Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente"

Transcript

1 Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica, cenni storici, i suoi monumenti, i costi del viaggio e occasioni di svago della città. Obiettivi formativi Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all'apprendimento comune e alla realizzazione delle attività collettive Suscitare nell alunno la curiosità nei confronti della realtà che lo circonda Conoscere spazi lontani dal vissuto quotidiano dei bambini, organizzati in modo più complesso e articolato. Sperimentazione attiva, valorizzando il momento della scoperta attiva rispetto a quello della ricezione passiva di nozioni, superando una didattica meramente trasmissiva e ponendo gli alunni al centro della costruzione del proprio sapere muovendo da situazioni nelle quali l osservazione e l azione concreta permettono il ragionamento, la deduzione, l acquisizione.

2 Metodologia Le varie attività si svolgeranno suscitando: - curiosità - discussione e problematizzazione; - sperimentazione attiva. Brainstorming, elaborazione in gruppo di contenuti, verbalizzazione individuale e di gruppo, ricerca, le modalità di lavoro che verranno attuate. Ideazione Il contesto L attività è rivolta a una classe quinta della Scuola Primaria composta da ventidue alunni con tempo scuola di quaranta ore settimanali. La classe, sin dalla prima, ha mostrato un grande interesse per le nuove tecnologie e, avendo sempre fatto informatica, possiede delle buone conoscenze relative all uso del Pc. A scuola possono disporre di una Lim, di un laboratorio d informatica collegati a internet. Nessuno di loro possiede un tablet o smartfhone Ideazione L organizzazione di un Viaggio d Istruzione offre numerosi spunti per poter ideare delle attività coinvolgenti per i bambini. Partendo da questa considerazione, ho pensato che coinvolgerli nell organizzazione del viaggio d istruzione, fosse un modo per stimolarli ad apprendere non solo nozioni di tipo storico-geografico- artistico ecc.., ma anche un

3 modo diverso di apprendere, dove loro diventano gli attori del processo di apprendimento e l insegnante una figura che li supporta. Il setting tecnologico dell'aula Nell aula è presente una Lim a muro corredata da videoproiettore, pc e casse acustiche. Gli alunni hanno inoltre a disposizione un laboratorio di informatica con dieci computer fissi collegati in rete. Funzione della tecnologia In questa unità la presenza delle tecnologie digitali serve per avere accesso ad una maggiore quantità di risorse, in particolare foto, clip art, oggetti interattivi, video che consentono di strutturare una lezione dinamica. L utilizzo dei Pc è stato utile nelle attività di gruppo, mentre l utilizzo della Lim ha favorito il lavoro collettivo. Sia i Pc che la Lim hanno permesso un lavoro collaborativo e costruttivo dove gli alunni hanno svolto un ruolo attivo e hanno contribuito a costruire la lezione Progettazione Risorse e strumenti digitali utilizzati immagini, foto,video Software autore: Notebook Siti internet: wikipedia,trecani,you tube, google immagini Laboratorio di informatica, Lim Chiavette USB

4 Organizzazione del materiale didattico La prima fase prevede la presentazione del lavoro da parte del docente che utilizzerà la Lim dell aula per rendere l esposizione facilmente fruibile da tutti gli alunni. Segue poi la discussione dell intero gruppo classe per fissare il piano di lavoro. Anche in questa fase la Lim è un valido strumento per registrare i punti chiave. Fissato il piano di lavoro, la classe verrà divisa in piccoli gruppi: ogni gruppo dovrà approfondire l argomento assegnato e creare un file di notebook con tutte le informazioni trovate, per poi condividerlo con la classe. Il lavoro di gruppo si svolgerà nel laboratorio d informatica dove avranno a disposizione i pc collegati ad internet e il software della notebook. La condivisione collettiva dei lavori verrà fatta in aula con l uso della lim: ciascun gruppo mostrerà il file creato con le informazioni trovate dopo averle trasferite sul pc della Lim con chiavetta usb.. La fase finale prevede il montaggio da parte dell Insegnante, coadiuvata dal gruppo classe, dell intero lavoro. Il prodotto finale consiste in un file di notebook in forma ipertestuale. Elementi metodologici e strategie didattiche che il docente intende applicare Introduzione dei temi relativi all attività proposta Condivisione dell organizzazione delle attività centrate sullo studente Supporto all attività degli studenti Supporto ad hoc su domande specifiche Organizzazione dei gruppi di studenti Consigli su come impostare il lavoro Sintesi dei temi emersi Condivisione delle conoscenze pregresse

5 Condivisione delle domande degli studenti Brainstorming di classe Verifica degli apprendimenti Sintesi dei lavori Tipologia delle attività che si intende assegnare agli studenti Creazione Testo Calcolo Navigazione Internet Lettura Testi Reperimento immagini Presentazioni Scelta del prodotto didattico per lo svolgimento dell attività File notebook Ipertesto multimediale (IM)

6 Sceneggiatura dell Unità di Lavoro Sequenza dell attività Griglia di lavoro per la composizione della sceneggiatura dell Unità di Lavoro TITOLO: SEQUENZA 1 Presentazione dell attività Un Viaggio.d Istruzione DESCRIZIONE ATTIVITA In questa pagina di notebook ho introdotto l obiettivo dell attività che porterà alla realizzazione finale di un elaborato multimediale di presentazione del Viaggio d Istruzione che gli alunni dovranno fare nel mese di Maggio.

7 2 Introduzione dell argomento di studio Il viaggio comporta un approfondimento delle conoscenze della meta prescelta, da diversi punti di vista. Con una discussione guidata i bambini sono arrivati alla conclusione che non conoscevano Roma e che tanto potevano scoprire: la sua storia, il suo territorio, i suoi monumenti, i costi del viaggio. Dal confronto è emerso che l utilizzo di Internet per reperire le informazioni era il mezzo migliore e più semplice. Hanno scelto il lavoro di gruppo, così ogni gruppo avrebbe approfondito uno degli aspetti considerati rilevanti per conoscere meglio la città. La condivisione delle informazioni poteva avvenire sia nel laboratorio di informatica attraverso la rete dei computer o in aula con l uso della lim. 3 Assegnazione dei compiti

8 Con questa pagina di notebook è stato predisposto un piano di lavoro che fissava numero e componenti dei gruppi, gli argomenti assegnati a ciascun gruppo, i tempi di realizzazione e le modalità. Dopo l ampio confronto descritto nella seconda fase, vengono formati i gruppi. Ad ogni gruppo: è dato un nome fissato un argomento da sviluppare assegnati dei compiti Per ognil gruppo si stabilisce il tipo di tecnologia: pc e software notebook Indipendentemente dall argomento, ogni gruppo deve osservare la seguente sequenza di lavoro: ricercare informazioni elaborare le informazioni trovate scambiare i risultati degli elaborati confronto sui risultati prodotti da ognuno confezionare il contenuto Alla fine il gruppo dovrà produrre una pagina con i contenuti stabiliti. La pagina costituirà uno degli approfondimenti. 4 Calendario di lavoro Il piano di lavoro contiene i tempi per la realizzazione e le ore da dedicare alle attività prescelte.

9 MARTEDI dalle14:30 alle 16:30 VENERDI Dalle12:00 alle 13:00 gruppo1 gruppo2 gruppo3 gruppo4 Gruppo5 Ricerca Ricerca Ricerca Ricerca e Ricerca e e e confezion e confezio confezio confezio amento confezio namento namento namento namento Esposizi one dell elab orato Esposizi one dell elab orato Esposizi one dell elab orato Esposizio ne dell elabor ato Esposizi one dell elab orato Queste le attività per le due settimane prefissate. Per la terza settimana le stesse ore saranno utilizzate per assemblare i lavori e creare l elaborato finale 5 Sviluppo e consegna degli elaborati Gli ambienti scelti per lo sviluppo del lavoro sono stati: aula e laboratorio di informatica. Durante lo svolgimento del compito assegnato, i bambini, negli incontri collettivi in aula, hanno condiviso le informazioni e la loro rielaborazione in file di notebook, usufruendo di chiavette usb per il trasferimento dei file dal pc di lavoro al pc della Lim. L insegnante in questa fase ha svolto il ruolo di tutor supportando i bambini nella ricerca e nella creazione dei file.

10 I file sono stati poi assemblati sotto forma di presentazione ipertestuale 6 Valutazione Nella valutazione si è tenuto conto soprattutto delle conoscenze acquisite durante tutta l esperienza didattica il cui obiettivo è la rilevazione dei valori formativi indicati. Si è poi tenuto conto, attraverso la valutazione dell esposizione fatta durante la presentazione del lavoro, delle conoscenze acquisite legate strettamente alle discipline coinvolte.

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso avanzato OBIETTIVI L uso avanzato dei blog nella didattica delle discipline artistiche (inserimento

Dettagli

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi!

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Proposta didattica per le scuole secondarie di primo grado Ideazione e realizzazione di storie interattive basate su elementi grafici, fotografici e video realizzati

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale Schema generale Vengono definite diverse tipologie di corsi che verranno attivate a seconda dei bisogni rilevati. 1) Corso A Rivolto alla maggior parte dei docenti dove vengono affrontate le tematiche

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica Scheda Integrata Metodologico - Strategica Laboratoriale Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI 2 SCUOLA PRIMARIA «SANDRO PERTINI» CLASSE II SEZIONE B Gennaio/giugno 2014 Presentazione dell unità

Dettagli

Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo

Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center Provincia

Dettagli

Imparerò ad usare la LIM perché non morde Corso livello base per utilizzo didattico della LIM

Imparerò ad usare la LIM perché non morde Corso livello base per utilizzo didattico della LIM settembre 2014 marzo 2015 Imparerò ad usare la LIM perché non morde Corso livello base per utilizzo didattico della LIM Gruppo LIM corso BASE: tutor M.Emilia Coscia Gruppo LIM corso BASE: Marco Colli,

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro per la LIM (Modello 2)

Sceneggiare un unità di lavoro per la LIM (Modello 2) Sceneggiare un unità di lavoro per la LIM (Modello 2) L'attività propone al corsista di descrivere l'uso della tecnologia nelle sequenze principali di un'unità didattica da svolgere in un'aula dotata di

Dettagli

Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO

Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI FOEN Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI FOEN Denominazione scuola Scuola Primaria Gino Allegri Foen di Feltre Anno scolastico di attuazione del progetto Anno scolastico

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro

Sceneggiare un unità di lavoro Sceneggiare un unità di lavoro EDUCAZIONE ALIMENTARE Sai cosa mangi? Scuola-Istituto Titolo dell'unità Docenti partecipanti al Corso CENTRO SALESIANO DON BOSCO Treviglio L ALIMENTAZIONE E I PRINCIPI NUTRITIVI.

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi PROGETTO CL@SSI2.0 Titolo: DIGITALI Finalità generale del Progetto Creare occasioni significative di formazione integrale della persona, per sviluppare in modo particolare la capacità di orientarsi nella

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

Piano dell Offerta formativa anno scolastico 2011/12

Piano dell Offerta formativa anno scolastico 2011/12 CURRICOLO Il curricolo di Circolo nasce dalla necessità di consolidare e innalzare i livelli formativi dei nostri alunni attraverso adeguati processi di insegnamento-apprendimento. Nella costruzione del

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

OGGETTO: PNSD - avvio dei percorsi formativi di base del personale scolastico/team digitale

OGGETTO: PNSD - avvio dei percorsi formativi di base del personale scolastico/team digitale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 0456780521- Fax

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Proposta formativa A.S. 2014 2015

Proposta formativa A.S. 2014 2015 Proposta formativa A.S. 2014 2015 Premio Consiglio Comunale di Portogruaro 12^ Edizione Laboratorio audiovisivo sul tema della promozione nuova Biblioteca comunale La Biblioteca con i tuoi occhi! Premesse

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

C REATIVE B RAINSTORMING

C REATIVE B RAINSTORMING C REATIVE B RAINSTORMING La vera scoperta non consiste nel trovare nuovi territori, ma nel vederli con nuovi occhi! Marcel Proust filosofia In un mondo dove l'informazione è fin troppo presente, il vero

Dettagli

Fare lezione con la LIM

Fare lezione con la LIM Fare lezione con la LIM Descrizione dell'attività Argomento: LE SPAZIO Obiettivi formativi: Conoscere e utilizzare gli strumenti essenziali della LIM Conoscere il mondo delle Scienze tramite gli argomenti

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A CL@SSI 2.0 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O N. 9 B O L O G N A S c u o l a s e c o n d a r i a d i I g r a d o I l G u e r c i n o a. s. 2009-2 0 1 0 I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A F e b b

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER RAGIONIERI E GEOMETRI

ISTITUTO TECNICO STATALE PER RAGIONIERI E GEOMETRI ISTITUTO TECNICO STATALE PER RAGIONIERI E GEOMETRI GAETANO MARTINO via delle Isole Curzolane, 71-00139 ROMA XII Distretto Tel. O6.87189842 - fax 06.87198602 - e-mail istmart@tin.it PROGETTO DI RICERCA

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO Denominazione Conto e confronto Prodotti Tavola pitagorica ad immagini Competenze mirate Comuni/cittadinanza Competenze Chiave Europee La competenza

Dettagli

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano Candidata: Maria Ghirardi LA MIA CLASSE La mia classe V di scuola primaria è composta da 20 bambini, di cui 11 maschi e 9 femmine. Tra i

Dettagli

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un AULA 2.0 La sperimentazione aula 2.0, basata sulla didattica in rete o e_learning o FAD di III generazione, implica inevitabilmente la trasformazione della didattica che passa da una tipologia comunicativa

Dettagli

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali.

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali. Ministero Dell Istruzione, Dell Università e Della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Milani Via Ugo Foscolo 13 21050 Bisuschio Tel. 0332/471213 Fax 0332/473798 sito Web: www.icbisuschio.gov.it e-mail

Dettagli

Progetto Triennale d intervento dell Animatore Digitale

Progetto Triennale d intervento dell Animatore Digitale ALLEGATO N. 4 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 6 Circolo - R. GIRONDI Via Zanardelli, 29 76121 BARLETTA Tel. 0883 349489 Fax 0883349489 E mail: baee06400r@istruzione.it Cod. Mecc. BAEE06400R Cod. Fisc. 81003590726

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali)

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Con il progetto, di cui alla delibera n. 52/9 del 27.11.2009 della RAS avente ad oggetto "POR Sardegna 2007/2013, FERS, Asse

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

Progettista della comunicazione web

Progettista della comunicazione web UDA Progettista della comunicazione web Responsabile grafico della comunicazione on-line Discipline Grafiche e Laboratorio Grafico CLASSE 3a GRAFICA A.S. 2015/16 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Responsabile

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Il progetto nasce dall idea di sperimentare le potenzialità della Lavagna Interattiva Multimediale nella pratica

Dettagli

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD)

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Sezione 1 di 10 Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Facciamo il punto della nostra situazione nell'ambito

Dettagli

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Sede: Misano di Gera d Adda Ordine di scuola: Scuola Primaria Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Docente responsabile: Simona Pontoglio Destinatari: tutti gli alunni della scuola Docenti

Dettagli

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia!

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia! Spett. le Fondazione De Mari desideriamo ringraziarvi per il finanziamento che abbiamo ricevuto; il Vostro contributo ha dato un importante aiuto alla nostra scuola consentendole di andare avanti e di

Dettagli

Programmazione Laboratorio Informatica

Programmazione Laboratorio Informatica Istituto Comprensivo Maria Montessori Scuola Primaria Fratelli Pagliero San Maurizio Canavese Scuola Primaria di Ceretta Anno scolastico 2015/2016 Insegnante Benzo Margherita Programmazione Laboratorio

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

GUIDA iprof. InsTaLLa usa AGGIOrNA

GUIDA iprof. InsTaLLa usa AGGIOrNA GUIDA iprof InsTaLLa usa AGGIOrNA che cos è iprof Progetto Maria Vittoria Alfieri, Luca De Gregorio Progettazione, sviluppo software e grafica Ocho Durando S.P.A. Supervisione tecnica e coordinamento Luca

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 LA CLASSE OLTRE I CONFINI PER UNA DIDATTICA 3.0 Progetto dell Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 1 Lorenzo Da Ponte NOME DEL PROGETTO: LA CLASSE

Dettagli

GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media

GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media SCHEDA PROGETTO DI RICERCA-AZIONE (SPERIMENTAZIONE IN AULA) NOME E COGNOME DOCENTE: Vitaliano Pastori GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media SCUOLA/ENTE/ORGANIZZAZIONE:

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Le iscrizioni avverranno attraverso il sito www.docentiweb.it a partire da lunedì 1 settembre fino a venerdì 12.

Le iscrizioni avverranno attraverso il sito www.docentiweb.it a partire da lunedì 1 settembre fino a venerdì 12. Polo Formativo ISIS Ponti Gallarate Polo Formativo Isis Ponti Presentazione corsi Settembre 2014 Le opportunità formative, di seguito presentate, sono state organizzate in modo da soddisfare differenti

Dettagli

MEDIANTE LA CORRESPONSIONE PECUNIARIA DEI COSTI

MEDIANTE LA CORRESPONSIONE PECUNIARIA DEI COSTI REGOLAMENTO per l utilizzo delle LIM Premessa 1. Compiti dei Docenti 2. Compiti degli alunni 3. Divieti 4. Compiti del Referente 5. Compiti dei Collaboratori scolastici Premessa L Istituto Comprensivo

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

San Marco: una scuola on-line

San Marco: una scuola on-line San Marco: una scuola on-line Anno scolastico 2002/2003 Ins. Elisabetta LANDI Progetto curricolare di inserimento delle nuove tecnologie nell insegnamento delle varie discipline e di realizzazione del

Dettagli

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto PROGETTO POLO DI MILANO PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA PROGRAMMA DI ITALIANO PER L ANNO SCOLASTICO 2014-15 Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto Responsabile del progetto: Prof.ssa

Dettagli

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622 Over the rainbow : oltre l arcobaleno per scoprire, inventare, rappresentare, ed imparare attraverso la lingua italiana, le scienze, la lingua inglese e le nuove tecnologie Mavi Ferramosca, Scuola Primaria

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL TRIENNIO Il docente di Elettrotecnica ed elettronica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento

Dettagli

Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015

Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015 Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015 Seminario L uso del tablet Descrizione del corso unità di competenza: 4. Servizi al pubblico codice di classificazione OF: 4.1.3. Media literacy qualificazione

Dettagli

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5 VI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA BRUNO CIARI PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA Classi 1, 2, 3, 4, 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIA \ INFORMATICA Classe 1 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Premessa Il presente piano è frutto della rielaborazione di un documento collaborativo condiviso mediante un gruppo pubblico di Animatori

Dettagli

DIDATTICA CON DISPOSITIVI PERSONALI (TABLET BASE CORSO 01)

DIDATTICA CON DISPOSITIVI PERSONALI (TABLET BASE CORSO 01) P.N.S.D. - Corso per Team A.D. - Dispositivi personali 1 DIDATTICA CON DISPOSITIVI PERSONALI (TABLET BASE CORSO 01) M-4 F. Sciarrone Calendario-Contenuti 2 Data Gio 7/4 Mar 12/4 Gio 14/4 Mar 19/4 Contenuti

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Reading and Learning : Our English class - Modulo di esperienza didattica

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

Piano Nazionale Scuola Digitale Liceo A. Moro

Piano Nazionale Scuola Digitale Liceo A. Moro Piano Nazionale Scuola Digitale Liceo A. Moro La nuova scuola digitale Google Apps for education è una suite gratuita di applicazioni per l'email e la collaborazione progettate specificamente per istituti

Dettagli

Partecipa alle attività, anche se raramente assume iniziative personali. Se sollecitato dimostra interesse e curiosità

Partecipa alle attività, anche se raramente assume iniziative personali. Se sollecitato dimostra interesse e curiosità UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe 3ª Scuola primaria Titolo DOVE SIAMO Rappresentare il territorio della scuola con mappe e plastici Senso del percorso formativo L osservazione del territorio

Dettagli

Il digitale al servizio della valorizzazione di competenze ed interessi degli alunni Esperienza di utilizzo di tecnologie inclusive 2.

Il digitale al servizio della valorizzazione di competenze ed interessi degli alunni Esperienza di utilizzo di tecnologie inclusive 2. Il digitale al servizio della valorizzazione di competenze ed interessi degli alunni Esperienza di utilizzo di tecnologie inclusive 2.0 Carlotta Neri Emanuela Tedeschi I.C. Castenaso Situazione di partenza

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE Caro collega, grazie per la tua disponibilità. Compilando questo questionario, che richiederà solo 5 10 minuti, ci aiuterai a calibrare meglio la scelta

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Prima Pipolo Giulia Primaria G. Giusti Sezione A Disciplina Storia Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s. 2015-2015

Dettagli

Digiscuola2.0 Aula virtuale. ondividere e collaborare

Digiscuola2.0 Aula virtuale. ondividere e collaborare Digiscuola2.0 Aula virtuale ondividere e collaborare BYOD - Bring Your Own Device Porta il tuo dispositivo a scuola, porta la tua tecnologia Il BYOD impone di andare oltre le peculiarità dei singoli

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

Didattica in movimento: le classi senza aula. Prof.ssa Marzia Papi Scuola secondaria di primo grado E.Jenco Istituto Comprensivo Darsena

Didattica in movimento: le classi senza aula. Prof.ssa Marzia Papi Scuola secondaria di primo grado E.Jenco Istituto Comprensivo Darsena Didattica in movimento: le classi senza aula Prof.ssa Marzia Papi Scuola secondaria di primo grado E.Jenco Istituto Comprensivo Darsena Innovare è possibile! Didattica in movimento: le classi senza aula

Dettagli

MODULO 2: PRIMI PASSI CON LA LIM 1. TECNICHE DI BASE PER L USO DELLA LIM a. Calibrare la lavagna b. Utilizzare la penna digitale

MODULO 2: PRIMI PASSI CON LA LIM 1. TECNICHE DI BASE PER L USO DELLA LIM a. Calibrare la lavagna b. Utilizzare la penna digitale Corso di Perfezionamento ed aggiornamento professionale in La lavagna interattiva multimediale (LIM) e le nuove tecnologie per l insegnamento II edizione A.A. 2011/2012 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

Corso di giornalismo pomeridiano

Corso di giornalismo pomeridiano Corso di giornalismo pomeridiano TRACCIA 2 Progetto collaborativo finalizzato alla costruzione di un giornalino scolastico in una classe di scuola secondaria di I grado con possibile raccordo con una classe

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA)

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) COMPETENZE EUROPEE INFANZIA CAMPO D ESPERIENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA E CONTENUTI LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) Ha interiorizzato le nozioni

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Relazione finale progetto Click, che racconto!

Relazione finale progetto Click, che racconto! Relazione finale progetto Click, che racconto! Corsista: - Tutor Mauro Cocchi 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 2. Numero di classi coinvolte, di insegnanti,

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

Presentazione lezioni digitali UBi MatH MateMatica Per il tuo futuro

Presentazione lezioni digitali UBi MatH MateMatica Per il tuo futuro Presentazione lezioni digitali UBi MatH MateMatica Per il tuo futuro Le TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) permeano ormai tutti i campi dell attività economica e della vita sociale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

Le attività laboratoriali si attua presso la scuola primaria Mazzucchelli" in un apposita aula attrezzata.

Le attività laboratoriali si attua presso la scuola primaria Mazzucchelli in un apposita aula attrezzata. All interno del Circolo si prevedono diverse modalità di attuazione del miglioramento dell offerta formativa attraverso attività laboratoriali, i progetti e la sperimentazione metodologica. NELL AULA DI

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli