Vincoli nanziarie investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vincoli nanziarie investimento"

Transcript

1 Vincoli nanziaie investimento E.SaltaieG.Tavaglini Istituto di Scienze Economiche UnivesitµadiUbino Sommaio In questo lavoo si mosta che i vincoli ceditizi possono condizionae la politica di investimento delle impese, anche nei peiodi in cui la domanda di cedito µe infeioe alla soglia di azionamento. La agione µe che l'aspettativa di dove soppotae in futuo un vincolo nanziaio modi ca il compotamento coente dell'impesa, e iduce il valoe attuale atteso dei pogetti anche quando il vincolo non µe opeativo. L'intoduzione del vincolo di cedito peciµo nonsolo iduce ilvaloe dell'impesa, ma abbassa anche il po lo tempoale dell'investimento in quanto le impese tovano ottimale investie meno in ogni peiodo. (Classi cazione JEL: E22, E51) 1 Intoduzione Apatie daglianni60 una letteatua dicaattee sia teoico che empiico ha posto in luce la ilevanza deivincoli nanziai pe le decisioni diinvestimento. Dal punto divista teoico i pimicontibutihanno sottolineato comeilazionamento del cedito dovesse consideasi come l'esito di un compotamento ottimizzante,piuttosto che il isultato difattoiesogeni(hodgman(1960),keeton(1979), Stiglitz e Weiss (1981)). L'analisi empiica - che ha avuto un fotesviluppo a patiedailavoidifazzaiet al. (1987, 1988) - ha invece sottolineato comei vincoli nanziai e le decisioni di investimento siano fotemente coelati,e come questeultime possano a loo volta in uenzae la stuttua nanziaia dell'impesa (Myes (1974)). La pincipale conclusione di questa ampia letteatua µe che l'investimento puµo esseevincolato dalla disponibilitµa dellefontidi nanziamento,di cui il cedito appesenta la pate pincipale. In questo appoccio, quindi,ilazionamento appae come un condizionamento di natua quantitativa all'investimento. 1

2 Tuttavia,comeµe stato sottolineato da Ja eee Stiglitz(1990),uno deilimiti pincipalidella letteatua sulazionamento delcedito isiede nelfatto che l'analisi vienetadizionalmentesviluppata attaveso esecizidistatica compaata in cui glielementi intetempoali delle decisioni di investimento non sono esplicitati. Pe indagaegli e etti del azionamento del cedito sull'investimento sembeebbe dunque piµu oppotuno consideae modellidinamici in cuila discepanza ta la domanda el'o eta di fondi possa essee agione della uttuazione dell'investimento. In talecontesto,la vaiazionedelle divesecomponenti della domanda aggegata puµo essee causata anche da un'anticipazione degli e etti negativi causatidalazionamento del cedito. In paticolae,ja ee e Stiglitzossevano che l'anticipazione diun futuoazionamento del cedito puµo avee e ettinelpeiodo coente \anchequando almomento non visia azionamento. Pe questa agione non sipuµo valutael'impatto delazionamento delcedito consideando semplicemente ipeiodiin cuiviµe una pova dietta della sua pesenza"(p.874). Il piµu ecente dibattito teoico sul azionamento non semba peµo ave accolto questo suggeimento. Siµe infatticontinuato a valutae l'impatto deivincoli nanziai sul compotamento dell'impesa solo quando questo si manifesta concetamente,ovveo nelpeiodo in cui l'o eta difondiµe e ettivamenteminoedi quella domandata. In altitemini,siµemantenuta l'ipotesi secondo cuiilcompotamento dell'impesa µe indipendente dal vincolo ceditizio quando la domanda di fondiµe infeioealcedito massimo ottenibile. La pincipale conseguenza di tale ipotesiµe che,quando il vincolo non µe stingente,l'impesa si compota come se l'espansione della sua capacitµa poduttiva possa avveniesenza mai incontae le potenziali stozzatue causate dal azionamento,e quindi in maniea indistinguibile da una impesa identica che,pe qualunque livello dell'investimento,non µe sottoposta a tale vincolo. Un contibuto,almeno in pate,iconducibile alla linea di iceca tacciata da Ja eeestiglitzµequello dikiyotakiemooe(1997). Nelloo lavoo simosta che shock tansitoi alla tecnologia possono causae,in pesenza di azionamento del cedito, ampie uttuazionidell'investimento equindi nella domanda aggegata. In paticolae,la coelazione negativa ta i distubi non anticipati e il pezzo dei benicapitalipuµo geneae un e etto cumulativo cheattaveso la iduzione del valoe deibeni capitali, e quindidelle gaanzie del cedito, ende sempemeno attaente a un investitoe esteno nanziae i pogetti diinvestimento. Bench e ad una pima ossevazione questo modello semba accoglieel'intuizione oiginaia di Ja ee e Stiglitz,esso non iesce tuttavia a sviluppae una inteelazione e ettivamentedinamica,in condizioni diincetezza,ta azionamento e investimento. Come sottolineano gli stessi autoi l'e etto del azionamento µe studiato assumendo che l'equilibio dell'economia sia alteato una tantum dalla ealizzazionedi uno shock non pevisto. Diconseguenza, ilpocesso cumulativo chesi innesca µe essenzialmente il isultato di un esecizio di statica compaata. Il passo successivo dovebbe dunque esseequello di costuieun modello dinamico esplicitamentestocastico\in cuiil distubo non abbia pobabilitµa nulla e possa essee 2

3 azionalmenteanticipato" dagliinvestitoi(p.243). I pecedenti contibuti costituiscono la base di questo lavoo. Piµu pecisamente, in quanto seguesiintende mostaeche in un appoccio intetempoale ein condizionidiincetezza dinamica ivincoliceditizipossono condizionaeil compotamento delle impese,e quindila dinamica dell'investimento,anche nei peiodi in cui la domanda di cedito µe infeioe alla soglia di azionamento. La agione di questo isultato µe che l'aspettativa di pote soppotae in futuo un vincolo nanziaio modi ca ilcompotamento coentedell'impesa, eiduceil valoeattualeatteso deipogettianche quando il vincolo non µe opeativo. Ilpincipale isultato del modello µe, dunque, che l'intoduzione del vincolo di cedito non solo impediscealleimpesediinvestieolteun ceto livello,ma anche che ilpo lo tempoaledell'investimento vienecomplessivamentealteato in quanto leimpese possono tovae conveniente investie meno in ogni peiodo. Questi isultatisono ottenutiutilizzando un modello di equilibio paziale dinamico elativamente semplice, in cui si confonta su un oizzonte in nito la politica di investimento didueimpese soggette al medesimo pocesso stocastico (di tipo geometico Bowniano),ma sotto l'ipotesialtenativa diimpesa azionata enon azionata. Nessun tentativo µe fatto, in questo contesto,di estendee l'analisi al caso di equilibio geneale. Il lavoo µe oganizzato come segue. Nel secondo paagafo si icavano le condizionidi ottimo pe l'impesa ispettivamentenell'ipotesi diassenza e pesenza del vincolo di cedito. Nelpaagafo 3 ledue divesesoluzioni vengono confontate pe icavaeindicazionisulla politica diinvestimento dell'impesa. Il paagafo 4 contienealcuneconsideazioniconclusive. 2 Valoedell'impesaevincolo nanziaio Inquestopaagafodiscuteemoinchemodolapesenzadiunvincolo nanziaio in uenza le decisioni di investimento di un'impesa. Pe discutee gli e etti podotti dal vincolo ceditizio µe utile confontae il compotamento dell'impesa quando l'o eta di cedito µe pefettamente elastica sicchµe l'impesa non inconta limiti alla sua domanda diinvestimento, con il caso in cui tali vincoli sono opeativi. 2.1 L'investimento in assenzadivincoli nanziai Supponiamo che l'impesa sia neutale al ischio,e che opei in un mecato del cedito pefettamenteconcoenziale in cuialtasso diinteesse coente() l'o etadiceditoµevitualmenteillimitata. 1 L'impesa,peipotesi,nonpuµoepeie 1 Natualmente il tasso di inteesse i ette le caatteistiche di ischiositµa dell'impesa, ovveo il tasso di inteesse include un pemio pe il ischio commisuato alla ischiositµa dell'investimento ma indipendente dall'ammontae di fondi necessaio a ealizzalo. 3

4 isose emettendo nuoveazioni,e quindi puµo fa icoso soltanto al mecato del cedito pe nanziae l'investimento. Pe semplicitµa, assumiamo che la tecnologia dell'impesa faccia uso di un solo input K con poduttivitµa maginale decescente. Lepossibilitµa poduttive dell'impesa sono modi cate continuamente da un distubo moltiplicativo µ la cui dinamica µe dµ=¾µ t dz (1) Lo shock µsegue,cioµe,un moto Bowniano geometico senza dift,edzµe un moto bownianostandadcone(dz)=0ee(dz) 2 =dt:latecnologiadell'impesaµe descitta dalla seguenteequazione µ t f(k t )=µ t K t; con0< <1 (2) L'impesa decide l'investimento massimizzando il valoe dei cash ow futui attesi,v(µ t ;K t ): ½Z 1 ¾ V (µ t ;K t )=max t fi sg t e (s t) [µ s f(k s ) I s ]ds dove dk = I s ds µe l'investimento; pe semplicitµa si suppone che non vi sia depezzamento. Il funzionale(3) puµo essee iscitto nella foma diun'equazionedi Bellman: V t dt=max E t f[µ t f(k t ) I t ]dt+e t (dv)g (4) fig Sel'o etadiceditoµepefettamenteelasticalasoluzionedelpoblema(4)µe 2 (3) V NR (µ t ;K t )= µf(k ) (5) ovveo, ilvaloedell'impesa non azionata (NR) µe paialvaloeattualeatteso deipo ttifutuiattesichesiottengono dall'impiego delcapitaledesideato K. In ne, combinando l'espessione(5) e la condizione diottimo ( VK NR = 1) otteniamo µf0 (K ) =1dacuisiicava: µ NR (K)= f 0 (K ) = (K ) 1 (6) Questa espessioneµe paticolamentesigni cativa pechµe descive la elazione ta ilvaloe dello shock µ e lo stockdi capitale desideato coispondente a quel µ: Ga camente essa µe appesentata dalla cuva cescente NR (vedi gua 1) pech e pe l'ipotesi di endimentidecescenti, occoe un µ via via maggioe a±nchµel'impesa toviconvenienteincementae lo stock dicapitale,ossia tovi vantaggioso ealizzaeun nuovo investimento. In altitemini, dato un livello 2 Pe la deivazione del isultato si veda l'appendice. 4

5 iniziale K se lo shock isulta supeioe al livello coispondente alla cuva NR; l'impesasitovainunasituazioneincuiv K >1;µequindiconvenienteinvestie pe un ammontae su±ciente a istabilie l'uguaglianza V K = 1, ossia sino a itonae sulla NR ma ad un livello piµu alto diµ e con un piµu elevato stockdi capitale. µe evidente che, patendo da un punto sulla NR;maggioeµe lo shock emaggioeisulta l'incemento delcapitale desideato. µe altesµichiao chelo spazio sottostante la cuva NR coisponde alla situazione in cui V K < 1 dove l'impesa tova convenientedisinvestie. Questa appesentazione ga ca ciconsente diicavae immediatamenteuna pima conclusione: pe un'impesa libea da vincoli nanziai le scelte di investimento sono deteminate soltanto dallo shock µe dal livello della poduttivitµa maginalef 0 (K )chedipendedallostockdesideatodicapitale. Inognipeiodo illivello ottimale di K puµo cambiaeasecondo dei valoi assunti da µ;ma nµe leealizzazionipassatenµe quellefutue in uenzano la decisione coente diinvestimento. Poichµe l'impesa non deveguadaeavanti(n eindieto) pe scegliee lo stock di capitale, la dinamica futua (epassata) delle vaiabili esogenenon in uenza la decisionecoentediinvestimento. 2.2 L'investimento con vincoliceditizi La conclusionepecedenteµebasata sulfatto chein ciascun peiodo ognidecisione di investimento µe indipendente da quello che accade negli alti peiodi. Rimane inalteata questa popietµa quando l'impesa opea in pesenza di vincoliceditizi? Pe discutee talequestione,assumiamo che l'ammontae massimo di cedito ottenibile da pate di una singola impesa sia pai ad una popozione m dello stockdicapitaleinizialek t disuapopietµa,sicch eillivellomassimodicapitale ottenibilenelpeiodosuccessivoµepaiak t (1+m): 3 Pe vedee come il valoe dell'impesa venga in uenzato da questo vincolo, consideiamo come cambia la politica diinvestimento quando c'µeuna baiea supeioe al cedito. Mente nelcaso pecedente l'investimento poteva assumee qualunque valoe,a seconda della ealizzazione del distubo;oa esso µe limitato supeiomente dalla baiea I t = K t m. Poichµe l'impesa sa che il nuovo investimento non potµa cescee, pe shockpositivi elevati, olte il limite ssato dal azionamento del cedito, ilvaloe coente dell'impesa, anche nell'ipotesi in cui talelimitenon venga mai aggiunto in futuo, isulta idotto della pate 3 Ta le divese fome di azionamento del cedito che sono state discusse nella letteatua quella qui ipotizzata coisponde al cosµidetto azionamento di tipo 1: il contatto di cedito de nisce sia il tasso di inteesse che l'ammontae massimo di cedito ottenibile (vedi Adeni messoi 1996). Hat e Mooe (1994) e Kyotaki e Mooe (1997) o ono una spiegazione di questo tipo di contatto: i ceditoi conoscono in anticipo il valoe di liquidazione del capitale, e quindi o ono un contatto di cedito il cui ammontae isulti sempe infeioe al valoe massimo dei beni o eti a gaanzia. Nel pesente modello si suppone quindi che lo stock di capitale K t abbia la funzione di collateal. 5

6 deipo ttiattesiche, sull'oizzontetempoale diifeimento, l'impesa avebbe ottenuto investendo ad un tasso supeioea quello compatibile con il vincolo nanziaio. La pincipale conseguenza di questa aspettativa µe che la cuva (di contollo) che descive la dinamica ta distubi esogeni µe capitale desideato isulta oa modi cata pechµe l'impesa anticipaal tempo coente il azionamento futuo quanti cando la pedita deipo ttiattesipotenzialinon ottenibilia causa delazionamento. Consideazionidi questo tipo si i ettono nelpoblema di massimo dell'impesa. Pe calcolaeilvaloe coente dell'impesa azionata supponiamo che K t (1+m) coincida con il capitale ottimale dell'impesa. In questo caso la soluzionegenealedelpoblema V RZ t dt=max fi s g E t f[µ t f(k t ) I t ]dt+e t (dv)g (7) sottoilvincoloi s K s mpes t;con0<m<1;isultaessee V RZ (K t ;µ t )=A(K t )µ n 1 t +B(K t )µ n 2 t + µf[k t(1+m)] dove RZ sta pe impesa azionata. Gli esponenti n 1 > 1 e n 2 < 0 sono le due adici 4 dell'equazione caatteistica chesiottiene isolvendo ilpoblema di pogammazionedinamica(7). A(K t )eb(k t )sonoinvecedue\costanti"dadeteminae che dipendono a loo volta dallo stock di capitale esistente in ciascun peiodo. Il tezo addendo a desta del segno uguale appesenta come diconsueto ilvaloe attuale deipo tti pepetui futuiche povengono dallo stockdi capitale inusok t (1+m):Se,comenelcasopecedente,noncifosseobaieel'investimentopotebbe uttuaelibeamente:diconseguenzaavemmochek t =K ;e chea(k t )eb(k t )saebbeoentambipaiazeopesoddisfaelaelazione(5). Ma se l'investimento ha una baiea supeioe a K t m dobbiamo chiedeci cosa accadealvaloeattualedell'impesa quando µ tendea esseecosµipiccolo e negativo da endee poco pobabile che nei peiodi immediatamentesuccessivil'impesa toviconvenientee ettuaeun nuovo investimento. In questo caso poichµeµe impobabilechei incontila baiea nell'immediato futuo si ha che V RZ (K t ;µ t ) = µf[kt(1+m)] : Ma pe µ che tende a 1 l'espessione µ n 2 t tende a cescee inde nitamente (veso +1) pechµe n 2 < 0: Ciµo implicheebbe che in pesenzadishockfotementenegativiilvaloedib(k t )µ n 2 t aumenti e con esso ilvaloe dell'impesa e l'investimento,invece ditendeea zeo comeµeeconomicamente logico. Pe questa agione nella equazione divalutazione(8) dobbiamo poeb(k t )=0;eisciveel'equazionecome (8). Vt RZ =A(K t )µ n1 t + µ tf(k t (1+m)) (9) q q1 4 Piµu pecisamente, le due adici sono pai a n 1 = ¾ > 1 e n 2 2 = ¾ < 0 2 6

7 L'alta \costante" deveesseeinveceisolta consideando ilcompotamento dell'impesa sulla baiea, I t = K t m: Poichµe come di consueto nel punto di ottimodeveesseevei catochevk RZ =1lapoliticadiinvestimentodell'impesa azionata devesoddisfael'equazione VK RZ =A 0 (K t )µ n 1 t + µf0 (K t (1+m)) =1 (10) Questaequazionedasolanonµepeµosu±cienteadeteminaeA 0 (K t )eilvaloe soglia di µ: Pe isolvee la (9), dobbiamo assicuaci che quando il vincolo µe stingentele vaiazioniin nitesimali diµnon endano convenienteall'impesa modi cae la sua politica diinvestimento,chein questo caso puµo solo signi cae undecementodii:devequindivei casichev Kµ =0;ovveoche V Kµ =A 0 (K t )nµ (n 1) t + f0 (K t (1+m)) Ponendoasistemaquestedueequazioni,eicodandochef(K)=K siicava A 0 (n 1)n 1 (K t ) = µ(k t ) = =0 (n) n n (K t (1+m)) n( 1) (11a) n n 1 (K t(1+m)) 1 (11b) La (11a)µepaticolamentesigni cativa. PoichµeA 0 (K t )µenegativo,lasoluzione A 0 (K t )µ n 1 associata alla adice positiva puµo essee intepetata come il valoe maginale del costo (oppotunitµa) che l'impesa subisce pe non pote investie oltelasogliaciticak t m:inaltitemini,essoappesentailvaloedelpo tto maginale a cui l'impesa deve inunciae a causa del azionamento del cedito. Evidentemente,seK t (1+m)µelostockmassimodicapitaleottenibilepatendo dalladotazionek t,l'impesasitovaainunciaeatuttiiendimentimaginali che deiveebbeo dagli ulteioi investimenti ealizzabili popio a patie da questostock. IntegandoA 0 (K t )sull'intevallo[k t (1+m);1);siottienequindi ilvaloetotale dei po ttipotenzialiche vanno pedutia causa del azionamento A(K t )= Z 1 K 0 (1+m) [A 0 (k)]dk= (n 1)n 1 (n) n n(k t(1+m)) n( 1)+1 n( 1)+1 Chiaamente,ancheA(K t )µenegativa. 5 Ilsuosigni catoeconomicodivieneevidente quando la si sostituisce nella (9): poichµe l'impesa anticipa la possibilitµa di incontae ilvincolo, il potenziale azionamento del cedito iduce il valoe attualedeipo ttiattesiequindiilvaloedell'impesa. 5 Pe ottenee una soluzione nita, la condizione necessaia di convegenza ichiede che sia su±cientemente infeioe ad uno in modo tale che n( 1) +1 < 0: 7

8 3 Razionamento e investimento L'alta condizione(11b) descive la elazionechelega le vaiazionidi µ a quelle dello stockdesideato dicapitale nel caso diazionamento. Questa espessione di eiscedalla(5)pelapesenzadelfattoemoltiplicativo n1 :Datochen n 1 1 1>1; questo fattoeµe maggioe dell'unitµa. La pincipale conseguenza di ciµo µe che, a paitµa dicapitale,ispetto all'impesa non soggetta a vincolati nanziai quella azionata deve speimentae shock elativamente piµu elevati pe essee indotta ad investie. Ovveo,in pesenza di un medesimo shock l'impesa azionata desidea uno stock di capitale infeioe. Pe illustae questa poposizione,nella gua 1 µe ipotata la cuva RZ che descive la soglia citica che deve aggiungee il distubo µ a±nchµe l'impesa tovi conveniente e ettuae l'investimento massimo K t m, ovveodeteneenelpuntodiottimolostockdicapitalek t (1+m). L'equazione della cuva RZ coispondealla(11b) chequiipotiamo µ RZ (K t )= n n 1 (K t(1+m)) 1 Questa elazione implica che la cuva RZ giace piµu in alto della NR. Dalla (6) e dalla (11b) possiamo diettamente icavae ivaloidello stock di capitale desideato in coispondenza delle due cuve e µ K NR = 1 µ NR µ K RZ K t (1+m)= 1 1 n n µ RZ Peuno stesso livello dello shock, ossia quando µ RZ =µ NR ;combinando ledue pecedentiequazionisiha µ n K RZ =K NR n Questa elazioneillusta la pecedentepoposizione. Dato che ³ 1 n 1 <1, a n 1 paitµa di distubo,il capitale desideato dell'impesa azionata µe infeioe a quello dell'impesa non vincolata. 3.1 Lapoliticadiinvestimento Finoa abbiamo visto come ilazionamento altei lo stock dicapitaledesideato dall'impesa. Pe illustae come il azionamento in uenzi anche la politica di investimento, nella gua 1 µe indicata una teza cuva, indicata con CM, che descive pe ogni livello iniziale dello stock di capitale K t quale soglia citica debba aggiungeeildistubo µa±nchµe le impesetovino convenientee ettuae 8

9 un nuovo investimento pai al cedito massimo K t m. La sua equazione viene icavata dalla(11b) µ CM (K t ) µ (1+m) 1 = n n 1 (K t) 1 La distanza oizzontale ta le cuvecm e RZ misua ilmassimo investimento ealizzabilek t m: Con queste te cuve a disposizioneµe oa possibile descivee la vaiazione dell'investimento ispetto al caso di assenza di vincoli. Quando VK RZ > 1; il valoe maginale dell'impesa azionata µe supeioe al costo di nanziamento del nuovo pogetto. Dunque,l'impesa investe,ma pe un ammontaenon supeioe aquello ssatodalvincolodicedito. θ CM RZ θ 0 K t m azionamento NR θ 1 θ 2 θ 3 K t K t (1+m) K* Figua 1: Investimento eazionamento Se, ad esempio, il capitale iniziale µe K t e si vei ca uno shock pai a µ 0 ; l'impesa in assenza di vincolitoveebbeottimale investie no a aggiungee il livello K (vedi gua 1). La pesenza di un vincolo di cedito impedisce peµo all'impesa diotteneequesto stockdi capitale: l'investimento massimo deve essee non supeioe a K t m; e quindi la di eenza K K t (1+m) µe la misua del azionamento. In alti temini,quando il distubo aggiunge il punto citicoµ CM (K t )lungolacm;l'o etadiceditodivienepefettamenteigidain manieataledaimpediechel'investimentopossaesseesupeioeak t m:quindi, poichµe l'investimento puµo cescee libeamente solo nell'aea compesa ta le due 9

10 cuvecm e RZ ma non puµo supeaeillimitesupeioeappesentato dalla distanza veticale ta leduecuve,la elazione CM sicon gua come una baiea i ettente del pocesso stocastico µ: al valoe soglia µ CM (K t ) l'impesa investe aumentandolostock noak t (1+m);ovveospostandosiadestalungolaRZ: Questo aspetto µe esempli cato nella gua 1,dove una ealizzazione del distubo µ CM (K t ) = µ 0 povoca un investimento pai a K t m. µe inolte chiao che pe shocksupeioiaµ 0 l'investimentononpuµoaumentaeequindiilazionamento cesce in popozione. Un isultato economicamente ilevante si vei ca quando il valoe dello shock µe compeso ta le due cuve CM e RZ: Sempe con ifeimento alla gua 1, questo µe il caso in cui µ 0 < µ 1 < µ 2. Poichµe al di sopa della RZ si ha che VK RZ > 1; l'investimento µe positivo ma minoe di K t m: l'impesa investe pe un ammontae su±ciente a itonaesu RZ. In questo caso, benchµel'impesa non sia azionata, la cuva NR;dove si tova il capitale ottimale in assenza di vincoli,non viene comunque aggiunta. Il motivo µe che l'atteggiamento fowadlooking dell'impesa anticipa al peiodo coente la possibilitµa delazionamento futuo sebbene al momento il vincolo non sia stingente. Tecnicamente,ciµo accade pechµein pesenza del vincolo nanziaio l'impesa tova ottimale tonae su RZ dovevk RZ µe uguale a 1,signi cando quindi che la sua cuva didomanda di capitale cambia anche quando il vincolo non µe opeativo. Se l'investimento fosse maggioediquello necessaio a soddisfaela condizione (11b), citoveemmo quindisottolacuvarzdovevk RZ <1datoilvincolodi nanziaio. Ilpotenziale azionamento del cedito ende,dunque,meno che ottimale investiein modo tale da uguagliae il po tto maginaledel capitale coente al costo d'uso anche n quando ilvincolo\non mode". Dato che >1;ilvaloeattualedelpo tto n 1 maginale ottimale isulta maggioe di quello che si avebbe in assenza del vincolo ceditizio,implicando che lo stock desideato di capitaleµe infeioe. In linea con questa conclusione,siossevi inolte che se una misua dipolitica economica contibuisse a idue ilpeso del vincolo ceditizio iducendo il coe±cientem,ilpesodelmoltiplicatoe n imaebbecomunqueinvaiato,inquanto n 1 indipendente da m: Quindi pe quanto il azionamento possa essee idotto, la cuvarz imaebbesempealdisopadellanr. Un isultato coeente con quanto appena a emato lo si ottiene quando lo shockµe infeioe a quello che soddisfa la baiea RZ;pe esempio µ 3 : Quando ciµo accade, pe l'impesa µe conveniente disinvestie no a tonae sulla cuva, dove di nuovo VK RZ = 1. La pincipale implicazionediquesto compotamento anticipativo µe quella di endee piµu fote il vincolo di azionamento. Poichµe infatti ilmutuataio o e un ammontae di fondi in popozione allo stock di capitale in possesso dell'impesa,minoeµe questo stock e minoeµe il cedito ottenibile. In questo senso l'atteggiamento dell'impesa tende a innescae un cicuito negativo: in pesenza di una fase di allentamento economico l'impesa viene penalizzata piµu di quanto saebbe accaduto se la stessa impesa avesse avuto un compotamento miope. Da questo punto di vista,quindi,il azionamento µe un fenomeno causato 10

11 non solo dallescelteottimali dell'o eta (Hodgman 1960) ma anchedallescelte ottimalidella domanda. 4 Conclusioni In questo lavoo abbiamo analizzato le decisioni di investimento in pesenza di azionamento e abbiamo studiato come questo vincolo nanziaio altei il meccanismo che egola la domanda di isose da pate dell'impesa. Nel modello che abbiamo pesentato il azionamento delcedito tende difattia in uenzae la domanda di investimento in ogni peiodo anche quando il vincolo non µe stingente. In pesenza di azionamento del cedito,poichµe l'investimento potenziale di un'impesa µe limitato supeiomente dall'o eta di isose nanziaie messe a disposizione dal mutuataio, il valoe atteso dell'impesa µe complessivamente minoediquello che si avebbe in assenza del vincolo,e conseguentementeµe infeioesia ilsuo investimento e ettivo,in ciascun peiodo,che lo stockdesideato di capitale. La cuva di domanda dicapitale dell'impesa azionata giace quindi sempe al di sotto di quella dell'impesa non vincolata. Olte a ciµo,la sequenza tempoaledella ealizzazionedeglishockpuµo esseetaleda induel'impesa a scegliee una dotazione di capitale via via infeioe, e quindi a idue il valoe dello stock che ilmutuataio utilizza come collateale pe calcolae il cedito massimo nanziabile. Quandociµoaccadel'impesaentainuncicoloviziosopechµe non solo desidea uno stock infeioedi capitale,ma limita ulteiomente le sue pospettive di cescita accescendo la pobabilitµa di essee azionata in futuo. Di ecente Aizeman emaion(1999) hanno concluso una loo indaginesulla elazioneta investimento evincolidi nanziamento mostando comeilazionamento del cedito ende inelastica al tasso dell'inteesse la cuva di o eta di cedito una volta aggiunta la soglia massima dei fondi pestabili. Il vincolo nanziaio impedisce la cescita dell'investimento nelle fasi espansive quando la domanda di investimento µe maggioe dell'o eta di cedito,senza mitigane la iduzione nelle fasi ecessive del ciclo. Tuttavia,nel loo lavoo la cuva di domanda di investimento non subisce alcuna modi cazione in pesenza di azionamento. Evidentemente, questa conclusione viene messa in discussione dai isultati aggiuntiin questo lavoo: come abbiamo mostato sopa l'atteggiamento fowadlooking dell'impesa anticipa al peiodo coente la possibilitµa delazionamento futuo anche quando al momento il vincolo non µe opeativo. Quindi,il semplice ischio diazionamento puµo aveein ognipeiodo e etti negativisulla domanda di investimento,anchein pesenza diuna cuva di o eta pefettamente elastica, e quindipuµo in uenzae la dinamica complessiva dell'investimento. Iisultatiquiottenutisiifeiscono a un modello molto semplice. Talemodello µetuttavia adatto a sviluppae in maniea piµu conceta quella pospettiva dinamica alla base del meccanismo anticipativo di azionamento. Hubbad (1998) suggeisce ad esempio di tattae in un unico famewok i vincoli nanziaie 11

12 quellidi ievesibilitµa. Evidentemente,peµo questa fusioneµe tecnicamente possibileassumendo cheibenicapitalisiano almeno pazialmenteevesibili,a±nchµe lo stock dicapitalepossa ancoa essee utilizzato come foma di collateale nel contatto dicedito. Se, dunque, a fonte di un tetto supeioe all'espansione dell'investimento vieneposto un vincolo infeioe di(paziale) ievesibilitµa del capitale,µe possibile geneae una dinamica ciclica che si autosostiene, in cui la dotazionedi capitale in ciascun peiodo puµo essee ottimaleo meno a secondo della ealizzazione deldistubo che ha in uenzato l'investimento nei peiodi pecedenti. 6 In ne,µe stato piµu volte ossevato cheilmodello di investimento alla Jogenson,ma anche quelli con ievesibilitµa appesentano in maniea insoddisfacente la dinamica aggegata dell'investimento che, come mostano i fatti stilizzati, si compota in maniea meno volatile diquella pevista daimodelliappena citati (Betola e Caballeo (1994)). Paallelamente, idati empiicitendono ad avvaloael'ipotesiche iltasso dell'inteesse non spieghiin maniea soddisfacenteil po lotempoaledegliinvestimenti. 7 L'insiemediquesteossevazionipuµoessee un indizio del fatto che l'inezia dell'investimento aggegato possa essee causata dall'esistenza di vincolidiquantitµa piuttosto che dipezzo, iqualifenano non solo le scelteespansivedeiceditoima anchequelledelleimpese. In questo contesto quindi,ilpo lo aggegato dell'investimento,tendenzialmente poco dinamico nellefasiespansivedelciclo, potebbeesseeilisultato didinamiche micoeconomicheeteogeneepenalizzatedaivincolidiazionamento. Rifeimentibiblioga ci Aizeman J., N. Maion (1999), Volatilityand investment: Intepeting evidence fom developing counties,economica 66,155{79. Betola G., R.J.Caballeo (1994),Ievesibility and aggegate investment, Review ofeconomic Studies,223{46. FazzaiS.,M.Athey(1987),Asymmeticinfomation, nancing constaints, and investment,review ofeconomic Studies,481{87. 6 In questa situazione saebbe possibile che l'impesa si tovi in un ceto peiodo con una dotazione di capitale supeioe a quella posta a disposizione dal vincolo nanziaio. Nella misua in cui questo si vei ca, l'impesa potebbe addiittua tovae conveniente idue ulteiomente lo stock desideato di capitale pe non incoee nel ischio di scopisi in futuo sovadimensionata ispetto alla domanda. Con ifeimento al pesente modello, l'inclusione di un vincolo di evesibilitµa paziale coisponde alla intoduzione di una baiea infeioe ( oo) che unitamente al limite supeioe di azionamento (ceiling) cea un coidoio endogeno all'inteno del quale isulta contenuta la dinamica dell'investimento. 7 Pe esempli cae, pe l'economia Italiana negli anni 90 la iduzione del appoto Investimento/Pilµe spesso coinciso con una diminuzione dell'inteesse eale medio pagato dalle impese sul capitale di debito. 12

13 Fazzai S., G. Hubbad,, B. Petesen (1988), Financing constaints and copoateinvestment,bookings Papes on Economic Activity,141{95. Hodgman O. (1960), Cedit isk and cedit ationing, Quately Jounal of Economics 74,258{78. Hubbad R.G.(1998),Capital-maket impefections and investment,jounal ofeconomic Liteatue XXXVI,193{225. Ja ee D., J. Stiglitz (1990), Cedit Rationing, Chapte 16, pp. 837{888, Amstedam: Noth Holland. Keeton W.(1979),Equilibium Cedit Rationing,New Yok: Galand Pess. Kiyotaki N.,J.Mooe(1997),Cedit cycles,jounalofpoliticaleconomy105, 211{248. Myes S. C. (1974), Inteactions of copoate nancing and investment decisions- implications fo capital budgeting,jounalof nance 29,1{25. StiglitzJ. E., A. Weiss (1981), Cedit ationing in makets with impefect infomation,ameican Economic Review 71,393{410. Appendice Utilizzando illemma diito etenendo conto delpocesso stocastico speci cato nella(1),otteniamo un'espessione pe il guadagno atteso in conto capitale: E t (dv)=v K dk+ 1 2 ¾2 µ 2 tv µµ dt Sostituendo la pecedente espessionenell'equazionedibellman(4) ed omettendo pe bevitµa gli agomenti delle funzioni,si ha: V =max I E t ½ [µf(k) I]+V K I+ 1 2 ¾2 µ 2 V µµ ¾ La condizionedelpimo odineconsentedideteminaeilcapitaledomandato: V K =1 (A.1) Tenendo conto di questa condizione,l'equazione di Bellman diviene: V =µf(k)+ 1 2 ¾2 µv µµ La cui coispondente equazione caatteistica µe =µf(k)+ 1 2 ¾2 n(n 1) 13

14 Sesiescludono bollespeculative,il valoedell'impesa isultante dalla soluzione di questa equazione di eenziale e V(µ;K)= µf(k ) (A.2) 14

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM CPITOLO 11 La domanda aggegata II: applicae il modello - Domande di ipasso 1. La cuva di domanda aggegata appesenta la elazione invesa ta il livello dei pezzi e il livello del eddito nazionale. Nel capitolo

Dettagli

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM CAPITOLO 10 La domanda aggegata I: il modello IS-LM Domande di ipasso 1. La coce keynesiana ci dice che la politica fiscale ha un effetto moltiplicato sul eddito. Infatti, secondo la funzione di consumo,

Dettagli

Valore finanziario del tempo

Valore finanziario del tempo Finanza Aziendale Analisi e valutazioni pe le decisioni aziendali Valoe finanziaio del tempo Capitolo 3 Indice degli agomenti. Concetto di valoe finanziaio del tempo 2. Attualizzazione di flussi futui

Dettagli

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va CAPITOLO Il eddito nazionale: da dove viene e dove va Domande di ipasso. I fattoi di poduzione e la tecnologia di poduzione deteminano il livello della poduzione aggegata di un sistema economico. I fattoi

Dettagli

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica Investimento L investimento è l aumento della dotazione di capitale fisico dell impesa. Viene effettuato pe aumentae la capacità poduttiva. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (5) L investimento In queste

Dettagli

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica IL CALCOLO FINANZIARIARIO You do not eally undestand something unless you can explain it to you gandmothe (A.Einstein) Calcolo finanziaio Intoduzione Economia dell impesa foestale: Bilancio Pianificazione

Dettagli

5. CAMBIO. 5.1. descrizione

5. CAMBIO. 5.1. descrizione ambio powe - shift 5. AMBIO 5.. descizione Tattasi di cambio meccanico a te velocità avanti e te velocità indieto, ealizzate mediante cinque iduttoi epicicloidali vaiamente collegati ta loo. Tutte le cinque

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO 1 La siepe Sul eto di una villetta deve essee ealizzato un piccolo giadino ettangolae di m, ipaato da una siepe posta lungo il bodo Dato che un lato del giadino è occupato

Dettagli

La spesa per assistenza

La spesa per assistenza Obiettivo della lezione La spesa pe assistenza Studiae le motivazioni teoiche che cecano di spiegae gli inteventi di edistibuzione vei e popi (ad es. contasto della povetà) mediante stumenti monetai nell

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR La clessida ad acqua Ipotizziamo che la clessida ad acqua mostata in figua sia fomata da due coni pefetti sovapposti La clessida impiega,5 minuti pe svuotasi e supponiamo

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Energia potenziale e dinamica del punto materiale

Energia potenziale e dinamica del punto materiale Enegia potenziale e dinamica del punto mateiale Definizione geneale di enegia potenziale (facoltativo) In modo geneale, la definizione di enegia potenziale può esee pesentata come segue. Sia un punto di

Dettagli

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale Disequazioni 1 11 Intevalli sulla etta eale Definizione 11 Dati due numei eali a e b, con a < b, si chiamano intevalli, i seguenti sottoinsiemi di R: a, b) = {x R/a < x < b} intevallo limitato apeto, a

Dettagli

11-09-2014. ü Fondi per rischi e oneri. ü Esempio. ü Trattamento di Fine Rapporto. ü Destinazione del TFR differenti modalità (scelta del dipendente)

11-09-2014. ü Fondi per rischi e oneri. ü Esempio. ü Trattamento di Fine Rapporto. ü Destinazione del TFR differenti modalità (scelta del dipendente) 1 ü Fondi pe ischi e onei ü Esempio ü Tattamento di Fine Rappoto ü Destinazione del TFR diffeenti modalità (scelta del dipendente) ü Rappesentazione in bilancio ü Liquidazione del TFR 2 1 STATO PATRIMONIALE

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Foza centipeta e foze appaenti Foza gavitazionale 03/11/011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Sistema di ifeimento ineziale: un sistema in cui è valida la pima legge di Newton (I legge della

Dettagli

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua)

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua) Fancesca Sanna-Randaccio Lezione 8 SELTA INTERTEMPORALE (continua Valoe attuale nel caso di più peiodi Valoe di un titolo di cedito Obbligazioni Obbligazioni emesse dalla Stato. Relazione ta deficit e

Dettagli

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso eanko & aeutigam icoeconomia anuale delle oluzioni Capitolo 16 La teoia dell equilibio geneale Soluzioni delle Domande di ipao 1. L analii di equilibio paziale tudia la deteminazione del pezzo e della

Dettagli

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione Appofondimento 7.5 - Alti tipi di coefficienti di coelazione Il coefficiente di coelazione tetacoico e policoico Nel 900 Peason si pose anche il poblema di come misuae la coelazione fa caatteistiche non

Dettagli

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario.

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario. LICEO SCIENTIFICO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (AMERICHE) SESSIONE ORDINARIA Il candidato isolva uno dei due poblemi e degli 8 quesiti scelti nel questionaio. N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo

Dettagli

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO 0 Dispositivo speimentale Consideiamo pe semplicità un campo magnetico unifome, le linee di foza sono paallele ed equidistanti. Si osseva una foza di oigine

Dettagli

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820.

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. La magnetostatica Le nozioni appese acquisite nel coso dei secoli sui fenomeni magnetici fuono schematizzate elativamente tadi ispetto alle pime ossevazioni,

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di lettotecnica Coso di lettotecnica - Cod. 900 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed utomatica Polo Tecnologico di lessandia cua di Luca FRRRIS Scheda N Sistemi tifase:

Dettagli

IL CONTROLLO STATISTICO DEI PROCESSI

IL CONTROLLO STATISTICO DEI PROCESSI IL CONTOLLO STATISTICO DEI POCESSI Il controllo statistico dei processi 1 CONTOLLO STATISTICO DEL POCESSO VAIABILITA DEI POCESSI FATTOI INTENI MATEIALI MACCHINE STUMENTI DI TEST POCESSO OPEATOE TEMPO CONTOLLI

Dettagli

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto Appofondimento 5.7 Alti metodi statistici pe valutae la validità di costutto Le pocedue pe la valutazione della validità di costutto di un test sono vaie, ma hanno tutte in comune come punto di patenza

Dettagli

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA . L'IMPULS 0 DI MT IL MMENT NGLRE E IL MMENT D INERZI Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in otazione può continuae a giae

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso L enegia e la quantità di moto -. L impulso Il momento angolae e il momento d inezia Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s STATICA EX Una cassa di massa m=5kg è fema su una supeficie oizzontale scaba. Il coefficiente di attito statico è µ s = 3. Supponendo che sulla cassa agisca una foza F fomante un angolo di 30 ispetto al

Dettagli

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Dottoato di Riceca in Tecnologie dell Infomazione XXIV Ciclo Andea Rossi REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO

Dettagli

Gli effetti dell internazionalizzazione produttiva sulla domanda di lavoratori delle imprese logistiche nelle regioni italiane

Gli effetti dell internazionalizzazione produttiva sulla domanda di lavoratori delle imprese logistiche nelle regioni italiane Gli effetti dell intenazionalizzazione poduttiva sulla domanda di lavoatoi delle impese istiche nelle egioni italiane Elena Maggi*, Stefano Elia^, Ilaia Maiotti * Univesità del Molise, Facoltà di Economia,

Dettagli

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata Potenziale elettico pe una caica puntifome isolata Consideiamo una caica puntifome positiva. Il campo elettico geneato da uesta caica è: Diffeenza di potenziale elettico ta il punto ed il punto B: B ds

Dettagli

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora 8. Teoemi di uclide e di Pitagoa 8.1 igue equiscomponibili ue poligoni sono equiscomponibili se è possibile suddivideli nello stesso numeo di poligoni a due a due conguenti. Il ettangolo e il tiangolo

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria Univesità degli Studi della Tuscia di Vitebo Dipatimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agaia Univesità degli Studi della Tuscia Dottoato di Riceca in Scienze Ambientali XIX Ciclo

Dettagli

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo 4 Polaizzazione elettica nel dominio del tempo Intoduzione Atomi, molecole e ioni sono talmente piccoli che da un punto di vista macoscopico una piccola egione di un solido contiene un numeo molto elevato

Dettagli

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it Soenoide GRANDEZZE MAGNETICHE Pof. Chiizzi Maco www.eettone.atevista.og maco.chiizzi@ibeo.it PREMESSA La pesente dispensa ha come obiettivo queo di gaantie agi aievi de coso di Fisica de biennio, ad indiizzo

Dettagli

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo Lezione 6. Livello e finanziamento del caitale oduttivo Il fabbisogno di fondi delle imese coisonde all eccesso della sesa e investimenti isetto all autofinanziamento, integato dall accumulo di nuove attività

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Teoia delle onde EM e popagazione (B. Peite) mecoledì 8 febbaio 1 Coso di Compatibilità Elettomagnetica 1 Indice degli agomenti Fenomeni ondulatoi La matematica dell onda La legge

Dettagli

Ece srl. Accreditata alla formazione presso la Regione Marche con D.G.R. n 341/FOP. Novembre 2013. Società di Ingegneria

Ece srl. Accreditata alla formazione presso la Regione Marche con D.G.R. n 341/FOP. Novembre 2013. Società di Ingegneria Novembe 2013 Ece sl Società di Ingegneia SICUREZZA QUALITA AMBIENTE PROGETTAZIONI MISURAZIONI AGENTI FISICI CONSULENZA TECNICO-LEGALE Acceditata alla fomazione pesso la Regione Mache con D.G.R. n 341/FOP

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica B() (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

THERMAL DESIGN COURSE

THERMAL DESIGN COURSE Resp. del contenuto - Subject esponsible Resp. del documento/appovato - Doc.espons./Appoved Contollato - Checked 1(22) THERMAL DESIGN COURSE Table of contents 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Genealità... 3 1.2

Dettagli

ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO

ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO Univesità degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Natuali Coso di lauea in Fisica ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO (Codici

Dettagli

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare 5.1 Deteminazione delle distanze dei copi del istema olae 5.1.1 Distanza ea-pianeti aallassi equatoiali Questo è il metodo più peciso ma anche quello più delicato da eseguie. Esso si basa sul fatto che

Dettagli

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica Politecnico di Milano Dipatimento di Fisica G. Valentini Meccanica I INDICE LA FISICA ED IL METODO SPERIMENTALE. INTRODUZIONE. IL METODO SPERIMENTALE GRANDEZZE FISICHE ED INDICI DI STATO 4. DEFINIZIONE

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica () (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA 6 INDUZIONE ELETTOMAGNETIA Patendo dall ipotesi di simmetia dei fenomeni natuali pe cui se una coente esecita un influenza su di una calamita così una calamita deve pote modificae lo stato di una coente

Dettagli

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione Quadeni di laboatoio 009 Una non paabola: la catenaia con qualche cenno al calcolo della sua equazione fanco ghione x y(x) = c ec + e " x c = c cosh( x c ) Una non paabola: la catenaia con qualche cenno

Dettagli

Il Modello IS-LM: Politiche Fiscali e Monetarie

Il Modello IS-LM: Politiche Fiscali e Monetarie Il Modello IS-LM: Politiche Fiscali e Monetaie In questa lezione: Facciamo Espeimenti di Politica Economica con la IS e la LM Consideiamo l impatto sull equilibio economico di Politiche Fiscali Consideiamo

Dettagli

P A. TELEGROUP Professional manufacturer

P A. TELEGROUP Professional manufacturer Genealità Una buona utilizzazione dell enegia elettica non si aggiunge solo col idue od evitae gli spechi (cuae l isolamento degli impianti, impiegae utilizzatoi adatti, etc), ma anche con un azionale

Dettagli

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte FISICA-TECNICA Tasmissione del caloe II pate Katia Gallucci Geometie cilindiche Vediamo oa quando abbiamo paeti cilindiche: e i L Q ka Q e Q i kπl( Te Ti ) Q e i d dt d kπl kπldt e d Q kπl i kπl( T e Te

Dettagli

Classificazione delle linee di trasmissione

Classificazione delle linee di trasmissione Classificazione delle linee di tasmissione Linee TEM (Tansvese Electic Magnetic) Coassiale Bifilae (doppino) Stipline Linee quasi_tem Micostip Linee a due conduttoi con mezzo non unifome Linee non-tem

Dettagli

Compendio sui Sensori

Compendio sui Sensori Compendio sui Sensoi Gli Inteuttoi di Posizione pemettono il ilevamento mediante il contatto fisico dietto (fine cosa); l oggetto dunque, poggia fisicamente sopa l inteuttoe chiudendo e/o apendo un contatto;

Dettagli

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI www.matefilia.it Assegnata la funzione y = f(x) = e x 8 SIMULAZIONE - APRILE 5 - QUESITI ) veificae che è invetibile; ) stabilie se la funzione invesa f è deivabile in ogni punto del suo dominio di definizione,

Dettagli

Cuscinetti Di Precisione

Cuscinetti Di Precisione Cuscinetti Di Pecisione Cuscinetti a ulli di pecisione Indice dei contenuti Descizione tecnica 1 Selezione 1-1 Pocedua di selezione... 2 1-2 Esame tipo di... 3 2 Duata 2-1 Coeffi ciente di caico dinamico

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte Gestione ell Inventaio. Politiche i gestione elle scote.. Moelli singolo punto, singolo pootto, omana eteministica costante Gli appovvigionamenti sono peioici e l obiettivo è minimizzae il costo meio nel

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE PTNZIL LTTRIC D NRGI PTNZIL Ba. Una caica elettica q mc si tova nell oigine di un asse mente una caica negativa q 4 mc si tova nel punto di ascissa m. Sia Q il punto dell asse dove il campo elettico si

Dettagli

La Commissione definisce i SETTORE DI ATTIVITÀ pertinenti agli indirizzo di studio. Gli Studenti esprimono PREFERENZE sul SETTORE di ATTIVITÀ

La Commissione definisce i SETTORE DI ATTIVITÀ pertinenti agli indirizzo di studio. Gli Studenti esprimono PREFERENZE sul SETTORE di ATTIVITÀ ZZZLWFJFDODPDQGUHLLW 9LD0LOD]]R 6HOH]LRQDUHOHD]LHQGHDVVHJQDUOHDOOHFODVVLLQGLYLGXDUHORVWDJLVWD 6FKHGD,7(5 La Commissione definisce i SETTORE DI ATTIVITÀ petinenti agli indiizzo di studio YHGLVFKHGD Gli

Dettagli

Campo magnetico: fatti sperimentali

Campo magnetico: fatti sperimentali Campo magnetico: fatti speimentali Le popietà qualitative dei magneti e la pesenza di un campo magnetico teeste eano conosciute da tempo, ma le pime misue quantitative e le teoie e gli espeimenti pe deteminane

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE http://imagelab.ing.unimo.it Dispense del coso di Elaboazione di Immagini e Audio Digitali GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE Pof. Robeto Vezzani Calibazione della telecamea: a cosa seve? Obiettivo: pote calcolae

Dettagli

Pensaci bene prima di proseguire Sei sicuro di avere fatto tutti gli sforzi necessari per risolvere i problemi.

Pensaci bene prima di proseguire Sei sicuro di avere fatto tutti gli sforzi necessari per risolvere i problemi. 96 Allcunii iisullttattii degllii eseciizii poposttii Pensaci bene pima di poseguie Sei sicuo di avee fatto tutti gli sfozi necessai pe isolvee i poblemi. 97 Pima di ispondee alle domande dei divesi esecizi,

Dettagli

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi FI.CO. 2 ( Fisica Compensibile pe geologi) Pogamma di Fisica 2 - (v 5.0-2002)...sempe più fico! A.J. 2000 Adiano Nadi La fisica dovebbe essee una scienza esatta. Questo papio non può gaantie la totale

Dettagli

Capitolo I La radiazione solare

Capitolo I La radiazione solare W. Gassi Temoenegetica e Rispamio Enegetico in Edilizia Cap. La adiazione solae - Capitolo La adiazione solae - Genealità Lo spetto di emissione solae (exta atmosfeico) è itenuto equivalente a quello di

Dettagli

Successioni e Progressioni

Successioni e Progressioni Successioi e Pogessioi Ua successioe è ua sequeza odiata di umei appateeti ad u isieme assegato: ad esempio, si possoo avee successioi di umei itei, azioali, eali, complessi Il pimo elemeto della sequeza

Dettagli

Polo Universitario della Spezia G. Marconi

Polo Universitario della Spezia G. Marconi Nicolò Beveini Appunti di Fisica pe il Coso di lauea in Infomatica Applicata Polo Univesitaio della Spezia G. Maconi Nicolò Beveini Appunti di fisica Indice 1. La misua delle gandezze fisiche... 4 1.1

Dettagli

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO 4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO Analogamente al caso dei fenomeni elettici anche i fenomeni magnetici eano noti sin dagli antichi geci i quali denominaono il mineale poveniente dalla egione di in Macedonia

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. AL COMUNE DI * Pietrastornina 0 6 4 0 7 3

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. AL COMUNE DI * Pietrastornina 0 6 4 0 7 3 MOD. COM 1 ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE AL COMUNE DI * Pietastonina 0 6 4 0 7 3 Ai sensi del d. lgs. 114/1998 (att. 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscitto di nascita

Dettagli

Regolatore compatto per Modbus 227PM-MB

Regolatore compatto per Modbus 227PM-MB Regolatoe compatto pe Modbus 7PM-MB Regolatoe compatto pe Modbus 7PM-MB Il egolatoe compatto 7PM-MB è un'unità completa, compensiva di un attuatoe pe Modbus con sensoe di pessione diffeenziale dinamica

Dettagli

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI CORRENT ELETTRCHE E CAMP MAGNETC STAZONAR Foze magnetiche su una coente elettica; Coppia magnetica su una coente in un cicuito chiuso; Azioni meccaniche su dipoli magnetici; Applicazione (Galvanometo);

Dettagli

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali Il citeio media vaianza Il citeio media vaianza è un alto esemio di odinamento aziale ta lotteie definito da a M b se la lotteia b domina la lotteia a se ha media sueioe e vaianza infeioe a b eσ a σ b

Dettagli

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica Lezione 18 Campo magnetico I Stoicamente, i geci sapevano che avvicinando un pezzo di magnetite a della limatua di feo questa lo attaeva. La magnetite ea il pimo esempio noto di magnete pemanente. Come

Dettagli

Oro colloidale. il tuo alleato nella lotta contro il tempo

Oro colloidale. il tuo alleato nella lotta contro il tempo C O L L E Z I O N E L A B E L L E Z Z A N O N H A E T À T R A T T A M E N T O D I L U S S O P E R L E P E L L I M A T U R E Oo colloidale il tuo alleato nella lotta conto il tempo La linea cosmetica Gold

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA IN PROVINCIA DI BELLUNO

LA SITUAZIONE ENERGETICA IN PROVINCIA DI BELLUNO LA SITUAZIONE ENERGETICA IN PROVINCIA DI BELLUNO ARPAV Dipatimento Povinciale di Belluno Pogetto e ealizzazione Sevizio Sistemi Ambientali Rodolfo Bassan Mico Pollet pag. 2 Intoduzione L Unione Euopea

Dettagli

La scheda del progetto dovrà pervenire in formato digitale, all indirizzo-mail indicato, riportando

La scheda del progetto dovrà pervenire in formato digitale, all indirizzo-mail indicato, riportando Schede dei Pogetti contenuti nel Pogamma (da compilasi pe ogni singolo pogetto) La scheda del pogetto dovà pevenie in fomato digitale, all indiizzo-mail indicato, ipotando all oggetto Pogamma Povinciale

Dettagli

Manipolazione ottica in cristalli liquidi nematici: effetti non locali della riorientazione

Manipolazione ottica in cristalli liquidi nematici: effetti non locali della riorientazione Univesità Politecnica delle Mache Scuola di Dottoato di Riceca in Scienze dell Ingegneia Cuiculum in Ingegneia dei Mateiali, delle Acque e dei Teeni ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

Grandezze cinematiche angolari (1)

Grandezze cinematiche angolari (1) Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. MOTO CIRCOLARE UNIFORME FISICA CdL Tecnologie Agoalimentai Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. Genealità () Moto di un punto mateiale lungo una ciconfeenza

Dettagli

Approccio olistico o decostruttivo. (Rev.1 gennaio 2005)

Approccio olistico o decostruttivo. (Rev.1 gennaio 2005) Bologna 5 novembe 004 Validazione dei metodi e incetezza di misua nei laboatoi di pova addetti al contollo di alimenti e bevande Appoccio olistico o decostuttivo (Rev.1 gennaio 005) Gaziano Bonacchi ARPAT

Dettagli

Misure di RAP risk-adjusted performance

Misure di RAP risk-adjusted performance Misue di RAP isk-adjusted eomance Indice di Shae e M-quado Indice di Teyno Tacking Eo e Inomation Ratio Indice di Sotino 28 Indice di Shae Pemio e unità di ischio totale, o ewad to vaiability S µ z µ P

Dettagli

Antenne: generalità Nel caso di condizioni di campo lontano si possono individuare grandezze caratteristiche della radiazione.

Antenne: generalità Nel caso di condizioni di campo lontano si possono individuare grandezze caratteristiche della radiazione. ntenne: genealità Dispositivo utilizzato pe iadiae o icevee in maniea efficace le onde e.m. ntenne tasmittenti e iceventi sono fomalmente simili (ecipocità). Esistono antenne adatte ed ottimizzate pe ceti

Dettagli

Circuiti e componenti ottici

Circuiti e componenti ottici Coso di Lauea in Ingegneia delle elecomunicazioni Sede di Femo A.A. 4-5 Laboatoio di Cicuiti e componenti ottici Intefeometo, pincipio di funzionamento e applicazioni. Studente Giovanni Pelliccioni. Pe

Dettagli

Un modello di ricerca operativa per le scommesse sportive

Un modello di ricerca operativa per le scommesse sportive Un modello di iceca opeativa pe le commee potive Di Citiano Amellini citianoamellini@aliceit Supponiamo di dove giocae una ceta omma di denao (eempio euo ulla patita MILAN- JUVE Le quote SNAI ono quelle

Dettagli

INFORMAZIONE TECNICA SISTEMI DI SCARICO DOMESTICO RAUPIANO PLUS E RAUPIANO LIGHT. Valido da Maggio 2013 Salvo modifiche tecniche www.rehau.

INFORMAZIONE TECNICA SISTEMI DI SCARICO DOMESTICO RAUPIANO PLUS E RAUPIANO LIGHT. Valido da Maggio 2013 Salvo modifiche tecniche www.rehau. INFORMAZIONE TECNICA SISTEMI DI SCARICO DOMESTICO RAUPIANO PLUS E RAUPIANO LIGHT Valido da Maggio 13 Salvo modifiche tecniche www.ehau.it Edilizia Automotive Industia La pesente Infomazione Tecnica REHAU

Dettagli

Cuscinetti isolati elettricamente per la prevenzione di danni dovuti al passaggio di corrente elettrica. Informazione tecnica

Cuscinetti isolati elettricamente per la prevenzione di danni dovuti al passaggio di corrente elettrica. Informazione tecnica Cuscinetti isolati eletticamente pe la pevenzione di danni dovuti al passaggio di coente elettica Infomazione tecnica Danni dovuti al passaggio di coente elettica e loo conseguenze Cuscinetti isolati eletticamente

Dettagli

2. Sistema ad un grado di libertà (1 GDL)

2. Sistema ad un grado di libertà (1 GDL) INDICE. Sistema ad un gado di libetà ( GD).... Risposta in egime sinusoidale...7. asmissibilità.... SISEMI A MOI GRADI DI IERA.... Analisi Modale...4.. oncamento modale... 4. MARICI DI RIGIDEZZA... 5.

Dettagli

EFFICIENZA ED EQUILIBRIO COMPETITIVO NELL ORGANIZZAZIONE DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO INTERNAZIONALE. di Luca Rebeggiani* e Davide Tondani**

EFFICIENZA ED EQUILIBRIO COMPETITIVO NELL ORGANIZZAZIONE DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO INTERNAZIONALE. di Luca Rebeggiani* e Davide Tondani** RIVIST DI ISSN 185-6678 DIRITTO ED ECONOMI DELLO SPORT Vol. II, Fasc. 3, 006 EFFICIENZ ED EQUILIRIO COMPETITIVO NELL ORGNIZZZIONE DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO INTERNZIONLE di Luca Rebeggiani* e Davide

Dettagli

ALMA Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna. Campi magnetici in astrofisica

ALMA Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna. Campi magnetici in astrofisica ALMA Mate Studioum Univesità degli Studi di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Coso di Lauea in Astonomia Dipatimento di Fisica e Astonomia Campi magnetici in astofisica Elaboato Finale Candidato: Filippo Scocca

Dettagli

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI V SEPARAZIONE DEE VARIABII 1 Tasfomazioni Otogonali Sia u = u 1, u 2, u 3 una tasfomazione delle vaiabili in R 3, dove x = x 1, x 2, x 3 sono le coodinate catesiane, u j = u j x 1, x 2, x 3 j = 1, 2, 3

Dettagli

Requisiti patrimoniali, adeguatezza del capitale e gestione del rischio Emilio Barone, Giovanni Barone-Adesi e Rainer Masera 1

Requisiti patrimoniali, adeguatezza del capitale e gestione del rischio Emilio Barone, Giovanni Barone-Adesi e Rainer Masera 1 equisiti patimoniali, adeguatezza del capitale e gestione del ischio Emilio Baone, Gioanni Baone-Adesi e aine Masea 1 SANAOLO IMI, UNIVESITÀ DELLA SVIZZEA ITALIANA, SANAOLO IMI. Vesione iniziale: luglio

Dettagli

5 PROPRIETÀ MAGNETICHE DEI MATERIALI

5 PROPRIETÀ MAGNETICHE DEI MATERIALI 5 PROPRETÀ AGNETCE DE ATERAL A seguito della scopeta di Østed dell azione agnetica podotta da un filo conduttoe pecoso da coente l ipotesi più natuale che olti fisici avanzaono pe spiegae questo effetto

Dettagli

Caratterizzazione Idrodinamica di Spray Simili mediante Anemometria Phase Doppler (PDA).

Caratterizzazione Idrodinamica di Spray Simili mediante Anemometria Phase Doppler (PDA). Caatteizzazione Idodinamica di Spay Simili mediante Anemometia Phase Dopple (PDA). Angelo ALGIERI Uniesità della Calabia ABSTRACT Le caatteistiche idodinamiche di diffeenti wate spays sono state alutate

Dettagli

LaborCare. Care. protection plan

LaborCare. Care. protection plan Cae potection plan ocae Il Potection Plan è stato studiato pe gaantie la massima efficienza di oview e pe questo i clienti che non vogliono avee poblemi nel futuo, si affidano al nosto pogamma di potezione

Dettagli

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA La seconda pova scitta dell esame di stato 007 Indiizzo: OMTRI Tema di TOPORI Claudio Pigato Membo del Comitato Scientiico SIT Società Italiana di otogammetia e Topogaia Istituto Tecnico Statale pe eometi

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Compito A Tempo a disposizione un'oa e tenta minuti. Libi chiusi. Consideae una elazione RèA; B; C; D; Eè. Indicae quali delle seguenti poiezioni hanno cetamente lo stesso numeo di ennuple di R: 1. ç ABCD

Dettagli

Legge di Coulomb e campo elettrostatico

Legge di Coulomb e campo elettrostatico A. hiodoni esecizi di Fisica II Legge di oulomb e campo elettostatico Esecizio Te caiche positive uguali sono fisse nei vetici di un tiangolo euilateo di lato l. alcolae (a) la foza elettica agente su

Dettagli