COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI TAXI e NOLEGGIO CON CONDUCENTE (N.C.C.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI TAXI e NOLEGGIO CON CONDUCENTE (N.C.C.)"

Transcript

1 COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI TAXI e NOLEGGIO CON CONDUCENTE (N.C.C.) Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del Approvato in via definitiva con deliberazione del Consiglio comunale n. 7 del

2 2

3 INDICE GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Definizione dei servizi Art. 3 Norme di riferimento CAPO II CONDIZIONI DI ESERCIZIO Art. 4 - Titolo per l esercizio dei servizi Art. 5 - Cumulo dei titoli Art. 6 - Forme giuridiche di esercizio dei servizi Art. 7 - Ambiti operativi territoriali CAPO III ACQUISIZIONE DELLE LICENZE E DELLE AUTORIZZAZIONI Art. 8 - Requisiti per il rilascio delle licenze e delle autorizzazioni Art. 9 Idoneità morale Art. 10 Idoneità professionale CAPO IV CONTINGENTI E MODALITA PER IL RILASCIO DI LICENZE E AUTORIZZAZIONI Art Determinazione contingenti Art. 12 Criteri per l assegnazione delle licenze e delle autorizzazioni Art Contenuti del bando di concorso Art Presentazione delle domande Art Commissione di concorso Art Titoli valutabili o di preferenza Art Materie d esame Art Validità della graduatoria Art Rilascio delle licenze e delle autorizzazioni Art. 20 Durata e validità delle licenze e delle autorizzazioni Art Inizio del servizio CAPO V MODALITA PER IL TRASFERIMENTO DELLE LICENZE O DELLE AUTORIZZAZIONI Art Trasferibilità per atto tra vivi Art Trasferibilità per causa di morte del titolare Art Sostituzione alla guida Art Collaborazione familiare CAPO VI OBBLIGHI, DIRITTI E DIVIETI DEI CONDUCENTI DI AUTOVEICOLI IN SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA Art Obblighi dei conducenti Art Obblighi specifici per l esercente il servizio taxi Art Obblighi specifici per l esercente N.C.C. Art Diritti dei conducenti Taxi e N.C.C. Art Divieti per i conducenti di taxi e N.C.C. Art Divieti specifici per l esercente il servizio taxi Art Divieti specifici per l esercente il servizio N.C.C. 3

4 CAPO VII CARATTERISTICHE, CONTRASSEGNI IDENTIFICATIVI E STRUMENTAZIONE DEI VEICOLI DA ADIBIRE AL SERVIZIO TAXI E N.C.C. Art Caratteristiche dei veicoli Art Caratteristiche specifiche per le autovetture adibite al servizio taxi Art Caratteristiche specifiche per le autovetture adibite al servizio N.C.C. Art Tassametro per il servizio taxi Art Controllo dei veicoli Art Avaria del veicolo Art Radio Taxi CAPO VIII MODALITA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Art, 40 - Posteggio di stazionamento taxi Art Stazionamento per lo svolgimento del servizio N.C.C. Art Turni ed orari del servizio taxi Art Trasporto soggetti disabili Art Tariffe Art Ferie, assenze, aspettativa, distacchi Art Servizi con caratteristiche particolari Art Vigilanza CAPO IX ILLECITI E SANZIONI Art Sanzioni Art Sanzioni amministrative pecuniarie Art Diffida Art Sospensione della licenza o autorizzazione Art Sospensione cautelare dal servizio Art Revoca della licenza o autorizzazione Art Decadenza della licenza o autorizzazione CAPO X DISPOSIZIONI FINALI Art. 55 Abrogazione di precedenti disposizioni Art. 56 Reclami Art. 57 Entrata in vigore e clausola di salvaguardia 4

5 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l esercizio degli autoservizi pubblici non di linea, svolti in conformità alla Legge , n. 21 e della Legge Regionale , n. 22 e art. 85 del D.lgs. n. 285/92; a) Servizio taxi, di cui all art. 2 della L. n. 21/92, art. 3 della L.R. n. 22/96 e art.86 del D.lgs. n.285/92; b) Servizio di noleggio con conducente (N.C.C.), per trasporto di persone con autovettura, di cui all art. 3 della L. n. 21/92, nonché all art. 4 della L.R. n. 22/96 e art. 85 del D.lgs. n. 285/92 (Nuovo Codice della Strada). Art. 2 Definizione dei servizi 1. I servizi di taxi e N.C.C., nei loro elementi specifici, sono così definiti: a) Il servizio di taxi ha lo scopo di soddisfare le esigenze del trasporto individuale o di piccoli gruppi di persone con le seguenti caratteristiche: I. si rivolge a una utenza indifferenziata; II. III. lo stazionamento avviene in luogo pubblico; prelevamento dell'utente ovvero l'inizio del servizio sono effettuati con partenza dal territorio del Comune che ha rilasciato la licenza per qualunque destinazione con il necessario assenso del conducente per le destinazioni oltre il limite comunale; IV. la prestazione del servizio è obbligatoria all'interno dell area Comunale di Sommacampagna; V. i veicoli adibiti al servizio di taxi possono circolare e sostare liberamente secondo quanto stabilito dal presente regolamento comunale; VI. il servizio può essere esercitato solo da soggetti muniti di licenza, di cui all art. 4, comma 1, del presente Regolamento. b) Il sevizio di noleggio con conducente con autovettura si rivolge all utenza specifica che avanza, presso la sede del vettore, apposita richiesta per una determinata prestazione a tempo e/o viaggio. Inoltre: I. lo stazionamento dei mezzi adibiti al servizio avviene all'interno delle rimesse private a disposizione degli assegnatari delle autorizzazioni di cui all art. 4, comma 2, del presente Regolamento; II. III. le prenotazioni di trasporto sono effettuate presso le rispettive rimesse o sedi del vettore; è vietata l installazione a bordo di strumentazioni, anche amovibili, finalizzate allo smistamento indifferenziato su piazza delle richieste di servizio degli utenti; lo svolgimento del servizio con le predette modalità costituisce esercizio di attività di taxi; IV. la prestazione del servizio non è obbligatoria; V. l'inizio del servizio, con utenza diretta in qualsiasi destinazione, avviene con partenza dalla rimessa posta nel Comune che ha rilasciato l'autorizzazione; il prelevamento dell'utente può avvenire anche fuori dal Comune che ha rilasciato l'autorizzazione, purché la prenotazione, con contratto o con lettera d'incarico, sia avvenuta presso la sede del vettore e sia disponibile a bordo del veicolo; VI. il servizio N.C.C. può essere svolto solo da soggetti muniti di apposita autorizzazione comunale. L autorizzazione deve trovarsi a bordo del mezzo utilizzato per il servizio, durante tutti i suoi spostamenti, allo scopo di verificarne l impiego nel servizio di noleggio con conducente; a bordo del medesimo veicolo di va, inoltre, conservato il foglio di servizio, costituito da fogli numerati, recanti il timbro dell azienda; su questi fogli, per ogni singola prestazione, va annotata la targa del veicolo, il nome del conducente, la data. il luogo e il chilometraggio di partenza e arrivo, nonché l orario di inizio e fine servizio, oltre ai dati del committenti; 5

6 VII. Il corrispettivo del servizio è stabilito esclusivamente a seguito di libera contrattazione tra l utente e il noleggiatore, da effettuarsi prima dell inizio del servizio stesso. Art. 3 Norme di riferimento 1. Per tutto quanto non espressamente trattato nel presente regolamento, si applicano le disposizioni della Legge n. 21/92 e della L.R. n. 22/96, nonché di tutte le altre norme applicabili in materia. 2. Per i veicoli diversi dalle autovetture indicati all art. 1 della Legge n. 21/92, comma 2, lettere a) e b), qualora se ne determino le condizioni, si provvede: a) ad applicare le norme del presente regolamento, per quanto attiene al rilascio dell autorizzazione amministrativa; b) all integrazione del presente regolamento per quanto attiene all organico, alle modalità del servizio e alle caratteristiche dei veicoli. CAPO II CONDIZIONI DI ESERCIZIO Art. 4 Titolo per l esercizio dei servizi 1. L esercizio del servizio di taxi è subordinato al rilascio di apposita licenza a persona fisica in possesso dei requisiti di cui all art. 10 (Ruolo di conducenti di veicoli adibiti a servizi pubblici non di linea) della L. R. n. 22/ L esercizio del servizio di N.C.C. è subordinato al rilascio di apposita autorizzazione a persona fisica in possesso dei requisiti di cui all art. 10 della L. R. n. 22/ Circa le modalità e i criteri per il rilascio dei suddetti titoli si fa riferimento a quanto disciplinato dalla Legge n. 21/92, dalla L. R. n. 22/96 oltre che dal presente regolamento. Art. 5 Cumulo dei titoli 1. La licenza taxi e l autorizzazione per noleggio con conducente sono riferite ad un singolo veicolo. Non è ammesso, in capo ad un medesimo soggetto, il cumulo di più licenze o il cumulo della licenza e dell autorizzazione. E ammesso il cumulo, in capo ad un medesimo soggetto, di più autorizzazioni, secondo quanto stabilito dall art. 8, comma 2, della Legge n. 21/92 e dall art. 15, comma 2, della L. R. n.22/1996. Art. 6 Forme giuridiche di esercizio dei servizi 1. I titolari delle licenze o delle autorizzazioni per l esercizio del servizio taxi e N.C.C. possono esercitare la propria attività secondo le forme giuridiche indicate dall art. 14 della L. R. n. 22/ E consentito conferire la licenza o autorizzazione agli organismi collettivi di cui all art. 14 della L. R. n.22/96, ferma restando la titolarità in capo al conferente. Il conferimento al predetto organismo collettivo dà diritto alla gestione economica dell attività autorizzata. 3. Il conferimento è consentito previa presentazione al Comune di Sommacampagna dei seguenti documenti ed attestazioni: 6

7 I. comunicazione scritta, in carta semplice, del conferimento del titolo ad uno degli organismi previsti dalla predetta Legge Regionale, cui è associato il titolare (di licenza o autorizzazione); II. certificato d iscrizione dell organismo alla C.C.I.A.A. attestante lo svolgimento della specifica attività di trasporto di persone; III. copia della documentazione relativa al possesso, da parte del conducente del veicolo, dei requisiti previsti dall art. 10 della L. R. n. 22/96; IV. copia della documentazione attestante il possesso dei requisiti di idoneità da parte dell organismo cui è stata conferita la licenza o l autorizzazione; V. copia del contratto registrato di comodato della vettura; VI. appendice al contratto di assicurazione del veicolo attestante che l assicuratore prende atto che la vettura è condotta da più conducenti. 4. L ufficio comunale competente, dopo aver verificato la regolarità della documentazione prodotta, rilascia apposito nulla osta, indicante la data d inizio del conferimento, che sarà valido fino a quando il titolare della licenza o dell autorizzazione non provvederà ad esercitare il diritto al ritrasferimento. Nel nulla-osta sarà specificato che è consentito l esercizio del servizio, fermo restando la titolarità dell autorizzazione in capo al conferente. 5. A tal fine, sulla licenza o sull autorizzazione, rilasciata al titolare, sarà riportata specifica annotazione contenente gli estremi del sopra citato nulla-osta, la data del conferimento, i dati del soggetto a favore del quale è avvenuto il conferimento. 6. In caso di recesso dagli organismi di cui al presente articolo, l autorizzazione non potrà essere ritrasferita al socio conferente se non è trascorso almeno un anno dal recesso. Art. 7 Ambiti operativi territoriali 1. I titolari di licenza o di autorizzazione possono effettuare il servizio di trasporto su tutto il territorio dell Unione Europea e, a condizione di reciprocità, negli Stati extra UE ove i regolamenti degli stessi lo consentano. 2. Per il servizio di taxi, il prelevamento dell utente oppure l inizio del servizio sono effettuati con partenza dal territorio comunale, fermo restando che oltre tale ambito territoriale la corsa è facoltativa. 3. Per il servizio N.C.C. l inizio del servizio, con utenza diretta in qualsiasi destinazione, avviene con partenza dalla sede del vettore o dalla rimessa. Il prelevamento dell utente può avvenire anche fuori del comune che ha rilasciato l autorizzazione purché la prenotazione, con contratto o con lettera d incarico, sia avvenuta presso la sede del vettore e sia disponibile a bordo del veicolo. CAPO III ACQUISIZIONE DELLE LICENZE E DELLE AUTORIZZAZIONI Art. 8 Requisiti per il rilascio delle licenze e delle autorizzazioni 1. Per ottenere il rilascio del titolo abilitante all esercizio del servizio taxi e N.C.C. è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: a) essere cittadino di uno Stato dell Unione Europea ovvero di altro Stato extra UE alle condizioni previste dalla vigente normativa in materia di immigrazione; b) essere in possesso del requisito di idoneità morale, di cui al successivo art. 9 del presente regolamento; 7

8 c) essere in possesso del requisito di idoneità professionale, di cui al successivo art. 10 del presente regolamento; d) essere proprietario o avere la disponibilità giuridica della vettura utilizzata per il servizio taxi o N.C.C. per la quale sarà rilasciata licenza o autorizzazione; e) non aver trasferito altra licenza o autorizzazione nei cinque anni precedenti (art. 17, comma 3, della L.R. n. 22/96); f) il medesimo soggetto non deve cumulare più licenze o licenza e dell'autorizzazione; è, invece, ammesso il cumulo, in capo ad un medesimo soggetto, di più autorizzazioni (Regolamento, art. 5); g) essere assicurato per la responsabilità civile nei confronti di persone e cose, compresi i terzi trasportati. Con una copertura almeno doppia rispetto ai massimali minimi previsti dalla legge; h) gli assegnatari di autorizzazione N.C.C. devono dimostrare, con atto registrato, di disporre di una sede o di una rimessa sita sul territorio comunale di Sommacampagna. 2 Il responsabile del procedimento può sempre procedere ad accertamenti d ufficio, nonché chiedere il rilascio di dichiarazioni e ordinare esibizioni documentali, ai fini della verifica dei requisiti e della sussistenza dei requisiti di idoneità morale e professionale, di cui agli articoli successivi del Regolamento. Art. 9 Idoneità morale 1. Soddisfa il requisito dell idoneità morale chi: a) non è incorso in condanne definitive per reati che comportino l interdizione dalla professione, salvo che sia stata richiesta e sia poi intervenuta la riabilitazione; b) non è incorso in provvedimenti adottati ai sensi del D.lgs. n. 159/2011 (misure di prevenzione e documentazione antimafia); c) non essere stato dichiarato fallito oppure sia intervenuta la successiva riabilitazione; d) non essere incorso nel quinquennio precedente la presentazione della domanda per partecipare al concorso per l assegnazione di licenza o autorizzazione in provvedimenti di revoca o decadenza di precedente licenza o autorizzazione di esercizio, anche da parte di altri comuni; e) non essere incorsi in condanna a pene restrittive della libertà personale per un periodo complessivamente superiore ai 2 anni e salvi i casi di successiva avvenuta riabilitazione; 2. Nel caso di imprese individuali il requisito dell idoneità morale deve essere posseduto dal titolare; in caso di imprese societarie o di organismi cui è conferita l autorizzazione o la licenza (art. 6, commi 2 e ss. del Regolamento) il requisito dev essere posseduto: a) da tutti i soci, nelle società di persone; b) dai soci accomandatari, nelle società in accomandita semplice o per azioni; c) dagli amministratori, per ogni altro tipo di società o organismo. 3. Il successivo verificarsi, in capo al titolare di licenza o autorizzazione, degli impedimenti di cui al presente articolo comporta la decadenza dal titolo, ai sensi dell art. 54 del Regolamento. Art. 10 Idoneità professionale 1. Soddisfa il requisito dell idoneità professionale chi è iscritto al ruolo dei conducenti, di cui all art. 10 della L.R. n. 22/96, istituito presso la CCIAA di Verona o, in alternativa, essere titolare di impresa autorizzata al trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente, in qualsiasi forma costituita, come previsto dall art. 2, comma 4, della Legge n. 218/

9 CAPO IV CONTINGENTI E MODALITA PER IL RILASCIO DI LICENZE E AUTORIZZAZIONI Art. 11 Determinazione contingenti 1. I contingenti di licenze ed autorizzazioni sono stabiliti ex art. 6 della L.R. n. 22/1996 con apposita deliberazione di Giunta regionale; secondo quanto stabilito da DGRV. n del sono: I. n. 4 licenze taxi; II. n. 8 autorizzazioni noleggio con conducente (N.C.C.). 2. L'assegnazione delle licenze e delle autorizzazioni avviene mediante pubblico concorso, secondo le procedure previste dal presente Regolamento. 3. Qualora successiva deliberazione di Giunta regionale variasse il contingentamento, si farà direttamente riferimento a quel dispositivo per rideterminare il numero di licenze e autorizzazioni assegnate al Comune di Sommacampagna. Art. 12 Criteri per l assegnazione delle licenze e delle autorizzazioni 1. Le licenze per l esercizio del servizio taxi e le autorizzazioni per il servizio N.C.C. vengono assegnate in seguito a pubblico concorso ai soggetti iscritti al ruolo dei conducenti, fino a copertura dei contingenti regionali assegnati a questo Comune per i rispettivi servizi. 2. Il bando è pubblicato sull Albo Pretorio on-line del Comune di Sommacampagna e della Provincia di Verona. 3. Ai concorrenti non possono essere assegnate più di 2 autorizzazioni N.C.C. per ciascun concorso. Art. 13 Contenuti del bando di concorso 1. Il bando di pubblico concorso deve prevedere: a) il numero delle licenze o delle autorizzazioni da rilasciare; b) i requisiti richiesti per l ammissione al pubblico concorso e per il rilascio delle licenze e delle autorizzazioni; c) il termine entro il quale deve essere presentata la domanda, la modalità di presentazione della stessa, gli eventuali documenti da produrre; d) l indicazione di eventuali titoli che danno luogo a punteggio ai sensi dell art. 16 del Regolamento; e) le materie di esame; f) il punteggio previsto per la valutazione dei titoli e il punteggio riservato alla prova d esame; g) le modalità di utilizzo e la validità della graduatoria; h) la votazione minima fissata per il conseguimento dell idoneità. i) il rinvio alle norme del presente regolamento per quanto concerne la validità e l utilizzo della graduatoria. 9

10 Art. 14 Presentazione delle domande 1. La domanda per la partecipazione al concorso per l assegnazione della licenza taxi e dell autorizzazione per N.C.C. va presentata al Comune di Sommacampagna e deve indicare generalità, luogo e data di nascita, nonché la cittadinanza e la residenza del richiedente. 2. La domanda deve contenere, in forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, il possesso di tutti i requisiti necessari e di non incorrere in alcuna delle cause ostative all eventuale rilascio. Art. 15 Commissione di concorso 1. Per l espletamento del concorso di cui all art.13 del Regolamento, la Giunta Comunale nomina con propria deliberazione apposita Commissione di concorso. 2. La commissione è composta dal Responsabile del Servizio competente, con funzioni di Presidente, e da due esperti nelle discipline previste per le prove concorsuali, di cui almeno uno esterno all Amministrazione. Le funzioni di segretario sono svolte da un dipendente comunale con qualifica funzionale alla categoria C1 o superiore scelto dal Presidente. 3. La Commissione valuta la regolarità delle domande di ammissione al concorso, provvede a richiedere eventuali integrazioni, fissando un termine entro il quale devono essere prodotte; redige l elenco dei candidati ammessi e dei non ammessi. 4. Nel caso in cui vi siano candidati che chiedono di sostenere la prova per una o più lingue straniere, la commissione è integrata da un esperto nella lingua prescelta, che esprimerà la propria valutazione circa la conoscenza della lingua stessa. 5. Il Presidente della Commissione di concorso, sentiti i membri della stessa anche in via informale/verbale, fissa la data dell esame che viene comunicata per iscritto agli interessati mediante invio al loro domicilio o attraverso pubblicazione sull Albo Pretorio on-line del comune, con il valore di notifica a tutti gli effetti. 6. Alla prova d esame e alle relative valutazioni debbono essere presenti tutti i Commissari, pena la nullità delle operazioni e dei giudizi espressi. 7. La Commissione, una volta esperite le prove d esame e valutati i titoli, redige la graduatoria di merito, tenendo altresì conto del punteggio assegnato in base ai titoli preferenziali; la graduatoria, così ottenuta, sarà trasmessa al Responsabile del Servizio comunale competente per i provvedimenti conseguenti. Art. 16 Titoli valutabili o di precedenza 1. Costituiscono titoli valutabili per l assegnazione delle licenze ed autorizzazioni N.C.C. l essere in possesso di uno o più dei seguenti requisiti che attestano la specifica professionalità del soggetto richiedente: I. essere soci di cooperative/consorzi tra imprese per l esercizio dell attività di taxi o noleggio con conducente: punti 4 (quattro); 10

11 II. l anzianità di servizio in qualità di conducente non titolare del servizio di noleggio con conducente o come sostituto del servizio taxi: punti 1,5 (uno e mezzo) per anno, fino ad un massimo di 6 (sei) anni valutabili; totale punti massimi 9 (nove); III. anzianità di servizio in qualità di conducente non titolare, di collaboratore familiare o l esser stato dipendente di un impresa di noleggio con conducente o sostituto alla guida di autovettura adibita al servizio di N.C.C. : punti 0,50 (zero e cinquanta) per un periodo di almeno sei mesi; punti 1 (uno) per anno, fino al limite massimo di sei anni, fino ad un massimo di 6 (sei) punti; IV. numero di posti di lavoro e organizzazione aziendale: punti 1 (uno) per dipendente, fino ad un massimo di 6 (sei) punti; V. titolo di studio superiore alla scuola media inferiore: punti 1 (uno); VI. conseguimento di attestati di frequenza di guida su strada in condizioni pericolose (es. neve, ghiaccio, bagnato, ecc.): fino a punti 2 (due), VII. conoscenza delle lingue straniere: punti 1 (uno) per una conoscenza di base di una lingua scelta in sede di richiesta di partecipazione al concorso; punti da 1 a 3 (da uno a tre) per una conoscenza superiore delle lingue inglese e tedesca; punti da 1 a 2 (da uno a due) per la conoscenza superiore di una un altra delle lingue indicate nella domanda di partecipazione al concorso; il punteggio complessivo massimo per la conoscenza delle lingue sarà di punti 5 (cinque); VIII. idoneità all esercizio di servizio N.C.C. o taxi precedentemente conseguita in altri concorsi: fino a punti 2 (due); IX. a parità di punteggio tra candidati al concorso costituisce titolo di precedenza la residenza nel comune di Sommacampagna (VR); in caso di ulteriore parità tra candidati, l assegnazione della licenza o dell autorizzazione avverrà per sorteggio. 2. Il punteggio massimo conseguibile con la valutazione dei titoli non può essere superiore al punteggio massimo attribuibile alla prova d esame. Art. 17 Materie d esame 1. L esame verterà su un colloquio nelle materie sotto elencate: a) La conoscenza del regolamento comunale dei servizi taxi e N.C.C.; b) La conoscenza di elementi di toponomastica locale e dei principali luoghi e siti storici del Comune di Sommacampagna e della Provincia di Verona; c) Principali norme di comportamento del Codice della Strada d) Eventuale conoscenza delle lingue straniere; 2. Il candidato può indicare nella domanda le eventuali lingue straniere prescelte per la prova facoltativa, tra le seguenti: inglese, francese, tedesco, spagnolo. L accertamento della conoscenza delle lingue straniere sarà effettuato contestualmente alla prova d esame. 3. L autorizzazione o la licenza può essere rilasciata solo nel caso in cui il candidato vincitore abbia superato con votazione di almeno 60/100 (sessanta su cento) l esame. La valutazione finale sarà espressa sulla base di un punteggio massimo di 100/100 (cento su cento). 4. In considerazione di quanto previsto dall art. 16, comma 2, del presente Regolamento, si stabilisce che la prova d esame (colloquio) concorrerà all assegnazione di 70 punti massimi su 100 complessivi, distribuiti secondo i criteri fissati nel bando di concorso per l assegnazione delle licenze Taxi o delle autorizzazione NCC. 11

12 Art. 18 Validità della graduatoria 1. La graduatorie concorsuali hanno validità di 4 (quattro) anni dalla data della loro approvazione. 2. Le autorizzazioni o le licenze che si rendono vacanti nel corso dei quattro anni di durata delle graduatorie sono coperte utilizzando le graduatorie medesime fino ad esaurimento. Art. 19 Rilascio delle licenze e delle autorizzazioni 1. Il Comune, entro trenta giorni dall approvazione della graduatoria, provvede all assegnazione della licenza o dell autorizzazione ai vincitori del relativo concorso; a tal fine, viene data formale comunicazione agli interessati e concesso loro un termine di 90 (novanta) giorni per la presentazione dei documenti comprovanti il possesso dei requisiti di cui all art. 8 del presente Regolamento; la mancata presentazione della documentazione entro il termine concesso di novanta giorni comporta l automatica decadenza dagli assegnatari. 2. Le licenze e le autorizzazioni sono rilasciate entro 30 (trenta) giorni dal ricevimento della documentazione suddetta, qualora riscontrata regolare. Art. 20 Durata e validità delle licenze e delle autorizzazioni 1. Le licenze e le autorizzazioni sono valide a tempo indeterminato previa permanenza, in capo al titolare, dei requisiti previsti dalla Legge e dal presente Regolamento. 2. A tal fine, è previsto un controllo triennale delle licenze e delle autorizzazioni da parte dell Amministrazione che ha rilasciato il titolo, al fine di accertare il permanere in capo al titolare dei requisiti previsti dalla legge e dal presente regolamento; il controllo, tuttavia, può essere effettuato anche prima del termine indicato qualora se ne ravvisasse la necessità. 3. Il controllo è effettuato dal Responsabile del Servizio competente attraverso accertamenti d ufficio o mediante richiesta d esibizione di documenti; si applicano, nei casi consentiti, le disposizioni del D.P.R. n.445/ L eventuale documentazione, chiesta al titolare di licenza o autorizzazione, deve pervenire al Servizio entro 30 (trenta) giorni dall avvenuta richiesta. 5. Il titolare della licenza o dell autorizzazione può essere dichiarato decaduto anche prima del suddetto termine di controllo, nei casi e con le forme previste dalle leggi vigenti e dal presente regolamento. Art. 21 Inizio del servizio 1. Nel caso di assegnazione della licenza e dell autorizzazione o di acquisizione della stessa per atto tra vivi o a causa di morte, il titolare deve obbligatoriamente a pena di decadenza iniziare il servizio entro un mese dal rilascio del titolo o dal trasferimento del medesimo. 2. Dietro motivata richiesta dell interessato, detto termine può essere prorogato una sola volta per un ulteriore mese. 12

13 CAPO V MODALITA PER IL TRASFERIMENTO DELLE LICENZE O DELLE AUTORIZZAZIONI Art. 22 Trasferibilità per atto tra vivi 1. Ai sensi dell art. 17 della L.R. n. 22/96 il trasferimento della licenza o dell autorizzazione è concesso dal Comune, su richiesta del titolare cedente, a persona da questi designata purché in possesso di tutti i requisiti previsti dalla legge e dal presente regolamento, quando il cedente medesimo si trovi in una delle seguenti condizioni: a) essere titolare di licenza o autorizzazione da almeno 5 (cinque) anni; b) aver raggiunto il sessantesimo anno d età; c) essere riconosciuto permanentemente inabile o inidoneo al servizio per malattia, infortunio o per il ritiro definitivo dei titoli professionali. 2. L attestazione dell inabilità o dell inidoneità al servizio, di cui al precedente comma 2, lettera c), deve essere fornita dal titolare, avvalendosi di apposito certificato rilasciato dalla Commissione medica operante presso le strutture sanitarie territorialmente competenti; ferma restando l immediata cessazione del servizio, il certificato rilasciato dovrà essere consegnato entro 5 (cinque) giorni al Servizio comunale competente; entro 10 (dieci) giorni, il titolare è obbligato alla riconsegna dei titoli autorizzativi e relativi contrassegni identificativi. Il trasferimento della titolarità dell autorizzazione dovrà essere richiesta entro 6 (sei) mesi dall accertamento dell impedimento. 3. Al titolare che abbia trasferito la licenza o l autorizzazione non può esserne attribuita altra per concorso pubblico e non può esserne trasferita altra se non dopo cinque anni dal trasferimento della prima, ai sensi dell art. 17, comma 3, della L.R. n.22/ Il contratto di cessione deve essere registrato e una copia va depositata presso il competente Servizio comunale. Art. 23 Trasferibilità per causa di morte del titolare 1. In caso di morte del titolare la licenza o l autorizzazione possono essere trasferite, ai sensi dell art. 17, comma 2, della L.R. n. 22/ Gli eredi devono comunicare il decesso del titolare entro 180 (centottanta) giorni dal verificarsi dell evento, inviando al competente Servizio comunale copia del certificato di morte. La comunicazione deve altresì indicare: a) la volontà di uno degli eredi suddetti in possesso dei requisiti prescritti per l esercizio del servizio di subentrare nella titolarità della licenza o dell autorizzazione. In tal caso si rende sempre necessaria, da parte di tutti gli altri aventi diritto, la produzione della rinuncia scritta a subentrare nell attività; b) in alternativa, la volontà degli eredi suddetti di designare un soggetto non appartenente al nucleo familiare del titolare deceduto purché in possesso dei requisiti prescritti per l esercizio del servizio quale subentrante nella titolarità della licenza o dell autorizzazione previa approvazione espressa da parte dello stesso, non appartenente al nucleo familiare in possesso dei requisiti prescritti per l esercizio del servizio quale subentrante nella titolarità della licenza o dell autorizzazione, qualora gli eredi stessi si avvalgano della facoltà di trasferire ad altri la licenza o l autorizzazione; c) oppure, la volontà degli eredi suddetti, se minori, di avvalersi della facoltà di farsi sostituire alla guida da soggetti in possesso dei requisiti prescritti per l esercizio del servizio, fino al 13

14 raggiungimento dell età prevista per l ottenimento del certificato di abilitazione professionale, come previsto dall art. 16, comma 2, della L.R. n. 22/96, con la concessione di un ulteriore anno per il conseguimento dell iscrizione al ruolo di cui all art. 10 della L.R. n. 22/ Il subentro di cui al precedente comma 2, lettere a) e b), deve avvenire entro il termine massimo di 2 anni dalla data del decesso. Nel caso previsto dal comma 2, lettera c), gli eredi minori o che non abbiano ancora raggiunto il ventiduesimo anno d età devono farsi sostituire alla guida da persone iscritte nel ruolo ed in possesso dei requisiti previsti all art. 8, comunque non oltre sei mesi dalla data di compimento del ventiduesimo anno d età. 4. Il mancato subentro o la mancata designazione nei termini di cui al precedente comma 3 sono considerati come rinuncia al trasferimento della licenza o dell autorizzazione, con conseguente decadenza del titolo. 5. I soggetti subentrati o sostituiti, ai sensi del precedete comma 3, devono presentare al competente Servizio comunale, entro il termine di 90 (novanta) giorni dalla data di accettazione, la documentazione comprovante il possesso dei requisiti di cui agli artt. 8 e 9 del presente Regolamento. 6. In ogni caso in cui gli eredi del titolare deceduto siano minori, ogni determinazione dovrà uniformarsi alle decisione del Giudice Tutelare. Art. 24 Sostituzione alla guida 1. I titolari di licenza taxi e di autorizzazione N.C.C., possono essere sostituiti temporaneamente alla guida da persone iscritte nel ruolo dei conducenti, di cui all art.10 della L.R. n. 22/96 ed in possesso dei requisiti prescritti: a) per motivi di salute, inabilità temporanea, gravidanza e puerperio; b) per chiamata alle armi; c) per un periodo di ferie non superiore a 30 giorni lavorativi annui; d) per sospensione o ritiro temporaneo della patente di guida; e) nel caso di incarichi sindacali o pubblici elettivi che comportino un impegno a tempo pieno. 2. Gli eredi minori del titolare di licenza per l esercizio del servizio di taxi possono farsi sostituire alla guida da persone iscritte al ruolo dei conducenti, di cui all art.10 della L.R. n. 22/96 ed in possesso dei requisiti prescritti per l esercizio del servizio, nei termini e nei limiti previsti dall art.16, comma 2, della L.R. n. 22/ Il rapporto di lavoro con il sostituto alla guida è regolato con un contratto di lavoro a tempo determinato, secondo le modalità e le forme delle vigenti norme in materia. 4. Il titolare della licenza taxi o dell autorizzazione N.C.C. deve segnalare per iscritto la sostituzione alla guida al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo. La segnalazione deve contenere l indicazione dei motivi della sostituzione, tra quelli elencati al comma 1 del presente articolo; deve, altresì, segnalare la durata della sostituzione, il nominativo del sostituto e la dichiarazione concernente il possesso dei requisiti prescritti nonché l osservanza della disciplina dei rapporti di collaborazione di cui al comma 3 e 4; alla suddetta segnalazione devono essere allegati i seguenti documenti o presentata dichiarazione sostitutiva, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 : a) copia del contratto di lavoro a tempo determinato o di gestione,sottoscritta dal titolare e dal sostituto; b) copia della posizione INAIL e INPS attestante la regolarizzazione come lavoratore dipendente del sostituto; 14

15 c) certificato comprovante l iscrizione nel ruolo dei conducenti. 5. Qualora dalle verifiche d ufficio risultassero delle irregolarità nella sostituzione, si provvederà a sospendere il proseguimento dell attività ed applicare le sanzioni amministrative di cui al Capo IX del presente Regolamento. 6. I titolari di licenza per l esercizio del servizio di Taxi possono essere sostituiti alla guida nell ambito dell orario del turno integrativo o nell orario del turno assegnato, da chiunque abbia i requisiti di professionalità e moralità richiesti dalla normativa vigente. Art. 25 Collaborazione familiare 1. I titolari di licenza taxi o di autorizzazione N.C.C. possono avvalersi, nello svolgimento del servizio, della collaborazione di familiari, conformemente a quanto previsto dall art. 230-bis del codice civile. A tale fine la documentazione richiesta è la seguente: a) dichiarazione del titolare che intende avvalersi del disposto dell art. 16, comma 4, della L.R. n.22/96; b) dichiarazione del collaboratore di prestare il proprio lavoro in via prevalente e continuativa nell impresa familiare; c) certificato di costituzione dell impresa familiare presso la CCIAA; d) dichiarazione del collaboratore attestante i requisiti morali; e) copia della patente, del certificato di abilitazione professionale e iscrizione al ruolo dei conducenti (requisiti professionali); f) appendice del contratto di assicurazione, attestante che la Compagnia è a conoscenza e accetta la conduzione della vettura di servizio anche da parte del collaboratore familiare. 2. Il Servizio comunale che ha rilasciato il titolo, verificata la documentazione ed i requisiti previsti, rilascia apposito nullaosta e lo annota sulla licenza o sull autorizzazione e nel libretto di servizio. 3. Si applicano ai collaboratori familiari le disposizioni dell art. 9 e 10 del presente Regolamento. 4. Il collaboratore familiare, che deve prestare il proprio lavoro in via continuativa e prevalente nell impresa familiare, ha l obbligo di rispettare i turni ed orari assegnati al titolare. 5. La sussistenza dell impresa familiare può essere verificata annualmente dal Servizio comunale che ha rilasciato il titolo, mediante richiesta al titolare di licenza o autorizzazione affinché presenti apposita dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi dell art. 47 del D.P.R. n. 445/ La non conformità dell attività svolta alle forme previste dall art. 230-bis del codice civile nonché la mancanza o il venire meno di uno dei requisiti previsti o la perdita rei requisiti morali, di cui all art.9 del presente Regolamento, comporta l immediata revoca del nullaosta alla collaborazione familiare. CAPO VI OBBLIGHI, DIRITTI E DIVIETI DEI CONDUCENTI DI AUTOVEICOLI IN SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA Art. 26 Obblighi dei conducenti 1. I conducenti delle autovetture di servizio taxi e N.C.C. hanno l obbligo di : a) mantenere pulito ed in perfetto stato di efficienza il veicolo; 15

16 b) seguire, salvo specifica diversa richiesta da parte del cliente, il percorso più breve ovvero quello più economico nel recarsi al luogo indicato; c) caricare e assicurare saldamente i bagagli dei viaggiatori a condizione che tale trasporto non deteriori il veicolo; d) applicare sul mezzo i contrassegni di riconoscimento rilasciati o approvati dal Comune; e) compiere servizi ordinati da agenti e funzionari della Forza pubblica per motivi contingenti di pubblico interesse (soccorso, pubblica sicurezza); f) conservare nel veicolo i documenti di circolazione relativi al veicolo stesso, la licenza o l autorizzazione comunale, sempre aggiornate, da esibire a richiesta degli agenti della Forza Pubblica e della Polizia locale; g) indossare, durante il servizio, abbigliamento decoroso e comunque confacente al pubblico servizio prestato; h) tenere un comportamento corretto ed educato con il pubblico e con gli altri conducenti taxi e N.C.C.; i) visitare giornalmente, con diligenza, l interno della vettura di servizio e depositare qualunque oggetto dimenticato dalla clientela sul mezzo, del quale non si possa procedere a restituzione immediata, entro 24 ore dal ritrovamento, salvo cause di forza maggiore, mediante consegna all Ufficio della Polizia Locale; j) trasportare gratuitamente i cani accompagnatori dei non vedenti; è, altresì, consentito il trasporto di animali domestici nei termini previsti dall art. 169, comma 6, del D.lgs. n. 285/92; k) comunicare al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo il cambio di residenza entro il termine di 30 (trenta) giorni; l) comunicare al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo eventuali notifiche delle Prefetture relative a sospensioni della patente o ritiri della carta di circolazione, entro le 24 (ventiquattro) ore successive alla notifica; m) trasportare anche persone malate, purché il richiedente il servizio esibisca certificato medico attestante che non è affetto da malattie infettive e diffuse; in caso di successivo accertamento contrario, la vettura di servizio dovrà essere sottoposta a disinfezione presso l ULSS competente; n) dare immediata comunicazione scritta, al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo, in caso di sinistro. Art. 27 Obblighi specifici per l esercente il servizio taxi 1. Oltre a quanto stabilito dall art. 26 del presente Regolamento, l esercente il servizio taxi ha l obbligo di: a) aderire ad ogni richiesta di trasporto da parte di qualsiasi persona da effettuarsi nell ambito del Comune, purché il numero dei richiedenti il servizio non sia superiore al massimo consentito dalle caratteristiche di omologazione dell autovettura o l autovettura medesima sia già impegnata o si trovi in procinto di terminare il servizio; b) avere il segnale taxi illuminato nelle ore notturne, quando l autovettura si trova fuori dalle piazzole di sosta ed è disponibile; c) essere, durante il servizio e nei luoghi adibiti allo stazionamento, a disposizione del pubblico in prossimità della propria autovettura e comunque in grado di rispondere tempestivamente alle chiamate; d) disporre di un numero telefonico, fisso o mobile, per ricevere le chiamate della clientela o aderire ad un servizio di radio-taxi; e) richiedere il solo pagamento dell importo visualizzato sul tassametro e degli eventuali supplementi previsti dalle tariffe approvate dal Comune, dando comunicazione di tali importi all utente nonché fornendo gli eventuali chiarimenti richiesti; f) rispettare i turni di servizio, laddove assegnati, nonché gli orari prescelti; g) effettuare la corsa richiesta tramite chiamata dalla colonnina telefonica sita nel posteggio, per il taxi capofila; 16

17 h) effettuare l annotazione di cui all art. 29, comma 3 del Regolamento; i) esporre gli eventuali turni mensili e giornalieri sul parabrezza; j) annotare all inizio del servizio il turno sull apposito libretto. Art. 28 Obblighi specifici per l esercente il servizio N.C.C. 1. Oltre agli obblighi di cui all art. 26 del Regolamento, l esercente il servizio N.C.C. ha l obbligo di: a) rispettare i termini definiti per la prestazione del servizio (luogo ed ora convenuti) salvo cause di forza maggiore; b) comunicare entro 15 (quindici) giorni al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo l eventuale variazione dell indirizzo della rimessa; c) riportare la vettura nella sede o nella rimessa non appena conclusa la prestazione; d) entro 48 (quarantotto) ore, comunicare per iscritto al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo l avvenuta sospensione del servizio e il relativo periodo di sospensione. 2. Il titolare dell autorizzazione deve dotarsi di un libretto di servizio timbrato dal Servizio comunale che ha rilasciato il titolo recante una foto dell esercente N.C.C. e nel quale sono annotati gli estremi dell autorizzazione comunale, della carta di circolazione dell autovettura adibita al servizio stesso e le altre annotazioni prescritte dal presente regolamento; il libretto deve essere tenuto costantemente a bordo dell autovettura di servizio, unitamente ai documenti di circolazione ed esibito ad ogni richiesta degli agenti della forza Pubblica o della Polizia Locale. Art. 29 Diritti dei conducenti taxi e N.C.C. 1. I conducenti delle vettura del servizio taxi e N.C.C., durante l espletamento del servizio, hanno i seguenti diritti: a) richiedere al cliente un anticipo non superiore al 50% dell importo presunto o pattuito in caso di servizio che comporti una spesa rilevante; b) rifiutare il trasporto di animali, fatto salvo quanto disposto dall art. 26, comma 1, lettera j) del presente Regolamento. 2. In particolare il tassista ha diritto di: a) rifiutare la corsa all utente che si presenti in stato non conforme alla decenza o al decoro, ovvero che sia in stato di evidente alterazione; b) rifiutare altresì la corsa a persona che, in occasione di precedenti servizi, abbia arrecato danno all autovettura, sia risultato insolvente o abbia tenuto comportamenti gravemente scorretti, per i quali sia stata data formale informazione al competente ufficio comunale; c) richiedere, in caso di attesa richiesta dal cliente, il corrispettivo della corsa indicata dal tassametro in quel momento più quello per il tempo di attesa indicato dal cliente; d) rifiutare la corsa che comporti l allungamento del servizio di oltre 30 minuti al turno di lavoro prescelto. 2. L avvalersi della facoltà di cui al precedente comma 2, lettera a) e b) comporta, entro 24 ore, da parte del tassista una segnalazione scritta e circostanziata per informare il Servizio comunale che ha rilasciato il titolo. 1. E fatto divieto ai conducenti di taxi e N.C.C. di: Art. 30 Divieti per i conducenti di taxi e N.C.C. 17

18 a) fermare il veicolo ed interrompere il servizio, se non a richiesta dei passeggeri ovvero in casi di accertata forza maggiore o evidente pericolo; b) deviare, di loro iniziativa e senza il consenso dei passeggeri dal percorso eventualmente stabilito all atto della definizione del servizio; c) far salire sulla vettura, anche durante i periodi di sosta, persone estranee a quelle che hanno richiesto il servizio; d) fumare o mangiare durante la corsa; e) chiedere compensi aggiuntivi a quelli autorizzati o pattuiti; f) togliere ovvero occultare i segni distintivi di riconoscimento del veicolo; g) ostacolare l opera degli addetti al servizio di pulizia del suolo e delle aree pubbliche; h) esporre messaggi pubblicitari in difformità delle norme fissate dal regolamento comunale in materia e dal Codice della Strada; i) usare verso gli utenti ed i colleghi modi e maniere scorretti o comunque non consoni al pubblico servizio espletato; j) usufruire, fuori servizio, delle agevolazioni previste dalle normative per i servizi pubblici non di linea; k) trasportare animali di loro proprietà; l) consentire la conduzione del veicolo a persone estranee, anche se munite di patente idonea, durante l esercizio del servizio; m) applicare nell autovettura contrassegni che non siano autorizzati o previsti dal presente Regolamento. Art. 31 Divieti specifici per l esercente il servizio di taxi 1. Oltre ai divieti di cui all art. 30 del Regolamento, all esercente il servizio taxi è vietato: a) fare salire sul mezzo, durante la sosta nelle piazzole, persone estranee per intrattenimento; b) consumare cibo all interno della vettura durante la sosta nelle piazzole; c) provvedere al lavaggio o manutenzione del veicolo nelle piazzole di sosta; d) sollecitare l utilizzo della propria autovettura da parte degli utenti, fatta salva loro esplicita richiesta; e) iniziare il servizio nel territorio di altro Comune; f) effettuare, durante la sosta nelle piazzole, attività estranee al servizio; g) modificare il turno annotato sul libretto di servizio; h) adibire l autovettura alla vendita o esposizione di merce, al trasporto di sostanze pericolose o di masserizie ingombranti o a qualsiasi altro uso diverso da quello di piazza. Art. 32 Divieti specifici per l esercente il servizio N.C.C. 1. All esercente del servizio N.C.C. è vietato stazionare su suolo pubblico, fatte salve le previsioni di cui all art. 8, comma 4, della L.R. n. 22/96. CAPO VII CARATTERISTICHE, CONTRASSEGNI IDENTIFICATIVI E STRUMENTAZIONI DEI VEICOLI DA ADIBIRE AL SERVIZIO TAXI E N.C.C. Art. 33 Caratteristiche dei veicoli 1. Gli autoveicoli di servizio di cui al presente Regolamento devono: 18

19 a) avere tutti gli strumenti ed i dispositivi prescritti dalle norme che disciplinano la circolazione stradale; b) essere in regola con la documentazione prevista dalla legislazione vigente in materia di trasporto pubblico non di linea; c) avere idonea agibilità ed almeno 3 (tre) porte di salita; d) avere un bagagliaio capace di contenere almeno 3 (tre) valigie dell utente; e) essere omologate e collaudate, per un massimo di 8 posti per i passeggeri; f) recare i contrassegni TAXI o N.C.C., chiaramente visibili, rappresentanti lo stemma comunale e il numero di licenza o autorizzazione, nonché aventi la forma e le dimensioni approvate dal Servizio comunale che ha rilasciato il titolo; g) essere muniti dei dispositivi anti-inquinamento atmosferico ed acustico cd. EURO 4 o successivi; h) ottemperare a tutte le prescrizioni previste dalle vigenti norme qualora siano adattati per il trasporto di soggetti disabili. 2. L applicazione di eventuale strumentazione, oltre a quella espressamente consentita, deve essere funzionale al servizio e preventivamente comunicata per iscritto al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo; il medesimo Servizio potrà intervenire nel termine di 30 giorni dalla predetta comunicazione, al fine di disporre la rimozione della strumentazione in questione, qualora ritenuta non funzionale. Art. 34 Caratteristiche specifiche per le autovetture adibite al servizio taxi 1. Oltre alle caratteristiche di cui al precedente art. 33 del Regolamento, l autoveicolo taxi deve: a) essere dotato di tassametro, con le caratteristiche di cui all art. 36 del presente Regolamento; b) avere a bordo la tabella delle tariffe, a disposizione dell utenza esposta in modo ben visibile. La tabella deve essere collocata nella parte retrostante dei sedili anteriori, con la possibilità di estrarla da eventuali supporti per la lettura nelle diverse lingue straniere; c) portare nel cruscotto, unitamente al contrassegno indicante il numero della licenza, gli appositi adesivi specificanti la tipologia delle tariffe e dei supplementi. Qualora non sia possibile, per insufficienza di spazio o dalle caratteristiche tecniche del cruscotto, la collocazione degli adesivi può essere fatta in luogo diverso, all interno del veicolo, purché ben visibile; d) essere di colore bianco, come stabilito dal Decreto del Ministro dei Trasporti del ; e) recare uno o più contrassegni identificativi, indicanti il numero della licenza e lo stemma del Comune che ha rilasciato la licenza. f) Portare sul tetto della vettura apposito segnale illuminabile con dicitura taxi ; 2. E consentito esporre adesivi per la richiesta di fatturazione. Art. 35 Caratteristiche specifiche per le autovetture adibite al servizio N.C.C. 1. Oltre alle caratteristiche di cui al precedente art. 33, l autoveicolo N.C.C. deve: a) essere di colore differente rispetto quella prevista per le vetture adibite a servizio taxi; b) portare all interno del parabrezza anteriore e sul lunotto posteriore un contrassegno con la scritta NOLEGGIO nonché una targa metallica collocata nella parte posteriore del veicolo, inamovibile, recante la dicitura N.C.C., lo stemma del comune che ha rilasciato il titolo ed il numero dell autorizzazione. c) essere dotato di contachilometri con numerazione parziale azzerabile. 2. E' vietato ogni altro tipo di allestimento, in modo che le autovetture da noleggio non possano essere in alcun modo confuse con quelle del servizio taxi. 19

20 Art. 36 Tassametro per il servizio taxi 1. Il tassametro deve essere inamovibile, omologato e dotato delle seguenti caratteristiche tecniche: a) funzionare a base multipla (tempo e percorso) per il servizio urbano ed a base chilometrica per il servizio extraurbano. Il funzionamento a base multipla deve essere comandato da un congegno ad orologeria che si attivi azionando il tassametro per l inserimento della relativa tariffa; b) indicare l esatto importo in EURO. 2. Il tassametro deve essere collocato internamente alla vettura in modo tale che sia l autista che l utente possano leggere chiaramente le indicazioni in esso contenute. 3. Il tassametro può essere sottoposto a verifica da parte della Polizia Locale per accertare il rispetto delle caratteristiche tecniche di cui al comma 1, della collocazione di cui al comma 2 e della corretta taratura tariffaria. Successivamente alla suddetta verifica al tassametro vengono apposti i sigilli. 4. Tutte le modifiche determinate dall Amministrazione comunale, aventi effetto sul tassametro, obbligano all adeguamento dello stesso e alla verifica di cui al comma Il tassametro deve altresì: a) essere messo in azione solo al momento in cui il veicolo viene impegnato in servizio e bloccato non appena l autoveicolo sia giunto a destinazione ovvero venga licenziato dall utente; b) indicare gli eventuali supplementi stabiliti dalla tariffa. L applicazione dei supplementi, notturno e festivo, va attuata al momento della discesa dell utente dal taxi. 6. L eventuale richiesta di sosta, in percorso a tariffa extra urbana, è da considerarsi un supplemento ed il relativo importo, pari al tempo di sosta effettuato, può essere richiesto separatamente. 7. Non possono essere tenuti in esercizio tassametri imperfetti o comunque alterati. 8. In caso di avaria del tassametro, il tassista deve informare immediatamente il passeggero e condurlo a destinazione solo su espressa richiesta. In tal caso l importo della corsa sarà riscosso in base all approssimativo percorso chilometrico eseguito ed alla durata del servizio calcolato sulla tariffa vigente. 9. Il tassista è tenuto a dare comunicazione al Servizio comunale che ha rilasciato il titolo di qualsiasi intervento che abbia richiesto la spiombatura del tassametro. In tal caso il tassista provvede entro 3 giorni ai sensi del precedente comma 3. Art. 37 Controllo dei veicoli 1. Fatta salva la verifica di competenza degli organi della MCTC (Motorizzazione Civile), le autovetture da adibire al servizio taxi ed al servizio N.C.C. possono essere sottoposte, prima dell inizio del servizio o secondo necessità, a controllo da parte della Polizia Locale per accertare, in particolare, l esistenza delle caratteristiche previste dagli articoli 33, 34 e 35 del presente Regolamento. 2. Il veicolo sottoposto a controllo che sia riscontrato privo di tutte o di parte delle caratteristiche previste dal presente regolamento, dovrà nel termine indicato dalla Polizia Locale, essere riportato nelle condizioni atte al riconoscimento dell idoneità. Il termine per provvedere deve risultare congruo, tenuto conto delle tipologie di prescrizione utili per ottenere l attestazione di idoneità del mezzo. Trascorso inutilmente detto termine, fatte salve cause di forza maggiore debitamente documentate ed 20

COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino 1 COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DI AUTOBUS CON CONDUCENTE Delibera di Consiglio n.81 del 16/12/1998, così come modificata dalla Delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE S O M M A R I O Art. 1 - Disciplina del servizio Art. 2 - Determinazione del numero degli autoveicoli da adibire al servizio

Dettagli

P08 -AS-Esercizio dell'attività di noleggio con conducente - Rev.2-8.7.2013

P08 -AS-Esercizio dell'attività di noleggio con conducente - Rev.2-8.7.2013 P08 -AS-Esercizio dell'attività di noleggio con conducente - Rev.2-8.7.2013 Definizione La normativa nazionale vigente (legge 15 gennaio 1992, n. 21) definisce autoservizi pubblici non di linea quelli

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Art.1 Il presente regolamento disciplina le funzioni amministrative relative agli autoservizi pubblici non di linea, ed in particolare il servizio di

Dettagli

AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA CAPO I

AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA CAPO I COMUNE DI BELLIZZI Provincia di Salerno C.A.P. 84092 - Codice Fiscale e Partita IVA 02615970650 Telefono 0828/3580211 - Fax 0828/355849 AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA CAPO I Articolo 1 - Oggetto Il

Dettagli

NON DI LINEA (2) (3).

NON DI LINEA (2) (3). L. 15 GENNAIO 1992, N. 21 (1). (giurisprudenza di legittimità) LEGGE QUADRO PER IL TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 gennaio 1992,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 11 del 15.02.2011 Art. 1 Definizione

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA

COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 11.03.2003 COMUNE

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE. DEL servizio TAXI e NOLEGGIO CON CONDUCENTE (N.C.C.)

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE. DEL servizio TAXI e NOLEGGIO CON CONDUCENTE (N.C.C.) COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE DEL servizio TAXI e NOLEGGIO CON CONDUCENTE (N.C.C.) INDICE GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizione dei servizi

Dettagli

Delibera del Consiglio Comunale n. 102 del 27/09/02

Delibera del Consiglio Comunale n. 102 del 27/09/02 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE SERVIZI PUBBLICO NON DI LINEA: SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE DI AUTOVETTURE E VEICOLI A TRAZIONE ANIMALE DI GENERE EQUINO Delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO

COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO C.A.P. 37050 PROVINCIA DI VERONA Tel. (045) 6969000 C.F. 82002650230 Tel. (045) 6969005 P. IVA 01346370230 Fax (045) 6969016 Prot. 1073 Del 10.03.2014 BANDO DI CONCORSO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI AUTOSERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI AUTOSERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA. COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI AUTOSERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA. SERVIZIO DI TAXI, NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA E AUTOAMBULANZA DI TRASPORTO. Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina le funzioni amministrative comunali relative al trasporto di persone

Dettagli

Città di TEGGIANO. (Provincia di Salerno) ************ REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA

Città di TEGGIANO. (Provincia di Salerno) ************ REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA Città di TEGGIANO (Provincia di Salerno) ************ REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 29/07/2011

Dettagli

COMUNE DI BORCA DI CADORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA PER VIA TERRA L.R. 30 LUGLIO 1996 N. 22

COMUNE DI BORCA DI CADORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA PER VIA TERRA L.R. 30 LUGLIO 1996 N. 22 COMUNE DI BORCA DI CADORE PROVINCIA DI BELLUNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA PER VIA TERRA L.R. 30 LUGLIO 1996 N. 22 Approvato con deliberazione di C.C. N. 13 del 13 agosto

Dettagli

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri*

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* Premessa: le parti evidenziate in rosso non sono ancora entrate in vigore se non dopo la pubblicazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE AUTOSERVIZI NON DI LINEA

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE AUTOSERVIZI NON DI LINEA COMUNE DI MONTEBELLO JONICO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE AUTOSERVIZI NON DI LINEA Art. 1 Fonti Il presente regolamento, emanato ai sensi dell art. 5 L. 142/90 e dell art. 8

Dettagli

C0MUNE DI ANGIARI. Allegato alla deliberazione di C.C. N. 9 DEL 22.02.2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO

C0MUNE DI ANGIARI. Allegato alla deliberazione di C.C. N. 9 DEL 22.02.2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO C0MUNE DI ANGIARI PROVINCIA DI VERONA C.F. 82003290234 P.IVA 01275970232 Tel. 0442 97007 / Fax 98210 PIAZZA MUNICIPIO, 441-37050 ANGIARI Allegato alla deliberazione di C.C. N. 9 DEL 22.02.2011 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE (adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 154 del 14.12.1999, approvato

Dettagli

Comune di Villaverla. Provincia di Vicenza. (ai sensi della Legge Regionale 30 luglio 1996, n. 22)

Comune di Villaverla. Provincia di Vicenza. (ai sensi della Legge Regionale 30 luglio 1996, n. 22) Comune di Villaverla Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO NON DI LINEA ESERCITATO CON AUTOVETTURA: SERVIZIO NOLEGGIO CON CONDUCENTE E SERVIZIO TAXI (ai

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI - NCC

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI - NCC Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI - NCC Approvato con deliberazione consiliare n. 4 del 22 gennaio 2001 Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

CAPO II art. 39 - Codice di Comportamento art. 40 - Carta dei servizi art. 41 - Norma transitoria art. 42 - Entrata in vigore del regolamento

CAPO II art. 39 - Codice di Comportamento art. 40 - Carta dei servizi art. 41 - Norma transitoria art. 42 - Entrata in vigore del regolamento OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI NON DI LINEA CON CONDUCENTE PER TRASPORTO DI PERSONE FINO A NOVE POSTI TAXI E NCC DELLA LEGGE 15 GENNAIO 1992, N 21. CAPO I art. 1 oggetto

Dettagli

COMUNE DI VILLA RENDENA -PROVINCIA DI TRENTO- REGOLAMENTO TAXI E AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE

COMUNE DI VILLA RENDENA -PROVINCIA DI TRENTO- REGOLAMENTO TAXI E AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE COMUNE DI VILLA RENDENA -PROVINCIA DI TRENTO- REGOLAMENTO TAXI E AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE IL SINDACO F.TO Bernardi Emanuele IL SEGRETARIO COM.LE F.TO Rossini dott.ssa Sara Approvato con delibera del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA COMUNE DI RONCO ALL ADIGE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale del 30/09/2008 n. 38 Modificato

Dettagli

Comune di Alezio Provincia di Lecce

Comune di Alezio Provincia di Lecce Comune di Alezio Provincia di Lecce A Λ I І I A C Città Messapica BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 4 (QUATTRO) LICENZE DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA (fino a 9 posti compreso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TAXI E DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURA CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TAXI E DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURA CON CONDUCENTE COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TAXI E DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURA CON CONDUCENTE (Approvato con deliberazione di C.C. n.103 del 30.6.2005) INDICE TITOLO

Dettagli

Comune di Lazise Provincia di Verona

Comune di Lazise Provincia di Verona Prot. n. 15316 BANDO DI CONCORSO PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSEGNAZIONE DI UNA LICENZA PER IL SERVIZIO TAXI IL RESPONSABILE DELL AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SERVIZI AL CITTADINO Visto il vigente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TAXI E DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURA CON CONDUCENTE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

L. 15 gennaio 1992, n. 21 (1). Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea.

L. 15 gennaio 1992, n. 21 (1). Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea. L. 15 gennaio 1992, n. 21 (1). Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 gennaio 1992, n. 18. 1. Autoservizi pubblici non di

Dettagli

COMUNE DI TREMEZZINA

COMUNE DI TREMEZZINA COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI TAXI E DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio nr.13 del 12.03.2014 assunta con i poteri del Consiglio Comunale.

Dettagli

IV^ Area Programmazione Economica Entrate Tributarie e Patrimoniali

IV^ Area Programmazione Economica Entrate Tributarie e Patrimoniali COMUNE DI MERCATO S. SEVERINO PROVINCIA DI SALERNO IV^ Area Programmazione Economica Entrate Tributarie e Patrimoniali REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA CON CONDUCENTE

Dettagli

N O L E G G I O A U T O C O N C O N D U C E N T E D A A U T O R I M E S S A

N O L E G G I O A U T O C O N C O N D U C E N T E D A A U T O R I M E S S A R E G O L A M E N T O P E R I L S E R V I Z I O D I N O L E G G I O A U T O C O N C O N D U C E N T E D A A U T O R I M E S S A (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 36 DEL 26.09.2007)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. _95_ del 12.10.2004 Modificato dalla Provincia di Verona con determinazione

Dettagli

COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA R E G O L A M E N T O DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 161 del 22.12.2005 TITOLO

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C.

Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C. Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C. Regolamento degli Autoservizi Pubblici non di linea con autovettura Taxi -N.C.C. TITOLO I - NORME GENERALI

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA

DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l esercizio degli

Dettagli

COMUNE DI LOVERE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI LOVERE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI LOVERE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA SOMMARIO CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE 1 Oggetto del Regolamento.

Dettagli

Le domande pervenute oltre tale termine non saranno prese in considerazione dalla competente Commissione di Concorso.

Le domande pervenute oltre tale termine non saranno prese in considerazione dalla competente Commissione di Concorso. Comune di Alezio Provincia di Lecce A Λ I І I A C Città Messapica BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 4 (QUATTRO) LICENZE DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA (fino a 9 posti compreso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA DI NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA DI NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA DI NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 8 del 28.01.2014 Art.01

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO

COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO R E G O L A M E N T O P E R I L S E R V I Z I O D I N O L E G G I O A U T O C O N C O N D U C E N T E D A A U T O R I M E S S A S O M M A R I O TITOLO I - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PORCARI. Servizio Commercio e Attività Produttive P.za F. Orsi n.1 Tel. 0583.211830 Fax 0583.297564

COMUNE DI PORCARI. Servizio Commercio e Attività Produttive P.za F. Orsi n.1 Tel. 0583.211830 Fax 0583.297564 Servizio Commercio e Attività Produttive P.za F. Orsi n.1 Tel. 0583.211830 Fax 0583.297564 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA NOLEGGIO CON CONDUCENTE (LEGGE 15 GENNAIO

Dettagli

COMUNE DI POMARICO Provincia di Matera

COMUNE DI POMARICO Provincia di Matera COMUNE DI POMARICO Provincia di Matera BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 1 LICENZA DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURA DA RIMESSA CON CONDUCENTE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI VIGILANZA Vista la Legge

Dettagli

COMUNE DI CAMIGLIANO Provincia di Caserta

COMUNE DI CAMIGLIANO Provincia di Caserta COMUNE DI CAMIGLIANO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURE CON CONDUCENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 03.11.2012. 1 CAPO I IL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI. Provincia di Lecce

COMUNE DI GALLIPOLI. Provincia di Lecce COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N.3 (tre) LICENZE PER NOLEGGIO AUTO CON CONDUCENTE MEDIANTE APE CALESSINO CON SERVIZIO DI PIAZZA (AUTOVETTURE FINO

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO Regolamento comunale per la disciplina degli autoservizi pubblici non di linea noleggio autovettura con conducente. Approvato con delibera di Consiglio comunale

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO DECORATO AL VALOR MILITARE VIA GENERALE GIARDINO, 1

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO DECORATO AL VALOR MILITARE VIA GENERALE GIARDINO, 1 COMUNE DI ROMANO D EZZELINO DECORATO AL VALOR MILITARE VIA GENERALE GIARDINO, 1 PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO NON DI LINEA (servizio di noleggio

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA PER VIA TERRA. L.R. 30 LUGLIO 1996 N. 22 APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE SERVIZIO ANNONA AGRICOLTURA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.45742/261 del 23 ottobre 1997, controllata senza rilievi

Dettagli

AUTOSERVIZIO PUBBLICO MEDIANTE AUTOVETTURE ADIBITE AL NOLEGGIO CON CONDUCENTE

AUTOSERVIZIO PUBBLICO MEDIANTE AUTOVETTURE ADIBITE AL NOLEGGIO CON CONDUCENTE COMUNE DI ALTOFONTE PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Paese dell Acqua e dell Olio REGOLAMENTO AUTOSERVIZIO PUBBLICO MEDIANTE AUTOVETTURE ADIBITE AL NOLEGGIO CON CONDUCENTE INDICE Art. 01 Definizione del

Dettagli

DISCIPLINA DEGLI AUTOSER VIZI PUBBLICI NON DI LINEA NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTO VETTURA solo sosta in rimessa

DISCIPLINA DEGLI AUTOSER VIZI PUBBLICI NON DI LINEA NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTO VETTURA solo sosta in rimessa DISCIPLINA DEGLI AUTOSER VIZI PUBBLICI NON DI LINEA NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTO VETTURA solo sosta in rimessa Art. 1 Oggetto TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina l

Dettagli

INDICE TITOLO I NORME GENERALI 1. OGGETTO 2. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO TAXI 3. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO N.C.C. 4. SERVIZI INTEGRATIVI DI TRASPORTI

INDICE TITOLO I NORME GENERALI 1. OGGETTO 2. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO TAXI 3. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO N.C.C. 4. SERVIZI INTEGRATIVI DI TRASPORTI INDICE TITOLO I NORME GENERALI 1. OGGETTO 2. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO TAXI 3. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO N.C.C. 4. SERVIZI INTEGRATIVI DI TRASPORTI PUBBLICI DI LINEA 5. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO DI VETTURE

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n. 60 del 30.4.1999

Dettagli

Regolamento comunale per il servizio di noleggio autovettura con conducente. (senza sosta in piazza)

Regolamento comunale per il servizio di noleggio autovettura con conducente. (senza sosta in piazza) Regolamento comunale per il servizio di noleggio autovettura con conducente (senza sosta in piazza) Delibera C.C. n. 5 del 14.03.2003 Delibera C.C. n. 24 del 27.04.2004 1 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE COMUNE DI PALMARIGGI PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE Approvato con deliberazione C.C. n. 04 del 22.01.2009 1 Art. 1 Disciplina del servizio 1. Il

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 08 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI NOLEGGIO AUTOVEICOLI CON CONDUCENTE DA RIMESSA

BANDO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 08 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI NOLEGGIO AUTOVEICOLI CON CONDUCENTE DA RIMESSA BANDO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 08 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI NOLEGGIO AUTOVEICOLI CON CONDUCENTE DA RIMESSA IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE DI AUTOVETTURE ED AUTOBUS

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE DI AUTOVETTURE ED AUTOBUS COMUNE DI GAZZUOLO (Provincia di Mantova) ***** REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE DI AUTOVETTURE ED AUTOBUS ai sensi dell art. 5 legge 15.01.1992 n. 21 Legge quadro per il

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA

COMUNE DI BELLUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA COMUNE DI BELLUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA - (NCC) Art. 1 Oggetto TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA, TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA, TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA, TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N. 87 DEL 12.11.1998 COME MODIFICATA DA DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE COMUNE DI L A S I N O PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE Approvato con deliberazione consiliare n. 03 di data 09/04/2014 IL SINDACO f.to Simonetti Eugenio IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNE DI COSTA DI ROVIGO Provincia di Rovigo

COMUNE DI COSTA DI ROVIGO Provincia di Rovigo COMUNE DI COSTA DI ROVIGO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE PER TRASPORTO DI PERSONE CON AUTOVETTURA Testo approvato dalla Commissione

Dettagli

N O L E G G I O A U T O C O N C O N D U C E N T E D A A U T O R I M E S S A

N O L E G G I O A U T O C O N C O N D U C E N T E D A A U T O R I M E S S A R E G O L A M E N T O P E R I L S E R V I Z I O D I N O L E G G I O A U T O C O N C O N D U C E N T E D A A U T O R I M E S S A ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 44 DEL 1 LUGLIO 2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE CON AUTOBUS

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE CON AUTOBUS IL PRESENTE REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. NR. 4/2001 E ENTRATO IN VIGORE IL 24/3/2001 PER AVVENUTA RIPUBBLICAZIONE. COMUNE DI MARANELLO (Prov. di Modena ) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO

Dettagli

Area Vigilanza Comando Polizia Locale

Area Vigilanza Comando Polizia Locale Area Vigilanza Comando Polizia Locale Allegato n.1 BANDO PUBBLICO PER IL RILASCIO DI N.3 AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALL ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE ( N.C.C.) IL RESPONSABILE

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTO

PROVINCIA DI VERONA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTO C O M U N E D I G R E Z Z A N A PROVINCIA DI VERONA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTO 1 DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA E NOLEGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE C O M U N E DI F A L E R N A (Provincia di Catanzaro) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE (APPROVATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 07 DEL 12/04/2012) I N D I C E ART. 1 -Disciplina del servizio.pag.1

Dettagli

CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP.

CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP. CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP. BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 AUTORIZZAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 28/06/2001 entrato in vigore il 02/07/2001 Art. 1 Disciplina del servizio Il presente

Dettagli

CITTA DI SQUINZANO (PROVINCIA DI LECCE)

CITTA DI SQUINZANO (PROVINCIA DI LECCE) CITTA DI SQUINZANO (PROVINCIA DI LECCE) BANDO PUBBLICO PER CONCORSO A TITOLI ED ESAMI PER L ASSEGNAZIONE DI AUTORIZZAZIONI PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA. VISTA la

Dettagli

COMUNE DI CAERANO DI SAN MARCO

COMUNE DI CAERANO DI SAN MARCO COMUNE DI CAERANO DI SAN MARCO Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE Approvato con delibera consiliare n. 14 del

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA anche con sosta in piazza ADOTTATO con delibera C.C. n. 50 del 30.11.2001

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUDCENTE CON AUTOBUS DA RIMESSA E PER LE MODALITA DI RILASCIO E DI RINNOVO DELLE RELATIVE

Dettagli

Comune di Apollosa Provincia di Benevento

Comune di Apollosa Provincia di Benevento Comune di Apollosa Provincia di Benevento REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE NOLEGGIO DI AUTOBUS CON CONDUCENTE Regolamento per il trasporto di persone mediante noleggio di autobus

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di n. 1 (una) autorizzazione per il servizio di noleggio con conducente mediante autovettura.

Bando di concorso per l assegnazione di n. 1 (una) autorizzazione per il servizio di noleggio con conducente mediante autovettura. COMUNE DI OTRANTO Bando di concorso per l assegnazione di n. 1 (una) autorizzazione per il servizio di noleggio con conducente mediante autovettura. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Vista la legge -quadro

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE Art. 5 Legge 15 gennaio 1992 n. 21 Approvazione deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE IL RESPONSABILE DEL SETTORE COMMERCIO Richiamata la

Dettagli

Direzione Prima Servizio Sviluppo Economico Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 191 del 18.12.2002

Direzione Prima Servizio Sviluppo Economico Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 191 del 18.12.2002 Direzione Prima Servizio Sviluppo Economico Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 191 del 18.12.2002 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DI AUTOBUS CON CONDUCENTE INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI SIGNA REGOLAMENTO PER TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE

COMUNE DI SIGNA REGOLAMENTO PER TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE COMUNE DI SIGNA REGOLAMENTO PER TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO per il servizio pubblico di noleggio con conducente

REGOLAMENTO per il servizio pubblico di noleggio con conducente COMUNE DI ROVERE DELLA LUNA Provincia di Trento REGOLAMENTO per il servizio pubblico di noleggio con conducente (ai sensi della Legge 15 gennaio 1992, n. 21) Approvato con deliberazioni consiliari n. 15

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Aggiornato con le disposizioni della legge 218/2003 disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SAN GIORGIO PROVINCIA DI SALERNO P.zza A. Amabile, 1 C.F. 80021560653

COMUNE DI CASTEL SAN GIORGIO PROVINCIA DI SALERNO P.zza A. Amabile, 1 C.F. 80021560653 COMUNE DI CASTEL SAN GIORGIO PROVINCIA DI SALERNO P.zza A. Amabile, 1 C.F. 80021560653 Bando di concorso pubblico per l'assegnazione di 3 (tre) autorizzazioni per l'esercizio del servizio di noleggio con

Dettagli

PROV. SALERNO. Bando di pubblico concorso per l assegnazione di n. 3 licenze taxi e di n. 8 autorizzazione noleggio auto con

PROV. SALERNO. Bando di pubblico concorso per l assegnazione di n. 3 licenze taxi e di n. 8 autorizzazione noleggio auto con PROV. SALERNO Prot. 0002480 Bando di pubblico concorso per l assegnazione di n. 3 licenze taxi e di n. 8 autorizzazione noleggio auto con conducente. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Vista la Legge 15.1.1992,

Dettagli

COMUNE DI CERRETO DI SPOLETO (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURE CON CONDUCENTE

COMUNE DI CERRETO DI SPOLETO (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURE CON CONDUCENTE COMUNE DI CERRETO DI SPOLETO (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DI AUTOVETTURE CON CONDUCENTE Indice: Art.1 Definizione di servizio di noleggio con conducente Art.2

Dettagli

Comune di San Giorgio di Nogaro Provincia di Udine

Comune di San Giorgio di Nogaro Provincia di Udine Comune di San Giorgio di Nogaro Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TAXI E DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE (N.C.C.) Approvato con Deliberazione consiliare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE COMUNE DI GIOIOSA IONICA (PROVINCIA REGGIO CALABRIA) UFFICIO ATTIVITÀ ECONOMICO PRODUTTIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE Approvato con delibera C.C. n. 38

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOVETTURA Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario

Dettagli

COMUNE DI VITERBO POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI VITERBO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI VITERBO POLIZIA MUNICIPALE ==================================== REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA ===================================

Dettagli

COMUNE DI NOVARA DI SICILIA Provincia di Messina REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE DI VEICOLI FINO A NOVE POSTI

COMUNE DI NOVARA DI SICILIA Provincia di Messina REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE DI VEICOLI FINO A NOVE POSTI COMUNE DI NOVARA DI SICILIA Provincia di Messina REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE DI VEICOLI FINO A NOVE POSTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 INDICE CAPO

Dettagli

COMUNE DI ALA DEI SARDI

COMUNE DI ALA DEI SARDI PROT. N. 2375 DEL 06.06.2013 COMUNE DI ALA DEI SARDI Provincia di Olbia Tempio AREA AMMINISTRATIVA BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 TITOLARITA PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE

Dettagli

Area dell ambiente e del territorio N. B 20. Regolamento per il servizio di trasporto pubblico non di linea. www.nccitaliani.it

Area dell ambiente e del territorio N. B 20. Regolamento per il servizio di trasporto pubblico non di linea. www.nccitaliani.it Area dell ambiente e del territorio N. B 20 Regolamento per il servizio di trasporto pubblico non di linea 1999 I N D I C E Capo I - Norme generali Art. 1 Oggetto Art. 2 Servizio di taxi Art. 3 Servizio

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI COMANDO POLIZIA MUNICIPALE TEL. 081.2386211/246-FAX 081.7116056 BANDO DI CONCORSO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N 20 (VENTI) AUTORIZZAZIONI PER IL NOLEGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI E NOLEGGIO AUTOVETTURA CON CONDUCENTE - Approvato con del. di Consiglio Comunale n. 24-156

Dettagli

Comune di Castelvetrano Provincia Regionale di Trapani

Comune di Castelvetrano Provincia Regionale di Trapani Comune di Castelvetrano Provincia Regionale di Trapani Settore Polizia Municipale e Protezione civile (Piazza Matteotti - 91022 Castelvetrano tel. 0924-909.500) Dirigente: Dr Vincenzo Bucca e-mail:poliziamunicipale@comune.castelvetrano.tp.it

Dettagli

Regol@mento per il servizio di noleggio con conducente con autovetture

Regol@mento per il servizio di noleggio con conducente con autovetture . Comune di Spoleto Direzione Sportello Unico per l Impresa e il Cittadino Regol@mento per il servizio di noleggio con conducente con autovetture.......... Il Regolamento comunale per il servizio di noleggio

Dettagli

Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1

Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1 Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1 1 Approvato con D.C.C. n 49 del 30/12/1999 esecutiva il 23/03/2000 art. 1 Disciplina

Dettagli

IL RESPONSABILE DELL AREA

IL RESPONSABILE DELL AREA Comune di Creazzo Provincia di Vicenza Piazza del Comune, 6 Tel. 0444/338258 - Fax 0444/338297 - C.F. P.IVA 00264180241 AREA III - TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Prot. n. 2429/2015 BANDO DI PUBBLICO CONCORSO

Dettagli

CITTÁ DI MORBEGNO (Provincia di Sondrio)

CITTÁ DI MORBEGNO (Provincia di Sondrio) CITTÁ DI MORBEGNO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO CON AUTOVETTURE E AUTOBUS (articolo 5 della Legge 15 gennaio 1992 n. 21) APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE

Dettagli

Legge Regionale 14 luglio 2009, n. 11 Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti

Legge Regionale 14 luglio 2009, n. 11 Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti Legge Regionale 14 luglio 2009, n. 11 Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti (pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1º Suppl. Ordinario al n. 28 del 15 luglio 2009)

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL PARTEOLLA E BASSO CAMPIDANO Barrali Dolianova Donori Serdiana Settimo San Pietro Soleminis

UNIONE DEI COMUNI DEL PARTEOLLA E BASSO CAMPIDANO Barrali Dolianova Donori Serdiana Settimo San Pietro Soleminis UNIONE DEI COMUNI DEL PARTEOLLA E BASSO CAMPIDANO Barrali Dolianova Donori Serdiana Settimo San Pietro Soleminis Sede: Via Mazzini n. 18 ( 09041) - Dolianova - C.F. 02659680926 Telefono: 0707441411 - Fax:07074414113

Dettagli