I SISTEMI DI WELFARE E DI INVESTIMENTO SOCIALE NEI SETTORI DELLA CONOSCENZA IN EUROPA E IL SISTEMA ITALIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SISTEMI DI WELFARE E DI INVESTIMENTO SOCIALE NEI SETTORI DELLA CONOSCENZA IN EUROPA E IL SISTEMA ITALIA"

Transcript

1 I SISTEMI DI WELFARE E DI INVESTIMENTO SOCIALE NEI SETTORI DELLA CONOSCENZA IN EUROPA E IL SISTEMA ITALIA TIZIANA MOSCA

2 PREMESSA Il cambiamento della domanda sociale intervenuto negli ultimi trenta anni ha fatto si che la maggior parte dei paesi europei adattasse i propri sistemi di protezione sociale attraverso una ricalibratura degli stessi e sotto la spinta delle direttive europee. Fenomeni quali la globalizzazione e, più in generale, i cambiamenti culturali intervenuti hanno favorito l insorgere dei cosiddetti nuovi rischi sociali, non più di natura aleatoria e temporanea, ma destinati a perdurare nel tempo: la disoccupazione, divenuta ormai una condizione che interessa buona parte della popolazione; la malattia, che ha assunto nel tempo carattere di cronicità; la povertà, che riguarda, ormai, una fetta considerevole di popolazione; la vecchiaia e il correlato problema della non autosufficenza. I vecchi sistemi di welfare, gioco forza, si sono dovuti confrontare con questi nuovi rischi sociali, passando dal neoliberismo a sistemi di Social Investment, specie nelle aree nord europee e scandinave, dove lo Stato stesso assume il ruolo di promotore di politiche che rafforzano le capacità delle persone nell ottica di un welfare non più concepito come un costo, bensi come un investimento a medio e lungo termine. L istruzione e la formazione svolgono un ruolo determinante in un'economia basata sulla conoscenza, in quanto sostengono la crescita e l'occupazione e favoriscono l'emergenza di una popolazione altamente qualificata e adattabile. Esse rafforzano anche la coesione sociale e la cittadinanza attiva. Questo lavoro si propone di analizzare in modo critico e comparativo i sistemi di welfare europeo in ambito di istruzione. L intento è quello di partire dalle direttive europee in materia di istruzione e come siano state recepite dagli stati membri, analizzando alcuni sistemi di welfare significativi, con particolare attenzione al nostro Paese. 1

3 CAPITOLO I LO SCENARIO EUROPEO 1.1. LA STRATEGIA DI LISBONA PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE Nel marzo del 2000, a Lisbona, il Consiglio Europeo adottò l obiettivo tanto strategico quanto ambizioso di "diventare l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale." (1) L obiettivo concertato, da raggiungersi entro il 2010, prevedeva una strategia che investiva dieci aree diverse tra cui le politiche sociali nei settori rilevanti per costruire un economia fondata sulla conoscenza. Da allora, ogni anno, la Commissione presenta al Consiglio Europeo un rapporto (rapporto di primavera) nel quale si evidenziano i progressi compiuti nell attuazione di questa strategia. In tale occasione i Capi di Stato e di Governo degli Stati dell Unione valutano i progressi compiuti e stabiliscono le priorità per il raggiungimento degli obiettivi fissati a Lisbona. Nelle conclusioni dell allora Presidente M.me Nicole Fontaine, si parla di nuova sfida che l Europa si promette di affrontare in uno scenario economico e sociale trasformati dalla globalizzazione e che interessano ogni singola persona. (1) Documento della Presidenza: "Occupazione, riforma economica e coesione sociale Verso un'europa dell'innovazione e dei saperi"; Relazione della Commissione: "eeurope - Una società dell'informazione per tutti"; Contributo della Commissione: "Un programma di rinnovamento economico e sociale per l'europa"; Comunicazione della Commissione: "Politiche della Comunità a sostegno dell'occupazione"; Comunicazione della Commissione: "Costruire un'europa solidale"; Comunicazione della Commissione: "Tendenze nel campo sociale: prospettive e sfide". 2

4 I punti di forza dell Unione, evidenziati nella relazione, tra cui una forza - lavoro con un livello di formazione generalmente elevato, fanno da contrapposto agli elementi di criticità, quali un tasso di occupazione eccessivamente basso per lo più caratterizzato da una scarsa partecipazione al mercato del lavoro di donne ed anziani; uno sviluppo insufficiente del settore dei servizi, con particolare riferimento all utilizzo di internet e delle telecomunicazioni in generale; un acuirsi della mancanza di qualificazione nell ambito delle tecnologie e dell informazione. Per realizzare l obiettivo di diventare l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, si sono individuate le seguenti azioni: predisporre il passaggio verso un'economia e una società basate sulla conoscenza migliorando le politiche in materia di società dell'informazione, nonché accelerando il processo di riforma strutturale ai fini della competitività e dell'innovazione e completando il mercato interno; modernizzare il modello sociale europeo, investendo nelle persone e combattendo l'esclusione sociale; sostenere il contesto economico sano e le prospettive di crescita favorevoli applicando un'adeguata combinazione di politiche macroeconomiche. (2) (2) Conclusioni Della Presidenza CONSIGLIO EUROPEO DI LISBONA 23 E 24 MARZO 2000 Modalità di azione 3

5 Modernizzare il modello sociale europeo investendo nelle persone e costruendo uno stato sociale attivo, questo, dunque, l obiettivo di Lisbona. Partendo dal presupposto che le persone sono la principale risorsa dell'europa e su di esse dovrebbero essere imperniate le politiche dell'unione, ci si propone di investire nelle persone e sviluppare uno Stato sociale attivo e dinamico, essenziale per la posizione dell'europa nell'economia della conoscenza, nonché per garantire che l'affermarsi di questa nuova economia non aggravi i problemi sociali esistenti, rappresentati dalla disoccupazione, dall'esclusione sociale e dalla povertà. Dunque, istruzione e formazione per vivere e lavorare nella società dei saperi. I sistemi europei di istruzione e formazione devono essere adeguati alle esigenze della società dei saperi e alla necessità di migliorare il livello e la qualità dell'occupazione. Dovranno offrire possibilità di apprendimento e formazione adeguate a giovani, adulti, disoccupati e persone occupate soggette al rischio che le loro competenze siano rese obsolete dai rapidi cambiamenti. Questo nuovo approccio dovrebbe avere tre componenti principali: lo sviluppo di centri locali di apprendimento; la promozione di nuove competenze di base, in particolare nelle tecnologie dell'informazione; qualifiche più trasparenti. Di qui l invito del Consiglio europeo agli Stati membri, conformemente alle rispettive norme costituzionali, ad avviare le iniziative necessarie per conseguire gli obiettivi seguenti: aumentare gli investimenti annuali pro capite in termini di risorse umane; dimezzare, entro il 2010,il numero dei giovani tra i 18 e i 24 anni che hanno assolto solo il primo ciclo di studi secondari e che non continuano gli studi né intraprendono altro tipo di formazione; trasformare le scuole e i centri di formazione, tutti collegati a Internet, in centri locali di apprendimento plurifunzionali accessibili a tutti; - istituire tra scuole, centri di formazione, imprese e strutture di ricerca partenariati di apprendimento a vantaggio di tutti i partecipanti; definire le nuove competenze di base da fornire lungo tutto l'arco della vita: in materia di tecnologie dell'informazione, lingue straniere, cultura tecnologica, imprenditorialità e competenze sociali; 4

6 - istituire un diploma europeo per le competenze di base in materia di tecnologia dell'informazione, con procedure di certificazione decentrate, al fine di promuovere l'alfabetizzazione "digitale" in tutta l'unione; individuare i mezzi atti a promuovere la mobilità di studenti, docenti e personale preposto alla formazione e alla ricerca, sia utilizzando al meglio i programmi comunitari esistenti (Socrates, Leonardo, Gioventù), eliminando gli ostacoli, sia mediante una maggiore trasparenza nel riconoscimento delle qualifiche e dei periodi di studio e formazione; - adottare provvedimenti per rimuovere gli ostacoli alla mobilità dei docenti e attirare docenti di alto livello; elaborare un modello comune europeo per i curriculum vitae, da utilizzare su base volontaria, per favorire la mobilità contribuendo alla valutazione delle conoscenze acquisite, sia negli istituti di insegnamento e formazione che presso i datori di lavoro. Attraverso programmi a favore dell'istruzione, della formazione, dunque, l Unione si propone di favorire la mobilità e incoraggiare la cooperazione, appoggiando ed integrando l'azione degli Stati membri conformemente a quanto previsto dagli articoli 165 e 166 del Trattato sul funzionamento dell Unione europea. Nell intento del legislatore europeo, l istruzione e la formazione svolgono, dunque, un ruolo chiave nel trasformare l Unione europea in una società ed economia della conoscenza che possa essere competitiva su scala mondiale. Da quando nel 2000 è stata adottata la strategia di Lisbona, la cooperazione politica in materia di istruzione e formazione è stata rafforzata prima attraverso il programma di lavoro Istruzione e formazione 2010 e, successivamente, attraverso il quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell istruzione e della formazione ET Questa cooperazione ha condotto alla definizione di obiettivi ed iniziative comuni che comprendono tutti i tipi di istruzione e formazione, nonché tutte le fasi dell apprendimento permanente e sono sostenuti da programmi di finanziamento quali il programma di apprendimento permanente ed Erasmus Mundus L intento è quello di consentire a tutti i cittadini di acquisire conoscenze, capacità e competenze, nonché di aggiornare quelle che già possiedono, tramite l'istruzione e la formazione durante l'intero arco della loro vita. 5

7 È più che mai opportuno prendere in considerazione i bisogni specifici delle persone a rischio di emarginazione sociale, per favorire l aumento di soggetti attivi e, quindi, la crescita economica, garantendo, nel contempo, la coesione sociale. L'Europa si trova, infatti, a far fronte ad enormi sfide socioeconomiche e demografiche, strettamente collegate ad una popolazione che sta invecchiando, ad un grande numero di adulti scarsamente qualificati e agli elevati tassi di disoccupazione giovanile. 6

8 1.2 L'ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI LAVORO «ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2010 IL DOPO LISBONA Per dar seguito alle direttive fissate a Lisbona, il Consiglio Europeo, riunitosi a Stoccolma nel marzo del 2001, defini tre obiettivi strategici che la società stessa affida all istruzione e alla formazione: - lo sviluppo dell'individuo, che in tal modo può realizzare appieno il suo potenziale e condurre una vita di buon livello; lo sviluppo della società, in particolare favorendo la democrazia, riducendo le disparità e le disuguaglianze, sia fra gli individui che fra i gruppi e promuovendo la diversità culturale; lo sviluppo dell'economia, assicurandosi che le qualifiche della forza - lavoro corrispondano all'evoluzione economica e tecnologica. (3) In un contesto sempre più contrassegnato da veloci mutamenti dovuti alla globalizzazione crescente e alla maggior complessità nelle relazioni economiche e socioculturali, dove le società sono sempre più basate sull informazione e sulla conoscenza, rendere agevole l acquisizione e la conseguente familiarità delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) è il punto di partenza per pianificare il futuro dell istruzione e della formazione. Il cambiamento intervenuto nella natura stessa del lavoro, nelle competenze richieste ai lavoratori e ai dirigenti, le conoscenze acquisite nell arco della vita scolastica non possono più essere considerate statiche, in quanto l apprendimento continuo durante tutto l arco della vita costituisce ormai un requisito fondamentale per continuare ad avere una buona spendibilità sul mercato del lavoro. Inoltre, investire nei sistemi della conoscenza dovrebbe condurre anche al superamento delle barriere sociali. (3) Conclusioni della Presidenza, paragrafo 27. RELAZIONE DEL CONSIGLIO (ISTRUZIONE) PER IL CONSIGLIO EUROPEO SUGLI OBIETTIVI FUTURI E CONCRETI DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE 7

9 In particolare, facilitare l accesso alla formazione permanente diventa strumento necessario per favorire l abbattimento dell esclusione sociale e per garantire le pari opportunità, tenendo conto soprattutto dei bisogni dei soggetti più vulnerabili come le persone aventi problemi specifici nell apprendimento. Anche la struttura demografica ha subito profondi cambiamenti. I dati dimostrano che vi è una percentuale molto alta di anziani, anche tra gli insegnanti, con percentuali di persone prossime al pensionamento diverse tra i paesi dell UE. Un altro dato di cui tener conto è, senza dubbio, il flusso migratorio che impone di considerare una popolazione multilinguistica ed eterogenea a cui destinare i sistemi di istruzione e di formazione. Gli obiettivi individuati dai Ministri dell istruzione riunitisi a Stoccolma sono essenzialmente tre: Aumentare la qualità e l efficacia dei sistemi di istruzione e formazione nell Unione Europea; Facilitare l accesso di tutti ai sistemi di istruzione e formazione; Aprire al mondo esterno i sistemi di istruzione e formazione. I compiti demandati al Consiglio dell Istruzione, in collaborazione con la Commissione Europea, consistono nel definire come misurare la realizzazione degli obiettivi suddetti, quali lavori intraprendere, quali settori considerare ai fini di una valutazione e di uno scambio di buone pratiche tra gli Stati membri e quali indicatori utilizzare nell analisi delle politiche attuate. Facendo seguito al programma di Lisbona, nel 2002 a Barcellona il Consiglio Europeo si da degli obiettivi ancor più ambiziosi individuando nel 2010 la scadenza per la realizzazione degli stessi nell interesse dei cittadini dell Unione e demandando al Consiglio per l istruzione e alla Commissione la predisposizione di una relazione intermedia in cui si rendesse conto dello stato dei lavori. Nello specifico ci si propone di: raggiungere un elevata qualità nei sistemi di istruzione e formazione in modo da costituire un modello di riferimento su scala mondiale; favorire la mobilità dei cittadini europei da un sistema all altro di istruzione rendendo gli stessi estremamente omogenei e compatibili; 8

10 rendere valide le compe tenze acquisite in uno degli Stati membri in tutto il territorio europeo ai fini della carriera e dell ulteriore apprendimento; rendere accessibili in modo permanente l istruzione e la formazione ai cittadini di tutte le età. (4) Nel dar seguito al proprio mandato, nel maggio del 2003 il Consiglio dell Istruzione di concerto con la Commissione producono un rapporto nel quale si legge che affinché l'unione abbia una riuscita migliore rispetto ai suoi concorrenti nell'economia della conoscenza è di fondamentale importanza investire di più e con maggiore efficacia nell'istruzione e nella formazione. Tanto più che le nuove esigenze determinate dalla società e dall'economia della conoscenza sono destinate a crescere negli anni a venire. Considerando, infatti, il probabile allungamento della durata media della vita attiva e i cambiamenti economici e tecnologici sempre più rapidi, i cittadini dovranno aggiornare continuamente e sempre più spesso le loro competenze e qualifiche. La promozione dell'occupabilità e della mobilità in un ottica di mercato del lavoro europeo aperto, complementare al mercato unico dei beni e dei servizi, deve costituire una priorità. Per questo, è fondamentale instaurare relazioni più strette fra il mondo dell'istruzione e della formazione e il mondo imprenditoriale, affinché ciascuna delle due parti comprenda meglio le esigenze dell'altra. Contestualmente, la società della conoscenza genera coesione sociale, cittadinanza attiva e sviluppo personale, bisogni ai quali soltanto l'istruzione e la formazione possono apportare un sostanziale contributo. (5) Nell analisi fatta dal Consiglio nel 2003 si evidenziano le forti disuguaglianze esistenti tra i sistemi di istruzione e formazione degli Stati membri, ad esempio nelle politiche messe in atto per favorire la mobilità, anche attraverso la rimozione di ostacoli di natura burocratica e giuridica, in particolare in materia di protezione sociale. (4) Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee del 14/06/2002 C142/1 -Programma di lavoro dettagliato sul follow-up circa gli obiettivi dei sistemi di istruzione e formazione in Europa (2002/C 142/01) (5) Relazione del Consiglio "Istruzione" al Consiglio europeo "Gli obiettivi futuri e concreti dei sistemi di istruzione e di formazione" (doc. 5980/01). 9

11 Si sottolinea il deficit d investimento nelle risorse umane nell istruzione e nella formazione delle stesse testimoniati dalla spesa per studente molto inferiore, nella maggior parte degli Stati europei, a quella degli USA, cinque volte più elevata per quanto attiene all istruzione superiore. Interessante appare, altresì, l analisi del potere di attrazione dell Europa dei c.d. talenti, di molto inferiore rispetto a quello degli USA (la maggior parte degli studenti asiatici e sudamericani, ad esempio, preferisce recarsi negli Stati Uniti piuttosto che in Europa). Inoltre, il mercato europeo offre meno possibilità per i ricercatori che preferiscono continuare altrove le loro carriere. Il rapporto sottolinea poi l elevato tasso di abbandono scolastico, la lotta contro il quale è una priorità, come pure prioritario è introdurre misure atte a promuovere l interesse per le carriere scientifiche e tecnologiche nelle donne, ancora troppo poche in questi settori strategici. Completare il ciclo di istruzione secondaria superiore è sempre più importante non solo per permettere di entrare con successo nel mercato del lavoro, ma anche per dare agli studenti l'accesso alle possibilità di apprendimento e formazione offerte dall'istruzione superiore. Gli Stati membri hanno, pertanto, convenuto che, entro il 2010, almeno l'85% della popolazione ventiduenne dell'unione Europea dovrebbe avere completato un ciclo di istruzione secondaria superiore. Tutte le persone devono acquisire un bagaglio minimo di competenze per poter apprendere, lavorare e raggiungere lo sviluppo personale nella società e nell'economia basata sulla conoscenza. (6). In una società della conoscenza, le persone devono, inoltre, aggiornare e migliorare le loro competenze e qualifiche in modo continuativo e usufruire della più ampia gamma possibile di contesti di apprendimento. In diversi Paesi certi anelli della catena dell apprendimento permanente sono insufficientemente sviluppati. (6) Risultati dell'indagine PISA (OCSE, 2000). 10

12 Le lacune da colmare risultano spesso da una visione che si limita eccessivamente alle esigenze dell occupabilità o da un attenzione troppo esclusiva per il recupero di coloro che sono scivolati tra le maglie dell educazione iniziale. Questi elementi sono giustificati, ma non costituiscono di per sé una strategia dell apprendimento permanente realmente integrata, coerente e accessibile a tutti. In media, nell UE il 27% degli insegnanti dell istruzione primaria e il 34% di quelli dell istruzione secondaria ha più di 50 anni. Secondo le stime, entro il 2015 si dovrà reclutare, e quindi formare, più di un milione di insegnanti del livello primario e di quello secondario. Questo massiccio rinnovo nella maggior parte dei Paesi rappresenta contestualmente una sfida e un opportunità. Gli strumenti e le strategie individuate dal Consiglio e dalla Commissione per l attuazione degli obiettivi di Lisbona possono riassumersi come segue: A livello nazionale: Investimenti pubblici più elevati in certi settori chiave Incoraggiare un contributo maggiore dei privati, in particolare nell insegnamento superiore, la formazione degli adulti e la formazione professionale continua. A livello comunitario: Finanziamenti comunitari mirati, compresi i fondi strutturali e la Banca europea per gli investimenti. Occorre altresì, porre in essere misure atte ad incentivare le professioni di insegnante e di formatore, fare dell apprendimento permanente una realtà concreta e consolidata, dotare tutti i cittadini delle competenze necessarie, attraverso l adozione di politiche linguistiche, incoraggiare l emergere di una cultura scientifica e tecnica, promuovere le competenze imprenditoriali, sviluppare i servizi connessi alle TIC, creare ambienti di apprendimento accoglienti e accessibili a tutti, sviluppare qualifiche flessibili e spendili sul mercato globale, rafforzare il ruolo e la qualità dei servizi di orientamento, favorire gli svantaggiati. Tutto questo per costruire una dimensione europea dell istruzione. 11

13 Nel 2006, la relazione congiunta del Consiglio e della Commissione sottolineano come ci sia ancora bisogno di rafforzare il modello sociale europeo attraverso riforme che garantiscano sistemi efficaci ed equi. (7) In particolare, le politiche d'istruzione e di formazione degli Stati membri devono informarsi sempre di più ai principi di efficienza ed equità quando gli stessi intraprendono le riforme dei loro sistemi d'istruzione e di formazione. Le esperienze di taluni Stati membri e dei lavori di ricerca, dimostrano gli effetti benefici che le politiche d'istruzione e di formazione possono avere in termini di efficienza ed equità. In realtà numerosi sistemi d'istruzione e di formazione producono e, a volte, aumentano, le ineguaglianze esistenti, per cui le persone più vulnerabili sono quelle che hanno le minori qualificazioni. Tali persone non dispongono delle stesse opportunità nei confronti dell'istruzione e della formazione rispetto a quelle che invece seguono un corso di studi superiori. Inoltre, le ineguaglianze in materia d'istruzione e di formazione rappresentano dei costi. Le politiche relative all'istruzione e alla formazione fondate sull'efficienza e l'equità offrono, per contro, la possibilità di aumentare i benefici a lungo termine, di ridurre i costi economici e sociali e di avere un valore aggiunto per altri settori come la coesione sociale. Tali iniziative hanno un costo, ma i costi dovuti alla mancanza di azione e al gran numero di abbandoni sono certamente più elevati. Garantire un'istruzione e una formazione di qualità alla totalità dei cittadini dell'ue consentirà anche all'unione europea di affrontare le sfide socio-economiche come la globalizzazione e la competitività dei nuovi paesi industrializzati, la demografia dell'ue (invecchiamento della sua popolazione e flussi migratori), l'evoluzione rapida della natura del mercato del lavoro e la rivoluzione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC). L'efficienza e l'equità dovrebbero essere integrate nella prospettiva delle strategie di apprendimento permanente, le cui ripercussioni, oltre che gli effetti degli investimenti nell'istruzione e nella formazione, saranno apprezzabili a lungo termine. (7) IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 79/1- MODERNIZZARE L'ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE: UN CONTRIBUTO FONDAMENTALE ALLA PROSPERITÀ E ALLA COESIONE SOCIALE IN EUROPA RELAZIONE INTERMEDIA COMUNE 2006 DEL CONSIGLIO E DELLA COMMISSIONE SUI PROGRESSI COMPIUTI NELL'AMBITO DEL PROGRAMMA DI LAVORO «ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2010» 12

14 In particolare, l'istruzione prescolastica si rivela essenziale per le ulteriori tappe di apprendimento, in quanto aiuta a prevenire gli abbandoni scolastici, a migliorare l'equità dei risultati e il miglioramento dei livelli di competenze, ma anche a ridurre i costi in altri settori (disoccupazione, criminalità, ecc.). Per aumentarne l efficacia essi devono essere accompagnati da altre misure d'intervento come l'apprendimento delle lingue o l'aiuto all'adattamento sociale. Tali programmi devono essere adattati ai più piccoli tenendo conto della natura dell'insegnamento impartito (apprendimento, competenze individuali e sociali) e della pedagogia (miglioramento dell'offerta degli insegnanti, impegno dei genitori). L'impegno dei genitori può anch'esso essere sostenuto da programmi speciali di istruzione per i genitori stessi e di sensibilizzazione delle persone emarginate. L'insegnamento primario e secondario devono essere rivolti verso la qualità della formazione di base per tutti. In altri termini l'insegnamento di base e le competenze chiave devono essere garantiti in modo equo per tutti in una società fondata sulla conoscenza. L'efficienza e l'equità sono assicurate se la natura dell'insegnamento e la pedagogia sono adattate in particolare mediante politiche di assunzione che assicurino un insegnamento di qualità. Inoltre la collaborazione tra insegnanti, genitori e servizi sociali dev'essere incoraggiata. L'insegnamento superiore che comprende l'istruzione, la ricerca e l'innovazione («triangolo della conoscenza») costituisce un settore chiave dell'economia della società fondata sulla conoscenza. Ecco perché dev'essere più competitivo e favorire l'eccellenza, com'è stato sottolineato dalla Commissione nella sua comunicazione sulla modernizzazione delle università nel Tre elementi sono importanti per un insegnamento superiore modernizzato: il fatto di essere equo per tutti, finanziariamente sostenibile e con un ruolo più efficiente. Per garantire a tutti un accesso all'insegnamento superiore, l'instaurazione di tasse d'iscrizione dev'essere compensata da un aiuto finanziario per i più sfavoriti, perché questi investono generalmente meno nel loro avvenire. Per rimediare a questa situazione la disponibilità di borse di studi, di prestiti bancari e prestiti rimborsabili in funzione dei redditi futuri e di borse può incoraggiare l'accesso all'insegnamento superiore. 13

15 Il rapporto tra l'insegnamento e il mondo professionale dev'essere migliorato. L'insegnamento dovrebbe integrare un insegnamento professionale allo scopo di rendere i sistemi professionali più attraenti e facilitare la transizione delle persone in possesso di diploma d'insegnamento superiore e dotate di qualifiche professionali. Ciò è necessario in quanto le domande del mercato del lavoro hanno avuto un'evoluzione, in particolare con una maggiore richiesta di lavoratori più qualificati. Inoltre, altri fattori come l'invecchiamento della popolazione o la disoccupazione giovanile vanno considerati. È necessario mettere in opera percorsi flessibili e chiari che passando dall'insegnamento professionale verso un apprendimento ulteriore portino all'occupazione, come succede nei sistemi d'insegnamento e di formazione professionali. Questi offrono ai partecipanti la possibilità di ottenere un beneficio ragionevole in termini di reddito. L'istruzione degli adulti permette anche di adattarsi ad un mondo del lavoro in mutazione e di migliorare quindi le prospettive di occupazione. Le persone meno qualificate sono quelle che usufruiscono meno dell'apprendimento e della formazione nel corso della loro attività professionale. Questi tipi di formazione possono esse migliorati in due modi : mediante l'insegnamento, da parte di partenariati tra imprese, settore pubblico, parti sociali e organizzazioni locali del settore associativo, su gruppi di discenti identificati e sulle loro necessità. Questo metodo ha dimostrato di poter costituire un'alternativa al rischio di abbandono degli studi; nel corso dell'attività professionale attraverso una formazione adattata alle necessità, in termini di competenze, dei datori di lavoro corrisposta con la formula dei partenariati. Entrambe le modalità corrispondono alle necessità in competenze che esistono nel mercato del lavoro, ma sono destinate ad avvicinare l'offerta e la domanda, e a facilitare la scelta della formazione e della carriera. Si sono rivelate efficaci per ampliare le prospettive d'occupazione delle persone sfavorite. Gli Stati offrono l'informazione e i programmi di formazione, e in tal modo sostengono l'investimento privato e i costi che sono a carico delle imprese e dei lavoratori. Parallelamente i datori di lavoro devono investire nell'istruzione e nella formazione per restare competitivi e per sostenere la loro responsabilità sociale, che consiste nel diventare organizzati. L'efficienza «concerne il rapporto tra le risorse in entrata nel processo e quelle in uscita e i risultati ottenuti. Un sistema è efficiente se i mezzi utilizzati danno un risultato massimo. 14

16 L'efficienza relativa nell'ambito dei sistemi di istruzione viene abitualmente misurata con i risultati delle prove e degli esami, mentre la loro efficienza in rapporto alla società nel suo complesso ed all'economia viene misurata con i tassi di rendimento privato e sociale.» Per equità s'intende il modo in cui i singoli possono trarre vantaggio da istruzione e formazione in termini di opportunità, accesso, condizioni e risultati. I sistemi equi garantiscono che i risultati di istruzione e formazione siano indipendenti dall'ambiente socio-economico e da altri fattori che causano svantaggi e che l'insegnamento risponda alle specifiche necessità di apprendimento dei singoli. Il Consiglio dell Istruzione, gioventù e cultura del 13 e 14 novembre 2006 ha adottato le sue conclusioni ricordando il ruolo degli Stati membri e i vantaggi di una cooperazione a livello europeo; il Consiglio sostiene la necessità di un metodo per assicurare l'efficienza e l'equità dell'istruzione e della formazione permanente. Il Consiglio dichiara, altresì, che la qualità è essenziale in quanto obiettivo comune per tutte le forme d'istruzione e di formazione. La qualità non è soltanto una questione di risultati dell'apprendimento o dell'insegnamento impartito, ma dipende anche dalla capacità dei sistemi d'istruzione e formazione di venire incontro a esigenze individuali, sociali ed economiche, rafforzando l'equità e migliorando il benessere. Gli Stati membri sono invitati a tener conto in maggiore misura dell'ottimizzazione delle risorse dei sistemi d'istruzione e di formazione per garantirne efficienza ed equità e ad indirizzare in modo efficace le riforme e gli investimenti puntando sull'istruzione prescolastica, su programmi mirati d'intervento precoce, nonché su equi sistemi di istruzione e formazione per garantire a tutti l'accesso alle stesse. Il Consiglio pone l'accento anche sulla necessità di avere un personale qualificato che disponga di formazione permanente. Inoltre, sono necessari finanziamenti adeguati, sia pubblici che privati, per l'istruzione degli adulti e l'istruzione e la formazione professionale permanente. Il mondo professionale deve anch'esso essere associato all'istruzione e alla formazione. 15

17 Per garantire la qualità, l'equità e l'efficienza in tutto il sistema d'istruzione e di formazione, vanno incoraggiate procedure di valutazione e di controllo, oltre che studi e la possibilità di un'informazione trasparente che permettano di valutare i risultati delle riforme, gli adattamenti e le necessità che possono derivarne, l'elaborazione di metodi e di pratiche d'insegnamento e di apprendimento. La Commissione presenta proposte agli Stati membri sulla base di esperienze nazionali e di lavori di ricerca per un'istruzione e una formazione di qualità fondate sui principi dell'efficienza e dell'equità. L'integrazione di tali principi a tutti i livelli del sistema di istruzione e di formazione dovrebbe garantire l'accesso di tutti all'insegnamento e alla formazione, in particolare l'accesso delle persone più sfavorite. Contribuendo agli obiettivi di competitività e di coesione sociale, l'integrazione di tali principi permetterà anche di ridurre i costi a lungo termine che sono la conseguenza delle ineguaglianze e di affrontare le sfide sia all'interno che all'esterno dell'ue. Il ruolo centrale assegnato all'istruzione e formazione quale forza trainante per la crescita e la competitività nell'analisi annuale della crescita per il 2013, compreso il riferimento al ruolo chiave degli investimenti nel capitale umano per affrontare e prevenire la disoccupazione e preparare una ripresa fonte di occupazione, è quanto riconosciuto dal Consiglio dell Unione Europea, nelle sue conclusioni su "Investire nell'istruzione e nella formazione - una risposta a Ripensare l'istruzione: Investire nelle abilità in vista di migliori risultati socioeconomici" e analisi annuale della crescita per il 2013 del 1 febbraio (8) Nel rispetto degli degli articoli 165 e 166 del Trattato sul funzionamento dell Unione europea,. della strategia Europa 2020 ed, in particolare, delle analisi annuali della crescita per il 2012 e per il 2013 (9) e delle raccomandazioni specifiche per paese per il 2012 ; a fronte di una persistente crisi economica messa in evidenza dalle più recenti previsioni della Commissione, secondo le quali nel 2013 la ripresa economica sarà più lenta del previsto e si assisterà a un picco della disoccupazione pari a quasi l'11%, con un aumento del 60 % dei livelli di disoccupazione per i lavoratori meno qualificati; (8) Conclusioni del Consiglio su "Investire nell'istruzione e nella formazione - una risposta a Ripensare l'istruzione: Investire nelle abilità in vista di migliori risultati socioeconomici" e analisi annuale della crescita per il GU C 119 del , pagg GU C 70 dell' , pagg (9) Previsioni economiche autunnali della Commissione europea (novembre 2012). Statistiche Eurostat sulla disoccupazione (novembre 2012)."Aiutare i giovani a entrare nel mondo del lavoro" - COM(2012) 727 definitivo, 5 dicembre. 16

18 tenuto conto. dell'esigenza di affrontare l'aumento della disoccupazione giovanile in Europa, che attualmente ha quasi raggiunto una media del 23 % e che in vari Stati membri ha superato il 50 % e del fatto che appare sempre più evidente che l'offerta di abilità non corrisponde più al fabbisogno del mercato del lavoro, con oltre 2 milioni di posti attualmente vacanti in Europa, il Consiglio riconosce il ruolo centrale dell istruzione e della formazione quali settori nei quali l investimento ha indubbi risvolti sociali ed economici. Ne lle sue conclusioni il Consiglio dell UE invita gli Stati membri a: 1. aumentare l'efficienza dei propri sistemi di istruzione e formazione, nonchè i livelli generali di abilità e competenze anche attraverso collegamenti più stretti tra il mondo del lavoro e quello dell'istruzione e una comunicazione più efficace attraverso forti partenariati tra i pertinenti settori di intervento dell'istruzione e della formazione, le parti sociali e diversi livelli di governance; 2. promuovere l'eccellenza nell'istruzione e nella formazione professionale di concerto con le parti sociali, ad esempio sviluppando sistemi di qualità con una forte componente di apprendimento sul lavoro, valutando lo sviluppo di qualifiche di livello post-secondario o terziario corrispondenti a un ciclo di studi breve, conformemente al quadro europeo per le qualifiche, incentrate su potenziali settori di crescita o settori con carenze di abilità e allineando le politiche in materia di IFP alle strategie di sviluppo economico nazionale, regionale o locale; 3. migliorare i risultati dei giovani ad alto rischio di abbandono scolastico precoce e in possesso di scarse abilità di base conformemente al quadro fissato nella raccomandazione del Consiglio del 2011,ad esempio tramite l'individuazione tempestiva dei soggetti con scarso rendimento riferito alle abilità di base in tutte le fasi della scolarizzazione, fornendo un sostegno personalizzato e combattendo le cause dei risultati insoddisfacenti mediante un'istruzione e cura della prima infanzia accessibili e di qualità (10); 4. ridurre il numero degli adulti scarsamente qualificati aumentando gli incentivi alla formazione degli adulti, fornendo informazioni sull'accesso ai servizi di apprendimento permanente; (10) Raccomandazione del Consiglio sulle politiche di riduzione dell'abbandono scolastico (GU C 191 dell' , pagg. 1-6)

19 5. rivedere e rafforzare il profilo professionale delle professioni dell'insegnamento (insegnanti, dirigenti scolastici e formatori degli insegnanti), di concerto con i soggetti interessati, ad esempio garantendo una formazione efficace ai docenti e fornendo sistemi dotati di risorse adeguate per il reclutamento, la selezione, la formazione iniziale, il sostegno a inizio carriera e lo sviluppo professionale permanente del personale docente sulla base delle competenze; 6. ottimizza re l'apprendimen to con il supporto delle TIC attraverso il sostegno alle pratiche didattiche e di valutazione basate sulle TIC stesse; 7. rendere prioritari e, se possibile, rafforzare gli investimenti nell'istruzione e nella formazione, adoperandosi per accrescere l'efficienza di tale spesa stimolando dibattiti nazionali su meccanismi di finanziamento sostenibili ed equilibrati, con la partecipazione di un'ampia gamma di soggetti interessati

20 1.3 - LO STATO DELL ARTE L IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA NEI SISTEMI DI ISTRUZIONE EUROPEI - IL RAPPORTO EURYDICE 2013 La forte crisi economica che ha investito l Europa in questi ultimi anni ha condotto numerosi Stati a ridurre la spesa per l istruzione, in contro tendenza rispetto agli obiettivi fissati da Lisbona in avanti. E quanto si evince da uno studio condotto da Eurydice (Eurydice è la rete di informazione dell Unione europea sui sistemi educativi, di cui l Agenzia LLP di Firenze è referente per l Italia) sull impatto della crisi nei sistemi di istruzione, con particolare riferimento alle risorse umane, alle infrastrutture, ai programmi specifici di sostegno e ai sistemi di supporto agli studenti e alle loro famiglie.(8) L'ultimo rapporto di Eurydice analizza le tendenze nella spesa per l istruzione fra il 2000 e il 2012 e l impatto che la crisi economica e finanziaria ha avuto sui bilanci dell istruzione in Europa negli ultimi anni ( ). Dal rapporto si evince che 8 dei 25 Stati membri dell UE hanno ridotto la spesa per investimenti nell istruzione; si tratta, soprattutto, di paesi che nel 2010 e nel 2011 avevano già un consistente deficit pubblico ( vedi grafico 1.2.). (8) Fonte ARAN - Rapporto Eurydice

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità COMMISSIONE EUROPEA COMUNICATO STAMPA Strasburgo/Bruxelles, 19 novembre 2013 Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità Erasmus+,

Dettagli

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia La mobilità europea dei giovani per motivi di studio e di lavoro: risorsa per lo sviluppo delle competenze, l'inserimento nel mercato del lavoro e l'integrazione sociale Roma, 8 novembre 2010 Silvia Vaccaro

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione 1.2 Il quadro di riferimento europeo: obiettivi, strategie, raccomandazioni La scelta di inserire un breve approfondimento che estenda l analisi di contesto alla dimensione europea è stata dettata da più

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali ECONOMIA DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE a.a. 2012/2013 - Prof. G. Favretto Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali Serena Cubico Ricercatore

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione Laboratorio di specializzazione professionale in Scienze dell'educazione permanente e della formazione continua I progetti

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º febbraio 2013 (07.02) (OR. en) 5698/13 LIMITE EDUC 21 SOC 48

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º febbraio 2013 (07.02) (OR. en) 5698/13 LIMITE EDUC 21 SOC 48 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 1º febbraio 2013 (07.02) (OR. en) 5698/13 LIMITE EDUC 21 SOC 48 NOTA del: Segretariato generale del Consiglio al: Comitato dei Rappresentanti permanenti (parte

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro.

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Il nuovo programma dell'ue per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. 2014-2020 Obiettivi Azione chiave 1 dell'apprendimento: - mobilità

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020.

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020. Assessorat de l éducation et de la culture Assessorato istruzione e cultura Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche comprensive della scuola secondaria di secondo grado comprese le paritarie Réf. n

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione 2 ERASMUS + Programma dell UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Come nasce? Erasmus+ è il

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Comunicato stampa L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Migliorare l efficacia dell insegnamento delle scienze e la capacità di

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 4 dicembre 1987, n 342. Entrata in vigore il 25 novembre 1987.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 4 dicembre 1987, n 342. Entrata in vigore il 25 novembre 1987. Racc. 24-11-1987 n. 87/567/CEE Raccomandazione della Commissione sulla formazione professionale delle donne. Pubblicata nella G.U.C.E. 4 dicembre 1987, n 342. Entrata in vigore il 25 novembre 1987. Racc.

Dettagli

Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015

Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015 n u m e r o m o n o g r a f i c o Dicembre 2014 Notiziario a cura dell Unità Italiana di Eurydice - Indire pubblicato con il contributo del MIUR Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015

Dettagli

Capitolo 2. Formatori degli insegnanti di scienze

Capitolo 2. Formatori degli insegnanti di scienze Capitolo 2 Formatori gli insegnanti di scienze Introduzione La componente professionale lla formazione iniziale gli insegnanti è volta a fornire i saperi e le competenze teoriche e pratiche lla loro professione.

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile Comitato economico e sociale europeo Sezione specializzata Occupazione, affari sociali, cittadinanza Osservatorio del mercato del lavoro Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Click toeditmaster titlestyle

Click toeditmaster titlestyle LifelongLearningProgramme: opportunità per vivere l Europa Servizio istruzione, università e ricerca Centro risorse per l istruzione e l orientamento Punto di diffusione per il FVG delle rete Euroguidance

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico Erasmus plus è il nuovo programma varato dall'unione europea per il periodo 2014-2020

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Decreto 25 ottobre 2007 [pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 4.1.2008] Riorganizzazione dei centri territoriali permanenti per l'educazione degli adulti e dei

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398)

Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398) MEMO/11/818 Bruxelles, 23 novembre 2011 Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398) Cos'è Erasmus per tutti? Erasmus per tutti è il nuovo programma proposto dalla Commissione europea nel

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Le opportunità di sviluppo della figura professionale del formatore tra la legge 4/13 e la complessità degli scenari

Le opportunità di sviluppo della figura professionale del formatore tra la legge 4/13 e la complessità degli scenari Le opportunità di sviluppo della figura professionale del formatore tra la legge 4/13 e la complessità degli scenari Potenza, giovedì 12 febbraio 2015 ore 16.00/18.00 Officina WiFi di Apof il Matera, venerdì

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni

PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 e successive

Dettagli

DOCUMENTAZIONE. Portale italiano dei giovani

DOCUMENTAZIONE. Portale italiano dei giovani DOCUMENTAZIONE Rapporto Istruzione e Formazione nell'europa 2020 Pubblicato dalla Rete Eurydice, il rapporto presenta un analisi comparativa delle risposte nazionali alle priorità dell Europa 2020 nel

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

La disoccupazione in Europa e la flexicurity come nuovo modello di lavoro: un solo modello per tutti?

La disoccupazione in Europa e la flexicurity come nuovo modello di lavoro: un solo modello per tutti? La disoccupazione in Europa e la flexicurity come nuovo modello di lavoro: un solo modello per tutti? Susanna Biancacci Università degli studi di Roma La Sapienza Facoltà di Economia 1960: Tasso di disoccupazione

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Erasmus+: obiettivi generali Il programma Erasmus+ contribuisce

Dettagli

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA Nel corso dell istruzione obbligatoria gli alunni europei sono mediamente sottoposti ad almeno tre test esterni

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

INVESTIRE NEL FUTURO

INVESTIRE NEL FUTURO EUROPEAN TRADE UNION COMMITTEE FOR EDUCATION COMITATO SINDACALE EUROPEO DEGLI INSEGNANTI EFEE THE EUROPEAN FEDERATION OF EDUCATION EMPLOYERS INVESTIRE NEL FUTURO Dichiarazione congiunta sull'istruzione,

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof.

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof. GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Prof. Daniel Navas Vega 1 SCHEMA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI? LE CARATTERISTICHE DELLO

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Norme generali Norme specifiche L autonomia delle istituzioni scolastiche ègaranzia di libertàdi insegnamento

Dettagli

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento Erasmus + 2014-2020 Azioni: Prevede tre tipi di azioni fondamentali: La mobilità individuale ai fini di apprendimento: la mobilità rappresenta una quota significativa del bilancio complessivo. Tale incremento,

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Indicatori sulla qualità dell'istruzione scolastica

Indicatori sulla qualità dell'istruzione scolastica Indicatori sulla qualità dell'istruzione scolastica L'obiettivo principale della presente relazione è quello di stabilire una serie di indicatori in materia di qualità dell'istruzione scolastica, destinati

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli