Corso di Gestione dei Sistemi Qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Gestione dei Sistemi Qualità"

Transcript

1 Corso di Gestione dei Sistemi Qualità Sistema di certificazione e di accreditamento Evoluzione storica della Qualità Norme UNI EN ISO 9000 edizione Vision 2000 Settori di accreditamento Documentazione del Sistema Qualità ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 1

2 Sistema di certificazione e di accreditamento ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 2

3 SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E ACCREDITAMENTO Definizioni: Certificazione: Procedura con cui una terza parte da assicurazione scritta che un u prodotto, processo o servizio è conforme ai requisiti specificati. Accreditamento: Procedimento con cui un organismo riconosciuto attesta formalmente la competenza tecnica di un organismo o persona a svolgere funzioni specifiche. Q UNI CEI EN ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 3

4 SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E ACCREDITAMENTO IAF International Accreditation Forum EA European Co-operation for Accreditation EN SINCERT Sistema Nazionale per l Accreditamento degli Organismi di Certificazione SINAL Sistema Nazionale per l Accreditamento dei Laboratori SNT Sistema Nazionale di Taratura EN EN EN EN EN EN Organismi di certificazione di Sistema (*) Organismi di certificazione Personale Organismi di certificazione Prodotto Organismi di Ispezione Laboratori SIT CNMR EN ISO 9001 EN ISO Norme specifiche Regolamenti Norme tecniche Guide Norme tecniche Legge 11/08/91 G.U. 24/01/96 Prove Aziende Persone Prodotti ISO ing. M. Gabriella Guglielmino Misure 4

5 Coordina e unifica, a livello internazionale, le norme industriali Aderiscono 129 paesi (dato aggiornato al 1 Marzo 2005) Non rientrano nel campo di operatività dell ISO i settori elettrico ed elettronico ISO ha attualmente un portfolio di * standards (dato aggiornato al 1 Marzo 2005) CEN Comitè Europèen de Normalisation Coordina e unifica, in ambito CEE, le norme industriali ad esclusione del settore elettronico (CENELEC) Aderiscono 18 paesi membri CEE UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Coordina e unifica, in ambito nazionale, le norme industriali ad esclusione del settore elettronico (CEI) Promuove l attività di certificazione (SINCERT-SINAL) ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 5

6 IL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO E NORMAZIONE NEL MONDO E IN ITALIA IAF (ENTE INTERNAZIONALE DI ACCREDITAMENTO) ILAC (ENTE INTERNAZIONALE DI ACCREDITAMENTO LABORATORI) ISO - IEC (ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI DI NORMAZIONE) EA (ENTE EUROPEO DI ACCREDITAMENTO) EN (ASSOCIAZIONE EUROPEA TRA GLI ORG. DI NORMAZIONE) CEN - CENELEC (ENTI EUROPEI DI NORMAZIONE COMUNITARIA) SIT - SNT (ACCREDITAMENTO DEI CENTRI DI TARATURA) SINAL (ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI PROVA) SINCERT (SISTEMA NAZIONALE PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE) UNI - CEI (ENTI NAZIONALI DI NORMAZIONE) ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 6

7 UNI ENTI di Normazione CEI SINCERT SINAL SIT Accreditamento Accreditamento Accreditamento Organismi di Certificazione (Certificazione) Laboratori (Prove) Centri di Taratura (Taratura) IMPRESE MERCATO ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 7

8 Mutuo riconoscimento IN OGNI NAZIONE ESISTE UNA STRUTTURA EQUIVALENTE AI SIT - SINAL - SINCERT MUTUO RICONOSCIMENTO MULTILATERAL RECOGNITION AGREEMENT ACCORDO TRA GLI ENTI MONDIALI DI ACCREDITAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE PROCEDURE DI CERTIFICAZIONE ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 8

9 Evoluzione storica della Qualità ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 9

10 LA SCALA EVOLUTIVA INTEGRAZIONE AZIENDA/MERCATO MARKET IN MARKET ORIENTED PRODUCT OUT METODI/ATTIVITÀ CQ DI PRODOTTO PRODUZIONE COLLAUDO FINALE PRODOTTO FINITO ASSICURAZIONE QUALITÀ ISO Vision 2000 ISO 9000 QUALITÀ TOTALE SISTEMA DI PRODUZIONE TQM L ECCELLENZA TUTTA L AZIENDAL SISTEMA GLOBALE AREE AZIENDALI TEMPO ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 10

11 I MODELLI DI TQM I MODELLI DEI TRE MAGGIORI PREMI PER LE ORGANIZZAZIONI: Il modello Deming Application Prize (Giappone 1951) Il modello del premio Macolm Baldrige (USA 1987) Il modello EFQM per il premio (Europa 1991) ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 11

12 La categoria delle Norme Internazionali UNI EN ISO 9000 Sistemi di gestione per la Qualità UNI EN ISO Sistemi di gestione ambientale UNI EN ISO Criteri generali per le verifiche ispettive dei sistemi qualità SA 8000 (Social accountability) Certificazione sociale OHSAS Gestione della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 12

13 Norme UNI EN ISO 9000 Edizione 2000 VISION 2000 ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 13

14 Famiglia della NORME ISO 9000 VISION 2000 UNI EN ISO 9000:2000 Sistemi di gestione per la Qualità-Fondamenti e terminologia Fornisce le definizioni dei principali termini ricorrenti nelle norme fondamentali UNI EN ISO 9001:2000 Sistemi di gestione per la Qualità-Requisiti Definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità,, la cui applicazione può essere utilizzata da una azienda per dimostrare la propria capacità di soddisfare le esigenze dei clienti e per la valutazione di tale capacità da parte di valutatori interni ed esterni UNI EN ISO 9004:2000 Sistemi di gestione per la Qualità-Linee guida per il miglioramento delle prestazioni E una linea guida per l applicazione l della norma UNI EN ISO 9001:2000 ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 14

15 Definizioni: Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti Sistema di gestione per la Qualità Sistema di gestione per guidare e tenere sotto controllo un organizzazione riferimento alla qualità. con Processo Insieme di attività correlate o interagenti che trasformano elementi in entrata in elementi in uscita. Nota1 Gli elementi in entrata in un processo provengono generalmente ente dagli elementi in uscita di altri processi. UNI EN ISO 9000:2000 ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 15

16 Vision 2000: i cambiamenti nell architettura ISO 8402 ISO Terminologia e concetti ISO 9000:2000 ISO 9001 ISO 9002 ISO 9003 NB la norma è unica Modelli ISO 9001:2000 ISO ISO ISO Guide la ISO diventa TR (Technical( Report) ISO 9004:2000 ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 16

17 Cambia Modello, Stile e Personalizzazione... da ISO 9001: a ISO 9001: 2000 ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 17

18 Gli otto principi Organizzazione focalizzata sul Cliente Leadership Coinvolgimento del personale Approccio ai processi Approccio sistemico alla gestione Miglioramento continuo Decisioni basate sui fatti Partnership con i fornitori ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 18

19 Vision 2000 I cambiamenti più evidenti: Non più 20 requisiti, ma 4 grandi capitoli: le responsabilità della Direzione; la gestione delle Risorse; la gestione dei Processi; la misura e le analisi per il miglioramento Loop Orizzontale e Loop Ciclico; Ottica PDCA (Plan, Do, Check, Act) ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 19

20 IL CONTROLLO DI UN PROCESSO-PDCA PLAN: : DETERMINA GLI OBIETTIVI ED I CRITERI DI ACCETTAZIONE, EFFETTUA LE SCELTE (LE 4M), DETERMINA I METODI PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI, ADDESTRA IL PERSONALE (LA PROGETTAZIONE) DO: : FAI, SVOLGI IL LAVORO (L ESECUZIONE) CHECK: : MISURA, VERIFICA GLI EFFETTI DELL'APPLICAZIONE (LA DIAGNOSI) ACT: : AGISCI, REGOLA, ADOTTANDO LE AZIONI NECESSARIE DI CORREZIONE E MIGLIORAMENTO (IL FEEDBACK) ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 20

21 Il sistema è dinamico Ciclo di Deming A P A P C C A P A P C A P A P D C D D D C D C SG D Miglioramento Miglioramento Miglioramento continuo continuo continuo ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 21

22 Vision 2000 Miglioramento Continuativo del Sistema di Gestione per la Qualità? Input Gestione delle Risorse Processi Realizzazione Responsabilità della Direzione Prodotti/Servizi Misurazione, analisi, Miglioramento Output? C L I E N T E Sistema di Gestione per la Qualità ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 22

23 Il concetto di processo PROCESSO Insieme di operazioni omogenee, tale che, fissati certi input, fornisce output definiti e ripetibili nel tempo REGOLE VINCOLI INPUT PROCESSO OUTPUT RISORSE STRUMENTI ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 23

24 La centralità del processo Ambiente Sicurezza Soddisfazione Clienti PROCESSO Controllo Qualità Controllo processo ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 24

25 Miglioramento continuo Gli obiettivi devono essere espressi in modo che siano valutabili ex ante per il loro livello qualitativo ex post per il grado in cui sono effettivamente raggiunti ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 25

26 Settori di accreditamento ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 26

27 SETTORI DI ACCREDITAMENTO EA 01 Agricoltura, pesca (coltivazione, allevamento) 02 Estrazione di minerali (cave, miniere e giacimenti petroliferi) 03 Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco 04 Prodotti tessili (semilavorati, prodotti finiti e abbigliamento) 05 Fabbricazione di cuoio e di prodotti in cuoio 06 Prodotti in legno (semilavorati e prodotti finiti) 07 Prodotti della pasta-carta, della carta e dei prodotti in carta 08 Case editrici 09 Tipografia ed attività connesse alla stampa 10 Fabbricazione di coke e di prodotti petroliferi raffinati ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 27

28 11 Combustibili nucleari 12 Chimica di base, prodotti chimici e fibre chimiche 13 Prodotti farmaceutici 14 Prodotti in gomma e materie plastiche 15 Prodotti della lavorazione di materiali non metallici 16 Calce, gesso, calcestruzzo, cemento e relativi prodotti 17 Metalli e loro leghe, fabbricazione di prodotti in metallo 18 Macchine, apparecchi ed impianti meccanici 19 Macchine elettriche ed apparecchiature elettriche ed ottiche 20 Costruzioni e riparazioni navali ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 28

29 21 Aeromobili e veicoli spaziali 22a 22b Produzione di cicli, motocicli, autoveicoli, rimorchi e relative parti e accessori Produzione di materiale ferroviario e relativi accessori 23a Produzione di gioielleria, oreficeria, bigiotteria 23b Produzione di strumenti musicali 23c Produzione di articoli sportivi 23d Produzione di giochi e giocattoli 23e Produzione di mobili e arredamento 23f Produzione di prefabbricati per coibentazione e loro applicazione 24 Recupero, riciclo ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 29

30 25 Produzione e distribuzione di energia elettrica 26 Produzione e distribuzione di gas 27 Produzione e distribuzione di acqua 28 Imprese di costruzione, installatori di impianti e servizi 28a Imprese di Costruzione e manutenzione 28b Imprese di installazione, conduzione e manutenzione d'impianti 29a Commercio all'ingrosso, al dettaglio e intermediari del commercio 29b Riparazione di cicli, motocicli e autoveicoli 29c Riparazione di beni personali e per la casa ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 30

31 30 Alberghi, ristoranti e bar 31 Trasporti, magazzinaggi e comunicazioni 31a Logistica: trasporti, magazzinaggio e spedizioni 31b Poste e telecomunicazioni 32 Intermediazione finanziaria, attività immobiliari, noleggio 32a Intermediazione monetaria e finanziaria; Attività ausiliarie all'intermediazione finanziaria 32b Assicurazioni e fondi pensione, escluse le assicurazioni sociali obbligatorie; Attività ausiliarie delle assicurazioni e dei fondi pensioni; attività immobiliari, noleggio, attività professionali ed imprenditoriali 33 Tecnologia dell'informazione ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 31

32 34 Studi di consulenza tecnica, ingegneria 35 Servizi professionali d'impresa 36 Pubblica amministrazione 37 Istruzione ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 32

33 38 Sanità ed altri servizi sociali 38 SER Servizi Generali sanitari/amministrativi/legali 38 DIA Diagnostica per immagini, di laboratorio ecc. 38 MED Area medica (generale/ad alta specializzazione) 38 CHI Area chirurgica (generale/ad alta specializzazione) 38 EMR 38d Area emergenze Attività professionali paramediche indipendenti e servizi di ambulanza, delle banche del sangue ed altri servizi sanitari 38e Servizi veterinari 38f Assistenza sociale ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 33

34 39 Servizi pubblici 39a Smaltimento dei rifiuti solidi urbani e delle acque fognarie, disinfestazioni e simili 39 altri Altri settori di pubblico servizio ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 34

35 Motivazioni per l acquisizione l della ISO 9000 Motivazioni esterne (mercato) Motivazioni interne ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 35

36 Motivazioni esterne (mercato) per ottenere un formale riconoscimento dell affidabilit affidabilità della propria organizzazione; per rispondere all esplicita richiesta del Cliente di essere suo fornitore Certificato; per poter partecipare ad appalti pubblici ove sia presente il prerequisito della Certificazione; per mantenere e/o incrementare i Clienti; per avere il requisito preliminare (attuale e in prospettiva) per la Certificazione di Prodotto; per maggiore tutela da responsabilità da prodotto difettoso; per vincere la concorrenza. ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 36

37 Motivazioni interne per ottimizzare l organizzazione l ed i processi aziendali; per migliorare il clima dell impresa attraverso una maggiore chiarezza di chi fa, che cosa e come ; per responsabilizzare tutti i collaboratori al fine di soddisfare i Clienti; per essere in grado di valutare le proprie prestazioni; per avere una guida nel processo di crescita e miglioramento; diminuzione dei costi della non qualità. ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 37

38 Documentazione del Sistema di gestione Qualità ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 38

39 Documentazione del SGQ Manuale Qualità Politica della Qualità Procedure Istruzioni di lavorazione Registrazioni ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 39

40 La struttura del sistema documentale Fornire informazioni MAN PROCEDURE ISTRUZ. OPERATIVE SCHEDE FLOW CHARTS - PROGRAMMI MISSION dell organizzazione CHI FA CHE COSA COME SI FA dati Raccogliere MODULI - REGISTRI - CHECK LIST DATABASE ( Maschere - Reports ) COSA SI È FATTO ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 40

41 POLITICA DELLA QUALITA' Obiettivi e risultati attesi Come raggiungerli Come misurarli Indicatore della qualità risultato ottenuto risultato atteso ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 41

42 QUALITY IMPROVEMENT POSITIVE QUALITY Customer satisfaction Customer desires ZERO DEFECTS LINE NEGATIVE QUALITY Customer complaints Warranty Product returns ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 42

43 say what you do do what you say show that you did it review and improve... le 4 regole della Qualità dichiara quel che fai fai quel che hai dichiarato dimostra che lo hai fatto esamina e migliora ISO ing. M. Gabriella Guglielmino 43

ACCREDITAMENTO marchio

ACCREDITAMENTO marchio ACCREDITAMENTO Con il termine di accreditamento si intende il processo di certificazione degli Enti che svolgono attività di certificazione di imprese e di prodotti o servizi da parte di un Ente appositamente

Dettagli

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati e accreditandi operanti la certificazione di sistemi di gestione SGQ, SSI e ITX

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati e accreditandi operanti la certificazione di sistemi di gestione SGQ, SSI e ITX A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati e accreditandi operanti la certificazione di sistemi di gestione SGQ, SSI e ITX A tutti i Soggetti interessati Ns. rif.: DC2015SSV021 Milano, 19/01/2015

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

DELIBERA DEL COMITATO SETTORIALE DI ACCREDITAMENTO CERTIFICAZIONE E ISPEZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013

DELIBERA DEL COMITATO SETTORIALE DI ACCREDITAMENTO CERTIFICAZIONE E ISPEZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 DELIBERA DEL COMITATO SETTORIALE DI ACCREDITAMENTO CERTIFICAZIONE E ISPEZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 NUOVI ACCREDITAMENTI ICR International Certification Registrars Ltd Ha attenuto l accreditamento per lo

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B Essendo un modulo di specializzazione, esso tratta la natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative. La sua durata varia

Dettagli

- Il Linguaggio della Qualità - L evoluzione dei modelli per la Qualità. Relatore

- Il Linguaggio della Qualità - L evoluzione dei modelli per la Qualità. Relatore FONDAMENTI della QUALITÀ - Il Linguaggio della Qualità - L evoluzione dei modelli per la Qualità FrancaviIla F. 14 novembre 2006 Relatore Prof. Ing. EGIDIO ATTANASI Docente a contratto di Sistemi di produzione

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI TAV. A.1.1 - VALORE DELLE ED PER - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - SARDEGNA 2002 2003 2004 2005 2006 2007 (a) AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 117.278 120.905 123.364 112.785

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

CORSI: R.L.S. R.S.P.P.

CORSI: R.L.S. R.S.P.P. Prof. Francesco Di Cosmo info@studiodicosmo.it CORSI: R.L.S. R.S.P.P. 1 Corso R.L.S. (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è una persona eletta

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Sviluppo & Ambiente S.r.l.

Sviluppo & Ambiente S.r.l. Sviluppo & Ambiente S.r.l. via G. Leopardi, 231 80125 Napoli tel. 081/5937455 333/9996324 www.sviluppoeambiente.it CORSO PER COORDINATORE IN MATERIA DI SICUREZZA E DI SALUTE DURANTE LA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

VADEMECUM PER LA REDAZIONE DI OFFERTE E BANDI DI GARA. Emanuele Riva Funzionario Tecnico SINCERT

VADEMECUM PER LA REDAZIONE DI OFFERTE E BANDI DI GARA. Emanuele Riva Funzionario Tecnico SINCERT Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it Relazione SINCERT Marzo 2008 VADEMECUM PER LA REDAZIONE DI OFFERTE E BANDI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CORSI

PROGRAMMAZIONE CORSI PROGRAMMAZIONE CORSI PRESENTAZIONE Il Dipartimento sui Rapporti di Lavoro sulle Relazioni Industriali della dell Università degli Studi di Bari organizza corsi per Responsabili e Addetti al Servizio di

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Berna, 2002 Informazioni: Realizzazione: Diffusione: Esther Nagy, BFS Tel. ++41 32 713 66 72 / E-Mail: esther.nagy@bfs.admin.ch Jean Wiser,

Dettagli

P R O G R A M M A Z I O N E D I D A T T I C A C A L E N D A R I O 2 0 1 5-2 0 1 6 A R E A F O R M A T I V A S I C U R E Z Z A M O D U L I

P R O G R A M M A Z I O N E D I D A T T I C A C A L E N D A R I O 2 0 1 5-2 0 1 6 A R E A F O R M A T I V A S I C U R E Z Z A M O D U L I P R O G R A M M A Z I O N E D I D A T T I C A C A L E N D A R I O 2 0 1 5-2 0 1 6 AGGIORNATO AL.01.2015 A R E A F O R M A T I V A S I C U R E Z Z A A B3 B4 B5 B6 Modulo formazione base L'approccio alla

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE LE NORME E LA CERTIFICAZIONE Introduzione alla Qualità 1 DEFINIZIONE DI NORMA Documento, prodotto mediante consenso ed approvato da un organismo riconosciuto, che fornisce, per usi comuni e ripetuti, regole,

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

4 ore (unico modulo didattico)

4 ore (unico modulo didattico) Viale Luca Gaurico 257-00143 ROMA P. IVA e C.F. 05580001005 RI. 188796/1998 REA C.C.I.A.A. n 904271 Capitale Sociale 10.328,00 i.v. Tel. 06.51962114 Fax 06.51965686 commerciale@gruppo-quasar.it amministrazione@gruppo-quasar.it

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE 1 2 Analisi dell'andamento delle operazioni attive 2008 rispetto al 2007 206 Studi di Settore In

Dettagli

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012 INFORMATIVA OTTOBRE 2012 1) NUOVO SITO PROFESSIONISTISICUREZZA Vi invitiamo a visitare il nuovo sito di PROFESSIONISTISICUREZZA Studio di Consulenza & Formazione : www.professionistisicurezza.com dove

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh).

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). AGRICOLTURA 16,3 17,4 17,0 17,5 18,2 20,2 20,8 22,9 23,2 22,8 23,4

Dettagli

Sistemi di certificazione e accreditamento

Sistemi di certificazione e accreditamento Sistemi di certificazione e accreditamento Beniamino Cenci Goga L accreditamento riduce i rischi delle imprese e dei clienti poiché garantisce che gli organismi accreditati sono in grado di portare a termine

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

CATALOGO CORSI. Edizione 01-2016. Via San Giovanni Bosco, 6 12100 Cuneo Tel: 0039 0171.187.81.36 Fax: 0039 0171.187.72.37

CATALOGO CORSI. Edizione 01-2016. Via San Giovanni Bosco, 6 12100 Cuneo Tel: 0039 0171.187.81.36 Fax: 0039 0171.187.72.37 CATALOGO CORSI Edizione 01-2016 FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE OBBLIGATORIA ATTREZZATURE DI LAVORO FORMAZIONE VOLONTARIA FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN MATERIA

Dettagli

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE (Sezione, sottosezione, divisione e gruppo) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI 01.1 Coltivazioni agricole;

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Corso di Formazione obbligatorio per RSPP/ASPP Modulo specialistico B e Modulo di Aggiornameto

Corso di Formazione obbligatorio per RSPP/ASPP Modulo specialistico B e Modulo di Aggiornameto Promimpresa srl Corso di formazione per ASPP e RSPP modulo specialistico B Macrosettori Ateco B3- Edilizia.. B4- Produzioni.. B7- Sanità.. B8- Istruzione & Pubblica Amministrazione.. B9- Alberghi, Ristoranti

Dettagli

Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione))

Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione)) Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione)) Chi è l RSPP in azienda, quando è obbligatorio, che titoli di studio deve avere, quali corsi e quali aggiornamenti

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 1 REBIS LA SICUREZZA REBIS si pone al fianco delle Aziende, con due obiettivi fondamentali: Incrementare la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro per la prevenzione

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V3.0 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Il 21 dicembre 2011, la Conferenza Stato Regioni ha approvato gli accordi per la formazione

Dettagli

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE Classificazione riassuntiva per sezioni, sottosezioni e divisioni DESCRIZIONE A - Agricoltura, caccia e silvicoltura Proposta PESO 01 Agricoltura, caccia e relativi

Dettagli

Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile QUALITA. Produzione edilizia e Sicurezza

Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile QUALITA. Produzione edilizia e Sicurezza Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile QUALITA Produzione edilizia e Sicurezza Evoluzione del concetto di Qualità Il desiderio di sicurezza, di affidabilità, di durata e di garanzia d uso, che

Dettagli

I sistemi di gestione: modelli e certificazioni

I sistemi di gestione: modelli e certificazioni I sistemi di gestione: modelli e certificazioni Ing. Fulvio Mete Premessa Vedremo assieme un breve excursus circa i sistemi di gestione Argomenti tratti dall articolo La certificazione dei Sistemi di Gestione.

Dettagli

Gli 8 principi della Qualità

Gli 8 principi della Qualità LA QUALITA NEL TEMPO Qualità Artigianale fino al ventesimo secolo; Ispezione e Collaudo - fino alla prima guerra mondiale; Controllo Statistico sui prodotti - fino al 1960; Total Quality Control fino al

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V2.1 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

TOTAL QUALITY MANAGEMENT

TOTAL QUALITY MANAGEMENT TOTAL QUALITY MANAGEMENT 2005 TUZZI - Riproduzione vietata 2/49 IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT (TQM) ED I PREMI INTRODUZIONE LE SFIDE DALLA SOCIETÀ DEL 2000: UN NUOVO MODELLO DI IMPRESA IL TQM COME UNICA

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

DECRETO FORMAZIONE NUOVI ACCORDI STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SULLA FORMAZIONE

DECRETO FORMAZIONE NUOVI ACCORDI STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SULLA FORMAZIONE CUREZZA DECRETO FORMAZIONE pressmaster - Fotolia.com NUOVI ACCORDI STATO, REGIONI E PROVINCE AUTOME DI TRENTO E BOLZA SULLA FORMAZIONE Gli Accordi Stato-Regioni, pubblicati in G.U. l 11 Gennaio 2012, stabiliscono

Dettagli

SEZIONE 1 DOCUMENTAZIONE SEZIONE 2 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI SEZIONE 3 ALTRO SEZIONE 4 CORSI DI FORMAZIONE

SEZIONE 1 DOCUMENTAZIONE SEZIONE 2 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI SEZIONE 3 ALTRO SEZIONE 4 CORSI DI FORMAZIONE SEZIONE1 DOCUMENTAZIONE SEZIONE2 CANTIERITEMPORANEIEMOBILI SEZIONE3 ALTRO SEZIONE4 CORSIDIFORMAZIONE Sede: CAGLIARI - VIA MONTEPONI, 20 CELL. 340.00.00.230 MAIL: info@sicurezzalavorocagliari.it TECNOLOGIA&SICUREZZASRL

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO Regione del Veneto DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO POR FSE 2007/2013 - AZIONI INNOVATIVE PER GIOVANI ANNO 2010 DGR 2030 del 03/08/2010 - AZIONE B ASSE OCCUPABILITA Corsi finanziati per giovani disoccupati

Dettagli

A cura dell interessato

A cura dell interessato A cura dell interessato DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO...l... sottoscritto/a... nato/a il a... (...) Stato... (Comune) Prov. Codice Fiscale fa domanda di partecipazione all intervento indicato Al

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte:

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte: MODULO 1 Prima parte: Concetti generali introduttivi. Soddisfazione del cliente. Gli 8 principi della Qualità. Seconda parte: I Sistemi di Gestione Normazione, Certificazione e Accreditamento 1 EVOLUZIONE

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

Il ruolo dei verificatori ambientali

Il ruolo dei verificatori ambientali Il ruolo dei verificatori ambientali Certiquality Direttore Marketing Armando Romaniello 1 CERTIQUALITY SALUTE E SICUREZZA Certiquality è stata fondata quasi vent anni fa da Federchimica ed Assolombarda

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: DIFFUSIONE E NORMATIVA

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMA NELLA FILIERA DEL GRANO DURO IN SICILIA

LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMA NELLA FILIERA DEL GRANO DURO IN SICILIA Corso di Formazione teorico-pratico riservato agli utilizzatori degli strumenti per la valutazione di parametri qualitativi sulla granella di frumento duro nell ambito del progetto Stoccaggio differenziato

Dettagli

I risultati di una indagine di Certiquality su un campione di aziende certificate

I risultati di una indagine di Certiquality su un campione di aziende certificate I risultati di una indagine di Certiquality su un campione di aziende certificate Certiquality ha condotto uno studio presso le aziende certificate secondo la norma BS OHSAS 18001 per verificare l ammontare

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo Università degli studi di Cagliari SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal M.U.R. per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Seminari di preparazione all Esame di Stato per Ingegneri - Sessioni 2007 LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Relatore Ing. Elio Candussi - Gorizia Udine, 10 maggio 2007

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

Accredia, l Ente italiano di accreditamento Pag. 1. Cos è l accreditamento: uno strumento per garantire la qualità Pag. 3

Accredia, l Ente italiano di accreditamento Pag. 1. Cos è l accreditamento: uno strumento per garantire la qualità Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA STAMPA Accredia, l Ente italiano di accreditamento Pag. 1 Cos è l accreditamento: uno strumento per garantire la qualità Pag. 3 Come funziona l accreditamento: un

Dettagli

Relazioni tra il Dlgs 231 ed i Sistemi di Gestione certificati

Relazioni tra il Dlgs 231 ed i Sistemi di Gestione certificati ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Relazioni tra il Dlgs 231 ed i Sistemi di Gestione certificati Emanuele Riva Coordinatore Ufficio Tecnico ACCREDIA Compliance Officer e membro dell Organismo

Dettagli

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011 Lavorat (+ art. 21 comma 1: componenti dell'impresa familiare [ ], i lavoratori autonomi [ ], i coltivatori diretti del fondo, i soci delle società semplici operanti nel sett agricolo, gli artigiani e

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO PON La scuola per lo sviluppo n.1999 IT 05 1 P0 013. Regione Campania Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione

Dettagli

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale)

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) DOMANDA DI ISCRIZIONE - ANNO 2014/2015 1 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO Codice Fiscale Cognome Nome Genere Maschio Femmina Nazionalità 1. Italiano 2. Comunitario

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

ABC del partecipante. QUANDO: Dal 18 aprile al 13 maggio DOVE: www.borsadellaricerca.it

ABC del partecipante. QUANDO: Dal 18 aprile al 13 maggio DOVE: www.borsadellaricerca.it ABC del partecipante QUANDO: Dal 18 aprile al 13 maggio DOVE: www.borsadellaricerca.it Una fiera virtuale per prepararsi al Forum La Preview è uno degli elementi più innovativi della Borsa della Ricerca.

Dettagli

Ecco come varia la % dello stipendio destinata all affitto in base alla professione

Ecco come varia la % dello stipendio destinata all affitto in base alla professione MIOAFFITTO.IT Ecco come varia la % dello stipendio destinata all affitto in base alla professione Maggio 2014 05/05/2014 PERCENTUALE DELLO STIPENDIO DESTINATO AL PAGAMENTO DELL AFFITTO, DIVISO PER CATEGORIE

Dettagli

L accreditamento a garanzia della conformità degli operatori

L accreditamento a garanzia della conformità degli operatori ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento L accreditamento a garanzia della conformità degli operatori Angelo Castelluccio Funzionario tecnico ACCREDIA Torino, 2 ottobre 2012 L Ente unico nazionale di

Dettagli

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI)

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) GIULIO SACCHETTI NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) Sintesi della dispensa 1. LE NORME UNI EN ISO SERIE 9000 1.1 INTRODUZIONE A partire dalla seconda metà del 1900 si sono verificati eventi

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA IN SARDEGNA: LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA. PRIMA INDAGINE CONOSCITIVA. Emanuele Cabras Marco Caredda Giovanni Sistu

L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA IN SARDEGNA: LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA. PRIMA INDAGINE CONOSCITIVA. Emanuele Cabras Marco Caredda Giovanni Sistu TEMI ECONOMICI DELLA SARDEGNA CREN S CENTRO RICERCHE ECONOMICHE NORD SUD Università di Cagliari Università di Sassari L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA IN SARDEGNA: LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA. PRIMA INDAGINE

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

PRODUZIONE INDUSTRIALE

PRODUZIONE INDUSTRIALE 9 maggio 2014 marzo 2014 PRODUZIONE INDUSTRIALE A marzo 2014 l indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dello 0,5% rispetto a febbraio. Nella media del trimestre gennaio-marzo

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Seminari MESAP La gestione della qualità, affidabilità, compatibilità, sicurezza e conformità L accreditamento come strumento di sostegno alla competitività sui

Dettagli

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato Maria Rita Cavallo AMD FORMAZIONE Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO9001/2008 1 Le parole chiave Sistema di gestione per la

Dettagli

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL Tav.1 Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo 2005-2007 per anno, gestione e sesso Tav. 2 Infortuni sul lavoro avvenuti

Dettagli

Il contributo dell accreditamento per il miglioramento e l efficacia dei processi produttivi

Il contributo dell accreditamento per il miglioramento e l efficacia dei processi produttivi ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Il contributo dell accreditamento per il miglioramento e l efficacia dei processi produttivi Filippo Trifiletti Direttore Generale Conformità e Affidabilità dei

Dettagli

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione. Allegato H

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione. Allegato H Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione Allegato H in Corso di Formazione Gli strumenti finanziari dell'ue a sostegno della ricerca scientifica e dello

Dettagli