Lo spazio di lavoro come investimento produttivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo spazio di lavoro come investimento produttivo"

Transcript

1 SETTEMBRE 2013 Ricerca commissionata da Assufficio di FederlegnoArredo a cura di AREA STUDI

2 INDICE n 1 Premessa 03 n 2 La relazione tra spazio e performance economica: La ricerca ufficio fabbrica creativa i risultati della ricerca del Gli investitori mostrano andamenti migliori dell universo Non solo le grandi aziende ottengono buoni risultati 09 n 3 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO alla CRISI? LE AZIENDE DEL PANEL NON SONO IMMUNI ALLA CRISI La performance economica del panel nel triennio LE AZIENDE DEL PANEL NON SONO IMMUNI ALLA CRISI IL CONFRONTO CON LE ALTRE IMPRESE: IL CAMPIONE continua AD AVERE PERFORMANCE MIGLIORI DELL UNIVERSO 21 n 4 LA CRISI DEGLI ANNI E GLI INVESTITORI: sintesi DEI RISULTATI ALLA CRISI? 23 n 5 IL NUOVO PANEL DI INVESTITORI SULLO SPAZIO DI LAVORO I RISULTATI ECONOMICI DEL NUOVO PANEL: I DATI DEL I RISULTATI ECONOMICI DEI DUE PANEL A CONFRONTO I RISULTATI ECONOMICI DEI NUOVI INVESTITORI rispetto ALL UNIVERSO 33

3 n 6 LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DELL UFFICIO: LE BEST PRACTICES E GLI ERRORI PIÙ COMUNI LA PROGETTAZIONE IDEALE E L IDEALE DI PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE E PROJECT MANAGEMENT Il processo gestito e il processo non gestito Costi, tempi obiettivi: l approccio tradizionale del project management e una proposta concettuale 44 n 7 LE FASI DELLA PROGETTAZIONE/REALIZZAZIONE dello SPAZIO UFFICIO PRE-PROGETTO E ANALISI DEI BISOGNI La fase più critica e quella meno utilizzata L analisi organizzativa e l esigenze spaziali Gli errori più comuni nell analisi dei bisogni del committente LA SCELTA DELL IMMOBILE Come giudicare uno spazio: gli ambiti di giudizio per la scelta dell immobile Come giudicare uno spazio: i parametri di giudizio per la scelta dell immobile Gli errori più comuni nella scelta dell immobile l inizio della progettazione e la raccolta del brief Gli errori più comuni nella fase pre-progettuale LA PROGETTAZIONE VERA E PROPRIA La progettazione degli impianti meccanici e elettrici/dati LA SCELTA DEI FORNITORI Le caratteristiche dei prodotti e delle forniture Le caratteristiche dei fornitori la progettazione/realizzazione, i conflitti di interesse e il gestore del processo 75 n 8 CONCLUSIONI IL DECALOGO DELLA PROGETTAZIONE/REALIZZAZIONE dello SPAZIO UFFICIO Le dimensioni spazio Analizzare come si lavora e dove si lavora Valutare, e pesare, attentamente i vincoli sull immobile Affidarsi ad un gestore Farsi sempre spiegare i possibili scenari e i rischi Definire le caratteristiche delle forniture in maniera chiara Selezionare fornitori sulla base del loro servizio Gestire i conflitti di interesse dei fornitori Guardare ai costi di oggi ma non dimenticare i costi futuri Il benessere non è in contrasto con la produttività 81 n 9 RINGRAZIAMENTI 82

4 1 PREMESSA

5 Ufficio Fabbrica Creativa è un progetto di Assufficio, l'associazione nazionale delle industrie dei mobili e degli elementi di arredo per l'ufficio di FederlegnoArredo, che intende riflettere sul ruolo dell'ufficio e dello spazio di lavoro nella moderna economia. Il progetto ha come obiettivo l'analisi dei modelli organizzativi della produzione intellettuale e i riflessi che questi hanno sull'organizzazione e la progettazione dello spazio di lavoro e in particolare dell'ufficio, luogo di elezione dove si realizza la produzione intellettuale. Ufficio Fabbrica Creativa intende contribuire a costruire una base di conoscenza sulla quale elaborare le best practices delle aziende più creative, ossia identificare i modelli organizzativi, i sistemi di relazione, le soluzioni di arredo che meglio contribuiscono a rendere produttivi i knowledge worker. Il progetto ha preso avvio con un forum nel 2007 in cui sono stati protagonisti economisti, sociologi, architetti, imprenditori e creativi che si sono occupati, sotto più aspetti, della produzione intellettuale. Successivamente sono state svolte numeroso attività di ricerca e diversi incontri sia livello nazionale, sia a livello territoriale nei diversi distretti produttivi italiani. Nell ambito del progetto è stato anche realizzato un osservatorio sulle aziende che hanno investito nello spazio di lavoro con l obiettivo di comprendere se è possibile tracciare una relazione tra l investimento nello spazio di lavoro e la produttività dell azienda. Scopo di questo osservatorio è iniziare a dimostrare che le risorse spese negli spazi aziendali devono essere considerate investimenti, ovvero costi produttivi che hanno un rendimento nel medio periodo, e non semplici costi fissi da minimizzare. Un approccio economico al problema dell investimento nello spazio di lavoro non vuole in nessun modo trasmettere la visione che esista solo un problema di ritorno produttivo: creare spazi confortevoli e benessere per i propri dipendenti è in primo luogo una responsabilità e un dovere dell azienda, ma si è ritenuto che esistano buone argomentazioni anche dal punto di vista economico e che queste vadano confermate con analisi e dati concreti. Ufficio Fabbrica Creativa intende contribuire a costruire una base di conoscenza sulla quale elaborare le best practices delle aziende più creative, ossia identificare i modelli organizzativi, i sistemi di relazione, le soluzioni di arredo che meglio contribuiscono a rendere produttivi i knowledge worker. 4

6 Questo rapporto si divide sostanzialmente in due parti: nella prima si riportano i risultati dell osservatorio sugli investitori nello spazio di lavoro. Nel 2013 infatti sono stati effettuati due tipi di analisi: da un lato si è verificato come il panel di investitori costruito nel 2010 aveva reagito alla crisi e dall altro è stato incrementato il campione con le aziende che hanno effettuato investimenti nello spazio, nel triennio I due gruppi di aziende sono state messi a confronto tra loro e a confronto con l universo delle imprese italiane in relazione ad alcuni indici finanziari di redditività Nell ambito del progetto è stato anche realizzato un osservatorio sulle aziende che hanno investito nello spazio di lavoro con l obiettivo di comprendere se è possibile tracciare una relazione tra l investimento nello spazio di lavoro e la produttività dell azienda. La seconda parte della ricerca invece vuole sperimentalmente provare a definire il processo di progettazione/realizzazione degli spazi di lavoro. La ragione di una tale analisi è perché si ritiene che sia fondamentale definire un percorso ideale di tale processo, definendo la sequenza delle sue fasi e le attività che in quelle fasi si devono realizzare. Investire in questo tipo di conoscenza è infatti uno dei primari obiettivi del progetto Ufficio Fabbrica Creativa che ha tra i suoi scopi divulgare la cultura dello spazio di lavoro di qualità. Essendo quest ultimo uno spazio che deve consentire il benessere dei lavoratori ma anche uno spazio produttivo, razionalizzare il suo processo progettuale e realizzativo significa elevare la conoscenza del mercato e quindi aumentarne la capacità di cogliere le differenze tra un processo (e quindi un prodotto derivato da quel processo) di qualità ed uno a basso valore aggiunto. 5

7 LA RELAZIONE TRA SPAZIO E PERFORMANCE ECONOMICA: LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA LA RELAZIONE TRA SPAZIO E PERFORMANCE ECONOMICA: LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA

8 LA RELAZIONE TRA SPAZIO E PERFORMANCE ECONOMICA: LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2010 Nonostante la crescente attenzione verso la relazione del contesto ambientale e spaziale sulla produttività del lavoro, le ricerche statistiche che la provano sono ancora una rarità. Nel 2010 Assufficio, nell ambito del progetto Ufficio Fabbrica Creativa, ha commissionato a Diomedea la prima ricerca italiana su questo argomento che aveva come obiettivo dimostrare se esiste una relazione statistica tra il fatto di aver investito nello spazio di lavoro e una performance economica migliore della media dell universo delle imprese. In altre parole, consapevoli che tale relazione è complessa e influenzata da una pluralità di fattori, si voleva capire se le aziende che investivano nello spazio di lavoro avevano più probabilità di appartenere ad un gruppo di aziende con buone performance economiche relativamente al resto delle imprese. È altrettanto evidente che le performance economiche siano influenzate dalle differenti situazioni aziendali, dalla tecnologia, dal livello competitivo del settore in cui operano. Non stiamo quindi cercando il Santo Graal della crescita economica nella progettazione dello spazio che rimane UNA delle componenti di successo. Vogliamo però capire se in media gli investitori nello spazio di lavoro hanno maggiore probabilità di essere aziende di successo sul mercato. Ovviamente ciò non significa che investire nello spazio di lavoro sia di per sé una garanzia di successo economico, né che tutte le aziende del panel abbiano avuto performance migliori ai loro concorrenti più simili. Significa verificare se esista una relazione tra il modo in cui è selezionato il panel (il fatto che tutti abbiano investito nello spazio di lavoro) e il fatto che la loro perfomance economica sia differente da quella della azienda media appartenente allo stesso settore economico. Nel 2010 quindi, nell ambito di questa prima ricerca, sono state messe a punto le modalità per costruire il panel di aziende di studio, ovvero quelle che potevano essere definite investitori nello spazio. La nostra preoccupazione infatti è stata fin da subito quella di isolare i soli acquirenti di mobili con quelli che effettivamente hanno investito nello spazio. Per costruire il panel di aziende si è quindi utilizzata la variabile acquisto mobili, chiedendo però alle aziende produttrici di mobili per ufficio associate ad Assufficio di segnalarci quegli acquisti che non fossero di pura sostituzione, ma È altrettanto evidente che le performance economiche siano influenzate dalle differenti situazioni aziendali, dalla tecnologia, dal livello competitivo del settore in cui operano. solo quelli che facessero parte di un progetto e investimento complessivo sullo spazio da parte dell azienda cliente. Altre informazioni richieste su ogni singolo cliente/acquisto (la presenza di un progetto, l anno di costituzione e l anno di investimento, ecc.) hanno permesso di escludere dal campione la maggior parte degli acquisti di puro arredamento dello spazio. In questo modo abbiamo potuto usare un criterio oggettivo, l acquisto di mobili, per valutare un fattore più qualitativo, ovvero l'investimento nello spazio di lavoro. Siamo così riusciti a definire alcuni criteri per poter identificare le aziende che hanno effettivamente INVESTITO e non soltanto quelle che hanno SPESO. 7

9 LA RELAZIONE TRA SPAZIO E PERFORMANCE ECONOMICA: LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA I RISULTATI DELLA RICERCA DEL 2010 Il campione di imprese che è stato così identificato (99 imprese italiane) ha performance economiche migliori rispetto all universo di aziende simili (stessi settori e stesse caratteristiche). Ciò significa che il criterio di selezione (l investimento nello spazio) tende a far includere nell'urna delle aziende selezionate quelle che hanno performance economiche migliori. Investimento nello spazio e buone performance economiche tendono ad essere caratteristiche che si sovrappongono, ovvero, le due variabili sono correlate nel periodo analizzato, il quinquennio , gli ultimi dati di bilancio disponibili nel 2010 quando è stata realizzata la prima ricerca Gli investitori mostrano andamenti migliori dell universo Sebbene non tutte le aziende del campione abbiano buone performance, il gruppo di aziende ha avuto risultati molto più positivi dell universo. In particolare vale la pena qui ricordare che sono state considerate solo aziende con P.Iva italiana sia nel gruppo degli investitori sia nel gruppo di controllo (ovvero l universo di imprese). Il confronto tra i risultati dei due gruppi è stato possibile attraverso l utilizzo della banca dati AIDA che mette a disposizione i bilanci riclassificati delle aziende italiane con una serie di ulteriori informazioni rispetto alle aziende stesse. Le 99 aziende del campione hanno visto crescere il loro Valore Aggiunto nel quinquennio del 33,2% contro una crescita calcolata da ISTAT per la totalità dei settori del 13,1%. Nel campione abbiamo escluso il settore edilizia e quello immobiliare in quanto in casi simili non era possibile stabilire se l investimento rilevato dalla aziende fornitrici di mobili per ufficio fosse fatto per l azienda cliente o per lo spazio che veniva allestito per terzi. Escludendo quei due settori anche dal gruppo di controllo dell universo, in anni in cui il ciclo dell edilizia era ancora positivo, la crescita del Valore Aggiunto Istat scende al 9,9%. In termini di valore aggiunto, quindi, il campione di aziende ha avuto una crescita circa 3 volte superiore alla media ISTAT, nel periodo Considerando l EBITDA, invece che il valore aggiunto, il panel delle 99 aziende dimostra di avere ancora dati superiori ad un gruppo di controllo dell universo di imprese costruito con 103mila imprese di capitali con fatturato superiore a euro della banca dati di bilancio AIDA. Considerando i quattro principali settori produttivi delle aziende del panel di investitori (manifattura, commercio, servizi professionali, consulenza informatica) per i quali è possibile costruire il gruppo di controllo, le aziende del campione hanno visto crescere l EBITDA nel quinquennio del 29%. Le aziende invece dell universo AIDA hanno visto crescere L EBITDA del 16% nello stesso periodo. In termini di EBITDA quindi il campione di aziende ha avuto una crescita circa 2 volte superiore alla media nel periodo , un altro risultato che dimostra come effettivamente gli investitori abbiano performance economiche superiori alla media. 8

10 LA RELAZIONE TRA SPAZIO E PERFORMANCE ECONOMICA: LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA Non solo le grandi aziende ottengono buoni risultati Uno dei temi più ricorrenti sulla questione dell investimento dello spazio è il fatto che solo grandi aziende, con grandi mezzi e che gestiscono grandi spazi, possono ambire a fare strategie per rendere tali spazi utili a massimizzare il benessere dei lavoratori. Eppure non è solo la presenza delle palestre o delle caffetterie che rende l investimento dello spazio virtuoso. È invece l idea che lo spazio debba essere pensato in relazione al processo produttivo dei gruppi, alle caratteristiche dei singoli lavoratori e alle esigenze dell azienda in senso largo. La ricerca di Ufficio Fabbrica Creativa arriva ad un altro risultato importante: tra gli investitori non ci sono soltanto grandi aziende. Più di un terzo delle imprese ha un fatturato inferiore a 10 milioni di euro mentre il 61% ha un fatturato inferiore a 50 milioni di euro. Grafico.1 LE AZIENDE DEL PANEL "INVESTITORI NELLO SPAZIO DI LAVORO" (quota % per classe di fatturato) più di 1 mld 7% meno di 1 mio 2% da 500 mio a 1 mld 5% da 1 mio a 10 mio 32% da 100 mio a 500 mio 20% da 50 mio a 100 mio 7% da 10 mio a 50 mio 27% Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa 9

11 LA RELAZIONE TRA SPAZIO E PERFORMANCE ECONOMICA: LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2010 Non è soltanto la presenza di queste aziende ad essere confortante ma è il fatto che, se consideriamo le imprese più piccole, il rapporto tra investimento nello spazio e performance economica non cambia, anzi migliora. Se infatti si escludono le aziende più grandi (quelle con un fatturato superiore a 500 milioni di euro) le differenze di performance economiche rispetto all universo si accentuano. Rispetto al valore aggiunto, i dati di confronto con ISTAT ci dicono che il campione "a dimensioni ridotte", nel periodo , ha una crescita del 64,4% contro il 9,9% dell universo, ovvero un differenziale ben superiore a quello del campione completo che include le aziende più grandi. Tabella.1 RISULTATI ECONOMICI DEL CAMPIONE ANALIZZATO RISPETTO ALLA MEDIA ISTAT CAMPIONE TOT. CAMPIONE (FINO A 1MLD) CAMPIONE (FINO A 500 MIO) VENDITE var % ,4% 34,4% 45,6% VAL. AGG. var % ,2% 39,7% 64,4% VAL. AGG. ISTAT var % ,1% VAL. AGG. ISTAT (ESCL. COSTRUZIONI E IMMOBILIARE) 9,9% var % EBITDA var % ,4% 36,9% 67,4% Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa 2010 Considerando il solo settore manifatturiero, si ottengono gli stessi risultati: il "campione ridotto" ha una crescita di EBITDA di circa 5 volte superiore all universo, mentre per il campione completo il differenziale con l'universo è di solo 1,8. La stessa diversità di passo la si ottiene guardando al Valore Aggiunto. Per il campione ridotto, il differenziale di crescita rispetto all'universo è di 2,4 mentre per il campione completo è di solo l'1,5. 10

12 LA RELAZIONE TRA SPAZIO E PERFORMANCE ECONOMICA: LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2010 Tabella.2 RISULTATI ECONOMICI DEL CAMPIONE ANALIZZATO. SETTORE: MANIFATTURA VALORI IN.000 EURO /08 VENDITE ,0% 11,9% 16,7% 5,8% 46% VAL AGG ,0% 13,7% 10,2% 1,9% 30% EBITDA ,6% 17,5% 16,8% -8,1% 25% VAL AGG. /VENDITE 26% 27% 25% 24% EBITDA/VENDITE 11% 11% 11% 10% Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa 2010 Tabella.3 RISULTATI ECONOMICI BANCA DATI BILANCI. SETTORE: MANIFATTURA ( az.) VALORI IN.000 EURO /08 VENDITE ,3% 11,6% 8,4% 1,8% 30% VAL AGG ,7% 7,9% 8,7% -1,0% 20% EBITDA ,1% 11,1% 12,6% -9,6% 14% VAL AGG. /VENDITE 24% 23% 24% 23% EBITDA/VENDITE 9% 9% 9% 8% Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa

13 3 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI?

14 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI? La ricerca Ufficio Fabbrica Creativa 2013 ha come obiettivo principale quello di verificare su un orizzonte temporale più lungo, se la relazione tra investimento e performance economica, nell accezione probabilistica spiegata prima, permane oppure no. Questo stesso obiettivo è stato suddiviso in due distinti punti di osservazione: in primo luogo abbiamo voluto verificare se usando lo stesso panel dell analisi che riguardava gli anni , le conclusioni a cui si giungeva erano le stesse anche per il triennio , gli ultimi anni per i quali al momento (marzo 2013) i dati di bilancio sono disponibili. Aspetto ulteriormente interessante è il fatto che in questo triennio, il momento economico abbia decisamente svoltato verso la negatività e ciò ci permette di valutare le performance economiche del panel anche in un momento di sostanziale difficoltà del mercato. Si ricordi inoltre che circa il 50% del panel è rappresentato da aziende manifatturiere, settore nel quale la crisi ha colpito duramente. Una seconda prospettiva di questa ricerca è stata invece dedicata all allargamento del panel a investitori che hanno fatto progetti di investimento durante il triennio , ovvero attraverso l estensione a nuove aziende del vecchio panel. L utilizzo della stessa metodologia di selezione ha permesso di inserire nel panel nuove aziende e verificare se il loro comportamento era lo stesso del primo originario panel in relazione al rapporto tra investimento e perfomance economica. In questa prima sintesi descriveremo il primo punto di osservazione, ovvero cercheremo di capire come le aziende del panel di cui già abbiamo brevemente ricordato i risultati per il periodo , si siano comportate nel triennio Nell analizzare i risultati, ci concentreremo sia sulle performance assolute che in un momento di svolta congiunturale sono comunque interessanti, sia sulle performance relative cioè quelle avute rispetto all universo di riferimento. Si ricordi inoltre che circa il 50% del panel è rappresentato da aziende manifatturiere, settore nel quale la crisi ha colpito duramente. 13

15 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI? 3.1 LE AZIENDE DEL PANEL NON SONO IMMUNI ALLA CRISI Ci siamo quindi chiesti come le aziende che abbiamo definito come investitori nello spazio di lavoro, abbiano reagito alla crisi il cui apice è stato toccato tra il 2009 e il 2010, una crisi che si è vista in tutti i bilanci aziendali a prescindere dal settore di riferimento. In questo senso ci pare ulteriormente interessante capire se le aziende che hanno investito nello spazio hanno risentito della crisi, in quale misura e se hanno recuperato più velocemente che altre aziende. Tabella. 4 RISULTATI ECONOMICI DEL CAMPIONE ANALIZZATO NEL 2008 TOTALE CAMPIONE CAMPIONE FINO A 1MLD DI FATTURATO CAMPIONE FINO A 500 MIO DI FATTURATO VENDITE 2008 (.000) , , ,82 UTILE 2008 (.000) , , ,78 DIPENDENTI Media ROA ,0 7,1 7,2 Media ROE ,1 11,9 10,9 Media ROS ,8 5,9 6,1 Media EBITDA/VENDITE ,4 10,6 10,5 DevST EBITDA/VENDITE ,9 8,1 8,1 N IMPRESE Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa 2010 Il campione analizzato nella ricerca 2010, aveva sommato circa 24,7 miliardi di euro di vendita per un totale complessivo di 99 aziende inserite nel panel. Le aziende nel complesso davano lavoro a 75 mila addetti. Si noti tuttavia che questo dato, essendo ricavato dai bilanci, può non risultare preciso in quanto non aggiornato o non presente nella banca dati AIDA. Per questa ragione infatti non sono stati presi in considerazione indici di produttività per addetto in quanto potenzialmente il denominatore può non risultare aggiornato come il numeratore e quindi può falsare l analisi. Interessante notare che in media il campione risulta avere un rapporto EBITDA e vendite di 10,4 e un ROE del 12,1. Nell analisi del campione si notava poi che le prime 7 imprese per fatturato realizzano il 62,3% delle vendite del campione e che le prime 12 imprese per fatturato realizzano il 77% delle vendite del campione. Ciò peraltro rappresenta lo specchio di quanto avviene nell universo delle imprese italiane che come sappiamo per la maggior parte hanno una taglia medio piccola. Per il timore che l effetto di un 14

16 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI? numero così ridotto di imprese fosse distorsivo rispetto ai risultati dell analisi, abbiamo sempre valutato i risultati e le imprese maggiori. In tutti i casi, come dimostra la tabella, le aziende più piccole avevano performance migliori rispetto a quelle più grandi seppure sostanzialmente in media con il totale del campione. Nel confrontare i dati assoluti del campione del 2010 abbiamo dovuto verificare la disponibilità dei bilanci di tutte le 99 aziende originarie. Tuttavia il primo necessario adattamento è stato quello di rinunciare a 5 imprese che per ragioni diverse non mettevano a disposizione il proprio bilancio nel secondo periodo analizzato (il triennio ): quando ad esempio l azienda procede ad una fusione o cambia ragione sociale, abbiamo preferito non mantenere nel panel quella azienda in quanto rappresentava una discontinuità troppo rilevante per presumere che l atteggiamento di attenzione positiva verso lo spazio di lavoro fosse mantenuta. La tabella seguente quindi presenta gli stessi dati di sintesi ma con un campione che da 99 aziende scende a 94 investitori nello spazio. Proporzionalmente diminuiscono anche le aziende che fatturano fino al miliardo di euro e fino a 500 milioni di euro essendo, le aziende escluse dal campione, tutte con fatturati medio piccoli. La tabella ripropone il fatturato aggiustato anche in relazione al 2008 ovvero escludendo quelle imprese che come abbiamo detto non abbiamo avuto modo di inserire nell analisi del nuovo triennio Tabella. 5 RISULTATI ECONOMICI DEL CAMPIONE ANALIZZATO NEL 2011 TOTALE CAMPIONE CAMPIONE FINO A 1MLD DI FATTURATO CAMPIONE FINO A 500 MIO DI FATTURATO VENDITE 2008 (.000) , , ,69 VENDITE 2011 (.000) , , ,03 UTILE 2011 (.000) , Dipendenti Media ROA ,04 3 2,8 Media ROE ,76 3,06 4 Media ROS ,95 3,90 4,39 Media EBITDA/VENDITE ,08 9 9,1 DevST EBITDA/VENDITE ,29 12,71 12,62 N IMPRESE Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa

17 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI? Il primo dato che emerge in termini di fatturato è che il campione non ha perso fatturato rispetto ai livelli del 2008: sono circa 407 milioni di euro le maggiori vendite realizzate dalle 94 aziende del campione nel 2011 rispetto al Come si vede, anche il campione ridotto, ovvero quello con le aziende con fatturato inferiori al miliardo di euro o a 500 milioni di euro, raggiunge livelli di fatturato superiori ai corrispondenti livelli del Un altro dato emerge da questo primo confronto tra i risultati del panel nel 2008 e quelli del 2011: il livello di redditività media si è abbassato, passando dal 10% all 8% sul totale delle vendite. Questo dato è significativo perché riguarda in particolare il panel più allargato mentre il rapporto tende a crescere man mano che si considerano i panel con le aziende più piccole, seppure rimane al di sotto dei livelli raggiunti nel primo quinquennio. Le aziende del nostro panel in altre parole non sono state immuni alla crisi dato che ovviamente era altamente prevedibile, essendo per il 50% aziende manifatturiere, settore nel quale la crisi ha spesso colpito duramente. Un altro aspetto poi emerge da questo primo confronto: le aziende, all interno del panel, sembrano avere redditività molto più differenziata che in passato in quanto la varianza tra la media EBITDA/vendite del 2008 e quella del 2011 tende a crescere. Anche questo dato appare significativo perché dimostra come la crisi abbia colpito in modo differenziato i settori e le imprese e ciò ha provocato un crescere delle differenze di redditività tra le aziende all interno dello stesso campione. Come è ovvio, il fatto che le aziende del panel abbiano sentito i morsi della crisi ancora non prova nulla, ma già ci pone in evidenza due elementi. Il panel è costituito da aziende che devono confrontarsi con un mercato che non sempre le premia; non vi sono cioè solo aziende che hanno una tecnologia superiore o che sono in grado di gestire monopoli che le traghettino al di fuori della congiuntura negativa, sempre e comunque. Il secondo aspetto rilevante è che queste imprese siano riuscite a mantenere in media una redditività positiva e abbiano per lo più raggiunto e superato i livelli di fatturato precrisi. Questo dato in particolare ci sembra significativo se paragonato alle aziende di alcuni settori manifatturieri che ancora oggi (nel 2012) sono ben al di sotto dei livelli La performance economica del panel nel triennio Il grafico mette in evidenza l andamento del fatturato delle aziende del panel, nel periodo ovvero l intero periodo di 8 anni che ha coperto la ricerca UFC. Si è considerato l indice del fatturato a valori correnti, prendendo come valore base il dato 2004, l anno iniziale del periodo di analisi. 16

18 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI? Grafico.2 Andamento del fatturato panel UFC Anni % 160,0 50% 40% 135,5 140,9 46% 143,3 140,0 30% 118,9 123,4 120,0 20% 10% 0% 100,0 107,5 8% 11% 14% 4% 84,4 16% 100,0 80,0-10% 60,0-20% 40,0-30% -40% -40% 20,0-50% var. % 8% 11% 14% 4% -40% 46% 16% indice fatturato 100,0 107,5 118,9 135,5 140,9 84,4 123,4 143,3 Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa 2013 Ciò che emerge è una forte contrazione, pari al 40% del fatturato, che si è verificata nel 2009 e che dà la dimensione dell impatto della crisi. Si tratta evidentemente di una variazione che da sola spiega come il panel ha subìto, esattamente come l universo delle imprese, la forte crisi iniziata nel finire del Nei due anni successivi tuttavia il campione nel suo insieme ha recuperato il calo delle vendite e ha superato già i livelli precrisi del C è da notare come le imprese più grandi sono quelle che hanno dimostrato una minore capacità di ripresa così come le imprese della manifattura sono quelle che più hanno subìto, negli anni, l impatto della crisi. Lo dimostra il fatto che se guardiamo al campione ridotto, ovvero quello in cui togliamo le aziende che nel 2008 avevano più di 1 miliardo di fatturato, otteniamo un andamento migliore che per il panel completo. La crescita nel primo quinquennio è più lenta e il livello del 2008, considerando 100 il valore delle vendite nel 2004, arriva ad un valore di 132,2, quindi circa 8 punti sotto il livello raggiunto dal panel completo (cfr. grafico successivo). Rispetto al panel completo, però, la contrazione del 2009 è meno accentuata visto che la decrescita è di soli 30 punti percentuali e il recupero è più veloce visto che già nel 2011 i livelli sono di più di 8 punti al di sopra del dato

19 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI? Grafico.3 Andamento del fatturato panel UFC Aziende fino a 1 miliardo di euro di fatturato. Anni % 160,0 30% 131,4 132,2 33,0% 140,6 140,0 20% 10% 100,0 106,8 6,8% 14,0% 121,7 8,0% 90,6 16,7% 105,7 120,0 100,0 0% 0,6% 80,0-10% 60,0-20% 40,0-30% -31,5% 20,0-40% var. % 6,8% 14,0% 8,0% 0,6% -31,5% 16,7% 33% indice fatturato 100,0 106,8 121,7 131,4 132,2 90,6 105,7 140,6 Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa 2013 È interessante notare come non tutte le imprese del panel abbiano avuto la stessa capacità di ripresa: come precedentemente abbiamo chiarito rispetto alla redditività, gli andamenti sono diversi tra impresa e impresa. Ad esempio rispetto al recupero dei livelli precrisi, le aziende del panel si comportano in modo molto differente. Considerando l intero panel, il 42% delle aziende supera nel 2011 i livelli del 2008 con una crescita nel biennio che compensa la decrescita del Un ulteriore 43% del panel invece non riesce a superare tali livelli e quindi nel 2011 raggiunge un fatturato inferiore a quello del 2008; il restante 15% si trova in una situazione di quasi equilibrio tra i livelli 2008 e Queste aziende sono quelle che, pur non raggiungendo gli stessi livelli di fatturato, sono appena al di sotto ad essi per una percentuale inferiore del 10% rispetto al fatturato totale. Man mano che il panel viene ristretto ad aziende con fatturato minore di 1 miliardo di euro e di 500 milioni di euro, il peso delle aziende che recuperano i livelli ante crisi cresce rispetto al totale così come le differenze tra i due livelli si attenuano. Si conferma perciò che nel gruppo ci sono alcune aziende di grandi dimensioni che, come nella prima indagine UFC 2010, condizionano in modo negativo i risultati dell intero gruppo. 18

20 LA RICERCA UFFICIO FABBRICA CREATIVA 2013: GLI INVESTITORI NELLO SPAZIO COME HANNO RISPOSTO ALLA CRISI? 3.2 LA REDDITIVITÀ AZIENDALE TIENE Prendendo in considerazione le aziende del panel allargato, possiamo osservare nel periodo di analisi come sono stati gli andamenti degli indici di performance relativa già utilizzati nella ricerca UFC 2010 ed in particolare il valore aggiunto e l Ebitda. Tabella. 6 RISULTATI ECONOMICI DEL CAMPIONE. ANNI / /11 04/11 INDICE VENDITE (2004=100) 100,0 107,5 118,9 135,5 140,9 84,4 123,4 143,3 7,5% 10,6% 13,9% 4,0% 41% -40,1% 46,2% 16,1% 70% 43% INDICE VAL AGG. (2004=100) 100,0 102,1 116,3 131,3 133,0 106,4 114,9 136,4 2,1% 14,0% 12,8% 1,3% 33% -20,0% 8,0% 18,7% 28% 36% INDICE EBIDTA (2004=100) 100,0 99,0 117,3 142,3 130,1 101,5 110,6 130,5-1,0% 18,5% 21,3% -8,5% 30% -22,0% 9,0% 18,0% 29% 31% VAL AGG. /VENDITE 23,9% 22,7% 23,4% 23,2% 22,6% 30,2% 22,3% 22,8% EBITDA/VENDITE 10,0% 9,2% 9,9% 10,5% 9,2% 12,0% 9,0% 9,1% Fonte: elaborazioni Diomedea su panel Ufficio Fabbrica Creativa 2013 Per quanto riguarda il fatturato si è già detto: le aziende del panel subiscono la crisi in modo molto forte ma tendono a recuperare rapidamente. Come detto questo è l effetto della crisi che si tramuta in un volume di affari che crolla letteralmente nel In questo crollo, che è superiore al 40%, incide soprattutto la presenza delle imprese più grandi per le quali la crisi è risultata particolarmente violenta. Possiamo quindi dividere il periodo di analisi in tre distinte fasi. La fase pre-crisi , la fase postcrisi e il periodo totale che include l intero ciclo economico degli 8 anni presi in considerazione. Nel periodo come già emerso le aziende del campione hanno performance considerevoli; si ricordi che i risultati qui riportati sono solo parzialmente sovrapponibili a quelli rilevati nell indagine del 2010 in quanto si è dovuto sottrarre quelle aziende che non disponevano di bilanci per il triennio successivo. 19

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari 2011 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari Coordinamento generale:

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli