Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali"

Transcript

1 Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Difetti locali nei materiali cristallini Adattato dalle lezioni del prof. Cesare Pisani Dalle molecole ai cristalli Bartolomeo Civalleri/Lorenzo Maschio Dip. Chimica Via P. Giuria Torino / B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 I difetti nei cristalli I Cristalli non sono mai perfetti Difetti estesi in cristalli 3D : 2D : Superfici, interfacce; stacking faults, ABCABCABABC 1D : linee di dislocazione (edge, screw, ), Difetti Locali (0D) In cristalli 3D : molte possibilità B. Henderson, Defects in crystalline solids, Arnold, London (1972). W. Hayes and A. M. Stoneham, Defects and defect processes in non metallic solids, Wiley, NY (1984) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 2

2 Substitutional (anion) Tipici difetti locali in critalli ionici 3D cation vacancy (V) Substitutional (cation) interstitial anion vacancy (F) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 3 0D: vertex 0D: surface vacancy Difetti di superficie 0D: Adsorbed molecules O Mg 0D/1D: kink edge 1D: step B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 4

3 S f Simulazione Quanto-Meccanica di difetti Locali + R S ' (q) + P {ΔE(q)} + + zona difettiva Ipotesi della perfezione della struttura host: struttura cristallina perfetta (e nota) S f (il sistema host) è una Ipotesi di località: le strutture S f e S ' coincidono lontano dal difetto (piccolo e finito) Condizione di auto-embedding: Senza difetti, tutte le caratteristiche di S ' (q) devono coincidere con quelle di S f Il problema Quanto-Meccanico: (i) determinare la geometria di equlibrio di S ' (q) (ii) descrivere il cambiamento nella struttura elettronica della zona difettiva (iii) stimare ΔE(q) (una differenza finita tra energie infinite!) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 5 Strategia per il trattamento QM di difetti locali Modellizzazione del difetto e tecniche di soluzione sono aspetti intercorrelati, che caratterizzano l approccio al problema QM. Una possibile classificazione delle strategie è: A. Strategie non-periodiche (cluster) : Sia S f che S ' sono simulati tramite un cluster finito a1) Cluster nudi (con saturazione dei legami) a2) Cluster vestiti (termini aggiuntivi per simulare l effetto dell ambiente) a3) Tecniche multi-level (ONIOM) B. Strategie periodiche : S f (e possibilmente S ' ) viene modellizzato come un cristallo perfetto b1) Approccio di Supercella b2) Tecniche multi-level periodiche (P-ONIOM) b3) Techniche di embedding (tecniche perturbative, funzioni di Green) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 6

4 Esempi di uso dell approccio di cluster A. S f e S ' vengono simulati da un cluster finito e termini aggiuntivi possono essere inseriti per descrivere l effetto dell intorno cristallino. Solidi Ionici (MgO, NaCl, ) Metalli (Cu, Ni, Pd, ) Solidi Covalenti (SiO 2, grafite, silicio ) Cristalli Molecolari (ghiaccio, benzene, urea, ) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 7 L approccio di cluster nudo per sistemi ionici: MgO(001) Potenziale elettrostatico lungo la linea blu CRYSTAL CRYSTAL (MgO 5 ) 8- La condizione di self-embedding non è soddisfatta!! Il potenziale è di solito molto distorto. Le energie di adsorbimento di molecole possono essere sovrastimate. R B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 8

5 L approccio di cluster vestito per solidi ionici: bulk e superficie di MgO F.Illas and G. Pacchioni: Bulk and surface F centers in MgO, JCP 108 (1998) 7835 (* Ricci, Di Valentin, Pacchioni, Sushko, Shluger, Giamello, JACS 125 (2003) 738 ) O-vacancy [3s 2p 1d] (Mg 2+ ) 6 [2s 1p] (O 2- ) 12 [2s 2p] (Mg 2+ ) 8 [1s] (O 2- ) 24 [pseudo] 292 cariche puntuali Ottenere una soluzione soddisfacente con questo metodo è possibile, ma molto difficile e decisamente non automatica nè automatizzabile. B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 9 L approccio a cluster per i metalli Cu surface states Lo stato di spin dipende in modo critico dalla forma e dimensione del cluster I rilassamenti strutturali sono grandi I modell Relaxed-Drop sono migliori di quelli ritagliati dal cluster Si incontrano problemi seri nel calcolo delle energie di adsorbimento Triguero, Wahlgren, Boussard, Siegbahn, CPL 237 (1995) 550 B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 10

6 L approccio a cluster per i cristalli molecolari Legame a idrogeno non soddisfatto La geometria ritagliata cambia drasticamente a seguito del rilassamento strutturale Le molecole di bordo si muoveranno per massimizzare le interazioni intermolecolari (come i legami a idrogeno) Le strutture ottimizzate non sono più rappresentative del cristallo di partenza Cluster di forma arbitraria possono avere forti momenti di dipolo, non presenti nel sistema cristallino Legame a idrogeno non soddisfatto B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 11 L approccio a cluster saturato per solidi covalenti Consideriamo il Quarzo come sistema prototipico di materiale covalente. Il numero di atomi da saturare cresce rapidamente con le dimensioni del cluster Ne consegue un gran numero di H terminali E difficile mantenere memoria del cristallo nel cluster ritagliato B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 12

7 Tecniche a cluster multi-level: il metodo ONIOM Link atoms (H, F, ) Model cluster (Low; High) Real system (Low) E TOT (High:Low) = E(High, Model) + ΔE; ΔE = E(Low, Real) - E(Low, Model) If Model Real, ΔE 0, If Low High, E TOT (High: High) = E(High, Real) Tutte le alter quantità QM sono definite seguento lo stesso schema. Il collegamento tra sistemi (High,Model) e (Low,Real) è tramite forze o atomi di link. ONIOM : Our own N-layered Integrated molecular Orbital and molecular Mechanics B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 13 Pro e Contro dell approccio a cluster L approccio è flessibile ed user-friendly: si possono usare i programmi molecolari standard (GAUSSIAN, Turbomole, MOLPRO, NWCHEM ) Il livello di qualità della soluzione può andare oltre quello permesso dai codici periodici (DFT,HF) La dimensione e forma del cluster sono di importanza critica Termini addizionali possono essere necessari nell Hamiltoniana Atomi di link (H, F, ) sono spesso necessari per saturare ilegami Gli effetti di bordo sono importanti Tutte le interazioni a lungo raggio sono escluse per definizione La condizione di self-embedding non è soddisfatta B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 14

8 Approcci periodici allo studio di difetti locali B. Il difetto è un impurità del cristallo perfetto: S f viene trattato come una struttura cristallina perfetta e S ' viene trattato (in linea di principio) allo stesso livello di accuratezza. B1. Approccio a Supercella (SC) B2. Approccio multi-livello periodico (P-ONIOM) B3. L approccio embedded cluster tramite funzioni di Green B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 15 L approccio di Supercella (SC) S f perfect host n 1 =1, n 2 =1 n 1 =2, n 2 =2 S 'SC defective host ΔE = lim (n1, n2, n3 ) [ E(S' SC ) n 1 n 2 n 3 E(S f ) ] + E(P) E(R) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 16

9 Non solo i difetti locali possono essere trattati con il metodo SC l AM Ferrari et al. "Polar and non-polar domain borders in MgO ultrathin films on Ag(001), Surf. Sci. 588, (2005). B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 17 Confronto di metodi SC e di cluster: sostituzione di C in Silicio R. Orlando et al. "Cluster and supercell calculations for carbon-doped silicon" J. Phys.: Condens. Matter 8 (1996) C Si Si C SC-Si 64 SC-CSi 63 H Si 4 CH 12 Si 34 CH 36 Si 86 CH 76 Si-Si 2.36 Å Si-C 1.90 Å C-C 1.56 Å B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 18

10 Energia di sostituzione e band gap E S = [E cluster (Si) - E atom (Si)] - [E cluster (C) E atom (C)] B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 19 Pro e contro dell approccio SC L approccio è universale (bulk e superficie; ionici, covalenti, metallici) Si può usare qualsiasi codice periodico E "semplice" (i parametri sono la dimensione della supercella) Permette una corretta definizione di ΔE La condizione di self-embedding è soddisfatta La forma della SC potrebbe non essere la migliore per descrivere la zona difettiva Il livello QM del calcolo è quello permesso dal codice periodico. Interazioni laterali possono essere importanti (specialmente per difetti carichi) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 20

11 P-ONIOM (generalizzazione dell approccio multi-level ) Real, low Model, low P.Ugliengo, A.Damin, CO/MgO(001), CPL 366 (2002) 683 C. Tuma, J. Sauer, Protonation of isobutene in zeolite ferrierite, PCCP 8 (2006) 3955 Model, high B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 21 P-ONIOM - applicazione allo studio di superfici O C O H Al Si CO adsorption on HY faujasite O C Mg NH 3 adsorption on hydroxylated silica surfaces [CPL 341 (2001) 625] CO adsorption on MgO(001) surface (CPL 366 (2003) 683) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 22

12 Pro e contro dell approccio P-ONIOM Permette di incorporare facilmente informazioni del cristallo perfetto Permette l uso di tecniche QM di alto livello nella zona difettiva E ottimale solo per cristalli covalenti E' necessario un calcolo SC Errori di cancellazione possono essere importanti e difficili da controllare B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 23 Difetti locali: l approccio Funzione di Green D C D C Tecnica di partizione: Come si può usare la soluzione del cristallo dietro un ipotesi di località del difetto?? Q CC Q CD G CC G CD I CC 0 CD Q DC Q DD G DC G DD 0 DC I DD = B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 24

13 EMBED : un codice per lo studio di difetti locali [ CRYSTAL98 ] EMBED01 Pisani, Corà, Casassa, Birkenheuer, Comp. Phys. Comm 82 (1994) 139; 96 (1996) 152 The fundamental assumption of the Perturbed Cluster method: G DD (z) = G DD (z) D C That is: the density of states projected in the outer zone is unaffected by the defect Il problema viene ristretto al cluster difettivo, immerso nella funzione d onda periodica. La condizione è che all interfaccia tra cluster e cristallo ci sia continuità tra le due funzioni d onda P CD = f CD [ DD ( ) ; H CC ; H CD ] P CC = f CC [ DD ( ) ; H CC ; H CD ] Energy, electronic structure, etc. P DD = P DD B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 25 Pro e contro Dell approccio di embedding con Funzioni di Green Sfrutta completamente la soluzione del cristallo imperturbato Permette una definizione naturale della zona difettiva Il calcolo QM è ristretto alla zona difettiva E intrinsecamente soddisfatto il criterio di self-embedding Usa tecniche non standard (algoritmi non competitivi) Sono permessi solo Hamiltoniani mono-elettronici (HF,DFT) La convergenza della procedura SCF è difficile, specialmente con set base estesi Servono termini correttivi per tenere conto di effetti a lungo raggio (bilanciamento di carica, polarizzazione dell intorno,...) B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 26

14 CONCLUSIONI Lo studio dei difetti locali nei cristalli (specialmente difetti superficiali) è un importante campo di applicazione della QM L approccio a super-cella è attualmente la scelta preferenziale L uso di modelli ibridi (multi-level) è raccomandata per una trattazione ad alto livello della zona difettiva B. Civalleri/L. Maschio Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali a.a. 2011/12 27

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (4) Modulo di esercitazioni I.a parte

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (4) Modulo di esercitazioni I.a parte Introduzione alla mulazione Quanto-Meccanica di Materiali Dalle molecole ai cristalli (4)! "#$ %& 1 Modulo di esercitazioni I.a parte 1) ttimizzazione della geometria e calcolo delle frequenze vibrazionali

Dettagli

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (1) Orario del corso

Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica. di Materiali. Dalle molecole ai cristalli (1) Orario del corso Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica di Materiali Dalle molecole ai cristalli (1)! "#$ %& 1 Orario del corso Lezioni 14/01/08 lunedì: 11-13 16/01/08 mercoledì: 11-13 18/01/08 venerdì: 9-11 Esercitazioni

Dettagli

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo Dipartimento di Chimica, Università di Bari Aldo Moro CAMPUS, via Orabona 4, 70126 Bari pietro.favia@uniba.it, gerardo.palazzo@uniba.it

Dettagli

Transizioni di fase. O (g) evaporazione O (s) H 2. O (l) H 2. O (g) sublimazione...

Transizioni di fase. O (g) evaporazione O (s) H 2. O (l) H 2. O (g) sublimazione... Transizioni di fase Una sostanza può esistere in tre stati fisici: solido liquido gassoso Il processo in cui una sostanza passa da uno stato fisico ad un altro è noto come transizione di fase o cambiamento

Dettagli

4b. STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA (parte seconda)

4b. STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA (parte seconda) 4b. STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA (parte seconda) La maggior parte delle sostanze che sono liquide a STP sono costituite da molecole (liquidi molecolari). I composti ionici e metallici sono generalmente

Dettagli

COMPOSTI DI COORDINAZIONE (complessi)

COMPOSTI DI COORDINAZIONE (complessi) Gli ioni dei metalli di transizione nei sistemi biologici non si presentano come acquoioni [M(H 2 O) n ] x+ ma come. COMPOSTI DI COORDINAZIONE (complessi) derivano dall interazione (coordinazione) tra

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

LEGAME CHIMICO In natura solo i gas nobili si ritrovano allo stato monoatomico. Gli altri atomi tendono a legarsi spontaneamente fra di loro per formare delle MOLECOLE, raggiungendo una condizione di MAGGIORE

Dettagli

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in :

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : (a) Metalli: banda di valenza (BV) e banda di conduzione (BC) sono sovrapposte (E g = 0 ev) (b) Semiconduttori:

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

dei minerali e le leggende

dei minerali e le leggende Veronica D Ippolito IL NELL ANTICHITÀ L uomo è stato affascinato fin dall antichità dalla bellezza, luminosità e colore dei minerali al punto da conferirgli oltre all uso ornamentale anche un valore simbolico,

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Nanostrutture auto-organizzate:

Nanostrutture auto-organizzate: Nanostrutture auto-organizzate: entropia, monostrati e macchine molecolari Valentina De Renzi 8 novembre 2011 Perche nano? perche le proprieta della materia a questa scala sono speciali e interessanti

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

La tecnologia del silicio

La tecnologia del silicio La tecnologia del silicio Attualmente il materiale più usato è lo stesso silicio adoperato dall industria elettronica, il cui processo di fabbricazione presenta costi molto alti, non giustificati dal grado

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

Atomi, molecole e ioni

Atomi, molecole e ioni Atomi, molecole e ioni anione + - catione Teoria atomica di Dalton 1. Un elemento è composto da particelle minuscole chiamate atomi. 2. In una normale reazione chimica, nessun atomo di nessun elemento

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

TIPI DI SOLIDI FORZE ENTRO LE PARTICELLE PARTICELLE AI NODI FORZE TRA LE PARTICELLE TIPO SOLIDO

TIPI DI SOLIDI FORZE ENTRO LE PARTICELLE PARTICELLE AI NODI FORZE TRA LE PARTICELLE TIPO SOLIDO TIPI DI SOLIDI A seconda delle particelle che formano il solido cristallino, disponendosi in corrispondenza dei nodi delle celle elementari, si hanno i seguenti tipi di solidi: TIPO SOLIDO PARTICELLE AI

Dettagli

Il legame chimico. Lezioni 17-20

Il legame chimico. Lezioni 17-20 Il legame chimico Lezioni 17-20 1 Il legame chimico Le forze attrattive di natura elettrica che tengono uniti gli atomi in molecole o in composti ionici sono dette legami chimici. Legami atomici: covalente

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

VSEPR Polarità Ibridizzazione

VSEPR Polarità Ibridizzazione VSEPR Polarità Ibridizzazione VSEPR VSEPR = Valance-Shell electron-pair repulsion Principio fondamentale: ciascun gruppo di elettroni di valenza attorno ad un atomo centrale è situato il più lontano possibile

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Esperto prof. C. Formica

Esperto prof. C. Formica Esperto prof. C. Formica Immagini e testi tratti dai website di: genome.wellcome.ac.uk, dnaftb.org, unipv.it, unimi.it, wikipedia.it, unibs.it, unina.it, uniroma.it, nih.gov, zanichelli.it, sciencemag.org,

Dettagli

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Introduzione alla Simulazione Quanto-Meccanica di Sistemi Molecolari Dalle molecole ai cristalli Bartolomeo Civalleri/Lorenzo Maschio Dip. Chimica Via P.

Dettagli

Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio.

Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio. Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio. Il modo in cui le particelle costituenti il cristallo sono disposti nello spazio

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 2 Versatilità del carbonio nel formare legami covalenti La chimica degli organismi viventi è organizzata intorno al

Dettagli

Elettronica II Legame covalente e bande di energia nei solidi p. 2

Elettronica II Legame covalente e bande di energia nei solidi p. 2 Elettronica II Legame covalente e bande di energia nei solidi Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informaione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici La corrente che attraversa una singola molecola deve essere necessariamente misurabile. Il fatto che una corrente di 1 na potesse attraversare

Dettagli

MATERIALI PER L ELETTRONICA - Epitassia 49

MATERIALI PER L ELETTRONICA - Epitassia 49 8 Epitassia Per epitassia si intende la deposizione di sottili strati di materiale cristallino su un substrato massivo, anch'esso cristallino, che ne indirizza la crescita e ne determina le proprietà strutturali.

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

CHIMICA ORGANICA PER BIOTECNOLOGIE con esercitazioni di LABORATORIO D. Savoia

CHIMICA ORGANICA PER BIOTECNOLOGIE con esercitazioni di LABORATORIO D. Savoia CHIMICA RGANICA PER BITECNLGIE con esercitazioni di LABRATRI D. Savoia Brown, Poon - Introduzione alla Chimica rganica Brown, Foote - Chimica rganica Bruyce - Chimica rganica Solomons McMurray Etc Cos

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

Come non fare un circuito integrato

Come non fare un circuito integrato BJT MOS Come non fare un circuito integrato I transistor non sarebbero isolati. Il substrato di Si con un certo tipo di drogaggio (o n o p) semplicemente cortocircuita tutte le parti di transistor con

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti Elementi e Composti materia miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti atomi Gli atomi sono, per convenzione, le unità costituenti le sostanze Le sostanze possono essere costituite da

Dettagli

CRISTALLOCHIMICA. La cristallochimica è la disciplina che studia le correlazioni tra la struttura cristallina e la composizione chimica dei minerali

CRISTALLOCHIMICA. La cristallochimica è la disciplina che studia le correlazioni tra la struttura cristallina e la composizione chimica dei minerali CRISTALLOCHIMICA La cristallochimica è la disciplina che studia le correlazioni tra la struttura cristallina e la composizione chimica dei minerali L atomo H orbitali Livelli energetici Lo ione Lo ione

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

SEMITOP 4 DOVE L EFFICIENZA E UN MUST!

SEMITOP 4 DOVE L EFFICIENZA E UN MUST! SEMITOP 4 DOVE L EFFICIENZA E UN MUST! Riccardo Ramin riccardo.ramin@semikron.com Marco Di Lella marco.dilella@semikron.com 1 SEMITOP 4 AUMENTA LA RICHIESTA DI ENERGIA La domanda di energia è prevista

Dettagli

Proprietà Elettriche della Materia

Proprietà Elettriche della Materia Proprietà Elettriche della Materia Importanza delle proprietà elettriche della materia Momento di dipolo elettrico (µ) Polarizzabilità (α) Permittività elettrica (ε) Forze intermolecolari Attività ottica

Dettagli

Teoria degli orbitali ibridi

Teoria degli orbitali ibridi Legami σ e π Teoria degli orbitali ibridi FORMAZIONE DEI LEGAMI CHIMICI COVALENTI L orbitale della molecola H 2 ha simmetria cilindrica intorno all asse internucleare H-H LEGAME SIGMA Gli orbitali molecolari

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

LE FORZE INTERMOLECOLARI

LE FORZE INTERMOLECOLARI LE FORZE INTERMOLECOLARI Le forze intermolecolari sono forze che si instaurano tra le molecole e sono decisive nel determinarne le proprietà chimico fisiche Non c è alcun dubbio che il nome di Van der

Dettagli

Dalla Chimica Generale

Dalla Chimica Generale RISNANZA RISNANZA Vi sono molecole le cui proprietà non sono ben spiegate da una singola struttura di Lewis che tenga conto cioé delle proprietà osservate (contenuto energetico, lunghezza dei legami, comportamento

Dettagli

Regola dell'ottetto e suo superamento Legame ionico Covalenza e ordine di legame Carica formale Risonanza ElettronegativitÄ e polaritä del legame

Regola dell'ottetto e suo superamento Legame ionico Covalenza e ordine di legame Carica formale Risonanza ElettronegativitÄ e polaritä del legame IL LEGAME CHIMICO Regola dell'ottetto e suo superamento Legame ionico Covalenza e ordine di legame Carica formale Risonanza ElettronegativitÄ e polaritä del legame 1 IL LEGAME CHIMICO Il legame chimico

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

Indice generale. Prefazione

Indice generale. Prefazione 26-10-2009 10:41 Pagina VI Prefazione Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIII XV XVII Capitolo 0 Lessico della chimica 1 0.1 La chimica 1 0.1.1 Classificazioni della materia 2 0.1.2 Proprietà

Dettagli

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica EdiSES Istruzioni per l utilizzo dei modelli molecolari Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica allegati ai seguenti volumi: Chimica Organica - Paula Y. Bruice Elementi di Chimica

Dettagli

Molecole e legami. Chimica generale

Molecole e legami. Chimica generale Molecole e legami Chimica generale Atomi e molecole È estremamente difficile trovare in natura una sostanza formata solamente da atomi semplici Solo i gas inerti dell ottavo gruppo sono presenti in natura

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti Anno scolastico 2014-2015 Programma svolto Docente: Silvana Venditti Disciplina: Scienze Naturali Classe : IV sez. E - Indirizzo Linguistico ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI E DEGLI OBIETTIVI SECONDO UNITA

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi

Le proprietà periodiche degli elementi Le proprietà periodiche degli elementi 1 Numerazione gruppi IUPAC Numero atomico Simbolo Peso atomico Metallo Semimetallo Non metallo 1s 2s2p 3s3p 4s3d4p 5s4d5p 6s4f5d6p 7s5f6d7p 2 Numerazione gruppi tradizionale,

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi

Le proprietà periodiche degli elementi Le proprietà periodiche degli elementi 1 Numerazione gruppi IUPAC Numero atomico Simbolo Peso atomico Metallo Semimetallo Non metallo 2 Numerazione gruppi tradizionale, n coincide con gli elettroni esterni

Dettagli

I Materiali Polimerici

I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici Un polimero è costituito da molte unità molecolari ricorrenti, unite tra di loro per addizione sequenziale di molecole di monomero. Molte molecole del monomero

Dettagli

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM)

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) Binnig and Rohrer (1982, STM, Nobel prize in 1986) Binnig, Quate and Gerber (1986, AFM) Anno 2001-2002 1 Principio di funzionamento di un AFM A B C D Rivelatore Specchio

Dettagli

Materiali per l energia solare: la ricerca eni

Materiali per l energia solare: la ricerca eni Materiali per l energia solare: la ricerca eni Roberto Fusco Istituto eni Donegani 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia: Milano, 17/10/2012 Record di efficienza delle celle fotovoltaiche R&D eni

Dettagli

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile Elettrochimica L elettrochimica studia l impiego di energia elettrica per promuovere reazioni non spontanee e l impiego di reazioni spontanee per produrre energia elettrica, entrambi i processi coinvolgono

Dettagli

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione DIFFUSIONE ATOMICA La diffusione è un processo importante che influenza il comportamento di un materiale alle alte temperature (creep, trattamenti termici superficiali, tempra chimica del vetro, ricristallizzazione,

Dettagli

Esercizi sulle Forze Intermolecolari

Esercizi sulle Forze Intermolecolari Insegnamento di Chimica Generale 083424 - CCS CHI e MAT A.A. 2015/2016 (I Semestre) Esercizi sulle Forze Intermolecolari Prof. Dipartimento CMIC Giulio Natta http://iscamap.chem.polimi.it/citterio Esercizio

Dettagli

Per esempio, possiamo osservare il legame ionico nella molecola di cloruro di sodio. Il cloro e il sodio hanno le seguenti strutture di Lewis:

Per esempio, possiamo osservare il legame ionico nella molecola di cloruro di sodio. Il cloro e il sodio hanno le seguenti strutture di Lewis: IL LEGAME IONICO In natura solo i gas nobili presentano atomi allo stato libero. Tutte le altre sostanze consistono di molecole che sono aggregazioni di atomi. Le forze che tengono uniti gli atomi in una

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

LA STRUTTURA DELLE MOLECOLE. Le Molecole Poliatomiche

LA STRUTTURA DELLE MOLECOLE. Le Molecole Poliatomiche LA STRUTTURA DELLE MOLECOLE Le Molecole Poliatomiche LE MOLECOLE POLIATOMICE Le molecole poliatomiche sono quelle molecole che sono composte da più di due atomi e contengono nella maggior parte dei casi

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare Progetto Luce Come catturare l energia della luce solare Luce - Energia Tutta l energia disponibile sulla terra ci proviene dal sole Il sole emette energia come un corpo nero Solo una parte di questa energia

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

LEGAME METALLICO PROPRIETA METALLICHE NON METALLI SEMIMETALLI METALLI

LEGAME METALLICO PROPRIETA METALLICHE NON METALLI SEMIMETALLI METALLI LEGAME METALLICO LEGAME METALLICO NON METALLI PROPRIETA METALLICHE Elevata conducibilità elettrica ( 1/ T) Bassa energia di ionizzazione Elevata duttilità e malleabilità Non trasparenza Lucentezza Strutture

Dettagli

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO A. TAGLIAFERROT LAQ In.Te.S.E. Politecnico di Torino SOMMARIO Il problema Le possibili tecnologie Il contributo del

Dettagli

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento Energia, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it Introduzione al concetto di ponte termico

Dettagli

PROPRIETÁ CHIMICHE, ELETTRICHE E MAGNETICHE DELL ACQUA

PROPRIETÁ CHIMICHE, ELETTRICHE E MAGNETICHE DELL ACQUA Se si considera l equilibrio alla traslazione verticale tra la tensione superficiale e la forza peso del volume di acqua contenuta in un vaso capillare, si perviene all espressione della quota h che può

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 A COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

TENSIONE SUPERFICIALE

TENSIONE SUPERFICIALE TENSIONE SUPERFICIALE Le molecole in un liquido presentano un certo grado di attrazione l una per l altra. L intensità dell interazione attrattiva dipende dalla proprietà molecolari (momento di dipolo,

Dettagli

Organic Chemistry. 4 th Edition Paula Yurkanis Bruice. Delocalizzazione degli elettroni e risonanza

Organic Chemistry. 4 th Edition Paula Yurkanis Bruice. Delocalizzazione degli elettroni e risonanza Organic Chemistry 4 th Edition Paula Yurkanis Bruice Delocalizzazione degli elettroni e risonanza 1 Elettroni Localizzati contro elettroni delocalizzati localized electrons localized electrons delocalized

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

Legame metallico. Non metalli. Semimetalli. Metalli

Legame metallico. Non metalli. Semimetalli. Metalli Legame metallico Non metalli Metalli Semimetalli Proprietà metalliche elevata conducibilità elettrica (1/T) e termica bassa energia di ionizzazione elevata duttilità e malleabilità non trasparenza lucentezza

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

Massa atomica. Unità di massa atomica: 1/12 della massa del 12 C

Massa atomica. Unità di massa atomica: 1/12 della massa del 12 C Massa atomica Unità di massa atomica: 1/12 della massa del 12 C Il peso atomico, o più correttamente la massa atomica dei vari elementi si riporta sotto forma di una media ponderata tra i vari isotopi

Dettagli

Le orze intermolecolari, i liquidi e i solidi. Capitolo 11

Le orze intermolecolari, i liquidi e i solidi. Capitolo 11 Le orze intermolecolari, i liquidi e i solidi Capitolo 11 Una fase è una parte omogenea di un sistema in contatto con altre parti del sistema ma da esse separata da un confine ben definito. 2 fasi Fase

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Polimeri semiconduttori negli OLED

Polimeri semiconduttori negli OLED Polimeri semiconduttori negli OLED Nella figura viene mostrato uno schema di funzionamento di un Organic Light Emitting Diode (OLED). Il catodo e formato da un elettrodo di Alluminio (Magnesio o Calcio)

Dettagli

Corso di Elettrochimica dei materiali Elettrodeposizione

Corso di Elettrochimica dei materiali Elettrodeposizione Corso di Elettrochimica dei materiali Elettrodeposizione Christian Durante E-mail: christian.durante@unipd.it Tel. 049-8275112 Zona quadrilatero ufficio 00 215 02 142 1 VI Elettrodeposizione Èunprocesso

Dettagli

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI Prof. Mario Tribaudino Dipartimento di Scienze della Terra Università di Parma Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI I Minerali Mineralogia: disciplina delle Scienze

Dettagli

La solubilità in acqua

La solubilità in acqua La solubilità in acqua La ripartizione all equilibrio di un soluto tra la sua fase pura e l acqua. È importante perché ricopre il 70% della superficie terrestre Costituisce la maggior parte del peso degli

Dettagli

STATI FISICI DELLA MATERIA: SOLIDI, LIQUIDI E GAS

STATI FISICI DELLA MATERIA: SOLIDI, LIQUIDI E GAS STATI FISICI DELLA MATERIA: SOLIDI, LIQUIDI E GAS 7.A PRE-REQUISITI 7.B PRE-TEST 7.C OBIETTIVI 7.1 INTRODUZIONE 7.2 LO STATO SOLIDO 7.2.1 IL RETICOLO CRISTALLINO 7.2.2 STRUTTURA E PROPRIETA DEI DIVERSI

Dettagli

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo 1 Obiettivo Capire che cosa è il ph, apprendere le leggi fondamentali che lo controllano e capire qualitativamente le applicazioni delle soluzioni tampone. Prerequisiti Il concetto di equilibrio (che comunque

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ING. ENG AER MEC. Corso di FONDAMENTI DI CHIMICA I PROVA IN ITINERE 16 novembre Compito A

POLITECNICO DI MILANO ING. ENG AER MEC. Corso di FONDAMENTI DI CHIMICA I PROVA IN ITINERE 16 novembre Compito A POLITECNICO DI MILANO ING. ENG AER MEC. Corso di FONDAMENTI DI CHIMICA I PROVA IN ITINERE 16 novembre 2012. Compito A Avvertenze: scrivere le soluzioni sull apposito oglio che va completato con tutti i

Dettagli

1 - LA MOLECOLA D ACQUA. 1.1 - L atomo di idrogeno

1 - LA MOLECOLA D ACQUA. 1.1 - L atomo di idrogeno 1 - LA MOLECOLA D ACQUA I greci antichi, con ARISTOTELE (384-322 a.c.), consideravano l acqua uno dei quattro elementi fondamentali della materia, insieme all aria, alla terra ed al fuoco, caratterizzati

Dettagli

Elettronegatività Elettronegatività

Elettronegatività Elettronegatività Elettronegatività Nel legame covalente tra atomi uguali, la nuvola elettronica è simmetrica rispetto ai due nuclei (es. H 2, Cl 2, F 2 ) legame covalente apolare. Nel legame covalente tra atomi con Z eff

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

Il legame chimico II: la geometria molecolare e l ibridizzazione degli orbitali atomici. Capitolo 10

Il legame chimico II: la geometria molecolare e l ibridizzazione degli orbitali atomici. Capitolo 10 Il legame chimico II: la geometria molecolare e l ibridizzazione degli orbitali atomici Capitolo 10 Legame tra un derivato del Buckyball e il sito dell HIV-Protease Repulsione delle coppie di elettroni

Dettagli