Oggetto: Aiuti di Stato N 384/ Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/ Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari Signor Ministro, Mi pregio informarla che la Commissione non ha sollevato obiezioni, ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE, in merito alla misura di aiuto in oggetto. La decisione della Commissione si fonda sulle seguenti considerazioni. I. PROCEDIMENTO Con lettera del 7 agosto 2003, protocollata il 28 agosto 2003, la Rappresentanza permanente d Italia presso l Unione europea ha notificato alla Commissione, ai sensi dell articolo 88, paragrafo 3, del trattato, la legge nazionale di cui all oggetto. Con lettera dell 11 dicembre 2003, protocollata il 12 dicembre 2003, la Rappresentanza permanente d Italia presso l Unione europea ha trasmesso dei complementi di informazione in merito all aiuto di cui trattasi. II. DESCRIZIONE II.1 Fondamento giuridico Progetto di decreto Regime di aiuto per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole e agroalimentari. S.E On. Franco FRATTINI Ministro degli Affari esteri P.le della Farnesina 1 I ROMA Commission européenne, B-1049 Bruxelles/ Europese Commissie, B Brussel - Belgio - Telefono: 32 (0)

2 II.2 Obiettivo della misura Il regime intende ovviare alla carenza di finanziamenti azionari e prestiti partecipativi a favore delle piccole e medie imprese 1 che operano nel settore della produzione, trasformazione e/o commercializzazione dei prodotti compresi nell allegato I del trattato mediante la costituzione del Fondo di investimento nel capitale di rischio (di seguito: il Fondo) e la partecipazione del Fondo ad altri fondi privati di capitale di rischio. Secondo le autorità italiane, le PMI agricole sono fortemente ostacolate nell accesso al mercato dei capitali di rischio. Il regime intende beneficiare principalmente le piccole imprese che incontrano tali difficoltà a causa dell assenza di un adeguata informazione, della scarsa propensione al rischio degli investitori e degli istituti di credito e dei costi elevati delle operazioni di intermediazione legate alla necessaria diligenza. In tale situazione le PMI agricole, non potendo accedere al capitale di rischio, sono costrette a ricorrere ai prestiti bancari, come mostra la tabella seguente. Tabella 1. Indebitamento delle imprese italiane: rapporto tra debiti bancari e debiti finanziari Centro Nord Sud Totale addetti 81,4 84,2 75,2 74,8 85,9 85,4 83,5 80,8 82,2 84,4 76,2 75,5 Totale 70 69,5 62,2 60,6 79,9 80,6 74,7 73, ,6 63,3 61,8 Le imprese del Sud si caratterizzano per un maggior ricorso al debito bancario (73,9% dei debiti complessivi nel 2001). I dati indicano una diminuzione del ricorso ai prestiti bancari. Tale calo, tuttavia, e la crescita dell ammontare investito dagli operatori italiani di capitale di rischio è interamente attribuibile, secondo le autorità italiane, a operazioni di acquisizione di imprese medio/grandi, mentre gli investimenti di capitale di rischio in imprese in fase di avviamento o di sviluppo hanno registrato una flessione dell 11% 2. II.3 Beneficiari - Piccole e medie imprese operanti nel settore della produzione, trasformazione e/o commercializzazione dei prodotti compresi nell allegato I del trattato (di seguito: PMI agricole) in fase di avviamento e di sviluppo (fase iniziale) che necessitano di capitale supplementare per la loro crescita. Non possono beneficiare del regime imprese in difficoltà finanziaria (definite negli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà 3 ). - Altri fondi. Il Fondo può partecipare come socio in altri fondi di capitale di rischio investendo in PMI operanti nel settore agricolo tramite l acquisizione di partecipazioni nuove o minoritarie. II.4 Misure individuali 1 Quali definite nel regolamento (CE) n. 70/2001 della Commissione relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti di Stato a favore delle piccole e medie imprese (GU L 10 del ). 2 Fonte: Relazione 2002 della Banca d Italia. 3 GU C 288 del , pagg

3 Le misure in oggetto riguardano la costituzione di un Fondo di investimento nel capitale di rischio inteso a promuovere gli investimenti nelle PMI agricole per incoraggiarne la nascita e lo sviluppo. Le operazioni finanziarie effettuate dal Fondo possono essere di due tipi: operazioni finanziarie dirette consistenti in: - assunzioni di partecipazioni minoritarie tramite la sottoscrizione di nuove quote o azioni del capitale delle imprese beneficiarie. Il Fondo partecipa alla ripartizione degli utili fino a un rendimento pari al tasso Interest Rate Swap (IRS) a cinque anni aumentato di 200 punti base. Il Fondo può vendere la totalità o una quota delle partecipazioni a prezzi di mercato agli altri partecipanti al capitale, a terzi, a fornitori di servizi, alla stessa impresa o tramite Offerta Iniziale a Pubblico (OIP); - prestiti partecipativi. Tali prestiti sono concessi soltanto se associati all assunzione di partecipazioni nuove o minoritarie. La loro durata è di 7 anni, di cui 2 anni di preammortamento, e la loro remunerazione annua è pari: per il 50%: al tasso IRS a cinque anni; per il restante 50%: al 2% dell utile netto dopo aver detratto le imposte. In ogni caso il tasso totale non potrà essere superiore al 4,5% annuo. operazioni finanziarie indirette: la partecipazione del Fondo in qualità di socio in altri fondi di capitale di rischio che investono in PMI agricole e agroalimentari. Il Fondo partecipa come socio a tutti gli effetti e le decisioni di investire sono orientate alla realizzazione di un profitto. Il Fondo può cedere la totalità o una quota delle partecipazioni ai prezzi di mercato ad altri partecipanti al capitale, a terzi o tramite Offerta Iniziale a Pubblico (OIP). Secondo il meccanismo d intervento, quando il rendimento atteso risulta inferiore al tasso IRS a cinque anni aumentato di 200 punti base, il Fondo può rinunciare alla propria quota al fine di garantire ad altri investitori un rendimento pari al tasso IRS a cinque anni aumentato di 200 punti base. I fondi di capitale di rischio verranno selezionati mediante procedura di gara (invito pubblico). II.5 Ammissibilità Il regime finanzierà, direttamente e indirettamente, soltanto investimenti ammissibili ai sensi del regime di aiuti N 729/A/2000, che rispetta i criteri stabiliti nella decisione della Commissione recante approvazione dell aiuto 4. Le operazioni dirette e indirette del Fondo sono pertanto sempre correlate ad investimenti compatibili con il regime di aiuti summenzionato. Il Fondo può finanziare anche i costi della necessaria diligenza (due diligence). Il regime in oggetto è limitato alle piccole e medie imprese agricole e agroalimentari in fase di avviamento e in fase iniziale. Gli investimenti verranno effettuati soltanto in imprese che presentano un quadro finanziario sano e rispettano tutti i criteri fissati nel regime di aiuti n. N 729/A/2000. Gli investimenti verranno sempre effettuati sulla base di una valutazione commerciale presentata nell ambito di un piano aziendale e non comprenderanno i costi di funzionamento. Il finanziamento è concesso unicamente alle imprese che: - provano l esistenza di sbocchi di mercato; - non contravvengono alle restrizioni e ai limiti imposti dall OCM; 4 Decisione della Commissione SG (01) D/ del

4 - rispettano i requisiti minimi in materia di ambiente e igiene e benessere degli animali; secondo i criteri fissati nell aiuto N 729/A/2000. Le condizioni e le modalità di concessione dell aiuto devono essere coerenti con i piani di sviluppo rurale o i programmi operativi e non possono in nessun caso essere più favorevoli di quelle in essi contenute. Per le operazioni indirette i fondi del capitale di rischio saranno selezionati dopo una procedura di gara (invito pubblico) aperta a tutti i possibili offerenti alle stesse condizioni, purché i seguenti requisiti siano soddisfatti: - i fondi di capitale di rischio operano a favore delle PMI agricole; - le operazioni finanziate sono conformi agli investimenti ammissibili ai sensi del regime di aiuti N 729/A/2000; - i fondi investono in PMI operanti in Italia che presentano un piano aziendale con potenzialità di crescita, adeguati profili di rischio/rendimento, dirigenti e personale con provata competenza professionale. II.6 Amministrazione del regime Il regime di aiuto è attuato dall ISMEA (Istituto di servizi per il mercato agricolo e agroalimentare), un ente pubblico economico vigilato dal Ministero delle politiche agricole e forestali. Per la gestione del Fondo l ISMEA costituirà un apposita società per azioni (S.p.A.). Nella gestione del Fondo verranno applicate le migliore prassi e la vigilanza regolamentare. I costi di gestione della società non supereranno il 5% del bilancio annuale del Fondo e l utile netto delle attività del Fondo verrà ripartito come segue: - il 7,5% sarà assegnato alla società di gestione; - la parte restante andrà a incrementare il bilancio del Fondo. II.7 Partecipazione di investitori pubblici e privati nell ambito del regime Il Fondo è interamente pubblico. La sua partecipazione a operazioni dirette è tuttavia vincolata all intervento di terzi. Il Fondo effettuerà operazioni finanziarie in un impresa unicamente qualora intervenga anche un investitore privato nella medesima impresa con un apporto di capitali almeno pari al 30% delle effettive necessità dell impresa nel caso di imprese situate nelle regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettere a) e c), del trattato CE e al 50% nelle altre regioni. Sufficienti informazioni verranno fornite ad eventuali investitori istituzionali circa le operazioni dirette e indirette del Fondo, rendendone l accesso il più aperto e trasparente possibile. II.8 Cumulo I finanziamenti del Fondo non possono essere cumulati con altri aiuti pubblici a favore degli stessi beneficiari e per lo stesso tipo di investimenti. Il Fondo non può finanziare più di un operazione diretta per impresa. Inoltre, le imprese che hanno beneficiato delle operazioni dirette del Fondo non possono fruire, per gli stessi investimenti, delle operazioni indirette di altri fondi di capitale di rischio. II.9 Entità degli investimenti 4

5 L ammontare massimo di ciascuna quota di finanziamento di cui un impresa può beneficiare per un operazione diretta del Fondo è stabilito: - per le imprese in fase di avviamento: fino a nelle regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettera a); fino a nelle regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettera c); fino a nelle altre regioni; - per le imprese in fase di sviluppo: fino a nelle regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettera a); fino a nelle regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettera c); fino a nelle altre regioni. II.10 Durata della misura Le autorità italiane intendono attuare il regime di aiuti per una durata di 10 anni. II.11 Bilancio Le autorità italiane prevedono una dotazione annua di 5 milioni di euro fino al III. VALUTAZIONE III.1 Sussistenza dell aiuto Ai sensi dell articolo 87, paragrafo 1, del trattato, sono incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza. La Commissione ha esaminato il regime di aiuto alla luce dell articolo 87 del trattato CE e basandosi in particolare sulla Comunicazione della Commissione in materia di aiuti di Stato e capitale di rischio 5 (di seguito la Comunicazione) e sugli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo 6. Ai sensi del punto IV.3 della Comunicazione, affinché un provvedimento in favore del capitale di rischio rientri nel campo d applicazione dell articolo 87, paragrafo 1, del trattato, devono essere soddisfatti tutti i quattro criteri seguenti: (i) il provvedimento deve comportare l impiego di risorse statali; (ii) il provvedimento deve alterare la concorrenza conferendo un vantaggio al beneficiario; (iii) il vantaggio deve essere selettivo, nel senso che è limitato a determinate imprese; (iv) il provvedimento deve incidere sugli scambi tra gli Stati membri. Ai sensi del punto IV.2 della Comunicazione, la possibilità che tali provvedimenti configurino aiuti di Stato dovrà essere valutata a tre livelli: - aiuti agli investitori; - aiuti a qualsiasi fondo o altro strumento utilizzato per l attuazione del provvedimento (nel 5 GU C 235 del , pagg C 232 del , pagg

6 caso di un fondo di fondi questo livello può a sua volta articolarsi in più d uno); - aiuti alle imprese nelle quali sono effettuati gli investimenti. III.1.1: Aiuti agli investitori Secondo il punto IV.5 della Comunicazione, quando un provvedimento consente a taluni investitori di partecipare al capitale azionario di un'impresa o gruppo di imprese a condizioni più favorevoli di quelle della generalità degli investitori o di quelle alle quali essi stessi avrebbero effettuato gli investimenti in assenza del provvedimento in questione, tali investitori beneficiano di un vantaggio. Nel caso in esame, il Fondo opera al 100% con risorse pubbliche. Le modalità con cui tali risorse sono impiegate conferiscono agli investitori alcuni vantaggi che essi non avrebbero ricevuto nel corso della loro normale attività. Il Fondo partecipa alla ripartizione dell utile delle imprese nelle quali sono effettuati gli investimenti. Nel condividere gli utili, tuttavia, il Fondo limiterà la propria quota a un rendimento pari al tasso Interest Rate Swap (IRS) a cinque anni aumentato di 200 punti base. Tale limite si applica unicamente se l impresa nella quale sono effettuati gli investimenti consegue utili superiori al suddetto tasso. Qualora si applichi tale limite nella ripartizione degli utili da assegnare al Fondo pubblico, la restante quota è ridistribuita fra gli altri investitori, che in tal modo realizzano un profitto maggiore di quello che avrebbero ottenuto se gli utili fossero stati equamente distribuiti. Questo vale anche quando il Fondo investe in altri fondi di capitale di rischio. In quest ultimo caso il Fondo può anche rinunciare al proprio rendimento minimo per garantirlo agli altri investitori. La Commissione può pertanto concludere che la partecipazione del Fondo al rendimento non segue il principio della parità di trattamento (pari passu) e che le condizioni più favorevoli concesse agli altri investitori, una volta raggiunto il tasso di riferimento di cui sopra, in termini di un rendimento minimo garantito o di un rendimento più elevato, possono rappresentare per essi un vantaggio a scapito dell investitore pubblico. Non vi è limite alla partecipazione degli investitori alle operazioni dirette del Fondo. L ammontare delle risorse pubbliche è tuttavia condizionato dalle decisioni prese a livello nazionale ed esiste un massimale quanto all entità degli investimenti. Questo potrebbe comportare una restrizione del numero di investimenti supplementari accettati per il finanziamento. Alla luce delle suddette considerazioni, la Commissione può concludere che esiste selettività a livello degli investitori. L investimento nel capitale è un attività oggetto di scambi considerevoli tra gli Stati membri. Ne consegue che il regime incide sugli scambi tra gli Stati membri. La Commissione ritiene pertanto che, a livello degli investitori, sussista un aiuto di Stato ai sensi dell articolo 87, paragrafo 1, del trattato. III.1.2 Aiuti al Fondo e ai fondi di capitale di rischio Secondo il punto IV.5 della Comunicazione, in generale la Commissione è incline a considerare un fondo come uno strumento per il trasferimento degli aiuti agli investitori e/o alle imprese piuttosto che come il beneficiario diretto degli aiuti. Il Fondo, costituito espressamente allo scopo di agevolare gli investimenti nel capitale delle PMI agricole, può pertanto essere considerato un mero strumento dell aiuto alle imprese e non un beneficiario a sé stante. Tutte le risorse pubbliche assegnate al Fondo, come sopra 6

7 specificato, verranno impiegate per operazioni di capitale di rischio, compreso l utile netto del Fondo 7, ad eccezione dei costi di gestione dell ente amministrativo, fino ad un massimo del 5% del bilancio annuale del Fondo. Il Fondo opererà unicamente come fondo di capitale di rischio per le PMI agricole alle condizioni fissate nel decreto ministeriale. La Commissione può pertanto concludere che il Fondo non è un beneficiario separato dell aiuto. Secondo il punto IV.5 della Comunicazione, quando si tratta di provvedimenti che comportano trasferimenti in favore di fondi già esistenti cui partecipano numerosi investitori diversi, il fondo può avere le caratteristiche di un impresa indipendente. Nel caso in esame, il Fondo investirà anche in altri fondi esistenti di capitale di rischio. Tali fondi saranno selezionati mediante procedura di gara nel rispetto della trasparenza e della non discriminazione al fine di scegliere i migliori prestatori. In linea di principio questi fondi non beneficiano di alcun aiuto, in quanto il contributo del Fondo ad altri fondi assume la forma di assunzione di partecipazioni minoritarie e le decisioni di investire sono finalizzate alla realizzazione di un profitto. Da questo punto di vista l intervento del Fondo è paragonabile a quello di qualsiasi altro investitore privato. Secondo il meccanismo d intervento, tuttavia, quando il rendimento atteso è inferiore al tasso IRS a cinque anni aumentato di 200 punti base, il Fondo può rinunciare alla propria quota al fine di garantire agli altri investitori un rendimento pari al tasso IRS a cinque anni aumentato di 200 punti base. Questo meccanismo favorisce chiaramente gli investitori, come sopra menzionato, che sono incentivati ad investire nei fondi per il rendimento minimo garantito. Non si può escludere che alcuni di questi vantaggi vengano trasferiti ai fondi, considerati come imprese indipendenti. Inoltre le restrizioni stabilite dal decreto limitano la partecipazione ad alcuni fondi che operano alle condizioni ivi fissate, rendendo così selettiva la partecipazione del Fondo ad altri fondi. Pertanto la Commissione non può escludere un elemento di aiuto a livello dei fondi di capitale di rischio. III.1.3 Aiuti alle imprese nelle quali vengono effettuati gli investimenti Secondo il punto IV.5 della Comunicazione, il principale criterio è quello di stabilire se l impresa abbia ottenuto l investimento a condizioni che sarebbero accettabili per un operatore privato in un economia di mercato. Tale criterio può, ad esempio, considerarsi soddisfatto quando l investimento effettuato grazie ai provvedimenti a favore del capitale di rischio sia finanziato da uno o più investitori rispondenti a tali condizioni. Se così non è, il fatto che le decisioni di investimento vengano prese dai gestori commerciali di fondi di capitali di rischio o da rappresentanti degli investitori, interessati ad assicurare il massimo rendimento per il fondo, costituisce un indicatore importante, ma non decisivo di per se stesso. Nel caso in esame la partecipazione del Fondo è vincolata all intervento di un investitore privato in una determinata impresa che apporti capitali pari al 30% delle effettive necessità dell impresa, nel caso di imprese situate nelle regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettere a) o c), del trattato, e al 50% nel caso di imprese situate nelle altre regioni. Il fatto che il Fondo possa intervenire a condizioni più favorevoli per gli investitori privati è tuttavia un indicazione che il principio della parità di trattamento non è rispettato. Infatti, come spiegato più sopra, il provvedimento riduce i rischi che gli investitori si assumono quando effettuano un investimento e, di conseguenza, essi non possono più essere considerati come 7 Escluso il 7,5% dell utile netto, assegnato alla società di gestione. 7

8 normali operatori economici. Esiste pertanto la possibilità che alcuni dei vantaggi concessi agli investitori vengano trasferiti alle imprese nelle quali sono effettuati gli investimenti. Quanto ai prestiti partecipativi, inoltre, il Fondo limita il rendimento sui prestiti a un massimale del 4,5% all anno, tasso che potrebbe essere inferiore al rendimento normale chiesto da un operatore privato. La misura è selettiva in quanto riguarda solo le PMI agricole, e, come sopra menzionato, l investimento nel capitale è un attività che costituisce oggetto di scambi intensi fra gli Stati membri. La Commissione può pertanto concludere che sussiste aiuto di Stato a livello delle imprese nelle quali sono effettuati gli investimenti. III.2 Compatibilità degli aiuti III.2.1 Prova del fallimento del mercato Secondo il punto VI.5 della Comunicazione, prima di autorizzare provvedimenti in favore del capitale di rischio che non rientrino nel campo d applicazione della normativa vigente, la Commissione richiederà una prova dell esistenza di una situazione di fallimento del mercato. Essa può tuttavia essere disposta ad ammettere a priori l esistenza di tale situazione qualora per ciascuna rata di finanziamento di un impresa con provvedimenti in favore del capitale di rischio finanziati a loro volta in tutto o in parte mediante aiuti di Stato l ammontare dell aiuto sia pari al massimo a EUR o a EUR nel caso delle regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettera (c), o a 1 milione di EUR per le regioni di cui alla lettera a) dello stesso paragrafo. Nel caso in esame gli aiuti non superano gli importi sopra indicati e la Commissione può pertanto presupporre l esistenza di una situazione di fallimento del mercato dovuta alla modesta entità delle operazioni e ai costi elevati delle stesse. III.2.2 Criteri di valutazione dell ammissibilità I punti V.4 e VIII.3 della Comunicazione elencano una serie di criteri positivi e negativi sulla base dei quali la misura di aiuto di Stato relativa al capitale di rischio viene valutata. i) Costi ammissibili Secondo il punto V.4 della Comunicazione, la Commissione ritiene che in generale l impostazione basata sui "costi ammissibili" sia ampiamente giustificata, in particolare per evitare il rischio di autorizzare aiuti di Stato che siano semplicemente "aiuti al funzionamento. 8

9 Nel regime in esame le operazioni dirette e indirette del Fondo sono legate a investimenti rispondenti ai criteri stabiliti negli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo ed elencati nella decisione N 729/A/2000 della Commissione. Questo elemento, volto a impedire che fondi pubblici vengano impiegati per finanziare costi di funzionamento, può essere considerato positivo. (ii) Natura delle operazioni Il regime di aiuti in esame riguarda la costituzione di un Fondo d investimento finanziato dallo Stato in cui lo Stato accetta condizioni meno vantaggiose degli altri investitori e concede sovvenzioni in favore di fondi di capitale di rischio. La misura riguarda operazioni di capitale azionario e prevede la possibilità di concedere prestiti partecipativi solo se questi sono associati all acquisizione di partecipazioni nuove o di minoranza. I prestiti partecipativi vengono autorizzati soltanto quando sono finalizzati all acquisizione di capitale di rischio e possono pertanto essere considerati un anticipazione dei fondi di capitale di rischio. La prevalenza del capitale di rischio quale definito nella nota 1 della Comunicazione è considerata positivamente dalla Commissione (punto VII.1 e VII.2 della Comunicazione). Inoltre il Fondo può effettuare una sola operazione diretta per impresa: questo consente un adeguato controllo dell impiego delle risorse nell impresa in cui sono effettuati gli investimenti. (iii) Restrizione degli investimenti Ai sensi della Comunicazione, la restrizione alle piccole e medie imprese durante la fase di avviamento o altre fasi iniziali o situate nelle regioni assistite è considerata un elemento positivo. Nell aiuto in esame il Fondo finanzia unicamente PMI, situate anche nelle zone assistite, nella fase di avviamento o iniziale. Anche la restrizione ad operazioni di importo modesto 8, prevista dal regime in oggetto, è considerata un elemento positivo. (iv) Investimenti orientati alla realizzazione di un profitto Un legame tra l investimento e la remunerazione dei responsabili delle decisioni di investimento è considerato un elemento positivo. Nel caso in esame vi è una partecipazione significativa del capitale di investitori dell economia di mercato 9 e pertanto le decisioni di investire sono basate su un analisi del profitto. Infatti il Fondo interverrà unicamente quando un investitore privato investe il proprio capitale nell impresa con un apporto pari almeno al 50% delle effettive necessità dell impresa o al 30% per le regioni assistite. Inoltre la società per azioni costituita appositamente per la gestione del Fondo realizzerà un profitto sulla base dell utile netto del Fondo (fino al 7,5%) e le autorità italiane hanno assicurato che verranno applicate le migliore prassi e la vigilanza regolamentare nella gestione del Fondo. 8 Operazioni di importo inferiore a EUR o a EUR per le regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettera c), o a 1 milione di EUR p er le regioni di cui all articolo 87, paragrafo 3, lettera a). 9 Secondo il punto VIII della Comunicazione, un apporto pari almeno al 50 % del capitale del fondo sarebbe considerato una "partecipazione significativa", o al 30 % nel caso di provvedimenti riguardanti regioni assistite. 9

10 Il Fondo parteciperà alla condivisione dell utile nelle operazioni dirette e indirette, salvo le eccezioni sopra indicate nel caso delle operazioni indirette. Il Fondo limiterà il proprio rendimento al tasso Interest Rate Swap (IRS) a cinque anni aumentato di 200 punti base e al 4,50 % nel caso di prestiti partecipativi. Questo tasso è di norma più elevato di quello che il Fondo avrebbe ricavato concedendo prestiti ai tassi di mercato 10. (v) Minimizzazione del livello di distorsione della concorrenza tra gli investitori e tra i fondi di investimento. Ai sensi del punto VIII.3 della Comunicazione, la Commissione considererà positivamente l organizzazione di un bando di gara al fine di definire le "condizioni preferenziali" accordate agli investitori, o l offerta di tali condizioni ad altri investitori. Nel caso in esame, le autorità italiane hanno assicurato che, al lancio del fondo di investimenti, verrà bandito un invito pubblico agli investitori, che fornirà informazioni sufficienti ad eventuali investitori istituzionali sulle operazioni dirette e indirette del Fondo. Anche la selezione di altri fondi di capitale di rischio in cui vengono effettuati gli investimenti verrà effettuata dopo una procedura di gara, aprendo la partecipazione a tutti i possibili offerenti alle stesse condizioni. Inoltre il Fondo parteciperà al rendimento del capitale, salvo il caso in cui, nelle operazioni indirette, il rendimento atteso sia inferiore al tasso IRS a cinque anni aumentato di 200 punti base. (vi) Obiettivo settoriale Il regime riguarda solo il settore agricolo, ossia imprese che producono, trasformano e/o commercializzano prodotti compresi nell allegato I del trattato, il che è di norma considerato un elemento negativo. Occorre tuttavia tener conto di due elementi positivi: - gli investimenti, a cui sono correlate le singole operazioni di capitale di rischio, sono conformi agli orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo e la loro natura e i criteri di selezione sono definiti in una decisione già approvata dalla Commissione; questo dimostra che l intervento del Fondo è coerente con le norme in materia di concorrenza applicabili al settore agricolo; - l importo modesto delle operazioni. Si può pertanto concludere che l obiettivo settoriale del regime in esame non costituisce un elemento negativo dominante. (vii) Investimenti sulla base di piani aziendali Secondo il punto VIII.3 della Comunicazione, l esistenza, per ciascun investimento, di un piano aziendale contenente informazioni dettagliate sui prodotti, sull andamento delle vendite e su quello dei profitti e tale da permettere di stabilire preventivamente la redditività dell investimento, è una normale prassi commerciale nella gestione professionale di un fondo e sarà considerata positivamente. I provvedimenti che non prevedono alcun "meccanismo di uscita" in relazione alla partecipazione diretta o indiretta dello Stato in singole imprese saranno considerati negativamente. 10 Il tasso di riferimento per il 2004 è il 4,43%, il tasso IRS aumentato di 200 punti base è pari al 5,49 (fonte: Il Sole 24 ore, ). 10

11 Nel regime in esame gli investimenti saranno effettuati solo in imprese che presentano un quadro finanziario sano e sulla base di una valutazione commerciale presentata nell ambito di un piano aziendale con potenzialità di crescita. Poiché inoltre il Fondo parteciperà come socio minoritario, le decisioni di investimento saranno prese prevalentemente dal settore privato. È espressamente escluso che il Fondo possa effettuare operazioni finanziarie finalizzate al consolidamento delle passività delle imprese in cui sono effettuati gli investimenti. Il Fondo può cedere la totalità delle azioni o una quota di esse ai prezzi di mercato, sulla base di una perizia specifica di esperti, sia nel caso di operazioni dirette che di operazioni indirette. (viii) Evitare il cumulo. Nel regime in esame il cumulo è escluso a tre livelli: - lo stesso beneficiario non può ottenere per lo stesso investimento altri fondi pubblici oltre al finanziamento del capitale di rischio previsto dal presente regime; - il beneficiario di un operazione diretta del Fondo non può fruire anche di operazioni indirette per lo stesso investimento; - il Fondo non può finanziare più di un operazione diretta per impresa. L esistenza di queste tre limitazioni, che permetterà di evitare la sovracompensazione, può essere considerata un elemento positivo. III.2.3: Conclusione La Commissione è giunta alla conclusione che la misura in esame soddisfa le condizioni stabilite nella Comunicazione della Commissione in materia di aiuti di Stato e capitale di rischio. Essa è pertanto ritenuta compatibile con il mercato comune ai sensi dell articolo 87, paragrafo 3, lettera c), del trattato in quando aiuto destinato ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di talune regioni economiche senza alterare le condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse. IV. DECISIONE Dato che la misura è conforme alla Comunicazione della Commissione in materia di aiuti di Stato e capitale di rischio, essa può essere considerata compatibile con il mercato comune ai sensi dell articolo 87, paragrafo 3, lettera c), del trattato. La Commissione ha pertanto deciso di considerare l aiuto compatibile con il trattato CE. Si ricorda alle autorità italiane che sono invitate a presentare una relazione annuale sull attuazione del regime in esame. Si ricorda inoltre che eventuali progetti di modificare il presente regime devono essere notificati alla Commissione. 11

12 Ove la presente lettera dovesse contenere informazioni riservate da non divulgare, si prega informarne la Commissione entro quindici giorni lavorativi dalla data di ricezione della presente. Qualora non riceva una domanda motivata in tal senso entro il termine indicato, la Commissione presumerà l esistenza del consenso alla comunicazione a terzi e alla pubblicazione del testo integrale della lettera nella lingua facente fede, sul sito Internet: La domanda dovrà essere inviata a mezzo lettera raccomandata o fax al seguente indirizzo: Commissione europea Direzione generale dell Agricoltura Direzione Legislazioni economiche in materia di agricoltura Ufficio L 130 5/128 B-1049 Bruxelles (fax (+322) ). Voglia gradire, Signor Ministro, i sensi della mia più alta considerazione. Per la Commissione Franz FISCHLER Membro della Commissione 12

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni:

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10-10-2003 C(2003) 3804 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 383/2003- Friuli Venezia Giulia (Italia) Aiuto per l'attuazione del programma regionale di prevenzione, controllo ed

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito.

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 5035 final Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. SA.36808 (2013/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno.

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-VII-2006 C(2006) 3193 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 9/2006 - Italia Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. Signor Ministro,

Dettagli

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-03-2003 C (2003)789fin Oggetto: Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera Signor Ministro, I.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011.

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2011 C(2011) 2929 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato - Italia Aiuto n. SA.32469 (2011/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453. Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453. Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453 Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con lettera della

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, TURISMO E PROTEZIONE CIVILE Settore Politiche Agricole Genova, 3 ottobre 2008 Prot. n. PG 2008/132376 Allegati: Alle Comunità Montane Ai Consorzi dei Comuni per

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione)

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Il sostegno agli investimenti è concesso unicamente ad aziende di provata redditività 1 mediante valutazione delle prospettive (cfr.

Dettagli

Modalità di intervento e agevolazione Comitato tecnico e modalità istruttorie

Modalità di intervento e agevolazione Comitato tecnico e modalità istruttorie ALLEGATO Sub B) Criteri ed indirizzi per la definizione degli strumenti operativi finalizzati alla prestazione di garanzie fidejussorie ai soggetti attuatori degli interventi del servizio idrico integrato

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE Definizioni Ai fini di quanto disciplinato dai presenti

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA Signor Ministro, La Commissione desidera informare l Italia che, dopo

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio D.M. 11.03.2011 n.206 Finalità e Obiettivi Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie Imprese (PMI), operanti nel settore agricolo, agroalimentare di

Dettagli

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento IT PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento 1. TASSI DI RIFERIMTO E TASSI DI ATTUALIZZAZIONE Nell ambito del

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.XII.2004 C(2004)5602 Oggetto: Aiuti di stato/italia (Abruzzo) Aide n N 261/02004 Credito Agrario Agevolato Signor Ministro, I. Procedura Con lettera del 18 giugno 2004,

Dettagli

www.ismea.it www.ismeaservizi.it GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA

www.ismea.it www.ismeaservizi.it GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA www.ismea.it www.ismeaservizi.it GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA 1 GARANZIE PER L ACCESSO AL CREDITO BANCARIO D.LGS 102/2004 ART. 17 www.ismea.it www.ismeaservizi.it GLI STRUMENTI GARANZIE MERITO CREDITIZIO

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Direzione Programmi Comunitari - Dipartimento Industria - IPI 1 Premessa: il lavoro dell IPI nell ambito del progetto

Dettagli

Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016

Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n. 542 del 19 dicembre 2012 VISTO l art. 66, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (Legge finanziaria 2003), e successive modificazioni, che istituisce i contratti di filiera e di distretto,

Dettagli

SEZIONE 1 Introduzione

SEZIONE 1 Introduzione REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE QUADRO SINTETICO DEGLI ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AIUTI DI STATO A FINALITÀ REGIONALE 2014 2020 Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie,

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 9.1.2015

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 9.1.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 C(2015) 72 final DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9.1.2015 relativa alla rinuncia all esenzione dall accesso dei terzi e dalle disposizioni tariffarie concessa per

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale.

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. SOTTOMISURA 9.1 Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. La Sottomisura intende favorire la costituzione di Associazioni e Organizzazioni di Produttori

Dettagli

D: La trasformazione di contratti da part time a full time rientrano oltre a nuova assunzione negli incrementi previsti?

D: La trasformazione di contratti da part time a full time rientrano oltre a nuova assunzione negli incrementi previsti? P.S.R. 2007/2013 - Misura 123 Azione A "Trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli" Faq aggiornate al 15.04.2010 Acquisto fabbricati D: In riferimento alla Misura 123 Azione A gradirei

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 7(3) data: 28/01/2005

Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 7(3) data: 28/01/2005 Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim Il testo in lingua italiana è il solo disponibile e facente fede. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI Articolo 7(3) data: 28/01/2005 COMMISSION OF THE EUROPEAN

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA ART. 1 - FINALITA' DELL INTERVENTO E REQUISITI DI ACCESSO DEI CONFIDI AI

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETO 12 febbraio 2010. CORTE DEI CONTI Differimento dell adozione di specifici provvedimenti attuativi collegati all istituzione delle nuove funzioni dirigenziali.

Dettagli

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra:

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra: Oggetto: Convenzione tra il Comune di Capannori e la Banca del Monte di Lucca S.p.a. finalizzata alla concessione di finanziamenti agevolati sotto forma di contributo alle imprese Il giorno 9 luglio dell

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Titolo Estremi del provvedimento di approvazione 1

Titolo Estremi del provvedimento di approvazione 1 Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in de mimimis ai sensi dell art. 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (Testo Unico delle disposizioni legislative

Dettagli

A) Produttori primari (agricoltori)

A) Produttori primari (agricoltori) Parte III.12.J SCHEDA DI INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SUGLI AIUTI PER LA PRODUZIONE E LA COMMERCIALIZZAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI DI QUALITÀ Il presente modulo deve essere utilizzato per la notifica di aiuti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli