Vincoli nanziarie investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vincoli nanziarie investimento"

Transcript

1 Vincoli nanziaie investimento E.SaltaieG.Tavaglini Istituto di Scienze Economiche UnivesitµadiUbino Sommaio In questo lavoo si mosta che i vincoli ceditizi possono condizionae la politica di investimento delle impese, anche nei peiodi in cui la domanda di cedito µe infeioe alla soglia di azionamento. La agione µe che l'aspettativa di dove soppotae in futuo un vincolo nanziaio modi ca il compotamento coente dell'impesa, e iduce il valoe attuale atteso dei pogetti anche quando il vincolo non µe opeativo. L'intoduzione del vincolo di cedito peciµo nonsolo iduce ilvaloe dell'impesa, ma abbassa anche il po lo tempoale dell'investimento in quanto le impese tovano ottimale investie meno in ogni peiodo. (Classi cazione JEL: E22, E51) 1 Intoduzione Apatie daglianni60 una letteatua dicaattee sia teoico che empiico ha posto in luce la ilevanza deivincoli nanziai pe le decisioni diinvestimento. Dal punto divista teoico i pimicontibutihanno sottolineato comeilazionamento del cedito dovesse consideasi come l'esito di un compotamento ottimizzante,piuttosto che il isultato difattoiesogeni(hodgman(1960),keeton(1979), Stiglitz e Weiss (1981)). L'analisi empiica - che ha avuto un fotesviluppo a patiedailavoidifazzaiet al. (1987, 1988) - ha invece sottolineato comei vincoli nanziai e le decisioni di investimento siano fotemente coelati,e come questeultime possano a loo volta in uenzae la stuttua nanziaia dell'impesa (Myes (1974)). La pincipale conclusione di questa ampia letteatua µe che l'investimento puµo esseevincolato dalla disponibilitµa dellefontidi nanziamento,di cui il cedito appesenta la pate pincipale. In questo appoccio, quindi,ilazionamento appae come un condizionamento di natua quantitativa all'investimento. 1

2 Tuttavia,comeµe stato sottolineato da Ja eee Stiglitz(1990),uno deilimiti pincipalidella letteatua sulazionamento delcedito isiede nelfatto che l'analisi vienetadizionalmentesviluppata attaveso esecizidistatica compaata in cui glielementi intetempoali delle decisioni di investimento non sono esplicitati. Pe indagaegli e etti del azionamento del cedito sull'investimento sembeebbe dunque piµu oppotuno consideae modellidinamici in cuila discepanza ta la domanda el'o eta di fondi possa essee agione della uttuazione dell'investimento. In talecontesto,la vaiazionedelle divesecomponenti della domanda aggegata puµo essee causata anche da un'anticipazione degli e etti negativi causatidalazionamento del cedito. In paticolae,ja ee e Stiglitzossevano che l'anticipazione diun futuoazionamento del cedito puµo avee e ettinelpeiodo coente \anchequando almomento non visia azionamento. Pe questa agione non sipuµo valutael'impatto delazionamento delcedito consideando semplicemente ipeiodiin cuiviµe una pova dietta della sua pesenza"(p.874). Il piµu ecente dibattito teoico sul azionamento non semba peµo ave accolto questo suggeimento. Siµe infatticontinuato a valutae l'impatto deivincoli nanziai sul compotamento dell'impesa solo quando questo si manifesta concetamente,ovveo nelpeiodo in cui l'o eta difondiµe e ettivamenteminoedi quella domandata. In altitemini,siµemantenuta l'ipotesi secondo cuiilcompotamento dell'impesa µe indipendente dal vincolo ceditizio quando la domanda di fondiµe infeioealcedito massimo ottenibile. La pincipale conseguenza di tale ipotesiµe che,quando il vincolo non µe stingente,l'impesa si compota come se l'espansione della sua capacitµa poduttiva possa avveniesenza mai incontae le potenziali stozzatue causate dal azionamento,e quindi in maniea indistinguibile da una impesa identica che,pe qualunque livello dell'investimento,non µe sottoposta a tale vincolo. Un contibuto,almeno in pate,iconducibile alla linea di iceca tacciata da Ja eeestiglitzµequello dikiyotakiemooe(1997). Nelloo lavoo simosta che shock tansitoi alla tecnologia possono causae,in pesenza di azionamento del cedito, ampie uttuazionidell'investimento equindi nella domanda aggegata. In paticolae,la coelazione negativa ta i distubi non anticipati e il pezzo dei benicapitalipuµo geneae un e etto cumulativo cheattaveso la iduzione del valoe deibeni capitali, e quindidelle gaanzie del cedito, ende sempemeno attaente a un investitoe esteno nanziae i pogetti diinvestimento. Bench e ad una pima ossevazione questo modello semba accoglieel'intuizione oiginaia di Ja ee e Stiglitz,esso non iesce tuttavia a sviluppae una inteelazione e ettivamentedinamica,in condizioni diincetezza,ta azionamento e investimento. Come sottolineano gli stessi autoi l'e etto del azionamento µe studiato assumendo che l'equilibio dell'economia sia alteato una tantum dalla ealizzazionedi uno shock non pevisto. Diconseguenza, ilpocesso cumulativo chesi innesca µe essenzialmente il isultato di un esecizio di statica compaata. Il passo successivo dovebbe dunque esseequello di costuieun modello dinamico esplicitamentestocastico\in cuiil distubo non abbia pobabilitµa nulla e possa essee 2

