CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va"

Transcript

1 CAPITOLO Il eddito nazionale: da dove viene e dove va Domande di ipasso. I fattoi di poduzione e la tecnologia di poduzione deteminano il livello della poduzione aggegata di un sistema economico. I fattoi di poduzione sono gli input utilizzati pe podue beni e sevizi: i fattoi più impotanti sono capitale e lavoo. La tecnologia di poduzione detemina la quantità di podotto che può essee geneata pe ogni data quantità dei fattoi di poduzione. L aumento di uno dei fattoi o il pogesso della tecnologia di poduzione potano a un aumento della poduzione aggegata dell economia. 2. Nel deteminae la quantità di un fattoe da impiegae nella poduzione, un impesa pende in consideazione l effetto di tale decisione sul pofitto. Pe esempio, utilizzae una unità di lavoo in più fa aumentae il podotto e peciò i icavi; l impesa confonta il icavo addizionale con il costo addizionale che deiva da un più alto monte salai. Il icavo addizionale dell impesa dipende dal podotto maginale del lavoo (PML) e dal pezzo del bene podotto (P). Una unità addizionale di lavoo poduce PML unità addizionali di podotto, che l impesa vende a P euo ciascuna. Petanto il icavo addizionale pe l impesa è pai a P PML. Il costo addizionale che l impesa sostiene pe utilizzae una unità aggiuntiva di lavoo è pai a W. Di conseguenza, la decisione ha il seguente effetto sul pofitto: Pofitto Ricavo Costo (P PML) W Se il icavo addizionale, P PML, è maggioe del costo di assumee una unità addizionale di lavoo, W, il pofitto aumenta. L impesa assumeà unità di lavoo aggiuntive fino a quando non saà più edditizio falo, cioè fino a quando PML aggiunge il punto in cui la vaiazione del pofitto è nulla. In temini algebici, l impesa assume nuove unità di lavoo fino a quando Pofitto 0, cioè fino a quando (P PML) W. Tale condizione può essee iscitta come: PML W/P Petanto un impesa concoenziale che massimizza il pofitto assume lavoo fino al punto in cui il podotto maginale del lavoo è uguale al salaio eale. La medesima logica si applica alla decisione elativa alla quantità di capitale da utilizzae nel pocesso di poduzione: l impesa pende in locazione nuovo capitale fino al punto in cui il podotto maginale del capitale è uguale alla endita eale del capitale.. Una funzione di poduzione ha endimenti di scala costanti se un uguale incemento pecentuale di tutti i fattoi di poduzione povoca un aumento di pai pecentuale del podotto. Pe esempio, se un impesa aumenta l utilizzo di capitale e lavoo del 50% e l aumento conseguente del podotto è del 50%, la funzione di poduzione ha endimenti di scala costanti. Se la funzione di poduzione ha endimenti di scala costanti, il eddito totale (cioè il podotto totale) di un economia nella quale opeano impese concoenziali che massimizzano il pofitto viene inteamente suddiviso ta la emuneazione del lavoo, L PML, e la emuneazione del capitale, K PMK. Quindi, nell ipotesi di endimenti di scala costanti, il pofitto economico è pai a Questa è la funzione di poduzione Cobb-Douglas con /4: Y AK /4 L /4. È facile veificae che la emuneazione del capitale è pai a /4 del eddito: il podotto maginale del capitale è Y/ K /4 AK /4 L /4 ; la emuneazione totale del capitale è K PMK /4 AK /4 L /4 /4 Y. 0

2 5. Il consumo è positivamente coelato al eddito disponibile, cioè all ammontae del eddito che imane una volta pagate le imposte: quanto più elevato è il eddito disponibile, tanto più elevato è il consumo. La quantità domandata di beni di investimento è negativamente coelata al tasso di inteesse eale. Affinché un investimento sia edditizio, il endimento deve essee supeioe al costo. Dato che il tasso di inteesse eale misua il costo dei fondi, all aumentae del tasso di inteesse eale il costo dell investimento aumenta e, di conseguenza, la domanda di beni di investimento diminuisce. 6. La spesa pubblica è costituita dai beni e dai sevizi acquistati diettamente dalla pubblica amministazione. Pe esempio, lo Stato acquista amamenti, costuisce stade e offe sevizi quali il contollo del taffico aeeo: tutte queste attività entano nel computo del PIL. I tasfeimenti sono i pagamenti che lo Stato effettua a singoli individui e che non appesentano il coispettivo di un bene o di un sevizio. I tasfeimenti, in patica, sono l opposto delle imposte: queste ultime iducono il eddito disponibile dei nuclei familiai, mente i tasfeimenti lo fanno aumentae. Esempi di tasfeimenti sono le pensioni di vecchiaia, il sussidio di disoccupazione e l assistenza sociale. 7. Consumo, investimento e spesa pubblica deteminano la domanda di podotto aggegato in un sistema economico, mente l offeta viene deteminata dai fattoi di poduzione e dalla funzione di poduzione. Il tasso di inteesse eale si aggiusta in modo da gaantie l uguaglianza ta la domanda e l offeta di podotto aggegato. Al tasso di inteesse di equilibio, la domanda di beni e sevizi è uguale all offeta. 8. Se il goveno aumenta le imposte, il eddito disponibile diminuisce e, di conseguenza, diminuisce anche il consumo. La diminuzione del consumo è pai all ammontae dell aumento delle imposte moltiplicato pe la popensione maginale al consumo (PMC): quanto più elevato è il valoe di PMC, tanto maggioe è l effetto negativo dell aumento delle imposte sul consumo. Dato che il podotto aggegato è fisso, in quanto deteminato dai fattoi di poduzione e dalla funzione di poduzione, e dato che la spesa pubblica non vaia, la diminuzione del consumo deve essee compensata da un aumento dell investimento. Affinché l investimento aumenti, il tasso di inteesse eale deve diminuie. Quindi, un aumento delle imposte povoca una diminuzione del consumo, un aumento dell investimento e una diminuzione del tasso di inteesse. Poblemi e applicazioni patiche. (a) Secondo la teoia neoclassica della distibuzione, il salaio eale è uguale al podotto maginale del lavoo. A causa dei endimenti decescenti del lavoo, un aumento della foza lavoo povoca una diminuzione della poduttività maginale del lavoo. Di conseguenza, il salaio eale diminuisce. (b) La endita eale del capitale è uguale al podotto maginale del capitale. Se un teemoto distugge pate dello stock di capitale (ma miacolosamente non fa vittime e dunque non povoca una diminuzione della foza lavoo), il podotto maginale del capitale aumenta e, di conseguenza, aumenta anche la endita eale del capitale. (c) Se un avanzamento della tecnologia miglioa la funzione di poduzione, è pobabile che il podotto maginale del capitale e del lavoo aumentino entambi. Di conseguenza, aumentano sia la endita eale del capitale sia il salaio eale. 2. Una funzione di poduzione ha endimenti di scala decescenti se un aumento di pai pecentuale di tutti i fattoi di poduzione povoca un aumento pecentuale della poduzione di misua infeioe. Pe esempio, se le quantità di capitale e di lavoo addoppiano, ma la poduzione aumenta meno del doppio, alloa la funzione di poduzione ha endimenti di scala decescenti ispetto a capitale e lavoo. Ciò potebbe essee dovuto alla pesenza nella funzione di poduzione di un fattoe fisso, pe esempio la tea, che diventa sempe più scaso man mano che l economia cesce. Una funzione di poduzione ha endimenti di scala cescenti se un aumento di pai pecentuale di tutti i fattoi di poduzione povoca un aumento pecentuale della poduzione di misua supeioe. Pe esempio, se le quantità di capitale e di lavoo addoppiano, ma la poduzione aumenta più del doppio, alloa la funzione di poduzione ha endimenti di scala cescenti ispetto a capitale e lavoo. Ciò può accadee se la specializzazione del lavoo aumenta al cescee della popolazione. Pe esempio, la fabbicazione di un automobile i-

3 chiede molto tempo se viene eseguita da un solo lavoatoe, peché questi deve acquisie divese abilità tecniche e deve costantemente cambiae stumenti e mansioni; se invece la stessa automobile viene fabbicata da divesi lavoatoi, ciascuno si può specializzae in una paticolae mansione e diventae quindi molto veloce nella sua esecuzione.. (a) La quota del capitale vaia sensibilmente da paese a paese: è pai a cica 0,25 nel Regno Unito e a 0, negli Stati Uniti. L evoluzione della quota di eddito spettante al lavoo nei divesi paesi è ipotata nell appendice al saggio «Has Globalization Eoded Labou s Shae? Some Coss-County Evidence», di Ann Haison (2002). È impotante notae l eteogeneità che caatteizza ciò che divesi autoi includono nella quota del lavoo. Tale difficoltà insoge a causa del fatto che a volte non è chiao a chi imputae i benefici di voci quali «eddito del popietaio». (b) Se 0, (come negli Stati Uniti), abbiamo Y AK 0, L 0,7 O, Y/ K 0, A(L O /K ) 0,7 e Y/ L 0,7 A(K/L O ) 0,, dove L O indica la dimensione oiginaia della foza lavoo. L ultimo temine coisponde al salaio eale, dato che questo deve essee uguale alla poduttività maginale del lavoo. Dopo l aumento della foza lavoo avemo: Y AK 0, (,L O ) 0,7 (,) 0,7 Y,069Y. Dunque, il podotto aumenta del 6,9% in conseguenza del maggioe appoto di lavoo. Anche la endita eale del capitale aumenta del 6,9%, mente il salaio eale diminuisce a (/,) 0, del suo valoe iniziale (una diminuzione del 2,9%). (c) Il podotto e il salaio eale aumentano di [(,) 0, ] 2,9%, mente la endita eale del capitale diminuisce di [(/,) 0,7 ] 6,45% a seguito dell appoto di nuovo capitale. (d) Podotto aggegato, endita eale del capitale e salaio eale aumentano del 0%. 4. Se la quota del lavoo è costante, abbiamo PML (L/Y ) C, con C costante. Ma le impese concoenziali coispondono salai pai al valoe maginale della poduzione, cioè W P PML. Di conseguenza, (W/P) L/Y C, ovveo (W/P)/(Y/L) C. In alte paole, se la quota del lavoo è costante, una vaiazione del salaio eale (W/P) deve essee accompagnata da una coispondente vaiazione della poduttività del lavoo (Y/L). 5. (a) Secondo la teoia neoclassica, se il pogesso tecnologico fa aumentae la poduttività maginale degli agicoltoi, il loo salaio eale aumenta. (b) Il salaio eale in (a) è misuato in temini di podotti agicoli. In alte paole, se il salaio nominale è espesso in euo, il salaio eale è W/PF, dove PF è il pezzo in euo dei podotti agicoli. (c) Se la poduttività maginale dei babiei imane invaiata, anche il loo salaio eale imane costante. (d) Il salaio eale in (c) è misuato in temini di tagli di capelli. In alte paole, se il salaio nominale è espesso in euo, il salaio eale è W/PH, dove PH è il pezzo in euo dei tagli di capelli. (e) Se possono scegliee libeamente ta la pofessione dell agicoltoe e del babiee, i lavoatoi devono icevee lo stesso salaio W in ciascun settoe. (f) Se il salaio nominale W è lo stesso pe entambi i guppi, ma il salaio eale in temini di tagli di capelli è infeioe al salaio eale in temini di podotti agicoli, alloa vuol die che il pezzo dei tagli di capelli deve essee aumentato ispetto al pezzo dei podotti a- gicoli. (g) Entambi i guppi taggono beneficio dai pogessi tecnologici in agicoltua. 6. (a) Il podotto maginale del lavoo (PML) si calcola diffeenziando la funzione di poduzione ispetto al lavoo: dy PML dl K / H / L 2/ Questa equazione è cescente ispetto al capitale umano, peché all aumentae di quest ultimo il lavoo diventa più poduttivo. (b) Il podotto maginale del capitale umano (PMH ) si calcola diffeenziando la funzione di poduzione ispetto al capitale umano: 2

4 dy PMH dh K / L / H 2/ Questa equazione è decescente ispetto al capitale umano, peché vi sono endimenti decescenti. (c) La quota di eddito spettante al lavoo è la popozione di podotto destinata al lavoo. La quantità complessiva di podotto destinata al lavoo è pai al salaio eale (che, in concoenza pefetta, è pai al podotto maginale del lavoo) moltiplicato pe la quantità di lavoo. Pe calcolae la quota di podotto che va a emuneae il lavoo, tale quantità viene divisa pe il podotto totale: / / 2/ ( ) Quota del lavoo K H L L / / K H L Usando la medesima logica, possiamo calcolae la quota del capitale umano: Quota del capitale umano ( K / L / H 2/ ) H K / H / L / pe cui alla emuneazione del lavoo è destinato un tezo del podotto e alla emuneazione del capitale umano un ulteioe tezo. Dato che (si spea!) i lavoatoi possiedono il popio capitale umano, può sembae che al lavoo siano destinati i due tezi del podotto. (d) Il appoto ta il salaio del lavoatoe qualificato e il salaio del lavoatoe non qualificato è: W Q W NQ MPL MPH MPL K / L 2/ H / K / L / H 2/ K / L 2/ H / L H Notiamo che tale appoto è sempe maggioe di, peché i lavoatoi qualificati vengono pagati di più di quelli non qualificati. Inolte, se H aumenta, il appoto diminuisce: poiché il capitale umano ha endimenti decescenti, all aumentae di H il endimento del capitale umano diminuisce, mente il podotto maginale del lavoatoe non qualificato aumenta. (e) Se un aumento del numeo di bose di studio univesitaie fa aumentae H, il isultato è una società più egualitaia. Un povvedimento del genee fa diminuie il endimento dell istuzione, facendo diminuie anche il diffeenziale salaiale ta i lavoatoi più qualificati e meno qualificati. Ma, fatto anco più ilevante, un simile povvedimento fa aumentae in temini assoluti il salaio del lavoatoi meno qualificati, peché il podotto maginale del lavoo non qualificato aumenta all aumentae del numeo di lavoatoi qualificati (estando fissa la foza lavoo). 7. L effetto di un aumento delle imposte di 00 miliadi di euo su (a) ispamio pubblico, (b) ispamio pivato e (c) ispamio nazionale può essee analizzato utilizzando le seguenti elazioni: Rispamio nazionale [Rispamio pivato] [Rispamio pubblico] [Y T C(Y T )] [T G] Y C(Y T ) G (a) Rispamio pubblico. L aumento delle imposte compota un pai aumento del ispamio

5 pubblico. T aumenta di 00 miliadi di euo e quindi anche il ispamio pubblico aumenta di 00 miliadi di euo. (b) Rispamio pivato. L aumento delle imposte fa diminuie il eddito disponibile, Y T, di 00 miliadi di euo. Poiché la popensione maginale al consumo, PMC, è pai a 0,6, il consumo diminuisce di 60 miliadi di euo (0,6 00 miliadi di euo). Ne consegue che: Rispamio pivato 00 miliadi 0,6 ( 00 miliadi) 40 miliadi Dunque, il ispamio pivato diminuisce di 40 miliadi di euo. (c) Rispamio nazionale. Poiché il ispamio nazionale è la somma del ispamio pubblico e del ispamio pivato, possiamo concludee che l aumento delle imposte di 00 miliadi di euo fa aumentae il ispamio nazionale di 60 miliadi di euo. A questa conclusione si può giungee anche utilizzando la teza equazione del ispamio nazionale ipotata sopa, secondo la quale il ispamio nazionale è uguale a Y C(Y T ) G. L aumento delle imposte di 00 miliadi di euo povoca una diminuzione del eddito disponibile e un calo del consumo pai a 60 miliadi di euo. Poiché né G né Y vaiano, il ispamio nazionale aumenta dunque di 60 miliadi di euo. (d) Investimento. Pe deteminae l effetto dell aumento delle imposte sull investimento, ichiamiamo l identità contabile del eddito nazionale: Da cui: Y C(Y T ) I() G Y C(Y T ) G I() Il membo sinisto di questa equazione è il ispamio nazionale, quindi l equazione ci dice semplicemente che il ispamio nazionale è utuale all investimento. Poiché il ispamio nazionale è cesciuto di 60 miliadi di euo, anche l investimento deve cescee di 60 miliadi di euo. Come avviene questo aumento dell investimento? Sappiamo che l investimento dipende dal tasso di inteesse eale: affinché l investimento aumenti, è necessaio che il tasso di inteesse eale diminuisca. La figua. mosta la elazione ta investimento e tasso di inteesse eale. S S 2 Figua. Tasso di inteesse eale 2 I () Investimento, Rispamio I, S L aumento delle imposte compota un aumento del ispamio nazionale, che a sua volta povoca uno spostamento veso desta della cuva di offeta di fondi mutuabili: il tasso di inteesse eale di equilibio diminuisce e l investimento aumenta. 8. Se i consumatoi aumentano le quantità consumate oggi, il ispamio pivato, e quindi anche il ispamio nazionale, diminuisce. Possiamo giungee a questa conclusione sulla scota della definizione di ispamio nazionale: 4

6 Rispamio nazionale [Rispamio pivato] [Rispamio pubblico] [Y T C(Y T )] [T G] Un aumento del consumo fa diminuie il ispamio pivato, pe cui il ispamio nazionale diminuisce a sua volta. La figua.2 mosta il ispamio e l investimento come funzione del tasso di inteesse eale: se il ispamio nazionale diminuisce, la cuva di offeta di fondi mutuabili si sposta veso sinista, facendo aumentae il tasso di inteesse eale e contae l investimento. S 2 S Figua.2 Tasso di inteesse eale 2 I () Investimento, Rispamio I, S 9. (a) Il ispamio pivato è la pate di eddito disponibile, Y T, che non viene consumato: S pivato Y T C (250 0,75( )) 750 Il ispamio pubblico è la pate di imposte che eccede la spesa pubblica: S pubblico T G Il ispamio totale è la somma del ispamio pivato e di quello pubblico: S S pivato S pubblico (b) Il tasso di inteesse di equilibio è il valoe di che pota in equilibio il mecato dei fondi mutuabili. Sappiamo già che il ispamio nazionale è 750, pe cui dobbiamo semplicemente uguaglialo all investimento: S I Risolvendo questa equazione ispetto a otteniamo: 5% (c) Se il goveno aumenta la spesa pubblica, il ispamio pivato imane invaiato (in S pivato infatti G non appae), mente il ispamio pubblico diminuisce. Inseendo il nuovo valoe di G nell equazione di cui sopa, otteniamo: S pivato 750 S pubblico T G

7 Quindi: S S pivato S pubblico 750 ( 250) 500 (d) Ancoa una volta, il tasso di inteesse di equilibio è il valoe di che pota in equilibio il mecato dei fondi mutuabili: S I Risolvendo questa equazione ispetto a, toviamo: 0% 0. Pe deteminae l effetto sull investimento di un aumento della spesa pubblica e delle imposte di identico ammontae, consideiamo l identità contabile del eddito nazionale elativa al ispamio aggegato: Rispamio nazionale [Rispamio pivato] [Rispamio pubblico] [Y T C(Y T)] [T G] Sappiamo che Y è deteminato dai fattoi di poduzione. Sappiamo inolte che la vaiazione del consumo è uguale alla popensione maginale al consumo, PMC, moltiplicata pe la vaiazione del eddito disponibile. Peciò: Rispamio nazionale [ T (PMC ( T))] [ T G] [ T (PMC T)] 0 (PMC ) T Questa espessione ci dice che l effetto sul ispamio di un uguale aumento di T e G dipende dal valoe della popensione maginale al consumo. Quanto più PMC si avvicina a, tanto minoe è la diminuzione del ispamio. Pe esempio, se PMC, la diminuzione del consumo è esattamente uguale all aumento della spesa pubblica, pe cui il ispamio nazionale [Y C(Y T ) G] imane invaiato. Quanto più PMC si avvicina a 0 (e quindi quanto maggioe è la quota ispamiata di ogni vaiazione unitaia del eddito disponibile), tanto maggioe è l effetto sul eddito. Poiché ipotizziamo che PMC <, ci aspettiamo che il ispamio nazionale diminuisca a seguito di un uguale aumento delle imposte e della spesa pubblica. La diminuzione di ispamio povoca uno spostamento veso sinista dell offeta di fondi mutuabili (figua.). Di conseguenza, il tasso di inteesse eale aumenta e l investimento diminuisce. S 2 S Figua. Tasso di inteesse eale 2 I () Investimento, Rispamio I, S. (a) La cuva di domanda di investimenti aziendali si sposta veso desta, peché il sussidio aumenta le oppotunità di investimento edditizio pe ogni dato livello del tasso di inte- 6

8 esse. La cuva di domanda di investimenti immobiliai imane invece invaiata. (b) La domanda totale di investimento nell economia si sposta veso desta, poiché è pai alla somma degli investimenti aziendali, la cui domanda si sposta veso desta, e degli investimenti immobiliai, la cui domanda imane invaiata. Il isultato, come mosta la figua.4, è un aumento del tasso di inteesse eale. Figua.4 S Tasso di inteesse eale 2. povoca un aumento del tasso di inteesse B A. Un aumento della domanda di investimento I 2 I I, S Investimento, Rispamio (c) Il livello complessivo dell investimento non vaia, peché è vincolato dall offeta di ispamio che è anelastica. Il cedito di imposta pe gli investimenti povoca un aumento degli investimenti poduttivi, che viene esattamente contobilanciato da un aumento degli investimenti immobiliai. In alte paole, l aumento del tasso di inteesse causa una diminuzione degli investimenti immobiliai (un movimento lungo la cuva), mente lo spostamento veso desta della cuva degli investimenti poduttivi si taduce in un aumento di questi ultimi di pai ammontae. La figua.5 illusta questi cambiamenti. Notiamo che I B I R I 2 B I 2 R S. Figua I B I 2 B Investimenti aziendali I R I 2 R Investimenti immobiliai 2. In questo capitolo abbiamo concluso che un aumento della spesa pubblica iduce il ispamio nazionale e fa aumentae il tasso di inteesse; di conseguenza, l investimento diminuisce di un ammontae pai all inteo aumento della spesa pubblica. Allo stesso modo, un taglio delle imposte fa aumentae il eddito disponibile e quindi il consumo; l aumento del consumo, a sua volta, sfocia in una diminuzione del ispamio nazionale, con un effetto di spiazzamento sull investimento. Se il consumo dipende dal tasso di inteesse, le conclusioni elative agli effetti della politica fiscale si modificano leggemente. Se il consumo dipende dal tasso di inteesse, dipendeà da esso anche il ispamio. Quanto maggioe è il tasso di inteesse, tanto maggioe è la emuneazione del ispamio. Petanto è agionevole ipotizzae che un aumento del tasso di 7

9 inteesse faccia aumentae il ispamio e quindi diminuie il consumo. La figua.6 mosta il ispamio come funzione cescente del tasso di inteesse. S() Figua.6 Tasso di inteesse eale Rispamio S Consideiamo il caso in cui il goveno aumenta la spesa pubblica. Pe ogni dato livello del tasso di inteesse, il ispamio nazionale diminuisce in misua pai all aumento della spesa pubblica, come mosta la figua.7. Se la funzione del ispamio è cescente, l investimento diminuisce in misua minoe dell aumento della spesa pubblica: infatti, a seguito dell aumento del tasso di inteesse, il consumo diminuisce e il ispamio aumenta. Pe questo motivo, quanto più la funzione di consumo è sensibile al tasso di inteesse, tanto meno la spesa pubblica spiazza l investimento. S 2 () S () Figua.7 Tasso di inteesse eale G I() I I Investimento, Rispamio I, S. (a) Questo è un poblema di identificazione. Tacciate un diagamma della domanda e dell offeta di investimento nel quale in ascissa siano ipotati I (e S) e in odinata. La cuva di offeta di investimento ha pendenza positiva e la cuva di domanda ha pendenza negativa. Tenendo inalteata la cuva di domanda di investimento, ipotizzate che nel tempo la cuva di offeta si sposti veso sinista e veso desta ispetto alla sua posizione oiginaia. Tali vaiazioni dell offeta di ispamio (che è uguale all investimento) sono povocate da qualsiasi evento possa fa vaiae il consumo ispetto al eddito: pe esempio, potebbeo essee dovute a un aumento degli accantonamenti in fondi pensione, a causa dell invecchiamento pogessivo della popolazione. Un aumento dell offeta di ispamio iduce il tasso di inteesse. Tali vaiazioni dell offeta di ispamio geneano una elazione invesa ta l investimento aggegato e il tasso di inteesse. (b) Ipotizziamo oa che sia la cuva di offeta a estae fissa, e che si sposti la cuva di domanda, veso sinista e veso desta ispetto alla sua posizione oiginaia. Un impovviso aumento della domanda di investimento potebbe essee povocato da un aumento della spesa pubblica destinata alla costuzione di infastuttue, o dall ottimismo degli 8

10 investitoi dovuto alle aspettative di un boom economico. Un aumento della domanda di investimento spinge il tasso di inteesse veso l alto lungo la cuva di offeta, geneando una elazione dietta ta investimento e tasso di inteesse. (c) Se oscillano sia la domanda sia l offeta di investimento, un diagamma a dispesione potebbe non esibie una chiaa tendenza. Se le vaiazioni dell offeta di ispamio fosseo coelate diettamente con la domanda di investimento, potemmo individuae una cuva oizzontale, che lasceebbe ipotizzae l assenza di una elazione ta investimento e tasso di inteesse. (d) Lo scenaio più ealistico è quello nel quale sia la domanda sia l offeta di investimento vaiano nel tempo; ecco peché l assenza di una evidente coelazione nei dati elativi a investimento e tasso di inteesse non deve essee pesa a dimostazione dell indipendenza ta le due vaiabili. 9

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM CAPITOLO 10 La domanda aggegata I: il modello IS-LM Domande di ipasso 1. La coce keynesiana ci dice che la politica fiscale ha un effetto moltiplicato sul eddito. Infatti, secondo la funzione di consumo,

Dettagli

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM CPITOLO 11 La domanda aggegata II: applicae il modello - Domande di ipasso 1. La cuva di domanda aggegata appesenta la elazione invesa ta il livello dei pezzi e il livello del eddito nazionale. Nel capitolo

Dettagli

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica Investimento L investimento è l aumento della dotazione di capitale fisico dell impesa. Viene effettuato pe aumentae la capacità poduttiva. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (5) L investimento In queste

Dettagli

La spesa per assistenza

La spesa per assistenza Obiettivo della lezione La spesa pe assistenza Studiae le motivazioni teoiche che cecano di spiegae gli inteventi di edistibuzione vei e popi (ad es. contasto della povetà) mediante stumenti monetai nell

Dettagli

Energia potenziale e dinamica del punto materiale

Energia potenziale e dinamica del punto materiale Enegia potenziale e dinamica del punto mateiale Definizione geneale di enegia potenziale (facoltativo) In modo geneale, la definizione di enegia potenziale può esee pesentata come segue. Sia un punto di

Dettagli

Valore finanziario del tempo

Valore finanziario del tempo Finanza Aziendale Analisi e valutazioni pe le decisioni aziendali Valoe finanziaio del tempo Capitolo 3 Indice degli agomenti. Concetto di valoe finanziaio del tempo 2. Attualizzazione di flussi futui

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica IL CALCOLO FINANZIARIARIO You do not eally undestand something unless you can explain it to you gandmothe (A.Einstein) Calcolo finanziaio Intoduzione Economia dell impesa foestale: Bilancio Pianificazione

Dettagli

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso eanko & aeutigam icoeconomia anuale delle oluzioni Capitolo 16 La teoia dell equilibio geneale Soluzioni delle Domande di ipao 1. L analii di equilibio paziale tudia la deteminazione del pezzo e della

Dettagli

5. CAMBIO. 5.1. descrizione

5. CAMBIO. 5.1. descrizione ambio powe - shift 5. AMBIO 5.. descizione Tattasi di cambio meccanico a te velocità avanti e te velocità indieto, ealizzate mediante cinque iduttoi epicicloidali vaiamente collegati ta loo. Tutte le cinque

Dettagli

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione Appofondimento 7.5 - Alti tipi di coefficienti di coelazione Il coefficiente di coelazione tetacoico e policoico Nel 900 Peason si pose anche il poblema di come misuae la coelazione fa caatteistiche non

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di lettotecnica Coso di lettotecnica - Cod. 900 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed utomatica Polo Tecnologico di lessandia cua di Luca FRRRIS Scheda N Sistemi tifase:

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO 1 La siepe Sul eto di una villetta deve essee ealizzato un piccolo giadino ettangolae di m, ipaato da una siepe posta lungo il bodo Dato che un lato del giadino è occupato

Dettagli

Il Modello IS-LM: Politiche Fiscali e Monetarie

Il Modello IS-LM: Politiche Fiscali e Monetarie Il Modello IS-LM: Politiche Fiscali e Monetaie In questa lezione: Facciamo Espeimenti di Politica Economica con la IS e la LM Consideiamo l impatto sull equilibio economico di Politiche Fiscali Consideiamo

Dettagli

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua)

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua) Fancesca Sanna-Randaccio Lezione 8 SELTA INTERTEMPORALE (continua Valoe attuale nel caso di più peiodi Valoe di un titolo di cedito Obbligazioni Obbligazioni emesse dalla Stato. Relazione ta deficit e

Dettagli

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale Disequazioni 1 11 Intevalli sulla etta eale Definizione 11 Dati due numei eali a e b, con a < b, si chiamano intevalli, i seguenti sottoinsiemi di R: a, b) = {x R/a < x < b} intevallo limitato apeto, a

Dettagli

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario.

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario. LICEO SCIENTIFICO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (AMERICHE) SESSIONE ORDINARIA Il candidato isolva uno dei due poblemi e degli 8 quesiti scelti nel questionaio. N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR La clessida ad acqua Ipotizziamo che la clessida ad acqua mostata in figua sia fomata da due coni pefetti sovapposti La clessida impiega,5 minuti pe svuotasi e supponiamo

Dettagli

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO 0 Dispositivo speimentale Consideiamo pe semplicità un campo magnetico unifome, le linee di foza sono paallele ed equidistanti. Si osseva una foza di oigine

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Gli effetti dell internazionalizzazione produttiva sulla domanda di lavoratori delle imprese logistiche nelle regioni italiane

Gli effetti dell internazionalizzazione produttiva sulla domanda di lavoratori delle imprese logistiche nelle regioni italiane Gli effetti dell intenazionalizzazione poduttiva sulla domanda di lavoatoi delle impese istiche nelle egioni italiane Elena Maggi*, Stefano Elia^, Ilaia Maiotti * Univesità del Molise, Facoltà di Economia,

Dettagli

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora 8. Teoemi di uclide e di Pitagoa 8.1 igue equiscomponibili ue poligoni sono equiscomponibili se è possibile suddivideli nello stesso numeo di poligoni a due a due conguenti. Il ettangolo e il tiangolo

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo 4 Polaizzazione elettica nel dominio del tempo Intoduzione Atomi, molecole e ioni sono talmente piccoli che da un punto di vista macoscopico una piccola egione di un solido contiene un numeo molto elevato

Dettagli

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Foza centipeta e foze appaenti Foza gavitazionale 03/11/011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Sistema di ifeimento ineziale: un sistema in cui è valida la pima legge di Newton (I legge della

Dettagli

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s STATICA EX Una cassa di massa m=5kg è fema su una supeficie oizzontale scaba. Il coefficiente di attito statico è µ s = 3. Supponendo che sulla cassa agisca una foza F fomante un angolo di 30 ispetto al

Dettagli

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata Potenziale elettico pe una caica puntifome isolata Consideiamo una caica puntifome positiva. Il campo elettico geneato da uesta caica è: Diffeenza di potenziale elettico ta il punto ed il punto B: B ds

Dettagli

Classificazione delle linee di trasmissione

Classificazione delle linee di trasmissione Classificazione delle linee di tasmissione Linee TEM (Tansvese Electic Magnetic) Coassiale Bifilae (doppino) Stipline Linee quasi_tem Micostip Linee a due conduttoi con mezzo non unifome Linee non-tem

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820.

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. La magnetostatica Le nozioni appese acquisite nel coso dei secoli sui fenomeni magnetici fuono schematizzate elativamente tadi ispetto alle pime ossevazioni,

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE PTNZIL LTTRIC D NRGI PTNZIL Ba. Una caica elettica q mc si tova nell oigine di un asse mente una caica negativa q 4 mc si tova nel punto di ascissa m. Sia Q il punto dell asse dove il campo elettico si

Dettagli

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica Politecnico di Milano Dipatimento di Fisica G. Valentini Meccanica I INDICE LA FISICA ED IL METODO SPERIMENTALE. INTRODUZIONE. IL METODO SPERIMENTALE GRANDEZZE FISICHE ED INDICI DI STATO 4. DEFINIZIONE

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it Soenoide GRANDEZZE MAGNETICHE Pof. Chiizzi Maco www.eettone.atevista.og maco.chiizzi@ibeo.it PREMESSA La pesente dispensa ha come obiettivo queo di gaantie agi aievi de coso di Fisica de biennio, ad indiizzo

Dettagli

IL CONTROLLO STATISTICO DEI PROCESSI

IL CONTROLLO STATISTICO DEI PROCESSI IL CONTOLLO STATISTICO DEI POCESSI Il controllo statistico dei processi 1 CONTOLLO STATISTICO DEL POCESSO VAIABILITA DEI POCESSI FATTOI INTENI MATEIALI MACCHINE STUMENTI DI TEST POCESSO OPEATOE TEMPO CONTOLLI

Dettagli

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto Appofondimento 5.7 Alti metodi statistici pe valutae la validità di costutto Le pocedue pe la valutazione della validità di costutto di un test sono vaie, ma hanno tutte in comune come punto di patenza

Dettagli

11-09-2014. ü Fondi per rischi e oneri. ü Esempio. ü Trattamento di Fine Rapporto. ü Destinazione del TFR differenti modalità (scelta del dipendente)

11-09-2014. ü Fondi per rischi e oneri. ü Esempio. ü Trattamento di Fine Rapporto. ü Destinazione del TFR differenti modalità (scelta del dipendente) 1 ü Fondi pe ischi e onei ü Esempio ü Tattamento di Fine Rappoto ü Destinazione del TFR diffeenti modalità (scelta del dipendente) ü Rappesentazione in bilancio ü Liquidazione del TFR 2 1 STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Polo Universitario della Spezia G. Marconi

Polo Universitario della Spezia G. Marconi Nicolò Beveini Appunti di Fisica pe il Coso di lauea in Infomatica Applicata Polo Univesitaio della Spezia G. Maconi Nicolò Beveini Appunti di fisica Indice 1. La misua delle gandezze fisiche... 4 1.1

Dettagli

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI www.matefilia.it Assegnata la funzione y = f(x) = e x 8 SIMULAZIONE - APRILE 5 - QUESITI ) veificae che è invetibile; ) stabilie se la funzione invesa f è deivabile in ogni punto del suo dominio di definizione,

Dettagli

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo Lezione 6. Livello e finanziamento del caitale oduttivo Il fabbisogno di fondi delle imese coisonde all eccesso della sesa e investimenti isetto all autofinanziamento, integato dall accumulo di nuove attività

Dettagli

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso L enegia e la quantità di moto -. L impulso Il momento angolae e il momento d inezia Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Teoia delle onde EM e popagazione (B. Peite) mecoledì 8 febbaio 1 Coso di Compatibilità Elettomagnetica 1 Indice degli agomenti Fenomeni ondulatoi La matematica dell onda La legge

Dettagli

Città di Casarano Provincia di Lecce

Città di Casarano Provincia di Lecce Città di Casaano Povincia di Lecce Ufficio del Piano di Zona n. 4 Casaano Collepasso Matino Paabita Ruffano Supesano Tauisano Tel. 0833 502428 Fax 0833 514243 e-mail ufficiodipiano@confinesociale.it Ufficio

Dettagli

LaborCare. Care. protection plan

LaborCare. Care. protection plan Cae potection plan ocae Il Potection Plan è stato studiato pe gaantie la massima efficienza di oview e pe questo i clienti che non vogliono avee poblemi nel futuo, si affidano al nosto pogamma di potezione

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica B() (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica () (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi FI.CO. 2 ( Fisica Compensibile pe geologi) Pogamma di Fisica 2 - (v 5.0-2002)...sempe più fico! A.J. 2000 Adiano Nadi La fisica dovebbe essee una scienza esatta. Questo papio non può gaantie la totale

Dettagli

Un modello di ricerca operativa per le scommesse sportive

Un modello di ricerca operativa per le scommesse sportive Un modello di iceca opeativa pe le commee potive Di Citiano Amellini citianoamellini@aliceit Supponiamo di dove giocae una ceta omma di denao (eempio euo ulla patita MILAN- JUVE Le quote SNAI ono quelle

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO

ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO Univesità degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Natuali Coso di lauea in Fisica ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO (Codici

Dettagli

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali Il citeio media vaianza Il citeio media vaianza è un alto esemio di odinamento aziale ta lotteie definito da a M b se la lotteia b domina la lotteia a se ha media sueioe e vaianza infeioe a b eσ a σ b

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA IN PROVINCIA DI BELLUNO

LA SITUAZIONE ENERGETICA IN PROVINCIA DI BELLUNO LA SITUAZIONE ENERGETICA IN PROVINCIA DI BELLUNO ARPAV Dipatimento Povinciale di Belluno Pogetto e ealizzazione Sevizio Sistemi Ambientali Rodolfo Bassan Mico Pollet pag. 2 Intoduzione L Unione Euopea

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte Gestione ell Inventaio. Politiche i gestione elle scote.. Moelli singolo punto, singolo pootto, omana eteministica costante Gli appovvigionamenti sono peioici e l obiettivo è minimizzae il costo meio nel

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE http://imagelab.ing.unimo.it Dispense del coso di Elaboazione di Immagini e Audio Digitali GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE Pof. Robeto Vezzani Calibazione della telecamea: a cosa seve? Obiettivo: pote calcolae

Dettagli

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA . L'IMPULS 0 DI MT IL MMENT NGLRE E IL MMENT D INERZI Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in otazione può continuae a giae

Dettagli

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica Lezione 18 Campo magnetico I Stoicamente, i geci sapevano che avvicinando un pezzo di magnetite a della limatua di feo questa lo attaeva. La magnetite ea il pimo esempio noto di magnete pemanente. Come

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria Univesità degli Studi della Tuscia di Vitebo Dipatimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agaia Univesità degli Studi della Tuscia Dottoato di Riceca in Scienze Ambientali XIX Ciclo

Dettagli

Compendio sui Sensori

Compendio sui Sensori Compendio sui Sensoi Gli Inteuttoi di Posizione pemettono il ilevamento mediante il contatto fisico dietto (fine cosa); l oggetto dunque, poggia fisicamente sopa l inteuttoe chiudendo e/o apendo un contatto;

Dettagli

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Dottoato di Riceca in Tecnologie dell Infomazione XXIV Ciclo Andea Rossi REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO

Dettagli

Ece srl. Accreditata alla formazione presso la Regione Marche con D.G.R. n 341/FOP. Novembre 2013. Società di Ingegneria

Ece srl. Accreditata alla formazione presso la Regione Marche con D.G.R. n 341/FOP. Novembre 2013. Società di Ingegneria Novembe 2013 Ece sl Società di Ingegneia SICUREZZA QUALITA AMBIENTE PROGETTAZIONI MISURAZIONI AGENTI FISICI CONSULENZA TECNICO-LEGALE Acceditata alla fomazione pesso la Regione Mache con D.G.R. n 341/FOP

Dettagli

Oggetto: TEMA D ESAME DÌ STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DÌ GEOMETRA SESSIONE 2008

Oggetto: TEMA D ESAME DÌ STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DÌ GEOMETRA SESSIONE 2008 Toino, novembe 2008 Gentile ofessionista Oggetto: TEMA D ESAME DÌ STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DÌ GEOMETRA SESSIONE 2008 E con molto iacee che aendiamo il testo del Tema

Dettagli

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte FISICA-TECNICA Tasmissione del caloe II pate Katia Gallucci Geometie cilindiche Vediamo oa quando abbiamo paeti cilindiche: e i L Q ka Q e Q i kπl( Te Ti ) Q e i d dt d kπl kπldt e d Q kπl i kπl( T e Te

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA 6 INDUZIONE ELETTOMAGNETIA Patendo dall ipotesi di simmetia dei fenomeni natuali pe cui se una coente esecita un influenza su di una calamita così una calamita deve pote modificae lo stato di una coente

Dettagli

Proporzionamento del pistone oleodinamico

Proporzionamento del pistone oleodinamico 0 Schede di Imianti Navali Poozionamento del istone oleodinamico ve 1. cua di Tommaso Coola e anco Quaanta 1 Poozionamento del istone oleodinamico vesione: 1. file oiginale: Poozionamento del istone oleodinamico

Dettagli

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare 5.1 Deteminazione delle distanze dei copi del istema olae 5.1.1 Distanza ea-pianeti aallassi equatoiali Questo è il metodo più peciso ma anche quello più delicato da eseguie. Esso si basa sul fatto che

Dettagli

Pensaci bene prima di proseguire Sei sicuro di avere fatto tutti gli sforzi necessari per risolvere i problemi.

Pensaci bene prima di proseguire Sei sicuro di avere fatto tutti gli sforzi necessari per risolvere i problemi. 96 Allcunii iisullttattii degllii eseciizii poposttii Pensaci bene pima di poseguie Sei sicuo di avee fatto tutti gli sfozi necessai pe isolvee i poblemi. 97 Pima di ispondee alle domande dei divesi esecizi,

Dettagli

Caratterizzazione Idrodinamica di Spray Simili mediante Anemometria Phase Doppler (PDA).

Caratterizzazione Idrodinamica di Spray Simili mediante Anemometria Phase Doppler (PDA). Caatteizzazione Idodinamica di Spay Simili mediante Anemometia Phase Dopple (PDA). Angelo ALGIERI Uniesità della Calabia ABSTRACT Le caatteistiche idodinamiche di diffeenti wate spays sono state alutate

Dettagli

ALMA Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna. Campi magnetici in astrofisica

ALMA Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna. Campi magnetici in astrofisica ALMA Mate Studioum Univesità degli Studi di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Coso di Lauea in Astonomia Dipatimento di Fisica e Astonomia Campi magnetici in astofisica Elaboato Finale Candidato: Filippo Scocca

Dettagli

Le nuove geometrie per utensili di fresatura. Fresatura invece di politura e rettifi ca. Programma ampliato con: con raggio agli spigoli

Le nuove geometrie per utensili di fresatura. Fresatura invece di politura e rettifi ca. Programma ampliato con: con raggio agli spigoli Tecnica di fesatua Aspotazione di tucioli elevata su acciaio Aspotazione di tucioli con sicuezza di pocesso nella sgossatua Pe lavoazioni convenzionali su diffeenti mateiali Sgossatua e fi nitua in una

Dettagli

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI CORRENT ELETTRCHE E CAMP MAGNETC STAZONAR Foze magnetiche su una coente elettica; Coppia magnetica su una coente in un cicuito chiuso; Azioni meccaniche su dipoli magnetici; Applicazione (Galvanometo);

Dettagli

THERMAL DESIGN COURSE

THERMAL DESIGN COURSE Resp. del contenuto - Subject esponsible Resp. del documento/appovato - Doc.espons./Appoved Contollato - Checked 1(22) THERMAL DESIGN COURSE Table of contents 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Genealità... 3 1.2

Dettagli

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO 4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO Analogamente al caso dei fenomeni elettici anche i fenomeni magnetici eano noti sin dagli antichi geci i quali denominaono il mineale poveniente dalla egione di in Macedonia

Dettagli

III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA

III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA III.1. Obite kepleiane III.1.1. Equazioni del moto La Tabella III.1.1 elenca e definisce i paameti fondamentali dell'obita ellittica schematizzata in Figua III.1.1.

Dettagli

2. Sistema ad un grado di libertà (1 GDL)

2. Sistema ad un grado di libertà (1 GDL) INDICE. Sistema ad un gado di libetà ( GD).... Risposta in egime sinusoidale...7. asmissibilità.... SISEMI A MOI GRADI DI IERA.... Analisi Modale...4.. oncamento modale... 4. MARICI DI RIGIDEZZA... 5.

Dettagli

Vincoli nanziarie investimento

Vincoli nanziarie investimento Vincoli nanziaie investimento E.SaltaieG.Tavaglini Istituto di Scienze Economiche UnivesitµadiUbino E-mail: saltai@econ.uniub.it tavaglini@econ.uniub.it Sommaio In questo lavoo si mosta che i vincoli ceditizi

Dettagli

Capitolo I La radiazione solare

Capitolo I La radiazione solare W. Gassi Temoenegetica e Rispamio Enegetico in Edilizia Cap. La adiazione solae - Capitolo La adiazione solae - Genealità Lo spetto di emissione solae (exta atmosfeico) è itenuto equivalente a quello di

Dettagli

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI V SEPARAZIONE DEE VARIABII 1 Tasfomazioni Otogonali Sia u = u 1, u 2, u 3 una tasfomazione delle vaiabili in R 3, dove x = x 1, x 2, x 3 sono le coodinate catesiane, u j = u j x 1, x 2, x 3 j = 1, 2, 3

Dettagli

INFORMAZIONE TECNICA SISTEMI DI SCARICO DOMESTICO RAUPIANO PLUS E RAUPIANO LIGHT. Valido da Maggio 2013 Salvo modifiche tecniche www.rehau.

INFORMAZIONE TECNICA SISTEMI DI SCARICO DOMESTICO RAUPIANO PLUS E RAUPIANO LIGHT. Valido da Maggio 2013 Salvo modifiche tecniche www.rehau. INFORMAZIONE TECNICA SISTEMI DI SCARICO DOMESTICO RAUPIANO PLUS E RAUPIANO LIGHT Valido da Maggio 13 Salvo modifiche tecniche www.ehau.it Edilizia Automotive Industia La pesente Infomazione Tecnica REHAU

Dettagli

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione Quadeni di laboatoio 009 Una non paabola: la catenaia con qualche cenno al calcolo della sua equazione fanco ghione x y(x) = c ec + e " x c = c cosh( x c ) Una non paabola: la catenaia con qualche cenno

Dettagli

Un mosaico di Mosaici

Un mosaico di Mosaici Conos iamo ins ieme c Un mosaico di Mosaici di Luca e Robeto Il Mosaico nasce nel 1988, quindi quest anno compie vent anni: augui! Abbiamo voluto scopie i etoscena e la stoia di questo peiodico che da

Dettagli

P A. TELEGROUP Professional manufacturer

P A. TELEGROUP Professional manufacturer Genealità Una buona utilizzazione dell enegia elettica non si aggiunge solo col idue od evitae gli spechi (cuae l isolamento degli impianti, impiegae utilizzatoi adatti, etc), ma anche con un azionale

Dettagli

Antenne: generalità Nel caso di condizioni di campo lontano si possono individuare grandezze caratteristiche della radiazione.

Antenne: generalità Nel caso di condizioni di campo lontano si possono individuare grandezze caratteristiche della radiazione. ntenne: genealità Dispositivo utilizzato pe iadiae o icevee in maniea efficace le onde e.m. ntenne tasmittenti e iceventi sono fomalmente simili (ecipocità). Esistono antenne adatte ed ottimizzate pe ceti

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. AL COMUNE DI * Pietrastornina 0 6 4 0 7 3

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. AL COMUNE DI * Pietrastornina 0 6 4 0 7 3 MOD. COM 1 ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE AL COMUNE DI * Pietastonina 0 6 4 0 7 3 Ai sensi del d. lgs. 114/1998 (att. 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscitto di nascita

Dettagli

EFFICIENZA ED EQUILIBRIO COMPETITIVO NELL ORGANIZZAZIONE DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO INTERNAZIONALE. di Luca Rebeggiani* e Davide Tondani**

EFFICIENZA ED EQUILIBRIO COMPETITIVO NELL ORGANIZZAZIONE DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO INTERNAZIONALE. di Luca Rebeggiani* e Davide Tondani** RIVIST DI ISSN 185-6678 DIRITTO ED ECONOMI DELLO SPORT Vol. II, Fasc. 3, 006 EFFICIENZ ED EQUILIRIO COMPETITIVO NELL ORGNIZZZIONE DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO INTERNZIONLE di Luca Rebeggiani* e Davide

Dettagli

MIUR.AOODGPER.REGISTRO UFFICIALE(U).0028710.07-09-2015

MIUR.AOODGPER.REGISTRO UFFICIALE(U).0028710.07-09-2015 MIUR.AOODGPER.REGISTRO UFFICIALE(U).0028710.07-09-2015 gl/.)/o tf//. '2hN,-,~ /l, tf// j~l':t.)//) tf d~~ O l /y/)///)1/ /1/ /'I //)/.)/, //11"/,,-h ///;'1"- l"h' /.)///1',',/; //I', h'/t//11'/,';?;//~'

Dettagli

Teoria del consumo basata sulle aspettative

Teoria del consumo basata sulle aspettative Lezione 7 (Blanchad ca. 5) Aseaive, consumo e invesimeno Coso di Macoeconomia Pof. Guido Ascai, Univesià di Pavia Teoia del consumo basaa sulle aseaive Teoia del eddio emanene (Milon Fiedman) > gli ageni

Dettagli

Compito A Tempo a disposizione un'oa e tenta minuti. Libi chiusi. Consideae una elazione RèA; B; C; D; Eè. Indicae quali delle seguenti poiezioni hanno cetamente lo stesso numeo di ennuple di R: 1. ç ABCD

Dettagli

Cuscinetti Di Precisione

Cuscinetti Di Precisione Cuscinetti Di Pecisione Cuscinetti a ulli di pecisione Indice dei contenuti Descizione tecnica 1 Selezione 1-1 Pocedua di selezione... 2 1-2 Esame tipo di... 3 2 Duata 2-1 Coeffi ciente di caico dinamico

Dettagli

Approccio olistico o decostruttivo. (Rev.1 gennaio 2005)

Approccio olistico o decostruttivo. (Rev.1 gennaio 2005) Bologna 5 novembe 004 Validazione dei metodi e incetezza di misua nei laboatoi di pova addetti al contollo di alimenti e bevande Appoccio olistico o decostuttivo (Rev.1 gennaio 005) Gaziano Bonacchi ARPAT

Dettagli

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA La seconda pova scitta dell esame di stato 007 Indiizzo: OMTRI Tema di TOPORI Claudio Pigato Membo del Comitato Scientiico SIT Società Italiana di otogammetia e Topogaia Istituto Tecnico Statale pe eometi

Dettagli

VALORI PERIODICI O RENDITE

VALORI PERIODICI O RENDITE VALORI PERIODICI O RENDITE LE RENDITE SONO VALORI PERIODICI CHE SI RIPETONO AD INTERVALLI REGOLARI DI TEMPO POSSONO ESSERE: ATTIVE: I I PRODOTTI DI DI UNA AZIENDA IL IL CANONE DI DI AFFITTO GLI STIPENDI

Dettagli

Fibre ottiche per Telecomunicazioni: propagazione

Fibre ottiche per Telecomunicazioni: propagazione P. Di Vita, V. Lisi, M. Giaconi, G. Vespasiano - Fibe ottiche pe Telecomunicazioni: popagazione Fibe ottiche pe Telecomunicazioni: popagazione P. Di Vita, V. Lisi, M. Giaconi, G. Vespasiano (*) Questo

Dettagli

PERCORSO SUI PRINCIPALI CONCETTI ECONOMICI IL COMPORTAMENTO DELL IMPRESA

PERCORSO SUI PRINCIPALI CONCETTI ECONOMICI IL COMPORTAMENTO DELL IMPRESA Coso i Micoeconomia - Daniele Checchi PERCORSO SUI PRINCIPAI CONCETTI ECONOMICI I COMPORTAMENTO DE IMPRESA Cos è un imesa? Nella teoia neoclassica è una aggegaione temoanea i soggetti ientici (anche se

Dettagli

Campo magnetico: fatti sperimentali

Campo magnetico: fatti sperimentali Campo magnetico: fatti speimentali Le popietà qualitative dei magneti e la pesenza di un campo magnetico teeste eano conosciute da tempo, ma le pime misue quantitative e le teoie e gli espeimenti pe deteminane

Dettagli

La Commissione definisce i SETTORE DI ATTIVITÀ pertinenti agli indirizzo di studio. Gli Studenti esprimono PREFERENZE sul SETTORE di ATTIVITÀ

La Commissione definisce i SETTORE DI ATTIVITÀ pertinenti agli indirizzo di studio. Gli Studenti esprimono PREFERENZE sul SETTORE di ATTIVITÀ ZZZLWFJFDODPDQGUHLLW 9LD0LOD]]R 6HOH]LRQDUHOHD]LHQGHDVVHJQDUOHDOOHFODVVLLQGLYLGXDUHORVWDJLVWD 6FKHGD,7(5 La Commissione definisce i SETTORE DI ATTIVITÀ petinenti agli indiizzo di studio YHGLVFKHGD Gli

Dettagli

Manipolazione ottica in cristalli liquidi nematici: effetti non locali della riorientazione

Manipolazione ottica in cristalli liquidi nematici: effetti non locali della riorientazione Univesità Politecnica delle Mache Scuola di Dottoato di Riceca in Scienze dell Ingegneia Cuiculum in Ingegneia dei Mateiali, delle Acque e dei Teeni ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli