di ogni paese del mondo 3

4 Chi siamo I punti di forza di Milliman possono essere così sintetizzati: E una società di consulenza indipendente che ha l obiettivo di trasferire le proprie conoscenze internazionali al mercato italiano e apportare tutto il know how relativo alle tecniche e software attuariali, che mette a completa disposizione dei propri clienti E caratterizzata da una importante componente internazionale ed interdisciplinare che le permette di essere leader in numerosi settori di attività Fornisce un approccio flessibile ai problemi e alle tematiche poste 4

5 Milliman in Europa Ora oltre 250 consulenti Una rapida crescita Gli uffici più grandi in: Amsterdam Dublino London Milano Paris Uffici più piccoli (ma in espansione) : Bucharest Madrid Munich Warsaw Zurich Cipro 5

6 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A 6

7 Solvency II is not just about Capital. It is a change of behaviour Thomas Steffen, Chairman of CEIOPS 7

8 Solvency II: un sistema a tre pilastri Solvency II PRIMO PILASTRO SECONDO PILASTRO TERZO PILASTRO Requisiti quantitativi Controllo e vigilanza Requisiti di reportistica Riserve tecniche Requisito di capitale Investimenti ALM Internal audit e Risk Management Corporate governance Intervento dell autorità di vigilanza Documentazione pubblica e privata Aggiornata Orientata al futuro Trasparente 8

9 I Tre Pilastri di Solvency II sono interconnessi Requisiti Quantitativi Riserve Tecniche Requisiti di Capitale Risk management fornito da modelli di quantificazione dei risk (es. Utilizzo di test per i modelli) Corporate Governance Risk Management della Compagnia Controlli Interni Interventi dei Supervisori Il risk management della Compagnia dovrebbe usare le stesse misure e controlli dei regulators e altri coinvolti dalle disclosure Obblighi d Informativa (Disclosures) Performance Trasparenza Disclosures Pubbliche e Private Disclosure basate su requisiti quantitativi 9

10 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Il rischio operativo Conclusioni Q&A 10

11 Il punto di partenza Il rischio è la potenzialità che un'azione porti a un possibile scostamento dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni o esterni ad un sistema. I rischi: difficilmente si manifestano nel tempo nello stesso modo sono connotati da tale eterogeneità di manifestazioni da rendere difficoltosa l applicazione di analisi/metodi statistici usuali producono effetti diversi a seconda del sistema in cui sono inseriti Un approccio coerente con la natura dei rischi: dovrebbe tenere conto che i rischi non sono analizzabili in modo efficiente isolatamente dovrebbe analizzare in primis il SISTEMA che evolve nel tempo e da cui emergono i rischi dovrebbe tenere in considerazione il fatto che spesso sintomi e cause dei rischi sono temporalmente distanti 11

12 Enterprise Risk Management (ERM) ATTIVITA DI CONTROLLO COMITATI DEDICATI IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI ERM PROCESSI DI COMUNICAZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MONITORAGGIO DEI RISCHI L ERM è un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dal management e da altri operatori della struttura aziendale, utilizzato per la formulazione delle strategie in tutta l organizzazione; l ERM è progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale, per gestire il rischio entro i limiti accettabili e per fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali 12

13 I benefici di una solida struttura di ERM In vista dell entrata in vigore di Solvency II è in forte crescita il numero di Compagnie che decidono di sviluppare una struttura di Risk Management in base all approccio ERM. Un efficace sistema di Enterprise Risk Management permette, tra gli altri, di: Pianificare strategie e stabilire gli obiettivi futuri tenendo in considerazione il livello di tolleranza al rischio (risk appetite) della Compagnia Identificare i rischi e ridurne l impatto Studio di ogni singolo rischio, degli eventi ad esso collegati, delle probabilità, delle perdite attese, delle correlazioni con altri rischi, ecc. Pianificazione di strategie ad hoc (mitigation strategy) per ridurre l impatto dei rischi sul business della Compagnia Migliorare la gestione del capitale valutando un requisito di capitale che rispecchi fedelmente le caratteristiche del business gestito Migliorare l efficienza dei processi aziendali 13

14 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi salienti della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 14

15 Approccio GRC Acronimo: Governance Risk Compliance Scopo: Disegnare, monitorare, testare ed implementare processi di business con approccio di tipo ERM (Enterprise Risk Management) al fine di: Migliorare l efficienza e la fattività di tutti gli elementi coinvolti Evitare conflitti, sovrapposizioni inutili o gap dannosi/pericolosi Gestire i rischi e le performance Assicurare una visione consolidata dei rischi Definire/identificare la propensione a ciascun rischio e trasformarla in limiti/indicazioni operative di business Approccio: Visione olistica Reattivo o proattivo? 15

16 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi chiave della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 16

17 La governance aziendale Governance aziendale = insieme di istituzioni, meccanismi e regole di ogni livello (leggi, regolamenti etc.) che disciplinano la gestione dell'impresa Realizzare la governance: Analizzare/documentare Aggiornare Gestire Monitorare le attività della Compagnia Elementi chiave: Identificazione di owner delle attività aziendali Garantire l aggiornamento in tempo reale di owner e attività connesse Garantire l adeguato controllo delle attività mediante procedure a più livelli Garantire l indipendenza/efficienza delle aree di business Garantire la trasversalità delle decisioni attraverso comitati adeguati 17

18 E sufficiente una rivisitazione Processi esistenti Review Processi secondo Solvency II 18

19 Esempio di un modello a tre linee di difesa Group Board Risk management (1 st Line of Defence) Risk oversight (2 nd Line of Defence) Group Risk Committee Risk Assurance (3 rd Line of Defence) Group Audit Committee Group CEO Executive Committee Group Executive Risk Committee Sub- Committees Tipicamente: -ALM/ Credit -Operational Group CFO Group CRO BU CEO Group Risk Group Audit BU Executive Committee BU Risk Function BU Audit Committee 19

20 Punti di attenzione sulle 3 linee di difesa Diversa connotazione dell attività di risk management a seconda del tipo di CRO (background finanziario, attuariale, funzioni di controllo etc...) Aggiornamento in tempo reale governance Dimostrabilità della fattiva politica di risk management Trasversalità di decisioni e interconnessione tre pilastri importanza dei comitati Indipendenza funzioni e garanzia di controlli esaustivi gestione delle tre linee di difesa 20

21 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi chiave della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 21

22 Approccio Il rischio va considerato come un processo Per gestire adeguatamente il rischio è necessario: Descrivere la struttura del processo Analizzare il processo per identificarne i key features Monitorare il sistema per verificare l adeguatezza della gestione del rischio Analizzare la possibile evoluzione temporale del sistema Monitorare il sistema per catturare eventuali anomalie 22

23 Capire il rischio Sintomi Crisi Cause Eventi Connessione Patterns Comprensione Struttura del sistema 23

24 Previsioni meteo: un analogia Metodo1 analisi dati storici Metodo 2 analisi del sistema Analizzo la struttura e situazione attuale dei pricipali indicatori climatici (nuvolosità, vento etc...) Derivo la previsione dalla comprensione del sistema : key driver del sistema elementi di eterogeneità del sistema interconnessioni con elementi esogeni al sistema possibili effetti estremi 24

25 Approccio al risk mapping Derivante dall analisi del processo rischio 1. Identificazione 2 Individuazione connessioni Individuazione simultanea alla identificazione dei rischi Ogni rischio può derivare ovvero impattare a sua volta un altro rischio (sub risk e risk outcome) Utile configurare più livelli di rischio Importanza delle gestione delle informazioni ex ante ed ex post Importanza del monitoraggio della efficienza (anche economica) 6 Strategie di mitigazione dei rischi e loro connessione 3 Classificazione Possibili/utili più livelli di classificazione: Normativo Fondamentale identificare elementi per la misurazione e gestione quali: KRI Risk owner Frequency assessment 5 Definizione dei KRI e degli altri parametri di gestione 4 Individuazione dei risk drivers Individuazione simultanea alla identificazione dei rischi Operativo Etc.. Etc 25

26 Aspetti di rilievo Gestione e aggiornamento di frequency e severity Importanza della qualità dei dati dell analisi Importanza della analisi evolutiva del processo legato a: Connessione tra rischi Impatto delle strategie di mitigazione 26

27 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi chiave della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 27

28 Aspetti di rilievo Importanza della accuratezza e qualità dei dati Riduzione/annullamento overlap/dislocazione per garantire la coerenza Importanza della fattività della governance aziendale Necessità di organizzazione aziendale adeguata Tracciabilità di informazioni e cambiamenti Automazione reportistica Necessità di supporti IT adeguati 28

29 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 29

30 Il rischio operativo in Solvency II Il rischio operativo è considerato all interno del calcolo del requisito patrimoniale da accantonare in corrispondenza dei rischi assunti dalla Compagnia ed è definito all interno della direttiva Solvency II come: «Rischio di perdite derivanti dalla inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni.» (Art. 13) «La definizione include il rischio legale ma esclude quello strategico e di reputazione» (Art.101) 30

31 Il rischio operativo Esempio di mappatura del rischio operatvo: 31

32 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 32

33 I Tre Pilastri di Solvency II I Pilastro II Pilastro III Pilastro Requisiti quantitativi Requisiti qualitativi Comunicazione dei dati Capitale richiesto Processi di revisione Disciplina di mercato ARGOMENTI MCR SCR Standard formula Modello interno Interazione tra i rischi Mitigazione dei rischi Riserve Best Estimate Risk management Controllo interno Monitoraggio dei rischi Integrazione modello per la gestione dei rischi Funzione attuariale Poteri organi di vigilanza Maggior quantità di informazioni inerenti al rischio Informazioni per l organo di vigilanza Informazioni per il mercato e gli operatori RISCHI Underwriting Market Credit Operational Liquidity Tutti ND 33

34 Rischio operativo e formula standard (1/2) Formula standard incapace di esprime l effettivo rischio connesso all operatività delle singole Compagnie: SCR Op = min(30% * BSCR; max(op premiums ; Op provisions )) + 25% * Exp ul In sintesi il calcolo dipende da: 1. Op premiums, calcolato in funzione dei premi raccolti nell ultimo anno e dell incremento rispetto all anno precedente (da tale calcolo sono esclusi i prodotti di ramo III senza garanzia) 2. Op provisions, calcolato in funzione del valore delle riserve best estimate (da tale calcolo sono esclusi i prodotti di ramo III senza garanzia) 3. Per i soli prodotti di ramo III senza garanzia l operational risk è determinato in relazione alle spese dell ultimo esercizio 34

35 Rischio operativo e formula standard (2/2) Il calcolo del requisito di capitale per il rischio operativo secondo la standard formula è: Proporzionato alle riserve e premi della compagnia (UL escluse) Limite massimo 30% del BSCR sulla componente determinata in funzione dei premi/riserve Per le UL 25% delle spese annuali Max tra Op. Risk proporzionato su Riserve e Premi Life Non Life Health Limite massimo 30% BSCR 25% Spese ramo III 35

36 Rischio operativo - Case study (I) CASO A: Compagnia con portafoglio non ramo III (senza garanzia) in forte espansione che ha raddoppiato il volume dei premi nell ultimo anno CASO B: Compagnia con portafoglio non ramo III (senza garanzia) in forte contrazione che ha dimezzato il volume dei premi nell ultimo anno (ma nel complesso degli ultimi due anni identica raccolta premi del caso A) CASO C: Compagnia che tratta solo prodotti di ramo III senza garanzie CASO A CASO B CASO C Riserve BE Premi ultimo anno Premi anno precedente Spese ramo III BSCR SCRop Requisiti di capitali richiesti a copertura dell operational risk sensibilmente diversi! Ma riflettono l effettiva esposizione al rischio delle tre Compagnie? 36

37 Rischio operativo - Case study (II) CASO D: Compagnia specializzata in un business di puro rischio (temporanee caso morte a capitale costante e a copertura di mutui / finanziamenti) con un premio medio per polizza pari a 500. CASO E: Bancassicurazione tipica caratterizzata da un business costituito prevalentemente da prodotti rivalutabili a tasso tecnico zero (vita intera e capitalizzazioni) con un premio medio per polizza pari a Le Compagnie D ed E presentano CASO D CASO E Riserve BE Premi ultimo anno Premi anno precedente Spese ramo III 0 0 BSCR SCRop volumi di premi e quindi SCR OP notevolmente diversi. Eppure gestiscono lo stesso numero di polizze e anzi la Compagnia D potrebbe disporre di processi meno strutturati e automatizzati ed essere esposta a un rischio operativo più elevato! 37

38 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 38

39 La misurazione del rischio operativo La gestione del rischio operativo non può prescindere dall elaborazione di un framework metodologico: - Funzioni coinvolte all interno del processo di gestione - Ipotesi - Metodologie di stima e rilevazione utilizzate Finalità della misurazione: - Modello interno (parziale) - Gestione interna Fasi del processo: Fase di rilevazione, censimento e catalogazione Loss Data Collection (LDC) Fase di misurazione e valutazione modelli di valutazione Fase di controllo e gestione governance 39

40 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 40

41 LDC un possibile approccio Individuo Fattori: classificazione in base agli elementi di criticità che hanno condotto alla perdita operativa Eventi: singolo accadimento che può generare direttamente una o più manifestazioni dannose (perdita economica) per la Compagnia ( effetti ) e allo stesso tempo determinare ulteriori ricorrenze elementari della medesima entità (eventi), con le quali risulta correlato gerarchicamente a più livelli di aggregazione Effetti: singola manifestazione dannosa (perdita economica) derivante direttamente dal verificarsi di un evento pregiudizievole. L effetto identifica ogni singola conseguenza in un unico contesto spazio-temporale di un evento pregiudizievole; la quantificazione dell effetto è la misura della perdita operativa subita. E necessario tenere traccia della perdita al lordo e al netto dei recuperi. Output: database delle perdite che indichi al minimo: relazioni causali che hanno generato il rischio oggetto di analisi (i.e Risk Driver) tipologie di eventi a cui si può ricondurre ogni singolo rischio (i.e. Event Type) effetti legati ad ogni singolo rischio operativo (i.e. Effetti di perdita) Varie problematiche operative: Eventi generati da più fattori gestione dei pesi Un evento può essere un fattore Un fattore può generare più eventi Possibili livelli di granularità della classificazione: esigenze normative 7 macro eventi standard di Basilea II esigenze operative di misurazione / modellizzazione / gestione Necessità di massa critica sufficiente 41

42 LDC: Le fonti informative DATI INTERNI Ogni Area/Funzione fornisce i dati relativi alle perdite operative all ORM. Le possibili Aree possono essere: Contabilità Reclami Area legale HR IT DATI ESTERNI consentono di: Raccogliere dati sulle perdite operative di altre realtà Effettuare studi ed approfondimenti Avere una base dati più solida per le attività di valutazione DATABASE PERDITE OPERATIVE 42

43 LDC: Le fasi del Processo Ricerca Censimento Validazione Monitoraggio Reporting Individuazione fonti informative Individuazione perdite operative Miglioramento delle fonti e test di completezza Definizione e formalizzazione dei criteri di censimento, al fine di garantire: Accuratezza dell informazione, Tempestività dell alimentazione Arricchire Verificare il Text Text /completare i dati censiti Conferma documentata della validità dell informazione regolare processo della raccolta Garantire il mantenimento della qualità raggiunta nella fase di alimentazione del database di raccolta dati Reporting aziendale Reporting di gruppo 43

44 LDC un esempio 44

45 LDC esempio di granularità Le tipologie di evento (i.e. Event Type) sono raggruppabili per macrocategorie permettendo una visualizzazione delle perdite adattabile al livello di granularità desiderato Eventi di I livello (minor granularità) Eventi di II livello (granularità intermedia) Eventi di III livello (maggior granularità) Errori procedure trasmissione e caricamento dati Errori nelle procedure di calcolo automatizzate Disallineamento dati Errori nell'elaborazione di preventivi. Sviluppo classi tecniche Errori nelle procedure batch Problemi tecnologici ed alle infrastrutture Errori procedure di elaborazione dati Assunzione polizze non coerenti con limiti di prodotto. Hardware Errata liquidazione polizze gravate da pegno/vincolo Software Liquidazione con irregolarità amministrative e/o tecniche Telecomunicazioni e Utility Errori nelle procedure di estrazione dati 45

46 LDC importanza della classificazione Le singole perdite generate dagli eventi sono catalogabili per tipologia: Perdita effettiva diretta Perdita effettiva indiretta Mancato guadagno Near miss Costo opportunità Programma di investimento Perdita per aggiustamento 46

47 LOSS DATA COLLECTION con MillimanGRC Milliman GRC Data Source 47

48 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 48

49 Approccio possibile Metodologie di misurazione comune (e consistente con Basel II Advanced Measurement Approaches ) basata sul Loss Distribution Approach per stimare l ammontare di capitale (CAR capital at risk) necessario a coprire le perdite attese e inattese derivanti dai rischi operativi su un holding period annuale ad un livello di confidenza prefissato Procedimento di analisi e valutazione comprende sostanzialmente le seguenti operazioni (a partire dalla LDC) : costruzione della distribuzione di frequency costruzione della distribuzione di severity (uno dei task più complessi per distorsioni/inadeguatezze tipiche delle LDC) costruzione della distribuzione aggregata delle perdite operative come convoluzione(*) delle precedenti calcolo del percentile di riferimento di tale distribuzione (*) operazione finalizzata alla composizione di due funzioni di distribuzione che genera una terza funzione, tipicamente vista come una versione modificata di una delle due distribuzioni originarie 49

50 Accenni al processo di calcolo (1/5) DATA I dati della LDC vengono analizzati per valutarne la qualità e per definire se per le successive elaborazioni sono sufficienti i soli dati interni. I dati vengono raggruppati per ottenere il numero minimo di Talvolta i dati interni gruppi possono omogenei portare perale valutazioni combinazioni LoB-evento discordanti con le attese del management, ALL RISKS specialmente per eventi rari. In questo caso RISK 1 valutazioni esperte dei rischi o dati esterni, opportunamente pesati, possono essere integrati ai RISK 2 dati interni per migliorare le stime successive del modello. RISK..n.. 50

51 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA La distribuzione aggregata di un singolo rischio può essere stimata: direttamente tramite un approssimazione stimando prima le distribuzioni della frequenza e della severity dei singoli eventi per poi unirle tramite una convoluzione SINGLE RISK FREQUENCY SEVERITY CONVOLUTION AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK 51

52 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA COPULA I dati aggregati di tutti i rischi vengono utilizzati per la stima della matrice di correlazione per la copula Gaussiana (*) La modalità di recepimento della correlazione tra diverse tipologie di rischio non è banale Questo approccio permette di separare l analisi del legame tra i singoli rischi e l analisi delle singole distribuzioni ALL RISKS (*) Le copula sono strumenti statistici per modellare le dipendenze tra variabili, sono utilizzabili per la costruzione di distribuzioni multivariate di variabili inter-dipendenti partendo dalle singole distribuzioni marginali. Nella copula Gaussiana il legame tra le variabili è espresso tramite una matrice di correlazione, in particolare la dipendenza delle code è nulla COPULA 52

53 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA COPULA I dati simulati della copula sono trasformati in dati della distribuzione aggregata di tutti i rischi utilizzando le distribuzioni marginali calcolate precedentemente si ottiene quindi la distribuzione di probabilità simulata per la distribuzione congiunta di tutti i rischi AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS COPULA 53

54 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA COPULA dalla distribuzione congiunta di tutti i rischi si ottiene la distribuzione della variabile somma delle perdite per tutti gli eventi/lob da stessa distribuzione è utilizzata per calcolare le diverse misure di rischio TVaR AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS VaR RISK MEASRURES RISK MEASURES 54

55 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 55

56 Il Rischio Operativo in un Sistema di Enterprise Risk Management (ERM) La gestione del Rischio Operativo deve essere ricompresa all interno di un più ampio Framework di Risk Management posto in essere dalla Compagnia al fine di monitorare ed ottimizzare tutti i processi di gestione del rischio. Un framework di Risk Management deve definire e formalizzare ruoli e responsabilità rappresentabili attraverso le tre diverse linee di difesa 1 L I N E A D I D I F E S A RISK OWNERS Business operations 2 LINEA DI DIFESA RISK OVERSIGHT Eg: Risk compliance, legal, health &safety, IT security, etc TUTTE LE LINEE DI DIFESA RIPORTANO AL BOARD RISK ASSURANCE Internal and external audit 3 LINEA DI DIFESA 56

57 La funzione di Operational Risk Management (ORM) Il Framework di Risk Management deve comprendere anche una funzione dedicata alla gestione del rischio operativo con i seguenti compiti: progettazione, sviluppo e manutenzione dei sistemi di gestione e misurazione dei Rischi Operativi raccolta e conservazione dei dati valutazione del profilo di rischio operativo determinazione del requisito patrimoniale sui rischi operativi reporting (aree di vulnerabilità, azioni di prevenzione e mitigazione, trasferimento del rischio, etc) formulazione proposte di intervento, con le relative priorità, da sottoporre al Comitato Rischi. La gestione diretta dei rischi operativi (controlli di 1 livello) compete a tutte le strutture operative (linee di Business, Aree operative della Capogruppo e Aree e Funzioni delle Società controllate) coordinate dalla Funzione ORM 57

58 Il Comitato Rischi Operativi E l organo di verifica ed indirizzo del complessivo processo di gestione del rischio operativo: Sottopone al vertice aziendale gli interventi per la corretta attuazione del modello metodologico per la gestione dei rischi. Monitora l evoluzione dell esposizione al rischio e propone al vertice aziendale gli interventi di mitigazione Composto da ORM, Audit, Organizzazione, IT,. 58

59 Gestione del Rischio Operativo un esempio 1. Definizione di una tassonomia dei rischi operativi. E.g. Il rischio operativo può essere considerato composto da più sottorischi connessi tra loro Rapporto di impiego/ sicurezza sul lavoro Frode Interna Gestione processi RISCHIO OPERATIVO Frode esterna Disastri, sicurezza pubblica Prodotti/prassi operative Problemi tecnologici 2. In corrispondenza di ogni rischio è necessario Define Risk individuare Indicator l Risk driver, la/le Mitigation applicate, i KRI etc 1 Risk Driver 2 Risk Mitigation 3 Perdite dovute ad errori nel processo Formalizzazione delle procedure Possible KRI Staff turnover 59

60 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A 60

61 61 Buon appetito!

62 This presentation has been prepared for illustrative purposes only. It It should not be further distributed, disclosed, copied or copied otherwise or otherwise furnished furnished to any other to any party other without party Milliman s without Milliman s prior consent. prior consent. No reliance should be placed on the results or or graphs presented herein and no inference made about the appropriateness of appropriateness the different bases of the presented. different In bases particular, presented. independent In particular, verification independent and professional verification advice and professional should be sought advice when should establishing be sought company when bases establishing and assumptions company bases for the and purposes assumptions of pricing, for the valuation purposes and of transaction pricing, valuation purposes and etc. transaction purposes etc. Actual experience may be more or less favourable than the assumptions and illustrations presented in this presentation. To Actual the extent experience actual experience may be more differs or less from favourable these, so than will actual the assumptions results differ and from illustrations those presented. in this presentation. To the extent actual experience differs from these, so will actual results differ from those presented. 62

63 Milliman Paola Luraschi ufficio: cell: Milliman S.r.l. Corso Europa, Milano 63

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS.

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS. Roma, 4 dicembre 2014 Prot. n. 51-14-001771 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese capogruppo LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Agosto 2013 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli