Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici"

Transcript

1 L isolamento acustico: Come rispettare i parametri previsti dalle normative vigenti Possibili soluzioni e modalità per una corretta posa in opera Ing. S. Mammi Presidente ANIT 1 IL DPCM Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici 2 1

2 IL DPCM Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici Legge dello Stato Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il Entrata in vigore dopo 60 giorni ( ) Devono rispettarlo tutti gli edifici per i quali la data di rilascio della Concessione edilizia (o altra autorizzazione prevista) è successiva al Ristrutturazioni? Regione Lombardia: L.R. n 13 del 2001 Norme in materia di inquinamento acustico Art. 7 I progetti relativi ad interventi sul patrimonio edilizio esistente che ne modifichino le caratteristiche acustiche devono essere corredati da dichiarazione del progettista che attesti il rispetto dei requisiti acustici stabiliti dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 1997 e dai regolamenti comunali 4 2

3 IL DPCM Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici La partizioni (orizzontali e verticali) divisorie tra differenti unità immobiliari devono garantire ad edificio ultimato un isolamento MINIMO dai rumori di almeno db 5 D.P.C.M Destinazione d'uso Indice del potere fonoisolant e apparente Indice dell'isolame nto acustico delle facciate Indice del livello di rumore da calpestio dei solai Liv. max di rumore impianti a funzionamen to discontinuo Liv. max di rumore impianti a funzionament o continuo R'w D 2mnTw L'nw L As max L A eq Ospedali, cliniche, case di cura Residenze, alberghi, pensioni Scuole a tutti i livelli Uffici, attività ricreative o di culto, attività commerciali

4 ISOLAMENTO DAI RUMORI AEREI INTERNI AGLI EDIFICI 7 Trasmissione di rumori aerei COME SI Isolamento TRASMETTE acustico IL RUMORE 8 4

5 COME LE PARETI ISOLANO DAI RUMORI AEREI

6 Legge della massa Più una parete pesa meglio isola dai rumori. La legge della massa però vale solo per le pareti pesanti SI SI 11 La legge della massa per le pareti doppie

7 13 Legge della massa La legge della massa non è applicabile alle pareti leggere (cartongesso) 25 7,5 7,5 Concetto di: massa molla - massa 14 7

8 PARETI LEGGERE SISTEMA MASSA - MOLLA - MASSA 15 Anche le pareti in cartongesso garantiscono elevati livelli di isolamento acustico Potere fonoisolante = 56 db 16 8

9 IL POTERE FONOISOLANTE 17 INDICE DI POTERE Isolamento FONOISOLANTE acustico (Rw) Sorgente di rumore Ambiente ricevente Microfono 1 = L1 Microfono 2 = L2 Differenza tra due livelli di rumore (L1-L2) 18 9

10 D.P.C.M Destinazione d'uso Indice del potere fonoisolante apparente R'w Il DPCM richiede che ad edificio ultimato vengano rispettati determinati requisiti minimi Ospedali, cliniche, case di cura Residenze, alberghi, pensioni Scuole a tutti i livelli Ad esempio per le residenze: R w >= 50 db Uffici, attivit à ricreative o di culto, attivit à commerciali INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) I CERTIFICATI DI LABORATORIO Per poter prevedere la prestazione di una parete si esegue la misura in laboratoro. Dalla prova si ricava il valore di isolamento (Rw) IL VALORE DI LABORATORIO va UTILIZZATO CON CAUTELA e OPPORTUNAMENTE CORRETTO 20 10

11

12

13 INDICE DI POTERE Isolamento FONOISOLANTE acustico (Rw) IN LABORATORIO Sorgente di rumore Ambiente ricevente Microfono 1 = L1 Microfono 2 = L2 NB le camere di prova sono scollegate MISURO R (Potere fonoisolante) 25 INDICE DI POTERE Isolamento FONOISOLANTE acustico (Rw) IN CANTIERE Sorgente di rumore Ambiente ricevente Microfono 1 = L1 Microfono 2 = L2 MISURO R (Potere fonoisolante apparente) 26 13

14 INDICE DI POTERE Isolamento FONOISOLANTE acustico (Rw) Rw è maggiore di R w Il DPCM richiede di verificare R w È quindi necessario stimare quanto influiscono le trasmissioni laterali Inoltre è necessario verificare che la parete costruita in cantiere sia IDENTICA a quella costruita in laboratorio (Mantenere sempre un margine di sicurezza dal valore riportato sul certificato di laboratorio) 27 INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) GIUNTI DI MALTA TRA I MATTONI 28 14

15 Calcolo peso parete Considerando una parete in mattoni forati (8 cm +12 cm) Superficie: 4 m x 2,7 m = 10,8 mq Circa 15 corsi verticali su ogni parete = 0,12 mc di malta 0,12 x 1800 kg/mc = 216 kg 216 kg / 10,8 mq = 20 kg/mq La parete con i giunti verticali riempiti di malta pesa circa 20 kg/mq in più della parete senza giunti verticali 29 INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) GIUNTI DI MALTA TRA I MATTONI DA UNA FESSURA PASSA TUTTO IL RUMORE 30 15

16 Essiccazione delle malte Malta sabbia e cemento: Durante la posa = 1900 kg/mc Dopo 2 giorni = 1850 kg/mc Dopo 6 giorni = 1800 kg/mc 31 Calcolo peso parete Considerando una parete in mattoni forati (8 cm +12 cm) con 3 intonaci (sp. 1,5 cm) Superficie: 4 m x 2,7 m = 10,8 mq Malta giunti verticali: 0,12 mc Malta giunti orizzontali: 0,14 mc Malta intonaci: 0,5 mc Totale: 0,76 mc Durante la posa le malte pesano 134 kg/mq Dopo 2 giorni le malte pesano 130 kg/mq Dopo 6 giorni le malte pesano 127 kg/mq 32 16

17 INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) TRACCE DEGLI IMPIANTI 33 INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) COME PROCEDERE? Utilizzare in cantiere pareti che garantiscano in laboratorio Rw maggiore DI ALMENO 4-5 db del R w minimo richiesto (NB Stimare quanto possono influire le trasmissioni laterali) Costruire la parete in maniera corretta (esattamente come è stata realizzata in laboratorio) 34 17

18 INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) Esempio: Parete divisoria tra residenze: R w minimo 50 db NO Rw = 38 db Rw = 42 db 35 Esempio: INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) Parete divisoria tra residenze: R w minimo 50 db 25, NO Rw = 45 db Rw = 48 db 36 18

19 INDICE DI POTERE FONOISOLANTE (Rw) Esempio: Parete divisoria tra residenze: R w minimo 50 db 29, VERIFICARE Rw = 54 db Materiale fibroso 37 contropareti ,5 Rw = 59 db Rw = 65 db 38 19

20 39 COME MINIMIZZARE EFFETTI DI RISONANZA E COINCIDENZA Utilizzare due pareti di peso differente. Le due pareti avranno frequenze di risonanza diverse e frequenze di coincidenza diverse Esempio: 8 cm + 12 cm 8 cm forati + 8 cm semipieni Per minimizzare l effetto risonanza dell intercapedine inserire nell intercapedine materiale fonoassorbente (materiale fibroso). Per evitare la trasmissione delle vibrazioni laterali desolidarizzare le pareti dal pavimento 40 20

21 26, , , , ,

22 43 Confronto tra due pareti con stesso indice Rw db Parete doppia in laterizi alveolati Rw = 56 Parete singola in cartongesso Rw = Hz 44 22

23 Le pareti tradizionali non bastano 45 controparete 46 23

24 L isolnte fibroso migliora le prestazioni di una controparete 47 Aumento di spessore = miglioramento delle prestazioni 48 24

25 Doppio strato meglio di strato singolo 49 Isolante fibroso con maggiore resistenza al flusso 50 25

26 Isolante nell intercapedine = piccolo miglioramento che dipende solo dallo spessore

27

28

29

30 PROBLEMATICHE 59 Tracce negli impianti scatolette elettriche La presenza di poche tracce impiantistiche in una parete doppia in mattoni forati, con materiale fibroso nell intercapedine, in genere implica un decremento di isolamento di circa 1-2 db NO 60 30

31 Tracce negli impianti scatolette elettriche Riempire le tracce e/o gli scassi con malta (sabbia e cemento) Evitare l utilizzo di schiume ( leggere) Sfalsare sui due lati della parete le scatolette elettriche 61 Tracce negli impianti scatolette elettriche IPOTESI RISOLUTIVA Lastra in cartongesso + materiale fibroso Scatolette elettriche 62 31

32 Tracce negli impianti scatolette elettriche IPOTESI RISOLUTIVA Tracce negli impianti scatolette elettriche Pareti in cartongesso prove di laboratorio 25 7,5 7,5 25 7,5 7,5 Rw = 63 db Rw = 62 db NB: lastra intermedia! 64 32

33 PONTI ACUSTICI Pareti divisorie tra appartamenti Collegamento tra parete esterna e parete divisoria tra appartamenti

34 PONTI ACUSTICI Pareti divisorie tra appartamenti Collegamento tra parete divisoria e vano ascensore 67 Pareti divisorie tra appartamenti Pignatte solai in laterocemento PONTI ACUSTICI 68 34

35 PIGNATTE IN DIREZIONE PARALLELA ALLA PARETE Sorgente di rumore PIGNATTE IN DIREZIONE PERPENDICOLARE ALLA PARETE Sorgente di rumore

36 Solai divisori tra appartamenti Collegamento tra parete esterna e solaio PONTI ACUSTICI Piano superiore Piano superiore Piano inferiore Piano inferiore 71 Solai divisori tra appartamenti Collegamento tra parete esterna e solaio PONTI ACUSTICI Piano superiore Polistirolo Materiale fibroso Piano inferiore Polistirolo 72 36

37 Pareti divisorie tra appartamenti Pilastri interni alla parete divisoria PONTI ACUSTICI 73 PONTI ACUSTICI Pareti divisorie tra appartamenti Pavimento galleggiante 74 37

38 SUGGERIMENTI PROGETTUALI Distribuire i locali interni (sia in orizzontale che in verticale) in funzione della destinazione d uso Posizionare eventuali sorgenti di rumore lontane da locali abitativi (ascensori, vani scale, locali impianti ecc.) Progettare l integrazione impiantistica 75 ISOLAMENTO DAI RUMORI PROVENIENTI DALL ESTERNO 76 38

39 D.P.C.M Destinazione d'uso Indice dell'isolamento acustico delle facciate D 2mnTw Il DPCM richiede che ad edificio ultimato vengano rispettati determinati requisiti minimi Ospedali, cliniche, case di cura Residenze, alberghi, pensioni Scuole a tutti i livelli Ad esempio per le residenze: D2mnTw >= 40 db Uffici, attivit à ricreative o di culto, attivit à commerciali DIFFERENZA TRA ISOLAMENTO ACUSTICO (D2mnTw) E POTERE FONOISOLANTE (Rw) 78 39

40 Rw dipende solo dalla parete D2mnTw dipende anche dalla stanza ricevente 79 Legge 477 DEL 1995 art. 8 VALUTAZIONI DI IMPATTO E DI CLIMA ACUSTICO Se realizzo un edificio che può generare del rumore devo valutare quanto fastidio può arrecare ai vicini (valutazione di impatto acustico) Se realizzo un edificio in un area rumorosa, devo prima valutare i livelli di rumore presenti nell area (valutazione di clima acustico) 80 40

41 VALUTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO DI UN OPERA La valutazione di IMPATTO ACUSTICO è obbligatoria per: aeroporti, aviosuperfici, eliporti; strade di tipo A (autostrade), B (strade extraurbane principali), C (strade extraurbane secondarie), D (strade urbane di scorrimento), E (strade urbane di quartiere) e F (strade locali), secondo la classificazione di cui al D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (14), e successive modificazioni; discoteche; circoli privati e pubblici esercizi ove sono installati macchinari o impianti rumorosi; impianti sportivi e ricreativi; ferrovie ed altri sistemi di trasporto collettivo su rotaia 81 VALUTAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO DELL AREA La valutazione di CLIMA ACUSTICO è obbligatoria per: scuole e asili nido; ospedali; case di cura e di riposo; parchi pubblici urbani ed extraurbani; nuovi insediamenti residenziali prossimi alle opere che richiedono valutazione di impatto acustico (opere potenzialmente rumorose) (strade, ferrovie aeroporti ecc.)

42 Le Regioni stabiliscono come devono essere realizzate le valutazioni di clima e di impatto acustico Regione Lombardia: D.g.r del 2002 Modalità e criteri tecnici di redazione della documentazione di previsione di impatto acustico e di valutazione previsionale del clima acustico 83 VALUTAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO DELL AREA La L NON impone dei livelli massimi di rumore accettabili all interno delle abitazioni È facoltà del progettista stimare quali siano tali livelli (e quindi i valori di isolamento acustico di facciata) fatte salve le prescrizioni minime previste dal D.P.C.M

43 INDICE DI ISOLAMENTO ACUSTICO (D2mnTw) Come si misura Esterno Interno Microfono 1 = L1 a 2 metri dalla facciata Microfono 2 = L2 Sorgente di rumore Differenza tra due livelli di rumore (L1-L2) 85 Cassonetto Serramento Parete Bocchette aerazione 86 43

44 -6 db Rw = ESEMPI DI CALCOLO Parete 4 Rw parete = 48 db 2,7 D2mnTw = 49 db

45 ESEMPI DI CALCOLO Parete + Finestra (4-12-4) 4 Rw parete = 48 db 1,6 Rw porta finestra = 30 db 2,3 2,7 D2mnTw = 35,79 db 4 89 ESEMPI DI CALCOLO Parete + Finestra (4-12-4) 4 Rw parete = 48 db Rw finestra = 30 db 1,3 1,6 2,7 D2mnTw = 38,12 db

46 ESEMPI DI CALCOLO Parete + Finestra (4-12-4) 4 Rw parete = 55 db Rw finestra = 30 db 1,3 1,6 2,7 D2mnTw = 38,35 db 4 91 ESEMPI DI CALCOLO Parete + Finestra (4-12-4) 4 Rw parete = 60 db Rw finestra = 30 db 1,3 1,6 2,7 D2mnTw = 38,38 db

47 ESEMPIO DI CALCOLO Aumentando solo l isolamento acustico della parete il risultato non cambia. È necessario intervenire sui buchi nella parete Serramento Cassonetto Bocchette aerazione 93 ESEMPI DI CALCOLO Parete + Finestra ad elevato potere fonoisolante 4 Rw parete = 48 db Rw finestra 1,3 2,7 = 38 db 1,6 D2mnTw = 44,88 db

48 ESEMPI DI CALCOLO Parete + Bocchetta 100 cmq 4 Rw parete = 48 db Rw bocchetta 2,7 = 0 db D2mnTw = 32 db 4 95 Tipi di serramenti: valori indicativi Vetri doppi normali Finestra con vetro : Rw = 30 db Finestra con vetro : Rw = 33 db Finestra con vetro : Rw = 34 db Vetri doppi con un lastra stratificata Finestra con vetro : Rw = 34 db Finestra con vetro : Rw = 37 db NB: Classe 4 di tenuta all aria (UNI EN 12207) 96 48

49 Vetrate isolanti Tipo di vetrata Risonanza massa- mollamassa Vetrata isolante asimmetrica 98 49

50 Vetrata isolante con PVB acustico 99 Tipi di serramenti: valori indicativi Doppio serramento Vetrocamera (4 6 4 ) Distanziati almeno 15 cm Rw > 55 db

51 POSA IN OPERA DEI SERRAMENTI Falso telaio Giunto - silicone a basso modulo elastico Materiale fibroso Giunto - silicone a basso modulo elastico 101 POSA IN OPERA DEI SERRAMENTI NO SI

52 POSA IN OPERA DEI SERRAMENTI 103 POSA IN OPERA DEI SERRAMENTI

53 105 Pannelli isolamento Esempio di isolamento di un cassonetto dell avvolgibile

54 Suggerimento: Sostituire i cassonetti con le persiane 107 Suggerimento: Utilizzare sistemi Finestra + Cassonetto certificati

55 Potere Fonoisolante UNI EN ISO (1997) UNI EN ISO (1997) Rw(C;Ctr)=38(-1;-5) normalizzato UNI EN (1993) UNI EN (1997) Dn,e,w(C;Ctr)=51(0;-4) 109 Bocchette d aerazione (ventilazione meccanica)

56 SOTTOTETTI Problema: Le coperture leggere (tetti in legno) hanno un basso potere fonoisolante Suggerimento: Utilizzare stratigrafie adeguate 111 SOTTOTETTI NB: Strato isolante intermedio = materiale fibroso

57 Risultati di laboratorio: Tipo A: Rw = db Tipo B: Rw = db Tipo C: Rw = db Tipo D: Rw = db Tipo E: Rw = db 113 ISOLAMENTO DAI RUMORI DI CALPESTIO

58 D.P.C.M Destinazione d'uso Indice del livello di rumore da calpestio dei solai L'nw Il DPCM richiede che ad edificio ultimato vengano rispettati determinati requisiti minimi Ospedali, cliniche, case di cura Residenze, alberghi, pensioni Scuole a tutti i livelli Ad esempio per le residenze: L nw <= 63 db Uffici, attivit à ricreative o di culto, attivit à commerciali LINEE GUIDA UNI Isolamento PER LA PROGETTAZIONE acustico ACUSTICA ' L nw = L L + nweq K L nw,eq è il livello di rumore da calpestio equivalente riferito al solaio nudo, privo dello strato di pavimento galleggiante [db] w DLw è l indice di valutazione relativo alla riduzione dei rumori di calpestio dovuto alla presenza di pavimento galleggiante o rivestimento resiliente [db] K è la correzione da apportare per la presenza di trasmissione laterale di rumore. Il suo valore dipende dalla massa superficiale del solaio nudo e dalla massa superficiale delle strutture laterali [db]

59 Ln Ln w Scarti sfavorevoli 32 db 117 SOLUZIONI POSSIBILI Massetto in CLS galleggiante Pavimento resiliente Gomma o moquette Pavimentazioni a secco Lastre in cartongesso + materiale granulare

60

61 LINEE GUIDA UNI Isolamento PER LA PROGETTAZIONE acustico ACUSTICA Strato 1: solaio nudo m è la massa superficiale del solaio nudo (kg/m 2 ) m o è la massa di riferimento pari a 1 kg/mq L nweq = m' log m ' FORMULA SPERIMENTALE Isolamento (Brosio) acustico solai laterocemento Strato 1: solaio nudo m è la massa superficiale del solaio nudo (kg/m 2 ) Lnweq = log(m )

62 Confronto tra formula UNi e formula Brosio Lnweq [db] Solaio massa superficiale solaio nudo [kg/mq] Formula Brosio Formula CEN 123 LINEE GUIDA UNI Isolamento PER LA PROGETTAZIONE acustico ACUSTICA Strati 2+3: pavimento galleggiante f f L w = 30 log + 3 L = 40 log 3 f w f Massetti in calcestruzzo 0 0 Massetti a secco

63 Strati 2+3: pavimento galleggiante f è la frequenza di riferimento pari a 500 Hz f o è la frequenza di risonanza del sistema massetto+strato resiliente, calcolata in base alla seguente relazione: f = s' m' dove: s è la rigidità dinamica dello strato resiliente interposto ottenuta secondo prove di laboratorio conformi alla UNI EN ; 1993 [MN/m 3 ] m è la massa superficiale del massetto soprastante lo strato resiliente [kg/m 2 ] 125 INDICE DI LIVELLO DI RUMORE DI CALPESTIO (L nw) Come si misura Macchina per il calpestio L nw = Livello di rumore misurato Microfono 1 = L

64 INDICE DI LIVELLO DI RUMORE DI CALPESTIO (L nw) Solai normali Massetto e pavimento Strato di livellamento Solaio e Microfono 1 = L1 strutture laterali Solaio laterocemento: (20+5 cm) Strato di livellamento: 5 cm Massetto + pavimentazione ceramica: 6 cm L nw = db NO 127 INDICE DI LIVELLO DI RUMORE DI CALPESTIO (L nw) Solai normali Massetto alleggerito e pavimento Solaio laterocemento: (20+5 cm) Massetto alleggerito + pavimentazione ceramica: 11 cm L nw = db NO Solaio e Microfono strutture 1 = L1 laterali

65 Controsoffitti? Macchina per il calpestio In ambienti piccoli (<16 mq) un controsoffitto tassellato al solaio NON è un intervento adeguato Solaio senza controsoffitto: L nw = 79 db Solaio con controsoffitto: L nw = 75 db Microfono Solo 4 db di miglioramento 129 MASSETTO GALLEGGIANTE Massetto e pavimento Materiale elastico Materiale elastico = Molla che smorza le vibrazioni Strato di livellamento Solaio e strutture laterali

66 Soluzione 1 Unità immobiliare 1 Unità immobiliare NB Per poter utilizzare la Soluzione 1 è necessario utilizzare un materiale che resista adeguatamente al peso delle pareti divisorie interne

67 Soluzione 2 Unità immobiliare 1 Unità immobiliare Caratteristiche del massetto: Densità >=??? kg/mc Caratteristiche materiale elastico: Rigidità dinamica: s <=??? MN/mc Da valutare in base all isolamento richiesto NB: Non modificare i materiali prescritti in corso d opera

68 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera Per garantire il funzionamento è comunque necessario posare correttamente il materiale! Realizzare una vasca di materiale elastico che distacchi completamente il massetto dalle strutture laterali Lo strato deve essere continuo, piano e privo di rotture NB: curare la pulizia del cantiere 135 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera Utilizzare materiali di spessore adeguato per evitare rotture! (Spessore minimo 5 mm) Verificare la completa sovrapposizione e giunzione tra i teli

69 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera Anche la fascia verticale dovrà essere continua e priva di rotture o attraversamenti impiantistici. Suggerimento: posizionare gli impianti sotto al materiale elastico. 137 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera Verificare il collegamento tra fascia laterale e materiale a pavimento STRISCIA LATERALE MASSETTO MATERIALE RESILIENTE Suggerimento: posare prima la fascia perimetrale e poi il materiale a pavimento NB: COLLEGARE I DUE MATERIALI CON NASTRO O RISVOLTO

70 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera Verificare che il massetto non possa colare tra le giunzioni tra i teli Suggerimenti: non utilizzare massetti troppo liquidi Inserire tra materiale elastico e massetto un foglio di polietilene Verificare che i teli vengano accuratamente sormontati e/o nastrati tra loro 139 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera Se il materiale elastico è di tipo fibroso evitare che il massetto possa impregnare le fibre Suggerimento: Inserire tra materiale elastico e massetto un foglio di polietilene

71 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera NB: alcuni materiali hanno un VERSO DI POSA Suggerimento: prima di posarli verificare le indicazioni del produttore NO SI 141 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera NB: è necessario che anche il pavimento non entri in contatto con le pareti laterali Suggerimento: mantenere la striscia più alta di almeno 5 cm rispetto al pavimento e tagliarla solo DOPO AVER POSATO I PAVIMENTI

72 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera NB: anche lo zoccolino o i rivestimenti a parete non devono entrare in contatto con il pavimento Suggerimenti: inserire una sigillatura di silicone elastico oppure risvoltare la striscia verticale prima di posare lo zoccolino Zoccolino o rivestimento a parete Zoccolino Giunto elastico Pavimento Taglio successivo alla posa dello zoccolino Pavimento 143 MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera Nel caso vengano realizzati dei sistemi di riscaldamento a pavimento anche le tubazioni e i collettori dovranno essere opportunamente desolidarizzati Suggerimento: in alternativa utilizzare Soluzione 1 Collettore Materiale resiliente Tubazione

73 Soluzione 1 Unità immobiliare 1 Unità immobiliare MASSETTO GALLEGGIANTE corretta posa in opera NB: anche in corrispondenza delle soglie di ingresso dei balconi o delle porte di ingresso dovrà essere realizzato il risvolto in verticale Porta finestra o porta di ingresso Esterno Pavimento

74 SUGGERIMENTI PROGETTUALI Realizzare il massetto galleggiante anche nei solai delle villette a schiera il DPCM richiede il rispetto del requisito in tutti gli ambienti abitativi problema trasmissioni laterali Macchina per il calpestio 147 ISOLAMENTO DAI RUMORI DA IMPIANTI

75 D.P.C.M Destinazione d'uso Ospedali, cliniche, case di cura Liv. max di rumore impianti a funzionamento discontinuo L As max 35 Liv. max di rumore impianti a funzionamento continuo L A eq 25 Il DPCM richiede che ad edificio ultimato vengano rispettati determinati requisiti minimi Residenze, alberghi, pensioni Scuole a tutti i livelli Ad esempio per le residenze: LAS max <= 35 db Uffici, attivit à ricreative o di culto, attivit à commerciali LA eq <= 35 db 149 D.P.C.M NB Nell allegato A è segnalato che: La rumorosità prodotta dagli impianti tecnologici non deve superare i seguenti limiti: 35 db(a) LASmax per i servizi a funzionamento discontinuo 25 db(a) LAeq per i servizi a funzionamento continuo Indipendentemente dalla destinazione d uso dell immobile Eseguire le misure negli ambienti in cui il livello è più elevato. Ambiente diverso da quello in cui il rumore viene generato

76 INDICE DI LIVELLO DI RUMORE DA IMPIANTI Come si misura NB: Per impianti a funzionamento discontinuo misurare il livello massimo di rumore (LASmax) NB: Per impianti a funzionamento continuo misurare il livello di rumore costante nel tempo (LAeq) 151 Impianti funzionamento discontinuo

77 Impianti funzionamento discontinuo 153 IMPIANTI A FUNZIONAMENTO DISCONTINUO Ascensori Scarichi idraulici Bagni Servizi igienici Rubinetteria

78 IMPIANTI A FUNZIONAMENTO CONTINUO Impianti di riscaldamento Impianti di aerazione Impianti di condizionamento 155 INDICAZIONI PROGETTUALI E DI POSA IN OPERA PER RISPETTARE I LIMITI DI LEGGE

79 Isolare gli ambienti abitativi dalle vibrazioni e dai rumori MATERIALE FIBROSO Controparete Ambiente abitativo Materiale desolidarizzante MASSETTO GALLEGGIANTE Vano ascensore Controsoffitto Ambiente abitativo 157 IMPIANTI DI SCARICO

80 TRASMISSIONE DEL SUONO PER VIA AEREA Rumore aereo + Vibrazioni 159 STRATIFICAZIONE DELLA TUBAZIONE

81 SISTEMA DI MONTAGGIO 161 CERTIFICATO DI INSONORIZZAZIONE NB Muro da 220 kg/mq = Parete in C. A. da 10 cm

82 IMPIANTI Isolamento DI acustico SCARICO Collare + antivibrante Tubazione stratificata NB Inserire le tubazioni in appositi cavedi, NON all interno di tracce nel muro Cavedio 163 IMPIANTI Isolamento DI acustico SCARICO Materiale resiliente Intonaco sp. = 1,5 cm densità = 1400 kg/mc Laterizi semipieni sp. = 12 cm Tubi di scarico di tipo silenziato Collari di tipo silenziato NB La tubazione stratificata da sola NON basta! Anche le pareti dei cavedi devono avere un adeguato potere fonoisolante

83 IMPIANTI Isolamento DI acustico SCARICO NB Desolidarizzare il tubo dalle pareti laterali 165 IMPIANTI A FUNZIONAMENTO CONTINUO

84 IMPIANTI A FUNZIONAMENTO CONTINUO Isolare le macchine che generano vibrazioni (UTA, motori ecc.) Macchina Supporti antivibranti Basamento inerziale Materiale resiliente Solaio portante 167 IMPIANTI A FUNZIONAMENTO CONTINUO NB Problemi di IMPATTO ACUSTICO Isolare i macchinari sul tetto con barriere antirumore Edificio A Edificio B Edificio A Edificio B

85 I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI Come fare a misurare in opera i requisiti acustici passivi (R w, D2mnTw, L nw ) Normativa tecnica: UNI EN ISO 140 Acustica - Misura dell'isolamento acustico in edifici e di elementi di edificio Parte 4- Misurazioni in opera dell'isolamento acustico per via aerea tra ambienti; (R w) Parte 5- Misurazioni in opera dell'isolamento acustico per via aerea degli elementi di facciata e delle facciate; (D2mnTw) Parte 7- Misurazioni in opera dell'isolamento dal rumore di calpestio disolai; (L nw) Parte 14 - Linee guida per situazioni particolari in opera UNI EN ISO 717 Acustica - Valutazione dell'isolamento acustico in edifici e di elementi di edificio Parte 1- Isolamento di rumori aerei; (Calcolo Indici di valutazione) Parte 2- Isolamento di rumore di calpestio. (Calcolo Indici di valutazione) 169 MISURE IN OPERA Per avere validità legale: devono essere eseguite da un tecnico competente in acustica ambientale (cfr. Elenco Regionale) Devono essere eseguite con fonometri di CLASSE 1 Fonometri tarati da laboratori certificati da almeno 2 anni Utilità di eseguire prove in corso d opera e prove a fine lavori NB: Il DPCM NON OBBLIGA ad eseguire le prove in opera, però richiede che a lavoro ultimato i requisiti acustici siano rispettati Comuni, Province e Regioni possono comunque emanare provvedimenti più restrittivi (prove obbligatorie ecc.)

86 I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI Come fare a progettare i requisiti acustici passivi (R w, D2mnTw, L nw ) Normativa tecnica: UNI EN "Acustica in edilizia - Valutazioni delle prestazioni acustiche di edifici a partire dalle prestazioni di prodotti" Parte 1: Isolamento dal rumore per via aerea tra ambienti Parte 2: al calpestio tra ambienti Parte 3: contro il rumore proveniente dall'esterno per via aerea Rapporto tecnico UNI TR Acustica in edilizia. Guida alle norme serie UNI EN per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici. Applicazione alla tipologia costruttiva nazionale 171 I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI Confronto tra UNI EN e Rapporto Tecnico UNI UNI EN Elaborate in sede CEN, Tipologie costruttive Nord Europa Richiede dati di partenza difficilmente reperibili Metodo di calcolo complesso per frequenze e metodo di calcolo semplificato per indici di valutazione UNI TR 11175:2005 (Rapporto tecnico) Documento ricavato dal Metodo semplificato proposto nelle UNI EN Tipologie costruttive nazionali Presenta in appendice un ampia banca dati di strutture edilizie nazionali

87 SOFTWARE Isolamento ANIT acustico ECHO 4.0 UNI TR SOFTWARE Isolamento ANIT acustico ECHO 5.0 UNI EN

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997 La normativa acustica per le opere edilizie: Requisiti Acustici Passivi degli edifici: relazione verifica D.P.C.M. 5/12/97 CRISTIANA BERNASCONI RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

Dettagli

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto Soluzioni per pareti e solai ISOTEX Metodo costruttivo in legno-cemento Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto La documentazione della ditta C & P Costruzioni è stata analizzata

Dettagli

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il Progettazione, scelte tecniche e controlli dell isolamento acustico tra unità abitative, corretta posa in opera di solai, tamponamenti e pareti divisorie Ing. Paolo Giacomin Vice Presidente Commissione

Dettagli

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati EDILTIRRENO EXPO Carrara, 16 Maggio 2008 Simone Secchi Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design _ Università di

Dettagli

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Focus PROGETTARE E COSTRUIRE MEGLIO SI DEVE E SI PUO Pollein (AO), 09 ottobre 2012 Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Domenico Nicastro nicastro@acusma.com Domenico Nicastro requisiti

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Cremona 27 Ottobre 2006 Ordine degli Ingegneri delle Provincia di Cremona INQUINAMENTO ACUSTICO (Legge Quadro 447/1995) (Regione Lombardia: L.R. 13/2001) Relatore: Dott. Ing. Linda Parati Dottorato Europeo

Dettagli

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA Martedì 14 OTTOBRE 2008 L uso di materiali per raggiungere i risultati Modernità e tradizione, esempi di stratigrafie differenti Relatore

Dettagli

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997 RELAZIONE ACUSTICA Legge 447 del 26 ottobre 1995 D.P.C.M. 05 dicembre 1997 COMMITTENTE: Mario Bianchi EDIFICIO: Palazzina 4 unità Residenziali INDIRIZZO Via Verdi 12, Milano INTERVENTO: Valutazione del

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

ALLEGATO A Calcoli di progetto PREMESSA Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio

Dettagli

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq Premessa Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA ORA VEDREMO IN SINTESI LE POSSIBILI SOLUZIONI TECNICHE RELATIVE A: 1. Isolamento acustico per via aerea mediante sistemi in cartongesso per

Dettagli

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 SITUAZIONE ATTUALE E SVILUPPI FUTURI Relatore: Danilo BRANDA email: d.branda@studiobranda.it Torino, 7 maggio 2009 1 Percorso Inquadramento Legislativo Il D.P.C.M. 5/12/1997 Gli

Dettagli

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA Ing. Riccardo Tognarini Design energetico ed acustico degli edifici con studio in San Vincenzo LI Via Pitagora, 3 Tel. 0565705346

Dettagli

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C.

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C. del biessestudio s.a.s. COMUNE DI MONTE MARENZO Piazza Municipale, 5 VALUTAZIONE TEORICA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Adeguamento delle facciate esistenti

Dettagli

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367 PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 67 LA NUOVA NORMA UNI 67 Classificazione acustica delle Unità Immobiliari. Norma UNI 67. Nel luglio 00 è stata pubblicata la norma

Dettagli

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT System pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Mapesilent system pag. 4 PRESTAZIONI E POSA IN OPERA pag. 6 ESEMPIO DI CALCOLO ACUSTICO pag. 7 ESEMPIO DI CALCOLO TERMICO pag. 8 COMPONENTI

Dettagli

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Simone Secchi Dipartimento Tecnologie dell Architettura e Design Pierluigi Spadolini simone.secchi@unifi.it http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/secchi/secchi.htm

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO. Dare valore alla vita di tutti i giorni. Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa]

ISOLAMENTO ACUSTICO. Dare valore alla vita di tutti i giorni. Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa] ISOLAMENTO ACUSTICO Dare valore alla vita di tutti i giorni Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa] 1997/2000 2000/2005 Viene reso attuativo il Decreto che

Dettagli

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici 1. Classificazione degli ambienti e requisiti da rispettare Nel D.P.C.M. 5.12.97 sono indicate, nella tabella A, le classificazioni degli ambienti abitativi e, nella tabella B, i requisiti acustici passivi

Dettagli

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert Le soluzioni fonoisolanti bauexpert www.bauexpert.it Appiano (BZ) - Tel. 0471 662 119 Borgo Valsugana (TN) - Tel. 0461 753 208 Bressanone (BZ) - Tel. 0472 821 818 Brunico (BZ) - Tel. 0474 572 500 Campo

Dettagli

Isolamento acustico al calpestio

Isolamento acustico al calpestio Acustica in edilizia Isolamento acustico al calpestio In materia di inquinamento acustico fa testo la legge quadro n.447 del 26 ottobre 1995 che: fissa le competenze di Stato, Regioni, Province, Comuni

Dettagli

Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio

Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Arpa Umbria Agosto 2009 Indice Linea Guida per la redazione del Progetto Acustico.3 Contenuti del Progetto Acustico. 7 Esempio di calcolo..8 Calcolo dell

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

CASE PIÙ SILENZIOSE L isolamento Acustico

CASE PIÙ SILENZIOSE L isolamento Acustico I.P. CASE PIÙ SILENZIOSE L isolamento Acustico ASSOCIAZIONE NAZIONALE PER L ISOLAMENTO TERMICO E ACUSTICO Via Matteo Civitali, 77 20148 Milano - Tel. 02/40070208 - Fax. 02/40070201 e-mail: anit@anit.it

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 IL COMMITTENTE: Benessere Acustico Sr.l. IL TECNICO: Andrea Cerniglia

Dettagli

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 Analisi degli aspetti acustici per la protezione dal rumore Arch. Fermo Mombrini Analisi degli

Dettagli

sistema DAMPER isolamento acustico

sistema DAMPER isolamento acustico sistema DAMPER isolamento acustico DAMProll 3 Materassino in gomma per isolamento rumori da calpestio SILEREX 5 Premiscelato sfuso in gomma per isolamento vibrazioni, rumori impattivi e da calpestio DAMPstrip

Dettagli

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, 92 42045 LUZZARA - REGGIO EMILIA Tel 0522.976128 - Fax 0522.977919 www.cisedil.it - info@cisedil.it Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI Progetto per il completamento del CENTRO POLIVALENTE RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI SECONDO LE NORME UNI EN 12354 Cagliari, 26 Gennaio

Dettagli

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Teatro Electra VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Verifica con D.P.C.M. 05/12/1997 SuoNus - Valutazione preventiva delle prestazioni acustiche - Pag. 1 PREMESSA Scopo della presente relazione,

Dettagli

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA Pelucchi Francesco Antonio (1) 1) Studio Pelucchi, Perugia 1. Introduzione In questo lavoro si riportano i risultati di 3 indagini sperimentali

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

INTERVENTI PER RISANARE GLI EDIFICI ESISTENTI PER RAGGIUNGERE CLASSI ACUSTICHE E TERMICHE PIU ELEVATE. CRITICITÀ E OPPORTUNITÀ

INTERVENTI PER RISANARE GLI EDIFICI ESISTENTI PER RAGGIUNGERE CLASSI ACUSTICHE E TERMICHE PIU ELEVATE. CRITICITÀ E OPPORTUNITÀ 2 Convention Nazionale del Gruppo di Acustica Edilizia L evoluzione e l armonizzazione delle norme italiane ed europee sulla protezione acustica degli edifici Firenze 13 dicembre 2010 INTERVENTI PER RISANARE

Dettagli

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon Milano, 22 febbraio 2010 EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI Giovanni Zambon DISAT Università degli Studi di Milano - Bicocca INTRODUZIONE Gli edifici ad uso collettivo presentano caratteristiche

Dettagli

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA 1 Richiesta di permesso di costruire o D.I.A. (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.) Richiesta di licenza o autorizzazione all esercizio di attività produttive (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.)

Dettagli

Fonisocal e Fonisocal Plus

Fonisocal e Fonisocal Plus I massetti nelle costruzioni civili e commerciali Fonisocal e Fonisocal Plus Caratteristiche e vantaggi ing. Alessandra Tonti Pescara, Calcestruzzi 26/05/2011 - Italcementi Group Title a.tonti@calcestruzzi.it

Dettagli

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Cinzia Buratti, Elisa

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI (D.P.C.M. 5 DICEMBRE 1997)

DETERMINAZIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI (D.P.C.M. 5 DICEMBRE 1997) DETERMINAZIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI (D.P.C.M. 5 DICEMBRE 1997) EDIFICIO A DESTINAZIONE RESIDENZIALE Comune di Lecco (LC) Via Monte Sabotino RELAZIONE TECNICA Oggetto: Committenza: Progettista:

Dettagli

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione

Dettagli

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni.

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni. L ACUSTICA Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici Ing. Paolo Marinoni Celenit SpA Soluzioni ecobiocompatibili per l isolamento acustico UN PRODOTTO SOSTENIBILE

Dettagli

CAMEO NEW OFFICE BUILDING

CAMEO NEW OFFICE BUILDING Sede legale: via Lanfranco della Pila, 5 20162, Milano P. IVA 06774410960 e-mail: info@enc-srl.it VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI CAMEO NEW OFFICE BUILDING COMUNE DI DESENZANO Relazione tecnica

Dettagli

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. Isolamento acustico di facciata su pareti con isolamento a cappotto in polistirene espanso. ANALISI DEL COMPORTAMENTO

Dettagli

Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA. L isolante acustico per pareti e pavimenti

Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA. L isolante acustico per pareti e pavimenti Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA L isolante acustico per pareti e pavimenti GEMAFONGOMMA E la linea di prodotti ACUSTICI per pareti, pavimenti e sottotavolati. GEMAFONGOMMA RTL in rotoli

Dettagli

Wallgran. Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti. Gruppo

Wallgran. Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti. Gruppo Wallgran Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti Gruppo Wallgran Pannelli in gomma per l insonorizzazione di pareti Maxitalia ha studiato a fondo le problematiche dell isolamento acustico delle

Dettagli

EchoSTOP. Tublex. Gruppo. Isolanti acustici fonoimpedenti. L isolante acustico e termico per impianti idrosanitari

EchoSTOP. Tublex. Gruppo. Isolanti acustici fonoimpedenti. L isolante acustico e termico per impianti idrosanitari EchoSTOP Isolanti acustici fonoimpedenti Tublex L isolante acustico e termico per impianti idrosanitari Gruppo EchoSTOP Isolanti acustici fonoimpedenti La gamma EchoSTOP racchiude una serie di prodotti,

Dettagli

PROGETTARE IL SILENZIO

PROGETTARE IL SILENZIO PROGETTARE IL SILENZIO SOLUZIONI ACUSTICHE DI PARETI MONOSTRATO ANCHE PREDISPOSTE PER RETI IMPIANTISTICHE Sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Fisica Tecnica dell Università di Padova POTERE

Dettagli

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8 Coefficiente τ di trasmissione del rumore di una parete τ = W W t = Potere fonoisolante R di una parete i potenza sonora trasmessa al di là della parete potenza sonora incidente sulla parete R = livello

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO...

NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 13-033 Committente: Comune di San Casciano in Val di Pesa Indice 1 PREMESSA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 CLASSIFICAZIONE E PARAMETRI NORMATIVI... 2 4 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO E DEGLI INTERVENTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO PREVISIONALE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO PREVISIONALE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI Comune di Montaione Provincia di Firenze Nuova costruzione di un edificio residenziale avente struttura in legno, costituito da n. 10 alloggi, da destinare alla locazione a canoni agevolati, posto nell

Dettagli

committente via Sabbadini 31

committente via Sabbadini 31 oggetto "RISTRUTTURAZIONE STRUTTURALE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE A FINI TURISTICO-RICREATIVI DEL VIVAIO REGIONALE PASCUL SITO IN COMUNE DI TARCENTO" CUP D75J10000400000 - CIG 4125424793 committente via

Dettagli

CALPESTIO. PARETE DEL SILENZIO HABITAT I e HABITAT II. FORMATO mm 1.200 x 2.800/3.000 o su richiesta 1.400/1.500. SPESSORE 33-43-53 mm

CALPESTIO. PARETE DEL SILENZIO HABITAT I e HABITAT II. FORMATO mm 1.200 x 2.800/3.000 o su richiesta 1.400/1.500. SPESSORE 33-43-53 mm / Data 01/08/2015 FORMATO mm 1.200 x 2.800/3.000 o su richiesta 1.400/1.500 SPESSORE 33-43-53 mm PESO 12-13-14 kg/mq CONDUCIBILITA TERMICA W/mK 0,035 10 C POTERE FONOISOLANTE Rw = 32 db FONOISOLAMENTO

Dettagli

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI D.P.C.M. 5/12/97 UNI EN ISO 16283-1 COMMITTENTE: Toppetti 2 srl RELAZIONE CONCLUSIVA Aprile 2014 VIE EN.RO.SE. Ingegneria

Dettagli

Il comfort acustico del sistema di scarico all interno dell edificio

Il comfort acustico del sistema di scarico all interno dell edificio Il comfort acustico del sistema di scarico all interno dell edificio Componenti e fattori di rumorosità Principi di progettazione e posa corretta Soluzioni tecniche e caratteristiche dei materiali Prestazioni

Dettagli

SINTESI DEL DPCM 5-12-1997. Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici

SINTESI DEL DPCM 5-12-1997. Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici SINTESI DEL DPCM 5-12-1997 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici Revisione: maggio 2006 CORSO AGGIORNAMENTO ANIT: ACUSTICA IN EDILIZIA PROGRAMMA Giornata 1 Nozioni teoriche fondamentali

Dettagli

Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei

Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana Contenuti minimi del progetto

Dettagli

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Isolamento acustico Dicembre 2005 I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 Marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore

Dettagli

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici I parametri acustici per la Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Il decreto : DPCM 05-12-1997 si prefigge di: migliorare la qualità

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

Comportamento acustico dell involucro

Comportamento acustico dell involucro PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO Comportamento acustico dell involucro Rovereto, 12 Novembre 2010 Ing. Gaia Pasetto La trasmissione del suono negli edifici Trasmissione per via

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni

ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni Bolzano, 19 novembre 2015 ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni Per. Ind Alberto Piffer Loc. Aicheri, 2 38015 Lavis (TN) Mail: alberto.piffer@gmail.com Web: www.albertopiffer.it Problematiche

Dettagli

BENVENUTI IN ISOLMANT

BENVENUTI IN ISOLMANT 28 ottobre 2014 BENVENUTI IN ISOLMANT Tecnasfalti-Isolmant è stata fondata nel 1976 da Ugo Canni Ferrari Produce e distribuisce prodotti per l isolamento acustico e termico Leader in Italia e in Europa

Dettagli

Sede Operativa: Via L. Rossi, 33-41012 - CARPI (MO) Tel.: 059/689551 Fax: 059/669638 e-mail: info@studiofia.it PEC: studiofia@dapec.

Sede Operativa: Via L. Rossi, 33-41012 - CARPI (MO) Tel.: 059/689551 Fax: 059/669638 e-mail: info@studiofia.it PEC: studiofia@dapec. F.I.A. FUTURA INDUSTRIA AMBIENTALE S.N.C. S TUDIO DI CONSULENZA TECNICA E NORMATIVA PER L IMPRESA SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO AMBIENTE RUMORE DIRETTIVA MACCHINE PREVENZIONE INCENDI COLLAUDI E PERIZIE

Dettagli

ANIT Associazione Nazionale per l Isolamento Termico ed Acustico. www.anit.it

ANIT Associazione Nazionale per l Isolamento Termico ed Acustico. www.anit.it ANIT Associazione Nazionale per l Isolamento Termico ed Acustico www.anit.it ARGOMENTI DELLA GIORNATA Legislazione e norme tecniche per la progettazione acustica ed i collaudi a fine lavori Soluzioni tecnologiche

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici

Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici Introduzione: DPCM 5 Dicembre 1997 La riduzione dell esposizione umana al rumore: è questo

Dettagli

Fabio Scamoni RISANAMENTO ACUSTICO. Istituto per le Tecnologie della Costruzione, ITC CNR, Milano Responsabile del Laboratorio di Acustica

Fabio Scamoni RISANAMENTO ACUSTICO. Istituto per le Tecnologie della Costruzione, ITC CNR, Milano Responsabile del Laboratorio di Acustica CRITERI E BUONE PRATICHE PER LA PROGETTAZIONE ED IL RISANAMENTO ACUSTICO Fabio Scamoni Istituto per le Tecnologie della Costruzione, ITC CNR, Milano Responsabile del Laboratorio di Acustica La pianificazione

Dettagli

Isolamento acustico e purezza dell aria

Isolamento acustico e purezza dell aria Casa Kyoto: zero consumi, zero emissioni 1/22 Isolamento acustico e purezza dell aria Casa Kyoto: zero consumi, zero emissioni 2/22 PROGETTAZIONE INTEGRATA ACUSTICA-TERMICA TERMICA Casa Kyoto: zero consumi,

Dettagli

Gli impianti di scarico Normative e leggi per gli impianti di scarico SCUOLA EDILE BRESCIANA INCONTRO DEL 13/04/2013

Gli impianti di scarico Normative e leggi per gli impianti di scarico SCUOLA EDILE BRESCIANA INCONTRO DEL 13/04/2013 Gli impianti di scarico Normative e leggi per gli impianti di scarico SCUOLA EDILE BRESCIANA INCONTRO DEL 13/04/2013 LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto del presidente del consiglio dei ministri 5.12.1997

Dettagli

CTP Accertamento Tecnico Preventivo

CTP Accertamento Tecnico Preventivo Ing. Nicola Bettio Acustica Forense info@bnyacoustic.com www.bnyacoustic.com info@acusticaforense.it www.acusticaforense.it CTP Accertamento Tecnico Preventivo Data della relazione: Il Tecnico Ing. Nicola

Dettagli

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale 2 L AZIENDA Lafarge Gessi è una società del Gruppo multinazionale Lafarge, nata in seguito alla rapida crescita dei sistemi costruttivi a secco che si è registrata

Dettagli

Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti in POROTON

Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti in POROTON Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Acustica 14 febbraio 2006 Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti

Dettagli

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici LE PARETI INTERNE Sono elementi costruttivi che hanno principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici secondo dimensioni adatte alla destinazioni funzionali che devono essere realizzate

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI ai sensi della Legge Quadro n 447/95: verifica degli adempimenti di cui al D.P.C.M. del 05/12/97 CERTIFICAZIONE MEDIANTE MISURE SPERIMENTALI DEI REQUISITI ACUSTICI

Dettagli

L importanza dei materiali e l importanza dei metodi per la qualità acustica del manufatto

L importanza dei materiali e l importanza dei metodi per la qualità acustica del manufatto Boll.Ing. n.10 6-11-2006 10:12 Pagina 6 L importanza dei materiali e l importanza dei metodi per la qualità acustica del manufatto Simone SECCHI INTRODUZIONE La protezione degli edifici dai rumori provenienti

Dettagli

INDICE MODULISTICA... 3

INDICE MODULISTICA... 3 INDICE MODULISTICA... 3 ESPOSTO PER DISTURBO DA RUMORE... 4 RICHIESTA DI LICENZA DELL ESERCIZIO DI ATTIVITÀ... 5 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE AD ESERCITARE ATTIVITÀ IN DEROGA AI VALORI LIMITE DELLE IMMISSIONI

Dettagli

SINTESI DEL DPCM 5-12-1997

SINTESI DEL DPCM 5-12-1997 SINTESI DEL DPCM 5-12-1997 settembre 2007 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici Listen peacefully DANA, 2007 Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico CORSO AGGIORNAMENTO

Dettagli

PARETI EDILIZIA PRESTAZIONI APPLICAZIONE SPECIFICA ART. DESCRIZIONE 0,04 > 2000 0,04 > 50000 0,04 0,04 0,04 0,04 0,04 < 20 4,2 0,03 > 5000 4,2 0,03

PARETI EDILIZIA PRESTAZIONI APPLICAZIONE SPECIFICA ART. DESCRIZIONE 0,04 > 2000 0,04 > 50000 0,04 0,04 0,04 0,04 0,04 < 20 4,2 0,03 > 5000 4,2 0,03 EDILIZIA PARETI ART. DESCRIZIONE APPLICAZIONE SPECIFICA Contropareti Pareti in cartongesso isolamento acustico isolamento alle alte frequenze PRESTAZIONI isolamento termico barriera vapore resistenza a

Dettagli

Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo

Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo Raccolta di prove in opera su solai in laterocemento INDICE. IL QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE pag.. Che cosa dice la legge. I requisiti acustici

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI LEGGE 26 OTTOBRE 1995 N. 447 LEGGE REGIONALE 10 AGOSTO 2001 N. 13 D.P.C.M.

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI LEGGE 26 OTTOBRE 1995 N. 447 LEGGE REGIONALE 10 AGOSTO 2001 N. 13 D.P.C.M. Comune di Olgiate Molgora Provincia Lecco REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI LEGGE 26 OTTOBRE 1995 N. 447 LEGGE REGIONALE 10 AGOSTO 2001 N. 13 D.P.C.M. 5 DICEMBRE 1997 COMMITTENZA: Maggi Marco &

Dettagli

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE Claudioforesi S.r.l. via Fosso, 2/4 60027 S. Biagio Osimo (AN) Tel. 071 7202204 071 7109309 Fax. 071 7108180

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE PASSIVE DEGLI EDIFICI IN LEGNO: RISULTATI DEL COLLAUDO IN OPERA.

PRESTAZIONI ACUSTICHE PASSIVE DEGLI EDIFICI IN LEGNO: RISULTATI DEL COLLAUDO IN OPERA. PRESTAZIONI ACUSTICHE PASSIVE DEGLI EDIFICI IN LEGNO: RISULTATI DEL COLLAUDO IN OPERA. Alberto Piffer (1), Elena Resenterra (2) 1) Libero professionista, Trento 2) Libera professionista, Belluno 1. Premessa

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 febbraio 2007 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO DEGLI IMPIANTI

ISOLAMENTO ACUSTICO DEGLI IMPIANTI ISOLAMENTO ACUSTICO DEGLI IMPIANTI Il DPCM 05/12/97 nella tabella B dell allegato A prescrive per le diverse categorie di edifici classificati nella tabella A dello stesso allegato i livelli massimi del

Dettagli

TOPPETTI PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA LINEA ACUSTICA. Abbiamo progettato il silenzio. Sistema costruttivo per il benessere acustico

TOPPETTI PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA LINEA ACUSTICA. Abbiamo progettato il silenzio. Sistema costruttivo per il benessere acustico TOPPETTI 2 PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA LINEA ACUSTICA Abbiamo progettato il silenzio Sistema costruttivo per il benessere acustico Nella nostra vita quotidiana abbiamo spesso a che fare con suoni

Dettagli

PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE

PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA ISOLAMENTO ACUSTICO DAI RUMORI DA CALPESTIO PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE SICUREZZA AL 100% NON

Dettagli

8.3 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO R - Scandicci (FI)

8.3 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO R - Scandicci (FI) 2 INDICE 1. Natura e descrizione dell incarico 5 1.1 Descrizione dell intervento edilizio 5 1.1.1 Edificio R 6 2. Quadro di riferimento normativo 8 2.1 Legislazione nazionale 8 2.2 Norme tecniche 8 2.3

Dettagli

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Dott. Edoardo Piana, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38,

Dettagli

CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND

CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND SOMMARIO CONTENUTI CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO PAG. 5 PAG. 6 PAG. 6

Dettagli

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA L. Parati(1), A. Carrettini(1), C. Scrosati(2), F. Scamoni(2) 1) PARATI & CO. Studio di Consulenze e Progettazioni Acustiche, Crema

Dettagli

Isolamento acustico anticalpestio

Isolamento acustico anticalpestio Isolamento acustico anticalpestio Isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato Pavitema Rex è una gamma di isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato nata per rispondere alla

Dettagli

LATERIZIO & ACUSTICA

LATERIZIO & ACUSTICA Te c n o l o g i a p e r c o s t r u i re b e n e s s e re LATERIZIO & ACUSTICA LATERIZIO & ACUSTICA Il binomio LATERIZIO & ACUSTICA nasce dal fatto che la base del principio fisico su cui si basa l isolamento

Dettagli

L isolamento acustico delle pareti in legno massicio:

L isolamento acustico delle pareti in legno massicio: L isolamento acustico delle pareti in legno massicio: L ottimo comfort acustico contribuisce notevolmente a creare una gradevole atmosfera. Grazie alla struttura monolitica, le PARETI IN LEGNO MASSICCIO

Dettagli