ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI ENNA Via Calabria, ENNA Cod. Fisc.:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI ENNA Via Calabria, 50-94100 ENNA Cod. Fisc.: 80003020866"

Transcript

1 ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI ENNA Via Calabria, ENNA Cod. Fisc.: Sito web: PEC: CARTA DEI SERVIZI Adottata in data 30/12/2014 con deliberazione del Consiglio Direttivo e pubblicata sul sito web dell Ordine, nella sezione Amministrazione Trasparente

2 COS È L ORDINE DEI FARMACISTI L Ordine dei Farmacisti è un Ente pubblico non economico indipendente ausiliario dello Stato, sul quale vigilano alcuni Ministeri. In genere è strutturato a livello provinciale, come quello di Enna, ma può avere per circoscrizione due o più province finitime. Tutti gli Ordini provinciali dei Farmacisti sono riuniti in una federazione, la F.O.F.I. - Federazione Nazionale Ordini Farmacisti - che ne coordina le attività ed ha sede a Roma in Via Palestro n. 75. L Ordine cura la tenuta dell Albo Professionale e rappresenta tutti gli iscritti all Albo, farmacisti abilitati, dottori in Farmacia o in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, che esercitano o che intendono esercitare l attività nei vari settori produttivi o nei diversi campi, in alcuni dei quali è richiesta l iscrizione obbligatoria all Albo. Sorveglia la correttezza dell attività professionale dei propri iscritti e, per l inosservanza del Codice Deontologico, se necessario, adotta provvedimenti disciplinari. L iscrizione all Albo Professionale avviene mediante presentazione di specifica domanda e prevede il pagamento di una tassa d iscrizione e della quota annuale, stabilite dal Consiglio Direttivo. Ogni farmacista iscritto riceve con adeguato preavviso la richiesta di pagamento della quota annuale mediante l invio di una circolare. Per legge, l iscrizione all Albo comporta l automatica iscrizione all Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Farmacisti. Ogni tre anni, gli iscritti all Albo sono chiamati a votare per il rinnovo del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dei Conti. Fanno parte dell elettorato attivo e passivo tutti coloro che risultano iscritti regolarmente all Albo. COMPITI ISTITUZIONALI DELL'ORDINE Il D.Lgs.C.P.S. n. 233 del 13/9/1946, recante Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse, ed il successivo Regolamento di esecuzione contenuto nel D.P.R. n. 221 del 1950 disciplinano e governano la vita dell Ordine e assegnano al Consiglio Direttivo dell'ordine diverse funzioni tra cui: curare la tenuta dell'albo Professionale, effettuare costantemente la sua revisione e provvedere a pubblicarlo al principio di ogni anno e a renderlo disponibile alle Istituzioni e agli Enti interessati; provvedere alle iscrizioni e alle cancellazioni; vigilare alla conservazione del decoro e della indipendenza dell'ordine; designare i rappresentanti dell'ordine presso commissioni, enti ed organizzazioni a carattere regionale, provinciale o comunale; dare il proprio concorso alle Autorità locali nello studio e nell attuazione dei provvedimenti che comunque possono interessare l Ordine; promuovere e favorire tutte le iniziative intese a facilitare il progresso culturale degli iscritti; curare l'osservanza del Codice Deontologico, delle leggi e delle disposizioni concernenti la professione e, per esercitare il potere disciplinare nei confronti dei sanitari iscritti all'albo, adottare, se necessario, provvedimenti disciplinari; vigilare per la tutela del titolo professionale e svolgere le attività dirette a sorvegliare la correttezza dell attività professionale degli iscritti ed impedire l'esercizio abusivo della professione; interporsi, se richiesto, nelle controversie fra sanitario e sanitario, o fra sanitario e persona o enti a favore dei quali il sanitario abbia prestato o presti la propria opera professionale; eleggere nel proprio seno il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario ed il Tesoriere; conferire eventuali incarichi ai Consiglieri, se ritenuto necessario; provvedere alla ordinaria e straordinaria amministrazione dell'ordine, curare il patrimonio mobiliare e immobiliare dell'ordine e occuparsi della predisposizione dei bilanci preventivi e dei conti consuntivi da proporre all Assemblea; stabilire la tassa annuale, la tassa d iscrizione, la tassa per il rilascio dei certificati e dei pareri per la liquidazione degli onorari, le tariffe delle prestazioni non essenziali a pagamento ed a provvedere alla loro riscossione. 1

3 STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DOTAZIONE ORGANICA DELL ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI ENNA Il Consiglio Direttivo: Giacché gli iscritti all Albo Professionale hanno superato le cento unità e sono al di sotto dei cinquecento, esso è composto di 7 membri, eletti tra i farmacisti che risultano regolarmente iscritti all Albo alla data di convocazione dell Assemblea elettiva, che viene convocata ogni tre anni. Esercita funzioni di indirizzo, decisionali e di verifica dell attività amministrativa e di gestione con riferimento ai vari compiti istituzionali. All interno di esso, con le proprie diverse competenze, operano il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario e il Tesoriere che vengono eletti dallo stesso Consiglio, nel proprio seno. Il Consiglio viene convocato dal Presidente, dal quale viene presieduto. Il Collegio dei Revisori dei conti: È composto da tre membri effettivi e da un revisore supplente, eletti tra gli iscritti all Albo ed estranei al Consiglio Direttivo. Esercita una funzione di controllo sulla contabilità dell Ordine. COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento fondamentale con il quale si attua il principio di trasparenza, attraverso l esplicita dichiarazione dei diritti e dei doveri sia del personale, sia dei cittadini ed è un documento che ogni ufficio della Pubblica Amministrazione è tenuto a fornire ai cittadini. Si ispira agli articoli della Costituzione Italiana, che sanciscono e tutelano il rispetto dei principi di uguaglianza, imparzialità, tutela della dignità della persona, che vietano ogni forma di discriminazione basata sul sesso, sulla lingua, sull appartenenza etnica, sulle convinzioni religiose e impegna tutti gli operatori e la struttura al rispetto di tali principi. In essa vengono esposte le finalità, descritti i modi e indicati i criteri e le strutture attraverso cui il servizio viene effettuato, i diritti ed i doveri, nonché le modalità ed i tempi di partecipazione, come pure le procedure di controllo che il cittadino può avere a sua disposizione. A cosa serve: - Informare gli iscritti e i cittadini sui vari servizi erogati dall Ordine trovando in essa una descrizione dettagliata dei contenuti e delle caratteristiche del servizio offerto; - Impegnare la struttura a mantenere e migliorare i servizi descritti nella Carta che costituiscono impegni vincolanti per l Ordine; - Verificare periodicamente il grado di soddisfazione: rilevando il giudizio degli iscritti sui servizi erogati; analizzando gli eventuali scostamenti rispetto alle aspettative; definendo piani di miglioramento della qualità dei processi di produzione e di erogazione dei servizi; migliorando, ove possibile, gli standard correnti. Principi fondamentali della Carta dei Servizi L Ordine dei Farmacisti della provincia di Enna, con la presente Carta, intende uniformare l erogazione dei servizi prestati, ispirandosi esplicitamente ai principi contenuti nella Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri emanata il 27/01/2004 sull erogazione dei servizi pubblici. Per l Ordine, quale soggetto erogatore, i principi fondamentali sono: Eguaglianza dei diritti degli utenti: l accesso ai servizi è uguale per tutti e l erogazione è compiuta senza nessuna distinzione di sesso, razza, lingua, religione ed opinioni politiche; è garantita la parità di trattamento per tutte le tipologie di utenza e l accesso agli uffici è possibile per tutti, essendo l edificio sede dell Ordine privo di barriere architettoniche; Imparzialità: nell erogare i servizi, vengono rispettati i criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità verso i propri iscritti e verso tutti coloro che necessitano di prestazioni; Partecipazione degli utenti: è sempre garantita con o il diritto di accesso alle informazioni secondo le modalità ed i limiti previsti dalla Legge n. 241/90 e successive modifiche ed integrazioni, nonché dei suoi regolamenti attuativi, o la possibilità di produrre reclami, memorie e documenti, di formulare osservazioni e suggerimenti tendenti al miglioramento del servizio; 2

4 Efficienza ed efficacia: allo scopo di garantire e migliorare tali obiettivi, vengono progressivamente individuate ed adottate soluzioni organizzative e procedurali ritenute più funzionali. ATTIVITÀ E SERVIZI DELL ORDINE RESI AL PUBBLICO Si evidenzia che il Consiglio Direttivo: nella seduta del 20/06/2012 ha approvato le Misure organizzative per l acquisizione d ufficio dei dati e per l effettuazione dei controlli delle dichiarazioni sostitutive Modalità per la loro esecuzione, riguardanti la decertificazione e nella seduta del 10/10/2007 ha deliberato di adottare il Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari in attuazione del D.Lgs. n. 196/203, a cui per i dettagli si rimanda. Nel documento sono stati individuati varie tipologie dei dati trattati e delle diverse operazioni eseguibili dall Ordine, riassunte nella tabella che di seguito si riporta: 1 Attività relativa alle iscrizioni agli albi 2 Attività relativa al procedimento disciplinare Denominazione del trattamento 3 Attività relativa ai benefici assistenziali e previdenziali a favore degli iscritti e loro familiari 4 Attività conciliativa 5 Gestione del contenzioso attività relative alla consulenza giuridica, nonché al patrocinio e alla difesa in sede giudiziaria e stragiudiziale dell Ordine Attività e servizi: Tenuta dell Albo Professionale L Albo Professionale viene aggiornato entro 5 gg. lavorativi dal deliberato del Consiglio. Entro 15 giorni le variazioni all Albo sono trasmesse agli Enti e alle Istituzioni previste dalla Legge. Entro il mese di febbraio di ogni anno si provvede alla sua pubblicazione ed esso viene inviato in formato elettronico alle Autorità ed Enti previste dalle normative vigenti. In base al disposto dell art. 1, comma 8-quater, del D.L. n. 688/1985, convertito in Legge 11/1986, le variazioni all Albo professionale vengono comunicate trimestralmente agli Enti previdenziali, assicurativi e assistenziali. Nei confronti degli iscritti vengono rispettate le normative vigenti in materia di privacy. Richieste di Iscrizione, di Trasferimento, di Cancellazione Le informazioni e la relativa modulistica sono disponibili sul sito Internet dell Ordine, raggiungibile al seguente link nella sezione Professione e possono essere reperiti recandosi negli uffici di Segreteria. Le domande pervenute, regolari e complete di tutti gli allegati e versamenti previsti, saranno esaminate dal Consiglio Direttivo nella prima seduta utile dopo la data di arrivo, risultante dal protocollo, ma non oltre i termini previsti dalle normative in materia, ovvero: - per le domande di iscrizione, nel termine di tre mesi - per i procedimenti di cancellazione, nel termine massimo di novanta giorni. Della eseguita iscrizione o dell avvenuta cancellazione è data comunicazione, nel termine di quindici giorni, all interessato, al Ministero della Salute, al Prefetto, al Procuratore della Repubblica, all Azienda Sanitaria competente, alla F.O.F.I., all E.N.P.A.F. e all O.N.A.O.S.I.. Il farmacista neo iscritto potrà ritirare, presso la Segreteria, la spilla-distintivo da camice, il tesserino dell Ordine e il contrassegno dell Ordine per l auto. Inoltre, potrà richiedere la casella PEC, che l Ordine assegna e mantiene gratuitamente. L eventuale rigetto della domanda di iscrizione viene comunicato, entro il termine di quindici giorni, all interessato, al Prefetto e al Procuratore della Repubblica. Controlli sulle dichiarazioni sostitutive prodotte all Ordine Per quanto riguarda le autocertificazioni rese dagli interessati con la domanda di iscrizione, riguardanti la laurea, l abilitazione e il casellario giudiziario, successivamente all accoglimento della richiesta, si procede alla verifica presso le Amministrazioni interessate, seguendo le modalità indicate nelle Misure organizzative per l acquisizione d ufficio dei dati e per l effettuazione dei 3

5 controlli delle dichiarazioni sostitutive Modalità per la loro esecuzione, documento approvato dal Consiglio il 20/06/2012. Certificati d iscrizione all Albo e certificati di servizio I certificati vengono rilasciati agli iscritti gratuitamente. Considerato che, nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione ed i gestori di pubblici servizi (per esempio: per la partecipazione a concorsi, per le assunzioni presso farmacie pubbliche e private, per le comunicazioni all ASL di rapporti di collaborazione) l iscrizione all Albo ed il servizio devono essere sempre autocertificati, l Ordine sui certificati di iscrizione e sui certificati di servizio appone la dicitura il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi. Un fac-simile di Autocertificazione di iscrizione all'albo è scaricabile dal sito Internet dell Ordine nella sezione Professione/Modulistica varie. I certificati comunque richiesti sono validi nei rapporti tra privati e, quelli d iscrizione, sono rilasciati: entro 1 giorno lavorativo dalla data di protocollo della richiesta, se in formato elettronico; entro 6 giorni lavorativi dalla data di protocollo della richiesta, se in formato cartaceo con firma del Presidente autografa. Per quanto riguarda i certificati di servizio, è opportuno inoltrare la richiesta all Azienda Sanitaria competente. Cambi di residenza, di domicilio, di indirizzi di posta elettronica Gli interessati possono trasmettere le relative comunicazioni per posta, per fax o per . Gli archivi vengono modificati entro 3 giorni lavorativi dalla data di acquisizione della richiesta. Adesione alla Convenzione-Regolamento con l Università degli Studi di Catania per il tirocinio pre-laurea per gli studenti in Farmacia e in CTF Il Dipartimento di Scienze del Farmaco aggiorna, sul proprio portale, gli elenchi delle farmacie convenzionate solamente a gennaio, maggio ed agosto di ogni anno. Pertanto, l Ordine può accettare nuove adesioni unicamente in questi tre periodi. All inizio di gennaio, maggio ed agosto le farmacie non aderenti vengono invitate, se interessate, ad inviare il modulo di adesione ed entro la fine dello stesso mese la Segreteria trasmette alla Facoltà l elenco delle farmacie convenzionate aggiornato, che verrà pubblicato sul sito dell Ateneo. Corrispondenza in entrata e in uscita La corrispondenza ricevuta viene visionata, protocollata e rivolta entro tre giorni lavorativi all attenzione degli Organi direttivi dell Ordine per valutarne il disbrigo. Dopo essere stata evasa viene archiviata. Le urgenze vengono gestite come tali, caso per caso. La posta in uscita, dopo il protocollo, in genere viene trasmessa nell immediato, ma viene comunque evasa entro i 2 giorni lavorativi, in ogni caso per posta elettronica, salve diverse previsioni previste dalla legge. Informazioni Telefoniche Le richieste di informazione su tutte le attività dell Ordine, inoltrate telefonicamente nell orario di apertura degli uffici, vengono fornite contestualmente. Nel caso in cui l argomento del quesito richieda approfondimenti o sia di natura riservata, oppure è ricevuto in un momento di intensa attività di segreteria, sarà richiesto ed annotato il numero di telefono del richiedente e la risposta verrà data entro il giorno lavorativo successivo ovvero entro il diverso più breve termine richiesto dalla fattispecie della stessa richiesta. In taluni casi l interessato può essere invitato a richiamare. Risposte a quesiti ricevuti per fax e via posta elettronica Gli uffici rispondono entro il giorno lavorativo successivo dalla loro acquisizione al protocollo. Tematiche particolari o richieste che richiedono la preparazione di particolare documentazione (ad esempio il calendario dei turni settimanali) possono richiedere tempi differenti. Segnalazioni che interessano il Codice Deontologico Le segnalazioni che riguardano il Codice Deontologico del farmacista sono acquisite per iscritto e protocollate. Se richiesta, viene inoltrata al mittente la conferma di recapito. Fatte salve le segnalazioni che rivestono carattere di urgenza che sono affrontate come tali, entro i tre giorni lavorativi successivi alla data del protocollo, sono sottoposte alla valutazione del Presidente. 4

6 Il loro riscontro e/o la comunicazione delle decisioni del Consiglio avviene nelle forme previste dalla legge. Circolari, comunicazioni e newsletter agli iscritti all Albo Le circolari, le newsletter e le comunicazioni agli iscritti vengono in genere inviate per posta elettronica, in esecuzione tra l altro del c.d. decreto "taglia-carta". Notizie particolari e/o che rivestono una certa importanza e/o una certa urgenza possono essere comunicate telefonicamente o con altre modalità, seguendo le direttive del Presidente. Modalità di accesso agli atti L accesso agli atti è consentito solo agli aventi diritto o ai loro delegati, previo appuntamento, entro cinque giorni lavorativi dalla richiesta. Richieste dati da altre P.A. o da gestori di pubblici servizi Il trattamento di tali richieste è dettagliatamente indicato sul documento approvato dal Consiglio il 20/06/2012 Misure organizzative per l acquisizione d ufficio dei dati e per l effettuazione dei controlli delle dichiarazioni sostitutive Modalità per la loro esecuzione, al quale si rimanda. Patrocini Le richieste di patrocinio si considerano ammissibili se attinenti ad eventi scientifici e/o di particolare interesse per gli iscritti e, generalmente, sono sottoposti all esame del Consiglio Direttivo nella prima riunione successiva al ricevimento della richiesta. Del deliberato viene data notizia al richiedente entro 5 giorni lavorativi. Pareri I pareri richiesti e/o dovuti sono rilasciati dal Consiglio Direttivo entro i termini previsti dalla legge, e comunque non oltre 60 giorni, salvo quelli che rivestono carattere d urgenza. Contabilità e Pagamenti Le quote d iscrizione dovute annualmente dagli iscritti, vengono riscosse direttamente presso la Segreteria dell Ordine in contanti o con assegno di c/c oppure, in alternativa, a mezzo di assegno circolare, emesso da una qualsiasi banca, o tramite vaglia postale. È anche possibile effettuare un bonifico bancario sul conto corrente dell Ordine. In tutti i casi viene rilasciata una ricevuta, contestualmente al momento dell incasso compiuto dalla Segreteria o quando perviene la rendicontazione bancaria dell avvenuto accredito. Le spese di cassa sono registrate giornalmente. Se di modico valore, possono essere effettuate con l utilizzo del Fondo di Cassa/Economato. Altrimenti vengono eseguite mediante mezzi di pagamento che assicurino la tracciabilità, quali l utilizzo del conto corrente bancario o tramite pagamento di bollettini o altri mezzi postali. Le fatture ricevute vengono pagate entro 30 giorni dalla data del protocollo di arrivo, fatta salva la diversa maggiore scadenza indicata sul documento. Per le Entrate vengono emesse corrispondenti Reversali, che possono riguardare anche più incassi della stessa tipologia. Le Uscite vengono documentati con i Mandati di pagamento. Indirizzo, orario di apertura e contatti La sede dell Ordine si trova ad Enna, in Via Calabria n. 50 e gli uffici di Segreteria sono aperti al pubblico nei i seguenti orari: dal lunedì al sabato: dalle ore 9.00 alle ore 13.00, il lunedì, mercoledì e giovedì: dalle ore alle ore 17.00, nei giorni festivi: chiusura. Eventuali variazioni dell orario di ricevimento vengono rese note con modalità scelte caso per caso (circolare, comunicazione, pubblicazione sul sito dell Ordine, avviso presso la stessa sede). Durante l orario di apertura è consentito l accesso diretto ai locali degli uffici; l eliminazione delle barriere architettoniche nella sede dell Ordine è stata realizzata con l installazione di un ascensore accessibile a tutti, dietro esplicita richiesta. Informazioni ed indicazioni su come raggiungere la sede dell Ordine: Via Calabria n. 50 si trova ad Enna Bassa, di fronte la Fiera dell Agricoltura (c.d. ENCANA) ed è una traversa di Via Scifitello. Dall uscita Enna dell A19 PA-CT proseguire a sinistra sulla S.S. 117bis, direzione CL; arrivare ad Enna Bassa (S.Anna) e superare la bretella, con semaforo lampeggiante, seguendo la direzione CL, sul Viale dell'unità d'italia; proseguire superando un primo semaforo; al 2 semaforo (incrocio per Enna Mercato), girare a destra, direzione "Enna 5

7 centro", per poi imboccare la 1^ traversa a destra all inizio della quale insiste la segnaletica a freccia indicante "Ordine dei Farmacisti della Provincia di Enna": si è arrivati al n. 50 della Via Calabria. I contatti: telefono fax PEC: Sito Internet: PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs.C.P.S. 13/9/1946, n. 233 e successive modificazioni, recante Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie D.P.R. 5/4/1950 n. 221, recante Approvazione del Regolamento per l esecuzione del decreto legislativo 13 settembre 1946 n. 233, sulla ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell esercizio delle discipline stesse Legge 28/2/1990 n. 39 e successive modifiche ed integrazioni, recante Norme in materia di soggiorno di cittadini extracomunitari Legge 7/8/1990 n. 241 e successive modificazioni, recante Norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e successive modificazioni ed integrazioni Direttiva del Presidente del C.M. 27/1/1994, su Principi sull erogazione dei servizi pubblici Legge 12/11/2011 n. 183, recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (c.d. Legge di stabilità 2012) Direttiva del Ministro per la Pubblica Amministrazione e della Semplificazione 22/12/2011 n. 14 su Adempimenti urgenti per l applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive" 6

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA L Ordine dei farmacisti è un Ente pubblico non economico ausiliario dello Stato, sotto la vigilanza di alcuni Ministeri. Rappresenta tutti i farmacisti

Dettagli

Compiti istituzionali dell'ordine:

Compiti istituzionali dell'ordine: ORDINE PROVINCIALE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CARTA DEI SERVIZI Cos è l Ordine dei Farmacisti e cosa fa L Ordine, a differenza delle altre organizzazioni fra farmacisti, è un Ente

Dettagli

ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA

ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Viale Piceno, 18-20129 Milano - Telefono 02/70102396 - Fax 02/76110653 http://www.ordinefarmacistimilano.it - E-Mail : info@ordinefarmacistimilano.it

Dettagli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli CARTA DEI SERVIZI Deliberata dal Consiglio deli Ordine nella seduta del 21 Maggio 2012 La Carta è lo strumento fondamentale con il quale si attua il principio di trasparenza ed è un documento che ogni

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2016-2018 (approvato nella seduta di Consiglio del 13 gennaio 2016) 1. Introduzione:

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2015 2017 1. Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione. La trasparenza costituisce strumento di prevenzione e contrasto

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI Via Toledo, n 156-80132 Napoli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI Via Toledo, n 156-80132 Napoli REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI del Consiglio dell Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Napoli Approvato nella seduta di Consiglio del 28.10.2011 Adottato dal 01.01.2012

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci)

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) REQUISITI RICHIESTI ALLE ASSOCIAZIONI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO WEB TENUTO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Premessa (articolo 1, 2

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità L'ASSESSORE

Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità L'ASSESSORE foglio n. 1 DECRETO n. 38 /GAB Istituzione presso la della commissione d'esame per l'accesso alla professione di trasportatore su strada di persone, di cui al decreto legislativo 22 dicembre 2000, n. 395

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a

Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a norma dell articolo 21, comma 1, della legge 31 dicembre

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TAGLIO DI PO Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di Primo Grado Via A. Manzoni, 1-45019 - Taglio di Po - tel.: 0426 660880 fax 0426 346103 Sito Internet:

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

87660544 intestato all'odcec Torre Annunziata

87660544 intestato all'odcec Torre Annunziata ALL. 1.1 C1 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORRE ANNUNZIATA (Circoscrizione del Tribunale di Torre Annunziata) DOCUMENTI DA PRODURRE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO LE DOMANDE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG)

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) STATUTO della Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) Articolo 1 Denominazione e soggetti associati La "Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia" in breve FIOG (d'ora in avanti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

COMUNE DI CAGLI. Provincia di Pesaro Urbino. Piazza Matteotti n.1 - tel. 0721 78071 fax 0721 780792 E-mail: municipio@comune.cagli.ps.

COMUNE DI CAGLI. Provincia di Pesaro Urbino. Piazza Matteotti n.1 - tel. 0721 78071 fax 0721 780792 E-mail: municipio@comune.cagli.ps. COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro Urbino Piazza Matteotti n.1 - tel. 0721 78071 fax 0721 780792 E-mail: municipio@comune.cagli.ps.it REGOLAMENTO COMUNALE ALBO FORNITORI BENI E SERVIZI Art. 1 ( Finalità

Dettagli

BOZZA DI STATUTO DEL COMITATO ORGANIZZATORE 1, 2

BOZZA DI STATUTO DEL COMITATO ORGANIZZATORE 1, 2 Manuale delle associazioni sportive BOZZA DI STATUTO DEL COMITATO ORGANIZZATORE 1, 2 STATUTO COMITATO PER L ORGANIZZAZIONE DI... Art. 1 Costituzione È costituito un Comitato denominato... Il Comitato ha

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Settore Affari Generali e Istituzionali. Disciplinare per le Pubblicazioni on line

Settore Affari Generali e Istituzionali. Disciplinare per le Pubblicazioni on line Settore Affari Generali e Istituzionali Disciplinare per le Pubblicazioni on line ANNO 2014 INDICE Art. 1 Principi generali... 3 Art. 2 Modalità di accesso al servizio on line... 3 Art. 3 Atti destinati

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

Modalità di iscrizione elenco professionisti

Modalità di iscrizione elenco professionisti Modalità di iscrizione elenco professionisti Si deve presentare o inviare all Ordine dei giornalisti delle Marche quanto segue: 1) Domanda redatta in carta semplice resa legale con marca da bollo di 16,00

Dettagli

STATUTO CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA

STATUTO CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA STATUTO CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA art. 1 COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE E costituita un Associazione denominata: CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA, (in seguito denominata Consorzio ) Il Consorzio partecipa

Dettagli

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O Denominazione. sede e durata Art. 1 E costituita un associazione senza fini di lucro denominata RETE ITALIANA DI MICROFINANZA denominata

Dettagli

STATUTO di ASAI. Art. 1 Costituzione

STATUTO di ASAI. Art. 1 Costituzione STATUTO di ASAI Art. 1 Costituzione È costituita l ASSOCIAZIONE PER GLI STUDI AFRICANI IN ITALIA (ASAI), con durata illimitata e con sede legale presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Università

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO Amici dell Archivio Fotografico Lucchese 4 Maggio 2010 STATUTO Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese Art. 1 E costituita in

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia

Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia LA BANCA D ITALIA Visto l art. 1, comma 15, della legge 6

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF PREMESSA Il Presente Regolamento si applica a tutti i soci e deve essere accettato contestualmente alla richiesta di associazione; L accettazione

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

INDICE. 2. I prodotti di corrispondenza. 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità. 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi

INDICE. 2. I prodotti di corrispondenza. 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità. 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. Premessa 2. I prodotti di corrispondenza 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi 1. Premessa OBIETTIVI E PRINCIPI ISPIRATORI La Carta della

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010)

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) B O Z Z A (da adattare alla situazione specifica ) PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) L anno duemiladieci,

Dettagli

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ****** ****** TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Costituzione) Ai sensi dell art.18 del Decreto Legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI ART. 1 Istituzione È istituito presso l'università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 47 dello

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI BRESCIA MOBILITÀ S.P.A.

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI BRESCIA MOBILITÀ S.P.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI BRESCIA MOBILITÀ S.P.A. Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione di Brescia Mobilità S.p.A. del 18.12.2015 1 ARTICOLO 1 OGGETTO 1.1. Brescia

Dettagli

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione)

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione) Regolamento regionale recante Registro regionale delle associazioni di promozione sociale e elezione dei rappresentanti presso l Osservatorio regionale (Legge regionale 7 febbraio 2006, n. 7) Art. 1. (Oggetto)

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

STATUTO. Accademia Forense Europea

STATUTO. Accademia Forense Europea STATUTO Accademia Forense Europea ***** PARTE PRIMA COSTITUZIONE SCOPI SOCI Art. 1 COSTITUZIONE 1) E costituita in data 7 febbraio 2012 l associazione culturale Accademia Forense Europea (in acronimo A.F.E.)

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Senato Accademico 17 dicembre 2012 Consiglio di Amministrazione 31 gennaio 2013 Decreto Rettorale Rep. n. 200/2013 Prot. n 3759 del 13 febbraio 2013 Albo di Ateneo Pubblicato all Albo di Ateneo con n.

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTA la legge 17 dicembre 2010, n. 227, recante disposizioni concernenti la definizione

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Foggia, 5 gennaio 2012 Prot. n. 174 VII.1 Rep. n. 10/2012 Il PRESIDE la Legge 30 dicembre, n. 240/2010 Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché

Dettagli

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO 3 4 Capo I Natura e scopi dell A.N.S.I. Art. 1 È costituita l Associazione Nazionale Scuola Italiana (A.N.S.I.) con sede centrale in Roma. Art. 2 L A.N.S.I.

Dettagli

Articolo 1 Definizioni

Articolo 1 Definizioni Selezione per il finanziamento di Progetti per la realizzazione di iniziative di informazione territoriale delle Associazioni dei consumatori iscritte al CNCU (PDT2) Visti: la legge 14 novembre 1995, n.

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti INDICE Art. 1 - Sito web istituzionale Art. 2 - Oggetto del Regolamento Art. 3 - Soggetti competenti e gestione sito web Art. 4 - Contenuti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PROMOZIONE DELLA SCIENZA APERTA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITÀ SOCIALE. Articolo 1. (Istituzione e sede)

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PROMOZIONE DELLA SCIENZA APERTA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITÀ SOCIALE. Articolo 1. (Istituzione e sede) 1 / 5 Statuto Author : Roberto Caso Date : 20 marzo 2015 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PROMOZIONE DELLA SCIENZA APERTA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITÀ SOCIALE Articolo 1 (Istituzione e sede) 1.

Dettagli

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali"

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali Allegato (Modello privacy) INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali" Con la presentazione delle domande di immatricolazione

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

MODALITA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO SPECIALE DEI GIORNALISTI STRANIERI

MODALITA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO SPECIALE DEI GIORNALISTI STRANIERI MODALITA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO SPECIALE DEI GIORNALISTI STRANIERI 1) Domanda redatta in bollo ( 16,00) rivolta all Ordine dei Giornalisti della Liguria. 2) Marca da bollo da 2,00 che sarà applicata

Dettagli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Torino Via Sant Anselmo 14 10125 Torino C.F. 80082540016

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Torino Via Sant Anselmo 14 10125 Torino C.F. 80082540016 Ordine dei Farmacisti della Provincia di Torino Via Sant Anselmo 14 10125 Torino C.F. 80082540016 Adottato in data 17 dicembre 2014 con deliberazione n 95 del Consiglio dell Ordine Pubblicato sul sito

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con delibera n. 255 del 1 dicembre 2014 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Denominazioni e oggetto) 1. Ai sensi del presente Regolamento si intendono per: a) Ministro,

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia STATUTO ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ITALIA NEL CUORE Articolo 1 Denominazione E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia l associazione non riconosciuta denominata: Italia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

Via della Chimica, 61 POTENZA

Via della Chimica, 61 POTENZA N Ordine dei Tecnologi Alimentari di Basilicata e Calabria Data iscrizione Bollo 14,62 Spazio riservato alla segreteria dell Ordine Domanda di iscrizione nell Albo dei Tecnologi Alimentari di Basilicata

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 39/2010 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Decreto relativo al contributo erariale spettante alle unioni di

Dettagli

FAC SIMILE da non allegare alla domanda di adesione. La Convenzione verrà successivamente trasmessa in duplice copia per la sottoscrizione

FAC SIMILE da non allegare alla domanda di adesione. La Convenzione verrà successivamente trasmessa in duplice copia per la sottoscrizione CONVENZIONE PER L ATTIVITÀ DI COMPILAZIONE, GESTIONE DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE UNICHE E TRASMISSIONE DELLE ATTESTAZIONI ISEE/ISEEU (AI SENSI DEL D.LGS. 109/98 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI)

Dettagli

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REGOLAMENTO INTERNO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO E MISURE ORGANIZZATIVE SUL DIRITTO DI ACCESSO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento.

Dettagli