IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO. I principali elementi del sistema di controllo interno. Bologna, 16 maggio Alessandro Capodaglio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO. I principali elementi del sistema di controllo interno. Bologna, 16 maggio 2006. Alessandro Capodaglio"

Transcript

1 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO I principali elementi del sistema di controllo interno Bologna, 16 maggio 2006 Alessandro Capodaglio 1

2 INTRODUZIONE LE FRONDI FINANZIARIE 2

3 LE FRODI FINANZIARIE i casi IL CASO ENRON Crack da 63 miliardi di dollari l entità reale del passivo accumulato era stata occultata concentrandone larga parte in particolari unità giuridiche del gruppo (società di persone create dai top manager) che secondo i principi contabili americani potevano non essere ricomprese nell area di consolidamento di bilancio. IL CASO WORLDCOM Crack da 103 miliardi di dollari. Il fondatore e CEO aveva creato un sistema di gestione incentrato sulla sua figura e priva di adeguati contrappesi in termini di responsabilità e poteri gestionali. Quando la redditività cominciò a non corrispondere più alle attese degli analisti, lo stesso CEO si adoperò per produrre un falso in bilancio, capitalizzando costi d esercizio. 3

4 LE FRODI FINANZIARIE i casi IL CASO PARMALAT Crack da 14 miliardi di euro più 7 miliardi di euro di obbligazioni emesse. Parmalat è sempre rimasto un gruppo a condizione familiare e la struttura di governo ha sempre mantenuto una forma piramidale chiusa sulla famiglia. La società dichiarava una liquidità superiore a 7 miliardi di euro, ma continuava a chiedere finanziamenti al mercato sotto forma di emissioni obbligazionarie. Il tutto viene scoperto all ennesima richiesta di chiarimenti da parte della Consob. 4

5 LE FRODI FINANZIARIE i fenomeni -Manipolazioni dell informativa contabile allo scopo di trasmettere dati sulla salute di alcune società tali da permettere il perseguimento della corsa al rialzo -Evidenziazione dell inaffidabilità del sistema dei controlli -Evidenza su comportamenti dei top manager tesi alla massimizzazione della propria remunerazione -Cooperazione alla rappresentazione al pubblico di situazioni aziendali migliori dell effettivo da parte degli investment bankers. 5

6 LE FRODI FINANZIARIE il carattere di sistematicità - Le società coinvolte, nella maggior parte dei casi, svolgevano attività economiche nuove, per le quali era più difficile verificare il valore economico e, quindi, era necessario fare affidamento sui soggetti certificatori dell informazione e sulla correttezza del comportamento del management -I vari scandali sono stati resi possibili tramite una rete estesa di complicità ed omissioni -Collocazione temporale del fenomeno: alla fine degli anni Novanta (le quotazioni di borsa avevano raggiungo livelli insostenibili) prima dello scoppio della bolla speculativa 6

7 LE FRODI FINANZIARIE le cause immediate I PRINCIPI CONTABILI Critica al carattere eccessivamente precettistico dei principi contabili americani rispetto agli IAS. Vale per il caso Enron. I CONTROLLI CONTABILI Le società di revisione hanno utilizzato la certificazione di bilancio come punto di entrata in relazione con le maggiori società, alle quali poi offrire servizi a maggior valore aggiunto. Per contrastare questo fenomeno (diffuso in USA), nel 2002 è stato emanato il Sarbanes Oxley Act che prevede l incompatibilità della revisione con la fornitura di altri servizi che non siano puramente accessori. 7

8 LE FRODI FINANZIARIE le cause immediate L OPERATO DEGLI INVESTMENT BANKERS Gli analisti sell side delle investment banks, che offrono ai clienti studi indipendenti sul valore delle azioni delle società, sono stati utilizzati come strumento per ottenere contratti di consulenza in cambio di giudizi particolarmente favorevoli. LA REMUNERAZIONE DEI MANAGER Si è registrata una crescita spropositata della remunerazione dei manager legata alla performance azionaria. Il modello è nato come strumento di controllo del potenziale conflitto azionisti manager. Criticato in quanto genera comportamenti non lungimiranti, non volti alla creazione di valore. 8

