MTS. Descrizione del sistema

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MTS. Descrizione del sistema"

Transcript

1 MTS Descrizione del sistema

2

3 MTS Descrizione del sistema Edizione 1 La presente pubblicazione non è soggetta ad alcun servizio di modifica. Per le nuove versioni consultare la sezione INFORM al sito WABCO Con riserva di modifiche. Versione 1/ (it)

4 MTS Indice 1 Simboli utilizzati 5 2 Il controllo porte modulare nel corso degli anni 6 3 Rappresentazione del principio del sistema MTS Allacciamento ad un automezzo con cablaggio convenzionale MTS-PX/EX in un autotreno/autoarticolato CAN-BUS MTS-PX controllo porte per bus turistici con CAN MTS-PX controllo porte per bus turistici convenzionale 9 4 ETS controllo porte elettronico Funzioni di base Protezione contro il pizzicamento in direzione d'apertura (comando di rilascio della forza) Azionamento di emergenza: protezione contro improvvisi movimenti dopo un reset del rubinetto di emergenza 12 5 Elettrovalvola MTS 13 6 Apprendimento dell'mts 14 7 Componenti del sistema MTS 15 8 Diagnosi del sistema MTS 17 9 Appendice Assegnazione dei pin Esempi di collegamento 21 4

5 Simboli utilizzati MTS 1 1 Simboli utilizzati Note, informazioni e/o suggerimenti importanti da osservare assolutamente. Enumerazione/elenco Azione Risultato di un'azione 5

6 2 MTS Il controllo porte modulare nel mutamento dei tempi 2 Il controllo porte modulare nel corso degli anni La WABCO da molti decenni produce componenti d'azionamento e controllo per porte di autobus. Ma ancor prima si svilupparono già circuiti di sicurezza pneumatici. Nel corso dei decenni si svilupparono sistemi sempre più complessi, infine controllabili esclusivamente da parte di specialisti. Dopodiché la WABCO verso la fine del 1979 sviluppò il primo controllore elettronico per porte di autobus pneumatiche. La continua ulteriore evoluzione verso il 1986/87 ha favorito l'introduzione dell' ETS il controllore elettronico per porte, dal tedesco "Controllo porte elettronicocon l'ets fu possibile realizzare per la prima volta tutte le funzioni di controllo e sicurezza in una sola valvola, grazie a ciò il sistema divenne molto più facilmente comprensibile nonché economico. Inoltre, fu possibile ridurre notevolmente lavori di aggiustamento intensificati. Infatti, l'ets col passar del tempo si è affermato come sistema standard in molti autobus. MTS - controllore modulare per porte, dal tedesco " Controllore porte modulare" Sulla base della pregressa esperienza WABCO, il sistema MTS è stato sviluppato è impiegato per la prima volta nel La caratteristica speciale dell'mts, è che può essere utilizzato con qualunque tipo di porta. Porte girevoli verso l'interno, porte oscillanti verso l'esterno e porte scorrevoli con azionamento elettrico o pneumatico possono essere combinati l'uno con l'altro senza problemi. Anche l'allacciamento all'elettronica dell'automezzo è innovativo. Qui esiste la possibilità di utilizzare un bus dati CAN. In tal modo sono richieste solo 2 oppure 3 linee, per controllare sino a 5 porte di un autobus. Per automezzi senza bus dati centrali, alternativamente è possibile utilizzare un cablaggio convenzionale. Contrariamente ad altri sistemi, i conduttori devono essere collegati soltanto alla centralina elettronica della prima porta. Non importa se si utilizza il CAN o l'alternativa convenzionale in ambedue i casi le singole porte sono collegate tra di loro attraverso il sistema CAN-Bus, realizzando allo stesso tempo una elaborazione centrale dei segnali all'interno della centralina della prima porta. In questo modo vengono a meno le pesanti connessioni elettriche tra le centraline e i vari componenti. I parametri presenti nel software consentono un facile adattamento alle richieste specifiche del costruttore dell automezzo. Il salvataggio dei dati avviene per tutte le porte dell'automezzo all'interno della centralina della prima porta. In tal modo tutte le porte, salvo la prima, si possono scambiare le centraline elettroniche senza dover considerare la parametrizzazione. Naturalmente il sistema MTS è anche diagnosticabile; in dipendenza del tipo di connessione utilizzato è possibile realizzare o la cosiddetta diagnosi CAN oppure una diagnosi attraverso una linea K separata. Per le porte pneumatiche il monitoraggio viene realizzato attraverso un potenziometro di nuova evoluzione e un apposito interruttore di pressione, che sono direttamente montati sulla colonna girevole. Grazie ad una codifica meccanica, non è richiesta nessuna regolazione di questi sensori. Le porte elettricamente azionate possono essere altrettanto monitorizzate attraverso questo potenziometro; alternativamente è anche possibile utilizzare i trasduttori di impulsi integrati nel motore in combinazione con un interruttore di fine corsa. Attraverso un facile processo di apprendimento alla prima messa in funzione ovvero in seguito ad una sostituzione della centralina è possibile compensare le tolleranze di ogni porta. A tal fine basta soltanto mettere una volta in movimento le porte in ambedue le posizioni finali mantenendo premuto il tasto dell officina. 6

7 Il controllo porte modulare MTS 2 nel mutamento dei tempi Per le porte azionate pneumaticamente è stato sviluppato il principio dell'ets, sistema ormai consolidato. La funzione di smorzamento in posizione finale, gestito precedentemente dal cilindro-porta, è stato integrato nella valvola-porta aggiornata ed è inoltre controllata dalla centralina. In aggiunta ai vantaggi dovuti alla riduzione costi, si ha anche una maggiore flessibilità nei moviementi delle porte. Si prevengono, in tal modo, malfunzionamenti a vantaggio della sicurezza del sistema.. MTS-PX/EX La flessibilità ormai affermatasi del sistema MTS WABCO è stata ancora una volta incrementata nella recentissima generazione MTS-PX/EXgrazie all'integrazione di un sistema Multiplex: Se l'mts viene collegato attraverso un CAN-Bus con l'automezzo, è possibile allacciare rispettivamente otto ingressi e otto uscite alle porte 2-5. Nella prima porta si possono utilizzare liberamente 6 ingressi e 3 uscite. I rispettivi dati vengono scambiati nei messaggi CAN di nuova definizione con il computer dell'automezzo, dove possono essere concatenati a piacere. Il costruttore è comunque responsabile per la programmazione e la definizione della funzionalità. I moduli di comando elettrici possono essere direttamente collegati all'mts-px/ex e adesso possono essere direttamente monitorizzati senza ulteriori apparecchi supplementari. Inoltre, l'mts-px è in grado di controllare ambedue le porte orientabili verso l'esterno di un autobus turistico attraverso una sola centralina elettronica. 7

8 3 MTS Rappresentazione del principio del sistema MTS 3 Rappresentazione del principio del sistema MTS 3.1 Allacciamento ad un automezzo con cablaggio convenzionale 3.2 MTS-PX/EX in un autotreno/autoarticolato CAN-BUS 8

9 Rappresentazione del principio MTS 3 del sistema MTS 3.3 MTS-PX controllo porte per bus turistici con CAN 3.4 MTS-PX controllo porte per bus turistici convenzionale 9

10 4 MTS ETS controllo porte elettronico 4 ETS controllo porte elettronico 4.1 Funzioni di base Le seguenti illustrazioni mostrano diverse posizioni di comando pneumatiche della valvola porta ETS; lo stesso principio viene utilizzato anche nell'mts (ulteriormente ampliata della funzione frenatura finale ). ETS - porta chiusa sotto pressione ETS - porta aperta sotto pressione In una presentazione semplificata, la valvola ETS si compone di due pistoni (destro e sinistro) e di tre elettrovalvole di comando, oltre alla carcassa che contiene i compnenti. Un breve impulso di corrente su uno dei due magneti esterni mette in movimento ambedue i pistoni insieme in una delle possibili posizioni finali. Qui la valvola presenta la funzione di una tradizionale valvola 4/2 per porte, vale a dire, in dipendenza del magnete alimentato per ultimo, viene alimentata aria in una camera del cilindro, mentre scaricata dall'altra camera. In questo modo la porta viene aperta o chiusa. Per la velocità di movimento della porta sono determinanti gli ugelli fissi utilizzati nelle condotte dei cilindri. La frenatura finale nell'ets viene realizzata attraverso un ammortizzatore integrato nei cilindri delle porte (non rappresentato qui nelle figure). 10

11 ETS controllo porte elettronico MTS Protezione contro il pizzicamento in direzione d'apertura (comando di rilascio della forza) ETS - alimentazione istantanea valvola-porta in direzione d'apertura ETS - la valvola porta non è alimentata Come protezione contro il pizzicamentoin direzione d'apertura si utilizza la funzione di rilascio della forza. Se la centralina elettronica riconosce attraverso i sensori un possibile incastramento di una persona durante l'apertura della porta, viene brevemente alimentato il magnete centrale. I 2 pistoni nella valvola in tal modo vengono messi in movimento rispettivamente verso la posizione esterna. In questo modo ambedue i lati del cilindro vengono contemporaneamente alimentati con la completa pressione d'alimentazione. La (lieve) forza ancora esercitata viene esclusivamente determinata dalla superficie differenziale del pistone e non rappresenta alcun pericolo. Se è stata attivata questa funzione di sicurezza, successivamente la porta potrà essere di nuovo chiusa senza alcun ulteriore ritardo. Nella costruzione del meccanismo apriporta, è da osservare che una porta priva aliemtazione dovrebbe tendere all apertura. 11

12 4 MTS ETS controllo porte elettronico 4.3 Azionamento di emergenza: protezione contro improvvisi movimenti dopo un reset del rubinetto di emergenza ETS - azionamento del rubinetto di emergenza ETS - richiamo del rubinetto di emergenza In combinazione con il distributore di emergenza 4/2 si utilizza il comando di rilascio della forza, per sopprimere improvvisi movimenti dei pannelli delle porte dopo un richiamo del rubinetto di emergenza. In tal modo si esclude una pericolosa chiusura delle porte, poiché ambedue i lati dei cilindri vengono sempre alimentati contemporaneamente con aria. 12

13 Elettrovalvola MTS MTS 5 5 Elettrovalvola MTS Rappresentazione di una sezione della valvola MTS Elettrovalvola MTS con movimento di chiusura non ammortizzato Elettrovalvola MTS con movimento di chiusura ammortizzato Oltre alle funzioni descritte in precedenza, nell'elettrovalvola MTS vi è integrata anche una farfalla di fiato commutabile. Attraverso quest'ultima i cilindri vengono frenati prima del raggiungimento della rispettiva posizione finale in maniera controllata dalla centralina elettronica. Con l'elettrovalvole non alimentate, lo sfiato dei cilindri avviene senza smorzamento. Per frenare i cilindri, a seconda della direzione di movimento, vengono attivati uno dei magneti esterni e il magnete centrale. A questo punto l'aria può essere scaricata dai cilindri nell'atmosfera solo attraverso la farfalla regolabile. 13

14 6 MTS Apprendimento dell'mts 6 Apprendimento dell'mts Obiettivo: Adattamento alle più importanti condizioni di esercizio, in maniera tale da rendere possibile una messa in servizio veloce e semplificata di tutto il sistema MTS nonché dei singoli moduli delle porte. Che cosa si apprende? Per il sistema complessivo: numero di centraline elettroniche montate per le porte modo operativo del sistema (convenzionale oppure esercizio CAN) Per ogni porta: posizioni di apertura e chiusura delle porte registrate dai sensori numero di valvole porta Tutti i valori appresi possono essere letti con l'ausilio della diagnosi. Come si svolge l'apprendimento? Attivando il tasto dell'officina per una durata di ca. 5 secondi in ogni porta. La quantità di moduli di estensione e il tipo di funzionamento porta avvengono appresi all'attivazione del tasto officina sulla porta 1. La fase di apprendimento viene confermata dal lampeggio della luce di salita. La quantità di impulsi lampeggianti corrisponde alla posizione della porta nell'automezzo. 14

15 Componenti del sistema MTS MTS 7 7 Componenti del sistema MTS Componente Osservazione Numero pezzo ECU per porte pneumatiche* L'MTS-PX sostituisce: ECU per porte elettriche*: L'MTS-EX sostituisce l'mts-e ( ) Elettrovalvola MTS 1 per ogni porta 2 per una attivazione separata dei battenti delle porte Cilindro porte MTS (Diametro: 50 x 140 mm per le porte orientabili verso l'interno) Nuovo: Diametro: 50 x 160 mm 1 per ogni battente della porta Sensore per la porta orientabile verso l'interno Angolo di rotazione per ogni battente della porta con "passaggio onda d'urto" Sensore per la porta orientabile verso l'esterno Sensore per la porta orientabile verso l'interno Angolo di rotazione per ogni battente della porta Angolo di rotazione per ogni battente della porta senza "passaggio onda d'urto"

16 7 MTS Componenti del sistema MTS Componente Osservazione Numero pezzo Pressostato 4 bar, NO 2 per ogni valvola della porta p. es Rubinetto d'emergenza con interruttore elettronico 1 per ogni porta * Al fine di poter garantire una interazione perfetta tra l'elettronica e la meccanica delle porte e con ciò la sicurezza dei passeggeri e dell'esercizio, in genere sono richiesti interventi di adattamento da parte della WABCO. Al fine di poter utilizzare il sistema in serie, è assolutamente necessaria una approvazione da parte del costruttore delle porte oppure dell'automezzo. 16

17 Diagnosi del sistema MTS MTS 8 8 Diagnosi del sistema MTS Al fine di poter sottoporre gli attuali sistemi MTS ad una diagnostica, oltre al programma di diagnosi e all'interfaccia diagnostica, cavi inclusi, sono richiesti anche un tradizionale notebook (Pentium, WIN 9x/NT...) nonché un cavo di collegamento tra l'interfaccia e il sistema delle porte. Quest'ultimo dipende dalla presa di diagnosi installata dal costruttore dell'automezzo. L'interfaccia diagnostica serve per la connessione tra il PC/notebook e la centralina elettronica dell'automezzo. Viene fornita completamente con cavi di collegamento all'interfaccia COM a 9 poli di un PC. A seconda della variante, può essere fornita o con un cavo di collegamento all'interfaccia COM da 9 poli oppure per la connessione USB di un PC. Non è stata sviluppata esclusivamente per il sistema MTS, ma anche per la diagnosi di altri sistemi WABCO. Componente Descrizione Numero pezzo Programma di diagnosi PC Interfaccia diagnostica incluso cavo di connessione tra l'interfaccia e il PC COM, USB (I) (GB) x 0 17

18 9 MTS Appendice 9 Appendice 9.1 Assegnazione dei pin No. pin Connettore a 9 poli: bus dati, diagnosi, indirizzamento Carattere Abbreviativo MTS Nome Pin 1/9 Bus CANHF CAN H bus automezzo 2/9 HF bus massa CANGF CAN GND bus automezzo 3/9 Bus CANLF CAN L bus automezzo 4/9 Bus CANHS CAN H bus sistema 5/9 Bus CANRS Terminale CAN 6/9 Bus CANLS CAN L bus sistema 7/9 Indirizzo/diagnosi DIAK/ADR3 Diagnosi linea K- / indirizzo 3 8/9 Indirizzo ADR2 Indirizzo 2 9/9 Indirizzo ADR1 Indirizzo 1 Il bus dell'automezzo è collegato solo alla porta 1. Qualora l'automezzo non dovesse disporre di questo bus, alternativamente è possibile utilizzare anche la connessione attraverso il connettore a 12 oppure a 6 poli MTS. Affinché le centraline elettroniche MTS sappiano in quali porte vengono utilizzate, è necessario collegare le spine di indirizzamento nel cablaggio dell'automezzo in corrispondenza della tabella seguente. Indirizzo porta ADR3 (Pin 7/9) ADR2 (Pin 8/9) ADR1 (Pin 9/9) Porta 1 (Diagnosi) connessione aperta connessione aperta Porta 2 connessione aperta connessione aperta massa Porta 3 connessione aperta massa connessione aperta Porta 4 connessione aperta massa massa Porta 5 massa connessione aperta massa Rispettivamente nella prima ed ultima porta di un automezzo per il sistema bus CAN sono richieste delle resistenze terminali. Queste sono integrate nella centralina elettronica e vengono rispettivamente attivate attraverso un ponte tra i Pin 5/9 e 6/9. All'accensione del quadro è necessario che la tensione sia presente contemporaneamente in tutte le centraline elettroniche MTS, affinché tutto il sistema venga correttamente inizializzato. Bus dati del sistema CAN a 3 porte 18

19 Appendice MTS 9 Pin Abbreviativo MTS Nome Pin Connettore a 6 poli 1/6 HWA2 Richiesta di fermata 2/6 KWA Richiesta salita carrozzina 3/6 ST3 Spia di anomalia porta 3 4/6 FG Rilascio porta 5/6 KWFA Funzione carrozzina, autista 6/6 FAT3 Tasto autista porta 3 Connettore a 9 poli 1/9 CANHF CAN H bus automezzo 2/9 CANGF CAN GND bus automezzo 3/9 CANLF CAN L bus automezzo 4/9 CANHS CAN H bus sistema 5/9 CANRS CAN bus sistema 6/9 CANLS CAN L bus sistema 7/9 DIAK/ADR3 Diagnosi linea K (porta 1) / indirizzo 3 8/9 ADR2 Indirizzo 2 9/9 ADR1 Indirizzo 1 Connettore a 12 poli 1/12 FAT1 (V) Tasto autista porta 1 /FAT1 anteriore 2/12 FAT2 Tasto autista porta 2 3/12 ZUN Riconoscimento d'accensione 4/12 ST1 Spia di anomalia porta 1 5/12 ST2 Spia di anomalia porta 2 6/12 RTGN Spia rossa-verde 7/12 SPH/FAT1H Interdizione porta battente posteriore / FAT1 posteriore 8/12 SUM Cicalino assenza pressione 9/12 HB freno di stazionamento 10/12 SPV Interdizione porta battente anteriore 11/12 LUCE Abilitazione illuminazione di salita 12/12 HBAB Disattivazione del freno di stazionamento Connettore a 15 poli 1/15 TSW Allarme chiusura porte 2/15 WFAT Tasto officina 3/15 DW Sovrapressione (bordo sensibile) 4/15 ESB Illuminazione di salita 19

20 9 MTS Appendice Pin Abbreviativo MTS Nome Pin 5/15 NHB Azionamento manuale di emergenza 6/15 LS Barriera luminosa 7/15 RMPST Controllo rampa 8/15 TBL Bloccaggio porta 9/15 ON1 Ingresso 1 per funzioni specifiche alla porta 10/15 HWA1 Indicazione richiesta di fermata 11/15 HW Richiesta di fermata 12/15 AUTO Modo automatico 13/15 FGA Indicazione di abilitazione porta 14/15 Sett. Carrozzina 15/15 ON2 Ingresso 2 per funzioni specifiche Connettore a 18 poli 1/18 UB Morsetto 15 2/18 VBGND Massa blocco valvole 3/18 GND Morsetto 31 / massa 4/18 AUFV Valvola aperta davanti 5/18 ZUV Valvola chiusa davanti 6/18 KLV Valvola priva di alimentazione avanti 7/18 AUFH Valvola aperta dietro 8/18 ZUH Valvola chiusa dietro 9/18 KLH Valvola priva di alimentazione dietro 10/18 UREF Tensione di riferimento sensori 11/18 ANGND Massa analogica sensori 12/18 C3 C3 segnale di velocità 13/18 POSV Sensore di posizione anteriore 14/18 DSAV Interruttore di pressione aperto davanti 15/18 DSZV Interruttore di pressione chiuso davanti 16/18 POSH Sensore di posizione posteriore 17/18 DASH Interruttore di pressione aperto dietro 18/18 DSZH Interruttore di pressione chiuso dietro 20

21 Appendice MTS Esempi di collegamento MTS-PX, porta 1, cablaggio CAN-BUS, 2 battenti indipendenti 21

22 9 MTS Appendice MTS-PX, porta 2...5, cablaggio CAN-BUS, 2 battenti Connettore a 9 Pin Esempio: porta 2/2 Esempio: porta 2/3 o più Esempio: porta 3/3 22

23 Appendice MTS 9 MTS-EX, porta 2...5, cablaggio CAN-BUS, 2 motori elettrici Connettore a 9 Pin Esempio: porta 2/2 Esempio: 2/3 o più Esempio: porta 3/3 23

24 WABCO Vehicle Control Systems (NYSE: WBC) è uno dei fornitori leader al mondo nel settore dei sistemi di automazione di frenatura elettronica, stabilità, sospensioni e trasmissioni per i veicoli commerciali heavy duty. I clienti sono alcuni dei costruttori più importanti al mondo di veicoli commerciali, rimorchiati e autobus. Con sede principale a Bruxelles. Sito internet: WABCO Tutti i diritti riservati /

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

TECH NEWS 024-IT 24-04-06

TECH NEWS 024-IT 24-04-06 Caro cliente, a fronte di alcune richieste che ci sono pervenute, riteniamo utile riassumere brevemente il funzionamento del controllo della pressione dei pneumatici sulle vetture Renault che ne sono equipaggiate.

Dettagli

Simboli di disegni e di funzione Corso base

Simboli di disegni e di funzione Corso base Simboli di disegni e di funzione Introduzione Simboli di disegni Simboli di funzione Nota Nota: nella rappresentazione della schematica freni e delle funzioni negli apparecchi molto spesso si utilizzano

Dettagli

CONTROLLO MOTORE BOSCH MOTRONIC ME 7.3H4

CONTROLLO MOTORE BOSCH MOTRONIC ME 7.3H4 CONTROLLO MOTORE BOSCH MOTRONIC ME 7.3H4 Schema elettrico TCM00085 1 TCM00085 2 TCM00085 3 Descrizione dei componenti A01 ELETTROPOMPA CARBURANTE Azionare la pompa del carburante per misurarne la portata

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 Sistemi di installazione intelligente INDICE 1 GENERALE... 4 2 CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 2.1 DATI TECNICI... 5 3 MESSA IN SERVIZIO...

Dettagli

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI LINEE GUIDA PER IL MONTAGGIO GPL INIEZIONE SEQUENZIALE IN FASE GASSOSA AUTOMOBILI TRASFORMABILI AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE ASPIRATO AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE TURBO AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

Dettagli

Valvole di comando per rimorchi Corso base

Valvole di comando per rimorchi Corso base Valvole di comando per rimorchi Corso base Funzione Nelle motrici e trattori stradali le valvole di comando per rimorchi hanno la funzione di controllare i freni del rimorchio sensibilmente e in maniera

Dettagli

Sistema Satellitare ST500. Manuale Tecnico

Sistema Satellitare ST500. Manuale Tecnico Sistema Satellitare ST500 Manuale Tecnico ASSISTENZA TECNICA : Via Amsterdam,130 00144 Roma- (Italy) Tel.: +39.06.52607 (tasto 4) http: www.arxsrl.eu e-mail: assistenzatecnica@arxsrl.eu ST500 MANUALE TECNICO

Dettagli

(V1.1) ISTRUZIONI PER LA CONVERSIONE MOTO APRILIA RSV4 DA STRADALE A VERSIONE RACING USO PISTA CON CENTRALINA STANDARD O MM RACE

(V1.1) ISTRUZIONI PER LA CONVERSIONE MOTO APRILIA RSV4 DA STRADALE A VERSIONE RACING USO PISTA CON CENTRALINA STANDARD O MM RACE (V1.1) ISTRUZIONI PER LA CONVERSIONE MOTO APRILIA RSV4 DA STRADALE A VERSIONE RACING USO PISTA CON CENTRALINA STANDARD O MM RACE INTRODUZIONE: Il materiale, le informazioni e le procedure descritte in

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent5.html

file://c:\elearn\web\tempcontent5.html Page 1 of 10 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - CONTROLLO ELETTRONICO POMPA DI PRESSIONE INIEZIONE DIESEL DESCRIZIONE COMPONENTI CENTRALINA DI INIEZIONE (COMMON RAIL MJD 6F3 MAGNETI MARELLI) E montata

Dettagli

Manuale tecnico generale CRPRO2

Manuale tecnico generale CRPRO2 Manuale tecnico generale CRPRO2 Il CRPRO2 è una centralina aggiuntiva professionale gestita da microprocessore, in grado di fornire elevate prestazioni su motori diesel con impianto di iniezione Common-Rail

Dettagli

ACCESSORIES Generatore d Impulsi V2.0-Ex Bollettino Tecnico

ACCESSORIES Generatore d Impulsi V2.0-Ex Bollettino Tecnico 03.22 Caratteristiche: Applicazione: 50 impulsi per rivoluzione del tamburo di misura Per uso con TG05 a TG50, BG4 a BG100 Uni-direzionale Utilizzabile in zone ex-proof 3 Il generatore di impulsi per contatori

Dettagli

COMBITEC Centro di deformazione

COMBITEC Centro di deformazione Centro di deformazione Più potenza e spazio per una nuova prospettiva produttiva L efficiente centro di deformazione COMBITEC apre nuove prospettive per la produzione. In virtù dell elevatissima potenza

Dettagli

10. Funzionamento dell inverter

10. Funzionamento dell inverter 10. Funzionamento dell inverter 10.1 Controllo prima della messa in servizio Verificare i seguenti punti prima di fornire alimentazione all inverter: 10.2 Diversi metodi di funzionamento Esistono diversi

Dettagli

Fondamenti fisici Corso base

Fondamenti fisici Corso base Fondamenti fisici Corso base Funzione dei sistemi frenanti Potenza frenante Oggigiorno ogni autoveicolo deve essere equipaggiato con un sistema frenante, per la cui efficacia e sicurezza sono vigenti rispettive

Dettagli

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso Yes, you can. Invacare REM 550 Comando Manuale d uso Indice Capitolo Pagina 1 La consolle di guida REM 550 4 2 1.1 Struttura della consolle di guida...4 1.2 Display di stato...7 1.2.1 Indicatore livello

Dettagli

KIT RIVELATORI DI GAS

KIT RIVELATORI DI GAS SEZIONE 4 KIT RIVELATORI DI GAS attivato guasto allarme sensore esaurito test Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. MT140-001_sez.4.pdf MT140-001 sez.4 1 INDICE SEZIONE 4 CONTROLLO

Dettagli

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Sicurezza e rispetto ambientale. Vallelunga, 6 luglio 2010. Franco Villa Comitato tecnico ANFIA - Gruppo Autobus

CONFERENZA STAMPA. Sicurezza e rispetto ambientale. Vallelunga, 6 luglio 2010. Franco Villa Comitato tecnico ANFIA - Gruppo Autobus CONFERENZA STAMPA E PROVE DINAMICHE SU PISTA Sicurezza e rispetto ambientale I nuovi standard per il trasporto pubblico su gomma Franco Villa Comitato tecnico ANFIA - Gruppo Autobus 1 1 Vallelunga, 6 luglio

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

Programmatore per telaio scheller

Programmatore per telaio scheller Divo Di Lupo Sistemi per telai Cotton Bentley Monk Textima Scheller Closa Boehringer http://www.divodilupo.191.it/ Programmatore per telaio scheller Attuatore USB semplificato Numero totale di pagine =

Dettagli

Attivazione presa di forza ED. Funzione

Attivazione presa di forza ED. Funzione Funzione Attivazione presa di forza ED La funzione consente di attivare la presa di forza dal posto guida e dall esterno dalla cabina. La presa di forza è controllata dalla centralina BCI. Una presa di

Dettagli

RIF FI 005 ABS + - 15/54 (!) K 11 15/54. Stop - 1 RR LR RF LF

RIF FI 005 ABS + - 15/54 (!) K 11 15/54. Stop - 1 RR LR RF LF FI 00 B 0 30 / 0 0 F E B (!) 0 K / top LR 3 3 3 LF RR 0 RF B M C RR LR RF LF D FI 00 B ) Gruppo elettroidraulico con centralina B ( pin ) ( vano motore lato sinistro ) ) ensore giri ruota anteriore destra

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Sistema di controllo per iniezione sequenziale, montato su carrello

Sistema di controllo per iniezione sequenziale, montato su carrello Sistema di controllo per iniezione sequenziale, montato su carrello Componenti: "Sequentia" SE802E + Minicentrale oleodinamica F014/0050 F014/0050-IT Rev.0-15/12/2014 Pg. 1/5 Minicentrale oleodinamica

Dettagli

Manuale d uso. Regolatore di carica REGDUO. per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO

Manuale d uso. Regolatore di carica REGDUO. per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO Manuale d uso Regolatore di carica REGDUO per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO INSTALLAZIONE È consigliabile utilizzare cavi di lunghezza più corta possibile, per ridurre

Dettagli

Mezzi della nettezza urbana Mezzi dei vigili del fuoco Veicoli trasporto merci pericolose

Mezzi della nettezza urbana Mezzi dei vigili del fuoco Veicoli trasporto merci pericolose rotogrip_ital_08_2.qxd 19.06.2008 12:14 Uhr Seite 1 ROTOGRIP IL PULSANTE PER LA SICUREZZA AUTOMATICA ROTOGRIP di RUD. La catena da neve automatica che si manovra comodamente e velocemente dal posto di

Dettagli

DYNTEST AML (Allarme/Monitor/Logger) Monitoraggio dei filtri di particelle

DYNTEST AML (Allarme/Monitor/Logger) Monitoraggio dei filtri di particelle COMANDO (Control Box) con albero cavi connesso DYNTEST AML (Allarme/Monitor/Logger) CONDUTTURA PRESSIONE guida al montaggio e mat. di fissaggio inclusi SEGNALATORE (Panel Box) ON-ROAD con cavo bus connesso

Dettagli

elero VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso!

elero VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso! VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM elero Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso! elero Italia S.r.l. Via A. Volta, 7 20090 Buccinasco (MI) info@elero.it www.elero.com 309025 02 Nr. 18 100.4602/0605

Dettagli

Mark like a Professional. Sistema di marcatura da banco NetMarker

Mark like a Professional. Sistema di marcatura da banco NetMarker Mark like a Professional Sistema di marcatura da banco NetMarker Mark like a Professional NetMarker Sistema di marcatura da banco compatto Il sistema di marcatura a controllo numerico NetMarker innovativo

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

Quadro elettrico tipo ABS CP 151-254

Quadro elettrico tipo ABS CP 151-254 15975197IT (12/2014) Istruzioni di Installazione e Uso www.sulzer.com 2 Istruzioni di Installazione e Uso ABS Pannello di controllo CP 151 153 253 254 Sommario 1 Informazioni generali... 3 1.1 Unità di

Dettagli

CEMO cilindro motorizzato

CEMO cilindro motorizzato CEMO cilindro motorizzato CES cilindro motorizzato Apertura e chiusura automatica con controllo Online www.ces.eu CEMO cilindro motorizzato Il cilindro motorizzato CEMO di CEStronics apre e chiude automaticamente

Dettagli

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE Le gru mobili portuali offrono soluzioni flessibili alla movimentazione dei carichi all interno dei porti,

Dettagli

MANUALE TECNICO BLD-07 INTB2 AZIONAMENTO PER MOTORI CC BRUSHLESS. Leggere attentamente il presente manuale prima dell utilizzo degli azionamenti

MANUALE TECNICO BLD-07 INTB2 AZIONAMENTO PER MOTORI CC BRUSHLESS. Leggere attentamente il presente manuale prima dell utilizzo degli azionamenti MANUALE TECNICO BLD-07 INTB2 AZIONAMENTO PER MOTORI CC BRUSHLESS Leggere attentamente il presente manuale prima dell utilizzo degli azionamenti Questo manuale sostituisce ed annulla ogni precedente edizione

Dettagli

Data Logger. Manuale di installazione ed uso. Leggere attentamente prima dell installazione e della messa in funzione.

Data Logger. Manuale di installazione ed uso. Leggere attentamente prima dell installazione e della messa in funzione. Data Logger Manuale di installazione ed uso SOREL Connect Leggere attentamente prima dell installazione e della messa in funzione 1.1. - Specifiche tecniche Descrizione del data logger Specifiche elettriche:

Dettagli

SAFETY Tecnica di sicurezza passiva

SAFETY Tecnica di sicurezza passiva SAFETY Tecnica di sicurezza passiva Cablaggio EMERGENCY-STOP MIRO SAFE Cube67 MVK Metallico MASI20/67/68 02 SAFETY Sicurezza innanzitutto 03 SAFETY TECNICA DI SICUREZZA PASSIVA INDIPENDENTE DAL BUS DI

Dettagli

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI Un esame sistematico dei circuiti completi, anche se limitato a pochi tipi di macchine e di attrezzature, sarebbe estremamente complesso e vasto. Il raggiungimento del

Dettagli

: 452114.66.68 83287508 FD

: 452114.66.68 83287508 FD WPM EconPK Istruzioni d'uso e di montaggio Italiano Modulo di ampliamento per raffrescamento passivo N. d'ordinazione : 452114.66.68 83287508 FD 9007 Sommario Sommario 1 Leggere attentamente prima dell'uso...

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

Centralina di controllo per Iniezione sequenziale "Sequentia" SE802E integrata con Gruppo di comando 4EVPN

Centralina di controllo per Iniezione sequenziale Sequentia SE802E integrata con Gruppo di comando 4EVPN E.M.P. Srl - Italy www.emp.it info@emp.it Tel. +39 0732 627704 Fax +39 0732 627977 Centralina di controllo per Iniezione sequenziale "Sequentia" SE802E integrata con Gruppo di comando 4EVPN Istruzioni

Dettagli

ROW-GUARD Guida rapida

ROW-GUARD Guida rapida ROW-GUARD Guida rapida La presente è una guida rapida per il sistema di controllo di direzione Einböck, ROW-GUARD. Si assume che il montaggio e le impostazioni di base del Sistema siano già state effettuate.

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

INFODIAG STRUMENTI DI DIAGNOSI

INFODIAG STRUMENTI DI DIAGNOSI CITROËN INFODIAG STRUMENTI DI DIAGNOSI LEXIA PROXIA CD 31 DIREZIONE POST- VENDITA DOCUMENTAZIONE TECNICA FILIALI / CONCESSIONARI VN CITROËN - Preparatore VN - Coordinatore Campagne RIPARATORI AUTORIZZATI

Dettagli

Progetto 1: Montaggio, programmazione e messa in servizio di un impianto con Stazione di distribuzione

Progetto 1: Montaggio, programmazione e messa in servizio di un impianto con Stazione di distribuzione Progetto 1: Montaggio, programmazione e messa in servizio di un impianto con Stazione di distribuzione Punteggio (Punti totali sul totale) 16/100 t max 180 min Contesto Lei ha il compito di montare la

Dettagli

Servoattuatore CLDP Scheda Tecnica

Servoattuatore CLDP Scheda Tecnica Servoattuatore CLDP Scheda Tecnica Descrizione Il servoattuatore CLDP (Closed Loop Differential Pump) costituisce un asse lineare idraulico destinato per tutti gli impieghi che necessitino di alta concentrazione

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Essiccatore d aria Corso base

Essiccatore d aria Corso base Essiccatore d aria Corso base Introduzione Esempio Funzione Vantaggio del principio a due camere Nota La pressione atmosferica che viene aspirata dal compressore è più o meno umida. Ciò significa che il

Dettagli

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC.

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC. Dimensioni ø.7 9.5 6.5 8.5 ø.7 65 57 Finestra per la spia LED Codifica d'ordine Sensore radar Caratteristiche Dispositivo di apertura per cancelli industriali con la possibilità di differenziare tra persone

Dettagli

Unità di frenatura per rimorchi

Unità di frenatura per rimorchi 2. Unità di frenatura per rimorchi 63 2. Sistemi frenanti ad aria compressa a due condotte per rimorchi Rimorchio secondo RREG Esecuzioni del correttore di frenata utilizzabili dai soffietti a sospensione

Dettagli

Telecomando ainfrarossi

Telecomando ainfrarossi ManualeUtente Telecomando ainfrarossi 1094FV www.guidosimplex.it Gentile Cliente, grazie per aver acquistato un dispositivo Guidosimplex. Come tutti i nostri prodotti, questo dispositivo, è stato progettato

Dettagli

MANUALE D INSTALLAZIONE DEL RIVELATORE PER AVVOLGIBILI VR200

MANUALE D INSTALLAZIONE DEL RIVELATORE PER AVVOLGIBILI VR200 Doppia Frequenza This product can be used in all the EU countries. Conformità dei prodotti alle direttive europee: 89/336/EEC; 73/3/EEC; 99/5/EC. 809/A - DIAGRAL - 0/0 - Il presente manuale può essere

Dettagli

AiM Manuale utente. Collegamento alla ECU dei dispositivi AiM via OBDII. Versione 1.02

AiM Manuale utente. Collegamento alla ECU dei dispositivi AiM via OBDII. Versione 1.02 AiM Manuale utente Collegamento alla ECU dei dispositivi AiM via OBDII Versione 1.02 Questo manuale spiega come collegare i dispositivi AiM alla ECU del veicolo utilizzando un protocollo OBDII. 1 OBDII:

Dettagli

Comandi fermodellistici Pittogrammi, Simboli circuitali, Codifica letterale

Comandi fermodellistici Pittogrammi, Simboli circuitali, Codifica letterale 1 Scopo della norma Con questa si devono definire i pittogrammi tipici del fermodellismo e i simboli circuitali dei comandi fermodellistici. Essi devono servire alla rappresentazione di schemi elettrici

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.2

Manuale Controllo Accesso V 0.2 & Manuale Controllo Accesso V 0.2 Luglio 2012 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

PK 600 TK / PK 800 TK

PK 600 TK / PK 800 TK PK 600 TK / PK 800 TK BEN IN ALTO CON LE GRU DI MONTAGGIO PALFINGER IL MASSIMO PER ALTEZZA DI LAVORO E VELOCITA La PK 600 TK, per le sue rapide sequenze di movimento e per la sensibilità di controllo,

Dettagli

Compressori Corso base

Compressori Corso base Compressori Funzione I compressori hanno la funzione di produrre la necessaria portata di aria compressa in un automezzo per alimentare tutti gli utilizzatori d'aria compressa. I compressori WABCO sono

Dettagli

Disposizione posti relè e fusibili

Disposizione posti relè e fusibili 1/1 Disposizione posti relè e fusibili Disposizione fusibili (SC) nel portafusibili cruscotto sinistro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 31 Colori dei fusibili

Dettagli

ABB i-bus KNX Interfaccia universale, 2 canali, FM US/U 2.2

ABB i-bus KNX Interfaccia universale, 2 canali, FM US/U 2.2 Dati tecnici ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto L apparecchio possiede due canali che possono essere configurati con il software ETS a scelta come ingresso o uscita. Con i cavi di collegamento di colore

Dettagli

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Contatto: DUECI PROGETTI srl Emanuele Colombo +39 335 8339312 automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Realizzato con Unigest-DP PRESENTAZIONE Si tratta di un

Dettagli

Condizioni di montaggio

Condizioni di montaggio Condizioni di montaggio per SUNNY CENTRAL 400LV, 400HE, 500HE, 630HE Indice Nel presente documento vengono descritte le dimensioni, le distanze minime da rispettare, le quantità di adduzione ed espulsione

Dettagli

DAKTON Manuale J-BOX J-BOX Manuale

DAKTON Manuale J-BOX J-BOX Manuale J-BOX Manuale J-BOX è un espansione per n.4 sensori aggiuntivi da applicare ad un sistema costituito già da Dashboard e µ-box. I sensori disponibili con J-BOX sono: -POSIZIONE PEDALI (acceleratore e freno)

Dettagli

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso I PA100 Pulsante manuale a riarmo wireless DS80SB32001 LBT80856 Manuale Installazione/Uso DESCRIZIONE GENERALE Il pulsante manuale a riarmo wireless PA100 è un dispositivo che consente di generare una

Dettagli

Attuatore tre punti flottante K274J

Attuatore tre punti flottante K274J 0556IT febbraio 2013 Attuatore tre punti flottante K274J 0032A/2 0064L/0 Installazione L attuatore a tre punti flottante va montato sulle valvole serie K297 in posizione orizzontale o verticale con coperchio

Dettagli

Accessori per i controllori programmabili Saia PCD Integrazione dei moduli di I/O nel quadro elettrico omazione Stazioni di aut aggio ollo e

Accessori per i controllori programmabili Saia PCD Integrazione dei moduli di I/O nel quadro elettrico omazione Stazioni di aut aggio ollo e 77 1.7 Accessori per i controllori programmabili Saia PCD 1.7.1 Integrazione dei moduli di I/O nel quadro elettrico I cavi di sistema preconfezionati e i moduli per le morsettiere di conversione rendono

Dettagli

Safety is a SIRIUS business

Safety is a SIRIUS business Dispositivi di sicurezza SIRIUS 3SK Safety is a SIRIUS business Soluzioni per applicazioni di sicurezza compatte Macchine sicure in modo semplice e rapido siemens.it/safety Sicurezza funzionale delle macchine:

Dettagli

B 5000 Sistema di saldatura

B 5000 Sistema di saldatura B 5000 Sistema di saldatura Oggi per dimostrare la propria competenza tecnica e soddisfare le esigenze del mercato, un costruttore di impianti per produzioni in massa di componenti deve conoscere a fondo

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

Collegamento elettrico

Collegamento elettrico Fotocellula a tasteggio energetica Disegno quotato Con riserva di modifiche DS_ET318B_it_50123663.fm it 01-2013/06 50123663 10-30 V DC A 2 LS 500 Hz 1 1000mm 5 450mm (con ottica angolare a 90 ) Fotocellula

Dettagli

MGB. Tutto sotto controllo! Multifunctional Gate Box

MGB. Tutto sotto controllo! Multifunctional Gate Box MGB Tutto sotto controllo! Multifunctional Gate Box Multifunctional Gate Box MGB Il futuro sotto controllo L MGB (Multifunctional Gate Box) è un eccezionale sistema di interblocco e ritenuta per il controllo

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico 03.16 Caratteristiche: 200 impulsi per rotazione del tamburo di misura Per uso con misuratori di gas modello TG05 a TG50, BG4 a BG100 Uni-direzionale Non utilizzabile in aeree ex-proof Applicazione: Componenti:

Dettagli

Guida rapida. SIPOS 5 Flash ECOTRON. www.sipos.de. Im Erlet 2 D-90518 Altdorf. Tutti i diritti riservati! SIPOS Aktorik GmbH

Guida rapida. SIPOS 5 Flash ECOTRON. www.sipos.de. Im Erlet 2 D-90518 Altdorf. Tutti i diritti riservati! SIPOS Aktorik GmbH 0 Edizione 07.09 Tutti i diritti riservati! SIPS Aktorik GmbH Im Erlet D-9058 Altdorf www.sipos.de Codice di ordinazione: Y070.49/IT Guida rapida SIPS 5 Flash ECTRN 70 70 Informazioni generali Questa guida

Dettagli

Da sempre garantiamo un servizio chiavi in mano Allestimenti per la guida e il trasporto dei disabili Indice Guida Acceleratore elettronico a cerchiello... Acceleratore meccanico a cerchiello... Acceleratore

Dettagli

Stick e dalla relativa unità di controllo. Il Command mette a disposizione in ogni momento. Vantaggi della tecnologia FAFNIR

Stick e dalla relativa unità di controllo. Il Command mette a disposizione in ogni momento. Vantaggi della tecnologia FAFNIR L'unità di controllo L'unità di controllo è composto da un'alimentazione a sicurezza intrinseca per i sensori VISY- Possibilità di collegare a un singolo collegamento fino a 3 sensori VISY differenti mediante

Dettagli

Le informazioni per la stampa

Le informazioni per la stampa Diamo forma all'esperienza AMTRON : le nuove stazioni Wallbox di Mennekes Mennekes, una delle aziende leader nella fornitura di sistemi di ricarica per la mobilità elettrica ha arricchito la gamma di settore

Dettagli

REGOLAZIONE ELETTRONICA DI LIVELLO PER AUTOBUS A SOSPENSIONE PNEUMATICA (ECAS) ECAS per autobus

REGOLAZIONE ELETTRONICA DI LIVELLO PER AUTOBUS A SOSPENSIONE PNEUMATICA (ECAS) ECAS per autobus REGOLAZIONE ELETTRONICA DI LIVELLO PER AUTOBUS A SOSPENSIONE PNEUMATICA (ECAS) ECAS per autobus Funzioni del sistema Configurazioni del sistema Componenti Concezione di sicurezza Diagnosi Codice lampeggiante

Dettagli

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Preparazione, progettazione, montaggio e installazione di impianti elettrici e/o elettronici per edifici a uso civile e applicazioni industriali

Dettagli

Smart-RTC RT Econ U RT Econ A

Smart-RTC RT Econ U RT Econ A Smart-RTC RT Econ U RT Econ A Istruzioni d uso e montaggio Regolatore della temperatura ambiente per il collegamento al programmatore della pompa di calore N. d'ordinazione: 452114.66.73 83288408 FD 9105

Dettagli

M3305 Sistema produzione aria (APM) e sospensioni pneumatiche

M3305 Sistema produzione aria (APM) e sospensioni pneumatiche M3305 Sistema produzione aria (AM) e sospensioni pneumatiche Formatore: Andrea Merico venerdì 11 maggio 2012 rogramma AM M3305 SISTEMA RODZIONE ARIA E SOSENSIONI AGINA 4 AM A IR RODCTION MANAGEMENT SISTEMA

Dettagli

39 Il linguaggio grafico a contatti

39 Il linguaggio grafico a contatti 39 Il linguaggio grafico a contatti Diagramma a contatti, ladder, diagramma a scala sono nomi diversi usati per indicare la stessa cosa, il codice grafico per la programmazione dei PLC con il linguaggio

Dettagli

Manuale d installazione TARTARINI AUTO. ALFA ROMEO GIULIETTA 1.400cc 125 Kw Turbo MultiAir Gpl

Manuale d installazione TARTARINI AUTO. ALFA ROMEO GIULIETTA 1.400cc 125 Kw Turbo MultiAir Gpl Manuale d installazione TARTARINI AUTO ALFA ROMEO GIULIETTA 1.400cc 125 Kw Turbo MultiAir Gpl Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632 24 11 Fax: 051 632 24

Dettagli

ABB i-bus KNX Centralina di allarme pericoli KNX GM/A 8.1, 2CDG110150R0011

ABB i-bus KNX Centralina di allarme pericoli KNX GM/A 8.1, 2CDG110150R0011 Dati tecnici 2CDC513071D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto La centralina di allarme pericoli KNX viene utilizzata per gestire fino a 5 aree logiche con un massimo di 344 gruppi di rivelatori,

Dettagli

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798 Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 0 798 GW 798 GW 4 798 3 8 A 3 4 5 4 0 5 9 6 7 6 Pulsante di test canali EIB 3 4 5 6 LED multifunzione LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione

Dettagli

APS 2. Sistema Automatico di Applicazione Polvere APS 2 17. Edizione 05/99

APS 2. Sistema Automatico di Applicazione Polvere APS 2 17. Edizione 05/99 It Sistema Automatico di Applicazione Polvere 17 16 Indice Sistema Automatico di Applicazione................................. 1 1. Campo di applicazione......................................... 1 2. Tipo

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Componenti per l automazione pneumatica

Componenti per l automazione pneumatica Componenti per l automazione pneumatica www.pneumaxspa.com Con il programma "DIDACTIC" Pneumax si propone di realizzare un pacchetto completo di moduli assemblabili su di un banco di simulazione. Il programma

Dettagli

CENTRALINA AHC 9000 scheda tecnica cet01-s01-13a

CENTRALINA AHC 9000 scheda tecnica cet01-s01-13a S Y S T E M S CETRAIA scheda tecnica cet01-s01-13a testo di capitolato impiego schemi di collegamento CETRAIA specifica per la gestione dei componenti della famiglia ahc 9000, con antenna integrata per

Dettagli

1 Indicazioni di sicurezza. 2 Struttura dell'apparecchio. Inserto comando motore veneziane Universal AC 230 V ~ N. art. 232 ME. Istruzioni per l uso

1 Indicazioni di sicurezza. 2 Struttura dell'apparecchio. Inserto comando motore veneziane Universal AC 230 V ~ N. art. 232 ME. Istruzioni per l uso Inserto comando motore veneziane Universal AC 230 V ~ N. art. 232 ME Istruzioni per l uso 1 Indicazioni di sicurezza L'installazione e il montaggio di apparecchi elettrici devono essere eseguiti esclusivamente

Dettagli

Presentazione nuova automazione scorrevole per vie di fuga ed uscite di emergenza EN16005 con motore brushless. SL5 Emergency

Presentazione nuova automazione scorrevole per vie di fuga ed uscite di emergenza EN16005 con motore brushless. SL5 Emergency Presentazione nuova automazione scorrevole per vie di fuga ed uscite di emergenza EN16005 con motore brushless SL5 Emergency Innovare per semplificare APRILE 2014 1 Total Customer Satisfaction Coerentemente

Dettagli

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3 Indice 1. Descrizione del sistema...1 1.1 Descrizione del sistema...1 1.2 Utilizzo del Monitoring System 1502...1 1.2.1 Modalità seminatrice a grano singolo con trasduttore ottico (conteggio dei grani)...1

Dettagli

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIE EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0274V3.2-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale... pag.

Dettagli

IEM. Istruzioni di installazione. Passione per servizio e comfort. Istruzioni di installazione

IEM. Istruzioni di installazione. Passione per servizio e comfort. Istruzioni di installazione Istruzioni di installazione IEM 6 720 612 399-00.1O Istruzioni di installazione Modelli e brevetti depositati Réf.: 6 720 614 832 IT (2008/03) OSW Passione per servizio e comfort Indice Indice Informazioni

Dettagli

MISURATORE DI LIVELLO IDRICO A BILANCIA

MISURATORE DI LIVELLO IDRICO A BILANCIA I sistemi a bilancia dinamometrica di nostra produzione sono progettati per il rilievo, la registrazione e la trasmissione a distanza della misura del livello idrico di grandi bacini, con elevata precisione

Dettagli

Istruzioni rapide Sensore 3D per macchine mobili. O3M15x 80222723/00 08/2014

Istruzioni rapide Sensore 3D per macchine mobili. O3M15x 80222723/00 08/2014 Istruzioni rapide Sensore 3D per macchine mobili O3M15x 80222723/00 08/2014 Indice 1 A proposito di questo manuale 4 1.1 Simboli utilizzati 4 1.2 Avvertenze utilizzate 4 2 Indicazioni di sicurezza 4 3

Dettagli

Sistema radio portatile MFW

Sistema radio portatile MFW Sicurezza per oggi e domani 06100009IT3 Sistema radio portatile MFW Sistema radio portatile MFW - la nuova generazione di ATWS via radio Il sistema radio portatile MFW nasce come ulteriore sviluppo del

Dettagli