Esperienza. Ruolo attuale. Qualifiche professionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienza. Ruolo attuale. Qualifiche professionali"

Transcript

1

2 LA SOCIETA Stime a fini assicurativi per assicurazioni con dichiarazione di valori Ramo Incendio R.I. Stime a fini assicurativi per polizze All Risk speciali (Business Continuity) Perizie per operazioni straordinarie Stime di beni per finalità connesse alla redazione del bilancio di esercizio Stime per organi di controllo (società di revisione, collegi sindacali, ODV) Servizi di consulenza in materia di Enterprise Risk Management Riconciliazione cespiti per ripristino congruenza fisico-contabile Servizi per la compliance normativa

3 LA SOCIETA Ruolo attuale Titolare di OTA srl Socio fondatore di VALUE RATING & CONSULTING srl Esperienza Ricercatore a contratto presso il Dipartimento di Ricerche Aziendali dell Università degli Studi di Pavia Rappresentante nazionale di UNI presso ISO CEO di Ente di Certificazione Qualifiche professionali Dottore Commercialista CTU Tribunale di Milano Membro della Commissione ODCEC di Milano Finanza e Controllo di Gestione. Nell ambito di OTA, responsabile delle attività di valutazione asset materiali e delle relazioni esterne verso le Direzioni di varie Compagnie di Assicurazione. Nell ambito di OTA e VALUE RATING & CONSULTING, attività di Valutazione di Aziende e di servizi in tema di Enterprise Risk Management

4 L APPROCCIO ERM È responsabilità dell azienda ( Assicurato ) fornire informazioni sul rischio da trasferire, in termini comprensibili ed utilizzabili/gestibili dall Assicurazione. RISCHI DI GARANZIE RISCHI DI SOMME RISCHI DI TASSO Compagnie diverse possono quotare in modo diverso lo stesso rischio, in funzione della specifica struttura organizzativa, capacità assuntiva, trattati di riassicurazione attivati. Comportamenti non conformi a norme di legge possono compromettere i risarcimenti Non tutti i danni sono risarcibili!!

5 VALORE DELLE MERCI Analizzare la definizione di polizza Raccogliere dati e informazioni coerenti Comunicare alla Compagnia la corretta specie e natura dei beni trasportati, per evitare rischi di tasso e rischi di copertura Comunicare alla Compagnia valori corretti e coerenti, per evitare rischi di somme.

6 ESEMPIO DI DEFINIZIONE DI POLIZZA PER LA PARTITA MERCI - 1 La totalità di: prodotti costituenti oggetto di fabbricazione, o di lavorazioni anche per conto terzi e/o di commercio, in riferimento all attività esercitata materie prime, ingredienti e prodotti semilavorati, anche se in fase di lavorazione scorte e materiali di consumo, compresi: lubrificanti, combustibili, merci speciali ed infiammabili e relativi recipienti mobili

7 ESEMPIO DI DEFINIZIONE DI POLIZZA PER LA PARTITA MERCI - 2 supporti, scarti, sfridi e ritagli di lavorazione, nonché eventuali rottami e materiali in disuso o recuperabili per lavorazioni imballaggi e materiali in genere da imballo materiali di natura promozionale per l Assicurato non costituenti oggetti di valore. ( OMISSIS )

8 ESEMPIO DI DEFINIZIONE DI POLIZZA PER LA PARTITA MERCI - 3 Sono inoltre comprese, se dovute all Erario, le imposte di fabbricazione ed i diritti doganali.

9 COME DETERMINARE I VALORI? La determinazione dei valori da assicurare sempre di competenza dell assicurato, che risponde di eventuali errori DEVE soddisfare i criteri di polizza, ovvero di estimo assicurativo. Nell esempio di definizione che precede, una valutazione ad esempio di alcoolici dovrà contenere anche la valorizzazione delle accise, se coerente con le definizioni contrattuali Un errore di valutazione, comporterà un rischio di somme per l assicurato.

10 LA GESTIONE DEI KRI Key Risk Indicators I KRI: NON SONO il parametro di riferimento per valutare una decisione (PASSATO) SONO lo strumento in base al quale la decisione deve essere presa (FUTURO)

11 LA GESTIONE DEI KRI Key Risk Indicators Per quanto più è possibile, i KRI devono essere: Raccolti e gestiti in modo automatizzato Confrontati in tempo reale con le politiche aziendali e/o informazioni di mercato (interni o esterni al modello) La gestione dei dati raccolti deve generare: Un invio proattivo di alert automatici per la gestione immediata del problema rilevato, La possibilità di predisporre report e/o documentazione analitica periodica.

12 Liste di controllo DUAL USE Prodotti usati in azienda (sempre, occasionalmente, ) K R I Safe Area Piano di azione I Attention Area Piano di azione II Warning Area Piano di azione III Danger Area Piano di azione IV

13 CONCLUSIONI La gestione del rischio, inteso come conseguenza dell incertezza, deve essere gestita all interno dell azienda, in primis dalla Direzione Generale Solo il rischio residuale può essere trasferito a terzi, anche attrverso la stipula di polizze assicurative: l assicurazione risarcisce il danno economico, che quasi mai è la voce principale dei costi a carico dell impresa. Solo la gestione proattiva dell incertezza consente di dotarsi di strumenti efficaci per prevenire i sinistri ed al contempo realizzare non solo positive politiche di saving, ma anche di sfruttamento di vantaggi competitivi.

14

15

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 B Corso Specialistico Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 approccio secondo la valutazione prospettiva dei rischi (FLAOR) Milano, 28-29 Ottobre 2014 Obiettivi Le recenti

Dettagli

Il Perito assicurativo

Il Perito assicurativo Il Perito assicurativo Professionista che accerta e stima i danni derivanti da furti, incidenti e incendi. Il Profilo professionale Il ruolo nazionale dei periti assicurativi istituito dalla Legge 166/92

Dettagli

Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo

Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Risk Management per le imprese Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo PER L IMPRESA E STAKEHOLDER CHI E EXSAFE Società di consulenza

Dettagli

copertura assicurativa Responsabilità Civile Professionale per gli iscritti all

copertura assicurativa Responsabilità Civile Professionale per gli iscritti all copertura assicurativa Responsabilità Civile Professionale per gli iscritti all agenda Agenzia di Sottoscrizione: AEC Underwriting Assicuratore: PartnerRe Caratteristiche della copertura offerta Broker:

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Gestire l incertezza per competere:

Gestire l incertezza per competere: Gestire l incertezza per competere: trasformare i rischi in opportunità Percorso Formativo Il nuovo modello degli standard internazionali ISO introduce l approccio Risk Based Thinking nella gestione strategica

Dettagli

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo ISO 27000 family La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione Autore: R.Randazzo La Norme che hanno affrontato il Tema della gestione dei rischi Concetto di Rischio Agenda Il Rischio all interno della

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

PREDISPOSIZIONE DI CAPITOLATO / MODELLO PER LE RICHIESTE DI PREVENTIVO DI INTERVENTO ALLE SOCIETÀ DI BONIFICA. Gruppo di Lavoro BONIFICHE

PREDISPOSIZIONE DI CAPITOLATO / MODELLO PER LE RICHIESTE DI PREVENTIVO DI INTERVENTO ALLE SOCIETÀ DI BONIFICA. Gruppo di Lavoro BONIFICHE PREDISPOSIZIONE DI CAPITOLATO / MODELLO PER LE RICHIESTE DI PREVENTIVO DI INTERVENTO ALLE SOCIETÀ DI BONIFICA 1 2 OSSERVAZIONI GENERALI ASSICURATIVO SINISTRI OPERATIVO PROBLEMATICA ASSENZA DI TERMINI DI

Dettagli

Master in Loss Adjustment basic on line

Master in Loss Adjustment basic on line Master in Loss Adjustment basic on line VI Edizione (2014-2015) con il patrocinio di* ASSOCIAZIONE ITALIANA PERITI LIQUIDATORI ASSICURATIVI INCENDIO E RISCHI DIVERSI con il contributo di* ANPAIRD * i patrocini

Dettagli

Procedures Management Tool Una consolle Tanti tools Niente caffè INFO@GRUPPORES.IT WWW.GRUPPORES.IT

Procedures Management Tool Una consolle Tanti tools Niente caffè INFO@GRUPPORES.IT WWW.GRUPPORES.IT Procedures Management Tool Una consolle Tanti tools Niente caffè INFO@GRUPPORES.IT WWW.GRUPPORES.IT Una soluzione completa che si adatta alle esigenze Aziendali e alle metodologie di lavoro per gestire

Dettagli

SOLLECITAZIONE PUBBLICA DI OFFERTA PER GESTIONE ASSICURATIVA. ALLEGATO: Questionario

SOLLECITAZIONE PUBBLICA DI OFFERTA PER GESTIONE ASSICURATIVA. ALLEGATO: Questionario SOLLECITAZIONE PUBBLICA DI OFFERTA PER GESTIONE ASSICURATIVA ALLEGATO: Questionario 2 1. Informazioni generali della Compagnia candidata Struttura societaria 1.1 Informazioni anagrafiche dei seguenti soggetti:

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012)

Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012) Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012) Compensi professionali: disposizioni su dottori commercialisti ed esperti contabili Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 22.08.2012 Capo

Dettagli

Introduzione al risk management

Introduzione al risk management ALBERTO FLOREANI Introduzione al risk management Un approccio integrato alla gestione dei rischi aziendali Fotocomposizione e redazione: Studio Norma, Parma ISBN 978-88-17-05810-0 Copyright 2005 RCS Libri

Dettagli

PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI

PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI Allegato 3 Convenzione Nazionale CISL - UGF PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI Condizioni riservate alle Strutture Sindacali (Nazionali, Regionali, Territoriali e di Categoria) e alle Società ed Enti di loro

Dettagli

LA STIMA PREVENTIVA 13 marzo 2013

LA STIMA PREVENTIVA 13 marzo 2013 Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13 LA STIMA PREVENTIVA 13 marzo 2013 Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia La STIMA E espressione di un

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

PERSONA. con il Cliente

PERSONA. con il Cliente con il Cliente inprima PERSONA La necessità degli imprenditori di trasferire una quantità sempre maggiore di rischi, deve essere supportata da una continua evoluzione del prodotto assicurativo. La vera

Dettagli

PROPOSTA QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI *****

PROPOSTA QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI ***** PROPOSTA QUESTIONARIO PER L ASCURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI 1. DEMINAZIONE-SEDE-RIFERIMENTI SOCIETARI Proponente (ragione sociale, indirizzo e sito internet dell impresa) ***** 2. TIPO

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Corso di Specializzazione in Gestione dei Servizi IT Motivazioni, contenuti, obiettivi

Corso di Specializzazione in Gestione dei Servizi IT Motivazioni, contenuti, obiettivi Corso di Specializzazione in Gestione dei Servizi IT Motivazioni, contenuti, obiettivi 4 febbraio 2013 Tullio Vardanega Dipartimento di Matematica Università di Padova tullio.vardanega@math.unipd.it David

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

BANDO DI GARA STIPULA POLIZZA ASSICURATIVA GLOBALE FABBRICATI DOCUMENTO ANALITICO COMPLEMENTARE La Società CASA LIVORNO E PROVINCIA S.P.A. (CASALP), con sede in V.le I. Nievo 59/61, telefono 0586/448611,

Dettagli

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Picture Credit San Polo Lamiere S.p.A. Italy. Used with permission. Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Partner Nome dell azienda San Polo Lamiere S.p.A. Settore Metal - Prodotti industriali

Dettagli

Small Cap Conference 2015

Small Cap Conference 2015 Small Cap Conference 2015 Luciano Lucca Presidente Assiteca Spa ABBIAMO SOLIDE RADICI. SONO LA NOSTRA E LA VOSTRA SICUREZZA. Milano, 19 novembre 2015 Borsa Italiana La realtà Assiteca è il primo gruppo

Dettagli

La Certificazione dei Valutatori Immobiliari, secondo Inarcheck. La certificazione base (VIMCA) La certificazione avanzata (VIPRO)

La Certificazione dei Valutatori Immobiliari, secondo Inarcheck. La certificazione base (VIMCA) La certificazione avanzata (VIPRO) Con il Patrocinio di: Consiglio Nazionale Geometri Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti (CIPAG) La Certificazione dei Valutatori Immobiliari, secondo Inarcheck

Dettagli

SOLUZIONE ERP PER L INDUSTRIA COSMETICA

SOLUZIONE ERP PER L INDUSTRIA COSMETICA J-MakeUp SOLUZIONE ERP PER L INDUSTRIA COSMETICA J-MakeUp l ERP nel suo aspetto migliore J-MakeUp è una soluzione gestionale modulare per le aziende che operano nell industria cosmetica e del benessere,

Dettagli

RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE COMMERCIALISTI QUESTIONARIO

RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE COMMERCIALISTI QUESTIONARIO RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE COMMERCIALISTI QUESTIONARIO Si prega di rispondere pienamente a tutte le domande. Alle domande che non riguardano la vostra attività, si prega di rispondere come non

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

QUATTRO OTTIMI MOTIVI PER UN FUTURO SICURO E PROTETTO. insurance brokers & claim consultants

QUATTRO OTTIMI MOTIVI PER UN FUTURO SICURO E PROTETTO. insurance brokers & claim consultants QUATTRO OTTIMI MOTIVI PER UN FUTURO SICURO E PROTETTO R insurance brokers & claim consultants I NOSTRI CLIENTI SONO PRIVILEGIATI 1 Siamo gli unici brokers assicurativi di origine tutta locale a trattare

Dettagli

Economia delle aziende di assicurazione

Economia delle aziende di assicurazione Economia delle aziende di assicurazione Modello dei processi in una azienda di assicurazione Rappresentazione dei macroprocessi e dei processi aziendali Università di Macerata - P. Cioni 1 Indice Vista

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

Dettagli

Compliance Sistema di Governo Il Sistema di Compliance di SIA

Compliance Sistema di Governo Il Sistema di Compliance di SIA Compliance Sistema di Governo Il Sistema di Compliance di SIA Pagina 1 di 6 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA FUNZIONE DI COMPLIANCE IN SIA... 3 3. IL SISTEMA DI COMPLIANCE DI SIA... 4 3.1 Ricognizione...

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

www.allianz.ch CombiRisk Business

www.allianz.ch CombiRisk Business www.allianz.ch CombiRisk Business Realizzate la vostra idea. Noi siamo con voi. Anche con l assicurazione commercio e stabili: una soluzione completa con un unica polizza e da un unico operatore. Marcel

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

La gestione strategica dell innovazione

La gestione strategica dell innovazione La gestione strategica dell innovazione cosa, quando e come brevettare per creare vantaggi competitivi nel tempo Ing. Andrea Soldatini Pistoia 25 giugno 2015 Come tutelarsi con successo? ASSICURANDOSI

Dettagli

Via del Corea, 3-00186 Roma - Tel.: 063202922 Fax: 063203772 Web: www.sifa-attuari.it - e-mail: info@sifa-attuari.it

Via del Corea, 3-00186 Roma - Tel.: 063202922 Fax: 063203772 Web: www.sifa-attuari.it - e-mail: info@sifa-attuari.it Via del Corea, 3-00186 Roma - Tel.: 063202922 Fax: 063203772 Web: www.sifa-attuari.it - e-mail: info@sifa-attuari.it Roma, 8 novembre 2011 Prot. n. 052/11 Siamo lieti di informarvi che sono aperte le iscrizioni

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Il Risk Management: l approccio tradizionale

Il Risk Management: l approccio tradizionale Il processo di Risk Management Insurance Brokers Office - Risk Management Elio Marchetti Molecular Biotechnology Center Torino, 27 giugno 2007 Introduzione al Risk Management e all analisi dei rischi per

Dettagli

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA 1. Per la redazione dell elaborato peritale dovrà essere rispettato quanto previsto all art. 195, 3 comma c.p.c. Pertanto all udienza di

Dettagli

I Modelli Organizzativi 231

I Modelli Organizzativi 231 By Asso231 Rev 03 I Modelli Organizzativi 231 Il tassello mancante alla tua organizzazione. Guida alla realizzazione pratica ed all integrazione con i sistemi di gestione del rischio aziendale. Ing. Ciro

Dettagli

RESPONSABILE DELLA LOGISTICA

RESPONSABILE DELLA LOGISTICA CORSO PER RESPONSABILE DELLA LOGISTICA Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001 53 CORSO PER RESPONSABILE DELLA LOGISTICA Materiale propedeutico (studio a casa) + 48 ore di lezioni frontali

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015

Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015 Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015 Workshop Pier Alberto Guidotti Bologna, 8 settembre 2015 1 AGENDA 1 GESTIONEDEI RISCHI ORGANIZZATIVI 2 NUOVA NORMA

Dettagli

Il patrimonio più importante dello Studio De Marco: la capacità e la professionalità delle persone che lavorano nello Studio.

Il patrimonio più importante dello Studio De Marco: la capacità e la professionalità delle persone che lavorano nello Studio. Lo Studio Lo Studio De Marco è un organizzazione professionale di dottori commercialisti e revisori legali autonoma ed indipendente, che opera liberamente sul mercato dal 1972. Lo Studio De Marco è un

Dettagli

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv)

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) Il presente Supplemento forma parte integrante e necessaria dei Fascicoli informativi QUALITY

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Fascicolo Informativo Precontrattuale. Responsabilità Civile professionale in convenzione SMI

Fascicolo Informativo Precontrattuale. Responsabilità Civile professionale in convenzione SMI Fascicolo Informativo Precontrattuale Responsabilità Civile professionale in convenzione SMI Gentile dottore, La invitiamo a leggere con attenzione le informazioni che seguono, preparate con l intento

Dettagli

Direzione Generale Ufficio Organizzazione e metodi CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO.

Direzione Generale Ufficio Organizzazione e metodi CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Amministrazione Comunale di Collegno intende affidare l incarico del servizio

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

LA FORZA DEL SINGOLO LA POTENZA DEL GRUPPO

LA FORZA DEL SINGOLO LA POTENZA DEL GRUPPO LA FORZA DEL SINGOLO BROKERS ITALIANI DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE INDIPENDENTI LA FORZA DEL SINGOLO un SISTEMA che si espande e garantisce, attraverso i suoi uffici, la presenza sul territorio di

Dettagli

La sicurezza dell informazione

La sicurezza dell informazione La sicurezza dell informazione come costruire il sistema di gestione per la sicurezza dell informazione Ing. Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Qualità, Agosto 2000) 1 Introduzione L informazione, nel linguaggio

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO A CONSUMATORI BPER MUTUO FAMIGLIA

MUTUO IPOTECARIO A CONSUMATORI BPER MUTUO FAMIGLIA MUTUO IPOTECARIO A CONSUMATORI BPER MUTUO FAMIGLIA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali Edizione 10 ottobre 2008 2007 Ciclo Evoluzione ACEF Riproduzione degli studi vietata professionali - Tutti i diritti settimo riservati anno - MARKETING 1 Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Dettagli

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale.

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale. Milano, 15 novembre 2014 Obiettivi Il Master in Risk Management nasce con l obiettivo di dare un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso delle loro attività,

Dettagli

Assicurazione Arte Privata

Assicurazione Arte Privata Sicurezza in casa Assicurazione Arte Privata La copertura a regola d arte per gli oggetti di valore La vostra passione è al sicuro Ogni opera d arte narra una storia personale. Gli oggetti scelti e collezionati

Dettagli

124 Perizia di stima beni immobili Comune di Salerno: località Monte di Eboli - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA - Dottor Emanuele Mazza Commercialista - Revisore Legale di Conti - C.T.U. per il Tribunale 125

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO Ditta Proponente: ASCURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO Indirizzo: Comune: PARTE I TIZIE GENERALI 1) Descrizione sommaria di tutti i prodotti per i quali il Proponente

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO 1. DENOMINAZIONE - SEDE - RIFERIMENTI SOCIETARI Denominazione: Ragione sociale: Codice Fiscale/Partita IVA Indirizzo della Sede

Dettagli

Le soluzioni di Asset, Property e Facility Management della piattaforma:

Le soluzioni di Asset, Property e Facility Management della piattaforma: Presentazione Easy Pro vers. 1.5 Le soluzioni di Asset, Property e Facility Management della piattaforma: Copyright Adhera 2008 Introduzione Moltissime aziende dispongono di assets immobiliari e mobiliari

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

sviluppa le opportunità, riduce i rischi.

sviluppa le opportunità, riduce i rischi. sviluppa le opportunità, riduce i rischi. Kriel è una società specializzata nell applicazione di modelli statistici e finanziari finalizzati al supporto nelle decisioni strategiche d impresa e dei Fondi

Dettagli

Questionario Danni Indiretti

Questionario Danni Indiretti Le informazioni trascritte nel presente modulo sono ad uso esclusivo di Euroconsul S.r.l. e verranno trattate con la massima riservatezza al solo fine di ottenere la quotazione del rischio dalle principali

Dettagli

ARAG Assicurazioni S.p.A.

ARAG Assicurazioni S.p.A. Allegato II Società ARAG Assicurazioni S.p.A. Capitale sociale sottoscritto E. 5.000.000 Versato E. 5.000.000 Sede in Tribunale Verona Verona BILANCIO DI ESERCIZIO Conto economico Esercizio 2001 (Valore

Dettagli

MODELLO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA

MODELLO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA MODELLO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA Check list delle informazioni di riferimento Applicato dalle Banche che hanno aderito alla proposta di Accordo di CONFINDUSTRIA PESARO-URBINO FINALITA E CONTENUTI DEL

Dettagli

La certificazione dei Valutatori Immobiliari secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012

La certificazione dei Valutatori Immobiliari secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 La certificazione dei Valutatori Immobiliari secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 Perché la certificazione? Essere un Valutatore Immobiliare Certificato significa possedere formazione scolastica

Dettagli

ODCEC - Ordine Provinciale di Torino Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

ODCEC - Ordine Provinciale di Torino Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili ODCEC - Ordine Provinciale di Torino Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Dott. Alessandro Cian / CNDCEC Commissione Assicurativa Avv. Alberto Manzella Dott. Paolo Convertino/ AON Responsabilità

Dettagli

IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO: IL CASO BENSON IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON. Pagina 1

IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO: IL CASO BENSON IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON. Pagina 1 IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON Pagina 1 BUSINESS CHALLENGE LA SOCIETÀ DI RIFERIMENTO È UNA DELLE PRINCIPALI IMPRESE INDUSTRIALE NEL SETTORE DEL PACKAGING. SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

Dettagli

ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager

ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager Raffaele Rocco A.D. - AICOM Spa 1 PRESENTAZIONE di AICOM Spa AICOM Società

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE INGEGNERI QUESTIONARIO

RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE INGEGNERI QUESTIONARIO RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE INGEGNERI QUESTIONARIO Si prega di rispondere pienamente a tutte le domande. Alle domande che non riguardano la vostra attività, si prega di rispondere come non applicabile.

Dettagli

rb vita RVII ips - RVII ips/cb - RVII ips/5 - RVII ips/10 - RVII ips/2t

rb vita RVII ips - RVII ips/cb - RVII ips/5 - RVII ips/10 - RVII ips/2t rb vita RVII ips - RVII ips/cb - RVII ips/5 - RVII ips/10 - RVII ips/2t SUPPLEMENTO AL FASCICOLO INFORMATIVO RVII ips - RVII ips/cb - RVII ips/5 - RVII ips/10 - RVII ips/2t (Tariffe RVII ips, - RVII ips/cb

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

Nominativo Anno inizio Attività Ordine di appartenenza

Nominativo Anno inizio Attività Ordine di appartenenza Questionario Responsabilità civile professionale Architetti, Architetto d interni, Ingegneri, Geometri, Periti Industriali, Geologi, Dottori Agronomi e Forestali, Periti Agrari Istruzioni per il richiedente

Dettagli

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI L ERM Da potenza ad atto Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 Agenda Cos è l ERM Evoluzione del RM ERMvsGRC Benefici dell ERM Duttilità Componenti del sistema Possibili difficoltà di implementazione

Dettagli

COME PIANIFICO IL MIO SVILUPPO? COME POSSO TUTELARE IL MIO BUSINESS?

COME PIANIFICO IL MIO SVILUPPO? COME POSSO TUTELARE IL MIO BUSINESS? COME PIANIFICO IL MIO SVILUPPO? COME POSSO TUTELARE IL MIO BUSINESS? Tutelare se stessi e la propria attività da eventuali rischi commerciali e strutturali è indispensabile nella conduzione di un attività

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

Direttive di qualità DIRETTIVE DI QUALITÀ. 1. Premessa

Direttive di qualità DIRETTIVE DI QUALITÀ. 1. Premessa DIRETTIVE DI QUALITÀ 1. Premessa Per garantire la concorrenzialtà anche in futuro è necessario prestare particolare attenzione all aspetto della qualità. Rientrano nel concetto di qualità La qualità del

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Questionario Responsabilità civile professionale AVVOCATI (Ed. 05/2007)

Questionario Responsabilità civile professionale AVVOCATI (Ed. 05/2007) Questionario Responsabilità civile professionale AVVOCATI (Ed. 05/2007) Istruzioni per il richiedente A. Si prega di rispondere a tutte le domande. Le informazione richieste sono necessarie allo scopo

Dettagli

IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO PERCORSO FORMATIVO PER INTEGRARE IL REQUISITO DI SPECIALE COMPETENZA

IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO PERCORSO FORMATIVO PER INTEGRARE IL REQUISITO DI SPECIALE COMPETENZA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO PERCORSO FORMATIVO PER INTEGRARE IL REQUISITO DI SPECIALE COMPETENZA Corso di Formazione 21 ore in Aula 4 Moduli Formativi da 5 ore Roma, dal 1 al 22 marzo 2016 Istituto

Dettagli

Segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Segnalazione e gestione degli eventi sentinella AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Unità di Gestione Rischio Clinico E-mail: Approvata da: Revisione: 00 Unità di Gestione Rischio Clinico Presidente Unità di Gestione

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE QUESTIONARIO

RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE QUESTIONARIO RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE QUESTIONARIO Si prega di rispondere pienamente a tutte le domande. Alle domande che non riguardano la vostra attività, si prega di rispondere come non applicabile. Se

Dettagli

REGISTRO DEI CHIARIMENTI RELATIVI ALLA GARA PER I SERVIZI ASSICURATIVI PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO. 1 quesito

REGISTRO DEI CHIARIMENTI RELATIVI ALLA GARA PER I SERVIZI ASSICURATIVI PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO. 1 quesito REGISTRO DEI CHIARIMENTI RELATIVI ALLA GARA PER I SERVIZI ASSICURATIVI PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO data ricevimento: 18 settembre 2012 data invio risposta:21 settembre 2012 1 quesito Con riferimento

Dettagli

COMPANY PROFILE. La macchina perfetta per la gestione dei tuoi rischi

COMPANY PROFILE. La macchina perfetta per la gestione dei tuoi rischi COMPANY PROFILE La macchina perfetta per la gestione dei tuoi rischi La società contemporanea è alimentata dalle correnti della complessità, dove fattori macroeconomici si intersecano con scenari internazionali,

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA RATING SYSTEM Le raccomandazioni si conformano al seguente rating system, avendo come riferimenti il prezzo di mercato e il target price: BUY: se il target

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

PRESENTA LA CONVENZIONE ASSICURATIVA PER

PRESENTA LA CONVENZIONE ASSICURATIVA PER PRESENTA LA CONVENZIONE ASSICURATIVA PER CHI SIAMO Morgan & Morgan srl International Insurance Brokers è società di broker di assicurazione, iscritta al RUI Registro Unico degli Intermediari al n. B000063780.

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE SECURITY E SAFETY MANAGEMENT alla luce della nuova Norma UNI 10459:2015

CORSO DI ALTA FORMAZIONE SECURITY E SAFETY MANAGEMENT alla luce della nuova Norma UNI 10459:2015 CORSO DI ALTA FORMAZIONE PRESENTAZIONE ll corso è aggiornato con la norma UNI 10459 Requisiti del Professionista della Security. Il professionista della Security è colui che gestisce i processi di gestione

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa La valutazione di un ramo d azienda che svolge l attività di manutenzione caldaie a domicilio, oggetto di conferimento. Il metodo reddituale a due fasi 1 L oggetto dell incarico 2 L oggetto della valutazione

Dettagli