9 LE FRODI FINANZIARIE le cause immediate I CONTROLLI INTERNI La grande impresa americana è tipicamente caratterizzata da un azionariato molto frazionato e da manager non proprietari che di fatto la controllano. Il Consiglio di amministrazione, nella figura dell Audit Committee, dovrebbe rappresentare lo strumento di controllo dell operato dei manager. Criticato l atteggiamento passivo nei confronti dei CEO. 9

10 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE LA VERIFICA DELL ATTENBILITA ATTENBILITA 10

11 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Il sistema informativo aziendale è il depositario di tutte le informazioni presenti e gestite in azienda; per questa ragione è oggetto di verifica da parte del revisore Revisione dell attendibilità dei sistemi informativi aziendali e dei correlati strumenti di reporting (bilancio): -Dimensione informativa: raccolta, trattamento ed elaborazione delle informazioni; -Dimensione organizzativa: suddivisione delle attività di rilevazione e controllo dei dati. 11

12 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO INFORMATIVO Verifica il grado di correttezza con cui determinate informazioni forniscono adeguata rappresentazione di una specifica realtà aziendale. Un informazione può considerarsi attendibile qualora, dal suo confronto con altri dati rappresentativi della medesima realtà, emerga una sostanziale, precisa e univoca concordanza. Il giudizio di attendibilità su una rilevazione aziendale, derivando dal confronto con altri dati, possiede le caratteristiche di un giudizio probabilistico. 12

13 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO INFORMATIVO Quante più informazioni si possono confrontare con riferimento ad un medesimo oggetto di verifica e quanto più esse concordano, tanto maggiore sarà il grado di convincimento in merito all attendibilità delle medesime. La verità assoluta delle informazioni non può mai essere dimostrata; si può ottenere un ragionevole e graduato convincimento che le informazioni siano sostanzialmente corrette. 13

14 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO ORGANIZZATIVO Numerosità di sistemi di rilevazione e qualità persuasiva delle informazioni ottenute non sono sufficienti in mancanza di adeguata suddivisione organizzativa del lavoro tale per cui i diversi sistemi di rilevazione siano gestiti da operatori sostanzialmente differenti (e quindi aventi obiettivi e interessi reciprocamente contrastanti). Viene quindi innescata una serie di situazioni virtuose propedeutiche all attività di controllo. 14

15 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ATTENDIBILITA DI TIPO ORGANIZZATIVO Sono stati quindi sviluppati i seguenti capisaldi di carattere organizzativo funzionali al conseguimento di un accettabile grado di attendibilità dei sistemi informativi: -Separazione dei compiti -Processi di comunicazione -Ambiente organizzativo 15

16 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE SEPARAZIONE DEI COMPITI Si realizza applicando il ciclo autorizzazione esecuzione controllo Lo svolgimento dell attività (esecuzione) può abbinarsi a momenti di controllo preventivo (autorizzazione) o di verifica ex-post (controllo successivo) che devono essere opportunamente eseguiti da soggetti diversi da quelli preposti alla loro esecuzione. 16

17 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE PROCESSI DI ORGANIZZAZIONE La realizzazione della separazione dei compiti all interno dell organizzazione impone la necessità di regolare adeguatamente i flussi di informazione tra i diversi operatori in modo che essi siano indirizzati in forma corretta, appropriata e con la giusta tempistica. Progettare adeguati processi di comunicazione significa: -Definire contenuti, tempi e modalità tecniche di flusso delle informazioni; -Definire responsabilità in merito alla predisposizione, archiviazione, trasmissione, ricevimento delle informazioni 17

18 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE AMBIENTE ORGANIZZATIVO o DI CONTROLLO Le particolari condizioni dell ambiente organizzativo o di controllo in cui operano le persone che eseguono e supervisionano i controlli informativi contribuiscono in maniera fondamentale al loro corretto funzionamento. Gli elementi che determinano l ambiente organizzativo sono: -equilibrio tra ruoli, responsabilità e autorità; -equilibrio nel sistema degli incentivi (premi/sanzioni); -equilibrio tra ruoli e competenze; -equilibrio nello stile di direzione; -integrità della direzione. 18

19 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL BILANCIO DI ESERCIZIO SINTESI DEL SISTEMA INFORMATIVO Il controllo di attendibilità del bilancio di esercizio comporta l effettuazione di confronti tra le informazioni contenute in esso e la realtà aziendale che esso intende rappresentare. Poiché quest ultima non è osservabile direttamente, il revisore deve cercare opportuni confronti tra le evidenze fornite dal sistema informativo aziendale al fine di verificarne la concordanza. È necessario confrontare le informazioni contenute nel bilancio di esercizio rispetto alle evidenze raccolte ed elaborate nei sistemi contabili sottostanti e nei processi amministrativi che li alimentano. 19

20 IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE BILANCIO DI ESERCIZIO SISTEMI DI CO.AN. SISTEMI DI CO.GE SISTEMI INFORMATIVI DEI SINGOLI PROCESSI OPERATIVI AZIENDALI 20

21 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO IL MODELLO DEL RISCHIO DI REVISIONE 21

22 I PRINCIPI DI REVISIONE I principi di revisione danno particolare enfasi all attività di pianificazione ai fini della valutazione del rischio, del sistema contabile e di controllo interno La valutazione del rischio e il sistema di controllo interno La revisione contabile in un ambiente di elaborazione elettronica dei sistemi informativi 22

23 I PRINCIPI DI REVISIONE Il revisore deve acquisire una comprensione del sistema contabile e del sistema di controllo interno della società sufficiente per poter pianificare e sviluppare un approccio di revisione efficace. A tal fine, egli deve utilizzare la propria esperienza professionale per valutare il rischio di revisione e per definire le procedure di revisione da utilizzare per ridurre il grado di rischio ad un livello accettabile. (P.r. 400) 23

24 IL MODELLO DEL RISCHIO DI REVISIONE RISCHIO La possibilità che una data minaccia che consegue dalle vulnerabilità di un bene, o di un gruppo di beni, si concretizzi e causi perdite o danni a quei beni. L impatto e la portata individuale di quel rischio sono proporzionali al valore della perdita/danneggiamento, ed alla frequenza con cui si stima esso possa materializzarsi RISCHIO DI REVISIONE Possibilità che un errore significativo non sia stato individuato nel bilancio di esercizio sottoposto a verifica e che il revisore possa inconsapevolmente non essere in grado di modificare la propria opinione in merito a un bilancio d esercizio non attendibile in misura significativa. 24

25 IL MODELLO DEL RISCHIO DI REVISIONE L attività di verifica del bilancio di esercizio si svolge senza che sia esaminata la totalità delle informazioni (procedimento di verifica a campione). Sussiste sempre (ed è ineliminabile) la probabilità che il revisore esprima un giudizio positivo su un bilancio che non è rappresentazione attendibile della realtà economica dell azienda oggetto di indagine. Passaggio dall approccio orientato alle procedure (l esecuzione di test di verifica in modo quasi asettico) all approccio orientato al rischio di revisione (definizione dei programmi di verifica mirati all individuazione di quelle aree di rischio nelle quali è maggiormente probabile il verificarsi di errori). 25

26 IL RISCHIO DI REVISIONE Con rischio di revisione si intende il rischio che il revisore esprima un giudizio non corretto nel caso in cui il bilancio sia significativamente inesatto. È la risultante di due differenti aspetti: - Il rischio che i valori rappresentati nelle differenti classi del bilancio siano inficiati da errori tali che, congiuntamente considerati, alternano in misura significativa la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria e reddituale dell impresa (material misstatement risk). - Il rischio che tali errori non siano individuati dal revisore (detection risk) 26

27 IL RISCHIO INERENTE Attitudine di una classe di valori a presentare errori significativi indipendentemente dall esistenza di procedure di controllo interno. Componente oggettiva: difficoltà nel pervenire ad una determinazione quantitativa oggettiva per la classe di valori esaminata per ragioni specifiche (es. complessità di calcolo, stime, operazioni inusuali) e ragioni generali (macroeconomiche, di settore, d azienda) Componente soggettiva: situazione di opportunità/motivazione del management della società a introdurre alterazioni nella quantificazione, valutazione o classificazione di un determinato fatto, evento, saldo aziendale (miglioramento artificioso dei risultati, necessità di distribuire dividendi,etc). 27

28 IL RISCHIO DI CONTROLLO Rischio che un inesattezza che potrebbe verificarsi in un conto o in una classe di operazioni e che potrebbe essere significativa, individualmente considerata o sommata ad altre inesattezze, non sia prevenuta o comunque tempestivamente individuata e corretta dai sistemi contabile e di controllo interno. Il revisore valuta l entità di tale rischio mediante l adeguata comprensione della struttura del sistema di controllo interno e la valutazione delle concrete modalità di funzionalità di questo (test of control). 28

29 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Il sistema di controllo interno è rappresentato dalle linee di azione e dalle procedure (controlli interni) adottate dalla Direzione al fine di favorire il raggiungimento degli obiettivi aziendali e di assicurare una condotta efficiente e ordinata della propria attività. È tipicamente strutturato per assicurare il perseguimento di tre obiettivi particolari: -economicità -attendibilità dei dati -conformità alle normative applicabili 29

30 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO ECONOMICITA Tale obiettivo è volto alla verifica della coerenza delle azioni intraprese dai singoli soggetti che costituiscono la struttura organizzativa aziendale rispetto alla missione globale della società. Il sistema dei controlli è, quindi, orientato a valutare ciascuna unità operativa con riferimento, da un lato, al conseguimento degli obiettivi specifici ad essa assegnati (efficacia) con l impiego delle risorse per la loro realizzazione (efficienza) e, dall altro lato, alla considerazione dei fattori di rischio ed alla connessa probabilità del verificarsi di eventi negativi che possono influenzare il raggiungimento di quegli obiettivi. 30

31 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO ATTENDIBILITA DEI DATI È possibile distinguere le elaborazioni e le sintesi contabili aziendali aventi valenza e finalizzazione esterne (bilanci annuali, situazioni periodiche infrannuali, situazioni contabili straordinarie, ecc.) da quelle aventi valenza e finalizzazione interne (report periodici infrannuali di performance, budget, forecast, ecc.) Nel primo caso, il controllo sulla attendibilità dei dati e delle informazioni aziendali deve fare riferimento alle norme di legge e/o ai principi contabili di generale accettazione; nel secondo caso, tale controllo deve fare riferimento a prassi o procedure interne aziendali, che definiscono i criteri convenzionali per la stima dell andamento gestionale. 31

32 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO CONFORMITA ALLE NORMATIVE APPLICABILI L attività di controllo in esame comporta, pertanto, l accertamento del rispetto sia della normativa che presiede in generale allo svolgimento dell attività d impresa sia della normativa e della regolamentazione che disciplinano lo specifico settore di attività in cui opera l azienda. 32

33 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Il sistema di controllo interno può essere così scomposto -ambiente dei controlli: insieme dei controlli generali che concorrono a dare affidamento all organizzazione dell azienda pur non riferendosi direttamente ad una voce di bilancio (azioni, politiche e procedure che riflettono l attitudine generale della direzione nei confronti del sistema di controllo interno); è caratterizzato da: - Un elevata integrità e valori etici rigorosi del management; - Un equilibrata filosofia di controllo e stile di direzione; - La presenza di organi amministrativi indipendenti dalle direzioni esecutive; - Una struttura organizzativa che agevoli i controlli da parte del management; - Un assegnazione equilibrata di autorità e responsabilità. 33

34 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO -sistema informativo aziendale: deve soddisfare particolari obiettivi conoscitivi, con riferimento tanto alle transazioni (accadimenti correlati a valori reddituali e monetari), quando ai saldi finali (accadimenti correlati ai valori patrimoniali). -attività (procedure) di controllo: procedure riferite a specifiche transazioni e saldi finali di bilancio - Adeguata separazione dei compiti - Corretta autorizzazione di tutte le operazioni - Adeguata documentazione e registrazione delle operazioni 34

35 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO LE PROCEDURE DI CONTROLLO I controlli rientranti nelle procedure ora descritte possono essere distinti in tre tipologie: - controlli preventivi: hanno lo scopo di individuare un problema, un omissione o un atto illecito prima che si presenti; - controlli di rilevazione: rilevano e segnalano l accadimento di un errore, di un omissione o di un atto illecito; - controlli correttivi: hanno il compito di minimizzare l impatto di una minaccia, correggere problemi evidenziati dai controlli di rilevazione. 35

36 IL COSO REPORT 36

37 IL COSO REPORT Definisce un modello di sistema di controllo interno basato su un framework di principi che hanno ispirato nel tempo le disposizioni in materia di controllo previste dai codici di corporate governance, dai principi di revisione internazionali e dalle normative nazionali. VALUTAZIONE DEI RISCHI ELEMENTI DEL SISTEMA DI CONTROLLO MONITORAGGIO AMBIENTE DI CONTROLLO SISTEMA INFORMATIVO ATTIVITA DI CONTROLLO 37

38 IL COSO REPORT La valutazione del rischio gestionale ed il monitoraggio, non citati nel principio di revisione 400 ma dal SAS (Statement on Auditing Standard) 55, costituiscono non veri e propri elementi del sistema di controllo, ma principi che devono orientare la progettazione e verifica dei fattori costituenti il sistema di controllo. -Valutazione del rischio gestionale: i controlli interni devono essere progettati prioritariamente in aderenza alle aree più critiche al punto di vista gestionale. -Monitoraggio: occorre monitorare con continuità l adeguatezza dei controlli interni nei vari elementi di cui essi si compongono, al fine di accertare l aderenza e l effettivo funzionamento dei medesimi nel tempo. 38

39 ERM Enterprise Risk Management Nuova versione dei principi in tema di controllo interno, che enfatizza il tema della valutazione del rischio quale pre-condizione cruciale ai fini di un efficace progettazione del sistema di controllo interno. Con ERM si intende un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dai dirigenti e da altri operatori della struttura aziendale; utilizzato per la formulazione delle strategie in tutta l organizzazione; progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale, per gestire il rischio entro i limiti del rischio accettabile e per fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali. 39

40 ERM Enterprise Risk Management Esiste un rapporto diretto tra obiettivi, ossia ciò che un azienda si sforza di conseguire, ed i componenti dell ERM, ovvero ciò che occorre per conseguire gli obiettivi. Questo rapporto è schematizzato in una matrice tridimensionale. 40

41 ERM Enterprise Risk Management GLI OBIETTIVI DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Le categorie di obiettivi rilevanti ai fini dell ERM sono: -strategic: obiettivi di alto livello, correlati e di supporto alla mission aziendale; -operations: obiettivi relativi all efficacia ed efficienza delle operazioni aziendali; -reporting: obiettivi relativi all efficacia del sistema di reporting aziendale, sia interno sia esterno; -compliance: obiettivi relativi alla conformità delle attività rispetto alle leggi e regolamenti applicabili. aziendali 41

42 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM Gli elementi che costituiscono il sistema di ERM sono: -internal environment (ambiente interno): comprende gli elementi dell ambiente di controllo, ai quali si aggiungono la propensione al rischio del management e la sua filosofia in termini di risk management; -objective setting (definizione degli obiettivi): descrive il sistema degli obiettivi aziendali e correlate attitudini al rischio; 42

43 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -event identification (identificazione degli eventi): metodologia con cui il management identifica gli eventi che originano condizioni di rischio ovvero individua, per ogni processo, le situazioni di minaccia e opportunità. -risk assessment (valutazione del rischio): metodologia con cui il management valuta probabilità e impatto dei rischi 43

44 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -risk response (risposta al rischio): metodologia con cui il management individua quale reazione porre in essere con riferimento ai rischi identificati. Le opzioni di reazione ai rischi possono essere articolate in: - Acceptance: accettazione dei rischi; - Avoidance: uscita dal business/processo che originano i rischi; - Sharing: riduzione della probabilità/impatto dei rischi mediante condizione/trasferimento a terzi tramite soluzione contrattuali e assicurative; - Reduction: riduzione di probabilità/impatto dei rischi mediante attività di controllo interno. 44

45 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -control activities: le attività di controllo di cui alla precedente formulazione del COSO Report, con particolare enfasi alla integrazione dei controlli generali e applicativi con i processi di risk response. - I controlli generali consistono nella supervisione organizzativa del management, nell analisi da parte degli appropriati livelli di management degli exception report, nell analisi dei report gestionali relativi alla valutazione sia delle performance economico finanziaria sia dei risultati operativi - I controlli applicativi si distinguono in controlli a livello di transazione (modalità di raccolta, inserimento e processazione delle informazioni elementari in ogni fase del ciclo operativo) e controlli a livello di ciclo, relativi alla modalità di elaborazione, aggiornamento, accumulazione e protezione dei dati di riepilogo delle transazioni. 45

46 ERM Enterprise Risk Management I COMPONENTI DELL ERM -information and communication (informazioni e comunicazioni): le informazioni devono essere identificate, raccolte e comunicate nei modi e nei tempi che consentono alle persone di espletare i propri compiti. Tutto il personale deve ricevere un chiaro messaggio dal top management in merito al fatto che le responsabilità dei controlli devono essere prese in seria considerazione. -monitoring (monitoraggio): attività di monitoraggio della adeguatezza di progettazione e operatività di tutti gli elementi dell ERM, con la precisazione che esso può avvenire mediante processi di valutazione continua o separata. 46

REVISIONE DELL EDP CONTABILE. Alessandro Capodaglio Rimini, 24 aprile 2008

REVISIONE DELL EDP CONTABILE. Alessandro Capodaglio Rimini, 24 aprile 2008 REVISIONE DELL EDP CONTABILE Alessandro Capodaglio Rimini, 24 aprile 2008 1 2 - Introduzione: - il concetto di revisione - Il sistema informativo aziendale: - la verifica dell attendibilità - il sistema

Dettagli

Obiettivi generali del revisore

Obiettivi generali del revisore Obiettivi generali del revisore Acquisire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali, che

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi Ottobre 2013 Indice 1. La comprensione dell impresa e del suo contesto

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale

Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale Prof. Valter Cantino Università degli Studi di Torino 1 IL RIFERIMENTO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A.

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Meccanismi organizzativi e amministrativi posti in essere per prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Università degli studi di Pavia Obiettivo=Relazione Team di Revisione Principi Contabili/Principi

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo 1 Indice Obiettivi dell intervento Nota Metodologica Quadro dell attuale sistema

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing Evoluzione della definizione di Internal Auditing Nel 1941 V.Z. Brink, Presidente del Dipartimento di Ricerca dell Institute of Internal Auditors statunitense l Internal Auditing come attività organizzata

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno.

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno. Glossario Internal Auditing Fonte: Associazione Italiana Internal Audit (AIIA) www.aiiaweb.it Adeguato controllo Un controllo è adeguato se viene pianificato e organizzato (progettato) dal management in

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Le procedure di valutazione del rischio. La valutazione del sistema di controllo interno ---***--- Principio di revisione 315

Le procedure di valutazione del rischio. La valutazione del sistema di controllo interno ---***--- Principio di revisione 315 Le procedure di valutazione del rischio La valutazione del sistema di controllo interno ---***--- Principio di revisione 315 Bologna, 7 giugno 2008 Alessandro Capodaglio 1 contatti Alessandro Capodaglio

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate

L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate Assonime, Borsa Italiana SpA, Emittenti Titoli SpA Il nuovo codice di autodisciplina delle Società quotate L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate Bruno Cova SVP & General Counsel

Dettagli

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach)

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) di Alberto Pesenato (*) Uno degli aspetti maggiormente critici nell impostazione dell attività

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno Servizio: Nome servizio Pag. 1 1 LA REVISIONE LEGALE (art. 14 D. LGS. 39/2010) Il revisore o la società di revisione incaricati

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA RATING SYSTEM Le raccomandazioni si conformano al seguente rating system, avendo come riferimenti il prezzo di mercato e il target price: BUY: se il target

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013 Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea Aggiornato al 13/11/2013 1 Il sistema dei controlli adottato da Iccrea Holding Le attività, i processi, l assetto organizzativo, la gestione del rischio,

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM 2 A I E A Costituita a Milano nel 1979 Finalità:

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Corso di REVISIONE AZIENDALE

Corso di REVISIONE AZIENDALE 1 Corso di REVISIONE AZIENDALE Modulo I Prof. Fabio Fortuna ffortuna@unich.it Anno accademico 2004- 2 La revisione aziendale: caratteristiche, oggetto e finalità 3 LA REVISIONE AZIENDALE Complesso dei

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli