CObIT 5. Prof. Ing.Claudio Cilli. CIA, CISA, CISM, CGEIT, CRISC, CISSP, CSSLP, M.Inst.ISP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CObIT 5. Prof. Ing.Claudio Cilli. CIA, CISA, CISM, CGEIT, CRISC, CISSP, CSSLP, M.Inst.ISP cilli@di.uniroma1.it"

Transcript

1 CObIT 5 Prof. Ing.Claudio Cilli CIA, CISA, CISM, CGEIT, CRISC, CISSP, CSSLP, M.Inst.ISP

2 Indice della presentazione 1. Introduzione 2. ISO GRC (Governance Risk & Compliance) 4. CObIT 5 5. GRC in CObIT 5 6. CObIT 4.1 vs. CObIT 5 7. Modello di maturità 8. Implementare CObIT 2

3 Origine del problema Crescente dipendenza delle organizzazioni dalle reti e dai sistemi informatici Esposizione dei sistemi informatici ad eventi distruttivi Impatto degli eventi distruttivi sull attività aziendale Difficoltà di valutare e contenere i costi dei sistemi informativi Impossibilità di valutare i benefici che i sistemi informativi e la tecnologia apportano all organizzazione Patrimonio informativo visto come fattore di produzione! 3

4 Fino ad oggi: Iniziative sporadiche e parziali non accompagnate da evoluzione dei processi interni Inerzia organizzativa Domanda disaggregata in termini di requisiti funzionali e piattaforme di riferimento SCARSA SENSIBILITÀ : AUDIT E SICUREZZA VISTE COME COSTO! 4

5 Benefici aziendali? Le imprese e i loro dirigenti si sforzano di: Ottenere informazioni di qualità a supporto delle decisioni di business Generare valore dagli investimenti IT, ossia realizzare gli obiettivi strategici aziendali e realizzare vantaggi di business tramite l efficace innovativo uso dell IT Raggiungere l eccellenza operativa per mezzo dell efficiente e affidabile applicazione della tecnologia Mantenere ad un livello accettabile il rischio IT Ottimizzare il costo dei servizi e della tecnologia Come possono questi vantaggi essere realizzati per creare valore agli stakeholder? 5

6 Stakeholder value! Erogare valore agli stakeholder richiede buone capacità di governance e gestione delle informazioni e della tecnologia I board e il management devono considerare l IT come qualsiasi altra parte significativa del business L adeguamento ai requisiti legali e regolamentari legati all utilizzo delle informazioni e dei sistemi sta aumentando, minacciando il loro valore in caso di problemi COBIT 5 forniste un framework completo che assiste le organizzazioni a raggiungere I loro obiettivi e ad erogare valore tramite un efficace governance e gestione dei sistemi informatici 6

7 CObIT 5: Framework CObIT 5 aiuta le imprese a creare valore dall information technology mantenendo un bilanciamento tra benefici attesi e rischi, oltre ad aiutare ad ottimizzare l impego di risorse CObIT 5 consente all IT di essere governato in maniera olistica per tutta l impresa, considerando tutto il business end-to-end e le aree funzionali IT di responsabilità, considerando gli interessi connessi all IT degli stakeholder interni ed esterni I principi di CObIT 5 e gli abilitatori sono generici e utili per organizzazioni9 di ogni dimensione, sia commerciali che no-profit o pubbliche 7

8 8 CObIT 5: Principi

9 9 CObIT 5: Abilitatori (enablers)

10 Governance & Management Governance La governance assicura che gli obiettivi dell impresa siano raggiunti valutando (Evaluating) i bisogni degli stakeholder, le condizioni e le alternative; stabilendo la direzione (Direction) tramite la prioritizzazione e le scelte decisionali; e monitorando (Monitoring) le performance, la compliance e i progressi rispetto al piano [EDM] Management Il management pianifica (Plans), realizza (Builds), esegue (Runs) e monitorizza (Monitors) le attività allineandosi con la direzione stabilita dal governance body al fine di raggiungere gli obiettivi d impressa [PBRM] 10

11 In definitiva. COBIT 5 Unisce i cinque principi che consentono all impresa di realizzare un efficace framework di governance e management basato su un insieme olistico di sette abilitatori che ottimizza le informazioni e gli investimenti in tecnologia e le utilizza a beneficio degli stakeholder 11

12 12 LA ISO 15504

13 La ISO La norma ISO/IEC (1998) definisce un modello per la valutazione del livello di "maturità" dei processi di una organizzazione del settore IT La norma si compone di 9 parti, in forma di Technical Report, e definisce sia il modello dei processi (parte 2) che il modello di assessment (parte 5). La norma è stata sviluppata da un progetto promosso da ISO, denominato spice 13

14 ISO Struttura La norma definisce, oltre il modello dei processi e di assessment dei processi, una guida allo svolgimento di un assessment (parte 4), le caratteristiche degli assessors (parte 6), la guida per l'utilizzo del modello ai fini del miglioramento (parte 7), la guida per la capability determination (parte 8). La parte 1 è introduttiva, la 9 è il vocabolario Successivamente è stata emessa la nuova versione (2003) che ha semplificato la suddivisione accorpando alcune parti e introdotto ulteriori modifiche alle definizioni, per meglio integrarsi con la ISO MD 1 e 2 relativa alla certificazione del processo di sviluppo del software 14

15 Contenuti e principi Process Identifies changes to Examined by Process Assessment Identifies suitability of Process Improvement Cause Motivates Cause Capability Determination 15

16 Componenti (1998) Part 1 (I) Concepts and introductory guide Part 9 (N) Vocabulary Part 7 (I) Guide for process improvement Part 8 (I) Guide for supplier capability determination Part 6 (I) Guide to competency of assessors Part 3 (N) Performing an assessment Part 4 (I) Guide to performing an assessment Part 2 (N) A reference model for Process and capability Part 5 (I) Assessment model and Indicator guidance 16

17 Componenti ISO/IEC 15504: 2003 Part 1 Concepts and vocabulary Part 4 Guidance on using Assessment Results Part 2 Performing an Assessment Part 3 Guide on Performing Assessments Compliant Process Reference Model Part 5 Exemplar Assessment Model Cambiamenti dalla versione 1998 Part 1 & 9 >> Part 1 Part 2 & 3 >> Part 2 Part 7 & 8 >> Part 4 Part 4 & 6 >> Part 3 Part 5 >> Part 5 Il nome cambia da Software Process Assessment in Process Assessment Riduzione da 9 parti a 5 parti Aggiunta di un exemplar assessment method Introduzione dei Process Reference Models 17

18 Un modello bidimensionale La norma definisce un modello "bidimensionale" costituito da: 1. la dimensione del processo (la definizione del processo in termini di obiettivi, risultati misurabili attesi ed altre informazioni di livello alto, descrittive) 2. la dimensione del profilo di capacità dei processi, caratterizzata da una serie di attributi di processo che ne distinguono il livello di maturità rispetto ad una scala di valutazione ordinale [0-5] con 5 considerato il valore migliore Il posizionamento di un processo sulla scala di valutazione è funzione del possesso di determinati attributi caratteristici di ogni livello della scala misurabili attraverso indicatori 18

19 Definizioni Assessment: un esame, secondo regole formali, dei processi di una organizzazione, rispetto ad un modello di riferimento Un metodo di assessment richiede: una scala di misura (i livelli di capacità) i criteri di valutazione rispetto ai livelli della scala un meccanismo di rappresentazione dei risultati Capability determination: un esame, secondo regole formali, dei processi di una organizzazione, rispetto alla loro capacità di raggiungere un determinato obiettivo, condotto allo scopo di individuare i punti di forza e di debolezza ed i rischi associati alla attuazione dei processi secondo determinati requisiti Processes: l'insieme di processi utilizzati da una organizzazione per pianificare, gestire, eseguire, monitorare, controllare e migliorare le attività correlate al software Attributo di processo: una caratteristica misurabile della capacità di un processo Indicatore di processo: un indicatore che supporta la valutazione della capacità di raggiungimento di determinati livelli di attributi di processo Basepractice: una attività di software engineering o di management che consente il raggiungimento dello scopo di un determinato processo 19

20 Il modello dei processi I processi sono mappati su 4 livelli. II primo è formato da 3 macro categorie i Primari, quelli di Supporto e gli Organizzativi All'interno di queste macro categorie sono definite 5 ulteriori categorie di processo 1. Customer-Supplier (CUS) quelli che impattano direttamente sul cliente 2. Engineering (ENG) che direttamente specificano, implementano o mantengono il prodotto software 3. Support (SUP), i processi di supporto a tutti gli altri 4. Manageriali (MAN) ovvero quelli che gestiscono la conduzione del progetto 5. Organizzativi (ORG) che determinati gli obiettivi aziendali devono sviluppare i processi, le risorse e gli strumenti necessari a raggiungerli Il modello definisce un ulteriore terzo livello di processi, che ne comprende complessivamente 24 Esiste infine un quarto livello, costituito da 18 processi, ancora più di dettaglio, quasi tutti facenti parte dei Primari Rispetto alla si hanno 7 processi del tutto nuovi, 9 che sono estensione di quelli definiti nella ISO (1995) (Gestione del ciclo di vita del software) 20

21 Il profilo di capacità La dimensione del profilo di capacità dei processi si basa su un sistema di attributi di processo e di elementi di possesso di tali attributi che permettono di mappare il livello di maturità di un processo su una scala ordinale a 6 livelli (0-iniziale / 5-innovativo). I livelli sono praticamente gli stessi del CMM Gli attributi definiti nella norma sono 9: 1. Process performance - un processo raggiunge i suoi obiettivi, trasformando input identificabili in output identificabili 2. Performance management - l'attuazione di un processo è pianificata e controllata al fine di produrre risultati che rispondono agli obiettivi attesi 3. Work product management - l'attuazione di un processo è pianificata e controllata al fine di produrre risultati che siano appropriatamente documentati, controllati e verificati 4. Process definition - l'attuazione di un processo si basa su approcci standardizzati 5. Process resource - il processo può contare sulle risorse adeguate (umane, infrastrutture etc.) per essere attuato 6. Process measurement - i risultati raggiunti e le misure rilevate durante l'attuazione di un processo sono usati per assicurarsi che l'attuazione di tale processo supporti efficacemente il raggiungimento di specifici obiettivi 7. Process control - un processo è controllato attraverso la raccolta, analisi ed utilizzo delle misure di prodotto e di processo rilevate, al fine di correggere, se necessario, le sue modalità di attuazione 8. Process chanae - le modifiche alla definizione, gestione, attuazione di un processo sono controllate 9. Continuous improvement - le modifiche ad un processo sono identificate ed implementate al fine di assicurare il continuo miglioramento nel raggiungimento degli obiettivi rilevanti per la organizzazione 21

22 Gli attributi di processo Per ogni attributo la norma dà le condizioni che lo fanno considerare soddisfatto definendo inoltre 4 possibili livelli di possesso di un attributo: N - non posseduto (0-15% di possesso, non c'è evidenza, o ve ne è poca, del possesso di un attributo) P - parzialmente posseduto (16-50% di possesso, vi è evidenza di approccio sistematico al raggiungimento del possesso di un attributo e del raggiungimento di tale possesso, ma alcuni aspetti del possesso possono essere non prevedibili) L - largamente posseduto (51-85% di possesso, vi è evidenza di approccio sistematico al raggiungimento del possesso di un attributo e di un significativo livello di possesso di tale attributo, ma l'attuazione del processo può variare nelle diverse unità operative della organizzazione) F - (Fully) pienamente posseduto (86-100% di possesso, vi è evidenza di un completo e sistematico approccio e di un pieno raggiungimento del possesso dell'attributo e non esistono significative differenze nel modo di attuare il processo tra le diverse unità operative) 22

23 Livello di maturità In base al livello di possesso degli attributi, sono previsti 6 livelli di "maturità" dei processi: Livello 0 - processo incompleto. Il processo non è implementato o non raggiunge gli obiettivi. Non vi è evidenza di approcci sistematici agli attributi definiti Livello 1 - processo semplicemente attuato. Il processo viene messo in atto e raggiunge i suoi obiettivi. Non vi è evidenza di un approccio sistematico ad alcuno degli attributi definiti. Il raggiungimento di questo livello è dimostrato attraverso il possesso degli attributi di "process performance Livello 2 - processo gestito. Il processo è attuato ma anche pianificato, tracciato, verificato ed aggiustato se necessario, sulla base di obiettivi ben definiti. Il raggiungimento di questo livello è dimostrato attraverso il possesso degli attributi di "performance management" e "Work product management Livello 3- processo definito. Il processo è attuato, pianificato e controllato sulla base di procedure ben definite, basate sui principi del sw engineering. Il raggiungimento di questo livello è dimostrato attraverso il possesso degli attributi di "Process definition" e "Process resource Livello 4 - processo predicibile. Il processo è stabilizzato ed è attuato all'interno di definiti limiti riguardo i risultati attesi, le performance, le risorse impiegate etc. Il raggiungimento di questo livello è dimostrato attraverso il possesso degli attributi di "Process measurement" e "Process control Livello 5 - processo ottimizzante. Il processo è predicibile ed in grado di adattarsi per raggiungere obiettivi specifici e rilevanti per la organizzazione. Il raggiungimento di questo livello è dimostrato attraverso il possesso degli attributi di "Process change" e "Continuous improvement 23

24 Il modello di valutazione L'assessment si basa sulla valutazione di alcuni indicatori: 1. indicatori di process performance per la dimensione del processo 2. indicatori di process capability per la dimensione della capacità dei processi di raggiungere determinati obiettivi 24

25 Indicatori di Process Performance Le tipologie di indicatori di process performance definiti dalla norma sono 2: 1. Base practices - Le base practices (BP) sono attività di software engineering o di management che consentono il raggiungimento dello scopo di un determinato processo. La descrizione delle BP è ad un livello alto, astratto, che identifica "cosa" va fatto piuttosto che "come 2. Work product & Work Product Characteristics - I work products (WP) sono gli input e gli output del processo, e le loro caratteristiche L'esistenza di BP e WP, il loro effettivo contributo al raggiungimento degli obiettivi di processo, la loro adeguatezza a farlo, forniscono all assessor la evidenza delle prestazioni del processo. È possibile anche definire, a completamento delle base practices, delle advanced practices che individuano quali ulteriori attività è consigliabile implementare al fine di ottenere i risultati attesi con sufficiente qualità 25

26 Indicatori di capacità dei processi Gli indicatori di capacità dei processi sono 3: 1. Management practices 2. Practice Performance characteristics 3. Resource/Infrastructure caracteristics Le management practices (MP) sono le attività che devono essere implementate per soddisfare gli attributi di processo. Per ogni MP sono definite le practice performances characteristics (le caratteristiche che devono possedere le varie management practices, PPC) resource and infrastructure characteristics (le caratteristiche che devono possedere le risorse associate alle management practices, RIC) 26

27 GRC (GOVERNANCE RISK & COMPLIANCE) 27

28 GRC GRC: Governance, Risk management e Compliance Un termine sempre più utilizzato per come ombrello per comprendere questre tre aree dell attività aziendale Queste aree di attività si stanno sempre più allineando e integrando per migliorare le performance dell impresa e il soddisfacimento dei bisogni degli stakeholder 28

29 GRC: Definizioni GRC: Governance Esercizio dell autorità; controllo; governo; composizione Risk (management) rischio; pericolo; esposizione a perdita, danno o distruzione (l'atto o l arte di gestire; il modo di trattare, orientare, esercitare, o utilizzare, per uno scopo; comportamento; amministrazione; orientamento; controllo) Compliance Il rispetto e l'osservanza della legge; una concessione, come un desiderio, domanda, o proposta; concessione; presentazione Webster online dictionary 29

30 Tipi di Governance Esistono diversi tipi di governance: Corporate governance Project governance Information technology governance Environmental governance Economic and financial governance Ognuna di queste tipologie dispone di varie fonti per la guida, tutte con gli stessi obiettivi, ma con diversi termini e tecniche finalizzate al raggiungimento dei relativi obiettivi 30

31 Implementare la Governance L integrazione dell implementazione delle attività di GRC all interno di un organizzazione richiede un approccio sistematico per raggiungere affidabilmente gli obiettivo di business dei suoi stakeholders Tali approcci sono basati tipicamente su abilitatori di vario tipo (es.: principi, politiche, modelli, framework, strutture organizzative) 31

32 Un esempio del Modello GRC Dal OCEG Red Book GRC Capability Model versione

33 Corporate Governance of IT ISO/IEC 38500: 2008 Corporate governance of information technology 1.1 Scopo Lo standard fornisce i principi guida per gli amministratori di organizzazioni (tra cui proprietari, amministratori, senior manager, soci, dirigenti, o simili) per un utilizzo in modo efficace, efficiente e accettabile delle tecnologie dell'informazione (IT) all'interno delle loro organizzazioni Questo standard si applica alla governance dei processi di gestione (e decisioni) relative alle informazioni e ai servizi di comunicazione utilizzati da un'organizzazione. Questi processi possono essere controllati da specialisti IT all'interno dell'organizzazione o da fornitori esterni di servizi, o per unità di business all'interno dell'organizzazione 33

34 Corporate Governance of IT (cont.) ISO/IEC 38500: 2008 Corporate governance of information technology 2.1 Principi Principio 1: Responsibility Principio 2: Strategy Principio 3: Acquisition Principio 4: Performance Principio 5: Conformance Principio 6: Human Behaviour 34

35 Corporate Governance of IT (cont.) ISO/IEC 38500: 2008 Corporate governance of information technology 2.2 Modello I manager devono governare l IT tramite tre compiti principali: a) Valutare l utilizzo corrente e futuro dell IT b) Dirigere la preparazione e l implementazione di piani e politiche per assicurare che l utilizzo dell IT sia conforme agli obiettivi di business aziendali c) Monitorare l adeguamento alle politiche, e le performance rispetto ai piani 35

36 COBIT: Governance of Enterprise IT (GEIT) Governance of Enterprise IT Evolution of scope IT Governance Management Control Audit Val IT 2.0 (2008) Risk IT (2009) COBIT1 COBIT2 COBIT3 COBIT4.0/4.1 COBIT / A business framework from ISACA, at 36

37 37 COBIT 5

38 Panoramica su CObIT 5 COBIT 5 riunisce i cinque principi che consentono a un organizzazione di realizzare un efficace framework di governance e management basato su un insieme olistico di sette abilitatori che ottimizza l informazione e gli investimenti in tecnologia nonché il loro utilizzo a beneficio degli stakeholder 38

39 Il framework di CObIT 5 CObIT 5 aiuta le imprese a creare valore dall information technology mantenendo un bilanciamento tra benefici attesi e rischi, oltre ad aiutare ad ottimizzare l impego di risorse CObIT 5 consente all IT di essere governato in maniera olistica per tutta l impresa, considerando tutto il business end-to-end e le aree funzionali IT di responsabilità, considerando gli interessi connessi all IT degli stakeholder interni ed esterni I principi di CObIT 5 e gli abilitatori sono generici e utili per organizzazioni di ogni dimensione, sia commerciali che no-profit o pubbliche 39

40 40 CObIT 5: I 5 principi

41 41 COBIT 5: I 7 abilitatori

42 42 GRC IN COBIT 5

43 Governance (e Management) in COBIT 5 La Governance assicura che gli obiettivi siano raggiunti valutando le esigenze degli interessati, le condizioni e le opzioni; impostando la direzione tramite priorità e processo decisionale, e il monitoraggio delle prestazioni, il rispetto dei requisiti e il progresso rispetto alla direzione e agli obiettivi concordati (EDM) Il Management pianifica (plan), implementa (build), esegue (runs) e controlla (monitor) le attività in allineamento con le direzioni stabilite dal governance body per conseguire gli obiettivi dell impresa (PBRM) Esercitare governance e management efficacemente significa in pratica considerare tutti gli abilitatori. Il COBIT process reference model consente di concentrarsi facilmente sulle attività aziendali rilevanti 43

44 Governance in COBIT 5 Il COBIT 5 process reference model suddivide le pratiche e e le attività correlate all IT dell organizzazione in due aree principali governance e management con management ulteriormente divisa in domini e processi Il dominio GOVERNANCE contiene cinque processi di governance; all interno di ognuna sono definite le pratiche EDM (evaluate, direct & monitor) 01 Ensure governance framework setting and maintenance. 02 Ensure benefits delivery. 03 Ensure risk optimisation. 04 Ensure resource optimisation. 05 Ensure stakeholder transparency. I quattro domini MANAGEMENT sono in linea con le aree di responsabilità PBRM (plan, build, run & monitor) 44

45 45 Governance in COBIT 5 (cont.)

46 Risk Management in COBIT 5 Il dominio GOVERNANCE contiene cinque processi di governance, uno dei quali si focalizza sugli obiettivi degli stakeholder relativi al rischio: EDM03 Ensure risk optimisation Descrizione del Processo Ensure that the enterprise s risk appetite and tolerance are understood, articulated and communicated, and that risk to enterprise value related to the use of IT is identified and managed Obiettivo del Processo Ensure that IT-related enterprise risk does not exceed risk appetite and risk tolerance, the impact of IT risk to enterprise value is identified and managed, and the potential for compliance failures is minimised 46

47 Risk Management in COBIT 5 (cont.) Il dominio dell area MANAGEMENT Align, Plan & Organise contiene un processo risk-related: APO12 Manage risk Descrizione del Processo Continually identify, assess and reduce IT-related risk within levels of tolerance set by enterprise executive management Obiettivo del Processo Integrate the management of IT-related enterprise risk with overall ERM, and balance the costs and benefits of managing IT-related enterprise risk 47

48 48 Risk Management in COBIT 5 (cont.)

49 Risk Management in COBIT 5 (cont.) Tutte le attività aziendali hanno delle esposizioni ai rischi dovute a minacce provenienti dall ambiente che potrebbero sfruttare le vulnerabilità EDM03 Ensure risk optimisation garantisce che l approccio al rischio da parte degli stakeholder sia articolato in modo da dirigere il modo in cui i rischi che minacciano l impresa siano estiti APO12 Manage risk fa sì che l enterprise risk management (ERM) si organizzi in modo da garantire che la direzione stabilita dagli stakeholder sia seguita dall impresa Tutti gli altri processi comprendono pratiche e attività progettate per gestire i relativi rischi (evitare, ridurre/mitigare/ controllare, condividere/trasferire/accettare) 49

50 Risk Management in COBIT 5 (cont.) In aggiunta alle attività, COBIT 5 suggerisce per ogni processo accountability, e responsabilità per tutti i ruoli aziendali e le strutture di governance/management (carte RACI). Comprendono i ruoli relativi al rischio 50

51 Compliance in COBIT 5 Il dominio dell area MANAGEMENT Monitor, Evaluate & Assess contiene un processo specifico per la compliance: MEA03 Monitor, evaluate and assess compliance with external requirements Descrizione del Processo Evaluate that IT processes and IT-supported business processes are compliant with laws, regulations and contractual requirements. Obtain assurance that the requirements have been identified and complied with, and integrate IT compliance with overall enterprise compliance Obiettivo del Processo Ensure that the enterprise is compliant with all applicable external requirements 51

52 52 Compliance in COBIT 5 (cont.)

53 Compliance in COBIT 5 (cont.) Conformità legislativa e normativa è un elemento chiave della gestione efficace di un'impresa, e da qui la sua inclusione nel termine GRC e negli COBIT 5 Enterprise Goal e nell abilitatore che supporta la struttura del processo (MEA03) Oltre a MEA03, tutte le funzioni aziendali comprendono delle attività di controllo progettate per garantire il rispetto non solo a requisiti legislativi o regolamentari imposti dall'esterno, ma anche a principi interni di governance, politiche e procedure 53

54 Compliance in COBIT 5 (cont.) In aggiunta alle attività, COBIT 5 suggerisce per ogni processo accountability, e responsabilità per tutti i ruoli aziendali e le strutture di governance/management (carte RACI). Comprendono i ruoli relativi alla compliance 54

55 Stakeholder Value & Business Objectives Le organizzazioni (sia pubbliche che private) esistono al fine di creare valore per i loro stakeholder. Di conseguenza la creazione di valore è un obiettivo della governance Creazione di valore significa realizzare questi benefici con un utilizzo ottimale delle risorse e nello stesso tempo ottimizzare i rischi 55

56 Stakeholder Value & Business Objectives (cont.) Principio 1 - Meeting Stakeholder Needs: I bisogni degli stakeholder devono essere trasformati in una strategia aziendale concreata e fattibile Gli obiettivi a cascata di COBIT 5 traducono questi bisogni in obiettivi specifici, fattibili e personalizzati nel contesto dell impresa, del sistema informativo e infine negli abilitatori 56

57 Stakeholder Value & Business Objectives (cont.) I bisogni degli Stakeholder possono essere correlati a un insieme di obiettivi aziendali generici Questi goal sono stati determinati utilizzando la Balanced Scorecard (BSC) (Kaplan, Robert S.; David P. Norton; The Balanced Scorecard: Translating Strategy into Action, Harvard University Press, USA, 1996) Gli obiettivi aziendali consistono in un elenco di goal comunemente utilizzati che un azienda ha definito per se stessa Sebbene questa lista non è esaustiva, la maggior parte degli obiettivi di business di una qualsiasi organizzazione può essere mappata con uno o più di questi goal 57

58 Stakeholder Value & Business Objectives (cont.) 58

59 Stakeholder Value & Business Objectives (cont.) Questa organizzazione a cascata non è nuova in COBIT 5: è stata introdotta in COBIT 4.0 nel 2005 Gli utilizzatori di COBIT che hanno applicato questo modo di procede lo hanno trovato interessante e di valore Ma non tutti hanno notato questo vantaggio Poiché questa cascata supporta il principio relativo ai bisogni degli stakeholder, che è fondamentale in COBIT 5, è diventato un concetto preminente nella descrizione del framework Con l occasione, la cascata è stata rivista e aggiornata 59

60 Governance e Management definiti Che tipo di framework è COBIT? Un IT audit and control framework? COBIT (1996) e COBIT 2nd Edition (1998) Focus sugli Obiettivi di Controllo Un IT management framework? COBIT 3rd Edition (2000) Aggiunta delle Management Guidelines Un IT governance framework? COBIT 4.0 (2005) e COBIT 4.1 (2007) Aggiunta dei processi Governance e Compliance Eliminazione dei processi di Assurance Ma qual è la differenza tra governance and management? 60

61 Governance e Management definiti (cont.) Governance La governance assicura che gli obiettivi dell impresa siano raggiunti valutando (Evaluating) i bisogni degli stakeholder, le condizioni e le alternative; stabilendo la direzione (Direction) tramite la prioritizzazione e le scelte decisionali; e monitorando (Monitoring) le performance, la compliance e i progressi rispetto al piano [EDM] Management Il management pianifica (Plans), realizza (Builds), esegue (Runs) e monitorizza (Monitors) le attività allineandosi con la direzione stabilita dal governance body al fine di raggiungere gli obiettivi d impressa [PBRM] 61

62 Governance and Management Defined (cont.) Il COBIT 5 process reference model suddivide le pratiche e e le attività correlate all IT dell organizzazione in due aree principali governance e management con management ulteriormente divisa in domini e processi: Il dominio GOVERNANCE contiene cinque processi di governance; all interno di ognuna sono definite le pratiche EDM (evaluate, direct & monitor) I quattro domini MANAGEMENT sono in linea con le aree di responsabilità PBRM (plan, build, run & monitor) 62

63 63 COBIT 4.1 VS. COBIT 5

64 Cambiamenti presenti in CObIT 5 I principali cambiamenti apportati al framework, e che impattano l implementazione/miglioramento del GEIT sono: 1. Nuovi principi GEIT 2. Aumentato focus sugli abilitatori 3. Nuovo Process Reference Model 4. Processi nuovi e modificati 5. Pratiche e attività 6. Goal e metriche 7. Input e Output 8. Carte RACI 9. Process Capability Maturity Model e Assessment 64

65 65 1. Nuovi principi GEIT

66 1. Nuovi principi GEIT (cont.) I framework Val IT e Risk IT definiscono dei principi che ne sono alla base I feedback ricevuti hanno mostrato che i principi sono facili da comprendere e applicare in un contesto aziendale, consentendo di ottenere valore più efficacemente Anche la ISO/IEC incorpora dei principi finalizzati ad ottenere gli stessi benefici, anche sono leggermente diversi da quelli di COBIT 5 Chiara definizione ed enfasi sui principi di Governance 66

67 2. Aumentato focus sugli abilitatori COBIT 4.1 non prevedeva abilitatori! In realtà questo erano presenti, ma chiamati diversamente, esplicitamente o implicitamente 67

68 2. Aumentato focus sugli abilitatori (cont.) Informazioni, infrastrutture, applicazioni (servizi) e persone (persone, abilità e competenze) erano le risorse di COBIT 4.1 Principi, politiche e framework erano presenti in pochi processi di COBIT 4.1 I processi erano tuttavia centrali nell applicare COBIT 4.1 La struttura organizzativa è considerata nei ruoli Responsible, Accountable, Consulted o Informed (RACI) e nella loro definizione La cultura, l etica e comportamenti erano menzionati in pochi processi di COBIT

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli cerca home chi siamo la rivista contattaci saggi working paper autori archivio siamo in: Homepage / archivio N 2 2009 di Lorenzo Caselli Insegnare etica nelle Facoltà di Economia recensioni segnalazioni

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini In collaborazione con: EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT Gennaio 2012 Giugno 2013 II edizione formula

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Focus, impegno e lealtà: queste sono le caratteristiche che contraddistinguono Emaze Networks.

Focus, impegno e lealtà: queste sono le caratteristiche che contraddistinguono Emaze Networks. Company Backgrounder : i pilastri su cui si fonda Focus, impegno e lealtà: queste sono le caratteristiche che contraddistinguono Emaze Networks. Focalizzati per essere il partner di riferimento delle grandi

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini"

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini" Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT V EDIZIONE FEBBRAIO 2015 / GIUGNO 2016 - ROMA FORMULA WEEKEND

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli