Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione."

Transcript

1 ALLEGATO A) Disposizioni per il riconoscimento del nuovo trattamento economico previsto dagli AA.CC.NN. resi esecutivi in data 23 marzo 2005 mediante intesa nella Conferenza Stato-Regioni per la disciplina dei rapporti con i Medici di Medicina Generale, gli Specialisti Ambulatoriali Interni e le altre professionalità sanitarie. Considerazioni generali: 1) l inizio di validità degli istituti economici che riportano la data 31/12 è da intendersi il 01/01 dell anno successivo; 2) il numero di assistiti da prendere a riferimento alla data 01/01 è quello del 15/12/anno precedente, in quanto convenzionalmente utilizzato da tutte le anagrafi assistiti. 1) MEDICI DI ASSISTENZA PRIMARIA A Quota Capitaria Compenso forfetario annuo (pari ad euro 38,62 annue per assistito) Assegno individuale non riassorbibile (varia sulla base di una matrice anzianità di laurea e numero di assistiti) Quota aggiuntiva di ingresso (pari ad euro 13,46 per assistito annue fino a 500 assistiti) Fondo per la ponderazione qualitativa delle quote capitarie (pari a 2,03 euro per assistito annuo dal 01/01/04; + 0,55 dal 31/12/04; + 0,50 dal 31/12/05) Importo forfetario annuo per assistito a partire dal 01/01/05. E solo per i medici già in convenzione alla data del 23/03/2005. L importo può variare ogni mese dal 01/01/2005 al 31/12/2005, data in cui si storicizza per tutta la durata della convenzione, mediante incrocio fra numero di assistiti ed anzianità di laurea. E solo per i medici che entreranno in convenzione dopo il 23/03/2005. Importo fisso per numero di assistiti in carico fino al 500 compreso. E data facoltà ai medici già in convenzione, con un numero di assistiti minore di 501, di optare, al 31/12/05, per questo istituto anziché per l assegno individuale, solo se risulta più conveniente. A partire dal 01/01/04 si deve determinare il fondo in ogni Ulss. Non è riassorbibile (cioè si deve erogare tutto). Si aggiungono nel fondo dall anno di competenza anche gli assegni individuali dei medici cessati dalla convenzione. Dall anno successivo alla cessazione l importo dell assegno da accantonare sarà pari all importo annuale dello stesso. attuative Comprende più voci stipendiali di parte fissa del precedente accordo. Non si determina più sulla base di scaglioni di numero assistiti o anzianità di laurea. Calcolo da fare in dodicesimi. Calcolo dell importo da fare in dodicesimi, rideterminandolo ogni mese dal 01/01/05 fino al 31/12/05 sulla base del numero di assistiti in carico. Per l anzianità di laurea l importo varia solo una volta nel corso del 2005 (art. 59 lett. F c. 4), o alla data 01/01/05, per i medici con data di laurea compresa fra 01/01 e 30/06, o al 31/12/05, o alla data di cessazione se precedente al 31/12, per i medici con data di laurea compresa fra 01/07 e 31/12. Si mantiene anche in caso di superamento dei 500 assistiti, calcolandolo solo fino ai 500 compresi. Si calcola in dodicesimi. Considerare la base di partenza degli aumenti il 01/01/05 e 01/01/06 (interpretazione dall art. 59 lett. A c. 7). Il fondo si corrisponde a tutti i medici calcolando, per il 2004, secondo quanto stabilito dalla norma finale n. 14, euro 0,17 mensili per assistito in carico. Per il 2005, si provvederà a corrispondere a ciascun medico euro 0,22 mensili per assistito in carico. Per il 2006, si provvederà a corrispondere a ciascun medico euro 0,26 mensili per assistito in carico. Dal 2005, per effetto di cessazioni di medici avvenute entro il 31/12/2005, le quote resesi disponibili degli assegni individuali di tali medici, calcolate dalla differenza dell importo annuo dell assegno detratti i dodicesimi già corrisposti al 1

2 Compenso aggiuntivo per assistiti >75 anni (pari a euro 15,49 annui) Compenso aggiuntivo per Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione. Per tutte le scelte di minori di 14 anni fatte dal 02/10/2000. medico (la quota annua è determinata o al 31/12/2005 o rapportando a 12 mesi l ultima quota pagata dell assegno, considerando sia il numero di assistiti sia l eventuale scatto di anzianità per data di laurea compresa fra 01/07 e 31/12), e distribuita per il 2005 a tutti i medici, in una sola rata con i cedolini di febbraio 2006, calcolata dalla seguente proporzione: (importo della quota disponibile dell assegno individuale)/(numero totale di quote di tutti i medici pagate nel 2005)x(numero di quote del singolo medico pagate nel 2005). Si veda la nota finale per la corresponsione degli arretrati ai medici sostituti (nei casi in cui il pagamento è effettuato dall azienda). Il fondo, per l anno 2004, si costituisce alla data 31/12/04, mediante calcolo delle quote effettivamente pagate come arretrati (euro 0,17 mensili per assistito in carico). Il fondo dell anno 2005 si ridetermina sommando all importo del fondo del 2004, l importo calcolato moltiplicando euro 0,55 per il numero di assistiti in carico dell anno, salvo conguaglio. Il fondo dell anno 2006 si determina sommando al fondo del 2005, l importo di euro 0,50 moltiplicato per il numero degli assistiti in carico dell anno, salvo conguaglio. Nel caso di medici cessati dalla convenzione nel corso del 2005 (per l art. 59 lett. A c.3 la cessazione non prevede anche il trasferimento ad altra azienda), l importo del loro assegno individuale, resosi così disponibile (quota annuale dodicesimi già corrisposti), integra il fondo del La quota annua è calcolata o alla data 31/12/05 o, in caso di cessazione prima del 31/12/05, rapportando all anno l importo dell ultimo dodicesimo dell assegno corrisposto (con l adeguamento dell eventuale scatto di anzianità per data di laurea compresa fra 01/07 e 31/12). Constatata la discrepanza fra il numero degli assistibili in carico ai medici e gli assistibili non iscritti, si rinvia la soluzione tecnica alla definizione del prossimo Accordo Regionale. La distribuzione del fondo è fatta, per il 2004, come da norma finale n. 14, corrispondendo a tutti i medici euro 0,17 per il numero di assistiti in carico per ciascun mese. Nel 2005 si corrispondono mensilmente, per gli istituti contrattuali introdotti con il nuovo ACN, euro 0,22 per ogni assistito in carico per ogni mese. Se a fine anno si riscontrassero residui del fondo (totale fondo importo corrisposto ai medici), si distribuiranno con la proporzione (importo residuo)/(numero totale di quote mensili di assistiti corrisposte relative a tutti i medici)x(numero totale di quote mensili corrisposte del singolo medico). E stata tolta l indicazione della riduzione del 50% delle prestazioni aggiuntive per campagne vaccinali per assistiti >75 anni. 2

3 assistiti <14 anni (pari a euro 18,08 annui) Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione. B Quota Variabile finalizzata al raggiungimento di obiettivi e di standard erogativi ed organizzativi Fondo regionale a riparto (ex. Art. 46): nelle more della definizione del nuovo accordo regionale, il fondo viene costituito in ogni Regione con le quote derivanti dalla quantificazione di - euro 2,99 annue per assistito dal 01/01/05 (ex quote per indennità di associazionismo, collaborazione informatica, collaboratore di studio, personale infermieristico); - risorse già impiegate per reintegro dei tetti regionali (ex DPR n. 270/00) delle indennità di associazionismo, collaborazione di studio, personale infermieristico stanziate dalla Regione; - euro 2,00 annue per assistito dal 01/01/05 (ex piena disponibilità). Fino all entrata in vigore del nuovo accordo regionale, si riconoscono ai medici aventi titolo le relative indennità anche oltre le percentuali fissate nel nuovo ACN, entro il limite massimo di spesa di cui al fondo ex art. 46, procedendo, in caso di superamento di detti limiti, alla riduzione delle stesse indennità conformemente al procedimento definito dalla DGR n del 17/05/2002. E confermata la deroga di cui al punto b8) degli Indirizzi per la definizione dei Patti aziendali per il 2005 di cui alla DGR n del 26/11/2004. Compenso per medicina di gruppo (euro 7,00 annue per assistito) Compenso per medicina di rete (euro 4,70 annue per assistito) Compenso per medicina in associazione (euro 2,58 annue per assistito) Indennità per collaboratore di studio (euro 3,50 annue per assistito) Indennità per personale infermieristico (euro 4,00 annue per assistito) Si devono attingere le risorse dal fondo a riparto ex art. 46. Si devono attingere le risorse dal fondo a riparto ex art. 46. Si devono attingere le risorse dal fondo a riparto ex art. 46. Si devono attingere le risorse dal fondo a riparto ex art. 46. Il contratto deve essere come quello previsto per i dipendenti degli studi professionali e/o fornito da società, cooperative o associazioni di servizio o come previsto da specifiche autorizzazioni aziendali. Si corrisponde al singolo medico anche se è in associazione. Previsione di un orario minimo definito a livello normativo (o da accordi regionali e/o aziendali). Si devono attingere le risorse dal fondo a riparto ex art. 46. Il contratto deve essere come il CCNL della categoria o fornito da società, cooperative o associazioni di servizio o come previsto da specifiche autorizzazioni aziendali. attuative Si calcola in dodicesimi. A partire dal 01/01/05. Non ci sono più i tetti di massimale assistiti da considerare nel calcolo. Fino alla data di entrata in vigore del nuovo accordo regionale, si reitera l importo aggiuntivo regionale di euro 3,10 annue per assistito. Si calcola in dodicesimi. A partire dal 01/01/05. Non ci sono più i tetti di massimale assistiti da considerare nel calcolo. Si calcola in dodicesimi. A partire dal 01/01/05. Non ci sono più i tetti di massimale assistiti da considerare nel calcolo. Si calcola in dodicesimi. A partire dal 01/01/05. Non ci sono più i tetti di massimale assistiti da considerare nel calcolo. Si calcola in dodicesimi. A partire dal 01/01/05. Non ci sono più i tetti di massimale assistiti da considerare nel calcolo. 3

4 Indennità informatica (euro 77,47 mensili forfetarie) Si corrisponde al singolo medico anche se è in associazione. Previsione di un orario minimo definito a livello normativo (o da accordi regionali e/o aziendali). Si devono attingere le risorse dal fondo a riparto ex art. 46. E obbligatorio per tutti i medici informatizzarsi, entro i tre termini previsti dall entrata in vigore della convenzione calcolati sulla base dell anzianità di laurea (entro 1, 3 o 5 anni a seconda di 0-10, o anni di laurea). Sono esentati i medici che al 01/01/04 avevano 30 o più anni di laurea (salvo diversi accordi regionali). Si rinvia all art. 59 lett. B c.11. Si corrisponde mensilmente. A differenza del precedente ACN, rientra nel fondo. Fondo regionale per l effettuazione di specifici programmi di attività finalizzati al governo clinico: si costituisce da: - euro 2,03 annui per assistito a partire dal 01/01/04; - euro 0,55 annui per assistito a partire dal 01/01/05; - euro 0,50 annui per assistito a partire dal 01/01/06; - eventuali residui dell anno precedente del fondo di cui ex art. 46 (a partire dal 2006, in quanto il fondo ex art. 46 si costituisce dal 01/01/05). Fino all entrata in vigore del nuovo accordo regionale tale fondo è distribuito mensilmente, da ciascuna azienda, a tutti i medici di assistenza primaria mediante una quota capitaria, a partire dal 01/01/04. Per effetto della norma finale n. 14, si distribuiscono gli arretrati del 2004 con una quota mensile di euro 0,17 per ogni assistito in carico, in tre tranche, come previsto dall art. 59 lett. E. Ai fini di una puntuale applicazione, si demanda alle singole Aziende la costituzione e l incremento annuale del fondo, nonché la sua corresponsione ai medici. Per la costituzione e il calcolo delle quote di incremento annuale la metodologia è la seguente: il fondo si costituisce con gli effettivi pagamenti mensili, come da indicazioni della norma finale n. 14 di euro 0,17 per assistito in carico. Dal 01/01/2005, la quota mensile è di euro 0,22 per assistito in carico per tutti i medici, per la disponibilità ad aderire ai Patti Aziendali ex DGR n. 3731/2004. Dal 01/01/2006, la quota è di euro 0,26 mensili per assistito in carico secondo le stesse regole di distribuzione seguite per l anno A fine anno si incrementa il fondo dell eventuale residuo dell anno 2005 del fondo ex art. 46. C Quota Variabile per compensi servizi calcolata in base al tipo ed ai volumi di prestazione, concordata a livello regionale e/o aziendale. Compensi per Prestazioni aggiuntive (importi da nomenclatore tariffario) Compensi per prestazioni di assistenza programmata ad assistiti non Sono riportate nell allegato D con importi uguali alla precedente convenzione (ex DPR n. 270/00). Si calcola per ogni accesso. attuative Non cambiano gli importi e le prestazioni dell allegato rispetto la precedente convenzione. Non c è più il tetto massimo del 16,60% sui compensi di quota capitaria. Non cambia rispetto alla precedente convenzione (ex DPR n. 270/00). Il tetto del 20% si determina ai sensi dell art. 59 lett. C c. 2. 4

5 ambulabili (art. 53 lett. a alleg. G) (euro 18,90 per accesso dal 01/01/00) Compensi per prestazioni di assistenza programmata ad assistiti non ambulabili (art. 53 lett. b alleg. H) (euro 18,90 per accesso dal 01/01/00) Si calcola per ogni accesso. Non sono previsti tetti. Non cambia rispetto alla precedente convenzione (ex DPR n. 270/00). Considerato che l attuale accordo regionale prevede la corresponsione di euro 25,82 per accesso, si mantiene tale importo fino al nuovo accordo regionale. D Accordi Regionali ed aziendali Per tutti i compensi non puntualmente definiti nelle griglie sopra, come ad esempio per assistenza domiciliare residenziale, assistenza in zone disagiatissime o disagiate a popolazione sparsa, ulteriori compensi già definiti dai precedenti accordi, si corrisponde quanto definito dal vigente accordo regionale. 5

6 E Arretrati triennio Gli arretrati del triennio saranno corrisposti secondo le scadenze stabilite dall ACN, conformemente all entrata in vigore dello stesso. Si fornisce la seguente precisazione: - sostituti oltre i 30 giorni (o comunque pagati dall Azienda): a differenza della precedente convenzione, si deve calcolare solo la quota capitaria in proporzione del 70% e le indennità per prestazioni aggiuntive (prima erano escluse), programmata e ADIMED (in teoria anche residenzialità, in quanto previste nell art. 59 lett. C comma 2, così come definito nell allegato C comma 4). La data di entrata in vigore della presente disposizione è fissata al 23/03/2005. Contributi ENPAM Il contributo Enpam aumenta dal 13% al 15% dal 01/01/04 (quota a carico azienda 9,375%). 2) MEDICI DI CONTINUITA ASSISTENZIALE Onorario professionale (pari ad euro 19,91 orari dal 01/01/04, euro 20,40 orari dal 31/12/04, euro 20,84 orari dal 31/12/05) Rinnovi contrattuali (pari ad euro 0,31 orari per il 2001, euro 0,31 orari per il 2002, euro 0,43 orari per il 2003, euro 1,61 orari dal 01/01/04, più euro 0,49 orari dal 31/12/04, più euro 0,44 orari dal 31/12/05) Importo omnicomprensivo orario. Importo omnicomprensivo orario, per ogni ora effettuata nei tre anni considerati. attuative Comprende più voci stipendiali previste nella precedente convenzione (incremento quadriennale dell onorario professionale per anzianità di laurea, piena disponibilità, incremento quadriennale della piena disponibilità per anzianità di laurea, compenso aggiuntivo, compenso art. 52 c. 8 e 11). Si applicano gli incrementi orari dell onorario professionale dal 01/01/anno successivo, per uniformità con i medici di Assistenza Primaria. Il pagamento deve avvenire conformemente a quanto previsto nell art. 72 c.6, salvo rettifiche da parte della SISAC relative alla discrepanza fra gli importi dell art. 9 e dell art.72. L adeguamento deve avvenire anche per gli anni 2004 e Gli arretrati da corrispondere a partire dal 01/01/04, si calcolano facendo la differenza fra euro 19,91 orari e la somma degli importi corrisposti al singolo medico per le voci ex DPR 270/00 sostituite dall attuale onorario professionale (onorario professionale, incremento quadriennale dell onorario professionale per anzianità di laurea, piena disponibilità, incremento quadriennale della piena disponibilità per anzianità di laurea, compenso aggiuntivo, compenso art. 52 commi 8 e 11). Lo stesso dicasi per l adeguamento a partire dal 01/01/2005 (con nuovo importo pari ad euro 20,40 orari a cui detrarre gli importi già corrisposti per le voci ex DPR 270/00 sostituite dall attuale onorario professionale). Tutti gli istituti, già normati dal vigente Accordo Regionale, e fino ad approvazione del nuovo, rimangono invariati. Essi sono: 6

7 - anticipo turno: si corrispondono euro 25,82 orari; - Compenso per aumento dei turni (12 turni o max 144 ore): da integrativo regionale DGR n del 23/07/2004, si corrispondono euro 32,00 orari per ogni ora aggiuntiva; - Turni di reperibilità: si corrispondono euro 36,15 per singolo turno; - Formazione: si corrispondono ad onorario professionale, così come stabilito dalla nuova convenzione, fino ad un max di 40 ore annue; - Compenso per coordinamento sede: si corrispondono euro 387,34 semestrali (da erogare mensilmente); - Compenso per interventi programmati: si corrispondono euro 25,82 ad accesso; - Compenso per festività particolari: si corrispondono euro 10,33 orari aggiuntivi per le festività già definite dall accordo regionale; - Gettoni di presenza: come da indicazioni dell accordo regionale e non orari come previsto dal nuovo ACN. Per gli istituti di cui sopra, sono fatti salvi gli eventuali miglioramenti definiti da Accordi Aziendali. Per analogia con l Assistenza Primaria, salvo diversa specificazione da parte della SISAC, la data di inizio di validità della nuova aliquota del contributo Enpam è da ritenersi il 01/01/2004. Si sottolinea che il nuovo ACN, per la Continuità Assistenziale, prevede che il contributo Enpam non sia da calcolare sui compensi dell Accordo Regionale ed Aziendale; nel caso di istituti economici con importo integrato, per previsione dell Accordo Regionale o Aziendale, si consiglia di inserire voci stipendiali distinte che contemplino il diverso assoggettamento. 3) MEDICINA DEI SERVIZI TERRITORIALI Trattamento economico (importi stabiliti dall art. 14 allegato N del DPR n. 270/00) Rinnovi contrattuali (pari ad euro 0,48 orari per il 2001, euro 0,48 orari per il 2002, euro 0,675 orari per il 2003, euro 1,81 dal 01/01/04, più euro 0,49 dal 31/12/04, più euro 0,44 dal 31/12/05) Trattamento economico previsto dall art. 14 dell allegato N del DPR n. 270/00. Importo omnicomprensivo orario, per ogni ora effettuata nei tre anni considerati. attuative A differenza delle altre convenzioni non sono state accorpate le precedenti voci stipendiali in una unica alla quale sommare gli incrementi contrattuali. Si continua, quindi, a corrispondere le seguenti voci stipendiali: onorario professionale orario, incrementi di anzianità, maggiorazione del 30% per ore notturne e festive e 50% per ore festive notturne, compenso aggiuntivo, indennità di piena disponibilità, indennità chilometrica per utilizzo del proprio automezzo, compenso per compiti art. 7 comma 7 (del DPR 270/00). Si applicano gli incrementi orari dal 01/01/anno successivo, per uniformità con i medici di Assistenza Primaria. Il pagamento deve avvenire conformemente a quanto indicato nell art. 85 c.3. L adeguamento deve avvenire anche per gli anni 2004 e Rispetto agli arretrati a partire dal 01/01/04, si faccia attenzione all effetto trascinamento: per il 2004 si corrispondono euro 1,81 orari, per il 2005 euro 2,30 orari e per il 2006 euro 2,74 orari. 7

8 Si sottolinea che il nuovo ACN prevede, per la medicina dei servizi territoriali, che il contributo Enpam non sia da calcolare sui compensi dell Accordo Regionale ed Aziendale; nel caso di istituti economici con importo integrato, per previsione dell Accordo Regionale o Aziendale, si consiglia di inserire voci stipendiali distinte che contemplino il diverso assoggettamento. 4) MEDICI DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE Onorario professionale (pari ad euro 19,91 orari dal 01/01/04, euro 20,40 orari dal 31/12/04, euro 20,84 orari dal 31/12/05) Rinnovi contrattuali (pari ad euro 0,31 orari per il 2001, euro 0,31 orari per il 2002, euro 0,43 orari per il 2003, euro 1,61 orari dal 01/01/04, più euro 0,49 orari dal 31/12/04, più euro 0,44 orari dal 31/12/05) Importo omnicomprensivo orario. Importo omnicomprensivo orario, per ogni ora effettuata nei tre anni considerati. attuative Comprende più voci stipendiali previste nella precedente convenzione ex DPR n. 270/00 (incremento quadriennale dell onorario professionale per anzianità di laurea, piena disponibilità, incremento quadriennale della piena disponibilità per anzianità di laurea, compenso aggiuntivo, compenso art. 67 comma 8 per reperibilità). Si applicano gli incrementi orari dal 01/01/anno successivo, per uniformità con i medici di Assistenza Primaria. Il pagamento deve avvenire conformemente a quanto indicato nell art 98 c.5, salvo rettifiche da parte della SISAC relative alla discrepanza fra gli importi dell art. 9 e dell art.98. L adeguamento deve avvenire anche per gli anni 2004 e Gli arretrati da corrispondere a partire dal 01/01/04, si calcolano facendo la differenza fra euro 19,91 orari e la somma degli importi corrisposti al singolo medico per le voci ex DPR 270/00 sostituite dall attuale onorario professionale (onorario professionale, incremento quadriennale dell onorario professionale per anzianità di laurea, piena disponibilità, incremento quadriennale della piena disponibilità per anzianità di laurea, compenso aggiuntivo, compenso art. 67 c. 8 per reperibilità). Lo stesso dicasi per l adeguamento a partire dal 01/01/2005 (con nuovo importo pari ad euro 20,40 orari a cui detrarre gli importi già corrisposti per le voci ex DPR 270/00 sostituite dall attuale onorario professionale). Ai fini del trattamento economico del periodo annuale retribuito di astensione obbligatoria del lavoro per riposo, si rinvia alla nuova disposizione di cui all art. 98 c. 3. Tutti gli istituti, già normati dall attuale Accordo Regionale, e fino ad approvazione del nuovo rimangono invariati. Essi sono: - Compenso per attività aggiuntive (art. 65 c. 2): si corrispondono euro 826,33 mensili; - Turni di reperibilità (eccedenti il 4 ): si corrispondono euro 0,88 orari; - Formazione: si corrispondono ad onorario professionale, così come stabilito dalla nuova convenzione, fino ad un max di 40 ore annue; - Compiti per progetto obiettivo: euro 2,35 orarie. Per gli istituti di cui sopra, sono fatti salvi gli eventuali miglioramenti economici aziendali. Per analogia con l Assistenza Primaria, salvo diversa specificazione, la data di inizio di validità della nuova aliquota del contributo Enpam è da ritenersi il 01/01/2004. Il contributo Enpam è da calcolare su tutti i compensi di cui all articolo 98, compresi gli importi derivanti da Accordo Regionale o Aziendale. 8

9 5) MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI Incarichi a Tempo Indeterminato Compenso orario (dal 01/01/04 euro 26,195 orari; dal 31/12/04 euro 26,44 orari; dal 31/12/05 euro 26,66 orari) Assegno di anzianità (euro 0,046 per ogni mese di anzianità fino al 192 alla data del 29/02/1996 ed, eventualmente, euro 0,017 per ciascun mese a partire dal 193 sempre alla data del 29/02/1996) Compensi orari notturni e festivi (incremento del 30% per tutte le quote orarie) Compensi orari festivi notturni (incremento del 50% per tutte le quote orarie) Fondo per la ponderazione qualitativa delle quote orarie Importo orario da corrispondersi mensilmente per ogni ora di incarico Importo orario da aggiungere al compenso orario e da calcolare sulla base dei mesi di servizio maturati alla data del 29/02/1996. Compenso da incrementare per le ore festive e notturne non festive Compenso da incrementare per le ore notturne festive Il fondo è costituito dalla Regione con quote orarie attuative Si applicano gli incrementi orari dal 01/01/anno successivo, per uniformità con i medici di Assistenza Primaria. Per analogia con il compenso orario, si corrisponde a partire dal 01/01/2004. Si calcola la quota oraria da corrispondere, mediante conteggio del numero di mesi di anzianità alla data del 29/02/1996. Il calcolo, per semplicità, è esemplificato dalle seguenti formule: 1) se i mesi totali di anzianità sono minori o uguali a 192 il calcolo è =(numero totale di mesi di anzianità)x0,046; 2) se i mesi totali di anzianità sono superiori a 192 il calcolo è =(192x0,046)+((numero di mesi totali)-192)x0,017. La determinazione del numero di mesi di anzianità è indipendente dalle ore di incarico assegnate allo specialista per il periodo considerato. Si calcola su tutti i compensi a quota oraria dell art. 42 lettera A commi 1 e 2. Si calcola su tutti i compensi a quota oraria dell art. 42 lettera A commi 1 e 2. Si costituisce il fondo presso ogni Azienda a partire dal 01/01/2004 conteggiando euro 4,41 per ogni ora di attività degli specialisti sia a tempo indeterminato sia a tempo determinato. La somma di euro 4,41 per ogni ora costituisce la base del fondo a partire dall anno 2004 a livello aziendale. Gli istituti variabili costituenti il fondo (art 42 lettera B c. 1 dalla lettera b alla lettera g) si corrispondono come da ACN, sulla base delle prestazioni erogate. L acconto del 2004 è di euro 2,485 orari per gli specialisti a tempo indeterminato (comprende la quota di euro 0,905 di aumenti contrattuali e la quota di euro 1,58 ex art. 30 c. 8 del DPR 271/00), e di euro 0,905 orari per gli specialisti a tempo determinato. Tale acconto è da intendersi quale quota minima contrattuale da corrispondere a tutti.. Dal 01/01/2005 l acconto si incrementa di euro 0,245 orari (sia agli specialisti a tempo indeterminato sia a quelli a tempo determinato) ed è legato alla disponibilità dello specialista ad aderire al Patto Aziendale. Dall entrata in vigore dell ACN, 23/03/2005, la partecipazione ai Patti Aziendali deve essere garantita anche agli specialisti che precedentemente non avessero aderito, anche con la riformulazione di nuovi Patti nel caso di Patti già in atto. La quota di euro 0,245 orari, relativa agli specialisti che non aderiscono ai Patti Aziendali, resta nel suddetto fondo. Dal 01/01/2006 l acconto si incrementa, per tutti, di 9

10 Rinnovi contrattuali (euro 0,727 orari per il 2001; euro 0,727 orari per il 2002; euro 1,022 orari per il 2003) Indennità di rischio (stesso importo previsto per i medici ospedalieri) Rimborso spese viaggio (euro 0,27 per Km) Premio di collaborazione (un dodicesimo dell importo annuo del compenso orario, dell indennità di anzianità e dell acconto del fondo per la ponderazione qualitativa) Contributi previdenziali (14,335% a carico azienda e 9,665% a carico dello specialista) A decorrere dal 23/03/2005 Dal 01/01/2000. Il 50% dell importo è rideterminato semestralmente al 1 gennaio e al 1 luglio. A decorrere dal 23/03/2005. Da calcolarsi su tutti i compensi ad eccezione dei rimborsi spese. ulteriori euro 0,22 orari. La quota di euro 0,22 orari, relativa agli specialisti che non aderiscono ai Patti Aziendali, resta nel suddetto fondo. Nelle more della definizione del nuovo accordo regionale, si applica quanto disposto dalla DGR n 3731 del 26/11/2004. Le quote di anzianità resesi disponibili, per effetto di cessazione dall incarico degli specialisti, incrementano il fondo dell anno in cui è avvenuta la cessazione. Il calcolo da eseguire è: 1) per i programmi che gestiscono i compensi ad ore retribuite = ([ore non lavorate fino al 31/12/anno di cessazione] + [rateo del premio di collaborazione non maturato]) x (quota oraria di anzianità); 2) per i programmi che gestiscono le retribuzioni a mensilità = ([mesi non ancora lavorati fino al 31/12/anno cessazione] + [rateo del premio di collaborazione non maturato]) x (quota mensile di anzianità). La mensilità è riconosciuta a partire dal 16 giorno. Dall anno successivo, e per ogni anno, l importo da accantonare al fondo è quello relativo all assegno annuale (comprensivo del premio di collaborazione). Le prestazioni protesiche ed ortesiche sono corrisposte ad importo aggiuntivo (extra fondo) pari ad euro 3,14 per ogni ora di effettiva attività dedicata alle prestazioni di cui sopra. Le prestazioni aggiuntive, di cui al nomenclatore tariffario regionale (art. 31 c. 4), e le prestazioni dell allegato D sono escluse dal fondo. Importo da corrispondere conformemente a quanto definito nell art. 42 lett.c Da corrispondere a tutti gli specialisti sia a tempo indeterminato sia a tempo determinato. Si mantiene il calcolo come da ACN ex DPR n. 271/00. Da corrispondere una sola volta all anno a tutti gli specialisti a tempo indeterminato. In analogia con l Assistenza Primaria si applica la nuova aliquota a partire dal 01/01/04. 10

11 Incarichi a Tempo Determinato Compenso orario (dal 01/01/04 euro 37,055 orari; dal 31/12/04 euro 37,30 orari; dal 31/12/05 euro 37,52 orari) Indennità di rischio (stesso importo previsto per i medici ospedalieri) Compenso per prestazioni domiciliari (euro 25,82 al lordo della trattenuta previdenziale a carico azienda) Rimborso spese viaggio (1/5 prezzo benzina verde per Km) Quota variabile (si vedano gli incarichi a tempo indeterminato) Importo forfetario orario omnicomprensivo, per ogni ora effettivamente svolta. A decorrere dal 23/03/2005 attuative Si applicano gli incrementi orari dal 01/01/anno successivo, per uniformità con gli specialisti con incarico a tempo indeterminato e con i medici di Assistenza Primaria. Da corrispondere a tutti gli specialisti sia a tempo indeterminato sia a tempo determinato. Importo forfetario omnicomprensivo All importo si deve scorporare la trattenuta previdenziale a carico dell azienda. Il compenso spetta se l attività è svolta al di fuori dell orario di incarico. Si applica dal 23/03/2005 Si mantiene l importo calcolato dall ACN ex DPR n. 271/00. Si vedano le considerazioni fatte per gli specialisti con incarico a tempo indeterminato. Le indennità previste dall Accordo Regionale vengono rideterminate sulla base dei trattamenti economici previsti dal nuovo ACN. 6) PROFESSIONISTI AMBULATORIALI INTERNI Incarichi a Tempo Indeterminato Compenso orario (dal 01/01/04 euro 18,985 orari mensile; dal 31/12/04 euro 19,23 orari mensili; dal 31/12/05 euro 19,45 orari mensili) Assegno di anzianità (euro 0,042 per ogni mese di anzianità fino al 192 alla data del 31/12/1998 ed, eventualmente, euro 0,022 per ciascun mese a partire dal 193 sempre alla Importo orario da corrispondersi mensilmente per ogni ora di incarico Importo orario da aggiungere al compenso orario e da calcolare sulla base dei mesi di servizio maturati alla data del 31/12/1998. attuative Si applicano gli incrementi orari dal 01/01/anno successivo, per uniformità con gli specialisti ambulatoriali interni e i medici di Assistenza Primaria. Per analogia con il compenso orario, si corrisponde a partire dal 01/01/2004. Si calcola la quota oraria da corrispondere, mediante conteggio del numero di mesi di anzianità alla data del 31/12/1998. Il calcolo, per semplicità, è esemplificato dalle seguenti formule: 1) se i mesi totali di anzianità sono minori o uguali a 192 il calcolo è =(numero totale di mesi di anzianità)x0,042; 2) se i mesi totali di anzianità sono superiori a 192 il 11

12 data del 31/12/1998) Compensi orari notturni e festivi (incremento del 30% per tutte le quote orarie) Compensi orari festivi notturni (incremento del 50% per tutte le quote orarie) Fondo per la ponderazione qualitativa delle quote orarie (dal 01/01/04 euro 3,205 orari; dal 31/12/04 euro 3,45 orari; dal 31/12/05 euro 3,77 orari) Rinnovi contrattuali (euro 0,727 orari per il 2001; euro 0,727 Compenso da incrementare per le ore festive e notturne non festive Compenso da incrementare per le ore notturne festive Il fondo è costituito dalla Regione con quote orarie calcolo è =(192x0,042)+((numero di mesi totali)- 192)x0,022. La determinazione del numero di mesi di anzianità è indipendente dalle ore di incarico assegnate al professionista per il periodo considerato. Si calcola su tutti i compensi a quota oraria dell art. 43 lettera A commi 1 e 2. Si calcola su tutti i compensi a quota oraria dell art. 43 lettera A commi 1 e 2. Il fondo viene costituito presso ogni Azienda a partire dal 01/01/2004 conteggiando euro 3,205 per ogni ora di attività dei professionisti sia a tempo indeterminato sia a tempo determinato. La somma di euro 3,205 per ogni ora costituisce la base del fondo a partire dall anno 2004 a livello aziendale. Gli istituti variabili costituenti il fondo (art. 43 lettera B c. 1 dalla lettera b alla lettera g) si corrispondono come da ACN, sulla base delle prestazioni erogate. L acconto del 2004 di euro 1,285 orari corrisponde alla quota minima contrattuale da corrispondere a tutti i professionisti. Dal 01/01/2005 l acconto si incrementa di euro 0,245 orari ed è legato alla disponibilità del professionista ad aderire ad eventuali progetti aziendali. La quota di euro 0,245 orari, relativa ai professionisti che non aderiscono ai progetti aziendali, resta nel suddetto fondo. Dal 01/01/2006 l acconto si incrementa di ulteriori euro 0,22 orari. La quota di euro 0,22 orari, relativa ai professionisti che non aderiscono ai progetti aziendali, resta nel suddetto fondo. Le quote di anzianità resesi disponibili, per effetto di cessazione dall incarico dei professionisti, incrementano il fondo dell anno in cui è avvenuta la cessazione.. Il calcolo da eseguire è: 1) per i programmi che gestiscono i compensi ad ore retribuite = ([ore non lavorate fino al 31/12/anno di cessazione] + [rateo del premio di collaborazione non maturato]) x (quota oraria di anzianità); 2) per i programmi che gestiscono le retribuzioni a mensilità = ([mesi non ancora lavorati fino al 31/12/anno cessazione] + [rateo del premio di collaborazione non maturato]) x (quota mensile di anzianità). La mensilità è riconosciuta a partire dal 16 giorno. Dall anno successivo, e per ogni anno, l importo da accantonare al fondo è quello relativo all assegno annuale (comprensivo del premio di collaborazione). Importo da corrispondere conformemente a quanto stabilito nell art. 43 lett. c 12

13 orari per il 2002; euro 1,022 orari per il 2003) Indennità di rischio (stesso importo previsto per i chimici e biologi ospedalieri) Indennità per attività psicoterapeutica (euro 6,50 orari) Rimborso spese viaggio (euro 0,27 per Km) Premio di collaborazione (un dodicesimo dell importo annuo del compenso orario, dell indennità di anzianità e dell acconto del fondo per la ponderazione qualitativa) Contributi previdenziali (14,335% a carico azienda e 9,665% a carico professionista) del A decorrere dal 23/03/2005 A decorrere dal 23/03/2005 Dal 01/01/2000. Il 50% dell importo è rideterminato semestralmente al 1 gennaio e al 1 luglio. A decorrere dal 23/03/2005 Da calcolarsi su tutti i compensi ad eccezione dei rimborsi spese. Da corrispondere ai soli chimici e biologi a tempo indeterminato. Da corrispondere ai soli psicologi che svolgano tale attività, per le ore destinate alla stessa, fermo restando la dimostrazione e certificazione risultanti dal piano di trattamento. Si mantiene l importo calcolato dall ACN ex DPR n 446/01 Da corrispondere una sola volta all anno a tutti i professionisti a tempo indeterminato. In analogia con gli specialisti ambulatoriali e con i medici di Assistenza Primaria, si applica la nuova aliquota a partire dal 01/01/04. Incarichi a Tempo Determinato Compenso orario (dal 01/01/04 euro 37,055 orari; dal 31/12/04 euro 37,30 orari; dal 31/12/05 euro 37,52 orari) Compenso per prestazioni domiciliari (euro 25,82 al lordo della trattenuta previdenziale a carico azienda) Rimborso spese viaggio (1/5 prezzo benzina verde per Km) Quota variabile (si vedano gli incarichi a tempo indeterminato) Importo forfetario orario omnicomprensivo, per ogni ora effettivamente svolta. attuative Si applicano gli incrementi orari dal 01/01/anno successivo, per uniformità con gli specialisti ambulatoriali, i professionisti a tempo indeterminato e i medici di Assistenza Primaria. Importo forfetario omnicomprensivo All importo si deve scorporare la trattenuta previdenziale a carico dell azienda. Il compenso spetta se l attività è svolta al di fuori dell orario di incarico. Si applica dal 23/03/2005 Si mantiene l importo calcolato dall ACN. ex DPR 446/01 Si vedano le considerazioni fatte per i professionisti con incarico a tempo indeterminato. 13

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE SECONDO BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 TITOLO I CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Campo

Dettagli

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE gnbvmnbvb ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MMG EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE Art. 1 Compiti professionali Il medico di emergenza sanitaria territoriale, oltre ai compiti

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O Saldo fondo per la ponderazione qualitativa delle quote capitarie di cui all'art. 59,

Dettagli

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale.

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale. PROPOSTA S.N.A.M.I. BOLZANO DI APPLICAZIONE DI ACCORDO INTEGRATO, UNIFORMATO E REGOLARIZZATO SECONDO LA LEGISLAZIONE DEL RAPPORTO CONVENZIONALE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE A LIVELLO NAZIONALE IN PROVINCIA

Dettagli

Accordo 12 dicembre 2012 Recupero scatti di anzianità

Accordo 12 dicembre 2012 Recupero scatti di anzianità Accordo 12 dicembre 2012 Recupero scatti di anzianità Ipotesi di CCNL relativo al personale del comparto scuola per il reperimento delle risorse da destinare per le finalità di cui all art. 8, comma 14,

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli

Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO

Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO 2 Struttura della retribuzione CCNL 2002-2005 art. 33 TRATTAMENTO FONDAMENTALE TRATTAMENTO ACCESSORIO INDENNITA

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

Incontro tecnico di approfondimento per l applicazione del nuovo CCNL Assofarm 2013 Allegato 1

Incontro tecnico di approfondimento per l applicazione del nuovo CCNL Assofarm 2013 Allegato 1 Incontro tecnico di approfondimento per l applicazione del nuovo CCNL Assofarm 2013 Allegato 1 Roma, 23 settembre 2013 Passaggio da CCNL 2007 a CCNL 2013 (per chi non ha adottato il regolamento) B1. Salvaguardia

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il giorno 13 dicembre 2006, a Trento presso la sede della Federazione Trentina della Cooperazione,

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva

Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva Il Comune (omissis) rivolge quesito per sapere quale sia il trattamento economico spettante al dipendente comunale che occasionalmente

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI NOTA INFORMATIVA INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI Art. 13 della Legge 68/99 riguardano assunzioni a tempo indeterminato o trasformazioni a tempo indeterminato di contratti a termine 1. SOGGETTI DESTINATARI Datori

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR COSA È Il trattamento di fine rapporto (Tfr) è una somma che viene corrisposta al lavoratore dipendente al termine del rapporto

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 INDICE

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 INDICE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 INDICE PARTE GENERALE Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza

Dettagli

TFS Trattamento Fine Servizio( Buonuscita) TFR Trattamento Fine Rapporto. Modalità di pagamento

TFS Trattamento Fine Servizio( Buonuscita) TFR Trattamento Fine Rapporto. Modalità di pagamento TFS Trattamento Fine Servizio( Buonuscita) TFR Trattamento Fine Rapporto Modalità di pagamento Il TFS (Trattamento di fine servizio) (buona uscita) spetta a quei dipendenti della pubblica amministrazione

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 Allegato B Procedure per l accreditamento provvisorio e l assegnazione del servizio Sezione B1 Definizione delle

Dettagli

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI Meno tasse per tutti avevano promesso. Tremonti: è in credito con il fisco, ai lavoratori e pensionati benefici irrisori che saranno vanificati con l aumento delle imposte locali e ticket. Le modifiche

Dettagli

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 In data 21 Dicembre 2009, alle ore 10.30, presso la Sala Riunioni dell A.S.L.

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

n. 18 del 2 Aprile 2013 DECRETO n. 23 del 15.03.2013

n. 18 del 2 Aprile 2013 DECRETO n. 23 del 15.03.2013 Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 23 del 15.03.2013 Oggetto:

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali c.vesselli@provincia.roma.it Protocollo interno del Servizio I N 36 del 24/10/2007 UFFICIO DETERMINAZIONI

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n.

SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n. SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n. 33/2013 L Università per Stranieri di Perugia ha destinato per

Dettagli

A tutte le Strutture UIL LORO SEDI. Carissimi,

A tutte le Strutture UIL LORO SEDI. Carissimi, Roma, 06 novembre 2015 Protocollo:36/ 15/TB/mt/mm Servizio: Contrattazione Privata e Politiche Settoriali Rappresentanza e Rappresentatività A tutte le Strutture UIL LORO SEDI Oggetto: detassazione premi

Dettagli

IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA

IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA ART. 1 - COMPITI DEL PERSONALE ATA, MOBILITÀ PROFESSIONALE, VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITÀ

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 13-02-2015 Messaggio n. 1144 Allegati n.2 OGGETTO: Circolare n. 17/2015

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

Parere n 52/2010 Indennità di posizione del segretario comunale in rapporto alla popolazione del Comune presso cui presta servizio

Parere n 52/2010 Indennità di posizione del segretario comunale in rapporto alla popolazione del Comune presso cui presta servizio Parere n 52/2010 Indennità di posizione del segretario comunale in rapporto alla popolazione del Comune presso cui presta servizio Il Comune di (omissis) chiede se al Segretario Comunale, precedentemente

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI PEDIATRI DI LIBERA SCELTA AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI BIENNIO ECONOMICO

Dettagli

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane N E W S L E T T E R Area Risorse Umane SPECIALE BUSTA PAGA CHIARA Numero 10-29 ottobre 2002 Questo numero speciale della N E W S L E T T E R tratta un tema molto tecnico e da addetti ai lavori, ma che

Dettagli

Allegato alla deliberazione n. del composto da n. 6 fogli

Allegato alla deliberazione n. del composto da n. 6 fogli Allegato alla deliberazione n. del composto da n. 6 fogli CONVENZIONE TRA L A.S.L. DI COMO E ADDA SOCCORSO EMERGENZA & SERVIZI PER IL TRASPORTO DI SOGGETTI NEFROPATICI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DIALITICO

Dettagli

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati CAAF CGIL CGIL UMBRIA tassazione agevolata al 10% Lavoro Notturno Lavoro

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore in pra ca LAVORO Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore I edizione Definizione e classificazione giuridica Elemen cos tu vi Determinazione, contabilizzazione e pagamento Prescrizione del diri o

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

BUSTA PAGA. PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti

BUSTA PAGA. PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti BUSTA PAGA PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO DEL PERSONALE MEDICO/VETERINARIO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 2008-2009 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI

REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore degli iscritti aventi rapporto professionale con gli Istituti del Servizio

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

PERSONALE DEL COMPARTO

PERSONALE DEL COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA E ILLUSTRATIVA AI SENSI DELL ART. 40 COMMA 3 SEXIES ALLEGATO ALLA PREINTESA DEL CONTRATTO INTEGRATIVO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO 2006-2009 PER LE FINALITA

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO NAZIONALE INTERFEDERALE. tra

IPOTESI DI ACCORDO NAZIONALE INTERFEDERALE. tra IPOTESI DI ACCORDO NAZIONALE INTERFEDERALE Il 22 giugno 2000, in Roma tra la FEDERAZIONE ITALIANA IMPRESE PUBBLICHE GAS, ACQUA E VARIE (FEDERGASACQUA) rappresentata da Paola Giuliani, Luigi Casalini, Marino

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

Nota operativa n.j. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni UfficiO 111- TFS,TFR, ASV e Previdenza Complementare. Roma, ~ O6EN.

Nota operativa n.j. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni UfficiO 111- TFS,TFR, ASV e Previdenza Complementare. Roma, ~ O6EN. Istituto Nazionole di Previdenza per i Dipendenti dell'amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni UfficiO 111- TFS,TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, ~ O6EN. 2011

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE Introduzione... pag. 14 Lo schema del CUD 2014 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

la SISAC nella persona del Coordinatore dott. Franco Rossi firmato Vista la legge 23 dicembre 1978 n. 833;

la SISAC nella persona del Coordinatore dott. Franco Rossi firmato Vista la legge 23 dicembre 1978 n. 833; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENARALE AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI BIENNIO ECONOMICO

Dettagli

C.C. n. 51 del 26/11/2014

C.C. n. 51 del 26/11/2014 C.C. n. 51 del 26/11/2014 Oggetto: Applicazione Addizionale Comunale all IRPEF - Anno 2015. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il D.Lgs. 28 settembre 1998, n. 360 (così come modificato dalla legge n. 383/2001

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

Guide operative. Le collaborazioni occasionali

Guide operative. Le collaborazioni occasionali Guide operative Schede di sintesi A cura di Stefano Liali - Consulente del lavoro Le collaborazioni occasionali Requisiti principali Differenze con le mini co.co.co. Caratteristiche lavoro autonomo occasionale

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE 2016

PROGRAMMA ANNUALE 2016 PROGRAMMA ANNUALE 2016 Relazioni: Direttore dei servizi generali ed amministrativi Dirigente Scolastico Delibere: Giunta Esecutiva del 15/01/2016 Consiglio di Istituto del 15/01/2016 Modulistica: Modello

Dettagli

Mini Guida Informativa per le Aziende

Mini Guida Informativa per le Aziende Piano Sanitario Dipendenti a cui si applica il CCNL Telecomunicazioni Mini Guida Informativa per le Aziende MINI GUIDA INFORMATIVA PER LE AZIENDE Piano sanitario integrativo al SSN destinato ai dipendenti

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. 431 del 22.07.2015 Struttura proponente: U.O.C. Gestione delle risorse umane. Oggetto: - Costituzione (*) del Fondo per il trattamento accessorio legato alle

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

OGGETTO COMANDO, ANZIANITÀ DI SERVIZIO ED EFFETTI ECONOMICI

OGGETTO COMANDO, ANZIANITÀ DI SERVIZIO ED EFFETTI ECONOMICI 1 OGGETTO COMANDO, ANZIANITÀ DI SERVIZIO ED EFFETTI ECONOMICI QUESITO (posto in data 20 giugno 2014) Mi è stato proposto un comando presso un'altra azienda, con le stesse mansioni che sto svolgendo attualmente

Dettagli

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO;

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO; DIREZIONE GENERALE CENTRALE ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA SERVIZIO AMMINISTRAZIONE E GESTIONE IL RESPONSABILE ROVERSI ELENA TIPO ANNO NUMERO REG. PG/2015/52015 DEL 29/01/2015

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO DETERMINAZIONE N. 113 DEL 23.05.2012 OGGETTO: OGGETTO: Corresponsione arretrati assegno ad personam e recupero

Dettagli

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c.

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c. ISTITUTO Roma lì, 01/03/2004 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Trattamenti Pensionistici Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005 In data 1 agosto 2006 alle ore 12.15. ha avuto luogo l incontro per la definizione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 ottobre 2010, n. 184

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 ottobre 2010, n. 184 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 ottobre 2010, n. 184 Recepimento dell'accordo sindacale per il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile e del provvedimento di concertazione

Dettagli

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili Sommario Detassazione 3 Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli 3 straordinari Il decreto anticrisi 4 Voci detassabili 4 Cosa dice la norma 5 Come deve procedere il lavoratore

Dettagli

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Decreto legge 24 aprile 2014, n 66 - Misure urgenti per la competitività

Dettagli

Telefono n. 0871 358717 E-mail assistenza.base@asl2abruzzo.it Pec assistenza.base@pec.asl2abruzzo.it

Telefono n. 0871 358717 E-mail assistenza.base@asl2abruzzo.it Pec assistenza.base@pec.asl2abruzzo.it Monitoraggio dei tempi di conclusione dei procedimenti amministrativi Denominazione U.O.C. GASBES Responsabile Dott.ssa Maria Grazia Capitoli Telefono n. 0871 358717 E-mail assistenza.base@asl2abruzzo.it

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto Liquidazione Indice Definizione TFS e TFR Slide 3 Finanziamento e Calcolo del TFS e del TFR Slide 4-5 Modalità di pagamento del TFS e del TFR

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli