Workshop tematici della FGDA Serie Trasmettere. Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workshop tematici della FGDA Serie Trasmettere. Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo."

Transcript

1 Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo 26 marzo 2014 Profilo Relatori Fabio MALANCHINI Socio Fondatore Impact Finance Management S.A., Milano Laureato in Discipline Economiche e Sociali presso l Università Bocconi di Milano dove ha anche conseguito un Master in Economics. Dopo la laurea ha lavorato presso l Università Bocconi, svolto attività di consulenza per un fondo italiano specializzato in microfinanza e maturato esperienza come consulente in progetti internazionali di sviluppo. Nel 2000 ha fondato, con altri soci, Microfinanza, società specializzata in assistenza tecnica e, successivamente, Microfinanza Rating, agenzia internazionale di rating specializzata nel settore della microfinanza. Nel 2010 ha creato, insieme ad altri soci, Impact Finance Management, società di gestione specializzata in Impact Investing. Ha lavorato nell ambito di numerosi progetti di consulenza, rating e valutazione nel settore della microfinanza e di supporto alle piccole attività in America Latina, Africa, Asia, Europa Orientale, paesi del Mediterraneo e Italia. È stato direttore di Microfinanza Rating e di Microfinanza ed è attualmente co-direttore di Impact Finance. Davide DAL MASO Segretario Generale Forum Finanza Sostenibile, Milano Laureato in Giurisprudenza e con un Master Europeo in Gestione Ambientale in Olanda, con specializzazione in gestione ambientale d'impresa, il Dott. Dal Maso ha concentrato dal 1997 la propria attività di studio nel campo del rapporto tra attività finanziaria e sviluppo sostenibile. È stato tra i promotori del Forum per la Finanza Sostenibile un associazione senza scopo di lucro la cui missione è la promozione della cultura dello sviluppo sostenibile presso la comunità finanziaria italiana di cui è Segretario Generale della fondazione e membro del Board di Eurosif the European Sustainable Investment Forum. Inoltre si è occupato di gestione ambientale nelle imprese industriali, attraverso attività di consulenza e di sviluppo di progetti innovativi di ecogestione. È tra i fondatori dell istituto di ricerca Avanzi (idee ricerche e progetti per la sostenibilità), Head of SRI department e amministratore di Vigeo Italia, la prima agenzia di rating ambientale e sociale italiana; e svolge continuativamente attività di formazione a vantaggio di imprese, pubbliche amministrazioni e università. 1

2 Partecipanti: COGNOME - Nome BABBI Francesco BARIOLI Pier Carlo BOZZIA Gianluca CAVAZZOLI Andrea COMMODARO Gianfranco DAGRADI Diego DAL MASO Davide FERRARESI Paolo LANZONI Simona LIBRALESSO Davide MALANCHINI Fabio MENTIL Fulvia NEGRO Maria Cristina OSTI Annibale PALLARO Adriano RODRIGUEZ PULIDO Patricia ROSSI Giovanni Battista SCACCIANOCE Nicolò SCALCO Edoardo SCHIRRU Vittorio TAGLIAVINI Giulio ISTITUZIONE Università Cattolica del Sacro Cuore CreSud Chicomendes Banca Popolare dell'emilia Romagna Comune di Milano Fondazione Giordano Dell Amore Forum per la Finanza Sostenibile Banca Popolare Etica Fondazione Pangea Etimos Foundation Impact Finance Management S.A. Provincia di Lecco Fondazione Giordano Dell Amore Banca Popolare Etica Banca Popolare Etica Acaf Italia Impact Finance Management S.A. Fondazione Giordano Dell Amore Microfinanza Srl Libero professionista Università di Parma 2

3 IMPACT Workshop tematici della FGDA Documento di sintesi del workshop Il 26 marzo 2014 scorso si è tenuto il workshop "Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo", organizzato dalla Fondazione Giordano Dell Amore con il fine di presentare l evoluzione del settore, identificando i principali trend di mercato e le sfide aperte. Inoltre, durante l incontro, è stato presentato un esempio concreto di fondo di impact investing che si focalizza sulle economie emergenti. TIPOLOGIE DI INVESTIMENTI È molto difficile tracciare confini netti all interno del mondo degli investimenti; definendo però dei casi di scuola, che definiscano e categorizzino dei comportamenti comuni fra gli investitori, è possibile comprendere il grado di varietà che questo mondo può avere, partendo dagli investimenti influenzati prettamente da motivazioni di natura finanziaria e arrivando all estremo opposto, quindi ad investimenti filantropici che mirano soltanto ad un ritorno sociale. Bisogna considerare però che possono esistere portafogli costituiti da investimenti tradizionali, sostenibili e filantropici. Investimento tradizionale: è mirato alla massimizzazione del ritorno finanziario atteso in un dato orizzonte tempo con dati parametri rischio; l unico limite che si pone questo investitore è il rispetto delle leggi, ignorando gli aspetti ambientali, sociali, legali e di governance. Investimento responsabile: gli investitori con questo approccio opportunistico considerano le tematiche ambientali e di governance nella misura in cui riescano ad ottimizzare la gestione del rischio finanziario. Non sono spinti da motivazioni di natura etica poiché l unico obiettivo è di proteggere gli investimenti dai rischi riconducibili ad aspetti sociali, ambientali e di governance; Investimento sostenibile: chi investe in questa maniera fa un passo in più e guarda gli aspetti ESG (environmental, social and governance) come opportunità, comprendendo che sono temi che possono portare ad un forte vantaggio competitivo. La convinzione alla base è infatti che nel medio - lungo periodo le imprese molto focalizzate su questi aspetti risultino poi essere quelle più in grado di intercettare i cambiamenti di mercato conseguenti a macro-cambiamenti nella società. Dunque gli ESG in questo ambito sono dei value driver in grado di creare valore economico; Investimento tematico: in questa categoria troviamo gli investitori che orientano le proprie scelte di investimento verso settori/imprese in cui gli aspetti ESG hanno un forte peso sulla loro mission e sui loro core business. L investitore quindi orienta le sue scelte a sostegno di modelli di impresa che si pongano come obiettivo la soluzione dei problemi socio/ambientali posti dalla società e contemporaneamente prospettino opportunità di crescita nel lungo periodo; Investimento impact first: in questo caso la funzione obiettivo è quella della generazione del valore sociale e la sostenibilità economica è l unico vincolo ammesso (caso opposto rispetto all Investimento Traditional); Investimento filantropico: in quest ultima categoria sono presenti gli investitori guidati esclusivamente da valori etici e morali, che lo rendono perciò completamente disinteressato agli aspetti economici e ad un eventuale ritorno economico. Possono esistere portafogli costituiti da un pezzo di investimento tradizionale, uno sostenibile ed uno quasi filantropico. È facile dunque fare una categorizzazione per comportamenti e scelte di investimento ma è più difficile definire arbitrariamente dei portafogli molto vari. 3

4 TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO ETICO Investimenti tematici A causa della difficoltà nel definire tematico un investimento, la dimensione del mercato è difficile da quantificare esattamente; dal 2008 però, i fondi devono presentare un analisi ESG degli emittenti in portafoglio per rientrare nell ambito SRI (Social Responsible Investment). È possibile comunque affermare che negli ultimi cinque anni (fonte: Eurosif) c è stato un boom di questa tipologia di investimenti, con un forte allineamento fra aspetti ambientali/sociali e aspetti economici; nell analisi, va considerato però il rischio che fenomeni di tipo modaiolo possano inquinare i risultati di questo segmento, poiché può capitare che molti investitori, attratti fortemente da un tema, facciano crescere in maniera fittizia una bolla, come avviene tipicamente nella finanza tradizionale. È interessante anche sottolineare alcuni dati emersi dall indagine di Eurosif relativa al periodo : 1. il mercato europeo risulta essere particolarmente disomogeneo, risultando più una somma di molti mercati con diverse dinamiche; 2. i Paesi Bassi mostrano un tasso di crescita molto significativo (+144%), dovuto alla politica fiscale del governo che ha offerto anche agli investitori individuali dei vantaggi fiscali nel caso di investimento nei cosiddetti fondi verdi; va segnalata inoltre la crescita della Svizzera, in cui ci sono alcuni operatori specializzati in fondi tematici e con un private banking molto attento ai temi SRI; Selezione di titoli basata sull esclusione Storicamente gli investimenti di tipo responsabile si sono basati sulla tecnica dell esclusione (avoid the evil), che si attua quando gli investimenti in titoli di imprese considerate non etiche o di cui non si approva l operato sono sistematicamente esclusi dal portafoglio. È una forma primordiale di investimento etico strettamente correlata alla natura religiosa dei primi investitori sostenibili, ad esempio associazioni religiose che nel XVIII e XIX secolo non investivano nelle imprese coinvolte con lo schiavismo e che poi avrebbero escluso le cosiddette sin stocks, titoli di società riconducibili in qualche modo a bevande alcoliche, tabacco, pornografia, gioco d azzardo, ecc.. Esempi più recenti sono rappresentati da alcuni fondi pensione di università americane che hanno boicottato le imprese coinvolte nella guerra in Vietnam; dall azione di Leon Sullivan, attivista anti-apartheid afroamericano che in quanto consigliere di General Motors elaborò dei codici di condotta per boicottare le imprese americane in Sud Africa che non adottavano standard di equità razziale; e dall esclusione, soprattutto in Europa, di imprese operanti nel settore nucleare. Selezione Best in Class La selezione Best in Class è considerabile come evoluzione dell esclusione: chi esclude un intero settore si espone infatti a rischi di volatilità del portafoglio molto forti; per questo motivo, il metodo Best in Class sceglie in ciascun settore gli attori meno problematici, privilegiando l investimento in quelli considerati migliori (reward the good). In questo caso il mercato italiano ha poca offerta, con pochi fondi coinvolti nel sostenibile; inoltre esiste anche un problema di inefficienza a livello di reti distributive. Selezione standard based È una via di mezzo tra la selezione per esclusione e Best in Class : vengono privilegiati gli investimenti in determinati settori e/o aziende seguendo un set di regole riconosciuto a livello internazionale poiché emanato da organizzazioni considerate autorevoli (ONU, ILO, ecc ). In questo tipo di investimento l Italia ha visto un impetuosa crescita dovuta ad una recente rimodulazione degli investimenti da parte di Assicurazione Generali. Selezione per integrazione Questo approccio prevede l integrazione dell analisi ESG con quella finanziaria tradizionale, con l obiettivo di ottimizzare gli investimenti: alcune variabili ESG sono infatti direttamente correlate ad aspetti di rischio dell impresa e quindi possono influire sui suoi risultati. Questo tipo di selezione è 4

5 molto sviluppato in paesi come Francia, Olanda o Gran Bretagna ed è in grado di influenzare fortemente l investimento mainstream. Va tuttavia osservato che non è facile stabilire quante e quali variabili sono prese in considerazione dai gestori e ritenute quindi in grado di pesare sulle decisioni di investimento. Azionariato attivo (Engagement) Questa pratica non impatta direttamente sulla composizione del portafoglio perché comunque prevede di investire in azioni ritenute vantaggiose dal punto di vista economico-finanziario, però consente, grazie al possesso di titoli e al conseguente conferimento di diritti di voto, di influenzare il comportamento dell emittente (turn bad in good), che può essere anche un ente governativo. INVESTIMENTO DI IMPATTO È una pratica relativamente nuova che non ha confini ancora netti e chiari, poiché esistono molti mondi impact e bisogna saper discernere fra i diversi approcci, alcuni anche opportunistici. Il suo unico vincolo è la sostenibilità economica, con l obiettivo di creare valore sociale e l esistenza di una tensione dell investitore verso il risultato effettivo caratterizzata dall orientamento ai risultati di tipo extra-finanziario. Non esiste una definizione ufficiale, ma è considerabile impact investing qualsiasi attività di investimento che enfatizzi allo stesso tempo gli obiettivi di creazione di valore economico e sociale, attraverso approcci di asset management orientati al lungo periodo, con investimenti pazienti e non speculativi. Nella valutazione delle istituzioni che mettono sul mercato i titoli che rappresentano il loro capitale, avviene una integrazione tra l analisi fondamentale, analisi classica che si sofferma su parametri economico-finanziari, e un analisi integrativa, che si sofferma maggiormente sugli aspetti ambientali, sociali e di buon governo societario (corporate governance). Pur mancando ancora una definizione condivisa, spesso nella definizione di impact investing vengono citati tre aspetti fondamentali: 1) la generazione di impatto sociale ed ambientale sono parte intrinseca del modello di business che si va a finanziare; 2) è caratterizzato da misurazione esplicita degli aspetti sociali e ambientali; 3) presuppone comunque la ricerca di un ritorno economico, almeno del capitale investito, e possibilmente anche di un interesse. Una delle principali sfide dell impact investing è proprio trovare nuovi modelli di business che siano in grado di unire ritorno finanziario e sociale. Se si considera il caso della microfinanza, essa è riuscita, tramite tentativi ed esperimenti, a coniugare col tempo aspettative finanziarie e sociali: inizialmente infatti è partita con molte donazioni, assistenza tecnica e sperimentazioni mentre solo in un secondo tempo è arrivata la sua commercializzazione ; gli investimenti nel settore sono col tempo diventati quantitativamente e numericamente rilevanti (con prevalenza degli investimenti in debito, mentre quelli in equity sono minori e più recenti) quando ha cominciato a prendere forma un modello di business sottostante in grado di assorbire i capitali investiti, crescere e garantire un certo grado di sostenibilità economica. In termini di rendimento, il settore della microfinanza ha visto un trend in cui col tempo le istituzioni non solo sono state finanziate maggiormente dal risparmio locale piuttosto che dai fondi internazionali, ma in cui inoltre i fondi di debito di microfinanza sono riusciti a dare su diversi anni ( ) rendimenti più che discreti e meno volatili rispetto a quelli azionari. In tal modo, la sinergia fra una domanda ormai sviluppata, la presenza di un track record consolidato, la possibilità di ottenere rendimenti interessanti e la presenza messaggio sociale interessante ha fortemente attratto gli investimenti e consentito la creazione di un impatto positivo e di economie di scala. 5

6 Al contrario, per l impact investing, sta avvenendo l opposto, essendo presente una rilevante offerta di capitali in assenza di un track record definito e di informazioni sul grado di rischiosità; tutto ciò può creare distorsioni, poiché non solo comporta il sovrainvestimento in un settore con modelli sottostanti ancora deboli ma può causare anche la forzatura dei confini definitori dell impact investing, tramite il collocamento di capitale in zone grigie il cui impatto è minimo o difficilmente analizzabile. Guardare all impact investing tenendo la microfinanza come cartina tornasole permette di osservare che: È possibile unire ritorno ed impatto allo stesso tempo; non a caso, l impact investing sta attirando gli stessi investitori operanti nella microfinanza. L impact investing, rispetto alla microfinanza, è un mondo molto più complesso e variegato poiché al suo interno possono essere presenti diversi modelli di business con differenti capacità di fare scala. La microfinanza è cresciuta progressivamente tramite donazioni, assistenza tecnica e possibilità di sviluppare e sperimentare con il tempo nuovi ed efficaci modelli istituzionali; attualmente, non sembra che ciò stia avvenendo anche per l impact investing con la stessa gradualità. c è stato un forte intervento di settore, creazione di contesti favorevoli al suo sviluppo (basti pensare al CGAP, che ha coordinato gli sforzi internazionali, creazione di standard di valutazione, metodologie, format, reporting, ecc). anche in termini di legislazione. Nell impact investing è presente molto meno sforzo mirato alla creazione di infrastrutture di mercato (vedi CGAP nella microfinanza) e allo sviluppo di modelli sottostanti funzionanti. Il mercato della microfinanza, nel pieno della sua maturità e commercializzazione, si è gonfiato molto innescando dinamiche tipiche del settore finanziario. C è il rischio che ciò accada anche per l impact investing ancora prima che il mercato cresca su volumi consistenti, a causa della pressione esercitata dall eccesso di offerta. Essendo l impact investing costituito da realtà molto variegate, occorre considerare che esiste un rischio di reputazione causato dal fatto che alcune attività possono essere definite di impact investing anche quando non lo sono. Va scongiurato il rischio di importare dal mondo finanziario tradizionale pratiche non compatibili con l investimento di impatto, come l investimento massiccio in tante realtà con la speranza che almeno una consenta di avere ritorni talmente elevati da compensare le perdite di tutte le altre. Misurazione e metriche sono questioni su cui il dibattito è ancora aperto. Esiste il rischio di crowding out degli investitori privati: infatti i primi ingenti investimenti di scala in microfinanza provenivano da fondi privati ma col tempo molte DFI (development finance institution) hanno iniziato ad investire nel settore, considerato poco rischioso, a tassi più bassi, spiazzando così il settore privato. Vanno chiariti gli spazi del settore pubblico e privato: il primo ha un ruolo molto importante perché può assumere rischi maggiori e supportare lo sviluppo di nuovi modelli. I NUMERI DEL SETTORE Da una ricerca condotta dalla Rockefeller Foundation (GIIN) e JPMorgan si ricava che nel 2012 sono stati investiti 8 miliardi di dollari nel settore, con 2570 investimenti, un cumulato di 36 miliardi di dollari e una crescita prevista di 9 miliardi per il La maggior parte degli investimenti è concentrata negli Stati Uniti (Community Investment, Community Development Investment, ecc ). I settori maggiormente interessati da investimenti sono quello agricolo, finanziario e sanitario (e in parte istruzione). Secondo il CGAP, di 8 miliardi allocati il 72% va in microfinanza. La maggior parte degli investimenti di impatto, con prevalenza di utilizzo di fondi di private equity e prestiti, sono interessati al growth stage, preferiscono cioè collocare fondi in esperienze che siano 6

7 già strutturate e pronte a crescere; ciò denota come le aspettative siano ancora piuttosto scollegate rispetto ad una realtà costituita principalmente da start-up. Questo scollamento è confermato dal fatto che le aspettative di rendimento nei paesi in via di sviluppo, sia considerando equity che debito, sono addirittura superiori rispetto al benchmark costituito dalle aspettative di mercato dei fondi azionari o di debito nei mercati tradizionali. L unico track record disponibile riguarda il rendimento del debito: 4% nei paesi sviluppati e 9% per quelli in via di sviluppo. ; Dai dati emersi è possibile concludere che: il settore comunque deve strutturarsi, fare scale-up e sviluppare aspettative maggiormente coerenti con la sua complessità e varietà; servono donazioni ed assistenza tecnica, con attività di incubazione per sviluppare modelli di business validi che possano ricevere investimenti e fare scale-up; esistono grandi aspettative, spesso sproporzionate rispetto alla realtà; il disinvestimento è un tema molto rilevante, poiché nel caso dell equity è spesso difficile trovare un exit; i sistemi di misurazione non sono ancora standardizzati; non è presente il track record dei fondi; va posta molta attenzione sui costi, molto alti e pesanti in quanto non si ha la stessa scala di investimento dei tradizionali fondi di equity. MISURAZIONE DELL IMPATTO Uno dei temi cruciali è rappresentato dalle metodologie di misurazione dell impatto ed è necessario un forte coordinamento. Uno degli standard più utilizzati è l IRIS (Impact Reporting and Investment Standards), affiliazione della Rockefeller Foundation (GIIN), ideato con il fine di definire un alfabeto comune composto da indicatori standardizzati. La misurazione è molto complessa perché il più delle volte le strutture riceventi sono deboli e intrinsecamente impossibilitate nell offrire dati finanziari accettabili. Va dunque fatto passare gradualmente il messaggio che i sistemi di misurazione sono efficaci strumenti di gestione interna che possono permettere di costruire un flusso di dati significativo e trasparente. La gradualità è importante: se si prende l esempio della microfinanza, la creazione e la modulazione di indicatori comuni standardizzati ha richiesto tempo, come anche l organizzazione di adeguati training finalizzati al loro insegnamento; inoltre alcune imprese sono in grado di rispondere subito mentre altre hanno bisogno di più tempo e assistenza nell integrazione nei nuovi sistemi di misurazione. Nell impact investing si stanno comunque sviluppando dei poli come il GIIN con l obiettivo di coordinare i vari attori; la sfida non è semplice, a causa della varietà dei settori interessati, e conseguentemente va detto che il coordinamento non potrà essere strutturato come quello presente della microfinanza (basti pensare al CGAP). INVESTIMENTI DI IMPATTO IN ITALIA In Italia esiste un sistema di autoregolazione che, in proporzione al mercato, è molto più sviluppato di quanto non sia in altri paesi; sono presenti degli strumenti di autoregolazione ad adesione volontaria molto evoluti, soprattutto per gli investitori pensionistici. Inoltre, l autorità di vigilanza ha posto diverse regole che impongono l obbligo di trasparenza nell offerta di prodotti sostenibili; infine, per i fondi comuni, i fondi pensione e quelli assicurativi è previsto un obbligo di informativa ulteriore oltre a quello standard, predisposto per meglio mettere in chiaro criteri, obiettivi, processi e strumenti che hanno determinato l etichettatura di un prodotto finanziario sostenibile. L Italia è sempre stato un interessante laboratorio di innovazione, con unico limite quello di non aver saputo valorizzare pratiche anche molto avanzate e di avere un mercato disgregato non in grado di fare massa critica e scala; basti pensare per esempio a: 7

8 - credito mutualistico; - MAG (Mutue Auto Gestite); - esperienze di social lending (Prestiamoci, Boober, Smartika); - social housing; l Italia ha costruito un sistema di fondi investimento immobiliare molto innovativo e senza pari in Europa; - prodotti quasi SIB (Social Impact Bond), come i Social Bond finalizzati alla raccolta di provviste per il terzo settore; - la regolamentazione dell equity crowdfunding (prima al mondo a farlo); - progetti di monete complementari finalizzati alla generazione di opportunità per le comunità, con i dovuti limiti (Sardex). Esistono due fondi di social venture capital: Fondazione Oltre Oltre Venture, con fondi di private equità che investono in imprese ascrivibili al social business (settore sanitario, socio-assistenziale, immobiliare); Fondazione Opes Opes Fund. Ci sono inoltre anche diversi venture philanthropist e venture incubator, che forniscono servizi di tipo consulenziale e una provvista di capitale di rischio a imprese sociali in fase di start-up. Spunti di riflessione sull investimento di impatto nel contesto italiano In Italia si constata un certo dinamismo, seppur ancora un po spontaneo e poco guidato. Il legislatore è comunque attento: basti pensare alle agevolazioni per le start-up, calibrate sia dal punto di vista degli imprenditori che da quello degli investitori. Va sottolineata la mancanza di un salto di scala che possa portare a risultati spendibili, visibili e facilmente comunicabili. La finanza può fare tantissimo per sviluppare l impresa sociale, attraverso il credito, microassicurazioni, microcredito e finanza di progetto, essendo molte realtà difficilmente investibili e spesso non quotate; inoltre, la non neutralità della finanza rispetto agli esiti sociali dell attività economica sottostante risulta essere fondamentale. Vanno considerati attentamente i costi di analisi dei progetti presentati dalle imprese sociali, che possono essere più facilmente ammortizzabili in presenza di scale maggiori. L enfasi sui veicoli è spesso perdente; probabilmente, il fattore identitario e distintivo dell impresa sociale non risiede nel veicolo ma nella finalità, che va verificata con adeguati sistemi di misurazione. Attualmente in Europa predomina l idea che l impresa sociale possa contribuire a risolvere la crisi economica degli ultimi anni; perciò, una grande quantità di risorse è continuamente immessa nel mercato e intercettarla rappresenta una questione di sopravvivenza; per questo si sta nuovamente delineando un progetto di riforma dell impresa sociale (ex decreto 155),che era rimasta latente per tanto tempo. La disciplina dell impresa sociale in Italia, più che creare un nuovo istituto, definisce un attribuzione che può essere applicata ad imprese di varia natura;inoltre la norma non conferisce nessun vantaggio e poni vincoli come il divieto di distribuzione degli utili che per un investitore sono difficilmente comprensibili. Ci sono forme di ibridazione interessanti, come le low-profit, per bilanciare l aspettativa di ritorno dell investitore con il rischio di scelte speculative da parte dell impresa. C è il rischio di avere un eccesso di offerta di capitale da parte dell Europa: il vero problema è trovare aziende in cui investire, e non start-up ma anche imprese mature. Il terzo settore ha urgentemente bisogno di un evoluzione culturale, in parte già in corso, anche in termini di quelle attività economiche gestite oggi in forma classicamente non- profit (si pensi al mondo delle aziende che derivano da religiosità, come ospedali, case di cura, ecc..). Il soggetto pubblico può svolgere il ruolo di regista e coordinatore delle tante energie latenti presenti sul territorio, che può aiutare nel raggiungere una massa critica importante. 8

9 Le società municipalizzate rappresentano un terreno fertile dove è possibile sperimentare forme innovative di impresa sociale. Gli incubatori più efficaci sono quelli tematici, poiché conoscono bene il mercato in cui operano e tendono a favorire sinergie fra start-up; è comunque emersa la sfida diapositiva fra servizi soft di incubazione e l offerta di servizi di natura finanziaria. La vera sfida dell impact oggi è diventare un valido complemento al sistema di welfare pubblico, con l obiettivo di creare un privato sociale, anche col supporto della finanza; mancano ancora però degli esempi e dei casi di investimento di impatto da raccontare. IL RUOLO DEL FORUM FINANZA SOSTENIBILE La missione del Forum Finanza Sostenibile è promuovere teoria e pratica dell investimento sostenibile tramite formazione, definizione di standard/linee guida, attività di sensibilizzazione e lobbying nei confronti dei regolatori, lavorando soprattutto con investitori istituzionali e individuali (mercato retail). Negli ultimi anni ha cominciato a monitorare il settore dell impact investing, visto come ramo dell investimento sostenibile/responsabile. Il forum è una associazione non-profit multistakeholder (istituzioni finanziare, associazioni di categoria, fornitori si servizi, società impactate ) esistente dal 2001 e ogni anno organizza la Settimana dell'investimento Sostenibile e Responsabile per offrire la sintesi di tutto quello che il mondo della Finanza Sostenibile ha offerto durante l anno. IL RUOLO DI IMPACT FINANCE FUND Impact Finance Fund è un fondo aperto SICAV/SIF di diritto lussemburghese creato con la finalità di investire in organizzazioni ed imprese caratterizzate da business model sostenibili in grado di produrre un impatto positivo sulla base della piramide (BoP). È stato scelto il Lussemburgo poiché è un ambiente ben regolamentato, rispettato dagli investitori e in cui i fondi di dimensioni limitate possono comunque funzionare bene. Inoltre, il Lussemburgo si sta adoperando per attrarre fondi di impact e microfinanza, attorno a cui già gravitano società, notai e avvocati specializzati nel settore. Impact Finance Fund può fare anche investimenti di equity fino al 20%, ma è concentrato prevalentemente su prestiti (debito); gli investitori possono entrarvi ed uscirne su base trimestrale. Il fondo è una General Partnership: è presente un General Partner Investment Manager che è il gestore del fondo (Impact Finance Investment Sàrl, società lussemburghese socia del fondo) e un Initiator & Investment Advisor (Impact Finance Management S.A, società svizzera con sede a Ginevra che a sua volta controlla il General Partner). Gli investimenti sono concentrati in particolar modo sul settore agricolo e sulla catena del valore del cibo e di altri settori, ma è attivo anche in altri campi (ad esempio sta seguendo una miniera d oro fair trade in Peru). In particolare, gli investimenti sono diretti verso cooperative di produzione, piccole-medie imprese di processing, istituzioni di microfinanza operanti in una specifica catena di valore e operatori della parte alta della catena (importatori, buyer); questa diversificazione consente di massimizzare l impatto e minimizzare il rischio investendo a livello di produzione, trasformazione, distribuzione e di intermediari finanziari. Il fondo è impegnato nel calibrare gli investimenti in base alla stagionalità dei prodotti: l agricoltura infatti è interessata dalla ciclicità della produzione e vanno pertanto composti dei portafogli con cicli diversi. Ogni investimento è visitato e l obiettivo è di inserire i progetti in reti di relazione e contesti che permettano loro di crescere ed espandere il loro mercato e indirizzare il loro comportamento verso modalità di produzione e obiettivi maggiormente sostenibili. Si collabora con le attività finanziate per incentivare uno sviluppo positivo in termini di impatto (ricorrendo anche a covenance di tipo sociale e finanziario). 9

10 Nel processo di due diligence la valutazione del rischio di tipo tradizionale e la valutazione di impatto sono integrate, tramite il ricorso a diversi indicatori (Kharmax Impact Monitoring System, che analizza 30 aspetti e 7 categorie di impatto GRI - Global Reporting Initiative con 350 indicatori); ad essi il fondo ricorre sia nel momento della valutazione dell investimento sia per compilare un report, con indicatori quasi tutti IRIS compatibili. Inoltre, è stata sviluppata una piattaforma online utilizzabile dalle imprese per consultare e inserire gli indicatori necessari. Ogni investimento e la totalità del portafoglio viene valutato e monitorato in base alle sette categorie di impatto del GRI (Global Reporting Initiative) L investimento minimo ammonta a 200/ dollari; il 50-60% del fondo è caratterizzato da investimenti a breve termine, generalmente come capitale circolate, mentre la restante parte è composta da prestiti più a lungo termine, anche per finanziare attivo fisso, anche se sono attuati dei mix calibrati a seconda delle esigenze di attività e liquidità. Il fondo presenta già una diversificazione geografica che si snoda fra America Latina (con una sede in Colombia), Asia, Africa e in piccola parte Europa, ma con dei limiti percentuali sull esposizione verso un singolo paese (20%). Gli investitori, come nel caso dei soci accomandanti delle S.a.s., non hanno la possibilità di controllare direttamente la gestione del fondo; essi però possono uscirne, ed esprimere così l eventuale dissenso. Su base trimestrale ricevono una informativa sui risultati finanziari e di impatto, utilizzata anche per presentare i nuovi progetti. Vengono regolarmente organizzati seminari di presentazione degli investimenti effettuati, talvolta esposti da persone delle organizzazioni finanziate). Il fondo ha come obiettivo di rendere fra il 3 e il 5%,al netto delle commissioni. Attualmente il valore totale ammonta a 15 milioni di dollari, con l obiettivo di arrivare a 25 milioni alla fine del

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014 Fondazione Giordano Dell Amore - Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo Dagli investimenti socialmente responsabili all impact investing: l evoluzione del settore Davide

Dettagli

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013 FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti Simonetta Bono Novembre 2013 Investimento socialmente responsabile 2. L Investimento socialmente responsabile (SRI,

Dettagli

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona?

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona? La finanza sostenibile Cos è e come funziona? Alberto Stival,, 13.01.2016 in breve (SSF) rafforza la posizione della Svizzera sul mercato globale per la finanza sostenibile, fornendo informazioni e formazione

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale Davide Dal Maso Milano, 10 aprile 2014

Dettagli

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di:

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di: Chi siamo Il Forum per la Finanza Sostenibile è un Associazione senza scopo di lucro nata nel 2001. È un organizzazione multistakeholder; ne fanno parte sia operatori del mondo finanziario che soggetti

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Covip Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Milano, 30 settembre 2011 Premesse In tutto il mondo, ed in particolare in Europa, i fondi pensione

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito La finanza etica Idea di sovversivi o segmento di mercato? 1. La finanza etica, per alcuni, è la strada per una obiezione finanziaria. Tutto il mondo della

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

!"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners

!#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners !"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi & Partners Progettualità e cultura d impresa Nato nel 2002 da un idea del Dr. Luca Troisi, a seguito di una significativa esperienza personale maturata nel mondo della

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

La risposta del mercato: i fondi etici

La risposta del mercato: i fondi etici La risposta del mercato: i fondi etici Università di Milano Bicocca: 20.11.13 Gianfranco Forte Investimenti etici È opportuno precisare subito che non esiste una definizione universalmente codificata di

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali VII edizione 13 marzo - 3 luglio 2015 Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Corso di Alta Formazione per addetti e responsabili amministrativi degli enti non profit

Corso di Alta Formazione per addetti e responsabili amministrativi degli enti non profit Corso di Alta Formazione per addetti e responsabili amministrativi degli enti non profit Aspetti legali, fiscali, bilancio, controllo e 231 Milano, 28 maggio 2 ottobre 2015 La partecipazione al corso attribuisce

Dettagli

A) Scheda identificativa

A) Scheda identificativa Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 01 marzo 2009 Il presente

Dettagli

LA FINANZA SOSTENIBILE

LA FINANZA SOSTENIBILE www.abi.it News LA FINANZA SOSTENIBILE Nell'ambito del Forum per la finanza sostenibile - associazione multistakeholder la cui mission è quella di promuovere la cultura della responsabilità sociale nella

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Bilancio, amministrazione e finanza degli istituti religiosi

Bilancio, amministrazione e finanza degli istituti religiosi Corso di Alta Formazione Bilancio, amministrazione e finanza degli istituti religiosi Per favorire la sostenibilità economica e assicurare la continuità dell opera ALTIS, Università Cattolica del Sacro

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. . A)

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. . A)

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

Lo Strumento Fondo Immobiliare per la Valorizzazione del Patrimonio dei Soggetti Previdenziali

Lo Strumento Fondo Immobiliare per la Valorizzazione del Patrimonio dei Soggetti Previdenziali Lo Strumento Fondo per la Valorizzazione del Patrimonio dei Soggetti Previdenziali VI Itinerario Previdenziale Andrea Cornetti Dirtettore Business Development e Fund Raising Settembre 2012 ENTI PREVIDENZIALI

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Le Linee Guida sull engagement per le forme di previdenza complementare Roma,

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

SCHEMA DELLE SESSIONI

SCHEMA DELLE SESSIONI SCHEMA DELLE SESSIONI I GIORNATA MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE MODULO PERSONE SESSIONE A1 MATTINA SESSIONE B1 MATTINA SESSIONE C1 MATTINA Le prospettive del Mercato del Credito Immobiliare Credito ai consumatori:

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli Istituti Religiosi

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli Istituti Religiosi ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CORSO DI ALTA FORMAZIONE Direzione e gestione delle scuole paritarie degli Istituti Religiosi Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, 8 novembre 2014-18 luglio 2015 In

Dettagli

Sostenibilità nel private equity. Come liberare valore integrando i criteri ambientali, sociali e di governance

Sostenibilità nel private equity. Come liberare valore integrando i criteri ambientali, sociali e di governance In collaborazione con Sostenibilità nel private equity. Come liberare valore integrando i criteri ambientali, sociali e di governance Milano, 10 novembre 2015 2 Premessa (1) SRI a livello globale Mercato

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Professione Welfare Gestione e sviluppo del welfare in azienda Milano - II edizione Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società 6 giornate di lezione

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 1 L interesse europeo Negli ultimi anni, l interesse della Commissione europea per l inclusione sociale è cresciuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

L investimento SRI : valori e valore

L investimento SRI : valori e valore L investimento SRI : valori e valore Relatore M a n u e l a M a z z o l e n i D i r e t t o r e M e r c a t i e O p e r a t i o n s SRI e PERFROMANCE FINANZIARIA Scegliere l investimento sostenibile vuol

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag.

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag. COMPANY PROFILE AINVEST srl Una overview sulla società Pag. 2 La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2 Le attività Pag. 3 Il management e il track record Pag. 4 La storia Pag. 6 I clienti Pag.

Dettagli

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon Supply demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment - ACT SOCIAL 23 giugno 2015 - Università degli Studi

Dettagli

Previdenza complementare e territorio: sfida difficile ma non impossibile

Previdenza complementare e territorio: sfida difficile ma non impossibile Previdenza complementare e territorio: sfida difficile ma non impossibile Territorio e funzione economica dei fondi pensione: limiti ed opportunità Dott. Michael Atzwanger, LL.M. Comitato Torino Finanza

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

IL RISPARMIATORE RESPONSABILE

IL RISPARMIATORE RESPONSABILE IL RISPARMIATORE RESPONSABILE L INDAGINE COSA CONOSCENZA E INTERESSE VERSO GLI INVESTIMENTI SRI IMPORTANZA DELLE TEMATICHE AMBIENTALI, SOCIALI E DI GOVERNANCE ASPETTATIVE DEGLI INVESTITORI PRIVATI PER

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli istituti religiosi

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli istituti religiosi CORSO DI ALTA FORMAZIONE Direzione e gestione delle scuole paritarie degli istituti religiosi Per le scuole di istituti religiosi e altri enti II edizione Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore 12

Dettagli

Nuove Misure per il Credito alle PMI

Nuove Misure per il Credito alle PMI Seminario 10 maggio 2012 Nuove Misure per il Credito alle PMI In collaborazione con: Confapi Padova Viale dell Industria, 23 Padova Tel. 049 80 72 273 Powered by info@confapi.padova.it www.confapi.padova.it

Dettagli

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti La nostra filosofia L impresa crea più valore se lo fa per tutti Nata nel 2008, VerA offre consulenza specializzata nelle Relazioni Istituzionali e fornisce supporto e assistenza a tutte quelle realtà

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 ! VPRI-040617-IsLucc-P1 La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 VPRI-040617-IsLucc-P2 Premessa Caratteristiche del Bilancio di Sostenibilità La predisposizione

Dettagli

Business angels e venture capitalist finalmente insieme

Business angels e venture capitalist finalmente insieme II edizione del report congiunto IBAN - VeM TM sull early stage in Italia Business angels e venture capitalist finalmente insieme Cresce il numero delle operazioni in cui sono presenti sia i business angels

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE.

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE. CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI MESI. REGOLARMENTE. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell attuale

Dettagli

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo ReFIMED Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo Finanza agevolata Finanza ordinaria e servizi finanziari alle PMI Comunicazione e Sviluppo Commerciale Formazione Sistemi per la Qualità ReFIMED è vicina

Dettagli

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli