Impianti sprinkler LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI- NCENDIO / it

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti sprinkler LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI- NCENDIO. 01.06.2011 / 10001-11it"

Transcript

1 Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI- NCENDIO Le presenti linee guida non sono vincolanti, ma rappresentano un mezzo ausiliario per i singoli Cantoni, risp. le loro autorità di protezione antincendio. Esse contengono proposte per l applicazione della direttiva Impianti sprinkler nei Cantoni. Si intendono quale strumento di lavoro per i Cantoni, che potranno utilizzarle come base per le proprie Istruzioni. I singoli Cantoni decidono autonomamente se e in quale misura vorranno adottare le linee guida e dove ritengono di apportare degli adeguamenti. Impianti sprinkler / it

2 Impianti sprinkler / it LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Copyright 2011 Berne by VKF / AEAI / AICAA Note: Nelle linee guida per Istruzione le disposizioni della direttiva antincendio Impianti sprinkler sono evidenziate in grigio. Per l'ultimo aggiornamento del presente documento si prega di consultare il sito Internet Il documento può essere richiesto presso: Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Bundesgasse 20 Casella postale CH Berna Tel Fax Internet 2

3 LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Impianti sprinkler / it Indice 1 Campo d applicazione 4 2 Necessità 4 3 Allarme 4 4 Servizi d ispezione Generalità Competenza Requisiti 5 5 Registro degli impianti 5 6 Esame del progetto, collaudi e controlli Esame del progetto Collaudi di impianti nuovi o modificati e in seguito a revisioni generali Generalità Documentazione Controlli periodici Generalità Ambito del controllo Categorie di rischio Periodicità dei controlli Controlli straordinari Eliminazione dei difetti, controlli suppletivi Impianti prescritti e impianti sovvenzionati dall Assicurazione fabbricati Impianti installati a titolo facoltativo, non sovvenzionati dall Assicurazione fabbricati, con collegamento alla centrale ufficiale d allarme incendio Rapporto di collaudo / controllo Costi Attività del servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio dell autorità di protezione antincendio Attività dei servizi d ispezione designati dall autorità di protezione antincendio 9 7 Funzionalità operativa e manutenzione 9 8 Ulteriori disposizioni 9 9 Eccezioni 9 10 Entrata in vigore 9 Appendice 10 L indice elenca gli argomenti che possono essere completati a scopo di chiarimento delle procedure o nel senso di complemento alle disposizioni cantonali. 3

4 Impianti sprinkler / it LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Ogni Cantone deve decidere sulla base della propria legislazione in quale forma deve / può emanare le disposizioni supplementari. Ciò può avvenire p.es. come nel presente caso sotto forma di Istruzione. Occorre chiarire quali disposizioni sono già contenute in un ordinanza cantonale e / o se devono essere completate, nonché quale organo è autorizzato a emanare le disposizioni. 1 Campo d applicazione 1 La presente istruzione stabilisce i requisiti che gli impianti sprinker devono soddisfare, come devono essere progettati, collaudati e controllati e chi esegue la direzione dei progetti, i collaudi e i controlli. Fa stato anche per la sostituzione degli impianti sprinkler. 2 L istruzione si basa sulle disposizioni giuridicamente vincolanti della Norma di protezione antincendio e della direttiva antincendio Impianti sprinkler, e completa le stesse ai sensi di disposizioni modello nell ambito di competenza esecutiva delle autorità di protezione antincendio. 3 Essa è destinata alle proprietarie e ai proprietari, alle installatrici e agli installatori di impianti sprinkler e ai servizi d ispezione per impianti tecnici antincendio. 4 Essa fa stato per gli impianti sprinkler prescritti e per tutti gli altri collegati alle centrali ufficiali d allarme incendio. Non sono oggetto della presente istruzione gli impianti installati a titolo facoltativo e quelli non collegati alla centrale ufficiale d allarme incendio. 5 Non sono oggetto della presente istruzione i requisiti dettagliati che nel corso della progettazione, dell installazione, del funzionamento, della manutenzione e del controllo di impianti sprinkler sono da considerarsi conformi allo stato attuale riconosciuto della tecnica. I documenti da osservare concernenti lo stato della tecnica vengono indicati nell elenco periodicamente aggiornato della commissione tecnica dell AICAA) (VKF, casella postale, 3001 Berna o 6 Per impianti sprinkler in costruzioni e impianti che non vengono realizzati come strutture permanenti (cosiddette costruzioni mobili) le disposizioni si applicano per analogia. 2 Necessità 1 Le costruzioni e gli impianti così come i compartimenti tagliafuoco che vanno protetti con impianti sprinkler sono elencati nella direttiva antincendio Impianti sprinkler. 2 In casi dubbi decide l autorità di protezione antincendio se le costruzioni e gli impianti o i compartimenti tagliafuoco devono essere protetti con impianti sprinker. 3 Allarme Per la trasmissione delle segnalazioni d allarme dell impianto sprinkler alla centrale ufficiale d allarme incendio deve essere osservato il rispettivo regolamento vigente dell autorità di protezione antincendio. 4 Servizi d ispezione L autorità cantonale di protezione antincendio può fungere direttamente da servizio d ispezione o conferire questo compito a terzi servizi adeguati. L autorità di protezione antincendio definisce autonomamente i requisiti posti al servizio d ispezione (segue una proposta al capoverso 4.3). 4.1 Generalità L esame dei progetti, i collaudi e i controlli degli impianti sprinkler vengono eseguiti dal servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio dell autorità di protezione antincendio o da un servizio d ispezione designato dalla stessa. 4

5 LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Impianti sprinkler / it 4.2 Competenza 1 Il servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio dell autorità di protezione antincendio è competente per l esame dei progetti e i collaudi: di impianti sprinkler prescritti; di impianti sprinkler sovvenzionati dall autorità di protezione antincendio; di impianti sprinkler installati a titolo facoltativo non sovvenzionati, con collegamento alla centrale ufficiale d allarme incendio; così come per i controlli periodici: di impianti sprinkler prescritti; di impianti sprinkler sovvenzionati dall autorità di protezione antincendio. 2 I servizi d ispezione designati dall autorità di protezione antincendio sono competenti per i controlli periodici: 4.3 Requisiti di impianti sprinkler installati a titolo facoltativo non sovvenzionati con collegamento alla centrale ufficiale d allarme incendio; e per i controlli ordinati dalla centrale ufficiale d allarme incendio. I servizi d ispezione designati dall autorità di protezione antincendio dispongono di un accreditamento valido, rilasciato dal servizio di accreditamento svizzero SAS secondo ISO / IEC 17020, quale servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio (impianti sprinkler e impianti automatici di estinzione a acqua). 5 Registro degli impianti L autorità di protezione antincendio / servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio tiene un registro degli impianti sprinkler prescritti, di quelli sovvenzionati dall Assicurazione fabbricati e di tutti gli altri collegati alle centrali ufficiali d allarme incendio, con indicazione dei dati tecnici e dei controlli eseguiti. 6 Esame del progetto, collaudi e controlli (vedi appendice) 6.1 Esame del progetto I progetti relativi agli impianti sprinkler (ad esempio per impianti nuovi, revisioni generali e ampliamenti di impianti con più di 10 sprinkler o 100 m 2 di superficie di base così come per modifiche sostanziali) prima dell inizio dei lavori devono essere presentati da una ditta riconosciuta mediante il modulo AICAA Annuncio all autorità di protezione antincendio per l autorizzazione. Vanno inoltrati i seguenti documenti: a modulo Annuncio ; b calcoli idraulici con piani isometrici; c piante e sezioni; d disposizione di depositi risp. scaffalature a destinazione deposito. 5

6 Impianti sprinkler / it LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO 6.2 Collaudi di impianti nuovi o modificati e in seguito a revisioni generali Generalità 1 L ultimazione dell impianto va notificata tempestivamente prima del collaudo all autorità di protezione antincendio mediante il modulo AICAA Attestato d installazione. 2 Dietro presentazione del modulo AICAA Attestato d installazione, gli impianti sprinkler vengono sottoposti a una prova di collaudo. 3 In merito a ogni collaudo viene redatto un protocollo. 4 Ciò vale anche per importanti ampliamenti, modifiche di impianti esistenti così come in seguito a revisioni generali. 5 Per il collaudo, l impianto sprinkler deve essere completamente installato e la rispettiva funzionalità garantita. Gli asservimenti devono essere documentati. I protocolli dei test integrali effettuati vanno presentati all autorità di protezione antincendio competente. 6 Il controllo di collaudo non esonera l installatore / installatrice dalla sua responsabilità Documentazione 1 In merito ad ogni impianto sprinkler ultimato vanno deposti i seguenti documenti nella centrale dell impianto: a piani d orientamento ad uso dei pompieri; b piano di utilizzo con indicazioni per ogni settore su valvola d allarme, superficie del settore, uso, pericolo d incendio, categoria delle merci, estinguenti, genere di deposito, altezza di scaffalatura ammessa e anno di costruzione; c schema dell impianto e schema della centrale; d istruzioni per l uso; e registro dei controlli; f direttive per l esecuzione di controlli della funzionalità e comportamento in caso di interruzione del funzionamento dell impianto; g piano d allarme (asservimento dispositivo di allarme e di comando); h altri documenti necessari, come p.es. schema elettrico in caso di approvvigionamento proprio. 2 Se diverse ditte sono responsabili per la rivelazione dell incendio, il dispositivo di comando e i dispositivi ad attivazione automatica come impianti estinguenti, porte antincendio, impianti ascensori e simili, le interfacce devono essere identificabili nel dossier tecnico. 3 In caso di ristrutturazioni, ampliamenti o altre modifiche di impianti sprinkler esistenti, così come in seguito a revisioni generali, i documenti devono essere aggiornati. 6.3 Controlli periodici Generalità 1 Gli impianti sprinkler devono essere controllati periodicamente. 2 La periodicità dei controlli dipende dal tipo, dalla dimensione e dalla destinazione d uso di costruzioni, impianti o compartimenti tagliafuoco controllati dall impianto. 6

7 LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Impianti sprinkler / it Ambito del controllo Il controllo periodico comprende sostanzialmente: a controllo dell istruzione del custode dell impianto sprinker e del suo supplente così come della tenuta del registro dei controlli; b controllo della funzionalità dell impianto inclusi i dispositivi di segnalazione e di allarme; c controllo dello stato a norma di prescrizione dell impianto, dell area di protezione, dei pericoli d incendio così come delle categorie delle merci e delle altezze di scaffalatura delle merci stoccate. Allo scopo si esegue un giro d ispezione; d verifica dell alimentazione idrica. La suddivisione in categorie di rischio può servire alla gestione differenziata in funzione della destinazione d uso e contribuire a ottimizzare le risorse presenti. Classificazione e termini possono essere adeguati, o in alternativa si può optare per un intervallo di controllo identico per tutti gli impianti Categorie di rischio 1 Categoria di rischio 1 - Negozi e grandi magazzini - Attività d alloggio 2 Categoria di rischio 2 - Edifici e impianti con locali con grande concentrazione di persone - Edifici alti, edifici a corte, edifici a doppia pelle 3 Categoria di rischio 3 - Edifici industriali, artigianali e amministrativi, edifici scolastici senza locali con grande concentrazione di persone - Costruzioni e impianti speciali come depositi con scaffali alti, impianti di trasporto e simili - Autosili e autorimesse per veicoli a motore 4 Categoria di rischio 4 - Impianti sprinkler finalizzati in primo luogo all asservimento delle installazioni della protezione tecnica antincendio Periodicità dei controlli La periodicità dei controlli per gli impianti sprinkler è la seguente: - categoria di rischio 1 3 anni - categoria di rischio 2 4 anni - categoria di rischio 3 5 anni - categoria di rischio 4 specificatamente in funzione dell oggetto, almeno però ogni 7 anni 6.4 Controlli straordinari 1 L autorità di protezione antincendio può ordinare controlli straordinari di impianti sprinkler (p.es. in seguito a fulmine). 7

8 Impianti sprinkler / it LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO 2 Impianti particolarmente a rischio, impianti complessi o impianti che sono sovente oggetto di contestazioni, possono essere sottoposti a controlli straordinari su ordine dell autorità di protezione antincendio. 6.5 Eliminazione dei difetti, controlli suppletivi Impianti prescritti e impianti sovvenzionati dall Assicurazione fabbricati 1 I proprietari notificano per iscritto al servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio l avvenuta eliminazione dei difetti. Se necessario, viene effettuato un controllo suppletivo. Il risultato del controllo suppletivo va comunicato per iscritto ai proprietari con l eventuale termine per la nuova eliminazione dei difetti. 2 I proprietari notificano per iscritto al servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio l avvenuta eliminazione dei difetti dopo il primo controllo suppletivo. Se il termine di eliminazione scade inutilizzato, segue un secondo controllo suppletivo. L esito del secondo controllo suppletivo va comunicato per iscritto ai proprietari con un eventuale nuovo termine per l ulteriore eliminazione dei difetti. 3 Se anche in seguito al secondo controllo suppletivo i difetti non saranno eliminati, o lo saranno solo parzialmente, scatta da parte del servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio una notifica all autorità di protezione antincendio. Quest ultima ordina l eliminazione dei difetti mediante una decisione impugnabile Impianti installati a titolo facoltativo, non sovvenzionati dall Assicurazione fabbricati, con collegamento alla centrale ufficiale d allarme incendio 1 L esecuzione dell eliminazione degli eventuali difetti rientra nelle responsabilità dei proprietari. Si rinuncia a una verifica dell eliminazione dei difetti da parte dei servizi d ispezione designati dall autorità di protezione antincendio. 2 A dipendenza dello stato dell impianto sprinkler, la centrale ufficiale d allarme incendio può a sua volta richiedere l eliminazione dei difetti. 6.6 Rapporto di collaudo / controllo 6.7 Costi 1 Il collaudo / controllo dell impianto sprinkler viene confermato per iscritto ai proprietari da parte del centro d ispezione competente mediante un rapporto di collaudo / controllo. 2 Il rapporto di collaudo / controllo comprende: - status dell impianto (prescritto, sovvenzionato o installato facoltativamente e collegato alle centrali ufficiali d allarme incendio) - condizioni dell impianto - eventuali difetti - provvedimenti per l eliminazione dei difetti - termine di eliminazione dei difetti (solo per impianti prescritti e impianti sovvenzionati dall Assicurazione fabbricati) La questione dei costi si pone in modo diverso in ogni Cantone e deve essere gestita secondo il regolamento cantonale sulle tasse, risp. la prassi della rispettiva Assicurazione fabbricati. 8

9 LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Impianti sprinkler / it Attività del servizio d ispezione per impianti tecnici antincendio dell autorità di protezione antincendio 1 Da parte del servizio d ispezione non vengono riscossi i costi per: a accertamento preliminare e esame del progetto; b collaudo di impianti nuovi, modificati o ampliati nonché di impianti a seguito di revisione generale; c controllo periodico; d controllo straordinario; e primo controllo suppletivo in seguito a eliminazione dei difetti per impianti prescritti e impianti sovvenzionati. 2 Altre misure sono a carico dei proprietari. La fatturazione avviene tramite l autorità di protezione antincendio Attività dei servizi d ispezione designati dall autorità di protezione antincendio 1 I costi del servizio d ispezione per: a controlli periodici; b controlli ordinati dalla centrale ufficiale d allarme incendio; sono a carico dei proprietari. 2 La fatturazione e l incasso avvengono per il tramite dei servizi d ispezione direttamente a carico dei proprietari. 7 Funzionalità operativa e manutenzione Proprietari e gestori di impianti sono responsabili della manutenzione degli impianti sprinkler, che devono essere mantenuti in buono stato, come previsto dalla normativa, e sempre pronti all'uso. 8 Ulteriori disposizioni Gli atti normativi e le pubblicazioni da osservare a complemento della presente Istruzione sono riportati da parte dell autorità di protezione antincendio nel Foglio ufficiale del Canton così come nell elenco periodicamente aggiornato nel sito 9 Eccezioni L autorità di protezione antincendio può accordare deroghe alle disposizioni della presente Istruzione. 10 Entrata in vigore La presente Istruzione entra in vigore il 1 giugno

10 Impianti sprinkler / it LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Appendice Gli esempi dei processi vengono cortesemente messi a disposizione dalla Polizia cantonale di Zurigo. Essi espongono in modo dettagliato i possibili svolgimenti e potranno servire come supporto alle singole autorità cantonali di protezione antincendio per illustrare e ev. verificare i propri processi. Cifra 6 Accertamento preliminare, esame del progetto, collaudi e controlli Descrizione del processo per progettazione, installazione e funzionamento Installazione / Adeguamento / Ristrutturazione / Revisione generale di impianti sprinkler Collegamento trasmissione allarme alla centrale ufficiale d allarme incendio (CAI) 10

11 LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Impianti sprinkler / it 11

12 Impianti sprinkler / it LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO 12

13 LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Impianti sprinkler / it 13

14 Impianti sprinkler / it LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO 14

15 LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTINCENDIO Impianti sprinkler / it 15

REGOLAMENTO ANTINCENDIO

REGOLAMENTO ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Procedura di riconoscimento 22.09.2010

Dettagli

Ditte specializzate per impianti di rivelazione d'incendio REGOLAMENTO

Ditte specializzate per impianti di rivelazione d'incendio REGOLAMENTO Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio REGOLAMENTO

Dettagli

Edifici con facciate doppie

Edifici con facciate doppie Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

Impianti di evacuazione di fumo e calore

Impianti di evacuazione di fumo e calore Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di evacuazione di fumo

Dettagli

DIRETTIVA ANTINCENDIO

DIRETTIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti sprinkler 01.01.2015

Dettagli

PROMEMORIA ANTINCENDIO

PROMEMORIA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Installazione di sistemi di filtri

Dettagli

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Palcoscenici 05.05.2003 / 107-03i

Dettagli

Impianti di rivelazione d'incendio

Impianti di rivelazione d'incendio Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di rivelazione d'incendio

Dettagli

Impianti automatici di combustione a legna

Impianti automatici di combustione a legna Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

DIRETTIVA ANTINCENDIO

DIRETTIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Segnalazione delle vie di fuga

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Soluzioni degli esempi: Impiego di prodotti edili

Soluzioni degli esempi: Impiego di prodotti edili Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Soluzioni degli esempi: Impiego di prodotti edili Data: 21.01.2015 Versione: 1.0 Pagina 1 Vereinigung

Dettagli

Segnalazione delle vie di fuga - Illuminazione di sicurezza - Alimentazione elettrica di emergenza

Segnalazione delle vie di fuga - Illuminazione di sicurezza - Alimentazione elettrica di emergenza Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Segnalazione delle vie di fuga

Dettagli

Impianti di rivelazione d incendio

Impianti di rivelazione d incendio Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di rivelazione d incendio

Dettagli

DIRETTIVA ANTINCENDIO

DIRETTIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen ssociation des établissements cantonaux d assurance incendie ssociazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio DIRETTIV NTINCENDIO Impianti ascensori

Dettagli

Regolamento Sulla trasmissione di impianti di segnalazione di pericoli alla Centrale di ricezione di allarmi della Polizia cantonale dei Grigioni

Regolamento Sulla trasmissione di impianti di segnalazione di pericoli alla Centrale di ricezione di allarmi della Polizia cantonale dei Grigioni Regolamento Sulla trasmissione di impianti di segnalazione di pericoli alla Centrale di ricezione di allarmi della Polizia cantonale dei Grigioni 1. In generale In collaborazione con la Telecomunicazione

Dettagli

D I R E T T I V A. sul controllo degli impianti di deposito per liquidi pericolosi per la acque. 1 Obiettivo 1. 2 Basi legali 1

D I R E T T I V A. sul controllo degli impianti di deposito per liquidi pericolosi per la acque. 1 Obiettivo 1. 2 Basi legali 1 Amt für Natur und Umwelt Uffizi per la natira e l ambient Ufficio per la natura e l ambiente Gürtelstrasse 89, 7001 Chur/Coira Marzo 2007 Telefono: 081 257 29 46 / Telefax 081 257 21 54 E-Mail: info@anu.gr.ch

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Ordinanza sulla sicurezza degli ascensori

Ordinanza sulla sicurezza degli ascensori Ordinanza sulla sicurezza degli ascensori (Ordinanza sugli ascensori) Modifica del 17 agosto 2005 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 23 giugno 1999 1 sugli ascensori è modificata

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

Ordinanza sulle procedure di certificazione della protezione dei dati (OCPD)

Ordinanza sulle procedure di certificazione della protezione dei dati (OCPD) Ordinanza sulle procedure di certificazione della protezione dei dati (OCPD) del... Avamprogetto del 1 febbraio 2007 Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 11 capoverso 2 della legge federale

Dettagli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli EN 81-73 Comportamento degli ascensori in caso di incendio Ing. Paolo Tattoli Premessa Questa norma si applica a tutti gli ascensori Deve esserci una chiara separazione tra il sistema di controllo dell

Dettagli

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Materiali da costruzione e parti della costruzione

Materiali da costruzione e parti della costruzione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Materiali da costruzione e parti

Dettagli

Condizioni di segnalazione OPAN

Condizioni di segnalazione OPAN Condizioni di segnalazione OPAN 1. Parti contraenti, Verein für ambulante Dienste der Stadt Bern, Könizstrasse 60, casella postale 450, CH- 3000 Berna 5, di seguito denominata offerente e l'organizzazione

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori FAQ Le domande più frequenti... sugli ascensori 1. Cosa devono appurare le verifiche periodiche? Le verifiche periodiche sono dirette ad accertare se le parti dalle quali dipende la sicurezza di esercizio

Dettagli

Dispositivi di spegnimento

Dispositivi di spegnimento Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Dispositivi di spegnimento 26.03.2003

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali 1. Premessa... 1 2. Basi legali... 2 3. Il sistema d informazione per

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Norma AOMAS / Regolamento: revisione 2010 Versione definitiva: 2010-10-10 1 / 12 Informazioni sulla revisione La presente revisione del regolamento

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Regolamento relativo alle manifestazioni

Regolamento relativo alle manifestazioni Utilizzare il gas liquefatto in tutta sicurezza Regolamento relativo alle manifestazioni Versione: marzo 2015 Copyright by FVF 1 Indice Pagina 1 Scopo 3 2 Campo di applicazione 3 3 Procedura 3 4 Attuazione

Dettagli

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (OTDis) del 12 novembre 2003 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

Concetto di formazione

Concetto di formazione Concetto di formazione per - Specialisti antincendio AICAA - Specialisti in protezione degli edifici dai rischi naturali AICAA Associazione Istituti cantonali assicurazione antincendio AICAA Formazione

Dettagli

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) 748.127.5 del 5 febbraio 1988 (Stato 1 agosto 2008) Il Dipartimento federale dei trasporti, delle comunicazioni e delle energie,

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014)

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014) Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione gennaio 2014) 2 Regolamento d investimento Indice 1. Basi 3 2. Gestione del patrimonio 3 3. Obiettivi

Dettagli

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze Marino Mariani CEA Estintori SpA Sviluppo e Supporto ai Servizi di Sicurezza e Antincendio Imola, 19 novembre

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Polimeccanica/Polimeccanico con attestato federale di capacità (AFC) del 3 novembre 2008 45705 Polimeccanica AFC/Polimeccanico AFC Polymechanikerin EFZ/Polymechaniker

Dettagli

Finanziamento dei costi supplementari in base all art. 7 cpv. 7 della LEne e all art. 5a-5c dell OEn

Finanziamento dei costi supplementari in base all art. 7 cpv. 7 della LEne e all art. 5a-5c dell OEn Pagina 1 di 10 Istruzione concernente il finanziamento dei costi supplementari (FCS) dell organismo indipendente Finanziamento dei costi supplementari in base all art. 7 cpv. 7 della LEne e all art. 5a-5c

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 DELLA COMMISSIONE I L 92/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.4.2008 REGOLAMENO (CE) N. 304/2008 DELLA COMMISSIONE del 2 aprile 2008 che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo

Dettagli

Revisione parziale dell ordinanza sull allarme (OAll) Rapporto esplicativo

Revisione parziale dell ordinanza sull allarme (OAll) Rapporto esplicativo Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Ufficio federale della protezione della popolazione Berna, 8 aprile 2013 Revisione parziale dell ordinanza sull

Dettagli

Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo

Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo (ORECO) 822.223 del 29 marzo 2006 (Stato 9 maggio 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 56 e 106 della legge federale del 19 dicembre

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

Particolarità nell applicazione del DPR 462/01

Particolarità nell applicazione del DPR 462/01 Particolarità nell applicazione del DPR 462/01 Ambito di applicazione del DPR 462/01 Sono soggette all applicazione del DPR 462/01 soltanto le attività che rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs.

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Titolo PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Riferimento Data entrata in vigore Approvato da PR PART ON/MACC/X Rev. 0 del 01/06/2016 IMQ

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

Ordinanza sulla protezione dei marchi

Ordinanza sulla protezione dei marchi Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Modifica del 2 settembre 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 23 dicembre 1992 1 sulla protezione dei marchi è modificata come segue:

Dettagli

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO Natale Nozzanica Milano, 17 novembre 2015 NELLA FASE DI DELL AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO, IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO

Dettagli

GW102. Regolamento. GW102 i Edizione gennaio 2007 REGOLAMENTAZIONE

GW102. Regolamento. GW102 i Edizione gennaio 2007 REGOLAMENTAZIONE Schweizerischer Verein des Gas- und Wasserfaches Société Suisse de l Industrie du Gaz et des Eaux Società Svizzera dell Industria del Gas e delle Acque Swiss Gas and Water Industry Association SVGW SSIGE

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.O. - Appendice Settore Occhialeria

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.O. - Appendice Settore Occhialeria Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.O. - Appendice Settore Occhialeria APPENDICE SETTORE OCCHIALERIA 1 - Obiettivo Il presente documento

Dettagli

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica)

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Criteri di base Legge federale del 9 aprile 978 sulla formazione professionale (vlfpr) Ordinanza

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 1 gennaio

Dettagli

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente (Ordinanza sull agricoltura biologica) Modifica del 29 ottobre 2014 Il Consiglio federale

Dettagli

Applicazione della direttiva 95/16/CE relativa alla messa in esercizio di ascensori e montacarichi

Applicazione della direttiva 95/16/CE relativa alla messa in esercizio di ascensori e montacarichi Applicazione della direttiva 95/16/CE relativa alla messa in esercizio di ascensori e montacarichi (Schema di decreto del Presidente della Repubblica n. 111) N. 146 8 ottobre 2014 Camera dei deputati XVII

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Ordinanza dell Ufficio federale delle comunicazioni sugli impianti di telecomunicazione

Ordinanza dell Ufficio federale delle comunicazioni sugli impianti di telecomunicazione Ordinanza dell Ufficio federale delle comunicazioni sugli impianti di telecomunicazione 784.101.21 del 14 giugno 2002 (Stato 27 settembre 2005) L Ufficio federale delle comunicazioni, visto l articolo

Dettagli

Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet)

Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet) Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet) del Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 54a della legge del 1 luglio 1966 1 sulle epizoozie (LFE), decreta:

Dettagli

870.130 Ordinanza sulla riscossione di tasse e di spese dai detentori di veicoli a motore e di biciclette nel Cantone dei Grigioni

870.130 Ordinanza sulla riscossione di tasse e di spese dai detentori di veicoli a motore e di biciclette nel Cantone dei Grigioni 870.130 Ordinanza sulla riscossione di tasse e di spese dai detentori di veicoli a motore e di biciclette nel Cantone dei Grigioni emanata dal Governo il 24 ottobre 1977 giusta l'art. 16 dell'ordinanza

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016 Collaboratore/collaboratrice qualificato/a della contabilità Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiduciario Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiscale edupool.ch Patrocinio: veb.ch, Società

Dettagli

COMUNE DI ALZATE BRIANZA Prov. di Como Area Edilizia Privata SUAP Servizi Ambientali e Associati

COMUNE DI ALZATE BRIANZA Prov. di Como Area Edilizia Privata SUAP Servizi Ambientali e Associati COMUNE DI ALZATE BRIANZA Prov. di Como Area Edilizia Privata SUAP Servizi Ambientali e Associati Piazza Municipio n.1 22040 Alzate Brianza (CO) Telefono 031/6349300 Fax 031/632.785 e mail: uffici@alzatebrianza.org

Dettagli

Ispezione di aziende soggette ad autorizzazione secondo l articolo 13 dell ordinanza sulle derrate alimentari e gli oggetti d uso

Ispezione di aziende soggette ad autorizzazione secondo l articolo 13 dell ordinanza sulle derrate alimentari e gli oggetti d uso Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione protezione dei consumatori Guida Berna, 31 marzo 2011 Ispezione di aziende soggette ad autorizzazione

Dettagli

Bozza UNI - Riproduzione riservata

Bozza UNI - Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E01169291 Modalità operative per le verifiche metrologiche periodiche e casuali Parte 1: Generalità Operative instruction for periodic and random metrological

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2006 47413 Installatrice elettricista AFC/Installatore elettricista AFC Elektroinstallateurin EFZ/Elektroinstallateur

Dettagli

520.12 Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione

520.12 Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione (Ordinanza sull allarme, OAll) del 5 dicembre 2003 (Stato 30 dicembre 2003) Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti condizioni verranno applicate a tutte le offerte emesse dall Organismo Notificato NWE. L O.N. offre

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011 Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Impiantistico Antinfortunistico 1) ATTIVITA DI VERIFICHE PERIODICHE CONTESTO Il Servizio Impiantistico Antinfortunistico UOIA - effettua principalmente verifiche

Dettagli

Sistema di gestione per la qualità

Sistema di gestione per la qualità Revisione 04 Pag. 1 di 10 INDICE 1 OBIETTIVO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ... 2 3 PRINCIPI E STRUTTURA DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E PER L ACCREDITAMENTO...

Dettagli

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Regolamento della legge di applicazione alla legislazione federale in materia di persone straniere dell 8 giugno 1998 concernente i cittadini CE-AELS e i cittadini di stati terzi beneficiari dell accordo

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica DECRETO 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. IL DIRETTORE

Dettagli

Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati

Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati SEMINARIO DI SVILUPPO PROFESSIONALE DEI FORMATORI IPAF 2016 Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati Maurizio Quaranta - IPAF Jacopo Bolpagni - BUREAU VERITAS Bologna, 21 Gennaio 2016 Savoia

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza relativa alle macchine, OMacch) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 e 16 capoverso 2 della legge federale del 19 marzo

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010.

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. 1. GENERALITÀ 1.1 FINALITA DEL PIANO Il presente documento dovrà

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI SETTORE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI TERNI SETTORE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO PROT. N. 23690 DEL 3 MAGGIO 2012 Oggetto: Art. 208 D.lgs. 152/2006 e s.m.i. GIONTELLA QUINTO EREDI S.A.S DI ANTONIO GIONTELLA & C. Autorizzazione unica per un nuovo impianto di recupero di rifiuti speciali

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 01/04/2012 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo Pagina 1 di 6 APPENDICE SETTORE ARREDO 1 - Obiettivo Il presente documento

Dettagli

Le Principali Novità

Le Principali Novità TESTO UNICO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE DAGLI INFORTUNI SUL LAVORO D. L.vo 81/08 Le Principali Novità Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il testo unico in materia di tutela della salute e sicurezza

Dettagli