La grande scommessa. Quanto rende investire in cultura sui territori?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La grande scommessa. Quanto rende investire in cultura sui territori?"

Transcript

1 Seminario 3. La grande scommessa. Quanto rende investire in cultura sui territori? Sintesi del seminario di Ivana Bosso Introduzione di: Alessandro Hinna, Docente di Organizzazione e cambiamento nelle aziende e amministrazioni pubbliche, Università degli Studi di Roma Tor Vergata Moderazione di: Alessandro Bollo, Responsabile Area Ricerca e Consulenza, Fondazione Fitzcarraldo, Torino Interventi di: Michelina Borsari, Direttore scientifico, FestivalFilosofia, Modena Stefano Cima, Unità Strategica Filantropia Valutazione Attività Erogativa, Fondazione CARIPLO Ivana Iachetti, Responsabile Spettacolo e Attività Culturali, Regione Marche, Ancona Giulia Manassero, Centro Studi, Fondazione CRC Note a margine di: Francesco Palumbo, Direttore, Area politiche per la promozione del territorio, dei saperi e dei talenti,regione Puglia Che cosa valutare quando si parla di Cultura? Come fare la valutazione? Partendo da queste due domande, Alessandro Bollo invita il tavolo a declinare le risposte tenendo presente il presupposto che nella valutazione di un progetto culturale, la complessità deve essere resa attraverso un processo di sintesi dei dati più sensibile al campo in cui si rispecchiano i risultati, per evitare un approccio riduzionista al tema della valutazione della cultura in termini sintetici, parziali, seppur facilmente comunicabili. Invitato a introdurre il tema del seminario, Alessandro Hinna propone quindi di partire da una riflessione sulla domanda quanto rende investire in cultura sui territori?, perché essa contiene in sé una provocazione, declinata nell'analisi dei tre termini che costituiscono la domanda: il verbo rendere, il termine territorio e l'avverbio quanto.

2 Rispetto alle società che ci hanno preceduto nel passato, il verbo rendere, assume oggi una particolare rilevanza: gli antichi romani così come i mecenati rinascimentali non si sarebbero sognati di chiedersi se l'investimento in cultura rendeva ; ma nemmeno la tradizione economica a cui ci riferiamo (basti pensare ad Adam Smith) ha considerato la Cultura da questo punto di vista. Questa tradizione è passata anche nel nostro Welfare State. Per certi aspetti considerare la Cultura per la sua resa economica è una domanda nuova, entrata nel dibattito solo da una quindicina di anni. E con la crisi questa domanda si è ancora più attualizzata: lo Stato non può permettersi troppe spese, le aziende comprimono il proprio sostegno e allora c'è il problema della scelta che porta quindi ad orientarsi verso una valutazione dei rendimenti comparati. Ma in questo momento di crisi si corre un rischio: quello di declinare la valutazione della Cultura solo ed esclusivamente sulla base del rendimento economico, come può essere ad esempio la correlazione al turismo indotto. Il secondo termine importante è territorio. In questi anni si è assistito ad un passaggio da modelli di sviluppo di carattere esogeno (cioè gli investimenti arrivano da fuori) a modelli di sviluppo che guardano al territorio valorizzandone le caratteristiche. Questo ha realmente aperto una finestra interessante sul rapporto tra Economia e Cultura, intendendo quest'ultima come infrastruttura fondamentale rivitalizzata con le caratteristiche di un territorio. In questo modo è allora possibile leggere la Cultura anche sulla base dei rendimenti prospettici e non solo comparativi. La terza parola è l'avverbio quanto. Se dobbiamo fare un ragionamento di rendimento, esso si colloca in quello più ampio riferito allo sviluppo locale, che vede la Cultura come uno dei protagonisti dello sviluppo economico. Il fattore del rendimento degli investimenti in rapporto allo sviluppo locale, apre un quadro completamente diverso di motivazioni, di oggetti e di metodi di valutazione della Cultura, per osservare il quale il parametro turistico rappresenta solo uno degli elementi da utilizzare. Sia la Banca Mondiale sia la Comunità Europea utilizzano gli stessi 5 fattori per motivare gli investimenti in interventi in Cultura: Stimola forme nuove di capacità negli individui; Catalizza nuove risorse sul territorio attraverso l'attrazione di capitale intellettuale; Genera reddito attraverso la fruizione (quello su cui ora siamo tutti concentrati); Rafforza il capitale sociale perché lavora sulle politiche di coesione, sulle relazioni e sul tasso di conflittualità; Sviluppa altri settori produttivi cioè esiste la possibilità di essere un settore che fa crossing con altre filiere produttive. L'attuale tendenza a intendere la valutazione del settore culturale come forma di difesa, viene giocata esclusivamente sulla valutazione del risultato mentre sarebbe altrettanto necessaria una valutazione dei processi. Se si cambia oggetto e motivazione, cambia completamente il portafoglio della prassi di valutazione. È un problema complesso nei confronti dei quali si reagisce con la facile via di fuga del riduzionismo semplificante una realtà più complessa.

3 Per Michelina Borsari esiste una questione molto importante legata all'evento culturale inteso come strumento di marketing che deve avere successo turistico. Il problema attuale è che non esistono reali politiche sul Turismo, non solo nel suo rapporto con la Cultura e questo non consente una valutazione appropriata rispetto all'impatto che la manifestazione deve avere. Questa mancanza di politiche fa male al Turismo stesso. Gli elementi che vengono valutati non sono affatto la qualità e la sostenibilità ma il successo in termine di presenze. L'effetto che vuole la Politica che governa un territorio, sono le piazze piene. Il FestivalFilosofia di Modena continua a raccogliere dati perché ha voglia di sapere cosa sta succedendo, ma un altro aspetto del problema è che non si trova chi gli osserva e la valutazione che ne viene fatta ha per il momento solo un carattere riflessivo: serve per conoscersi oltre che per difendersi. Due sono le grandi domande che bisogna tenere conto nel valutare un'attività culturale: una riguarda una riflessione sullo Spazio e l'altra sul Tempo. Nell'immediato i dati riguardano lo spazio dove la manifestazione si svolge ma qual è il perimetro di un evento culturale? fin dove arriva un festival, come ad esempio quello della Filosofia? Qual è il raggio di azione di eventi che sporgono al di là del proprio distretto perché in grado di produrre denaro altrove? Per quanto riguarda l'arco temporale, la riflessione è sulla durata. Si sente spesso parlare di un festival come effimero, ma anche i teatri sono effimeri se rapportati alla propria stagione di programmazione e di produzione; semplicemente di essi si percepisce la concretezza dei muri che li ospitano. Ma a volte teatri e gallerie fanno molto meno di un festival in termine di programmazione ma anche di distribuzione delle attività nel corso dell'anno. Esiste una miopia legata alle attività culturali e a interpretarne la natura. Esiste un certa tendenza prevenuta nel considerare come permanenti solo le attività dentro a muri, mentre effimere quando sono dentro il carattere fluido dello spazio pubblico. Questo strabismo è già una valutazione a preventivo che ci impedisce di vedere cosa sono le attività culturali. Ad esempio, come si misurano e valutano i cambiamenti e gli effetti che il FestivalFilosofia produce nel tempo nei cittadini rispetto all'accettazione della modernità in campo artistico? Il numero si può adattare a tutto e la misurazione non toglie la qualità a nulla ma la valutazione è un altra cosa, che ci pone nella condizione di domandarci chi deve valutare. Perché i soli attori che concorrono all'attività culturale, siano essi organizzatori e ideatori siano i politici e i finanziatori, non sono in grado di fare una valutazione più complessa e proiettata oltre l'immediata azione spaziale e temporale. Secondo Stefano Cima il temine Valutazione è una calamita semantica a cui si attaccano definizioni diverse a seconda della circostanza. Quello che è chiaro è che non tutto deve e può essere oggetto di valutazione. La questione primaria è sapere su quale attività indirizzare la valutazione, che comunque ha un costo in termini di tempo e denaro. Per quanto riguarda l'attività valutativa di una Fondazione Bancaria come la Cariplo, bisogna distingue tra differenti tipi di valutazione. Ci sono quelle il cui obiettivo valutativo è associato a quello filantropico progettuale e si riferisce in genere ad attività sostenute e finanziate perché meritevoli, il cui giudizio è stato già espresso sulla base della selezione meritoria o sull'importanza riconosciuta a livello territoriale (ad esempio: il sostegno a grandi istituzioni culturali importanti per una città quale

4 può essere La Scala per Milano o i centri per il volontariato). In questo caso è più un rendicontare ciò che viene fatto a livello di intervento. Esiste poi una valutazione che deve servire invece ad alimentare e cambiare una pianificazione strategica testando l'efficacia delle ipotesi innovative di politiche riguardanti settori quali il Sociale o la Cultura. La valutazione deve quindi contenere termini di confronto di carattere contro-fattuale: cioè verificare cosa sarebbe successo se non si fosse fatto quel tipo di intervento. Si tratta comunque di una valutazione che ha un costo anche in termini di periodo di osservazione. Un esempio: Fondazione Cariplo sta valutando per Regione Lombardia un'azione d'accompagnamento dei soggetti con disagio psichico nell'inserimento al lavoro. Il progetto prevede la figura di un coach individuale che si faccia mediatore tra la persona, il centro per l'impiego e il posto di lavoro. La valutazione di questo progetto è costruita su tre anni, durante i quali sono presi in osservazione 300 persone con disagio psichico: 150 di esse saranno accompagnate nel processo lavorativo da questo coach mentre 150 saranno in carico solo del centro. Lo scopo dell'osservazione è di valutare il grado di efficacia di questo trattamento individualizzato nel trovare e mantenere il lavoro. In questo caso la valutazione serve a convincere il decisore pubblico già comunque coinvolto nel progetto fin dall'inizio - ad adottare questa tecnica se ne viene dimostrata la sua efficacia. Vale la pena valutare e spendere soldi se il risultato è il test di una politica innovativa. In questo momento di crisi bisogna rispondere a un problema di allocazione delle risorse, che le stesse fondazioni bancarie vivono. Bisogna quindi cambiare posizione creando un'alleanza con il terzo settore e l'amministrazione pubblica, secondo una logica di filiera nella quale la Fondazione si trova coinvolta sin dall'inizio nella costruzione di una politica pubblica, contribuendone al disegno e assumendosi l'incarico di valutarne quegli elementi innovativi che possano poi essere presi in carico dai decisori pubblici. In che modo valuta i propri interventi una Regione come le Marche? Nel suo intervento Ivana Iachetti sottolinea l'importanza del legame che esiste tra ambiente, cultura, piccola media impresa industriale nello sviluppo del territorio, in quanto le Marche rappresentano bene un distretto culturale evoluto, dove gioca un ruolo importante la tradizione di un artigianato artistico nello sviluppo del settore manifatturiero. Non a caso la Regione è tra le 15 più industrializzate d'italia e conta due poli industriali in più della Lombardia. Non solo, ma le Marche possiedono anche la maggiore densità di musei e pinacoteche per abitanti e vi è un'aspettativa di vita intorno agli 83 anni. All'interno di questa cornice, gli interventi dell'assessorato alla Cultura sono volti a sostenere progetti non solo di valorizzazione turistica ma legati al sostegno della creatività e dell'innovazione rivolgendosi ai giovani, sostenendone borse di studio, al coinvolgimento degli over 60enni nel volontariato culturale attraverso la possibilità di accedere ad abbonamenti teatrali speciali in accordo con i teatri e i festival del territorio. Si è poi avviata una valutazione sul come si spende nel settore Spettacolo regionale secondo parametri che vanno dall'ampliamento della fruizione, alla formazione di un nuovo pubblico, all'occupazione giovanile e femminile, alla coproduzione e alla consociazione tra teatri per fare economia di scala.

5 Giulia Manassero porta l'esperienza della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, che per far fronte con sempre meno risorse alle richieste del territorio, ha avviato tavoli di confronto e ascolto, accompagnati da lavori di valutazione in particolar modo nel settore arte e cultura. Sono stati oggetto di valutazione i tre grandi eventi culturali sostenuti con importanti finanziamenti dalla Fondazione CRCuneo: la mostra su Morandi alla Fondazione Ferrero di Alba; la struttura culturale e per esposizioni di arte contemporanea del Filatoio Rosso di Caraglio e il festival letterario a Cuneo Scrittori in città, che esiste ormai da 13 anni. La valutazione ha generato più domande aperte che non risposte. Sicuramente fare valutazione ha un carattere di difesa del proprio operato anche per la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo. Tuttavia Manassero spiega come sia diventata necessaria in questo momento di contrazione delle risorse, per disegnare nuove prospettive strategiche di sostegno al territorio, che vadano oltre al mantenimento della continuità di attività culturali presenti ormai da anni. Valutare le principali iniziative sostenute, ha permesso alla Fondazione di porsi il problema di come sollecitare forme innovative di produzione e gestione culturale nei soggetti richiedenti finanziamenti, cercando anche di promuovere in loro la capacità di aggregazione a livello locale. Francesco Palumbo tira le somme di questa prima parte del dibattito, identificando 4 concetti chiave per riflettere sulla valutazione. 1. Cosa valutare? Sono almeno tre gli impatti diretti che la Cultura genera: i visitatori e la loro ricadute sul turismo; le filiere che legano la cultura materiale e immateriale allo sviluppo delle imprese creative; il ritorno di immagine che il territorio può avere dal sostegno alla cultura, così come è accaduto per la Regione Puglia. Il punto sostanziale è che se la Cultura viene riconosciuta come un elemento del processo di sviluppo di un territorio, non si può valutare solo turismo e imprese creative, ma deve anche contenere un'analisi del capitale culturale sociale. 2. Quando valutare? Per gli enti pubblici è necessario valutare sempre. 3. Chi valutare? La valutazione non deve solo essere uno strumento per la politica rispetto ai risultati di un progetto culturale ma deve anche sapere valutare i decisori delle politiche pubbliche, i loro obiettivi e i loro strumenti. 4. Valutazione come difesa. Concetto pericoloso perché se non si arriva a prassi uniformi e condivisibili, gli strumenti della statistica sono ad oggi usati come forma di autodifesa delle scelte della politica su un territorio proprio perché i dati sono tanti e aggregabili a seconda della convenienza. Dal pubblico viene chiesto come devono essere valutate le giovani imprese culturali, la cui fase di start up è stata accompagnata da finanziamenti pubblici attraverso bandi, come il caso di Principi Attivi della Regione Puglia. Soprattutto chi deve valutare e cosa deve essere valutato affinché esse possano proseguire il proprio sviluppo sul territorio.

6 Per Palumbo dopo la fase di start up è necessario che le stesse giovani imprese cerchino di uscire da una logica di mantenere al proprio interno la partecipazione pubblica come forma di finanziamento sottovalutando il problema del business plan, che aiuterebbe a individuare fin dagli inizi passaggi ed elementi più chiari per la valutazione da parte degli operatori pubblici. Per Bollo il rischio di avviare processi di start up sul territorio si scontra con il problema della sostenibilità delle numerose nuove imprese culturali nascenti se mancherà la chiarezza nel richiedere gli obiettivi e nell'esplicitare il mandato fin dall'avvio del processo. Il business plan è strumento fondamentale per avviare processi di start up anche secondo Cima, ma diverso è poi valutare gli effetti di un progetto: l'autovalutazione da parte di chi riceve il finanziamento è utile per sapere in che direzione proseguire, ma l'ente pubblico deve valutare gli effetti dell'incentivazione di imprese per capire se l'incentivo ha permesso reali cambiamenti sul territorio. Sicuramente gli obiettivi sono i requisiti necessari perché un progetto possa essere valutato ma il processo di valutazione deve essere già inserito nel disegno del progetto, soprattutto quando il raggio d'azione di quest'ultimo sono aree territoriali, come può essere il caso dei distretti culturali. Si tratta di processi di valutazione con prospettive lunghe, che necessitano l'attribuzione di un nesso causale e termini di paragone secondo una costruzione della valutazione di carattere contro-fattuale. Secondo Hinna non esiste problema di metodi di valutazione quanto invece di saperli scegliere adeguatamente e di combinarli. La domanda fondamentale resta perché valutare. Tre possibili risposte in forma di slogan che usano però metodi valutativi differenti: Valutare per difendersi; Valutare per orientarsi; Valutare per comprendere. Se si valuta per difendersi, le prassi usate si riferiscono alle metriche di valutazione con le matrici input-output di correlazione, ma che non garantiscono un reale fondamento di validità a livello esterno. Se, invece, la valutazione serve per orientare l'investimento in cultura come fattore di sviluppo economico territoriale, bisogna entrare nel cuore delle politiche pubbliche tenendo presente il carattere endogeno di questo tipo di sviluppo rispetto all'azione culturale. Questo pone un problema di confrontabilità delle specificità territoriali, che risultano essere difficilmente comparabili tra loro. Affidarsi, pertanto, esclusivamente al metodo del contro-fattuale, va bene dove è possibile ricreare nessi causali certi mentre la Cultura intesa come sviluppo locale ha troppi elementi di variabili che non permettono di immaginare nessi causali coerenti. In questo caso sarebbe bene coinvolgere tutti i soggetti che concorrono al progetto in una valutazione partecipata dei processi. Questa, infatti, permetterebbe di accorciare la distanza tra i soggetti per costruire insieme il senso di commitment. Rispetto invece al tema della terzietà del valutatore, per Hinna si tratta di un dogma ideologico perché sarebbe più utile richiedere un'inter-soggettività della valutazione. Per Palumbo ci sono stati troppi pochi casi di applicabilità in Italia della valutazione contro-fattuale per ritenerla un metodo non adeguato alla valutazione di impatti complessi, perché ad oggi non si possiede ancora una base dati sufficiente. Non si tratta di rispondere alla complessità di un processo con riduzionismi semplificatori, quanto di tendere alla semplicità di comprensione dell'analisi.

7 In conclusione Bollo ribadisce la profonda esigenza di fare chiarezza quando si parla di valutazione, cercando anche di trovare soluzioni in grado di integrare approcci differenti. Invita poi a interrogarsi su come utilizzare la contro-fattualità in un progetto complesso ma soprattutto a fare sì che i soggetti che concorrono nel progetto a diversi livelli, inizino seriamente a interessarsi a questi tipi di ragionamento.

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI ALTO TAVOLIERE INSIEME Laboratori Urbani di Apricena, Lesina, San Paolo di Civitate Serracapriola e Poggio Imperiale REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA Bozza di lavoro del 28 gennaio 2015 CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE E ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA Con la presente scrittura privata, in duplice

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

SERVIZI CULTURALI EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E DI ALTRI BENEFICI ECONOMICI

SERVIZI CULTURALI EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E DI ALTRI BENEFICI ECONOMICI SERVIZI CULTURALI EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E DI ALTRI BENEFICI ECONOMICI Bando per la concessione di contributi ordinari e l'attribuzione di vantaggi economici Articolo 1 - Ambito di applicazione 1. Il

Dettagli

COMITATO TECNICO INDUSTRIA CREATIVA, CULTURA E TURISMO

COMITATO TECNICO INDUSTRIA CREATIVA, CULTURA E TURISMO Giampaolo Letta COMITATO TECNICO INDUSTRIA CREATIVA, CULTURA E TURISMO Linee di indirizzo 5 dicembre 2012 Scenario Le industrie culturali e creative hanno accresciuto il loro ruolo nella società della

Dettagli

Fondazione Palazzo delle Stelline Sala San Carlo Borromeo Quali politiche, per quali giovani? Riflessioni e prospettive sulle politiche giovanili e

Fondazione Palazzo delle Stelline Sala San Carlo Borromeo Quali politiche, per quali giovani? Riflessioni e prospettive sulle politiche giovanili e Fondazione Palazzo delle Stelline Sala San Carlo Borromeo Quali politiche, per quali giovani? Riflessioni e prospettive sulle politiche giovanili e sulle linee di intervento della Regione Lombardia Milano,

Dettagli

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E.

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Art. 1. Il Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona: natura e scopi Il Distretto culturale costituisce un sistema

Dettagli

+39 0258370580. Offerta formativa 2016

+39 0258370580. Offerta formativa 2016 +39 0258370580 Offerta formativa 2016 L offerta formativa a catalogo 2016 è il primo prodotto del partenariato ICOM Italia e Intesa Sanpaolo Formazione - agenzia formativa del Gruppo Intesa Sanpaolo -

Dettagli

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA Nel settore culturale, è necessario introdurre un approccio di project management che non sia però solo una trasposizione dei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Sei sicuro di quanto costa il tuo prodotto? Il nuovo metodo dell Activity-based costing.

Sei sicuro di quanto costa il tuo prodotto? Il nuovo metodo dell Activity-based costing. Sei sicuro di quanto costa il tuo prodotto? Il nuovo metodo dell Activity-based costing. Torino, 24 maggio 2006 Indice Premessa...p. 3 Determinazione dei costi di prodotto: confronto fra i diversi metodi...p.

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PROGETTO

LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PROGETTO LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PROGETTO SOMMARIO Premessa Sezione 1 - Descrizione del soggetto proponente Sezione 2 - Descrizione del contesto di riferimento Sezione 3 - Descrizione generale

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 6ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 17 ottobre / 19 novembre 2011 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Montebelluna 2 LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Accertata IL CONSIGLIO DI ISTITUTO il DPR 275/99

Dettagli

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Sommario L idea e gli obiettivi... 1 La funzione degli RLS tra limiti e opportunità... 2 Il KIT OMERO... 4 Pari

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

La DSC per fare impresa Roma, 21 Ottobre 2011

La DSC per fare impresa Roma, 21 Ottobre 2011 La DSC per fare impresa Roma, 21 Ottobre 2011 V Rapporto Classe Dirigente Le risorse dei territori italiani, le sfide del Mondo Nuovo Giorgio Neglia Direttore ricerca AMC Roma 21 ottobre 2011 Il Rapporto

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Bando per progetti creativi. Bando per la progettazione di iniziative enogastronomiche collegate ad eventi storico-culturali

Bando per progetti creativi. Bando per la progettazione di iniziative enogastronomiche collegate ad eventi storico-culturali Bando per progetti creativi Bando per la progettazione di iniziative enogastronomiche collegate ad eventi storico-culturali 1. Gli obiettivi di fondo La Repubblica di San Marino intende mobilitare le idee,

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

I bisogni sociali del territorio e la Fondazione di Comunità

I bisogni sociali del territorio e la Fondazione di Comunità I bisogni sociali del territorio e la Fondazione di Comunità Incontro con le Organizzazioni del Terzo Settore Lunedì 26 ottobre 2015 - Fondazione Carispezia I bisogni sociali del territorio Nuove modalità

Dettagli

PREVENTIVO ESERCIZIO 01/07/2015-30/06/2016 Parziali Totali

PREVENTIVO ESERCIZIO 01/07/2015-30/06/2016 Parziali Totali FONDAZIONE ASM BRESCIA Sede legale: 25124 Brescia via Lamarmora, 230 Sede operativa: 25121 Brescia Piazza del Vescovato, 3 Codice fiscale: 02339090983 PREVENTIVO ESERCIZIO 01/07/2015-30/06/2016 Parziali

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2015/2016 Docente Patrizia Gioia patrizia.gioia@uniroma1.it 28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale CULTURA E FORMAZIONE I musei rappresentano una straordinaria

Dettagli

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo Educa 2012: invito ai giovani GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo 1. Il nucleo tematico Il nostro tempo è adesso, qui e ora. Il progetto è qui e ora, il futuro è qui e ora, l orizzonte

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Paolo Manzelli ; pmanzelli@gmail.com ; http://www.egoceanet.it ; http://www.edscuola.it/lre.html Convegno CNU-2009 FIRENZE Abstract

Dettagli

Capitale della cultura si nasce o si diventa?

Capitale della cultura si nasce o si diventa? Seminario 7. Capitale della cultura si nasce o si diventa? Sintesi del seminario di Roberto Albano Introduzione di: Franco Bianchini, Docente di Cultural Policy and Planning, Leeds Metropolitan University

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 CAMERA DEI DEPUTATI VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 DECRETO LEGGE MAGGIO 2014, N. 83 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti

PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE MICHEA ONLUS PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti Presentazione dell associazione L associazione di promozione sociale Michea onlus

Dettagli

La comunicazione delle Fondazioni al tempo dei social media

La comunicazione delle Fondazioni al tempo dei social media La comunicazione delle Fondazioni al tempo dei social media Di Luisella Carnelli e Francesca Vittori, articolo pubblicato sul Giornale delle Fondazioni, Marzo 2015 Cambio di rotta nella strategia di comunicazione

Dettagli

Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale Cattedra Edoardo Garrone 3ª edizione

Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale Cattedra Edoardo Garrone 3ª edizione Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale Cattedra Edoardo Garrone 3ª edizione Costruire reti cooperanti di turismo e cultura Siracusa, 13 ottobre - 22 novembre 2008 1) GLI OBIETTIVI Il progetto

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

SEMINARIO DI CULTURA POLITICA PD Milano - Zona 7

SEMINARIO DI CULTURA POLITICA PD Milano - Zona 7 SEMINARIO DI CULTURA POLITICA PD Milano - Zona 7 GLOBALIZZAZIONE PARTITO LAVORO WELFARE IL LAVORO a cura di Paolo Raffaldi & Corrado Angione DAL PASSATO: LA SINISTRA ED IL LAVORO... Secondo quali modalità

Dettagli

Premessa: Descrizione del progetto:

Premessa: Descrizione del progetto: I MEDIATORI DELLA CULTURA PROGETTO DI UNA BANCA DEL TEMPO PER LA FORMAZIONE DI GIOVANI MEDIATORI CHE SI IMPEGNINO PER INCREMENTARE E DIVERSIFICARE LA FRUIZIONE DELL OFFERTA CULTURALE TORINESE, FINALIZZATA

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Intervento di: FRANCO PASQUALI Coordinatore Retinopera PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Accolgo volentieri la sollecitazione di Mario Capanna a riflettere sul rapporto tra scienza, scientismo e democrazia,

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Il Museo del Risparmio di Torino è un luogo unico, innovativo e divertente in cui bambini, ragazzi e adulti possono avvicinarsi ai temi del risparmio

Dettagli

CONSORZIO MARCHE SPETTACOLO PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO 2014

CONSORZIO MARCHE SPETTACOLO PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO 2014 CONSORZIO MARCHE SPETTACOLO PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO 2014 Premessa Il presente Piano, predisposto secondo le scadenze statutarie (cfr. Statuto, art.19), vede la sua genesi in un contesto di mutamenti

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media

Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media (LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia, Province e Comuni.

Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia, Province e Comuni. Il Teatro Pubblico Pugliese è un organismo di promozione e formazione del pubblico, riconosciuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia,

Dettagli

ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP

ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP PIANO DIDATTICO ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP ReStartApp è un incubatore temporaneo di impresa per il rilancio dell economia appenninica. Un campus residenziale della durata di tre mesi insediato

Dettagli

PATRIMONIO VALORIZZABILE AREE 22%

PATRIMONIO VALORIZZABILE AREE 22% PATRIMONIO VALORIZZABILE FABBRICATI 33% PATRIMONIO NON VALORIZZABLILE 45% PATRIMONIO VALORIZZABILE AREE 22% FABBRICATI VALORE ATTUALE 10.800.000 RICAVI NETTI DA IN PARTECIPAZIONE CON CASSA DD&PP O ALTRI

Dettagli

BOZZA. di Pier Paolo Inserra

BOZZA. di Pier Paolo Inserra BOZZA PRIMI CENNI AL PARADIGMA DI ECONOMIA SOCIALE SPERIMENTATO CON IL DISTRETTO INTEGRATO DI ECONOMIA SOCIALE AREA MARCHE NORD di Pier Paolo Inserra Da un modello collettivo ad un modello connettivo Il

Dettagli

AAA architetticercasi 2015. Le Aree di progetto

AAA architetticercasi 2015. Le Aree di progetto Le Aree di progetto AAA architetticercasi 2015 Concorso di progettazione per architetti under 32 c/o Confcooperative Lombardia via Fabio Filzi 17, 20124 Milano Tel. +39 02 89054500 Fax +39 02 89054540

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

PATRIMONIO CULTURALE IN RETE: FONDAZIONI E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE INTEGRATO

PATRIMONIO CULTURALE IN RETE: FONDAZIONI E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE INTEGRATO PATRIMONIO CULTURALE IN RETE: FONDAZIONI E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE INTEGRATO IL BANDO «LE RISORSE CULTURALI E PAESAGGISTICHE DEL TERRITORIO: UNA VALORIZZAZIONE A RETE» DELLA

Dettagli

Durata e articolazione delle attività

Durata e articolazione delle attività IL PARCO ESTIVO CAMPI ESTIVI PER RAGAZZI 2012 Premessa L accordo stipulato tra l Ente Parco Nazionale Dell Appennino Lucano Val D Agri Lagonegrese, la Regione Basilicata - Dipartimento Ambiente, Territorio,

Dettagli

Portafoglio. prodotti

Portafoglio. prodotti Portafoglio prodotti 2015 Introduzione La crisi ha profondamente modificato la società: oggi non siamo più in un paese di benessere in cui il volontariato si occupava di alcune nicchie di svantaggio e

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Oltre la retorica del caffè

Oltre la retorica del caffè Oltre la retorica del caffè La Ricerca Azione: strumento strategico per progettare, intervenire e investire. a cura di excursus. spazio di formazione partecipata Indice Excursus La Ricerca Azione come

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione normativa-regolativa Dimensione strategica GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione ambientale Dimensione del progetto urbano Dimensione delle politiche di sviluppo A cosa

Dettagli

WP 1. Knowledge Economy e processi di innovazione in Piemonte. Cultura, servizi del lavoro e del welfare

WP 1. Knowledge Economy e processi di innovazione in Piemonte. Cultura, servizi del lavoro e del welfare PROGETTO E.R.I.C.A - regione Piemonte Bando Scienze Umane e Sociali 2008 WP 1 Knowledge Economy e processi di innovazione in Piemonte. Cultura, servizi del lavoro e del welfare Responsabile Scientifico:

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli