IL QUADRO DI RIFERIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL QUADRO DI RIFERIMENTO"

Transcript

1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. LE VALENZE OPERATIVE, COMPORTAMENTALI E CULTURALI DEL CONTROLLO DI GESTIONE di Angelo Riccaboni 1.1. Il controllo di gestione: nozione, caratteristiche e articolazione pag Nozione pag Elementi fondamentali del sistema di controllo pag Ruolo delle misurazioni interne pag Attività di controllo e governo aziendale pag Controllo e cultura dei risultati pag L affermazione dell orientamento ai risultati pag Orientamento ai risultati e controllo pag Significato ed implicazioni della cultura dei risultati pag Il nuovo ruolo del controllo di gestione pag Caratteristiche degli indicatori di performance pag Cultura dei risultati e cambiamento nella distribuzione del potere pag Dimensione «materiale» e «immateriale» del controllo pag Componenti della dimensione materiale pag Componenti della dimensione immateriale pag Relazioni fra dimensione materiale, dimensione immateriale e altri fattori pag L effettivo ruolo del controllo pag Le possibili conseguenze del controllo di gestione pag Superare «il mito» degli indicatori pag Approfondire gli aspetti istituzionali e culturali del controllo pag Il controllo come «pratica sociale istituzionalizzata» pag Il controllo come accumulatore e diffusore di valori pag Il cambiamento nei sistemi di controllo e nella cultura interna pag Il controllo come strumento di regolazione dei «trade-off» interni pag I trade-off gestionali pag Il controllo di gestione come strumento di regolazione interna pag Le altre forme di controllo pag Il controllo delle azioni pag Il controllo del personale e della cultura interna pag. 37 XIX

2 2. GOVERNO E CONTROLLO AZIENDALE TRA TRADIZIONE E NUOVE BEST PRACTICES di Cristiano Busco 2.1. Introduzione pag La governance integrata pag Il dibattito sulla Corporate Governance: la compliance pag La performance pag Il rischio pag La gestione delle conoscenze aziendali (knowledge management) pag Le quattro dimensioni della governance integrata pag Governo aziendale e controllership: il caso General Electric pag La cultura della «controllership» in GE pag Il ruolo dei sistemi di controllo e della funzione Financial Planning and Analysis pag Il «Management System» pag Riflessioni conclusive pag DEFINIRE E IMPLEMENTARE IN AZIENDA IL SISTEMA DI MISURAZIONE DEI RISULTATI di Elena Giovannoni 3.1. I sistemi di misurazione dei risultati: nozione e scopo pag Il framework di riferimento pag La scelta degli indicatori pag Il processo di sviluppo pag Implicazioni comportamentali e meccanismi informali pag Riflessioni di sintesi pag. 84 METODOLOGIE, STRUMENTI ED ESPERIENZE 4. DALLA PIANIFICAZIONE AZIENDALE AL BUDGET STRATEGICO di Michela Magliacani 4.1. Introduzione pag La pianificazione strategica: profili nozionistici pag La formulazione delle strategie pag Piano industriale e budget strategico pag Pianificazione aziendale e gestione del cambiamento: la TV digitale terrestre pag La TV digitale terrestre: un settore in fieri pag. 105 XX

3 4.3.2 Il piano industriale ed il budget strategico di un ipotetico «operatore di rete» pag Conclusioni pag IL PROCESSO DI CONTROLLO E LA MAPPA DELLE RESPONSABILITÀ di Simona Arezzini 5.1. Introduzione pag Il processo di controllo pag Il processo di pianificazione strategica pag La definizione della missione aziendale pag L analisi della situazione di partenza pag La definizione delle strategie pag La costruzione del piano industriale pag Fasi del processo di controllo pag La programmazione pag La preparazione del budget pag La misurazione e il reporting pag La valutazione dei risultati raggiunti pag Stile di controllo pag Modelli di controllo: partecipativo e autoritario pag Il grado di rigidità del controllo pag Condizioni per l efficacia del processo di controllo pag Soggetti coinvolti pag Benefici implementativi e attuazione del processo di controllo pag I centri di responsabilità pag Processo di delega pag Condizioni per l efficacia del processo di delega pag Vantaggi introdotti dalla presenza di un processo di delega pag Articolazione dei centri di responsabilità finanziaria pag Centri di costo pag Centri di ricavo pag Centri di profitto pag Centri di investimento pag Misurazione delle performance dei titolari dei centri di responsabilità pag Differenze con la valutazione delle performance dei centri di responsabilità pag L influenza dei prezzi di trasferimento pag. 145 XXI

4 Il ruolo degli indicatori di performance pag Conclusioni pag IL REPORTING DIREZIONALE di Michela Magliacani 6.1. Introduzione pag Definizione, finalità e caratteri pag Struttura e contenuto del reporting pag Forma del reporting pag La frequenza dell elaborazione pag La tempestività della presentazione pag L affidabilità e l attendibilità del reporting pag Come implementare il sistema di reporting pag Reporting e contesto economico-aziendale pag Reporting e contesto organizzativo pag Modelli di reporting a confronto pag Il sistema di reporting «tableau de bord» pag Il reporting «Balanced Scorecard» pag I tradizionali modelli di reporting: analisi comparata pag Nuovi orientamenti nella «cultura del controllo»: verso il modello di eco-reporting pag Misurazione delle performance e reporting direzionale: il caso di un azienda di mobilità urbana pag Il caso Siena Parcheggi S.p.A. pag L evoluzione del controllo di gestione e del relativo sistema di reporting pag Osservazioni di sintesi e sviluppi futuri pag Conclusioni pag IL BUSINESS PLAN E IL PIANO INDUSTRIALE di Maria Pia Maraghini 7.1. Introduzione pag Il business plan e il piano industriale pag La pianificazione e la programmazione di un iniziativa imprenditoriale pag La necessità di redazione di un Piano strategico pag Le funzioni del Piano strategico pag Finalità interne pag Finalità esterne pag I contenuti del Piano strategico pag Il processo di redazione del Piano strategico pag. 223 XXII

5 7.6.1 Descrizione dell idea e del progetto imprenditoriale pag Presentazione dei proponenti il progetto, delle persone chiave e delle istituzioni eventualmente coinvolte pag Raccolta ed analisi dei dati e delle informazioni essenziali alla verifica dei rischi e delle opportunità dell iniziativa pag Scelta della strategia da attuare pag Determinazione delle risorse economico-finanziarie ed organizzative pag Sintesi e decisione finale pag Analisi di sensitività pag Definizione di obiettivi misurabili pag Redazione definitiva del piano pag Controllo, revisione e aggiornamento del piano pag Suggerimenti pratici per formulare un Piano strategico efficace pag Riflessioni conclusive pag CARATTERISTICHE, SCOPI E REDAZIONE DEL BUDGET AZIENDALE di Federico Barnabè 8.1. Introduzione pag Le caratteristiche principali del budget pag Le principali funzioni del budget pag Specifiche funzioni associate al budget pag L iter di redazione del budget pag La composizione del budget aziendale pag Presupposti di formulazione del budget pag Una possibile agenda per il processo di budgeting pag Il budget commerciale pag Il budget delle quantità vendute e dei ricavi pag Il budget dei costi commerciali pag Il budget della produzione pag Politica delle scorte pag Fattori produttivi impiegati e costi standard pag Le sub-dimensioni del budget di produzione pag Il budget delle materie prime pag Il budget della manodopera diretta pag Il budget delle altre spese generali tecniche pag. 299 XXIII

6 9. DAL BUDGET DELLE «ALTRE AREE» AL BUDGET GLOBALE di Federico Barnabè 9.1. Il budget delle altre aree funzionali pag Costi discrezionali e costi vincolati pag Possibili approcci per la definizione dei costi discrezionali pag Incremental budgeting pag Lo zero-based budgeting pag Le principali fasi dello ZBB pag Il budget dell area ricerca e sviluppo pag Il budget degli investimenti pag Le principali caratteristiche del budget degli investimenti pag La valutazione e la selezione dei progetti di investimento pag Il consolidamento dei budget settoriali pag Il budget economico pag Corretta imputazione degli oneri finanziari pag Duplicazione di costi e ricavi pag Il budget finanziario pag Il budget delle fonti e degli impieghi pag Il budget di cassa pag Il budget patrimoniale pag Caso Azienda Omega pag Vantaggi e limiti associati all uso del budget pag Vantaggi del budget pag Inconvenienti e limiti nell utilizzo del budget pag Un caso aziendale sul processo di redazione del budget il caso Data.net pag Obiettivi conoscitivi ed articolazione del caso pag Presentazione dell azienda pag Informazioni utili per la redazione del budget pag Obiettivi di budget e raccordo con il piano strategico aziendale pag LA CONTABILITÀ DEI COSTI: PRINCIPI BASE ED APPROCCI METODOLOGICI TRADIZIONALI di Michela Maglicani Introduzione pag I principi di base della contabilità dei costi pag L oggetto di rilevazione pag. 396 XXIV

7 La tempistica di riferimento pag Le principali classificazioni dei costi dei fattori produttivi pag Le configurazioni del costo di produzione pag I procedimenti analitici per la determinazione del costo del prodotto fabbricato/servizio reso pag La determinazione del costo del prodotto/servizio per centri di responsabilità pag Caso «Azienda Campitello S.p.A.» pag Il supporto della contabilità analitica alle decisioni aziendali pag Caso «Ferma S.p.A.» pag L Activity Based Costing: un approfondimento pag La genesi dell Activity Based Costing pag Nozione e principi cardine dell ABC pag La progettazione ed il funzionamento dell ABC pag Caso «Hotel Royal Meridien S.p.A.» pag ABC e contabilità analitica per centri di responsabilità: un confronto pag L ANALISI DELLE VARIANZE A SUPPORTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE di Elena Giovannoni Il ciclo del controllo pag La nozione di «varianza» pag La varianza nei costi variabili pag Le materie prime dirette pag La mano d opera diretta pag La varianza nei costi fissi pag La varianza nel costo dei servizi tecnici pag La varianza nei ricavi pag L azienda produce un solo modello di prodotto pag L azienda produce più modelli di prodotto pag Le cause elementari delle varianze pag La scomposizione della varianza nel costo delle materie prime pag La scomposizione della varianza nel costo della mano d opera diretta pag La scomposizione della varianza nel costo dei servizi tecnici pag La scomposizione della varianza nei ricavi pag L azienda produce un solo modello di prodotto pag. 455 XXV

8 L azienda produce più modelli di prodotto pag L ANALISI DI BILANCIO E GLI INDICATORI DI PERFORMANCE di Michela Magliacani Introduzione pag Alcune precisazioni concettuali pag La metodologia di analisi pag La riclassificazione di bilancio pag Riclassificazione dello Stato Patrimoniale pag Riclassificazione del Conto Economico pag L analisi per indici pag Indicatori statici pag Indicatori dinamici pag Un caso aziendale pag IL RENDICONTO FINANZIARIO SINTETICO di Maria Pia Maraghini Introduzione pag Il rendiconto finanziario pag La disciplina nazionale e internazionale in materia di rendiconto finanziario pag Le finalità e i contenuti del rendiconto finanziario pag La risorsa finanziaria di riferimento pag Le fasi di redazione pag Il rendiconto finanziario sintetico di indebitamento netto pag L indebitamento netto pag Le fasi di redazione pag Considerazioni di sintesi pag VALUTAZIONE E INCENTIVAZIONE DEL PERSONALE di Alessandro Bacci Introduzione pag Funzioni e caratteri dei sistemi incentivanti pag Progettare i sistemi di incentivazione pag Destinatari degli incentivi pag Indicatori di performance pag Balanced Scorecard e sistema incentivante pag Incentivi di breve e medio lungo termine pag Incentivi individuali e di gruppo pag Entità degli incentivi e legame con i risultati pag La gestione degli eventi incontrollabili pag. 539 XXVI

9 Quadro di sintesi sui sistemi di incentivazione pag La valutazione della prestazione pag Progettare un sistema di valutazione della prestazione pag Valutare la prestazione nelle PMI pag Caso PMI settore plastico: sistemi di incentivazione pag Caso PMI: erogazione della retribuzione variabile pag L incentivazione in aziende orientate al valore pag L Eva come strumento di incentivazione pag Caso Pirelli: sistemi di incentivazione pag Incentivare con la partecipazione finanziaria pag Partecipazione monetaria ed azionaria pag Partecipazione opzionaria: le stock option pag Conclusioni pag ECONOMIC VALUE ADDED di Andrea Melis, Silvia Gaia, Giulia Leoni, Simone Aresu Introduzione pag Economic value added: concetto e principi generali pag L EVA come strumento per prendere decisioni in azienda pag Le principali rettifiche alle voci di bilancio per il calcolo del NOPAT e del CI pag Avviamento pag Costi pluriennali pag Oneri di ristrutturazioni aziendali pag Rideterminazioni di valore delle immobilizzazioni pag Immobilizzazioni acquisite in leasing pag Trattamento di fine rapporto (TFR) pag Rimanenze di Magazzino pag Fondi rischi e fondi oneri pag Compensi basati su azioni pag Il calcolo del costo del capitale investito pag Il calcolo dell EVA: un caso applicativo pag Calcolo dell EVA dell azienda Gamma pag Calcolo dell EVA dell azienda Omega pag Giudizio di valore sulle aziende Gamma e Omega pag Osservazioni conclusive e principali limiti dell EVA pag. 629 XXVII

10 PRATICHE INNOVATIVE 16. LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE IN CHIAVE STRATEGICA: LA BALANCED SCORECARD di Cristiano Busco, Alessandro Bacci, Alessandro Saviotti e Sara Tommasiello Introduzione pag La descrizione della strategia: le Strategy Map pag La misurazione della strategia: le Balanced Scorecard pag La gestione della strategia: l azienda strategy-focused pag Dal budget alla BSC in un azienda di abbigliamento pag L azienda Monnalisa S.p.A. pag Il controllo di gestione in Monnalisa S.p.A. pag L introduzione della Balanced Scorecard in Monnalisa S.p.A. pag L implementazione della BSC: il modello logico pag I risultati emersi nella prima fase di implementazione pag L evoluzione del sistema Balanced Scorecard pag Conclusioni pag BUSINESS PROCESS REENGINEERING di Alessandro Saviotti Introduzione pag Gestire l azienda per processi pag Tipologie di intervento sui processi aziendali pag Finalità del Business Process Reengineering pag Le fasi del processo di BPR pag Attività preliminari pag Analisi e mappatura dei Processi (AS-IS) pag Analisi del valore (Gap Analysis) pag Pianificazione dei nuovi processi (TO-BE) pag Attuazione, Misurazione e Verifica pag Requisiti per la gestione del cambiamento nel BPR pag BPR e controllo di gestione pag Un caso applicativo di BPR pag Considerazioni di sintesi pag Il ruolo del BPR pag Vantaggi del BPR pag Fattori chiave da considerare pag. 700 XXVIII

11 18. IL BENCHMARKING di Alessandro Saviotti Introduzione pag Origini pag Definizione pag Elementi caratterizzanti pag Continuità e sistematicità pag Focus sui processi pag Misurazione dei risultati pag Confronto con i migliori pag Nuovi obiettivi e prassi di processo pag Benefici e rischi del benchmarking pag Principali benefici pag Principali rischi pag Requisiti di base per l applicazione pag Tipologie di benchmarking pag Classificazione in base alle «finalità» pag Classificazione in base ai «soggetti coinvolti» pag Classificazione in base all «oggetto del confronto» pag Classificazione in base all «ambito di applicazione» pag Classificazione in base alle «risultanze del confronto» pag Classificazione in base alla «prassi operativa» pag Un cenno sulle altre tecniche di confronto: l analisi competitiva pag Processo di benchmarking pag Processo di pianificazione pag Processo di esecuzione pag Processo di innovazione pag Processo di gestione pag Benchmarking e controllo di gestione pag Pianificazione e programmazione pag Controllo e misurazione pag Considerazioni di sintesi pag NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE PER IL CONTROLLO DI GESTIONE di Monica Bianchini e Maria Pia Maraghini Introduzione pag Le nuove tecnologie per i processi di pianificazione e controllo di gestione pag. 748 XXIX

12 19.3. Il supporto nella messa a disposizione delle informazioni di base pag Il supporto nella gestione dei dati e delle informazioni per le decisioni pag Il Datawarehouse pag I sistemi di Business Intelligence pag Il supporto alla conoscenza necessaria per i processi di pianificazione e controllo pag La gestione del cambiamento per l adozione dei nuovi strumenti ICT pag SISTEMI DI SUPPLY CHAIN MANAGEMENT PER IL CONTROLLO DI GESTIONE di Federico Barnabè Introduzione pag Il quadro di riferimento pag I concetti di Supply Chain e Supply Chain Management pag Elementi introduttivi pag La struttura generica di una Supply Chain pag Strumenti e processi per il Supply Chain Management pag La misurazione delle performance in un sistema di Supply Chain Management pag Un primo framework di riferimento pag Il modello Supply Chain Operations Reference (SCOR) pag La Balanced Scorecard per la Supply Chain pag Implicazioni gestionali ed organizzative dei sistemi di SCM pag Riflessioni di sintesi pag IL PROJECT MANAGEMENT di Simona Arezzini Introduzione pag Gli aspetti caratterizzanti il Project Management pag La pianificazione e il controllo pag La gestione delle risorse umane pag Le condizioni per l efficacia del Project Management pag I limiti del Project Management pag Il processo di realizzazione del progetto pag La fase di concezione e definizione del progetto pag La fase di programmazione del progetto pag. 830 XXX

13 La fase di realizzazione pag La fase di completamento e valutazione del progetto pag Gli strumenti e le metodologie a supporto della gestione del progetto pag La schedulazione delle attività pag L analisi economico finanziaria pag L attribuzione degli «obiettivi economico-finanziari e non» ai singoli responsabili del progetto pag Il Project Management e il controllo di gestione pag Il Project Financing come tecnica di finanziamento del progetto pag Considerazioni di sintesi pag CAPITALE INTELLETTUALE E CREAZIONE DI VALORE di Pasquale Ruggiero Introduzione pag L economia dell intangibile: sviluppo e caratteristiche pag L intangibilità aziendale nella fase di «input» e di «output» pag L economia degli intangibili: le principali caratteristiche pag Dall innovazione operativa all innovazione manageriale pag La «conoscenza» come risorsa: aspetti strategici e di valutazione pag La conoscenza nell approccio «resource-based» pag Market to book value pag «Q» di Tobin pag Calculated Intangibile Value (CIV) pag La visione dinamica della conoscenza in azienda: verso il capitale intellettuale pag Il processo di creazione della conoscenza pag La tassonomia del capitale intellettuale pag Il Bilancio intellettuale pag Considerazioni di sintesi pag LEAN MANAGEMENT di Alessandro Agnetis, Alessandro Bacci, Elena Giovannoni Introduzione pag Lean thinking: logiche, strumenti e processi pag I principi lean pag Strumenti e tecniche della lean pag Lean management e controllo di gestione pag. 899 XXXI

14 23.4. Il lean thinking nei servizi pag Il lean thinking nelle Amministrazioni Pubbliche pag Il lean in Sanità pag Riflessioni di sintesi pag TURNAROUND MANAGEMENT E CAMBIAMENTO: I SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO di Francesca Trovarelli Introduzione pag Il processo di risanamento aziendale pag Definire e gestire il turnaround pag Contesto, contenuto e processo del turnaround pag Turnaround management e cambiamento aziendale pag I sistemi di Pianificazione e controllo per il risanamento pag Riflessioni conclusive pag STRATEGIA, RISCHIO E PERFORMANCE: UN APPROCCIO INTEGRATO di Sonia Quarchioni Introduzione pag Performance e creazione di valore nella prospettiva dell Integrated Reporting pag La gestione del rischio in ottica integrata pag Strategia, rischio e performance: il caso Gold Fields pag Riflessioni conclusive pag METODI «AGILI» PER IL CONTROLLO DI GESTIONE di Loredana G. Smaldore Introduzione pag Agile project management pag Una possibile integrazione tra Budgeting e Agile Project Management pag Un processo «agile» per la redazione del budget pag Il processo agile per la redazione del budget pag I ruoli dell agile budgeting: focus sulle relazioni tra Product Owner e Scrum Master pag Discussione e conclusioni pag. 965 XXXII

15 27. BUSINESS MODELS, SOSTENIBILITÀ E CONTROLLO DI GESTIONE di Giacomo Fabietti Introduzione pag Il concetto di business model pag Sostenibilità: significato ed importanza pag Business models e sostenibilità: i «business models sostenibili» pag Business model sostenibili: esempi dalla letteratura pag Controllo di gestione e business models sostenibili: alcune riflessioni pag Conclusioni pag CONTROLLO DI GESTIONE E RENDICONTAZIONE SOCIO-AMBIENTALE di Patrizio Monfardini 28.1 Introduzione pag Rendicontazione socio-ambientale e performance: alcuni cenni pag Gli strumenti della rendicontazione sociale: il modello GBS pag La prospettiva internazionale sulla rendicontazione sociale: il modello GRI4 pag Modelli di rendicontazione sociale e sistemi di programmazione e controllo: prospettive di integrazione pag Riflessioni conclusive pag BILANCIO INTEGRATO E CONTROLLO DI GESTIONE di Cristiano Busco, Fabrizio Granà Introduzione pag International integrated reporting council (IIRC) pag I concetti fondamentali pag I Capitali pag Il Processo di Creazione del Valore pag I principi guida del framework dell IIRC pag Gli elementi rilevanti pag SASOL Limited pag Overview pag Il Bilancio Integrato in Sasol pag Gli aspetti e i contenuti più rilevanti del bilancio integrato di SASOL pag Riflessioni conclusive pag XXXIII

16 CASI ED ESPERIENZE 30. CONTROLLO DI GESTIONE E FINANCIAL REPORTING NELLE PMI di Maria Cleofe Giorgino e Sergio Paternostro Introduzione pag Il controllo di gestione nelle PMI pag Il concetto di PMI pag Gli strumenti di controllo di gestione adottati dalle PMI pag Il financial reporting nelle PMI pag Il ruolo dell informativa di tipo contabile pag L impostazione contabile nazionale e il nuovo principio contabile internazionale pag L adozione di nuovi principi contabili: impatto sul controllo di gestione pag Metodologia pag L esplorazione di un caso aziendale pag Gli effetti della simulazione sugli indici di bilancio pag La relazione tra financial reporting e controllo di gestione pag Considerazioni di sintesi pag AZIENDE COOPERATIVE DEL TERZO SETTORE: LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE di Maria Cleofe Giorgino e Sergio Paternostro Introduzione pag Le aziende cooperative: riferimenti normativi e caratteri operativi pag Gli elementi definitori pag Le peculiarità del controllo di gestione pag Il controllo delle dinamiche economico-finanziarie delle cooperative pag Le particolarità in tema di rilevazione contabile e di Bilancio di esercizio pag Analisi di bilancio e misure di performance economico-finanziaria pag La rendicontazione sociale nelle aziende cooperative: teoria ed esperienze pag La determinazione della mission della cooperativa pag La fissazione degli obiettivi strategici e specifici pag La verifica dei risultati pag XXXIV

17 La verifica di coerenza tra mission, obiettivi e risultati pag Considerazioni di sintesi pag IL CONTROLLO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LOCALI di Riccardo Mussari, Patrizio Monfardini e Pasquale Ruggiero Introduzione pag Caratteri dell azione pubblica pag Riferimenti normativi essenziali pag Il sistema di programmazione pag Problemi connessi al ruolo della programmazione nella PA pag Il processo di programmazione nelle APL pag Il Piano Esecutivo di Gestione pag Le principali caratteristiche del PEG pag L interazione tra i soggetti nella gestione di una APL pag Il PEG come modello di gestione per obiettivi pag PEG e responsabilizzazione per i risultati pag Contenuti e funzioni del PEG pag Assegnazione delle risorse finanziarie pag Assegnazione delle risorse umane e materiali pag La definizione degli obiettivi pag Il sistema delle rilevazioni contabili pag Parzialità delle rilevazioni contabili pag Il sistema informativo contabile nelle APL pag Confronto fra i differenti sistemi di rilevazione contabile pag La rilevazione delle registrazioni contabili: caso pag Misurazione e valutazione della performance pag Finalità degli indicatori di performance pag Altre funzioni degli indicatori pag Il giudizio sulle prestazioni della APL: definizioni pag L economicità dei fattori produttivi in input pag Gli indicatori di efficienza pag Gli indicatori di efficacia pag Conclusioni pag IL CONTROLLO DI GESTIONE IN AMBITO SANITARIO di Patrizio Monfardini ed Eugenia Taranto 33.1 Introduzione pag XXXV

18 33.2 Il sistema sanitario regionale toscano pag La società della salute pag Il caso di COeSO-SdS pag Il sistema di programmazione e controllo di gestione in COeSO-SdS pag Le prospettive future pag LA QUALITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE: TEORIA E PRATICA MANAGERIALE di Pasquale Ruggiero, Pietro Patton, Flavia Failoni Introduzione pag Inquadramento teorico e normativo pag Il concetto e gli strumenti della qualità pag Il quadro giuridico di riferimento pag Comune di Trento: programmazione e controllo dei lavori pubblici pag I principi: «Missione, visione e carta dei valori» pag Il Sistema della Qualità Totale nel Comune di Trento pag Gli strumenti della Qualità applicati dal Comune di Trento pag I Modelli applicati: Caf ed Efqm pag Le difficoltà di applicazione pag Il gruppo di miglioramento sui lavori pubblici: costruzione di un nuovo sistema informativo pag Impostazione di un sistema di monitoraggio a supporto della valutazione pag Evoluzione del sistema: la comunicazione esterna pag Possibili ulteriori evoluzioni pag Riflessioni di sintesi pag CICLO DI GESTIONE DELLE PERFORMANCE E BSC NELLE CCIAA: L ESPERIENZA DI MILANO di Alessandro Bacci, Vittoria De Franco Ciclo di gestione delle performance e BSC nelle Camere di Commercio pag La Balanced Scorecard come sistema di pianificazione e controllo strategico ed operativo pag La Balanced Scorecard come sistema multidimensionale di gestione e misurazione della performance pag La Balanced Scorecard come strumento di rendicontazione pag XXXVI

IL QUADRO DI RIFERIMENTO

IL QUADRO DI RIFERIMENTO IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. LE VALENZE OPERATIVE, COMPORTAMENTALI E CULTURALI DEL CONTROLLO DI GESTIONE di Angelo Riccaboni 1.1. Il controllo di gestione: nozione, caratteristiche e articolazione pag.

Dettagli

IL QUADRO DI RIFERIMENTO

IL QUADRO DI RIFERIMENTO IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. LE VALENZE OPERATIVE, COMPORTAMENTALI E CULTURALI DEL CONTROLLO DI GESTIONE di Angelo Riccaboni 1.1. Il controllo di gestione: nozione, caratteristiche e articolazione pag.

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

bacciale@unisi.it; bacci@telosconsulting.it

bacciale@unisi.it; bacci@telosconsulting.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALESSANDRO BACCI Indirizzo VIA DI PETROIO 11/E, LOC QUERCEGROSSA, COMUNE CASTELNUOVO B.GA, 53010 SIENA Telefono 333/3527636 0577/47506

Dettagli

bacci@telosconsulting.it

bacci@telosconsulting.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALESSANDRO BACCI Indirizzo VIA DI PETROIO 11/E, LOC QUERCEGROSSA, COMUNE CASTELNUOVO B.GA, 53010 SIENA Telefono 333/3527636 0577/47506

Dettagli

Un sistema integrato per il governo aziendale

Un sistema integrato per il governo aziendale Un sistema integrato per il governo aziendale Le nuove frontiere dei sistemi di misurazione delle performance a cura di Alessandro Saviotti saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Il ruolo «storico»

Dettagli

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance AMMINISTRAZIONE & FINANZA Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance Amedeo De Luca FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced,

Dettagli

La visione e il controllo d impresa alla luce di Basilea 2

La visione e il controllo d impresa alla luce di Basilea 2 In collaborazione con consulenti di formazione integrati in rete Organizza la IV Edizione di Corso di Alta Formazione Imprenditoriale e Manageriale La visione e il controllo d impresa alla luce di Basilea

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

COST ACCOUNTING, BUDGETING & REPORTING

COST ACCOUNTING, BUDGETING & REPORTING - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96 1. Il Lean Thinking Nelle Aziende Di Servizi 1.1 Introduzione... 27 1.2 Significato di azienda di servizi... 28 1.2.1 Intangibilità dei servizi... 29 1.2.2 Contestualità tra produzione e consumo... 29

Dettagli

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Il Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Verona Il controllo di gestione CORSO BASE E AVANZATO Obiettivi Il controllo di gestione ricopre la funzione di insostituibile strumento gestionale e strategico

Dettagli

COST ACCOUNTING, BUDGETING & REPORTING

COST ACCOUNTING, BUDGETING & REPORTING COST ACCOUNTING, BUDGETING & REPORTING 2015 Amministrazione finanza e controllo Z6054 IV Edizione / Formula weekend 2 OTTOBRE 13 NOVEMBRE 2015 REFERENTE SCIENTIFICO DELL'INIZIATIVA Giovanni Fiori, Professore

Dettagli

# $ % $ & # '() * + #./ * #

# $ % $ & # '() * + #./ * # ! " # $ % $ & #! '() * + '( ) (,--./--0 /1020-- #./ * # MODALITA DI FREQUENZA Il Master in Finanza e Controllo di Gestione verrà attivato ANCONA 22 febbraio 2013 31 maggio 2013 07 giugno 2013 BOLOGNA 25

Dettagli

TECNICO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE TECNICO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Operazione Rif. PA n 2010-521/Pr Approvata con Delibera della Giunta Provinciale n 554 del 12 ottobre 2010 I SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL ATTIVITA

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

Sistemi di controllo di gestione

Sistemi di controllo di gestione GIOVANNI AZZONE Sistemi di controllo di gestione Metodi, strumenti e applicazioni Redazione e fotocomposizione: Servizi editoriali Studio Norma, Parma ISBN 978-88-17-05921-3 Copyright 2006 RCS Libri SPA

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI

AREA TEMATICA SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI AREA TEMATICA SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI Controllo di gestione I fondamentali 1 Corso base di controllo di gestione e budget 2 Fondamenti di supply chain 3 Supply chain management 4 Analisi organizzativa

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

LEAN OFFICE & SERVICE

LEAN OFFICE & SERVICE LEAN OFFICE & Percorso di Certificazione Master 2015 People & Organizational Development Realizzato in collaborazione con Telos Consulting Z1139 I Edizione / Executive Education 13 NOVEMBRE 2015 19 DICEMBRE

Dettagli

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.)

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) «One Team for one Theme» ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) Contenuti delle giornate caratterizzanti il percorso Giornata1 - Mercoledì 19 Febbraio 2014 La prossima sfida per l area P&C: Creare

Dettagli

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati L evoluzione dei sistemi di reporting: come costruire un cruscotto aziendale per monitorare l efficacia delle strategie aziendali Milano, 3 Luglio 2010 A cura di Massimo Solbiati 1 Agenda Che cosa significa

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ESECUZIONE DEL BUSINESS PLAN

ESECUZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 IL BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN Chiamato anche piano strategico d azienda o, ancora più semplicemente piano industriale, è il documento maggiormente richiesto dagli investitori, dagli istituti di credito

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PIANIFICAZIONE CONTROLLO PROGRAMMAZIONE AZIONE APPROCCIO «ANTICIPATO» PERCHE E NECESSARIO AFFRONTARE IL FUTURO IN MANIERA ANTICIPATA? MAGGIORE

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX INDICE XIII XV XVII XIX Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Parte prima: Corporate Finance e creazione di valore 5 Capitolo 1 Introduzione alla Corporate Finance: significato, ruolo ed obiettivo

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE e CONTROLLO di GESTIONE D I R E T T O R E S C I E N T I F I C O

Dettagli

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.)

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) «One Team for one Theme» ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) Contenuti delle giornate caratterizzanti il percorso Giornata1 - Mercoledì 18 Marzo 2015 La prossima sfida per l area P&C: Creare

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

INDICE. PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte)

INDICE. PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte) INDICE PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte) Capitolo I BILANCIO PER OBBIETTIVI E PROJECT MANAGEMENT NELL ECONOMIA PUBBLICA IL BILANCIO PER OBBIETTIVI E IL PROJECT MANAGEMENT NELLE

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il processo di Controllo di Gestione Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il Controllo di Gestione è uno strumento guida della gestione aziendale verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010)

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) 1. Contabilità finanziaria 2. Contabilità manageriale 3. Diritto commerciale Elementi chiave dell amministrazione La

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

Utilizzo degli strumenti di BI per una PA più efficiente: la visione di SAS

Utilizzo degli strumenti di BI per una PA più efficiente: la visione di SAS Utilizzo degli strumenti di BI per una PA più efficiente: la visione di SAS Luigi Costa Sales Support Manager SAS Forum PA 2006 9 Maggio 2006 Copyright 2004, SAS Institute Inc. All rights reserved. Agenda

Dettagli

LEAN OFFICE & SERVICE

LEAN OFFICE & SERVICE LEAN OFFICE & Percorso di Certificazione Advanced 2015 People & Organizational Development Realizzato in collaborazione con Telos Consulting Z1138 I Edizione / Executive Education 26 OTTOBRE 2015 24 NOVEMBRE

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Il CONTROLLO DI GESTIONE

Il CONTROLLO DI GESTIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA A.A. 2010 2011 GESTIONE AZIENDALE 2 10.12.2010 Il CONTROLLO DI GESTIONE ESPERIENZE D D AZIENDA Relatore: Dr. Fabrizio Pascucci fabriziopascucci@yahoo.it La Funzione

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 giugno 2014 L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia Dirigente Preposto ex L. 262/05 Premessa Fattori Esogeni nagement - Contesto

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo

Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo Utilizza il contributo aggiuntivo FONDIMPRESA per partecipare gratuitamente ai corsi SKILLAB! Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo 8 EDIZIONE 6 ottobre - 17

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Esercizi per la redazione del Business Plan

Esercizi per la redazione del Business Plan Esercizi per la redazione del Business Plan Una società intende iniziare la sua attività l 1/1/2010 con un apporto in denaro di 20.000 euro. Dopo aver redatto lo Stato Patrimoniale iniziale all 1/1/2010

Dettagli

INDICE. Prefazione... XIII

INDICE. Prefazione... XIII INDICE VII INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO PRIMO IL NUOVO MERCATO (THE NEW MARKET)...1 1. I cambiamenti del mercato...1 2. La concentrazione del potere d acquisto...4 3. La frammentazione dei

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO, BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE

CONTABILITA E BILANCIO, BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: CONTABILITA E BILANCIO, BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Corsi di riqualificazione Caratteristiche

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

UTILIZZO PROFESSIONALE DI MS-EXCEL PER IL CONTROLLO DI GESTIONE

UTILIZZO PROFESSIONALE DI MS-EXCEL PER IL CONTROLLO DI GESTIONE UTILIZZO PROFESSIONALE DI MS-EXCEL PER IL CONTROLLO DI GESTIONE Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo 7 EDIZIONE 3 giugno 25 settembre 2014 SKILLAB Torino - C.so

Dettagli

ICT Financial Management

ICT Financial Management ICT Financial Management L ICT ha un ruolo decisivo per lo sviluppo di servizi innovativi orientati all incremento dei ricavi ormai non più basati solo sui prodotti tradizionali e rappresenterà una leva

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E SISTEMI DI CONTROLLO INTERNO. a cura di Luciano Marchi Antonella Paolini Nicola Castellano.

PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E SISTEMI DI CONTROLLO INTERNO. a cura di Luciano Marchi Antonella Paolini Nicola Castellano. PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E SISTEMI DI CONTROLLO INTERNO a cura di Luciano Marchi Antonella Paolini Nicola Castellano FrancoAngeli ECONOMIA - Ricerche La pubblicazione è stata effettuata nell

Dettagli

corso di specializzazione in Business Administration

corso di specializzazione in Business Administration Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo corso di specializzazione in Business Administration

Dettagli

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni Contabilità generale e contabilità direzionale Definizioni e distinzioni L attività di direzione aziendale Obiettivi strategici Organizzazione aziendale ATTIVITA DI DI DIREZIONE AMBIENTE STRATEGIA SCELTE

Dettagli

Master Controllo di gestione, Finanza e Business plan su excel. Taranto

Master Controllo di gestione, Finanza e Business plan su excel. Taranto Master Controllo di gestione, Finanza e Business plan su excel Taranto Gli obiettivi del Master Controllo di gestione, In collaborazione Finanza con e Business Plan Su Excel Taranto Il Master Controllo

Dettagli

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Come tradurre la strategia in azione a cura di Alessandro Saviotti - saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Costi Cash Flow EVA Return on investmen

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato TEMATICA: Gestione aziendale Amministrazione Sviluppare un modello decisionale attraverso il coordinamento delle

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Come adattare l azienda agli sviluppi del mercato

Come adattare l azienda agli sviluppi del mercato FORMAZIONE IL SOLE 24 ORE Come adattare l azienda agli sviluppi del mercato CONTROLLO DI GESTIONE Pianificare e controllare il business Roma, 3 luglio 2006 Logiche e tecniche di costruzione del budget

Dettagli

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo MASTER POST LAUREA DI II LIVELLO CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo FORMAZIONE AVANZATA ECONOMIA MASTER POST LAUREA DI II LIVELLO CFO.

Dettagli

Business Intelligence e Knowledge Management (V edizione) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof.ssa Cecilia Rossignoli Comitato

Business Intelligence e Knowledge Management (V edizione) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof.ssa Cecilia Rossignoli Comitato Business Intelligence e Knowledge Management (V edizione) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof.ssa Cecilia Rossignoli Comitato scientifico Il Comitato Scientifico è così composto:

Dettagli

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo FORMAZIONE AVANZATA ECONOMIA AREA A Amministrazione e Bilancio MODULO 1 PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI I 25 febbraio 11.00-19.00 Presentazione master

Dettagli

RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni?

RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni? RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni? 1 Le analisi ed evidenze tratte dalle esperienze internazionali Giovanni Valotti

Dettagli

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo FORMAZIONE AVANZATA ECONOMIA AREA A Amministrazione e Bilancio MODULO 1 PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI I 27 febbraio 11.00-19.00 Presentazione master

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 2014/201 5 Amministrazione finanza e controllo Z6047 Formula Week End 24 OTTOBRE 2014 / 20 GIUGNO 2015 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO OBIETTIVI IL PERCORSO TRATTA

Dettagli

Business Design Strategia Organizzazione Controllo di Gestione

Business Design Strategia Organizzazione Controllo di Gestione Lo studio Ronchi & Partners opera nella consulenza di strategia d'impresa con particolare attenzione al settore industriale ad alto contenuto di innovazione. Specializzato in interventi strategici ed operativi

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

IL GOVERNO DELLE ESTERNALIZZAZIONI: IL RUOLO DEL SISTEMA INFORMATIVO

IL GOVERNO DELLE ESTERNALIZZAZIONI: IL RUOLO DEL SISTEMA INFORMATIVO Sistemi direzionali per la P.A. Via Watt, 27 20143 Milano Tel 02.818092809 fax 02-818092816 www.oslo.it info@oslo.it IL GOVERNO DELLE ESTERNALIZZAZIONI: IL RUOLO DEL SISTEMA INFORMATIVO 17 NOVEMBRE ORE

Dettagli

CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE 1. NOZIONE

CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE 1. NOZIONE CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE Sommario: 1. Nozione. 2. L approccio sistemico al controllo di gestione. - 3. Gli strumenti contabili del controllo di gestione (nozioni e rinvio). - 4. I sistemi

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

Master in Bilancio e Amministrazione Aziendale Dipartimento di Economia e Management

Master in Bilancio e Amministrazione Aziendale Dipartimento di Economia e Management Master in Bilancio e Amministrazione Aziendale Dipartimento di Economia e Management PROVVEDIMENTO D URGENZA Nº 2 del 10 febbraio 2014 IL DIRETTORE DEL MASTER IN BILANCIO E AMMINISTRAZIONE AZIENDALE Visto

Dettagli

sfide del ventunesimo Secolo

sfide del ventunesimo Secolo 21 Century Finance Survey Ottimizzare i le potenzialità, garantire i risultati. ti Il CFO di fronte alle sfide del ventunesimo Secolo Copyright 2013 - Business International È vietata la riproduzione,

Dettagli

CAPITOLO 2 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE NEL BILANCIO 2007 di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle

CAPITOLO 2 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE NEL BILANCIO 2007 di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle ANALISI PARTE PRIMA Novità CAPITOLO 1 LA CONTABILIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI SECONDO I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. IL

Dettagli