Best practice in tema di ERM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Best practice in tema di ERM"

Transcript

1 Best practice in tema di ERM (Enterprise Risk Management) Paola Luraschi, Principal Milano, 24 Maggio 2012

2 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A

3 Chi siamo Milliman è una società leader nella consulenza attuariale e strategica a livello internazionale. Fondata nel 1947, ha oltre 50 uffici nelle principali città degli Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea, India, Messico, Hong Kong, Bermuda, Brasile, Regno Unito, Germania, Olanda, Svizzera, Spagna, Polonia, Irlanda, Francia e Italia. Conta circa dipendenti, di cui oltre tra consulenti ed attuari, ed ha un fatturato annuo di oltre 600 milioni di dollari nel 2010 Per più di 60 anni Milliman ha sviluppato strategie innovative, strumenti e soluzioni nell area delle Assicurazioni sulla Vita, Assicurazioni contro i Danni, Healthcare, Employee Benefits e nella Finanza, a supporto di clienti di ogni paese del mondo 3

4 Chi siamo I punti di forza di Milliman possono essere così sintetizzati: E una società di consulenza indipendente che ha l obiettivo di trasferire le proprie conoscenze internazionali al mercato italiano e apportare tutto il know how relativo alle tecniche e software attuariali, che mette a completa disposizione dei propri clienti E caratterizzata da una importante componente internazionale ed interdisciplinare che le permette di essere leader in numerosi settori di attività Fornisce un approccio flessibile ai problemi e alle tematiche poste 4

5 Milliman in Europa Ora oltre 250 consulenti Una rapida crescita Gli uffici più grandi in: Amsterdam Dublino London Milano Paris Uffici più piccoli (ma in espansione) : Bucharest Madrid Munich Warsaw Zurich Cipro 5

6 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A 6

7 Solvency II is not just about Capital. It is a change of behaviour Thomas Steffen, Chairman of CEIOPS 7

8 Solvency II: un sistema a tre pilastri Solvency II PRIMO PILASTRO SECONDO PILASTRO TERZO PILASTRO Requisiti quantitativi Controllo e vigilanza Requisiti di reportistica Riserve tecniche Requisito di capitale Investimenti ALM Internal audit e Risk Management Corporate governance Intervento dell autorità di vigilanza Documentazione pubblica e privata Aggiornata Orientata al futuro Trasparente 8

9 I Tre Pilastri di Solvency II sono interconnessi Requisiti Quantitativi Riserve Tecniche Requisiti di Capitale Risk management fornito da modelli di quantificazione dei risk (es. Utilizzo di test per i modelli) Corporate Governance Risk Management della Compagnia Controlli Interni Interventi dei Supervisori Il risk management della Compagnia dovrebbe usare le stesse misure e controlli dei regulators e altri coinvolti dalle disclosure Obblighi d Informativa (Disclosures) Performance Trasparenza Disclosures Pubbliche e Private Disclosure basate su requisiti quantitativi 9

10 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Il rischio operativo Conclusioni Q&A 10

11 Il punto di partenza Il rischio è la potenzialità che un'azione porti a un possibile scostamento dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni o esterni ad un sistema. I rischi: difficilmente si manifestano nel tempo nello stesso modo sono connotati da tale eterogeneità di manifestazioni da rendere difficoltosa l applicazione di analisi/metodi statistici usuali producono effetti diversi a seconda del sistema in cui sono inseriti Un approccio coerente con la natura dei rischi: dovrebbe tenere conto che i rischi non sono analizzabili in modo efficiente isolatamente dovrebbe analizzare in primis il SISTEMA che evolve nel tempo e da cui emergono i rischi dovrebbe tenere in considerazione il fatto che spesso sintomi e cause dei rischi sono temporalmente distanti 11

12 Enterprise Risk Management (ERM) ATTIVITA DI CONTROLLO COMITATI DEDICATI IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI ERM PROCESSI DI COMUNICAZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MONITORAGGIO DEI RISCHI L ERM è un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dal management e da altri operatori della struttura aziendale, utilizzato per la formulazione delle strategie in tutta l organizzazione; l ERM è progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale, per gestire il rischio entro i limiti accettabili e per fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali 12

13 I benefici di una solida struttura di ERM In vista dell entrata in vigore di Solvency II è in forte crescita il numero di Compagnie che decidono di sviluppare una struttura di Risk Management in base all approccio ERM. Un efficace sistema di Enterprise Risk Management permette, tra gli altri, di: Pianificare strategie e stabilire gli obiettivi futuri tenendo in considerazione il livello di tolleranza al rischio (risk appetite) della Compagnia Identificare i rischi e ridurne l impatto Studio di ogni singolo rischio, degli eventi ad esso collegati, delle probabilità, delle perdite attese, delle correlazioni con altri rischi, ecc. Pianificazione di strategie ad hoc (mitigation strategy) per ridurre l impatto dei rischi sul business della Compagnia Migliorare la gestione del capitale valutando un requisito di capitale che rispecchi fedelmente le caratteristiche del business gestito Migliorare l efficienza dei processi aziendali 13

14 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi salienti della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 14

15 Approccio GRC Acronimo: Governance Risk Compliance Scopo: Disegnare, monitorare, testare ed implementare processi di business con approccio di tipo ERM (Enterprise Risk Management) al fine di: Migliorare l efficienza e la fattività di tutti gli elementi coinvolti Evitare conflitti, sovrapposizioni inutili o gap dannosi/pericolosi Gestire i rischi e le performance Assicurare una visione consolidata dei rischi Definire/identificare la propensione a ciascun rischio e trasformarla in limiti/indicazioni operative di business Approccio: Visione olistica Reattivo o proattivo? 15

16 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi chiave della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 16

17 La governance aziendale Governance aziendale = insieme di istituzioni, meccanismi e regole di ogni livello (leggi, regolamenti etc.) che disciplinano la gestione dell'impresa Realizzare la governance: Analizzare/documentare Aggiornare Gestire Monitorare le attività della Compagnia Elementi chiave: Identificazione di owner delle attività aziendali Garantire l aggiornamento in tempo reale di owner e attività connesse Garantire l adeguato controllo delle attività mediante procedure a più livelli Garantire l indipendenza/efficienza delle aree di business Garantire la trasversalità delle decisioni attraverso comitati adeguati 17

18 E sufficiente una rivisitazione Processi esistenti Review Processi secondo Solvency II 18

19 Esempio di un modello a tre linee di difesa Group Board Risk management (1 st Line of Defence) Risk oversight (2 nd Line of Defence) Group Risk Committee Risk Assurance (3 rd Line of Defence) Group Audit Committee Group CEO Executive Committee Group Executive Risk Committee Sub- Committees Tipicamente: -ALM/ Credit -Operational Group CFO Group CRO BU CEO Group Risk Group Audit BU Executive Committee BU Risk Function BU Audit Committee 19

20 Punti di attenzione sulle 3 linee di difesa Diversa connotazione dell attività di risk management a seconda del tipo di CRO (background finanziario, attuariale, funzioni di controllo etc...) Aggiornamento in tempo reale governance Dimostrabilità della fattiva politica di risk management Trasversalità di decisioni e interconnessione tre pilastri importanza dei comitati Indipendenza funzioni e garanzia di controlli esaustivi gestione delle tre linee di difesa 20

21 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi chiave della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 21

22 Approccio Il rischio va considerato come un processo Per gestire adeguatamente il rischio è necessario: Descrivere la struttura del processo Analizzare il processo per identificarne i key features Monitorare il sistema per verificare l adeguatezza della gestione del rischio Analizzare la possibile evoluzione temporale del sistema Monitorare il sistema per catturare eventuali anomalie 22

23 Capire il rischio Sintomi Crisi Cause Eventi Connessione Patterns Comprensione Struttura del sistema 23

24 Previsioni meteo: un analogia Metodo1 analisi dati storici Metodo 2 analisi del sistema Analizzo la struttura e situazione attuale dei pricipali indicatori climatici (nuvolosità, vento etc...) Derivo la previsione dalla comprensione del sistema : key driver del sistema elementi di eterogeneità del sistema interconnessioni con elementi esogeni al sistema possibili effetti estremi 24

25 Approccio al risk mapping Derivante dall analisi del processo rischio 1. Identificazione 2 Individuazione connessioni Individuazione simultanea alla identificazione dei rischi Ogni rischio può derivare ovvero impattare a sua volta un altro rischio (sub risk e risk outcome) Utile configurare più livelli di rischio Importanza delle gestione delle informazioni ex ante ed ex post Importanza del monitoraggio della efficienza (anche economica) 6 Strategie di mitigazione dei rischi e loro connessione 3 Classificazione Possibili/utili più livelli di classificazione: Normativo Fondamentale identificare elementi per la misurazione e gestione quali: KRI Risk owner Frequency assessment 5 Definizione dei KRI e degli altri parametri di gestione 4 Individuazione dei risk drivers Individuazione simultanea alla identificazione dei rischi Operativo Etc.. Etc 25

26 Aspetti di rilievo Gestione e aggiornamento di frequency e severity Importanza della qualità dei dati dell analisi Importanza della analisi evolutiva del processo legato a: Connessione tra rischi Impatto delle strategie di mitigazione 26

27 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Cos è l ERM ERM e approcci GRC Elementi chiave della Governance Elementi chiave dei Risk Elementi chiave della Compliance Il rischio operativo Conclusioni Q&A 27

28 Aspetti di rilievo Importanza della accuratezza e qualità dei dati Riduzione/annullamento overlap/dislocazione per garantire la coerenza Importanza della fattività della governance aziendale Necessità di organizzazione aziendale adeguata Tracciabilità di informazioni e cambiamenti Automazione reportistica Necessità di supporti IT adeguati 28

29 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 29

30 Il rischio operativo in Solvency II Il rischio operativo è considerato all interno del calcolo del requisito patrimoniale da accantonare in corrispondenza dei rischi assunti dalla Compagnia ed è definito all interno della direttiva Solvency II come: «Rischio di perdite derivanti dalla inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni.» (Art. 13) «La definizione include il rischio legale ma esclude quello strategico e di reputazione» (Art.101) 30

31 Il rischio operativo Esempio di mappatura del rischio operatvo: 31

32 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 32

33 I Tre Pilastri di Solvency II I Pilastro II Pilastro III Pilastro Requisiti quantitativi Requisiti qualitativi Comunicazione dei dati Capitale richiesto Processi di revisione Disciplina di mercato ARGOMENTI MCR SCR Standard formula Modello interno Interazione tra i rischi Mitigazione dei rischi Riserve Best Estimate Risk management Controllo interno Monitoraggio dei rischi Integrazione modello per la gestione dei rischi Funzione attuariale Poteri organi di vigilanza Maggior quantità di informazioni inerenti al rischio Informazioni per l organo di vigilanza Informazioni per il mercato e gli operatori RISCHI Underwriting Market Credit Operational Liquidity Tutti ND 33

34 Rischio operativo e formula standard (1/2) Formula standard incapace di esprime l effettivo rischio connesso all operatività delle singole Compagnie: SCR Op = min(30% * BSCR; max(op premiums ; Op provisions )) + 25% * Exp ul In sintesi il calcolo dipende da: 1. Op premiums, calcolato in funzione dei premi raccolti nell ultimo anno e dell incremento rispetto all anno precedente (da tale calcolo sono esclusi i prodotti di ramo III senza garanzia) 2. Op provisions, calcolato in funzione del valore delle riserve best estimate (da tale calcolo sono esclusi i prodotti di ramo III senza garanzia) 3. Per i soli prodotti di ramo III senza garanzia l operational risk è determinato in relazione alle spese dell ultimo esercizio 34

35 Rischio operativo e formula standard (2/2) Il calcolo del requisito di capitale per il rischio operativo secondo la standard formula è: Proporzionato alle riserve e premi della compagnia (UL escluse) Limite massimo 30% del BSCR sulla componente determinata in funzione dei premi/riserve Per le UL 25% delle spese annuali Max tra Op. Risk proporzionato su Riserve e Premi Life Non Life Health Limite massimo 30% BSCR 25% Spese ramo III 35

36 Rischio operativo - Case study (I) CASO A: Compagnia con portafoglio non ramo III (senza garanzia) in forte espansione che ha raddoppiato il volume dei premi nell ultimo anno CASO B: Compagnia con portafoglio non ramo III (senza garanzia) in forte contrazione che ha dimezzato il volume dei premi nell ultimo anno (ma nel complesso degli ultimi due anni identica raccolta premi del caso A) CASO C: Compagnia che tratta solo prodotti di ramo III senza garanzie CASO A CASO B CASO C Riserve BE Premi ultimo anno Premi anno precedente Spese ramo III BSCR SCRop Requisiti di capitali richiesti a copertura dell operational risk sensibilmente diversi! Ma riflettono l effettiva esposizione al rischio delle tre Compagnie? 36

37 Rischio operativo - Case study (II) CASO D: Compagnia specializzata in un business di puro rischio (temporanee caso morte a capitale costante e a copertura di mutui / finanziamenti) con un premio medio per polizza pari a 500. CASO E: Bancassicurazione tipica caratterizzata da un business costituito prevalentemente da prodotti rivalutabili a tasso tecnico zero (vita intera e capitalizzazioni) con un premio medio per polizza pari a Le Compagnie D ed E presentano CASO D CASO E Riserve BE Premi ultimo anno Premi anno precedente Spese ramo III 0 0 BSCR SCRop volumi di premi e quindi SCR OP notevolmente diversi. Eppure gestiscono lo stesso numero di polizze e anzi la Compagnia D potrebbe disporre di processi meno strutturati e automatizzati ed essere esposta a un rischio operativo più elevato! 37

38 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 38

39 La misurazione del rischio operativo La gestione del rischio operativo non può prescindere dall elaborazione di un framework metodologico: - Funzioni coinvolte all interno del processo di gestione - Ipotesi - Metodologie di stima e rilevazione utilizzate Finalità della misurazione: - Modello interno (parziale) - Gestione interna Fasi del processo: Fase di rilevazione, censimento e catalogazione Loss Data Collection (LDC) Fase di misurazione e valutazione modelli di valutazione Fase di controllo e gestione governance 39

40 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 40

41 LDC un possibile approccio Individuo Fattori: classificazione in base agli elementi di criticità che hanno condotto alla perdita operativa Eventi: singolo accadimento che può generare direttamente una o più manifestazioni dannose (perdita economica) per la Compagnia ( effetti ) e allo stesso tempo determinare ulteriori ricorrenze elementari della medesima entità (eventi), con le quali risulta correlato gerarchicamente a più livelli di aggregazione Effetti: singola manifestazione dannosa (perdita economica) derivante direttamente dal verificarsi di un evento pregiudizievole. L effetto identifica ogni singola conseguenza in un unico contesto spazio-temporale di un evento pregiudizievole; la quantificazione dell effetto è la misura della perdita operativa subita. E necessario tenere traccia della perdita al lordo e al netto dei recuperi. Output: database delle perdite che indichi al minimo: relazioni causali che hanno generato il rischio oggetto di analisi (i.e Risk Driver) tipologie di eventi a cui si può ricondurre ogni singolo rischio (i.e. Event Type) effetti legati ad ogni singolo rischio operativo (i.e. Effetti di perdita) Varie problematiche operative: Eventi generati da più fattori gestione dei pesi Un evento può essere un fattore Un fattore può generare più eventi Possibili livelli di granularità della classificazione: esigenze normative 7 macro eventi standard di Basilea II esigenze operative di misurazione / modellizzazione / gestione Necessità di massa critica sufficiente 41

42 LDC: Le fonti informative DATI INTERNI Ogni Area/Funzione fornisce i dati relativi alle perdite operative all ORM. Le possibili Aree possono essere: Contabilità Reclami Area legale HR IT DATI ESTERNI consentono di: Raccogliere dati sulle perdite operative di altre realtà Effettuare studi ed approfondimenti Avere una base dati più solida per le attività di valutazione DATABASE PERDITE OPERATIVE 42

43 LDC: Le fasi del Processo Ricerca Censimento Validazione Monitoraggio Reporting Individuazione fonti informative Individuazione perdite operative Miglioramento delle fonti e test di completezza Definizione e formalizzazione dei criteri di censimento, al fine di garantire: Accuratezza dell informazione, Tempestività dell alimentazione Arricchire Verificare il Text Text /completare i dati censiti Conferma documentata della validità dell informazione regolare processo della raccolta Garantire il mantenimento della qualità raggiunta nella fase di alimentazione del database di raccolta dati Reporting aziendale Reporting di gruppo 43

44 LDC un esempio 44

45 LDC esempio di granularità Le tipologie di evento (i.e. Event Type) sono raggruppabili per macrocategorie permettendo una visualizzazione delle perdite adattabile al livello di granularità desiderato Eventi di I livello (minor granularità) Eventi di II livello (granularità intermedia) Eventi di III livello (maggior granularità) Errori procedure trasmissione e caricamento dati Errori nelle procedure di calcolo automatizzate Disallineamento dati Errori nell'elaborazione di preventivi. Sviluppo classi tecniche Errori nelle procedure batch Problemi tecnologici ed alle infrastrutture Errori procedure di elaborazione dati Assunzione polizze non coerenti con limiti di prodotto. Hardware Errata liquidazione polizze gravate da pegno/vincolo Software Liquidazione con irregolarità amministrative e/o tecniche Telecomunicazioni e Utility Errori nelle procedure di estrazione dati 45

46 LDC importanza della classificazione Le singole perdite generate dagli eventi sono catalogabili per tipologia: Perdita effettiva diretta Perdita effettiva indiretta Mancato guadagno Near miss Costo opportunità Programma di investimento Perdita per aggiustamento 46

47 LOSS DATA COLLECTION con MillimanGRC Milliman GRC Data Source 47

48 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 48

49 Approccio possibile Metodologie di misurazione comune (e consistente con Basel II Advanced Measurement Approaches ) basata sul Loss Distribution Approach per stimare l ammontare di capitale (CAR capital at risk) necessario a coprire le perdite attese e inattese derivanti dai rischi operativi su un holding period annuale ad un livello di confidenza prefissato Procedimento di analisi e valutazione comprende sostanzialmente le seguenti operazioni (a partire dalla LDC) : costruzione della distribuzione di frequency costruzione della distribuzione di severity (uno dei task più complessi per distorsioni/inadeguatezze tipiche delle LDC) costruzione della distribuzione aggregata delle perdite operative come convoluzione(*) delle precedenti calcolo del percentile di riferimento di tale distribuzione (*) operazione finalizzata alla composizione di due funzioni di distribuzione che genera una terza funzione, tipicamente vista come una versione modificata di una delle due distribuzioni originarie 49

50 Accenni al processo di calcolo (1/5) DATA I dati della LDC vengono analizzati per valutarne la qualità e per definire se per le successive elaborazioni sono sufficienti i soli dati interni. I dati vengono raggruppati per ottenere il numero minimo di Talvolta i dati interni gruppi possono omogenei portare perale valutazioni combinazioni LoB-evento discordanti con le attese del management, ALL RISKS specialmente per eventi rari. In questo caso RISK 1 valutazioni esperte dei rischi o dati esterni, opportunamente pesati, possono essere integrati ai RISK 2 dati interni per migliorare le stime successive del modello. RISK..n.. 50

51 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA La distribuzione aggregata di un singolo rischio può essere stimata: direttamente tramite un approssimazione stimando prima le distribuzioni della frequenza e della severity dei singoli eventi per poi unirle tramite una convoluzione SINGLE RISK FREQUENCY SEVERITY CONVOLUTION AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK 51

52 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA COPULA I dati aggregati di tutti i rischi vengono utilizzati per la stima della matrice di correlazione per la copula Gaussiana (*) La modalità di recepimento della correlazione tra diverse tipologie di rischio non è banale Questo approccio permette di separare l analisi del legame tra i singoli rischi e l analisi delle singole distribuzioni ALL RISKS (*) Le copula sono strumenti statistici per modellare le dipendenze tra variabili, sono utilizzabili per la costruzione di distribuzioni multivariate di variabili inter-dipendenti partendo dalle singole distribuzioni marginali. Nella copula Gaussiana il legame tra le variabili è espresso tramite una matrice di correlazione, in particolare la dipendenza delle code è nulla COPULA 52

53 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA COPULA I dati simulati della copula sono trasformati in dati della distribuzione aggregata di tutti i rischi utilizzando le distribuzioni marginali calcolate precedentemente si ottiene quindi la distribuzione di probabilità simulata per la distribuzione congiunta di tutti i rischi AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS COPULA 53

54 Processo di calcolo AGGREGATE DISTRIBUTION SINGLE RISK DATA COPULA dalla distribuzione congiunta di tutti i rischi si ottiene la distribuzione della variabile somma delle perdite per tutti gli eventi/lob da stessa distribuzione è utilizzata per calcolare le diverse misure di rischio TVaR AGGREGATE DISTRIBUTION ALL RISKS VaR RISK MEASRURES RISK MEASURES 54

55 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Rischio operativo e formula standard Misurazione e valutazione del rischio la loss data collection cenni ai modelli di valutazione gestione del rischio operativo Conclusioni Q&A 55

56 Il Rischio Operativo in un Sistema di Enterprise Risk Management (ERM) La gestione del Rischio Operativo deve essere ricompresa all interno di un più ampio Framework di Risk Management posto in essere dalla Compagnia al fine di monitorare ed ottimizzare tutti i processi di gestione del rischio. Un framework di Risk Management deve definire e formalizzare ruoli e responsabilità rappresentabili attraverso le tre diverse linee di difesa 1 L I N E A D I D I F E S A RISK OWNERS Business operations 2 LINEA DI DIFESA RISK OVERSIGHT Eg: Risk compliance, legal, health &safety, IT security, etc TUTTE LE LINEE DI DIFESA RIPORTANO AL BOARD RISK ASSURANCE Internal and external audit 3 LINEA DI DIFESA 56

57 La funzione di Operational Risk Management (ORM) Il Framework di Risk Management deve comprendere anche una funzione dedicata alla gestione del rischio operativo con i seguenti compiti: progettazione, sviluppo e manutenzione dei sistemi di gestione e misurazione dei Rischi Operativi raccolta e conservazione dei dati valutazione del profilo di rischio operativo determinazione del requisito patrimoniale sui rischi operativi reporting (aree di vulnerabilità, azioni di prevenzione e mitigazione, trasferimento del rischio, etc) formulazione proposte di intervento, con le relative priorità, da sottoporre al Comitato Rischi. La gestione diretta dei rischi operativi (controlli di 1 livello) compete a tutte le strutture operative (linee di Business, Aree operative della Capogruppo e Aree e Funzioni delle Società controllate) coordinate dalla Funzione ORM 57

58 Il Comitato Rischi Operativi E l organo di verifica ed indirizzo del complessivo processo di gestione del rischio operativo: Sottopone al vertice aziendale gli interventi per la corretta attuazione del modello metodologico per la gestione dei rischi. Monitora l evoluzione dell esposizione al rischio e propone al vertice aziendale gli interventi di mitigazione Composto da ORM, Audit, Organizzazione, IT,. 58

59 Gestione del Rischio Operativo un esempio 1. Definizione di una tassonomia dei rischi operativi. E.g. Il rischio operativo può essere considerato composto da più sottorischi connessi tra loro Rapporto di impiego/ sicurezza sul lavoro Frode Interna Gestione processi RISCHIO OPERATIVO Frode esterna Disastri, sicurezza pubblica Prodotti/prassi operative Problemi tecnologici 2. In corrispondenza di ogni rischio è necessario Define Risk individuare Indicator l Risk driver, la/le Mitigation applicate, i KRI etc 1 Risk Driver 2 Risk Mitigation 3 Perdite dovute ad errori nel processo Formalizzazione delle procedure Possible KRI Staff turnover 59

60 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A 60

61 61 Buon appetito!

62 This presentation has been prepared for illustrative purposes only. It It should not be further distributed, disclosed, copied or copied otherwise or otherwise furnished furnished to any other to any party other without party Milliman s without Milliman s prior consent. prior consent. No reliance should be placed on the results or or graphs presented herein and no inference made about the appropriateness of appropriateness the different bases of the presented. different In bases particular, presented. independent In particular, verification independent and professional verification advice and professional should be sought advice when should establishing be sought company when bases establishing and assumptions company bases for the and purposes assumptions of pricing, for the valuation purposes and of transaction pricing, valuation purposes and etc. transaction purposes etc. Actual experience may be more or less favourable than the assumptions and illustrations presented in this presentation. To Actual the extent experience actual experience may be more differs or less from favourable these, so than will actual the assumptions results differ and from illustrations those presented. in this presentation. To the extent actual experience differs from these, so will actual results differ from those presented. 62

63 Milliman Paola Luraschi ufficio: cell: Milliman S.r.l. Corso Europa, Milano 63

Il rischio è non gestirlo

Il rischio è non gestirlo in collaborazione con Associazione Imprenditori Nord Milano Enterprise Risk Management: come gestire l evento incerto, individuare le opportunità e creare valore Presentato da: Paola Luraschi Principal

Dettagli

Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

Dettagli

Milliman. Gestione degli investimenti per l assicurazione vita in Italia. Un approccio moderno. 30 novembre 2011. Aldo Balestreri Ed Morgan

Milliman. Gestione degli investimenti per l assicurazione vita in Italia. Un approccio moderno. 30 novembre 2011. Aldo Balestreri Ed Morgan Milliman Gestione degli investimenti per l assicurazione vita in Italia. Un approccio moderno 30 novembre 2011 Aldo Balestreri Ed Morgan 2 Black Box o White Box? Senza trasparenza come possiamo avere la

Dettagli

Rapporti tra compagnia ed agenti: spunti di analisi ed implicazioni quantitative

Rapporti tra compagnia ed agenti: spunti di analisi ed implicazioni quantitative Rapporti tra compagnia ed agenti: spunti di analisi ed implicazioni quantitative dell Accordo Nazionale Agenti Presentato da Paola Luraschi Principal Milliman Milano Agenda Chi siamo Interruzione Rapporto

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Milliman STAR Solutions - VEGA

Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman Solvency II Analysis and Reporting (STAR) Solutions Solvency II non è solo un cambiamento tecnico nel modo in cui gli assicuratori dovranno valutare i propri requisiti

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Solvency II: le nuove regole sul rischio operativo per le imprese di assicurazione Roma, 27 giugno 2012 Lucilla Caterini Grossi Indice v Solvency

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Making the traveller s day better Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Milano, 2 Luglio 204 Group Enterprise Risk Management Contenuto del

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

Milliman Enterprise Risk Management

Milliman Enterprise Risk Management Introduzione Il contesto economico di riferimento e l evoluzione normativa, sia essa trasversale ai settori di attività o specifica di taluni tipi di business, impongono sempre più spesso e con maggior

Dettagli

Insight. Direttiva Solvency II

Insight. Direttiva Solvency II Insight N. 22 Dicembre 2008 Direttiva Solvency II Effetti sul Solvency Capital Requirement (SCR) derivanti dall applicazione del Modello Interno rispetto alla Formula Standard: il caso di una Compagnia

Dettagli

Milliman. Trieste, 14 Maggio 2015. Presentato da: Paola Luraschi Principal

Milliman. Trieste, 14 Maggio 2015. Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman Trieste, 14 Maggio 2015 Presentato da: Paola Luraschi Principal 1 Agenda Rischio e fattori di rischio Focus sul rischio sanitario Q&A 2 Rischio Cos è «con il termine rischio si intende un evento

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Riccardo Cesari (Università di Bologna e IVASS) Milano,SDA Bocconi, 10.7.2013 1 Crisi finanziaria e risk management

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN GOVERNANCE E FUNZIONE ATTUARIALE IL RUOLO DEGLI ATTUARI

Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN GOVERNANCE E FUNZIONE ATTUARIALE IL RUOLO DEGLI ATTUARI Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN Milano, 24 maggio 2012 GOVERNANCE E IL RUOLO DEGLI ATTUARI CLAUDIO TOMASSINI SISTEMA DI GOVERNANCE FUNZIONE GESTIONE DEI RISCHI, ART. 44 (SISTEMA GESTIONE DEI RISCHI EFFICACE)

Dettagli

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale ASSICURAZIONI GENERALI Il sistema della gestione dei rischi Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale - ROMA, 10 giugno 2008 - INDICE Il modello ERM di Generali e punti di interazione

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE MODELLO INTERNO PER IL CALCOLO DEL PREMIUM E RESERVE RISK Studio Attuariale Visintin & Associati (SAVA S.r.l.) 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 La Data Governance Paola Scarabotto Roma, 1 luglio 2014 Agenda I requisiti normativi e regolamentari Principi di riferimento Architettura dei processi DQ Rischi

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel

Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel Mario Casodi ICT Governance / epm Convegno Nazionale AIEA Pisa, 21 maggio 2009 INDICE Introduzione Gestione della mappa dei

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Roma 16 giugno 2005 Dr. Paolo Cruciani BNL Responsabile Rischi Operativi BNL Direzione Risk Management Agenda 1.

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale

ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale Se hai bisogno di una valvola che non perde fai di tutto pur di trovarla. Ma il mondo reale può darti

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Livorno 24-25 maggio 2007 Paolo Casati 1 Evoluzione delle attività di Internal

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 Dott. Giuseppe Aquaro Responsabile Group Audit Unicredit S.p.A. Il coordinamento complessivo del Sistema dei Controlli Interni in Banca Roma, 12 Novembre 2010 Premessa:

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Indice RISCHI OPERATIVI DEFINIZIONE DI RISCHI OPERATIVI

Dettagli

L Enterprise Risk Management in Italia

L Enterprise Risk Management in Italia DISCUSSION PAPER L Enterprise Risk Management in Italia Risultati della survey condotta in collaborazione con l Osservatorio di Revisione della SDA Bocconi Seconda edizione Maggio 2012 kpmg.com/it 2 L

Dettagli

Operational Risk vs Advanced IT RISK

Operational Risk vs Advanced IT RISK Operational Risk vs Advanced IT RISK Claudio Ruffini 24 Giugno 2015 L evoluzione normativa in tema di sicurezza informatica Disposizioni di vigilanza prudenziale di Banca d Italia in materia di sistema

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI 59th UIA CONGRESS Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI Giovedì 29 ottobre 2015 LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI Enrique Sanz Fernández-Lomana C/ Serrano

Dettagli

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale INSEGNAMENTO: Global Risk Management PROFESSORE: Marco Giorgino ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI L ERM Da potenza ad atto Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 Agenda Cos è l ERM Evoluzione del RM ERMvsGRC Benefici dell ERM Duttilità Componenti del sistema Possibili difficoltà di implementazione

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

Il risk management secondo il «Modello» ex D.Lgs. 231/2001

Il risk management secondo il «Modello» ex D.Lgs. 231/2001 Il risk management secondo il «Modello» ex D.Lgs. 231/2001 di Alberto Pesenato (*) e Elisa Pesenato (**) La gestione del rischio (risk management) conseguente alla valutazione dello stesso (risk assessment)

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009 Assicura: Convegno Solvency II Enterprise, il caso UGF Milano, 29 aprile 2009 Tassonomia e perimetro dei rischi nel Gruppo UGF Tipologia RISCHIO UGF Compagnie Banca SGR 1.3x 1.7x 580 1.300 26.2% UGF BANCA

Dettagli

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Indice Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci I modelli dell intermediazione bancaria. Premessa.2 Il modello

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello Dott. Michele Milano 1 29 novembre

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

Gli strumenti del controllo economico-finanziario e l integrazione delle informazioni finanziarie ed i sistemi GRC (Governance, Risk e Compliance)

Gli strumenti del controllo economico-finanziario e l integrazione delle informazioni finanziarie ed i sistemi GRC (Governance, Risk e Compliance) Nicola Pierallini EVP, Tagetik Gli strumenti del controllo economico-finanziario e l integrazione delle informazioni finanziarie ed i sistemi GRC (Governance, Risk e Compliance) FG Le applicazioni di Financial

Dettagli

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 Milano, 3 ottobre 2008 AIDA Sezione Lombardia La compliance nelle assicurazioni: l adeguamento alla nuova normativa

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli