CONFRONTO TRA SISTEMI COLTURALI A DIVERSA INTENSITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFRONTO TRA SISTEMI COLTURALI A DIVERSA INTENSITÀ"

Transcript

1 Remigio Berruto Giangiacomo Ghiotti Giovanni Mastromonaco Dipartimento DEIAFA, Sez. Meccanica Agraria, Università di Torino Stefano Monaco Carlo Grignani Dario Sacco Barbara Moretti Sara Desogus Aldo Ferrero Francesco Vidotto Dipartimento di Agronomia, Selvicoltura e Gestione del territorio, Università di Torino Alberto Turletti Paolo Giacomelli Anna Saglia Regione Piemonte, Assessorato Agricoltura Sandro Barra Istituto Tecnico Agrario Don Bosco di Lombriasco (TO) Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO TRA SISTEMI COLTURALI A DIVERSA INTENSITÀ Meccanizzazione ed organizzazione del sistema Obiettivi Al fine di razionalizzare le tecniche colturali impiegabili nei sistemi colturali erbacei e, più in particolare, l'impiego delle macchine e identificarne correttamente il costo per l'azienda agraria, è stata avviata dal 1996 una sperimentazione presso l'istituto Tecnico Agrario Don Bosco di Lombriasco (To). La sperimentazione, di durata poliennale, pone a confronto tre percorsi gestionali, che presentano differenze molto marcate sia nell'impiego delle macchine che nei fattori produttivi: 1. la tecnica tradizionale, dove vengono utilizzate le macchine ed i metodi normalmente in uso nell'azienda agraria piemontese; 2. la tecnica 2078, dove vengono attuate con cura le indicazioni della misura A1 del relativo regolamento comunitario e successiva evoluzione nell'azione F1 del PSR, concernenti soprattutto la riduzione dell'uso di prodotti chimici e a basso impatto ambientale; 3. la tecnica a basso input dove si utilizzano un numero minimo di operazioni necessarie alla preparazione del terreno per la semina, limitando anche in questo caso l'impiego dei prodotti chimici. Durante la ricerca per le valutazioni tecnico-economiche, è stato sviluppato dal DEIAFA un modello di calcolo dei costi delle operazioni meccaniche e dei conti colturali per ogni coltura e tecnica ipotizzata. 31

2 RICERCA E SPERIMENTAZIONE Concetti utilizzati per l'analisi tecnico-economica Calcolo dei tempi di lavoro delle macchine e dei consumi I tempi di impiego unitari delle macchine esprimono le ore di lavoro per ettaro necessarie per compiere una determinata operazione. Comprendono dei tempi effettivi, che esprimono il tempo in cui la macchina svolge l'operazione per la quale è stata progettata (es. aratura o erpicatura per le rispettive macchine), e i tempi accessori, necessari allo svolgimento dell'operazione (tempi per voltate, regolazioni e trasferimenti in campo). Calcolo dei costi delle operazioni meccaniche I costi orari di impiego delle macchine si dividono in due parti: costi fissi e costi proporzionali. I costi fissi sono dei costi che si devono sostenere, indipendentemente dall'uso più o meno intensivo che si fa della macchina. Essi rappresentano una percentuale molto importante del costo di impiego e sono tutti costi occulti per l'agricoltore, il quale non li conosce e non li sa valutare. Capita spesso che questi tenda a considerare la macchina come un bene di consumo al pari di concime o semente, identificando il costo di impiego una - tantum con il costo di acquisto. Le macchine sono al contrario un bene durevole, sempre più accessoriate e costose, il cui costo va ripartito sugli anni di impiego. I fattori che compongono i costi fissi sono: l'ammortamento del capitale; gli interessi sul capitale; assicurazioni e costo/noleggio del ricovero per la macchina; Tutti i beni durevoli comportano dei costi fissi che saranno maggiori tanto più elevato è il prezzo di acquisto della macchina e quanto più ridotto è il numero di anni di durata del mezzo. Il costo fisso viene calcolato su base annuale e la sua incidenza oraria sarà minore con l'aumentare del numero di ore lavorate. Nella sperimentazione in oggetto, prendendo come esempio il mais, i costi fissi sono pari al 21% dei costi totali e pari all' 88% se riferiti al costo delle operazioni meccaniche. I costi proporzionali variano in modo proporzionale con le ore di utilizzo delle macchine: il consumo di combustibile e di lubrificante; le manutenzioni e le riparazioni; altri eventuali materiali di consumo; la manodopera. In totale, per il mais (esclusa la manodopera), i costi proporzionali sono pari al 2,5% dei costi totali e pari al 12% se riferiti al costo delle operazioni meccaniche. Il costo orario di impiego di una macchina è la somma dei costi fissi per ora lavorata e dei costi proporzionali. Il costo unitario dell'operazione può essere calcolato in due modi: dividendo il costo orario per la capacità di lavoro espressa in ha/h; moltiplicando il costo orario per il tempo di impiego unitario per quell'operazione, espresso in h/ha. Il costo unitario dell'operazione è l'unico utilizzabile per fare delle comparazioni. Il costo orario NON può essere utilizzato perché non tiene conto della capacità di lavoro. I fattori di variazione dei tempi di impiego e dei costi della meccanizzazione I costi della meccanizzazione dipendono dai seguenti fattori superficie aziendale: l'aumento di superficie aziendale coltivata consente di aumentare i tempi di impiego della macchina in azienda, riducendo i costi orari e i costi unitari per l'operazione svolta; costo del gasolio e dei lubrificanti: la variazione di questi fattori, come prezzi, ha un'incidenza modesta sul costo dell'operazione. Un aumento del prezzo del gasolio del 20% fa lievitare solo del 2,4% i costi della meccanizzazione; valore a nuovo delle macchine: da esso derivano i costi fissi più importanti. Un aumento del 10% del valore a nuovo di una macchina, fa lievitare i costi delle operazioni dell' 8,8%. basso input tradizionale 2078 soia frumento mais soia frumento mais soia frumento mais ED ED ED AR AR AR AR AR AR ED ED ED ED ED ED ED ED ED ER SG ER ER ED ED ER ED ER SG SE SE CO ER SE CO SG TR TR SG TR Tabella 1 - Successione delle operazioni meccaniche di lavorazione del terreno per i tre percorsi colturali e per le colture di mais, soia e frumento (escluse le operazioni di coltivazione post-emergenza, del diserbo e della fertilizzazione, anno 2003) (AR=aratura, ER=erpicatura con erpice rotativo, ED=erpicatura con erpice a dischi, SE=seminatrice pneumatica, SG=seminatrice da grano,tr=trinciatura residui, CO=combinata - zappatrice e seminatrice meccanica) operatrice basso Input tradizionale 2078 aratro bivomere erpice a dischi, 2.5 m erpice rotativo, 3 m Seminatrice pneum. mais seminatrice meccanica Trinciastocchi Combinata TOTALE Tabella 2 - Impieghi di macchine per la lavorazione del terreno, anno 2003, espressi in h/anno (azienda SAU 30 ha). 32

3 In particolare si può notare come nel percorso basso input, le ore di impiego totali siano inferiori rispetto ai percorsi tradizionale e L'aratura, con 110 ore di lavoro annuo, non è presente nel basso input. In quest'ultimo percorso vi sono però incrementi di uso dell'erpice a dischi e dell'erpice rotativo in quanto utilizzati per la lavorazione principale e per le colture da sovescio. Le ore di impiego più elevate di alcune macchine nel basso input sono da riferirsi alla semina delle colture di copertura. Dunque, per le colture da sovescio le ore di impiego delle macchine sono pari a 70 h/anno di lavoro. Se si eliminano queste colture l'impiego delle macchine, nel basso input, sarebbe ancora più ridotto. Risultati dell'analisi tecnico-economica L'analisi tecnico economica qui presentata con riferimento ai risultati della sperimentazione citata, ed è espressa con riferimento ad un'azienda di 30 ha, con 7,5 ha per frumento e soia, e 15 ha per il mais. Successione delle operazioni di lavorazione terreno effettuate nei tre percorsi La tabella 1 presenta la sequenza di operazioni meccaniche per la messa a coltura del terreno, per le tre colture esaminate (grano, mais e soia) e per i tre percorsi (basso input, tradizionale e 2078) oggetto della sperimentazione. La sequenza di operazioni è quella relativa all'anno 2003 (mais e soia) e all'autunno 2002 (frumento). In particolare: 1) il percorso tradizionale e 2078 presentano le stesse operazioni; in entrambi i casi il terreno viene arato e successivamente erpicato, sia con erpice a dischi che con erpice rotativo. Esiste un'unica variante nel percorso 2078, per la coltura del mais, dove viene eseguito un passaggio in meno con l'erpice a dischi; 2) la preparazione del terreno per il percorso basso input viene effettuata solo con passate di erpice a dischi o erpice rotativo. Il terreno viene quindi preparato solo superficialmente, e i tempi di lavoro, se si considerano le sole operazioni di lavorazione terreno sono molto più bassi rispetto ai percorsi precedenti. Impiego annuo di macchine operatrici L'impiego annuo delle macchine per la lavorazione del terreno e semina nel 2003 è quello presentato in tabella 2. I dati sono espressi in ore anno per operatrice e si riferiscono a tutta la superficie dell'azienda. A comporre i costi della meccanizzazione vi sono anche altre operazioni, quali ad es. il diserbo, la concimazione e le operazioni di sarchiatura, non presentati nella tabella 2. Analisi dei costi della meccanizzazione I costi medi per le lavorazioni meccaniche, disaggregati per percorso (basso input, tradizionale e 2078) e per coltura (soia, frumento e mais) sono presentati nella tabella 3. soia frumento mais Tabella 3 - Costi medi delle operazioni meccaniche per coltura e percorso (Euro/ha/anno) Il percorso basso input consente sempre delle riduzioni dei costi delle operazioni meccaniche: 1) soia: si può notare come il basso input permetta una riduzione di circa il 10% rispetto ai percorsi tradizionale e 2078; 2) frumento: la riduzione dei costi del basso input è evidente e di circa il 30% rispetto ai percorsi tradizionale e 2078; 3) mais: anche in questo caso il percorso basso input risulta conveniente, con una riduzione di circa 21% rispetto ai percorsi 2078 e tradizionale. Per il percorso basso input questa cospicua riduzione dei costi è dovuta all'assenza di aratura e all'impiego ridotto della trattrice a potenza maggiore (227 h/anno contro 286 per il percorso tradizionale). 33

4 RICERCA E SPERIMENTAZIONE Analisi dei costi specifici I costi specifici relativi ai conti colturali sono presentati nella tabella 4 di seguito. Per tutti i sette anni di sperimentazione si sono considerati gli stessi prezzi dei fattori produttivi, e anche il valore a nuovo delle macchine, il saggio di interesse, e gli altri parametri di costo sono stati mantenuti costanti e tutti sono riferiti all'anno In questo modo le uniche differenze che si evidenziano derivano da un diverso uso dei fattori produttivi e delle macchine. soia frumento mais Tabella 4 - Costi specifici medi , per i tre percorsi e per ogni coltura (Euro/ha/anno) Il basso input presenta sempre costi medi più bassi, rispetto agli altri percorsi. Il percorso 2078, situandosi in posizione intermedia, risulta essere più vantaggioso rispetto al tradizionale. Analisi dei ricavi I prezzi dei prodotti, i premi PAC e 2078, utilizzati per il calcolo dei ricavi, sono quelli relativi al Esaminando le singole colture (tabella 5), si può evidenziare come il mais sia la coltura più redditizia nei tre diversi percorsi esaminati. Essa presenta ricavi medi superiori ai Euro/ha/anno. Tra i ricavi, per il percorso 2078 è conteggiato un ulteriore contributo di 107 Euro/ha/anno (tale importo è ciò che rimane del contributo al netto delle spese di gestione del disciplinare 2078). In assenza di tale contributo, il percorso tradizionale è quello che garantisce i maggiori ricavi per il mais. La soia, con ricavi sensibilmente inferiori rispetto al mais, è la coltura meno redditizia. In questo caso il percorso tradizionale è il meno remunerativo dei tre. Per il frumento, il percorso 2078 risulta essere il più produttivo negli anni, mentre il basso input e il tradizionale si attestano sugli stessi ricavi medi. Analisi degli utili di gestione Gli utili di gestione calcolati non considerano le quote di ammortamento dei fabbricati e derivano da una retribuzione molto ridotta della manodopera agricola. Gli utili reali sono quindi più bassi di quelli illustrati di seguito. Esaminando gli utili medi (tabella 6) rapportati alla superficie aziendale, si nota come per il percorso 2078 siano del 98% superiori rispetto a quelli del percorso tradizionale, e di circa il 25% superiori rispetto al percorso basso input. Nel caso in cui dovesse venire a mancare il contributo 2078, la sua convenienza verrebbe vanificata. Bisogna oltremodo ricordare che il percorso 2078 ha beneficiato di un contributo aggiuntivo sostanzialmente invariato negli anni, mentre l'apporto all'utile del contributo PAC si è ridotto negli anni per tutte le colture. Dunque, in assenza del contributo 2078, è il percorso basso input che consente di ottenere utili superiori rispetto agli altri percorsi colturali. A prescindere da questi scenari il contributo PAC è assolutamente necessario per garantire una redditività dell'azienda. Nel caso venisse a mancare il contributo PAC la soia risulterebbe la coltura meno indicata e non avrebbe alcuna possibilità di sopravvivenza. In questo caso il percorso basso input e le tecniche di minima lavorazione, risulterebbero, in generale, la migliore alternativa alle tradizionali pratiche agricole, consentendo di risparmiare sui costi di meccanizzazione senza danneggiare la produzione. Soluzioni per ridurre i costi della meccanizzazione Grazie ad alcune simulazioni è stato possibile studiare delle ipotesi di riduzione dei costi della meccanizzazione. Alcune delle ipotesi esaminate sono presentate di seguito: acquisto di una macchina anche per servizio contoterzi: in questo caso, si intende utilizzare la macchina 34

5 PAC Ricavi Ricavi tot PAC Ricavi Ricavi tot 2078 PAC Ricavi Ricavi tot soia frumento mais Tabella 5 - Ricavi medi e contributi comunitari, per i tre percorsi e per ogni coltura (la PAC è inclusa nei ricavi tot) (Euro/ha/anno) PAC Utili Utili tot PAC Utili Utili tot 2078 PAC Utili Utili tot soia frumento mais Utili aziendali (azienda di 30 ha) Tabella 6 - Utili di gestione medi e contributi comunitari, per i tre percorsi e per ogni coltura (Euro/ha/anno) acquistata oltre che per i lavori aziendali, anche per il contoterzismo. Va inoltre considerato che, in questo caso, occorre avere manodopera a disposizione per il periodo in cui si intende utilizzare la macchina presso altre aziende. Nel caso specifico, nel percorso tradizionale, ipotizzando di utilizzare la macchina combinata (seminatrice + zappatrice) per servizio contoterzi su 20 ha oltre ai 7,5 ha aziendali coltivati a frumento, si ottiene una riduzione di circa 65 Euro/ha/anno del costo delle operazioni di semina del frumento per l'azienda, senza considerare gli introiti che derivano dall'attività contoterzi. Dato il maggiore impiego della trattrice da 70 kw accoppiata alla macchina combinata, i costi delle operazioni meccaniche si riducono di 25 Euro/ha/anno; razionalizzazione del parco macchine aziendale: in questo caso la razionalizzazione si ottiene attraverso la riduzione del numero di operatrici e trattrici presenti in azienda. Ad es. per il percorso tradizionale rinunciando alla macchina combinata ed alla trattrice da 45 kw, impiegando un solo tipo di sarchiatrice e utilizzando esclusivamente la trattrice da 70 kw il risparmio è di 90 Euro/ha/anno; ricorso al noleggio: è corretto per le operazioni effettuate da macchine costose per poche ore l'anno. Viceversa, la sostituzione di macchine aziendali molto utilizzate (es. aratro, erpice a dischi) con il noleggio può determinare un aumento dei costi aziendali, a seguito dello scarso utilizzo delle trattrici accoppiate alle medesime. Tra le scelte che aumentano il costo della meccanizzazione, ne citiamo una per tutte: acquisto di trattrici più potenti o di macchine operatrici più grandi con la stessa superficie aziendale: l'acquisto di trattrici di potenza elevata è sconsigliabile se non si prevedono acquisti di macchine operatrici in grado di sfruttare la loro potenza e acquistare solo macchine o trattrici più grandi con la stessa superficie aziendale produce una lievitazione dei costi. Ad esempio, nell'azienda di riferimento sostituendo la trattrice da 70 kw con una da 90 kw senza variare le operatrici utilizzate, si avrà un aumento dei costi delle operazioni meccaniche pari al 9%. Ringraziamenti I risultati presentati in questa pubblicazione sono frutto del lavoro di molte persone ed enti che sotto il coordinamento del Settore Servizi di Sviluppo Agricolo della Regione Piemonte hanno partecipato nei diversi anni a questa sperimentazione: Istituto Tecnico Agrario Don Bosco di Lombriasco, ERAPRA Cuneo, Settore Agricoltura Provincia di Cuneo, Servizio Agricoltura Provincia di Torino, AGRITECNA Torino, GCS Torino, Agricoltura e Progresso Torino, GCS Cuneo. Le analisi chimiche sono state effettuate grazie al fattivo contributo del Laboratorio Agrochimico della Regione Piemonte. 35

Confronto fra modelli colturali cerealicoli: organizzazione e costo della meccanizzazione

Confronto fra modelli colturali cerealicoli: organizzazione e costo della meccanizzazione Confronto fra modelli colturali cerealicoli: organizzazione e costo della meccanizzazione Remigio Berruto, Filippo Brun Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

CONFRONTO DI SISTEMI DI COLTIVAZIONE CON L USO DI UN MODELLO DI CALCOLO TECNICO-ECONOMICO

CONFRONTO DI SISTEMI DI COLTIVAZIONE CON L USO DI UN MODELLO DI CALCOLO TECNICO-ECONOMICO CONFRONTO DI SISTEMI DI COLTIVAZIONE CON L USO DI UN MODELLO DI CALCOLO TECNICO-ECONOMICO Berruto R., Ghiotti G., Piccarolo P. DEIAFA Università degli Studi di Torino Riassunto Il settore cerealicolo riveste

Dettagli

Riassunto della tesi di Laurea

Riassunto della tesi di Laurea Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria Corso di Laurea Specialistica in Agroecologia Curriculum Agroingegneria Gestionale e del Territorio Riassunto della tesi di Laurea IL MAIS COME FONTE

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

Parte dodicesima. L economia della meccanizzazione nelle aziende cerealicole siciliane. F. Sgroi 1 e V. Fazio 2

Parte dodicesima. L economia della meccanizzazione nelle aziende cerealicole siciliane. F. Sgroi 1 e V. Fazio 2 Parte dodicesima L economia della meccanizzazione nelle aziende cerealicole siciliane F. Sgroi 1 e V. Fazio 2 1 Il dott. Filippo Sgroi è ricercatore in Economia ed Estimo Rurale presso il Dipartimento

Dettagli

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Questo lavoro prende in esame le aziende agricole che hanno la propria

Dettagli

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Filiera Cerealicola: Organizzazione della filiera Utilizzo di agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Il contoterzismo nelle colture cerealicole di pianura Premesse Si va sempre più

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve Convegno : Ottimizzazione della filiera di produzione di biomasse ligno-cellulosiche FORLENER 27 - BIELLA, 28 settembre 27 Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve parte seconda: redditività

Dettagli

SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA e PRODUZIONE LORDA VENDIBILE

SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA e PRODUZIONE LORDA VENDIBILE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA e PRODUZIONE LORDA VENDIBILE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA Azienda agricola: Anno di analisi: Ortaggio analizzato SEVERINO BOZZOLAN 2012 POMODORO DA SUGO DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Produzione agricola della canapa da fibra

Produzione agricola della canapa da fibra Produzione agricola della canapa da fibra aspetti economici e scenari produttivi Studio Paroli e Associati Tecnica ed Economia Agraria Via Fiorentina, 84 PONTEDERA (PI) Tel 0587-59016 La coltivazione della

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Capitolo 5 IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Questo capitolo vuole essere uno strumento per calcolare il costo di produzione di una tonnellata di legno cippato mediante l organizzazione

Dettagli

I risultati economici delle aziende biologiche

I risultati economici delle aziende biologiche I risultati economici delle aziende biologiche di Davide Marino e Alfonso Scardera 1 Analisi economica comparata dei processi produttivi biologici e di quelli convenzionali Sebbene l'attenzione degli economisti

Dettagli

Efficienza economica e tecniche di coltivazione biologiche:

Efficienza economica e tecniche di coltivazione biologiche: Efficienza economica e tecniche di coltivazione biologiche: una valutazione comparativa tra tecniche di coltivazione sperimentali ed operative di Massimo Chiorri e Francesco Galioto Introduzione numerosi

Dettagli

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Caso 17 Stima dell indennità spettante all affittuario per l esecuzione di un drenaggio sotterraneo Indice 1. Conferimento dell incarico e quesito di stima... 2 2. Descrizione

Dettagli

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Corso in Economia applicata alle risorse naturali. 2003-2004 A cura di: Roberto Fratini, Francesco Riccioli e Claudio Fagarazzi 1 1. DESCRIZIONE

Dettagli

ANNO Superficie (ha) 1929 2.832 1955 4.839 1960 5.206 1965 4.992 1975 6.652 2000 7.800 2006 12.057 2014 16.624

ANNO Superficie (ha) 1929 2.832 1955 4.839 1960 5.206 1965 4.992 1975 6.652 2000 7.800 2006 12.057 2014 16.624 Il nocciolo è coltivato in Piemonte fin dalla fine del XIX secolo. La varietà utilizzata era conosciuta come Tonda Gentile del Piemonte o Ronde du Piémont. Il prodotto veniva esportato nei paesi esteri,

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna macchine

Dettagli

Novità allo studio. Andrea Peruzzi UNIVERSITÀ DI PISA, SEZIONE MECCANICA AGRARIA E MECCANIZZAZIONE AGRICOLA DAGA

Novità allo studio. Andrea Peruzzi UNIVERSITÀ DI PISA, SEZIONE MECCANICA AGRARIA E MECCANIZZAZIONE AGRICOLA DAGA Il Divulgatore n.10/2003 Soluzioni meccaniche per un'agricoltura a basso impatto ambientale Pagg. 58-67 Gestione delle infestanti Novità allo studio Ecco i risultati ottenuti nelle prove condotte dall

Dettagli

Fanno reddito le stalle da latte?

Fanno reddito le stalle da latte? Gli scenari attuali e la realtà economica delle stalle lombarde Fanno reddito le stalle da latte? Analisi di 70 bilanci SATA: quale strada verso la competizione europea? Venerdì 25 ottobre 2013 Fiera Internazionale

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi

In uno scenario di aumento dei costi analisi dei costi di esercizio Come scegliere il rotolone più adatto alle proprie esigenze di Giuseppe Taglioli, Giulia Villani, Matteo Boscarato In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna nell azienda

Dettagli

Agricoltura biologica - AGRONOMIA

Agricoltura biologica - AGRONOMIA Agricoltura biologica - AGRONOMIA Principali tecniche di controllo delle infestanti in agricoltura biologica di Lamberto Dal Re e Chiara Donati Sommario Associazione Prober Introduzione da pag. 1 a pag.

Dettagli

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Orzinuovi, 17 Luglio 2014 STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Di Agr. Ph D. Mattia Trevini 1-LAVORAZIONI LAVORAZIONI CONVENZIONALI Obbiettivi principali: Favorire lo sviluppo della coltura

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Agraria. CONVEGNO Gestione delle biomasse e dei processi per la produzione di energia

Dipartimento di Ingegneria Agraria. CONVEGNO Gestione delle biomasse e dei processi per la produzione di energia CONVEGNO Gestione delle biomasse e dei processi per la produzione di energia Fieramilano - Rho 17 Novembre 2010, Pad. 6, Balconata, Sala KAPPA Valutazione energetico-ambientale di filiere agro-energetiche

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO Life + UNIZEO: Progettazione delle prove agronomiche e risultati della sperimentazione S. Monaco, N. Sanino, C. Grignani Università di Torino - Dip. Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Lombriasco,

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 2004 The Companies srl Caso 2 Stima per capitalizzazione dei redditi di un fondo rustico di ha 40 ubicato nella pianura reggiana. L indirizzo produttivo è zootecnico. L allevamento è basato sui

Dettagli

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI AVVERTENZE NELL USO DEI DATI 1. L organizzazione generale dei dati I risultati delle rilevazioni sono organizzati in due serie: i costi di produzione veri e propri e le schede produttive. 1.1. I dati sui

Dettagli

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve Torna all indice Convegno di Studio: Le biomasse agricole e forestali nello scenario energetico nazionale Progetto Fuoco (Verona 18-19 Marzo 24) Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo

Dettagli

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere SIMULAZIONE DI DUE SCENARI POSSIBILI Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere di Danluigi Bertazzi, Angelo Frascarelli Il settore del latte oggi è diventato molto più competitivo

Dettagli

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

Anche nella gestione del

Anche nella gestione del QUANDO IL PICCOLO PUÒ SOSTITUIRE IL GRANDE di Claudio Corradi La convenienza economica per un azienda nel dotarsi di un parco trattrici ampio e versatile è direttamente proporzionale alla superficie da

Dettagli

SOSTENIBILITÀ DI UN MODELLO DI FILIERA BIOMASSE COMBUSTIBILI ENERGIA ALLA PICCOLA SCALA: IL CASO DI CANNA COMUNE, MISCANTO E PIOPPO CON TURNO DI

SOSTENIBILITÀ DI UN MODELLO DI FILIERA BIOMASSE COMBUSTIBILI ENERGIA ALLA PICCOLA SCALA: IL CASO DI CANNA COMUNE, MISCANTO E PIOPPO CON TURNO DI SOSTENIBILITÀ DI UN MODELLO DI FILIERA BIOMASSE COMBUSTIBILI ENERGIA ALLA PICCOLA SCALA: IL CASO DI CANNA COMUNE, MISCANTO E PIOPPO CON TURNO DI CEDUAZIONE BIENNALE 7. SOSTENIBILITÀ DI UN MODELLO DI FILIERA

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Tecnica colturale della soia

Tecnica colturale della soia Tecnica colturale della soia Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Impianto 1 2 Fertilizzazione 2 3 Cure colturali 2 1 Impianto Scelta varietale 1. Le

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020. Riunioni di zona 2014. Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli

L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020. Riunioni di zona 2014. Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020 Riunioni di zona 2014 Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli Argomenti della presentazione 1. I nuovi pagamenti diretti 2. Approfondimenti su:

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

Esercitazione : Analisi di gestione mediante indici di bilancio - Economia agraria "Azienda Ventola"

Esercitazione : Analisi di gestione mediante indici di bilancio - Economia agraria Azienda Ventola Esercitazione : Analisi di gestione mediante indici di bilancio - Economia agraria "Azienda Ventola" Introduzione Il signor Dario Ventola, titolare di un azienda a conduzione familiare, intende fare un

Dettagli

Per la gestione dei reflui nelle stalle

Per la gestione dei reflui nelle stalle PECIALE VALUTAZIONE U DIVERE TIPOLOGIE DI TALLA Quanto costa ogni anno la gestione delle deiezioni Il costo totale annuo di esercizio per la gestione dei reflui oscilla tra. euro della stalla a cuccette

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

CL Medicina Veterinaria

CL Medicina Veterinaria CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 il bilancio aziendale indice degli argomenti 1. bilancio economico: definizione e tipologie diapositive 2 2. equazione di bilancio diapositive 5 3. struttura

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.5 Coltivazione delle varietà

Dettagli

PIANO DI LAVORO RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO

PIANO DI LAVORO RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO Materia: GENIO RURALE PIANO DI LAVORO RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO Docenti: Prof. Rossi Renato Itp Martina Dario CLASSE 3ª sez. A indirizzo agroambientale RILEVAZIONE DELLA SITUAZIONE DELLA CLASSE:

Dettagli

Contributo della logistica e della meccanizzazione per la competitività del settore agricolo

Contributo della logistica e della meccanizzazione per la competitività del settore agricolo Accademia dei Georgofili Sezione Nord-Ovest Seminario Contributo della logistica e della meccanizzazione per la competitività del settore agricolo 1 Quaderno Venerdì 27 Febbraio 2009, ore 15.00 Sala Camera

Dettagli

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel EIMA International, Bologna 7-11 Novembre 2012 PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori Foresta Colture erbacee oleaginose: potenzialità produttive di brassicacee e girasole, meccanizzazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che:

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU2 14/01/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 14 dicembre 2015, n. 16-2596 Approvazione dello schema di accordo, ai sensi dell'art. 15 L.241/90 e art.22 L.r. 14/2014, tra la Regione

Dettagli

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario DIPARTIMENTO di AGRARIA Corso di Laurea in SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE Classe L-25: Classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Anno accademico 2012-2013 Corso integrato Economia e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Agricoltura conservativa

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Agricoltura conservativa DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA Agricoltura conservativa Lodovico Alfieri - Università degli Studi di Milano - DiSAA. Agricoltura conservativa Agricoltura

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti 1. Si vuole realizzare un investimento acquistando un macchinario il cui costo è 1.000. Sarà finanziato per metà attraverso un prestito rimborsabile in

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

CLASSE 58/A - SCIENZE E MECCANICA AGRARIA E TECNICHE DI GESTIONE AZIENDALE, FITOPATOLOGIA ED ENTOMOLOGIA AGRARIA.

CLASSE 58/A - SCIENZE E MECCANICA AGRARIA E TECNICHE DI GESTIONE AZIENDALE, FITOPATOLOGIA ED ENTOMOLOGIA AGRARIA. CLASSE 58/A - SCIENZE E MECCANICA AGRARIA E TECNICHE DI GESTIONE AZIENDALE, FITOPATOLOGIA ED ENTOMOLOGIA AGRARIA (vecchia denominazione A084 Scienze agrarie e tecniche di gestione aziendale) Programma

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Questo volume è frutto di alcuni ricercatori INEA del Servizio 1- Rilevazioni contabili e analisi

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE AZIENDA AGRARIA ANNO 2016

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE AZIENDA AGRARIA ANNO 2016 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO F.LLI AGOSTI Viale F.lli Agosti, 7 01022 BAGNOREGIO (VT) 0761/780877 vtta020006@istruzione.it-

Dettagli

IRRIGARE A COSTI CONTENUTI Costo di irrigazione dei rotoloni

IRRIGARE A COSTI CONTENUTI Costo di irrigazione dei rotoloni IRRIGARE A COSTI CONTENUTI Costo di irrigazione dei rotoloni Presso Cremonafiere alla manifestazione Vegetalia, in data 28 gennaio 2005, in collaborazione con UNIMA e il 12 Salone Nazionale del Contoterzismo,

Dettagli

La maggior parte dei processi produttivi

La maggior parte dei processi produttivi METODI Controllo valorizzare gli scarti della lavorazione: come trasformare un costo in opportunità La maggior parte dei processi produttivi comporta la produzione di scarti di lavorazione sotto forma

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA Nel corso dei secoli l agricoltura ha subito profondi cambiamenti ma, solo con l invenzione del motore a combustione

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici

La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici home >> approccio economico >> La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici CONCETTO DI EFFICIENZA L'IMPRESA AGRARIA E' EFFICIENTE

Dettagli

La concimazione nel bilancio economico, energetico ed ambientale delle colture da biomassa. Federico Correale, Veneto Agricoltura

La concimazione nel bilancio economico, energetico ed ambientale delle colture da biomassa. Federico Correale, Veneto Agricoltura La concimazione nel bilancio economico, energetico ed ambientale delle colture da biomassa Federico Correale, Veneto Agricoltura Le colture da biomassa e la loro destinazione d uso N. Graniglia, UniSI

Dettagli

Caratteristiche tipologiche e specializzazioni produttive dei comuni abruzzesi

Caratteristiche tipologiche e specializzazioni produttive dei comuni abruzzesi Caratteristiche tipologiche e specializzazioni produttive dei comuni abruzzesi Capitolo curato da : Istituto Nazionale di Economia Agraria Sede Regionale Abruzzo Autori : Antonio GIAMPAOLO: Responsabile

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

I. De Marco ANALISI ECONOMICA APPLICATA AGLI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO

I. De Marco ANALISI ECONOMICA APPLICATA AGLI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO I. De Marco ANALISI ECONOMICA APPLICATA AGLI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO Analisi Costi-Benefici Un qualsiasi progetto deve essere supportato da due analisi di fattibilità : Analisi tecnica Analisi

Dettagli

MECCANIZZAZIONE FORESTALE E SICUREZZA CANTIERI

MECCANIZZAZIONE FORESTALE E SICUREZZA CANTIERI MECCANIZZAZIONE E GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO Prof. Danilo Monarca a.a. 2012/13 Meccanizzazione Parte 1 1 MECCANIZZAZIONE FORESTALE E SICUREZZA CANTIERI Prof. Ing. Danilo Monarca Dip. DAFNE 0761

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

LIFE 2006 Integrated system to enhance sequestration of Carbon, producing energy crops by using organic residues.

LIFE 2006 Integrated system to enhance sequestration of Carbon, producing energy crops by using organic residues. LIFE 2006 Integrated system to enhance sequestration of Carbon, producing energy crops by using organic residues. Task 6: Evaluation of the technical-economic impact Deliverable 7: Report on the economic

Dettagli

Report sul Campione di aziende agricole della Banca dati GAIA-Sicilia

Report sul Campione di aziende agricole della Banca dati GAIA-Sicilia PSR Sicilia 2007-2013 - Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare, e in quello forestale PROGETTO GAIA STRUMENTO INNOVATIVO PER

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA ANNUALE PER LA GESTIONE DELL AZIENDA AGRARIA DIDATTICA ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

RELAZIONE PROGRAMMA ANNUALE PER LA GESTIONE DELL AZIENDA AGRARIA DIDATTICA ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE A.TRENTIN Via San Giovanni 46-36045 LONIGO (VI) RELAZIONE PROGRAMMA ANNUALE PER LA GESTIONE DELL AZIENDA AGRARIA DIDATTICA ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 1 PREMESSA L azienda

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

UTILIZZO DELL OLIO IN AZIENDA

UTILIZZO DELL OLIO IN AZIENDA UTILIZZO DELL OLIO IN AZIENDA In questa sezione vengono descritte alcune possibili applicazioni dell utilizzo di olio da girasole per la produzione di bioenergia. I risultati sono riferiti ad alcune aziende

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 4 disposizioni attuative campagna 2011 DESCRIZIONE

Dettagli

Conti economici delle principali colture in asciutto

Conti economici delle principali colture in asciutto Conti economici delle principali colture in asciutto Schema idrico del Flumineddu per l alimentazione irrigua della Marmilla Studio di dettaglio sulle aree oggetto dell intervento Distretto irriguo della

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail:

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail: PRODUZIONI FORAGGERE Titolo del progetto Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale - BIOGESTECA Coordinatore del progetto Gian

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

PER UN AGRICOLTURA MODERNA E COMPETITIVA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE POLITICHE AGRICOLE

PER UN AGRICOLTURA MODERNA E COMPETITIVA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE POLITICHE AGRICOLE PER UN AGRICOLTURA MODERNA E COMPETITIVA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE POLITICHE AGRICOLE PREMESSA Da diversi anni a questa parte nelle nostre campagne si assiste ad un evoluzione che ha cambiato il volto

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 6 disposizioni attuative anno 2012 DESCRIZIONE

Dettagli

Scelta della trattrice

Scelta della trattrice Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Scelta della trattrice Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari Coltivazioni presenti nell nell azienda prescelta: Mais 8

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli