L IMMAGINE DEGLI IMMIGRATI E DELLE MINORANZE ETNICHE NEI MEDIA. Rapporto finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IMMAGINE DEGLI IMMIGRATI E DELLE MINORANZE ETNICHE NEI MEDIA. Rapporto finale"

Transcript

1 L IMMAGINE DEGLI IMMIGRATI E DELLE MINORANZE ETNICHE NEI MEDIA Rapporto finale Roma, novembre 2002

2 INDICE CAP. I L IMMAGINE DEGLI IMMIGRATI E DELLE MINORANZE ETNICHE NELLA TELEVISIONE ITALIANA Pag. 1 Introduzione 2 1. L opportunità di una content analysis 4 2. Quale immigrato? 7 3. Le modalità di rappresentazione degli immigrati Gli argomenti affrontati Il contesto di appartenenza Lo stile di trattazione e lo sfondo emotivo Il tono Le politiche delle emittenti Focus sui minori La rappresentazione di immigrati e minoranze etniche in TV: una prima sintesi Nota metodologica 28 CAP. II L IMMAGINE DELL IMMIGRATO NEI MEDIA: UNA RASSEGNA RAGIONATA SULLE PRINCIPALI INDAGINI REALIZZATE Il clima di sfondo L analisi delle fonti Immigrazione e immigrati nella programmazione radiotelevisiva (brevi cenni) Riflessioni finali: la comunicazione fatta da loro Note bibliografiche Bibliografia tematica: Immigrazione e mass media 65 CAP. III I DIRITTI DI CITTADINANZA DELLE MINORANZE ETNICHE NEI MEDIA: UNA RIFLESSIONE La promozione dei diritti di cittadinanza delle minoranze etniche nei media La dimensione internazionale I codici di condotta L efficacia dei codici di condotta: la necessità di un approccio sistemico 79 APPENDICE 82

3 Cap. I L IMMAGINE DEGLI IMMIGRATI E DELLE MINORANZE ETNICHE NELLA TELEVISIONE ITALIANA

4 INTRODUZIONE Anche nel nostro Paese, il fenomeno dell immigrazione ha raggiunto dimensioni pari se non superiori a quelle degli altri paesi europei. Allo stesso tempo i flussi migratori in e attraverso l Italia sono piuttosto recenti e coinvolgono persone provenienti da molti e diversi paesi che compongono un universo assai frammentato in cui è prematuro parlare di vere e proprie comunità di minoranze etniche. In questo contesto anche in Italia i tempi sono maturi per ragionare sulla necessità di costruire percorsi di incontro tra culture, di diritti delle diverse culture e/o (secondo i diversi punti di vista) di convenienza nel tutelare la speranza sociale dei diversi gruppi etnici. Uno dei principali banchi di prova per il processo di integrazione tra le culture è rappresentato dal sistema dei mass media e dalla rappresentazione che dei diversi gruppi etnici i media rimandano: quanto impervio sarà il percorso di crescita sociale di un immigrato in un Paese in cui la televisione e la stampa rimanda sempre e soltanto un immagine degli immigrati legata a sventura, marginalità, criminalità? Sorgono due ordini di problemi che altri paesi hanno già dovuto affrontare da tempo: - la necessità di garantire una rappresentazione degli immigrati nei media che eviti ogni forma di discriminazione; - la necessità di promuovere l accesso delle minoranze etniche all industria dei media. Solo oggi da noi si comincia ad affrontare la questione della centralità dei media in relazione all integrazione degli stranieri e molto ancora resta da fare, sia per quanto riguarda lo sviluppo di strumenti atti a garantire le pari opportunità di accesso, sia per quanto concerne l analisi della rappresentazione mediatica degli immigrati e dei loro paesi di origine, sia infine per quanto riguarda la diffusa sensibilizzazione al tema presso la società civile italiana. La presente indagine è uno studio sui contenuti trasmessi dalle emittenti televisive nazionali. La prima e più consistente mole di dati ed informazioni qui contenuta proviene da Tuning in to Diversity, un progetto finanziato dalla DGV della Commissione Europea e realizzato in Italia con il contributo del Ministero dell Interno e dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. I partner coinvolti sono stati la Fondazione Censis, capofila del progetto, e il Cospe per l Italia, Stoa (Fondazione attiva nel campo della difesa dei diritti delle minoranze etniche nei media e soggetto leader nella promozione culturale in questo campo in Europa) per l Olanda, GREEM (Istituto di Ricerca sulla relazione tra infanzia e media) per la Francia e il Dipartimento di Scienze Sociali Applicate dell Università di Bradford per la Gran Bretagna. Nella presente edizione, Tuning in to Diversity è stato aggiornato, integrato con ulteriori e più recenti rilevazioni (del settembre 2002) e sintetizzato al fine di diventare un punto di partenza per un intervento più ampio teso alla 2

5 sensibilizzazione e presa di coscienza della rappresentazione degli immigrati in Italia. Tale intervento trova compimento nel progetto Immagine dell immigrato in Italia, fra media, società civile e mondo del lavoro, un iniziativa promossa dall OIM (Organizzazione Internazionale sulle Migrazioni), la Caritas di Roma, l Archivio delle migrazioni, il Censis ed altri partner, che si inscrive all interno del programma Equal, all interno del Fondo Sociale Europeo I destinatari di questa attività di sensibilizzazione sono reperibili a vari livelli: - innanzi tutto i diretti interessati, gli immigrati e gli appartenenti a minoranze etniche di stranieri presenti nel nostro paese; - in secondo luogo la comunità dei media che potrà avvalersi di nuovi strumenti per esercitare nel rispetto dei diritti delle minoranze la propria attività professionale; - in terzo luogo quei soggetti istituzionali preposti al controllo della qualità e alla promozione di campagne prosociali; - infine, le diverse associazioni di categoria che potranno sviluppare strumenti utili per incoraggiare forme di inserimento sociolavorative di appartenenti a comunità etniche. 3

6 1. L OPPORTUNITÀ DI UNA CONTENT ANALYSIS Gli studi sulla rappresentazione televisiva della realtà vanno acquisendo ormai anche nel nostro Paese lo status di strumenti preziosi di consapevolezza critica collettiva. Le ipotesi alla base della content analysis fanno riferimento ad una tesi più ampia che il Censis ha praticato in ogni precedente lavoro di monitoraggio dei media. Questa tesi rimanda ad una valutazione fortemente critica degli stili e dei modi di comunicazione massmediale in Italia che evidenzia la sostanziale inadeguatezza del sistema comunicativo (nelle diverse declinazioni: informazione, fiction, ecc.) a dar conto della complessità e soprattutto delle diverse realtà e dei diversi soggetti del corpo sociale. Questo approccio trova del resto ampio riscontro fra le più attendibili riflessioni che si vanno elaborando in ambito internazionale, all interno di uno dei più interessanti filoni della sociologia dei processi culturali che riguarda lo studio dell influenza dei mass media sulla formazione di opinioni, percezioni, emozioni collettive riguardo a fenomeni, fatti, soggetti sociali. L aspetto che si vuole soprattutto sottolineare riguarda la particolare influenza che i media hanno nel definire la percezione collettiva dei diversi attori sociali ed in cui anziani, donne, uomini, immigrati sono socialmente disegnati dalle trasmissioni televisive, dagli articoli dei giornali, dalla pubblicità. In Italia - e forse anche altrove - è lecito sostenere che il difetto di comunicazione sugli immigrati si inscrive in un quadro più complessivo di inadeguata rappresentazione dei diversi soggetti sociali. Il Censis ha ad esempio rilevato in numerose ricerche la strumentalizzazione dell immagine infantile e la parzialità della rappresentazione delle donne nei media. Nel complesso, quello che possiamo definire un vero e proprio difetto comunicativo può essere ricondotto ad alcune dimensioni caratterizzanti: - la tendenza alla drammatizzazione dell informazione e alla spettacolarizzazione del quotidiano; - la tendenza all uso di un linguaggio che privilegia la dimensione emotiva piuttosto che quella razionale; - la superficialità nella verifica delle fonti a favore di un messaggio a effetto; - la carenza di funzione critica dei prodotti di comunicazione; - il circolo vizioso con i supposti umori delle masse; - la rappresentazione parziale e fuorviante dei diversi soggetti sociali. Queste vizi della comunicazione si riflettono con molta evidenza anche nella rappresentazione degli immigrati e delle minoranze etniche. Per quanto riguarda più specificamente questo tema, la società italiana non sembra presentare caratteristiche di razzismo di primo livello, cioè di odio razziale profondo e radicato. Episodi di violenza contro i cosiddetti extracomunitari, pur nella loro gravità, rappresentano dopo tutto 4

7 eccezioni e ne sono protagonisti individui o gruppi di persone per nulla rappresentativi della società italiana nel suo complesso (ad esempio i naziskin). Eppure, un disturbo nella comunicazione appare evidente: l immigrato è prevalentemente associato a episodi di delinquenza, anomia e devianza e la dimensione più quotidiana dei processi di integrazione non compare in genere nei prodotti della comunicazione. Basti pensare che in Italia esiste un unica trasmissione di approfondimento dei temi legati all immigrazione Un mondo a colori - e va in onda in una fascia oraria del tutto marginale nel palinsesto televisivo. Si potrebbe obbiettare che la fenomenologia dell immigrazione è realmente fatta di disagio estremo, di sbarchi clandestini, di traffico ad opera della criminalità, di lavoro nero, ecc. Questa è però una descrizione parziale della realtà. Infatti, sebbene il fenomeno sia nuovo per il nostro Paese, è altresì vero che si contano innumerevoli esempi di integrazione ormai compiuta e consolidata. Non va dimenticato, a tale proposito, che i bambini figli di immigrati nelle scuole italiane rappresentano ormai una realtà numericamente significativa. Né vanno dimenticate, sempre per fare un esempio, le tante famiglie italiane a doppia carriera dove la presenza di baby sitter straniere, per lo più filippine, garantisce serenità e maternage per i figli. La stessa terminologia di cui fa uso la comunicazione confonde continuamente diversi piani facendo convergere in un indistinto termine immigrato condizioni che sono invece assai diverse tra loro. Nel circolo vizioso a cui si è fatto riferimento, il giornalista si imprigiona all interno di un gioco di specchi in cui da una parte si trova ad interpretare sentimenti di paura e d i diffidenza sociali e dall altra si vede incoraggiato o costretto ad alimentarli. Dal momento che l elaborazione di strumenti di monitoraggio dei media obbliga ad articolare meglio le ipotesi interpretative relative alle distorsioni della comunicazione che producono questo stato di diffidenza diffusa, occorre interrogarsi su quali possano essere le motivazioni portanti di simili atteggiamenti. Sono molte le questioni e le ipotesi interpretative che si aprono a ventaglio, molte le domande: - ad esempio, se la paura della perdita di identità, la paura del diverso è una paura antropologica, un istinto primario, o non è piuttosto legata alla percezione della nostra stessa fragilità culturale (il pensiero forte degli altri contro il nostro pensiero debole); - oppure, se ci si trova di fronte a fenomeni di razzismo silente, generalmente tenuto sotto controllo, non manifestato, che esplode in occasione di episodi conflittuali; - e ancora, occorre chiedersi se l insofferenza e gli accenti xenofobi della comunicazione e dell opinione pubblica non svolgano piuttosto una funzione catartica, di capro espiatorio rispetto ad altri stress e altre preoccupazioni, come disoccupazione o conflitti sociali di diversa matrice; A queste, e ad altre domande, ha cercato di rispondere questa ricerca, nella speranza di contribuire a sciogliere nodi culturali problematici, ad aumentare la consapevolezza rispetto a questi ultimi. 5

8 La presente ricerca consta in una analisi del contenuto realizzata a più riprese sulle principali reti televisive italiane. La metodologia utilizzata per l analisi della rappresentazione di immigrati e/o di persone di origine straniera presenti in Italia veicolata dai media è la tecnica di content analysis di tipo quanti-qualitativo. La rilevazione è stata effettuata per una settimana campione al mese durante cinque mesi, da maggio a settembre Una seconda rilevazione è stata realizzata nell ultima settimana di settembre 2002 al fine di testare sul piano diacronico, i risultati e verificare il tipo di oscillazioni a cui è soggetto il fenomeno. 6

9 2. QUALE IMMIGRATO? Supponendo, per paradosso, che gli italiani conoscano gli immigrati solo attraverso la televisione ed esclusivamente attraverso di essa raccolgano elementi per elaborare opinioni e conseguenti attitudini, proviamo a capire innanzitutto in quale immigrato si imbatte lo spettatore che gira per i canali. Chi è l immigrato-tipo rappresentato in televisione? 2.1. secondo il genere In oltre l 80% dei casi si tratta di uomini, e in meno del 20% di donne. Questa percentuale non decresce ma semmai si rafforza nell arco delle due rilevazioni effettuate nel 2001 e del Già dal confronto di questo semplice dato strutturale con quelli riguardanti la distribuzione per sesso degli stranieri regolarmente presenti sul territorio italiano (ovvero in possesso di regolare permesso di soggiorno) si osserva che la rappresentazione televisiva non rispecchia la realtà: a differenza delle presenze televisive, in Italia, infatti, il rapporto tra maschi e femmine è assai meno sbilanciato (54,2% e 45,8%) (tab. 1) secondo l età Ad eccezione degli ultra sessantenni, sono rappresentate tutte le fasce d età: solo tra i 31 e i 65 anni sono il 34,6%, e diventano il 56,3% se vi si aggiunge la fascia di età tra i 19 e i 30 anni. Abbondantemente rappresentati sono anche i minori: tra bambini (23,6%) e adolescenti (19,9%) si arriva al 43,5%. E invece sorprendente, appunto, l assoluta assenza di anziani: ve n è un misero 0,2% che, si noti, corrisponde ad un unico caso di un uomo comparso in una puntata di Un mondo a colori, trasmissione atipica e certo non rappresentativa della media dell emesso televisivo. Se poi si guarda al rapporto tra maschi e femmine in base alla fascia di età, emerge che nell universo dei maschi, fatta eccezione per le persone di oltre 65 anni, la distribuzione per classi d età è piuttosto omogenea, mentre tra le femmine 7

10 c è una evidente concentrazione tra i 31 e i 65 anni (74,7% contro 10,1% tra i bambini, 3,8% tra gli adolescenti e 11,4% tra i giovani adulti) (tab. 2). Anche l articolazione per fasce di età degli immigrati che passano per il piccolo schermo non riflette la realtà che conosciamo dai dati demografici, con un sottodimensionamento dei 19-65enni ed un sovradimensionamento degli immigrati tra 0 e 18 anni. Già in altri studi (cfr. la ricerca Censis Il bambino mediato, realizzata nel 1996 per Pitti Immagine e alla più recente indagine pilota sulla rappresentazione dei minori stranieri sui quotidiani, condotta nell ambito del progetto europeo Chip), il Censis ha mostrato come la televisione fa spesso e volentieri uso dei minori per catalizzare l attenzione. Nelle pagine che seguono ci soffermeremo in particolare sui risultati che riguardano la fascia d età 0-18, appunto per dare conto di questa delicata situazione secondo il tipo di trasmissione Quali sono i programmi o le trasmissioni che parlano di immigrazione o in cui compaiono persone straniere o immigrate? Qual è la loro copertura televisiva effettiva? Ebbene, se si esclude la fiction, fenomeno marginale e a sé, il dato salta all occhio: si tratta soprattutto, per non dire quasi esclusivamente, di telegiornali, che coprono intorno al 90% dei casi in cui immigrati e immigrazione compaiono sullo schermo. Nelle cinque settimane analizzate fra maggio e settembre 2001, si trattava del 95,4% mentre il restante 4,6% di trasmissioni si articola in inchieste e rubriche di telegiornali (in totale il 2,4%), tre dibattiti, un varietà, due rotocalchi di costume e società, un progra mma satirico e infine due programmi specifici sull immigrazione, Un mondo a colori, programma quotidiano che è andato in onda per quindici puntate durante il periodo analizzato, e Shukran, andato in onda una sola volta. Nella rilevazione del settembre 2002 il monopolio dei telegiornali scende all 88,3%, a vantaggio delle rubriche di approfondimento connesse ai telegiornali, dei rotocalchi di costume e società, dei talk show e della tribuna politica, visto anche il coincidere della rilevazione col dibattito politico che ha seguito la ratifica della legge 189/2002 sulla modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo (tab. 3) secondo il contesto tematico Se il telegiornale rappresenta il luogo mediatico quasi esclusivo dove agli immigrati viene concesso diritto di cittadinanza, ancora più sorprendente appare la scarsa distribuzione che anche al suo interno è possibile riscontrare. E la cronaca, all interno dei TG a coprire oltre l 80% della esposizione degli immigrati e delle minoranze etniche in qualità di contenuto 8

11 emesso. Questa percentuale, nella più prolungata rilevazione del 2001 ha dato un valore addirittura pari al 90,8%. Nel 2002 una certa copertura è assicurata anche dagli argomenti di politica interna (il 16%), coerentemente coi toni, marcatamente politici, che nel settembre 2002 le questioni legate all immigrazione hanno preso, nella discussione della modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo e della proposta di legge relativa alle disposizioni in materia di prostituzione contente fra l altro varie misure contro la tratta degli esseri umani e lo sfruttamento dell immigrazione illegale per scopi connessi (tab. 4). Confinati nei telegiornali e all interno di questi nella cronaca, le persone di origine straniera nel complesso entrano nel mondo dell informazione quasi solo attraverso le strette e tristi maglie della cronaca che nel 43,5% è cronaca nera e nel 2,4% giudiziaria. Va ricordato che, inevitabilmente, il periodo di rilevazione influenza la numerosità dei programmi di approfondimento analizzati. Nel corso delle rilevazioni del 2001 le elezioni politiche a maggio, il G8 a luglio, l attacco alle torri a settembre, ognuno a modo suo e in una sorta di escalation, sono tre bombe mediatiche che hanno evidentemente avuto conseguenze rilevanti sull andamento dell informazione quotidiana e di approfondimento - sia televisiva che della carta stampata. L approvazione della legge 189/2002 Bossi/Fini nell estate 2002, i numerosi, affollati e drammatici sbarchi in Sicilia da parte di irregolari e la rinnovata polemica sulla proposta di legge che regola la prostituzione sono eventi mediatici diversi ma altrettanto condizionanti per la rilevazione del settembre Eppure bisogna guardarsi dall errore di credere che siamo di fronte ad un fenomeno neutro ed esclusivamente legato agli eventi esterni, come se non ci fosse una qualità della rappresentazione che travalica le contingenze e si propone come lo stile, la cifra comunicativa complessiva secondo il ruolo Il fatto di essere ghettizzati all interno della cronaca non è privo di immediate conseguenze sul ruolo che agli immigrati viene assegnato all interno delle notizie. Che sia maschio o femmina, bambino, adulto o anziano, il ruolo dell immigrato rispetto alla vicenda narrata di cui è protagonista è sempre un ruolo all interno di una vicenda negativa, complessivamente nel 78% dei casi, e tale percentuale risulta significativamente stabile nell arco di entrambe le rilevazioni effettuate nel 2001 e In generale, l immagine che si desume da quanto visto in televisione oscilla necessariamente dal povero immigrato, vittima di una gamma di possibili fatti negativi come atti criminosi, discriminazione, errori giudiziari, ritardi o malfunzionamenti burocratici, allo straniero violento o criminale. In questo senso, sembra configurarsi come icona strumentale, si direbbe funzione 9

12 narrativa, alla stessa stregua dell immagine femminile o di quella del bambino, caratteri che fungono da stabili espedienti narrativi per condire e drammatizzare la notizia. Fra accadimenti congiunturali e luoghi narrativi funzionali all assemblaggio della notizia è anche possibile registrare degli ulteriori interessanti movimenti (tab. 5): - nella rilevazione del 2002 si assiste ad un aumento del numero di immigrati vittime di azioni negative (pari all 8,8% in più rispetto alla rilevazione 2001) e ad una conseguente diminuzione della rappresentazione degli attori di azioni negative, scesi di altrettanti 8,6 punti percentuali; - le azioni positive vedono nell ultima rilevazione un generale ulteriore decremento e, mentre immigrati oggetto di un azione positiva continuano ad essere del tutto assenti dai teleschermi, la percentuale degli immigrati attivi protagonisti di simili azioni scendono del 50% nell ultima rilevazione (dal 7 al 3,3%); - aumenta in modo molto evidente il numero di notizie neutre, che riportano azioni non connotabili in termini di positivo e negativo, i cui protagonisti balzano dal 3,7% al 16,5%. Sarebbe rischioso leggere queste oscillazioni in termini di tendenze stabili. Per quanto si voglia forzare l interpretazione alla ricerca di salde derive fenomenologiche, occorre tenere sempre presente che ci riferiamo a fatti di cronaca che, per definizione, si occupano di contingente. Nulla vieta tuttavia di articolare una riflessione che si interroghi su come questo contingente venga letto e rappresentato. Tutti i dati relativi al ruolo di immigrati e minoranze etniche e del contesto nel quale si trovano ad essere rappresentati ci parlano di un lento, tortuoso e faticoso lavorio dei produttori di notizie alla ricerca di un varco all interno del quale far passare l immagine dell immigrato. Nella più recente rilevazione è evidente che il ruolo della vittima sia stato il più praticato, mentre l aumento dei protagonisti di un azione neutra lascia pensare al raggiungimento di una fase in cui l immigrazione, fenomeno ormai scontato e strutturale in Italia, diventa finalmente questione normale, oggetto di ordinario intervento. Il processo di vittimizzazione attraverso cui è più facile accettare ed accogliere gruppi sociali marginali o subalterni, conosce del resto in Italia 10

13 una lunga tradizione, attraverso le lunghe e sofferte battaglie di genere, attraverso i movimenti di risposta a fenomeni di tossicodipendenza, di devianza e criminalità giovanile, e più recentemente di prostituzione e sfuttamento. La rilevazione del 2002 è coincisa con un acuirsi degli sbarchi di irregolari sulle coste meridionali del Paese. Questi fatti sono stati generalmente molto drammatici, con incidenti, annegamenti, omissioni di soccorso, inadempienze e disfunzioni ad opera dei famigerati responsabili della tratta. In questa congiuntura i clandestini sono stati perlopiù considerati delle vittime e rappresentati come tali. 11

14 3. LE MODALITÀ DI RAPPRESENTAZIONE DEGLI IMMIGRATI Per ricostruire le modalità di rappresentazione degli immigrati da parte dei media, oltre alle caratteristiche strutturali quali le età ed il sesso, all ambito e al ruolo rivestito, è di grande importanza la rilevazione degli elementi salienti che spiccano e vengono immediatamente esplicitati per introdurre l immigrato. Innanzitutto: si parla di persone specifiche, soggetti concreti oppure di gruppi o entità generiche? Nell assoluta maggioranza dei casi, anche se con variazioni fra le due rilevazioni, si fa riferimento a individui specifici: ciò lascia pensare che, come confermato anche da quanto emerge dall analisi degli ambiti e degli argomenti, di immigrati si parla per lo più in relazione a fatti di cronaca, e pertanto a persone. Inoltre, la tematica immigrazione in quanto tale viene affrontata molto raramente e la cosa è provata dal fatto che durante la seconda rilevazione, quando era ancora recente il varo della legge sull immigrazione, il fenomeno immigrazione è stato oggetto di notizia nel 19,5% dei casi, mentre nel 2001 questa modalità non era stata rilevata neanche una sola volta. Nel caso degli immigrati, inoltre, va notata una particolarità, in cui ci si trova di fronte ad uno strano fenomeno di personalizzazione senza la persona, come testimonia in modo piuttosto lampante un altro dato: ben nel 68,2% dei casi nel 2001 e quasi il 76% nel 2002 si designa l immigrato innanzitutto attraverso la descrizione delle caratteristiche etniche o il riferimento al Paese di provenienza, riconducendolo cioè ad una categoria, la nazionalità, in cui l individualità tende a perdersi e il soggetto sembra considerato più come rappresentante di una categoria che come una persona singola (tab. 6). In particolare è consuetudine diffusa citare la nazionalità, usata per definire il soggetto nella maggioranza dei casi (tab. 7). In alternativa a questo esistono tutta una serie di definizioni usate opportunisticamente a seconda della notizia e del clima del momento. Questo spiegherebbe in parte le grandi variazioni nelle definizioni fra la prima e la seconda rilevazione: - mentre nel 2001 ricorrevano più spesso definizioni che facevano riferimento all etnia (19%) ed al luogo di nascita (18%); 12

15 - nel 2002 tendeva ad emergere con decisione la definizione di clandestino (38,5%) in sintonia con i fatti e con le problematiche emergenti al momento della rilevazione. Quello che invece resta stabile attraverso entrambe le due rilevazioni è il pressoché assente la definizione di extracomunitario che nella sua un po ipocrita inconsistenza sembra ormai definitivamente accantonata. Ad una prima lettura si sarebbe tentati di dire che l uso così diffuso del richiamo alla nazionalità rappresenti la tendenza a ricondurre l immigrato alla sua dimensione di straniero, ricollocandolo nel suo Paese di provenienza. D altra parte va notato che è rarissimo se non totalmente assente il ricorso a categorie razziali o appellativi come straniero, immigrato che rischiano tra l altro di essere usati in senso dispregiativo. Quest ultima è un evidenza che introduce ad una riflessione di natura interpretativa generale: se di discriminazione etnica si può parlare nella comunicazione televisiva del nostro Paese, si tratta comunque di una discriminazione non aggressiva, indiretta, di secondo livello, ma che non per questo reclama minor attenzione. 13

16 4. GLI ARGOMENTI AFFRONTATI Se poi si guarda agli argomenti affrontati in televisione quando si parla di immigrati o stranieri, si ha la conferma che il cono di luce loro concesso dal piccolo schermo è decisamente ristretto e ben poco variegato. Nella rilevazione del 2001, l argomento trattato di gran lunga in prevalenza è criminalità/illegalità (56,7%), seguito da lontano dalla voce assistenza/solidarietà (13,4%) e da immigrazione (8,0%). Gli altri argomenti compaiono in misura marginale, specialmente quelli che esulano dalla cronaca o riguardano aspetti meno drammatici e in un certo senso più quotidiani, come lavoro e sport e spettacoli (tab. 9). Nella rilevazione del 2002 assistiamo ad un deciso cambiamento, che sposta l attenzione su altre angolazioni senza però allargare lo scenario: massiccia la presenza dei clandestini (61,9%) che sostituiscono gran parta della voce criminalità mentre un altro 13,3% delle notizie è dedicato alla legislazione sul tema dell immigrazione. Al di là di queste voci molto aggreganti, il resto delle frequenze risulta conteso da tematiche che ricevono scarso peso. Data la nettissima prevalenza tra le unità d analisi di notizie dei telegiornali, e in particolare di notizie di cronaca, l argomento affrontato è, ovviamente, in stretta connessione con gli episodi contingenti. Al di là delle oscillazioni tuttavia, e della numerosità degli argomenti presenti, che di per sé ci raccontano di un fenomeno complesso, pervasivo, trasversale e strutturale anche nel nostro Paese, le frequenze e la loro disomogenea articolazione ci suggeriscono una trattazione a banderuola, coerente più con le mode del momento e le contingenze politiche che con le fenomenologie di fatto molto più stabili e persistenti. Come si può vedere dall articolazione secondo le settimane di rilevazione del 2001, ad esempio, la voce criminalità / illegalità, pur essendo sempre molto utilizzata, conosce un picco (73%) nella seconda settimana di rilevazione, durante il mese di giugno, quando si sono verificati molti fatti di cronaca che vedevano coinvolti immigrati: l uccisione dei propri figli da parte di una donna macedone a Palombara Sabina, una serie di arresti e operazioni di polizia contro l immigrazione clandestina, l intercettazione di una nave carica di clandestini, un operazione contro lo sfruttamento di prostitute nigeriane, il tentativo di rapimento di un bambino su una spiaggia ad opera di una donna brasiliana, l arresto di un clandestino nigeriano che lanciava sassi da un cavalcavia, l uccisione di un senegalese che era intervenuto in difesa di un fornaio da parte di un gruppo di balordi, la fuga di un detenuto peruviano agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico (tab. 9). Analogamente, la voce immigrazione, che ha una media molto bassa nell arco di tutto il periodo di rilevazione (solo l 8%), raggiunge il 35,3% durante la terza settimana: in questo periodo si è verificato un unico fatto di cronaca di rilievo, che vede coinvolto un dodicenne rumeno il quale fugge da un Centro di Accoglienza a cui è stato venduto dai genitori; d altra parte il giorno prima della fine della rilevazione, il Governo presenta la nuova legge in materia di immigrazione. Questa stessa settimana di rilevazione, inoltre, che va dal 23 al 29 di luglio, è anche quella dei fatti di Genova, che indubbiamente hanno monopolizzato l attenzione televisiva. Se si guardano i valori assoluti, infatti, salta agli occhi che le unità di analisi in questo 14

17 periodo sono molto inferiori che nelle altre settimane: 25 contro una media superiore a 100 per le altre quattro. Eppure, come del resto per altre questioni sociali, per esempio quelle legate all ambiente, l immigrazione è un tema che intercetta facilmente due tipi di rappresentazione televisiva: quella legata ai fatti di cronaca e quella legata alle riflessioni di tipo giuridico, etico, sociale, storico ecc. Da questo studio risulta che la televisione appiattisce eccessivamente il tema affrontandolo prevalentemente a partire dalla prima componente. Nell insieme, il quadro che si desume è quello di una scarsa varietà di argomenti trattati, e in un certo senso di un ridotto sfruttamento di sedi teoricamente preposte ad approfondire aspetti non necessariamente attaccati al fatto, al presente, come dibattiti, varietà, rubriche o inchieste, da cui ci si aspetterebbe, a partire da un episodio contingente, un allargamento del tema ai suoi aspetti meno estemporanei. 15

18 5. IL CONTESTO DI APPARTENENZA Se si osserva il contesto entro cui risultano inseriti gli immigrati quando appaiono in televisione, risulta immediatamente evidente che questo è rappresentato sostanzialmente da un lato dalla comunità di appartenenza (30,9%) e dall altro dal mondo criminale (29,1%) (tab. 10). Il quadro è dunque ben chiaro: - da una parte gli immigrati, essendo ricondotti alla comunità di appartenenza, appaiono isolati, relegati ad una sfera separata, suggerendo una contrapposizione di mondi; - d altra parte la continua associazione al mondo criminale alimenta la tendenza già emersa dall analisi degli argomenti a sovrapporre immigrazione e delinquenza. Infine una percentuale non ridotta raccoglie la voce rappresentanti del mondo islamico. Inutile dire che verificando il dato in relazione alla settimana di rilevazione questo 19,4% risulta concentrato dopo l 11 settembre. 16

19 6. LO STILE DI TRATTAZIONE E LO SFONDO EMOTIVO Per valutare lo stile di trattazione tanto delle notizie di telegiornale quanto dei programmi di approfondimento in cui si è parlato di immigrati o di immigrazione si è cercato di evidenziare il registro narrativo prevalente, valutando se ci fosse un esplicito ricorso a stereotipi e se venisse fatto uso di toni sensazionalistici al di là del normale sensazionalismo che caratterizza lo stile televisivo in sé, indipendentemente dall oggetto (tab. 11). In tutti i casi le risposte sono fortemente aggregate: prevale senz altro la modalità descrittiva, a conferma della scarsezza di approfondimento già rilevata e in linea con quanto emerso a proposito della nettissima prevalenza di cronaca, che di per sé richiede questo genere di trattazione; ma anche a dimostrazione della tendenza a non prendere posizione, o almeno non esplicitamente. Ancora una volta, nel confronto fra le rilevazioni 2001 e 2002, si nota una marcata tendenza da interpretarsi innanzi tutto come effetto della contingente situazione da un lato e come affinarsi del modo di trattare la materia immigrazione di fronte all accresciuta dimestichezza con i diversi aspetto del fenomeno. Il tono più politico dei contenuti rilevati nel 2002 rispetto all appiattimento sulla cronaca del 2001 accentua le sfumature di denuncia, commento e interpretazione rispetto ad una piana descrizione dei fatti. Fatti che sono adesso evidentemente più letti e spiegati in modo funzionale ad un dibattito e a un iter legislativo che il Paese stava contemporaneamente compiendo. La macchina dei media si è così attivata per svolgere la propria naturale funzione di cerniera fra la lettura della realtà e la costruzione di una reazione coerente da parte delle varie componenti del corpo sociale. Anche se, paradossalmente, il ricorso agli stereotipi non sembra essersi ridimensionato e ha continuato a costruire anche e forse più in questo caso la grammatica prevalente della narrazione mediatica. Ancora una volta, tuttavia, tale attenzione risulta di fatto contrastata da tendenze stilistiche solo apparentemente neutre ma che in realtà possono rivelarsi variabili fortemente attive, come il fatto di alludere alla nazionalità o alla provenienza della persona immigrata come unico elemento 17

20 di identificazione ( albanese uccide è un esempio tipico). Casi simili che risultavano una minoranza nella rilevazione del 2001 (26,9% contro il 73,1% in cui vi si allude come ad una caratteristica tra le altre), diventano maggioritari nella rilevazione del 2002 (il riferimento all etnia o nazionalità è l unico elemento di identificazione nel 51,4% ei casi), dove la matrice politica della trattazione a cui si è già accennato assume particolare rilievo se si considerano le conseguenze di questo modo di presentare le persone in termini di produzione di stereotipi, facili associazioni e generalizzazioni (tab. 12). Si è provato, infine, a vedere se e in che misura fosse data voce agli immigrati e dunque offerta loro l opportunità di esprimersi in prima persona su ciò che li riguarda direttamente. Questa opportunità è risultata molto ridotta: la maggior parte delle volte, 63,3% nel 2001 e 64,9% nel 2002, gli immigrati sono solo citati, mentre sono intervistati direttamente o consultati il 23,5% delle volte nel 2001 ed nel 26,8% dei casi nel Bassa la percentuale di volte in cui un immigrato è stato consultato in qualità di esperto. Questo limitato accesso diretto da parte degli immigrati alla produzione delle informazioni si dimostra una tendenza particolarmente stabile fra le due rilevazioni a fronte di variazioni anche significative di altri ambiti (tab. 13). 18

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO SINTESI L Indagine sull associazionismo del volontariato culturale è una

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

La televisione del dolore

La televisione del dolore La televisione del dolore 2 INTRODUZIONE E OBIETTIVI 3 INTRODUZIONE: OGGETTO E CAMPIONE La ricerca si è posta come obiettivo di indagare la rappresentazione di casi di cronaca nera e giudiziaria (omicidi,

Dettagli

" Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale"

 Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Punto della Rete informativa per

Dettagli

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale Settore Polizia Municipale e Politiche per la Legalità e le Sicurezze Settore Direzione Generale Ufficio organizzazione, qualità e ricerche La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

Dettagli

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Progetto N. 280-2014 Novembre 2014 METODOLOGIA L indagine è stata realizzata dal 5 al 12 Novembre

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA PRIMARIA

LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA DON ANDREA SANTORO Via G. Matteotti, 24 04015 Priverno (LT) 0773 905266 ltee08000q@istruzione.it www.1circolo.priverno.lt.it ANNO SCOLASTICO 2010/2011 LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Requisiti per la stesura di un buon questionario

Requisiti per la stesura di un buon questionario Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2005-2006 Requisiti per la stesura di un buon questionario Alessandro Lubisco Requisiti per la stesura di un buon questionario Esperienza del ricercatore Conoscenza

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

COME GIRA IL FUMO SCHEDA LIBRO PER GLI INSEGNANTI

COME GIRA IL FUMO SCHEDA LIBRO PER GLI INSEGNANTI COME GIRA IL FUMO Parole e fatti per capire e affrontare le droghe SCHEDA LIBRO PER GLI INSEGNANTI A tutti gli insegnanti della scuola media e secondaria superiore suggeriamo di leggere Come gira il fumo

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Progetto: Educazione a colori

Progetto: Educazione a colori Progetto: Educazione a colori Cammino tra identità, intercultura e pace per i bambini della scuola primaria ed i preadolescenti della scuola secondaria di primo grado 1 Camminando si apre il cammino, non

Dettagli

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE SEMINARIO FORMATIVO LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE dedicato al personale del Dipartimento della Protezione Civile e delle altre componenti del Sistema Nazionale Linee

Dettagli

I questionari degli operatori Report di analisi

I questionari degli operatori Report di analisi I questionari degli operatori Report di analisi Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Scambio interregionale fra le Regioni Toscana, Marche e Umbria Regione

Dettagli

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014 Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea Novembre 2013 Aprile 2014 Indice Report e analisi dei dati... 3 La rilevazione presso gli Uffici Cittadinanza

Dettagli

Rapporto Censis/ucsi Sulla comunicazione in Italia Linee guida per la seconda annualità del progetto (2002)

Rapporto Censis/ucsi Sulla comunicazione in Italia Linee guida per la seconda annualità del progetto (2002) Rapporto Censis/ucsi Sulla comunicazione in Italia Linee guida per la seconda annualità del progetto (2002) Gli italiani e l uso dei media cinque gruppi e undici tribù In collaborazione con Mediaset Mondadori

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

VERSO UN NUOVO RAPPORTO FRA TERZO SETTORE E SISTEMA DEI MEDIA

VERSO UN NUOVO RAPPORTO FRA TERZO SETTORE E SISTEMA DEI MEDIA VERSO UN NUOVO RAPPORTO FRA TERZO SETTORE E SISTEMA DEI MEDIA Alcune riflessioni derivate dalla mia esperienza double face: quella professionale e quella di volontario,come dirigente delle Acli e del Forum

Dettagli

Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo

Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo La Commissione parlamentare per l indirizzo generale e la vigilanza

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma)

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Renato Frisanco (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Vorrei portare un contributo come ricercatore. Avendo coordinato alcune indagini sul volontariato di settore

Dettagli

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 Anche quest anno AstraRicerche ha elaborato tutte le informazioni riferite alle ben 106.556

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE Assessorato alle Politiche Giovanili, Politiche Sociali ed Immigrazione, Promozione del Volontariato ed dell'associazionismo, Politiche della disabilità, Politiche di Pace e Legalità LE FAMIGLIE RESIDENTI

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca PSYLAZIO.AOO1.REGISTRO UFFICIALE.0004537.28-06-2011 Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca A cura dell Ordine degli Psicologi

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA FACOLTÀ DI LINGUA E CULTURA ITALIANA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA E I MEDIA DUE UOMINI E QUATTRO STRANIERI MEDIA E IMMIGRAZIONE

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: Legami: la famiglia come risorsa

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: Legami: la famiglia come risorsa C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: Legami: la famiglia come risorsa 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

ASS.INMEDIA ONLUS. Anno scolastico 2013/2014. Proponente:

ASS.INMEDIA ONLUS. Anno scolastico 2013/2014. Proponente: ASS.INMEDIA ONLUS Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it PREMESSA E MOTIVAZIONI

Dettagli

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 INFANZIA E GIOVANI Open Group Lab Open Group Riferimenti e contatti Cittadinanza è il contenitore comune a tutte le nostre proposte. I nostri laboratori hanno come obiettivo

Dettagli

C O M U N E DI B E L L E GRA

C O M U N E DI B E L L E GRA C O M U N E DI B E L L E GRA PROVINCIA DI ROMA Piazza del Municipio, 6 C.A.P. 00030. C.F.02850300589- P.IVA 01125571008 TEL. 06/9561801 e- mail comunebellegra@gmail.com (scheda B ) PARTE SECONDA DATI DEL

Dettagli

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Marzo 2013 Bozza 11/07/2013 Introduzione... 1 Metodi... 1 Risultati... 1 Discussione... 5 Conclusioni... 6 Introduzione Nell ottobre 2012, in seguito ad un

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE FRONTESPIZIO INDICE ABSTRACT DI CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

TELEFONO AMICO ITALIA. i risultati dell analisi scientifica di 108.616 telefonate dei volontari in ascolto di chi si è rivolto a loro nell ultimo anno

TELEFONO AMICO ITALIA. i risultati dell analisi scientifica di 108.616 telefonate dei volontari in ascolto di chi si è rivolto a loro nell ultimo anno TELEFONO AMICO ITALIA i risultati dell analisi scientifica di 108.616 telefonate dei volontari in ascolto di chi si è rivolto a loro nell ultimo anno TelefonoAMICOItalia è una associazione di volontariato

Dettagli

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti.

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. 3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. Per meglio esaminare i caratteri che contraddistinguono la piccola impresa come soggetto economico si sono prese in esame due

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

Anno XI Numero 1 Settembre/Ottobre 2014 IL LAVORO CHE A BARI NON C E : GLI UNDER 30 ISCRITTI AL CENTRO PER L IMPIEGO

Anno XI Numero 1 Settembre/Ottobre 2014 IL LAVORO CHE A BARI NON C E : GLI UNDER 30 ISCRITTI AL CENTRO PER L IMPIEGO Anno XI Numero 1 Settembre/Ottobre 2014 IL LAVORO CHE A BARI NON C E : GLI UNDER 30 ISCRITTI AL CENTRO PER L IMPIEGO E noto che il problema del lavoro giovanile costituisce da decenni uno dei nodi più

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa L esperienza dei laboratori della partecipazione democratica è partita a febbraio e si è conclusa

Dettagli

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione Disabilità Promozione e Comunità Disagio adulto Minori PIANO D AMBITO Povertà Immigrati Anziani Pagina 1 AREE TRASVERSALI La Città del Benessere Lavorare in maniera intersettoriale, coinvolgendo le diverse

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE

SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 PREMESSA La complessità della realtà sociale e culturale in cui la scuola opera

Dettagli

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

Monitoraggio della figura femminile nei programmi RAI Rilevazione annuale 2014 Sintesi dei principali risultati

Monitoraggio della figura femminile nei programmi RAI Rilevazione annuale 2014 Sintesi dei principali risultati Monitoraggio della figura femminile nei programmi RAI Rilevazione annuale 2014 Sintesi dei principali risultati Premessa L indagine, commissionata all Osservatorio di Pavia a seguito di procedura di gara,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Pari opportunità nei media

Pari opportunità nei media Immagine Comune di Ravenna Pari opportunità nei media Mussi bollini Presidente Commissione Pari Opportunità RAI Vice Direttore RAI Ragazzi La comunicazione televisiva può influenzare ciò che accade nella

Dettagli

Il colloquio psicologico

Il colloquio psicologico Il colloquio psicologico Nel colloquio psicologico, a fronte di un soggetto che propone un immagine di se stesso, fornisce informazioni, esprime sentimenti e opinioni, o implicitamente una richiesta di

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte valutazioni e proposte FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. ANALISI CRITICA DELLE NORME Tra le principali innovazioni portate dal decreto

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 LA RICERCA È la prima indagine finalizzata alla raccolta di esperienze e percezioni sul rapporto complesso fra società, lavoro e malattia mentale, condotta in provincia

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

TELEFONO ROSA DI TORINO Via Assietta 13/a - 10128 Torino Tel. 011.530666 - Fax 011.549184 http: www.mandragola.com/tel_rosa e.mail: tel_rosa@show.

TELEFONO ROSA DI TORINO Via Assietta 13/a - 10128 Torino Tel. 011.530666 - Fax 011.549184 http: www.mandragola.com/tel_rosa e.mail: tel_rosa@show. TELEFONO ROSA DI TORINO Via Assietta 13/a - 10128 Torino Tel. 011.530666 - Fax 011.549184 http: www.mandragola.com/tel_rosa e.mail: tel_rosa@show.it PRESENTAZIONE Nel corso della 3 giorni del volontariato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES TRACES è un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Commissione Europea che studia il rapporto tra ricerca

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SUI MEDIA

LA SICUREZZA STRADALE SUI MEDIA Per INDAGINE COMMISSIONATA DA TIM A VIDIERRE LA SICUREZZA STRADALE SUI MEDIA Strumento di ricerca: WOSM WORLD OPEN SOURCE MONITORING by Vidierre Periodo di indagine: 01/01/2014 31/08/2014 Aree geografiche

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli