PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E GESTIONE DEI RISCHI ISTITUZIONALI. Programma strategico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E GESTIONE DEI RISCHI ISTITUZIONALI. Programma strategico"

Transcript

1 PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E GESTIONE DEI RISCHI ISTITUZIONALI Programma strategico 11 marzo

2 Sommario 1. Introduzione La L. 190/2012 e il fenomeno della corruzione Le sfide organizzative dell implementazione delle misure anticorruzione... 7 A. Rischio adempimento... 7 B. Il rischio di Add on... 8 C. Il rischio di polifonia regolamentare La proposta formativa della SSPA A. Introduzione B. Obiettivi C. Destinatari D. Le modalità di formazione previste E. Le aree di formazione previste

3 1. Introduzione La pubblica amministrazione, in questo grave periodo di crisi che il Paese sta attraversando, è obbligata alla costante ricerca di un delicato equilibrio tra la necessità di risparmiare e l obbligo di fungere da motore della ripresa. Tale situazione ha riproposto con forza il bisogno di ripensare in modo sistemico la questione corruzione. Questo bisogno è reso urgente, altresì, dalla portata e dalla diffusione dei fenomeni corruttivi nel nostro Paese che ha fatto precipitare l Italia al 72 posto (su 174) nella statistica che misura la percezione della corruzione redatta annualmente da Trasparency International. La comparazione internazionale dipinge un quadro a dir poco allarmante, rispetto al 2011 sono state perse 3 posizioni, in poco più di 15 anni ben 39 Paesi ci hanno scavalcato nella classifica generale. Di fronte a questi dati di realtà, il legislatore ha ridefinito il quadro complessivo della prevenzione e della repressione della corruzione, promulgando la Legge 190/2012. Questa norma chiama la SSPA a svolgere un ruolo importante nella formazione dei dipendenti pubblici e nella diffusione della cultura della legalità nelle pubbliche amministrazioni. La Scuola risponde a questa chiamata predisponendo il Piano strategico Prevenzione della corruzione e gestione dei rischi istituzionali, che intende fornire una risposta rapida e operativa alla diversità dei bisogni formativi derivanti dalla norma, e che funge anche da catalizzatore degli sforzi di analisi e ricerca sul fenomeno della corruzione e sulle risposte organizzative efficaci. 3

4 2. La L. 190/2012 e il fenomeno della corruzione Tra le più importanti innovazioni introdotte dalla L. 190/2012, vi è sicuramente quella di affiancare all azione repressiva (tipica dell impianto normativo precedente) un azione mirata a prevenire le cause della corruzione. Non a caso, la legge è intitolata Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione. Ma cosa si intende per corruzione? Risulta fondamentale per cercare risposte credibili inquadrare correttamente il fenomeno. In termini generali, la corruzione può essere definita come una forma di comportamento che viola i principi etici del servizio pubblico. In letteratura, una delle definizioni maggiormente utilizzate è quella di Nye che definisce la corruzione come un comportamento che si discosta dai compiti formali del ruolo pubblico a causa di interessi privati (personali, di un parente, di un gruppo organizzato) che comportano profitti monetari o di status 1. Tale definizione è stata succintamente riportata da Rose-Ackerman come l uso improprio dell ufficio pubblico per interessi privati 2. La corruzione, secondo Barker and Carter 3, è caratterizzata da tre elementi: (1) violazione di leggi, regole, regolamenti o standard etici; (2) uso improprio della posizione di funzionario pubblico; (3) accettazione di profitti materiali e no, reali o presunti. A prescindere dalla forma in cui si manifesta, la corruzione danneggia la prestazione del servizio pubblico e riduce il senso di soddisfazione della comunità (degli utenti ) verso lo stesso. In altre parole, la corruzione è il sintomo che qualcosa è andato storto nella gestione dello Stato 4. La definizione maggiormente condivisa e utilizzata a livello internazionale è quella del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo che definisce la corruzione come l uso improprio del potere affidato dalle Istituzioni per interessi personali 5. È importante sottolineare come la corruzione non si manifesti in una forma singola. Al contrario può essere considerata un fenomeno che racchiude varie forme 6 o, come altri autori lo hanno 1 Nye, J.S. (1967/2002) Corruption and political development: A cost benefit analysis. in: Heidenheimer AJ and Johnston M (eds) Political Corruption: Concepts and Contexts. New Brunswick, NJ: Transaction Publishers, Rose-Ackerman, S. (2008) Corruption. In: Rowley CK and Schneider FG (eds) Readings in Public Choice and Constitutional Political Economy. New York: Springer, Barker, T. and Carter, D.L. (1994) Police Deviance (3rd edn). Cincinnati, OH: Anderson. 4 Rose-Ackerman, S. (1999) Corruption and Government: Causes, Consequences, and Reform. New York: Cambridge University Press Gorta, A. (1998) Minimising Corruption Some Lessons from the Literature ICAC Sydney. 4

5 definito, varie sindromi 7 di comportamento che hanno in comune la rottura di una relazione di fiducia che danneggia una specifica istituzione storica o sociale 8. Convenzionalmente, l istituzione in questione è il Governo o, più specificatamente, la pubblica amministrazione. Tornando alle novità della normativa, gli strumenti messi a disposizione delle pubbliche amministrazioni dal legislatore per arginare il fenomeno corruttivo sono diversi. Si può certamente sottolineare un nuovo ruolo centrale assegnato al codice etico, definito di comportamento dal legislatore, quale strumento di integrity management, per la prevenzione e il contrasto della corruzione. Infatti, i codici etici cercano di promuovere standard di correttezza più elevati di quelli sanciti dalle norme penali e da altre disposizioni normative. In chiave di prevenzione rafforzando le barriere morali, la dignità del ruolo pubblico, il senso dello Stato dei funzionari, per accrescere avversione morale e stigma sociale alla corruzione; in chiave di repressione applicando invece sanzioni (di natura disciplinare, etc.) in caso di inadempimento, con una funzione deterrente. L esperienza italiana a riguardo è stata finora poco incisiva, introdotti fin dal 1994 hanno poi trovato una piena legittimazione con il D.lgs 165/2001 che, all art. 54 recita: il Dipartimento della funzione pubblica [ ] definisce un codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni. La violazione dei codici può avere rilievo sul piano della responsabilità disciplinare, in base ai contratti collettivi (art. 55: la tipologia delle infrazioni e delle relative sanzioni è definita dai contratti collettivi ). Il codice era consegnato al dipendente al momento dell assunzione. L art.1, comma 44 della L.190/2012 (Codice di comportamento) riporta che il Governo definisce un codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni al fine di assicurare la qualità dei servizi, la prevenzione dei fenomeni di corruzione, il rispetto dei doveri costituzionali di diligenza, lealtà, imparzialità e servizio esclusivo alla cura dell'interesse pubblico. Di particolare interesse è proprio il processo di adozione dei nuovi Codici, definibile come un modello a cascata, dall alto verso il basso, in cui le amministrazioni potranno definire, con procedura aperta alla partecipazione di tutti gli interlocutori (interni ed esterni all amministrazione) e previo parere obbligatorio del proprio organismo indipendente di valutazione, un proprio codice di comportamento che integra e specifica il 7 Johnston, M Syndromes of Corruption: wealth, power and democracy, Cambridge University Press Cambridge 8 Miller, S., Roberts, P. e Spence, E. (2005) Corruption and Anti-corruption: an applied philosophical approach, Pearson Prentice Hall, New Jersey 5

6 codice di comportamento generale approvato con decreto P.d.R. dietro deliberazione del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro della pubblica amministrazione (previa intesa con la Conferenza unificata). La definizione di un chiaro e definito quadro normativo e comportamentale porterà così i funzionari pubblici in una situazione per cui, da un lato acquisiscono le conoscenze e competenze necessarie ad agire in funzioni e situazioni particolarmente esposte, dall altro possiedono un quadro di riferimento certo e condiviso che li tutela. Una menzione particolare la merita sicuramente l introduzione di un sistema di allocazione/esenzione di responsabilità, per molti versi, analogo (seppure diverso) a quello della responsabilità delle persone giuridiche previsto dal D.lgs n. 231 del Con la nuova disciplina anticorruzione, anche nel settore pubblico (come in quello privato) diventa essenziale prevenire la c.d. irresponsabilità organizzata (o colpa di organizzazione). L individuazione di una figura responsabile della prevenzione, tra le altre, svolgerà anche una funzione di impulso all attività amministrativa che presuppone: i) la trasparenza nell organizzazione amministrativa, con evidenza delle responsabilità per procedimento, processo e prodotto; ii) il coordinamento tra le unità organizzative e la loro conformità all input ricevuto dal responsabile. Come lo si evince anche dai lavori della Commissione di studio sulla trasparenza e la prevenzione della corruzione nella pubblica amministrazione, l approccio sistemico al fenomeno della corruzione tende ad incentrarsi sull inserimento di un sistema di gestione del rischio, ovvero uno strumento di natura aziendale che solo recentemente viene inserito nelle realtà organizzative pubbliche. Paradossalmente, quando si parla di gestione del rischio, le esperienze sia nel settore privato sia nel settore pubblico, dimostrano che esiste anche il rischio della gestione del rischio, dove la qualità delle regole svolge una parte minima rispetto alla qualità della loro implementazione ed assimilazione nelle dinamiche organizzative. 6

7 3. Le sfide organizzative dell implementazione delle misure anticorruzione Come qualsiasi intervento normativo volto ad incidere non solo sui sistemi, ma anche sulla cultura delle organizzazioni pubbliche, le disposizioni della L. 190/2012 necessitano di una profonda riflessione sulle ricadute a breve, medio e lungo periodo. In questa parte si profilano le tre principali sfide, fortemente collegate tra di loro, che si presentano alle organizzazioni pubbliche nell implementazione della L.190/2012: il rischio di adempimento, il rischio di Add on e, infine, il rischio di polifonia. A. Rischio adempimento Le disposizioni e le tempistiche della L.190/2012 impongono una pronta risposta delle amministrazioni, in particolare per quanto riguarda la nomina del responsabile anticorruzione e la definizione del primo piano anticorruzione. La scarsa conoscenza dei sistemi di gestione del rischio, in questo contesto, tenderà, nella maggior parte dei casi, a favorire un approccio adempitivo per quanto riguarda le scadenze di norma. Se questo sistema ha il vantaggio di mantenere alta la pressione sui risultati, vi è comunque il rischio che la portata culturale di tale intervento normativo venga ridimensionata dalle organizzazioni stesse. Due sono i punti che possono aiutare, a medio termine, a conservare e promuovere questa dinamica culturale: Il primo è di iscrivere proprio il percorso di prevenzione e repressione della corruzione in una logica di apprendimento organizzativo, utilizzando il sistema dei piani anticorruzione non solo come requisito, ma anche come strumento di pianificazione di questo apprendimento. Il secondo è di ampliare progressivamente il concetto di gestione del rischio non solo al fenomeno di corruzione ma, in senso lato, al rischio istituzionale che vede corruzione, trasparenza e performance collegati fra di loro. In questo senso il legislatore fornisce un supporto importante, nella misura in cui la L.190/2012 prevede il riordino della disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, da parte delle pubbliche amministrazioni. Recentemente il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva, su proposta del Ministro della pubblica amministrazione e la semplificazione, il decreto di riordino, favorendo, già dal primo anno, un raccordo tra questi due temi (corruzione e trasparenza). 7

8 B. Il rischio di Add on In un contesto dove le principali regole di funzionamento dell organizzazione pubblica hanno subito importanti modifiche (performance, bilancio, trasparenza, diritto d accesso) che, ad oggi e salvo rare eccezioni, non hanno prodotto un risultato tangibile, il rischio di adempimento è favorito dal rischio di Add-on 9. Questo fenomeno si caratterizza per la semplice aggiunta di una procedura, il che porta nell organizzazione la coesistenza, a compartimenti stagni, di vari sistemi di pianificazione, gestione e controllo. Questi sistemi intercettano solo una parte delle dinamiche organizzative ma non forniscono, da soli, un efficace supporto strategico alla gestione dell organizzazione e, in particolare, al delicato equilibrio tra efficienza ed efficacia. Il rischio principale collegato al Add-on è che il dialogo avvenga a consuntivo e solo ai fini della rendicontazione esterna, il che rende molto difficile qualsiasi logica di apprendimento. A questo fine, un ragionamento organizzativo va fatto sulla capitalizzazione dei lavori preparatori e di precedenti requisiti di norma che forniscono una prima memoria organizzativa, in particolare nell ambito dell accesso agli atti (elenco dei processi), della performance (dimensioni di performance collegate alla riorganizzazione e alla qualità dei servizi) e della trasparenza e dell integrità (piani della trasparenza e relativi progetti). C. Il rischio di polifonia regolamentare La L.190/2012, così come le altre disposizioni normative su trasparenza, performance e accesso agli atti, indicano una serie di attori organizzativi (figure dei responsabili, OIV) e Istituzionali (Dipartimento Funzione Pubblica, CiVIT, Corte dei Conti) e una serie di responsabilità e compiti che implicano uno stretto coordinamento. Alla L.190/2012 seguiranno una serie di circolari, delibere, regolamenti emanati da vari soggetti, che rischiano di produrre un effetto di saturazione per gli operatori, fenomeno riscontrabile in varie esperienze sia pubbliche (per esempio sistemi di performance e bilancio) che private. 9 Arena, M., Arnaboldi, M., Azzone, G. (2010). The organizational dynamics of Enterprise Risk Management Accounting. Organizations and Society, 35:

9 Mentre la polifonia organizzativa può generare confronto ed apprendimento, quella regolamentare porta in sé, a prescindere dalla qualità dei singoli provvedimenti, il rischio di generare effetti perversi nell attuazione delle norme anticorruzione. I fenomeni più diffusi sono rappresentati in letteratura dai termini defense strategy ed exit strategy 10 e portano sostanzialmente sia ad un atteggiamento adempitivo, sia ad un ulteriore proliferazione di regole che rende arduo, se non impossibile, l identificazione di precise responsabilità. 10 Power, M. (2004). The risk management of everything. London: Demos. 9

10 4. La proposta formativa della SSPA A. Introduzione Come detto prima, le recenti evoluzioni normative atte a prevenire e contrastare i fenomeni di corruzione nella Pubblica Amministrazione pongono le organizzazioni di fronte ad una necessità di assimilare concetti, procedure, sistemi organizzativi e culture lavorative nuove. In questo contesto, la SSPA è chiamata, nell ambito delle disposizioni normative contenute nella L.190/2012, a svolgere un ruolo importante di impulso e diffusione sia delle competenze necessarie allo sviluppo della prevenzione e gestione del rischio, sia alla sensibilizzazione dei dipendenti pubblici sui temi della legalità. La SSPA è chiamata, altresì, a svolgere un ruolo centrale nella prevenzione e la lotta alla corruzione, come si evince dalle disposizioni della Legge 190 del Queste evoluzioni sviluppano due fronti sui quali la Scuola intende fornire un supporto formativo: il fronte dell organizzazione ed il fronte degli individui. In questa prospettiva, l acquisizione da parte dei dirigenti pubblici - ma, si può aggiungere, di tutti coloro che sono investiti di funzioni gestionali di particolare responsabilità - di robuste competenze che consentono di favorire l assimilazione delle procedure di prevenzione e lotta alla corruzione in un più ampio spettro che investe l insieme della gestione dei rischi. A livello organizzativo, appare essenziale dare supporto alle organizzazioni per favorire una gestione attiva delle disposizioni normative, nella misura in cui gli oneri di informazione e di ridefinizione dei processi può, e deve, trovare una collocazione in seno ai processi di pianificazione e gestione della performance e della trasparenza. Risulta perciò fondamentale la definizione di percorsi formativi atti a sviluppare le competenze individuali, ma anche la capacità delle organizzazioni ad assimilare una nuova cultura della legalità che consente, sia nei casi particolari, sia nella quotidianità dei processi amministrativi, una pronta ed efficace risposta all emergenza dei fenomeni di corruzione. B. Obiettivi Il programma strategico d intervento della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione ha quindi l obiettivo di formare i dipendenti della pubblica amministrazione sul sistema delle politiche, dei programmi e degli strumenti utilizzati per 10

11 affrontare il complesso tema della corruzione all interno della pubblica amministrazione. Nello specifico, la Scuola, nell ambito dei compiti ad essa delegati in materia di formazione dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni statali quale strumento di prevenzione del fenomeno della corruzione, propone un programma strategico di intervento da attuarsi agendo simultaneamente su varie dimensioni istituzionali, organizzative e individuali. Per questo, le logiche e i concetti teorici rilevanti per l analisi e la gestione del rischio di corruzione verranno affrontati a livello di sistema paese (politiche e programmi), aziende (sistemi di operativi di gestione), persone (politiche di gestione), modulando la scelta e l approfondimento dei contenuti in funzione di fabbisogni formativi specifici delle amministrazione coinvolte e, quindi, in ultima istanza degli attori organizzativi a vario titolo interessati. Nel suo complesso, il piano strategico di intervento della Scuola offre uno schema integrato per leggere le condizioni di una efficace prevenzione e gestione del rischio corruttivo evidenziando, quindi, spazi e modalità per un loro costante aggiornamento. Il piano costituisce una base per la predisposizione di attività formative da parte della Scuola e per la definizione di specifici percorsi formativi, da realizzare sulla base di intese con le amministrazioni interessate. C. Destinatari L attività di formazione è rivolta a tutti i dirigenti e funzionari dell amministrazione statale, e in particolare a quelli che ricoprono ruoli di responsabilità nella definizione e implementazione di politiche e sistemi di prevenzione e gestione del rischio di corruzione, siano essi da applicare a livello di governo e amministrazioni centrali dello Stato, così come a livello di enti e amministrazioni pubbliche locali. Il piano strategico d intervento si compone quindi di percorsi formativi differenziati per contenuti e livello di approfondimento in relazione al ruolo che il dipendente pubblico è chiamato ad assumere in quanto attore del sistema di prevenzione del rischio corruttivo. In particolare, il programma strategico di intervento della Scuola si compone di interventi e corsi di formazione specificatamente dedicati a tre distinti gruppi di utenti: A. Dipendenti pubblici indirettamente interessati alla prevenzione del rischio di corruzione a. Dirigenti e personale responsabile di unità organizzativa (DPR) b. Personale della pubblica amministrazione (PPA) 11

12 B. Dipendenti pubblici direttamente collegati alla prevenzione del rischio di corruzione a. Responsabili dei piani di trasparenza (RPT) b. Responsabili dei sistemi di controlli interno (RSI) c. Membri degli Organismi indipendenti di valutazione (OIV) C. Dipendenti pubblici direttamente coinvolti nella prevenzione del rischio di corruzione: a. Responsabili dei piani di corruzione (RPC) b. Dirigenti responsabili di unità organizzativa ad alto rischio di corruzione (DARC) c. Personale operativo in unità organizzativa ad alto rischio di corruzione (PARC) D. Le modalità di formazione previste Al fine di massimizzare l efficienza e l efficacia dell azione formativa, gli interventi saranno calibrati in funzione sia del fabbisogno (priorità) di formazione espressi o atteso, sia della disponibilità di tempo che i singoli gruppi di utenza potranno oggettivamente dedicare all attività formativa in esame. Per questo, il piano di formazione della Scuola prevede tre distinte e complementari tipologie di intervento: a) Workshop informativi (wi), di durata al massimo giornaliera, tipicamente dedicati a fornire un quadro di sintesi delle problematiche affrontate. La natura strettamente informativa del workshop prevede in particolare l ascolto di testimonianze privilegiate, del settore pubblico e privato, da parte di gruppi di partecipanti anche superiore alle 50 unità. b) Seminari di approfondimento (sa), di durata al massimo giornaliera, tipicamente dedicati ad un aggiornamento professionale inerente le tematiche affrontate. La natura informativa e formativa del seminario prevede in particolare l analisi e valutazione di problematiche concrete, anche attraverso lo studio e la presentazione di politiche, casi e pratiche aziendali, siano esse del settore pubblico o privato. I seminari sono orientativamente rivolti a gruppi di partecipanti non superiori alle 50 unità. c) Attività didattica (ad), di durata non predefinita, tipicamente dedicata all analisi e all approfondimento di temi e problematiche puntuali legati alla gestione del rischio di corruzione, alternando momenti di formazione frontale con fasi di 12

13 discussione di casi ed esperienze concrete, siano esse del settore pubblico o privato. Sono altresì previste azioni articolate in modalità blended, costituite quindi di una parte di didattica a distanza, attraverso la piattaforma e-learning e una parte in presenza. Sono altresì previste testimonianze dirette di chi ha condotto e/o sta conducendo progetti di gestione del rischio di corruzione. E. Le aree di formazione previste AREA 1: POLITICHE INTERNAZIONALI DI PREVENZIONE DEL RISCHIO CORRUTTIVO E MODELLI DI GOVERNANCE Questo primo intervento vuole fornire un inquadramento del problema della corruzione a livello internazionale. Dopo una rappresentazione delle dimensioni e dei costi del fenomeno a livello internazionale, viene offerta una sintesi delle politiche di contrasto fino ad ora pratiche o annunciate. Sono quindi presentati obiettivi e funzioni dei principali organismi e gruppi internazionali intervenuti in materia. Questa prima area di formazione prevede altresì la presentazione di documenti, protocolli e linee guida elaborate e siglate dai differenti governi nazionali. Saranno quindi presentate e poste a confronto le scelte operate dai diversi Paesi circa funzioni e ruoli delle varie Istituzioni nazionali preposti alla misurazione e controllo del fenomeno corruttivo, nonché le politiche adottate a supporto delle singole amministrazione nell efficace gestione del fenomeno corruttivo. AREA 2: ASPETTI NORMATIVI E PRIME DISPOSIZIONI TECNICHE ED ORGANIZZATIVE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE ANTICORRUZIONE Questa seconda area di intervento ha lo scopo di contribuire alla puntale disamina del sistema delle norme che direttamente o indirettamente attengono alla problematiche della prevenzione e gestione del fenomeno corruttivo. Saranno quindi affrontate le questioni operative riguardanti l implementazione delle disposizioni normative, attraverso un confronto con esperti del DFP e della CiVIT. In particolare, si tratterà di confrontare e di integrare le disposizioni in materia di corruzione con disposizioni analoghe rispetto alla trasparenza e alla performance, prendendo in esame le diverse forme di responsabilità (dirigenziale e disciplinare). AREA 3: MODELLI E SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE Questa area di intervento è dedicata alla presentazione ed analisi dei metodi di rilevazione e misurazione della corruzione, nonché la costituzione di adeguati assetti gestionali, ispirati a modelli di risk management, già applicati in contesti pubblici e privati. In 13

14 particolare, verranno presentati e discussi i diversi standard di enterprise risk management (ERM) e di integrity risk managment (IRM) conosciuti in campo internazionale, ivi inclusi modelli e approcci per una loro efficace introduzione in contesti tipici della amministrazione pubblica. Una sezione formativa specifica, sarà quindi dedicata all analisi di meccanismi e procedure per prevenire e contrastare un potenziale fenomeno corruttivo, analizzando in particolare i differenti sistemi di organizzazione dei processi e del lavoro, di controllo, rendicontazione e trasparenza dell azione amministrativa. AREA 4: POLITICHE DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E SVILUPPO DELLA INTEGRITÀ DEL PERSONALE Questa area di intervento formativo è dedicata all analisi delle politiche di direzione e sviluppo del personale che le amministrazioni statali possono adottare per lo sviluppo della integrità delle risorse umane in esse impiegate, rendendole parte attiva nella identificazione dei fattori di rischio e dei rimedi per contrastare l affermazione del fenomeno corruttivo. Saranno in questo quadro discusse le scelte in materia di reclutamento, selezione, aggiornamento e specializzazione del personale, avendo particolare riguardo a coloro che operano nei settori più esposti al rischio corruzione. Con riferimento alla gestione del personale, specifica attenzione verrà dedicata alla composizione delle commissioni di concorso, alle modalità di selezione del personale con contratto di lavoro flessibile e al reclutamento della dirigenza. AREA 5: PRATICHE MANAGERIALI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE Questa sezione intende svilupparsi attorno a due-tre tematiche specifiche e trasversali che consentono di rendere operativi i manuali di prevenzione e gestione del rischio che la Scuola predisporrà in cooperazione con i soggetti interessati (CiVIT, Amministrazioni, ecc.) In particolare potranno essere trattati, anche attraverso l'esame di casi concreti, i seguenti aspetti: Appalti pubblici Procedimenti di autorizzazione e di concessione Attività ispettiva Reclutamento Integrazione al ciclo di performance Trasparenza Sanzioni e Whistleblowing 14

Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione

Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione 15 aprile 2015 A cura della Dott.ssa Giuseppina Massara SOMMARIO cos è la c.d. «Legge Anticorruzione»;

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Piano per la formazione del personale dell Università degli Studi di Firenze nell ambito della prevenzione della corruzione Anni 2013-2015 PIANO PER LA FORMAZIONE DEL

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ L11-1 1 Comunità Montana VALLI ORCO E SOANA AGENZIA di SVILUPPO del TERRITORIO (Art. 9-ter L.R. n. 16/99) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Via Torino, 17 10080 Locana (TO) Tel 012483136

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015 Indice: Premessa pag. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune pag. 3 2.

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario

Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario Piano Triennale Trasparenza ed Integrità 2014 2016 Pagina 1 di pagine 19 Premessa La legge 6 novembre 2012, n. 190, di seguito legge, ha introdotto per

Dettagli

Piano Formativo Anticorruzione 2014-2016

Piano Formativo Anticorruzione 2014-2016 Piano Formativo Anticorruzione 2014-2016 Sommario 1 Gli Obiettivi del Piano della Formazione sull'anticorruzione... 3 1.1 Ambito di Applicazione.... 3 2 Quadro normativo Piano Formazione Anticorruzione...

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI

PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014 Area Funzionale 2^ Codifica 02 PROGRAMMI Servizi 1) Adeguamento alle norme del D.L. 33/2013 e predisposizione materiale previsto dal D.L. per la pubblicazione

Dettagli

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 Indice Premessa Art. 1 La strategia nazionale di prevenzione della corruzione Art. 2 Il Piano triennale di prevenzione della

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Città di Fabriano Segreteria Generale. Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione PTPC 2015 2017. gennaio 2015

Città di Fabriano Segreteria Generale. Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione PTPC 2015 2017. gennaio 2015 Città di Fabriano Segreteria Generale Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione PTPC 2015 2017 gennaio 2015 Indice pagina 1 Riflessioni preliminari 3 2 Soggetti 5 3 Piano Triennale di Prevenzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013 2015 PREMESSA II presente documento ha l'intento di fornire una visione d'insieme sui compiti istituzionali e sull'organizzazione di questo Comune

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico USR UMBRIA - Giornata della trasparenza 2014 18 dicembre 2014 - Sala S. Anna, PERUGIA Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico Ing. Bruno G. Lamonaca Ufficio

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

PIANO ANTICORRUZIONE

PIANO ANTICORRUZIONE PIANO ANTICORRUZIONE STRUTTURA E CONTENUTI DEL PIANO Relazione introduttiva Parte I - Descrizione dell assetto organizzativo: a) Articolazione organizzativa b) Funzionigramma c) Elenco dirigenti e responsabili

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 : Comune di Samugheo Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 Indice 1 INTRODUZIONE 2- STATO DI ATTUAZIONE 1. Dati già pubblicati sul sito 2. "Trasparenza, valutazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 C O M U N E DI A L I M E N A Provincia di Palermo * -------------------------------- -------------------------------- P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Adottato dalla Giunta

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Comune di Vigevano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 266 del 6 dicembre 2012 Indice: Premessa....3 1. Trasparenza, integrità

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

Prevenire la corruzione con gli strumenti di Risk Management. 1 di 52

Prevenire la corruzione con gli strumenti di Risk Management. 1 di 52 Prevenire la corruzione con gli strumenti di Risk Management 1 di 52 Concetto di rischio in ambito manageriale la potenziale manifestazione di un determinato evento in grado di influenzare il mancato raggiungimento

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 1 2 INDICE 1- PREMESSA 2- NORMATIVA 3- ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE 4- SITO WEB ISTITUZIONALE

Dettagli

COMUNE DI POZZOLENGO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015

COMUNE DI POZZOLENGO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 COMUNE DI POZZOLENGO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 ALLEGATO Alla DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N 56 del 15/05/2013 1 PREMESSA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013)

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013) INDICE Premessa pag. 3 1. Assolvimento degli obblighi in materia

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 )

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) 1. Finalità del Piano Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

UNIONE COLLINE MATILDICHE Provincia di Reggio Emilia PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016

UNIONE COLLINE MATILDICHE Provincia di Reggio Emilia PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 UNIONE COLLINE MATILDICHE Provincia di Reggio Emilia PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PREMESSA La recente normativa, nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione,

Dettagli

LE METODOLOGIE DI RISK ASSESSMENT PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA ALLA CORRUZIONE: ESPERIENZE INTERNAZIONALI

LE METODOLOGIE DI RISK ASSESSMENT PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA ALLA CORRUZIONE: ESPERIENZE INTERNAZIONALI LE METODOLOGIE DI RISK ASSESSMENT PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA ALLA CORRUZIONE: ESPERIENZE INTERNAZIONALI FABIO MONTEDURO, UNIVERSITÀ DI TOR VERGATA Il proge)o E.T.I.CA. pubblica nel Sud: accrescere l

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Località Pedra Niedda TEL. 0782/610820 FAX 0782/610275 nuic863008@istruzione.it www.icsbaunei.nu.it 08040 BAUNEI

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Organismo Indipendente di Valutazione Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Struttura Tecnica Permanente di supporto all OIV MARZO 2015

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Politecnico di Bari - Piano per la formazione del personale ai fini della prevenzione della corruzione (adottato ai sensi dell art. 1, co.

Politecnico di Bari - Piano per la formazione del personale ai fini della prevenzione della corruzione (adottato ai sensi dell art. 1, co. 2014 Politecnico di Bari - Piano per la formazione del personale ai fini della prevenzione della corruzione (adottato ai sensi dell art. 1, co. 8, della L. n. 190/2012 ed approvato dal C.d.A. nella seduta

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 art. 10, D.Lgs. 33/2013 Pagina 1 di 12 Premessa Le recenti e numerose

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016 PREMESSA La legge 6 novembre 2012, n. 190, recante Disposizioni

Dettagli

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 Modelli ex d.lgs. 21/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012 Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 L impatto immediato e diretto della L. 190/2012 sul d.lgs. 21/01 La Legge 190

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SNA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SNA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SNA PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ Roma, 21 maggio 2013 Sala Polifunzionale PCM FINALITÀ DEL PROGETTO RFQ

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) Il seguente Programma Triennale della Trasparenza e Integrità si struttura attraverso le seguenti sezioni: 1) Premessa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE E TRASPARENZA. Brianzacque srl. Viale Fermi, 105 20900 Monza. Allegato al Modello Organizzativo D.

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE E TRASPARENZA. Brianzacque srl. Viale Fermi, 105 20900 Monza. Allegato al Modello Organizzativo D. PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE E TRASPARENZA Brianzacque srl Viale Fermi, 105 20900 Monza Allegato al Modello Organizzativo D.Lgs 231/01 Sistemi integrati di gestione organizzativa Adempimenti ai sensi

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

23 Ciclo di attività formative per nuovi dirigenti pubblici

23 Ciclo di attività formative per nuovi dirigenti pubblici PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE SERVIZIO FORMAZIONE INIZIALE 23 Ciclo di attività formative per nuovi dirigenti pubblici OBIETTIVI La SNA ha rinnovato la struttura

Dettagli

Creare Eccellenza, Cercare l'eccellenza Strategia per la SSPA

Creare Eccellenza, Cercare l'eccellenza Strategia per la SSPA Creare Eccellenza, Cercare l'eccellenza Strategia per la SSPA 1 INDICE - EXECUTIVE SUMMARY P.3 - LA SSPA NEL CONTESTO DELLA RIFORMA DELLA PA P.5 - MISSIONE - VALORI P.6 P.7 - VISION P.8 - MAPPA STRATEGICA

Dettagli

PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASLSanluri 1 Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità Indice pag. 2 Premessa pag. 3 Funzioni dell amministrazione pag. 3 Mission Aziendale

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO

ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA ANNI 2013 2014 2015 PREMESSA Dalle leggi Bassanini ad oggi, la Pubblica Amministrazione è stata interessata da normative

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 Università Iuav di Venezia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n. 190) 1 1. Premessa La legge 6 novembre 2012,

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017 Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017 1. Introduzione Il decreto legislativo n.150/2009 stabilisce che le Pubbliche Amministrazioni devono assicurare l'accessibilità totale,

Dettagli

SUPPORTO NORMATIVO Il Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità si qualifica come il naturale compimento del complesso percorso di riforma

SUPPORTO NORMATIVO Il Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità si qualifica come il naturale compimento del complesso percorso di riforma ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Premessa Il Sistema di misurazione e valutazione della performance è uno strumento pensato per sviluppare le competenze, riconoscere i risultati,

Dettagli

Piano di prevenzione della corruzione

Piano di prevenzione della corruzione Piano di prevenzione della corruzione In conformità al Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.) Legge 6 novembre 2012 n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione (Periodo di riferimento 2015 2017) PREMESSA Il 28 novembre 2012 è entrata in vigore la Legge n.190 del 6 novembre 2012 (c.d. Legge Anticorruzione ),

Dettagli

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Inquadramento concettuale - l esigenza di ricondurre gli interventi a un

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2016 - 2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2016 - 2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2016 - 2017 1 CONTENUTI Premessa Pag. 3 1. Oggetto e finalità Pag. 4 2. Contesto organizzativo Pag. 4 3. Individuazione delle aree di rischio e azioni

Dettagli

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente PTTI Piano Triennale Trasparenza Integrità 2015 2017 data: 22 gennaio 2015 Sede legale ed amministrativa: via Trento n. 21/D -10073 Cirié (TO); Impianti:

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 ALLEGATO A) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 1 - INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONI E FUNZIONI DELL AMMINISTRAZIONE La struttura organizzativa dell Ente prevede la presenza

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

CODICE ETICO. CONSIP S.P.A. a socio unico

CODICE ETICO. CONSIP S.P.A. a socio unico CODICE ETICO DI CONSIP S.P.A. a socio unico INDICE 1. Premessa e obiettivi 3 2. Destinatari ed ambito di applicazione 4 3. Principi generali e conflitto di interessi 4 4. Tutela dei diritti e della dignità

Dettagli

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Relazione illustrativa Premessa Il presente documento intende brevemente illustrare i riferimenti normativi, il procedimento

Dettagli

Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015

Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 1 INDICE PREMESSA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA 1. INTRODUZIONE 2. I Dati 3. PROCEDIMENTO DI ELABORAZIONE E DI

Dettagli

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Come noto, l Associazione Italiana Internal Auditors, parte dell Institute of Internal Auditors,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016. Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016. Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014 1 Indice 1. Definizioni e normativa di riferimento... 3 Definizioni

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC Periodo di riferimento: 2014/2016 (allegato alla deliberazione del n. 7/2014) INDICE PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Atto n. 2 del 30/01/15 SEZIONE II Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Aggiornamento 2015-2017 [ 1 ] Sommario Introduzione.. Organizzazione e funzioni del, (rinvio).. 1 Le principali novità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ISTITUTO AUTOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALER PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 (art. 10, D. Lgs. n. 33 del 14.03.2013) INDICE Parte Prima - Introduttiva I.

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2015-2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2015-2016 Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona Riconosciuta in data 17/10/2012 con decreto Prefettura di Verona n. 230/P C.F. e P.IVA: 04093500231 Via C. Montanari, 5 37122 Verona Telefono 045 8000082 Fax

Dettagli

PROGRAMMA per la Trasparenza e l Integrità AA.SS. 2013-2016

PROGRAMMA per la Trasparenza e l Integrità AA.SS. 2013-2016 PROGRAMMA per la Trasparenza e l Integrità AA.SS. 2013-2016 Il Consiglio d Istituto, in data 10 febbraio 2015 VISTO l articolo 97 della Costituzione; VISTA la Legge 241 del 90 e successive modifiche/integrazioni;

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA 2015

PROPOSTA FORMATIVA 2015 PROPOSTA FORMATIVA 2015 IL NUOVO APPROCCIO DELL AZIONE AMMINISTRATIVA: LA REVISIONE DEL PIANO ANTICORRUZIONE COME STRUMENTO PER MIGLIORARE PERFORMANCE E TRASPARENZA (L.n. 190/2012) La gestione del rischio

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS.

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS. PREMESSA Il presente documento è redatto dall Organismo Indipendente di Valutazione dell'ente Parco Nazionale del Vesuvio ai sensi dell articolo 7, comma 2, e dell articolo 30, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 INTRODUZIONE... 2 1.1. Il Codice Etico di Porto Antico di Genova S.p.A.... 2 1.2 Destinatari del Codice Etico...

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

Direzione Generale Servizio di Pianificazione e Valutazione

Direzione Generale Servizio di Pianificazione e Valutazione Direzione Generale Servizio di Pianificazione e Valutazione Relazione del Responsabile dell anticorruzione ai sensi dell art.1 c.14 della l. n.190 del 2012 e Relazione sull attuazione del Programma triennale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 -

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 - PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016-1 1. Introduzione: organizzazione e funzioni del Comune. Con l approvazione del presente Programma Triennale della Trasparenza e dell

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli