MAIS LODIGIANO TERRA BUONA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MAIS LODIGIANO TERRA BUONA"

Transcript

1 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE MAIS LODIGIANO TERRA BUONA Emissione gennaio 2004 Copia n 01 Assegnata a: Settore agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente:. ( )

2 INDICE 1. Premessa Introduzione Adesione al Marchio Schema di controllo Principali documenti di riferimento Descrizione del processo di produzione Selezione ed acquisto seme di mais Operazioni preliminari alla semina Semina e coltivazione mais Raccolta mais Lavorazione mais Immagazzinamento e conservazione Vendita del MAIS Registrazione delle operazioni di produzione del MAIS Prove e controlli Piano dei controlli e delle prove analitiche Gestione verifiche ispettive Gestione delle non conformità Identificazione e rintracciabilità Modelli Allegati...11 Pagina 2 di 11

3 1. Premessa La produzione agricola Lodigiana svolge una funzione di supporto fondamentale al settore zootecnico e, per tale finalità, è principalmente orientata verso l indirizzo maidicolo. Il mais rappresenta il prodotto principe delle campagne lodigiane anche per la particolare vocazione del territorio che garantisce alte rese unitarie. Sulla base di tale peculiarità, è evidente che i pilastri su cui si regge il settore agricolo lodigiano sono individuabili nella produzione di latte, nella produzione di carne suina e nella produzione del mais sotto forma di granella/pastone (per i suini) oppure trinciato (per i bovini). Nell ambito del progetto del Marchio Lodigiano Terra Buona, la Provincia di Lodi ha ritenuto opportuno iniziare ad operare sulla produzione del MAIS: in particolare ha realizzato il presente disciplinare di produzione con lo scopo di qualificare il MAIS sotto diversi profili (salubrità, sicurezza, rispetto dell ambiente ecc.) ed allo stesso tempo regolamentare il primo anello di un più complesso protocollo di filiera. La Provincia di Lodi ha definito e documentato nel presente Disciplinare le principali procedure colturali da attuare durante il ciclo produttivo del MAIS e i sistemi/documenti necessari ad attestare la tracciabilità e le caratteristiche peculiari. 2. Introduzione Al fine di facilitare il recepimento ed il rispetto del disciplinare, alle aziende aderenti al progetto verrà fornito un servizio di assistenza e di consulenza che coadiuverà le stesse nelle fasi produttive ed organizzerà il controllo analitico delle produzioni ottenute per quanto concerne i principali parametri caratterizzanti la salubrità e la sicurezza del prodotto finale destinato alla alimentazione zootecnica. 2.1 Adesione al Marchio Le prescrizioni del disciplinare si applicano a tutte le fasi di produzione e di lavorazione del mais destinato alla alimentazione zootecnica effettuate presso le aziende agricole aderenti al progetto della Provincia di Lodi. Le aziende agricole che decidono di aderire al Marchio Lodigiano Terra Buona dovranno compilare una richiesta da consegnare alla Provincia di Lodi nel quale si impegnano ad applicare i requisiti definiti nel presente Disciplinare Tecnico durante l intero ciclo di produzione del MAIS (vedi per ulteriori dettagli il Regolamento Generale del Marchio Lodigiano Terra Buona RG-01). A tal proposito le aziende agricole compilano ed inviano alla Provincia di Lodi il modulo di adesione Domanda di adesione MAIS Lodigiano Terra Buona (MD-01). Tale documento viene conservato in copia presso l azienda agricola e presso gli uffici preposti della Provincia di Lodi. 2.2 Schema di controllo Ad avvenuta domanda di adesione al Marchio, l ingresso di una azienda agricola richiedente è subordinato al soddisfacimento dei fattori riportati nei paragrafi successivi del presente Disciplinare, per il cui riscontro è necessaria Pagina 3 di 11

4 una verifica ispettiva eseguita dalla Provincia di Lodi (o suo incaricato) utilizzando una lista di riscontro predefinita. La verifica sarà programmata solo dopo adeguamento dell azienda agricola richiedente alle parti applicabili del presente Disciplinare di Produzione (vedi per ulteriori dettagli il Regolamento del Marchio Lodigiano Terra Buona RG-01). A domanda accettata e a seguito dei controlli di conformità, la Provincia di Lodi attribuisce un codice univoco di identificazione all azienda agricola richiedente: Codice Marchio. Tale codice autorizza l azienda agricola a produrre MAIS da identificare con il Marchio Lodigiano Terra Buona (vedi per ulteriori dettagli il Regolamento del Marchio Lodigiano Terra Buona RG-01). I dati identificativi di ciascuna azienda agricola aderente al progetto sono registrati e mantenuti aggiornati dagli incaricati della Provincia di Lodi in apposito elenco (vedi sito internet ): la validità dell inserimento è subordinata al mantenimento dell azienda agricola delle caratteristiche di idoneità. Per la verifica del mantenimento della qualifica, vengono effettuate visite di sorveglianza sempre utilizzando liste di riscontro predefinite: tali visite sono effettuate dalla Provincia di Lodi (o suo incaricato). Si rimanda al Regolamento del Marchio Lodigiano Terra Buona RG-01 - per ulteriori dettagli relativi: allo schema di controllo per l autorizzazione all uso del Marchio Lodigiano Terra Buona. alla frequenza e alla modalità di esecuzione delle verifiche ispettive e/o controlli svolti dalla Provincia di Lodi (o suo incaricato); alla gestione di non conformità emerse in occasione delle verifiche ispettive e/o controlli svolti dalla Provincia di Lodi; alle modalità d uso del marchio Lodigiano Terra Buona ; ai diritti e doveri dell azienda agricola autorizzato all uso del marchio Lodigiano Terra Buona. 3. Principali documenti di riferimento Regolamento (CE) n. 1525/98 della Commissione del 16 luglio 1998 che modifica il regolamento (CE) n. 194/97 che stabilisce tenori massimi ammissibili per alcuni contaminanti presenti nei prodotti alimentari Legge regionale 37/93 Norme per il trattamento la maturazione e l utilizzo dei reflui zootecnici e sue successive modifiche ed integrazioni. D.G.R. n. 7/3423 del Approvazione del protocollo di accreditamento per la verifica funzionale delle macchine irroratrici di prodotti fitosanitari in agricoltura Pagina 4 di 11

5 4. Descrizione del processo di produzione Le fasi di produzione e lavorazione del mais oggetto del presente documento vengono schematicamente rappresentate nel diagramma di flusso riportato nella Figura 01 ACQUISTO SEMENTE DI MAIS OPERAZIONI PRELIMINARI ALLA SEMINA SEMINA E COLTIVAZIONE. RACCOLTA LAVORAZIONE IMMAGAZZINAMENTO E CONSERVAZIONE Fig. 01- Diagramma di flusso del processo di produzione e lavorazione mais 4.1 Selezione ed acquisto seme di mais Le varietà di seme di mais da utilizzare sono identificate in ibridi costituiti e/o sviluppati utilizzando il miglioramento tradizionale, senza l impiego di tecniche molecolari di modificazione genetica. La produzione dei semi delle varietà utilizzate nella produzione del mais oggetto del presente disciplinare deve essere supportata da una specifica documentazione rilasciata dal produttore di semente in cui si attesta l assenza di Organismi geneticamente modificati. Tale documento deve essere conservato presso l azienda agricola. Al fine di garantire la massima fitoprotezione del seme e della pianta nelle prime fasi vegetative contro insetti e funghi, i semi di mais possono essere sottoposti ad un completo trattamento di concia con opportuni prodotti insetticidi e fungicidi. Trattandosi di semi regolarmente certificati ENSE la loro produzione e commercializzazione avviene in conformità delle Norme Comunitarie vigenti in materia di sementi. E data facoltà ad ogni singolo agricoltore utilizzare ibridi appartenenti alla classe FAO più idonea alle proprie necessità aziendali. Pagina 5 di 11

6 Al fine di garantire la tracciabilità e quindi la possibilità di dimostrare la precisa origine della semente acquistata, l azienda avrà l obbligo di registrare il numero del lotto di appartenenza relativamente a tutta la semente di mais acquistata o, in alternativa, dovrà avere cura di conservare tutti gli involucri del seme utilizzato sui quali detto numero è riportato. 4.2 Operazioni preliminari alla semina Allo scopo di agevolare l approfondimento dell apparato radicale, di garantire un migliore approvvigionamento idrico ed in generale condizioni di sviluppo più idonee alla crescita della coltura in questione si prevede il limite di 30 cm come profondità minima di aratura. Alternativamente, si potrà operare a profondità inferiori solo nel caso in cui venga effettuata preventivamente una ripuntatura profonda. Il doppio livello di lavorazione oltre ai vantaggi già citati per l aratura profonda contribuirà (nei terreni normalmente soggetti al fenomeno per le loro caratteristiche intrinseche di tessitura) ad evitare la formazione della suola di aratura. Particolare attenzione dovrà essere posta anche alle operazioni di preparazione del terreno, nella fattispecie dovranno essere ridotte al minimo, compatibilmente con la tipologia del terreno, le passate con erpici e frese allo scopo di evitare un eccessivo sminuzzamento delle particelle di terreno che ne determinerebbero una destrutturazione e aumenterebbero i rischi di formazione della crosta superficiale con le note conseguenze negative per l emergenza e la crescita delle piantine. La riduzione delle lavorazione avrebbe per conseguenza indiretta anche un utilizzo inferiore di energia corrispondente, oltre che ad un minore esborso monetario, anche ad una riduzione dell impatto ambientale. 4.3 Semina e coltivazione mais Le operazioni di semina e di coltivazione del mais devono essere condotte, nel rispetto dei principi ispiratori di una produzione agricola a ridotto impatto ambientale e che fornisca prodotti salubri e sicuri. Riguardo alla fase di semina si prescrive che l investimento effettivo ovvero la densità di semina dovrà essere tale da non dare origine ad un numero di piante per metro quadrato troppo elevato. Densità troppo elevate, infatti, creano condizioni di sviluppo più difficili per la pianta accentuando i fenomeni di competizione sia per l acqua che per gli elementi nutritivi. Sono, inoltre, responsabili dell instaurazione di un microclima favorevole allo sviluppo di muffe e parassiti fungini molto spesso causa principale del peggioramento qualitativo del prodotto. Si raccomanda di non eccedere la densità consigliate dalle ditte produttrici. Le operazioni di semina devono avvenire entro metà maggio. L Azienda Agricola si deve orientare ad effettuare le operazioni di semina e colturali ispirandosi ai seguenti principi: Effettuare analisi dei terreni; Effettuare un piano di concimazione adeguato alla coltura; Valorizzazione della risorsa reflui zootecnici facendone un impiego occulato in termini di tempi e quantità; Stoccaggio, epoche e modalità di distribuzione dei reflui agronomicamente ottimali; Monitorare malerbe, insetti e malattie per eventuali interventi mirati; Effettuare integrazioni agronomiche al fine di ridurre l entità dei tradizionali interventi fitosanitari: sarchiature, rincalzature, ecc; Costituiscono impegno obbligatorio, per le aziende aderenti, le seguenti prescrizioni afferenti alle pratiche colturali: Pagina 6 di 11

7 Utilizzo di semente non geneticamente modificata; Divieto di impiego di semente in giacenza; Prima delle operazioni di semina, esecuzione di una attenta pulizia della seminatrice; Divieto di mescolamento di varietà diverse di semente; Utilizzo esclusivo di sacchi di semente chiusi. Impiego di prodotti a basso impatto per l ambiente e per gli animali che utilizzeranno il mais come alimento (meno residui), prevedendo all occorrenza l interramento dei prodotti utilizzati; Attuazione del Piano di Utilizzazione Agronomica dei reflui zootecnici eventualmente prodotti (es. LR 37/93); Inoltre: Le operazioni di diserbo e più in generale qualsiasi distribuzione di prodotti fitosanitari dovrà essere effettuata con macchine irroratrici perfettamente efficienti che siano in condizioni di massimizzare l effetto dei principi attivi distribuiti, permettendo la riduzione delle dosi e, al contempo, di scongiurare il rischio di inquinamenti puntuali dovuti a distribuzioni non uniformi. A garanzia delle condizioni di efficienza appena menzionate si prevede l obbligo di utilizzare nella coltivazione del mais oggetto del presente disciplinare solo irroratrici che siano risultate idonee alla verifica funzionale, eseguita secondo i dettami del D.G.R. n. 7/3423 del , da uno dei centri accreditati in Regione Lombardia. Tale controllo funzionale, in caso di esito positivo, avrà validità quinquennale. La documentazione comprovante il risultato di idoneità alla verifica funzionale delle irroratrici deve essere conservata e resa disponibile ai controlli della Provincia di Lodi (o suoi incaricati). Sempre in un ottica di riduzione dell impatto ambientale e dei costi di produzione, viene data rilevanza anche all efficienza della concimazione, imponendo accorgimenti atti a ridurre le perdite di ruscellamento e di volatilizzazione. Si prevede, nella fattispecie, che le concimazioni azotate di copertura debbano essere eseguite con immediato interramento del prodotto distribuito. Tale accorgimento può essere ottenuto in due modi che sono: a) l utilizzo di rincalzatrici dotate di tramoggia per il concime; b) interramento del fertilizzante azotato entro 24 ore dalla distribuzione. E vietato l uso di fanghi di origine urbana o industriale. Il responsabile della Azienda agricola si deve impegnare a registrare su apposita documentazione (es. Quaderno di campagna o documento analogo) ogni operazione colturale eseguita, inclusa l identificazione (N lotto) della semente utilizzata o quanto meno mantenere l evidenza dell identificazione del lotto di semente impiegata. Inoltre devono essere registrati anche gli estremi identificativi dei prodotti utilizzati per la concimazione e il diserbo durante il ciclo colturale. Tale documento deve essere mantenuto aggiornato e reso disponibile per i controlli della Provincia di Lodi (o suoi incaricati). In alternativa all immediata registrazione dei dati colturali negli appositi documenti,da parte dell azienda stessa, si considera adeguata qualsiasi modalità che renda riscontrabili le informazioni/prove di quanto effettuato. Pagina 7 di 11

8 4.4 Raccolta mais A salvaguardia della qualità del prodotto e per ovviare a qualsiasi rischio di contaminazione sarà cura dell azienda verificare la completa pulizia della mietitrebbiatrice prima dell inizio della raccolta. Il risultato, riscontrabile con una esplorazione visiva, potrà essere ottenuto anche imponendo il funzionamento a vuoto del dispositivo di scarico della macchina per circa due minuti. I risultati di tale ispezione devono essere registrati nella documentazione interna. Per gli stessi motivi ma anche in prospettiva di un consumo energetico contenuto, dovrà essere rispettato il limite del 26% di umidità alla raccolta per la granella destinata all essiccazione. Livelli superiori di umidità oltre ai costi di essiccazione farebbero aumentare anche i rischi di rottura e lesione delle cariossidi durante le operazioni di raccolta con conseguente maggior vulnerabilità nei confronti degli attacchi parassitari. 4.5 Lavorazione mais In funzione del tipo di alimento finale che si desidera ottenere, il mais utilizzato per l alimentazione suina una volta raccolto segue principalmente due diverse strade: 1) la macinazione per ottenere pastone di granella destinato all insilamento; 2) l essiccazione per ottenere granella secca destinata allo stoccaggio in magazzino. La tempestività con la quale, una volta raccolto il prodotto, vengono effettuate le operazioni fino allo stoccaggio definitivo risulta in entrambi i casi di vitale importanza per la salvaguardia della salubrità del prodotto riducendo al minimo le possibilità di sviluppo dei microrganismi contaminanti in genere. Precisi limiti di tempo sono stati, pertanto, stabiliti per entrambi i processi di lavorazione: 1) Tempo di sosta in cumulo prima dell essiccazione: max 36 ore; 2) Tempo di sosta in cumulo prima della macinazione: max 12 ore; Al fine di garantire un idoneo livello di igiene e di qualità del prodotto si impone, qualora se ne rilevasse la necessità, durante il processo di essiccazione, l utilizzo di un pulitore o sistema analogo. L opportunità del passaggio attraverso il pulitore sarà subordinato ad una valutazione visiva, il prodotto essiccato non dovrà, in ogni caso, contenere una percentuale di impurità superiore all 1% in peso. Obiettivo principale di tali attività garantirebbe l allontanamento di materiali estranei dalla granella di mais che rappresenterebbero, già in virtù della loro presenza, una riduzione del livello qualitativo del prodotto con l aggravante di essere spesso substrato più favorevole della granella secca per lo sviluppo dei parassiti. 4.6 Immagazzinamento e conservazione Il mais, una volta terminate tutte le operazioni di lavorazione deve essere destinato alle zone/strutture di stoccaggio: magazzini o sili. In presenza di più sili/magazzini sarebbe auspicabile che si provvedesse ad adottare modalità di identificazione degli stessi. Non sarà possibile stoccare il prodotto in magazzini o sili orizzontali ove fosse presente prodotto residuo dell annata precedente. Sarà altresì obbligatoria una ispezione delle strutture di stoccaggio ed ove se ne rilevasse la necessità si dovrà procedere a pulizia delle stesse con mezzi meccanici o addirittura a disinfezione con prodotti chimici. L esecuzione di interventi di pulizia delle strutture di stoccaggio e gli estremi identificativi di Pagina 8 di 11

9 eventuali disinfettanti utilizzati devono essere registrati sulla apposita documentazione interna. Limitatamente alle trincee per il pastone, sarà obbligatorio procedere a chiusura ermetica entro 12 ore dal loro completo riempimento. 4.7 Vendita del MAIS Il responsabile dell Azienda agricola, ove intenda procedere alla vendita del MAIS prodotto, dopo aver verificato la sua conformità ai requisiti riportati nel presente Disciplinare, deve compilare il modello MD-04 che allega in copia alla documentazione fiscale da consegnare al cliente. L azienda è autorizzata a vendere le quantità dichiarate nel modello MD-02: sarà tollerato uno scostamento del 4% rispetto i quantitativi dichiarati. All atto della vendita l azienda deve aver disponibili certificati di analisi, previsti nell Allegato nr. 1, con una data di esecuzione non superiore ai tre mesi. Il modello suddetto è rilasciato dalla Provincia di Lodi. 4.8 Registrazione delle operazioni di produzione del MAIS Il responsabile dell Azienda agricola si deve impegnare a registrare su apposita documentazione (es. il Registro produzione MAIS Lodigiano Terra Buona (MD-02), Quaderno di campagna o documento analogo) quanto richiesto dal presente Disciplinare di Produzione. Tale documento deve essere mantenuto aggiornato e reso disponibile alla visione della Provincia di Lodi (o suoi incaricati). In alternativa all immediata registrazione dei dati negli appositi documenti, da parte dell azienda stessa, si considera adeguata qualsiasi modalità che renda riscontrabili le informazioni/prove di quanto effettuato. 5. Prove e controlli 5.1 Piano dei controlli e delle prove analitiche La garanzia di qualità per il mais oggetto del presente documento si basa sul controllo dell intero ciclo di coltivazione, assumendo pertanto un significato di qualità totale. A tal fine l Azienda Agricola deve effettuare dei controlli e delle prove analitiche che conducano, sulla base di criteri oggettivi e verificabili, alla valutazione della conformità del prodotto ai requisiti di sicurezza e salubrità. Nell allegato 01 viene riportato il Piano dei controlli e delle prove analitiche che l azienda agricola deve svolgere. 5.2 Gestione verifiche ispettive Le Verifiche Ispettive che la Provincia di Lodi intende effettuare presso le aziende agricole aderenti al progetto Mais territorio Lodigiano hanno lo scopo di garantire che: i requisiti definiti nel presente disciplinare siano rispettati; le non conformità se presenti, siano evidenziate; le possibilità di miglioramento, se esistenti, siano individuate ed analizzate; le azioni correttive attuate siano efficaci. Durante il ciclo di coltivazione del mais è prevista la conduzione di almeno una verifica ispettiva presso le aziende agricole coinvolte. Le verifiche ispettive sono condotte da personale incaricato dalla Provincia di Lodi che deve Pagina 9 di 11

10 risultare indipendente dalle attività sottoposte a verifica. La conduzione delle verifiche ispettive prevede l utilizzo di una apposita check list. I risultati delle verifiche ispettive sono registrati nell apposito spazio presente sulla check list utilizzata. 5.3 Gestione delle non conformità Qualora, durante il processo produttivo o a seguito delle prove analitiche, si rilevassero delle problematiche (Non Conformità NC-) è cura dell azienda agricola, dopo averlo opportunamente segregato e identificato, laddove possibile e conveniente, attivare la gestione documentale della NC. La NC deve essere documentata sulla scheda Rapporto non conformità (MD-03)) la cui impostazione grafica garantisce la corretta gestione della stessa e che prevede: descrizione della NC; Analisi delle possibile causa della NC; Definizione delle azioni da intraprendere per correggere la NC; Definizione delle Responsabilità e delle tempistiche di attuazione della correzione della NC; Attuazione della correzione della NC; Verifica dell attuazione della correzione della NC;. Oltre alle non conformità di prodotto, nell ambito delle verifiche ispettive condotte in autocontrollo da parte degli incaricati della Provincia di Lodi possono essere rilevate delle NC relative alle prescrizioni operative definite nel presente disciplinare. L Ispettore incaricato della verifica, in caso di rilevazione di una NC provvede a registrarla nell apposito spazio presente nella check list utilizzata e a richiedere all agricoltore coinvolto di attuare opportune azioni correttive. L efficacia dell azione correttiva attuata dall agricoltore viene in seguito verificata dall ispettore incaricato in occasione di successive verifiche presso l azienda agricola. 6. Identificazione e rintracciabilità Al fine di garantire la rintracciabilità delle informazioni relative alle attività svolte a monte del processo produttivo, semina, coltivazione, raccolta, lavorazione, stoccaggio ed utilizzo l Azienda Agricola deve adottare delle modalità di tracciabilità (identificazione e registrazione) per le attività svolte durante l intero ciclo di produzione. Nella tabella sottostante sono riepilogati gli elementi di tracciabilità (identificazione e registrazione) da adottare in ogni fase del ciclo produttivo, dall acquisto della semente fino all utilizzo come alimento zootecnico del mais FASE ELEMENTI TRACCIABILITÀ PROCEDURA DI TRACCIABILITÀ DOCUMENTI/ REGISTRAZIONI ACQUISTO SEMENTE MAIS numero di lotto Tipo di semente Ditta fornitrice Data di fornitura L azienda agricola si accerta che il seme acquistato sia identificato dal numero di lotto. All atto dell acquisto richiede inoltre alla ditta fornitrice, per i lotti acquistati, una dichiarazione di NO OGM. Documento di trasporto semente di mais Dichiarazione NO OGM del produttore di semente involucri della semente. 0PERAZIONI PRELIMINARI ALLA SEMINA data dell operazione tipo di operazione L azienda agricola registra sull apposita documentazione tutte le operazioni riepilogando il tipo e la data di esecuzione. Quaderno di campagna o documento analogo MD-02 Pagina 10 di 11

11 FASE ELEMENTI TRACCIABILITÀ PROCEDURA DI TRACCIABILITÀ DOCUMENTI/ REGISTRAZIONI SEMINA E COLTIVAZIONE data dell operazione tipo di operazione L azienda agricola registra sull apposita documentazione tutte le operazioni riepilogando il tipo e la data di esecuzione. Quaderno di campagna o documento analogo Documento di acquisto/trasporto prodotti per il diserbo/concimazione Certificato verifica funzionale delle irroratrici MD-02 RACCOLTA MAIS data dell operazione tipo di operazione L azienda agricola registra sull apposita documentazione tutte le operazioni riepilogando il tipo e la data di esecuzione. Quaderno di campagna o documento analogo MD-02 L azienda agricola registra sull apposita LAVORAZIONE data dell operazione tipo di operazione documentazione tutte le operazioni riepilogando il tipo e la data di esecuzione. Procede inoltre alla esecuzione delle analisi previste dall Allegato n. 1. Quaderno di campagna o documento analogo MD-02 STOCCAGGIO E CONSERVAZIONE data dell operazione tipo di operazione L azienda agricola registra sull apposita documentazione tutte le operazioni riepilogando il tipo e la data di esecuzione. Procede inoltre alla esecuzione delle analisi previste dall Allegato n. 1. Quaderno di campagna o documento analogo MD-02 Certificati analisi prodotto All atto della vendita del MAIS l Azienda VENDITA DEL MAIS data di vendita n. certificato Agricola compila il Modello MD-04 e lo allega alla documentazione fiscale da consegnare al cliente. MD Modelli Al presente Disciplinare sono collegati i seguenti Modelli: MD-01 Domanda di adesione MAIS Lodigiano Terra Buona MD-02 Registro produzione MAIS Lodigiano Terra Buona MD-03 Rapporto di non conformità MD-04 Certificato di Qualità I documenti sopra elencati (tranne il MD-04) sono modelli suggeriti e non obbligatori: a tal proposito ogni azienda agricola può utilizzare altri modelli con l obbligo di verificare che il loro contenuto sia conforme a quanto previsto nei modelli suggeriti. I documenti suddetti devono essere conservati almeno per cinque anni. 8. Allegati Al presente Disciplinare sono allegati i seguenti documenti: ALL. 01 Piano dei controlli e delle prove analitiche Pagina 11 di 11

12 Provincia di Lodi PIANO DEI CONTROLLI E DELLE PROVE ANALITICHE Allegato 01 DT-MAIS Em. 01 del Fase processo PRE-RACCOLTA Punto critico di filiera Umidità superiori ai limiti Tipo di controllo Controllo umidità granella Matrice campionamento Campione (Pannocchia) costituito da vari sottocampioni prelevati in diversi punti dell appezzamento Frequenza Singola (prima della raccolta mais) Riferimenti accettabilità < 26% Trattamento Non Conformità Ulteriore permanenza del prodotto sull appezzamento Responsab. (ed esecutore) Agricoltore Registr azione Dichiarazio ne Agricoltore Luogo archiviazi one Azienda agricola INSILAMENTO PASTONE POST ESSICCAZIONE GRANELLA IN CUMULO POST - ESSICCAZIONE Presenza di micotossine superiori ai limiti Presenza di micotossine superiori ai limiti Impurità superiori ai limiti Ricerca micotossine tramite metodo quantitativo Aflatossine Fumonisina DON Zearalenone Ricerca micotossine tramite metodo quantitativo Aflatossine Fumonisina DON Zearalenone Determinazione della percentuale media di impurità della granella essiccata Uno ogni appezzamento pastone di granella insilato-trinciato Il campione complessivo costituito da vari sottocampioni Il campione complessivo costituito da vari sottocampioni Campionamento dopo essiccazione con sottoprelievi effettuati ad ogni calata dall essiccatoio Prelievo di un numero di campioni rappresentativo e successiva vagliatura e pesatura delle impurità Analisi al momento dell apertura dei punti di stoccaggio Analisi al momento dell essicazione ed entro tre mesi dalla data di vendita Una volta durante la giacenza nelle strutture di stoccaggio Aflatossine 20 ppb Zearalenone 500 ppb Fumonisina 10 ppm Don 1000 ppb Aflatossine 20 ppb Zearalenone 500 ppb Fumonisina 10 ppm Don 1000 ppb Impurità < 1 % in peso Riduzione della contaminazione nei limiti fissati e ulteriore controllo analitico in HPLC Riduzione della contaminazione nei limiti fissati e ulteriore controllo analitico in HPLC Ulteriore vagliatura del prodotto Agricoltore/ Laboratorio esterno Agricoltore/ Laboratorio esterno Agricoltore Certificati analisi Certificati analisi Dichiarazio ne agricoltore Azienda agricola Azienda agricola Azienda agricola

SCHEDA PRODUZIONE RISONE A MARCHIO LODIGIANO TERRA BUONA DP-RISO-MD-02 EM. 1 DEL 16.06.2006

SCHEDA PRODUZIONE RISONE A MARCHIO LODIGIANO TERRA BUONA DP-RISO-MD-02 EM. 1 DEL 16.06.2006 SCHEDA PRODUZIONE RISONE A MARCHIO LODIGIANO TERRA BUONA DP-RISO- EM. 1 DEL 16.06.2006 Azienda Agricola: Comune Via CUAA Annata agraria Il responsabile dell Azienda agricola si deve impegnare a registrare

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Passata di Pomodoro Emissione 02 14/09/2007 Copia n 01 Assegnata a: Settore agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente. ( ) INDICE 1. Premessa...3 2. Introduzione...3

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia e

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione..

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione.. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6 DESTINATARI emissione. Redazione.. Approvazione Distribuzione. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 2 di 6 1. SCOPO E APPLICAZIONE La presente Procedura è riferita alle

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert,

Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert, Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert, "per l'ottenimento di prodotti agricoli vegetali ed

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Gelato artigianale. Emissione 01 31/03/2011

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Gelato artigianale. Emissione 01 31/03/2011 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Gelato artigianale Emissione 01 31/03/2011 Copia n 01 Assegnata a: Dipartimento agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente. INDICE 1. Premessa... 3 2. Introduzione...

Dettagli

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI MASTER 205 1 REQUISITI DELL AZIENDA PREREQUISITI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO AUTORIZZAZIONE SANITARIA DISPONIBILITÀ DI ACQUA POTABILE (VERIFICARE

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PRODUZIONI ORTICOLE DA PRODUZIONE BIOLOGICA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia

Dettagli

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Olio Extravergine di Oliva Terra di San Marino è riservata al prodotto che rispetta le condizioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

Progetto Regionale FAS Fitosanitari - Ambiente - Salute

Progetto Regionale FAS Fitosanitari - Ambiente - Salute giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A Dgr n. del pag. 1/7 Progetto Regionale FAS Fitosanitari - Ambiente - Salute Piano Regionale di controllo ufficiale sul commercio e sull impiego dei prodotti

Dettagli

REGIONE LAZIO. BANDO PUBBLICO MISURA 10 Pagamenti Agro-climatico-ambientali

REGIONE LAZIO. BANDO PUBBLICO MISURA 10 Pagamenti Agro-climatico-ambientali REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA (In attuazione del Regolamento (UE) N. 1305/2013) BANDO PUBBLICO

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE

BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE degli adempimenti dei soggetti della filiera (Produttori, Confezionatori) ADEMPIMENTI PRODUTTORE 1. Assoggettarsi al sistema

Dettagli

REGISTRO PRODUZIONE MAIS LODIGIANO TERRA BUONA DP-MAIS-MD-02 REV. 1 DEL

REGISTRO PRODUZIONE MAIS LODIGIANO TERRA BUONA DP-MAIS-MD-02 REV. 1 DEL REGISTRO PRODUZIONE MAIS LODIGIANO TERRA BUONA DP-MAIS- REV. 1 DEL 30.01.2004 Azienda Agricola: Comune Via CUAA Il responsabile dell Azienda agricola si deve impegnare a registrare su apposita documentazione

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Università degli Studi di Torino DISAFA Molino Peila SpA Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Collegno 24 aprile 2015 Dr.

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore.

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore. Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Piccoli frutti Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 7868 del 18.06.2015

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.2 Miglioramento della gestione

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

REGISTRO AZIENDALE DELLE OPERAZIONI COLTURALI

REGISTRO AZIENDALE DELLE OPERAZIONI COLTURALI Allegato 1 del Decreto n. 1204/DecA/40 del 28.06.2011 MISURA 214 AZIONE 6 - PRODUZIONE INTEGRATA REGISTRO AZIENDALE DELLE OPERAZIONI COLTURALI Registro n. Scheda A n. DATI ANAGRAFICI RELATIVI ALL AZIENDA

Dettagli

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 PIANO HACCP FARMACIE LISTA DI CONTROLLO Commento: DATI IDENTIFICATIVI : DENOMINAZIONE RAGIONE SOCIALE Legale Rappresentante Sede Generalità E presente l intestazione? SI/_/ (nella pagina di copertina deve

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

I registri dell agricoltore. Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola

I registri dell agricoltore. Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola I registri dell agricoltore Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola Agricoltura Responsabile TM Promuoviamo la sostenibilità in agricoltura 2 Decalogo dell uso sostenibile 3 I registri

Dettagli

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi - Procedura del Sistema di Gestione della Qualità PGE 02 Rev. 01 del 23.03.2012 Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI ELENCO REVISIONI

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Struttura di supporto giuridico e contabile Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano Zootecnico Regionale Misura 4

Dettagli

Concetto di ispezione e certificazione Versione 5

Concetto di ispezione e certificazione Versione 5 Concetto di ispezione e certificazione Versione 5 Frutta, verdura e patate Sommario 1 Livello ispettivo e di certificazione 2 2 Criteri da adempiere 2 2.1 Criteri obbligatori (punti critici)... 2 2.2 Criteri

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE AZIENDA Sede legale: Comune Via e n Telefono fax e-mail 1^ Sede operativa: cod. stalla 2^ Sede operativa: cod. stalla Comune

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE AGGIORNAMENTO 2005 3A - PARCO TECNOLOGICO AGROALIMENTARE DELL UMBRIA PREMESSA Il metodo di produzione su cui si basa l agricoltura integrata prevede l utilizzo

Dettagli

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Orzinuovi, 17 Luglio 2014 STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Di Agr. Ph D. Mattia Trevini 1-LAVORAZIONI LAVORAZIONI CONVENZIONALI Obbiettivi principali: Favorire lo sviluppo della coltura

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais Revisione Marzo 2013 Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais In Emilia-Romagna le micotossine più diffuse nel mais sono fumonisine (FB) e aflatossine (AF), mentre

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELL ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITÀ E REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE E REPRESSIONE FRODI PROGRAMMA DI CONTROLLO SULLA

Dettagli

Campionamento e analisi delle micotossine

Campionamento e analisi delle micotossine Campionamento e analisi delle micotossine Emma Tealdo, Veneto Agricoltura 5.1 Introduzione Un corretto campionamento è il presupposto essenziale per un metodo analitico affidabile, tenendo presente che

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM

IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM MARCHIO/AZIENDA ATTIVITÀ STABILIMENTI INTERPAN S.p.A. SPIGA Produzione pane fresco Produzione pizze fresche e

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola La sfida nel reparto ortofrutta Nel momento dell acquisto di ortofrutta, la scelta dei prodotti da parte del consumatore è fondamentale per creare fidelizzazione

Dettagli

PRODUZIONE BIOLOGICA Regolamento (CE) n. 834/2007

PRODUZIONE BIOLOGICA Regolamento (CE) n. 834/2007 Allegato A al decreto n. 2 del 13.01.2015 AVEPA - Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura PRODUZIONE BIOLOGICA Regolamento (CE) n. 834/2007 MANUALE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEL RICONOSCIMENTO

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 In attesa che la Commissione Europea approvi il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

VERIFICA ATTIVITA DI TRASFORMAZIONE E / O CONDIZIONAMENTO PRODOTTI OTTENUTI AI SENSI DEGLI STANDARDS DEMETER DI TRASFORMAZIONE

VERIFICA ATTIVITA DI TRASFORMAZIONE E / O CONDIZIONAMENTO PRODOTTI OTTENUTI AI SENSI DEGLI STANDARDS DEMETER DI TRASFORMAZIONE MODULO AGGIORNATO FEBBRAIO 2015 DEMETER ASSOCIAZIONE PER LA TUTELA DELLA QUALITA BIODINAMICA IN ITALIA Strada Naviglia 11/A-43100 Parma Tel. 0521 776962 Fax 0521 776973 e-mail: info@demeter.it- www.demeter.it

Dettagli

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi. La direttiva assegna agli Stati Membri il compito di garantire

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE SANITA' PUBBLICA VETERINARIA. Dirigente Responsabile: Andrea Leto

Dettagli

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza.

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza. INTRODUZIONE > Molti degli usi dell acqua non sono struttivi della stessa ma soltanto moficativi delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche e, pertanto, a valle tali usi si producono

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA BIOS

IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA BIOS IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA BIOS Il sistema di controllo Bios si compone essenzialmente di 4 fasi: 1. FASE ISTRUTTORIA 2. FASE ISPETTIVA 3. FASE CERTIFICATIVA 4. FASE DI RILASCIO DOCUMENTAZIONE La fase

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais a cura del SATA Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA - Settore Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti Ottobre 2014 Come annunciato nello

Dettagli

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for:

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: by: D. Capra S. Bianchini, M. Bonadonna CSI All in DNV GL Business Assurance

Dettagli

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g Allegato 1 Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g 1 Indicazioni generali Negli impianti e nelle attività di torrefazione di caffè, fave di cacao, mandorle,

Dettagli

Contaminazione delle varie Filiere Produttive in seguito all impiego di ingredienti di largo utilizzo (SUDANSUDAN I nel peperoncino)

Contaminazione delle varie Filiere Produttive in seguito all impiego di ingredienti di largo utilizzo (SUDANSUDAN I nel peperoncino) Contaminazione delle varie Filiere Produttive in seguito all impiego di ingredienti di largo utilizzo (SUDANSUDAN I nel peperoncino) Maria Grazia Molinaro Sudan I Colorante utilizzato nelle industrie che

Dettagli

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9 UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO 1 di 9 Sommario 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 3. FASI IN CUI PUÒ ESSERE PRESENTATA

Dettagli

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti NORMA TECNICA ENR 10002 MAGGIO 2008 Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti R. Zizzo e A. Ferraro Ente Nazionale di Ricerca per la certificazione e la standardizzazione ENR - Riproduzione vietata.

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli