APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD"

Transcript

1 Circolo Fotografico Borgosesia Via Angelo Ottone n 42/ Borgosesia (VC) presenta APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD PER UNA MIGLIORE VISUALIZZAZIONE IN FOTORITOCCO ED ELABORAZIONE - cenni su spazi colore e calibrazione - di Maurizio Merlo - 1 -

2 Le impostazioni di fabbrica del monitor non sempre sono ottimali. Sono un compromesso, ogni monitor richiede un affinamento. Alcune considerazioni di base A volte si regola il display ad occhio, senza un riscontro oggettivo. Una serie di immagini dedicate è un aiuto importante per una regolazione percettiva della luminosità e del contrasto. Si utilizza la risoluzione nativa del display? Solo la risoluzione nativa dell lcd garantisce la corretta definizione delle immagini e il mantenimento del rapporto larghezza/altezza originale. Con il tempo la retroilluminazione degrada in modo non uniforme. L invecchiamento delle lampade di retroilluminazione causa un degrado del colore originale: compaiono dominanti di colore e diminuisce la luminosità. Ogni monitor è differente da qualunque altro, anche se dello stesso modello. Le regolazioni devono essere sempre specifiche per il singolo display e proporzionate all ambiente che lo circonda

3 Premesse necessarie Impostazioni predefinite per i drivers della scheda video. Quasi sempre i drivers delle schede video consentono regolazioni simili a quelle presenti sul monitor. A volte sono anche più efficaci, ma restano comunque dipendenti dal sistema operativo. Per non creare confusione o sovrapposizioni di regolazioni, si darà per scontato che siano lasciati impostati con i loro valori predefiniti. I display dei notebook. Per i loro requisiti di spessore, consumi e costi, i pannelli lcd utilizzati sui notebook hanno sovente un forte compromesso con la qualità visiva. Una regolazione ottimale non è sempre fattibile. Approfondimenti. Gli argomenti trattati sono esposti in modo essenziale, per essere recepiti anche da chi non ha nozioni tecniche: questo comporta inevitabili approssimazioni utili a trasferire concetti complessi nel modo più semplice possibile. Si consiglia a ciascuno l esperienza di sperimentare e di adattare questi appunti alla propria personale realtà

4 Vantaggi di una buona regolazione Si sfrutta al meglio l intera gamma di sfumature e di colori visualizzabili, senza perdere le graduazioni più chiare o più scure. Nel caso specifico della fotografia, un monitor ben regolato consente di evitare modifiche inopportune o eccessive in fase di ritocco o di elaborazione dei files raw. Un problema di regolazione del monitor implica che le foto elaborate siano visualizzate correttamente solo sul quel monitor: i tipici esempi sono la correzione della luminosità e della temperatura colore. Per quanto ogni display sia differente dagli altri, un buon bilanciamento delle regolazioni offre le maggiori possibilità che le immagini elaborate siano visualizzate in modo accettabile anche su di altri monitor, indipendentemente dalla loro regolazione. In ogni caso, infatti, si riduce l errore almeno da una delle due parti

5 Luminosità Contrasto Regolazione percettiva e approfondimenti La regolazione percettiva è un esecuzione ad occhio, agendo sui controlli del monitor: quindi molto soggettiva. Per questo ci si aiuta con immagini di test specifiche che consentono di ottenere un accettabile regolazione di massima. Gamma e gamma colore Nonostante i nomi simili, i controlli agiscono diversamente tra monitor CRT e LCD: ormai tutti hanno un LCD ma spesso per abitudine si ragiona ancora come se si stesse regolando un CRT. Temperatura colore (punto di bianco) Saturazione L analisi della saturazione, attraverso una panoramica sul diagramma di cromaticità CIE, permette di esporre i concetti di base per comprendere la resa del colore nei display LCD e la logica alla base degli spazi colore

6 Luminosità Nei pannelli LCD il comando Luminosità regola semplicemente l intensità della fonte di luce della retroilluminazione (lampade ccfl o led). Si imposta così la luminosità del punto di bianco e del punto di nero. I due valori variano in modo coerente perchè dipendono entrambi dalla luce che proviene dal retro dei cristalli liquidi, che non risultano mai completamente opachi nemmeno nel caso del nero puro. Spesso la luminosità predefinita è piuttosto alta, per poter compensare in futuro l invecchiamento delle lampade di retroilluminazione. In questo caso deve essere ridotta. Un riduzione eccessiva della luminosità comporta però perdita di informazione, quindi è necessario trovare un valore che soddisfi la visibilità e che contemporaneamente non affatichi gli occhi. In genere per i monitor è accettabile (e consigliato dallo standard srgb) un valore da 120 a 140 cd/m 2, misurabile però solo con una sonda

7 Il contrasto è la progressione, lineare o curva, con la quale i cristalli liquidi passano dalla massima opacità alla massima trasparenza alla luce della retroilluminazione. Il punto di grigio medio resta invariato. Da non confondere con il contrasto del pannello LCD (es. 500:1), che è una caratteristica costruttiva del monitor e indica il rapporto fra le intensità di luce massima e minima che può essere emessa all osservatore. Un contrasto corretto permette, a fronte della luminosità desiderata, che possano essere visualizzate tutte le tonalità dei tre colori primari RGB. Con l aiuto delle schermate campione è necessario agire sui controlli di luminosità e contrasto, cercando il miglior compromesso tra luminosità desiderata, profondità del nero e completezza delle sfumature. Per iniziare, si può riportare il display alle impostazioni di fabbrica e iniziare la regolazione da quella situazione. Il contrasto in genere necessita di una regolazione minore o a volte nulla. Contrasto - 7 -

8 Luminosità e Contrasto La prima schermata è fondamentale: racchiude tutti gli elementi necessari alla regolazione di base. Agire sui controlli OSD con l obiettivo di riuscire ad apprezzare contemporaneamente sia le ombre più vicine al nero (valori 4 e 8) che le luci più vicine al bianco (251 e 253). La scala dei tasselli deve apparire uniforme, cioè si deve avere la percezione che l incremento di luminosità tra un tassello e il successivo sia il più possibile costante, uniforme. I cerchi aiutano questa valutazione: visivamente la differenza fra il cerchio al centro e quello medio dovrebbe essere paragonabile a quella fra il cerchio medio e quello esterno. Se questo non avviene, o se due di essi sono indistinguibili, le regolazioni sono da rivalutare

9

10 Luminosità e Contrasto Il gradiente permette una regolazione fine ed evidenzia eventuali problemi di banding, ovvero la mancanza di un numero sufficiente di sfumature su tutto il gradiente o solo in alcuni tratti. Le possibili cause sono impostazioni errate sui drivers della scheda video (es. il numero di colori), oppure un display che per le sue caratteristiche non offre molte sfumature (pannelli a 6 bit). Un leggero banding è comunque accettabile: visto che i 256 livelli di grigio devono essere sfumati su alte risoluzioni il driver video è obbligato ad introdurre delle retinature. Esempio (volutamente accentuato) di banding

11 Luminosità e Contrasto Esempi di regolazioni errate del contrasto: le bande colorate evidenziano come si manifestano progressivamente le zone bruciate. Contrasto debole Contrasto alto Contrasto eccessivo Contrasto al limite, dominante sulle alte luci Se insorge una dominante sulle alte luci, significa che i colori primari non raggiungono la massima luminosità contemporaneamente. E necessario abbassare il contrasto, fino a risolvere la dominante, oppure agendo leggermente sui controlli RGB del monitor (ma si rischiano altri sbilanciamenti importanti)

12

13

14

15

16 La luminosità emessa dal monitor non è proporzionale al valore digitale inviato dal computer: serve una compensazione per ripristinare questa corrispondenza. Il gamma è un valore matematico che determina l entità di questa compensazione. Gamma Un gamma di 2,2 è lo standard di fatto ormai per tutti i display e per i più diffusi profili colore (esclusi quelli in quadricromia per la stampa). E diventato anche lo standard costruttivo per monitor e display lcd: così per tutti i prodotti sul mercato il punto di grigio medio appare centrato rispetto al bianco e al nero, e le sfumature verso gli estremi sono lineari e simmetriche. grigio medio grigio medio Gamma corretta (2,2) Gamma errata (intenzionalmente accentuata)

17 Gamma Il concetto di gamma si applica anche alle sfumature di colore, non solo al gradiente bianco/nero. Si può solo verificare il gamma del proprio display come conferma alla validità delle regolazioni; correggerlo diventa problematico perchè è una correzione non lineare, raramente gestita dai controlli OSD del monitor. Alcuni software propongono una regolazione percettiva e prevedono sempre la creazione di un profilo personalizzato per il proprio monitor. Questi programmi però per la loro imprecisione sono sconsigliati. Osservare l immagine di test da una sufficiente distanza e alla risoluzione nativa del monitor (senza riscalatura o adattamenti). I due tipi di bande verticali devono apparire quasi indistinguibili in corrispondenza del valore 2,2. Sono accettabili scostamenti massimi di ±0,3 tra un colore e l altro

18

19 Gamma colore La verifica del gamma colore permette di valutare la coerenza di luminosità e tonalità dei vari colori emessi dal display. Si basa sulla proprietà visiva dell occhio che percepisce come un grigio neutro, acromatico, l accostamento di due colori complementari secondo la sintesi additiva e opportunamente bilanciati (infatti il monitor segue la sintesi additiva). Queste coppie sono alternate in modo fitto in spazi contornati dal corrispondente grigio neutro. Osservate da una distanza sufficiente, devono fondersi con lo sfondo senza mostare dominanti. Il test è utile anche per valutare l angolo di visione dell LCD dato che è percettibile ogni minima variazione. Se viene mostrata una dominante significativa in una o più zone, significa che la luminosità di un colore prevale su quella del suo complementare: è consigliabile bilanciare luminosità e colori con un colorimetro

20

21 Temperatura colore Il settaggio della temperatura colore in un LCD qualifica l apparenza del bianco: se freddo appare tendente all azzurro; se caldo tende al giallo-arancio. Conseguentemente, tutti colori assumono questa tendenza e conferiscono la tonalità dell immagine visualizzata dal display. 1800K 4000K 5500K 8000K 12000K 16000K 6500K L unità di misura è il grado Kelvin. Nei controlli OSD dei monitor c è quasi sempre la possibilità di variare la temperatura colore. In genere vengono presentate quattro opzioni: Caldo (5000K), Normale (6500K), Freddo (9300K), Personalizzato (R,G,B) Il valore predefinito è 6500K, che è lo standard costruttivo per la maggioranza dei monitor e display LCD, nonchè il punto di bianco dello standard srgb. Per l utente comune è praticamente la scelta obbligata. Caldo e Freddo sono da utilizzare solo in particolari casi di luce ambiente alterata o in contesti di prestampa

22 Una temperatura colore personalizzata, ottenuta agendo sui controlli RGB, è necessaria essenzialmente per due esigenze specifiche: Correggere visivamente alcune dominanti del colore (metodo impreciso) Ottenere un punto di bianco molto preciso, dato che ogni monitor ha una tolleranza che può essere anche notevole (±500K). In questo caso è indispensabile un riscontro strumentale con un colorimetro. I controlli RGB regolano la luminosità dei singoli colori (invece nei CRT ne regolano la saturazione). E importante intervenire il meno possibile su questi controlli perchè ne consegue sempre una diminuzione delle sfumature visualizzabili. Quindi regolazioni minime e solo se indispensabili. Solo se il monitor ha un corretto punto di bianco è pensabile una regolazione visiva della temperatura colore di un immagine, per esempio in Camera Raw o Lightroom, perchè infatti ci si basa sull immagine a monitor. Non esiste un immagine di test che permetta di valutare il punto di bianco. Temperatura colore

23 E la ricchezza nativa dei colori RGB emessi dal pannello LCD; influenza l aspetto di tutti gli altri colori, che seguono la qualità dei primari. All opposto dei monitor CRT, non è regolabile dai comandi OSD ma è una caratteristica costruttiva dei filtri colorati posti nei pannelli a cristalli liquidi. La sua regolazione, se indispensabile, è possibile solo in desaturazione e deve avvenire via software (dal driver della scheda video) che la simulano combinando le altre componenti colore in sintesi additiva. Alcuni display LCD commerciali hanno colori primari tendenzialmente saturi, perchè questo richiede il mercato per presentare colori più vivi. Altri invece sono purtroppo desaturati, con colori piuttosto spenti. Una categoria speciale di pannelli, denominati wide-gamut, hanno colori primari volutamente molto più saturi del normale per poter mostrare un numero di colori elevato, normalmente non riproducibile dai modelli comuni. Prima di valutare la saturazione ed esaminare i colori di un monitor è indispensabile avere un punto di riferimento certo: il diagramma CIE. Saturazione

24 Diagramma di cromaticità CIE Ogni occhio umano è differente, serve però un riferimento comune (standard) per effettuare valutazioni e confronti. Uno studio eseguito nel 1931, su di un numero elevato di persone in tutto il mondo, ha permesso di definire un modello matematico che rappresenta i colori visibili da un occhio umano medio. Pur essendo una forma tridimensionale complessa, per convenzione si semplifica in una figura bidimensionale che considera solo i colori alla loro luminosità massima. Il profilo curvo esterno rappresenta lo spettro visibile alla sua massima saturazione, mentre nel tratto rettilineo sono sfumate le porpore. La saturazione aumenta con la distanza dal centro verso ai bordi. Al centro la curva che sviluppa le temperature colore, espresse in gradi Kelvin

25 Spazio colore srgb Sul diagramma di cromaticità CIE è possibile rappresentare gli spazi colore. Sono aree geometriche che delimitano un insieme di colori; per le periferiche come i monitor che hanno tre colori primari in sintesi additiva, questi saranno i vertici di un triangolo. Questo triangolo conterrà tutti i colori riproducibili combinando per sintesi additiva i tre primari RGB. srgb Lo standard srgb è orientato alla riproduzione dei colori con lo scopo di avere la massima compatibilità con le periferiche standard. E un insieme di colori decisamente limitato rispetto a quelli visibili dall occhio, ma è facilmente riproducibile da tutti i tipi di pannelli LCD. I tre vertici (colori primari) hanno coordinate xy definite dallo standard. E previsto il punto di bianco a 6500K (D65)

26 Gamut di un display I comuni monitor LCD aderiscono allo standard srgb, ma l insieme dei colori che ciascun modello può riprodurre non è esattamente coincidente con lo spazio colore standard. Questo insieme si definisce gamut del monitor. esempio di gamut spazio srgb L esempio tracciato in blu rappresenta il gamut di un monitor di media qualità. I colori primari non coincidono con quelli dello standard srgb. Si può dedurre che: Il punto di bianco è più caldo (~ 6000K) I rossi sono meno saturi del dovuto I blu hanno una saturazione corretta ma una lieve dominante verso il magenta I verdi sono leggermente più saturi e leggermente virati verso il giallo. In pratica, sono differenze difficilmente percepibili, se non utilizzando una sonda. E comunque utile esserne consapevoli e valutare il gamut prima di un acquisto

27 Display wide gamut e AdobeRGB I monitor wide-gamut, grazie alla maggior saturazione nativa dei loro colori primari, offrono un numero di sfumature molto elevato: sono adatti a riprodurre lo spazio colore AdobeRGB che rispetto all srgb guadagna molte tonalità nell area ciano-verde-giallo. Include inoltre i colori del gamut medio CMYK. wide gamut spazio AdobeRGB quadricromia Proprio per la loro capacità di riprodurre discretamente bene lo spazio colore delle periferiche in quadricromia, sono indicati per le prove di stampa a video (es. prova colore in Photoshop). Implicano però alcune complicazioni. E indispensabile profilarli con una sonda: il profilo colore così ricavato sarà preciso, ma potrà essere sfruttato solo dalle applicazioni che supportano la gestione del colore. Tutti gli altri programmi verranno visualizzati con colori errati, eccessivamente saturi

28 Esempio di confronto fra tablet Più un display ha i primari scostati dallo standard srgb, più sarà necessaria una profilazione con colorimetro per una visualizzazione attendibile dei colori. In ogni caso anche un profilo dedicato non potrà modificare i colori primari del display LCD, potrà solo correggerne l apparenza miscelando al meglio le tinte: quindi è sempre consigliabile analizzare il gamut già al momento dell acquisto e scegliere il modello con il gamut più affine allo standard srgb e con il punto di bianco nativo più vicino a 6500K (saranno necessarie meno correzioni). Apple ipad 2 Apple new ipad Asus Transformer Prime Si nota come il nuovo ipad mostra i colori più fedeli allo standard srgb, e copre quasi il 100% dello spazio colore. L ipad 2 ne copre circa l 80% con primari discostati. Il punto di bianco è per entrambi sensibilmente freddo, circa 7300K, ma più corretto nel new ipad. L Asus Transformer ha sicuramente tonalità più calde, con 6000K circa, ma una minore copertura complessiva dello spazio srgb

29 Cenni su calibrazione e profilazione Per una regolazione precisa, e per mantenerla costante nel tempo, è necessario l utilizzo di una sonda colorimetrica. Questo dispositivo, appoggiato sul display, legge la tonalità e la luminosità dei colori inviati dalla scheda video al monitor con una serie di campioni. I valori letti dalla sonda sono confrontati con quelli originali inviati, permettendo così al software di creare un profilo di correzione punto per punto, specifico per quella coppia scheda video + display. Questo consente innanzitutto una regolazione non lineare lungo tutto l arco di luminosità dei tre singoli colori primari, cosa impossibile con una regolazione percettiva e usando i soli comandi OSD. I vantaggi di una profilazione colore sono: possibilità di correggere il gamma, o personalizzarlo; coerenza della temperatura colore scelta (es. 6500K) dalle luci alle ombre; affinità dei colori allo standard desiderato (srgb, AdobeRGB, ecc.); possibilità di simulare la resa che avrebbe un immagine su un altra periferica, mostando i colori non riproducibili

30 La procedura di creazione di un profilo colore segue tre fasi: Cenni su calibrazione e profilazione Calibrazione. Le regolazioni richieste al profilo devono essere sempre le minime indispensabili: serve quindi una buona base di partenza ottenuta regolando i controlli OSD, con l aiuto della sonda. Si deve quindi portare il display più vicino possibile ad un punto noto, es.: temperatura 6500K e luminosità 120 cd/m 2. Si sceglie poi il gamma desiderato, es. 2,2 e si procede alla calibrazione. E possibile fermarsi qua ottenendo un profilo di sola calibrazione che non corregge i colori ma solo il gamma e il punto di bianco. Profilazione. Con il display calibrato, la profilazione analizza numerose serie di colori e ne calcola la correzione: tonalità e saturazione vengono affinate per ogni campione, miscelando le tre componenti colore in sintesi additiva (infatti non sarà mai possibile variare i primari RGB dell LCD). Verifica. Applicando il profilo appena creato, il software rivaluta i campioni colore e ne riscontra la differenza con i valori di riferimento. Una schermata riassuntiva evidenza i colori corretti al meglio e quelli con problemi residui. Un indice, denominato Delta-E, quantifica l eventuale errore: in base ai risultati si valida il profilo oppure si procede rifacendo il percorso

31 Esempio di profilazione Come esempio indicativo, si può esaminare un comune monitor di buona qualità: un monitor Dell, full-hd con pannello IPS a led e di prezzo medio, inferiore a 300. Un prodotto di fascia medio-alta che può interessare a chi lavora con grafica e fotografia. standard profilato Il gamut del display copre bene lo spazio colore srgb. I primari blu e verde sono leggermente scostati dallo standard: lo si nota infatti dal grafico prima della calibrazione. Dopo la calibrazione i risultati sono eccellenti, salvo per i toni scuri, che sono un punto debole per la maggior parte degli LCD

32 L utilizzo di un profilo colore richiede alcune attenzioni. Considerazioni sulla calibrazione In particolare nei pc con Windows, molte applicazioni e lo stesso sistema operativo ignorano parte del il profilo: considerano solamente le correzioni della prima fase, quella di calibrazione, ignorando le regolazioni del colore. Pertanto, solo alcuni software evoluti consentono di visualizzare i colori correttamente. Anche questo è uno dei motivi per i quali è meglio, se possibile, avere già una buona calibrazione di base e ridurre al minimo necessario l intervento delle correzioni nel profilo colore. Se la calibrazione non è eseguita nel modo corretto, senza ponderare bene i vari parametri, si otterrà un profilo magari validato sul proprio monitor ma le immagini elaborate risulteranno visualizzate correttamente solo sul monitor stesso: su altri monitor (anche se profilati altrettanto bene e validati) risulteranno visualizzate in modo errato

33 Conclusioni Nonostante l apparente complessità di questi argomenti, è bene prenderne conoscenza (non è necessario approfondire eccessivamente) per poter gestire in modo corretto il proprio lavoro di post-produzione. Il monitor è uno strumento, e come tutti gli strumenti di lavoro va compreso bene per poterlo sfruttare al meglio. Un display regolato in modo errato potrebbe essere l anello debole della catena di un flusso di lavoro altrimenti ottimale. Tenere in considerazione gli spazi colore permette di sfruttare al meglio tutti i dati provenienti dalla fotocamera con il formato raw e di ottenere una realistica anteprima di stampa delle fotografie o delle pubblicazioni. Questo è un argomento che richiede approfondimenti tecnici specifici, difficili da affrontare senza prove pratiche

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite 2 Indice Le caratteristiche di Power Profiler... 4 I vantaggi di Power Profiler.... 4 Lo standard ICC.... 5 Cosa sono i profili

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni ITALIANO Software per elaborazione, visualizzazione e modifica d'immagini RAW Digital Photo Professional Ver.. Istruzioni Contenuto delle Istruzioni DPP è l'abbreviazione di Digital Photo Professional.

Dettagli

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Era considerato insuperabile. Ora lo abbiamo reso ancora migliore. MIGLIORE IN OGNI PARTICOLARE, IMBATTIBILE

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

Temperatura interna e del guscio durante una incubazione a temperatura costante - Tazawa & Nakagawa (1985) and French (1997) Giorni di incubazione

Temperatura interna e del guscio durante una incubazione a temperatura costante - Tazawa & Nakagawa (1985) and French (1997) Giorni di incubazione COME SI. PERCHÉ MISURARE LA TEMPERATURA DEL GUSCIO? Una corretta temperatura dell incubatrice é un aspetto importante per la qualitá dei pulcini. La temperature dell incubatrice é quella percepita dall

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Stampante HP Color LaserJet serie CP1210

Stampante HP Color LaserJet serie CP1210 Stampante HP Color LaserJet serie CP1210 Guida dell'utente Copyright e licenza 2007 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la traduzione senza

Dettagli

APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE

APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE Marco Riva, DISTAM, Università di Milano, via Celoria 2 20133 Milano marco.riva@unimi.it Indice: pag. 1.1 Il colore; 2 1.2 Attributi percettivi

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

QUADERNI DI CAMERA OSCURA

QUADERNI DI CAMERA OSCURA BLACK&WHITE FRIENDS QUADERNI DI CAMERA OSCURA VOLUME 1 LO SVILUPPO DELLE PELLICOLE IN BIANCO E NERO GIUGNO 2001 SCHEDA TECNICA PELLICOLE E SVILUPPI IN BIANCO E NERO Le seguenti note, basate sull esperienza

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Advanced Features Guide

Advanced Features Guide Phaser 8560 color printer Advanced Features Guide Guide des Fonctions Avancées Guida alle Funzioni Avanzate Handbuch zu Erweiterten Funktionen Guía de Características Avanzadas Guia de Recursos Avançados

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open IMPORTAZIONE DA AUTOCAD A ILLUSTRATOR Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open Impostare come Tipo file Autocad drawing.dwg L importazione di file.dwg permette di definire la scala di rappresentazione

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza 6 CAPITOLO 6 Colore e trasparenza... Fireworks offre un'ampia gamma di opzioni per la scelta dei colori di un grafico. Si possono usare i campioni di colore predefiniti per conservare quanto più possibile

Dettagli

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO IL MARCHIO COLORI ISTITUZIONALI PANT. COOL GRAY 6 CVP CMYK: 0-0-0-31 RGB: 196-197-198 PANTONE 485 CVP CMYK: 0-95-100-0 RGB: 227-34-25 MARCHIO IN BIANCO/NERO

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Perché un software gestionale?

Perché un software gestionale? Gestionale per stabilimenti balneari Perché un software gestionale? Organizzazione efficiente, aumento della produttività, risparmio di tempo. Basato sulle più avanzate tecnologie del web, può essere installato

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Passaporti. della. Repubblica Italiana

Passaporti. della. Repubblica Italiana Passaporti della Repubblica Italiana Passaporti Elettronici I nuovi passaporti elettronici italiani rappresentano un documento di nuova generazione conforme alle norme ICAO e alla risoluzione dell Unione

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Volume HUMIGRAIN SYSTEM. Manuale d uso

Volume HUMIGRAIN SYSTEM. Manuale d uso Volume 1 HUMIGRAIN SYSTEM Manuale d uso Manuale d uso Fornasier Tiziano & C. S.a.s. Via Mercatelli Maglio, 26 31010 Ponte della Priula (TV) - ITALY tel. +39 0438 445354 fax +39 0438 759210 Sommario Principio

Dettagli