Le decisioni di investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le decisioni di investimento"

Transcript

1 DISPENSA 6 Economia ed Organizzazione Aziendale Le decisioni di investimento 1

2 Le decisioni di investimento Una introduzione 2

3 Come è possibile misurare, attraverso grandezze economico-finanziarie, l impatto sulla creazione di valore economico di una specifica decisione aziendale? 3

4 Schema di funzionamento semplificato dell impresa AC (t) I (t) Azionisti Impresa Progetti / attività D(t) CF (t) Non c è indebitamento Non c è serbatoio di cassa 4

5 CF(t) = il cash flow operativo Flusso di cassa potenziale della gestione caratteristica Valore della Produzione - Costi della Produzione = Differenza tra valore e costi della Produzione + Voci non monetarie (accantonamenti, ammortamenti a fondi, ecc.) = Flusso di cassa potenziale della gestione caratteristica 5

6 Net cash flow NCF (t) = CF(t) I(t) Valore economico = V = NCF( t) t0 t (1 k) 6

7 Schema di funzionamento reale dell impresa Erogazione finanziamenti Istituti di credito Ripagamento del debito AC (t) Oneri I (t) Azionisti Impresa Progetti / attività D(t) CF (t) 7

8 Gli investimenti di una impresa hanno effetti significativi sull impresa in un arco di tempo non illimitato T NCF( t) t t0 (1 k) (1 V ( T) k) T Arco di tempo in cui si manifestano gli impatti dell investimento Eventuali impatti successivi al tempo T 8

9 Il valore del denaro nel tempo 9

10 t Esborsi iniziali di cassa Previste future entrate di cassa? Come confrontare flussi di cassa relativi a tempi diversi? 10

11 Nb. Un euro disponibile oggi vale più di un euro disponibile domani! Qual è il valore M di una somma S investita oggi a un interesse i per N anni? S=1.000 i=6% n=4 Periodo Interesse semplice Somma inizio periodo Interessi Somma dovuta Somma finale

12 Interesse composto Periodo Somma inizio periodo Interessi Somma dovuta Somma finale , ,3 67, , M S( 1 i) N S M ( 1 i) N 12

13 F 1 F 2 F 3 VA t 0 t 1 t 2 t 3 t Il valore attuale al momento t 0 si ottiene attualizzando allo stesso momento temporale t 0 tutti i flussi futuri. Il valore attuale in t 0 è la somma economicamente equivalente ai flussi di cassa futuri. VA F1 (1 r) F2 (1 r) 2 F3 (1 r) 3... Fn (1 r) n n t0 Ft (1 r) t 13

14 Le decisioni di investimento: l approccio all analisi 14

15 Individuazione delle alternative decisionali Verifica della consistenza delle alternative Identificazione dei confini dell'analisi Analisi degli impatti competitivi dell'investimento Valutazione dei NCF e del NPV dell'investimento 15

16 Individuazione delle alternative investimenti non obbligati investimenti obbligati 16

17 Investimenti non obbligati si considera come caso base l alternativa di non investire le altre vengono analizzate in modo incrementale rispetto al caso base 17

18 Un errore tipico è quello di considerare che nel caso base i risultati dell impresa rimarranno invariati NCF NCFcon l'investimento NCFcasobase NCFdiferenziale del'investimento t 18

19 Nel caso di investimenti obbligati, il caso base è costituito da una delle alternative. Le altre vengono valutate in termini differenziali rispetto a quella. Si osservi che il concetto di investimento obbligato non deve essere inteso in termini giuridici ma in termini economici 19

20 Se si considera come obbligato un investimento che non lo è: si rischia di accettare investimenti che in realtà distruggono valore Se si considera come non obbligato un investimento che lo è: si rischia di rendere impossibile l analisi 20

21 Schema Implicazioni della decisione di considerare o meno l investimento come obbligato: un esempio. Elementi dell analisi Differenziali tra le due soluzioni e il caso base di non investimento Immagine dell impresa + Quota di mercato dei prodotti verdi + Fatturato dei prodotti attualmente + Differenziali tra le due alternative in produzione Costi di produzione + + Entità dell investimento + + Costi di smaltimento rifiuti + + Energia + + Oneri relativi alla chiusura degli impianti + 21

22 La consistenza dei progetti non dimenticare progetti in realtà essenziali per realizzare l investimento complessivo (bundling dei progetti) evitare di considerare integrati dei portafogli di investimenti quando non sia necessario farlo 22

23 I confini dell analisi Intervenendo su una parte dell azienda, si modifica il funzionamento anche di altre unità organizzative Quindi: mappa dei processi investimento potrà: modificare input modificare output modificare la struttura del processo 23

24 Gli impatti competitivi 24

25 Mercato Mercato potenziale Configurazione esterna dell'impresa - areedi business - clienti - bisogni - prodotti/servizi - modalità competitive Impresa Tecnologie Tecnologie potenzialmente impiegabili Configurazione interna dell'impresa - attività - risorse 25

26 Gli impatti degli investimenti miglioramento della configurazione esterna riduzione delle uscite di cassa a regime riduzione dei costi e degli investimenti necessari per adattarsi a un cambiamento ampliamento dell insieme di cambiamenti economicamente possibili 26

27 Il calcolo del net cash flow 27

28 Le componenti del NCF operativo NCF operativo lordo = Cash Flow operativo lordo Investimento operativo 28

29 Il Cash Flow Operativo Lordo Cf ol (t)= F(t) CL(t) ACQ(t) Dove: F(t) = fatturato CL (t) = costo del lavoro ACQ (t) = acquisti di beni e servizi 29

30 U(t) = F(t) CL (t) ACQ (t) ACC(t) AMM (t) Cf ol (t)= U(t) + ACC(t) + AMM(t) Dove: U(t) = utile d esercizio ACC(t) = accantonamenti AMM(t) = ammortamenti 30

31 L investimento operativo a) Investimento in capitale fisso b) Investimento in capitale circolante netto operativo + crediti commerciali + rimanenze - debiti commerciali - TFR 31

32 Il valore residuo per gli investimenti in capitale fisso, si considera il valore di alienazione del bene per gli investimenti in capitale circolante, il valore di bilancio, al netto di eventuali perdite per inesigibilità dei crediti o obsolescenza dei beni 32

33 Logica incrementale e costi affondati i NCF devono essere calcolati in termini incrementali rispetto a un caso base; di conseguenza, occorre trascurare i costi affondati 33

34 Attività Anno Uscite di cassa Studio di fattibilità Acquisto del terreno Acquisto delle licenze Progetto definitivo Realizzazione

35 Effetto fiscale Riguarda: ammortamenti plusvalenze/minusvalenze 35

36 Lo scudo fiscale Lavorando al netto delle imposte si ha Cfo = F CL ACQ IMP IMP = U * t U = F CL ACQ AMM ACC Cfo = (F-CL-ACQ) * (1-t) + (AMM+ACC) * t L effetto è rigorosamente in questi termini solo in presenza di utili elevati 36

37 Plusvalenze/Minusvalenze Si ha: NCF = valore di realizzo imposte incrementali = = valore di realizzo (v. di realizzo v. di libro) * t = = valore di realizzo * (1 t) + valore di libro * t 37

38 Le modalità di finanziamento Come l investimento è finanziato? 38

39 Istituti di credito Restituzione prestiti Sistema analizato CFt Oneri finanziari Investimento Impresa Erogazione prestiti It 39

40 Istituti di credito Sistema analizato Restituzione prestiti CFt Oneri finanziari Investimento Impresa Erogazione prestiti It 40

41 Un esempio: investimento che richiede capitale pari a 1.000, e ha cash flow annui pari a 500 (vita utile, 5 anni). Finanziamento per il 60% da capitale proprio. Parte restante: mutuo quinquennale (interesse annuo = 10%) da restituire dopo 5 anni. Costo del capitale proprio:20%. Anno NCF secondo la logica del capitale proprio NCF secondo la logica del capitale investito = = = Costo del Capitale K = ke = 0,2 K = (0,6 x 0,2) + 0,4 x 0,1 = 0,16 41

42 Aspetto fiscale Aspetto finanziario Capitale proprio Capitale investito Al lordo delle imposte Investimenti marginali (sostituzione di impianti) Al netto delle imposte Investimenti in grande (acquisizione di nuove business unit) 42

43 I criteri di valutazione degli investimenti Criteri deterministici Criteri stocastici 43

44 I criteri deterministici gli investimenti analizzati sono caratterizzati da un livello di rischio comparabile NCF coincidono con il loro valore atteso gli investimenti analizzati non modificano la posizione di rischio dell impresa nel suo complesso K = costo del capitale dell impresa 44

45 Criteri Discounted Cash Flow (DCF) Net Present Value (NPV) Internal rate of Return (IRR) Profitability Index (PI) Pay back attualizzato Criteri non Discounted Cash Flow (DCF) Pay back non attualizzato ROI 45

46 Il NPV (VAN) T NCF(t) NPV = t=0 t (1+k) significato economico = impatto dell investimento sul valore economico 46

47 Criterio di decisione singolo investimento NPV>= 0 più investimenti mutuamente esclusivi massimo NPV Per usare NPV, è necessario conoscere k 47

48 Il PI T CF t t=0 (1 + k) t PI = (14.4) T I t t=0 (1 + k) t 48

49 T NCF t + I t t=0 (1 + k) t NPV PI = = + 1 T I t T I t t=0 (1 + k) t t=0 (1 + k) t Criterio di decisione investimento singolo PI >=1 investimenti mutuamente esclusivi massimo PI 49

50 IRR T NCF(t) = 0 t=0 (1 + IRR) t Criterio di decisione investimento singolo investimenti mutuamente esclusivi IRR >=k massimo IRR Nel caso di investimenti mutuamente esclusivi, non è necessario 50 conoscere k, si osserva quello con k >

51 NPV(k) (alternanza esborsi e ritorni) k ammette in generale T soluzioni, se i flussi di cassa hanno alternativamente segni diversi Teorema di Cartesio assicura che ne esiste al più una reale e positiva nel caso vi sia un solo cambio di segno nei coefficienti 51

52 Come si calcola IRR: per interpolazione NPV = a 0 + a 1 x + a 2 x a n x n = 0 x 1 1 k È la soluzione di un polinomio di grado n I(0) I(1) I(2) CF (0) CF (1) CF (2) CF (3) CF (4) k 10% 20% 50% 53% NPV 67,6 42,16 2,22-0,13 IRR = 52,8% 52

53 Funzione di ripagamento PB NCF t PBP= PB = t=0 (1 + k) t FR(t) NPV Tempo necessario affinché i flussi di cassa generati compensino il capitale versato (garantendo anche la remunerazione dell investitore) NCF0 Tempodi pay-back T t 53

54 Il tempo di pay-back attualizzato Criterio di decisione investimento singolo investimenti mutuamente esclusivi PB <= PB* minimo PB Problemi molto cautelativo rischia di penalizzare investimenti strategici 54

55 FR(t) Investimentostrategico Investimentomarginale t 55

56 56 Metodi DCF Sintesi dei criteri di valutazione 0 ) (1 ) ( 0 NPV k t NCF NPV n t t n t t k IRR IRR t NCF IRR 0 0 ) (1 ) ( t t t T t IRR t NCF t PBP 0 max 0 ) (1 ) ( 1 ) (1 ) ( ) (1 ) ( 0 0 PI k t I k t CF PI n t t n t t

57 I criteri non DCF pay-back = momento in cui i NCF non attualizzati uguagliano l investimento si sottostima il tempo necessario per ripagare l investimento molto usato TPB t0 NCF( t) 0 57

58 Return On Investment Risultato operativo medio / investimento Criterio di decisione investimento singolo investimenti mutuamente esclusivi ROI >= k massimo ROI ROI MON D E 58

59 Tipi di ROI numeratore: MON o MOL denominatore: investimento iniziale investimento medio di bilancio investimento iniziale / 2 Limiti del ROI prescinde dalla distribuzione temporale indicatori di tipo relativo (gestione del denominatore) 59

60 Valutazione degli investimenti Un esempio 60

61 Un impresa intende valutare la possibilità di sostituire un impianto di produzione con un nuovo macchinario. Sono noti i seguenti dati: L impianto esistente è contabilizzato ad un valore nullo ma può essere ceduto immediatamente ad un valore pari a ; Il nuovo impianto costa , e la sua messa in opera comporta costi di addestramento nei prossimi due anni pari a l anno. Esso verrà ammortizzato a rate costanti per cinque anni; Per verificare la compatibilità del nuovo impianto con il processo produttivo è stato già eseguito uno studio di fattibilità, costato L impianto consente di incrementare il valore della produzione (attualmente pari a 1,5 mln ) del 5%, ma allo stesso tempo consuma più energia (si stima l anno) anche se consente un risparmio annuo sul consumo di materie prime, stimato di l anno e una riduzione immediata delle rimanenze di ciclo pari a ; L aliquota fiscale sul reddito d impresa è pari al 45%, il costo del capitale di rischio k E è uguale a 15%. 61

62 Per comprendere se la sostituzione dell impianto è conveniente, occorre valutare i flussi di cassa netti differenziali associati alla decisione acquistare il nuovo impianto piuttosto che mantenere il vecchio impianto. La vita utile del nuovo impianto è pari a 5 anni. 62

63 Valori in t=0 t=1 t=2 t=3 t=4 t=5 Cessione vecchio impianto Costi addestramento Ammortamento nuovo impianto Incremento Produzione Risparmio materie prime Consumo di energia Utile lordo differenziale Investimenti Acquisto nuovo impianto Riduzione rimanenze

64 Tempo t=0 NCF = CF (0) I(0) Acquisto nuovo impianto = Tassazione plusvalenza = x 45% = Cessione vecchio impianto = Riduzione scorte = NCF = =

65 Tempo t=1 Incremento produzione = Risparmio materie prime = Costi d addestramento = Consumo di energia = Amm.ti = ΔCF = = Δ REDDITO IMP. = Δ CF Δ AMM = = Δ IMP = x 45% = NCF (1) = =

66 Tempo t=2 Incremento produzione = Risparmio materie prime = Costi d addestramento = Consumo di energia = Amm.ti = ΔCF = = Δ REDDITO IMP. = Δ CF Δ AMM = = Δ IMP = x 45% = NCF (2) = =

67 Tempo t=3 Incremento produzione = Risparmio materie prime = Consumo di energia = Amm.ti = ΔCF = = Δ REDDITO IMP. = Δ CF Δ AMM = = Δ IMP = x 45% = NCF (2) = =

68 Tempo t=4 Incremento produzione = Risparmio materie prime = Consumo di energia = Amm.ti = ΔCF = = Δ REDDITO IMP. = Δ CF Δ AMM = = Δ IMP = x 45% = NCF (2) = =

69 Tempo t=5 Incremento produzione = Risparmio materie prime = Consumo di energia = Amm.ti = ΔCF = = Δ REDDITO IMP. = Δ CF Δ AMM = = Δ IMP = x 45% = NCF (2) = =

70 NPV n NCF( t) t t0 (1 k) Calcolo NPV NPV (1,15) (1,15) (1,15) (1,15) (1,15) NPV = 5.079,89 Effettuo l investimento 70

71 Come varia NPV al variare di k? con k = 15% NPV = 5.079,89 con k = 10% NPV = ,67 con k = 20% NPV = ,10 La scelta del tasso di attualizzazione corretto è molto importante! 71

72 Le decisioni di breve periodo 72

73 Non tutte le decisioni di una impresa hanno influenza nel medio-lungo periodo (investimenti). Alcune di esse hanno effetti rilevanti solo nel breve: Variazione contenuta del volume di produzione Scelte relative a clienti non strategici Make or buy per decisioni non critiche Nb. Per verificare queste condizioni, è necessario seguire tutti i passi previsti in fase di valutazione degli investimenti. 73

74 Nel breve periodo: Si possono trascurare le distribuzioni temporali degli impatti delle decisioni (no attualizzazione); Vendite=incassi e acquisti=uscite di cassa NCF = CF = ricavi costi evitabili (non ci sono variazioni del Capitale Circolante Netto) L impatto della decisione sul valore economico coincide con l impatto sul NCF del primo esercizio, non attualizzato. 74

75 Una regola che continua a valere Nb. Considerare solo costi evitabili: ad esempio, nel valutare la seguente scelta di realizzare nuovo prodotto con seguenti costi: Materie prime = 50 Consulenza = Due dipendenti (insaturi)= 500 Impianto (insaturo)= amm.to di

76 Margine di contribuzione totale (M) M p c v Q Prezzo unitario di vendita costo variabile unitario, moltiplicato per il numero di unità Se due alternative sono caratterizzate da una stessa quantità venduta, la massimizzazione del margine di contribuzione totale coincide con la massimizzazione del Margine di contribuzione unitario (m) m p c v 76

77 Determinare il volume operativo necessario affinché ricavi = costi Analisi di break-even Determinare il volume operativo necessario affinché ricavi = costi + Δ 77

78 Ipotesi necessarie per una analisi di break even L impresa realizza un unico prodotto ricavi totali = prezzo unitario x Q (non c è relazione tra le due grandezze) costi totali = CF + Cv (proporzionali al volume produttivo) MON = ricavi costi = (p Q) (Cv Q) CF = 0 78

79 Imponendo un margine desiderato X ( X CF) Q be m p - Cv Nb. Queste analisi sono poche realistiche, a causa delle ipotesi adottate 79

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009. Valutazione degli investimenti

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009. Valutazione degli investimenti FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Valutazione degli investimenti Investimento (1/2) E una decisione che comporta l impegno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

Valutaz. redditività investimenti impiantistici

Valutaz. redditività investimenti impiantistici Ingegneria economica 1 Valutaz. redditività investimenti impiantistici Investimenti industriali Flussi di cassa Fasi degli investimenti Metodi di valutazione 2 2005 Politecnico di Torino 1 3 Il flusso

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.3 Altre Tecniche di Valutazione Sommario della lezione Analisi degli investimenti Tecniche alternative Tasso

Dettagli

La valutazione degli investimenti reali

La valutazione degli investimenti reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 3 REDDITIVITA DEGLI INVESTIMENTI Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO Analisi

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 Corso di Laurea e Diploma in Informatica Anno Accademico 2000/2001 ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 Prof. G. Bussolin Dott. M. Pironti Parte VII La valutazione degli investimenti Riferimenti bibliografici:

Dettagli

Corso di finanza immobiliare e real estate

Corso di finanza immobiliare e real estate Corso di finanza immobiliare e real estate Valutazione di investimenti immobiliari: costruzione di piani di investimento e strumenti di valutazione economico- patrimoniale e finanziaria Milano, lunedì

Dettagli

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali

Dettagli

La gestione degli Investimenti in Beni Patrimoniali. Mario Morolli

La gestione degli Investimenti in Beni Patrimoniali. Mario Morolli La gestione degli Investimenti in Beni Patrimoniali Mario Morolli Convegno ABI Costi & Business Roma, 18 e 19 novembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO UNILEVER ITALIA STRATEGIA ED INVESTIMENTI TIPOLOGIE

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L utilizzo dei costi nelle decisioni di breve periodo. Il Margine di Contribuzione e l Analisi Differenziale I costi come strumento di ausilio nelle decisioni

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

Gli ambiti della finanza aziendale

Gli ambiti della finanza aziendale LA FUNZIONE FINANZA Finanza aziendale Governo delle risorse di capitale dell azienda, attuato regolando tutti i movimenti di acquisizione e di impiego dei mezzi finanziari Gli ambiti della finanza aziendale

Dettagli

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1-1 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 007-008 6 Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI. testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10.

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI. testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

4bis. Dalla valutazione dei. titoli alla valutazione degli investimenti reali. Argomenti. Domande chiave

4bis. Dalla valutazione dei. titoli alla valutazione degli investimenti reali. Argomenti. Domande chiave 1-1 4bis Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 Dalla valutazione dei A. titoli alla valutazione degli investimenti reali 1-2 Argomenti La determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA IMPIANTO PER L'UTILIZZO RISORSA IDRICA AI FINI DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA SUL TORRENTE FIBBIO IN LOCALITÀ MONTORIO IN PROSSIMITA DELLA SORGENTE FONTANON

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 8 1 I budget intersettoriali Alcuni costi di gestione sono trasversali rispetto ai singoli budget ovvero si riflettono su

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Economia ed organizzazione aziendale

Economia ed organizzazione aziendale Indice dettagliato degli argomenti trattati nei file di Economia ed organizzazione aziendale Capitolo 1 - ai sistemi economici (12 pagine) Il concetto di "sistema economico" Soggetti operanti in un sistema

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le practice tecniche Alessio Di Angelantonio 1. IL VALORE ATTUALE NETTO (VAN o NPV). Il criterio del VAN è uno degli

Dettagli

Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento

Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento Questa dispensa vale sia per M2 che per M3 1) Obiettivi economici di un azienda industriale L impianto industriale, può essere definito

Dettagli

La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento

La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento Associazione Industriali Reggio Emilia 31 maggio 2012 La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento Prof. Riccardo Ferretti Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti 1. Si vuole realizzare un investimento acquistando un macchinario il cui costo è 1.000. Sarà finanziato per metà attraverso un prestito rimborsabile in

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Analisi Costi e Benefici. Laura Vici. laura.vici@unibo.it LEZIONE 6. Rimini, 2 maggio 2006. La Net Present Value (NPV) Decision Rule

Analisi Costi e Benefici. Laura Vici. laura.vici@unibo.it LEZIONE 6. Rimini, 2 maggio 2006. La Net Present Value (NPV) Decision Rule Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 6 Rimini, 2 maggio 2006 1 La Net Present Value (NPV) Decision Rule Come usare la NPV Decision Rule per accettare o rifiutare progetti? Se

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI. Dispensa per i corsi di Ingegneria

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI. Dispensa per i corsi di Ingegneria ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dispensa per i corsi di Ingegneria Michele Gorgoglione Sommario Cap. 1. La natura degli investimenti e il processo decisionale Natura degli investimenti nell impresa e cenni

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Gli indicatori di redditività

Gli indicatori di redditività Gli indicatori di redditività Venezia, 24 aprile 2014 Prof. Antonella Faggiani Arch. Valeria Ruaro, collaboratrice alla didattica valutareilprogetto2@gmail.com Valutazione economico finanziaria del progetto

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

Analisi Costi e Benefici. Emanuela Randon. emanuela.randon@unibo.it LEZIONE 6

Analisi Costi e Benefici. Emanuela Randon. emanuela.randon@unibo.it LEZIONE 6 93 Analisi Costi e Benefici Emanuela Randon emanuela.randon@unibo.it LEZIONE 6 La Net Present Value (NPV) Decision Rule Come usare la NPV Decision Rule per accettare o rifiutare progetti? Se NPV 0 si accetta

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

4033 Scienza delle finanze - Clefin

4033 Scienza delle finanze - Clefin 4033 Scienza delle finanze - Clefin Effetti delle imposte sugli investimenti e sulle scelte di finanziamento delle imprese Appunti sostitutivi dei paragrafi 4 (inclusi sottoparagrafi), 5, 5.1 e 5.2 del

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO 1) Riclassificare secondo il criterio di pertinenza gestionale, presentando il prospetto sintetico: IMPIEGHI SP riclassificato secondo il criterio

Dettagli

CAPITAL BUDGETING PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

CAPITAL BUDGETING PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI CAPITAL BUDGETING PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DOTT. EMILIO GIANFELICE EMIGIA@YAHOO.IT Corso di Finanza Aziendale Contesto del Capital Budgeting 2 REGOLE DECISIONALI CHIARE VALUTAZIONE RISULTATI RAGGIUNTI

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Definizione dei Costi degli Impianti Industriali

Definizione dei Costi degli Impianti Industriali Definizione dei Costi degli Impianti Industriali 1 Obiettivi economici di un azienda industriale Energia Lavoro Materie prime Macchine Attrezzature Processo produttivo Prodotto Impianto Mercato Fatturato

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO determinazione dei flussi rilevanti; definizione di flussi monetari; definizione di flussi differenziali;

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ALCUNE STAMPE OTTENIBILI CON IL SOFTWARE BUDGET & BUSINESS PLAN BUDGET DELLE VENDITE (Euro) PRODOTTI E 2014 2015 2016 2017 2018 2019

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO DISCLAIMER Il presente piano economico finanziario è stato elaborato: a) per quanto riguarda le ipotesi di investimento, rilevando i dati

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

E.G.I. Executive summary. Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino

E.G.I. Executive summary. Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino Executive summary L impresa Corporate governance Le strategie d impresa Le politiche di pianificazione e controllo Le politiche organizzative La valutazione della performance 1 Il valore finanziario del

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZIO 1 ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI La Fispo è una media azienda che produce motori elettrici per piccoli elettrodomestici. La fase di assemblaggio del prodotto

Dettagli

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

Argomenti. Domande chiave. Le metodologie alternative al VAN. Teoria della Finanza Aziendale

Argomenti. Domande chiave. Le metodologie alternative al VAN. Teoria della Finanza Aziendale Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1- Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

Valutazione delle tecnologie per la Flow Assurance attraverso il metodo delle opzioni reali

Valutazione delle tecnologie per la Flow Assurance attraverso il metodo delle opzioni reali SCUOLA ENRICO MATTEI Master MEDEA - A.A. 2004 2005 Valutazione delle tecnologie per la Flow Assurance attraverso il metodo delle opzioni reali Tutors: Donato Azzarone, Eni E&P Nicola De Blasio, Direzione

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

I processi di finanziamento (segue)

I processi di finanziamento (segue) I processi di finanziamento (segue) Finanziamenti a titolo di capitale + capitale proprio Finanziamenti a titolo di credito + debiti a breve e a lungo termine Realizzi derivanti dalle vendite di prodotti/servizi

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 6 AMM.TO FINANZIARIO

ESERCITAZIONE N. 6 AMM.TO FINANZIARIO ESERCITAZIONE N. 6 AMMORTAMENTO FINANZIARIO Pagina 1 di 10 AMMORTAMENTO FINANZIARIO BENI GRATUITAMENTE DEVOLBIBILI L ammortamento finanziario (o dei beni gratuitamente devolvibili) consiste nella ripartizione

Dettagli

Modello di valutazione comparativa del trattamento fiscale: Leasing vs Finanziamento

Modello di valutazione comparativa del trattamento fiscale: Leasing vs Finanziamento Modello di valutazione comparativa del trattamento fiscale: Leasing vs Finanziamento Legenda Modello di valutazione comparativa del trattamento fiscale: Leasing vs Finanziamento... 1 1. Modello trattamento

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i LE NOVITÀ DEL LEASING - Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i professionisti e per le imprese - Sale & lease back: opportunità e cautele -Analisi comparativa e di convenienza dei

Dettagli

l analisi dei flussi finanziari

l analisi dei flussi finanziari L analisi Lanalisi di Bilancio e l analisi dei flussi finanziari Il marginedistruttura complessivo (o primario) è definitodalladalla differenza fra capitale netto e attività immobilizzate (materiali,

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

Analisi di redditività

Analisi di redditività Analisi di redditività PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Analisi Questo documento è un analisi sintetica dei principali indici di bilancio relativi alle società italiane che appartengono

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico 2015-2016 1 ------------------------------------

Dettagli

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Dott.ssa ANGELA SCILLA Il Business Plan FUNZIONI: Serve per formalizzare le idee di gestione dell impresa

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari PREFETTURA DI LATINA Seminario sul Partenariato Pubblico Privato e la Finanza di Progetto Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari Latina,

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Esercizi di Contabilità Generale

Esercizi di Contabilità Generale POLITECNICO DI BARI II Facoltà di Ingegneria Corso di Elementi di Economia Applicata all Ingegneria Corso di Economia e Organizzazione Aziendale Esercizi di Contabilità Generale a cura di Nicola Bellantuono

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.)

RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.) RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.) A - DOCUMENTI DI BASE 1 - stato patrimoniale 2 - conto economico 3 - note integrativa al bilancio B - PROSPETTI SUPPLEMENTARI

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

L analisi di bilancio per la redazione del business plan

L analisi di bilancio per la redazione del business plan Imprendiittorii dell tterzo miillllenniio,, compettenze,, sffiide,, opporttuniittà! (l iniziativa si svolge nell ambito di Start Cup Piemonte Valle d Aosta) D.A. Staff Cultura d Impresa e del lavoro Responsabile:

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

!!!" # "$% &' # "-!.! /"$ &01 & # ' ''

!!! # $% &' # -!.! /$ &01 & # ' '' !!!" # "$% &' ())*+()), # "-!.! /"$ &01 & # ' '' MAKE or BUY? BENETTON decisione di esternalizzazione concentrazione su attività core (design, tintura, ecc.) affidamento a façonisti delle attività non

Dettagli

Analisi economico-finanziaria delle PMI

Analisi economico-finanziaria delle PMI Università degli Studi "Magna Græcia" di Catanzaro Analisi economico-finanziaria delle PMI Simona Catuogno GIORNI DI LEZIONE Marzo 1,2 8,9 15,16 22,23 29, 30 Aprile 12,13 ==== ==== ==== ==== ORARIO DELLE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi Le decisioni aziendali di lungo periodo DLP-L Corso 20085 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Edile Anno Accademico 2012/2013

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata 1

Ragioneria Generale e Applicata 1 9 L ECONOMICITA Ragioneria Generale e Applicata 1 L ECONOMICITA è un concetto generale che riguarda tutte le aziende (sia aziende di produzione che aziende di erogazione) e che definisce il criterio (regola

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori:

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: i flussi monetario che l iniziativa è in grado di generare il profilo temporale associabile

Dettagli