IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO. I principali elementi del sistema di controllo interno. Bologna, 16 maggio Alessandro Capodaglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO. I principali elementi del sistema di controllo interno. Bologna, 16 maggio 2006. Alessandro Capodaglio"

Transcript

1 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO I principali elementi del sistema di controllo interno Bologna, 16 maggio 2006 Alessandro Capodaglio 1

2 INTRODUZIONE LE FRONDI FINANZIARIE 2

3 LE FRODI FINANZIARIE i casi IL CASO ENRON Crack da 63 miliardi di dollari l entità reale del passivo accumulato era stata occultata concentrandone larga parte in particolari unità giuridiche del gruppo (società di persone create dai top manager) che secondo i principi contabili americani potevano non essere ricomprese nell area di consolidamento di bilancio. IL CASO WORLDCOM Crack da 103 miliardi di dollari. Il fondatore e CEO aveva creato un sistema di gestione incentrato sulla sua figura e priva di adeguati contrappesi in termini di responsabilità e poteri gestionali. Quando la redditività cominciò a non corrispondere più alle attese degli analisti, lo stesso CEO si adoperò per produrre un falso in bilancio, capitalizzando costi d esercizio. 3

4 LE FRODI FINANZIARIE i casi IL CASO PARMALAT Crack da 14 miliardi di euro più 7 miliardi di euro di obbligazioni emesse. Parmalat è sempre rimasto un gruppo a condizione familiare e la struttura di governo ha sempre mantenuto una forma piramidale chiusa sulla famiglia. La società dichiarava una liquidità superiore a 7 miliardi di euro, ma continuava a chiedere finanziamenti al mercato sotto forma di emissioni obbligazionarie. Il tutto viene scoperto all ennesima richiesta di chiarimenti da parte della Consob. 4

5 LE FRODI FINANZIARIE i fenomeni -Manipolazioni dell informativa contabile allo scopo di trasmettere dati sulla salute di alcune società tali da permettere il perseguimento della corsa al rialzo -Evidenziazione dell inaffidabilità del sistema dei controlli -Evidenza su comportamenti dei top manager tesi alla massimizzazione della propria remunerazione -Cooperazione alla rappresentazione al pubblico di situazioni aziendali migliori dell effettivo da parte degli investment bankers. 5

6 LE FRODI FINANZIARIE il carattere di sistematicità - Le società coinvolte, nella maggior parte dei casi, svolgevano attività economiche nuove, per le quali era più difficile verificare il valore economico e, quindi, era necessario fare affidamento sui soggetti certificatori dell informazione e sulla correttezza del comportamento del management -I vari scandali sono stati resi possibili tramite una rete estesa di complicità ed omissioni -Collocazione temporale del fenomeno: alla fine degli anni Novanta (le quotazioni di borsa avevano raggiungo livelli insostenibili) prima dello scoppio della bolla speculativa 6

7 LE FRODI FINANZIARIE le cause immediate I PRINCIPI CONTABILI Critica al carattere eccessivamente precettistico dei principi contabili americani rispetto agli IAS. Vale per il caso Enron. I CONTROLLI CONTABILI Le società di revisione hanno utilizzato la certificazione di bilancio come punto di entrata in relazione con le maggiori società, alle quali poi offrire servizi a maggior valore aggiunto. Per contrastare questo fenomeno (diffuso in USA), nel 2002 è stato emanato il Sarbanes Oxley Act che prevede l incompatibilità della revisione con la fornitura di altri servizi che non siano puramente accessori. 7

8 LE FRODI FINANZIARIE le cause immediate L OPERATO DEGLI INVESTMENT BANKERS Gli analisti sell side delle investment banks, che offrono ai clienti studi indipendenti sul valore delle azioni delle società, sono stati utilizzati come strumento per ottenere contratti di consulenza in cambio di giudizi particolarmente favorevoli. LA REMUNERAZIONE DEI MANAGER Si è registrata una crescita spropositata della remunerazione dei manager legata alla performance azionaria. Il modello è nato come strumento di controllo del potenziale conflitto azionisti manager. Criticato in quanto genera comportamenti non lungimiranti, non volti alla creazione di valore. 8

9 LE FRODI FINANZIARIE le cause immediate I CONTROLLI INTERNI La grande impresa americana è tipicamente caratterizzata da un azionariato molto frazionato e da manager non proprietari che di fatto la controllano. Il Consiglio di amministrazione, nella figura dell Audit Committee, dovrebbe rappresentare lo strumento di controllo dell operato dei manager. Criticato l atteggiamento passivo nei confronti dei CEO. 9

10 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE LA VERIFICA DELL ATTENBILITA ATTENBILITA 10

11 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Il sistema informativo aziendale è il depositario di tutte le informazioni presenti e gestite in azienda; per questa ragione è oggetto di verifica da parte del revisore Revisione dell attendibilità dei sistemi informativi aziendali e dei correlati strumenti di reporting (bilancio): -Dimensione informativa: raccolta, trattamento ed elaborazione delle informazioni; -Dimensione organizzativa: suddivisione delle attività di rilevazione e controllo dei dati. 11

12 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO INFORMATIVO Verifica il grado di correttezza con cui determinate informazioni forniscono adeguata rappresentazione di una specifica realtà aziendale. Un informazione può considerarsi attendibile qualora, dal suo confronto con altri dati rappresentativi della medesima realtà, emerga una sostanziale, precisa e univoca concordanza. Il giudizio di attendibilità su una rilevazione aziendale, derivando dal confronto con altri dati, possiede le caratteristiche di un giudizio probabilistico. 12

13 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO INFORMATIVO Quante più informazioni si possono confrontare con riferimento ad un medesimo oggetto di verifica e quanto più esse concordano, tanto maggiore sarà il grado di convincimento in merito all attendibilità delle medesime. La verità assoluta delle informazioni non può mai essere dimostrata; si può ottenere un ragionevole e graduato convincimento che le informazioni siano sostanzialmente corrette. 13

14 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO ORGANIZZATIVO Numerosità di sistemi di rilevazione e qualità persuasiva delle informazioni ottenute non sono sufficienti in mancanza di adeguata suddivisione organizzativa del lavoro tale per cui i diversi sistemi di rilevazione siano gestiti da operatori sostanzialmente differenti (e quindi aventi obiettivi e interessi reciprocamente contrastanti). Viene quindi innescata una serie di situazioni virtuose propedeutiche all attività di controllo. 14

15 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO ORGANIZZATIVO Sono stati quindi sviluppati i seguenti capisaldi di carattere organizzativo funzionali al conseguimento di un accettabile grado di attendibilità dei sistemi informativi: -Separazione dei compiti -Processi di comunicazione -Ambiente organizzativo 15

16 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE SEPARAZIONE DEI COMPITI Si realizza applicando il ciclo autorizzazione esecuzione controllo Lo svolgimento dell attività (esecuzione) può abbinarsi a momenti di controllo preventivo (autorizzazione) o di verifica ex-post (controllo successivo) che devono essere opportunamente eseguiti da soggetti diversi da quelli preposti alla loro esecuzione. 16

17 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE PROCESSI DI ORGANIZZAZIONE La realizzazione della separazione dei compiti all interno dell organizzazione impone la necessità di regolare adeguatamente i flussi di informazione tra i diversi operatori in modo che essi siano indirizzati in forma corretta, appropriata e con la giusta tempistica. Progettare adeguati processi di comunicazione significa: -Definire contenuti, tempi e modalità tecniche di flusso delle informazioni; -Definire responsabilità in merito alla predisposizione, archiviazione, trasmissione, ricevimento delle informazioni 17

18 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE AMBIENTE ORGANIZZATIVO o DI CONTROLLO Le particolari condizioni dell ambiente organizzativo o di controllo in cui operano le persone che eseguono e supervisionano i controlli informativi contribuiscono in maniera fondamentale al loro corretto funzionamento. Gli elementi che determinano l ambiente organizzativo sono: -equilibrio tra ruoli, responsabilità e autorità; -equilibrio nel sistema degli incentivi (premi/sanzioni); -equilibrio tra ruoli e competenze; -equilibrio nello stile di direzione; -integrità della direzione. 18

19 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL BILANCIO DI ESERCIZIO SINTESI DEL SISTEMA INFORMATIVO Il controllo di attendibilità del bilancio di esercizio comporta l effettuazione di confronti tra le informazioni contenute in esso e la realtà aziendale che esso intende rappresentare. Poiché quest ultima non è osservabile direttamente, il revisore deve cercare opportuni confronti tra le evidenze fornite dal sistema informativo aziendale al fine di verificarne la concordanza. È necessario confrontare le informazioni contenute nel bilancio di esercizio rispetto alle evidenze raccolte ed elaborate nei sistemi contabili sottostanti e nei processi amministrativi che li alimentano. 19

20 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE BILANCIO DI ESERCIZIO SISTEMI DI CO.AN. SISTEMI DI CO.GE SISTEMI INFORMATIVI DEI SINGOLI PROCESSI OPERATIVI AZIENDALI 20

21 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO IL MODELLO DEL RISCHIO DI REVISIONE 21

22 I PRINCIPI DI REVISIONE I principi di revisione danno particolare enfasi all attività di pianificazione ai fini della valutazione del rischio, del sistema contabile e di controllo interno La valutazione del rischio e il sistema di controllo interno La revisione contabile in un ambiente di elaborazione elettronica dei sistemi informativi 22

23 I PRINCIPI DI REVISIONE Il revisore deve acquisire una comprensione del sistema contabile e del sistema di controllo interno della società sufficiente per poter pianificare e sviluppare un approccio di revisione efficace. A tal fine, egli deve utilizzare la propria esperienza professionale per valutare il rischio di revisione e per definire le procedure di revisione da utilizzare per ridurre il grado di rischio ad un livello accettabile. (P.r. 400) 23

24 IL MODELLO DEL RISCHIO DI REVISIONE RISCHIO La possibilità che una data minaccia che consegue dalle vulnerabilità di un bene, o di un gruppo di beni, si concretizzi e causi perdite o danni a quei beni. L impatto e la portata individuale di quel rischio sono proporzionali al valore della perdita/danneggiamento, ed alla frequenza con cui si stima esso possa materializzarsi RISCHIO DI REVISIONE Possibilità che un errore significativo non sia stato individuato nel bilancio di esercizio sottoposto a verifica e che il revisore possa inconsapevolmente non essere in grado di modificare la propria opinione in merito a un bilancio d esercizio non attendibile in misura significativa. 24

25 IL MODELLO DEL RISCHIO DI REVISIONE L attività di verifica del bilancio di esercizio si svolge senza che sia esaminata la totalità delle informazioni (procedimento di verifica a campione). Sussiste sempre (ed è ineliminabile) la probabilità che il revisore esprima un giudizio positivo su un bilancio che non è rappresentazione attendibile della realtà economica dell azienda oggetto di indagine. Passaggio dall approccio orientato alle procedure (l esecuzione di test di verifica in modo quasi asettico) all approccio orientato al rischio di revisione (definizione dei programmi di verifica mirati all individuazione di quelle aree di rischio nelle quali è maggiormente probabile il verificarsi di errori). 25

26 IL RISCHIO DI REVISIONE Con rischio di revisione si intende il rischio che il revisore esprima un giudizio non corretto nel caso in cui il bilancio sia significativamente inesatto. È la risultante di due differenti aspetti: - Il rischio che i valori rappresentati nelle differenti classi del bilancio siano inficiati da errori tali che, congiuntamente considerati, alternano in misura significativa la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria e reddituale dell impresa (material misstatement risk). - Il rischio che tali errori non siano individuati dal revisore (detection risk) 26

27 IL RISCHIO INERENTE Attitudine di una classe di valori a presentare errori significativi indipendentemente dall esistenza di procedure di controllo interno. Componente oggettiva: difficoltà nel pervenire ad una determinazione quantitativa oggettiva per la classe di valori esaminata per ragioni specifiche (es. complessità di calcolo, stime, operazioni inusuali) e ragioni generali (macroeconomiche, di settore, d azienda) Componente soggettiva: situazione di opportunità/motivazione del management della società a introdurre alterazioni nella quantificazione, valutazione o classificazione di un determinato fatto, evento, saldo aziendale (miglioramento artificioso dei risultati, necessità di distribuire dividendi,etc). 27

28 IL RISCHIO DI CONTROLLO Rischio che un inesattezza che potrebbe verificarsi in un conto o in una classe di operazioni e che potrebbe essere significativa, individualmente considerata o sommata ad altre inesattezze, non sia prevenuta o comunque tempestivamente individuata e corretta dai sistemi contabile e di controllo interno. Il revisore valuta l entità di tale rischio mediante l adeguata comprensione della struttura del sistema di controllo interno e la valutazione delle concrete modalità di funzionalità di questo (test of control). 28

29 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Il sistema di controllo interno è rappresentato dalle linee di azione e dalle procedure (controlli interni) adottate dalla Direzione al fine di favorire il raggiungimento degli obiettivi aziendali e di assicurare una condotta efficiente e ordinata della propria attività. È tipicamente strutturato per assicurare il perseguimento di tre obiettivi particolari: -economicità -attendibilità dei dati -conformità alle normative applicabili 29

30 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO ECONOMICITA Tale obiettivo è volto alla verifica della coerenza delle azioni intraprese dai singoli soggetti che costituiscono la struttura organizzativa aziendale rispetto alla missione globale della società. Il sistema dei controlli è, quindi, orientato a valutare ciascuna unità operativa con riferimento, da un lato, al conseguimento degli obiettivi specifici ad essa assegnati (efficacia) con l impiego delle risorse per la loro realizzazione (efficienza) e, dall altro lato, alla considerazione dei fattori di rischio ed alla connessa probabilità del verificarsi di eventi negativi che possono influenzare il raggiungimento di quegli obiettivi. 30

31 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO ATTENDIBILITA DEI DATI È possibile distinguere le elaborazioni e le sintesi contabili aziendali aventi valenza e finalizzazione esterne (bilanci annuali, situazioni periodiche infrannuali, situazioni contabili straordinarie, ecc.) da quelle aventi valenza e finalizzazione interne (report periodici infrannuali di performance, budget, forecast, ecc.) Nel primo caso, il controllo sulla attendibilità dei dati e delle informazioni aziendali deve fare riferimento alle norme di legge e/o ai principi contabili di generale accettazione; nel secondo caso, tale controllo deve fare riferimento a prassi o procedure interne aziendali, che definiscono i criteri convenzionali per la stima dell andamento gestionale. 31

32 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO CONFORMITA ALLE NORMATIVE APPLICABILI L attività di controllo in esame comporta, pertanto, l accertamento del rispetto sia della normativa che presiede in generale allo svolgimento dell attività d impresa sia della normativa e della regolamentazione che disciplinano lo specifico settore di attività in cui opera l azienda. 32

33 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Il sistema di controllo interno può essere così scomposto -ambiente dei controlli: insieme dei controlli generali che concorrono a dare affidamento all organizzazione dell azienda pur non riferendosi direttamente ad una voce di bilancio (azioni, politiche e procedure che riflettono l attitudine generale della direzione nei confronti del sistema di controllo interno); è caratterizzato da: - Un elevata integrità e valori etici rigorosi del management; - Un equilibrata filosofia di controllo e stile di direzione; - La presenza di organi amministrativi indipendenti dalle direzioni esecutive; - Una struttura organizzativa che agevoli i controlli da parte del management; - Un assegnazione equilibrata di autorità e responsabilità. 33

34 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO -sistema informativo aziendale: deve soddisfare particolari obiettivi conoscitivi, con riferimento tanto alle transazioni (accadimenti correlati a valori reddituali e monetari), quando ai saldi finali (accadimenti correlati ai valori patrimoniali). -attività (procedure) di controllo: procedure riferite a specifiche transazioni e saldi finali di bilancio - Adeguata separazione dei compiti - Corretta autorizzazione di tutte le operazioni - Adeguata documentazione e registrazione delle operazioni 34

35 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO LE PROCEDURE DI CONTROLLO I controlli rientranti nelle procedure ora descritte possono essere distinti in tre tipologie: - controlli preventivi: hanno lo scopo di individuare un problema, un omissione o un atto illecito prima che si presenti; - controlli di rilevazione: rilevano e segnalano l accadimento di un errore, di un omissione o di un atto illecito; - controlli correttivi: hanno il compito di minimizzare l impatto di una minaccia, correggere problemi evidenziati dai controlli di rilevazione. 35

36 IL COSO REPORT 36

37 IL COSO REPORT Definisce un modello di sistema di controllo interno basato su un framework di principi che hanno ispirato nel tempo le disposizioni in materia di controllo previste dai codici di corporate governance, dai principi di revisione internazionali e dalle normative nazionali. VALUTAZIONE DEI RISCHI ELEMENTI DEL SISTEMA DI CONTROLLO MONITORAGGIO AMBIENTE DI CONTROLLO SISTEMA INFORMATIVO ATTIVITA DI CONTROLLO 37

38 IL COSO REPORT La valutazione del rischio gestionale ed il monitoraggio, non citati nel principio di revisione 400 ma dal SAS (Statement on Auditing Standard) 55, costituiscono non veri e propri elementi del sistema di controllo, ma principi che devono orientare la progettazione e verifica dei fattori costituenti il sistema di controllo. -Valutazione del rischio gestionale: i controlli interni devono essere progettati prioritariamente in aderenza alle aree più critiche al punto di vista gestionale. -Monitoraggio: occorre monitorare con continuità l adeguatezza dei controlli interni nei vari elementi di cui essi si compongono, al fine di accertare l aderenza e l effettivo funzionamento dei medesimi nel tempo. 38

39 ERM Enterprise Risk Management Nuova versione dei principi in tema di controllo interno, che enfatizza il tema della valutazione del rischio quale pre-condizione cruciale ai fini di un efficace progettazione del sistema di controllo interno. Con ERM si intende un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dai dirigenti e da altri operatori della struttura aziendale; utilizzato per la formulazione delle strategie in tutta l organizzazione; progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale, per gestire il rischio entro i limiti del rischio accettabile e per fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali. 39

40 ERM Enterprise Risk Management Esiste un rapporto diretto tra obiettivi, ossia ciò che un azienda si sforza di conseguire, ed i componenti dell ERM, ovvero ciò che occorre per conseguire gli obiettivi. Questo rapporto è schematizzato in una matrice tridimensionale. 40

41 ERM Enterprise Risk Management GLI OBIETTIVI DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Le categorie di obiettivi rilevanti ai fini dell ERM sono: -strategic: obiettivi di alto livello, correlati e di supporto alla mission aziendale; -operations: obiettivi relativi all efficacia ed efficienza delle operazioni aziendali; -reporting: obiettivi relativi all efficacia del sistema di reporting aziendale, sia interno sia esterno; -compliance: obiettivi relativi alla conformità delle attività rispetto alle leggi e regolamenti applicabili. aziendali 41

42 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM Gli elementi che costituiscono il sistema di ERM sono: -internal environment (ambiente interno): comprende gli elementi dell ambiente di controllo, ai quali si aggiungono la propensione al rischio del management e la sua filosofia in termini di risk management; -objective setting (definizione degli obiettivi): descrive il sistema degli obiettivi aziendali e correlate attitudini al rischio; 42

43 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -event identification (identificazione degli eventi): metodologia con cui il management identifica gli eventi che originano condizioni di rischio ovvero individua, per ogni processo, le situazioni di minaccia e opportunità. -risk assessment (valutazione del rischio): metodologia con cui il management valuta probabilità e impatto dei rischi 43

44 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -risk response (risposta al rischio): metodologia con cui il management individua quale reazione porre in essere con riferimento ai rischi identificati. Le opzioni di reazione ai rischi possono essere articolate in: - Acceptance: accettazione dei rischi; - Avoidance: uscita dal business/processo che originano i rischi; - Sharing: riduzione della probabilità/impatto dei rischi mediante condizione/trasferimento a terzi tramite soluzione contrattuali e assicurative; - Reduction: riduzione di probabilità/impatto dei rischi mediante attività di controllo interno. 44

45 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -control activities: le attività di controllo di cui alla precedente formulazione del COSO Report, con particolare enfasi alla integrazione dei controlli generali e applicativi con i processi di risk response. - I controlli generali consistono nella supervisione organizzativa del management, nell analisi da parte degli appropriati livelli di management degli exception report, nell analisi dei report gestionali relativi alla valutazione sia delle performance economico finanziaria sia dei risultati operativi - I controlli applicativi si distinguono in controlli a livello di transazione (modalità di raccolta, inserimento e processazione delle informazioni elementari in ogni fase del ciclo operativo) e controlli a livello di ciclo, relativi alla modalità di elaborazione, aggiornamento, accumulazione e protezione dei dati di riepilogo delle transazioni. 45

46 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -information and communication (informazioni e comunicazioni): le informazioni devono essere identificate, raccolte e comunicate nei modi e nei tempi che consentono alle persone di espletare i propri compiti. Tutto il personale deve ricevere un chiaro messaggio dal top management in merito al fatto che le responsabilità dei controlli devono essere prese in seria considerazione. -monitoring (monitoraggio): attività di monitoraggio della adeguatezza di progettazione e operatività di tutti gli elementi dell ERM, con la precisazione che esso può avvenire mediante processi di valutazione continua o separata. 46

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI SUL BILANCIO Articolo 2409-ter 1. Il revisore o la società incaricata del controllo contabile: a).; b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli