I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in"

Transcript

1 I Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Specialistica in Scienze delle Professioni Sanitarie della Prevenzione Presidente prof. Antonio BOCCIA Tesi di Laurea PREVENZIONE e FORMAZIONE: riflessioni sulla formazione pedagogica del Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro in un ottica comparativa Relatore: prof. Antonio BOCCIA Laureando: Vincenzo DI NUCCI matricola: Anno Accademico 2005/2006

2 SOMMARIO Premessa...4 Introduzione...6 Storia del Profilo Professionale e dell organizzazione dei servizi...8 Evoluzione della professione...11 Ambiti d esercizio professionale...13 Vecchio sistema formativo ed attuale sistema...20 ECM Formazione Continua...28 Punti critici e proposte...29 Sistemi di rappresentanza ordine - albo...31 Ricognizione dei percorsi di studio attivi nelle università italiane Metodo...33 Risultati e Discussione...38 Dati Generali e Curiosità...49 Ricerca di analoghi percorsi nell Unione Europea...75 Conclusioni...81 Bibliografia:...85 Sitografia:...87 tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 2

3 INDICI Tabella 1 - Tipologie attività formative e corsi integrati e/o attività...35 Tabella 2 - Scheda raccolta dati dai presidenti di corso di laurea...36 Tabella 3 - Indicazione struttura delle tabelle del database realizzato...37 Tabella 4 - Università e sedi di corso di laurea per TdP...39 Tabella 5 - Prima serie dati domande e posti per corsi TdP...40 Tabella 6 - Seconda serie dati domande e posti per corsi TdP...41 Tabella 7 - Terza serie dati domande e posti per corsi TdP...42 Tabella 8 - Quarta serie dati domande e posti per corsi TdP...43 Tabella 9 - Sedi Universitarie dei corsi per TdP in relazione alla fonte dei dati (Piano di Studio CINECA)...47 Tabella 10 - SSD Presidente del Corso per Università...49 Tabella 11 - Totali SSD nei corsi TdP e Università...50 Tabella 12 - Distribuzione dei CFU per tipologia di Attività Didattica e Università...51 Tabella 13 -Distribuzione dei CFU per Tipologia di Attività e per Università...52 Tabella 14 - Distribuzione dei CFU per corso integrato nelle Attività Formative di Base...53 Tabella 15 - Distribuzione dei CFU per Corso Integrato nelle Attività Caratterizzanti...54 Tabella 16 - Distribuzione dei CFU per corso integrato nelle Attività Integrative ed Affini...55 Tabella 17 - Distribuzione dei CFU nelle Attività Specifiche della Sede...56 Tabella 18 - Distribuzione dei CFU nelle Attività ulteriori art Tabella 19 - Distribuzione % dei CFU per area appartenenza dei SSD...58 Tabella 20 - Distribuzione % dei CFU per area appartenenza dei SSD gruppi principali...59 Tabella 21 - Primi 25 SSD per somma totale dei CFU Attributi nelle varie sedi...60 Tabella 22 - Primi 25 SSD per numero totale dei moduli attivati nelle varie sedi...61 Tabella 23 - Numero totale dei CFU assegnati al Tirocinio nelle varie sedi (in grigio le sedi che raggiungono il livello minimo stabilito dal DM/270)...62 Tabella 24 Distribuzione delle Università per classe dei CFU assegnati al Tirocinio...63 Tabella 25 - Confronto tra Totale CFU assegnati e moduli attivati per alcuni significativi SSD (in grigio SSD MED/50 Insegnamento di Tecniche della Prevenzione)...64 Tabella 26 - Confronto tra distribuzione dei CFU nelle varie aree di appartenenza dei SSD tra diverse tipologie di corso di laurea (in grigio la media dei CFU assegnati ai corsi di TdP nelle varie università)...65 Tabella 27 - Distribuzione del numero totale di SSD diversi attivati per ciascun corso di laurea e raggruppamento per classi di numerosità di SSD utilizzati...67 Tabella 28 - Costi del Sistema Universitario (fonte dati CNVSU)...68 Figura 1- Grafico Prevenzione e campo d'azione del TdP...14 Figura 2- Grafico campo di attività del TdP e degli altri professionisti...15 Figura 3- Grafico Prevenzione vs Vigilanza...18 Figura 4- Grafico Università sede di corso TdP, posti, domande e iscrivibili per A.A...45 Figura 5- Grafico posti persi, rapporto domande/posti e % posti persi per A.A...46 Figura 6 - Grafico distribuzione Università per fonte informativa - Blu Piano di Studio - Rosso Piano di Studio incompleto necessità di arrotondamenti - Giallo nessun Pinao di Studio dati Dbase MIUR-CINECA...48 Figura 7- Grafico SSD Totali nei corsi TdP e Intero mondo Accademico...50 Figura 8 - Grafico Distribuzione % dei CFU per Aree appartenenza dei SSD...58 Figura 9 - Grafico distribuzione % principali aree SSD...59 Figura 10 - Grafico distribuzione Università per classi di assegnazione CFU al Tirocinio...63 Figura 11 - Grafico CFU e moduli Attivati per alcuni significativi SSD...64 Figura 12 - Grafico confronto attribuzione dei CFU alle varie aree appartenenza dei SSD tra diverse tipologie di corso di laurea...66 Figura 13 - Grafico confronto Attivita Didattica Formale e Attività Formativa Professionalizzante 69 tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 3

4 I CARE ancora Su una parete della nostra scuola c è scritto grande: I care. E il motto intraducibile dei giovani americani migliori. Me ne importa, mi sta a cuore. E il contrario esatto del motto fascista Me ne frego. don Lorenzo Milani lettera ai giudici, 1965 Premessa Il lavoro che segue, realizzato a conclusione del ciclo di studi del Corso di Laurea Specialistica in Scienze delle Professioni Sanitarie della Prevenzione presso l Università degli Studi La Sapienza di Roma, prima facoltà di Medicina e Chirurgia, intende mostrare una panoramica delle problematiche legate alla formazione del Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro con particolare attenzione ai corsi di laurea di base attivati presso le università italiane. Lo scrivente opera, quale tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro, nell Area Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (APSAL) del dipartimento di prevenzione della ASL Roma G in Guidonia (Roma) fin dal 1998, ma dal 1984 è in servizio ininterrottamente nelle varie strutture che via via si sono succedute in conformità al variare dell assetto istituzionale del servizio. Ha prestato servizio, quindi, prima nel servizio igiene pubblica della ex USL RM/25, e poi nel servizio igiene pubblica della Roma G ed infine nell attuale ufficio. Ha avuto modo, nel tempo, di occuparsi di molteplici aspetti e di vari settori che rappresentano il campo d intervento del dipartimento della prevenzione della ASL, dal settore statistico-epidemiologico di sorveglianza delle malattie infettive, alla gestione del sistema di codifica delle cause di morte, dalla vigilanza nel settore degli alimenti, al controllo della distribuzione delle acque potabili, dalla gestione delle problematiche legate alla vigilanza e monitoraggio delle apparecchiature contenenti PCB/PCT, agli aspetti d igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro in molteplici comparti produttivi: dall edilizia alla lavorazione di materiali lapidei, dalla produzione della carta a quella tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 4

5 della gomma, dalla produzione di cemento alla lavorazione del legno. Ha avuto la fortuna di lavorare assieme a medici, fisici, ingegneri, epidemiologi, tecnici, infermieri, statistici ecc, il tutto ha ovviamente influenzato l approccio personale al mestiere di preventore ; dalla gran parte di loro ha imparato ad osservare i fenomeni con sguardi, aperture, disponibilità e sensibilità diverse. Negli ultimi anni ha avuto la fortuna di conoscere molti colleghi italiani, nell ambito delle attività dell associazione italiana dei tecnici della prevenzione AITeP (www.aitep.eu/it) ricoprendo il ruolo di presidente nazionale. Da questo punto di vista privilegiato ha potuto costatare che le problematiche sono abbastanza simili in tutto il paese, e molte di esse sono sovrapponibili anche a tutto il comparto delle professioni sanitarie, basti pensare alla formazione, all aggiornamento alla tutela dell esercizio professionale ecc. Per questo le riflessioni che seguono partono da considerazioni comuni a molti e talvolta affrontano aspetti generali dell esercizio della professione. La realizzazione del presente elaborato ha comportato che fossero contratti molti debiti di riconoscenza, con i presidenti dei corsi, i docenti universitari, i loro collaboratori, i colleghi, gli esperti, i funzionari ministeriali ecc. che mi hanno generosamente fornito informazioni, commenti, chiarimenti, osservazioni, suggerimenti, consigli, indicazioni, idee, spunti, che sono stati molto preziosi. Un ringraziamento agli amici dell associazione AITeP ed ai colleghi d ufficio che, più di altri, hanno sopportato le mie logorroiche ed interminabili riflessioni. Infine, un pensiero particolare a tutta la mia famiglia, ed in special modo alle mie donne: mia moglie Gianna, le mie figlie Alessandra ed Eleonora che, mentre sono ancora impegnato ad individuare la strada da percorrere da grande, riescono ad affrescare giorno dopo giorno le belle pagine della nostra storia. tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 5

6 Introduzione In questo lavoro si vuole avviare una riflessione relativa agli scenari connessi all evoluzione della figura professione del tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro. Si valuteranno soprattutto gli aspetti legati alla sua formazione. Si compareranno i vari percorsi attivi nelle università italiane e si farà un accenno alle esperienze all estero cercando di individuare anche le possibili ricadute in termini di incremento dei livelli di prevenzione. Si cercherà di valutare se le esperienze fin qui realizzate hanno prodotto risultati adeguati in tema di maggiore diffusione della cultura della prevenzione e si cercherà di suggerire eventuali percorsi supplementari ed azioni correttive. La motivazione principale della scelta dell argomento risiede nel fatto che, dopo un lungo percorso, oggi il Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro è certamente da considerare un professionista. Tale affermazione è confortata dal complesso delle norme varate in questi ultimi quindici anni per regolarne l ambito d esercizio professionale e, tra queste, particolare rilievo assume quanto indicato recentemente dalla legge 43 del 1 febbraio Questa norma conclude il percorso di valorizzazione delle professioni sanitarie ratificandone la definitiva appartenenza alle professioni intellettuali, infatti, sono sanciti canoni simili a tutte le altre professioni intellettuali o almeno alla maggior parte di loro. Questa disposizione realizza, inoltre, il coronamento di un lungo cammino intrapreso agli inizi degli anni 90 con la riforma sanitaria del D.Lgs. 502/92. Metaforicamente si può affermare che è terminata la costruzione di un ponte tra il vecchio modo d essere espressione di un mestiere sanitario subalterno, ausiliario, subordinato e la nuova realtà espressione di una professione intellettuale al centro della quale ci sono valori come l autonomia, la competenza, la preparazione, la perizia, la capacità, la responsabilità, l affidabilità, lo scrupolo, la consapevolezza e la deontologia professionale. La legge 43/2006 è quindi la chiave di volta su cui si tiene l arcata del ponte tra il vecchio ed il nuovo mondo che riutilizza concetti già affermati nelle precedenti norme, specialmente nella 42/99 e nella 251/2000. D altra parte queste stesse affermazioni sono ratificate dall art. 1 della citata legge 42/99, vera testata d angolo dell edificio delle nuove professioni sanitarie, laddove fissa il campo d azione e la responsabilità del professionista sanitario individuando tre limiti per la sua determinazione che sono: il profilo professionale, i regolamenti didattici tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 6

7 dei corsi di studi universitari ed i codici deontologici. Come si vede la costruzione del giusto percorso formativo, l individuazione di precisi e specifici obiettivi didattici divengono necessità imprescindibili, essenziali per la definizione di un esatto spazio professionale. tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 7

8 Storia del Profilo Professionale e dell organizzazione dei servizi Iniziamo dalla citazione di un brano di un documento, inviatomi dal prof. Nicola Comodo dell università di Firenze, dal titolo Relazione circ'a salsicciotti e soprassate viziate e di cattiva qualità nel quale è riportata la risposta di tale Giovanni Targioni Tozzetti ad una lettera dell'ufficio dell'annona con la quale si chiedeva una perizia su alcuni salumi di dubbia commestibilità, per sapere se fossero da "disperdersi" o "a riserva di quelli che è parso a due dei periti fiscali, che potessero essere in grado di perdere il cattivo odore, e correggersi in modo da renderli vendibili, almeno alla povera gente. Illustrissimi Signori In esecuzione dei Loro riveriti comandi, ieri mattina, in presenza del signor, Cancellier Nesterini, e coll'assistenza dei due periti pizzicagnoli, esaminai diligentemente ad uno per uno i novantasette casi di salumi, fra soprassate e salsicciotti, che erano nel palazzo del Bargello alla custodia del caporale Antonio Ciotti. Di questo numero, settantasette capi, fatti tagliare parte saggiati con introdurvi uno stecco di legno, si trovarono di pessima qualità onninamente viziosi perché o affatto imputriditi o affatto invietiti, benché siano manipolati di poco tempo, e tutti con fetore così abominabile, che si rendeva nauseoso, e perciò questi 77 si messero a parte come cattivi a tutta sostanza, ed incapaci di esser mai con qualunque diligenza rinsanicati e migliorati; laonde credo necessario il seppellirgli, affine che niuno mai ne possa far uso anche con altri mescugli in grandissimo pregiudizio della salute umana. Degli altri venti, un solo salsicciotto si trovò ben condizionato e manipolato, e sul quale non vi è eccezione veruna. I rimanenti diciannove capi, fra salsicciotti e soprassate, benché non siano fiore di roba né di perfezione mercantile, tuttavia ci parvero passabili ed usabili, ed in quanto a me, giudico secondo la mia perizia e tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 8

9 coscienza, che non possano recare nocumento alcuno alla salute di chi ne mangiasse. Che è quanto. Di casa, 11 febbraio 1775 Come si vede già oltre 230 anni fa si potevano rintracciare casi di esercizio di funzioni oggi affidate ai tecnici della prevenzione. Nel tempo la società è divenuta sempre più complessa ed articolata, ed oggi non si può analizzare la realtà dell agire del tecnico della prevenzione senza ricostruire lo scenario entro il quale questo professionista è chiamato ad operare e senza dare uno sguardo a come sono cambiati man mano nel tempo i bisogni di salute, a come si sono trasformate le organizzazioni dei servizi per rispondere a detta domanda, ed agli sforzi che conseguentemente sono stati prodotti dai vari professionisti per dare soluzioni alle diverse richieste. La riforma del SSN, avvenuta con la legge 833/78, ha tentato di ricondurre ad un approccio unitario le problematiche che influenzano lo stato di salute delle persone, ed in essa c era il tentativo, seppur non perfettamente compiuto, di un approccio univoco alle tematiche della prevenzione. Per la prima volta si mettevano insieme funzioni, competenze, operatori sino ad allora abituati ad operare in situazioni di spazio e tempo separati, in strutture a controllo centrale che seppure avevano una loro espressione operativa a livello di nuclei territoriali, non si raccordavano nel momento dell azione, si privilegiava sostanzialmente l approccio specialistico ai problemi senza nessuna preoccupazione dell integrazione degli interventi. Basti pensare alle strutture dei medici provinciali e comunali che operavano con i vigili sanitari, piuttosto che le strutture dell ispettorato del lavoro, con gli ispettori del lavoro, invece che i nuclei dell ENPI o ANCC con i tecnici che operavano nei controlli degli apparecchi e negli impianti ecc. In questo la legge 833/78 ha rappresentato un momento di forte superamento del precedente modello, intanto perché per la prima volta in Italia i tre momenti fondamentali relativi alla tutela della salute venivano unificati in un unica struttura dove era possibile organizzare la prevenzione, la cura e la riabilitazione facendo non solo sinergia ed economia di scala, ma tentando anche di dare maggiore efficacia ed efficienza agli interventi attuati. Inoltre, la creazione di uno spazio comune determinava l unione delle funzioni e delle competenze altrimenti disseminate in vari organismi, tentando di passare a una visione organica dei problemi di salute. C erano, tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 9

10 insomma, quasi tutte le condizioni potenziali per un approccio integrato alle problematiche che interessano gli ambienti di vita e di lavoro delle persone. Il parziale fallimento (soprattutto in termini di recupero d efficienza) di tale visione dell organizzazione dei problemi di prevenzione sta, probabilmente, nel non aver investito in maniera adeguata nella formazione degli operatori, nel far crescere e mantenere le loro motivazioni e nel mancato sviluppo di un dibattito culturale tra gli stessi, che avevano storie, vissuti, competenze, stili di lavoro a volte inconciliabili. Lo dimostra lo stato attuale dei nostri dipartimenti di prevenzione dove le strutture, le competenze, le capacità degli stessi si sono costruite più per spinta dei singoli che su un modello programmatorio, pertanto abbiamo nelle diverse realtà del nostro paese situazioni diversissime, piene di luci e di molte ombre. Anche il dibattito politico e le scelte legislative che ne sono conseguite hanno influito non poco, basti qui ricordare le due riforme del SSN, che hanno inciso in maniera decisiva nei modelli organizzativi entro i quali operano i tecnici della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro. La creazione dei dipartimenti di prevenzione avrebbe dovuto rappresentare un momento nel quale le istanze d integrazione trovavano una più adeguata valorizzazione. Purtroppo le logiche di difesa corporativa e di posizione hanno talvolta tarpato ogni anelito d integrazione ed approccio integrato ai problemi, si pensi all assurdità di prevedere legislativamente la creazione di due strutture all interno del dipartimento che si occupano dei problemi della salubrità degli alimenti (il SIAN ed il servizio veterinario di tutela degli alimenti di origine animale). Infine non vanno dimenticati i problemi aperti dalla separazione delle tematiche ambientali da quelle di salute. Gli effetti del referendum che hanno separato le due competenze, con la creazione della rete regionale delle Agenzie Regionali di Protezione Ambientali, ha creato non pochi problemi di raccordo, a distanza di oltre dieci anni, solo oggi il dibattito sull approccio integrato degli interventi ASL/ARPA ha prodotto alcuni modelli pratici d intervento congiunto. tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 10

11 Evoluzione della professione L evoluzione della professione del tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro ha subito una notevole accelerazione negli ultimi anni, e riflette in parte l evoluzione del sistema nel quale opera, ma sconta anche delle peculiarità uniche nel panorama dei professionisti sanitari. Tanto per cominciare già l appartenenza a questa categoria di operatori è ancora oggi fonte di molte discussioni e di qualche distinguo tra i colleghi. Ci sono stanzialmente due fazioni, coloro che vedono negli atti concreti che quotidianamente siamo chiamati a compiere, seppure a stretta valenza tecnica, una conseguenza pratica in termini di gestione dei problemi di salute dei singoli, piuttosto che delle popolazioni di riferimento, e motivano con l approccio integrato la propria appartenenza ad un ambito sanitario, diversamente da coloro che ritengono di dover sviluppare maggiormente gli aspetti specialistici e tecnici che farebbero collocare detti professionisti in un ambito tecnico. Per fare una breve cronistoria si può riferire che originariamente, come peraltro capitato anche a tutte le altre professioni oggi non più ausiliare dell arte medica, detti operatori avevano compiti meramente esecutivi anche se con notevole specializzazione tecnica e erano individuati con denominazioni molto diversificate, che riflettevano anche la struttura dalla quale provenivano (come riferito al paragrafo precedente) pertanto trovavamo i vigili sanitari, gli ispettori d igiene, gli ispettori del lavoro, o i periti con le varie specializzazioni (chimici, meccanici, edili, elettrotecnici ecc). Un panorama completamente diverso riguarda invece il mondo della libera professione e della consulenza alle imprese, per il quale gran parte delle affermazioni vanno guardate alla luce di un iper affollamento di esperti dalle più svariate formazioni culturali. La riforma sanitaria fece confluire tutto questo personale in un unico contenitore, almeno per quanto riguarda quella parte degli operatori che erano impiegati nella pubblica amministrazione, la loro denominazione divenne operatore di vigilanza ed ispezione. La normativa concorsuale rifletteva questa impostazione e fino al 2001 per accedere ai concorsi delle ASL e delle ARPA bastava il diploma di perito tecnico o agrario o di geometra. Era sancita, così, un anomalia nel panorama formativo delle professioni sanitarie che già da tempo avevano una formazione aggiuntiva e/o talvolta specifica tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 11

12 per l esercizio professionale, basti far riferimento agli infermieri o alle ostetriche, o ad i tecnici di radiologia ecc. Per le altre professioni, anche se a livello e con graduazioni diversificate, era comunque richiesto un minimo di formazione di base, mentre nulla era previsto per gli operatori di vigilanza ed ispezione. La crescita culturale e professionale di detti operatori era costruita lavorando giorno per giorno, spesso su base spontanea ed individuale. Nel frattempo tutto il complesso di norme che regolano l attività della sanità pubblica, frutto soprattutto del recepimento delle direttive europee, che seppure talvolta imbriglia l attività degli operatori della prevenzione, ha portato ad una reinterpretazione delle funzioni di vigilanza passando dalla prevenzione contro alla prevenzione con, dalla vigilanza al controllo, dal controllo sugli oggetti al controllo sui processi, dal sistema delle regole e delle norme all autocontrollo. tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 12

13 Ambiti d esercizio professionale La riflessione sul campo proprio d attività e di responsabilità del Tecnico della Prevenzione può essere fatta tenendo presente gli schemi seguenti 3 figure nei quali si evidenziano quelle che sono le peculiarità proprie di questo professionista. Innanzitutto si può osservare che a differenza della maggior parte degli altri professionisti sanitari, il Tecnico della Prevenzione non ha come riferimento principale il Paziente, almeno nella sua eccezione classica. Il suo campo d azione più rilevante è rivolto a tutto quello che sta intorno all uomo ovvero gli spazi antropici ed all ambiente in genere che sicuramente possono influenzare il suo stato di benessere, di salute. La maggior parte delle proprie funzioni dovrebbero essere svolte, come per tutti coloro che si occupano di prevenzione primaria, in assenza di malattia. I Tecnici della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro che hanno acquisito le necessarie conoscenze scientifiche, i valori etici e le competenze professionali pertinenti alle professioni nell'ambito della prevenzione e hanno approfondito lo studio della disciplina e della ricerca specifica, alla fine del percorso formativo sono in grado di esprimere competenze avanzate di tipo preventivo, educativo ed assistenziale, in risposta ai problemi prioritari di salute della popolazione, alle problematiche di individuazione e di valutazione dei fattori di rischio, dei determinanti per la salute, delle misure di contenimento e riduzione del rischio (figura 1). tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 13

14 Figura 1- Grafico Prevenzione e campo d'azione del TdP Risulta peraltro evidente che per avere la padronanza in detti campi è necessario avere una formazione e competenze pluridisciplinari dall igiene all ingegneristica, dalla legislazione alla sociologia, dalla pedagogia alla chimica e fisica ecc. Inoltre questi professionisti, a differenza degli altri loro colleghi appartenenti al comparto delle professioni sanitarie, possono vantare un altra peculiarità e particolarità che si concretizza in un elevato grado di autonomia con conseguente assunzione di grandi responsabilità. Infatti, poiché l oggetto del loro agire quotidiano è tutto quello che sta intorno all uomo ovvero gli spazi antropici ed all ambiente in genere, come peraltro si evince anche dalla ridondante denominazione del profilo nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro, è facile dimostrare che per fare una valutazione dei fattori di rischio, per una loro compiuta ed attenta gestione, per porre in essere le migliori strategie, per proporre gli eventuali rimedi non hanno bisogno i altri professionisti che facciano una diagnosi e prescrivano una cura. In sintesi sono gli stessi tecnici della prevenzione che valutano la bontà della riduzione al minimo dei rischi nella filiera alimentare, piuttosto che la corretta gestione dei rischi ambientali o dell esatta e puntuale valutazione dei pericoli e dei rischi connessi negli ambienti di lavoro, tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 14

15 facendo una diagnosi della situazione e prescrivendo i rimedi del caso, il tutto secondo scienza e conoscenza nella più classica espressione dell esercizio di una professione intellettuale. Questa attività è svolta in completa autonomia e non necessita di altri apporti professionali, se non quelli che derivano dal fatto che spesso si incontrano fenomeni particolarmente complessi che hanno bisogno del contributo di specialisti che devono essere consultati al bisogno, come per tutte le scienze e le situazioni articolate. Non credo che si possa affermare altrettanto per gli altri colleghi delle professioni sanitarie che pur nella loro grande autonomia dell esercizio professionale, cito ad esempio i colleghi infermieri, piuttosto che i fisioterapisti o i vari colleghi che eseguono accertamenti tecnici specialistici; tutti loro hanno bisogno, nella maggior parte dei casi, per esplicare l attività che qualcun altro abbia fatto prima la definizione di un paziente. Sono insomma posti in serie all attività del medico in una ipotetica linea di produzione del bene salute e possono esplicare potenzialmente tutta la loro professionalità solo dopo che questi ha fatto una ipotesi di diagnosi e di possibile terapia. Mentre è evidente che l attività del Tecnico della Prevenzione è praticata senza questa necessità sequenziale non essendo rivolta principalmente ed essenzialmente al sistema biologico uomo (figura 2). Figura 2- Grafico campo di attività del TdP e degli altri professionisti tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 15

16 Per fattori culturali legati all evoluzione stessa del mondo della prevenzione e a quelli che erano gli scenari epidemiologici di evoluzione delle malattie nella storia delle nostre comunità, spesso le funzioni della Prevenzione sono regolate da precise e cogenti norme legislative. Allora si è tentati di concentrare ed esaudire la maggior parte del nostro lavoro nel mero controllo del rispetto di dettami legislativi, relegando quindi la prevenzione alla mera funzione di vigilanza. Per le considerazioni fin qui esposte diviene indispensabile la necessità di una migliore e puntuale definizione della figura professionale del tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro, andando a rivedere il decreto istitutivo (DM 58/1997) per renderlo aderente ai molteplici cambiamenti della società civile, ai vecchi e nuovi bisogni di salute. Infatti, il citato decreto, seppure non ancora pienamente attuato, risente fortemente del clima culturale nel quale è stato concepito, e tranne una diversa denominazione della figura professionale, ricalca un modello da mansionario nel quale sono enunciati una serie di compiti affidati a questo professionista. I verbi più utilizzati, con una ripetizione quasi morbosa sono vigila e controlla e per quanto si voglia fare sforzi di natura filologica, quest impostazione condiziona tutta l azione del Tecnico della Prevenzione condannandolo ad essere un mero controllore se non un vigilante. Crediamo che sia veramente riduttivo della nostra professionalità e dell impegno che mettiamo nel far crescere la cultura della prevenzione in questo paese, ridurre tutto alla pura funzione di vigilanza e controllo, compito che non rinneghiamo e di cui non neghiamo talvolta l efficacia, ma che certamente non esprime totalmente il nostro ruolo nei servizi, nelle aziende e tra la gente. Non abbiamo nulla contro la funzione di vigilanza che riteniamo debba avere ora e nel futuro un ruolo importante. Pensiamo, infatti, che in un sistema integrato il momento della verifica assuma un ruolo strategico di valutazione della quantità e qualità dello scostamento dall obiettivo prefissato. A tal proposito la metodologia di certificazione e assicurazione della qualità sono un esempio più che esauriente. Nessuno mai, però, implementerebbe un sistema di assicurazione della qualità confidando solo nella mera verifica del rispetto dello standard, era questa una metodica primordiale dei sistemi di qualità che nulla ha in comune con le metodiche ed i modelli attuali ratificati nelle norme internazioni condivise. E delineato dal DM 58/97 una sorta di tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 16

17 carabiniere laico, confinato all attuazione di meri compiti esecutivi, non facendogli fare il salto culturale che invece i profondi cambiamenti della società imporrebbero; questo è forse l aspetto più deleterio delle attuali problematiche che investono la comunità dei tecnici della prevenzione. Se è vero, infatti, che si sta attuando un modello nel quale assume sempre più forza, sempre più valenza, la funzione di autovalutazione, autocontrollo, di assicurazione del rispetto di norme e regole; come delineato, ad esempio, nelle direttive Severo, piuttosto che nel D.Lgs. 626/94, invece che nel sistema HACCP ecc, allora è evidente che non si tratta più di un semplice confronto tra standard elementari, come l affissione d estratti di norme, piuttosto che l applicazione di semplici rimedi, ma si tratta di valutare ed analizzare l intero processo preventivo. C è bisogno di una concreta evoluzione delle competenze e quindi dell agire del tecnico della prevenzione che deve diventare sempre più un regolatore del sistema, che attua una prevenzione per e non una prevenzione contro, nella prospettiva di uno sviluppo realmente compatibile e sostenibile. Sappiamo bene che con interventi preventivi si ottengono risultati migliori ed a minor costo, quest ultima asserzione è oramai scientificamente e universalmente condivisa. E evidente che ai Tecnici della Prevenzione sono richieste capacità e competenze non solo nell approccio all analisi e valutazione dei cicli produttivi, oltre che d impatto ambientale, attraverso la scomposizione, lo studio minuzioso per singolo fattore di rischio, ma si chiedono sempre maggiori conoscenze nella gestione delle relazioni con i datori di lavoro, i lavoratori, i loro rappresentanti e con tutti gli altri soggetti portatori di singoli interessi pubblici e privati (stakeholders), espressione della moderna società civile. Solo così si migliora la relazione comunicativa potenziando le capacità d ascolto al fine di individuare non solo i bisogni espressi di salute ma anche quelli sottaciuti. Oltre alla competenza analitica e critica, necessaria alla corretta supervisione dei processi di gestione del rischio sottoposti alla nostra attenzione, vengono richieste ulteriori capacità nell analizzare e proporre azioni informative e formative di diffusione della cultura della prevenzione. Per questo vogliamo un approccio nuovo alla nostra professione, perché c è ancora molta strada da percorrere nel nostro paese, costretto purtroppo a fronteggiare tante, troppe emergenze. Infatti, bisogna ridurre a livelli accettabili il tributo che i cittadini pagano nei loro posti di lavoro, in termini di danni alla salute sia come infortuni, spesso mortali, sia come malattie professionali (basti guardare le statistiche prodotte dall INAIL). Occorre minimizzare i guasti prodotti in termini d impatto ambientale tesi di Laurea Specialistica Vincenzo Di Nucci Pagina 17

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli