Dalla scuola del sapere a quella del conoscere, passando per la Robotica Educativa, in direzione di 2.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla scuola del sapere a quella del conoscere, passando per la Robotica Educativa, in direzione di Cl@ssi 2.0"

Transcript

1 Dalla scuola del sapere a quella del conoscere, passando per la Robotica Educativa, in direzione di 2.0 Patrizia Battegazzore Rete Robocup Jr ITALIA Direzione Didattica Primo Circolo, Tortona (Al) Una scuola che cambia non si contrappone necessariamente a quanto è stato fatto in passato ma è una scuola che, seguendo la normale evoluzione dei tempi, modifica il proprio modo di essere, per permettere ai propri allievi di apprendere, cioè di divenire consapevoli della realtà in cui vivono e della propria realtà interiore. Il documento qui presentato è la semplice narrazione di un team di insegnanti che hanno cercato di portare i propri alunni verso la conoscenza, attraverso l'uso costante e curricolare della Robotica educativa e del metodo pervasivo ad essa associato. Le contaminazioni tecnologiche che via via si sono realizzate hanno fatto emergere alcune riflessione sulle relazioni che intercorrono tra i processi di conoscenza, l'esperienza, i soggetti, gli oggetti e l'ambiente di apprendimento in cui si realizzano. Introduzione Nel nostro team, siamo insieme da ormai 7/8 anni e condividiamo l'esperienza d'insegnamento su due classi a modulo, dove ancora insegniamo, organizzando il nostro orario, per ambiti disciplinari. All'inizio abbiano cercato, in qualche modo, di controllare il forte cambiamento che avvertivamo nell'utenza e nelle loro famiglie. Un cambiamento rapido, dovuto soprattutto all'allargamento delle diverse comunità di extracomunitari, e all'arrivo di cittadini italiani migranti, per lavoro, che ha portato inevitabilmente un acuirsi delle problematiche presenti. Era spesso necessario migliorare la conoscenza della lingua italiana di alcuni alunni, senza togliere spazio all'apprendimento di altri. La presenza di più culture e quindi di stili di vita differenti portava spesso all'aggressività e alle incomprensioni, ed era quindi necessario intervenire anche con le famiglie. Bisognava inoltre considerare le difficoltà di quegli alunni che, per le difficoltà specifiche di apprendimento, si dimostravano lenti, insicuri e molto fragili. Per ovviare alle necessità di lavoro mirato ai bisogni, era necessario un

2 grande lavoro di coordinamento tra noi insegnanti e une precisa predisposizione dei materiali, secondo percorsi individualizzati, che divenivano applicati con estrema difficoltà per l'alto numero di alunni, presenti in classe, generando una profonda crisi del nostro modo di fare scuola. Ma come era possibile insegnare in modo differenziato.. individualizzato.. personalizzato... quando avevamo a fronte un numero così alto di alunni diversi? Com'era possibile realizzare un percorso di insegnamento/ apprendimento adeguato ad ogni specificità? Le difficoltà con cui ci siamo scontrate, credo siano quelle che ogni insegnante incontra in una classe dove la diversità è normale. A sostenerci, alcune esperienze forti, costruite insieme ad altri, che talora ci sono stati guida, stimolo per il confronto e per fare ricerca: esperienze interdisciplinari territoriali come l'educazione ambientale e il teatro dei burattini; esperienze a carattere regionale o nazionale, con forte motivazione alla ricerca educativa, come la Robotica educativa, nata dal gruppo dell'ex IRRE Piemonte [sito di progetto: e il Problem Solving, con le Olimpiadi, e il supporto dell'usr Piemonte. Ora una nuova sfida: il progetto Ministeriale Le nostre radici: la Robotica educativa I nostri attuali alunni, sono i primi che hanno vissuto l'approccio alla Robotica educativa fin dai 5 anni, alla scuola dell'infanzia, e con il Robot (diverso a seconda dell'età) hanno imparato ad affrontare numerosi percorsi didattici, in tutte le discipline. Con Bee-bot, una piccola ape programmabile dotata di tasti posti sulla sua schiena, hanno imparato a riconoscere le direzioni, ad orientarsi nello spazio, a riconoscere lettere dell'alfabeto e a compiere semplici operazioni numeriche, sulla linea dei numeri. [Battegazzore, in Atti Didamatica 2009] Foto 1 -Toccare, vedere, sentire diventano gli strumenti per conoscere. Foto 2 - Osservare gli altri mentre compiono un gesto può incoraggiare i più timorosi a ripetere l'esperienza. Foto 3. il codice di programmazione iconico permette la visualizzazione di un diagramma di flusso Foto 4 Lo scribbler cerca di uscire da una piazza, utilizzando il sensore di prossimità

3 Con Scribbler si è capito meglio cosa vuol dire programmare, cioè prevedere tutti i diversi comandi per ottenere un risultato (il programma informatico utilizzato per questo robot utilizza un codice iconico, facilmente manipolabile dai bambini e rappresentato su una pagina di programmazione, in cui l'algoritmo appare come un diagramma di flusso): semplicemente disegnare una linea spezzata o curva, una forma geometrica o muoversi nello spazio, attuando comportamenti a seconda degli ostacoli incontrati (per uscire da un labirinto, utilizzando i sensori) o semplicemente per travestire il robot e raccontare storie. Ognuna di queste opzioni prevede la trascrizione di un codice informatico e solo con la correttezza dei singoli comandi e della successione tra loro, si potrà pervenire al risultato atteso. Attualmente, in classe terza, abbiamo introdotto RCX della Lego e con questo ci siamo avventurati in un nuovo percorso, chiamato Marchingeni e Robot, perchè basato sull'uso dei robot in uso nella nostra scuola, ma anche su altri oggetti e strumenti tecnologici, appartenenti alla vita di tutti i giorni o costruiti dagli stessi alunni per uno scopo ben preciso (marchingeni). Alla base di tutto, da una parte la necessità di ricostruire quelle competenze pratiche e operative, che sembrano essere quasi completamente scomparse (come utilizzare le forbici con la carta o utilizzare oggetti di materiali diversi per assemblarli in modo da poter giocare), dall'altra la finalità di rendere visibile alla mente ciò che inizialmente è solo visibile agli occhi dei nostri alunni, attraverso la manipolazione, lo smontaggio e la ricostruzione di oggetti, per favorire la loro naturale crescita, per aumentare la loro acquisizione di competenze, per aiutarli almeno un poco a capire come si fa a capire. Come direbbe Papert [Papert, 1980], anche noi siamo convinte che la costruzione che ha luogo 'nella testa' spesso si verifica in modo particolarmente felice quando è supportata dalla costruzione di qualcosa di molto concreto: un castello di sabbia, una torta, una casa di Lego o una società, un programma per computer, una poesia, o una teoria dell'universo. Il curricolo di classe terza ha offerto numerosi spunti per la costruzione di oggetti utili alla comprensione, in geometria ( la macchina semplice, gli sviluppi dei solidi,..), in matematica ( l'abaco, macchine per contare,...), in geografia ( carte per l'orientamento,.. ), in italiano ( testi da smontare e rimontare, tavole componibili per l'analisi delle parole, ) e, naturalmente anche in tecnologia ( forme di carta per la costruzione di automobiline, omini, alberi e paesaggi). Foto 5 Oggetti costruiti in attività interdisciplinari, connesse alla Robotica Educativa

4 I punti di contatto tra le diverse discipline sono stati utilizzati per sviluppare percorsi integrati con la robotica educativa, che è divenuta uno strumento per capire meglio quanto sarebbe stato comunque realizzato in forma tradizionale. Le attività sono state svolte nelle ore di lavoro curricolare, in parte nello spazio dell'aula e in parte nel laboratorio di robotica, dove sono presenti 4 postazioni fisse, numerosi kit, i diversi materiali connessi ai robot: pile, caricabatterie, scatole, altri pezzi Lego.. ) Il nostro primo oggetto meccanizzato è stato realizzato con il mattoncino RCX e un solo motore che, con movimenti alternati (avanti e indietro) muove, tramite diversi ingranaggi, un bastone che fa sventolare una bandiera. Foto 6 Un RCX, con un solo motore, compie il lavoro di far muovere una piccola bandiera Le prime realizzazioni di Robot, montati secondo i modelli più semplici del kit, ha permesso di focalizzare l'attenzione sulle ruote. Sono stati osservati, attraverso immagini e dal vivo, numerosi mezzi di locomozione come il treno, il carro, il calesse.. per lo studio dei quali sono state messe in gioco competenze numeriche, scientifiche (dimensioni, il tempo e la velocità), linguistiche ( testo narrativo, il testo regolativo), spaziali ( orientamento), rappresentative ( il disegno) in stretta interazione reciproca, così che una è divenuta fondamentale per la comprensione e la realizzazione dell'altra, in un rapporto di complessità che ha dato valore aggiunto alle diverse attività eseguite. E la Robotica ha avuto il merito di fare da collante e di rendere manipolabile quel qualcosa che i bambini dovevano imparare: ha reso visibile la complessità della realtà e ha introdotto i nostri alunni alla comprensione delle variabili, da cui è governato il sistema in cui viviamo [Arcà, Guidoni, 1987]. Qui hanno avuto un ruolo importante le differenze individuali, (le conoscenze, i punti di vista, i linguaggi personali) ma anche il transito delle conoscenze da un linguaggio all'altro ( non solo linguistico, ma anche grafico, plastico, musicale, gestuale, ecc.)

5 Il gruppo è diventato luogo di apprendimento, perchè nell'interscambio di informazioni e osservazioni, i linguaggi di ognuno si sono potuti arricchire, e integrarsi, affinarsi, generarsi o anche scontrarsi per poi rinnovarsi. Attraverso la robotica e alla metodologia ad essa applicata, che lascia il bambino libero di interagire con l'oggetto, con gli altri bambini e con gli insegnanti, abbiamo potuto osservare in quali e quanti modi diversi questa interazione può avvenire. Infatti, è differente da soggetto a soggetto, il modo di guardare i fatti, di descriverli, di modificarli, di dare loro forma comprensibile e manipolabile. Ciò secondo il proprio punto di vista che deriva dalla propria esperienza e/o alla differente esigenza di ricostruire operativamente e cognitivamente, in maniera selettiva e schematizzata, i modi di essere dei fatti stessi ( o dei comportamenti) [Bateson,1977]. Particolarmente significativo è stato comprendere l'esistenza di questa molteplicità di linguaggi, fermandosi a guardare, concedendosi una pausa per riflettere meglio; è stato importante riflettere noi stessi sui nostri modi e lasciare spazio e tempo ai bambini, per fare, prima di tutto esperienza, muovere, toccare, guardare senza fretta, avendo il tempo per capire, e per riflettere su come si fa a capire. La didattica si è via via trasformata e ha trasformato la scuola in un luogo di ascolto: quello dei bambini che ascoltano gli altri bambini, quello degli insegnanti che dialogano tra loro per condividere e progettare, per accogliere le differenze [Perticari P.,1996] quello dellle diverse parti che interagiscono per decidere che strada intraprendere, per continuare ad imparare. Dall'osservazione dei comportamenti dei nostri alunni, ci siamo resi conto che non si può vedere/ pensare/ riflettere contemporaneamente; pertanto risulta impossibile avere contemporaneamente conoscenza della realtà in tutti i suoi aspetti. E' la mente che sceglie di volta in volta, un aspetto di ciò che succede su cui concentrarsi; lo analizza nelle sue componenti individuali, lo formalizza, mettendo in evidenza le relazioni interne; integra il risultato di ogni analisi con altre analisi e procede così scartando gli aspetti poco dominabili, per mettere a fuoco le regole per le schematizzazioni più elementari. Quando un robot compie un'operazione semplice come il movimento in avanti, ad esempio e' possibile concentrare l' osservazione sullo spazio attraversato, sul tempo impiegato per effettuare il percorso, sulla relazione tra la lunghezza del percorso e la dimensione delle ruote, sul tipo di costruzione effettuata, sul peso del robot, sulla grammatica della programmazione ecc.. E' durante questi momenti che occorre l'intervento didattico per guidare gli alunni su diverse strade cognitive: indirizzando di volta in volta l'attenzione sui diversi aspetti da considerare, facendo risaltare con il linguaggio le diverse sfaccettature e le diverse dinamiche degli eventi. Ma facendo attenzione a non sovrapporre il proprio pensiero, di insegnante adulto, a quello di un bambino che esplora quella realtà per la prima volta: ognuno vedrà quel che potrà

6 vedere e si eserciterà a cambiare punto di vista per procedere, con analisi successive alla conquista di una maggior conoscenza [Arcà, Guidoni, 1987]. Foto 7 I bambini osservano il comportamento di Scribbler. Foto 8 L'insegnante guida l'osservazione del diagramma di una programmazione Precedentemente abbiamo parlato del fatto che i robot possono aiutare i bambini a cogliere il significato delle variabili. Alla prima costruzione, secondo un modello molto semplice, il robot viene programmato per compiere movimenti in avanti, indietro a destra, a sinistra. Ad un certo punto, dopo aver provato in gruppo, viene chiesto ai bambini di sottoporre la loro costruzione ad un test: viene definito un percorso, lineare, e il robot dovrà percorrerlo senza rompersi, così da verificare la robustezza della costruzione. In questa situazione, più volte è capitato di vedere i robot eseguire uno stesso programma, con effetti differenti. La curiosità dei bambini abituati ad osservare e riflettere è sempre scattata puntuale: Ehi, come mai io ho detto al robot avanti e lui sta andando indietro? Qualcuno mi aiuta? Hai controllato i cavetti? Prova a girarli.. Perchè il robot del mio gruppo dovrebbe andare avanti e invece curva a destra? E' colpa delle ruote? No! Guarda cosa hai lasciato sotto al mattoncino! Vero, guarda qui, questo pezzetto raspa il pavimento e fa andare il robot storto Sono gli stessi bambini che imparano gli uni dagli altri, osservandosi reciprocamente, coinvolgendosi in un piacevole gioco cognitivo, di cui i robot e le loro azioni, il proprio pensiero e i pensieri degli altri, sono gli attori essenziali. La curiosità creativa è il traino dell'attività stessa, perchè condiziona le scelte; i bambini sono liberi di esprimere le loro osservazioni, le loro domande, provano modelli e comportamenti sempre nuovi, senza togliere mai spazio al programma curricolare delle diverse discipline, ma aggiungendo qualcosa al normale lavoro di insegnamento/apprendimento. Attualmente la progettazione si è intrecciata con il percorso di animazione teatrale (teatro di figura) attualmente in corso nelle nostre classi, così che è stato naturale pensare alla scenografia, introducendo oggetti meccanizzati

7 progettati direttamente dai ragazzi e piccoli robot che interagiscono per raccontare una storia, da loro costruita. Quanto previsto nella programmazione, delle diverse discipline, non è stato utilizzato in modo sequenziale ma si è intrecciato continuamente tra esperienza e riflessione, tra l'atto di costruire per sperimentare e la necessità di modificare le proprie idee, in una spirale di aggiustamenti continui. Inoltre, la scoperta che non esiste nulla di perfetto ma ogni modello può sempre essere migliorato, alla luce di nuove riflessioni o scoperte ha dato forza e continua motivazione a molti alunni. E così la voglia di mettersi alla prova, di migliorare il proprio operato, di renderlo migliore ha dato entusiasmo e voglia di fare; ha sviluppato impegno ed esercizio autonomo, migliorando gli apprendimenti e il clima della classe. La totalità degli alunni, nell'apprendere ha dimostrato una motivazione intrinseca che nessun insegnante potrebbe suscitare in tale misura. Occorre sottolineare, dunque, come l attività di Robotica educativa, contemporaneamente all'affinamento motorio/manipolatorio, abbia attivato processi, abbia introdotto modalità, procedure e favorito la nascita della capacità di pensare per decidere. Capacità che, una volta acquisita rimane per sempre. Anche mentre si fa italiano o matematica, tale capacità rimane in uso, motivando gli alunni ad una partecipazione attiva, dandogli forza per fare le proprie osservazioni e per divenire consapevole della propria capacità di conoscere. L'insegnante, in questa situazione cambia il proprio ruolo: viene percepito dagli alunni come double/face, cioè capace di insegnare ma anche di apprendere, appare disponibile a mettersi a pavimento dove si muovono i robot, per cambiare punto di vista, per dare il proprio supporto e operare mediazione culturale ( con offerte disciplinari, strumentali). E' presente al lavoro dei bambini come un coach, che dirige il lavoro, senza comparire mai in campo, dotato di quella sensibilità che gli permette di affiancarsi all'alunno per fare insieme a lui e tirare fuori quanto di meglio ognuno sa fare. 2. Problem solving In questi ultimi due anni, sulla scia delle prove Invalsi e delle relazioni dell'ocse/pisa, la nostra attenzione si è concentrata sulle attività di problem solving, inteso come la capacità di risoluzione di problemi in situazioni concrete, mediante la propria capacità critica, comparativa e creativa. Ripensando ai contenuti e ai percorsi sviluppati con i nostri alunni con la Robotica Educativa, ci siamo resi conto di quanto questa fosse proprio basata su tale capacità. Alla fine di ogni percorso, quando scattava il desiderio di mettersi alla prova, ecco concretizzarsi più di una esperienza di problem solving. Talvolta erano gli stessi allievi a sfidarsi, nella costruzione di semplici percorsi, altre

8 volte l'insegnante richiedeva una certa prova, calibrandola sulle competenze che dovrebbero essere già in parte acquisite. Occorre inoltre evidenziare, come l'esperienza di costruzione e di programmazione, siano sempre gestite in gruppo: quel che fa uno, viene condiviso con gli altri componenti del gruppo; insieme si discute delle scelte da attuare e ciò sviluppa così una maggior capacità di comunicare le proprie decisioni/azioni, divenendo sempre più consapevoli di ciò che si sta facendo. Non ci pare proprio roba da poco che mentre si gioca si possa migliorare la propria capacità di analisi e la consapevolezza metacognitiva, in un contesto collaborativo orientato alla competizione ( attività sostenuta anche dalla Robocupjr che quest'anno vede per la prima volta protagonisti anche i ragazzi under 14) [Lund, Pagliarini, 2000]. Lo sviluppo continuo di attività di Problem solving per la robotica ha suggerito la possibilità di utilizzare la stessa modalità operativa anche per le materie curricolari: la preparazione che si attua per affrontare una prova disciplinare, un compito, è stata realizzata in gruppo, così da permettere il confronto, la condivisione delle conoscenze, l'utilizzo del proprio linguaggio, o attività di mediazione nelle spiegazioni ai compagni; Il più delle volte invece di fare lezione frontale, le attività vengono presentate sotto forma di gioco, guidando gli alunni a scoprire da soli, con logica e deduzione, ad esempio, alcune regole del parlare o del contare. Abbiamo verificato che le capacità di pensiero necessarie per la risoluzione di situazioni di problem solving sono quelle già stimolate dalla Robotica educativa ( che peraltro ha lo stesso approccio al sapere, di tipo costruttivista ), come ampiamente sostenuto nel contributo di Giovanni Marcianò, La Robotica quale ambiente di apprendimento [Marcianò G., Atti di Didamatica 2007]. Il nostro tentativo è stato quello di dare una definizione più precisa di tali capacità, di trovare una metodologia che ci permettesse di potenziare le diverse abilità di pensiero necessarie, così da poterle utilizzare in modo diffuso, in tutto il curricolo, per coniugare il fare con il fare mentale. Questo lo schema, elaborato a supporto di tutta l'attività didattica, secondo la teoria delle tre intelligenze di Stemberg [Stemberg, Spear- Swerling,1997]. ANALISI (INTELLIGENZA ANALLITICA) INTUIZIONE (INTELLIGENZA CREATIVA) CONTROLLO (INTELLIGENZA PRATICA) Identificazione del problema Scelta delle informazioni rilevanti Rappresentazione delle informazioni Scelta del procedimento: codificazione selettiva combinazione selettiva analogia Formulazione di nuove domande Allocazione delle risorse Applicazione dei procedimenti Valutazione delle soluzioni Eliminazione degli errori

9 3. Alunni con bisogni speciali Anche nel campo delle disabilità la Robotica educativa ci ha dato, seppur indirettamente, una mano. Attualmente, infatti, la pratica scolastica ci mostra una sempre maggior presenza di alunni con difficoltà di apprendimento o con bisogni speciali, a cui diventa difficile rispondere in modo soddisfacente, visti i numeri alti di alunni per classe e i ridotti tempi di contemporaneità. Ma il vedere questi bambini, spesso incapaci di raggiungere le mete di apprendimento dei compagni, cimentarsi con entusiasmo in attività di Robotica, ha sciolto ogni dubbio: la Robotica è risultata essere una attività educativa inclusiva, che non separa gli alunni in bravi e meno bravi, ma che sostiene la tipicità di ognuno, facendola divenire risorsa per il gruppo degli apprendenti. La riflessione, l'analisi continua, la metacognizione, hanno aumentato la capacità di ascolto e hanno permesso a tutti di esprimere il proprio modo di vivere le diverse situazioni, garantendo la partecipazione totale e l'accettazione della diversità, favorendo l'acquisizione delle capacità essenziali per essere cittadini consapevoli, capaci di imparare ad imparare, per tutta la vita. [Raccomandazioni del Consiglio d'europa, 2006]. 4. Il Progetto Ministeriale 2.0 Presentata la domanda di candidatura al bando per l'azione 2.0, abbiamo ottenuto il finanziamento, ed ora che ripensiamo alla nostra classe e al nostro lavoro, ci rendiamo conto della grande possibilità che viene offerta a noi e ai nostri alunni, in termini di esperienza. Siamo già sicure che l'ambiente di apprendimento può essere trasformato con l utilizzo costante e diffuso delle le tecnologie, perchè in parte lo abbiamo già sperimentato. Così, In questa fase, in cui ci viene chiesto di ridefinire la nostra Idea per concretizzarne lo sviluppo nell'arco temporale dei prossimi due anni scolastici, la nostra preoccupazione principale è quella di ripensare, in modo più preciso, all'organizzazione di tutto ciò che è scuola. Vorremmo essere capaci di riunire, ciò che le discipline separano, riformulando un rapporto forte con tutti gli attori del fare scuola, ciascuno con il proprio ruolo: amministratori, insegnanti, operatori scolastici, genitori. Con un pizzico di ambizione, vorremmo che la nostra scuola potesse assomigliare un po' a quella che descrive Loris Malaguzzi: una scuola amabile, operosa, creativa, vivibile, documentabile e comunicabile (luogo di ricerca, apprendimento, ricognizione e riflessione) [Project zero -Reggio children,2009]. Certamente avere a disposizione strumenti come la lavagna interattiva o i notebook per i bambini e lo spazio aula riorganizzato, potrà fare la

10 differenza. La cosa più importante sarà riuscire a gestire le tecnologie per documentare, in modo costante e sicuro, tutto ciò che accadrà in aula e fuori. L'obiettivo della documentazione non sarà solo la comunicazione di quanto avremo realizzato, ma avrà una validità immediata maggiore: servirà a tutti, insegnanti e discenti, per tornare a riflettere sulle proprie azioni, così da tenere traccia dei processi messi in atto dalle menti che lavorano per costruire insieme conoscenza, come viene detto nel contributo di Carla Rinaldi in Rendere visibile l'apprendimento : Quando gli apprendimenti vengono documentati i bambini possono rivisitarli, e quindi dare nuovamente senso alle loro esperienze di apprendimento e allo stesso tempo riflettere su come sviluppare queste esperienze più avanti. L'interpretazione e la riflessione diventano così aspetti fondamentali della documentazione, viste non solo in retrospettiva, ma anche proiettate verso la costruzione di nuovi contesti di apprendimento. ([Project zero -Reggio Children,2009] Una riflessione da approfondire strada facendo: il valore della valutazione in un contesto di apprendimento di gruppo... Bibliografia Arcà, P. Guidoni Guardare per sistemi, guardare per variabili, Emme edizioni 1987 Bateson, G. Verso un'ecologia della mente, Milano, Adelphi, 1977 Battegazzore P. - Bee- bot, fare robotica con un giocattolo programmabile a banalità limitata, in atti DIDAMATICA 2009 H. H. Lund, L. Pagliarini, RoboCupJunior with LEGO MINDSTORMS, in Proc. Of Int. Conf. On Robotics and Automation 2000, IEEE Press, NJ 2000 IRRE Piemonte, Uso didattico della Robotica, Torino Sito di progetto Marcianò G., La Robotica quale ambiente di apprendimento, in Andronico A., Casadei G. (acd) DIDAMATICA 2007 Informatica per la didattica, Cesena, 2007a, p Papert S., Mindstorms: children, computers and powerful ideas, Basic Books, USA, 1980 Papert S., Logo Philosophy and Implementation, LCSI, Canada, 1999 Perticari P., Attesi imprevisti, Bollati Boringhieri,1996 Project Zero Reggio Children,- Rendere visibile l'apprendimento, 2009 Raccomandazioni del Consiglio d'europa, del 18 dicembre 2006, relativa a competenze chiave per l'apprendimento permanente Robert J. Sternberg, Louise Spear-Swerling, Le tre intelligenze ed. Erickson, 1997

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli