L esperienza del Gruppo Generali in tema di Governance e di controllo dei rischi d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L esperienza del Gruppo Generali in tema di Governance e di controllo dei rischi d impresa"

Transcript

1 L esperienza del Gruppo Generali in tema di Governance e di controllo dei rischi d impresa di VITTORIO RISPOLI Vice Direttore Generale di Assicurazioni Generali S.p.A. Sommario: 1. L importanza della corporate governance nell esperienza della Compagnia. 2. La Relazione sulla corporate governance di Assicurazioni Generali ed il sito Internet. 3. Il ruolo centrale del Consiglio di Amministrazione e la governance di Assicurazioni Generali. 4. La corporate governance di Assicurazioni Generali ed il nuovo Codice di Autodisciplina. 5. La materia del controllo dei rischi. 6. Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Il sistema di gestione dei rischi I ruoli e le responsabilità Il processo di gestione dei rischi. Conclusioni. 1. L importanza della corporate governance nell esperienza della Compagnia Assicurazioni Generali ormai da diversi anni rivolge una particolare attenzione ai temi della corporate governance ed alle esigenze di riforma che caratterizzano l'evolversi della Compagnia e del Gruppo, consapevole del fatto che la capacità di darsi regole di funzionamento efficienti ed efficaci rappresenta un elemento indispensabile per migliorare la qualità del proprio governo societario e, di conseguenza, rafforzare la percezione di affidabilità delle imprese. Ciò non solo nel contesto nazionale, ma ancor di più in quello internazionale, nel quale la concorrenza si gioca vieppiù fra sistemi di regole vigenti a livello domestico, alla luce di benchmark costituiti da norme e best practice diffuse nei Paesi più sviluppati sotto il profilo economico e finanziario. In tale ambito, il percorso di crescita della corporate governance della nostra Compagnia ha già trovato riconoscimento nella valutazione attribuita al suo modello, da parte di due agenzie di rating statunitensi specializzate in materia. Al riguardo, si ricorda che, sulla base di un analisi svolta da ISS (Institutional Shareholder Services) per conto del quotidiano britannico Financial Times, il modello di governo societario adottato dalle Generali è stato ritenuto il migliore tra quelli di tutte le altre società italiane prese in considerazione. Oltre a quanto precede, GMI (Governance Metrics International) ha da poco confermato alle Generali un punteggio di assoluto rilievo, all'interno di un'ulteriore analisi elaborata di sua iniziativa dalla predetta società.

2 A conferma dell'impegno profuso in questo campo, segnaliamo che del Comitato costituito per la modifica del Codice di Autodisciplina delle società quotate hanno fatto parte, fra gli altri, anche l'amministratore Delegato della Società, Dott. Giovanni Perissinotto, il Vice Presidente, Dott. Galateri di Genola, mentre il Consigliere, Prof. Piergaetano Marchetti, insieme ad altri due nomi illustri, ha rivestito il ruolo di coordinatore del Comitato stesso. 2. La Relazione sulla corporate governance di Assicurazioni Generali ed il sito Internet L illustrazione del modello di governance adottato dalla nostra Compagnia è contenuta nella Relazione sulla corporate governance, che la nostra società redige da quando ha aderito per la prima volta al Codice di Autodisciplina delle Società quotate, nell ormai lontano Il documento in parola viene pubblicato non solo annualmente, come prescritto dalle Istruzioni di Borsa, ma con cadenza semestrale (di solito, in occasione dei Consigli di marzo e di settembre), ovvero a seguito del verificarsi di eventi societari salienti, che ne rendano opportuno un aggiornamento. La relazione sulla corporate governance, redatta secondo i principi dettati da Borsa Italiana e da Assonime, può essere considerata come una delle più complete ed accurate nel panorama nazionale, tenuto conto della qualità e quantità degli elementi informativi che la stessa offre: in effetti, in tale sede si dà conto del tipo di organi sociali di cui si dota la Compagnia, della loro composizione, del loro funzionamento, dei poteri che competono ai loro componenti, con particolare attenzione al contenuto delle deleghe attribuite al Presidente, agli Amministratori Delegati ed al Comitato Esecutivo. Ancora, la stessa Relazione fornisce, fra l altro, indicazioni precise circa il profilo biografico di ciascun Consigliere di Amministrazione e di ciascun Sindaco, il numero di riunioni annuali di tutti gli organi sociali, la partecipazione dei loro componenti, le materie trattate nelle adunanze di determinati organi, i patti parasociali in essere sul capitale della Compagnia, gli azionisti che detengono azioni in misura superiore al 2% dello stesso, la società di revisione, con indicazione del compenso che le viene corrisposto e del numero di ore impiegate per gli incarichi conferiti, nonché ogni informazione riguardante i piani di stock option varati dai competenti organi della Società. 2

3 Del documento in questione, viene tempestivamente curata la pubblicazione sul sito Internet della Compagnia, nelle versioni italiana ed inglese, al fine di consentire al pubblico di essere sistematicamente informato sul governo societario della Compagnia, in maniera trasparente e puntuale. Il sito Internet della Compagnia ospita poi un apposita sezione intitolata corporate governance, sempre in lingua italiana ed inglese, che ricomprende diverse sottosezioni, attraverso le quali è agevole conoscere ed approfondire ogni aspetto del governo societario di Assicurazioni Generali. Le sottosezioni in commento sono state strutturate in modo da consentire una doppia lettura: veloce per coloro che desiderino soffermarsi soltanto sulla parte introduttivodescrittiva delle stesse, più analitica per coloro che desiderino approfondire determinati argomenti, mediante l apertura di link distruibuiti all interno del testo, con la possibilità di consultare ed eventualmente scaricare tutti i documenti societari pubblicati dalla Società, in italiano ed inglese, salvo lo Statuto, per il quale vengono messe a disposizione anche le versioni francese, spagnola e tedesca (i documenti fruibili vanno, oltre alllo Statuto, dall Atto Costitutivo al Regolamento assembleare, dalla relazione sulla Corporate Governance al Codice Etico, dal Bilancio di sostenibilità al Documento illustrativo sul modello di organizzazione e gestione, ex lege 231/01). Vi si trovano informazioni aggiornate con riferimento a tutti gli argomenti trattati nella Relazione sulla corporate governance: in buona sostanza, si può dire che si tratta di una versione interattiva della Relazione stessa, con tutti i vantaggi di rapidità, agevolezza ed incisività che connotano lo strumento elettronico. Fra questi, cito esemplificativamente la messa a disposizione del pubblico dei verbali delle assemblee tenutesi nel corso degli ultimi 7 esercizi, l aggiornamento costante della composizione degli organi sociali, oltre a quello della platea azionaria e l informativa sui principali eventi societari in calendario per l esercizio sociale in essere. 3. Il ruolo centrale del Consiglio di Amministrazione e la governance di Assicurazioni Generali Il Consiglio di Amministrazione della Compagnia dispone di ogni più ampio potere di gestione per il perseguimento dello scopo sociale: svolge un ruolo centrale di direzione, di controllo e di verifica dell operato di tutti gli organi sociali. 3

4 È inoltre l organo deputato, per eccellenza, a curare che le deliberazioni dell Assemblea abbiano corretta e pronta esecuzione. È composto da personalità di elevatissimo profilo e provenienti da diversi Paesi, che forniscono il loro prezioso contributo alla gestione amministrativa della Società, essendovi rappresentati esperti di finanza, di economia, prestigiosi imprenditori, nonché avvocati e docenti universitari appartenenti a diverse discipline. La Segreteria del Consiglio, di cui sono titolare, provvede a diffondere ai Consiglieri, in tempo utile rispetto alla data prevista per la riunione consiliare, tutti i documenti a quel momento disponibili che saranno poi oggetto di trattazione durante la stessa nonché il verbale della seduta precedente, a meno che particolari ragioni di riservatezza non ne rendano sconsigliabile la trasmissione. L invio dei documenti, come le norme che disciplinano l attività del Consiglio, la sua composizione, la partecipazione degli Amministratori indipendenti, il trattamento delle informazioni societarie, la remunerazione dei Consiglieri, i loro interessi e le operazioni con parti correlate, il funzionamento dei Comitati consiliari ed il sistema di controllo interno sono contenute nel Regolamento sul funzionamento degli organi amministrativi della Compagnia, approvato in occasione del Consiglio di Amministrazione tenutosi durante lo scorso mese di novembre. I membri del Consiglio sono sistematicamente messi nella condizione di poter apprezzare in modo pieno i compiti e le responsabilità inerenti alla carica. Secondo quanto previsto anche nel suddetto Regolamento e nel rinnovato Codice di Autodisciplina, il Presidente ed il Segretario del Consiglio si adoperano affinché gli Aministratori vengano informati sulle principali novità legislative e regolamentari che riguardano la Società e gli organi sociali: a tal fine, possono avvalersi anche della collaborazione dei Consiglieri in possesso della formazione richiesta. 4. La corporate governance di Assicurazioni Generali ed il nuovo Codice di Autodisciplina La legge sul risparmio, nell'apportare modifiche di rilievo al Codice Civile, al Testo Unico della Finanza ed al Testo Unico Bancario, ha inciso profondamente sulla struttura della corporate governance delle società quotate italiane ed ha altresì attribuito dignità di fonte normativa primaria ai codici di autodisciplina. 4

5 Il rinnovato Codice di Autodisciplina, dal canto suo, ha introdotto numerosi elementi di novità relativamente al funzionamento degli organi di governo delle società quotate, recependo, in larga parte, quanto raccomandato a livello comunitario, oltre che nei codici di autodisciplina di area anglosassone. Nel corso del passato esercizio, Assicurazioni Generali è stata fra le primissime società che hanno già aderito a tutte le previsioni contenute nel nuovo Codice di Autodisciplina, dal ruolo del Consiglio di Amministrazione alla composizione dello stesso, dalle riunioni degli Amministratori indipendenti al trattamento delle informazioni societarie, dal funzionamento dei Comitati consiliari alla remunerazione degli Amministratori, dagli interessi dei medesimi al Collegio Sindacale: di tutte queste attività si darà naturalmente conto nella prossima versione della Relazione che verrà approvata dal Consiglio di Amministazione che si terrà nel mese di marzo. Per quanto riguarda le modifiche statutarie rese necessarie in conseguenza dell emanazione del nuovo Codice, la Compagnia completerà il suo allineamento alle regole di autogoverno nel corso del corrente anno, demandandone la competenza ad un assemblea da convocarsi ad hoc: relativamente a quanto precede, il mercato sarà naturalmente aggiornato con la Relazione che i Consiglieri di Amministrazione quest anno approveranno nel mese di agosto. 5. La materia del controllo dei rischi In tema di controllo dei rischi, a fronte di quanto previsto dalla prima versione del Codice di Autodisciplina per le Società Quotate, già agli inizi del 2001 la nostra Compagnia aveva istituito, in seno al Consiglio di Amministrazione, un Comitato per il Controllo Interno, investito di funzioni consultive e propositive, nella materia, appunto, dei controlli interni. Successivamente all emanazione del nuovo Codice di Autodisciplina ed alla Circolare ISVAP 577/D del 30 dicembre 2005, di cui tratterò più diffusamente a breve, lo scorso anno il Consiglio di Amministrazione della Compagnia ha provveduto ad aggiornare le competenze dell organo in parola, in modo da allinearlo alle suddette nuove previsioni( 1 ). ( 1 ) In ossequio alla formulazione del Criterio applicativo 8.C.3 della nuova versione del Codice, il Consiglio di Amministrazione della Compagnia, nella riunione tenutasi il 10 maggio 2005, ha aggiornato le attribuzioni del Comitato, che, ad oggi, sono le seguenti: assistere il Consiglio di amministrazione nella determinazione delle linee di indirizzo del sistema dei controlli interni, nella verifica periodica della sua adeguatezza e del suo effettivo funzionamento, nell identificazione e gestione dei principali rischi aziendali, in aggiunta alle funzioni consultive e propositive nei confronti del Consiglio stesso nella materia dei controlli interni; 5

6 I componenti del Comitato in discorso si contraddistinguono per la loro elevatissima professionalità e per il ruolo assolutamente propositivo, anziché passivo, dai medesimi svolto, di talchè in più di un occasione sono state apportate delle innovazioni migliorative della governance della Compagnia, proprio in seguito ad un loro impulso. In ogni modo, il funzionamento dell organo di che trattasi è garantito da un apposito regolamento. Naturalmente, tutti i membri del Comitato possiedono il requisito dell indipendenza e, secondo le prescrizioni del Codice di Autodisciplina, non sono esecutivi. Il Comitato per il Controllo Interno riferisce al Consiglio di Amministrazione sull attività svolta quantomeno in occasione delle riunioni consiliari convocate per l approvazione del progetto di bilancio e della relazione semestrale, esprimendo le proprie valutazioni con riferimento alle materie relative alle attribuzioni delegate. Nel corso dell esercizio appena concluso, le attività concretamente svolte dal Comitato sono state, fra l altro: l'analisi del report informativo sull'attività di revisione svolta nell'esercizio 2005; l'analisi del piano di revisione interna per il corrente esercizio; il rilascio del parere sul piano di lavoro elaborato dalla Società di revisione; la presentazione della relazione sull attività svolta dal Comitato stesso nel corso dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2005; il rilascio del parere sulla proposta di conferimento degli incarichi di revisione contabile per il sessennio 2006/2011 alla Società di revisione; assicurare che le valutazioni e le decisioni del Consiglio di Amministrazione relative al sistema dei controlli interni, all approvazione dei bilanci e delle relazioni semestrali nonché ai rapporti tra la Compagnia ed il revisore esterno siano supportate da un adeguata attività istruttoria. In questo quadro: assiste il Consiglio di Amministrazione nell espletamento dei compiti allo stesso attribuiti dal Codice di Autodisciplina delle Società quotate rispetto al sistema dei controllo interni; esprime il proprio parere sui progetti di Piano di Audit e di Rapporto di sintesi sull attività di Revisione Interna predisposti dal preposto al controllo interno, in vista della loro presentazione al Consiglio di Amministrazione per la relativa approvazione; valuta, unitamente ai dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari della Compagnia ed agli esponenti della società di revisione, il corretto utilizzo dei principi contabili utilizzati e la loro omogeneità tra le Società del Gruppo, ai fini della redazione del bilancio consolidato; identifica e seleziona, con il supporto della funzione di revisione interna, società di revisione dotate di adeguate strutture organizzative e di capacità professionali idonee per espletare, con efficienza ed efficacia, l incarico di revisione contabile anche alla luce della complessità del Gruppo e della sua diffusione territoriale e valutare le relative proposte contrattuali, nel quadro della procedura societaria di conferimento degli incarichi di revisione contabile del bilancio d esercizio, del bilancio consolidato e delle relazioni semestrali, con particolare riferimento all oggetto degli incarichi stessi ed al loro contenuto economico; valuta il piano di lavoro per la revisione nonché i risultati esposti nella relazione della società di revisione e nella eventuale lettera di suggerimenti dalla medesima predisposta; vigila sull efficacia del processo di revisione contabile; riferisce sull attività svolta e sull adeguatezza del sistema di controllo interno al Consiglio di Amministrazione, in occasione delle riunioni consiliari convocate per l approvazione del progetto di bilancio e della relazione semestrale, esprimendo le proprie valutazioni con riferimento alle materie relative alle attribuzioni delegate; su richiesta dell Amministratore avente competenza nella materia di che trattasi, esprime pareri su aspetti specifici inerenti all identificazione dei principali rischi aziendali, alla progettazione, alla realizzazione ed alla gestione del sistema dei controlli interni; svolge i compiti che il Consiglio di Amministrazione potrà, in seguito, attribuirgli; pone in essere tutti gli atti comunque inerenti e conseguenti all assunzione della deliberazione che ne ha fissato le attribuzioni, nonché tutte le altre attività che siano necessarie oppure anche solo meramente utili od opportune al fine dell attuazione della medesima deliberazione. 6

7 la presentazione delle attività progettuali concernenti l'entrata in vigore della Circolare ISVAP 577/D del 30 dicembre 2005 recante "Disposizioni in materia di sistema dei controlli interni e gestione dei rischi"; la presentazione della proposta di deliberazione da adottarsi, da parte del Consiglio di Amministrazione, ai sensi della suddetta circolare ISVAP; l analisi della Relazione della Società di Revisione e dell attuario incaricato dalla medesima sul bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2005, e della Relazione della Società di Revisione sul bilancio consolidato al 31 dicembre 2005; l informativa periodica sull'implementazione del modello organizzativo e gestionale previsto dal Decreto Legislativo 231/01 nel gruppo Generali; l adeguamento dell'assetto di corporate governance alle nuove prescrizioni del Codice di Autodisciplina delle società quotate. Costituisce ormai una prassi consolidata il fatto che io stesso, in qualità di Segretario del Consiglio di Amministrazione carica che ricopro anche all interno di questo Comitato e di quello per le Remunerazioni d intesa col Presidente del Comitato, nei giorni che precedono l adunanza, provveda ad inviare ai suoi membri i documenti, che saranno poi oggetto di trattazione in quella sede, al fine di mettere i Comitatisti nelle condizioni di partecipare attivamente e con un adeguato grado di preparazione alla discussione degli argomenti all ordine del giorno di quell adunanza. Alle riunioni del Comitato partecipano, oltre ai membri dello stesso, anche i componenti del Collegio Sindacale. In occasione delle adunanze, il Preposto al Controllo Interno riferisce dell operato della sua funzione al Comitato. Quest ultimo svolge regolarmente le attività propositive e consultive che gli sono proprie, come consta dai verbali delle adunanze, che vengono regolarmente approvati nella seduta successiva nonchè le relazioni richieste dallo svolgimento dell attività della Compagnia. Le riunioni del Comitato per il Controllo Interno si tengono, di regola, almeno quattro volte l anno e comunque in tempo utile per deliberare sulle materie per le quali il Comitato deve riferire al Consiglio di Amministrazione. La partecipazione dei suoi componenti alle riunioni del Comitato è pressochè unanime, ad ulteriore dimostrazione del grado di responsabilità dei medesimi. 7

8 Di fatto, nel corso del 2006, l Organo in questione si è riunito 6 volte, e la presenza dei suoi componenti è stata sempre totalitaria. 6. Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Come accennavo prima e com è ormai noto, la Circolare ISVAP 30 dicembre 2005, n. 577/D ha introdotto delle novità con riferimento alla materia dei controlli interni e della gestione dei rischi, aspetto, quest ultimo, particolarmente innovativo per il settore assicurativo. Attraverso la Circolare in commento, l ISVAP, da una parte, ha recepito le best practice internazionali in tema di controlli interni e, dall altra, ha anticipato l applicazione di alcune disposizioni regolamentari di fonte comunitaria in tema di gestione dei rischi, peraltro ancora in evoluzione e che dovrebbero trovare applicazione negli Stati membri dell Unione Europea soltanto nel corso dei prossimi anni. Il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali lo scorso anno ha approvato due appositi documenti denominati Relazione sul sistema dei controlli interni e Relazione sulla gestione dei rischi, che descrivono dettagliatamente le finalità, i principi, la struttura, i ruoli, le responsabilità, nonché i principali dispositivi dei sistemi, rispettivamente, del controllo interno e della gestione dei rischi della Compagnia. Più in particolare, il sistema dei controlli interni evidenzia una struttura articolata su due livelli di responsabilità, attribuiti rispettivamente, il primo, ai preposti alle unità organizzative ed il secondo, alla funzione di revisione interna; la responsabilità ultima della tenuta e del continuo aggiornamento del sistema di controllo interno compete peraltro al Consiglio di Amministrazione, che detta le linee di indirizzo nella materia di che trattasi, alle quali l Alta Direzione è tenuta ad attenersi. Al primo livello di responsabilità è riferito l insieme delle attività quotidiane di controllo poste in essere da tutte le strutture aziendali, formalizzate nell ambito del database di Gruppo denominato Biblioteca dei Processi Aziendali di Gruppo (nel quale sono rappresentati i principali processi operativi ed i relativi punti di controllo). Questi ultimi sono costantemente monitorati da apposite funzioni, nell ambito delle stesse strutture operative, con lo scopo di garantire una corretta e completa 8

9 identificazione di tutti i possibili miglioramenti da apportare in termini di efficienza e di efficacia, soprattutto dei controlli interni. Il secondo livello di responsabilità è svolto dalla funzione di revisione interna al cui Dirigente responsabile è garantito il necessario grado di autonomia di giudizio e di indipendenza dalle funzioni operative che monitora regolarmente l effettiva applicazione delle regole di controllo interno stabilite dalla Compagnia, secondo piani di audit definiti annualmente, e che formula le proposte che si rendono necessarie per il costante aggiornamento e miglioramento del sistema di controllo in parola. L introduzione della Circolare ISVAP 577/D ha implicato significative ed innovative modifiche al modello organizzativo della Società, avendo previsto l attribuzione ad una specifica funzione di risk management di tutti i compiti di controllo in materia di identificazione e valutazione dei rischi, così come previsti dalla Circolare stessa, ferme restando tutte le preesistenti attribuzioni e competenze nella materia in oggetto. Stante la necessità di mantenere una corretta separazione tra le funzioni operative e quelle di controllo, la funzione indipendente di controllo dei rischi è stata collocata all interno del Servizio di Revisione Interna di Gruppo, che possiede i requisiti di autonomia di giudizio ed indipendenza dalle funzioni operative richiesti dalla normativa. Il Consiglio di Amministrazione della Compagnia ha deliberato di conferire al Presidente, nella sua qualità di chairman, la competenza nella materia del controllo interno e della gestione dei rischi. Il responsabile del Servizio Revisione Interna di Gruppo, nel ruolo di Preposto al sistema dei controlli interni, cui è stata attribuita la funzione di controllo sulla gestione dei rischi, riporta funzionalmente al Presidente del Consiglio di Amministrazione Il sistema di gestione dei rischi Il Gruppo Generali ha adottato un sistema di Enterprise Risk Management, che è un sistema di gestione coordinata del rischio e del rendimento. L obiettivo è quello di creare strategie che permettano la massimizzazione della redditività del capitale impiegato dal Gruppo nel rispetto dei vincoli posti dalla struttura di risk governance di Gruppo. 9

10 L approccio scelto dal Gruppo è quello di anticipare, facendoli propri, i contenuti della Direttiva comunitaria c.d. Solvency II che dovrebbe essere emanata entro il 2010 e di svilupparli, superando la nozione di semplice gestione del capitale, per abbracciare il concetto di gestione del valore. L obiettivo ultimo del sistema di gestione dei rischi è pertanto quello di mantenere ad un livello accettabile i rischi identificati e valutati, ottimizzando nel contempo le disponibilità patrimoniali necessarie per fronteggiare i predetti rischi. I principi, le finalità, nonché i principali dispositivi di gestione dei rischi trovano un adeguata diffusione ed applicazione all interno del Gruppo, seppur nel rispetto delle specifiche politiche adottate da ciascuna società controllata italiana ed estera, con il fine di mantenere un elevato grado di coerenza ed integrazione tra i sistemi di gestione dei rischi delle varie componenti del Gruppo I ruoli e le responsabilità Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione assicura che il sistema di gestione dei rischi consenta l identificazione, la valutazione ed il controllo dei rischi maggiormente significativi, sia a livello di Compagnia che di Gruppo. A tali fini, l organo consiliare, nell ambito dei compiti di indirizzo strategico e organizzativo di cui all articolo 2381 del Codice Civile, mantiene l esclusività dell esercizio dei propri poteri con riferimento alla definizione: - degli obiettivi risk-adjusted, in coerenza con il livello di adeguatezza patrimoniale, sia per la Compagnia che per il Gruppo ed approva le politiche e le strategie di gestione dei rischi; - dei livelli di tolleranza al rischio. Il Consiglio di Amministrazione aggiorna con cadenza annuale le predette valutazioni. Con analoga periodicità ed al fine di assicurare la costante tenuta del sistema dei rischi, il medesimo: 10

11 - esamina i risultati conseguiti, anche relativi alle attività di stress testing, nonché i profili di rischio sottostanti, sottopostigli dall Alta Direzione; - viene informato circa l adeguatezza del sistema di gestione dei rischi dalla funzione di Risk Management. In ogni caso, il Consiglio di Amministrazione è informato tempestivamente delle criticità più significative individuate dall Alta Direzione e dalla funzione di Risk Management. In presenza di suddette criticità, assicura l avvio delle necessarie misure correttive, impartendo le relative direttive. Qualora ricorressero dei motivi di urgenza, legati a situazioni che possano compromettere la solvibilità della Compagnia e del Gruppo ed il raggiungimento degli obiettivi aziendali, è previsto che le azioni correttive siano disposte dall Alta Direzione, salvo poi darne adeguata informazione al Consiglio stesso in una successiva seduta. Alta Direzione L Alta Direzione è responsabile a diverso livello dell attuazione, del mantenimento e del monitoraggio del sistema di gestione dei rischi, in conformità con le direttive del Consiglio di Amministrazione. In particolare, l Alta Direzione: - dà attuazione alle politiche di risk management sia per la Società che per il Gruppo, ivi inclusa l assegnazione degli obiettivi risk-adjusted e l allocazione dell appropriato capitale alle unità operative italiane ed ai Paesi in cui il Gruppo opera, assicurando la definizione di limiti operativi e la loro tempestiva verifica, nonché il monitoraggio delle esposizioni ai rischi ed il rispetto dei livelli di tolleranza; - cura il mantenimento della funzionalità e dell adeguatezza complessiva dell assetto organizzativo, del sistema di gestione dei rischi, adattandolo, in particolare, alla dinamica delle condizioni operative e del panorama legislativo e regolamentare, assicurando l esistenza di procedure documentate per il censimento dei rischi; - verifica che il Consiglio di Amministrazione sia periodicamente informato sull efficacia e sull adeguatezza del sistema di gestione dei rischi e comunque tempestivamente ogni qualvolta siano riscontrate criticità significative; 11

12 - dà attuazione alle indicazioni del Consiglio di Amministrazione in ordine alle misure da adottare per correggere le anomalie riscontrate e/o apportare miglioramenti; - propone al Consiglio di Amministrazione iniziative volte all adeguamento ed al rafforzamento del sistema di gestione dei rischi; - porta all attenzione del Consiglio di Amministrazione i risultati degli stress test, unitamente alle proposte sottostanti. La funzione di Risk Management La funzione di Risk Management è responsabile per tutte le attività di controllo in merito all individuazione e valutazione dei rischi, previste dalla normativa ISVAP, per le quali è richiesta l indipendenza della funzione da quelle operative. In particolare, la funzione in parola deve: - concorrere alla definizione delle metodologie di misurazione dei rischi; - valutare in sede di implementazione l adeguatezza delle procedure di determinazione e di verifica dei limiti operativi ed, in particolare, assicurare che le violazioni dei medesimi nonché l evoluzione dei rischi siano portati a conoscenza dell Alta Direzione e dei responsabili operativi; - verificare la correttezza dei flussi informativi necessari ad assicurare il tempestivo controllo delle esposizioni ai rischi e l immediata rilevazione delle anomalie riscontrate nell operatività; - predisporre il reporting al Consiglio di Amministrazione circa la tenuta complessiva del sistema di gestione dei rischi e la sua capacità, in particolare, a rispondere all evoluzione dei rischi, nonché la presenza di violazioni dei limiti operativi fissati e le azioni correttive conseguentemente intraprese; - verificare la coerenza dei modelli di misurazione dei rischi con l operatività della Compagnia; - verificare preventivamente l adeguatezza delle ipotesi e delle metodologie utilizzate per l esecuzione degli stress test; - verificare la coerenza dei sistemi di gestione dei rischi posti in essere dalle imprese del Gruppo. Come già detto, al fine di osservare pienamente i requisiti di indipendenza dalle funzioni operative, la funzione di Risk Management è collocata nel servizio di Revisione Interna di Gruppo. 12

13 Le altre funzioni di Gruppo L Alta Direzione si avvale del Comitato Rischi di Gruppo, che comprende i responsabili delle principali aree di attività ed il Chief Risk Officer (CRO). Questo Comitato assicura una prospettiva di valutazione integrata dei diversi rischi, sia per tipologia di rischio che per distribuzione territoriale e di Compagnia, valuta le esposizioni al rischio del Gruppo, identifica le opportunità di ottimizzazione dei sistemi di gestione dei rischi della Compagnia e sottopone le raccomandazioni all Alta Direzione. Il Chief Risk Officer riporta all Alta Direzione ed ha la responsabilità di monitorare e coordinare i sistemi di risk management posti in essere dalle Società controllate attraverso: - l alimentazione del Comitato Rischi di Gruppo con informazioni e suggerimenti; - il confronto costante con i responsabili di area di attività sia a livello di Gruppo che di Paese; - il monitoraggio delle attività di risk management svolte nei diversi Paesi; - l elaborazione delle metodologie di misurazione dei rischi che deve esse applicata dalle Società controllate. Il Chief Risk Officer nello svolgimento delle proprie attività è supportato da una specifica funzione aziendale di Enterprise Risk Management. La politica di Enterprise Risk Management è adottata da tutte le Compagnie di assicurazione, le società di investimento e gli istituti bancari del Gruppo. Nel caso di società estere, le holding di Paese o regionali potranno decidere di sviluppare una politica di Enterprise Risk Management specifica per il Paese o area sotto la loro responsabilità, ferme restando le linee guida dettate dalla Capogruppo. Le Società interessate si avvalgono di un Comitato Rischi, cui partecipano i responsabili delle principali aree aziendali, che ha la responsabilità di fornire supporto e suggerimenti all Amministratore Delegato o al Direttore Generale in merito alla gestione strategica del rischio della Compagnia, in conformità con le linee guida ricevute dalla Direzione Centrale della Capogruppo. Responsabili di aree operative 13

14 I responsabili di area/funzione forniscono all Alta Direzione gli elementi necessari per proporre al Consiglio di Amministrazione le politiche, i metodi e gli strumenti di gestione dei rischi di competenza, ne coordinano l implementazione e ne garantiscono l adeguatezza nel tempo. Assicurano inoltre il rispetto degli obiettivi e delle politiche da parte delle unità operative e dei Paesi (siano esse limiti operativi, regole comportamentali, e via dicendo) e richiedono interventi correttivi (se nell ambito della propria autonomia) o raccomandano gli stessi all Alta Direzione Il processo di gestione dei rischi Il sistema di gestione dei rischi della Compagnia assume carattere di processo coinvolgendo, con diversi ruoli, il Consiglio di Amministrazione, l Alta Direzione e le funzioni aziendali. Le fasi di questo processo possono essere così sintetizzate: - identificazione dei rischi: per raccogliere in via continuativa informazioni sui rischi, esistenti e prospettici, interni ed esterni, cui l impresa è esposta. Questi rischi sono poi analizzati, per comprenderne la natura, i potenziali effetti, l esigenza di controllarli e le metodologie, quantitative o qualitative, più appropriate per misurarli nonché gli eventuali aspetti di correlazione. Queste attività sono prevalentemente condotte dai responsabili di area; - pianificazione dei rischi: per definire l attitudine al rischio, sia a livello di Compagnia che di Gruppo e per assegnare in modo coerente ed integrato alle unità operative i target di rischio ed i limiti operativi. Questa attività è tipicamente svolta dal Consiglio di Amministrazione e dall Alta Direzione, con riferimento al target setting, e dai responsabili di area, per lo sviluppo di piani operativi coerenti con i target; - assunzione dei rischi: per eseguire le operazioni che rientrano nell attività sociale della Compagnia (ad esempio, stipulando contratti o gestendo progetti interni), assumendone i relativi rischi in conformità alle politiche ed ai limiti operativi ed alle specifiche indicazioni dei responsabili di area competenti. Queste attività sono tipicamente svolte dal management operativo della Compagnia, nonché dai collaboratori da esso delegati; - misurazione dei rischi: per rappresentare le esposizioni correnti ai rischi, a livello di Compagnia e di Gruppo, in base alle metriche ed alle metodologie di calcolo predefinite. L economic capital è la misura più ampia ed integrata del rischio ma i responsabili di area utilizzano misure complementari ed integrative, in base al 14

15 modello di rischio specifico di ciascun area stessa. La misurazione dell economic capital rientra nelle responsabilità dell area bilancio consolidato mentre i sistemi di misurazione di rischi specifici sono generalmente gestiti dai singoli responsabili di area. La Compagnia, inoltre, adotta anche la metodologia dello stress testing con lo scopo di valutare l impatto sulla sua situazione finanziaria di andamenti particolarmente sfavorevoli dei fattori di rischi, sia su base singola che combinati in un unico scenario. I singoli responsabili di area definiscono la specifica metodologia di stress testing, in coerenza con la dimensione e natura del loro settore di attività, mentre la funzione di Risk Management collabora nel valutarne la complessiva adeguatezza rispetto ai rischi sottostanti ed alle ipotesi adottate; - analisi dei rischi: per controllare le effettive esposizioni al rischio rispetto agli obiettivi ed ai limiti. Queste attività sono svolte, nell ambito delle proprie responsabilità: direttamente dai responsabili di area, supportati da funzioni specialistiche della loro area, quali ad esempio: ALM (Asset Liability Management), Financial Risk Control e Riassicurazione; dalla funzione di Risk Management; con riferimento al Gruppo, dal Comitato Rischi di Gruppo e dal Chief Risk Officer; - definizione ed esecuzione degli interventi correttivi: per sviluppare suggerimenti e raccomandazioni al fine di riportare le esposizioni ai rischi nell ambito delle tolleranze predefinite od anche per modificare le tolleranze stesse. Gli interventi sono in genere decisi dall Alta Direzione ed implementati dai responsabili di area; - reporting: l Alta Direzione assicura che il Consiglio di Amministrazione abbia una conoscenza completa dei rischi rilevanti, attraverso la predisposizione di un adeguata reportistica periodica, sottoposta al preventivo parere del Comitato di Controllo Interno. L impostazione del processo come sopra descritta permette di identificare, valutare e gestire i rischi in modo continuativo, tenendo debito conto delle variazioni intervenute nella natura e dimensioni degli affari e nel contesto di mercato. L integrazione nel ciclo di pianificazione e controllo della Compagnia permette inoltre di gestire tempestivamente ed incisivamente i rischi nascenti dall offerta di nuovi prodotti e dall ingresso in nuovi mercati Piani di emergenza 15

16 La Compagnia adotta piani di emergenza, anche in funzione dei risultati dello stress testing, per mitigare gli effetti delle maggiori fonti di rischio. L identificazione delle fonti di rischio, la definizione degli strumenti più appropriati per gestirle ed i contenuti dei piani di emergenza rientrano nella competenza dei responsabili di area. La funzione di Risk Management collabora nel valutarne la complessiva adeguatezza rispetto ai rischi sottostanti. Conclusioni Fin qui Vi ho illustrato in sintesi il sistema di governo societario e di gestione dei rischi che il gruppo Generali ha deciso di adottare. Invero, quello che desidero sottolineare, da ultimo, in quest occasione, ad un uditorio così qualificato, è che le scelte che abbiamo operato hanno sempre privilegiato, in questi ambiti, un approccio di tipo sostanziale, piuttosto che l adozione di modelli che si traducono in una mera e formale applicazione di norme di legge e regolamentari. Quest ultima scelta, di certo, sarebbe la meno onerosa e quella che porrebbe minori vincoli all attività d impresa. La medesima però, allo stesso tempo, può aumentare in modo esponenziale l esposizione ai rischi, con la conseguenza di poter cagionare danni rilevantissimi alle imprese, agli assicurati, agli shareholders ed, in generale, a tutti gli stakeholders nonché, infine, all intero sistema economico e finanziario del Paese, che tutti gli emittenti quotati, in primo luogo, hanno il dovere di valorizzare e tutelare. E proprio per ciò che Assicurazioni Generali, che ho l onore quest oggi di rappresentare, con i suoi 175 anni di storia, di valori e di prestigiosa attività d impresa, ha scelto di continuare a percorrere la strada più rigorosa, consapevole che tale percorso sia l unico possibile per creare valore nell interesse di tutti gli attori nel sistema che insieme rappresentiamo. 16

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

WORLD DUTY FREE S.P.A.

WORLD DUTY FREE S.P.A. WORLD DUTY FREE S.P.A. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE È istituito presso World Duty Free S.p.A. ( WDF ) un Comitato per il controllo interno, la gestione

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza Una Società Finmeccanica REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI Art. 1 Costituzione - Presidenza 1. Il Comitato Controllo e Rischi (il Comitato ) è costituito con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO REVISIONE DICEMBRE 2011 INDICE PREMESSA..... pag. 4 A) REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI GESTORI DI UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A...... pag. 6 A.1 CONSIGLIO

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI ART. 1 PREMESSA...2 ART. 2 - CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE...2 ART. 3 - COMITATO CONTROLLO E RISCHI...3 ART. 4 - AMMINISTRATORE INCARICATO

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI

CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI 1. Premessa 1.1 La completezza delle informazioni a disposizione degli amministratori rappresenta condizione essenziale per il

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA HOLDING S.P.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA 28 Agosto 2015 Retelit S.p.A. Viale Francesco Restelli 3/7-20124 Milano (MI) Tel. (39) 02 2020 45.1 - Fax (39) 02 2020

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Indice Premessa e contesto normativo... 3 Valutazione della composizione qualitativa... 4 Profili generali... 4 Richiami normativi...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 23 Ottobre 2012 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 60.711.763,84 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA'

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO 61 RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pirelli & C. aderisce al Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana 1 sin dalla sua prima emanazione e successivamente, nel marzo 2007, ha formalizzato la

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1.1 La presente Procedura (la Procedura ) è adottata da Moncler S.p.A. ( Moncler o la Società

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 SCHEMA DI REGOLAMENTO IVASS N. DEL CONCERNENTE LE INFORMAZIONI QUANTITATIVE PERIODICHE DA TRASMETTERE ALL IVASS AI FINI DI STABILITÀ FINANZIARIA E DI VIGILANZA MACROPRUDENZIALE

Dettagli

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI ISTRUZIONI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA RELAZIONE RECANTE LE ALTRE INFORMAZIONI DI CUI ALL ART. 2, COMMA 1, LETT. A), D), E), F),

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA S.p.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

E U R O T E C H S.P.A.

E U R O T E C H S.P.A. E U R O T E C H S.P.A. SEDE IN AMARO (UD) VIA FRATELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGISTRO IMPRESE DI UDINE AL N. 01791330309 CAPITALE SOCIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. RELAZIONI

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi Management System Guideline Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi 11 aprile 2013 1 Messaggio del CEO Il Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi (di seguito SCIGR) è considerato in eni

Dettagli

PRINCIPI DI AUTODISCIPLINA DI TELECOM ITALIA

PRINCIPI DI AUTODISCIPLINA DI TELECOM ITALIA PRINCIPI DI AUTODISCIPLINA DI TELECOM ITALIA Adottati in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Regole di comportamento pag. 2 Articolo 3 - Composizione del Consiglio di

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze ART. 1 Denominazione E' costituita, ai sensi dell art. 2, comma 5, Legge 29 dicembre 1993, n. 580 PromoFirenze Azienda speciale della Camera di Commercio Industria

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Mezzo secolo di Unipol. Una storia scritta guardando

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE AUTOGRILL SPA GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE Novembre 2012 Indice 1. Oggetto della procedura... 3 2. Revisore principale

Dettagli

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pagina 1 GAS PLUS S.p.A. (nel seguito GAS PLUS o Società ) aderisce al nuovo Codice di Autodisciplina (di seguito il Codice ) elaborato dal Comitato per

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213 Allegato alla delib. C.C. n.3 del 20/3/2013 REGOLAMENTO COMUNITARIO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia 01 Angelo Micocci: fonti e definizioni 1 Obiettivo della lezione Internal Control

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 448.500.000 I.V. SEDE SOCIALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Indice 1. Premessa... 3 2. Definizioni... 3 3. Individuazione delle operazioni di maggiore rilevanza... 5 4. Operazioni esenti... 5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli