MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE FEBBRI ESTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE FEBBRI ESTIVE"

Transcript

1 MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE FEBBRI ESTIVE Andrea Rossanese Centro per le Malattie Tropicali Ospedale Sacro Cuore Don Calabria - Negrar

2 Febbre al rientro dall Angola 23/04/2013: una ragazza di 26 anni è rientrata da una breve missione a Luanda dove ha lavorato presso un ospedale missionario (date del soggiorno: 11/04-19/04/2013) Da 24 h febbre alta (t 39.1) con brividi Cefalea, tosse, artromialgie, addominalgie Otite 10 gg fa Si presenta al Medico di MG Che fare?

3 Febbre al rientro dall Angola Arriva al PS. Quali es di lab in urgenza? WBC = 4080, PLT = , PCR 7 (N < 5) Ricerca malaria negativa (ripetere??) Quali altri test in urgenza? Test rapidi dengue Controllo a 8 gg

4 Febbre al rientro dall Angola Dolori ossei devastanti Dopo 3 gg: PLT , GB ALT da 16 a 240, AST da 19 a 266 Che domanda FONDAMENTALE in anamnesi? (NB soggiorno in Brasile nel 2005 ) Invio campioni per conferma a PD? Che tempistica per invio campioni? Che tempistica per risposta? Che tempistica per notifica SISP? Che succede a Luanda?

5 Portugal ex Angola Date: Tue 15 Apr 2013 From: Jorge Seixas [edited] Preliminary Report on Dengue fever in patients from Luanda (Angola) diagnosed in Lisbon, Portugal Dengue fever in patients coming from Angola is being observed at our Travel Medicine Clinic and at the Infectious Disease Unit of the nearby Egas Moniz Hospital. In March 2013, 8 patients were diagnosed [with dengue virus infections], 7 of them in the last 2 weeks of this month [April 2013]; 11 additional patients were diagnosed so far in April In the 4 samples, amplification detected product compatible with RNA from DENV1. Sequencing and viral culture are ongoing.

6 It is becoming increasingly clear that dengue fever virus infections in Africa are substantially underreported. On Fri 12 Apr 2013, Angola's Health minister Jose Van- Dunem assured Luanda residents that the health facilities were on alert and had dengue under control. ticias/saude/2013/3/15/dengue-cases-under- control-health-minister,957dd9ec af3- ae4c-3530df5da0e4.html

7 Gould EA, Gallian P, De Lamballerie X, Charrel RN. First cases of autochthonous dengue fever and chikungunya fever in France: from bad dream to reality! Clin Microbiol Infect Dec;16(12): Schmidt-Chanasit J, Haditsch M, Schoneberg I, Gunther S, Stark K, Frank C. Dengue virus infection in a traveller returning from Croatia to Germany. Euro Surveill Oct 7;15(40). Gjenero-Margan I, Aleraj B, Krajcar D, Lesnikar V et al. Autochthonous dengue fever in Croatia, August-September Gjenero-Margan I, Aleraj B, Krajcar DEuro Surveill Mar 3;16(9).

8 Dengue Outbreak a Madeira, ottobre novembre 2012 Briton contracts dengue fever in Madeira A British holidaymaker is recovering in hospital after contracting dengue fever on a trip to the Portuguese island.

9 Dengue Outbreak a Madeira, ottobre novembre 2012 (Aedes aegypti) First sustained transmission of dengue in European Union since the 1920s (ECDC RRA, 20 November, 2012

10 Aspetti clinici (definizioni WHO) Dengue Fever Probabile: febbre acuta + due o più di: - Cefalea - Dolore retroorbitale - Mialgia - Artralgia - Eruzione cutanea - Manifestazioni emorragiche - Leucopenia E/O: sierologia compatibile altri casi nella stessa area

11 DHF

12 DF: sempre una malattia benigna??

13 Vector density matters!

14 Maschio, 55 anni. Muratore. Iperteso. Allergia a pollini (rinite) e fragole. 15/09/12 ricovero in Medicina: da 7 gg febbre + cefalea, urine ipercromiche. Assunto AB imprecisato senza beneficio. Durante il ricovero febbre elevata per 7 gg. Calo ponderale = 10 Kg. Rx torace: tenue addensamento parenchimale medio inferiore sx. BPCO. Ecocardio TE vegetazione su valvola aortica (0,9 x 0,6 cm) Emocolture dell'ingresso negative. TC torace-addome: ispessimento pleurico apicale bilaterale e duplice nodularità polmonare Gammopatia IgG/K Terapia: ceftriaxone, levofloxa, teicoplanina, lansoprazolo, candesartan.

15 ricovero per febbre WNV, MGUS IgG K, BPCO con bronchiestasie. Da 3 giorni apiretico, vigile, orientato collaborante. Non deficit neurologici. Addome, cuore e torace: ndp. Congiuntivite bilaterale. Ecoardio TT e TE: di norma Terapia AB sospesa il Sempre apiretico con indici di flogosi in riduzione. Sierologia per West Nile: positive sia IgG che IgM. PCR: negativa. PCR 6.96 *, VES 79 * mm/h PLT 657 x 10³/mm³, GB 7.55 x 10³/mm³, Hb 9.3 g/dl, Na 135 * meq/l, GGT 112 * U/L, AST 44 U/L, ALT 106 U/L

16 Donna, 87 anni. Depressione, Poliartrosi, Bronchite asmatiforme, Ipertensione 01/08/12 Ricovero in Geriatria per iporessia, calo ponderale. Peggioramento della cronica depressione. Dopo 6 gg di ricovero febbre persistente ed elevata. GB > , Hb >10.6 g/dl, PLTs > , Na 132-->136 meq/l, Funzione epatorenale e glicemia di norma, PCR >4.3 mg/dl. Emocolture ed Urocolture: negative. Liquor: limpido incolore, Proteine 103 mg/dl, Glucosio 39 mg/dl, GB 14/uL EEG: sofferenza encefalica diffusa. TC cerebrale: di norma. TC toraco-addome: Adenoma surrenalico sx (30 x 21 mm). Formazione vescicale aggettante (diam. 55 mm). Diverticolosi emicolon sn. Terapia Ampicillina 3 gr ev x 4, Acyclovir 750 mg ev x 3.

17 Positività Sierologia e PCR liquor per West-Nile Virus. Dal 16 al 22,08,2012 ricovero per meningo-encefalite da West- Nile virus, K vescica, adenoma surrenalico sx, diverticolosi colon sx, depressione, bronchite cronica asmatiforme, cardiopatia ipertensiva. PLT , GB 7.840, Hb 9.8 * g/dl, PCR 0.51 * mg/dl Rapida ripresa funzioni mnesiche, intellettive e motilità del tronco.

18 Maschio 61 anni Imprenditore. Nega fumo e alcol. Gita a Torre di Mosto a inizio luglio: contatto con animali e zanzare. 18/07 febbre (max 39.5 C) continua e cefalea. 21/07 MMG prescrive Bactrim, Tachipirina senza miglioramento. 24/07/12. Ricovero in Medicina: da 7 gg febbre remittente con picchi notturni (39.5 ) e brivido. Al 3 giorno di ricovero scotomi, "ragnatela" nel campo visivo. Vis. oculistica: OD emorragie infiammatorie in corso di pars planite. Al 5 giorno algie muscolari in particolare a cosce e gambe. 07/08/2012 Trasferito in Mal Inf per febbre di ndd. Terapia: Levofloxacina + Bassado.

19 6 emocolture negative, TC cerebri, Eco Addome di norma. Iniziale linfopenia, monocitosi e lieve aumento transitorio transaminasi. CMV/EBV, malaria, HIV, HBV, HCV, TB, Borrelia, Widal Wright neg. TC torace-addome: epatomegalia steatosica. Diverticolosi sigma-colon sx. Durante la degenza sempre apiretico e in buone condizioni generali. RM encefalo (13/08) ed Ecocardio TT (10/08): nella norma. EEG (09/08): modeste anomalie lente in temporo-patietale bilaterale. Sierologia Chikungunya e PCR Dengue: neg. Sierologia WN IgG/IgM del 06/08: +/+, WNV-neutralizzazione: + > 1:40. PCR 06/08: +, 10/08 WNV PCR su sangue : neg. WNV PCR su urine: +. 13/08/2012 comparsa deficit completo VII nervo cranio dx. RM encefalo e PL di norma. 13/08/12 dimesso: infezione West Nile. Paralisi VII nervo cranico dx. Pars planite OD. Attualmente in riduzione la paralisi del VII dx.

20 Virus Flavivirus, RNA, causa zoonosi Utilizza ospiti aviari come amplificatori e vettori ornitofilici. 1 isolato nel distretto West Nile, Uganda, 1937 Giunge in Europa (zoonosi) nel 1999 Vettori Vettori Aviari enzootici- epizootici Cx. pipiens, Cx. restuans Vettori epizootici per mammiferi, epidemici per uomo Cx. pipiens, Cx. restuans?

21 Ciclo di Transmissione del Virus West Nile Le zanzare si nutrono su uccelli infettati dal virus West Nile Zanzare infette trasmettono il virus a uomo e animali durante pasto ematico

22 Segni Clinici Uccelli: spesso mortale (Corvidi sp.) Bovini, Ovini, Cani e Gatti Sospettare WNV in animali con febbre + sintomi neurologici/cardiaci Facilmente infettabili, non sono ospiti amplificanti Cavalli Mortale nel 40 % dei casi Paralisi, disfagia, carattere alterato, sonnolenza, iperestesia, cecità, marcia propulsiva, atassia, convulsioni Influenza-like

23 Uomo Puntura di zanzara infetta Esposizione occupazionale (allevatori di alligatori e pollame) Contaminazioni (Incisione in corso autopsie, punture con aghi infetti) Nuove vie di trasmissione Trasfusioni di sangue e derivati Trapianto d organo Contagio perinatale Allattamento

24 Infezioni umane da WNV 1/150 di tutte le infezioni causa Malattia Neuroinvasiva (WNND) <1% WNND ~20% West Nile fever Infezione Fatale : < 0.1% di tutte le infezioni 10% di WNND Stime ~80% No symptoms

25 Segni clinici di infezione da WNV Segni e sintomi in pz. ospedalizzati con WNV Febbre > 38 o C 98.3% Cefalea 57.9% Alterazioni coscienza 46.8% Confusione 39.5% Vomito 31.3% Rigor 28.7% Rash 21.8% GI sintomi (dolore addominale) 18.5% Coma 16.7% Mialgia 15.4% Segni focali neurologici 9.4% Linfoadenopatia 4.3% Chowers et al. EID :675

26 Febbre West Nile : Quadro Clinico Asintomatica o quadro lieve simil-dengue Incubazione 3 15 gg Malattia autolimitantesi con rapida guarigione Febbre, cefalea, mialgie, astenia, talora mal di gola Nausea, vomito Rash maculopapulare (tronco > arti), adenomegalie Debilitazione, può persistere per settimane In anziani o con co - morbidità può progredire verso meningite asettica o encefalite Rare complicanze: miocardite e pancreatite

27 WNV Rash Rash più frequente in: * - Malattia lieve (febbre >Meningite >Encefalite) - Pazienti giovani (meno di 65 aa > oltre 65 aa) *Ferguson et al., Clin Infect Dis 2005;41: ; Huhn et al. AJTMH. 2005;72:

28 Malattia neuroinvasiva da West Nile - Meningite e/o Encefalite sintomi neurologici 1-2 gg. da esordio febbre - Paralisi Flaccida Acuta (AFP) Rara (12% casi di WNND, 23% pz ospedalizzati. Casi in corso di epidemia Più frequente nei giovani in buona salute Spasmi muscolari involontari Sindromi Parkinson s-like Sintomi polio-like Interessamento cells corna anteriori Acuta, asimmetrica flaccidità gambe / paralisi - Altre manifestazioni neurologiche

29 WNV e Malattia Oculare Incidenza assoluta ignota, ma frequenti report Manifestazioni più frequenti: Corioretinite Emorragia retinica Vitreite Atrofia talora neurite ottica Decorso in genere benigno; raro deficit visivo stabile WNV e altre malattie d organo Malattia viscerotropica: rara Occasionali rabdomiolisi, epatite, pancreatite, miocardite

30 West Nile Virus - Prognosi Recupero in genere totale in pz. non ospedalizzati Adulti: - recupero + lento rispetto ai bambini - talora con deficit residui Tra pz. Ospedalizzati: 50% recupero funzionale parziale 40% recupero totale Maggiore mortalità in pazienti > 50 aa.

31 Diagnosi Usualmente leucopenia; rara leucocitosi moderata CSF pleiocitosi, lieve protidorrachia Iposodiemia lieve nel 50% dei casi Viremia per ~10 gg in immunocompetenti (picco a 4-8 gg) In immunocompromessi, possibile viremia per oltre 4 sett. Siero o CSF RT-PCR per RNA virale Sierologia IgM Siero o incremento IgG in IF, ELISA, HI, IFA Problema: cross reaction con altri flavivirus (dengue, YF, vaccini/viaggi) CSF IgM IF, ELISA, HI, IFA WNV ritrovato nel cervello e nel midollo in autopsia CT or MRI scan: non-specifiche

32 Encefalite West Nile Trattamento e Prevenzione Terapia: Supporto Ribavirina? Interferone alfa 2b? Vaccino: In corso di studio (studio fase 1) Vaccino WNV per Cavalli Vaccino approvato nel 2002, Virus ucciso 2 dosi 3-6 sett. una dall altra con richiamo annuale Esclusivo uso veterinario

33 Sorveglianza Testare gli uccelli morti Gruppi di polli sentinella Raccolta zanzare Test per patogeni Controllo di specie Larve e adulti di zanzara Mappare habitats Mantenere archivi Determinare la nocività del singolo vettore

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto

TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Descrizione ed analisi del problema La febbre West Nile (West Nile Fever) è una malattia provocata dal

Dettagli

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica?

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? L IZSVe è un ente sanitario di diritto pubblico che svolge attività di prevenzione, di controllo e di ricerca nell ambito del

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 INCONTRO CON LA CITTADINANZA Diffusione delle ZANZARE e ZECCHE nel nostro

Dettagli

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex DG PREV A: ASSESSORATI ALLA

Dettagli

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013 MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 Bologna, 17 maggio 2013 Chikungunya-Dengue Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli Servizio

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

Le malattie trasmesse da vettori e il piano di controllo di Chikungunya e Dengue 2008

Le malattie trasmesse da vettori e il piano di controllo di Chikungunya e Dengue 2008 Le malattie trasmesse da vettori e il piano di controllo di Chikungunya e Dengue 2008 Il ruolo del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Famiglia Dott. R.Piroli NCP Fontanellato Distretto Fidenza

Dettagli

Piano di sorveglianza delle Arbovirosi - 2015 INDICE

Piano di sorveglianza delle Arbovirosi - 2015 INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE... 2 SCOPO... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 CONTENUTO... 4 PREMESSA... 4 FEBBRE CHIKUNGUNYA E DENGUE... 5 MALATTIA DA VIRUS WEST NILE... 10 ALTRE

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Newsletter N. 8 Ottobre 2008 WEST NILE VIRUS

Newsletter N. 8 Ottobre 2008 WEST NILE VIRUS Responsabile: Dott. Massimo Valsecchi Redazione: D.ssa Giuseppina Napoletano giuseppina.napoletano@ulss20.verona.it Dott. Federico Gobbi fgobbi@ulss20.verona.it D.ssa Nguyen Thi My Dung thimydung.nguyen@ulss20.verona.it

Dettagli

Protocollo per la sorveglianza delle febbri estive in Regione Veneto, anni 2011-2012

Protocollo per la sorveglianza delle febbri estive in Regione Veneto, anni 2011-2012 giunta regionale 9^ legislatura pag. 1/9 Protocollo per la sorveglianza delle febbri estive in Regione Veneto, anni 2011-2012 giugno 2011 pag. 2/9 Premessa Il presente protocollo sviluppa e parzialmente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0017674-30/06/2014-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex DG PREV A: ASSESSORATI ALLA SANITÀ REGIONI STATUTO

Dettagli

Loredana Nicoletti Istituto Superiore di Sanità

Loredana Nicoletti Istituto Superiore di Sanità Loredana Nicoletti Istituto Superiore di Sanità La malattia da virus Chikungunya era una forma relativamente rara di febbre virale debilitante causata da un alphavirus trasmessa dalla puntura della zanzara

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

Mononucleosi infettiva

Mononucleosi infettiva Mononucleosi infettiva Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La mononucleosi infettiva è una malattia acuta ad andamento quasi sempre spontaneamente benigno che interessa il sistema reticolo-istiocitario,

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

10 settembre 2012, n. 8

10 settembre 2012, n. 8 10 settembre 2012, n. 8 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla mortalità negli uccelli selvatici

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Infezione congenita da Citomegalovirus 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Citomegalovirus Il CMV è la principale causa di infezione congenita nei paesi sviluppati incidenza 0,3-2% di tutti i nati

Dettagli

Caso clinico: un dilemma diagnostico

Caso clinico: un dilemma diagnostico APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE ALL'ITTERO OSTRUTTIVO Verona, 1 ottobre 2010 Caso clinico: un dilemma diagnostico M Bortul 1, S Scomersi 1, F Vassallo 2, T Stocca 3 1 S.C.Clinica Chirurgica-Azienda Ospedaliero

Dettagli

West Nile Disease in Italia nel 2012

West Nile Disease in Italia nel 2012 19 luglio n. 3, 2012 West Nile Disease in Italia nel 2012 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014 Bollettino epidemiologico WND 5 gennaio 205 n.6 West Nile Disease in Italia nel 204 Sommario Introduzione 2 Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli di specie bersaglio 5

Dettagli

Caso clinico. Legionellosi nel paziente con infezione da HIV AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA. U.O.Malattie Infettive

Caso clinico. Legionellosi nel paziente con infezione da HIV AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA. U.O.Malattie Infettive AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA U.O.Malattie Infettive Caso clinico Legionellosi nel paziente con infezione da HIV Dr.ssa Daniela Segala Uomo, 42 anni, msm HIV+ dal 1997 CDC A3 DATI SIEROLOGICI

Dettagli

Protocollo per la sorveglianza passiva delle febbri estive in Regione Veneto

Protocollo per la sorveglianza passiva delle febbri estive in Regione Veneto Protocollo per la sorveglianza passiva delle febbri estive in Regione Veneto Luglio 2010 1 Premessa Il presente protocollo indica alcune linee operative a integrazione dei precedenti protocolli regionali

Dettagli

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HCV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Patogenesi... 2 Modalità e vie di trasmissione... 3 Sintomatologia ed evoluzione...

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Dott.ssa Paola Angelini Servizio Sanità pubblica D.G. Sanità e Politiche

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLA CHIKUNGUNYA

SORVEGLIANZA DELLA CHIKUNGUNYA SORVEGLIANZA DELLA CHIKUNGUNYA Premessa A partire dal Marzo 2005, l isola de La Rèunion (Repubblica Francese) ed altre zone limitrofe dell Oceano Indiano sono state interessate da una epidemia di chikungunya

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA)

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) L. Tadini EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) E caratterizzata da un sanguinamento nello spazio subaracnoideo con spandimento di sangue tra le due leptomeningi. Può manifestarsi in qualsiasi fascia di età ma

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Due coliche renali come tante

Due coliche renali come tante Near miss diagnosis Due coliche renali come tante TORTORE Andrea Medicina d urgenza e Pronto Soccorso Il primo caso clinico Uomo di 43 anni, accesso DEA per dolore al fianco sinistro, trattato come colica

Dettagli

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune.

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. Virus Epatici Maggiori HAV,HBV,HCV,HDV,HEV Virus Epatici Minori EBV, CMV,HSV Alterazioni

Dettagli

La filariosi e altre malattie causate da parassiti

La filariosi e altre malattie causate da parassiti Centro veterinario alla Ressiga La filariosi e altre malattie causate da parassiti Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Filariosi cardiopolmonare (Dirofilaria immitis) La filariosi cardiopolmonare è

Dettagli

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno!

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno! La Zanzara tigre in bergamasca La comparsa di un alieno! Raffaello Maffi Dipartimento di Prevenzione Medico Direzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL di Bergamo LE ZANZARE sono insetti presenti in

Dettagli

Epatite cronica HBV Epatite cronica HCV Effetti collaterali dei farmaci e monitoraggio

Epatite cronica HBV Epatite cronica HCV Effetti collaterali dei farmaci e monitoraggio Epatite cronica HBV Epatite cronica HCV Effetti collaterali dei farmaci e monitoraggio Dr. Claudio Gozzini U.O. Gastroenterologia A.O. G. Salvini Presidio Ospedaliero Rho OBIETTIVI DEL TRATTAMENTO ANTIVIRALE

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV Relazione scientifica finale (13/10/2014) Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV INTRODUZIONE: L'epatite C è una malattia infettiva, causata

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia CMV e T. gondii Principali Differenze:

Dettagli

Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005. Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna

Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005. Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI CENTRO EMILIANO ROMAGNOLO DI EPIDEMIOLOGIA VETERINARIA Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005 IN QUESTO

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Vaccinazione antimorbillo in Italia Introduzione della vaccinazione Vaccinazione universale Disponibile dal 1976 Raccomandato dal Ministero della Salute dal 1979 Fino

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020115-16/06/2015-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex-dgprev DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ

Dettagli

Il punto di vista del Pediatra ospedaliero

Il punto di vista del Pediatra ospedaliero Torino, 27 novembre 2010 Tumori cerebrali in età pediatrica: dalla clinica al trattamento Il punto di vista del Pediatra ospedaliero Dott. Luigi Besenzon Dott. Nicola Sardi Pediatria, Ospedale SS. Annunziata,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

L emergenza Chikungunya in Emilia-Romagna: apprendere dall esperienza. Chikungunya emergency in Emilia-Romagna: learning through experience

L emergenza Chikungunya in Emilia-Romagna: apprendere dall esperienza. Chikungunya emergency in Emilia-Romagna: learning through experience L emergenza Chikungunya in Emilia-Romagna: apprendere dall esperienza Chikungunya emergency in Emilia-Romagna: learning through experience Paola Angelini, 1 Alba Carola Finarelli, 1 Giuliano Silvi, 2 Bianca

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

INFEZIONE ACUTA DA VIRUS DELL IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA

INFEZIONE ACUTA DA VIRUS DELL IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA 3 CLASSIFICATO EX-AEQUO INFEZIONE ACUTA DA VIRUS DELL IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA Stefano Qualizza, Francesco Bragantini e Angela Londero Clinica di Malattie Infettive A.O.U. S.Maria della Misericordia,

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli Valutazione del test CMV nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza Gianna Mazzarelli 21/10/2014 Citomegalovirus (CMV) Famiglia Herpesviridae Sottofamiglia β Herpesvirinae Tipica morfologia

Dettagli

CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO

CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO NUOVO OSPEDALE DI SANTORSO Unità Operativa Complessa di Chirurgia Direttore: Dott. Matteo Rebonato CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO Dott.ssa M. Fontana,

Dettagli

IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA

IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA Dr.ssa Silvia Beretta 21 maggio 2011 Dolore osteo-articolare Approccio diagnostico differenziale dolore Sintomo prevalente della patologia osteo-articolare

Dettagli

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi PREMESSA Qualunque sistema di sorveglianza sanitaria di patologie trasmissibili raccoglie ed elabora informazioni

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott.

Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott. CASO CLINICO Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott.Fabrizio Magnolfi ANAMNESI PATOLOGICA RECENTE maschio, 26 anni inviato

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Patologie trasmesse da punture di insetto. Epidemiologia locale Cona (Ferrara) 7 giugno 2014

Patologie trasmesse da punture di insetto. Epidemiologia locale Cona (Ferrara) 7 giugno 2014 Patologie trasmesse da punture di insetto. Epidemiologia locale Cona (Ferrara) 7 giugno 2014 Marco Libanore Unità Operativa Complessa Malattie Infettive A.O.U. Nuovo Arcispedale S.Anna Polo Ospedaliero

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena R.T., maschio, di anni 51, giunto alla nostra osservazione per epatite cronica

Dettagli

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo EPATITE B: DIAGNOSI. Il Laboratorio GA Niro, A Andriulli Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo La descrizione del meccanismo replicativo del virus

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA!

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Andrea Mangiagalli Medico di Medicina Generale Specialista in Microchirurgia e Chirurgia Sperimentale DOTTORE,

Dettagli

Epatiti virali. Capitolo 8

Epatiti virali. Capitolo 8 Epatiti virali Capitolo 8 L epatite virale è un infiammazione del fegato causata da virus. Ad oggi i principali virus dell epatite conosciuti sono: virus epatite A (HAV), virus epatite B (HBV), virus epatite

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

WEST NILE DISEASE. Caratteristiche della patologia

WEST NILE DISEASE. Caratteristiche della patologia WEST NILE DISEASE Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia West Nile Disease (WND), West Nile neuroinvasive disease (WNND), West Nile Fever (WNF), Febbre del Nilo

Dettagli