ESPERIENZE DI LABORATORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESPERIENZE DI LABORATORIO"

Transcript

1 ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione della caffeina presente in bevande 9 Determinazione del punto isosbestico, 12

2 1 Determinazione dello zinco nei capelli mediante spettroscopia di assorbimento in fiamma Nei capelli sono presenti vari elementi in tracce (Mg, Al, Cl, Ca, Cr, Mn, Fe, Co, Cu, Zn, etc.), la cui quantità varia durante la crescita dei capelli e dipende dal tipo di alimentazione. Lo zinco è presente nel corpo umano in combinazione con enzimi e peptici e il suo contenuto normale, che è di circa g/g ( ppm), dipende da diversi fattori quali età, sesso, colore, clima, lunghezza, zona del prelievo, shampoo antiforfora etc. Lo zinco assunto con il cibo è normalmente sufficiente al fabbisogno dell organismo umano; una sua concentrazione troppo bassa può causare disturbi quali ad esempio stanchezza e difficoltà di apprendimento, mentre livelli troppo alti di zinco possono causare ipercinesi. L esperienza ha come oggetto la determinazione della quantità di zinco nei capelli mediante misure di spettroscopia di assorbimento atomico in fiamma. A tale scopo, i capelli dovranno essere portati in soluzione con acido nitrico (HNO 3 ) e acido perclorico (HClO 4 ) e la concentrazione di zinco verrà determinata mediante confronto con una retta di taratura e con il metodo delle aggiunte standard. L intervallo di linearità è compreso tr 0 e 1,5 ppm. Apparecchiatura Spettrofotometro per assorbimento atomico (AA) Lampada a catodo cavo per Zn Capsula di porcellana Micropipette Matracci tarati da 100 ml Matracci tarati da 25 ml Buretta da 10 ml, divisione 1/20 ml Reagenti Acido nitrico al 65 % per spettrofotometria Acido perclorico al 65 % per spettrofotometria

3 2 Soluzione standard concentrata di Zn (1000 ppm) 25 ml di soluzione standard diluita di Zn (25 ppm) Procedimento per la costruzione della retta di taratura 1. Preparare 4 soluzioni standard a concentrazione di 0,50, 0,75, 1,00, 1,25 e 1,50 ppm rispettivamente in 5 matracci tarati da 25 ml per diluizione con acqua distillata di volumi appropriati della soluzione a 25 ppm. 2. Ottimizzare condizioni strumentali alla lunghezza d onda di lavoro di 213,9 nm secondo le specifiche riportate nelle apposite tabelle. 3. Azzerare lo strumento con acqua distillata prima di ogni misura. 4. Fare tre letture del valore di assorbanza per ogni soluzione (15 letture in totale). 5. Tracciare la retta di calibrazione esterna ricavata con il metodo dei minimi quadrati utilizzando tutte le quindici letture. 6. Tracciare l intervallo di fiducia per un valore di confidenza pari a 0,05. Trattamento dei campioni di capelli 1. Pesare circa 0,3 g di capelli puliti e tagliati alla radice 2. Trasferire i capelli in una capsula di porcellana assieme a 10 ml di HNO 3 (sotto cappa) 3. Scaldare blandamente fino a dimezzare all incirca il volume iniziale. 4. Lasciare raffreddare e aggiungere quindi 2 ml di HClO 4 (sottocappa). 5. Scaldare su bagnomaria o bagno a sabbia fino a disgregazione completa dei capelli e ad arrivare ad un volume finale di circa 2 ml di soluzione. 6. Raffreddare e trasferire la soluzione in un matraccio tarato da 100 ml. 7. Portare a volume con acqua distillata, e lasciare riposare il sistema (le soluzioni all inizio possono essere di vari colori anche se provengono da uno tesso campione, poi, dopo il riposo tendono tutte al rosa).

4 3 8. Azzerare lo strumento con acqua distillata e fare quindi tre letture del valore di assorbanza della soluzione. 9. Calcolare il valore medio e ricavare la concentrazione di zinco presenti nei 100 ml di soluzione per estrapolazione dalla retta di calibrazione. Se la concentrazione risulta fuori dell intervallo di concentrazione utilizzato per la calibrazione, procedere ad una adeguata diluizione. 10. Riportare il valore trovato alla quantità di capelli iniziali utilizzando la relazione 11. Zn (mg /Kg = /g) = C x 100/m 12. dove C è la concentrazione estrapolata espressa in mg/l e m la massa di capelli espressa in grammi. Metodo delle aggiunte standard 1. Trasferire in 5 matracci tarati da 25 ml, numerati dall uno al cinque, 12,5 ml di soluzione del campione di capelli. 2. Aggiungere ai matracci 1, 2, 3, 4 e 5 rispettivamente 0, 0,25, 0,5, 0,75 e 1,00 ml di soluzione diluita di zinco (25 ppm). 3. Portare a volume con acqua distillata. 4. Dopo azzeramento con acqua distillata, effettuare tre misure di assorbanza per ogni campione. 5. Tracciare la retta assorbanza contro concentrazione di zinco aggiunta ricavata con il metodo dei minimi quadrati. 6. Determinare la concentrazione di zinco presente nella soluzione proveniente dal trattamento dei capelli nel punto di intersezione della retta con l asse delle ordinate (asse dell assorbanza) al valore zero in assorbanza. 7. Calcolare il contenuto in zinco nel campione di capelli utilizzando la precedente relazione. Fare un confronto statistico dei dati (parametri della retta e contenuto di zinco) ottenuti con i due metodi e fare le opportune considerazioni.

5 4 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili per cromatografia ionica e rivelazione conduttimetrica soppressa. Questa esperienza vuole introdurre lo studente alla cromatografia ionica (IC). Questa tecnica riveste oggi un ruolo estremamente importante in quanto con essa è stato possibile determinare specie non facilmente determinabili per altra via come ad esempio lo ione solfato, ammonio, fluoruro, fosfato e molti altri. La grande versatilità della tecnica è data sia dall odierna tecnologia delle resine a scambio ionico che dalla possibilità di utilizzare la tecnica conduttimetrica per la rivelazione degli analiti. Quest ultima circostanza è dovuta alla possibilità di «sopprimere» la conducibilità del fondo, dovuta all eluente utilizzato, ma non all analita il cui segnale viene anzi aumentato. La IC viene qui usata per la quantificazione degli anioni inorganici presenti nell acqua di rete (o di un acqua oligominerale) ed in particolare di Cl -, NO - 3, SO 2-4, (PO 3-4 ). La quantificazione di tali ioni è effettuata per mezzo di una calibrazione esterna. Strumentazione Cromatografo liquido inerte ad alta pressione dotato di rivelatore conduttimetrico. Colonna analitica ionica DIONEX AS4A-SC con precolonna AG4A-SC. Soppressore a micromembrana DIONEX AMMS II o DIONEX SRS. 3 o 4 matracci tarati da 100 ml 5 matracci tarati da 25 ml pipette tarate da 10 ml. Reagenti Soluzione eluente costituita da una miscela di carbonato/bicarbonato 1.8/1.7 mm. Soluzioni di 1000 p.p.m. di NaCl, NaNO 3, (NaH 2 PO 4 ), Na 2 SO 4 per analisi. Soluzione di H 2 SO 4 25 mm per la rigenerazione della membrana di soppressione.

6 5 Procedura 1. Utilizzando i matracci tarati da 100 ml siano fatte tre soluzioni madre contenenti 1000 p.p.m. di Cl -, NO - 3 e SO 2-4, (PO 3-4 ). 2. In 5 matracci tarati da 25 ml si preparino le soluzioni standard di Cl - in ragione di 1, 5, 10, 20, 50 p.p.m., NO - 3 in ragione di 1, 2, 5, 10, 20 p.p.m. e SO 2-4 (e PO 3-4 ) in ragione di 1, 5, 10, 20, 50 p.p.m. portando a volume con acqua bidistillata. 3. Accendere il cromatografo ed impostare una velocità di flusso di 2.0 ml/min. Accendere il rivelatore conduttimetrico ed impostare 300 S a fondo scala. Avviare la rigenerazione del soppressore. 4. Prima delle iniezioni fare stabilizzare il segnale del fondo lasciando fluire l eluente per almeno una decina di minuti (conducibilità di fondo minore di 25 S). 5. Accendere l integratore impostando l attenuazione a 1024 ed attivare la procedura PTeval. 6. Avvinare 3 volte la siringa di iniezione con la soluzione da iniettare. Si inizi con il bianco (acqua) e si proceda con la soluzione standard più diluita. 7. Introdotta la siringa nell apposito alloggiamento dell iniettore si riempia il «loop» assicurandosi di essere nella posizione «LOAD». 8. Commutare la valvola di iniezione nella posizione «INJECT» attivando simultaneamente l integratore. 9. Lasciare eluire i picchi e poi ripetere l iniezione dello stesso standard per tre volte 10. Graficare le aree trovate contro le concentrazioni 11. Analizzare con la stessa procedura i campioni incogniti preoccupandosi di filtrare in linea la soluzione se richiesto (acque di scarico o superficiali piuttosto che acque potabili).

7 6 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale I grassi naturali (lipidi) sono costituiti quasi esclusivamente da esteri degli acidi grassi con la glicerina (trigliceridi) nei quali la composizione acidica è rappresentativa dell origine e/o della trasformazione del prodotto. La determinazione della composizione acidica in campioni quali olio, burro, margarina, così come in prodotti contenenti frazioni significative di sostanza grassa (alimenti, cosmetici, farmaci, ecc ) risulta pertanto essenziale per una loro caratterizzazione sia in termini di composizione che di qualità del prodotto. L analisi degli acidi grassi può essere convenientemente eseguita per via gas-cromatografica, sfruttando la volatilità dei loro esteri metilici che risulta maggiore sia rispetto agli stessi acidi grassi che agli originali trigliceridi costituenti il campione in esame. Se efficacemente separati, la loro quantificazione può inoltre risultare estremamente semplice in virtù di due importanti considerazioni: 1. I prodotti naturali quali l olio di oliva, di semi o il burro possono essere considerati come costituiti al 100% da trigliceridi. 2. Utilizzando, dopo separazione GC, un rivelatore a ionizzazione di fiamma, la risposta strumentale (sensibilità) risulta praticamente identica per tutti gli acidi grassi di interesse (C4-C24) se si esprime la concentrazione di ogni analita in % (w/w). Ciò produce un caratteristico cromatogramma rappresentativo dell intero campione, nel quale l area relativa (A%) di ogni picco cromatografico risulta una buona stima della concentrazione (% w/w) del singolo acido grasso contenuto nel campione originale. Reagenti Acido solforico 98% Metanolo n- Pentano o Etere di Petrolio C

8 7 Attrezzature Gas-Cromatografo equipaggiato con colonna capillare EC-WAX 20 M, idonea alla separazione degli esteri metilici degli acidi grassi e rivelatore FID. Integratore Bagno riscaldante Fiala da 20 ml munita di setto rivestito in teflon e ghiera in allumino Rivettatore Pipetta graduata Siringhe Siringa da GC Analisi gas-cromatografica Individuare i vari moduli della strumentazione (bombole, riduttori, iniettore, colonna, rivelatore e integratore) e, con l aiuto del docente, cercare di impostare le condizioni operative di analisi sulla base delle proprietà degli analiti in esame (volatilità) e delle disponibilità strumentali. Scegliere in particolare: T iniettore, T rivelatore, T colonna o programmare un gradiente di T, flusso del carrier, parametri di acquisizione ed integrazione del segnale. Adattare le condizioni sperimentali mediante l analisi degli estratti ottimizzando la risoluzione cromatografica e i tempi di analisi. I valori normalmente impiegati con una colonna EC-WAX sono: T iniettore = C, T rivelatore = 260 C, T colonna = C Nelle condizioni ottimali, acquisire più cromatogrammi dello stesso campione per determinare, sia qualitativamente che quantitativamente, la composizione acidica del campione. Il primo aspetto può essere affrontato analizzando un campione sintetico, contenente cioè solo alcuni acidi grassi a composizione nota e/o conoscendo a priori le caratteristiche della fase stazionaria utilizzata (precedenti esperienze). In questo caso preparare gli esteri metilici L analisi quantitativa si basa invece sulla misura dell area di ogni picco di interesse (in pratica tutti tranne quelli attribuibili al solvente), esprimendo ogni concentrazione (% w/w), e propria incertezza, come area relativa

9 8 % AG = A AG / i A AGi F. Tateo, Analisi dei prodotti alimentari, Chiriotti editore, 1978, Vol. 1, pag Procedimento 1. Introdurre nella fiala circa 0.5 g di campione 2. Aggiungere 2 ml di metanolo e 80 l di acido solforico 98 %. Seguire questo ordine introducendo con cautela l acido solforico la cui idratazione risulta fortemente esotermica. 3. Chiudere con setto e ghiera la fiala 4. Porre la fiala in un termostato ad acqua o stufa posta alla temperatura di 80 C e lasciare il campione per 40 minuti 5. Raffreddare a temperatura ambiente con acqua 6. Forare il setto con un ago e mediante una siringa introdurre 5 ml di n-pentano 7. Agitare bene in modo da estrarre completamente i poliesteri nella fase 8. Togliere la chiusura senza farsi male 9. Iniettare direttamente 0,5 l di fase organica nel gas-cromatografo

10 9 Determinazione della caffeina presente in bevande (caffè, te, Coca-Cola, farmaci analgesici) per cromatografia liquida ad alta pressione con rivelazione UV. La presente esperienza prevede l uso dell HPLC per determinare la concentrazione della caffeina in bevande nella cui formulazione essa è presente come per esempio nel caffè, nel te, nella Coca-Cola, ecc.. Il metodo tradizionale per la determinazione della caffeina prevede un estrazione e la determinazione spettrofotometrica. L uso dell HPLC permette una veloce e facile separazione della caffeina da altre sostanze come acido tannico, acido caffeico e saccarosio normalmente presenti. La procedura qui suggerita prevede di analizzare direttamente il campione di interesse (eventualmente previa diluizione) e di quantificarlo per mezzo di una calibrazione esterna. H 3 C N O N CH 3 O N CH 3 N Caffeina Reagenti Caffeina (soluzione madre da 100 ppm.) in eluente. Composizione della fase mobile per analisi in isocratica: metanolo/acqua 40/60 a ph 3.5 per H 3 PO 4 (una goccia di concentrato in un litro) Composizione della fase mobile per analisi in gradiente: (A) metanolo/acqua 20/80 a ph 3.5 per H 3 PO 4 (una goccia di concentrato in un litro); (B) metanolo. Caffè, Te, Coca-Cola, farmaci analgesici. Strumentazione Cromatografo liquido ad alta pressione (isocratico) Cromatografo liquido ad alta pressione (a gradiente).

11 10 Rivelatore spettrofotometrico UV-VIS ( =270 nm). Colonna analitica da fase inversa Lichrosorb RP-18 5 matracci tarati da 25 ml. pipette tarate. Procedura 1. In 5 matracci tarati da 25 ml si preparino soluzioni a concentrazione 1.0, 5.0, 10.0, 20.0, 50.0 p.p.m. di caffeina e si porti a volume con la soluzione eluente. 2. Accendere il cromatografo ed impostare una velocità di flusso di 2.0 ml/min raggiungendo gradualmente tale valore. Accendere il rivelatore, impostare = 254 nm e 0.64 aufs. 3. Fare stabilizzare il segnale del fondo lasciando fluire l eluente per almeno una decina di minuti. 4. Accendere l integratore impostando l attenuazione a 128 ed attivare la procedura PTeval. 5. Avvinare 3 volte la siringa di iniezione con la soluzione da iniettare. Si inizi con il bianco (eluente) e si proceda con la soluzione standard più diluita. 6. Introdotta la siringa nell apposito alloggiamento dell iniettore si riempia il «loop» assicurandosi di essere nella posizione «LOAD». 7. Commutare la valvola di iniezione nella posizione «INJECT» attivando simultaneamente l integratore. 8. Lasciare eluire i picchi e poi ripetere l iniezione dello stesso standard per tre volte, mediare i valori delle tre aree relative e porre il valore in grafico. 9. Analizzare con la stessa procedura i campioni incogniti (eventualmente diluiti) preoccupandosi di filtrare in linea la soluzione se richiesto. Preparazione dei campioni di caffeina da caffè, te e coca cola Alcune bevande possono essere analizzate direttamente (iniezione diretta). Le bevande gasate devono essere preventivamente degasate ad esempio utilizzando con cautela un bagno ad ultrasuuoni.

12 11 _ Per il caffè e per il te si suggerisce di prelevare 2 ml di bevanda, e diluirli a 25 ml portando a volume con la soluzione eluente. _ Per la Coca-Cola si esegua la stessa operazione prelevando però 10 ml di bevanda degasata. Si inietti il campione incognito per tre volte. _ Il contenuto di caffeina nel caffè macinato può essere determinato attraverso la completa estrazione dell analita. Ciò si ottiene trattando 2 g di caffè con 20 ml di CH 2 Cl 2 a ricadere per 2 ore. l estratto viene filtrato, portato a secchezza in evaporatore rotante (dotato di trappola per il recupero del solvente) e ripreso in metanolo. La soluzione (eventualmente diluita con acqua) viene iniettata direttamente. _ L estrazione da farmaci si ottiene macinando la compressa in mortaio trasferendo il tutto in beuta e trattando con 50 ml di metanolo (eventualmente portare in bagno ad ultrasuoni per 10 min). Filtrare su carta e raccogliere la soluzione in matraccio da 100 ml. Lavare il filtro con qualche aliquota di metanolo e portare a volume. La soluzione può essere direttamente iniettata eventualmente diluita con acqua. 1. Stimare l errore per un intervallo di fiducia pari a 0,05.

13 12 Determinazione del coefficiente di assorbività molare ε e del punto isosbestico di rosso fenolo e verde di bromocresolo (e costante di equilibrio). Loro determinazione in una miscela. Quando uno spettro cambia in seguito ad una reazione chimica a carico del cromoforo, ossia del gruppo responsabile dell assorbimento, e vi sono sovrapposizioni tra lo spettro iniziale e quello della specie prodotta nella reazione, nello spettro esiste almeno una lunghezza d onda alla quale le assorbività molari delle due specie sono uguali. Tale lunghezza d onda, identifica il punto isosbestico. L importanza di tale punto consiste nel fatto che questo risulta indipendente dalla concentrazione delle due specie, ma solo dalla concentrazione iniziale totale di analita e può quindi essere utilizzato per determinazioni quantitative. Infatti, a tale lunghezza d onda non si hanno deviazioni dalla legge di Beer in conseguenza della reazione di spostamento chimico. Il rosso fenolo (fenolsolfonftaleina) ed il verde di bromocresolo (tetrabromo-mcresolsolfonftaleina) riportate in figura sottostante, sono due acidi deboli organici utilizzabili come indicatori cromatici nelle titolazioni acido-base. O O O S O Br O S O Br HO OH HO OH Br Br Rosso fenolo Verde di bromocresolo Sebbene siano acidi poliprotici, ossia aventi più costanti di dissociazione acida, ai fini della presente esperienza possono essere considerati acidi monoprotici aventi pka = 7.8 e 4.7 rispettivamente. Il rosso fenolo vira da giallo a rosso, il verde di bromocresolo da giallo a blu. Per questa loro capacità

14 13 di variare il colore a seconda del ph, il loro spettro di assorbimento mostrerà dei massimi collocati a lunghezze d onda considerevolmente differenti, corrispondenti alla forma protonata HIn e deprotonata In -. HIn H + + In - Essendo questo un caso di cromofori interconvertibili, lo spettro deve mostrare un punto isosbestico, cioè una lunghezza d onda in cui l assorbività molare ε sia indipendente dal ph. Inoltre, se la concentrazione totale della forma protonata e deprotonata nei diversi tamponi è uguale, tutti gli spettri si intersecheranno tutti in tale punto. Sperimentalmente., il punto isosbestico si individuerà mediante la registrazione degli spettri di assorbimento nella regione del visibile compresa tra 300 e 700 nm, mantenendo rigorosamente costante la concentrazione di indicatore al variare del ph. L esperienza si sviluppa in due fasi: a) Determinazione delle costanti di assorbività molari massime (ε max ) del rosso fenolo e del verde di bromocresolo al variare del ph. Il valore viene determinato dagli spettri di assorbimento registrati a vari ph e relativi alla stessa concentrazione di analita. Quest ultimo accorgimento ci permetterà di osservare i punti isosbestici dei due coloranti e le relative lunghezza d onda. Inoltre, si tenterà di determinare la costante di equilibrio dei due acidi. b) Determinazione delle quantità dei due coloranti presenti in una miscela incognita a due differenti lunghezze d onda mediante retta di calibrazione e opportuna scelta del ph di lavoro. Reagenti Soluzione di rosso fenolo M in acqua; Soluzione di verde di bromocresolo M in acqua; Soluzioni ai seguenti ph tamponati o controllati: 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10;

15 14 Soluzioni di acido acetico (CH 3 COOH), acido fosforico (H 3 PO 4 ), carbonato acido di sodio (NaHCO 3 ) e NaOH Standard di ph per la calibrazione dell elettrodo a vetro per la misura di ph. Strumentazione Spettrofotometro UV-Visibile a doppio raggio; Cuvette in vetro da un centimetro (1 cm) di cammino ottico; ph-metro; Elettrodo a vetro. Procedura 1. In 8 matracci da 25 ml trasferire 1 ml di soluzione di rosso fenolo M e portare a volume con le otto soluzioni tampone a ph 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10 precedentemente preparate 2. Azzerare lo spettrofotometro nell intero intervallo di lunghezze d onda riempiendo entrambe le cuvette (quella di misura e quella di riferimento) con acqua, selezionando la procedura BASE-LINE CORRECTION (n. 23 nel menù METODI); 3. Avvinare bene e quindi riempire la cuvetta di misura con la soluzione a ph 3, lasciando acqua nella cuvetta di riferimento; 4. Registrare lo spettro di assorbimento tra 300 e 700 nm; 5. Lavare bene la cuvetta di misura con acqua; 6. Ripetere i punti 3-5 per le altre soluzioni; 7. Identificare la lunghezza d onda del punto isosbestico e le lunghezze d onda dei due massimi di assorbimento relativi alla forma protonata e deprotonata; 8. calcolare le assorbività molari ε corrispondenti;

16 15 9. In otto matracci da 25 ml trasferire 2 ml della soluzione M di verde di bromocresolo e portare a volume con le otto soluzioni tampone a ph 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10 precedentemente preparate; 10. Ripeter i punti 2 8 per le soluzioni di verde di bromocresolo. Procedura per l analisi della soluzione incognita 1. Azzerare lo spettrofotometro come al punto 2 della precedente procedura; 2. Preparare una soluzione a concentrazione nota nei due indicatori, prelevando ml di soluzione di rosso fenolo M e 1 2 ml di soluzione di verde di bromocresolo M; 3. Registrare lo spettro di assorbimento ed individuare i valori di assorbenza A utili alla contemporanea determinazione dei due indicatori. Calcolo della costante Ka Il calcolo della costante Ka dei due indicatori è possibile una volta determinati i valori dei coefficienti di assorbimento ε ai valori estremi di ph, ossia 3 e 10, utilizzando la relazione Ka In H HIn Si calcolano i valori di costante Ka per i valori intermedi di ph, e si esegue la media

TITOLAZIONI ACIDO-BASE.

TITOLAZIONI ACIDO-BASE. TITOLAZIONI ACIDO-BASE. La titolazione è una operazione di laboratorio che permette di determinare la concentrazione incognita (o titolo, da cui titolazione) di una specie chimica (chiamata analita) in

Dettagli

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 0. Generalità e definizioni Gli anioni bromuro, clorito, cloruro, fluoruro,

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

Laboratorio di Chimica Analitica II

Laboratorio di Chimica Analitica II Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale, anno accademico 2009/2010 Corso di Laurea in Chimica Laboratorio di Chimica Analitica II Prof.ssa Colombini Davide Ceratti

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE AGRO-INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA ANALITICA ANNO ACCADEMICO 2005-2006 DETERMINAZIONE DEI NITRATI NELL ACQUA POTABILE

Dettagli

ESTRAZIONE ED IDENTIFICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE

ESTRAZIONE ED IDENTIFICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE ESTRAZIONE ED IDENTIICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE I trigliceridi I grassi (o meglio i lipidi) sono costituenti essenziali di moltissimi alimenti. In alcuni di essi (olio, burro, margarina)

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini DETERMINAZIONE DEL FOSDORO ASSIMILABILE COME P2O5 METODO OLSEN PRINCIPIO Il fosforo viene estratto con una soluzione di NaHCO 3 0.5 N (ph 8.5). Sull estratto il fosforo viene dosato per via spettrofotometrica

Dettagli

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale Analisi di Controllo di un Acqua Minerale aturale ITODUZIOE Le acque potabili possono essere in diverse tipologie: si definiscono acque destinate al consumo umano, quelle acque rese potabili dopo aver

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità. Metodo per la determinazione dell ocratossina A (OTA) nel caffè verde e torrefatto

Istituto Superiore di Sanità. Metodo per la determinazione dell ocratossina A (OTA) nel caffè verde e torrefatto Istituto Superiore di Sanità Metodo per la determinazione dell ocratossina A (OTA) nel caffè verde e torrefatto INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3 2. AVVERTENZE E PRECAUZIONI 3 3. PRINCIPI DEL METODO

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

CHIMICA ANALITICA 2 (MODULO B)

CHIMICA ANALITICA 2 (MODULO B) A.A. 2013/2014 DISPENSE DEL CRS CHIMICA ANALITICA 2 (MDUL B) corso di Laurea in Chimica Gabriella Favaro Valerio Di Marco 1 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale mediante Gas-Cromatografia

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE Con il nome di indicatori di ph vengono denominate delle sostanze in grado di assumere diverse colorazioni a seconda della concentrazione

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

23a. Solventi organici clorurati

23a. Solventi organici clorurati Maggio 1990 23a. Solventi organici clorurati 23a.l Principio del metodo II metodo si basa sull'analisi gascromatografica di un estratto, ottenuto da un campione di fango o di rifiuto solido, utilizzando

Dettagli

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico.

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico. COPIA AD USO ESCLUSIVO DI. Progetto EMAS di Distretto finalizzato all Attestato APO (Ambiti Produttivi Omogenei) e al supporto delle singole organizzazioni dei comparti chimico farmaceutico operanti nel

Dettagli

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico 4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico lio di ricino + MeH NaMe H Me CH 4 (32.0) C 19 H 36 3 (312.5) Classificazione Tipo di reazione e classi di sostanze

Dettagli

ANALISI CHIMICO FARMACEUTICA I

ANALISI CHIMICO FARMACEUTICA I Prof. Gianluca Sbardella : 089 962650 : gsbardella@unisa.it NORME GENERALI SUL COMPORTAMENTO IN LABORATORIO Ordine e concentrazione Conoscenza del procedimento analitico Uso corretto dell attrezzatura

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN 2 Analisi chimica strumentale 47 Lo stesso accade per le titolazioni conduttimetriche. 48 Queste misure, fra l altro, risultano anche più veloci di quelle effettuate vicino al punto di equivalenza perché

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente FECCHINO SUSANNA Materia insegnata Classe Previsione numero ore di Analisi chimica, elaborazione dati e laboratorio 5 E 256 256 256 Nome Ins. Tecn. Pratico ROMAGNOLLO LIDIA Cozzi, Protti,

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

Conducibilità (IRSA 2030)

Conducibilità (IRSA 2030) Conducibilità (IRSA 2030) Principio Si definisce conducibilità elettrica (o conduttanza) di un mezzo omogeneo il reciproco della sua resistenza (espressa in ohm). Per conducibilità elettrica specifica

Dettagli

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA www.sdasr.unict.it/materiale/lab_geoch_lezione8.ppt venus.unive.it/matdid.php?utente=capoda&base...ppt...

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

5020. Ammine alifatiche

5020. Ammine alifatiche 5020. Ammine alifatiche Il metodo descritto consente la determinazione di mono-, di-, trimetilammina, n-propilammina, acetilammina o ammide dell acido acetico e cicloesilammina. In generale, la determinazione

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA CHIMICA ANALITICA STRUMENTALE CLASSE 5 SEZIONE B INDIRIZZO CM DOCENTE Buga Morena - Cortellino Nunzia ORE DI LEZIONE 8 (5) OBIETTIVI **************** CONOSCENZE/ABILITA

Dettagli

Conoscere gli acidi e le basi

Conoscere gli acidi e le basi Conoscere gli acidi e le basi 1 1) Determinazione dell acidità totale del latte 2) Determinazione dell acidità totale del vino INTRODUZIONE: Gli acidi sono sostanze che possiedono alcune proprietà chimiche

Dettagli

METALLI E SPECIE METALLICHE

METALLI E SPECIE METALLICHE 3220. Nichel Il nichel è abbastanza diffuso in natura e risulta uniformemente distribuito nell ambiente; a seconda delle diverse fonti bibliografiche esso occupa una posizione compresa tra il 23 ed il

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

METALLI E SPECIE METALLICHE

METALLI E SPECIE METALLICHE 3050. Alluminio L alluminio, con un contenuto di circa l 8% nella crosta terrestre rappresenta il metallo più abbondante sulla Terra e il terzo elemento della litosfera dopo l Ossigeno e il Silicio. Il

Dettagli

EQUILIBRI SIMULTANEI

EQUILIBRI SIMULTANEI EQUILIBRI SIMULTANEI 1. Soluzioni tampone. Per soluzione tampone si intende una soluzione acquosa in grado di mantenere pressoché inalterato il proprio ph, in seguito all'aggiunta di moderate quantità

Dettagli

METALLI E SPECIE METALLICHE

METALLI E SPECIE METALLICHE 3160. Ferro Il ferro è il quarto elemento per abbondanza nella crosta terrestre. Si trova raramente allo stato nativo, mentre i minerali più importanti del ferro sono FeS 2, Fe 3 O 4, FeCO 3, Fe 2 O 3.

Dettagli

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Separazione dei tensioattivi e riconoscimento della classe di appartenenza I formulati di uso domestico a base di tensioattivi sono numerosi almeno

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H +

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + Teoria di Arrhenius Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + H-Cl H + + Cl - Vengono definiti basi quei composti che, in soluzione

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA UNITÀ SI Il sistema di misura standard, adottato su scala mondiale, è conosciuto come Système International d Unités. Le unità fondamentali da cui derivano tutte le

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA UNITA DI VOLUME L unità fondamentale di volume è il litro (l). Il millilitro (ml) è la millesima parte di un litro ed è largamente usato in tutti i casi in cui il litro è

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

MISURE DI VOLUME. Per versare. Per contenere

MISURE DI VOLUME. Per versare. Per contenere MISURE DI VOLUME Unità di volume: LITRO (L) (IUPAC: dm 3 ) ml : 10-3 L = cm 3 = cc ml : 10-6 L Il volume dipende dalla TEMPERATURA. I contenitori in vetro hanno coefficienti di espansione molto piccoli;

Dettagli

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GC GC/MS Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GAS-CROMATOGRAFO GAS di TRASPORTO (carrier): Gas inerte (azoto,elio..): trasporta componenti della miscela lungo la colonna cromatografica INIETTORE: - Assicura

Dettagli

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 Cromatografia??? La cromatografia è un metodo chimico-fisico che sfrutta la tendenza delle sostanze a distribuirsi

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

4025 Sintesi del 2-iodopropano dal 2-propanolo

4025 Sintesi del 2-iodopropano dal 2-propanolo 4025 Sintesi del 2-iodopropano dal 2-propanolo OH I + 1/2 I 2 + 1/3 P x + 1/3 P(OH) 3 C 3 H 8 O (60.1) (253.8) (31.0) C 3 H 7 I (170.0) (82.0) Classificazione Tipo di reazione e classi di sostanze Sostituzione

Dettagli

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1.1 VETRERIA Con il termine vetreria si indicano tutte le apparecchiature semplici o complesse fabbricate in vetro, o eccezionalmente in quarzo, di cui ci si serve per le

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE L esperienza consiste nel misurare il grado di acidità di un aceto, acquistando i concetti di titolazione acido-base, punto di equivalenza, indicatore

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione

Le reazioni di ossidoriduzione I.S. G. TASSINARI PROGRAMMAZIONE di CHIMICA ANALITICA E STUMENTALE Classe 4L - A.S. 2015-16 Docenti: prof.ssa Stefania Comes- prof.ssa Anna Alfano ANALISI INIZIALE DELLA CLASSE: La classe risulta composta

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Le tecniche analitiche strumentali sono un utilissimo strumento per identificare sostanze incognite (analisi qualitativa), ad esempio per riconoscere

Dettagli

Verificatelo! Passion. Power. Productivity. Chiamate per fissare una demo: Italia 02 5162 1267. Austria 01 616 51 25. Belgio & Olanda 03 3534294

Verificatelo! Passion. Power. Productivity. Chiamate per fissare una demo: Italia 02 5162 1267. Austria 01 616 51 25. Belgio & Olanda 03 3534294 Verificatelo! Chiamate per fissare una demo: Italia 02 5162 1267 Austria 01 616 51 25 Belgio & Olanda 03 3534294 Danimarca 36 36 90 90 Francia 01 39 30 01 10 Germania 06126 991-0 Irlanda 01 6440064 Regno

Dettagli

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD PIANO NAZIONALE LAUREE SCIENTIFICHE (PNLS1) la scienza per una migliore qualità della vita LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD Relazione LAB PLS Chimica dei Materiali 01-07-2011 pag.

Dettagli

CROMATOGRAFIA LIQUIDA AD ALTA PRESSIONE

CROMATOGRAFIA LIQUIDA AD ALTA PRESSIONE CROMATOGRAFIA LIQUIDA AD ALTA PRESSIONE Tipi di cromatografo Unità di pressione Fase mobile Rivelatori HPLC di adsorbimento HPLC di ripartizione La cromatografia ad alta pressione HPLC (High Performance

Dettagli

TRATTAMENTI DI OSSIDAZIONE AVANZATA AL SERVIZIO DELL AMBIENTE

TRATTAMENTI DI OSSIDAZIONE AVANZATA AL SERVIZIO DELL AMBIENTE MATERIALI E METODI Descriviamo di seguito le strumentazioni impiegate per le sperimentazioni: i tipi di reattori ad UV scelti, le acque di scarico trattate, con i diversi coloranti presi in esame, descrivendo

Dettagli

METADONE ed EDDP urinari in GC-MS Cod. GC48010. Metodo di conferma in GC-MS

METADONE ed EDDP urinari in GC-MS Cod. GC48010. Metodo di conferma in GC-MS METADONE ed urinari in GC-MS Cod. GC48010 Metodo di conferma in GC-MS INTRODUZIONE Il metadone è un oppioide sintetico utilizzato come farmaco di elezione nella disintossicazione da eroina (e/o oppiacei).

Dettagli

INTRODUZIONE. EUREKA srl LAB DIVISION VAT N 01547310423 E-mail:info@eurekaone.com www.eurekaone.com

INTRODUZIONE. EUREKA srl LAB DIVISION VAT N 01547310423 E-mail:info@eurekaone.com www.eurekaone.com AMFETAMINE urinarie in GC/MS Cod. GC00 (Amfetamina, Metamfetamina,,-MDMA,,-MDA,,-MDE, Efedrina, Pseudoefedrina, Norpseudoefedrina, MBDB) Metodo di conferma in GC-MS INTRODUZIONE Le Amfetamine sono droghe

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Metodo di conferma in HPLC

Metodo di conferma in HPLC 9 - TETRAIDROCANNABINOLO-COOH urinario in UV Cod. Z47010 Metodo di conferma in HPLC INTRODUZIONE Il 9 -THC-COOH è il metabolita urinario principale della Cannabis. La sua determinazione di screening nei

Dettagli

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione.

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione. La concentrazione delle soluzioni Le soluzioni sono costituite da quantità molto variabili dei loro componenti: se vogliamo fornire una indicazione precisa circa la loro composizione, è importante conoscere

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

Analisi spettro-fotometrica UV degli oli d oliva

Analisi spettro-fotometrica UV degli oli d oliva Corso di Chimica Analitica II e Laboratorio Docenti: Davide Atzei e Antonella Rossi Analisi spettro-fotometrica UV degli oli d oliva 1 OBIETTIVI L esame di un olio con la spettrofotometria ultravioletta

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE L esperienza consiste nel misurare il grado di acidità di un aceto, acquistando i concetti di titolazione acido-base, punto di equivalenza, indicatore

Dettagli

Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera. "A. Prever" PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera. A. Prever PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera DISCIPLINA: "A. Prever" PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANALISI E CONTROLLI CHIMICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI CLASSE: IV sez A, B,

Dettagli

CONSIGLIO OLEICOLO INTERNAZIONALE

CONSIGLIO OLEICOLO INTERNAZIONALE CONSIGLIO OLEICOLO INTERNAZIONALE COI/T.20/Doc. n. 18/Rev. 2 5 dicembre 2003 ITALIANO Originale: ITALIANO Príncipe de Vergara, 154 28002 Madrid España Telef.: +34 915 903 638 Fax: +34 915 631 263 - e-mail:

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea Chimica Industriale Bologna Faenza Rimini BOLOGNA La Chimica nella vita di tutti i giorni è scienza per il futuro Dr. ELENA STROCCHI elena.strocchi@unibo.it Tel. 051 2093645 FAENZA La Chimica e i Materiali:

Dettagli

2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510

2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510 2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510 BIOCHIMICA Il 2,5 Esandione o Acetonylacetone è un dichetone alifatico prodotto dalla trasformazione biochimica dell idrocarburo alifatico Esano.

Dettagli

Sistemi di separazione di miscele omogenee

Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee I sistemi di separazione delle miscele omogenee riguardano la separazione di un soluto da un solvente (come nel caso

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Istruzione e formazione. Cognome/Nome MARMO GERARDINA

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Istruzione e formazione. Cognome/Nome MARMO GERARDINA Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome/Nome MARMO GERARDINA Indirizzo Via Vittorio Alfieri n 15 Bellizzi (SA) 84092 Telefono 3206769153 E-mail Cittadinanza marmogerardina@gmail.com Italiana Data

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

5160. Sostanze oleose (Grassi e oli animali e vegetali; idrocarburi totali)

5160. Sostanze oleose (Grassi e oli animali e vegetali; idrocarburi totali) 5160. Sostanze oleose (Grassi e oli animali e vegetali; idrocarburi totali) Introduzione La presenza di oli e grassi animali e vegetali è rilevante negli effluenti dell industria alimentare (caseifici,

Dettagli

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml Bari,11 gennaio 1999 Compito di analisi dei farmaci I 1) 1 ml di H 2 O 2 viene titolato con KMnO 4. Sono necessari 18.1 ml. La soluzione di KMnO 4 è 0.1023 N e la densità dell acqua ossigenata è 1.01 g/ml.

Dettagli

Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo".

Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo. LE ACQUE POTABILI Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo". I dati più significanti per la valutazione

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 461-2012. Visto l Articolo 2, Paragrafo 2 IV, dell'accordo che istituisce l Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino,

RISOLUZIONE OIV-OENO 461-2012. Visto l Articolo 2, Paragrafo 2 IV, dell'accordo che istituisce l Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, RISOLUZIONE OIV-OENO 461-2012 METODI PER LA DETERMINAZIONE DI NATAMICINA NEL VINO L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l Articolo 2, Paragrafo 2 IV, dell'accordo che istituisce l Organizzazione Internazionale della

Dettagli

ACIDO IPPURICO, ACIDI o-m-p-metilippurici e CREATININA URINARI in UV Codice Z07510

ACIDO IPPURICO, ACIDI o-m-p-metilippurici e CREATININA URINARI in UV Codice Z07510 BIOCHIMICA ACIDO IPPURICO, ACIDI o-m-p-metilippurici e CREATININA URINARI in UV Codice Z07510 La determinazione dell Acido Ippurico urinario viene impiegata per il monitoraggio biologico dei soggetti esposti

Dettagli

Facoltà di Scienze M.M. F.F. N.N. Corso di Laurea Triennale in Chimica Industriale CORSO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE ANALITICHE STRUMENTALI

Facoltà di Scienze M.M. F.F. N.N. Corso di Laurea Triennale in Chimica Industriale CORSO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE ANALITICHE STRUMENTALI Facoltà di Scienze M.M. F.F. N.N. Corso di Laurea Triennale in Chimica Industriale CORSO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE ANALITICHE STRUMENTALI Maria Antonietta Baldo & Ligia Maria Moretto TECNICHE SPETTROSCOPICHE:

Dettagli

Metodo di conferma in GC-MS

Metodo di conferma in GC-MS 9 - TETRAIDROCANNABINOLO-COOH urinario Cod. GC47010 Metodo di conferma in GC-MS INTRODUZIONE Il 9 -THC-COOH è il metabolita urinario principale della Cannabis. La sua determinazione di screening nei liquidi

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2 SUL LIBRO DA PAG 354 A PAG 358 Capitolo 217 Le Acidi trasformazioni e basi si scambiano fisiche della protoni materia Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le teorie sugli acidi e sulle basi 1 Spiega perché lo

Dettagli

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio:

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio: 1 Acidi e basi Il concetto di equilibrio: Le reazioni chimiche sono generalmente irreversibili (non si può tornare alla situazione di partenza). Un esempio semplificato potrebbe essere il seguente: quando

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI

COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI 4040. Azoto nitrico I nitrati rappresentano l ultimo stadio di ossidazione dei composti azotati provenienti dai processi di decomposizione biologica di sostanze organiche. Possono essere presenti in tracce

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 419B-2012 METODI SPECIFICI PER L ANALISI DELLO ZUCCHERO D UVA (MOSTI D UVA CONCENTRATI RETTIFICATI)

RISOLUZIONE OIV-OENO 419B-2012 METODI SPECIFICI PER L ANALISI DELLO ZUCCHERO D UVA (MOSTI D UVA CONCENTRATI RETTIFICATI) RISOLUZIONE OIV-OENO 419B-2012 METODI SPECIFICI PER L ANALISI DELLO ZUCCHERO D UVA (MOSTI D UVA CONCENTRATI RETTIFICATI) L ASSEMBLEA GENERALE, VISTO l'articolo 2, Paragrafo 2 iv, dell'accordo del 3 aprile

Dettagli