3 azionalmenteanticipato" dagliinvestitoi(p.243). I pecedenti contibuti costituiscono la base di questo lavoo. Piµu pecisamente, in quanto seguesiintende mostaeche in un appoccio intetempoale ein condizionidiincetezza dinamica ivincoliceditizipossono condizionaeil compotamento delle impese,e quindila dinamica dell'investimento,anche nei peiodi in cui la domanda di cedito µe infeioe alla soglia di azionamento. La agione di questo isultato µe che l'aspettativa di pote soppotae in futuo un vincolo nanziaio modi ca ilcompotamento coentedell'impesa, eiduceil valoeattualeatteso deipogettianche quando il vincolo non µe opeativo. Ilpincipale isultato del modello µe, dunque, che l'intoduzione del vincolo di cedito non solo impediscealleimpesediinvestieolteun ceto livello,ma anche che ilpo lo tempoaledell'investimento vienecomplessivamentealteato in quanto leimpese possono tovae conveniente investie meno in ogni peiodo. Questi isultatisono ottenutiutilizzando un modello di equilibio paziale dinamico elativamente semplice, in cui si confonta su un oizzonte in nito la politica di investimento didueimpese soggette al medesimo pocesso stocastico (di tipo geometico Bowniano),ma sotto l'ipotesialtenativa diimpesa azionata enon azionata. Nessun tentativo µe fatto, in questo contesto,di estendee l'analisi al caso di equilibio geneale. Il lavoo µe oganizzato come segue. Nel secondo paagafo si icavano le condizionidi ottimo pe l'impesa ispettivamentenell'ipotesi diassenza e pesenza del vincolo di cedito. Nelpaagafo 3 ledue divesesoluzioni vengono confontate pe icavaeindicazionisulla politica diinvestimento dell'impesa. Il paagafo 4 contienealcuneconsideazioniconclusive. 2 Valoedell'impesaevincolo nanziaio Inquestopaagafodiscuteemoinchemodolapesenzadiunvincolo nanziaio in uenza le decisioni di investimento di un'impesa. Pe discutee gli e etti podotti dal vincolo ceditizio µe utile confontae il compotamento dell'impesa quando l'o eta di cedito µe pefettamente elastica sicchµe l'impesa non inconta limiti alla sua domanda diinvestimento, con il caso in cui tali vincoli sono opeativi. 2.1 L'investimento in assenzadivincoli nanziai Supponiamo che l'impesa sia neutale al ischio,e che opei in un mecato del cedito pefettamenteconcoenziale in cuialtasso diinteesse coente() l'o etadiceditoµevitualmenteillimitata. 1 L'impesa,peipotesi,nonpuµoepeie 1 Natualmente il tasso di inteesse i ette le caatteistiche di ischiositµa dell'impesa, ovveo il tasso di inteesse include un pemio pe il ischio commisuato alla ischiositµa dell'investimento ma indipendente dall'ammontae di fondi necessaio a ealizzalo. 3

4 isose emettendo nuoveazioni,e quindi puµo fa icoso soltanto al mecato del cedito pe nanziae l'investimento. Pe semplicitµa, assumiamo che la tecnologia dell'impesa faccia uso di un solo input K con poduttivitµa maginale decescente. Lepossibilitµa poduttive dell'impesa sono modi cate continuamente da un distubo moltiplicativo µ la cui dinamica µe dµ=¾µ t dz (1) Lo shock µsegue,cioµe,un moto Bowniano geometico senza dift,edzµe un moto bownianostandadcone(dz)=0ee(dz) 2 =dt:latecnologiadell'impesaµe descitta dalla seguenteequazione µ t f(k t )=µ t K t; con0< <1 (2) L'impesa decide l'investimento massimizzando il valoe dei cash ow futui attesi,v(µ t ;K t ): ½Z 1 ¾ V (µ t ;K t )=max t fi sg t e (s t) [µ s f(k s ) I s ]ds dove dk = I s ds µe l'investimento; pe semplicitµa si suppone che non vi sia depezzamento. Il funzionale(3) puµo essee iscitto nella foma diun'equazionedi Bellman: V t dt=max E t f[µ t f(k t ) I t ]dt+e t (dv)g (4) fig Sel'o etadiceditoµepefettamenteelasticalasoluzionedelpoblema(4)µe 2 (3) V NR (µ t ;K t )= µf(k ) (5) ovveo, ilvaloedell'impesa non azionata (NR) µe paialvaloeattualeatteso deipo ttifutuiattesichesiottengono dall'impiego delcapitaledesideato K. In ne, combinando l'espessione(5) e la condizione diottimo ( VK NR = 1) otteniamo µf0 (K ) =1dacuisiicava: µ NR (K)= f 0 (K ) = (K ) 1 (6) Questa espessioneµe paticolamentesigni cativa pechµe descive la elazione ta ilvaloe dello shock µ e lo stockdi capitale desideato coispondente a quel µ: Ga camente essa µe appesentata dalla cuva cescente NR (vedi gua 1) pech e pe l'ipotesi di endimentidecescenti, occoe un µ via via maggioe a±nchµel'impesa toviconvenienteincementae lo stock dicapitale,ossia tovi vantaggioso ealizzaeun nuovo investimento. In altitemini, dato un livello 2 Pe la deivazione del isultato si veda l'appendice. 4

5 iniziale K se lo shock isulta supeioe al livello coispondente alla cuva NR; l'impesasitovainunasituazioneincuiv K >1;µequindiconvenienteinvestie pe un ammontae su±ciente a istabilie l'uguaglianza V K = 1, ossia sino a itonae sulla NR ma ad un livello piµu alto diµ e con un piµu elevato stockdi capitale. µe evidente che, patendo da un punto sulla NR;maggioeµe lo shock emaggioeisulta l'incemento delcapitale desideato. µe altesµichiao chelo spazio sottostante la cuva NR coisponde alla situazione in cui V K < 1 dove l'impesa tova convenientedisinvestie. Questa appesentazione ga ca ciconsente diicavae immediatamenteuna pima conclusione: pe un'impesa libea da vincoli nanziai le scelte di investimento sono deteminate soltanto dallo shock µe dal livello della poduttivitµa maginalef 0 (K )chedipendedallostockdesideatodicapitale. Inognipeiodo illivello ottimale di K puµo cambiaeasecondo dei valoi assunti da µ;ma nµe leealizzazionipassatenµe quellefutue in uenzano la decisione coente diinvestimento. Poichµe l'impesa non deveguadaeavanti(n eindieto) pe scegliee lo stock di capitale, la dinamica futua (epassata) delle vaiabili esogenenon in uenza la decisionecoentediinvestimento. 2.2 L'investimento con vincoliceditizi La conclusionepecedenteµebasata sulfatto chein ciascun peiodo ognidecisione di investimento µe indipendente da quello che accade negli alti peiodi. Rimane inalteata questa popietµa quando l'impesa opea in pesenza di vincoliceditizi? Pe discutee talequestione,assumiamo che l'ammontae massimo di cedito ottenibile da pate di una singola impesa sia pai ad una popozione m dello stockdicapitaleinizialek t disuapopietµa,sicch eillivellomassimodicapitale ottenibilenelpeiodosuccessivoµepaiak t (1+m): 3 Pe vedee come il valoe dell'impesa venga in uenzato da questo vincolo, consideiamo come cambia la politica diinvestimento quando c'µeuna baiea supeioe al cedito. Mente nelcaso pecedente l'investimento poteva assumee qualunque valoe,a seconda della ealizzazione del distubo;oa esso µe limitato supeiomente dalla baiea I t = K t m. Poichµe l'impesa sa che il nuovo investimento non potµa cescee, pe shockpositivi elevati, olte il limite ssato dal azionamento del cedito, ilvaloe coente dell'impesa, anche nell'ipotesi in cui talelimitenon venga mai aggiunto in futuo, isulta idotto della pate 3 Ta le divese fome di azionamento del cedito che sono state discusse nella letteatua quella qui ipotizzata coisponde al cosµidetto azionamento di tipo 1: il contatto di cedito de nisce sia il tasso di inteesse che l'ammontae massimo di cedito ottenibile (vedi Adeni messoi 1996). Hat e Mooe (1994) e Kyotaki e Mooe (1997) o ono una spiegazione di questo tipo di contatto: i ceditoi conoscono in anticipo il valoe di liquidazione del capitale, e quindi o ono un contatto di cedito il cui ammontae isulti sempe infeioe al valoe massimo dei beni o eti a gaanzia. Nel pesente modello si suppone quindi che lo stock di capitale K t abbia la funzione di collateal. 5

6 deipo ttiattesiche, sull'oizzontetempoale diifeimento, l'impesa avebbe ottenuto investendo ad un tasso supeioea quello compatibile con il vincolo nanziaio. La pincipale conseguenza di questa aspettativa µe che la cuva (di contollo) che descive la dinamica ta distubi esogeni µe capitale desideato isulta oa modi cata pechµe l'impesa anticipaal tempo coente il azionamento futuo quanti cando la pedita deipo ttiattesipotenzialinon ottenibilia causa delazionamento. Consideazionidi questo tipo si i ettono nelpoblema di massimo dell'impesa. Pe calcolaeilvaloe coente dell'impesa azionata supponiamo che K t (1+m) coincida con il capitale ottimale dell'impesa. In questo caso la soluzionegenealedelpoblema V RZ t dt=max fi s g E t f[µ t f(k t ) I t ]dt+e t (dv)g (7) sottoilvincoloi s K s mpes t;con0<m<1;isultaessee V RZ (K t ;µ t )=A(K t )µ n 1 t +B(K t )µ n 2 t + µf[k t(1+m)] dove RZ sta pe impesa azionata. Gli esponenti n 1 > 1 e n 2 < 0 sono le due adici 4 dell'equazione caatteistica chesiottiene isolvendo ilpoblema di pogammazionedinamica(7). A(K t )eb(k t )sonoinvecedue\costanti"dadeteminae che dipendono a loo volta dallo stock di capitale esistente in ciascun peiodo. Il tezo addendo a desta del segno uguale appesenta come diconsueto ilvaloe attuale deipo tti pepetui futuiche povengono dallo stockdi capitale inusok t (1+m):Se,comenelcasopecedente,noncifosseobaieel'investimentopotebbe uttuaelibeamente:diconseguenzaavemmochek t =K ;e chea(k t )eb(k t )saebbeoentambipaiazeopesoddisfaelaelazione(5). Ma se l'investimento ha una baiea supeioe a K t m dobbiamo chiedeci cosa accadealvaloeattualedell'impesa quando µ tendea esseecosµipiccolo e negativo da endee poco pobabile che nei peiodi immediatamentesuccessivil'impesa toviconvenientee ettuaeun nuovo investimento. In questo caso poichµeµe impobabilechei incontila baiea nell'immediato futuo si ha che V RZ (K t ;µ t ) = µf[kt(1+m)] : Ma pe µ che tende a 1 l'espessione µ n 2 t tende a cescee inde nitamente (veso +1) pechµe n 2 < 0: Ciµo implicheebbe che in pesenzadishockfotementenegativiilvaloedib(k t )µ n 2 t aumenti e con esso ilvaloe dell'impesa e l'investimento,invece ditendeea zeo comeµeeconomicamente logico. Pe questa agione nella equazione divalutazione(8) dobbiamo poeb(k t )=0;eisciveel'equazionecome (8). Vt RZ =A(K t )µ n1 t + µ tf(k t (1+m)) (9) q q1 4 Piµu pecisamente, le due adici sono pai a n 1 = ¾ > 1 e n 2 2 = ¾ < 0 2 6

7 L'alta \costante" deveesseeinveceisolta consideando ilcompotamento dell'impesa sulla baiea, I t = K t m: Poichµe come di consueto nel punto di ottimodeveesseevei catochevk RZ =1lapoliticadiinvestimentodell'impesa azionata devesoddisfael'equazione VK RZ =A 0 (K t )µ n 1 t + µf0 (K t (1+m)) =1 (10) Questaequazionedasolanonµepeµosu±cienteadeteminaeA 0 (K t )eilvaloe soglia di µ: Pe isolvee la (9), dobbiamo assicuaci che quando il vincolo µe stingentele vaiazioniin nitesimali diµnon endano convenienteall'impesa modi cae la sua politica diinvestimento,chein questo caso puµo solo signi cae undecementodii:devequindivei casichev Kµ =0;ovveoche V Kµ =A 0 (K t )nµ (n 1) t + f0 (K t (1+m)) Ponendoasistemaquestedueequazioni,eicodandochef(K)=K siicava A 0 (n 1)n 1 (K t ) = µ(k t ) = =0 (n) n n (K t (1+m)) n( 1) (11a) n n 1 (K t(1+m)) 1 (11b) La (11a)µepaticolamentesigni cativa. PoichµeA 0 (K t )µenegativo,lasoluzione A 0 (K t )µ n 1 associata alla adice positiva puµo essee intepetata come il valoe maginale del costo (oppotunitµa) che l'impesa subisce pe non pote investie oltelasogliaciticak t m:inaltitemini,essoappesentailvaloedelpo tto maginale a cui l'impesa deve inunciae a causa del azionamento del cedito. Evidentemente,seK t (1+m)µelostockmassimodicapitaleottenibilepatendo dalladotazionek t,l'impesasitovaainunciaeatuttiiendimentimaginali che deiveebbeo dagli ulteioi investimenti ealizzabili popio a patie da questostock. IntegandoA 0 (K t )sull'intevallo[k t (1+m);1);siottienequindi ilvaloetotale dei po ttipotenzialiche vanno pedutia causa del azionamento A(K t )= Z 1 K 0 (1+m) [A 0 (k)]dk= (n 1)n 1 (n) n n(k t(1+m)) n( 1)+1 n( 1)+1 Chiaamente,ancheA(K t )µenegativa. 5 Ilsuosigni catoeconomicodivieneevidente quando la si sostituisce nella (9): poichµe l'impesa anticipa la possibilitµa di incontae ilvincolo, il potenziale azionamento del cedito iduce il valoe attualedeipo ttiattesiequindiilvaloedell'impesa. 5 Pe ottenee una soluzione nita, la condizione necessaia di convegenza ichiede che sia su±cientemente infeioe ad uno in modo tale che n( 1) +1 < 0: 7

8 3 Razionamento e investimento L'alta condizione(11b) descive la elazionechelega le vaiazionidi µ a quelle dello stockdesideato dicapitale nel caso diazionamento. Questa espessione di eiscedalla(5)pelapesenzadelfattoemoltiplicativo n1 :Datochen n 1 1 1>1; questo fattoeµe maggioe dell'unitµa. La pincipale conseguenza di ciµo µe che, a paitµa dicapitale,ispetto all'impesa non soggetta a vincolati nanziai quella azionata deve speimentae shock elativamente piµu elevati pe essee indotta ad investie. Ovveo,in pesenza di un medesimo shock l'impesa azionata desidea uno stock di capitale infeioe. Pe illustae questa poposizione,nella gua 1 µe ipotata la cuva RZ che descive la soglia citica che deve aggiungee il distubo µ a±nchµe l'impesa tovi conveniente e ettuae l'investimento massimo K t m, ovveodeteneenelpuntodiottimolostockdicapitalek t (1+m). L'equazione della cuva RZ coispondealla(11b) chequiipotiamo µ RZ (K t )= n n 1 (K t(1+m)) 1 Questa elazione implica che la cuva RZ giace piµu in alto della NR. Dalla (6) e dalla (11b) possiamo diettamente icavae ivaloidello stock di capitale desideato in coispondenza delle due cuve e µ K NR = 1 µ NR µ K RZ K t (1+m)= 1 1 n n µ RZ Peuno stesso livello dello shock, ossia quando µ RZ =µ NR ;combinando ledue pecedentiequazionisiha µ n K RZ =K NR n Questa elazioneillusta la pecedentepoposizione. Dato che ³ 1 n 1 <1, a n 1 paitµa di distubo,il capitale desideato dell'impesa azionata µe infeioe a quello dell'impesa non vincolata. 3.1 Lapoliticadiinvestimento Finoa abbiamo visto come ilazionamento altei lo stock dicapitaledesideato dall'impesa. Pe illustae come il azionamento in uenzi anche la politica di investimento, nella gua 1 µe indicata una teza cuva, indicata con CM, che descive pe ogni livello iniziale dello stock di capitale K t quale soglia citica debba aggiungeeildistubo µa±nchµe le impesetovino convenientee ettuae 8

9 un nuovo investimento pai al cedito massimo K t m. La sua equazione viene icavata dalla(11b) µ CM (K t ) µ (1+m) 1 = n n 1 (K t) 1 La distanza oizzontale ta le cuvecm e RZ misua ilmassimo investimento ealizzabilek t m: Con queste te cuve a disposizioneµe oa possibile descivee la vaiazione dell'investimento ispetto al caso di assenza di vincoli. Quando VK RZ > 1; il valoe maginale dell'impesa azionata µe supeioe al costo di nanziamento del nuovo pogetto. Dunque,l'impesa investe,ma pe un ammontaenon supeioe aquello ssatodalvincolodicedito. θ CM RZ θ 0 K t m azionamento NR θ 1 θ 2 θ 3 K t K t (1+m) K* Figua 1: Investimento eazionamento Se, ad esempio, il capitale iniziale µe K t e si vei ca uno shock pai a µ 0 ; l'impesa in assenza di vincolitoveebbeottimale investie no a aggiungee il livello K (vedi gua 1). La pesenza di un vincolo di cedito impedisce peµo all'impesa diotteneequesto stockdi capitale: l'investimento massimo deve essee non supeioe a K t m; e quindi la di eenza K K t (1+m) µe la misua del azionamento. In alti temini,quando il distubo aggiunge il punto citicoµ CM (K t )lungolacm;l'o etadiceditodivienepefettamenteigidain manieataledaimpediechel'investimentopossaesseesupeioeak t m:quindi, poichµe l'investimento puµo cescee libeamente solo nell'aea compesa ta le due 9

10 cuvecm e RZ ma non puµo supeaeillimitesupeioeappesentato dalla distanza veticale ta leduecuve,la elazione CM sicon gua come una baiea i ettente del pocesso stocastico µ: al valoe soglia µ CM (K t ) l'impesa investe aumentandolostock noak t (1+m);ovveospostandosiadestalungolaRZ: Questo aspetto µe esempli cato nella gua 1,dove una ealizzazione del distubo µ CM (K t ) = µ 0 povoca un investimento pai a K t m. µe inolte chiao che pe shocksupeioiaµ 0 l'investimentononpuµoaumentaeequindiilazionamento cesce in popozione. Un isultato economicamente ilevante si vei ca quando il valoe dello shock µe compeso ta le due cuve CM e RZ: Sempe con ifeimento alla gua 1, questo µe il caso in cui µ 0 < µ 1 < µ 2. Poichµe al di sopa della RZ si ha che VK RZ > 1; l'investimento µe positivo ma minoe di K t m: l'impesa investe pe un ammontae su±ciente a itonaesu RZ. In questo caso, benchµel'impesa non sia azionata, la cuva NR;dove si tova il capitale ottimale in assenza di vincoli,non viene comunque aggiunta. Il motivo µe che l'atteggiamento fowadlooking dell'impesa anticipa al peiodo coente la possibilitµa delazionamento futuo sebbene al momento il vincolo non sia stingente. Tecnicamente,ciµo accade pechµein pesenza del vincolo nanziaio l'impesa tova ottimale tonae su RZ dovevk RZ µe uguale a 1,signi cando quindi che la sua cuva didomanda di capitale cambia anche quando il vincolo non µe opeativo. Se l'investimento fosse maggioediquello necessaio a soddisfaela condizione (11b), citoveemmo quindisottolacuvarzdovevk RZ <1datoilvincolodi nanziaio. Ilpotenziale azionamento del cedito ende,dunque,meno che ottimale investiein modo tale da uguagliae il po tto maginaledel capitale coente al costo d'uso anche n quando ilvincolo\non mode". Dato che >1;ilvaloeattualedelpo tto n 1 maginale ottimale isulta maggioe di quello che si avebbe in assenza del vincolo ceditizio,implicando che lo stock desideato di capitaleµe infeioe. In linea con questa conclusione,siossevi inolte che se una misua dipolitica economica contibuisse a idue ilpeso del vincolo ceditizio iducendo il coe±cientem,ilpesodelmoltiplicatoe n imaebbecomunqueinvaiato,inquanto n 1 indipendente da m: Quindi pe quanto il azionamento possa essee idotto, la cuvarz imaebbesempealdisopadellanr. Un isultato coeente con quanto appena a emato lo si ottiene quando lo shockµe infeioe a quello che soddisfa la baiea RZ;pe esempio µ 3 : Quando ciµo accade, pe l'impesa µe conveniente disinvestie no a tonae sulla cuva, dove di nuovo VK RZ = 1. La pincipale implicazionediquesto compotamento anticipativo µe quella di endee piµu fote il vincolo di azionamento. Poichµe infatti ilmutuataio o e un ammontae di fondi in popozione allo stock di capitale in possesso dell'impesa,minoeµe questo stock e minoeµe il cedito ottenibile. In questo senso l'atteggiamento dell'impesa tende a innescae un cicuito negativo: in pesenza di una fase di allentamento economico l'impesa viene penalizzata piµu di quanto saebbe accaduto se la stessa impesa avesse avuto un compotamento miope. Da questo punto di vista,quindi,il azionamento µe un fenomeno causato 10

11 non solo dallescelteottimali dell'o eta (Hodgman 1960) ma anchedallescelte ottimalidella domanda. 4 Conclusioni In questo lavoo abbiamo analizzato le decisioni di investimento in pesenza di azionamento e abbiamo studiato come questo vincolo nanziaio altei il meccanismo che egola la domanda di isose da pate dell'impesa. Nel modello che abbiamo pesentato il azionamento delcedito tende difattia in uenzae la domanda di investimento in ogni peiodo anche quando il vincolo non µe stingente. In pesenza di azionamento del cedito,poichµe l'investimento potenziale di un'impesa µe limitato supeiomente dall'o eta di isose nanziaie messe a disposizione dal mutuataio, il valoe atteso dell'impesa µe complessivamente minoediquello che si avebbe in assenza del vincolo,e conseguentementeµe infeioesia ilsuo investimento e ettivo,in ciascun peiodo,che lo stockdesideato di capitale. La cuva di domanda dicapitale dell'impesa azionata giace quindi sempe al di sotto di quella dell'impesa non vincolata. Olte a ciµo,la sequenza tempoaledella ealizzazionedeglishockpuµo esseetaleda induel'impesa a scegliee una dotazione di capitale via via infeioe, e quindi a idue il valoe dello stock che ilmutuataio utilizza come collateale pe calcolae il cedito massimo nanziabile. Quandociµoaccadel'impesaentainuncicoloviziosopechµe non solo desidea uno stock infeioedi capitale,ma limita ulteiomente le sue pospettive di cescita accescendo la pobabilitµa di essee azionata in futuo. Di ecente Aizeman emaion(1999) hanno concluso una loo indaginesulla elazioneta investimento evincolidi nanziamento mostando comeilazionamento del cedito ende inelastica al tasso dell'inteesse la cuva di o eta di cedito una volta aggiunta la soglia massima dei fondi pestabili. Il vincolo nanziaio impedisce la cescita dell'investimento nelle fasi espansive quando la domanda di investimento µe maggioe dell'o eta di cedito,senza mitigane la iduzione nelle fasi ecessive del ciclo. Tuttavia,nel loo lavoo la cuva di domanda di investimento non subisce alcuna modi cazione in pesenza di azionamento. Evidentemente, questa conclusione viene messa in discussione dai isultati aggiuntiin questo lavoo: come abbiamo mostato sopa l'atteggiamento fowadlooking dell'impesa anticipa al peiodo coente la possibilitµa delazionamento futuo anche quando al momento il vincolo non µe opeativo. Quindi,il semplice ischio diazionamento puµo aveein ognipeiodo e etti negativisulla domanda di investimento,anchein pesenza diuna cuva di o eta pefettamente elastica, e quindipuµo in uenzae la dinamica complessiva dell'investimento. Iisultatiquiottenutisiifeiscono a un modello molto semplice. Talemodello µetuttavia adatto a sviluppae in maniea piµu conceta quella pospettiva dinamica alla base del meccanismo anticipativo di azionamento. Hubbad (1998) suggeisce ad esempio di tattae in un unico famewok i vincoli nanziaie 11

12 quellidi ievesibilitµa. Evidentemente,peµo questa fusioneµe tecnicamente possibileassumendo cheibenicapitalisiano almeno pazialmenteevesibili,a±nchµe lo stock dicapitalepossa ancoa essee utilizzato come foma di collateale nel contatto dicedito. Se, dunque, a fonte di un tetto supeioe all'espansione dell'investimento vieneposto un vincolo infeioe di(paziale) ievesibilitµa del capitale,µe possibile geneae una dinamica ciclica che si autosostiene, in cui la dotazionedi capitale in ciascun peiodo puµo essee ottimaleo meno a secondo della ealizzazione deldistubo che ha in uenzato l'investimento nei peiodi pecedenti. 6 In ne,µe stato piµu volte ossevato cheilmodello di investimento alla Jogenson,ma anche quelli con ievesibilitµa appesentano in maniea insoddisfacente la dinamica aggegata dell'investimento che, come mostano i fatti stilizzati, si compota in maniea meno volatile diquella pevista daimodelliappena citati (Betola e Caballeo (1994)). Paallelamente, idati empiicitendono ad avvaloael'ipotesiche iltasso dell'inteesse non spieghiin maniea soddisfacenteil po lotempoaledegliinvestimenti. 7 L'insiemediquesteossevazionipuµoessee un indizio del fatto che l'inezia dell'investimento aggegato possa essee causata dall'esistenza di vincolidiquantitµa piuttosto che dipezzo, iqualifenano non solo le scelteespansivedeiceditoima anchequelledelleimpese. In questo contesto quindi,ilpo lo aggegato dell'investimento,tendenzialmente poco dinamico nellefasiespansivedelciclo, potebbeesseeilisultato didinamiche micoeconomicheeteogeneepenalizzatedaivincolidiazionamento. Rifeimentibiblioga ci Aizeman J., N. Maion (1999), Volatilityand investment: Intepeting evidence fom developing counties,economica 66,155{79. Betola G., R.J.Caballeo (1994),Ievesibility and aggegate investment, Review ofeconomic Studies,223{46. FazzaiS.,M.Athey(1987),Asymmeticinfomation, nancing constaints, and investment,review ofeconomic Studies,481{87. 6 In questa situazione saebbe possibile che l'impesa si tovi in un ceto peiodo con una dotazione di capitale supeioe a quella posta a disposizione dal vincolo nanziaio. Nella misua in cui questo si vei ca, l'impesa potebbe addiittua tovae conveniente idue ulteiomente lo stock desideato di capitale pe non incoee nel ischio di scopisi in futuo sovadimensionata ispetto alla domanda. Con ifeimento al pesente modello, l'inclusione di un vincolo di evesibilitµa paziale coisponde alla intoduzione di una baiea infeioe ( oo) che unitamente al limite supeioe di azionamento (ceiling) cea un coidoio endogeno all'inteno del quale isulta contenuta la dinamica dell'investimento. 7 Pe esempli cae, pe l'economia Italiana negli anni 90 la iduzione del appoto Investimento/Pilµe spesso coinciso con una diminuzione dell'inteesse eale medio pagato dalle impese sul capitale di debito. 12

13 Fazzai S., G. Hubbad,, B. Petesen (1988), Financing constaints and copoateinvestment,bookings Papes on Economic Activity,141{95. Hodgman O. (1960), Cedit isk and cedit ationing, Quately Jounal of Economics 74,258{78. Hubbad R.G.(1998),Capital-maket impefections and investment,jounal ofeconomic Liteatue XXXVI,193{225. Ja ee D., J. Stiglitz (1990), Cedit Rationing, Chapte 16, pp. 837{888, Amstedam: Noth Holland. Keeton W.(1979),Equilibium Cedit Rationing,New Yok: Galand Pess. Kiyotaki N.,J.Mooe(1997),Cedit cycles,jounalofpoliticaleconomy105, 211{248. Myes S. C. (1974), Inteactions of copoate nancing and investment decisions- implications fo capital budgeting,jounalof nance 29,1{25. StiglitzJ. E., A. Weiss (1981), Cedit ationing in makets with impefect infomation,ameican Economic Review 71,393{410. Appendice Utilizzando illemma diito etenendo conto delpocesso stocastico speci cato nella(1),otteniamo un'espessione pe il guadagno atteso in conto capitale: E t (dv)=v K dk+ 1 2 ¾2 µ 2 tv µµ dt Sostituendo la pecedente espessionenell'equazionedibellman(4) ed omettendo pe bevitµa gli agomenti delle funzioni,si ha: V =max I E t ½ [µf(k) I]+V K I+ 1 2 ¾2 µ 2 V µµ ¾ La condizionedelpimo odineconsentedideteminaeilcapitaledomandato: V K =1 (A.1) Tenendo conto di questa condizione,l'equazione di Bellman diviene: V =µf(k)+ 1 2 ¾2 µv µµ La cui coispondente equazione caatteistica µe =µf(k)+ 1 2 ¾2 n(n 1) 13

14 Sesiescludono bollespeculative,il valoedell'impesa isultante dalla soluzione di questa equazione di eenziale e V(µ;K)= µf(k ) (A.2) 14

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO SPEIMENTAZIONE FAMAI - IPATO - Sperimentazione SOBIHAEM89-001 sper. n. 18/2014 - Medico esponsabile TOSETTO ALBETO 4.160,00 A. (riscosso con fatt. n. Z 1141 del 12/03/2015 ) - FONDO 3.952,00 - SEVIZIO

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI FIGUE GEOMETICHE SIMILI Nel linguaggio comune si dice che due oggetti sono simili quando si «assomigliano». Così si dicono simili due cani della stessa razza, i fiori della stessa pianta, gli abiti dello

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

La variabile casuale Binomiale

La variabile casuale Binomiale La variabile casuale Binomiale Si costruisce a partire dalla nozione di esperimento casuale Bernoulliano che consiste in un insieme di prove ripetute con le seguenti caratteristiche: i) ad ogni singola

Dettagli

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Edizione 05.13 Tutti i diritti riservati! Indice Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Indice Indice 1 Informazioni

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli