MINIRASSEGNA/MINIREVIEW INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINIRASSEGNA/MINIREVIEW INTRODUZIONE"

Transcript

1 Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giornale Italiano di Microbiologia Medica Odontoiatrica e Clinica Vol. V, N o 1, 2001 p Organo ufficiale della S.I.M.M.O.C. Copyright INTRODUZIONE 1 Dipartimento di Igiene e Microbiologia, Università degli Studi di Palermo. I procarioti hanno iniziato la loro evoluzione 3,8 miliardi di anni fa ed hanno continuato ad evolversi sino ad occupare ogni nicchia ecologica sul nostro pianeta, dai ghiacci polari alle profondità oceaniche. Le circa 2500 specie batteriche comprese nelle Approved Lists of Bacterial Names [Skerman et al., 1989] non riflettono la reale varietà di batteri nell ambiente, ed ogni tentativo di stimarne la reale consistenza sarebbe presuntuoso. È ragionevole, quindi, affermare che la maggior parte delle specie è oggi ancora sconosciuta. I procarioti attualmente conosciuti rappresentano in realtà quella piccola frazione delle comunità microbiche che hanno storicamente attirato l attenzione dell uomo in quanto coinvolte nella patologia umana o animale o perché in qualche modo rientrano nella sfera di interesse dell uomo. Fino a tempi recenti, inoltre, le nostre conoscenze sulla diversità microbica erano limitate ai germi coltivabili nei comuni terreni batteriologici. In questi ultimi anni, i progressi nelle tecniche mediche e chirurgiche sono stati accompagnati da un corrispondente incremento delle patologie sostenute da germi opportunisti con habitat ambientale, da qui la necessità anche per il microbiologo clinico di identificare microrganismi che in passato non erano di suo interesse. Classicamente, la distinzione di generi e specie è stata effettuata in base a caratteri fenotipici e schemi di identificazione basati su di essi sono ancora oggi utilizzati nella maggior parte dei laboratori. Questi test hanno però il grave limite di non essere applicabili indifferentemente a qualunque specie batterica e vanno selezionati di volta in volta in base all orientamento diagnostico. Inoltre, alcuni gruppi batterici esprimono assai pochi dei caratteri fenotipici normalmente utilizzati a scopo identificativo e sono quindi difficili da differenziare. Infine, non è possibile studiare il fenotipo di batteri non coltivabili. Più recentemente, tecniche chemotassonomiche, basate su diversi metodi analitici volti a raccogliere informazioni sui costituenti chimici della cellula batterica, acidi grassi, proteine, polisaccaridi, hanno rappresentato una alternativa alla fenotipizzazione classica dei batteri al fine di ottenerne una corretta identificazione. Esse però sono spesso laboriose, necessitano della coltivazione del germe per ottenere grosse quantità di materiale da sottoporre all analisi e sono utili solo per alcuni gruppi batterici. I progressi fatti nel campo della biologia molecolare hanno messo a disposizione un certo numero di tecniche (clonaggio, PCR, sonde di DNA, etc.) che prescindono dalla coltivabilità del germe e che si sono rivelate capaci di dare una visione unitaria della genealogia delle diverse specie batteriche, mediante l utilizzo di molecole semantiche per gli studi filogenetici. È oggi universalmente accettato che l RNA ribosomico (rrna) ed i suoi geni (rdna), sono delle molecole in grado di essere utilizzate come cronometro molecolare [Weisburg et al., 1991; Woese, G.M. Giammanco 1 *Autore di riferimento: F. Genovese

2 54 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Figura 1 Allineamenti di sequenze del gene rrs con evidenziata nel riquadro un frammento di sequenza altamente conservato in Staphylococcus aureus. Figura 2 Albero filogenetico prodotto dall allineamento di sequenze di rdna 16S. Nel riquadro un raggruppamento di ceppi di Staphylococcus aureus.

3 GIMMOC Vol.V N o 1, ]. L rdna contiene regioni altamente conservate a causa dei suoi obblighi strutturali e funzionali ma anche sequenze variabili. Ciò ha permesso di utilizzarlo a fini tassonomici, per la definizione su base genetica di generi e specie, a fini diagnostici, per il sicuro riconoscimento anche di batteri di difficile diagnosi o di ceppi con caratteristiche fenotipiche aberranti, e a fini epidemiologici, come strumento per caratterizzare e differenziare ceppi appartenenti alla stessa specie. Il metodo più diretto per determinare le relazioni filogenetiche fra gli organismi è rappresentato dal confronto delle sequenze primarie dell rrna o rdna (Figura 1) ottenute mediante sequenziamento [Lane, 1991]. Più di 4000 sequenze di rrna della piccola subunità (SSU) ribosomica e più di 400 della grande subunità (LSU) sono state finora depositate nella banca dati del Ribosomal Database Project (RDP) [Maidak et al., 1999]. Questo gran numero di sequenze consente la costruzione di alberi filogenetici in cui andare a posizionare una sequenza ignota in modo tale da giungere ad una sua identificazione per approssimazione. Un esempio relativo al genere Staphylococcus viene mostrato nella Figura 2: il dendrogramma calcolato in base alla distanza genetica fra le sequenze dei ceppi in esame permette di correlare facilmente i 5 ceppi clinici di S. aureus con il ceppo tipo. Usando questo approccio è stato possibile dimostrare che nel mondo degli organismi viventi esistono tre domini: Archea, Bacteria ed Eucarya [Woese et al., 1990] e che all interno del dominio Bacteria è possibile individuare diverse linee di discendenza maggiori (Tabella I). La sistematica batterica in passato è stata basata fonda- Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing Tabella I Linee maggiori di discendenza all interno del dominio Bacteria (adattato da Busse et al., 1996). Branch Subbranch Taxa rappresentativi Proteobacteria -subclass Agrobacterium/Rhizobium/Sphingomonas -subclass Alcaligenes/Neisseria/Comamonas -subclass Pseudomonas/Enterobacteriaceae -subclass Bdellovibrio/Desulfovibrio -subclass Helicobacter/Campylobacter Flavobacterium/Cytophaga/ Bacteroides/Cytophaga/Sphingobacterium/ Bacteroides-branch Flexibacter Gram-positivi Bacillus/Clostridium Bacillus/Clostridium/Mycoplasma/Listeria Actinomycetes Corynebacterium/Mycobacterium/Nocardia Gram-positivi con parete Veillonella/Heliobacterium/Selenomonas cellulare anomala Cyanobacteria/ Cyanobacteria/cloroplasti chloroplast-branch Spirochaetales Spirochaetaceae/ Borrelia/Spirochaeta/Treponema/ Leptospiraceae Leptospira/Leptonema Chlorobiaceae-branch Planctomyces-branch Thermus/Deinococcus-branch Chloroflexus/ Thermomicrobium-branch Verrucomicrobium-branch Propiogenium-branch Thermotoga-branch Aquifer/ Hydrogenobacter-branch Chlorobium Planctomyces/Pirellula/Gemmata Thermus/Deinococcus Chloroflexus/Thermomicrobium Verrucomicrobium Propiogenium Thermotoga/Fervidobacterium Aquifer/Hydrogenobacter

4 56 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Tabella II Confronto delle apparecchiature e reagenti necessari e dei costi stimati per l acquisto delle apparecchiature e per ogni singola reazione utilizzando il metodo RFLP e il DNA-sequencing (adattato da Olive & Bean, 1999). RFLP DNA sequencing Apparecchiature Thermocycler Thermocycler Gel box DNA sequencer Alimentatore Computer Sistema fotografico Software di analisi Materiali Reagenti per PCR Kit PCR sequenziamento Primers Enzimi di restrizione Costi stimati RFLP DNA-sequencing Apparecchiature $ $ Materiali di consumo/reazione $ 5 $ 20 Lavoro/reazione $ 9 $ 20 Totale/reazione $ 14 $ 40 mentalmente su caratteri fenotipici biochimici e morfologici. Attualmente, i nuovi ordinamenti filogenetici, basati sullo studio dell rrna, hanno spesso contraddetto i classici schemi tassonomici ed hanno permesso di classificare nuove specie batteriche, facendo sì che esse potessero essere incluse nel genere e nella famiglia di appartenenza [Yabuuchi et al., 1990; Busse et al., 1992; Denner et al., 1994]. Per quanto ora detto, il sequenziamento dell rdna sembrerebbe la migliore strategia da seguire per l identificazione molecolare di ceppi sconosciuti. Uno dei principali inconvenienti di questo approccio è, però, rappresentato dalla complessità della determinazione delle sequenze e degli allineamenti che, benché largamente automatizzato, permette di analizzare limitate quantità di ceppi clinici, richiede personale tecnico qualificato e costose apparecchiature non alla portata di tutti i laboratori. Inoltre, l assenza di criteri di selezione per il deposito di sequenze nell RDP determina inconvenienti legati alla scarsa affidabilità di alcune delle sequenze presenti nella banca. Una via alternativa per sfruttare l informazione filogenetica presente nelle molecole di rdna è rappresentata dall analisi con enzimi di restrizione del gene amplificato mediante Polymerase Chain Reaction (PCR). Questo metodo, chiamato RFLP (Restriction Fragments Length Polymorphism), permette di calcolare velocemente ed in maniera semplice la diversità genetica fra i ceppi in base al numero di frammenti di DNA condivisi. L analisi genetica può essere effettuata su regioni codificanti molto più lunghe di quelle che possono essere agevolmente sequenziate ed in questa analisi verranno in gran parte ignorate le variazioni minori del codice genetico. Esso risulta particolarmente a- datto per lo studio di gruppi cospicui di stipiti, in quanto la complessità del metodo è ridotta dal punto di vista tecnico. Inoltre, le apparecchiature necessarie sono alla portata della maggior parte dei laboratori e il costo di una identificazione effettuata con questo metodo risulta nettamente inferiore rispetto al sequenziamento [Olive & Bean, 1999] (Tabella II). Negli ultimi dieci anni lo studio dei profili elettroforetici ottenuti dopo digestione con endonucleasi della sequenza dell rd- NA 16S (rrs) amplificata mediante PCR (16S - Amplified Ribosomal DNA Restriction Analysis (ARDRA) è stato utilizzato ampiamente e con successo per l identificazione di molti microrganismi e per studi filogenetici e di ecologia microbica. Uno o più enzimi di restrizione in combinazione sono stati usati nei diversi studi e si è fatto sempre più ampio ricorso alla analisi computerizzata dei profili di restrizione. Ma l analisi dell rrs, a causa delle piccole dimensioni del frammento amplificato

5 GIMMOC Vol.V N o 1, Tabella III Variabilità nella lunghezza della regione spacer IGS dei 7 alleli rrn di Escherichia coli [Young et al., 1979; Brosius et al., 1981; Harvey et al., 1988]. Denominazione allele Lunghezza spacer rrna 437 rrnb 441 rrnc 355 rrnd 437 rrne 355 rrng 431 Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing rrnh 447 (~1500 paia di basi (pb)), ha un potere di risoluzione troppo basso per essere applicata a specie batteriche molto vicine come è stato rilevato dal confronto di sequenze complete del 16S di specie appartenenti ai generi Bacillus [Fox et al., 1992] ed Aeromonas [Martinez-Murcia et al., 1992]. Il gene che codifica per l RNA ribosomico 23S (rrl) è più grande (~3000 pb) e presenta per questo un potere di risoluzione maggiore rispetto all rrs [Olsen & Woese, 1993]. La regione spaziatrice intergenica fra rrs ed rrl (16S-23S Intergenic Spacer Region (IGS)) ha un tasso di mutazione molto più elevato rispetto ad rrs ed rrl [Gurtler & Stanisich, 1996]. La sua lunghezza varia notevolmente a seconda della specie, da 60 pb (Thermoproteus tenax) fino a 1500 (Bartonella elizabethae), e varia persino, sebbene in misura più ridotta, fra le diverse copie dell operone rrn che possono essere presenti nello stesso genoma batterico (da una sola copia in Mycobacterium tuberculosis [Bercovier et al., 1986] e Mycoplasma pneumoniae [Amikam et al., 1984] a 10 copie in Bacillus subtilis [Loughney et al., 1982]). Anche le sette copie o alleli rrn presenti in Escherichia coli hanno regioni 16S-23S IGS di diversa lunghezza e sequenza [Young et al., 1979; Brosius et al., 1981; Harvey et al., 1988] (Tabella III). Grazie all elevata variabilità di questa regione, l analisi dei prodotti di amplificazione della 16S-23S IGS (PCR-ribotyping) si è dimostrata in grado di differenziare ceppi appartenenti alla stessa specie [Jensen et al., 1993; Kostman et al., 1995]. Applicando l analisi di restrizione ad un unico frammento amplificato comprendente rrs, 16S-23S IGS, ed rrl si possono ottenere contemporaneamente informazioni sia dalle regioni più conservate (identificazione al livello di specie) sia da quelle con maggiore tasso di mutazione (tipizzazione intraspecie). Questo approccio si è dimostrato efficace nell identificazione di Comamonadaceae [Vaneechoutte et al., 1992], Francisella spp. [Ibrahim et al., 1996] and Acinetobacter spp. [Ibrahim et al., 1996; Garcìa-Arata et al., 1997; Dijkshoorn et al., 1998]. Un metodo standardizzato di identificazione su base genetica e di genotipizzazione basato sull analisi mediante enzimi di restrizione dei prodotti di amplificazione (PCR) dell intero operone che codifica per l rrna (rrn), comprendente il gene rrs, il gene rrl e la regione intergenica 16S-23S IGS, è stato recentemente messo a punto e denominato amplified rrn RFLP [Giammanco et al., in preparazione]. Il metodo amplified rrn RFLP. La genotipizzazione tramite amplified rrn RFLP è un metodo universale utilizzabile per l identificazione di qualsiasi batterio. Infatti, gli stessi primer possono essere utilizzati per amplificare l operone rrn sia per i batteri Gram-positivi sia per quelli Gram-negativi, aerobi obbligati, anaerobi facoltativi, anaerobi obbligati. Trattandosi di un metodo molecolare, esso fornisce risultati affidabili anche nel caso di ceppi con caratteri fenotipici anomali che ne impediscono l identificazione con le metodiche tradizionali.

6 58 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Figura 3 Struttura dell operone rrn in Escherichia coli e posizione dei primer rrn RFLP (Ad ed O24/3). Figura 4 Profili di restrizione calcolati in silico per ognuno dei sette operoni rrn e profilo in silico risultante dalla somma dei sette operoni (virtuale) paragonato al risultato sperimentale (sperimentale). La procedura, dopo una tappa iniziale di estrazione del DNA batterico, prevede l amplificazione mediante PCR dell operone rrn usando due primer universali situati rispettivamente all estremità iniziale 5 del gene rrs e vicino all estremità terminale 3 del gene rrl (Figura 3), in regioni altamente conservate. Si ottiene così un unico frammento amplificato sul quale si potrà operare l analisi di restrizione.

7 GIMMOC Vol.V N o 1, La scelta delle endonucleasi di restrizione per la digestione enzimatica dei prodotti di amplificazione dell operone rrn è fondamentale nel determinare la sensibilità dell analisi stessa, giacché endonucleasi che tagliano poche volte la sequenza amplificata daranno luogo a pochi frammenti di restrizione e ciò implicherà una minore variabilità nei profili. Questa scelta può essere profiquamente indirizzata dall analisi della sequenza dell operone rrn in un ceppo di riferimento appartenente al genere o alla specie che si intende studiare. Recentemente il ceppo di Escherichia coli K-12 MG1655 è stato interamente sequenziato [Blattner et al., 1997] e la sua sequenza completa è disponibile nella banca dati EMBL (accession no. U00096). I frammenti della sequenza corrispondenti ai tratti amplificabili nelle sette copie dell operone rrn (da A ad E, G ed H) sono stati da noi utilizzati per selezionare le endonucleasi più interessanti. Su ognuna delle sette sequenze sono state effettuate delle restrizioni virtuali (in silico) con il software Geneman (DNAStar, Inc., Madison, WI). Nell ambito di una serie di enzimi di restrizione, sono state selezionate le endonucleasi Hha I e Mbo II poiché le loro sequenze di attacco si presentavano con una appropriata frequenza nella sequenza amplificabile. Combinando tutti i frammenti di restrizione virtuali ottenuti dai sette operoni, è stato quindi ottenuto un profilo di restrizione in silico per ognuno dei due enzimi (Figura 4). I profili calcolati in silico con i due enzimi suddetti sono stati utilizzati per convalidare i risultati sperimentali. Il ceppo di E. coli K-12 la cui sequenza era stata utilizzata per produrre i profili in silico, è stato sottoposto ad analisi sperimentale mediante amplified rrn RFLP utilizzando le due endonucleasi, Hha I e Mbo II, selezionate in silico. I prodotti di restrizione sono stati sottoposti a separazione elettroforetica in gel di agarosio. I frammenti di restrizione così separati sono stati colorati con bromuro di etidio e visualizzati su transilluminatore UV. L immagine (Figura 5) catturata tramite videocamera è stata analizzata (numero di bande e peso molecolare dei frammenti) mediante i moduli RestrictoScan e RestrictoTyper del programma Taxotron (Taxolab, Institut Pasteur, Paris, France). L accuratezza del metodo è stata dimostrata mediante il confronto dei profili sperimentali con i rispettivi profili in silico la cui corrispondenza è stata perfetta (Figura 4). Mediante lo stesso approccio comparativo è stato addirittura possibile valutare l importanza di alcuni parametri inerenti le caratteristiche delle endonucleasi e le condizioni di migrazione elettroforetica nel determinare la comparsa di artefatti. In particolare, è stata dimostrata la necessità di inattivare termicamente l endonucleasi Mbo II prima di procedere alla migrazione elettroforetica dei prodotti di restrizione [Giammanco et al., 1999]. Se non inattivato, questo enzima, come tutte le endonucleasi della classe II-S, rimane legato al frammento di DNA clivato e ne altera così il peso molecolare determi- Figura 5 Profili di restrizione sperimentali del ceppo Escherichia coli K-12 MG1655 ottenuti con Hha I (H) ed Mbo II (M). A, P, N: standard di pesi molecolari. Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing

8 60 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Figura 6 L inattivazione dell enzima Mbo II impedisce la formazione di artefatti. L: standard di pesi molecolari; A: enzima inattivato; B: bassa concentrazione di enzima attivo; C: alta concentrazione di enzima attivo. Frecce: artefatti. nando la comparsa di alcune bande come conseguenza di artefatti e la scomparsa di altre (Figura 6). Il programma Taxotron è stato utilizzato per analizzare i profili di restrizione sperimentali e per calcolare la taglia dei frammenti di restrizione di una serie di ceppi di collezione appartenenti a diverse famiglie e generi batterici ed è stata verificata la possibilità di identificarli a livello di specie [Giammanco et al., 1998]. Particolare interesse è stato rivolto alla famiglia delle Enterobacteriaceae [Giammanco et al., 1998b], al genere Acinetobacter ed agli Streptococchi [Schlegel et al., 1999]. Nel caso del genere Acinetobacter, è stato possibile differenziare chiaramente le quattro genospecie, A. calcoaceticus, A. baumannii, A. specie 3, e DNAgruppo 13, che compongono il cosiddetto calcoaceticus-baumannii complex (Figura 7) così denominato proprio per la difficoltà nel distinguere le specie che lo compongono in base ai soli caratteri fenotipici. Negli enterobatteri è stato possibile individuare profili tipici per ogni specie, anche nell ambito di quei generi Figura 7 Profili di restrizione ottenuti con l enzima di restrizione Mbo II da ceppi di riferimento appartenenti alle 4 genospecie all interno di Acinetobacter calcoaceticus-baumannii complex.

9 GIMMOC Vol.V N o 1, Figura 8 Dendrogramma di ceppi di riferimento appartenenti alle 11 specie genomiche del genere Citrobacter prodotto dal confronto dei profili ottenuti con 3 enzimi di restrizione (HhaI, Sau3A I, ed Mbo II). Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing in cui le differenze fenotipiche sono ridotte, come nel caso del genere Citrobacter (Figura 8). Tutti i profili ottenuti sono stati integrati in una banca dati per permettere l identificazione di ceppi selvaggi. In questo modo, l identificazione di un ceppo isolato da materiale clinico può essere ottenuta per confronto con un archivio di immagini relative alle varie specie batteriche, in gran parte già costituito. CONCLUSIONI L amplified rrn RFLP è una metodica semplice e veloce che si è dimostrata in grado di distinguere specie geneticamente molto vicine come le genospecie appartenenti ai generi Acinetobacter e Citrobacter. Le apparecchiature necessarie per l amplified rrn RFLP sono presenti nella maggior parte dei laboratori che si occupano di biologia molecolare, mentre il costo degli apparecchi di sequenziamento è ancora elevato. Inoltre, nell amplified rrn RFLP il costo di ogni singola reazione, in termini di materiali di consumo e di costo della manodopera, è inferiore di due terzi rispetto al sequenziamento. Diversi software per l analisi di immagini di profili di restrizione sono oggi disponibili sul mercato. Fra i più diffusi vi sono: BioGene (Vilber-Lourmat, Marne-la-Vallèe, France), GelCompar (Applied Maths, Kourtrai, Belgium) e Taxotron (Taxolab, Institut Pasteur, Paris, France). Il programma Taxotron, originariamente sviluppato per la ribotipizzazione, permette di acquisire i profili di restrizione in maniera semi-automatica e di confrontarli con i profili precedentemente memorizzati, consentendo di ottenere una identificazione del profilo in esame in tempi ridottissimi. L amplified rrn RFLP dimostra di poter essere standardizzato e può permettere quindi lo scambio di dati fra diversi laboratori e la creazione di banche dati inter-laboratorio per il confronto dei profili di restrizione. In attesa, quindi, di una diminuizione dei costi relativi al sequenziamento, l utilizzo della metodica amplified rrn RFLP può essere suggerito in tutti quei casi in cui si ritenga necessario ricorrere alla analisi dell RNA ribosomico per identifi-

10 62 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco care un ceppo batterico sconosciuto. La capacità dell amplified rrn RFLP di tipizzare i ceppi batterici permettendo di caratterizzare stipiti appartenenti alla stessa specie è ancora in corso di valutazione e dipende certamente dalla scelta degli enzimi di restrizione. È però possibile che l informazione genetica derivante dallo studio dei siti di restrizione all interno dell operone rrn sia insufficiente per questo tipo di analisi per la quale il sequenziamento potrebbe essere un approccio più efficace. BIBLIOGRAFIA Amikam D., Glaser G., Razin S. Mycoplasmas (Mollicutes) have a low number of rrna genes. J. Bacteriol., 158: , Bercovier H., Kafri O., Sela S. Mycobacteria possess a surprisingly small number of ribosomal RNA genes in relation to the size of their genome. Biochem. Biophys. Res. Commun., 136: , Blattner F.R., Plunkett G. 3 rd, Bloch C.A., et al. The complete genome sequence of Escherichia coli K-12. Science, 277(5331): , Brosius J., Dull T.J., Sleeter D.D., Noller H.F. Gene organization and primary structure of a ribosomal RNA operon from Escherichia coli. J. Mol. Biol., 148: , Busse H.-J., El-Banna T., Oyaizu H., Auling G. Identification of xenobiotic degrading isolates from the beta subclass of the Proteobacteria by a polyphasic approach including 16S rrna partial sequencing. Int. J. Syst. Bacteriol., 42: 19-26, Busse H.-J., Denner E.B.M., Lubitz W. Classification and identification of bacteria: current approaches to an old problem. Overview of methods used in bacterial systematics. J. Bacteriol., 47: 3-38, Denner E.B.M., McGenity T.J., Busse H.-J., et al. Halococcus salifodinae sp. nov., an archaeal isolate from an Australian salt mine. Int. J. Syst. Bacteriol., 44: , Dijkshoorn L., Van Harsselaar B., Tjernberg I., Bouvet P.J., Vaneechoutte M. Evaluation of amplified ribosomal DNA restriction analysis for identification of Acinetobacter genomic species. Syst. Appl. Microbiol., 21: 33-39, Fox G.E., Wisotzkey J.D., Jurtshuk Jr. P. How close is close: 16S rrna sequence identity may not be sufficient to guarantee species identity. Int. J. Syst. Bacteriol., 2: , Garcìa-Arata M.I., Gerner-Smidt P., Baquero F., Ibrahim A. PCR-amplified 16S and 23S rdna restriction analysis for identification of Acinetobacter strains at the DNA group level. Res. Microbiol., 148: , Giammanco G.M., Bouallegue O., Nogueira P.P.O., et al. Méthode rapide d identification des Enterobacteriaceae par amplification de l opéron rrn et restriction. Acta 5ème Congrès de la Société Française de Microbiologie, Lille, France, 7-29 Avril 1998; affiche n 45. Giammanco G.M., Nogueira P.P.O., Bouallegue O., et al. Identification of bacteria by restriction of amplified ribosomal RNA operon. Proceedings of the 98th American Society for Microbiology General Meeting, Atlanta, Georgia, May 1998; abstract no. R-20. Giammanco G.M., Grimont F., Grimont P.A.D. Mbo II endonuclease heat inactivation before agarose gel electrophoresis to prevent artifactual bands in restriction patterns. BioTechniques, 27: , Giammanco G.M., Grimont F., Grimont P.A.D. Standardized protocol for amplified rrn operon restriction pattern determination: reproducibility and accuracy with respect to known sequences. In preparazione. Gurtler V., Stanisich V.A. New approaches to typing and identification of bacteria using the 16S-23S rdna spacer region. Microbiology, 142: 3-16, Harvey S., Hill C.W., Squires C., Squires C.L. Loss of the spacer loop sequence from the rrnb operon in the Escherichia coli K-12 subline that bears the rela1 mutation. J. Bacteriol., 170: , Ibrahim A., Gerner-Smidt P., Sjostedt A. Amplification and restriction endonuclease digestion of a large fragment of gene coding for rrna as a rapid method for discrimination of closely related pathogenic bacteria. J. Clin. Microbiol., 34: , Jensen M.A., Webster J.A., Straus N. Rapid identification of bacteria on the basis of polymerase chain reactionamplified ribosomal DNA spacer polymorphisms. Appl. Environ. Microbiol., 59: , Kostman J.R., Alden M.B., Mair M., et al. A universal approach to bacterial molecular epidemiology by polymerase chain reaction ribotyping. J. Infect. Dis., 171: , Lane D.J. 16S/23S rrna sequencing. In: Stackebrandt E. and Goodfellow M. (Eds.), Nucleic Acid Techniques in Bacterial Systematics, John Wiley, Chichester, New York, Brisbane, Singapore: pp , Loughney K., Lund E., Dahlberg J.E. trna genes are found between 16S and 23S rrna genes in Bacillus subtilis. Nucleic Acids Res., 10: , Maidak B.L., Cole J.R., Parker C.T. Jr, et al. A new version of the RDP (Ribosomal Database Project). Nucleic Acids Res., 27: , Martinez-Murcia A.J., Benlloch S., Collins M.D. Phylogenetic interrelationships of members of the genera Aeromonas and Plesiomonas as determined by 16S ribosomal DNA sequencing: lack of congruence with results of DNA-DNA hybridizations. Int. J. Syst. Bacteriol., 42: , Olive D.M., Bean P. Principles and applications of methods for DNA-based typing of microbial organisms. J. Clin. Microbiol., 37: , Olsen G.J., Woese C.R., Ribosomal RNA: a key to phylogeny, FASEB J., 7: , Schlegel L., Giammanco G.M., Broc V., et al. Identification of pyogenic Streptococci and Pneumococci to the species level by amplified rrn operon DNA restriction analysis (ARDRA). Lancefield Symposium, Auckland, New Zealand, October Skerman V.B.D., McGowan V., Sneath P.H.A. Approved Lists of Bacterial Names. Amended edition. American Society for Microbiology, Washington, Vaneechoutte M., Rossau R., De Vos P., et al. Rapid identification of bacteria of the Comamonadaceae with amplified ribosomal DNA-restriction analysis (ARDRA). FEMS Microbiol. Lett., 93: , Weisburg W.G., Barns S.M., Pelletier D.A., Lane D.L. 16S ribosomal DNA amplification for phylogenetic study, J. Bacteriol., 173: , Woese C. Bacterial evolution, Microbiol. Rev. 51: , Woese C.R., Kandler O., Wheelis M.L. Towards a natural system of organisms: Proposal for the domains Archaea, Bacteria, and Eucarya. Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 87: , Yabuuchi E., Yano I., Oyaizu H., et al. Proposals of Sphingomonas paucimobilis gen. nov. and comb. nov., Sphingomonas parapaucimobilis sp. nov., Sphingomonas yanoikuyae sp. nov., Sphingomonas capsulata comb. nov., and two genospecies of the genus Sphingomonas. Microbiol. Immunol., 34: , Young R.A., Macklis R., Steitz J.A. Sequence of the 16S- 23S spacer region in two ribosomal RNA operons of Escherichia coli. J. Biol. Chem., 254: , 1979.

Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI)

Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI) Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI) Dott.ssa G. Scalet Sezione Microbiologia-Dipartimento Di Patologia e Diagnostica Università

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO REPARTO GENOMICA LABORATORIO ANALISI GENOMICHE SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DEL SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO ACIDI NUCLEICI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Dettagli

Metodi molecolari per l identificazione di lieviti isolati dalle paste acide siciliane **

Metodi molecolari per l identificazione di lieviti isolati dalle paste acide siciliane ** Metodi molecolari per l identificazione di lieviti isolati dalle paste acide siciliane ** P. Giudici 1, A. Pulvirenti 1 1 Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Via Kennedy, 17-42100 Reggio

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI

EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI MANI PULITE E QUALITÀ NELL ASSISTENZA SANITARIA Governare il rischio infettivo. 2 a parte Pescara 28 marzo 2008 EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI PRINCIPI ED APPLICAZIONI A SUPPORTO

Dettagli

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Torino, 10-11 Giugno 2013 S.S. Laboratorio Controllo Alimenti fabio.zuccon@izsto.it 1 Aspetti normativi Cosa tratteremo

Dettagli

Metodi Molecolari per la Ricerca, Identificazione e tipizzazione di Francisella tularensis

Metodi Molecolari per la Ricerca, Identificazione e tipizzazione di Francisella tularensis Roma, ottobre 204 Metodi Molecolari per la Ricerca, Identificazione e tipizzazione di Francisella tularensis IZSLER Sezione di Pavia Nadia Vicari Metodi molecolari Rilevare Identificare Tipizzare Sub-tipizzare

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI CIANOBATTERI Susanna Vichi, Simonetta Gemma, Emanuela Testai Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Convegno Cianobatteri

Dettagli

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica)

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) DNA Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) Principali tecniche di base Enzimi di restrizione (Endonucleasi) Gel elettroforesi Ibridizzazione PCR (Polymerase Chain Reaction) Sequenziamento

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

e dei genotipi tossici

e dei genotipi tossici Metodi molecolari l per il riconoscimento dei cianobatteri e dei genotipi tossici Susanna Vichi Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Workshop Sorveglianza delle

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Analisi molecolare dei geni

Analisi molecolare dei geni Analisi molecolare dei geni Denaturazione e rinaturazione di una molecola di DNA Si rompono i legami idrogeno 100 C Denaturazione del DNA Rinaturazione per riassociazione delle sequenze complementari Ogni

Dettagli

Approcci metodologici nella microbiologia delle acque e criticità dei metodi analitici

Approcci metodologici nella microbiologia delle acque e criticità dei metodi analitici Approcci metodologici nella microbiologia delle acque e criticità dei metodi analitici Istituto Superiore di Sanità Roma 30 ottobre 2007 Rossella Briancesco Metodi tradizionali spesso poco sensibili Metodi

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1 Polimorfismi LEZIONE 6 By NA 1 * Polimorfismo Variazione presente nella popolazione con una frequenza superiore a 1% Variazioni nell aspetto By NA 2 Polimorfismo proteico Variazione presente nella popolazione

Dettagli

LA TERRA E UN PIANETA.. FONDATO SULLE ATTIVITA MICROBICHE

LA TERRA E UN PIANETA.. FONDATO SULLE ATTIVITA MICROBICHE LA TERRA E UN PIANETA.. FONDATO SULLE ATTIVITA MICROBICHE CHI SONO I MICRORGANISMI? PERCHE E COME POSSONO AVERLI? CHE EFFETTI HANNO SULL AMBIENTE? I principali protagonisti, nel mondo microbico, sono i

Dettagli

DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE

DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE Il doppio strand della molecola di DNA può denaturarsi dando due singoli strand ad alte temperature (>90 C). Due strand di DNA complementari possono accoppiarsi dando

Dettagli

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3 Criteri di identificazione Tradizionale (fenotipo) Tecniche di biologia molecolare Il livello di risoluzione

Dettagli

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA 2014/2015 FORMATIVA ANNO ACCADEMICO EROGAZIONE 2014/2015 CORSO DI LAUREA (o LAUREA MAGISTRALE) Medicina e Chirurgia Canale Chirone- Sede Formativa Palermo

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo C.R.A. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura Centro di ricerca per la genomica Fiorenzuola d Arda (Piacenza) SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo Tutor: Dott. Gianni TACCONI Studente:

Dettagli

SAGE: Serial Analysis of Gene Expression

SAGE: Serial Analysis of Gene Expression SAGE: Serial Analysis of Gene Expression L insieme di tutti gli mrna presenti in una cellula si definisce trascrittoma. Ogni trascrittoma ha una composizione complessa, con migliaia di mrna diversi, ciascuno

Dettagli

Epidemiologia molecolare delle malattie infettive: metodi di analisi ed interpretazione dei risultati

Epidemiologia molecolare delle malattie infettive: metodi di analisi ed interpretazione dei risultati 10 Ann Ig 2014; 26: 10-45 doi:10.7416/ai.2014.1956 M.L. Sammarco et al. Epidemiologia molecolare delle malattie infettive: metodi di analisi ed interpretazione dei risultati M.L. Sammarco*, G. Ripabelli*,

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Lorenzo Morelli Istituto di Microbiologia Facoltà di Agraria UCSC Piacenza In questa presentazione Peculiarità del genoma dei

Dettagli

Effetti della tecnica di allevamento sul microbismo intestinale del pollo

Effetti della tecnica di allevamento sul microbismo intestinale del pollo Effetti della tecnica di allevamento sul microbismo intestinale del pollo Gerardo Manfreda Dipartimento di Scienze degli Alimenti Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna Forlì - 7 Aprile

Dettagli

Relazione attività svolta dalla U0-04 nel secondo anno

Relazione attività svolta dalla U0-04 nel secondo anno Relazione attività svolta dalla U0-04 nel secondo anno I Ministeri dell Economia e delle Finanze, dell Istruzione, Università e Ricerca, dell Ambiente della Tutela del Territorio, delle Politiche Agricole

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione Raniero Lorenzetti Biotecnologie Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana PREMESSA

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

Elettroforesi in campo pulsato su ceppi di S. aureus: presentazione del protocollo

Elettroforesi in campo pulsato su ceppi di S. aureus: presentazione del protocollo Elettroforesi in campo pulsato su ceppi di S. aureus: presentazione del protocollo Pulsed Field Gel Electrophoresis on strains of S. aureus: presentation of the protocol Walter Vencia IZS Piemonte, Liguria

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GENOTIPIZZAZIONE DI BORRELIA BURGDORFERI

INDIVIDUAZIONE E GENOTIPIZZAZIONE DI BORRELIA BURGDORFERI INDIVIDUAZIONE E GENOTIPIZZAZIONE DI BORRELIA BURGDORFERI E VIRUS TBE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA ED AREA TRANSFRONTALIERA ITALIASLOVENIA, MEDIANTE TECNICHE PCR Romina Floris 1, Giulia Menardi 1, Marialisa

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

Metodiche tradizionali

Metodiche tradizionali Diagnostica microbiologica innovativa INTRODUZIONE Attualmente, per la rilevazione dei microrganismi patogeni accanto alle metodiche tradizionali rappresentate: dall esame colturale, l esame diretto al

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA la replicazione del DNA viene effettuata da ENZIMI: DNA-polimerasi (catalizza la formazione del legame fosfodiestere) ogni filamento fa da stampo (enzima diretto dallo stampo) le DNA-polimerasi

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE: introduzione alle tecniche e alle loro applicazioni cliniche

BIOLOGIA MOLECOLARE: introduzione alle tecniche e alle loro applicazioni cliniche I T A L B I O F O R M A i n c o l l a b o r a z i o n e c o n O R D I N E N A Z I O N A L E D E I B I O L O G I o r g a n i z z a i l c o r s o d i a g g i o r n a m e n t o BIOLOGIA MOLECOLARE: introduzione

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

Tecniche molecolari per la diagnosi di funghi fitopatogeni

Tecniche molecolari per la diagnosi di funghi fitopatogeni Tecniche molecolari per la diagnosi di funghi fitopatogeni Tecniche che consentono l identificazione, la diagnosi, la quantificazione di un organismo mediante l analisi degli acidi nucleici: DNA RNA Diagnosi

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Gli enzimi di restrizione sono delle proteine sintetizzate dai batteri per proteggersi dalle infezioni virali (batteriofagi). Questi enzimi tagliano il DNA virale

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento I n t r o d u z i o n e a l l e t e c n i c h e d i bi o l o g i a m o l e c o l a r e e l o r o a p p l i c a z i o n i ne l L a b o r a t o r i o C l i n i c o Corso di aggiornamento Milano - Sabato

Dettagli

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Guida Rapida Per informazioni sulla sicurezza far riferimento alla sezione Safety del PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN 4367554). Per tutti

Dettagli

Principali tecniche di base

Principali tecniche di base Principali tecniche di base Enzimi di restrizione (Endonucleasi) Gel elettroforesi Ibridizzazione (Southern blotting) PCR (Polymerase Chain Reaction) (Sequenziamento) Tecniche di base Enzimi di di restrizione

Dettagli

PCR (Polymerase Chain Reaction)

PCR (Polymerase Chain Reaction) PCR (Polymerase Chain Reaction) Metodo enzimatico estremamente rapido e semplice per produrre una quantità illimitata di copie della sequenza di un singolo gene Sometime a good idea comes to yow when you

Dettagli

Le carbapenemasi: aspetti clinici, diagnostici e misure di prevenzione. 26 febbraio 2014, Auditorium Ospedale S. Chiara Trento

Le carbapenemasi: aspetti clinici, diagnostici e misure di prevenzione. 26 febbraio 2014, Auditorium Ospedale S. Chiara Trento Le carbapenemasi: aspetti clinici, diagnostici e misure di prevenzione 26 febbraio 2014, Auditorium Ospedale S. Chiara Trento dott.ssa Lucia Collini (Trento) Quando la genotipizzazione Protocolli microbiologici

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

IBRIDAZIONE DNA:DNA. Tassonomia molecolare CHEMOTAXONOMY

IBRIDAZIONE DNA:DNA. Tassonomia molecolare CHEMOTAXONOMY IBRIDAZIONE DNA:DNA SOUTHERN blotting Hybridization Techniques Hybridization Techniques NOTHERN blotting FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) The sample is

Dettagli

Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica

Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica L era genomica ha assistito ad una crescita esponenziale delle informazioni biologiche rese disponibili dai progressi nel campo della biologia

Dettagli

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La Polymerase Chain Reaction (PCR) o reazione di amplificazione a catena è una tecnica che permette di amplificare una specifica

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

ASPETTI BIOTECNOLOGICI DELL AVVIAMENTO DI IMPIANTI DI BIOGAS

ASPETTI BIOTECNOLOGICI DELL AVVIAMENTO DI IMPIANTI DI BIOGAS Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria ASPETTI BIOTECNOLOGICI DELL AVVIAMENTO DI IMPIANTI DI BIOGAS Giacomo Bucchi Master in Gestione delle biomasse e dei processi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità RELAZIONE TECNICA Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità PROSPETTO RIASSUNTIVO DELL'ANALISI ANALISI INDAGINE DI PATERNITA' PERSONE SOTTOPOSTE AL TEST QUESITO Campione Biologico Tampone

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI 1953: scoperta del DNA (Watson e Crick) CENNI STORICI 1977: metodo di Sanger per il sequenziamento del DNA (pubblicazione della

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE. LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi.

SPECIFICHE TECNICHE. LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi. 1 ALLEGATO A) SPECIFICHE TECNICHE LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi. Il sistema deve essere costituito da idonea strumentazione nuova di fabbrica, gruppo di continuità

Dettagli

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli:

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: -isolare un gene (enzimi di restrizione) -clonaggio (amplificazione) vettori -sequenziamento -funzione Il gene o la sequenza

Dettagli

Tecniche Diagnostiche molecolari

Tecniche Diagnostiche molecolari Tecniche Diagnostiche molecolari Tecniche di Biologia Molecolare La scoperta che il DNA è alla base di tutte le funzioni della cellula ha aperto la strada allo sviluppo di una disciplina denominata biologia

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

Genotipizzazione virale

Genotipizzazione virale Genotipizzazione virale Typing Separazione basata su maggiori differenze genetiche tra i membri di una singola specie virale Subtyping Individuazione di differenze stabili all interno di un gruppo di virus

Dettagli

Francesca Ceroni. Biotecnologie tradizionali. Biologia Sintetica. F. Ceroni 16/09/2010. Bressanone GNB 2010 1. 1) DNA ricombinante 2) PCR

Francesca Ceroni. Biotecnologie tradizionali. Biologia Sintetica. F. Ceroni 16/09/2010. Bressanone GNB 2010 1. 1) DNA ricombinante 2) PCR XXIX Scuola Annuale di Bioingegneria. Bressanone, 13-17 settembre 2010 Francesca Ceroni Biotecnologie tradizionali 1) DNA ricombinante 2) PCR 3) Sequenziamento automatizzato Biologia Sintetica 4) Approccio

Dettagli

I MARCATORI GENETICI APPLICAZIONE AL SETTORE FORESTALE

I MARCATORI GENETICI APPLICAZIONE AL SETTORE FORESTALE I MARCATORI GENETICI APPLICAZIONE AL SETTORE FORESTALE Un marcatore genetico è un qualsiasi fattore ereditario (quindi trasmissibile alla progenie) di cui esistano più varianti genotipiche. Essi consentono

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini Università di Bologna Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale Sezione di Microbiologia RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI

Dettagli

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici POLYMERASE CHAIN REACTION (PCR) 1955 A. Kronembreg e coll. (Stanford University) scoprono la DNA-polimerasi

Dettagli

La segreteria didattica. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/1

La segreteria didattica. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/1 La segreteria ricorda a tutti i docenti del primo quadrimestre che le lezioni del I ANNO inizieranno martedì 13 settembre e si terranno per la settimana che va dal 13 al 16 settembre nell'aula III di economia.

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE Il miglioramento genetico delle produzioni animali, realizzato sino ad ora, è frutto dell elaborazione elaborazione e applicazioni della teoria

Dettagli

Titolo TESI STUDIO DI FATTIBILITÀ DI UNO STRUMENTO PER ANALISI CONTEMPORANEE DI PATOGENI E TOSSINE. Candidato. Dr. Alessandro Sassolini

Titolo TESI STUDIO DI FATTIBILITÀ DI UNO STRUMENTO PER ANALISI CONTEMPORANEE DI PATOGENI E TOSSINE. Candidato. Dr. Alessandro Sassolini Titolo TESI STUDIO DI FATTIBILITÀ DI UNO STRUMENTO PER ANALISI CONTEMPORANEE DI PATOGENI E TOSSINE Candidato Dr. Alessandro Sassolini Master In Protezione da eventi CBRN A.A 2010 2011 BREVE RIASSUNTO DELLA

Dettagli

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Marco Santagostino Tutor: Elena Giulotto Dipartimento di Genetica e Microbiologia, Università degli Studi di Pavia Argomenti trattati 1. I telomeri e la telomerasi

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Fonti e testi di riferimento Dan Graur: http://nsmn1.uh.edu/dgraur/ >courses > bioinformatics

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

PFGE nella sorveglianza delle salmonellosi

PFGE nella sorveglianza delle salmonellosi PFGE nella sorveglianza delle salmonellosi Torino, 15 novembre 2013 Stefano Pongolini IZSLER Sezione di Parma Le tecniche - RFLP PFGE RIBOTIPIZZAZIONE SEQUENZE DI INSERZIONE AFLP - SEQUENZE RIPETUTE -

Dettagli

Caratterizzazione della comunità microbica

Caratterizzazione della comunità microbica Caratterizzazione della comunità microbica Monitoraggio biologico annuale dell impianto Dipartimento di Biologia Università di Pisa Monitoraggio biologico del reattore Monitoraggio biologico del prototipo

Dettagli

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Metodi di studio delle proteine : determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Spettrofotometro cuvetta monocromatore rivelatore

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

La MICROBIOLOGIA è la scienza che studia gli organismi tanto piccoli da non essere visibili ad occhio nudo MICRORGANISMI

La MICROBIOLOGIA è la scienza che studia gli organismi tanto piccoli da non essere visibili ad occhio nudo MICRORGANISMI La MICROBIOLOGIA è la scienza che studia gli organismi tanto piccoli da non essere visibili ad occhio nudo MICRORGANISMI Si possono vedere ad occhio nudo solo se in numero elevato COLONIE I microrganismi

Dettagli

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano PROGETTO DNA chiavi in mano IFOM PROGETTO DNA

Dettagli

Sperimenta il BIOLAB

Sperimenta il BIOLAB Sperimenta il BIOLAB I numeri del BIOLAB Il Maserati porta annualmente al CusMiBio circa 200 alunni dalla 2^ alla 5^ Liceo Scientifico tecnologico per fare 2-3 laboratori di Genetica, Citologia e Biologia

Dettagli

ProDect CHIP HPV TYPING

ProDect CHIP HPV TYPING bcs Biotech SpA Your partner in biotechnology www.biocs.it ProDect CHIP HPV TYPING Il test per RIVELARE e TIPIZZARE in maniera rapida ed accurata il PAPILLOMA VIRUS UMANO A lifi i Amplificazione e rivelazione

Dettagli

Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni?

Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni? Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni? a cura di Leonardo Magneschi Scuola Estiva di Orientamento Volterra 2007 Venerdì 29 giugno 2007 1 Introduzione all Ingegneria Genetica L ingeneria

Dettagli