DECLINAZIONE OPERATIVA ACCORDO ASSOLOMBARDA-CGIL, CISL E UIL (ex Accordo Assolombarda C.G.I.L., C.I.S.L. e U.I.L. del 9 GIUGNO 2011) OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECLINAZIONE OPERATIVA ACCORDO ASSOLOMBARDA-CGIL, CISL E UIL (ex Accordo Assolombarda C.G.I.L., C.I.S.L. e U.I.L. del 9 GIUGNO 2011) OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 DECLINAZIONE OPERATIVA ACCORDO ASSOLOMBARDA-CGIL, CISL E UIL (ex Accordo Assolombarda C.G.I.L., C.I.S.L. e U.I.L. del 9 GIUGNO 2011) OFFERTA FORMATIVA Iniziative di sostegno Area di competenza Inquadramento e contestualizzazione degli obiettivi di un percorso di riqualificazione Area di competenza Rimotivazione ed empowerment personale e professionale Processo aziendale AMMINISTRAZIONE CONTABILITÀ E FINANZA Area di competenza Gestire i processi amministrativi e contabili Area tematica Paghe e contributi pag.8 Processo aziendale SVILUPPO ORGANIZZATIVO Area di competenza Gestire progetti a partire dal rapporto tra obiettivi finali e risorse disponibili Aree tematiche Project Management Project Management Advance Lean Manufacturing pag.13 Processo aziendale GESTIONE CLIENTI pag.18 Area di competenza Gestire gli ordini e/o l assistenza post vendita per fidelizzare il cliente e sviluppare nuove opportunità/servizi Aree tematiche Lo sviluppo dei rapporti con i clienti Marketing Gestione delle commesse Processo aziendale SVILUPPO R.U. E COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI Area di competenza Gestire i collaboratori e i gruppi di lavoro Aree tematiche Comunicazione rapporti interpersonali e di gruppo Team building Negoziazione dei conflitti Business language pag.27 1

2 Processo aziendale SALUTE E SICUREZZA pag.47 Area di competenza Agire comportamenti funzionali alla prevenzione dei rischi e al mantenimento della sicurezza nei contesti di vita e di lavoro Aree tematiche Gestione della sicurezza Arricchimento della mansione del lavoratore Compliance aziendale (L.231, privacy, qualità) Processo aziendale SERVIZI INFORMATIVI Area di competenza Utilizzare strumenti e procedure informatiche di base e/o specialistiche Aree tematiche Strumenti di office automation Linguaggi di programmazione pag.53 Processo aziendale OPERATIONS Area di competenza Programmare e monitorare il sistema di manutenzione pag.77 Aree tematiche Manutenzione macchine 2

3 CONTATTI Adecco Formazione Fabrizio Deidda Tel AFOL Milano agenzia.provincia.milano.it Barbera Rosalinda - Bellini Cristina Tel. 02/ AFOL Est Milano - tel Afol Ovest Milano Laura Scquizzato - - Tel. 0331/ ASF Marco Mascaretti Tel. 02/ Associazione Ambiente e Lavoro - Tel CLOM centro lavoro ovest milano Roberta Milesi - - Tel Ecole Tel Fondazione Luigi Clerici Silvia Restagno - - Tel Formaper - Tel Ifoa Valentina Baldi - Tel 02/ IAL - Innovazione Apprendimento Lavoro Lombardia S.r.l. Monti Chiara - Tel Percorsi - tel

4 Area di competenza Area di competenza: Inquadramento e contestualizzazione degli obiettivi di un percorso di riqualificazione La riqualificazione delle competenze a sostegno della propria occupabilità Obiettivi: Accrescere nei partecipanti la consapevolezza sugli attuali scenari socio economici, sulle competenze professionali necessarie per agire la propria dimensione lavorativa in modo efficace ed efficiente. : il mercato del lavoro attuale: sostenere l incertezza il concetto di professionalità il ruolo professionale: il concetto di competenza i diversi tipi di competenza: base, professionali e comportamentali il proprio portfolio di competenze la consapevolezza del proprio patrimonio di competenze come premessa per la definizione di percorsi lavorativi efficaci la formazione continua a sostegno della propria occupabilità. 8 ore La metodologia didattica è di tipo non direttivo e privilegia l esperienza dei partecipanti rispetto ai contenuti portati dai conduttori. In tal senso il ruolo dei conduttori, di estrazione psicologica, è prevalentemente di facilitazione del processo di comunicazione e ascolto, di analisi e restituzione delle dinamiche personali e relazionali, di supporto alla riflessione individuale e di gruppo, di accompagnamento allo scambio di feedback tra i partecipanti. Ai conduttori è affidata anche la responsabilità di condurre i momenti esercitativi, che hanno lo scopo di accelerare e approfondire la riflessione e lo scambio sui temi proposti. Vengono utilizzate esercitazioni espressive (con l utilizzo di materiale d arte e collage), esercitazioni analogiche, simulazioni e giochi di ruolo, esercitaizoni psico-corporee. Lavoratori dipendenti in CIG, di qualunque tipologia di azienda e senza limiti relativi al ruolo ricoperto in azienda. No prevista Segreteria corsi Formaper via Santa Marta Milano. Tel Ecole Tel

5 Area di competenza Area di competenza: Inquadramento e contestualizzazione degli obiettivi di un percorso di riqualificazione Valorizzazione del profilo professionale Il corso affronta la situazione del mercato del lavoro e della formazione professionale per illustrare poi gli strumenti ed i passi di un processo di riqualificazione. L obiettivo primario di introdurre il partecipante ad un primo momento di riflessione sulle proprie esperienze e capacità così da massimizzare la resa dei successivi interventi che lo vedranno coinvolto singolarmente o con il supporto da uno specialista del settore. - Il mercato del lavoro e della formazione come percorso che coinvolge l intera vita professionale - Ruoli e professioni all interno dell organizzazione che cambia - I diversi tipi di contratti di lavoro (in caso di beneficiari destinatari di processi di ricollocazione) - Principali tecniche per agire un comportamento attivo verso il contesto lavorativo - Fare marketing di se stessi, preparare una propria presentazione, sviluppare il problem solving, gestire efficacemente situazioni interpersonali - Gli strumenti di ricerca sul web (in caso di beneficiari destinatari di processi di ricollocazione) 20 ore Lezioni teoriche e pratiche, anche attraverso lavori di gruppo, volte a far comprendere al partecipante i diversi aspetti di criticità del processo e per indirizzarlo alla impostazione delle proprie strategie e azioni di analisi della propria situazione e favorirne la riqualificazione Utenti indistinti per studi, età e genere che debbano affrontare un percorso di riqualificazione e vogliano affrontare in piena consapevolezza i passi e le difficoltà del processo di rimotivazione e di promozione della propria professionalità così da poter consolidare metodologie e strumenti che portino a scelte consapevoli nel mondo del lavoro e della formazione professionale. Non prevista AfolOvestMilano Eurolavoro Via XX Settembre Legnano (MI) tel. 0331/ fax 0331/ Persona di riferimento: Laura Scquizzato Agenzia per la Formazione, l'orientamento e il Lavoro Est Milano a.s.c. Cernusco sul Naviglio Strada Padana Superiore 2/B tel fax Da lunedì a venerdì: Sito: 5

6 Area di competenza Area di competenza: Rimotivazione e empowement personale e professionale Empower Yourself: diventare protagonisti del proprio progetto lavorativo. Workshop per il potenziamento delle capacità personali Obiettivi: La finalità del workshop è di aiutare le persone ad aprirsi nuove possibilità professionali (empowerment) a partire dalla consapevolezza delle proprie risorse (attuali e potenziali) e attraverso un atteggiamento attivo e progettuale. In altri termini, si tratta di facilitare il passaggio dall essere attori (che aspettano di essere chiamati in scena) all essere autori o co-autori (che decidono, almeno in parte, la storia da raccontare). Ciascuno, nel prendere parte al workshop, diviene più consapevole del proprio valore e delle aree da rinforzare e riesce ad identificare in modo più autentico il proprio desiderio professionale. La consapevolezza di sé e la capacità progettuale sono capacità fondamentali per aumentare le possibilità di inserimento (o re-inserimento professionale) e sono una premessa indispensabile alla costruzione di un serio progetto professionale. : Il lavoro d aula ruota intorno ad alcune aree tematiche, tra le quali: Ruolo professionale: dimensioni in gioco Costruire il futuro professionale: illusione, delusione e progettualità La consapevolezza di sé e delle proprie risorse Empowerment, ovvero aprirsi nuove possibilità Il proprio potenziale e le aree di sviluppo Il riconoscimento e la valorizzazione da parte degli altri La responsabilità di apprendere e crescere. 16 ore La metodologia didattica è di tipo non direttivo e privilegia l esperienza dei partecipanti rispetto ai contenuti portati dai conduttori. In tal senso il ruolo dei conduttori, di estrazione psicologica, è prevalentemente di facilitazione del processo di comunicazione e ascolto, di analisi e restituzione delle dinamiche personali e relazionali, di supporto alla riflessione individuale e di gruppo, di accompagnamento allo scambio di feedback tra i partecipanti. Ai conduttori è affidata anche la responsabilità di condurre i momenti esercitativi, che hanno lo scopo di accelerare e approfondire la riflessione e lo scambio sui temi proposti. Vengono utilizzate esercitazioni espressive (con l utilizzo di materiale d arte e collage), esercitazioni analogiche, simulazioni e giochi di ruolo, esercitaizoni psico-corporee. Lavoratori dipendenti in CIG, di qualunque tipologia di azienda e senza limiti relativi al ruolo ricoperto in azienda. No Segreteria corsi Formaper via Santa Marta Milano. Tel Ecole Tel

7 Area di competenza Area di competenza: Rimotivazione e empowement personale e professionale Rimotivazione e empowerment personale e professionale Il processo di motivazione e rimotivazione richiede che il partecipante si metta in discussione e acquisti consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti così da essere egli stesso in grado di progettarne la soluzione. Il corso introduce gli aspetti essenziali del processo - conoscenza di sé e delle proprie risorse (attitudini, esperienze, conoscenze, abilità, competenze) - adeguata valutazione delle proprie capacità personali - identificazione delle proprie motivazioni e obiettivi - la conoscenza del contesto di riferimento in relazione ai propri obiettivi - definizione di un progetto professionale o formativo con una onesta e consapevole mediazione fra obiettivi personali e realtà oggettiva 20 ore Lezioni teoriche e pratiche, anche attraverso lavori di gruppo, volte a far comprendere al partecipante i diversi aspetti di criticità del processo e per indirizzarlo alla impostazione delle proprie strategie e azioni di analisi della propria situazione e favorirne la riqualificazione Utenti indistinti per studi, età e genere che debbano affrontare un percorso di riqualificazione e vogliano affrontare in piena consapevolezza i passi e le difficoltà del processo di rimotivazione e di promozione della propria professionalità così da poter consolidare metodologie e strumenti che portino a scelte consapevoli nel mondo del lavoro e della formazione professionale. Non prevista AfolOvestMilano Eurolavoro Via XX Settembre Legnano (MI) tel. 0331/ fax 0331/ Persona di riferimento: Laura Scquizzato Agenzia per la Formazione, l'orientamento e il Lavoro Est Milano a.s.c. Cernusco sul Naviglio Strada Padana Superiore 2/B tel fax Da lunedì a venerdì: Sito: 7

8 Processo aziendale Amministrazione contabilità e finanza Area di competenza Gestire i processi amministrativi e contabili Area tematica Paghe e contributi 8

9 Area di competenza: Gestire i processi amministrativi e contabili Area tematica: Paghe e contributi Addetto elaborazione paghe e contributi con applicativo dedicato Diritto del lavoro e sicurezza sociale: norme costituzionali e codice civile - Il CCNL - La sicurezza sociale - Il lavoro dipendente: differenza tra lavoro autonomo e lavoro dipendente - Obblighi del datore di lavoro e del lavoratore - Orario di lavoro - Il Contratto di Lavoro: le sue parti - Documentazione necessaria all assunzione: documenti, residenza, domicilio - Classificazione dei lavoratori - Definizione dell orario di lavoro - La gestione dei riposi settimanali - Scatti di anzianità - Forme di retribuzione - Premio ed una tantum - Servizi aziendali per il lavoratore: mense, asili, cure mediche e fondi di solidarietà - Indennità: di mensa, disagiata sede, alta montagna e sottosuolo - Cambio di mansione - Contratti di lavoro atipici - Provvedimenti disciplinari - Ammonizioni, multe e sospensioni - Licenziamenti per mancanze - Sospensioni cautelari - Ambiente di lavoro - Igiene e sicurezza - Il periodo di prova - Le sospensioni: interruzione del lavoro, riduzione del lavoro - Lavoro straordinario, notturno e festivo - Aspettativa, Maternità, Servizio militare e civile - Libri e documenti obbligatori: libro matricola; libro paga; registro delle presenze; registro degli infortuni - Determinazione della retribuzione - Minimo Tabellare Sovraminimo Scatti - Detrazioni fiscali - La retribuzione dal lordo al netto - Corresponsione delle mensilità aggiuntive - Variazioni di orario di lavoro e del luogo di lavoro - Retribuzione delle assenze - Infortunio sul lavoro - Integrazioni salariali - Ferie, festività, congedo, richiamo alle armi, permessi retribuiti - Assegni familiari e note sulle competenze di fine rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto - Determinazione della quota del TFR annuale - Contributi previdenziali-assistenziali - Le assicurazioni sociali obbligatorie - Versamento mensile dei contributi - Caricamento dati - Il conteggio delle ore di ciascun dipendente - Il conteggio delle festività - La liquidazione delle assenze - Il calcolo delle tipologie d assenza - L elaborazione di cedolini e le scritture contabili, formule di calcolo per i costi - Lavorare con i reports, l ottenimento di tabulati di controllo e di analisi dei costi di riepilogo 120 ore Metodologia Le metodologie utilizzate nel corso sono attive. Verranno svolte esercitazioni pratiche, discussioni/confronti sulle diverse tematiche trattate. Destinatari Il programma si rivolge a tutti coloro che devono acquisire nozioni sulla modalità di gestione della documentazione retributiva e sulle modalità di calcolo degli elementi retributivi. Per informazioni mandare mail a o chiamare Adecco Formazione Srl Filiale di Milano allo

10 Area di competenza: Gestire i processi amministrativi e contabili Area tematica: Paghe e contributi Bilancio per non addetti Obiettivi Il corso ha finalità di fornire nozioni utili per leggere e comprendere il bilancio, i principali documenti che ne interano le informazioni ed effettuare le prime valutazioni sulla struttura economico-finanziaria dell impresa. Inoltre verrà illustrato come, partendo dai dati dei bilancio, sia possibile trarre informazioni significative sulla realtà aziendale attraverso ad esempio: correlazioni tra le voci, le principali riclassificazioni e l analisi per indici Struttura e composizione del bilancio: stato patrimoniale e conto economico nota integrativa relazione sulla gestione relazioni del collegio sindacale relazione dei revisori contabili Metodologia Principali metodi di riclassificazioni del bilancio d esercizio Analisi della redditività, dell indebitamento, della solidità patrimoniale, della liquidità attraverso l utilizzo degli indicatori di bilancio. Identificazione delle leve gestionali a disposizione per migliorare i risultati aziendali 16 ore Destinatari Lavoratori che intendano migliorare o approfondire le tematiche relative al bilancio Ecole Tel

11 Area di competenza: Gestire i processi amministrativi e contabili Area tematica: Paghe e contributi La costruzione del budget Obiettivi Il corso si propone l obiettivo di fornire ai partecipanti le conoscenze necessarie per effettuare la gestione economico-amministrativa di un'azienda, per leggere e interpretare gli aspetti fondamentali del budget aziendale e per svolgere le principali operazioni di budget operativi La programmazione di breve periodo dell'azienda Il sistema di budget Budget operativi, finanziari e degli investimenti La definizione dei valori obiettivi e le tecniche e il processo di redazione dei budget operativi 24 ore Destinatari Responsabili di area e di progetto Ecole Tel

12 Area di competenza: Gestire i processi amministrativi e contabili Area tematica: Paghe e contributi Come determinare la solvibilità e la redditività d impresa Obiettivi Il corso si propone come obiettivo specifico quello di fornire ai partecipanti strumenti efficaci per controllare e valutare la dimensione economico-finanziaria dell impresa, a partire dalle indicazioni delle correlazioni fra dinamica reddituale e dinamica finanziaria, ricavabili dalla lettura dei principali indicatori di redditività e solvibilità dell impresa I fattori determinanti la redditività delle imprese La struttura finanziaria e redditività aziendale L interpretazione dei più significativi indicatori di redditività e di solvibilità finanziaria La situazione di liquidità e relazioni con redditività, solidità e sviluppo aziendale 16 ore Destinatari Responsabili finanziari e amministrativi e personale che si occupa di amministrazione e finanza Ecole Tel

13 Processo aziendale Sviluppo organizzativo Area di competenza Gestire progetti a partire dal rapporto tra obiettivi finali e risorse disponibili Aree tematiche Project Management Project Management Advance Lean Manufacturing 13

14 Area di competenza: Gestire progetti a partire dal rapporto tra obiettivi finali e risorse disponibili Area tematica: Project Management Project Management: metodi, tecniche e strumenti Il corso fa riferimento alle metodologie proposte dal PMI Cosa è e cosa non è un progetto; peculiarità del progetto Le fasi del ciclo di vita del progetto Definizione degli obiettivi La stima e la pianificazione La strumentazione di base: Gantt e PERT, WBS (Work Breakdown Structure) La comunicazione interna al gruppo Relazioni interne ed esterne Revisione ed avanzamento Compiti e responsabilità 32 h Metodologia Didattica attiva. L apprendimento è di tipo misto: a fronte della presentazione e discussione dei fondamentali teorici sui concetti chiave saranno svolte numerose esercitazioni e verrà proposto un ProjectWork di cui simuleranno in gruppi di lavoro la pianificazione e conduzione durante l Intero percorso formativo. In aula si farà uso di software open source, o di Microsoft Project, in ausilio alle attività di Project Management. Destinatari Il corso è introduttivo alla metodologia di Project Management e quindi è destinato a lavoratori che non abbiano ancora maturato una significativa esperienza di gestione progetti; a lavoratori che dovranno o potranno essere chiamati a gestire progetti. Il corso è raccomandato anche per lavoratori che partecipino o che potrebbero partecipare a team di progetto. Prerequisiti Conoscenza di processi ed organizzazione aziendale; esperienza, anche breve, di lavoro in squadra; conoscenza degli strumenti di informatica individuale. Per informazioni, per ricevere la scheda corso completa e per iscrizioni: mailto: - tel

15 Area di competenza: Gestire progetti a partire dal rapporto tra obiettivi finali e risorse disponibili Area tematica: Project Management livello avanzato Le metodologie agili per i progetti Software Il progetto software porta con sé specificità che richiedono la messa in campo, oltre ai saperi consolidati del project management, tecniche e modalità di lavoro particolari che meglio rispondono alle peculiarità legate al ciclo di vita di un prodotto così particolare. Cosa sono le metodologia Agili Adottare le Metodologie Agili,rischi ed opportunità Il Manifesto dell Agile ed i Principi Base I possibili approcci ed il percorso di cambiamento Da Plan Based a Reality Based Il nuovo ciclo di vita ed i nuovi ruoli Progettare il proprio processo di sviluppo Extreme Programming, Scrum, Lean, Feature Driven Development Sperimentare il processo Estendere il processo 24 h Metodologia Didattica attiva e apprendimento esperienziale. Il corso vedrà brevi momenti di esposizione da parte del docente seguiti da esercitazioni e da analisi di casi reali, vissuti dai partecipanti o dal docente. L analisi dei casi critici è fondamentale per evidenziare i vantaggi che avrebbero potuto misurarsi nell applicazione, in quei casi, delle metodologie Agili. Destinatari Il corso è specialistico e verticale, destinato chi abbia già maturato esperienze di gestione progetti in ambito informatico. Facendo riferimento al QRSP Lombardo, i profili professionali del che più possono beneficiare del corso sono: 14.1 Consulente per le applicazioni gestionali ;14.2 Responsabile sistemi informativi; Analista sistemista informatico; Capoprogetto informatico; System Integrator (progettista di sistemi di apparati ITC) Il corso permette di certificare, tramite l elaborazione del ProjectWork e mediante test di assessment in uscita, l acquisizione di conoscenza e abilità nelle tecniche di Project Management per i profili professionali indicati Per informazioni, per ricevere la scheda corso completa e per iscrizioni: mailto: - tel

16 Area di competenza: Gestire progetti a partire dal rapporto tra obiettivi finali e risorse disponibili Area tematica: Project Management livello avanzato Project Management: saper applicare efficacemente le tecniche e gli strumenti per la gestione dei progetti Il corso fa riferimento alle metodologie proposte dal PMI Il Project Management e la misura del successo di un progetto la gestione dei processi ed il progetto; progetti e processi: similitudini e differenze il ruolo, le competenze e le attitudini del Project Manager, le attività del Project Manager il Project Management Institute, la certificazione PMP ed il PMbok le competenze interpersonali nel progetto l allineamento tra progetti e strategie il Piano di Progetto ed il Piano della Comunicazione strumenti di pianificazione: Gantt e PERT il Ciclo di Vita del progetto e le sue fasi il Project Charter, statuto del progetto la WBS (Work Breakdown Structure), il processo di stima e la schedulazione effort e governo dei rischi progettuali il project team ed il governo delle risorse analisi post-progettuale 40 h consigliate non consecutive (24 h + 16 h a distanza di almeno una settimana) Metodologia Didattica attiva e Action Learning: il corso si baserà sull analisi e riflessione strutturata delle esperienze dei partecipanti nella gestione di progetti, al fine di focalizzare al meglio i contenuti proposti. In particolare i partecipanti proporranno un esempio di progetto vicino alla loro esperienza, di cui simuleranno, in gruppi di lavoro, la pianificazione e conduzione durante l intero percorso formativo, il docente assumerà il ruolo di Coach di tali gruppi. E previsto l utilizzo di software (Open Source o MS Project) a supporto dell attività. Destinatari Il corso è destinato a lavoratori che abbiano maturato esperienze di gestione progetti. Il corso è valido ai fini della certificazione PMP. Il corso permette di certificare, tramite l elaborazione del ProjectWork e mediante test di assessment in ingresso e in uscita, l acquisizione di conoscenza e abilità nelle tecniche di Project Management per tutti i profili professionali del QRSP Lombardo che lo prevedano, ad esempio: 14.2 Responsabile sistemi informativi; Analista sistemista informatico; Capoprogetto informatico; quadri e responsabili di organizzazione, in particolare : 24.1,24.3,24.6,24.10 Per informazioni, per ricevere la scheda corso completa e per iscrizioni: mailto: - tel

17 Area di competenza: Gestire progetti a partire dal rapporto tra obiettivi finali e risorse disponibili Area tematica: Lean Manufacturing Lean Manufacturing Organizzazione dei servizi e delle aree produttive con l applicazione del pensiero snello. L ingegneria di produzione e la logistica snella hanno come obiettivo quello di eliminare la dispersione nelle imprese di produzione di beni e/o servizi, ottimizzando gli standard presenti, migliorando la qualità e riducendo i costi, con una revisione accurata dei metodi di lavoro ore Utilizzo di metodologie didattiche innovative e partecipative che garantiscono il coinvolgimento diretto dei partecipanti quali: - brainstorming - case studies - role playing Occupati, percettori di CIG in deroga Non previste Cinzia Zanetti Tel Fax

18 Processo aziendale Gestione clienti Area di competenza Gestire gli ordini e/o l assistenza post vendita per fidelizzare il cliente e sviluppare nuove opportunità/servizi Aree tematiche Lo sviluppo dei rapporti con i clienti Marketing Gestione delle commesse 18

19 Area di competenza Gestire gli ordini e/o l assistenza post-vendita per fidelizzare il cliente e sviluppare nuove opportunità/servizi Area tematica: Lo sviluppo del rapporto con i clienti Conquistare e fidelizzare i clienti in tempi di crisi Obiettivi Il seminario si propone di: - Sviluppare competenze pratiche per proporre e vendere la propria attività sul mercato - Sviluppare capacità di preparazione e di gestione delle fasi cruciali della trattativa commerciale - Comprendere quali siano le logiche della cura del cliente per fidelizzarlo - Sviluppare un linguaggio efficace per la cura del cliente Come proporsi ai potenziali clienti: identificare gli elementi differenzianti e qualificanti della propria proposta valorizzare l immagine delle propria attività le attenzioni utili sul piano della comunicazione interpersonale L approccio al cliente: Contatto telefonico, superamento dei filtri Contatto via Attenzioni per il primo incontro: come proporsi La gestione dell incontro con il cliente: Indagare le necessità del cliente Individuare i ruoli implicati nel processo di acquisto e le abitudini Identificare le argomentazioni più adatte nel contesto specifico Gestire diversi tipi di domande del cliente Attenzioni per trattare le obiezioni del cliente Il ruolo della cura del cliente per fidelizzarlo Valorizzare e sistematizzare le informazioni raccolte Il concetto di customer care Le aspettative del cliente riguardo al servizio Gli effetti della customer care nella fidelizzazione del cliente 16 ore Il corso coinvolgerà i partecipanti con sessioni interattive utilizzando esercitazioni e simulazioni. Lavoratori dipendenti in CIG, di qualunque tipologia di azienda e senza limiti relativi al ruolo ricoperto in azienda. Non prevista Segreteria corsi Formaper via Santa Marta Milano. Tel

20 Area di competenza: Gestire gli ordini e/o l assistenza post-vendita per fidelizzare il cliente e sviluppare nuove opportunità/servizi Area tematica: Lo sviluppo del rapporto con i clienti Comunicazione e gestione del cliente interno ed esterno I Modulo: Fondamenti della comunicazione Le regole della comunicazione; Il messaggio; Il contesto; Il feedback; La comunicazione verbale e non verbale; I livelli della comunicazione; Gli atteggiamenti comunicativi e relazionali; L ascolto attivo; Le barriere alla comunicazione; La voce, il tono e la postura, la velocità/lentezza nel parlare, pause, segnali di ascolto; La tecnica delle domande; Esercitazioni e role playing. II Modulo: Tipi di comunicazione: La comunicazione telefonica; Le tecniche per migliorare la comunicazione al telefono; Le telefonate in entrata e in uscita; I punti chiave di una telefonata e di un colloquio; Il filtro telefonico; Gestire le attese al telefono; Le caratteristiche di un servizio di qualità; Esercitazioni e role playing. Cenni sulla comunicazione scritta: La struttura del messaggio; Le parole da utilizzare e quelle da evitare. III Modulo: Il cliente Il concetto di Servizio; L approccio e la gestione del cliente; La gestione delle situazioni difficili; Essere responsabili nel proprio lavoro; competenza, professionalità, cortesia, efficienza verso il cliente; Esercitazioni e role playing. 20 Conoscere tecniche efficaci per rendere efficace e funzionale la comunicazione. Essere più efficaci in tutte le relazioni interpersonali e professionali. Individuare gli indicatori di qualità per soddisfare le esigenze degli utenti/clienti interni ed esterni e mantenere una buona comunicazione. Sperimentare quali competenze affinare per costruire una buona immagine professionale con ciascun utente/cliente. Rispondere alle esigenze e rendere soddisfatti gli utenti/clienti Personale dipendente Non prevista Agenzia per la Formazione, l'orientamento e il Lavoro Est Milano a.s.c. Cernusco sul Naviglio Strada Padana Superiore 2/B tel fax Da lunedì a venerdì: Sito: 20

21 Area di competenza: Gestire gli ordini e/o l assistenza post-vendita per fidelizzare il cliente e sviluppare nuove opportunità/servizi Area tematica: Lo sviluppo del rapporto con i clienti Tecniche di vendita La gestione della relazione con il cliente durante tutte le fasi della vendita: dal primo approccio, alla comprensione della richiesta, alla presentazione del prodotto/servizio, alla gestione delle obiezione, alla chiusura, fino al post vendita. Gli attori della vendita: il venditore: la comprensione della comunicazione verbale e non verbale- Gli attori della vendita: il cliente e il prodotto servizio I meccanismi della comunicazione persuasiva e le prime fasi della vendita: primo contatto e empatia, l'argomentazione e presentazione del prodotto. I meccanismi della comunicazione persuasiva e le fasi della vendita: gestione delle obiezioni, chiusura e rinforzo della vendita. 16 ore Relativamente alla Formazione d'aula, al fine di garantire l elevato livello motivazionale dei partecipanti, i la trasmissione di concetti teorici sarà affiancata con l utilizzo di alcune "metodologie attive" che si fondano sul presupposto che l apprendimento effettivo avvenga prioritariamente attraverso l esperienza. In particolare, a seconda delle esigenze, i formatori ricorreranno alle seguenti metodologie didattiche: lezioni frontali interattive, esercitazioni guidate; Tutte le persone che hanno a che fare con i clienti e con il processo di vendita Non prevista Fondazione Luigi Clerici Silvia Restagno Tel

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli