TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP"

Transcript

1 TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito Resoconto ICAAP per il 2014 (Internal Capital Adequacy Assessment Process) approvato dal Consiglio di Amministrazione il 22 aprile 2015 per rispondere alla disciplina prudenziale per le SIM, rivista a seguito delle modifiche intervenute nella regolamentazione internazionale per tener conto dell evoluzione nelle metodologie di gestione dei rischi da parte degli intermediari nonché dei nuovi indirizzi e criteri che informano l attività di supervisione. La struttura della regolamentazione prudenziale (Recepimento del Nuovo Accordo di Basilea sul Capitale, Basilea 2) si basa su tre pilastri. Il primo pilastro introduce un requisito patrimoniale per fronteggiare i rischi tipici dell attività finanziaria (di credito, di controparte, di mercato e operativi) per i quali sono previste metodologie alternative di calcolo dei requisiti patrimoniali caratterizzate da diversi livelli di complessità nella misurazione dei rischi e nei requisiti organizzativi e di controllo. Il secondo pilastro richiede alle SIM di dotarsi di una strategia e di un processo di controllo dell adeguatezza patrimoniale attuale e prospettica e rimette all Autorità di Vigilanza il compito di verificare l affidabilità e la coerenza dei relativi risultati e di adottare, ove la situazione lo richieda, le opportune misure correttive. Il terzo pilastro introduce obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei relativi sistemi di gestione e controllo. Le informazioni qui pubblicate, che rappresentano il c.d. terzo pilastro, sono di carattere qualitativo e quantitativo ed hanno come base di valutazione i dati del Bilancio al Esse sono contenute nelle seguenti tavole, così come previsto dall allegato al Titolo III, Capitolo 1 del Regolamento di cui sopra: Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 2 Ambito di applicazione Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Tavola 4 Adeguatezza patrimoniale Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali Tavola 6 Tecniche di attenuazione del rischio Tavola 7 Rischio controparte Tavola 8 Rischio mercato Tavola 9 Rischio operativo Tavola 1 Requisito informativo generale Descrizione dell informazione Qualitativa (a) Obiettivi e politiche di gestione del rischio della SIM per ciascuna categoria di rischio: Mappa dei rischi rilevanti Giotto SIM ha identificato una serie di rischi cui è, o potrebbe essere sottoposta, avuto riguardo alla propria operatività, dimensione e mercato di riferimento.

2 Sulla base degli approfondimenti e valutazioni condotte e, ove applicabile, dei requisiti prudenziali misurati, Giotto SIM ha in seguito identificato i fattori di generazione dei vari tipi di rischio, siano essi collocati a livello di unità operativa ovvero di entità giuridica. Il Consiglio di Amministrazione ha definito il perimetro dei rischi potenzialmente rilevanti come segue: Rischi specifici (1 PILASTRO) Credito Altri rischi (2 PILASTRO) Operativo Strategico Reputazione Analisi dei rischi rilevanti Rischio di Credito Il rischio di credito rilevante per la SIM ricomprende tutte le attività iscritte in bilancio, qualunque sia la forma tecnica e i finanziamenti erogati in relazione alla leva concessa ai clienti come servizio accessorio alla piattaforma di accesso ai mercati finanziari. Rientrando il rischio di credito fra quelli di Primo Pilastro, la SIM è tenuta alla sua misurazione per ragioni regolamentari. Aspetti organizzativi L Alta Direzione è l unica area della SIM che può intervenire su ogni decisione inerente i crediti. La stessa rileva il rischio di credito sulle poste delle attività patrimoniali che riguardano l operatività sociale ordinaria. Inoltre dal mese di ottobre 2014 la SIM distribuisce una piattaforma di accesso ai mercati finanziari. Per essere competitivi sul mercato, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di corredare tale nuova attività con il servizio accessorio della leva finanziaria, che permette ai clienti di operare utilizzando la propria consistenza finanziaria moltiplicata per un coefficiente prestabilito dalla società variabile da cliente a cliente e comunque entro valori e durate anch essi prestabiliti dalla società. Tale prassi espone la società al rischio di credito, trattandosi di un erogazione di credito ai clienti. A tal proposito il Consiglio ha deliberato l istituzione di un Comitato Crediti, cui, al fine di agevolare l attività operativa, ha delegato la valutazione e la concessione dei servizi accessori della concessione del finanziamento intraday e overnight. Durante i pochi mesi di operatività del 2014, la leva finanziaria e stata pressochè inutilizzata dalla clientela. Pertanto per l anno 2014 non si registra alcun rischio associato a tale operatività. Sistemi di gestione e controllo Il sistema della gestione del rischio di credito e del relativo controllo si limita ad una analisi delle caratteristiche di affidabilità dei debitori e ad un analisi delle caratteristiche di operatività, professionalità e onorabilità dei clienti. Metodologie e modelli per la misurazione A fronte di tale Rischio la SIM utilizza il metodo standardizzato per il calcolo dei requisiti patrimoniali regolamentari Modello per la simulazione: La SIM non utilizza appositi modelli per la simulazione, ma si avvale di un modello manuale sviluppato internamente, utilizzato per i calcoli di copertura di cui al I Pilastro. In particolare si valuta il rischio di credito secondo un coefficiente di assorbimento dell 8% delle esposizioni di conto proprio e conti clientela verso banche terze e di crediti verso terzi, ponderati secondo diversi coefficienti a seconda della solvibilità potenziale, per un valore di euro Durante i pochi mesi di attività del 2014, la leva finanziaria è stata pressochè inutilizzata dalla clientela. Pertanto per l anno 2014 non si registra alcun rischio associato a tale attività. Rischio Operativo Si tratta del rischio di subire perdite derivanti dall inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni. Rientrano in tale tipologia, tra l altro, le perdite derivanti da frodi, errori umani,

3 interruzioni dell operatività, indisponibilità dei sistemi, inadempienze contrattuali, catastrofi naturali. Nel rischio operativo è compreso il rischio legale e quello di non conformità, mentre non sono inclusi quelli strategici e di reputazione. La SIM in quanto azienda caratterizzata da un articolazione organizzativa e di processo dedicata ad attività operative esposte a tale rischio, che utilizza una infrastruttura tecnologica complessa e sistemi informativi a supporto delle proprie attività, risulta esposta al rischio operativo. Tale rischio, è generato trasversalmente da tutti i processi aziendali ed è insito nel suo core business. Proprio per questo motivo il rischio operativo viene considerato come rilevante e misurato di conseguenza. Metodologie e modelli per la misurazione A fronte di tale Rischio la SIM, per il calcolo dei requisiti patrimoniali regolamentari, utilizza il metodo base, che prevede il 15% della media del margine di intermediazione degli ultimi tre esercizi. Tecniche di stress testing Si è optato per uno stress test che segnali sufficientemente il rischio e la necessità di patrimonio. Lo stress test scelto è stato quello di applicare una maggiorazione pari al 40% del margine di intermediazione previsto al 31/12/2015. Analisi Quantitativa Metodologia di misurazione del rischio secondo l approccio semplificato: 15% della media (media aritmetica) del MARGINE DI INTERMEDIAZIONE della Sim negli ultimi 3 anni. Valori del "margine di intermediazione" degli ultimi 3 anni: anno 2012 = ; anno 2013 = ; anno 2014 = Il requisito patrimoniale/capitale interno attuale a fronte del rischio operativo è quindi determinato come segue. ( )/3 = X 15% = Dal punto di vista organizzativo la Sim si è dotata di un sistema di controllo del Rischio Operativo strutturato in tre livelli: Controlli di primo livello I compiti che spettano alla funzione attengono: alla progettazione, sviluppo e manutenzione dei sistemi di gestione e di misurazione dei rischi operativi; tali attività riguardano, tra l altro, il sistema di raccolta e conservazione dei dati, il sistema di reporting nonché la valutazione del profilo di rischio operativo; alla determinazione del requisito patrimoniale sui rischi operativi. Ai fini di un efficace svolgimento di tale funzione, la SIM individua le soluzioni organizzative ritenute più idonee. La funzione di controllo sui rischi operativi può coinvolgere varie strutture della SIM, ferma la necessità che la responsabilità del coordinamento e della supervisione delle varie attività sia univocamente assegnata. La funzione di controllo sui rischi operativi deve tenere informati gli organi aziendali sulle attività svolte e sui relativi risultati. Controlli di secondo livello Il processo di convalida interna è costituito da un insieme strutturato di procedure e attività volte a valutare su base continuativa la qualità dei sistemi di gestione e di misurazione dei rischi operativi e la loro rispondenza nel tempo alle prescrizioni normative, alle esigenze aziendali e all evoluzione del mercato di riferimento. In tali attività è compresa la verifica dell affidabilità del calcolo del requisito patrimoniale nonché l accertamento dell utilizzo del sistema di misurazione nell ambito dei processi decisionali e nella gestione dei rischi operativi.

4 Controlli di terzo livello La funzione di revisione interna effettua verifiche periodiche sui sistemi di gestione e di misurazione dei rischi operativi al fine di valutarne l efficacia e la conformità con i requisiti di idoneità. Altri Rischi: Rischio strategico Rappresenta il rischio attuale o prospettico di flessione di utili o capitale derivante da: mancata o parziale realizzazione pro tempore degli scenari di mercato ipotizzati in sede di pianificazione strategica; decisioni aziendali errate in rapporto all evoluzione dell ambiente competitivo; incapacità di realizzazione totale o parziale delle decisioni previste a piano, per inadeguata pianificazione delle risorse disponibili, dei tempi, delle modalità di azione. Tale rischio è rilevante per la SIM in quanto insito nell esercizio di un attività imprenditoriale e proporzionato alla sua complessità; la fonte di generazione è individuata nei processi di governo e sottoposto al controllo del Sistema dei Controlli Interni. A seguito del cambio di proprietà avvenuto ad aprile 2014, del connesso piano strategico presentato e dei già intrapresi processi di riorganizzazione e sviluppo, il rischio strategico risulta sensibilmente attenuato rispetto alla situazione della società al 31/12/2013. Approccio metodologico e Strumenti di controllo e mitigazione La SIM, in questa fase della sua vita societaria, effettua verifiche andamentali continuative, utilizzando i presidi organizzativi del Servizio Amministrativo, servendosi di output di supporto al processo di pianificazione e controllo quali: indicatori reddituali dati gestionali dati contabili indicatori identificativi dello scenario di mercato evidenze delle più significative evoluzioni del contesto normativo. Questi strumenti di supporto al processo di pianificazione e controllo strategico, sono stati sostanzialmente orientati al contesto competitivo complessivo. In particolare è stato analizzato nel dettaglio quello relativo alla ripartizione/concentrazione dei singoli Clienti per tipologia di servizi di investimento prestati, per tipologia di strumenti finanziari negoziati e gestiti e per le stime che questa ripartizione/concentrazione producono in termini di rischio strategico. Rischio reputazionale Rischio di continuare ad accumulare perdite e conseguentemente depauperare il patrimonio anche per effetto di una percezione negativa dell immagine della SIM da parte dei clienti, controparti, azionisti, investitori e Autorità di Vigilanza. Approccio metodologico e Strumenti di controllo e mitigazione Le azioni volte a minimizzare le cause di rischio reputazionale sono legate ai meccanismi di controllo preventivo da parte dell Organo Strategico, e di controllo di I e II livello, demandati ai singoli Servizi Operativi per l esecutività delle scelte strategiche dell Alta Direzione,ed alla funzione Controlli Interni, per il monitoraggio del rischio e l organizzazione della attività ispettive e di auditing relativamente all analisi dell applicazione corretta delle procedure e degli eventuali reclami inoltrati dalla clientela, al fine di evidenziare le aree di maggior conflittualità su cui

5 intervenire. Modello di governo dei rischi Nell ambito del modello di gestione dei rischi la SIM ha organizzato un sistema dei controlli ripartito secondo le seguenti tre tipologie di controllo dei rischi: Controllo di Conformità (Compliance) di II livello Controllo dei Rischi d impresa (Risk Management) di II livello Controllo di ultima istanza, di tipo ispettivo, definito di Revisione interna (Internal Audit) Tavola 2 Ambito di Applicazione Descrizione dell informazione Qualitativa (a) Denominazione dell intermediario cui si applicano gli obblighi di informativa Giotto SIM S.p.A., iscritta nell albo di cui all art. 20, comma 1, del decreto legislativo n. 8/1998 con delibera della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa n del 18 aprile La SIM è autorizzata all esercizio dei seguenti servizi di investimento: a) Gestione di portafogli; (delibera del 18/4/2001) b) Ricezione e trasmissione di ordini; (delibera del 18/4/2001) c) Consulenza in materia di investimenti (D.Lgs. 164 del 17/9/2007) La SIM ha dato inizio alla prestazione dei servizi autorizzati in data 2 luglio La SIM ha la sua sede legale e operativa in Padova, Via Fornace Morandi 24. Quantitativa Composizione Azionaria Nel corso del mese di aprile 2014 la Capogruppo Classica SpA ha ceduto la totalità della propria partecipazione ad un numero limitato di vecchi soci industriali (Camilotti Anna Noemi, Casati Paolo, Raengo Enrico, Riccadonna Ottavio, Rossi Dino, Zanin Enrico) e a nuovi investitori (Finbes Srl, Cogenfi Srl e Alessandro Finco). La maggioranza relativa della rinnovata Sim fa ora riferimento al cav. lav. Luigi Finco, fondatore di un importante gruppo industriale padovano che opera nel settore metalmeccanico. Il capitale sociale di di azioni del valore nominale unitario di euro 1 è così composto: Capitale sottoscritto % Finbes Srl ,50% Riccadonna Ottavio ,80% Cogenfi Srl ,00% Zanin Enrico ,50% Raengo Enrico ,00% Finco Alessandro ,00% Casati Paolo ,49% Aliprandi Carlo ,86% Camilotti Anna Noemi ,86%

6 Rossi Dino ,50% Sarrocco Andrea ,50% T O T A L E ,00% Nel corso del mese di maggio 2014 la società ha cambiato denominazione sociale da Classica SIM S.p.A. a Giotto SIM S.p.A. e ha trasferito la propria sede. Revisione e Controllo Contabile L incarico di revisione contabile e di controllo contabile della SIM ai sensi degli artt. 9 e 155 del Dgs. 58/1998 è dato alla società Deloitte e Touche Tavola 3 Composizione dei fondi propri qualitativa quantitativa Descrizione dell informazione (a) Fondi propri Capitale primario di Classe 1 + Capitale aggiuntivo di Classe 1 + Capitale di Classe 2 Capitale primario di Classe 1 Capitale sociale +/- utili/perdite esercizi precedenti portati a nuovo +/- utile/perdita esercizio in corso + riserve - attività immateriali La SIM presta grande attenzione all adeguatezza dei propri mezzi patrimoniali in rapporto alle prospettive di sviluppo e all evoluzione della rischiosità. I fondi propri sono il principale punto di riferimento per la valutazione riguardante la stabilità dei singoli intermediari e del sistema e per il controllo prudenziale dei rischi. (b) Capitale primario di Classe 1 Gli elementi positivi sono rappresentati dalle componenti tradizionali costituite dal capitale, dalle riserve e dagli utili degli esercizi precedenti; gli elementi negativi sono dati dalle immobilizzazioni immateriali, dalle perdite degli esercizi precedenti e dalle perdite di rilevante entità dell esercizio in corso. Elementi positivi - Capitale sociale sottoscritto Riserve Totale elementi positivi Elementi negativi: - Altre attività immateriali Perdite di esercizi precedenti Perdita di rilevante entità esercizio corrente Totale elementi negativi TOTALE PATRIMONIO DI BASE (c) Capitale aggiuntivo di Classe 1 e Capitale di Classe 2. Non vi sono elementi da computare nel Capitale aggiuntivo di Classe 1 Non vi sono elementi da computare nel Capitale di Classe 2. (d) Ammontare dei Fondi Propri. FONDI PROPRI

7 Tavola 4 Adeguatezza patrimoniale qualitativa quantitativa (a) Descrizione dell informazione Sintetica descrizione del metodo adottato dall intermediario nella valutazione dell adeguatezza del proprio capitale interno per il sostegno delle attività correnti e prospettiche. Valutazione dell adeguatezza patrimoniale Ai fini dell adeguamento ai requisiti normativi imposti dal II pilastro, la SIM ha effettuato la valutazione della propria adeguatezza patrimoniale, attuale e prospettica, in relazione ai rischi assunti e alle strategie aziendali. La SIM ha definito i rischi per i quali è opportuno adottare metodologie quantitative (credito e operativo), che conducono alla determinazione di capitale interno, e quelli per i quali sono utilizzate, in combinazione o in alternativa, valutazioni qualitative, misure di controllo o attenuazione (rischio strategico e reputazionale). Capitale complessivo La SIM ha misurato il capitale complessivo che si intende detenere a fronte di tutti i rischi e delle eventuali esigenze strategiche aziendali. Le definizioni di capitale della SIM è la seguente: Il capitale complessivo Fondi Propri Requisiti patrimoniali minimi Valore di assorbimento da Rischio di Credito + Rischio operativo Capitale Interno complessivo Valore di assorbimento da Rischio di Credito + Rischio operativo + Valutazione altri rischi rilevanti Metodologia di aggregazione dei rischi Sulla base della puntuale indicazione normativa per le SIM di classe 3, l aggregazione dei rischi per la determinazione del capitale interno complessivo viene svolta con approccio building block semplificato, ovvero tramite somma delle valutazioni quantitative dei rischi rilevanti di primo e secondo pilastro. Quantificazione del capitale interno Il capitale interno complessivo della SIM alla data del 31/12/2014, espresso in migliaia di Euro, alla luce del processo di valutazione dell adeguatezza, è pari a euro Di seguito si riporta il dettaglio relativo alla composizione del Capitale Interno Complessivo per ciascuna tipologia di rischio analizzato. Rischio di Credito euro Rischio operativo euro Gli altri rischi (strategico e reputazionale) sono valutati secondo analisi puramente qualitative e impegnano la SIM in una complessa redazione di scenari alternativi di tipo difensivo nel caso in cui non potesse trovare applicazione il piano strategico di riferimento Raccordo tra capitale interno complessivo e requisiti regolamentari Topologia di Rischio requisiti Regolamentari Capitale interno complessivo Metodo Base Pilar 2 Pilar 1 Rischio di credito Rischio operativo Rischio strategico - Valutazione Qualitativa Rischio Reputazionale - Valutazione Qualitativa Definizione delle componenti patrimoniali a copertura del capitale interno

8 La SIM individua nei Fondi Propri, definiti come da normativa, il capitale complessivo a copertura del capitale interno complessivo. Capitale Complessivo Requisiti Patrimoniali (Pillar I) Capitale Interno Complessivo Ipotesi di Massimo Stress (Pillar II) Patrimonio di Vigilanza Rischio di Credito Rischio Operativo Totale Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali Per quanto riguarda più nello specifico l analisi del rischio di credito si è già sottolineato che, data l attività caratteristica della SIM, esclusivamente operativa sull intermediazione finanziaria dal lato investimenti, sulle gestioni patrimoniali e sulla consulenza, la valutazione qualitativa applicata alle caratteristiche del credito stesso non viene effettuata. Anche le valutazioni quantitative sull esposizione lorda media di dettaglio sui crediti non rileva, procedendo di fatto al calcolo secondo il metodo standardizzato, approfondito nella Tav. 1. Tavola 6 Tecniche di attenuazione del rischio Alla luce delle osservazioni inerenti la Tav. 5 si sottolinea che anche le tecniche di attenuazione, come suggerito nelle considerazioni sul rischio di credito della Tav. 1, sono riferite alle metodologie di gestione dei rapporti presso Istituti di credito terzi, che agiscono come banche depositarie dei conti dei clienti, e ai finanziamenti erogati in relazione alla leva concessa ai clienti come servizio accessorio alla piattaforma di accesso ai mercati finanziari. Considerando il limite determinato dal Consiglio di Amministrazione relativamente all esposizione cumulata dei clienti e che la contrattualistica aziendale prevede che tutte le concessioni in leva rientrino con la chiusura della giornata operativa (qualora non vi sia richiesta di un contratto di riporto con leva overnight comunque limitata a 2,5x), il rischio risulta contenuto. Tavola 7 Rischio controparte Non rileva Tavola 8 Rischio Mercato Non rileva

9 Tavola 9 Rischio operativo qualitativa Descrizione dell informazione (a) Descrizione del metodo adottato per il calcolo dei requisiti patrimoniali a fronte del rischio operativo. Anche il rischio operativo viene valutato secondo una metodologia semplificata. Viste le caratteristiche dimensionali della SIM e stante l attuale operatività si utilizza nel calcolo del capitale interno a fronte del rischio operativo il metodo di base, dopo tuttavia avere stimato con tecniche di stress testing l effettiva esposizione a tale rischiosità in ipotesi di eventi particolari. A tale proposito si rimanda alle analisi svolte in Tav. 1.

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 Schroders Italy SIM S.p.A. Resoconto ICAAP al 31 dicembre

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014 Aprile 2015 Co.Mo.I. SIM S.p.A. Informativa al pubblico III Pilastro (Basilea 2) 1 INDICE PREMESSA... 3 1. OBIETTIVI E POLITICHE DI

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d Italia 216 del 5 agosto 1996

Dettagli

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2011

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2011 SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2011 Schroders Italy SIM S.p.A. Resoconto ICAAP al 31 dicembre

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 PREMESSA Copernico Sim S.p.A. con sede in Udine, via Cavour, 20, Capitale Sociale Euro 1.500.000 interamente versato iscritta a Registro Imprese di Udine n. 02104510306

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Informativa al pubblico al 31.12.2011

Informativa al pubblico al 31.12.2011 Informativa al pubblico al 31.12.2011 su adeguatezza patrimoniale, esposizione ai rischi e sistema di gestione del rischio Terzo Pilastro Basilea 2 Cellino e Associati SIM S.p.A. Via Cavour 21-10123 TORINO

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

2015 Gruppo Dexia CreDiop

2015 Gruppo Dexia CreDiop 015 Informativa al Pubblico Basilea 3 - Pillar 3 Situazione al 30 giugno 2015 Gruppo Dexia Crediop Indice Introduzione... 3 3. Composizione dei Fondi Propri... 4 4. Adeguatezza Patrimoniale... 7 Dichiarazione

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Basilea II - Impatti sull'internal Audit Gennaio 2008

Basilea II - Impatti sull'internal Audit Gennaio 2008 Financial Services AIEA - Giornata di studio 28 gennaio 2009 - Roma Gennaio 2008 Agenda La nuova disciplina prudenziale Basilea II Requisiti normativi impattanti la funzione di Internal Audit (IA) Impatti

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

SCHRODERS ITALY SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2014

SCHRODERS ITALY SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2014 SCHRODERS ITALY SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2014 Schroders Italy SIM S.p.A. Resoconto ICAAP al 31 dicembre 2014 - informativa

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015)

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015) TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015) Sommario INTRODUZIONE... 3 1. OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 1 Indice Introduzione 3 Requisito informativo generale 4 Ambito di applicazione.11 Composizione del Patrimonio di Vigilanza..12 Adeguatezza

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico 31 dicembre 2013 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2014 Approvata dal CdA il 27/05/2015 1/22 --/--/---- INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI E DEGLI ALTRI RISCHI La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico Nicola d Auria TMF Compliance (Italy) 26 giugno 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009 ICAAP Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 29 Perché l ICAAP? (Internal Convergence of Capital Measurament and Capital Standards) Il secondo pilastro di Basilea II non è pensato

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 3 Governo societario, assetti organizzativi e sistemi di controllo

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

Cassa Rurale di Tassullo e Nanno Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa

Cassa Rurale di Tassullo e Nanno Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Cassa Rurale di Tassullo e Nanno Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa INFORMATIVA AL PUBBLICO - Terzo Pilastro di Basilea 2 - SITUAZIONE AL 31/12/2010 Indice TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 Progetto Basilea 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 1 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process

I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio Regolamento del Processo I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process INDICE PREMESSA..... 3 1. RUOLO DEGLI ORGANI DI GOVERNO E CONTROLLO...

Dettagli

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Pillar III Indice Premessa... 3 Tavola 1 Requisito informativo generale... 3 Tavola 2 Ambito di applicazione... 13 Tavola 3 Composizione del Patrimonio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Sulla situazione al 31 dicembre 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1. A - Obiettivi e politiche di gestione del rischio - Art. 435 (1) CRR... 5 Tavola 1. B - Sistemi di Governance

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI QUINTO VICENTINO Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 3 TAVOLA

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BRA SPA. BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico Situazione al 31 Dicembre 2010

CASSA DI RISPARMIO DI BRA SPA. BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico Situazione al 31 Dicembre 2010 CASSA DI RISPARMIO DI BRA SPA BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico Situazione al 31 Dicembre 2010 Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE SIM

SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE SIM (Provvedimento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 e successive modificazioni e integrazioni) Approvata dal

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE. BANCHE (Circ. B.I. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE. BANCHE (Circ. B.I. n. 263 del 27 dicembre 2006) INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. B.I. n. 263 del 27 dicembre 2006) 31 dicembre 2008 Indice Introduzione 3 Tav. 1 - Requisito Informativo

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 SOMMARIO ART. 1 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI... 4 ART. 2 - DEFINIZIONI... 5 ART. 3 PREMESSA...

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 Titolo IV

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 Titolo IV INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2012 Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 Titolo IV Basilea 2 Terzo pilastro Sommario INTRODUZIONE... 4 PREMESSA...

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Sommario Tavola 1 - Requisito informativo generale...5 Informativa qualitativa...5 Tavola

Dettagli

Terzo Pilastro Basilea II. Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro Basilea II. Informativa al Pubblico Terzo Pilastro Basilea II Informativa al Pubblico Riferimento: 31 dicembre 2013 1 INDICE Premessa Requisito informativo generale Tavola 1 Tavola 2 Tavola 4 Tavola 6 Tavola 7 Tavola 8 Adeguatezza patrimoniale

Dettagli

Terzo Pila Terzo stro Pila di Ba stro sil di Ba ea sil ea 2 Banca Banc Popola Popola di So ndrio di So Agenda * Comitat

Terzo Pila Terzo stro Pila di Ba stro sil di Ba ea sil ea 2 Banca Banc Popola Popola di So ndrio di So Agenda * Comitat Terzo Pilastro di Basilea 2 e Banca Popolare di Sondrio Rodrick Dasse Michele Lambiase Renzo Manara Terzo Pilastro di Basilea 2 e Banca Popolare di Sondrio Agenda * Comitato di Basilea cenni storici *

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. ai sensi del. Regolamento UE n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. ai sensi del. Regolamento UE n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi del Regolamento UE n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013 Data di riferimento: SOMMARIO Premessa... 5 1. Obiettivi e politiche di gestione

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Premessa Le Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale Circolare n. 216 del 5 Agosto 1996 e successivi aggiornamenti

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE CON LA NUOVA NORMATIVA APPLICABILE AGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE CON LA NUOVA NORMATIVA APPLICABILE AGLI INTERMEDIARI FINANZIARI SLC Avvocati LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE CON LA NUOVA NORMATIVA APPLICABILE AGLI INTERMEDIARI FINANZIARI La disciplina prevista dal Titolo V del D. Lgs. n. 385/1993 (Testo Unico Bancario) viene radicalmente

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2012 Approvata dal CDA del 19/06/2013 1/21 19 Giugno 2013 INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

Informativa al Pubblico Pillar III

Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche Circolare Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre 2006 e successive modifiche 31 dicembre 2012 Banca Popolare dell Etruria e del

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli