Investire in Arte Settembre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investire in Arte Settembre 2010"

Transcript

1 Investire in Arte Settembre 2010 Strettamente riservato e confidenziale

2 Indice Introduzione... Pag. 4 Investire in Arte... - L arte in un portafoglio di investimento... - I contratti derivati nell Arte... Il mercato mondiale dell Arte... - Investimenti iin Arte Contemporanea e Moderna... - Investimenti in Old Masters... - Investimenti nei mercati emergenti... Il mercato italiano dell Arte... - Canali distributivi in Italia... - Il mercato regionale... - Le esportazioni... - L arte moderna in Italia Case d asta e operatori commerciali quotati... - Sotheby s... Pag. 5 Pag. 9 Pag. 13 Pag. 14 Pag. 17 Pag. 18 Pag. 19 Pag. 22 Pag. 25 Pag. 26 Pag. 27 Pag. 28 Pag. 29 Pag Artnet AG... Pag. 34 2

3 Indice - Stanley Gibbons... Pag Mallett Plc... - Finarte Casa D Aste S.p.A Art Vivant Co. Ltd... - Seoul Auction... - Shinwa Art Auction... Art Funds... - The Fine Art Fund Group... - The Collection of Modern Art Fund... - Art Photography Fund... - The Collectors Fund... - Crayon Capital Art Fund... - Advanced Capital Fund... - Anthea Art Investments... - Artemundi Global Fund... Pag. 38 Pag. 40 Pag. 42 Pag. 44 Pag. 46 Pag. 48 Pag. 52 Pag. 56 Pag. 58 Pag. 60 Pag. 61 Pag. 62 Pag. 63 Pag. 64 Riferimenti... Pag. 65 3

4 Introduzione Il presente documento è stato redatto dalla Methorios Capital nell ottica di fornire informazioni sui mercati artistici internazionali e sugli investimenti in Arte. Questo documento è stato suddiviso in cinque capitoli: il primo capitolo fornisce informazioni dettagliate sugli investimentiinarte,suglistrumentiattualmente esistenti nel mercato e su vantaggi e rischi di includere l arte in un portafoglio di investimento; il secondo capitolo comprende informazioni sul mercato artistico globale, sulle tendenze associate con specifiche categorie di opere d arte e sulla produzione artistica dei mercati in via di sviluppo; il terzo capitolo offre un outlook sul mercato italiano con indicazione dei recenti sviluppi e tendenze; il quarto capitolo fornisce informazioni sugli operatori quotati nel settore a livello globale includendo informazioni sulle loro specifiche attività, sui loro risultati recenti e sulle performance rispetto agli indici rilevanti di mercato; l ultimo capitolo contiene informazioni sui fondi esistenti e in fase di lancio, sulle loro strategie d investimento e le commissioni associate con la gestione degli stessi. Ove disponibili, vengono, inoltre fornite informazioni sulle performance recenti. 4

5 Investire in Arte

6 Investire in Arte Nell attuale clima di mercato, in cui gli investitori ricercano nuovi approcci per incrementare il rendimento dei loro investimenti, le opere d arte rappresentano un asset class alternativa sempre più presa in considerazione. L impatto della recessione globale sui mercati artistici, come in molti altri settori, è stato notevole. Si stima che nel 2008 le vendite globali di arte decorativa siano scese a 42,2 miliardi dal picco registrato nel 2007 di 48,1 miliardi. Le dimensioni del mercato, nel 2009, sono scese di un ulteriore 26%. La riduzione rappresenta la più ampia contrazione di valore dalla recessione dei primi anni 90.* Tuttavia, i prezzi delle opere d arte sono rimasti mediamente ai livelli del Il 2010 sembra poter essere un anno di rafforzamento per il mercato dell arte. I ricavi globali da commissioni d asta nella prima metà del 2010 ammontano a 2,9 miliardi. Sebbene il dato sia lontano dai 3,7 miliardi del 2007, rappresenta una forte ripresa rispetto alla prima metà del 2009, dove i ricavi erano scesi a 1,7 miliardi. Nell ottica di ottenere forti ritorni nell attuale mercato dell arte bisogna avere l abilità di agire rapidamente e disporre di ampia liquidità per poter sfruttare qualsiasi opportunità. Sebbene la maggior parte delle persone considerino l arte un investimento per appassionati, per divenire investitori di successo è necessario avere un approccio distaccato con le opere. La volatilità dei prezzi combinata con l illiquidità dell asset e gli alti costi associati con la gestione dei beni rende tale mercato altamente rischioso. Tuttavia, con la giusta strategia, il mercato offre buone potenzialità di profitto grazie alla potenziale ripresa nel *Trends in the Art Trade during Global Recession: The International Art Market ** Artprice: Art Market Insight: Overview of he art auction market during the first half of

7 Investire in Arte Secondo la gran parte degli investitori uno dei principali elementi negativi dell investire in arte è rappresentato dalla mancanza di elementi oggettivi per la valutazione delle opere. Gli investitori vedono il mercato artistico come rischioso nell attuale periodo di volatilità dei mercati e la natura non regolata degli Art Fund rafforza tale idea. Alcuni investitori considerano il mercato poco trasparente e le categorie dei fondi troppo ampie, la natura illiquida degli asset rendono inoltre il mercato spietato in cui un cattivo investimento può costare caro. Essendo un investimento illiquido e a lungo temine, sia i fondi che gli investitori sono spesso impossibilitati a dismettere l asset quando e come vorrebbero. La perdita di una singola opera d arte dovuta ad un danneggiamento o ad un furto può avere un forte impatto sul rendimento del portafoglio di un investitore o di un fondo. Sebbene i fondi siano creati proprio per ridurre i rischi, alcuni di essi considerano necessario affittare le opered arteagallerie e musei, nell ottica di recuperare parte delle spese sostenute, incrementare il profilo dell artista e conseguentemente incrementare il futuro prezzo di vendita. Ironicamente questa attività non fa che incrementare i rischi. Il mercato artistico globale, le cui dimensioni totali per il 2009 si sono attestate sopra i 30 miliardi, rimane il maggior mercato non regolamentato al mondo. Solo pochi fondi di investimento operanti nel settore sono sottoposti al vaglio delle autorità di controllo finanziarie. I gestori degli Art Funds, in verità, considerano ciò come una parte essenziale della loro strategia. Una motivazione è attribuibile al fatto che di molti pezzi storici non si conosce con certezza la proprietà. Un esempio è il caso che ha coinvolto il regista Steven Spielberg e l'opera di Norman Rockwell (Russian Schoolroom) da lui acquistata nel 1989 per la sua galleria privata. Come riportato dai giornalisti, a insaputa di Spielberg l'opera era stata rubata dalla galleria di St. Louis (U.S.A.) nel Fu dichiarato innocente quando la venditrice dell'opera Judy Goffman Cuttler intervenne ma, tuttavia il caso si trascino per 3 anni accumulando alti costi legali per tutte le parti coinvolte. Per questi rischi, molti collezionisti d'arte e fondi reputano necessario trasferire il rischio a terze parti assicuratrici per essere protetti dalle vendite illegali. 7

8 Investire in Arte Per ottenere un buon rendimento dagli investimenti in arte molti investitori seguono le seguenti regole chiave: acquistare da gallerie o, se possibile, direttamente dall'artista per evitare i costi associati con eventuali intermediari; puntare su opere di alta fascia. Dai risultati registrati nel 2010 le opere artistiche valutate oltre i $ hanno maggiori possibilità di essere vendute nel attraverso aste in U.S.A. di quelle valutate sotto i $ Questa insita liquidità delle opere di pregio spinge a puntare sugli Art Funds piuttosto che investire con una strategia "fai da te ; rivendere le opere attraverso aste; ricercare opportunità di arbitraggio in un mercato con forti oscillazioni (come quello dell'arte contemporanea) può fruttare cospicui rendimenti. L'arte è considerata un investimento a lungo termine. L'industria dei fondi d'arte rinforza questa tesi con una maggioranza di operatori che ha un orizzonte d'investimento di 10 anni. I prezzi delle opered'artesonopiù p instabili dei mercati azionari e i costi di transazione più alti, per questo investire nel mercato artistico può essere considerato una strategia d'investimento dal rischio elevato. Prima del 2008 la correlazione tra arte e mercati azionari o obbligazionari era molto limitata. A seguito dell'11 settembre, infatti, il mercato artistico ha continuato a crescere fino al massimo toccato nel 2008 ed era considerato come un asset ottimale per una diversificazione di portafoglio. Quando il credito lentamente è ritornato disponibile, gli investitori hanno colto l'opportunità di tornare ad investire in arte, dando ascolto agli analisti che consideravano ottimale un'allocazione attorno al 5-10% del proprio portafoglio. * Artprice: Art Market Insight: Overview of he art auction market during the first half of

9 L arte in un portafoglio di investimento Per verificare i vantaggi di includere l arte lartein una strategia d investimento dinvestimento, sono stati simulati quattro portafogli su di un periodo di cinque e dieci anni. I portafogli sono suddivisi in 3 classi di asset: azioni, utilizzando l indice S&P500; titoli di stato, utilizzando T-bond USA a 5 e 10 anni, e l arte per la quale è stato usato l indice All Art Index della Art Market Research. Tale indice, calcolato in dollari USA dalla londinese Art Market Research, considera tutti i segmenti artistici, dall arte arte antica alle belle arti e ai pezzi da collezione. L indice Lindice prende in considerazione i prezzi registrati nelle principali aste internazionali su base mensile. I portafogli sono stati simulati utilizzando un investimento iniziale di $ suddivisi tra le tre classi precedentemente indicate secondo le percentuali indicate nelle tabelle riportate di seguito: I dati dei tre indici sono su base mensile. Come riportato nelle tabelle, entrambi i portafogli, sia a medio sia a lungo termine, che comprendono una quota investita in arte hanno sovraperformato gli altri. Portafoglio a 5 T-bond Valore Volatilità CAGR Arte S&P 500 anni USA 5Y (USD) (Dev Std) (%) con Arte T0 82% 8,2% 45,7% 46,1% ,00000 T5 14,0% 35,0% 51,0% , ,96% senza Arte T0 0,0% 50,0% 50,0% ,00 T5 0,0% 40,9% 59,1% , ,23% Fonte: Bloomberg 31 luglio giugno 2010 Bisogna tenere in considerazione che gli indici su asset artistici possono essere usati solo come strumento di analisi. Gli indici non sono prodotti di investimento e non possono essere ricreati attraverso l acquisizione dei sottostanti. In aggiunta, le tabelle non prendono in considerazione i costi di transazione. Portafoglio a 10 T-bond Valore Volatilità Arte S&P 500 anni USA 10Y (USD) (Dev Std) con Arte T0 7,3% 45,8% 46,9% ,00 T10 12,3% 26,7% 60,9% , senza Arte T0 0,0% 50,0% 50,0% ,00 T10 0,0% 31,0% 69,0% , Fonte: Bloomberg 31 luglio giugno 2010 CAGR (%) 2,36% 1,68% 9

10 Valo ore del portafoglio o (USD) L arte in un portafoglio di investimento Portafoglio a 5 anni Portafoglio a 5 anni (31 lug giu 2010) Including con Arteart Excluding senza Arte Art $ $ Dal grafico è possibile notare che l incremento di rendimento derivante dall investire in arte ha in parte assorbito l impatto della crisi finanziaria. Performance individuali Portafoglio a 5 anni 300% 8.2% ArteArt investment 56% Azioni Equity (S&P (S&P500) 46% T-bonds Bonds (USA (US5Y) 5Y) 250% 200% 185% Dal grafico è possibile notare che nel periodo considerato l arte è stata il 150% leading performer tra le 121% asset class considerate. 100% 84% 50% 10 Fonte: Bloomberg

11 L arte in un portafoglio di investimento Portafoglio a 10 anni Portafoglio a 5 anni (31 lug giu 2010) Including con Arteart Excluding senza Arte Art Valo ore del portafoglio o (USD) $ $ Come per il quanto registrato nel caso del portafoglio a 5 anni, il maggior rendimento viene raggiunto con il portafoglio che comprende beni artistici. Performance individuali Portafoglio a 10 anni 350% 7.3% ArteArt investment 46% Azioni Equity (S&P (S&P500) 47% T-bonds Bonds (USA (US10Y) 300% 250% 200% 150% 100% 50% % 160% 72% Fonte: Bloomberg Dal grafico è possibile notare che l Arte ha registrato un risultato superiore rispetto alle altre classi di asset. È, inoltre, possibile constatare che dal giugno 2007 l arte ha cominciato a mostrare una correlazione negativa con il mercato azionario (in questo caso l S&P500), divenendo un asset utilizzabile per una diversificazione del proprio portafoglio.

12 L arte in un portafoglio di investimento Analizzando il portafoglio a cinque anni, è possibile vedere che allocando l 8% delle risorse in investimenti in arte si può incrementare il ritorno dall investimento di un fattore pari a 4, riscontrando inoltre una minore oscillazione nel valore del portafoglio nel periodo dell investimento. Inoltre questo risultato è stato conseguito in condizioni di mercato negative. 300% 8.2% ArteArt investment 56% Azioni Equity (S&P (S&P500) 46% T-bonds Bonds (USA (US5Y) 10Y) 250% Intervallo 1 anno 200% 150% 100% 50% Intervallo =/< 1 anno 185% 120% 84% Dal grafico si nota che l arte ha avuto una maggiore volatilità, tuttavia le variazioni di prezzo sono state opposte a quelle dei mercati azionari (S&P 500). L Arte sembra seguire lo stesso ciclo dell S&P 500 anche se il trend si dimostra con un anno di ritardo. Il ciclo ritardato lo rende un bene ottimale per un portafoglio in quanto capace di controbilanciare le variazioni negative dei mercati azionari come accaduto tra l ottobre 2007 e l ottobre

13 I contratti derivati nell Arte Alla crescita dei mercati si accompagna pg l evoluzione degli strumenti finanziari utilizzabili per investire nel mercato. Ciò deriva dalla volontà degli investitori e delle istituzioni di accrescere il proprio vantaggio competitivo sui concorrenti. La stessa cosa avviene nel mercato dell Arte, dove le istituzioni e gli investitori cercano di incrementare il proprio rendimento o di coprirsi dalla volatilità attraverso l utilizzo di contratti derivati. Attraverso l utilizzo di derivati, gli artisti emergenti sono capaci di stabilizzare il loro reddito attraverso i Contratti Derivati su Artisti Emergenti, allo stesso modo in cui gli agricoltori usano strumenti finanziari per garantirsi le entrate dal raccolto stagionale. Un esempio di derivato è stato utilizzato a Londra, dove un aspirante artista di 23 anni di nome Tom Saunders, offre cosiddetti contratti di opzione con un premio di agli investitori per avere il diritto di acquisire una delle sue opere artistiche nel corso dei dieci anni successivi al prezzo di 1. * Lo studio legale londinese, Ferguson Solicitors, si è occupato di redigere il contratto di opzione nel quale vengono indicate quali opere potranno essere utilizzate come sottostante e le penalità associate allo stesso, come ad esempio nel caso in cui Saunders non sia un artista nel Le risorse che gli artisti possono potenzialmente ricavare utilizzando tali strumenti possono essere utilizzate per coprire le loro spese attuali, permettendo loro di concentrarsi sulle produzioni artistiche. La durata relativamente lunga di questi contratti è attribuibile al fatto che molti artisti non acquisiscono notorietà per un lungo periodo di tempo. Altri strumenti ti potenzialmente t utilizzabili includono i TtlRt Total Return Swap nei quali l investitore pò può garantire un valore futuro certo al proprio investimento (una copertura contro le fluttuazioni di prezzo). Tali contratti prevedono che il proprietario dell opera riceva pagamenti periodici per tutta la durata del contratto mentre, la controparte beneficerà della variazione di prezzo del sottostante. La diffusione dei contratti derivati nell arte è fondamentalmente legata ad una cooperazione tra i soggetti coinvolti nel mercato al fine di incrementarne la liquidità e la trasparenza. 13 *Financial Edge: Investing in art futures

14 Il mercato mondiale dell Arte

15 Il mercato mondiale dell Arte Come già precedentemente indicato, la crisi finanziaria mondiale ha avuto conseguenze significative sul mercato dell arte. Il fatturato complessivo nel 2009 ha raggiunto solo 32 miliardi, il 26% meno rispetto al Nonostante i gravi effetti, il valore dei beni artistici è rimasto più stabile di gran parte dei mercati azionari. * Gli Stati Uniti e in Inghilterra sono i principali mercati per l arte e l antiquariato e nel 2009 hanno raggiunto congiuntamente una quota quasi pari ai due terzi dl del mercato mondiale. L Europa costituisce i quasi il 50% dl del mercato mondiale e l Inghilterra rappresenta il 69% di questa porzione. Le vendite nelle case d asta sono state ancor più duramente colpite dal ribasso dei mercati e hanno registrato una perdita del 32% nel 2009 a 13 miliardi, dopo la diminuzione del 21% del Gli operatori commerciali, nel 2008, hanno registrato una minore riduzione di fatturato dal picco del 2007 ( 24 miliardi), raggiungendo 23,2 miliardi (-3%). Nel 2009 la riduzione è stata più consistente (-21%) arrivando a 18,4 miliardi. I mercati europei tendono ad essere più stabili in quanto la maggior parte del fatturato deriva da opere degli Old Masters, il mercato statunitense, invece, è maggiormente esposto verso l arte contemporanea più volatile. Mercato Artistico Globale per Nazione USA 30% Cina 14% La variazione del modello di spesa degli High Net Worth Individuals ha stabilizzato i prezzi dell arte durante la recessione. La spesa ha visto infatti privilegiati i beni dal valore stabile come l arte, piuttosto che beni soggetti a maggiore svalutazione come macchine e yachts. Francia 6% Resto del mondo 21% GB 29% Fonte: European Fine Art Foundation (TEFAF) *Trends in the Art Trade during Global Recession: The International Art Market

16 Il mercato mondiale dell Arte Nel periodo da gennaio 2005 a luglio 2010, utilizzando gli indici prodotti dalla Art Market Research, è possibile osservare che tutti e quattro principali segmenti dell arte hanno registrato risultati migliori rispetto all S&P 500. Il grafico sottostante mostra che il settore Old Masters è stato relativamente più stabile e ha risentito meno della crisi finanziaria rispetto alle altre categorie. Il mercato mondiale dell Arte - gennaio 2005 luglio 2010 Gold Oro S&P 500 AMR 14MMA Post War Art 50 Index 400 AMR 14MMA Contemporary Art 100 index AMR 14MMA Modern Art 100 Index AMR 14MMA Old Masters 100 Index Fonte Bloomberg 16

17 Investimenti in Arte Contemporanea e Moderna Negli anni precedenti la crisi finanziaria, l arte larte contemporanea ha vissuto un eccezionale crescita. Il fatturato del segmento è passato da 92 milioni nel 2002 a 915 milioni nel 2008, la più alta crescita del mercato. Tuttavia, con l inizio della crisi, il segmento ha registrato la maggior diminuzione, scendendo a circa 378 milioni nel * Principale cp esempio po èrappresentato dal crollo co odel 75% delle vendite di artecontemporanea nelle aste serali di Christie s e Sotheby s nel La riduzione di ammontare è legata anche alla scelta effettuata dalle due case d asta di abbandonare i prezzi garantiti ai venditori. Sotheby's e Christie's furono entrambe colte di sorpresa dalla repentina crisi economica e registrarono ingenti perdite legate a contratti con prezzo garantito su opere rimaste invendute o vendute a prezzi inferiori. Le case d asta annunciarono successivamente di voler ridurre le garanzie e serrare i termini di finanziamento ai compratori. Di conseguenza le vendite all asta si ridussero notevolmente. Il recente successo delle aste a New York e Londra del 2010, starebbe ad indicare una ripresa del mercato e ad un ritorno nella fiducia di acquirenti e venditori nei segmenti dell arte moderna e contemporanea. Il 28 giugno 2010, la Sotheby s Contemporary Art Evening Auction a Londra ha fatto registrare vendite per 50,1 milioni. Il dato rappresenta la terza vendita per controvalore nella storia di Sotheby s in un asta estiva di arte contemporanea a Londra ed è stata del 60% più alta rispetto a quella dell anno precedente. Il risultato è stato raggiunto con un approccio maggiormente focalizzato su artisti di prima fascia. ** L arte contemporanea tende ad essere relativamente meno cara rispetto ad altre categorie come quella degli Old Masters. Sebbene questo la renda un punto di partenza più facile per l ingresso nel campo degli investimenti in arte, i rischi associati a questa categoria sono più alti data l ampia instabilità dei prezzi. Una strategia di molti investitori affermati per ottenere vantaggi da questa volatilità è rappresentata dal flipping, ovvero l acquisto e la vendita di opere nel breve periodo per guadagnare g di qualsiasi piccola variazione di prezzo o possibilità di arbitraggio. Questa strategia è contraria alla strategia a lungo termine della maggioranza degli Art Fund. Tuttavia per avviare un flipping di successo bisogna disporre di un ampia liquidità e di ottime conoscenze nel mercato. * Trends in the Art Trade during Global Recession: The International Art Market ** artdaily.org: Sotheby's Contemporary Art Auction Realises $62 Million-Within Pre-Sale Expectations 17

18 Investimenti in Old Masters Il segmento degli Old Masters è stato il più stabile nel corso della crisi finanziaria. Il fatturato del segmento ha dimostrato meno volatilità rispetto agli altri segmenti, registrando crescite o riduzioni più contenute sia pre sia post crisi. Gli investitori in questo segmento tendono ad essere collezionisti privati di lungo termine e operatori commerciali. Entrare in questo segmento di mercato è più difficile datochelerelativeoperesonoquelledialtafasciae l investimento richiede una grande disponibilità di liquidità e la possibilità di mantenere una strategia d investimento a lungo termine. Gli investimenti in questo segmento di mercato tendono a conservare il loro valore meglio che negli altri. Uno dei benefici di acquisire quote degli Art Funds è quello di poter investire in questo segmento con un costo d investimento dinvestimentopiù basso. A seguito della crisi finanziaria, c è stata un inversione di tendenza nel modello di consumo degli High Net Worth Individualschescelgonodiinvestireinbenidilussochemantenganoillorovaloredimercatoneltempo,unadelle peculiarità delle opere degli Old Masters, a discapito degli investimenti in macchine di lusso, jets e yachts. 18

19 Investimenti nei mercati emergenti Asia La crescita dei mercati artistici emergenti, ha aiutato a supportare il mercato mondiale mentre le vendite in occidente si riducevano sotto l effetto della recessione. Nei mercati asiatici, l arte cinese detiene la più ampia quota di mercato in termini di valori e volumi. Il secondo e terzo posto per grandezza appartengono al Giappone e alla Corea, che anche congiuntamente non riescono però a raggiungere la Cina. Nl Nel periodo compresofra il 2005 ed il 2009, le vendite di opere cinesi i ammontano ad oltre $ 3 miliardi ben al di sopra di quelle coreane e giapponesi (Fig.1). Sebbene la media dei prezzi delle opere cinesi sia del 150% maggiore di quella del Sud Est Asiatico e del 356% di quella delle opere giapponesi e coreane, la crescita del prezzo medio delle opere cinesi (+103% dal 2005 al 2009) è stata inferiore rispetto a quella del Sud Est asiatico (+111%) e soprattutto di quella giapponese (+305%). Nella prima metà del 2010 i ricavi delle case d asta di Hong Kong sono cresciute a 322 milioni continuando a crescere rispetto al precedente picco di 212 milioni nello stesso periodo del * Questa ripresa delle transazioni nel 2010 riflette la rapida crescita High Net Worth Individuals in Cina. Fig 1. Fig 2. Chinese Arte cinese Art (Total (Vendite sales) totali) South Arte Asian del SudArt Est (Total Asiatico sales) (Vendite totali) Arte del Japanese Arte giapponese & Korean e Art coreana (Total (Vendite sales) totali) Chinese Arte cinese Art (Lots (lotti offered) in vendita) Arte Arte giapponese e Chinese Art South Sud Asian Est Art Japanese & Korean Art Arte del Sud Est Asiatico (lotti in vendita) cinese coreana South Asian Art (Lots offered) Japanese Arte giapponese & Korean e Art coreana (Lots(lotti offered) in vendita) Asiatico Vendite tota ali ($ mln) Lotti in vendita (000) Prezzo medio ($.000) Fonte: Art Market Monitor Chinese market dominance of Asian market. 19 * Artprice:, Art Market Insight: Overview of he art auction market during the first half of 2010.

20 Investimenti nei mercati emergenti India Le recenti aste di arte indiana di Sotheby s e Christie s s a New York, hanno registrato prezzi sperioririspetto superiori rispetto alle aspettative, cosa che ha fatto nascere un certo scetticismo fra gli analisti che considerano questo mercato poco trasparente e incline alla speculazione. Altri sostengono che i prezzi registrati in questo periodo siano stati il frutto di arguti investitori piuttosto che da compratori generosi. Le case d asta dichiarano che il mercato oggi non è più oggetto di speculazioni come nel e che i prezzi registrati nel corso delle aste sono un forte indice del valore reale. Nel 2008 l India lindiadetenevadeteneva il maggior numero di Art Fund al mondo. * Come accaduto in altri paesi del mondo, molti di questi sono stati liquidati. Un esempio è l Osian Art Fund, un fondo specializzato nel mercato d arte indiano lanciato nel giugno 2006, mentre i prezzi dell arte indiana vivevano erano ai loro massimi e il mercato sembrava crescere ad un tasso del 100%. Inizialmente il fondo sembrava avere un grande successo ed investì in 146 artisti 20 dei quali rappresentavano il 75% del portafoglio. Alla metà del 2009 il fondo fu pesantemente colpito dalla crisi e le opere in portafoglio perdettero gran parte del loro valore. La liquidazione del fondo è ad oggi conclusa e solamente una parte dei partecipanti è stata rimborsata. Come citato da Forbes India Magazine Osian Art Fund was a big fish in a small pond. Now the pond has little water and Osian is struggling to breath. Tuttavia ciò non ha impedito la creazione di nuove startup, come ad esempio il Crayon Capital Art Fund, che si sta preparando a lanciare un nuovo fondo. I manager del fondo considerano che il mercato indiano abbia un enorme potenziale di crescita simile a quello registrato fra il 2001 e il 2006 dove il valore del mercato è passato da $ 2 milioni a $ 400 milioni. L Art Fund Group aveva inizialmente previsto di lanciare il suo fondo di arte indiana nel 2009 ma lo ha poi posticipato in attesa che il mercato indiano si stabilizzi. Secondo il management del fondo, il mercato indiano ha sperimentato un ampio numero di speculazioni nel periodo d oro doro tra 2007 e 2008 e ritiene che i prezzi debbano ancora stabilizzarsi e attendono che l interesse per questo mercato cresca prima di dare vita al fondo. 20 *Fine Art Wealth Management: Art Fund Tracker.

21 Investimenti nei mercati emergenti Arte Medio Orientale Nl2008 Nel il mercato artistico i dlmdi del Medio Oi Oriente ha registrato una crescita compresa tra $ 15 milioni i e $ 30 milioni. i Gli investitori in questo mercato erano per il 59% medio orientali, per il 31% Europei, per l 8% Americani e per il rimanente 2% di altra nazionalità. * Christie s i tentando di capitalizzare lo sviluppo di questo mercato ha aperto,nell aprile 2005, una nuova casa d asta a Dubai. Il Business Plan prevedeva un fatturato di $ 30 milioni fra il 2006 e il Nel giro di 18 mesi la casa d asta ha registrato un fatturato di $ 63 milioni, per la maggior parte attribuibili a gioielli e orologi, superando di gran lunga le aspettative. Malgrado le gallerie in Europa e negli Stati Uniti stanno incrementando l offerta di opere medio orientali, è raro vedere pezzi di tale provenienza in collezioni stabili e il riconoscimento di alcuni dei principali artisti di questi paesi deve ancora avvenire nei mercati riconosciuti. La domanda è ancora prevalentemente guidata da investitori locali e collezionisti i i e conseguentemente ha una forte correlazione con il prezzo dl del petrolio, di driver principale i dll della ricchezza di questi paesi. Art Dubai, organizzata una volta l anno dalla più grande fiera di arte contemporanea della nazione, è una partnership trail DbiI Dubai International Financiali Centre e l Abraaj Capital Ld Ltd (fondo di Pi Private Equity medio orientale). Il clima finanziario nel periodo in cui è stata organizzata la fiera quest anno (17-20 marzo 2010) non era dei migliori. Dubai aveva rischiato il default nel settembre 2009 ed era stata salvata da Abu Dhabi con fondi per circa $ 80 miliardi necessari a coprire le necessità di breve periodo. Malgrado ciò la fiera ha contato visitatori, ii i il 28% in più rispetto all anno precedente. Tutte le 72 gallerie presenti alla fiera hanno dichiarato che le vendite erano rimaste stabili, se non addirittura aumentate, malgrado il clima di mercato. ** 21 *Portfolio.com: The Other Middle East Talks ** Art Dubai 2010 highlights Diversity

22 Il mercato italiano dell Arte

23 Il mercato italiano dell Arte Nel 2009 il fatturato registrato in Italia nel settore Arte ha raggiunto 1,06 miliardi con una diminuzione del 46% rispetto al La riduzione ha colpito tutti i segmenti del settore, anche se quello che ha subito i maggiori effetti è stato quello dell arte contemporanea, in linea con i trend individuati per il mercato mondiale. La stabilizzazione del mercato mondiale dovrebbe comunque portare ad un effetto similare al mercato italiano. Il fatturato del settore deriva principalmente dalle case d asta (46-48%), seguite dagli operatori commerciali specializzati in arte antica (34-36%) e dalle gallerie (18-20%). Nonostante la ridotta quota di mercato, le gallerie sono quelle che in Italia riescono ad ottenere i maggiori ritorni in termini di commissioni grazie alla possibilità di applicare mark up maggiori sulle opere. Il segmento delle case d asta in Italia è rappresentato da cinque operatori principali: Finarte (società italiana quotata), Sotheby s (società inglese quotata a New York), Christie s s (società americana), Farsetti (società italiana) e Pandolfini (società italiana). Questi operatori rappresentano congiuntamente la grande maggioranza del fatturato derivantedaastegeneratoinitalia. In Italia esiste una legislazione più stringente in tema di Arte, la stessa infatti limita il numero di case d asta dasta e l esportazione delle opere. Tali limitazioni portano a ridurre sia l offerta sia la domanda facendo registrare un minor numero e controvalore di transazioni rispetto ad altri stati come la Francia e il Regno Unito in Europa.* Dato il ridotto numero di operatori, il mercato italiano risulta essere fortemente concentrato e protezionistico e il fatturato è prevalentemente generato da transazioni di minore entità creando maggiori rischi di liquidità. 23 *Art Magazine:Arcadja: Art Market 2009

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO 1 Applicando questa metodologia, nel 2009 il valore a livello mondiale dell internet economy poteva essere stimato,

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli

Bet Analytics. www.bet-analytics.com. Founder: Antonino Marco Giardina

Bet Analytics. www.bet-analytics.com. Founder: Antonino Marco Giardina Bet Analytics www.bet-analytics.com One Line Pitch: Nuova forma di investimento alternativa basata sullo sport e non correlata all andamento dei mercati finanziari Settore: Alternative investment - Betting

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO Merrill Lynch: Brunswick Ana Iris Reece Gonzalez aireece@brunswickgroup.com Natasha Aleksandrov naleksandrov@brunswickgroup.com +39 02 92 886200 / 03 Capgemini: Community - consulenza nella comunicazione

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE

TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE DOCUMENTO PUBBLICITARIO TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE CON BGF FIXED INCOME GLOBAL OPPORTUNITIES FUND (FIGO) È un nuovo mondo per i mercati obbligazionari. È quindi giunto il momento di considerare un approccio

Dettagli

UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE

UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE AD USO ESCLUSIVO DEI CLIENTI PROFESSIONALI E DEGLI INVESTITORI QUALIFICATI UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE BLACKROCK GLOBAL FUNDS (BGF) GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND Un fondo, tre possibili

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio. consolidato IAS/IFRS e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2011.

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio. consolidato IAS/IFRS e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2011. Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato IAS/IFRS e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2011 Valore della produzione consolidato a 6,91 milioni di Euro nel 2011 (6,39 milioni

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments Copertura Valutaria COSA E LA COPERTURA VALUTARIA? La copertura valutaria è utilizzata allo scopo di ridurre l effetto causato sui rendimenti dalle fluttuazioni dei tassi di cambio. I movimenti valutari

Dettagli

Insider. Osservatorio trimestrale sulle preferenze dei promotori finanziari in termini di fondi

Insider. Osservatorio trimestrale sulle preferenze dei promotori finanziari in termini di fondi Insider Osservatorio trimestrale sulle preferenze dei promotori finanziari in termini di fondi Aprile 2015 Il valore aggiunto target qualificato di un Advisor Insider nasce nella primavera del 2014 con

Dettagli

Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7%

Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7% Informazione al pubblico ai sensi della Delibera Consob n.11971 del 14 maggio 1999 Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7% Milano 15 maggio

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2013

Comunicato Stampa 12 novembre 2013 Landi Renzo: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2013. o Fatturato pari a 164,6 (203,4 milioni di euro al 30 settembre 2012) o EBITDA pari a 8,1 milioni di euro (23,7 milioni

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

5,00 %. Si tratta dell'importo massimo che verrà detratto dal vostro investimento prima sottoscrizione

5,00 %. Si tratta dell'importo massimo che verrà detratto dal vostro investimento prima sottoscrizione Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO 2008 2012

ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO 2008 2012 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione UIBM ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO AUTO E MOTO. RICAMBI E ACCESSORI

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company ha esaminato i dati del primo trimestre 2013 e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione In un contesto di arretramento del mercato

Dettagli

Commodity Real Return Fund

Commodity Real Return Fund Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Commodity Real Return Fund

Commodity Real Return Fund Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO.

SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO. PAC sui Fondi Etici - 2013 Un piccolo risparmio per un futuro più sostenibile. fondi etici, l investimento responsabile. SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO. CAMBIARE I DESTINATARI DEGLI INVESTIMENTI PER COSTRUIRE

Dettagli

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6%

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Milano, 13 novembre TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto

Dettagli

EBITDA pari a 13,2 milioni di Euro nel quarto trimestre 2002

EBITDA pari a 13,2 milioni di Euro nel quarto trimestre 2002 Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Tiscali ha approvato i risultati del quarto trimestre 2002. Raggiunto l obiettivo del pareggio a livello di EBITDA per l esercizio 2002 EBITDA pari a 13,2 milioni

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori 12 febbraio 2015

Informazioni chiave per gli investitori 12 febbraio 2015 Informazioni chiave per gli investitori 12 febbraio 2015 Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di

Dettagli

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Insider Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Secondo trimestre 2014 Promotori stregati dagli emergenti Torna la voglia di emergenti tra i promotori finanziari in un contesto di magri

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI Nel 2011, il fatturato consolidato è stato di 38 milioni di euro Eurocons S.c. a r.l. ha chiuso con un risultato netto di 838 mila euro Euroenergy

Dettagli

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Insider Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Primo trimestre 2014 I promotori puntano sulle Borse Europee Chi va a caccia di rendimenti nei prossimi 6 mesi dovrà poter contare su

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI

IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: CRITICITÀ ED OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa I temi di approfondimento

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori

Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Fidelity Active STrategy Febbraio 2015 - Italia Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Fidelity Worldwide Investment

Fidelity Worldwide Investment Fidelity Worldwide Investment Indice 1 Mission 2 Attività e numeri 3 Contatti 4 Sito Web 2 Fidelity: fare poche cose e farle bene Focus La nostra attività principale è la gestione dei fondi, evitando così

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

Confronto Europa - USA

Confronto Europa - USA Novembre 2012 Confronto Europa - USA Uwe Zoellner Gestore di Portafoglio Franklin European Group Grant Bowers Vice Presidente Gestore di Portafoglio Franklin European Group Domanda Qual è la vostra visione

Dettagli

Catlin Group Limited Interim Management Statement

Catlin Group Limited Interim Management Statement Catlin Group Limited Interim Management Statement HAMILTON, Bermuda - Catlin Group Limited ( 'CGL'; London Stock Exchange), la proprietà internazionali di specialità / assicuratore sinistri e riassicuratore,

Dettagli

Leading the Intelligent ETF Revolution

Leading the Intelligent ETF Revolution Gli ETF Intelligent Access di Invesco PowerShares Libero accesso ai mercati Leading the Intelligent ETF Revolution Il presente documento è destinato esclusivamente agli investitori professionali e non

Dettagli