Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari"

Transcript

1 Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Nuova formazione, nuove terapie, nuova organizzazione per curare a casa In collaborazione con: XIII CONGRESSO NAZIONALE CARD ITALIA Bologna, maggio 2015 Università di Bologna Aule Belmeloro - Via Belmeloro, 14 PRIMA GIORNATA: GIOVEDÌ 28 MAGGIO Registrazione partecipanti PROGRAMMA Sessione Plenaria Aula B Saluti autorità Stefano Bonaccini*, Presidente, Regione Emilia Romagna Luca Rizzo Nervo, Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-sanitaria, Comune di Bologna; Presidente, CTSS - Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria di Bologna Ivano Dionigi*, Magnifico Rettore Alma Mater Studiorum, Università di Bologna Chiara Gibertoni, Direttore Generale, AUSL Bologna Mara Morini, Presidente, CARD Emilia Romagna Sessione Plenaria: Come valorizzare il lavoro dei professionisti del distretto e dell assistenza territoriale Gilberto Gentili, Presidente Nazionale, CARD Antonino Trimarchi, Vice Presidente, CARD Gennaro Volpe, Vice Presidente, CARD Interventi introduttivi Gilberto Gentili, Presidente Nazionale, CARD Paolo Da Col, Responsabile Nazionale Area Cure Domiciliari, CARD 1

2 I principali modelli di gestione e finanziamento dell assistenza territoriale in Europa Walter Ricciardi, Direttore Dipartimento di sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Roma; Commissario Straordinario, Istituto Superiore di Sanità Distretti e territorio: promesse antiche e obiettivi emergenti Roberta Siliquini, Professore Ordinario di Igiene, Università di Torino; Presidente, Consiglio Superiore di Sanità Italia Longeva e Tecnoassistenza: nuovi modelli possibili di cure domiciliari Roberto Bernabei, Presidente, Italia Longeva; Professore Ordinario, Direttore di Dipartimento di Geriatria Neuroscienze, Ortopedia, Università Cattolica del Sacro Cuore Tavola Rotonda: nuove esigenze per la formazione degli operatori del territorio Marco Giorgetti, Giornalista, Value Relations Paolo Da Col, Responsabile Nazionale Area Cure Domiciliari, CARD Panel: Silvio Brusaferro, Professore Ordinario di Igiene Generale ed Applicata, Università degli Studi di Udine Francesco Vitale, Presidente della Scuola di Medicina; Professore Ordinario di Igiene e Medicina Preventiva, Università di Palermo Mariapia Fantini, Professore Associato in Programmazione e Organizzazione dei Servizi Sanitari, Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie, Direttore Scuola di specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva, Alma Mater Studiorum Università di Bologna Italo Angelillo, Professore Ordinario di Igiene Generale ed Applicata, Seconda Università degli Studi di Napoli Annalisa Silvestro, Membro Commissione XII Igiene e Sanità, Senato della Repubblica Luciano Pletti, Presidente, CARD Friuli Venezia Giulia Roberto Lala, Segretario Nazionale, Sumai; Presidente, Ordine dei Medici di Roma Claudio Cricelli, Presidente, SIMG Chiusura dei lavori Evening session: CARD incontra le imprese Sessione di incontro e dibattito tra i presidenti di Card e le imprese presenti all evento per definire punti di incontro e prospettive di collaborazione Cocktail 2

3 SECONDA GIORNATA: VENERDÌ 29 MAGGIO SESSIONI PARALLELE MATTINA Sessione poster Mara Morini, Presidente, CARD Emilia Romagna Marino Migazzi, Presidente, CARD Trentino PRIMA SESSIONE COMUNICAZIONI - Sala C La gestione integrata del diabete ( ) Relazione Introduttiva Appropriatezza prescrittiva e sostenibilità economica nel diabete Luca degli Esposti, Economista, CliCon - Health, Economics & Outcomes Research -Milano Obesità e diabete infantile: quali strategie per prevenzione e trattamento Anita Morandi, Dirigente - Diabetologia, Nutrizione Clinica, Obesità in Età Pediatrica, ASL di Verona Il paziente esperto: l'esperienza dell USL di Prato per la gestione del diabete Angela Patruno et al., USL di Prato (Fi) Educazione terapeutica al paziente diabetico secondo il metodo "teach back" Bruna Odasmini et al, AAS n.4 Friuli Centrale - Tarcento(Ud) I percorsi di cura del bambino con diabete nell'area metropolitana di Bologna R. Ricci et al, Bologna 3

4 Sala D Welfare oggi: competenze e pratiche integrate nella realtà assistenziale del distretto ( ) Incipit Non possiamo più accettare che si releghi l assistenza primaria alla popolazione, che non è solo cure primarie sanitarie, tra i servizi residuali.la lezione che vorremmo si portasse a casa in questa gravissima crisi è che il Welfare fosse compreso e agito come denominatore comune dell Equità della Salute Antonino Trimarchi, Presidente, CARD Veneto Filippo Bauleo, Presidente, CARD Umbria Relazione Introduttiva La funzione distrettuale di Advocacy: le linee di ricerca CARD per una salute sostenibile Massimo Lazzarotto, Sociologo Gianmaria Gioga, Direttore di Distretto, CARD Veneto Interventi preordinati: La partecipazione attiva della popolazione e degli operatori alla costruzione della salute tra determinanti sociali, politici e culturali LEA e LIVEAS? Basterebbe scrivere diritti sociosanitari al posto di diritti sociali Pierpaolo Vargiu, Presidente della XII Commissione Affari Sociali, Camera dei Deputati Niente su di noi senza di noi. La presenza attiva dei cittadini per una salute universalistica Antonino Aceti, Coordinatore Nazionale, Tribunale per i Diritti del Malato - Cittadinanza Attiva Esperienze di Buone Pratiche di Welfare Gli immigrati ci interrogano per una salute senza frontiere Salvatore Brugaletta, Direttore Generale, ASL Siracusa - CARD Sicilia Problematiche di un quartiere del centro storico di Perugia: cosa possono costruire i cittadini, le associazioni, i servizi, l'università. Una ricerca-intervento Liliana Minelli, Riccardo Casadei, CeSPES - Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e dell Educazione Sanitaria, Università degli studi di Perugia Alfredo Notargiacomo, Centro di Salute; Distretto del Perugino - CARD Umbria Accordi inter istituzionali nella Provincia di Bolzano per la continuità delle cure di bambini con bisogni complessi durante la frequenza scolastica Paolo Conci, Direttore, Distretto Sanitario Bolzano- CARD Alto Adige Il Welfare quale strumento per ridurre le diseguaglianze di Salute Quale in-formazione proattiva per rendere oggi praticabile l empowerment comunitario? Cristiano Gori, Università Cattolica di Milano 4

5 Sala E Utilizzo della pressione negativa per il trattamento domiciliare delle ulcere da decubito ( ) Gilberto Gentili, Presidente Nazionale, CARD; Luigi Rossi Presidente, CARD Toscana Presentazione casi clinici Massimiliano Paolinelli, Dermatologo, Asur Marche AV 2 - Senigallia; CARD Marche La gestione delle lesioni a carico degli arti con NPWT Sabrina Mazzanti, Infermiera presso Chirurgia Vascolare, Ospedale Maggiore Bologna Approccio nutrizionale al paziente in C.D.I. affetto da ulcere cutanee croniche Carlo Vasino, Geriatra Territoriale, ASL Tempio Pausania - Olbia Presentazione Vulnogest, sistema gestionale per le lesioni da decubito Massimiliano Paolinelli et al., Asur Marche AV 2 - Senigallia SECONDA SESSIONE COMUNICAZIONI - SESSIONI PARALLELE Sala C La gestione integrata della BPCO Gilberto Gentili, Presidente CARD Nazionale Anna Manconi, Presidente CARD Sardegna Relazione Introduttiva Nuovi orientamenti terapeutici per la cura a domicilio delle malattie respiratorie Fernando Debenedetto, Past President, AIMAR Costruzione di un PDTA regionale per la BPCO: l esperienza del Veneto Stefano Vianello, Direttore Distretto, Ulss13 Mirano (VE); CARD Veneto Il Paziente Cronico: il profilo di assistenza dei pazienti affetti da BPCO nella Provincia Autonoma di Trento Romano Nardelli, Direttore UO Pneumologia, Struttura Ospedaliera di Arco (Trento) Il CAP di Castellamonte del Distretto di Cuorgnè (ASL TO4) come modello di gestione della BPCO e di costruzione di PDTA Eva Anselmo et al Distretto di Cuorgnè, ASL TO4 La sostenibilità nella gestione del pazienti con patologia respiratoria cronica secondo la prospettiva del SSN Andrea Pitrelli, Payors and Evidences Solutions Director, GlaxoSmithKline 5

6 Sala D Comunicazioni di buone pratiche CARD Anselmo Madeddu, Presidente CARD Sicilia Antonio Perri, Presidente CARD Calabria Analisi comparativa delle metodiche dialitiche nella Provincia Autonoma di Trento Giuliano Brunori et al.,azienda Provinciale per i Servizi Snitari -Trento La medicina legale quale competenza aggiunta in casi complessi di valutazione multidimensionale. Case history Oreste Manzi et al., CARD Lombardia L integrazione fra U.O.C di cure palliative e domiciliari e il MMG per il miglioramento della qualità delle cure Gloria Angela Baracco et al., Azienda per i Servizi Socio-Sanitari di Asolo (Tv) Ventilazione meccanica non invasiva nel distretto di Sassari: riorganizzazione dei processi di monitoraggio Antonietta Becciu et al., ASL Sassari Importanza del supporto offerto dal Servizio Infermieristico Domiciliare in Pronta Disponibilità Notturna (SID PDN): l esperienza dell ex AUSL di Ravenna Alberto Cerchierini et al., AUSL Romagna - Ravenna Il progetto ERICA nella Bassa Friulana Luciano Pletti et al., Azienda per i Servizi Sanitari N. 5 Bassa Friulana - Cervignano (UD) Percorsi di riabilitazione psicofisica nella depressione maggiore geriatrica Maddalena De Matteis, Psicologa, Bologna Il servizio AMALIA nei distretti di Trieste Deborah Voliani et al, Televita; Azienda per l Assistenza Sanitaria (AAS) N.1 Triestina - Trieste I servizi di TELECARE nei distretti di Trieste BarbaraDodi et al., Televita; Azienda per l Assistenza Sanitaria (AAS) n.1 Triestina - Trieste La Centrale Operativa per la Continuità Assistenziale Ospedale-Territorio. L esperienza presso la ASL di Alessandria Silvana Romano, ASL di Alessandria - Alessandria Analisi e valutazione dell associazione tra età media, patologia principale, comorbidità e profilo di autonomia in 130 progetti ADIMED presso il Distretto Socio-Sanitario 6 di Piove di Sacco (Regione Veneto) Mariapina Rizzo,et al., ULSS 16 Distretto Socio-Sanitario 1 - Padova Cecilia Zuccherato, Università di Padova 6

7 Sala E Dalla dimissione protetta alle cure domiciliari: strumenti per l integrazione ospedale - territorio Moderatrici Rosa Borgia, Presidente CARD Abruzzo Silvana Melli, Presidente CARD Puglia Relazione introduttiva Cost/effectiveness delle cure domiciliari nella riduzione degli accessi evitabili in pronto soccorso (codici bianchi e verdi) e dei ricoveri in medicina Emanuele Vendramini, Professore Associato, Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali, Università Cattolica del Sacro Cuore -Piacenza Il Punto di Coordinamento di Assistenza Primaria: la continuità assistenziale tra personalizzazione e standardizzazione del percorso Fabia Franchi et al, Azienda USL di Bologna L Ospedale di Comunità nella Regione Emilia Romagna: alcuni esempi di modelli organizzativi e indicatori di esito Stefano Boni et al., Azienda USL della Romagna - Forlì Qualità e continuità delle cure per pazienti ad alta complessità e/o in fine vita: analisi delle criticità e nuovi modelli organizzativi negli ospedali di comunità Ulss 5 Veneto Paola Peruzzo et al. ULSS n. 5 Ovest Vicentino - Vicenza Mettere a sistema le dimissioni protette: un possibile modello. Asl 2 Milano Silvano Casazza et al., ASL MI 2; CARD Lombardia - Milano Applicazione dei princip LEAN:il visual management in RSA Donatella Tosatto, ASS3 Alto Friuli Collinare Medio Friuli, Distretto Sanitario di Cadroipo (UD) Le cure intermedie in Toscana: l'esperienza dell ASL 2 Lucca Luigi Rossi et al. ASL 2 -Lucca Gestione Cure Intermedie: Unità Valutativa Integrata Interaziendale Distretto n. 7 e INRCA di Ancona Elisabetta Esposto et al, Distretto n. 7 Ancona, ASUR MARCHE e INRCA - Ancona 7

8 POMERIGGIO Lunch break e prosecuzione sessione poster SESSIONE PLENARIA Sala B : Gilberto Gentili, Presidente Nazionale, CARD Paolo Da Col, Responsabile Nazionale Area Cure Domiciliari, CARD Cosa cambia quando il Direttore di Distretto entra nella stanza dei bottoni (in direzione strategica)? Luciano Pletti, Presidente, CARD Friuli Venezia Giulia Cristina Beltramello, Comitato Tecnico Scientifico, CARD Veneto Anselmo Madeddu, Presidente, CARD Sicilia Silvana Melli, Presidente, CARD Puglia Una proposta operativa per integrare a livello locale ADI/SAD/accompagnamento/spesa out of pocket nella long term care (LTC) Francesco Longo, Professore Associato, CERGAS-SDA- Università Bocconi, Milano TERZA SESSIONE COMUNICAZIONI - SESSIONI PARALLELE Sala C La gestione integrata delle patologie cardiovascolari Luigi Domenico Barbero, Vice Presidente, CARD Piemonte Paolo Conci, Presidente, CARD Alto Adige La gestione globale del paziente scompensato a domicilio: le esperienza dell Emilia Romagna e del Piemonte Stefano Urbinati et al, Ospedale Bellaria - Bologna La presa in carico dello scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola, Direttore SSD Cardiologia Riabilitativa e Unità Operativa Scompenso Fossano, ASL CN1 - Cuneo L ospedalizzazione a domicilio Vittoria Tibaldi, S.C. Geriatria e Malattie Metaboliche dell Osso, Presidio Molinette Città della Salute -Torino La gestione delle dislipidemie: tra appropriatezza ed aderenza terapeutica Luca degli Esposti, Economista sanitario; Cicon Health, Economics & Outcomes Research - Milano 8

9 Sala D Le reti locali delle cure palliative: governance, competenze ruoli e strumenti farmacologici e tecnologici e per l assistenza a casa Antonino Trimarchi, Presidente, CARD Veneto Valeria Massei, Vice Presidente, CARD Toscana INCIPIT Cinque domande ovvie che attendono cinque risposte non scontate Roberto Marchetto, Responsabile UOS Cure Palliative, ULSS 17 - Padova 1. Le reti locali delle cure palliative e del dolore: l Osservatorio delle buone pratiche tra standard e realtà 1.1 Introduzione Donata Bellentani, Area Funzionale Organizzazione dei Servizi Sanitari, Agenas (20 minuti) 1.2 I dati dell attività dell Osservatorio. Evidenze attuali e prospettive future Gianlorenzo Scaccabarozzi,Direttore Dipartimento Fragilità, ASL di Lecco (20 minuti) 2. Esperienze luminose 2.1 Cure palliative nel bambino Franca Benini, Pediatra, Azienda Ospedaliera di Padova (15 minuti) 2.2 L organizzazione delle cure domiciliari di III livello e delle cure palliative nell ASL Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra ospedale e territorio Antonio Maddalena, Responsabile Cure Palliative, ASL Napoli 1 Centro (15 minuti) 2.3 Cure palliative nelle strutture intermedie Gino Gobber, Direttore, Fondazione Hospice Trentino Onlus (15 minuti) 2.4 Cure palliative e associazionismo no profit Raffaella Pannuti, Presidente, Fondazione ANT Italia Onlus (15 minuti) 3.Cure palliative e terapia del dolore con l obiettivo della continuità delle cure 3.1 Come usiamo e potremmo usare gli strumenti tecnologici Iacopo Cricelli (Firenze) (15 minuti) 4. Il valore della multi professionalità: testimonianze operative e formative sul campo di buone pratiche 4.1 Il Medico Esperto Pierangelo Lora Aprile, Responsabile Area Cure Palliative, SIMG; MMG,Desenzano sul Garda - BS (15 minuti) 4.2 L Infermiere Esperto Eugenia Malinverni, Coordinatore, Società italiana Cure Palliative Piemonte (15 minuti) 9

10 Sala E I nuovi profili di competenza professionale: quale ruolo per l infermiere? La valorizzazione delle cure primarie e il ruolo delle professioni sanitarie Emilia Grazia De Biasi, Presidente della XII^ Commissione Permanente Igiene e Sanità, Senato della Repubblica Le competenze specialistiche in un sistema di rete integrata dei servizi territoriali Albert Laniece, Senatore; Vice Presidente, CARD Valle D Aosta Bisogni di salute e sviluppo delle competenze avanzate/ specialistiche degli infermieri Patrizia Di Giacomo, Componente Gruppo di lavoro, Federazione Tesi IPASVI; Coll.re Prof.le Esperto Personale Infermieristico Cat.Ds, AUSL di Bologna Le competenze e l autonomia professionale dopo la Legge di Stabilità 2015 comma 566: l'infermiere di famiglia e di comunità come risorsa Marcello Bozzi, Azienda USL di Pescara L'infermiere di famiglia e di comunità gli scenari nazionali ed internazionali Paola Obbia, Presidente, AIFEC La Centrale Operativa Territoriale quale strumento per la gestione integrata della persona e per l'attivazione dell home care: ruolo, competenze e progettualità dell Infermiere nel Veneto Emanuela Merlo, Infermiere Responsabile COT, Ulss 8 Regione Veneto Davide Bonaldo, Infermiere Responsabile COT, Ulss 15 Regione Veneto Chiusura della giornata Assemblea dei soci Card Chiusura assemblea dei soci Card 10

11 TERZA GIORNATA: SABATO 30 MAGGIO 9.00 PROSECUZIONE DELLA SESSIONE POSTER Esiti della valutazione di poster da parte del Comitato Scientifico della Conferenza. Selezione dei due migliori poster che verranno illustrati in aula. Sessione plenaria Sala B 9.30 Le cure intermedie. Come valutare lo sviluppo e la qualità dei servizi volti a massimizzare l autonomia dei pazienti e a ridurre il ricorso all ospedale. Introduzione ai lavori Giulia Pieri, Dottorando in Scienze Mediche Generali e dei Servizi, Alma Mater Studiorum Università di Bologna 9.45 Lezione Magistrale: National Audit of Intermediate Care (UK). Progress on key measures Claire Holditch, Project Director for National Audit of Intermediate Care, NHS Benchmarking Network Presentazione in aula dei due migliori poster (5 min cad) Relazioni brevi selezionate di esperienze significative delle Associazioni CARD regionali (10 min. cad) Moderatore: Gennaro Volpe, Vice Presidente, CARD Italia Integrazione nella cura nella fase avanzata di malattia: il ruolo del Distretto Sanitario Brunilde Bosco et al, Distretto Sanitario di Francavilla al Mare Dal fondo per la non autosufficienza al codice d argento. Esperienze di Domiciliarità integrata nella Regione Liguria Marco Macchi, Presidente, CARD Liguria Un modello di assistenza al paziente cronico: l integrazione dell ADI con la sperimentazione CreG. Silvano Casazza et al, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate, ASL MI 2; CARD Lombardia L incontro di banche dati cliniche e amministrative, valore aggiunto all individuazione del paziente fragile Emanuele Ciotti, Dirigente Medico Dipartimento Cure Primarie, AUSL Bologna; Membro del Consiglio Direttivo, CARD Emilia Romagna Cure Domiciliari nei postumi di eventi strokes nella popolazione del DS 30 ASL NA1 Centro Sergio Pasquinucci et al, ASL NA 5; CARD Campania L unità di fragilità e complessità assistenziale. Il valore aggiunto dell assistenza domiciliare integrata Caterina Valeria Pesce, Dirigente Responsabile Unità di Fragilità e Complessità Assistenziale, ASL BA; CARD Puglia Gli effetti dell integrazione ospedale-territorio sulla continuità assistenziale del paziente in cure domiciliari di 3 livello: l esperienza della Asl n 2-Olbia Anna Manconi, Presidente, CARD Sardegna Chiusura della sessione Test ECM Chiusura lavori della Conferenza 11

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Nuova formazione, nuove terapie, nuova organizzazione per curare a casa XIII CONGRESSO NAZIONALE CARD ITALIA Bologna, 28-30 maggio 2015 Università di Bologna

Dettagli

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Nuova formazione, nuove terapie, nuova organizzazione per curare a casa In collaborazione con: XIII CONGRESSO NAZIONALE CARD ITALIA Bologna, 28-30 maggio 2015

Dettagli

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Nuova formazione, nuove terapie, nuova organizzazione per curare a casa XIII CONGRESSO NAZIONALE CARD ITALIA Bologna, 28-30 maggio 2015 Università di Bologna

Dettagli

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari

Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari PROGRAMMA Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari Nuova formazione, nuove terapie, nuova organizzazione dei distretti per curare a casa XIII CONGRESSO NAZIONALE CARD ITALIA Bologna, 28-30 maggio 2015

Dettagli

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente PIANO FORMATIVO 2015 Tipologia evento RESIDENZIALE Titolo Congresso interregionale ANMDO SARDEGNA e ANMDO SICILIA INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO: ESPERIENZE A CONFRONTO Sede HOLIDAY INN CAGLIARI, Viale

Dettagli

Sezione di Sanità Pubblica e Management Sanitario. Convegno Nazionale. Chronic Care Model e Medicina di iniziativa

Sezione di Sanità Pubblica e Management Sanitario. Convegno Nazionale. Chronic Care Model e Medicina di iniziativa Sezione di Sanità Pubblica e Management Sanitario Convegno Nazionale Cure primarie H24 Chronic Care Model e Medicina di iniziativa, 18 febbraio 2014 Introduzione Il riordino dell assistenza territoriale

Dettagli

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino stati generali della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Razionale lunedì 14 scientifico ottobre stati generali della sanità ORE 10:00 SALONE

Dettagli

NUTRIZIONE OBESITÀ DIABETE

NUTRIZIONE OBESITÀ DIABETE Ferrara, Convegno 12-13 marzo 2010 NUTRIZIONE OBESITÀ DIABETE Programma definitivo Ferrara, 13 marzo 2010 Corso di Formazione per Medici di Medicina Generale Counseling motivazionale breve per una migliore

Dettagli

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 L approccio ai problemi sanitari di un territorio, malattie croniche in primis, richiede oggi una nuova

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 214 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento Il servizio Assistenza Domiciliare Integrata si occupa dei pazienti che presentano

Dettagli

Il contributo dei Distretti al mantenimento di benessere e qualità di vita dignitosa è ormai un fatto accertato e tangibile.

Il contributo dei Distretti al mantenimento di benessere e qualità di vita dignitosa è ormai un fatto accertato e tangibile. Via Ventimiglia 115 In molte realtà del Paese i Distretti Sanitari hanno assunto un ruolo rilevante nell offerta di servizi per la salute dei cittadini. Ogni giorno tantissime persone intraprendono percorsi

Dettagli

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro Davide Lauri, MMG Scuola di Formazione e Ricerca in Medicina di Famiglia Presidente Coop Medici Milano Citta H. Niguarda, Milano 23 Gennaio 2012 ADI

Dettagli

Presentazione ---------------------------

Presentazione --------------------------- Presentazione --------------------------- Le cure primarie sono i servizi socio - sanitari offerti ai cittadini vicino ai loro luoghi di vita, formate da reti integrate di servizi sanitari e sociali. Le

Dettagli

LA PSICOLOGIA SANITARIA EVIDENCE-BASED

LA PSICOLOGIA SANITARIA EVIDENCE-BASED A z i e n d a Ospedaliera S. Maria Terni Regione Umbria I CONVEGNO NAZIONALE PSI.SA. La Persona al centro del Sistema: LA PSICOLOGIA SANITARIA EVIDENCE-BASED Terni 15 maggio 2009 Sala Conferenze Azienda

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

La continuità del percorso dell assistito tra cure primarie e cure specialistiche

La continuità del percorso dell assistito tra cure primarie e cure specialistiche La continuità del percorso dell assistito tra cure primarie e cure specialistiche Percorso di approfondimento, confronto e formazione per medici con ruoli organizzativi La continuità assistenziale tra

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

INIZIATIVA DI AGGIORNAMENTO SUL TEMA: IL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE, CURA E CONTROLLO DEL TABAGISMO. l importanza della rete Aziendale nella

INIZIATIVA DI AGGIORNAMENTO SUL TEMA: IL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE, CURA E CONTROLLO DEL TABAGISMO. l importanza della rete Aziendale nella INIZIATIVA DI AGGIORNAMENTO SUL TEMA: IL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE, CURA E CONTROLLO DEL TABAGISMO l importanza della rete Aziendale nella PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE FUMO CORRELATE PROGRAMMA DI MASSIMA

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE EFFICACE: LA DISTANZA FRA EVIDENZE SCIENTIFICHE E REALTA CLINICA. UNA PROPOSTA PER IL SSN

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE EFFICACE: LA DISTANZA FRA EVIDENZE SCIENTIFICHE E REALTA CLINICA. UNA PROPOSTA PER IL SSN con il patrocinio di LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE EFFICACE: LA DISTANZA FRA EVIDENZE SCIENTIFICHE E REALTA CLINICA. UNA PROPOSTA PER IL SSN, 12 settembre 2011 Aula Magna NIC Enrico Agabiti Rosei Università

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O.

C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O. C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O. COLLEGIO ITALIANO DEI PRIMARI OSPEDALIERI DI ODONTOIATRIA, ODONTOSTOMATOLOGIA E CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Associazione Nazionale Primari Ospedalieri È stato pubblicato in Gazzetta

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

ELEZIONI 2013: MEDICI E CHIMICI ELETTI ALLA CAMERA

ELEZIONI 2013: MEDICI E CHIMICI ELETTI ALLA CAMERA ELEZIONI 2013: MEDICI E CHIMICI ELETTI ALLA CAMERA RIEPILOGO CAMERA TOTALE n. 19 MEDICI n. 17 BIOLOGI/CHIMICI n. 2 PDL n. 5 PD n. 8 M5S n. 2 SCELTA n. 2 UDC n. 1 ITALIANI ALL'ESTERO n. 1 NOME ELETTO AMATO

Dettagli

Il senso di un percorso. 20 settembre 2012. Hotel & Congressi Via Altura 11/bis, Bologna

Il senso di un percorso. 20 settembre 2012. Hotel & Congressi Via Altura 11/bis, Bologna 20 settembre 2012 Relais Bellaria Hotel & Congressi Via Altura 11/bis, Bologna Il senso di un percorso dalle esperienze in corso alle nuove prospettive dell Assistenza Territoriale per il malato cronico

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE

CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Telefono Verde Malattie Rare dell Istituto Superiore di Sanità o consultare il motore

Dettagli

Seminario GSK. Il progetto QuADRO Quando il Governo passa dai dati CARD. GlaxoSmithKline. Friuli Occidentale. dell apparato respiratorio, Bari

Seminario GSK. Il progetto QuADRO Quando il Governo passa dai dati CARD. GlaxoSmithKline. Friuli Occidentale. dell apparato respiratorio, Bari Seminario GSK Il progetto QuADRO Quando il Governo passa dai dati Gilberto Gentili Onofrio Palombella Ovidio Brignoli Giorgio Simon Vincenza Giorgio Presidente Nazionale CARD Direttore Affari Regionali

Dettagli

Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445)

Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445) Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445) Il sottoscritto Schiavon Luigino dichiara sottola propria, consapevole delle sanzioni penali previste dall art. 76 del

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 - PADOVA Incarico di direzione strutt.semplice DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.2 DIREZIONE DEL DISTRETTO

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 - PADOVA Incarico di direzione strutt.semplice DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.2 DIREZIONE DEL DISTRETTO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome BASTA GIUSEPPINA Data di nascita (gg/mm/aaaa) 25/08/1957 Qualifica Dirigente medico a rapp.esclusivo ( +15) Amministrazione Incarico attuale In servizio presso l Unità

Dettagli

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Curriculum formativo ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Perugia in data 25/7/85 con voti 110/110 e

Dettagli

qualifica corso Nome cognome laurea qualifica e sede lavorativa Responsabile Scientifico e Docente Laurea in Medicina e Chirurgia,

qualifica corso Nome cognome laurea qualifica e sede lavorativa Responsabile Scientifico e Docente Laurea in Medicina e Chirurgia, RESIDENZIALE INTERATTIVO ECM 81-156506 Titolo Gastropack: la medicina di relazione come prospettiva del futuro Data sabato 11/06/2016 Sede Porretta Terme, Hotel Helvetia, Piazza Vittorio Veneto 11 qualifica

Dettagli

RACCOMANDAZIONE CIVICA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI)

RACCOMANDAZIONE CIVICA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) Prot. n. 389 /10 RACCOMANDAZIONE CIVICA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) Realizzata da Cittadinanzattiva-Sardegna-Tribunale per i diritti del malato in tema di ADI Obiettivi della Regione Sardegna

Dettagli

Congresso LUCI E OMBRE IN DIABETOLOGIA: DIABETE E OBESITÀ DIABETE GESTAZIONALE. Bologna. Aemilia Hotel

Congresso LUCI E OMBRE IN DIABETOLOGIA: DIABETE E OBESITÀ DIABETE GESTAZIONALE. Bologna. Aemilia Hotel Congresso Bologna LUCI E OMBRE IN DIABETOLOGIA: DIABETE E OBESITÀ Aemilia Hotel 21-22 ottobre 2011 COMITATO SCIENTIFICO CONSIGLIO DIRETTIVO REGIONALE AMD E SID AMD Adolfo Ciavarella (Presidente) Franco

Dettagli

Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare

Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare VI Corso Girolamo Mercuriale Dare attuazione alla carta di Toronto Bologna, 9-10 Aprile 2013 Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare Scuola di Medicina dello

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI Sezione di Management della Sanità & Sezione di Cardiologia convegno SCOMPENSO CARDIACO Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo, 30 novembre 2015 6 CREDITI FORMATIVI Con il

Dettagli

CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO

CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO Federazione Friuli V.G. CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO Lunedì 23 febbraio 2009 ore 8,30 Sala convegni Fondazione C.R.U.P.

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI Con il Patrocinio di: LE ARTRITI E LA PSORIASI Convegno promosso da AISpA Onlus - Bologna Presidente: Do. Giuseppe Oranges Sabato 1 Giugno 2013 Hotel Don Carlo - San Marco Argentano (CS) Presidente del

Dettagli

CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI

CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI Eventuale STRUMENTI sottotitolo Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Trento, 7.02.2014 AGENDA Attuale baseline

Dettagli

INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015. HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE)

INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015. HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE) INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015 HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE) Ble Consulting srl id. 363 numero ecm: 137302, edizione 1 Responsabile scientifico

Dettagli

Delibera n. 118 del 21/05/2009. OGGETTO: Costituzione dell'equipe Interaziendale per lo sviluppo della Rete Provinciale delle Cure Palliative.

Delibera n. 118 del 21/05/2009. OGGETTO: Costituzione dell'equipe Interaziendale per lo sviluppo della Rete Provinciale delle Cure Palliative. DIREZIONE GENERALE Direzione Affari Giuridici e attività Amministrative di Presidio Ufficio: segreteria aagg Delibera n. 118 del 21/05/2009 OGGETTO: Costituzione dell'equipe Interaziendale per lo sviluppo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE

CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Telefono Verde Malattie Rare dell Istituto Superiore di Sanità o consultare il motore

Dettagli

Promozione della salute e cooperazione internazionale: la FNOMCEO per il volontariato medico e la collaborazione tra istituzioni.

Promozione della salute e cooperazione internazionale: la FNOMCEO per il volontariato medico e la collaborazione tra istituzioni. Convegno FNOMCEO Promozione della salute e cooperazione internazionale: la FNOMCEO per il volontariato medico e la collaborazione tra istituzioni. Accreditato ECM * Roma, 4 e 5 ottobre 2013 Auditorium

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982)

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SICILIANO GIOVANNI Data di nascita 28.07.1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale Responsabile Direzione Medica di Presidio Ospedaliero

Dettagli

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi Numeri dedicati all'emegenza caldo attivati a livello locale. Estate Regione Provincia Comune Tipo ente Numeri utili Orario ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO EVOLUZIONE DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ATTRAVERSO LE COMPETENZE SPECIALISTICHE. CHI HA PAURA DEL CAMBIAMENTO? MODALITÀ DI

Dettagli

ANZIANI FRAGILITÀ DEMENZE

ANZIANI FRAGILITÀ DEMENZE Q uale ruolo per le Cure Primarie 18 maggio 2012 EXPOSANITA 2012 Bologna Quartiere Fieristico Sala Concerto Photograph of Old Man with Beard, 15 x 20 cm, Rembrandt van Rijn. ANZIANI FRAGILITÀ DEMENZE O

Dettagli

La terapia con incretine

La terapia con incretine 2009 Nuove frontiere nel DIABETE DI TIPO 2 La terapia con incretine 15-16 Maggio 2009 Roma p r o g r a m m a Obiettivi didattici Questa attività è indirizzata a soddisfare le esigenze educative dei medici

Dettagli

una sfida del terzo millennio.

una sfida del terzo millennio. CONVEGNO NAZIONALE Cure domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio. SEGRETERIA ORGANIZZATIVA FUTURE EVENTS STUDIO S.r.l. Provider ECM n. 11764 00197 Roma - Viale dei Parioli, 72/d Tel. 06

Dettagli

INCONTRI DI GERIATRIA 2006 CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA

INCONTRI DI GERIATRIA 2006 CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA Società Italiana di Gerontologia e Geriatria con il patrocinio Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, SIGG European Union Geriatric Medicine Society, EUGMS INCONTRI DI GERIATRIA 2006 a CASA SOLLIEVO

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 tra gli infermieri dei distretti,tutti i reparti ospedalieri ed il servizio di Pronto Soccorso Rev. 02 1

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI Sezione di Management della Sanità & Sezione di Cardiologia convegno SCOMPENSO CARDIACO Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo, 30 novembre 2015 6 CREDITI FORMATIVI Con il

Dettagli

CUORE & CERVELLO 2008

CUORE & CERVELLO 2008 A.C.S.A. ONLUS ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE CARDIOLOGI E SPECIALISTI MEDICI AMBULATORIALI Corso di Formazione per Infermieri CUORE & CERVELLO 2008 V Edizione Nursing Presidente del Corso: T.D. Voci Direttori

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

X CONGRESSO INTERNAZIONALE CURE PRIMARIE CONTENITORI E CONTENUTI: IL TERRITORIO PER LA CRONICITÀ 8 /9/10 MAGGIO 2008 EMPOLI (FIRENZE)

X CONGRESSO INTERNAZIONALE CURE PRIMARIE CONTENITORI E CONTENUTI: IL TERRITORIO PER LA CRONICITÀ 8 /9/10 MAGGIO 2008 EMPOLI (FIRENZE) X CONGRESSO INTERNAZIONALE CURE PRIMARIE CONTENITORI E CONTENUTI: IL TERRITORIO PER LA CRONICITÀ 8 /9/10 MAGGIO 2008 EMPOLI (FIRENZE) PROGRAMMA PRELIMINARE GIOVEDI 8 MAGGIO 2008 14.00 Registrazione dei

Dettagli

rivolge al settore delle Aziende che operano nel mercato della Sanità/Salute Privata.

rivolge al settore delle Aziende che operano nel mercato della Sanità/Salute Privata. OVERVIEW Temporary Spa nasce nel 1998 grazie all iniziativa di un management con esperienza ventennale nell ambito dei servizi alle imprese. Temporary offre lavoro ogni giorno a più di 5.000 persone e

Dettagli

AUTORITA REGIONALI COMPETENTI

AUTORITA REGIONALI COMPETENTI AUTORITA REGIONALI COMPETENTI REGIONE ABRUZZO Direzione Sanità Ufficio IAN - Servizio Prevenzione Collettiva Via Conte di Ruvo, 74 - PESCARA Tel. 085 7672673/606 REGIONE BASILICATA Dipartimento Sicurezza

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Nata a Parigi (Francia) l 8 maggio 1959 CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Diploma di laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università Federico II di Napoli il 30-10-1984 con il

Dettagli

A. Madeddu, G. Mancuso, M. Santino, F. Luca, P. Nocilla, P. Napoli, F. Grippi, S. Brugaletta, O. Ernandez, F. La Placa.

A. Madeddu, G. Mancuso, M. Santino, F. Luca, P. Nocilla, P. Napoli, F. Grippi, S. Brugaletta, O. Ernandez, F. La Placa. COMITATO SCIENTIFICO C. Allegri, L. Barbero, F. Bauleo, D. Bellentani, C. Beltramello, R. Borgia, P. Camboa, A. Carducci, A. Casadio, N. Comodo, P. Conci, G. Costa, G. Damiani, M. De Fino, S. Di Ciommo,

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail.

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo 232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980;

Dettagli

REGIONE SICILIANA. AZIENDA PROVINCIALE SANITARIA TRAPANI U.O.S. Formazione ed Aggiornamento del Personale ed ECM

REGIONE SICILIANA. AZIENDA PROVINCIALE SANITARIA TRAPANI U.O.S. Formazione ed Aggiornamento del Personale ed ECM ServizioSanitarioNazionale Regione Siciliana REGIONE SICILIANA VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 CodiceFiscale P. IVA 02363280815 AZIENDA PROVINCIALE SANITARIA TRAPANI

Dettagli

EVENTO FORMATIVO ECM COD. 156549. QUALE FUTURO NELLA CURA DEGLI ANZIANI: tra efficienza, standardizzazione e person-centred care

EVENTO FORMATIVO ECM COD. 156549. QUALE FUTURO NELLA CURA DEGLI ANZIANI: tra efficienza, standardizzazione e person-centred care SEZIONE REGIONALE MARCHE EVENTO FORMATIVO ECM COD. 156549 QUALE FUTURO NELLA CURA DEGLI ANZIANI: tra efficienza, standardizzazione e person-centred care Centro Pastorale Stella Maris - Ancona Mercoledì

Dettagli

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna Istituto Petroniano Studi Sociali Emilia Romagna 1 Workshop NAZIONALE Venerdì 11 Ottobre 2013 CON NOI E DOPO DI NOI Assistenza e presa in carico delle persone in stato di minima responsività tra SUAP e

Dettagli

convegno Esperienze di cure primarie

convegno Esperienze di cure primarie Agenzia sanitaria e sociale regionale convegno Esperienze di cure primarie l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale Bologna, 31 marzo - 1 aprile 2014 Terza Torre - Sala A Viale della Fiera 8 L evoluzione

Dettagli

2 Convegno Regionale sulla Sindrome di Marfan e patologie correlate

2 Convegno Regionale sulla Sindrome di Marfan e patologie correlate DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE Centro Hub - Presidio della Rete per le Malattie Rare (DGR 1966/06) Rete Regionale per la Diagnosi e il Trattamento della Sindrome di Marfan 2 Convegno Regionale sulla

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Indirizzo Telefono NATUCCI LUISA VIA DEL BRENNERO 4116/A S. PIETRO A VICO LUCCA

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Indirizzo Telefono NATUCCI LUISA VIA DEL BRENNERO 4116/A S. PIETRO A VICO LUCCA C U R R I C U L U M V I T A E Natucci Luisa INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono NATUCCI LUISA VIA DEL BRENNERO 4116/A S. PIETRO A VICO LUCCA Fax 0583/449885 E-mail l.natucci@usl2.toscana.it

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

ESPERIENZE SELEZIONATE LIBRO BIANCO BUONA SANITA 2013

ESPERIENZE SELEZIONATE LIBRO BIANCO BUONA SANITA 2013 ESPERIENZE SELEZIONATE LIBRO BIANCO BUONA SANITA 2013 Integrazione socio-sanitaria e presa in carico (1/2) Lombardia ASL Varese La gestione integrata e multidisciplinare del servizio di nutrizione artificiale

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli