Convegno di apertura. FITO BENEFIT A MYPLANT&GARDEN a cura di Edizioni Green Planner e WIo (leggi Vivavio)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno di apertura. FITO BENEFIT A MYPLANT&GARDEN a cura di Edizioni Green Planner e WIo (leggi Vivavio)"

Transcript

1 Convegno di apertura MyPlant&Garden 25 febbraio 2015 FITO BENEFIT: terreni, aria, acque purificati dalle piante Bonifica e ripristino ambientale di siti contaminati: ruolo ed uso delle piante a cura di: Daniela Di Baccio Istituto di Biologia Agro-ambientale e Forestale (IBAF) Consiglio Nazionale delle Ricerche FITO BENEFIT A MYPLANT&GARDEN a cura di Edizioni Green Planner e WIo (leggi Vivavio)

2 Premessa matrici ambientali ATMOSFERA Soil IDROSFERA LITOSFERA

3 Premessa suolo Corpo o formazione naturale costituito da un profilo risultante da un miscuglio variabile (sistema eterogeneo) di materiali minerali disgregati e composti vari (organici e inorganici), nonché dalla sostanza organica in decomposizione, disposto in uno strato sottile della crosta terrestre (0 - >10 m), che rappresenta, quando acqua ed aria sono sufficienti, il supporto meccanico ed il sostentamento delle colture (R. Riffaldi, 1994) Il SISTEMA SUOLO è il risultato dell interazione tra idrosfera, litosfera, biosfera e atmosfera : PEDOSFERA

4 Situazione europea e nazionale; inquadramento normativo Tipologia di interventi La tecnologia del fitorisanamento o fitorimediazione (phytoremediation) Basi scientifiche del fitorisanamento, meccanismi e applicazioni Alcuni casi studio (Conclusioni)

5 - In Europa il numero di siti potenzialmente contaminati è di circa 2,5 milioni, di cui circa il 14% (342000) è rappresentato da siti contaminati «che richiedono interventi di bonifica». mappa della concentrazione di sost. inquinanti [http://rbe.it/news/2012/01/24/torino-citta-piuinquinata-ditalia/] Fonti di inquinamento - La contaminazione del suolo deriva principalmente da: Produzione industriale e servizi commerciali (36%) Industria petrolifera (17%) Produzione di energia, attività militari, miniere, etc. (23%) Rifiuti raccolti a livello comunale (15%) Trattamento dei rifiuti industriali (9%) (Progress in the Contaminated Sites in Europe, Joint Research Centeer, January 2014)

6 Tipologia di contaminanti più rappresentati Pb 2+ Metalli pesanti 37% Oli minerali 34% Idrocarburi policiclici aromatici (PAHs) 13% BTEXs (benzene, toluene, etilbenzene e xilene) 6% Fenoli 4% Composti organici policlorurati (es: PCBs) 2,4% Zn 2+ Cu 2+ - Cause più frequenti di contaminazione del suolo e della falda: Attività industriali -rilasci da serbatoi e tubazioni; -incidenti Hg 2+ -smaltimento non corretto di rifiuti Attività agricole -distribuzione di fitofarmaci -concimazioni Cd 2+ Cr 6+ Progress in management of contaminated sites (CSI 015), EEA Report, August 2007

7 - Il 3% del territorio italiano (ca ha) è inquinato e le aree perimetrate come siti di interesse nazionale (SIN) sono 57, poi ridotti a 39 (D. M. 11 gennaio 2013). I SIN sono individuati in relazione a: - quantità e pericolosità degli inquinanti presenti; - rilievo dell impatto sull ambiente circostante (rischio sanitario e ecologico); - pregiudizio per beni culturali ed ambientali

8 - La contaminazione del suolo deriva da: Attività industriali e servizi (52%) Rifiuti urbani (20%) Rifiuti industriali (20%) Altro [es: trattamento di rifiuti, abbandono incontrollato di rifiuti] (8%) - I maggiori inquinanti del suolo sono: Matrice solida - metalli pesanti - oli minerali Zn 2+ - idrocarburi policiclici aromatici - idrocarburi clorinati e aromatici Matrice liquida - metalli pesanti - idrocarburi clorinati - oli minerali - idrocarburi aromatici Cd 2+ - La contaminazione del suolo deriva principalmente da: Attività industriali, agricole e agroindustriali Attività estrattive

9 - Il D. Lgs. 22/97 o Decreto Ronchi il recepimento delle direttive europee: 91/156/CEE (rifiuti) 91/689/CEE (rifiuti pericolosi) 94/62/CEE (imballaggi e rifiuti di imballaggio) - D. M. 471/99, Regolamento recante criteri, procedure e modalità per la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati (ai sensi dell art. 17 del D. Lgs. 22/97 e successie modificazioni ed integrazioni) - D. Lgs. 152/2006 e successive modifiche (2008/98/CE sui rifiuti): codice ambientale o testo unico per l ambiente. È suddiviso in 6 parti. La Parte IV: Norme in materia di gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati

10 Alcune definizioni.... Suolo contaminato: che ha subito un alterazione della composizione chimica naturale causata dall attività umana. Ciò modifica le caratteristiche qualitative del suolo e/o delle acque superficiali e sotterranee, predisponendolo a fenomeni di: - erosione - smottamento - ingresso di sostanze dannose nella catena alimentare Concentrazione soglia di contaminazione (CSC): livelli di contaminazione della matrice ambientale (Allegato 5, DLgs. 152/2006) al di sopra dei quali è necessaria la caratterizzazione del sito e l analisi di rischio sito specifica Concentrazione soglia di rischio (CSR): livelli di contaminazione della m. a. il cui superamento richiede la messa in sicurezza e la bonifica (Allegato 1, DLgs. 152/2006) Sito potenzialmente contaminato: nel quale uno o più valori di conc. delle sostanze inquinanti supera la CSC Sito contaminato: nel quale uno o più valori di conc. delle sostanze inquinanti supera la CSR

11 Intervento di risanamento Bonifica del suolo: insieme degli interventi atti ad eliminare le fonti di inquinamento e le sostanze inquinanti o a ridurre le concentrazioni delle stesse presenti nel suolo, nel sottosuolo e nelle acque sotterranee ad un livello uguale o inferiore ai valori di CSR Ripristino e ripristino ambientale: interventi di riqualificazione ambientale e paesaggistica, anche costituenti completamento degli interventi di bonifica o messa in sicurezza permanente che consentono di recuperare il sito all effettiva e definitiva fruibilità per la destinazione d uso conforme agli strumenti urbanistici

12 Tecnologie di bonifica del suolo In base all ubicazione del trattamento: 1. Interventi di bonifica in situ: il terreno inquinato è trattato direttamente sul posto, senza procedere allo scavo. 2. Interventi di bonifica ex situ: il trattamento del terreno avviene in seguito a rimozione dei volumi inquinati. Queste metodologie possono essere suddivise in: - on site, in cui il terreno è rimosso e trattato in un impianto mobile sul posto; dopo il trattamento il suolo viene recuperato in situ - off site, i volumi di terreno inquinati sono trasportati in impianti di trattamento o smaltimento localizzati a distanza In base alla natura dei processi coinvolti: - trattamenti chimici - t. fisici - t. termici - t. biologici

13 Classificazione delle tecnologie di risanamento Trattamento Tecnologia di bonifica Tipologia di impianto CHIMICO Soil Washing Ex situ (on site - off site) Estrazione con solventi Ex situ (on site - off site) Dealogenazione Ex situ (on site - off site) Adsorbimento passivo su polimero In situ Ossidazione In situ Riduzione In situ /ex situ (on site) FISICO Decontaminazione elettrocinetica In situ Decontaminazione elettroacustica In situ Air Sparging In situ Solidificazione/Stabilizzazione In situ /ex situ TERMICO Desorbimento termico Ex situ, on site Soil Vapour Extraction In situ Termodistruzione In situ /ex situ (on site) BIOLOGICO Landfarming In situ /ex situ (on site) Compostaggio Ex situ (on site) Bioreattori Ex situ (on site) Fitorisanamento In situ

14 Fitorisanamento o fitorimediazione (phytoremediation) trattamento di bonifica biologico in situ Volatilizzazione traslocazione Rimozione, sequestro accumulo stabilizzazione trasfor- mazione degradazione Impiego di piante superiori, e eventualmente degli organismi associati alla loro rizosfera, capaci di rimuovere e/o immobilizzare elementi inquinanti o degradare composti organici presenti nel suolo, sottosuolo, acque superficiali o sotterranee Cunningham et al., 1993; Salt et al., 1998; Pilon-Smits, 2005

15 Piante ecosystem services CO 2 ENERGIA Sequoia spp. 100 m GLUCOSIO O 2 Lemna spp. ACQUA SALI MINERALI 2-3 cm

16 PROCESSI METABOLICI accumulo (metalli pesanti) degradazione (composti organici) Cu 2+ NUTRIENTI Zn 2+ Pb 2+ METALLI PESANTI Cd 2+ COMPOSTI ORGANICI essudati radicali esoenzimi

17 Tipologie di fitorisanamento (meccanismo fisiologico-biochimico biochimico)

18 E consultabile una risorsa informativa con VIDEO(http://www.ibaf.cnr.it/it/fitorimedio) del Progetto Fitorimedio REMIDA e una base di dati di applicazioni di Fitorimedio

19 Piante iperaccumulatrici (hyperaccumulator plants) Piante capaci di accumulare nei propri tessuti (porzione aerea) quantità di metalli pesanti volte superiori rispetto agli altri organismi non tolleranti Baker & Brooks, 1989 McGRath & Zhao, 2003 Cd, Zn Zn Ni Thaspi caerulescens Arabidosis halleri Alyssum bertolonii

20 Limiti all uso delle iperaccumulatrici nel fitorisanamento - Piante erbacee di taglia ridotta (scarsa biomassa, 4-5 t ha -1 ) - Tasso di accrescimento molto basso - Specie endemiche adatta a vivere in specifiche aree (es.: suoli ultramafici in Grecia, aree minerarie in Inghilterra) The ideal plant species to remediate a heavy metal-contaminated soil would be a high biomass producing crop that can both tolerate and accumulate the contaminants of interest (Ebbs and Kochian, 1997)

21 Famiglia Salicaceae (Populus spp.) - Crescita veloce (3-5 metri/anno) e produzione di elevata biomassa - Elevati tassi di traspirazione (100 L/giorno in piante di 5 anni) ed alta efficienza d uso dell acqua ( solar driven pumps ) - Sviluppo di un esteso apparato radicale, capace di esplorare elevati volumi di suolo - Elevata variabilità genetica delle popolazioni naturali ed adattabilità alle variazioni ambientali - Facilità di propagazione per via sessuata e asessuata (ibridazione interspecifica e propagazione in vitro) Selezione e valutazione di tolleranza/resistenza dei cloni - Facilità di trasformazione e rigenerazione in vitro - Genoma relativamente ridotto e sequenziato (Populus trichocarpa (Nisqually-1) genome sequence: 485±10 Mb, Tuscan et al. Science 313, ) - Uso nella produzione di carta o come biomassa da energia - Non entra a far parte della catena alimentare

22

23

24 Caso studio: inquinante inorganico European Soil Data Center, htpp://eusoils.jrc.ec.europa.eu - In Italia: D. Lgs. 152/2006 (Tabella I e II) Zn Suolo e sottosuolo COMPOSTI INORGANICI A Siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale (mg kg-1 ss) B Siti ad uso commerciale e industriale (mg kg-1 ss) Cadmio 2 15 Piombo Zinco Acque sotterranee COMPOSTI INORGANICI Valore limite (µg L -1 ) Cadmio 5 Piombo 10 Zinco 3000

25 Funzioni Piante Concentrazioni fisiologiche (ppm) soglia (ppm) Tossicità Zn sintomi Ruolo strutturale e catalitico nelle proteine (carbonicoanidrasi, alcooldeidrogenasi, Cu/Zn SOD); coinvolto nel metabolismo dei carboidrati, sintesi proteine, espressione di geni, struttura e integrità funzionale delle biomembrane, fotosintesi e metabolismo di IAA Marshner, 1995; Buchanan et al., 2000; Broadley et al., 2007 Clorosi e epinastia fogliare, crescita stentata, inibizione dell allunga mento radicale, riduzione della resa

26 Condizioni di crescita Sistema vaso Sistemi idroponici Mesocosmi (lisimetri) serra Trattamenti con Zn Camera crescita Solutioni con concentrazioni note di Zn (Cu, Zn, Cd) pieno campo piena aria Suoli contaminati da Zn Matrici arricchite di m.p.

27 Populus x canadensis (Populus x euramericana) I-214 clone Dosi di Zn: 1 µm (0.065 ppm); 1 mm (65 ppm); 5 mm (327 ppm); 10 mm (654 ppm)

28 Caratterizzazione fenotipica di I-214 per tolleranza/resistenzaresistenza all eccesso di Zn Riduzione di biomassa (foglie) Inibizione del processo fotosintetico(contenuti di Chl ) Buon assorbimento di Zn (foglie: ppm; fusto: ppm; radici: ppm) Concentrazione preferenziale di Zn nelle foglie più mature (2:1) e in generale nei tessuti più vecchi Coinvolgimento del metabolismo del glutatione (meccanismi di difesa contro lo stress ossidativo) )

29 Caratterizzazione fenotipica di I-214 per tolleranza/resistenzaresistenza all eccesso di Zn Modificazioni morfologicostrutturali Foglie: varizioni di spessore e densità stomatica Zn 2+ Radici: ispessimento della parete delle cellule del periciclo (barriera tra cilindro centrale e c. corticale) Foglie: distribuzione preferenziale di Zn nel mesofillo Radici: distribuzione preferenziale di Zn nei tessuti più periferici. ) Di Baccio et al., Biol. Plant, 54: Stolárikova et al., Biol. Plant., 54: Zn 2+

30 Foglia: Caratterizzazione genotipica di I-214 per tolleranza/resistenzaresistenza all eccesso di Zn - processi metabolici: fotosintesi, sistemi antiossidanti di difesa (AsA-GSH) - cellula: sistema membranale, cloroplasto, vacuolo e mitocondrio Di Baccio et al., Tree Physiol., 31: Radice: - processi metabolici: trasporto (famiglie ZRT/IRT, NARAMP), omeostasi degli ioni, reazioni di ossido-riduzione - cellula: membrane, vacuolo RNA-sequencing Ariani et al., PloS one, 10(2), e

31 Fitoestrazione - Zn Piantagione di I-214 [2 anni] Short Rotation Forestry (10000 piante ha -1 ) 1 m [Zn] = 160 ppm > CSC (150 ppm) D a suolo: 1,5 t /m 3 Resa della coltura: t ha -1 [Zn] pianta = 500 ppm Superficie di suolo ( 10 ppm): 1 ha TEMPO: 3,75 anni

32 Bacino del fiume Sacco SIN, Legge 248/2005 Caso studio: inquinante organico γ-esaclorocicloesano (γ-hch) > 0,01 ppm [D. Lgs. 152/2006] Isomeri: α, ß, δ-hch Superficie: 0,5 ha ca Densità: pianta ha-1 Cloni: I-214, AF2, Monviso Inoculi: Arthrobacter spp. + compost commerciale 50% (n)-hch dopo 5 anni di impianto

33 Fitorisanamento vantaggi Tecnologia a basso impatto ambientale Notevole risparmio di costi (30-60 /t, 60% in meno rispetto ad altre applicazioni in situ e 90% rispetto a tecnologie ex situ), energia e materiali Migliora o lascia inalterata l attività biologica ed ecologica del suolo e delle piante Applicabile anche in località remote, difficilmente raggiungibili Favorevolmente accettata dall opinione pubblica svantaggi Poco efficace per contaminazioni profonde e/o non raggiungibili dalle radici Le sostanze contaminanti devono essere presenti al di sotto della soglia di tossicità per le piante Richiede tempi di trattamento relativamente lunghi, in dipendenza dalle condizioni pedoclimatiche e di sviluppo delle piante Non segue protocolli standardizzati, ma algoritmi di applicazione di volta in volta elaborati

34 Algoritmo di applicazione del fitoris. Caratterizzazione dell inquinante - inorganico o organico? - quali sono le concentrazioni? - solubilità e disponibilità nelle frazioni del sistema suolo Caratterizzazione idrogeochimica e climatica - composizione del suolo (ph, s.o., etc.) - esistono falde, a che profondità? - dati meteo (piovosità, temp. media, etc.) Caratterizzazione floristica - quali specie vegetali sono già presenti? - sono presenti iperaccumulatrici? - la popolazione naturale può essere potenziata ai fini della bonifica? Sono necessari trattamenti preliminari (lavorazioni, irrigazione, etc.)? Criteri di valutazione dell efficienza del processo (chimici, tossicologici, biologici, estetici, economici) MyPlant&Garden Il fitorisanamento è applicabile? Definizione del processo Scelta/selezione della/e specie vegetali più adatte Monitoraggio - campionamenti - controlli - parametri/indici Se il processo è efficiente si procede alla messa in opera 25 febbraio 2015 Milano

35 RINGRAZIAMENTI Gruppo del fitorimedio : Dr. Angelo Massacci, Director Dr. Massimo Zacchini Dr. Fabrizio Pietrini Scuola Superiore Sant Anna (Pisa): Prof. Luca Sebastiani Dr. Antonio Minnocci

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl Relatore: Dott. Stefano Danini

Dettagli

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) - Italy Direttore Scientifico Dott. Stefano Danini Team

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di MODULO_E Trasmissione dati relativi all intervento di messa in sicurezza operativa (MISO) o all intervento di bonifica o messa in sicurezza permanente (MISP) effettuato. MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI:

Dettagli

Bonifica e messa in sicurezza di siti industriali: metodologie tradizionali e innovative e relativi costi

Bonifica e messa in sicurezza di siti industriali: metodologie tradizionali e innovative e relativi costi Convegno Nazionale INDUSTRIA e AMBIENTE STORIA E FUTURO DELLO SVILUPPO IN ITALIA Terni, 22/23 marzo 2012 Bonifica e messa in sicurezza di siti industriali: metodologie tradizionali e innovative e relativi

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE E RISANAMENTO DI SITI CONTAMINATI

CARATTERIZZAZIONE E RISANAMENTO DI SITI CONTAMINATI 1 CARATTERIZZAZIONE E RISANAMENTO DI SITI CONTAMINATI Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione III Presentazione Il Master si prefigge di fornire le competenze teoriche ed applicative necessarie per trattare

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco. Novembre 2012

IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco. Novembre 2012 IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco Novembre 2012 Il tabacco come coltura alternativa! (N.Tabacum come coltura Fitodepurativa) Perché TABACCO grande versatilità elevata

Dettagli

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Convegno su Il nuovo diritto dell ambiente: le recenti riforme su danno ambientale, bonifiche e IED. Aspetti legali, tecnici e assicurativi La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Donatella

Dettagli

AUDIT AMBIENTALE NELLE AREE DISMESSE E TIPOLOGIA DI BONIFICA Dr. Franco Mandelli Soc. CM Cantieri Moderni srl Via Patta,30 Ranica ( BG )

AUDIT AMBIENTALE NELLE AREE DISMESSE E TIPOLOGIA DI BONIFICA Dr. Franco Mandelli Soc. CM Cantieri Moderni srl Via Patta,30 Ranica ( BG ) AUDIT AMBIENTALE NELLE AREE DISMESSE E TIPOLOGIA DI BONIFICA Dr. Franco Mandelli Soc. CM Cantieri Moderni srl Via Patta,30 Ranica ( BG ) PREMESSA Prima degli anni 90, la demolizione era intesa nel vero

Dettagli

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico 17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme N. Processo* Danno grave o catastrofico 1 Erosione 2 Alterazione da scorrimento superficiale delle acque Frane,

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

Il recupero agricolo

Il recupero agricolo Il recupero agricolo Origine dei fanghi biologici A seguito dell entrata in vigore della legge n. 319/76 (Merli), finalizzata alla tutela delle acque dall inquinamento, si è dato l avvio alla costruzione

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

APPLICAZIONE DEL SOFTWARE RISK-NET

APPLICAZIONE DEL SOFTWARE RISK-NET ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il territorio DICAM Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Corso di Laurea in GeoTecnologie STUDIO DEL PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA AMBIENTALE DI UN PUNTO

Dettagli

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia?

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia? Cosa ricerca l ecotossicologia? L ECOTOSSICOLOGIA Che cosa è l ecotossicologia? L ecotossicologia valuta gli effetti tossici degli agenti chimici e fisici sugli organismi viventi, riuniti in comunità all

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Decreto Legislativo 3 aprile 2006, N 152/06 Dott.ssa Raffaella Savelli Funzionario del Servizio Ambiente dell Amministrazione

Dettagli

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Il rischio di danno ambientale coinvolge potenzialmente TUTTE le aziende manifatturiere, ANCHE LA VOSTRA. Vi invitiamo a scorrere le successive slides

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

Bonifica in situ. matrice suolo.

Bonifica in situ. matrice suolo. Bonifica in situ Decontaminazione da VOC clorurati: la case history del porto di Rotterdam n di GiuseppeProsperieJaapdeRijk, MWH S.p.A. Per la bonifica dell area del porto di Rotterdam, contaminata principalmente

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

FITORISANAMENTO DI SUOLI CONTAMINATI DA METALLI PESANTI E METALLOIDI

FITORISANAMENTO DI SUOLI CONTAMINATI DA METALLI PESANTI E METALLOIDI Università Ca Foscari Venezia Dottorato di Ricerca in Scienze Ambientali, XXIII ciclo Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie A.A. 2009-2010 FITORISANAMENTO DI SUOLI CONTAMINATI DA METALLI PESANTI

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

Tecnologie di bonifica: data base, selezione e costruzione delle opzioni Ing. Paola Cossettini

Tecnologie di bonifica: data base, selezione e costruzione delle opzioni Ing. Paola Cossettini I --- U --- A --- V Università Iuav di Venezia Tecnologie di bonifica: data base, selezione e costruzione delle opzioni Ing. Paola Cossettini Bonifiche dei siti inquinati e programmi di riqualificazione

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL International Expert Team Prof. Burmeier, Dr. Schenker, Dr. Exner Page 1 SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL Nel 2004

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI. (Titolo V - Parte IV)

LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI. (Titolo V - Parte IV) LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI (Titolo V - Parte IV) 2 3 Confronto fra alcune normative internazionali in materia di bonifica dei siti contaminati 4 Come cambia la determinazione dell accettabilità della

Dettagli

depositi abusivi di rifiuti fino al decommissioning di siti industriali dismessi e garantisce:

depositi abusivi di rifiuti fino al decommissioning di siti industriali dismessi e garantisce: Con oltre 100 aree ripristinate, fra le quali anche siti di interesse nazionale, GREEN HOLDING è oggi tra le società leader in Italia in questo settore. SADI SERVIZI INDUSTRIALI: > È certificata SOA per

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA - PRIMO LOTTO - - ex stabilimento METALCHIMICA - RELAZIONE GENERALE

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA - PRIMO LOTTO - - ex stabilimento METALCHIMICA - RELAZIONE GENERALE Regione Piemonte Comune di Caselle T.se PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA - PRIMO LOTTO - - ex stabilimento METALCHIMICA - RELAZIONE GENERALE Comune di CASELLE TORINESE Via

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

LE BONIFICHE AMBIENTALI

LE BONIFICHE AMBIENTALI LE BONIFICHE AMBIENTALI Il problema dei siti contaminati riveste un ruolo prioritario nei programmi ambientali e di risanamento in gran parte dei paesi Europei. Con tale termine si intendono oggi tutte

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI BONIFICA E UTILIZZO DI TECNOLOGIE INNOVATIVE NEI SITI DI INTERESSE NAZIONALE: CASI STUDIO

STATO DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI BONIFICA E UTILIZZO DI TECNOLOGIE INNOVATIVE NEI SITI DI INTERESSE NAZIONALE: CASI STUDIO STATO DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI BONIFICA E UTILIZZO DI TECNOLOGIE INNOVATIVE NEI SITI DI INTERESSE NAZIONALE: CASI STUDIO Ing. Laura D Aprile, Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali,

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE)

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) Agenda 21 locale Dott.ssa Laura Michela Spinetti Boretto, 29 Maggio 2003 Ecologia Soluzione Ambiente S.r.l. dal

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

Bonifica dei siti inquinati. Prof. Alessandra Ghi 28/11/2014

Bonifica dei siti inquinati. Prof. Alessandra Ghi 28/11/2014 Bonifica dei siti inquinati Prof. Alessandra Ghi 28/11/2014 Premessa Indice del seminario La disciplina sulla bonifica dei siti inquinati: il Testo Unico Ambientale (D.Lgs.n.152/2006) La riparazione del

Dettagli

Allegato: 1 LINEE GUIDA

Allegato: 1 LINEE GUIDA Allegato: 1 LINEE GUIDA Modalità applicative per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo previsto dall art. 186 del D.Lgs. n. 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Committente: Università degli Studi di Ferrara Cantiere: Cona (FE), nuovo Arcispedale S.Anna INDAGINE AMBIENTALE Revisione n 0 Dicembre 2011 Tavole 3 Allegati 4 Sede

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Concime per piante pluripremiato!

Concime per piante pluripremiato! Concime per piante pluripremiato! Powder Feeding Siamo alla ricerca del perfetto concime per piante da quando abbiamo iniziato a coltivare piante e produrre incroci. I risultati ottenuti con i prodotti

Dettagli

Friend of the Earth Standard

Friend of the Earth Standard Friend of the Earth Standard FOE-Agricoltura Criteri e indicatori per la certificazione di prodotti da agricoltura sostenibile (Ultimo aggiornamento 13/03/2014) CATEGORIE DI REQUISITI 1. SISTEMA DI GESTIONE

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Progetto IAAM. esistenti sul territorio:

Progetto IAAM. esistenti sul territorio: Progetto IAAM (Indagine Ambientale Alto Mantovano) Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti sul territorio: I SITI CONTAMINATI A cura dell Area Suolo e Bonifiche U.O. Sistemi Ambientali ARPA Lombardia

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

Bando per l ammissione al Master universitario di II livello in. Caratterizzazione e risanamento di siti contaminati

Bando per l ammissione al Master universitario di II livello in. Caratterizzazione e risanamento di siti contaminati Bando per l ammissione al Master universitario di II livello in Caratterizzazione e risanamento di siti contaminati Anno Accademico 2010/2011 Art. 1 - Finalità del bando 1) L Università Ca' Foscari Venezia

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

La sicurezza e la salute dei lavoratori nelle attività di bonifica

La sicurezza e la salute dei lavoratori nelle attività di bonifica La sicurezza e la salute dei lavoratori nelle attività di bonifica S. Berardi (1), E. Bemporad (1), C. Mariotti (2) (1) INAIL, Settore Tecnico-Scientifico e Ricerca, Dipartimento Installazioni di Produzione

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA. DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio

CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA. DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio Carbochimica e CIP di Fidenza: da Emergenza Ambientale ad Opportunità di Sviluppo Arch. Nicolai Zanettini

Dettagli

Processi bioslurry per la degradazione di idrocarburi policiclici aromatici e fenoli in suoli contaminati

Processi bioslurry per la degradazione di idrocarburi policiclici aromatici e fenoli in suoli contaminati Processi bioslurry per la degradazione di idrocarburi policiclici aromatici e fenoli in suoli contaminati M. Derudi, G. Nano *, R. Rota Politecnico di Milano - Dip. di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto con diverse sfumature, per incominciare definiamo che cosa si

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI CHIMICA INDUSTRIALE Sede di Rimini CONSORZIO ASSOFORM RIMINI MASTER UNIVERSITARIO INTEGRATO DI PRIMO LIVELLO TECNOLOGIE E CERTIFICAZIONI AMBIENTALI

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA 11 12 DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Premesse

Dettagli

Risorsa Srl (referente dott. Antonio di Gennaro): traduzione dei protocolli tecnici in manuali operativi e strumenti normativi.

Risorsa Srl (referente dott. Antonio di Gennaro): traduzione dei protocolli tecnici in manuali operativi e strumenti normativi. Total Cost = 5,774,074 EC contribution=2,707,256 Coordinatore del progetto: Centro Interdipartimentale di ricerca Ambiente dell Università degli Studi di Napoli Federico II (CIRAM, project manager Massimo

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati Capitolo 12 Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati INSERIMENTO/MODIFICA ANALISI DELLE ACQUE Questa opzione consente di ottenere un giudizio

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Comune di Spresiano Periodi di indagine: 23 Luglio 4 Novembre

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

CHIMICA & AMBIENTE SMARTSTRIPPING GreenRemediation SmartStripping GreenRemediation

CHIMICA & AMBIENTE SMARTSTRIPPING GreenRemediation SmartStripping GreenRemediation CHIMICA & AMBIENTE SMARTSTRIPPING GreenRemediation di Claudia Beatrice Mosangini - SmartStripping Project Manager, cm@ecosurvey.it Irene Jubany - Fundació CTM Centre Tecnològic Manresa, irene.jubany@ctm.com.es

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA CORSO DI LAUREA IN TOSSICOLOGIA DELL AMBIENTE E DEGLI ALIMENTI Calì, Giliberto, Grasso, Napoli, Spada, Vighetto, Vitale TECNICHE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Tesina

Dettagli

Fissazione dell azoto atmosferico. Conversione di N 2. in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3

Fissazione dell azoto atmosferico. Conversione di N 2. in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3 Ciclo dell Azoto: insieme dei processi di trasformazione delle varie forme di azoto presenti nell ambiente Fissazione N 2 dell azoto atmosferico Conversione di N 2 in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3 Combustioni,

Dettagli

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Servizio Tecnologie e Siti Contaminati APAT 1 Software - Modelli applicativi I software maggiormente utilizzati in Italia sono:

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Programma OK 02. Compostabilità domestica dei prodotti

Programma OK 02. Compostabilità domestica dei prodotti Data d applicaz.: 2012-03-01 Pagina : 1 / 5 Programma OK 02 Compostabilità domestica dei prodotti In caso di dubbio o discussione, solo la versione inglese è valida. 1. Scopo 3 Sono ammessi al presente

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio Marco Maglionico Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione provoca alterazioni al regime delle acque

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. (Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI 1 BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI 1.1. INTRODUZIONE L inquinamento del suolo può essere associato alla presenza di sostanze in grado di indurre una tossicità potenziale nei confronti delle biocenosi (tossici

Dettagli