MINIRASSEGNA/MINIREVIEW INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINIRASSEGNA/MINIREVIEW INTRODUZIONE"

Transcript

1 Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giornale Italiano di Microbiologia Medica Odontoiatrica e Clinica Vol. V, N o 1, 2001 p Organo ufficiale della S.I.M.M.O.C. Copyright INTRODUZIONE 1 Dipartimento di Igiene e Microbiologia, Università degli Studi di Palermo. I procarioti hanno iniziato la loro evoluzione 3,8 miliardi di anni fa ed hanno continuato ad evolversi sino ad occupare ogni nicchia ecologica sul nostro pianeta, dai ghiacci polari alle profondità oceaniche. Le circa 2500 specie batteriche comprese nelle Approved Lists of Bacterial Names [Skerman et al., 1989] non riflettono la reale varietà di batteri nell ambiente, ed ogni tentativo di stimarne la reale consistenza sarebbe presuntuoso. È ragionevole, quindi, affermare che la maggior parte delle specie è oggi ancora sconosciuta. I procarioti attualmente conosciuti rappresentano in realtà quella piccola frazione delle comunità microbiche che hanno storicamente attirato l attenzione dell uomo in quanto coinvolte nella patologia umana o animale o perché in qualche modo rientrano nella sfera di interesse dell uomo. Fino a tempi recenti, inoltre, le nostre conoscenze sulla diversità microbica erano limitate ai germi coltivabili nei comuni terreni batteriologici. In questi ultimi anni, i progressi nelle tecniche mediche e chirurgiche sono stati accompagnati da un corrispondente incremento delle patologie sostenute da germi opportunisti con habitat ambientale, da qui la necessità anche per il microbiologo clinico di identificare microrganismi che in passato non erano di suo interesse. Classicamente, la distinzione di generi e specie è stata effettuata in base a caratteri fenotipici e schemi di identificazione basati su di essi sono ancora oggi utilizzati nella maggior parte dei laboratori. Questi test hanno però il grave limite di non essere applicabili indifferentemente a qualunque specie batterica e vanno selezionati di volta in volta in base all orientamento diagnostico. Inoltre, alcuni gruppi batterici esprimono assai pochi dei caratteri fenotipici normalmente utilizzati a scopo identificativo e sono quindi difficili da differenziare. Infine, non è possibile studiare il fenotipo di batteri non coltivabili. Più recentemente, tecniche chemotassonomiche, basate su diversi metodi analitici volti a raccogliere informazioni sui costituenti chimici della cellula batterica, acidi grassi, proteine, polisaccaridi, hanno rappresentato una alternativa alla fenotipizzazione classica dei batteri al fine di ottenerne una corretta identificazione. Esse però sono spesso laboriose, necessitano della coltivazione del germe per ottenere grosse quantità di materiale da sottoporre all analisi e sono utili solo per alcuni gruppi batterici. I progressi fatti nel campo della biologia molecolare hanno messo a disposizione un certo numero di tecniche (clonaggio, PCR, sonde di DNA, etc.) che prescindono dalla coltivabilità del germe e che si sono rivelate capaci di dare una visione unitaria della genealogia delle diverse specie batteriche, mediante l utilizzo di molecole semantiche per gli studi filogenetici. È oggi universalmente accettato che l RNA ribosomico (rrna) ed i suoi geni (rdna), sono delle molecole in grado di essere utilizzate come cronometro molecolare [Weisburg et al., 1991; Woese, G.M. Giammanco 1 *Autore di riferimento: F. Genovese

2 54 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Figura 1 Allineamenti di sequenze del gene rrs con evidenziata nel riquadro un frammento di sequenza altamente conservato in Staphylococcus aureus. Figura 2 Albero filogenetico prodotto dall allineamento di sequenze di rdna 16S. Nel riquadro un raggruppamento di ceppi di Staphylococcus aureus.

3 GIMMOC Vol.V N o 1, ]. L rdna contiene regioni altamente conservate a causa dei suoi obblighi strutturali e funzionali ma anche sequenze variabili. Ciò ha permesso di utilizzarlo a fini tassonomici, per la definizione su base genetica di generi e specie, a fini diagnostici, per il sicuro riconoscimento anche di batteri di difficile diagnosi o di ceppi con caratteristiche fenotipiche aberranti, e a fini epidemiologici, come strumento per caratterizzare e differenziare ceppi appartenenti alla stessa specie. Il metodo più diretto per determinare le relazioni filogenetiche fra gli organismi è rappresentato dal confronto delle sequenze primarie dell rrna o rdna (Figura 1) ottenute mediante sequenziamento [Lane, 1991]. Più di 4000 sequenze di rrna della piccola subunità (SSU) ribosomica e più di 400 della grande subunità (LSU) sono state finora depositate nella banca dati del Ribosomal Database Project (RDP) [Maidak et al., 1999]. Questo gran numero di sequenze consente la costruzione di alberi filogenetici in cui andare a posizionare una sequenza ignota in modo tale da giungere ad una sua identificazione per approssimazione. Un esempio relativo al genere Staphylococcus viene mostrato nella Figura 2: il dendrogramma calcolato in base alla distanza genetica fra le sequenze dei ceppi in esame permette di correlare facilmente i 5 ceppi clinici di S. aureus con il ceppo tipo. Usando questo approccio è stato possibile dimostrare che nel mondo degli organismi viventi esistono tre domini: Archea, Bacteria ed Eucarya [Woese et al., 1990] e che all interno del dominio Bacteria è possibile individuare diverse linee di discendenza maggiori (Tabella I). La sistematica batterica in passato è stata basata fonda- Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing Tabella I Linee maggiori di discendenza all interno del dominio Bacteria (adattato da Busse et al., 1996). Branch Subbranch Taxa rappresentativi Proteobacteria -subclass Agrobacterium/Rhizobium/Sphingomonas -subclass Alcaligenes/Neisseria/Comamonas -subclass Pseudomonas/Enterobacteriaceae -subclass Bdellovibrio/Desulfovibrio -subclass Helicobacter/Campylobacter Flavobacterium/Cytophaga/ Bacteroides/Cytophaga/Sphingobacterium/ Bacteroides-branch Flexibacter Gram-positivi Bacillus/Clostridium Bacillus/Clostridium/Mycoplasma/Listeria Actinomycetes Corynebacterium/Mycobacterium/Nocardia Gram-positivi con parete Veillonella/Heliobacterium/Selenomonas cellulare anomala Cyanobacteria/ Cyanobacteria/cloroplasti chloroplast-branch Spirochaetales Spirochaetaceae/ Borrelia/Spirochaeta/Treponema/ Leptospiraceae Leptospira/Leptonema Chlorobiaceae-branch Planctomyces-branch Thermus/Deinococcus-branch Chloroflexus/ Thermomicrobium-branch Verrucomicrobium-branch Propiogenium-branch Thermotoga-branch Aquifer/ Hydrogenobacter-branch Chlorobium Planctomyces/Pirellula/Gemmata Thermus/Deinococcus Chloroflexus/Thermomicrobium Verrucomicrobium Propiogenium Thermotoga/Fervidobacterium Aquifer/Hydrogenobacter

4 56 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Tabella II Confronto delle apparecchiature e reagenti necessari e dei costi stimati per l acquisto delle apparecchiature e per ogni singola reazione utilizzando il metodo RFLP e il DNA-sequencing (adattato da Olive & Bean, 1999). RFLP DNA sequencing Apparecchiature Thermocycler Thermocycler Gel box DNA sequencer Alimentatore Computer Sistema fotografico Software di analisi Materiali Reagenti per PCR Kit PCR sequenziamento Primers Enzimi di restrizione Costi stimati RFLP DNA-sequencing Apparecchiature $ $ Materiali di consumo/reazione $ 5 $ 20 Lavoro/reazione $ 9 $ 20 Totale/reazione $ 14 $ 40 mentalmente su caratteri fenotipici biochimici e morfologici. Attualmente, i nuovi ordinamenti filogenetici, basati sullo studio dell rrna, hanno spesso contraddetto i classici schemi tassonomici ed hanno permesso di classificare nuove specie batteriche, facendo sì che esse potessero essere incluse nel genere e nella famiglia di appartenenza [Yabuuchi et al., 1990; Busse et al., 1992; Denner et al., 1994]. Per quanto ora detto, il sequenziamento dell rdna sembrerebbe la migliore strategia da seguire per l identificazione molecolare di ceppi sconosciuti. Uno dei principali inconvenienti di questo approccio è, però, rappresentato dalla complessità della determinazione delle sequenze e degli allineamenti che, benché largamente automatizzato, permette di analizzare limitate quantità di ceppi clinici, richiede personale tecnico qualificato e costose apparecchiature non alla portata di tutti i laboratori. Inoltre, l assenza di criteri di selezione per il deposito di sequenze nell RDP determina inconvenienti legati alla scarsa affidabilità di alcune delle sequenze presenti nella banca. Una via alternativa per sfruttare l informazione filogenetica presente nelle molecole di rdna è rappresentata dall analisi con enzimi di restrizione del gene amplificato mediante Polymerase Chain Reaction (PCR). Questo metodo, chiamato RFLP (Restriction Fragments Length Polymorphism), permette di calcolare velocemente ed in maniera semplice la diversità genetica fra i ceppi in base al numero di frammenti di DNA condivisi. L analisi genetica può essere effettuata su regioni codificanti molto più lunghe di quelle che possono essere agevolmente sequenziate ed in questa analisi verranno in gran parte ignorate le variazioni minori del codice genetico. Esso risulta particolarmente a- datto per lo studio di gruppi cospicui di stipiti, in quanto la complessità del metodo è ridotta dal punto di vista tecnico. Inoltre, le apparecchiature necessarie sono alla portata della maggior parte dei laboratori e il costo di una identificazione effettuata con questo metodo risulta nettamente inferiore rispetto al sequenziamento [Olive & Bean, 1999] (Tabella II). Negli ultimi dieci anni lo studio dei profili elettroforetici ottenuti dopo digestione con endonucleasi della sequenza dell rd- NA 16S (rrs) amplificata mediante PCR (16S - Amplified Ribosomal DNA Restriction Analysis (ARDRA) è stato utilizzato ampiamente e con successo per l identificazione di molti microrganismi e per studi filogenetici e di ecologia microbica. Uno o più enzimi di restrizione in combinazione sono stati usati nei diversi studi e si è fatto sempre più ampio ricorso alla analisi computerizzata dei profili di restrizione. Ma l analisi dell rrs, a causa delle piccole dimensioni del frammento amplificato

5 GIMMOC Vol.V N o 1, Tabella III Variabilità nella lunghezza della regione spacer IGS dei 7 alleli rrn di Escherichia coli [Young et al., 1979; Brosius et al., 1981; Harvey et al., 1988]. Denominazione allele Lunghezza spacer rrna 437 rrnb 441 rrnc 355 rrnd 437 rrne 355 rrng 431 Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing rrnh 447 (~1500 paia di basi (pb)), ha un potere di risoluzione troppo basso per essere applicata a specie batteriche molto vicine come è stato rilevato dal confronto di sequenze complete del 16S di specie appartenenti ai generi Bacillus [Fox et al., 1992] ed Aeromonas [Martinez-Murcia et al., 1992]. Il gene che codifica per l RNA ribosomico 23S (rrl) è più grande (~3000 pb) e presenta per questo un potere di risoluzione maggiore rispetto all rrs [Olsen & Woese, 1993]. La regione spaziatrice intergenica fra rrs ed rrl (16S-23S Intergenic Spacer Region (IGS)) ha un tasso di mutazione molto più elevato rispetto ad rrs ed rrl [Gurtler & Stanisich, 1996]. La sua lunghezza varia notevolmente a seconda della specie, da 60 pb (Thermoproteus tenax) fino a 1500 (Bartonella elizabethae), e varia persino, sebbene in misura più ridotta, fra le diverse copie dell operone rrn che possono essere presenti nello stesso genoma batterico (da una sola copia in Mycobacterium tuberculosis [Bercovier et al., 1986] e Mycoplasma pneumoniae [Amikam et al., 1984] a 10 copie in Bacillus subtilis [Loughney et al., 1982]). Anche le sette copie o alleli rrn presenti in Escherichia coli hanno regioni 16S-23S IGS di diversa lunghezza e sequenza [Young et al., 1979; Brosius et al., 1981; Harvey et al., 1988] (Tabella III). Grazie all elevata variabilità di questa regione, l analisi dei prodotti di amplificazione della 16S-23S IGS (PCR-ribotyping) si è dimostrata in grado di differenziare ceppi appartenenti alla stessa specie [Jensen et al., 1993; Kostman et al., 1995]. Applicando l analisi di restrizione ad un unico frammento amplificato comprendente rrs, 16S-23S IGS, ed rrl si possono ottenere contemporaneamente informazioni sia dalle regioni più conservate (identificazione al livello di specie) sia da quelle con maggiore tasso di mutazione (tipizzazione intraspecie). Questo approccio si è dimostrato efficace nell identificazione di Comamonadaceae [Vaneechoutte et al., 1992], Francisella spp. [Ibrahim et al., 1996] and Acinetobacter spp. [Ibrahim et al., 1996; Garcìa-Arata et al., 1997; Dijkshoorn et al., 1998]. Un metodo standardizzato di identificazione su base genetica e di genotipizzazione basato sull analisi mediante enzimi di restrizione dei prodotti di amplificazione (PCR) dell intero operone che codifica per l rrna (rrn), comprendente il gene rrs, il gene rrl e la regione intergenica 16S-23S IGS, è stato recentemente messo a punto e denominato amplified rrn RFLP [Giammanco et al., in preparazione]. Il metodo amplified rrn RFLP. La genotipizzazione tramite amplified rrn RFLP è un metodo universale utilizzabile per l identificazione di qualsiasi batterio. Infatti, gli stessi primer possono essere utilizzati per amplificare l operone rrn sia per i batteri Gram-positivi sia per quelli Gram-negativi, aerobi obbligati, anaerobi facoltativi, anaerobi obbligati. Trattandosi di un metodo molecolare, esso fornisce risultati affidabili anche nel caso di ceppi con caratteri fenotipici anomali che ne impediscono l identificazione con le metodiche tradizionali.

6 58 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Figura 3 Struttura dell operone rrn in Escherichia coli e posizione dei primer rrn RFLP (Ad ed O24/3). Figura 4 Profili di restrizione calcolati in silico per ognuno dei sette operoni rrn e profilo in silico risultante dalla somma dei sette operoni (virtuale) paragonato al risultato sperimentale (sperimentale). La procedura, dopo una tappa iniziale di estrazione del DNA batterico, prevede l amplificazione mediante PCR dell operone rrn usando due primer universali situati rispettivamente all estremità iniziale 5 del gene rrs e vicino all estremità terminale 3 del gene rrl (Figura 3), in regioni altamente conservate. Si ottiene così un unico frammento amplificato sul quale si potrà operare l analisi di restrizione.

7 GIMMOC Vol.V N o 1, La scelta delle endonucleasi di restrizione per la digestione enzimatica dei prodotti di amplificazione dell operone rrn è fondamentale nel determinare la sensibilità dell analisi stessa, giacché endonucleasi che tagliano poche volte la sequenza amplificata daranno luogo a pochi frammenti di restrizione e ciò implicherà una minore variabilità nei profili. Questa scelta può essere profiquamente indirizzata dall analisi della sequenza dell operone rrn in un ceppo di riferimento appartenente al genere o alla specie che si intende studiare. Recentemente il ceppo di Escherichia coli K-12 MG1655 è stato interamente sequenziato [Blattner et al., 1997] e la sua sequenza completa è disponibile nella banca dati EMBL (accession no. U00096). I frammenti della sequenza corrispondenti ai tratti amplificabili nelle sette copie dell operone rrn (da A ad E, G ed H) sono stati da noi utilizzati per selezionare le endonucleasi più interessanti. Su ognuna delle sette sequenze sono state effettuate delle restrizioni virtuali (in silico) con il software Geneman (DNAStar, Inc., Madison, WI). Nell ambito di una serie di enzimi di restrizione, sono state selezionate le endonucleasi Hha I e Mbo II poiché le loro sequenze di attacco si presentavano con una appropriata frequenza nella sequenza amplificabile. Combinando tutti i frammenti di restrizione virtuali ottenuti dai sette operoni, è stato quindi ottenuto un profilo di restrizione in silico per ognuno dei due enzimi (Figura 4). I profili calcolati in silico con i due enzimi suddetti sono stati utilizzati per convalidare i risultati sperimentali. Il ceppo di E. coli K-12 la cui sequenza era stata utilizzata per produrre i profili in silico, è stato sottoposto ad analisi sperimentale mediante amplified rrn RFLP utilizzando le due endonucleasi, Hha I e Mbo II, selezionate in silico. I prodotti di restrizione sono stati sottoposti a separazione elettroforetica in gel di agarosio. I frammenti di restrizione così separati sono stati colorati con bromuro di etidio e visualizzati su transilluminatore UV. L immagine (Figura 5) catturata tramite videocamera è stata analizzata (numero di bande e peso molecolare dei frammenti) mediante i moduli RestrictoScan e RestrictoTyper del programma Taxotron (Taxolab, Institut Pasteur, Paris, France). L accuratezza del metodo è stata dimostrata mediante il confronto dei profili sperimentali con i rispettivi profili in silico la cui corrispondenza è stata perfetta (Figura 4). Mediante lo stesso approccio comparativo è stato addirittura possibile valutare l importanza di alcuni parametri inerenti le caratteristiche delle endonucleasi e le condizioni di migrazione elettroforetica nel determinare la comparsa di artefatti. In particolare, è stata dimostrata la necessità di inattivare termicamente l endonucleasi Mbo II prima di procedere alla migrazione elettroforetica dei prodotti di restrizione [Giammanco et al., 1999]. Se non inattivato, questo enzima, come tutte le endonucleasi della classe II-S, rimane legato al frammento di DNA clivato e ne altera così il peso molecolare determi- Figura 5 Profili di restrizione sperimentali del ceppo Escherichia coli K-12 MG1655 ottenuti con Hha I (H) ed Mbo II (M). A, P, N: standard di pesi molecolari. Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing

8 60 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco Figura 6 L inattivazione dell enzima Mbo II impedisce la formazione di artefatti. L: standard di pesi molecolari; A: enzima inattivato; B: bassa concentrazione di enzima attivo; C: alta concentrazione di enzima attivo. Frecce: artefatti. nando la comparsa di alcune bande come conseguenza di artefatti e la scomparsa di altre (Figura 6). Il programma Taxotron è stato utilizzato per analizzare i profili di restrizione sperimentali e per calcolare la taglia dei frammenti di restrizione di una serie di ceppi di collezione appartenenti a diverse famiglie e generi batterici ed è stata verificata la possibilità di identificarli a livello di specie [Giammanco et al., 1998]. Particolare interesse è stato rivolto alla famiglia delle Enterobacteriaceae [Giammanco et al., 1998b], al genere Acinetobacter ed agli Streptococchi [Schlegel et al., 1999]. Nel caso del genere Acinetobacter, è stato possibile differenziare chiaramente le quattro genospecie, A. calcoaceticus, A. baumannii, A. specie 3, e DNAgruppo 13, che compongono il cosiddetto calcoaceticus-baumannii complex (Figura 7) così denominato proprio per la difficoltà nel distinguere le specie che lo compongono in base ai soli caratteri fenotipici. Negli enterobatteri è stato possibile individuare profili tipici per ogni specie, anche nell ambito di quei generi Figura 7 Profili di restrizione ottenuti con l enzima di restrizione Mbo II da ceppi di riferimento appartenenti alle 4 genospecie all interno di Acinetobacter calcoaceticus-baumannii complex.

9 GIMMOC Vol.V N o 1, Figura 8 Dendrogramma di ceppi di riferimento appartenenti alle 11 specie genomiche del genere Citrobacter prodotto dal confronto dei profili ottenuti con 3 enzimi di restrizione (HhaI, Sau3A I, ed Mbo II). Nuovi metodi molecolari per l identificazione dei batteri basati sul DNA ribosomico: amplified rrn RFLP e sequenziamento a confronto New ribosomal DNA based molecular methods for bacterial identification: amplified rrn RFLP vs sequencing in cui le differenze fenotipiche sono ridotte, come nel caso del genere Citrobacter (Figura 8). Tutti i profili ottenuti sono stati integrati in una banca dati per permettere l identificazione di ceppi selvaggi. In questo modo, l identificazione di un ceppo isolato da materiale clinico può essere ottenuta per confronto con un archivio di immagini relative alle varie specie batteriche, in gran parte già costituito. CONCLUSIONI L amplified rrn RFLP è una metodica semplice e veloce che si è dimostrata in grado di distinguere specie geneticamente molto vicine come le genospecie appartenenti ai generi Acinetobacter e Citrobacter. Le apparecchiature necessarie per l amplified rrn RFLP sono presenti nella maggior parte dei laboratori che si occupano di biologia molecolare, mentre il costo degli apparecchi di sequenziamento è ancora elevato. Inoltre, nell amplified rrn RFLP il costo di ogni singola reazione, in termini di materiali di consumo e di costo della manodopera, è inferiore di due terzi rispetto al sequenziamento. Diversi software per l analisi di immagini di profili di restrizione sono oggi disponibili sul mercato. Fra i più diffusi vi sono: BioGene (Vilber-Lourmat, Marne-la-Vallèe, France), GelCompar (Applied Maths, Kourtrai, Belgium) e Taxotron (Taxolab, Institut Pasteur, Paris, France). Il programma Taxotron, originariamente sviluppato per la ribotipizzazione, permette di acquisire i profili di restrizione in maniera semi-automatica e di confrontarli con i profili precedentemente memorizzati, consentendo di ottenere una identificazione del profilo in esame in tempi ridottissimi. L amplified rrn RFLP dimostra di poter essere standardizzato e può permettere quindi lo scambio di dati fra diversi laboratori e la creazione di banche dati inter-laboratorio per il confronto dei profili di restrizione. In attesa, quindi, di una diminuizione dei costi relativi al sequenziamento, l utilizzo della metodica amplified rrn RFLP può essere suggerito in tutti quei casi in cui si ritenga necessario ricorrere alla analisi dell RNA ribosomico per identifi-

10 62 GIMMOC Vol.V N o 1, 2001 Giammanco care un ceppo batterico sconosciuto. La capacità dell amplified rrn RFLP di tipizzare i ceppi batterici permettendo di caratterizzare stipiti appartenenti alla stessa specie è ancora in corso di valutazione e dipende certamente dalla scelta degli enzimi di restrizione. È però possibile che l informazione genetica derivante dallo studio dei siti di restrizione all interno dell operone rrn sia insufficiente per questo tipo di analisi per la quale il sequenziamento potrebbe essere un approccio più efficace. BIBLIOGRAFIA Amikam D., Glaser G., Razin S. Mycoplasmas (Mollicutes) have a low number of rrna genes. J. Bacteriol., 158: , Bercovier H., Kafri O., Sela S. Mycobacteria possess a surprisingly small number of ribosomal RNA genes in relation to the size of their genome. Biochem. Biophys. Res. Commun., 136: , Blattner F.R., Plunkett G. 3 rd, Bloch C.A., et al. The complete genome sequence of Escherichia coli K-12. Science, 277(5331): , Brosius J., Dull T.J., Sleeter D.D., Noller H.F. Gene organization and primary structure of a ribosomal RNA operon from Escherichia coli. J. Mol. Biol., 148: , Busse H.-J., El-Banna T., Oyaizu H., Auling G. Identification of xenobiotic degrading isolates from the beta subclass of the Proteobacteria by a polyphasic approach including 16S rrna partial sequencing. Int. J. Syst. Bacteriol., 42: 19-26, Busse H.-J., Denner E.B.M., Lubitz W. Classification and identification of bacteria: current approaches to an old problem. Overview of methods used in bacterial systematics. J. Bacteriol., 47: 3-38, Denner E.B.M., McGenity T.J., Busse H.-J., et al. Halococcus salifodinae sp. nov., an archaeal isolate from an Australian salt mine. Int. J. Syst. Bacteriol., 44: , Dijkshoorn L., Van Harsselaar B., Tjernberg I., Bouvet P.J., Vaneechoutte M. Evaluation of amplified ribosomal DNA restriction analysis for identification of Acinetobacter genomic species. Syst. Appl. Microbiol., 21: 33-39, Fox G.E., Wisotzkey J.D., Jurtshuk Jr. P. How close is close: 16S rrna sequence identity may not be sufficient to guarantee species identity. Int. J. Syst. Bacteriol., 2: , Garcìa-Arata M.I., Gerner-Smidt P., Baquero F., Ibrahim A. PCR-amplified 16S and 23S rdna restriction analysis for identification of Acinetobacter strains at the DNA group level. Res. Microbiol., 148: , Giammanco G.M., Bouallegue O., Nogueira P.P.O., et al. Méthode rapide d identification des Enterobacteriaceae par amplification de l opéron rrn et restriction. Acta 5ème Congrès de la Société Française de Microbiologie, Lille, France, 7-29 Avril 1998; affiche n 45. Giammanco G.M., Nogueira P.P.O., Bouallegue O., et al. Identification of bacteria by restriction of amplified ribosomal RNA operon. Proceedings of the 98th American Society for Microbiology General Meeting, Atlanta, Georgia, May 1998; abstract no. R-20. Giammanco G.M., Grimont F., Grimont P.A.D. Mbo II endonuclease heat inactivation before agarose gel electrophoresis to prevent artifactual bands in restriction patterns. BioTechniques, 27: , Giammanco G.M., Grimont F., Grimont P.A.D. Standardized protocol for amplified rrn operon restriction pattern determination: reproducibility and accuracy with respect to known sequences. In preparazione. Gurtler V., Stanisich V.A. New approaches to typing and identification of bacteria using the 16S-23S rdna spacer region. Microbiology, 142: 3-16, Harvey S., Hill C.W., Squires C., Squires C.L. Loss of the spacer loop sequence from the rrnb operon in the Escherichia coli K-12 subline that bears the rela1 mutation. J. Bacteriol., 170: , Ibrahim A., Gerner-Smidt P., Sjostedt A. Amplification and restriction endonuclease digestion of a large fragment of gene coding for rrna as a rapid method for discrimination of closely related pathogenic bacteria. J. Clin. Microbiol., 34: , Jensen M.A., Webster J.A., Straus N. Rapid identification of bacteria on the basis of polymerase chain reactionamplified ribosomal DNA spacer polymorphisms. Appl. Environ. Microbiol., 59: , Kostman J.R., Alden M.B., Mair M., et al. A universal approach to bacterial molecular epidemiology by polymerase chain reaction ribotyping. J. Infect. Dis., 171: , Lane D.J. 16S/23S rrna sequencing. In: Stackebrandt E. and Goodfellow M. (Eds.), Nucleic Acid Techniques in Bacterial Systematics, John Wiley, Chichester, New York, Brisbane, Singapore: pp , Loughney K., Lund E., Dahlberg J.E. trna genes are found between 16S and 23S rrna genes in Bacillus subtilis. Nucleic Acids Res., 10: , Maidak B.L., Cole J.R., Parker C.T. Jr, et al. A new version of the RDP (Ribosomal Database Project). Nucleic Acids Res., 27: , Martinez-Murcia A.J., Benlloch S., Collins M.D. Phylogenetic interrelationships of members of the genera Aeromonas and Plesiomonas as determined by 16S ribosomal DNA sequencing: lack of congruence with results of DNA-DNA hybridizations. Int. J. Syst. Bacteriol., 42: , Olive D.M., Bean P. Principles and applications of methods for DNA-based typing of microbial organisms. J. Clin. Microbiol., 37: , Olsen G.J., Woese C.R., Ribosomal RNA: a key to phylogeny, FASEB J., 7: , Schlegel L., Giammanco G.M., Broc V., et al. Identification of pyogenic Streptococci and Pneumococci to the species level by amplified rrn operon DNA restriction analysis (ARDRA). Lancefield Symposium, Auckland, New Zealand, October Skerman V.B.D., McGowan V., Sneath P.H.A. Approved Lists of Bacterial Names. Amended edition. American Society for Microbiology, Washington, Vaneechoutte M., Rossau R., De Vos P., et al. Rapid identification of bacteria of the Comamonadaceae with amplified ribosomal DNA-restriction analysis (ARDRA). FEMS Microbiol. Lett., 93: , Weisburg W.G., Barns S.M., Pelletier D.A., Lane D.L. 16S ribosomal DNA amplification for phylogenetic study, J. Bacteriol., 173: , Woese C. Bacterial evolution, Microbiol. Rev. 51: , Woese C.R., Kandler O., Wheelis M.L. Towards a natural system of organisms: Proposal for the domains Archaea, Bacteria, and Eucarya. Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 87: , Yabuuchi E., Yano I., Oyaizu H., et al. Proposals of Sphingomonas paucimobilis gen. nov. and comb. nov., Sphingomonas parapaucimobilis sp. nov., Sphingomonas yanoikuyae sp. nov., Sphingomonas capsulata comb. nov., and two genospecies of the genus Sphingomonas. Microbiol. Immunol., 34: , Young R.A., Macklis R., Steitz J.A. Sequence of the 16S- 23S spacer region in two ribosomal RNA operons of Escherichia coli. J. Biol. Chem., 254: , 1979.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve.

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. Bio-Active è la prima carta igienica biologicamente attiva. 0 TEMPO ZERO Fossa biologica TEMPO 1 Pozzetto d ispezione con collegamento alla rete

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA

PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA Versione 19 settembre 2014 1 PROTOCOLLO 2014: IN EVIDENZA

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro 2 DESC Versione 2010 Guida alla consultazione del sito web Realizzato da IRSA-CNR A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro Indice GUIDA ALLA CONSULTAZIONE

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Seminario Formativo di approfondimento: REACH e i settori della carta e della stampa L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Udine, 9-10 Luglio 2008 FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli