Il piano di investimenti. Domande e risposte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il piano di investimenti. Domande e risposte"

Transcript

1 Il piano di investimenti Domande e risposte

2 Indice 1. In cosa consistono la novità e la diversità di questo approccio agli investimenti? Perché istituire un nuovo Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS)? Come funzionerà il fondo in pratica? Qual è la differenza con quanto la BEI fa già? Qual è il valore aggiunto rispetto a quanto già esiste? Nel sistema c'è denaro a sufficienza. Perché i progetti non vengono finanziati unicamente dal settore privato? Il problema non sono i soldi, ma la carenza di capacità di rischio per il finanziamento dei progetti L'Europa ha bisogno di molto di più: questa non è che una goccia nell'oceano Quale sarà l'impatto sulla crescita e sull'occupazione? Le persone e le imprese non possono aspettare: quando se ne vedranno i risultati? A chi spetta agire? Il problema è dovuto all'eccesso di burocrazia e di oneri normativi. Cosa intende fare la Commissione al riguardo? Perché non è stato invece proposto un nuovo aumento di capitale della BEI? Da dove provengono realmente i fondi? Qual è la quota di denaro dei privati rispetto alla quota di denaro pubblico e perché? In che modo sarà finanziato il fondo? In che modo sarà costituita la garanzia dell'ue? Cos'è l'effetto moltiplicatore? Come si è arrivati ad un effetto moltiplicatore di 1:15? Sono a rischio i soldi dei contribuenti? Cosa accade se viene utilizzata la garanzia del bilancio dell'ue? Cosa farà il fondo esattamente? Quali progetti finanzierà? E per quanto riguarda l'esame dei progetti selezionati alla luce del diritto della concorrenza? Quali misure sono previste in particolare per le PMI? Come potranno partecipare gli Stati membri? Hanno interesse a farlo? Come potranno partecipare gli investitori privati? Hanno interesse a farlo? In che modo sarà speso il denaro? Chi deciderà sui progetti? Come si può essere sicuri che il denaro verrà speso per progetti validi (e non per progetti faraonici di dubbia utilità)? Chi assicurerà che il fondo sia gestito secondo le regole e che il denaro pubblico sia utilizzato correttamente?

3 27. Quale sarà il ruolo del Parlamento europeo? Quale sarà il ruolo della Corte dei conti? Come verrà potenziata l'assistenza tecnica in modo da migliorare la preparazione dei progetti e favorire lo scambio di esperienze? Cosa fare se si è a conoscenza di un progetto promettente e si intende fare domanda di finanziamento? Quali modifiche normative sono necessarie? Quando si prevede che vengano introdotte? Il piano non mette in pericolo la tripla A della BEI? Qual è la differenza rispetto al Meccanismo per collegare l'europa e al "Fondo Marguerite", destinati anch'essi a finanziare progetti infrastrutturali? Perché non viene proposta una nuova risorsa propria a livello dell'ue per finanziare il piano di investimenti? Quale sarà il contributo dei fondi strutturali e di investimento europei al piano di investimenti? In cosa si differenzia la nuova iniziativa dall iniziativa sulle obbligazioni di progetto?

4 DOMANDE E RISPOSTE 1. In cosa consistono la novità e la diversità di questo approccio agli investimenti? Il piano di investimenti proposto dalla Commissione mira a rilanciare gli investimenti in Europa rimuovendo i principali ostacoli in modo coerente. Il nuovo approccio si articola in tre filoni: a) nuovi strumenti finanziari (in particolare il nuovo Fondo europeo per gli investimenti strategici), in partenariato con la Banca europea per gli investimenti, per supplire all'attuale carenza di finanziamenti del rischio in Europa; b) una riserva di progetti a livello dell'ue, oltre ad un migliore sostegno allo sviluppo dei progetti attraverso un'assistenza tecnica più facilmente fruibile per le parti interessate del settore pubblico e per gli investitori privati; c) un contesto normativo più prevedibile e più favorevole alle imprese, a livello europeo, nazionale e subnazionale, incentrato sul completamento del mercato unico digitale, dell'energia, dei trasporti e dei mercati dei capitali. Il piano di investimenti costituisce un cambiamento di paradigma nel modo in cui le risorse pubbliche sono utilizzate per gli investimenti strategici in Europa. La necessità di investimenti a sostegno dell'occupazione e della crescita è stata riconosciuta anche a livello internazionale, come dimostrano il comunicato del G20 e il piano di azione di Brisbane, pubblicati il 16 novembre Perché istituire un nuovo Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS)? Parte essenziale del piano di investimenti proposto dalla Commissione è l'istituzione di un nuovo Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS). Si tratterà di un fondo dedicato, gestito dalla Banca europea per gli investimenti (BEI), che lo ospiterà, e cofinanziato dalla BEI e dalla Commissione europea. Il fondo finanzierà progetti strategici in tutta l'ue riguardanti le infrastrutture, quali la banda larga, l'energia, i trasporti, l'istruzione, la ricerca e l'innovazione, le energie rinnovabili e l'efficienza energetica. Una parte dei nuovi finanziamenti sarà destinata al sostegno degli investimenti delle PMI e delle imprese a media capitalizzazione 1 mediante il Fondo europeo per gli investimenti (FEI), un ente del gruppo BEI dedicato a questo tipo di finanziamento. La ratio del FEIS è essere in grado di sostenere i progetti più rischiosi e impegnarsi in attività aventi un più grande interesse strategico, e quindi più complesse da strutturare. Si va quindi oltre gli attuali programmi UE e le attività più tradizionali della BEI e di altre istituzioni finanziarie. 1 Mentre nella definizione di PMI rientrano le imprese con meno di 250 dipendenti, le imprese a media capitalizzazione comprendono di norma le imprese che occupano tra 250 e dipendenti. 3

5 Il nuovo fondo, che sarà destinato a scelte di investimento strategiche, dovrebbe consentire di attirare gli investitori privati, dato che si assumerà la parte più complessa e rischiosa dell'operazione. 3. Come funzionerà il fondo in pratica? Il fondo offrirà una protezione parziale dal rischio (protezione dalle prime perdite) al gruppo BEI (BEI e FEI). Questa protezione dal rischio consentirà alla BEI di offrire prodotti che assorbono un rischio maggiore rispetto ai prodotti tradizionali. I progetti ad alto valore aggiunto ma a rischio più elevato, che attualmente non riescono ad attirare finanziamenti, potranno di conseguenza destare l'interesse degli investitori. Una parte della capacità di rischio del fondo potrà essere utilizzata anche in collaborazione con le banche di promozione nazionali. 4. Qual è la differenza con quanto la BEI fa già? La BEI è la più grande istituzione multilaterale di assunzione e concessione di prestiti al mondo. Nel 2013 le sue attività di prestito hanno superato i 75 miliardi di euro. Nel 2013 è stato effettuato un aumento di capitale per generare 180 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi nel corso di tre anni ( ). Questo importante lavoro della BEI continuerà. L'obiettivo del nuovo fondo è integrare le attività in corso concentrandosi esclusivamente sugli investimenti strategici necessari per consentire all'europa di tornare a crescere, ma che hanno un diverso profilo di rischio rispetto ai progetti attualmente finanziati dalla BEI. La garanzia del bilancio UE assicurerà che l'investimento in tali progetti generi rendimenti interessanti e dovrebbe pertanto attirare più facilmente un maggior numero di investitori privati. 5. Qual è il valore aggiunto rispetto a quanto già esiste? Il bilancio dell'ue fornirà 16 miliardi di euro di finanziamenti, mentre la BEI fornirà un contributo aggiuntivo pari a 5 miliardi di euro in capacità di rischio. Insieme queste risorse possono catalizzare almeno 315 miliardi di euro di finanziamenti aggiuntivi per gli investimenti. Non è che l'inizio, però. Un elemento chiave del nuovo approccio è rappresentato dal fatto che gli Stati membri e le banche di promozione nazionali potranno contribuire sia a livello del fondo sia attraverso il cofinanziamento dei singoli progetti. FEIS Capacità di rischio Moltiplicatore (media) Investimenti nell'economia reale Investimenti a lungo 16 miliardi 240 miliardi termine 15 PMI & imprese a media 5 miliardi 75 miliardi capitalizzazione Totale 21 miliardi 315 miliardi 4

6 6. Nel sistema c'è denaro a sufficienza. Perché i progetti non vengono finanziati unicamente dal settore privato? A differenza di alcuni anni fa, grazie anche al miglioramento della situazione dell'economia e dei mercati finanziari e agli interventi della Banca centrale europea (BCE) in materia di politica monetaria, grande è la liquidità disponibile presso gli istituti finanziari e le imprese. Inoltre, in molti Stati membri si registrano livelli elevati di risparmio privato. Il problema deriva dal fatto che questa liquidità non raggiunge l'economia reale così efficientemente e rapidamente come dovrebbe. Le cause sono da ricercare nell'incertezza sull'andamento dell'economia e sugli sviluppi delle politiche, nei livelli ancora elevati di indebitamento in certi settori dell'economia dell'ue e nel relativo impatto sul rischio di credito. È quanto confermano i più recenti dati economici, i quali dimostrano che dopo la crisi, contrariamente agli Stati Uniti, nell'ue gli investimenti hanno continuato a calare (attualmente il 15% in meno rispetto al 2007) senza l'inversione di tendenza prevista. In termini economici, si parla di "fallimento del mercato", il che significa che il mercato da solo non è in grado di trovare una soluzione a breve termine. Un ruolo fondamentale hanno in questo caso le autorità pubbliche. Il piano di investimenti costituisce una strategia globale per colmare questo divario, mobilitando gli investimenti privati in aggiunta al finanziamento pubblico. 7. Il problema non sono i soldi, ma la carenza di capacità di rischio per il finanziamento dei progetti La situazione non è la stessa in tutti gli Stati membri, ma si riscontrano ovunque alcuni schemi chiari in termini di fabbisogno di investimenti, che attualmente non è soddisfatto: le famiglie e le imprese devono poter beneficiare dalle tecnologie più avanzate e diventare più efficienti sotto il profilo energetico; i sistemi di istruzione e di innovazione dispongono di minori mezzi tecnici e finanziari rispetto a quelli di diversi nostri principali concorrenti; i sistemi previdenziali hanno bisogno di un sostanziale ammodernamento per adeguarsi al rapido invecchiamento della nostra popolazione; il settore dell'energia deve potenziare le reti con le tecnologie più avanzate, integrare le fonti di energia rinnovabili e diversificare le fonti di approvvigionamento; il settore dei trasporti deve modernizzare le infrastrutture, ridurre la congestione e migliorare i collegamenti commerciali; l'ambiente necessita di impianti e reti migliori per i rifiuti, il riciclaggio e le acque; abbiamo bisogno di una banda larga di ampia portata e più veloce e di centri dati più intelligenti in tutta Europa. Il fatto che questi settori siano stati individuati come settori prioritari non significa che vi sia necessariamente in questa fase un numero adeguato di progetti sufficientemente maturi per essere finanziati. Sono stati comunque individuati diversi progetti che si trovano in fasi diverse di sviluppo. Come sarà dimostrato nella relazione della task force congiunta Commissione europea/bei (di cui è prevista la pubblicazione a breve), progetti maturi esistono, ma spesso, data la loro complessità, gli investitori privati non sono a conoscenza 5

7 dei potenziali vantaggi, diffidano dei rischi che comportano e quindi sono riluttanti a investire. 8. L'Europa ha bisogno di molto di più: questa non è che una goccia nell'oceano Sarebbe ingenuo credere che esista una soluzione unica e semplice ai problemi degli investimenti in Europa. Il piano di investimenti proposto dalla Commissione è parte di un approccio globale per accompagnare la crescita e la creazione di posti di lavoro in Europa combinando riforme strutturali, responsabilità di bilancio e impulso agli investimenti. Tutti i governi nazionali devono fare la loro parte. L'UE non può farcela da sola. Il piano di investimenti consente di dare un notevole impulso aggiuntivo. I 315 miliardi di euro aggiuntivi di finanziamenti degli investimenti rappresentano il 2% del PIL dell'ue nell'arco di tre anni, il che significa in pratica il raddoppiamento della capacità di investimento del bilancio UE. Un aspetto fondamentale è garantire che questo denaro serva a qualcosa, sia destinato a soddisfare le reali esigenze dell'economia e che il piano possa essere avviato rapidamente. Questo è solo uno degli aspetti del piano. In questa fase l'importo supplementare di 315 miliardi di euro corrisponde a quello che l'ue può ottenere con i mezzi dell'europa, utilizzandone al meglio il bilancio. La Commissione e la BEI invitano gli Stati membri e gli investitori privati a partecipare, in modo da moltiplicare l'impatto dell'iniziativa. Un altro pilastro fondamentale del piano è la soppressione delle barriere agli investimenti esistenti nel mercato unico, sia finanziarie che di altra natura. Questa componente può di per sé generare ben oltre i 315 miliardi di euro in termini di aumento del prodotto e del PIL dell'ue, anche se ci vorranno tempi più lunghi perché le misure producano il loro pieno effetto. Infine, il piano si aggiunge alle misure e agli strumenti esistenti già impiegati, quali i fondi strutturali e di investimento europei (circa 600 miliardi di euro per il periodo , incluso il cofinanziamento), che sono disponibili a livello nazionale e regionale. 9. Quale sarà l'impatto sulla crescita e sull'occupazione? Secondo le stime della Commissione europea, il piano di investimenti può consentire di aggiungere tra 330 e 410 miliardi di euro al PIL dell'ue e creare da 1 a 1,3 milioni di nuovi posti di lavoro nei prossimi tre anni. 10. Le persone e le imprese non possono aspettare: quando se ne vedranno i risultati? A chi spetta agire? La Commissione europea e la BEI sono in prima linea nel lavoro di integrazione delle fonti di finanziamento e di ricerca dei progetti giusti per rilanciare la crescita e l'occupazione. Ma non possono farlo da sole. Per questo gli Stati membri sono invitati ad approvare il piano nell'ambito del Consiglio europeo. Le tre istituzioni dell'ue (Parlamento europeo, Consiglio e Commissione) collaboreranno per adottare i necessari provvedimenti normativi il più rapidamente possibile. Il sostegno politico del Parlamento europeo è essenziale. Con l'ampio sostegno di tutti i soggetti chiave si possono conseguire rapidi risultati. 6

8 La creazione del nuovo Fondo europeo per gli investimenti strategici richiederà alcuni provvedimenti legislativi e amministrativi. Con il forte sostegno di tutti i soggetti interessati, il fondo potrebbe essere istituito e diventare operativo entro la metà del Nel frattempo, la BEI prefinanzierà le attività del fondo, consentendo pertanto all'iniziativa di partire in quarta. Inoltre, gli strumenti esistenti dell'ue sono già disponibili e funzionanti: si tratta, a livello dell'ue, del Meccanismo per collegare l'europa, di Orizzonte 2020 e del programma COSME, mentre, a livello nazionale, sono disponibili finanziamenti nell'ambito dei fondi strutturali e di investimento europei (più di 200 miliardi di euro per i prossimi tre anni). Tutti questi strumenti sono già disponibili e dovrebbero essere utilizzati al meglio sin d'ora. 11. Il problema è dovuto all'eccesso di burocrazia e di oneri normativi. Cosa intende fare la Commissione al riguardo? La Commissione riconosce che il giusto contesto normativo è essenziale per gli investimenti. Per questo motivo, il piano di investimenti elenca le misure per rimuovere gli ostacoli in settori essenziali quali l'energia, le telecomunicazioni, i trasporti, i servizi e la ricerca. Alcune misure importanti verranno specificate nel programma di lavoro della Commissione per il 2015 (che sarà presentato entro la fine del mese di dicembre, dopo consultazioni con il Parlamento e il Consiglio). Sarà essenziale accelerare i lavori per la realizzazione dell'unione dei mercati dei capitali e per contribuire alla diversificazione delle fonti di finanziamento. Spetta all'ue e agli Stati membri la responsabilità congiunta di creare il giusto contesto normativo, compito che dovrà essere svolto a tutti i livelli. 12. Perché non è stato invece proposto un nuovo aumento di capitale della BEI? Nel 2012 gli Stati membri dell'ue hanno approvato un aumento del capitale versato della BEI di 10 miliardi di euro, che nelle intenzioni avrebbe dovuto consentire alla BEI di aumentare le sue attività di prestito del 40% tra il 2013 e il Secondo le previsioni, I prestiti aggiuntivi della BEI dovrebbero consentire 180 miliardi di investimenti aggiuntivi in tutta l'europa entro la fine del La BEI è a buon punto nel rispetto dell'impegno assunto di migliorare la sua risposta e dovrebbe superare l'obiettivo convenuto nel La BEI ha risposto con fermezza alla crisi economica contribuendo al miglioramento della situazione economica e finanziaria. Nel corso della crisi si è avuto un deterioramento dei normali canali del prestito bancario e del finanziamento di mercato, mentre oggi sia presso gli istituti finanziari che presso le imprese è aumentata la disponibilità di liquidità. Per questo motivo, è necessaria un'iniziativa più mirata per assicurare un sostegno efficace alle attività che le banche e i mercati non sono disposti a finanziare. Ed è questo che il piano si prefigge. 13. Da dove provengono realmente i fondi? Oggi il problema non è tanto la mancanza di denaro, quanto il fatto che non venga utilizzato in maniera produttiva, perché languisce sui conti bancari delle imprese e dei singoli. La sfida consiste nel far in modo che questo denaro venga utilizzato e destinato agli investimenti produttivi. Ciò è possibile facendo un uso più intelligente delle risorse del bilancio UE e 7

9 riorientando la capacità della BEI di sostenere il maggior rischio. In tal modo potremo creare una riserva per il rischio pari a 21 miliardi di euro, che consentirà di catalizzare investimenti pari ad almeno 315 miliardi di euro. L'obiettivo è mobilitare investimenti aggiuntivi che non verrebbero realizzati in una situazione immutata. In questo contesto, il ruolo del nuovo fondo e di altre politiche è quello di mobilitare fondi pubblici e rilanciare gli investimenti privati e il cofinanziamento senza creare nuovo debito. Mediante il nuovo fondo, il denaro investito sarà utilizzato per assicurare un effetto moltiplicatore il più elevato possibile: tanto più grandi saranno le risorse di finanziamento disponibili, tanto più numerosi saranno i progetti finanziati, che creeranno più lavoro e crescita per l'economia dell'ue. Il pacchetto si compone come segue: 1) creazione di una garanzia del bilancio dell'ue pari a 16 miliardi di euro; 2) questa garanzia, assieme alle risorse della BEI pari a 5 miliardi di euro, permetterà di assorbire i maggiori rischi degli investimenti strategici e quindi di mobilitare risorse private che non sono attualmente investite nell'economia reale. Inoltre, oltre ai 315 miliardi di euro mobilitati dal FEIS, i fondi strutturali e di investimento europei devono essere utilizzati in modo più efficiente e ulteriormente promossi. Gli Stati membri e gli investitori privati possono partecipare direttamente al fondo o a livello di progetto. 14. Qual è la quota di denaro dei privati rispetto alla quota di denaro pubblico e perché? Dipenderà dal singolo progetto e dal modo in cui sarà strutturato. Il FEIS si servirà di un'ampia gamma di strumenti, compresi garanzie, capitale proprio, vari strumenti di debito e di capitale di rischio per le PMI, al fine di attirare il massimo volume di investimenti privati. 15. In che modo sarà finanziato il fondo? Per la creazione del FEIS verrà creata nel bilancio dell'ue una garanzia di 16 miliardi di euro, che andrà al fondo. La BEI impegnerà 5 miliardi di euro. Il fondo potrà dunque iniziare con una significativa potenza di fuoco e potrà ampliare ulteriormente le sue attività con il tempo. Gli Stati membri potranno contribuire al fondo mediante capitali, direttamente o attraverso le banche di promozione nazionali. È importante sottolineare che nel contesto della valutazione delle finanze pubbliche nel quadro del patto di stabilità e crescita la Commissione valuterà favorevolmente questi conferimenti di capitale al fondo. La garanzia dell'ue sarà sostenuta dai fondi UE attualmente disponibili provenienti dai margini di bilancio dell'ue, dal Meccanismo per collegare l'europa e dal programma Orizzonte Grazie al fondo sarà possibile moltiplicare l'impatto di questi programmi sull'economia reale, diversamente da quanto si sarebbe potuto ottenere altrimenti. 8

10 16. In che modo sarà costituita la garanzia dell'ue? La garanzia dell'ue sarà costituita gradualmente per arrivare a 16 miliardi di euro. Sarà coperta da una riserva di accantonamento pari a 8 miliardi di euro, equivalente al 50% del totale della garanzia. La riserva di accantonamento sarà composta da 2 miliardi di euro a carico del bilancio dell'ue e da stanziamenti nell'ambito di due importanti programmi di finanziamento dell'ue: il Meccanismo per collegare l'europa (3,3 miliardi di euro) e Orizzonte 2020 (2,7 miliardi di euro). È importante sottolineare che la necessaria riallocazione degli stanziamenti in questi due programmi non significa che i soldi andranno persi. Al contrario, il FEIS offre possibilità nettamente maggiori di investire nelle infrastrutture dell'europa, oltre che nella ricerca e nell'innovazione. Si tratta di una situazione vantaggiosa per tutte le parti coinvolte. 17. Cos'è l'effetto moltiplicatore? L'effetto moltiplicatore è il rapporto tra il volume finanziario complessivo dei progetti generato a seguito dell'intervento del fondo e il denaro pubblico mobilitato inizialmente per istituire il fondo. Nel caso del FEIS, una piccola quota di fondi pubblici utilizzati come capacità di rischio genererà una quota molto maggiore di finanziamenti privati per investimenti in progetti che altrimenti non sarebbero stati finanziati. Per ogni progetto di investimento o attività finanziaria le eventuali perdite sono di norma ripartite tra gli investitori in un ordine prestabilito: in primo luogo, le perdite sono riassorbite dai detentori del capitale proprio (gli azionisti), poi dai detentori del "debito subordinato" e solo per le perdite residue dai detentori del "debito senior". Ciò significa che quanto più "spesso" è lo strato protettivo prima che vengano colpiti i detentori del debito senior, tanto maggiore sarà la disponibilità degli investitori a investire. La consistente garanzia offerta dal bilancio dell'ue consentirà al FEIS di investire nei segmenti meno sicuri dei progetti (capitale proprio e debito subordinato). In tal modo, il FEIS renderà più facile attrarre nei progetti e nelle attività gli investitori privati, i quali investirebbero nei segmenti finanziari più protetti, cosiddetti senior. 18. Come si è arrivati ad un effetto moltiplicatore di 1:15? Per il FEIS l'effetto moltiplicatore significa che un euro di denaro pubblico del fondo permetterà di investire tre euro in debito subordinato in un dato progetto, permettendo agli investitori privati di investire cinque euro nei segmenti senior, più sicuri, dello stesso progetto. Per cui ogni singolo euro consente un investimento finale di 15 euro, ossia un effetto moltiplicatore complessivo di 1:15. L'effetto moltiplicatore di 1:15 è una stima prudente, basata sull'esperienza storica maturata con i programmi dell'ue e con l'attività della BEI. A titolo di riferimento, l'aumento di capitale della BEI nel 2013 aveva un effetto moltiplicatore stimato di 1:18. Analogamente, per l'attuale meccanismo di garanzia sui prestiti per le PMI nell'ambito del programma 9

11 COSME, 1 miliardo di euro di finanziamenti si traduce in media in 20 miliardi di euro disponibili in concreto per le PMI, il che equivale a un effetto moltiplicatore di 1:20. L'effetto moltiplicatore nel singolo caso dipenderà dal mix di attività e dalle caratteristiche specifiche di ciascun progetto. Alcune operazioni avranno un effetto moltiplicatore superiore o inferiore. 19. Sono a rischio i soldi dei contribuenti? Cosa accade se viene utilizzata la garanzia del bilancio dell'ue? La garanzia del bilancio dell'ue permette alla BEI di offrire prodotti a maggiore valore aggiunto, ma anche intrinsecamente più rischiosi. I rischi sono attenuati mediante: - una gestione professionale, grazie all'esperienza e alla competenza della BEI; - un comitato per gli investimenti indipendente e professionale che vigilerà sulle attività del FEIS; - una remunerazione adeguata del rischio, che sarà mantenuta nel fondo per compensare le perdite; - un portafoglio ben diversificato; - un fondo di garanzia dotato di risorse adeguate pari al 50% del volume complessivo della garanzia in essere dell'ue, il che, sulla base dell'esperienza storica, rende improbabile che le perdite superino gli accantonamenti del fondo di garanzia; - il monitoraggio professionale dei rischi e la possibilità di adeguare le linee guida sul rischio in caso di sviluppi negativi nei primi anni di vita del portafoglio; - condizioni di pagamento in caso di ricorso alla garanzia che consentiranno di ripartire nel tempo l'impatto sul bilancio di un ricorso al fondo; - la previsione nella governance del FEIS di un sistema di allerta precoce che assicuri che in caso di difficoltà con la sostenibilità finanziaria del fondo siano fornite informazioni sufficienti e siano adottate misure preventive. 20. Cosa farà il fondo esattamente? Quali progetti finanzierà? I finanziamenti saranno destinati a progetti validi con un reale valore aggiunto per l'economia sociale di mercato europea, tra cui, in particolare, ma non solo: 1) infrastrutture strategiche (investimenti nel digitale e nell'energia in linea con le politiche UE); 2) infrastrutture di trasporto in agglomerati industriali, istruzione, ricerca e innovazione; 3) investimenti per rilanciare l'occupazione, in particolare mediante il finanziamento delle PMI e misure a favore dell'occupazione giovanile. Gli Stati membri forniranno alla task force congiunta Commissione-BEI gli elenchi dei progetti selezionati in base a tre criteri fondamentali: 1) valore aggiunto europeo (progetti a sostegno degli obiettivi dell'ue); 2) redditività e valore economici, dando priorità ai progetti a elevato rendimento socioeconomico; 10

12 3) progetti che possano essere avviati al più tardi entro i prossimi tre anni, ossia entro un orizzonte temporale ragionevole per la spesa in conto capitale nel periodo Inoltre, i progetti inseriti negli elenchi dovrebbero essere in grado di mobilitare altre fonti di finanziamento. Dovrebbero anche essere di dimensioni e scalabilità ragionevoli (distinguendo per settore/sottosettore), pur consentendo l'abbinamento di investimenti di dimensioni ridotte. 21. E per quanto riguarda l'esame dei progetti selezionati alla luce del diritto della concorrenza? Di norma il sostegno pubblico agli investimenti infrastrutturali contribuisce a stimolare l'occupazione e la crescita. Esso consente la costruzione di infrastrutture che altrimenti non verrebbero realizzate e di attirare gli investimenti privati. I progetti dovrebbero essere selezionati attentamente in modo da evitare lo spreco del denaro pubblico, e da impedire che vengano danneggiati i concorrenti e lasciati fuori gli investimenti privati. Per assicurare il successo del piano di investimenti la Commissione seguirà tre principi fondamentali nell'applicazione delle norme sugli aiuti di Stato: i progetti dovrebbero soddisfare un reale bisogno, per cui saranno escluse duplicazioni di infrastrutture esistenti, dovrebbero consentire un accesso equo e ragionevole a tutti gli utenti e il sostegno pubblico dovrebbe essere limitato a quanto necessario per rilanciare gli investimenti e non determinare sovracompensazioni. Nei casi in cui gli Stati membri forniscano contributi di capitale direttamente dal loro bilancio la Commissione effettuerà anche una valutazione semplificata degli aiuti di Stato incentrata sulla prevenzione della sovracompensazione che terrà conto delle caratteristiche del settore. Sarà possibile in tal modo assicurare l'attuazione tempestiva in condizioni eque di concorrenza. 22. Quali misure sono previste in particolare per le PMI? I 22 milioni di PMI dell'ue sono la spina dorsale della sua economia. La crescita e la ripresa iniziano con le nostre PMI. Ma non dobbiamo dimenticare un altro segmento dell'economia dell'ue che ha talvolta difficoltà nell'accedere ai finanziamenti: le imprese a media capitalizzazione. Si tratta di imprese nettamente più grandi delle PMI, ma ancora molto più piccole delle imprese veramente grandi, che spesso devono far fronte a una mancanza di finanziamenti. Il Fondo europeo per gli investimenti (parte del gruppo BEI) ha lo specifico mandato di assistere le PMI e le imprese a media capitalizzazione. L'UE ha programmi specifici anche in questo campo (COSME e Orizzonte 2020). L'idea è quella di aumentare significativamente tali attività, anche assicurando che le condizioni per beneficiare dei finanziamenti siano favorevoli e non siano di ostacolo agli investimenti. 11

13 23. Come potranno partecipare gli Stati membri? Hanno interesse a farlo? Gli Stati membri, direttamente o tramite le loro banche di promozione nazionali, possono partecipare al FEIS fornendo capitali. È importante sottolineare che nel contesto della valutazione delle finanze pubbliche nel quadro del patto di stabilità e crescita la Commissione valuterà favorevolmente questi conferimenti di capitale al fondo. Si potrebbe anche prevedere la creazione di una piattaforma di coinvestimento che consenta alle banche di promozione nazionali e ad altri potenziali investitori istituzionali interessati di coinvestire assieme al FEIS/BEI. Gli Stati membri possono contribuire anche a livello dei singoli progetti e attraverso un uso più efficiente dei fondi strutturali e di investimento europei (cfr. la domanda 34). 24. Come potranno partecipare gli investitori privati? Hanno interesse a farlo? Gli investitori privati possono contribuire direttamente al FEIS, ma è più probabile che parteciperanno al finanziamento a livello dei singoli progetti. Sono anche possibili varie forme di partenariato pubblico-privato, anche attraverso veicoli di finanziamento complementari, come ad esempio i fondi di investimento a lungo termine europei (ELTIF, che saranno disponibili nel primo semestre del 2015, se l'iter legislativo procederà come previsto). 25. In che modo sarà speso il denaro? Chi deciderà sui progetti? Come si può essere sicuri che il denaro verrà speso per progetti validi (e non per progetti faraonici di dubbia utilità)? I soggetti prossimi alle realtà locali, ad es. le autorità regionali o locali e i partecipanti al mercato, avranno il compito di individuare progetti validi e sostenibili. Il fondo si doterà di un apposito comitato per gli investimenti composto da esperti che avranno il compito di convalidare ogni progetto da un punto di vista commerciale e sociale, tenendo conto delle linee guida per gli investimenti del fondo. Un regolare e rigoroso controllo assicurerà che il denaro sia speso in modo efficiente e crei un reale valore aggiunto. Insieme agli Stati membri, la "task force per gli investimenti", che riferirà tra breve, ha effettuato un primo screening dei progetti potenzialmente validi di rilevanza europea. La Commissione ritiene che questo lavoro debba continuare, su base permanente, a livello di UE, per contribuire a individuare e attivare i principali progetti di investimento di rilevanza europea e per informare regolarmente gli investitori sullo stato di preparazione dei progetti. Le banche di promozione nazionali potrebbero dare un utile contributo in tal senso. Occorre creare una riserva di progetti di rilevanza europea che potrebbero attirare gli investitori. Si tratterebbe di un elenco dinamico, compilato in base a una serie di criteri semplici e riconosciuti (cfr. la domanda 20). I progetti saranno aggiunti o eliminati nel corso del tempo. Questo non significa che ciascuno dei progetti della riserva europea debba essere o sarà finanziato nell'ambito del piano (potrebbero essere utilizzati anche gli strumenti esistenti), ma che gli investitori pubblici e privati potranno avere accesso a informazioni 12

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 10 final 2015/0009 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 16.12.2014 COM(2014) 910 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Programma

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.4.2015 C(2015) 2771 final ANNEX 1 ALLEGATO della decisione della Commissione che modifica la decisione C(2013)1573 sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n.

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 6.10.2011 COM(2011) 607 definitivo 2011/0268 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Dossier tecnico Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Primo dossier tecnico A cura della Direzione centrale cultura, sport, relazioni internazionali

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.1.2011 COM(2011) 21 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, xxx COM(2010) 614 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Una politica

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Il contenuto di questa pubblicazione non riflette l opinione ufficiale dell Unione europea. La responsabilità delle informazioni in

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI A) Che cos è il mercato unico. a) Uno strumento unico al mondo Entrato in vigore il primo gennaio 1993, al termine di un complesso processo di preparazione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS...

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS... C 158/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2012 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Orientamenti relativi a determinati aiuti di Stato nell ambito del sistema per lo scambio di quote di emissione dei

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

HORIZON 2020 in breve

HORIZON 2020 in breve HORIZON 2020 in breve Il programma quadro dell'ue per la ricerca e l'innovazione Ricerca e innovazione Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli