CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va"

Transcript

1 CAPITOLO Il eddito nazionale: da dove viene e dove va Domande di ipasso. I fattoi di poduzione e la tecnologia di poduzione deteminano il livello della poduzione aggegata di un sistema economico. I fattoi di poduzione sono gli input utilizzati pe podue beni e sevizi: i fattoi più impotanti sono capitale e lavoo. La tecnologia di poduzione detemina la quantità di podotto che può essee geneata pe ogni data quantità dei fattoi di poduzione. L aumento di uno dei fattoi o il pogesso della tecnologia di poduzione potano a un aumento della poduzione aggegata dell economia. 2. Nel deteminae la quantità di un fattoe da impiegae nella poduzione, un impesa pende in consideazione l effetto di tale decisione sul pofitto. Pe esempio, utilizzae una unità di lavoo in più fa aumentae il podotto e peciò i icavi; l impesa confonta il icavo addizionale con il costo addizionale che deiva da un più alto monte salai. Il icavo addizionale dell impesa dipende dal podotto maginale del lavoo (PML) e dal pezzo del bene podotto (P). Una unità addizionale di lavoo poduce PML unità addizionali di podotto, che l impesa vende a P euo ciascuna. Petanto il icavo addizionale pe l impesa è pai a P PML. Il costo addizionale che l impesa sostiene pe utilizzae una unità aggiuntiva di lavoo è pai a W. Di conseguenza, la decisione ha il seguente effetto sul pofitto: Pofitto Ricavo Costo (P PML) W Se il icavo addizionale, P PML, è maggioe del costo di assumee una unità addizionale di lavoo, W, il pofitto aumenta. L impesa assumeà unità di lavoo aggiuntive fino a quando non saà più edditizio falo, cioè fino a quando PML aggiunge il punto in cui la vaiazione del pofitto è nulla. In temini algebici, l impesa assume nuove unità di lavoo fino a quando Pofitto 0, cioè fino a quando (P PML) W. Tale condizione può essee iscitta come: PML W/P Petanto un impesa concoenziale che massimizza il pofitto assume lavoo fino al punto in cui il podotto maginale del lavoo è uguale al salaio eale. La medesima logica si applica alla decisione elativa alla quantità di capitale da utilizzae nel pocesso di poduzione: l impesa pende in locazione nuovo capitale fino al punto in cui il podotto maginale del capitale è uguale alla endita eale del capitale.. Una funzione di poduzione ha endimenti di scala costanti se un uguale incemento pecentuale di tutti i fattoi di poduzione povoca un aumento di pai pecentuale del podotto. Pe esempio, se un impesa aumenta l utilizzo di capitale e lavoo del 50% e l aumento conseguente del podotto è del 50%, la funzione di poduzione ha endimenti di scala costanti. Se la funzione di poduzione ha endimenti di scala costanti, il eddito totale (cioè il podotto totale) di un economia nella quale opeano impese concoenziali che massimizzano il pofitto viene inteamente suddiviso ta la emuneazione del lavoo, L PML, e la emuneazione del capitale, K PMK. Quindi, nell ipotesi di endimenti di scala costanti, il pofitto economico è pai a Questa è la funzione di poduzione Cobb-Douglas con /4: Y AK /4 L /4. È facile veificae che la emuneazione del capitale è pai a /4 del eddito: il podotto maginale del capitale è Y/ K /4 AK /4 L /4 ; la emuneazione totale del capitale è K PMK /4 AK /4 L /4 /4 Y. 0

2 5. Il consumo è positivamente coelato al eddito disponibile, cioè all ammontae del eddito che imane una volta pagate le imposte: quanto più elevato è il eddito disponibile, tanto più elevato è il consumo. La quantità domandata di beni di investimento è negativamente coelata al tasso di inteesse eale. Affinché un investimento sia edditizio, il endimento deve essee supeioe al costo. Dato che il tasso di inteesse eale misua il costo dei fondi, all aumentae del tasso di inteesse eale il costo dell investimento aumenta e, di conseguenza, la domanda di beni di investimento diminuisce. 6. La spesa pubblica è costituita dai beni e dai sevizi acquistati diettamente dalla pubblica amministazione. Pe esempio, lo Stato acquista amamenti, costuisce stade e offe sevizi quali il contollo del taffico aeeo: tutte queste attività entano nel computo del PIL. I tasfeimenti sono i pagamenti che lo Stato effettua a singoli individui e che non appesentano il coispettivo di un bene o di un sevizio. I tasfeimenti, in patica, sono l opposto delle imposte: queste ultime iducono il eddito disponibile dei nuclei familiai, mente i tasfeimenti lo fanno aumentae. Esempi di tasfeimenti sono le pensioni di vecchiaia, il sussidio di disoccupazione e l assistenza sociale. 7. Consumo, investimento e spesa pubblica deteminano la domanda di podotto aggegato in un sistema economico, mente l offeta viene deteminata dai fattoi di poduzione e dalla funzione di poduzione. Il tasso di inteesse eale si aggiusta in modo da gaantie l uguaglianza ta la domanda e l offeta di podotto aggegato. Al tasso di inteesse di equilibio, la domanda di beni e sevizi è uguale all offeta. 8. Se il goveno aumenta le imposte, il eddito disponibile diminuisce e, di conseguenza, diminuisce anche il consumo. La diminuzione del consumo è pai all ammontae dell aumento delle imposte moltiplicato pe la popensione maginale al consumo (PMC): quanto più elevato è il valoe di PMC, tanto maggioe è l effetto negativo dell aumento delle imposte sul consumo. Dato che il podotto aggegato è fisso, in quanto deteminato dai fattoi di poduzione e dalla funzione di poduzione, e dato che la spesa pubblica non vaia, la diminuzione del consumo deve essee compensata da un aumento dell investimento. Affinché l investimento aumenti, il tasso di inteesse eale deve diminuie. Quindi, un aumento delle imposte povoca una diminuzione del consumo, un aumento dell investimento e una diminuzione del tasso di inteesse. Poblemi e applicazioni patiche. (a) Secondo la teoia neoclassica della distibuzione, il salaio eale è uguale al podotto maginale del lavoo. A causa dei endimenti decescenti del lavoo, un aumento della foza lavoo povoca una diminuzione della poduttività maginale del lavoo. Di conseguenza, il salaio eale diminuisce. (b) La endita eale del capitale è uguale al podotto maginale del capitale. Se un teemoto distugge pate dello stock di capitale (ma miacolosamente non fa vittime e dunque non povoca una diminuzione della foza lavoo), il podotto maginale del capitale aumenta e, di conseguenza, aumenta anche la endita eale del capitale. (c) Se un avanzamento della tecnologia miglioa la funzione di poduzione, è pobabile che il podotto maginale del capitale e del lavoo aumentino entambi. Di conseguenza, aumentano sia la endita eale del capitale sia il salaio eale. 2. Una funzione di poduzione ha endimenti di scala decescenti se un aumento di pai pecentuale di tutti i fattoi di poduzione povoca un aumento pecentuale della poduzione di misua infeioe. Pe esempio, se le quantità di capitale e di lavoo addoppiano, ma la poduzione aumenta meno del doppio, alloa la funzione di poduzione ha endimenti di scala decescenti ispetto a capitale e lavoo. Ciò potebbe essee dovuto alla pesenza nella funzione di poduzione di un fattoe fisso, pe esempio la tea, che diventa sempe più scaso man mano che l economia cesce. Una funzione di poduzione ha endimenti di scala cescenti se un aumento di pai pecentuale di tutti i fattoi di poduzione povoca un aumento pecentuale della poduzione di misua supeioe. Pe esempio, se le quantità di capitale e di lavoo addoppiano, ma la poduzione aumenta più del doppio, alloa la funzione di poduzione ha endimenti di scala cescenti ispetto a capitale e lavoo. Ciò può accadee se la specializzazione del lavoo aumenta al cescee della popolazione. Pe esempio, la fabbicazione di un automobile i-

3 chiede molto tempo se viene eseguita da un solo lavoatoe, peché questi deve acquisie divese abilità tecniche e deve costantemente cambiae stumenti e mansioni; se invece la stessa automobile viene fabbicata da divesi lavoatoi, ciascuno si può specializzae in una paticolae mansione e diventae quindi molto veloce nella sua esecuzione.. (a) La quota del capitale vaia sensibilmente da paese a paese: è pai a cica 0,25 nel Regno Unito e a 0, negli Stati Uniti. L evoluzione della quota di eddito spettante al lavoo nei divesi paesi è ipotata nell appendice al saggio «Has Globalization Eoded Labou s Shae? Some Coss-County Evidence», di Ann Haison (2002). È impotante notae l eteogeneità che caatteizza ciò che divesi autoi includono nella quota del lavoo. Tale difficoltà insoge a causa del fatto che a volte non è chiao a chi imputae i benefici di voci quali «eddito del popietaio». (b) Se 0, (come negli Stati Uniti), abbiamo Y AK 0, L 0,7 O, Y/ K 0, A(L O /K ) 0,7 e Y/ L 0,7 A(K/L O ) 0,, dove L O indica la dimensione oiginaia della foza lavoo. L ultimo temine coisponde al salaio eale, dato che questo deve essee uguale alla poduttività maginale del lavoo. Dopo l aumento della foza lavoo avemo: Y AK 0, (,L O ) 0,7 (,) 0,7 Y,069Y. Dunque, il podotto aumenta del 6,9% in conseguenza del maggioe appoto di lavoo. Anche la endita eale del capitale aumenta del 6,9%, mente il salaio eale diminuisce a (/,) 0, del suo valoe iniziale (una diminuzione del 2,9%). (c) Il podotto e il salaio eale aumentano di [(,) 0, ] 2,9%, mente la endita eale del capitale diminuisce di [(/,) 0,7 ] 6,45% a seguito dell appoto di nuovo capitale. (d) Podotto aggegato, endita eale del capitale e salaio eale aumentano del 0%. 4. Se la quota del lavoo è costante, abbiamo PML (L/Y ) C, con C costante. Ma le impese concoenziali coispondono salai pai al valoe maginale della poduzione, cioè W P PML. Di conseguenza, (W/P) L/Y C, ovveo (W/P)/(Y/L) C. In alte paole, se la quota del lavoo è costante, una vaiazione del salaio eale (W/P) deve essee accompagnata da una coispondente vaiazione della poduttività del lavoo (Y/L). 5. (a) Secondo la teoia neoclassica, se il pogesso tecnologico fa aumentae la poduttività maginale degli agicoltoi, il loo salaio eale aumenta. (b) Il salaio eale in (a) è misuato in temini di podotti agicoli. In alte paole, se il salaio nominale è espesso in euo, il salaio eale è W/PF, dove PF è il pezzo in euo dei podotti agicoli. (c) Se la poduttività maginale dei babiei imane invaiata, anche il loo salaio eale imane costante. (d) Il salaio eale in (c) è misuato in temini di tagli di capelli. In alte paole, se il salaio nominale è espesso in euo, il salaio eale è W/PH, dove PH è il pezzo in euo dei tagli di capelli. (e) Se possono scegliee libeamente ta la pofessione dell agicoltoe e del babiee, i lavoatoi devono icevee lo stesso salaio W in ciascun settoe. (f) Se il salaio nominale W è lo stesso pe entambi i guppi, ma il salaio eale in temini di tagli di capelli è infeioe al salaio eale in temini di podotti agicoli, alloa vuol die che il pezzo dei tagli di capelli deve essee aumentato ispetto al pezzo dei podotti a- gicoli. (g) Entambi i guppi taggono beneficio dai pogessi tecnologici in agicoltua. 6. (a) Il podotto maginale del lavoo (PML) si calcola diffeenziando la funzione di poduzione ispetto al lavoo: dy PML dl K / H / L 2/ Questa equazione è cescente ispetto al capitale umano, peché all aumentae di quest ultimo il lavoo diventa più poduttivo. (b) Il podotto maginale del capitale umano (PMH ) si calcola diffeenziando la funzione di poduzione ispetto al capitale umano: 2

4 dy PMH dh K / L / H 2/ Questa equazione è decescente ispetto al capitale umano, peché vi sono endimenti decescenti. (c) La quota di eddito spettante al lavoo è la popozione di podotto destinata al lavoo. La quantità complessiva di podotto destinata al lavoo è pai al salaio eale (che, in concoenza pefetta, è pai al podotto maginale del lavoo) moltiplicato pe la quantità di lavoo. Pe calcolae la quota di podotto che va a emuneae il lavoo, tale quantità viene divisa pe il podotto totale: / / 2/ ( ) Quota del lavoo K H L L / / K H L Usando la medesima logica, possiamo calcolae la quota del capitale umano: Quota del capitale umano ( K / L / H 2/ ) H K / H / L / pe cui alla emuneazione del lavoo è destinato un tezo del podotto e alla emuneazione del capitale umano un ulteioe tezo. Dato che (si spea!) i lavoatoi possiedono il popio capitale umano, può sembae che al lavoo siano destinati i due tezi del podotto. (d) Il appoto ta il salaio del lavoatoe qualificato e il salaio del lavoatoe non qualificato è: W Q W NQ MPL MPH MPL K / L 2/ H / K / L / H 2/ K / L 2/ H / L H Notiamo che tale appoto è sempe maggioe di, peché i lavoatoi qualificati vengono pagati di più di quelli non qualificati. Inolte, se H aumenta, il appoto diminuisce: poiché il capitale umano ha endimenti decescenti, all aumentae di H il endimento del capitale umano diminuisce, mente il podotto maginale del lavoatoe non qualificato aumenta. (e) Se un aumento del numeo di bose di studio univesitaie fa aumentae H, il isultato è una società più egualitaia. Un povvedimento del genee fa diminuie il endimento dell istuzione, facendo diminuie anche il diffeenziale salaiale ta i lavoatoi più qualificati e meno qualificati. Ma, fatto anco più ilevante, un simile povvedimento fa aumentae in temini assoluti il salaio del lavoatoi meno qualificati, peché il podotto maginale del lavoo non qualificato aumenta all aumentae del numeo di lavoatoi qualificati (estando fissa la foza lavoo). 7. L effetto di un aumento delle imposte di 00 miliadi di euo su (a) ispamio pubblico, (b) ispamio pivato e (c) ispamio nazionale può essee analizzato utilizzando le seguenti elazioni: Rispamio nazionale [Rispamio pivato] [Rispamio pubblico] [Y T C(Y T )] [T G] Y C(Y T ) G (a) Rispamio pubblico. L aumento delle imposte compota un pai aumento del ispamio

5 pubblico. T aumenta di 00 miliadi di euo e quindi anche il ispamio pubblico aumenta di 00 miliadi di euo. (b) Rispamio pivato. L aumento delle imposte fa diminuie il eddito disponibile, Y T, di 00 miliadi di euo. Poiché la popensione maginale al consumo, PMC, è pai a 0,6, il consumo diminuisce di 60 miliadi di euo (0,6 00 miliadi di euo). Ne consegue che: Rispamio pivato 00 miliadi 0,6 ( 00 miliadi) 40 miliadi Dunque, il ispamio pivato diminuisce di 40 miliadi di euo. (c) Rispamio nazionale. Poiché il ispamio nazionale è la somma del ispamio pubblico e del ispamio pivato, possiamo concludee che l aumento delle imposte di 00 miliadi di euo fa aumentae il ispamio nazionale di 60 miliadi di euo. A questa conclusione si può giungee anche utilizzando la teza equazione del ispamio nazionale ipotata sopa, secondo la quale il ispamio nazionale è uguale a Y C(Y T ) G. L aumento delle imposte di 00 miliadi di euo povoca una diminuzione del eddito disponibile e un calo del consumo pai a 60 miliadi di euo. Poiché né G né Y vaiano, il ispamio nazionale aumenta dunque di 60 miliadi di euo. (d) Investimento. Pe deteminae l effetto dell aumento delle imposte sull investimento, ichiamiamo l identità contabile del eddito nazionale: Da cui: Y C(Y T ) I() G Y C(Y T ) G I() Il membo sinisto di questa equazione è il ispamio nazionale, quindi l equazione ci dice semplicemente che il ispamio nazionale è utuale all investimento. Poiché il ispamio nazionale è cesciuto di 60 miliadi di euo, anche l investimento deve cescee di 60 miliadi di euo. Come avviene questo aumento dell investimento? Sappiamo che l investimento dipende dal tasso di inteesse eale: affinché l investimento aumenti, è necessaio che il tasso di inteesse eale diminuisca. La figua. mosta la elazione ta investimento e tasso di inteesse eale. S S 2 Figua. Tasso di inteesse eale 2 I () Investimento, Rispamio I, S L aumento delle imposte compota un aumento del ispamio nazionale, che a sua volta povoca uno spostamento veso desta della cuva di offeta di fondi mutuabili: il tasso di inteesse eale di equilibio diminuisce e l investimento aumenta. 8. Se i consumatoi aumentano le quantità consumate oggi, il ispamio pivato, e quindi anche il ispamio nazionale, diminuisce. Possiamo giungee a questa conclusione sulla scota della definizione di ispamio nazionale: 4

6 Rispamio nazionale [Rispamio pivato] [Rispamio pubblico] [Y T C(Y T )] [T G] Un aumento del consumo fa diminuie il ispamio pivato, pe cui il ispamio nazionale diminuisce a sua volta. La figua.2 mosta il ispamio e l investimento come funzione del tasso di inteesse eale: se il ispamio nazionale diminuisce, la cuva di offeta di fondi mutuabili si sposta veso sinista, facendo aumentae il tasso di inteesse eale e contae l investimento. S 2 S Figua.2 Tasso di inteesse eale 2 I () Investimento, Rispamio I, S 9. (a) Il ispamio pivato è la pate di eddito disponibile, Y T, che non viene consumato: S pivato Y T C (250 0,75( )) 750 Il ispamio pubblico è la pate di imposte che eccede la spesa pubblica: S pubblico T G Il ispamio totale è la somma del ispamio pivato e di quello pubblico: S S pivato S pubblico (b) Il tasso di inteesse di equilibio è il valoe di che pota in equilibio il mecato dei fondi mutuabili. Sappiamo già che il ispamio nazionale è 750, pe cui dobbiamo semplicemente uguaglialo all investimento: S I Risolvendo questa equazione ispetto a otteniamo: 5% (c) Se il goveno aumenta la spesa pubblica, il ispamio pivato imane invaiato (in S pivato infatti G non appae), mente il ispamio pubblico diminuisce. Inseendo il nuovo valoe di G nell equazione di cui sopa, otteniamo: S pivato 750 S pubblico T G

7 Quindi: S S pivato S pubblico 750 ( 250) 500 (d) Ancoa una volta, il tasso di inteesse di equilibio è il valoe di che pota in equilibio il mecato dei fondi mutuabili: S I Risolvendo questa equazione ispetto a, toviamo: 0% 0. Pe deteminae l effetto sull investimento di un aumento della spesa pubblica e delle imposte di identico ammontae, consideiamo l identità contabile del eddito nazionale elativa al ispamio aggegato: Rispamio nazionale [Rispamio pivato] [Rispamio pubblico] [Y T C(Y T)] [T G] Sappiamo che Y è deteminato dai fattoi di poduzione. Sappiamo inolte che la vaiazione del consumo è uguale alla popensione maginale al consumo, PMC, moltiplicata pe la vaiazione del eddito disponibile. Peciò: Rispamio nazionale [ T (PMC ( T))] [ T G] [ T (PMC T)] 0 (PMC ) T Questa espessione ci dice che l effetto sul ispamio di un uguale aumento di T e G dipende dal valoe della popensione maginale al consumo. Quanto più PMC si avvicina a, tanto minoe è la diminuzione del ispamio. Pe esempio, se PMC, la diminuzione del consumo è esattamente uguale all aumento della spesa pubblica, pe cui il ispamio nazionale [Y C(Y T ) G] imane invaiato. Quanto più PMC si avvicina a 0 (e quindi quanto maggioe è la quota ispamiata di ogni vaiazione unitaia del eddito disponibile), tanto maggioe è l effetto sul eddito. Poiché ipotizziamo che PMC <, ci aspettiamo che il ispamio nazionale diminuisca a seguito di un uguale aumento delle imposte e della spesa pubblica. La diminuzione di ispamio povoca uno spostamento veso sinista dell offeta di fondi mutuabili (figua.). Di conseguenza, il tasso di inteesse eale aumenta e l investimento diminuisce. S 2 S Figua. Tasso di inteesse eale 2 I () Investimento, Rispamio I, S. (a) La cuva di domanda di investimenti aziendali si sposta veso desta, peché il sussidio aumenta le oppotunità di investimento edditizio pe ogni dato livello del tasso di inte- 6

8 esse. La cuva di domanda di investimenti immobiliai imane invece invaiata. (b) La domanda totale di investimento nell economia si sposta veso desta, poiché è pai alla somma degli investimenti aziendali, la cui domanda si sposta veso desta, e degli investimenti immobiliai, la cui domanda imane invaiata. Il isultato, come mosta la figua.4, è un aumento del tasso di inteesse eale. Figua.4 S Tasso di inteesse eale 2. povoca un aumento del tasso di inteesse B A. Un aumento della domanda di investimento I 2 I I, S Investimento, Rispamio (c) Il livello complessivo dell investimento non vaia, peché è vincolato dall offeta di ispamio che è anelastica. Il cedito di imposta pe gli investimenti povoca un aumento degli investimenti poduttivi, che viene esattamente contobilanciato da un aumento degli investimenti immobiliai. In alte paole, l aumento del tasso di inteesse causa una diminuzione degli investimenti immobiliai (un movimento lungo la cuva), mente lo spostamento veso desta della cuva degli investimenti poduttivi si taduce in un aumento di questi ultimi di pai ammontae. La figua.5 illusta questi cambiamenti. Notiamo che I B I R I 2 B I 2 R S. Figua I B I 2 B Investimenti aziendali I R I 2 R Investimenti immobiliai 2. In questo capitolo abbiamo concluso che un aumento della spesa pubblica iduce il ispamio nazionale e fa aumentae il tasso di inteesse; di conseguenza, l investimento diminuisce di un ammontae pai all inteo aumento della spesa pubblica. Allo stesso modo, un taglio delle imposte fa aumentae il eddito disponibile e quindi il consumo; l aumento del consumo, a sua volta, sfocia in una diminuzione del ispamio nazionale, con un effetto di spiazzamento sull investimento. Se il consumo dipende dal tasso di inteesse, le conclusioni elative agli effetti della politica fiscale si modificano leggemente. Se il consumo dipende dal tasso di inteesse, dipendeà da esso anche il ispamio. Quanto maggioe è il tasso di inteesse, tanto maggioe è la emuneazione del ispamio. Petanto è agionevole ipotizzae che un aumento del tasso di 7

9 inteesse faccia aumentae il ispamio e quindi diminuie il consumo. La figua.6 mosta il ispamio come funzione cescente del tasso di inteesse. S() Figua.6 Tasso di inteesse eale Rispamio S Consideiamo il caso in cui il goveno aumenta la spesa pubblica. Pe ogni dato livello del tasso di inteesse, il ispamio nazionale diminuisce in misua pai all aumento della spesa pubblica, come mosta la figua.7. Se la funzione del ispamio è cescente, l investimento diminuisce in misua minoe dell aumento della spesa pubblica: infatti, a seguito dell aumento del tasso di inteesse, il consumo diminuisce e il ispamio aumenta. Pe questo motivo, quanto più la funzione di consumo è sensibile al tasso di inteesse, tanto meno la spesa pubblica spiazza l investimento. S 2 () S () Figua.7 Tasso di inteesse eale G I() I I Investimento, Rispamio I, S. (a) Questo è un poblema di identificazione. Tacciate un diagamma della domanda e dell offeta di investimento nel quale in ascissa siano ipotati I (e S) e in odinata. La cuva di offeta di investimento ha pendenza positiva e la cuva di domanda ha pendenza negativa. Tenendo inalteata la cuva di domanda di investimento, ipotizzate che nel tempo la cuva di offeta si sposti veso sinista e veso desta ispetto alla sua posizione oiginaia. Tali vaiazioni dell offeta di ispamio (che è uguale all investimento) sono povocate da qualsiasi evento possa fa vaiae il consumo ispetto al eddito: pe esempio, potebbeo essee dovute a un aumento degli accantonamenti in fondi pensione, a causa dell invecchiamento pogessivo della popolazione. Un aumento dell offeta di ispamio iduce il tasso di inteesse. Tali vaiazioni dell offeta di ispamio geneano una elazione invesa ta l investimento aggegato e il tasso di inteesse. (b) Ipotizziamo oa che sia la cuva di offeta a estae fissa, e che si sposti la cuva di domanda, veso sinista e veso desta ispetto alla sua posizione oiginaia. Un impovviso aumento della domanda di investimento potebbe essee povocato da un aumento della spesa pubblica destinata alla costuzione di infastuttue, o dall ottimismo degli 8

10 investitoi dovuto alle aspettative di un boom economico. Un aumento della domanda di investimento spinge il tasso di inteesse veso l alto lungo la cuva di offeta, geneando una elazione dietta ta investimento e tasso di inteesse. (c) Se oscillano sia la domanda sia l offeta di investimento, un diagamma a dispesione potebbe non esibie una chiaa tendenza. Se le vaiazioni dell offeta di ispamio fosseo coelate diettamente con la domanda di investimento, potemmo individuae una cuva oizzontale, che lasceebbe ipotizzae l assenza di una elazione ta investimento e tasso di inteesse. (d) Lo scenaio più ealistico è quello nel quale sia la domanda sia l offeta di investimento vaiano nel tempo; ecco peché l assenza di una evidente coelazione nei dati elativi a investimento e tasso di inteesse non deve essee pesa a dimostazione dell indipendenza ta le due vaiabili. 9

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO SPEIMENTAZIONE FAMAI - IPATO - Sperimentazione SOBIHAEM89-001 sper. n. 18/2014 - Medico esponsabile TOSETTO ALBETO 4.160,00 A. (riscosso con fatt. n. Z 1141 del 12/03/2015 ) - FONDO 3.952,00 - SEVIZIO

Dettagli

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI FIGUE GEOMETICHE SIMILI Nel linguaggio comune si dice che due oggetti sono simili quando si «assomigliano». Così si dicono simili due cani della stessa razza, i fiori della stessa pianta, gli abiti dello

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere 1 La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione. Appendice A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere IPI, 2009 Sono vietate le riproduzioni

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

TEORIA DEL CONSUMATORE

TEORIA DEL CONSUMATORE TEORIA DEL CONSUMATORE Premessa: La moderna teoria economica del comportamento del consumatore è intimamente legata alla teoria marginalista neo-classica, essendo fra l'altro da essa storicamente derivata.

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli