Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile"

Transcript

1 Ragione Sociale Titolare/Legale Rappresentante Sede della struttura Attività esercitata Data di costruzione immobile Data ultime modifiche impianto idrico

2 Nome e Cognome Formazione Responsabile dell identificazione e valutazione del rischio legionella La documentazione richiesta nella tabella sottostante deve essere messa a disposizione degli organi di controllo presso la sede della struttura. DOCUMENTI SÌ NO Planimetrie del fabbricato con evidenziato lo schema dell impianto idro-sanitario a partire dai punti di approvvigionamento, con tipologia dei materiali utilizzati ed eventuale ricircolo dell acqua. Indicare, se presenti, idromassaggio-sauna-bagno turco. Altre fonti di approvvigionamento idrico autorizzate. Dichiarazione della separazione netta tra l acquedotto ed altre fonti di approvvigionamento (pozzo). Approvvigionamento acquedotto. Schema impianto di condizionamento con controllo dell umidità. Referti analitici dei campionamenti. Verbali di sopralluogo degli organi di vigilanza. Eventuali dichiarazioni o certificazioni rilasciate da parte di ditte specializzate che operano sugli impianti, che possano avere attinenza con la gestione del rischio legionella. Attestazioni comprovanti l avvenuta formazione del responsabile della gestione del rischio legionellosi. Autocertificazione sul possesso del titolo di studio attinente la materia.

3 La valutazione dei punti a rischio, a cura del Responsabile, si propone di identificare eventuali potenziali fonti di rischio e deve prendere in considerazione non solo i singoli componenti (serbatoi, pompe, tubature, bracci morti, parti dell impianto usate ad intermittenza), ma tutto l impianto nella sua interezza. Devono essere prese in considerazione anche tutte quelle parti del sistema idrico che non vengono usate abitualmente. Per le strutture ricettive il controllo dovrebbe essere effettuato prima dell apertura e comunque secondo la periodicità consigliata.

4 PULIZIE E MANUTENZIONI GENNAIO /anno /01/2015 Ispezione visiva 1/mese /01/2015 /01/2015 1/anno /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 /01/2015 2/anno /01/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /01/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /01/2015 /01/2015 1/anno /01/2015 /01/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /01/2015 a base di (docce) 1/mese /01/2015 a base di (rubinetti) /01/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /01/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /01/2015 /01/2015

5 PULIZIE E MANUTENZIONI FEBBRAIO /anno /02/2015 Ispezione visiva 1/mese /02/2015 /02/2015 1/anno /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 /02/2015 2/anno /02/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /02/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /02/2015 /02/2015 1/anno /02/2015 /02/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /02/2015 a base di (docce) 1/mese /02/2015 a base di (rubinetti) /02/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /02/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /02/2015 /02/2015

6 PULIZIE E MANUTENZIONI MARZO /anno /03/2015 Ispezione visiva 1/mese /03/2015 /03/2015 1/anno /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 /03/2015 2/anno /03/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /03/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /03/2015 /03/2015 1/anno /03/2015 /03/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /03/2015 a base di (docce) 1/mese /03/2015 a base di (rubinetti) /03/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /03/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /03/2015 /03/2015

7 PULIZIE E MANUTENZIONI APRILE /anno /04/2015 Ispezione visiva 1/mese /04/2015 /04/2015 1/anno /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 /04/2015 2/anno /04/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /04/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /04/2015 /04/2015 1/anno /04/2015 /04/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /04/2015 a base di (docce) 1/mese /04/2015 a base di (rubinetti) /04/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /04/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /04/2015 /04/2015

8 PULIZIE E MANUTENZIONI MAGGIO /anno /05/2015 Ispezione visiva 1/mese /05/2015 /05/2015 1/anno /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 /05/2015 2/anno /05/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /05/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /05/2015 /05/2015 1/anno /05/2015 /05/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /05/2015 a base di (docce) 1/mese /05/2015 a base di (rubinetti) /05/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /05/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /05/2015 /05/2015

9 PULIZIE E MANUTENZIONI GIUGNO /anno /06/2015 Ispezione visiva 1/mese /06/2015 /06/2015 1/anno /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 /06/2015 2/anno /06/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /06/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /06/2015 /06/2015 1/anno /06/2015 /06/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /06/2015 a base di (docce) 1/mese /06/2015 a base di (rubinetti) /06/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /06/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /06/2015 /06/2015

10 PULIZIE E MANUTENZIONI LUGLIO /anno /07/2015 Ispezione visiva 1/mese /07/2015 /07/2015 1/anno /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 /07/2015 2/anno /07/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /07/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /07/2015 /07/2015 1/anno /07/2015 /07/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /07/2015 a base di (docce) 1/mese /07/2015 a base di (rubinetti) /07/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /07/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /07/2015 /07/2015

11 PULIZIE E MANUTENZIONI AGOSTO /anno /08/2015 Ispezione visiva 1/mese /08/2015 /08/2015 1/anno /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 /08/2015 2/anno /08/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /08/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /08/2015 /08/2015 1/anno /08/2015 /08/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /08/2015 a base di (docce) 1/mese /08/2015 a base di (rubinetti) /08/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /08/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /08/2015 /08/2015

12 PULIZIE E MANUTENZIONI SETTEMBRE /anno /09/2015 Ispezione visiva 1/mese /09/2015 /09/2015 1/anno /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 /09/2015 2/anno /09/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /09/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /09/2015 /09/2015 1/anno /09/2015 /09/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /09/2015 a base di (docce) 1/mese /09/2015 a base di (rubinetti) /09/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /09/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /09/2015 /09/2015

13 PULIZIE E MANUTENZIONI OTTOBRE /anno /10/2015 Ispezione visiva 1/mese /10/2015 /10/2015 1/anno /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 /10/2015 2/anno /10/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /10/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /10/2015 /10/2015 1/anno /10/2015 /10/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /10/2015 a base di (docce) 1/mese /10/2015 a base di (rubinetti) /10/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /10/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /10/2015 /10/2015

14 PULIZIE E MANUTENZIONI NOVEMBRE /anno /11/2015 Ispezione visiva 1/mese /11/2015 /11/2015 1/anno /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 /11/2015 2/anno /11/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /11/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /11/2015 /11/2015 1/anno /11/2015 /11/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /11/2015 a base di (docce) 1/mese /11/2015 a base di (rubinetti) /11/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /11/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /11/2015 /11/2015

15 PULIZIE E MANUTENZIONI DICEMBRE /anno /12/2015 Ispezione visiva 1/mese /12/2015 /12/2015 1/anno /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 /12/2015 2/anno /12/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /12/2015 Shock Termico (70-80 C) quindicinale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 Apertura del rubinetto alla base del serbatoio settimanale /12/2015 /12/2015 1/anno /12/2015 /12/2015 Svuotamento della rete, pulizia e disinfezione con prodotti a base di 1/anno /12/2015 a base di (docce) 1/mese /12/2015 a base di (rubinetti) /12/2015 Pulizia e disinfezione filtri con prodotti a base di 1/mese /12/2015 Pulire e disinfettare vaschetta di raccolta della condensa 1/mese /12/2015 /12/2015

16 Data intervento Impianto Attrezzatura Inconveniente Riscontrato Intervento effettuato Nominativo dell operatore/ditta che Verifica efficacia intervento (data) Firma del Responsabile

17 I sottoscritti, nell'apporre la loro firma dichiarano di essere stati informati sui contenuti del presente documento. Dichiarano altresì di attenersi alle disposizioni impartite e alla formazione ricevuta. Nominativo Mansione Data Firma

18 Nominativo Mansione Data Firma

19 PUNTO CRITICO AZIONI PREVENTIVE PERIODICITÀ AZIONI CISTERNE DI ACCUMULO ACQUA FREDDA Svuotamento del serbatoio, pulizia e disinfezione con prodotti a base di Due volte l anno AUTOCLAVE Svuotamento del serbatoio, pulizia e disinfezione con prodotti a base di Una volta l anno Apertura del rubinetto alla base del serbatoio Settimanale Svuotamento del serbatoio, pulizia e disinfezione con prodotti a base di Trimestrale Apertura del rubinetto alla base del serbatoio Settimanale BOILER Shock Termico (70-80 C) Ogni 15 giorni Mantenimento termico durante l esercizio (55-60 C) / Pulizia e disinfezione con prodotti a base di della rete di Una volta l anno Apertura delle utenze che rimangono inutilizzate per un periodo superiore a 7 giorni / RETE DI DISTRIBUZIONE Smontaggio dei filtri rubinetti e soffioni docce, rimozione del calcare con successiva disinfezione con prodotti a base di Mensile Monitoraggio durante la stagione estiva / Temperatura tra i 55 e 60 C a monte della miscelazione con l'acqua fredda Quindicinale

20 CONDIZIONATORI Pulizia e disinfezione dei filtri dell'aria Mensile Pulizia e disinfezione con prodotti a base di Annuale in occasione dello svuotamento dell'acqua PISCINA Pulizia e disinfezione dei filtri dell'acqua Trimestrale Sostituire almeno la metà della massa d'acqua Giornaliera Prevedere una concentrazione di attivo libero nell'acqua pari a quello delle piscine Giornaliera IDROMASSAGGIO Pulire e risciacquare i filtri Giornaliera Controllare la temperatura e la concentrazione del Tre volte al giorno Disinfezione accurata della vasca Settimanale

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI Redatto sulla base delle Linee Giuda per la sorveglianza e il controllo della legionellosi, approvate con

Dettagli

Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile

Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile Ragione Sociale Titolare/Legale Rappresentante Sede della struttura Attività esercitata Data di costruzione immobile Data ultime modifiche impianto idrico Nome e Cognome Formazione Responsabile dell identificazione

Dettagli

DATI GENERALI DELL AZIENDA

DATI GENERALI DELL AZIENDA Dipartimento di Sanità Pubblica Area Dipartimentale Sanità Pubblica DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER ANZIANI Redatto sulla base

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE Dott.ssa Laura Origone 1 Introduzione COSA DEVO FARE PER PREVENIRE, CONTROLLARE O ELIMINARE LA

Dettagli

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI Maria Cristina Rota Istituto Superiore di Sanita Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute LINEE GUIDA In Italia,

Dettagli

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI Scheda n.6 SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI TIPOLOGIA DELLA STRUTTURA DENOMINAZIONE STRUTTURA INDIRIZZO COMUNE PROVINCIA TELEFONO FAX E-MAIL @ TIPO DI STRUTTURA

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

Legionellosi e piscine Massimo D Angelo Definizione Affezione Respiratoria Acuta determinata da un bacillo della famiglia Legionellaceae, genere Legionella, specie più diffusa Pneumofila (90% delle infezioni)

Dettagli

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Pulizia, manutenzione e collaudo delle reti idiriche Gli impianti idraulici prima di essere consegnati all utente devono essere ripuliti

Dettagli

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE INCONTRO 4 CHIACCHERE SUL LAGO UFFICIO IGIENE BARDOLINO (VR) MERCOLEDI 04/03/2015 LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO Il rischio di acquisizione della Legionellosi dipende

Dettagli

Ruolo e competenze di Arpa e ASL

Ruolo e competenze di Arpa e ASL IL RUOLO DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA PUBBLICA NEL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI Ruolo e competenze di Arpa e ASL Luciana Ropolo Torino, 21 febbraio 2013 1 La cronistoria Anno 2000: Documento di linee-guida

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE SPORTIVE

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE SPORTIVE Il Gabbiano S.c.r.l. Via B. Rozzone,4 24047 Treviglio DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE SPORTIVE Redatto da dott. Ennio Beltrame sulla base delle: - Linee guida per

Dettagli

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000 Introduzione Cos è la legionellosi? È un infezione che non si distingue nettamente da altre infezioni batteriche causa di polmonite. Si manifesta dopo un periodo di incubazione fino a dieci giorni con

Dettagli

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014 Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine ASL Bergamo 10 dicembre 2014 1 Riferimenti Normativi e Gestione in Autocontrollo ASL Bergamo Servizio Igiene e Sanità Pubblica 10 dicembre 2014 2 QUALE NORMATIVA

Dettagli

La valutazione dei rischi in piscina ed il documento di autocontrollo nella provincia di Reggio Emilia

La valutazione dei rischi in piscina ed il documento di autocontrollo nella provincia di Reggio Emilia La valutazione dei rischi in piscina ed il documento di autocontrollo nella provincia di Reggio Emilia Tecnici di Prevenzione: Per.Chim.Ind. Sghedoni Stefano Dott. Macoretta Giovanni Pericolo: proprietà

Dettagli

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private LA PREVENZIONE DALLA LEGIONELLOSI Acqua destinata al consumo umano Decreto legislativo 2 feb. 2001, n 31 Attuazione della direttiva

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Relatori Resp. Settore Civile Adriano Stecher Resp. Ufficio Tecnico Francesco Repetto La legionellosi è una grave forma di polmonite

Dettagli

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA Mercoledì 13 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma RISCHIO LEGIONELLA AUTOCONTROLLO

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici

Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici Ing. Sergio La Mura Direttore Tecnico - Ricerca & Innovazione CORSO

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

Legionella Pneumophila

Legionella Pneumophila Legionella Pneumophila Introduzione, caratteristiche microbiologiche, epidemiologia effetti sulla salute, livelli di rischio e tecniche di risanamento. Stefano Bonfanti Quello che non ci si aspetta 1600

Dettagli

Divisione Servizi Condominiali

Divisione Servizi Condominiali Genova, 21 Gennaio 2015 Ns. Rif. Pacchetti Easy Spett.Le Amm.ne Condominio OGGETTO: Offerta Pacchetto Small-Medium-Large per i servizi: - Derattizzazione 4 interventi annui come da normativa vigente. -

Dettagli

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella CONVEGNO Mercoledì 9 marzo 2011 TRATTAMENTI ANTILEGIONELLA I recenti sviluppi normativi, le soluzioni, le tecnologie e la manutenzione degli impianti idrico sanitari Tecniche di risanamento e sistemi di

Dettagli

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura INTRODUZIONE Il manuale di buona prassi igienica costituisce uno strumento

Dettagli

LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI SULLA PREVENZIONE E CONTROLLO DELLE LEGIONELLE

LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI SULLA PREVENZIONE E CONTROLLO DELLE LEGIONELLE LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI INFORMAZIONI E CONSIGLI : Editore: Assessorato alla sanitá e alle politiche sociali della Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige Ufficio igiene e salute pubblica

Dettagli

Rischio Legionellosi Esperienze

Rischio Legionellosi Esperienze Rischio Legionellosi Esperienze Cesenatico Ing. Simona Boschetti U.O. Tecnico Patrimoniale Ausl di Cesena Resp. Impianti Termotecnici Rischio Legionellosi Linee Guida di riferimento (Delibera Regione Emilia

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI ASL 7 Carbonia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione PG/2010/ Iglesias, LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI Obiettivi Scopo di queste linee guida

Dettagli

Sede Operativa N iscrizione alla C.C.I.A.A. Codi ce ISTAT descrizione attività Codice Fiscale Partita IVA CHIEDE

Sede Operativa N iscrizione alla C.C.I.A.A. Codi ce ISTAT descrizione attività Codice Fiscale Partita IVA CHIEDE Marca da Bollo Euro 14,62 Spett.le Comune di Vigone P.za Palazzo Civico 18 10067 - VIGONE (TO) OGGETTO: Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali

Dettagli

Legionellosi. Epidemiologia e possibile controllo degli impianti idrici dalla contaminazione da legionella. Maurizio Foroni

Legionellosi. Epidemiologia e possibile controllo degli impianti idrici dalla contaminazione da legionella. Maurizio Foroni Legionellosi Epidemiologia e possibile controllo degli impianti idrici dalla contaminazione da legionella Maurizio Foroni S.I.S.P. ULSS 22 Regione Veneto Bardolino, 4 marzo 2015 Legionella E un agente

Dettagli

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA Azienda Ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione convenzionato con l Università degli Studi di Milano APPALTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E PROGRAMMATA DEI CAMINI E CANALI DA FUMO AD USO CIVILE, COMMERCIALE E ARTIGIANALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E PROGRAMMATA DEI CAMINI E CANALI DA FUMO AD USO CIVILE, COMMERCIALE E ARTIGIANALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E PROGRAMMATA DEI CAMINI E CANALI DA FUMO AD USO CIVILE, COMMERCIALE E ARTIGIANALE (Oggetto) Art. 1 Il presente regolamento stabilisce i criteri tecnici

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Divisione medicina del lavoro suva Versione agosto 2011 Factsheet Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Irène Kunz, Marcel Jost Agente patogeno Legionella pneumophila è l agente

Dettagli

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO Seminari regionali per gestori di piscine 2007 Garda 13/04, Jesolo 03/05, Caorle 10/05, Chioggia 22/06 t.d.p. Agnese Dalla Riva Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Dettagli

Spett. COGEIDE S.p.A. Via Crema 24050 Mozzanica (BG)

Spett. COGEIDE S.p.A. Via Crema 24050 Mozzanica (BG) Allegato 5 - domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura e domanda di rinnovo (art. 46 d. lgs. 152/99 e successive modifiche e integrazioni) marca da bollo

Dettagli

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Dr.Fiorella Costa TREVISO 5 DICEMBRE 2007 1 Con il Decreto Legislativo 31/2001 e la DGRV 4080/2004 il panorama legislativo delle acque destinate

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO

MANUALE DI AUTOCONTROLLO MANUALE DI AUTOCONTROLLO Piscina di IL MANUALE E SOGGETTO AD AGGIORNAMENTO. INDICE INDICE Introduzione SEZIONE 1 SEZIONE 2 SEZIONE 3 SEZIONE 4 SEZIONE 5 SEZIONE 6 Dati Generali Articolazione della Struttura

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA DEGLI IMPIANTI NATATORI

LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA DEGLI IMPIANTI NATATORI Direzione Sanità Circolare prot. n. 14066/27.001 del 18 ottobre 2006 LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA DEGLI IMPIANTI NATATORI PREMESSA Il documento è stato preparato per offrire ai Servizi uno strumento

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

Allegato B.16 - Schede interventi di manutenzione preventiva per Impianti di Condizionamento Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto della gara

Allegato B.16 - Schede interventi di manutenzione preventiva per Impianti di Condizionamento Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto della gara Allegato B.16 - Schede interventi di manutenzione preventiva per Impianti di Condizionamento Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto della gara Questi interventi di manutenzione preventiva devono essere eseguiti

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

OGGETTO: Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue provenienti da una piscina

OGGETTO: Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue provenienti da una piscina Marca da bollo Al Sig. Sindaco del Comune di Acqui Terme Piazza Levi 12 15011 Acqui Terme OGGETTO: Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue provenienti da una piscina Ai sensi

Dettagli

D.M. 10 febbraio 2014

D.M. 10 febbraio 2014 D.M. 10 febbraio 2014 Il libretto di impianto Rossano Basili ENEA - Unità Tecnica Efficienza Energetica CCEI Marche Padova, 2 luglio 2014 Art. 11 9. Gli impianti termici con potenza nominale superiore

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto idrico sanitario può essere fonte di danni alle

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste 10.03.2008 12.06.2013 DATA 30.01.

Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste 10.03.2008 12.06.2013 DATA 30.01. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Committente Comune di Carcoforo Oggetto Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste L.R. n. 13/97 - art.

Dettagli

Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo

Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo REVISIONE 05 - del 12.07.2012 Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo La/Il sottoscritta/o codice

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SCHEMA DI COLLAUDO IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 160/2010, lettera b) Il presente modello deve essere presentato ogni qualvolta

Dettagli

1. LA LEGIONELLA: PERCHE?

1. LA LEGIONELLA: PERCHE? 1. LA LEGIONELLA: PERCHE? L infezione da legionella da luogo a due distinti quadri clinici: 1. La Febbre di Pontiac, simile all influenza, (periodo di incubazione di 24-48 ore) si manifesta in forma acuta

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

PROVA PROVA PROVA PROVA PROVA STUDIO DI INGEGNERIA TEL

PROVA PROVA PROVA PROVA PROVA STUDIO DI INGEGNERIA TEL PROVA PROVA PROVA PROVA PROVA STUDIO DI INGEGNERIA TEL 0445 531466 Impianti idrosanitari nelle strutture alberghiere LA LEGIONELLA un batterio pericoloso Valutazione del rischio e soluzioni 22 SETTEMBRE

Dettagli

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh)

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh) Il fabbisogno di acqua calda Il fabbisogno di acqua calda si valuta in termini energetici per scaldare 1 l di acqua di 1 C occorrono 1.16 Wh determinato il volume di acqua da scaldare (V in litri) e l'innalzamento

Dettagli

Piano di manutenzione Approvviginamento idropotabile Piano tipo

Piano di manutenzione Approvviginamento idropotabile Piano tipo 29. Landesagentur für Umwelt 29.11. Amt für Gewässernutzung 29. Agenzia provinciale per l'ambiente 29.11. Ufficio Gestione risorse idriche Piano di manutenzione Approvviginamento idropotabile Piano tipo

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Il presente documento si intende fornire una traccia

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

RIFERIMENTI LEGISLATIVI LEGIONELLA RIFERIMENTI LEGISLATIVI Linee Guida per la prevenzione e il controllo della Legionellosi del 05/05/2000 della Conferenza permanente per i rapporti fra Stato e Regioni e Province autonome di

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia La nostra esperienza per la salute della collettività S.R.L. è nata per soddisfare la crescente richiesta di interventi di bonifica ambientale in campo

Dettagli

SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI

SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI INTERVENTI TECNICO PROGETTUALI SUI CIRCUITI IDRO-AERAULICI CESARE TADDIA - PROGETTISTI ASSOCIATI S.P.A. MILANO FATTORI DI TRASMISSIONE E

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice Indice Generalità... 2 Caratteristiche di intervento... 2 Gestione del Rifiuto... 3 Gestione del materiale a deposito... 4 Comunicazione agli Organi Competenti... 4 Idoneità del personale... 5 Gestione

Dettagli

PULIZIA E DISINFEZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica PULIZIA E DISINFEZIONE 1 riduzione della contaminazione batterica OBIETTIVI eliminazione completa dei germi patogeni Un corretto sistema di pulizia si articola

Dettagli

Controllo ambientale della presenza di Legionella: aspetti tecnici del campionamento

Controllo ambientale della presenza di Legionella: aspetti tecnici del campionamento Il Il ruolo della Sanità Pubblica nella prevenzione delle legionellosi 31 Maggio 2013 CESENA Controllo ambientale della presenza di Legionella: aspetti tecnici del campionamento Maria Antonietta Bucci

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA

PROVINCIA DI COSENZA PROVINCIA DI COSENZA SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO ISPETTIVO E VIGILANZA Via C. Gabriele, 49 0984-483860 COSENZA VERBALE VISITA TECNICO-DIDATTICA - AMMINISTRATIVA ENTE GESTORE:. VIA... LOCALITA.

Dettagli

La presente per portare a conoscenza la nostra azienda in qualità di manutentore di sistemi per la

La presente per portare a conoscenza la nostra azienda in qualità di manutentore di sistemi per la Spett. CLIENTE Marsala, La presente per portare a conoscenza la nostra azienda in qualità di manutentore di sistemi per la dissipazione di calore in particolare di: - Torri di condensazione a circuito

Dettagli

la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori

la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori Dott.ssa Agnese Dalla Riva Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Componente Comitato Tecnico Piscine Regione Veneto Istituto Superiore

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI Relazione Tecnica Specialistica 11594-11595. R im

IMPIANTI MECCANICI Relazione Tecnica Specialistica 11594-11595. R im IMPIANTI MECCANICI Relazione Tecnica Specialistica 11594-11595 R im Luglio 2012 I N D I C E I N D I C E...1! 1 - Criteri generali di distribuzione...2! 1.1 - Generalità...2! 1.2 - Impianti termici...2!

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Comune di Saletto Provincia di Padova --==ooooo== ==ooooo==-- REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 03/08/2009 TITOLO I ISTITUZIONE DEL

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

LA MALATTIA DA LEGIONELLA DEFINIZIONI E PROBLEMI SANITARI

LA MALATTIA DA LEGIONELLA DEFINIZIONI E PROBLEMI SANITARI LA MALATTIA DA LEGIONELLA DEFINIZIONI E PROBLEMI SANITARI La malattia dei legionari E stata identificata per la prima volta in seguito a una grave epidemia avvenuta nel 1976 in un gruppo di ex-combattenti

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO CERNUSCO SUL NAVIGLIO "La situazione idrica nella nostra città" Pelosi M., Peterlongo G. CAP Gestione NORMATIVA VIGENTE ACQUE POTABILI Dal 25 dicembre 2003 é in vigore il D.Lgs. 31 del 2 febbraio 2001

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi Per impianti di climatizzazione composti da dispositivi ad espansione diretta, di tipo monoblocco

Dettagli

Criteri per la progettazione e gestione degli impianti soggetti al rischio legionella

Criteri per la progettazione e gestione degli impianti soggetti al rischio legionella OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA Mercoledì 13 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Criteri per la progettazione

Dettagli

UN APPROFONDIMENTO SUL RISCHIO LEGIONELLA NELLE STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE

UN APPROFONDIMENTO SUL RISCHIO LEGIONELLA NELLE STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE Varese 9 Febbraio 2015 UN APPROFONDIMENTO SUL RISCHIO LEGIONELLA NELLE STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE Dott. Paolo Bulgheroni UOC Igiene e Sanità Pubblica ASL Varese Storia. Legionella sp deve il suo nome

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO B) DISCIPLINARE TECNICO 1. LUOGO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO: Il luogo di esecuzione del servizio è il seguente: Istituto Nazionale di Astrofisica Sede Centrale Viale del Parco Mellini n. 84 c.a.p.

Dettagli

MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI)

MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI) Data Spett.le MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI) RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE Il sotto scritto Cognome e nome: C.F. nato a residente in via Nr CAP nella sua qualità di: titolare

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore Dr. Iginio Pintor LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Con il termine

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005

Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005 Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 13 gennaio 2005 Accordo, ai sensi dell'articolo

Dettagli

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ ED AGIBILITÀ DELL IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art 25 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i., e con le modalità di cui all art

Dettagli

Progetto ENERGY MANAGEMENT PER L ENERGIA SOSTENIBILE

Progetto ENERGY MANAGEMENT PER L ENERGIA SOSTENIBILE Progetto ENERGY MANAGEMENT PER L ENERGIA SOSTENIBILE SCHEDA DI ADESIONE Il sottoscritto Nome Cognome in qualità di titolare/legale rappresentante dell impresa sotto indicata, chiede di partecipare all

Dettagli

VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS.

VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS. HOTEL VINCI VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS. *************** RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRO-TERMO-SANITARI DESENZANO D/G, Ottobre 2014 RIF. PS 2148 1 Gli impianti idraulici previsti al servizio dell hotel

Dettagli

Valvole termostatiche per termosifoni

Valvole termostatiche per termosifoni Valvole termostatiche per termosifoni La valvola termostatica è un dispositivo, che installato sui radiatori (termosifoni), permette di regolare il flusso di acqua calda. In base alla temperatura che si

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST Pag. 1 di 11 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali L'impianto idrico-sanitario comprende l'insieme delle reti, i componenti, le apparecchiature e gli accessori che permettono l'adduzione e la distribuzione dell'acqua fredda e calda,

Dettagli

Prevenzione della Legionellosi e analisi del rischio degli impianti

Prevenzione della Legionellosi e analisi del rischio degli impianti Prevenzione della Legionellosi e analisi del rischio degli impianti Questionario & Algoritmo per una valutazione tecnico pratica Mtdidi Metodi prevenzione Premessa Il rischio di contrarre la legionellosi,

Dettagli

La Progettazione, la gestione e la bonifica degli impianti a rischio Legionella. -l esperienza

La Progettazione, la gestione e la bonifica degli impianti a rischio Legionella. -l esperienza Corso di AGGIORNAMENTO MODENA 27 settembre 2005 La Progettazione, la gestione e la bonifica degli impianti a rischio Legionella -l esperienza Ing. Sergio La Mura: Direttore Supporto Tecnico Grandi Progetti

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli